Il NotiziAlsippe del 6 marzo 2017.

Report
AL.SI.P.PE ALLEANZA SINDACALE POLIZIA PENITENZIARIA VIA DEGLI ARCELLI 00164 (ROMA) TELEFONO 3931383562 EMAIL [email protected] SITO INTERNET WWW.ALSIPPE.IT AFFILIAT I O.S.A.P.P
NUMERO
1805
LUNEDI
6
MARZO
2017
A
Aggressioni ad
agenti di
Polizia penitenziaria
E’ stato il pronto intervento del collega
presente che ha evitato ulteriori gravi
conseguenze
all’agente
di
Polizia
penitenziaria aggredito da un detenuto
nella Casa Circondariale di Udine, il
detenuto non nuovo a questi episodi di
violenza ai danni del personale, ha colpito
l’agente di Polizia penitenziaria che ha
riportato ferite che sono state medicate in
ospedale.
L’altra aggressione al personale di Polizia
penitenziaria e’ avvenuta negli istituti
penitenziari di Reggio Emilia, dove un
detenuto si scagliava contro di loro
provocandogli delle ferite medicate in
ospedale e guaribili con delle prognosi che
vanno dai 5 ai 18 giorni.
Agli agenti coinvolti nelle aggressioni la
segreteria Generale Alsippe invia gli auguri
di una pronta guarigione
CURA
DELLA
SEGRETERIA GENERALE
AD USO INTERNO
Lamezia Terme, ritrovato
l'
agente
di
Polizia
Penitenziaria scomparso
L'uomo è stato ritrovato nel pomeriggio
alla Stazione di Sant'Eufemia. Era stato
messo a riposo da tre mesi e gli era stato
tolto il porto d'armi.E’ scomparso da
Lamezia Terme da venerdì Nazareno
Longo, agente di polizia penitenziaria in
servizio a Paola.L’uomo 48 anni si è
allontanato a bordo di una citroen nera. A
portare avanti le ricerche gli uomini della
Polizia di Stato che hanno ricevuto
denuncia da parte dei familiari solo nella
giornata di domenica perché pare che
l’agente si fosse allontanato da casa già
altre volte. Longo era stato messo a
riposo dal lavoro da tre mesi e gli era
stato tolta l’arma data in uso.Il 48enne è
stato ritrovato nel tardo pomeriggio di
oggi alla Stazione di Sant'Eufemia. Pare
avesse preso un treno e si fosse
allontanato di sua volontà per poi fare
rientro a casa.
APERTO AL CONTRIBUTO
DÌ
TUTTI_
CALTANISSETTA – Versa in gravi
condizioni l’agente nisseno di polizia
penitenziaria, 45 anni, che oggi mentre si
trovava alla guida del suo scooter è stato
violentemente tamponato da dietro. Il
grave sinistro si è verificato in via
Messina, intorno alle 15.30, proprio nei
pressi
dell’ingresso
del
Carcere
Malaspina. La vittima, che stava
affrontando la salita, nel momento di
voltare a sinistra per imboccare il
cancello della struttura penitenziaria è
stato “centrato” dall’auto che lo seguiva.
L’uomo, sbalzato dal veicolo a due ruote,
è stato scaraventato sull’asfalto. Sono
apparse subito gravi le condizioni del
ferito che è stato trasportato dal 118 al
pronto soccorso, in codice giallo,
dell’ospedale Sant’Elia. I medici stanno
valutando le condizioni del ferito per
accertare la gravità dei traumi riportati.
Circolare indirizzata ai
responsabili del G.O.M.
della Polizia Penitenziaria
inviata dal Dipartimento
dell'amministrazione
penitenziaria "Attenti alla
Caccia allo sbirro". E ai
poliziotti: "Non postate le
vostre foto sui social"
Caltanissetta, via Messina:
auto tampona scooter,
agente
di
polizia
penitenziaria gravemente
ferito
Segreteria Generale
Si chiama "Caccia allo sbirro". E' una
piattaforma interattiva sul web per
scambiare informazioni - attraverso il
---------------------------------------------------------------------------------- www.alsippe.it---------------------------------------------------------------------------------------------
--- -----------------------------------------------ALLEANZA
SINDACALE POLIZIA PENITENZIARIA-------------------------------------------
sistema di copertura Tor - sui poliziotti che
"si accaniscono contro la classe operaia" al
fine di organizzare operazione di "difesa",
che potrebbero anche tradursi in vendette
personali, ritorsioni, anche azioni di
pestaggio e violente. A denunciare il
pericolo
è
il
Dipartimento
dell'amministrazione penitenziaria che ha
inviato una circolare ai responsabili dei
reparti operativi mobili di vari Istituti
penitenziari (Ascoli Piceno, Milano Opera,
Roma Rebibbia e altri). A sua volta, l'avviso
è stato recapitato alla Direzione generale
del Personale. L'allarme, quindi, è alto.
