nello studio RADIOFONICO

Report
C A P I T O L O
nello studio
RADIOFONICO
1
A
ll’interno di uno studio radiofonico
ci sono tante figure professionali:
da
una
parte
la
redazione,
composta da giornalisti, poi i
conduttori e gli speaker, naturalmente, che
sono un po’ gli attori protagonisti di questo
mondo, ma non meno importanti sono i
registi e i tecnici del suono. Loro svolgono la
funzione di direttori d’orchestra: si occupano
della corretta registrazione e diffusione della
fonte sonora, oltre che dell’editing audio nel
caso di trasmissioni in differita. Se decidete di
occuparvi della parte tecnica, è necessario che
entriate in contatto con una serie di strumenti
in parte nuovi, in parte di uso comune, che
tutti insieme contribuiscono alla realizzazione
di contributi audio per la radio. Naturalmente
2
LEZIONE 1
tra uno studio radiofonico professionale e
l’attrezzatura che potete avere a scuola ci sono
delle differenze, ma alcuni strumenti sono
fondamentali: vediamo quali.
Nello studio radiofonico una fonte sonora
analogica deve diventare digitale per poter essere
editata e confezionata per l’ascolto: la fonte
sonora, ad esempio la voce, viene catturata da un
microfono, collegato ad un mixer, che convertirà
il segnale da analogico a digitale. Il mixer è poi
collegato ad un computer dove, attravero un
apposito software il suono potrà essere lavorato
e confezionato. Per la messa in onda ci sarà poi
un altro software che consentirà di gestire la
scaletta dei vari contributi che vorremo mettere
in onda sulla nostra radio.
LEZIONE 1
3
Si tratta quindi di una catena complessa, in
cui entrano in gioco diverse attrezzature e
competenze. Ma non spaventatevi! Con un
po’ di pratica sarete dei perfetti tecnici del
suono.
4
LEZIONE 1
IL MICROFONO
Il primo elemento della catena audio è il
microfono, che ha il compito di trasformare
il segnale audio in una grandezza elettrica.
Solitamente a coprire la capsula microfonica c’è
una spugna, che serve ad eliminare eventuali
rumori di fondo che possono rovinare la qualità
dell’audio, come respiri, vento, appunto altri
LEZIONE 1
5
rumori di fondo e anche attutire l’impatto di
consonanti esplosive come la “t”.
Negli studi professionali il microfono è
tenuto fermo da una struttura chiamata
filtro antishock, o in gergo “ragno”, proprio
perché ricorda la forma di un ragno. Il filtro
antishock serve a dare stabilità al microfono,
in modo che eventuali vibrazioni circostanti
– pensiamo ad esempio al passaggio di una
metropolitana o di un tram – non disturbino
la registrazione.
Ma veniamo ora al microfono vero e proprio:
quello che distingue i diversi tipi di microfono
è la risposta polare, ovvero dove cattura la
fonte sonora. Ci sono microfoni cosiddetti
“direzionali”, che catturano la fonte sonora
6
LEZIONE 1
frontale, ed è per questo che vanno direzionati
volta per volta al cambio della fonte sonora.
Ci sono poi quelli “panoramici”, che invece
catturano il suono a 360°.
I migliori sono i microfoni che consentono
entrambe le risposte polari attraverso uno
switch, una piccola leva che può essere
spostata a seconda del tipo di risposta che
si vuole ottenere. Di solito il simbolo per una
risposta polare frontale prende il nome di
cardioide.
Il microfono può essere dotato poi di altri
accessori.
Lo stativo, che ricorda la forma di una
giraffa, è una struttura composta da più aste
estensibili in lunghezza attraverso un sistema
LEZIONE 1
7
di manopole. La sua funzione è quella di
permettere il posizionamento corretto del
microfono ottenendo il giusto rapporto tra la
fonte sonora e il
dispositivo di ripresa.
II filtro antipop è un cerchio in spugna
orientabile con un sistema di ancoraggio
metallico che si fissa direttamente allo stativo.
La sua principale funzione è quella di attutire
i suoni troppo aspri e di ridurre lo schioccare
di alcune consonanti esplosive come la lettera
“P”. Il filtro antipop assolve anche la funzione
di delimitare la distanza minima dal microfono
per la ripresa del suono. Per questo motivo il
cerchio in spugna deve essere posizionato di
fronte al microfono.
8
LEZIONE 1
IL MIXER
Il mixer è uno degli elementi più importanti,
perché è il centro di smistamento di tutti i
segnali audio, in entrata e in uscita. Proprio
perché dotato di più canali, è possibile
collegare al mixer anche fonti sonore in uscita
indipendenti fra loro. Ad esempio, nel caso
in cui da uno stesso computer volessimo sia
registrare, sia trasmettere la nostra radio,
usando due schede audio e collegandole
sui diversi canali del mixer potremo farlo in
maniera relativamente semplice.
Solitamente,
nei
primi
canali
vengono
collegati i microfoni, mentre quelli a destra
sono dedicati alle uscite.
