la Repubblica 7 Marzo 2017_Parte3

Report
la Repubblica
34"-65& '*5/&44
."35&%¹ ."3;0 "MMFOBNFOUP4JDIJBNB4QSJOU
*OUFSWBM5SBJOJOH*OEJFDJNJOVUJBTTJDVSBJCFOFGJDJ
EJEJBUUJWJUËNPEFSBUB&HMJFTQFSUJMPQSPNVPWPOP
%JNBHSJTDJ
JOQJFEJ
$IJTUBJOQJFEJB
MVOHPÒQJáNBHSP
EJDIJTJTJFEF
TQFTTPμTUBUP
DVSJPTBNFOUFHJË
PTTFSWBUPJONPMUJ
TUVEJNBGJOPBE
PHHJOPOTJTBQFWBJM
NPUJWP0SBJ
DBSEJPMPHJEFMMB
VOJWFSTJUËEJ
(MBTHPXOFM3FHOP
6OJUPJQPUJ[[BOP
VOBTQJFHB[JPOF
EPQPBWFS
NPOJUPSBUPEJFDJ
QFSTPOFUSFOUFOOJF
JOTPWSBQQFTP
TPUUPQPTUFBEJWFSTJ
FTQFSJNFOUJJODVJ
IBOOPDPSSFMBUPJM
UFNQPQBTTBUPJO
QJFEJPTFEVUJDPOMF
DBMPSJFJOUSPEPUUF
OFMMBSDPEFMMB
HJPSOBUBFGBDFOEP
EFJQSFMJFWJEFM
TBOHVFQFSDBMDPMBSF
JMJWFMMJEJJOTVMJOBF
HMVDPTJPOFMMFPSF
TVDDFTTJWFBJQBTUJ
&DDPMBDPODMVTJPOF
BDVJTPOPHJVOUJJ
SJDFSDBUPSJTUBSFJO
QJFEJQFSNJOVUJ
BVNFOUBJMOVNFSP
EJDBMPSJFCSVDJBUF
EFMF
JODSFNFOUBOEPJM
UFNQPUSBTDPSTPJO
QJFEJEJNJOVUJ
BMMBWPMUBTJBSSJWBB
CSVDJBSFJMQFS
DFOUPEJDBMPSJFJO
QJáSJTQFUUPB
RVBOEPTJTUBTFEVUJ
/FMHJSPEJ
TFUUJNBOF
JQPUJ[[BOPHMJBVUPSJ
DIJTUBJOQJFEJB
MVOHPQVÛDBMBSFEJ
DIJMPF
HSBNNJTFO[B
NPEJGJDBSF
MBMJNFOUB[JPOFDIJ
TJBM[BJOQJFEJEJ
GSFRVFOUFQVÛ
TDFOEFSFBODIFEJ
DIJMJ6OSJTVMUBUP
NPMUPCVPOP(MJ
FGGFUUJNJHMJPSJTJ
PUUFOHPOPRVJOEJ
TFTJJOUFSSPNQF
TQFTTPMBQPTJ[JPOF
EBTFEVUJDPOEFMMF
QBVTFQFS
THSBODIJSTJMF
HBNCF
$PODMVEPOPHMJ
TQFDJBMJTUJj*MOPTUSP
TVHHFSJNFOUPÒ
BM[BSTJBMNFOPPHOJ
NF[[PSBFDFSDBSF
EJSFTUBSFJOQJFEJJM
QJáQPTTJCJMF
EVSBOUFJMHJPSOPx
-JOEBHJOFÒTUBUB
QVCCMJDBUBTV
.FEJDJOF4DJFODFJO
TQPSUTBOEFYFSDJTF
"(/&4&'&33"3"
1
libero per fare
sport? La cyclette può essere
la soluzione. La classica bicicletta stazionaria e i “rulli da
casa”, sui quali si monta direttamente la propria bici, permettono di ritrovare la forma in poco tempo. Lo sostengono nuove ricerche e lo confermano gli
atleti professionisti che sfruttano questi
attrezzi (i più evoluti) per ottimizzare la
performance e gestire meglio il tempo.
Che può anche essere poco. Dieci minuti di pedalate sul posto possono produrre
gli stessi benefici di un allenamento protratto per ben 50 minuti. Lo sostengono i
ricercatori della McMaster University, in
Canada, che hanno fatto un esperimento,
pubblicato su 1MPT0OF. Gli autori hanno
confrontato gli allenamenti sulla cyclette
di due gruppi di soggetti sedentari. I primi sono stati sottoposti allo Sprint Interval Training (Sit), una serie di sequenze
di scatti sprint alternati a tempi di recupero della durata totale di 10 minuti (la procedura è spiegata in questa pagina), gli altri invece pedalavano per 50 minuti consecutivi con uno sforzo di tipo Endurance,
cioè moderato e mantenuto costante.
«Dopo 3 mesi di attività - spiega Martin Gibala, direttore dell’indagine - chi seguiva
il metodo Sit aveva raggiunto gli stessi livelli di efficienza cardiorespiratoria e sensibilità all’insulina di chi invece svolgeva
l’allenamento di tipo tradizionale». Chi
ha seguito il metodo tradizionale ha però
faticato 5 volte di più e impiegato un tempo 5 volte maggiore.