Sono state allertate tutte le forze di polizia.
"Picchiatori degli operai"
"Si è appreso - si legge nella circolare dell'esistenza del sito Caccia allo sbirro, che
prevede un’apposita sezione ove inserire
immagini e dati degli appartenenti alle forze
dell'ordine definiti 'Picchiatori degli operai'.
Il personale presti attenzione nel porre in
essere tutti gli opportuni accorgimenti
all'autotutela. Si raccomanda la massima
attenzione e di relazione tempestivamente".
"Caccia allo sbirro"
Il
sito
risponde
all'indirizzo
web http://cacciaallosbirro.awardspace.in
fo. L'home page si apre con un annuncio.
"La polizia politica - si legge - basa la sua
forza anche sul fatto che i suoi agenti,
infiltrati, spie e collaboratori non sono
conosciuti alle masse popolari. Farli
conoscere è un modo pratico per rendere il
loro sporco lavoro se non impossibile,
almeno difficile. Facciamo circolare le loro
foto e i loro dati!". Da qui arriva, poi,
l'invito ad inviare foto e schede personali di
poliziotti in servizio, avendo cura, però, di
utilizzare il sistema Tor.
Sistema Tor
Tor (The Onion Router) è un protocollo di
comunicazione che consente di conservare
l'anonimato su Internet, o meglio di rendere
molto più complicato tracciare l'indirizzo Ip
di provenienza degli utenti, consentendogli
così di agire con atti confidenziali con
minore timore di essere individuati. Per
usare Tor basta scaricare un software
gratuito ed eseguirlo sul proprio computer,
usando il browser come fosse la porta
schermata di un sistema complesso di
router. Chiedere, quindi, ai propri utenti di
inviare tramite Tor significa non voler
essere identificati.
L'allarme rosso
E' proprio questo tipo di richiesta che ha
messo in allarme le forze di Polizia.
L'anonimato, infatti, potrebbe preludere
non solo ad un'azione di denuncia politica
ma anche al passaggio a eventuali vie di
fatto, cioè azioni violente e personalizzate.
Del resto, i toni utilizzati dai gestori del sito
(che sembrano fare riferimento ai vecchi
Carc, oggi PCarc, e alle altre due sigle di
estremisti NPci e Solidarietà proletaria) non
sono certo pacifici.
"Servi degli sfruttatori e degli assassini"
"Denunciamo - scrivono sul sito Caccia allo
sbirro - le azioni di controllo, intimidazione
e l’infiltrazione degli sbirri e dei loro
collaboratori nei partiti e nelle iniziative dei
comunisti,
degli
antifascisti,
degli
antimperialisti e negli organismi delle
masse popolari. Cacciamo gli infiltrati, gli
spioni e i collaboratori della polizia politica
e delle agenzie private. Impediamo che
questi personaggi servi degli sfruttatori,
degli assassini, dei massacratori delle
masse popolari in Iraq, in Afghanistan, in
Libano, in Palestina, torturatori di
Guantanamo e di Abu Ghraib, picchiatori
degli operai, facciano il loro sporco
mestiere.Rendiamo il loro mestiere
sempre più difficile e sempre meno
allettante per coloro che ancora non sono
stati
assoldati
dalla
borghesia
imperialista".
Sette serie fotografiche
L'invito alla "denuncia dei servi del
regime", al momento, non ha sortito
grandissimi effetti. Al momento, sul sito,
risultato sette serie fotografiche. La prima
con riferimento a Milano, ha la foto di un
uomo in borghese ritratta a Piazza
Fontana, la foto di un altro fatta ad una
manifestazione sulla Palestina. Altri sono
scatti realizzati a Bergamo, Napoli,
Bologna, Pisa, e in quattro manifestazioni
a Roma, con foto di presunti poliziotti
definiti infiltrati, che vengono sempre
indicati solo con le immagini e mai con
nomi e cognomi.