LEZIONE 1
9
La qualità sonora di un mixer è data
principalmente
dalla
qualità
dei
preamplificatori, dei filtri, dei fader (ovvero i
potenziometri “a slitta”, che serve per regolare
il volume di ogni canale) e dalla quantità
di distorsione armonica totale, ovvero della
misura in cui ogni dispositivo audio altera il
contenuto in frequenza del segnale.
Esistono in commercio diversi modelli di mixer,
da DJ, da Regia, Digitali, più o meno costosi e
professionali, ma tutti quanti condividono la
stessa struttura fisica.
Ogni mixer audio è composto generalmente
da:
• Canali in ingresso: ciascun canale di ingresso
riceve il suono da una sorgente, che può
essere ad esempio un microfono. Nel layout
10
LEZIONE 1
della consolle, ogni canale occupa una
striscia verticale.
• Connettori in ingresso: utilizzati per i cavi
di segnale. Tra i connettori usati troviamo
gli XLR (noti anche come Cannon, usati
tipicamente per i microfoni), i Jack (usati
per sorgenti “in linea” come tastiere o
amplificatori) e gli RCA (usati per lettori CD
e simili).
• Stadio di ingresso: una sezione del mixer che
contiene i controlli per adattare il segnale
elettrico in ingresso alle caratteristiche
del mixer. In questa sezione troviamo ad
esempio il potenziometro per regolare
il livello (Gain), oppure il controllo per
invertire la fase del segnale e riprendere la
stessa fonte sonora con più microfoni.
LEZIONE 1
11
• Equalizzatore: serve a bilanciare le bande
di alta, media e bassa frequenza del canale.
Considerando che i suoni percepiti hanno
uno spettro con una frequenza da 20 a
20000 hZ, possiamo classificare i bassi nei
suoni tra i 20 e i 2000 hZ, i medi tra 200 e
10000, gli altri tra 10000 e 20000.
• Pan
Pot
(Bilanciamento
del
segnale
stereo): è il potenziometro che permette il
posizionamento stereo del segnale audio.
• Selettore dei gruppi: Sono degli interruttori
presenti accanto al potenziometro a slitta del
canale, che una volta premuti, convogliano
il segnale audio a gruppi di canali in uscita
(Gruppo 1/2, Gruppo 3/4 e Main).
• Channel Fader (potenziometro a slitta): è
un cursore potenziometro che permette di
12
LEZIONE 1
regolare il volume in entrata e in uscita del
segnale audio. Spostando il cursore verso
l’alto si alza il volume, abbassandolo,
viceversa, si riduce il volume.
LA DIFFUSIONE DEL SUONO
Per ascoltare ciò che esce dal mixer abbiamo
due possibilità: o colleghiamo delle casse, o
delle cuffie, a seconda delle esigenze.
Le casse, o diffusori acustici, hanno di solito
un woofer e casse satelliti e possono essere
regolate attraverso un potenziometro.
Ma in una radio solitamente lo strumento
più utilizzato è quello delle cuffie: possono
collegarsi direttamente al mixer oppure, se
abbiamo necessità di collegare più cuffie,
LEZIONE 1
13
possiamo collegare anche un apposito mixer
cuffie, o un distributore di segnale audio
amplificato. In questo caso potremo inserire
più cuffie e regolare l’audio di ciascuna
indipendentemente.
Ma perché dovrebbero servirci più cuffie? In uno
studio radiofonico non solo il regista e il tecnico
del suono devono poter ascoltare, ma anche il
conduttore, se deve ascoltare indicazioni del
regista, e anche gli ospiti in studio se devono
ad esempio ascoltare un intervistato al telefono.
IL LINGUAGGIO NON VERBALE
Ovviamente quando si registra si dovrà fare
attenzione a non parlare fuori posto, ma
è possibile che il regista debba dare delle
14
LEZIONE 1
indicazioni al conduttore. Se si trova in un
altro luogo rispetto alla sala di registrazione
può utilizzare un canale del mixer dedicato per
poter parlare nelle cuffie agli speaker senza
intervenire in trasmissione, ma molto spesso in
uno studio radiofonico di ridotte dimensioni il
regista si trova nella stessa stanza dei conduttori.
In questo caso vi saranno molto utili tutti quei
segnali che fanno parte della comunicazione
non verbale, quindi gesti, scritte, ecc.
Sembra una cosa ovvia, ma non è così: vi
accorgerete mentre registrerete che ci saranno
varie indicazioni da dare, come il conteggio dei
minuti mancanti, alzare o abbassare il volume
della voce, interrompere un intervistato che sta
parlando troppo, comunicare il nome del brano
LEZIONE 1
15
che sta per andare in onda, e tanti tanti altri
piccoli messaggi. Se avete due monitor potete
anche parlare attraverso Skype o qualsiasi
altro programma, altrimenti i sani vecchi post
it vi saranno di grande aiuto. Non nominiamo
gli smartphone perché in studio le vibrazioni
del passaggio di dati fra un telefono e l’altro
vengono captate e sono davvero fastidiose.
Anzi, ricordatevi di spegnerli sempre quando
siete in trasmissione, anche come registi.
16
LEZIONE 1
LEZIONE 1
17

similar documents