Interi dossier
Dal sito, però, è possibile anche scaricare
un intero dossier definito Copwatching e
ben otto fascicoli che alla voce "Prove di
fascismo" catalogano e archiviano dati e
informazioni
su
organizzazioni
neofasciste, su presunti legami e relazioni
tra agenti di polizia e la struttura di
destra CasaPound, fino ad arrivare ad un
vero e proprio studio/inchiesta sul
Comandante della Polizia Municipale del
Comune toscano di Massa, di cui vengono
indicatinome, cognome, numero di
telefono, indirizzo e perfino lo stipendio
percepito, segnalando l'uomo come
"persecutore di immigrati, zingari e
prostitute".
L'avvertimento finale
Di fronte a tutto questo materiale si
potrebbe pensare solo ad un’azione di
denuncia politica, benchè con toni
decisamente sopra le righe, linguaggio
violento e una chiara grammatica dello
scontro. Ma l'allarme tra le forze di
polizia è alto, soprattutto nelle carceri e
tra gli uomini della Polizia penitenziaria.
La
circolare
diramata
dall'amministrazione non è rituale e se
arriva, è perchè evidentemente dagli
apparati dello Stato si ha qualche segnale
di una posta che si alza, di una tensione
che sale. Da qui, anche l'avvertimento
finale della circolare agli stessi uomini
delle forze dell'ordine.
No alle foto sui social
"Attenzione ai social network", avverte
sul finale la circolare. "Si ammonisce il
personale rispetto all'assoluto divieto di
divulgare notizie sull'espletamento dei
servizi sui social network o similari, visto
che immagini e fatti potrebbero essere
estrapolati proprio da questi strumenti.
Evitare, quindi, la pubblicazione di foto
che ritraggono in divisia sia come
immagine
profilo
su
Facebook,
Instagram, Twitter, eccetera, sia dentro i
social gruppi collettivi. Massima privacy a
tutela della incolumità". Allarme alto,
quindi, e grande attenzione. Il rischio
c'è.(tiscali.it)
Ancora
sull’assunzione
degli 887 idonei non
vincitori
Rispetto alla complessa procedura delle
convocazioni a selezione fisio-psicoattitudinale
e dell’avvio ai corsi di
formazione (due) per allievo agente di
Polizia Penitenziaria degli 887 idonei non
vincitori dei concorsi già banditi negli
anni precedenti, stanno emergendo
alcuni particolari sulle iniziative e sulle
“difficoltà” che si vanno profilando in
seno
al
Dipartimento
dell’Amministrazione penitenziaria.
In particolare:
in ragione della necessità di
nominare le Commissioni per gli
accertamenti medici e attitudinali, si
presume che le prime convocazioni dei
VFP4 (212) attualmente in servizio
possano avere luogo non prima della fine
del corrente mese di marzo;
coloro che dei tre concorsi
interessati 170 + 44, 208 + 52 e 375 +
80 (circa 50 di quest’ultino) hanno già
sostenuto
le
selezioni
fisio-piscoattitudinali all’atto della presentazione al
corso di formazione da allievo agente
dovranno presentare un certificato di
sana e robusta costituzione rilasciato
dalla A.S.L. territorialmente competente.
i corsi di formazione che si
svolgeranno presso le Scuole di
Formazione attualmente disponibili e con
la probabile esclusione della Scuola di
Roma-Via di Brava, saranno suddivisi in
due tronconi entrambi di circa 450
elementi ed eventi decorrenze probabili il
primo dal mese di maggio e il secondo dal
mese di giugno al fine di consentire di
interscambiare i partecipanti nella
medesima sede tra periodi di formazione
scolastica e periodi di tirocinio presso gli
istituti.
Entro la fine dell’anno un nuovo concorso
per circa 700 unità
Stante un turn-over del 100% in vigore
per l’anno corrente e circa 1.100
quiescenze registrate, è in preparazione
un nuovo bando di concorso da allievo
agente di Polizia Penitenziaria valevole
per il 2018 per circa 700 posti (675)
eventualmente ampliabile, oltre ai 400
posti da congelarsi in attesa dell’esito
delle indagini disposte dall’Autorità
Giudiziaria riguardo ai concorsi da 300 +
100 posti del mese di aprile 2016.
Rispetto alle aliquote e alle riserve,
mentre è probabile che il rapporto tra
personale
femminile
e
personale
maschile si mantenga nella solita misura
di 1 a 4 mentre le nuove regole dei
concorsi nelle Forze di Polizia prevedono
un’aliquota tra il 50% (per il 2017) al
75% (dal 2018) riservato agli aspiranti
che non hanno già svolto servizio come
VFP1.lb – sgo
---------------------------------------------------------------------------------- www.alsippe.it-----------------------------------------------------------------------------------------------
----------------------------------------------- ALLEANZA SINDACALE POLIZIA PENITENZIARIA -------------------------------------------
Evasione da Sollicciano:
controlli in possibili rifugi
Proseguono su tutto il territorio nazionale le
ricerche dei tre detenuti evasi dal carcere
fiorentino di Sollicciano. I carabinieri
hanno effettuato controlli in tutti i possibili
covi in cui i tre, finiti in cella i primi di
febbraio con l’accusa di far parte di
un’organizzazione specializzata in furti,
avrebbero
potuto
trovare
rifugio.Le
verifiche, dalle quali non sarebbero emersi
elementi utili alle ricerche, sono state
effettuate nelle abitazioni di altri complici
arrestati insieme a loro, di amici e parenti, e
nelle baracche in zona Peretola, alla
periferia Nord di Firenze, che i tre – tutti in
Italia senza fissa dimora – avevano scelto
come rifugio negli ultimi mesi. Al vaglio dei
militari,
che
stanno
effettuando
accertamenti insieme agli agenti di polizia
penitenziaria, anche le immagini girate
dalle telecamere di sorveglianza della zona,
che potrebbero fornire informazioni utili
per individuare la direzione di fuga dei
malviventi. Non è escluso che i fuggiaschi si
siano allontanati su un’auto rubata una loro
stessi per allontanarsi. Per questo motivo,
gli investigatori hanno passato in rassegna
anche le denunce di furti di auto presentate
nelle ultime ore nel territorio di Firenze.Tra
le ipotesi, anche quella che siano fuggiti a
bordo di un’auto guidata da un complice
che potrebbe averli attesi fuori. Per chiarire
le
modalità
della
fuga.
Rafforzati
in Toscana anche i controlli nelle stazioni
ferroviarie e nella stazioni dei bus.
Intensificati nella zona anche i controlli
delle pattuglie di polizia. Secondo quanto
ricostruito i tre, Ciocan Danut Costel,
Bordeiano Costel e Doncin Constantin
Catalin, sarebbero evasi facendo un buco
nel muro della cella. Poi si sarebbero calati
nel cortile adibito all’ora d’aria e avrebbero
scavalcato il muro di cinta.
Ancora in aumento i detenuti
nelle carceri italiane a febbraio
2017
Come ogni mese il Dipartimento
dell’amministrazione
penitenziaria
Ufficio per lo sviluppo e la gestione del
sistema informativo automatizzato ,
Sezione Statistica emana e pubblica sul
sito www.giustizia.it la consueta tabella
mensile dei detenuti presenti e la relativa
capienza regolamentare degli istituti
penitenziari per regione di detenzione
relative al mese di dicembre 2016 , dalle
tabelle si evince un sensibile aumento
della popolazione detenuta a cospetto del
mese precedente cioe’ gennaio 2017, in
cui i presenti sono 55.381, mentre i
presenti a febbraio 2017 sono, 55.929 di
seguito alleghiamo la relativa tabella per
regione di detenzione
Segreteria Generale
Si informa che, per il solo personale delle
Forze Armate, a seguito della rettifica da
parte
del
CUSI
degli
importi
precedentemente comunicati, è stata
prevista un’emissione speciale con
esigibilità 24/02/2017 per il rimborso
delle trattenute, applicate sul cedolino
stipendiale di Febbraio 2017, per “Debito
Conguaglio
Fiscale”
riferite
alle
competenze
per
Legge
86/01
(liquidazione fogli di viaggio e indennità
accessorie).
Segreteria Generale
Circolari ministeriali e
note D.A.P. marzo 2017
Bonus
80
euro
forze
dell’ordine: ultime novita’
Con un messaggio del 16 gennaio scorso il
servizio Noi PA comunicava che il contributo
straordinario di 80 euro mensili, pari a 960 euro
su base annua, riconosciuto ai sensi dell’art. 1,
comma 972, della Legge 28 dicembre 2015, n.
208, al personale appartenente ai Corpi di
Polizia, al Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco e
alle Forze Armate, non destinatario di un
trattamento retributivo dirigenziale, era sospeso
a decorrere dalla mensilità di Gennaio 2017,
Possiamo confermare solo che il bonus di 80
euro, sarà retroattivo per il mese di gennaio, ad
oggi, tuttavia, ,riteniamo pero’ che con ogni
probabilita’ neanche nel mese di marzo sara’
presente in bonus in busta paga. Nei prossimi
comunicati saremo piu’ precisi sull’inserimento
in busta paga del contributo in questione
Segreteria Generale
Rimborso
del
“Debito
Conguaglio Fiscale”
Centri estivi marini e montani,
soggiorni in Italia all'estero x figli
dei dipendenti - Soggiorno Centro
Iarenas Arbus - anno 2017
Corso
di
aggiornamento
istruttori di difesa personale.
per
Schema di decreto legislativo art. 8
comma 1 lettera a Legge 124-2015 Atto Parlamentare.
Informativa soggiorni estivi INPS.
Leggi le ministeriali
www.alsippe.it
sul
sito
Segreteria Generale
Invia le tue segnalazioni ad
Alsippe con WhatsApp al
numero 3931383562
---------------------------------------------------------------------------------- www.alsippe.it-----------------------------------------------------------------------------------------------
----------------------------------------------- ALLEANZA SINDACALE POLIZIA PENITENZIARIA -------------------------------------------
Contattaci online su WhatsApp Web Messenger Alsippe Live al 3931383562
per richiedere le tue notizie
Segreteria Generale
preventivi e ulteriori informazioni
chiamare
al
numero
di
telefono 3931383562 oppure inviare la
documentazione
direttamente
all’indirizzo
email:[email protected]
Convenzioni nazionali e
regionali per gli iscritti
Alsippe
Documenti richiesti per il preventivo
1)Fotocopia del libretto di circolazione
fronte e retro
2) Documento di riconoscimento
Nel caso in cui sia un familiare
intestatario
della
polizza
un
autocertificazione che ne attesti la
parentela ai sensi della normativa
vigente, per altre informazioni contattare
l’ufficio ai numeri indicati sopra
La Segreteria Generale in collaborazione con
i rappresentanti regionali provinciali e locali
presenti sul territorio ha stipulato una serie
di convenzioni per gli iscritti Alsippe e i
propri familiari , per usufruire di servizi con
sconti particolari. Per usufruire dei predetti
sconti bastera’ esibire la
Tessera Servizi
Alsippe
che potra’ essere richiesta ai
responsabili delle Segreterie Sindacali .
Cliccando il link sotto potrete visionare i
servizi offerti
http://www.alsippe.it/it/category/convenzi
oni/
Segreteria Generale
Offerte Alitalia dedicate
agli
appartenenti
alla
Polizia Penitenziaria
Nord Africa) ad esclusione delle destinazioni
da/per Francia e Olanda. Sono esclusi dalla
promozione tutti i voli da/per destinazioni
intercontinentali.L’offerta
è
valida
oppure CONVENZIONI del sito :
www.alsippe.it
Per ulteriori richieste ed
contattate l’indirizzo email:
informazioni
[email protected]
Segreteria Generale
Convenzione per la stipula
di polizze assicurative RC
auto per gli iscritti Alsippe e
propri familiari
La Segreteria Generale Alsippe ha definito
una convenzione per la stipula di polizze
assicurative RC auto e moto per gli iscritti
Alsippe ed i propri familiari. Per eventuali
di polizia e Vigili del Fuoco, che viaggi
con questi nelle stesse date, sullo stesso
itinerario e classe di viaggio.L’offerta è
estendibile ad un unico accompagnatore
(coniuge, o figlio maggiore di 2 anni)Non
è possibile usufruire dell’offerta se
l’accompagnatore è un figlio minore di
anni due (neonato)L’offerta non è
cumulabile con altre promozioni in corso.
L’offerta non consente l’applicazione
degli sconti Bambini. L’offerta prevede
un periodo minimo di soggiorno di 3
notti o la permanenza della notte tra il
sabato e la domenica per le destinazioni
internazionali*L’offerta non consente né
cambi né rimborso.L’offerta include il
trasporto del bagaglio in stiva. La
regolamentazione del bagaglio in stiva è
indicata sulla pagina dedicata. E’
consentito il trasporto del bagaglio a
mano secondo la regolamentazione
indicata sul sito Il prezzo include tasse e
supplementi.L’offerta è valida su tutti i
voli operati da Alitalia, con esclusione dei
voli con codice da AZ7000 a AZ7999 e da
AZ3000
a
AZ3999.Sono
incluse
nell’offerta tutte le tratte dirette operate
da Alitalia sul mercato nazionale, ad
esclusione delle rotte soggette a bando di
continuità territoriale Alghero-Milano
Linate, Alghero-Roma, Cagliari-Milano
Linate,
Cagliari-Roma,
LampedusaCatania,
Lampedusa-Palermo,
Pantelleria-Palermo, Pantelleria-Trapani
(tutti i collegamenti elencati si intendono
e viceversa) e anche tutte le tratte operate
sul mercato internazionale* (Europa e
Approfitta
dell'offerta
Militari/Polizia,
dedicata
agli
appartenenti all'Arma dei Carabinieri,
Esercito, Aeronautica, Marina e Guardia
di Finanza nonché agli appartenenti alla
Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria,
Vigili del Fuoco e Corpo Forestale dello
Stato. L'offerta è applicabile anche a un
accompagnatore familiare. Se non l’hai
ancora fatto iscriviti al Programma
MilleMiglia e registra i dati di tuo figlio
al MilleMiglia Kids: potrai subito iniziare
ad accumulare miglia sul tuo conto
quando vola tuo figlio.Per tutti i dettagli,
leggi
le Condizioni
dell'offerta.Regolamento
Offerta
Militari/PoliziaL’offerta
è
valida
esclusivamente per i militari appartenenti
all’Arma dei Carabinieri, Esercito,
Aereonautica, Marina e Guardia di
Finanza nonché per gli appartenenti alla
Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria,
Vigili del Fuoco e Corpo Forestale dello
Stato in possesso del documento di
riconoscimento
militare
o
della
Amministrazione di appartenenza in
corso di validità che viaggino per
diporto L’offerta è estendibile alle stesse
condizioni al coniuge o al figlio maggiore di 2 anni compiuti - del
militare/appartenente alle predette forze
unicamente per l’acquisto di biglietti
andata e ritorno.L’offerta è acquistabile
online oppure presso il Customer Center,
le biglietterie aeroportuali italiane o le
agenzie di viaggioPer la verifica delle
condizioni di accesso alla tariffa dedicata
è
indispensabile
che
il
militare/poliziotto/vigile del fuoco porti
con sé il documento di riconoscimento
militare o della Amministrazione di
appartenenza; nel caso di estensione al
familiare, il predetto familiare dovrà
portare con sé idoneo documento
militare, ovvero una dichiarazione su
carta intestata del comando o della
Amministrazione di appartenenza che
certifichi lo stato di coniuge o di figlio. La
Compagnia si riserva di verificare al
momento del rilascio della carta
d’imbarco e/o al gate di imbarco, la
presenza dei requisiti tariffari. Il mancato
imbarco dovuto all’assenza dei requisiti
di ammissione alla tariffa non dà diritto
al rimborso del biglietto
Per ulteriori notizie clicca il link
sotto vai sul sito Alitalia
https://www.alitalia.com/it_it/offe
rte/tutte-le-offerte/offerte-militaripolizia-termini-e-condizioni.html
Segreteria Generale
---------------------------------------------------------------------------------- www.alsippe.it-----------------------------------------------------------------------------------------------
----------------------------------------------- ALLEANZA SINDACALE POLIZIA PENITENZIARIA -------------------------------------------

similar documents