Non ci sono più scuse, dicono gli stessi
scienziati, per mantenersi in forma basta
poco tempo con la cyclette, tanto più che
le bici stazionarie sono oggi veri e propri
gioielli della tecnologia a servizio anche
del poco tempo libero. L’ultimo attrezzo,
appena presentato a Milano da Technogym, non è in realtà una cyclette ma ne fa
a pieno le veci. È un rullo pieghevole, portatile. Dedicato ai ciclisti evoluti che hanno bisogno di alternare gli allenamenti su
strada con quelli indoor ma anche a chi
ama la propria bicicletta ma ha poco tempo per uscire a “farla correre” quanto dovrebbe, come canta Paolo Conte. Sul rullo
ci si monta direttamente la propria bici
(da corsa, da montagna o da triathlon
non importa), che si trasforma in una cyclette molto sofisticata. Un computer connesso al rullo e al ciclista monitora l’allenamento, tracciando percorsi e perforOCO TEMPO
mance sullo schermo e permettendo anche un feedback di un coach professionista connesso tramite una app. «Il nuovo
rullo dà lo stesso feeling di quando si pedala su strada – spiega Silvano Zanuso, responsabile scientifico Technogym - per-
μCFOFBCCJOBSFFTFSDJ[J
QFSSJOGPS[BSFJNVTDPMJ
BEEPNJOBMJFEPSTBMJ
mette però di raggiungere in 40 minuti
gli stessi effetti di un allenamento di almeno 1 ora e mezza».
Ma chi vuole davvero andare su (o fuori) strada deve sapere che la cyclette o la
bicicletta da sole non bastano. Per completare il lavoro ci vogliono gli esercizi fuori
sella. Parola di Andrea Tiberi, atleta olimpico di mountain bike e titolare di una
scuola per bambini.
«La cyclette indoor - spiega Tiberi - è
fondamentale per migliorare la performance atletica. La bicicletta sollecita in
particolare la parte inferiore della muscolatura e, sia a scopo salutare che per pedalare meglio, è bene abbinare degli esercizi fuori sella a corpo libero due volte alla
settimana. Gli esercizi devono includere
addominali, dorsali e bacino. Inoltre si devono rinforzare schiena e braccia con l’aiuto di pesi, seguiti da esercizi di allungamento e stretching delle fasce muscolari».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
full of health
S PA T E R MA L I I N C R OA Z I A
Già i Romani conoscevano i
benefici effetti lenitivi e curativi delle acque termali croate.
Oasi di salute
Spa circondate da una natura incontanimata offrono le
più avanzate tecnologie mediche per la prevenzione ed i
trattamento di problemi ortopedici e della spina dorsale,
polmonari, cardiaci, dermatologici, neurologici e ginecologici, traumi sportivi, reumatismi, insonnia e per la disintossicazione ed il rilassamento della mente e del corpo.
info.klaster-termi-hrvatske.hr/it
PHOTO BY SERGIO GOBBO, CNTB
*$"40
$PNÒCFMMP
BOEBSTVMMB
NJBDZDMFUUF
34"-65& -&55&3&36#3*$)&
la Repubblica
."35&%¹ ."3;0 ."/%"5&-&70453&%0."/%&
STBMVUF!SFQVCCMJDBJU
34BMVUFWJB$$PMPNCP3PNB
"$63"%*&-7*3"/"4&--*
■ $IJSVSHJBWBTDPMBSF
$PNFTDFHMJFSF
MJOUFSWFOUPQFSMFWFOF
MFUUFSBGJSNBUB
FNBJM
Sono affetto da vene varicose.
Devo sottopormi ad intervento
e vorrei sapere se, in alternativa alla rimozione della safena,
posso ricorrere al metodo Chiva
o Trap, costosi e non rimborsabili dal Ssn.
■ 1SPG-VDB3FWFMMJ
$IJSVSHPFOEPDSJOPFWBTDPMBSF
'POE1PMJDMJOJDP(FNFMMJ3PNB
4POPBMNFOPVOBEFDJOBMF
UFDOJDIFQFSDVSBSFMFWBSJDJ/FHMJ
VMUJNJEFDFOOJTJTPOPTWJMVQQBUFMF
UFSBQJFFOEPWBTDPMBSJ-BTFS
SBEJPGSFRVFO[FTDMFSPNPVTTF
5SBQ4UFBN$MBSJWFJO4VQFSHMV
F
MFDVSFFNPEJOBNJDIF$IJWB
TFO[BDIFJUSBUUBNFOUJQJá
USBEJ[JPOBMJTUSJQQJOHF
NJDSPGMFCFDUPNJF
BCCJBOPQFSTP
MFMPSPJOEJDB[JPOJ"O[JUVUUPSBJO
&VSPQBJMDJSDBEJUVUUJHMJ
JOUFSWFOUJGMFCPMPHJDJTPOPEJUJQP
USBEJ[JPOBMF-BTDFMUB
EFMMJOUFSWFOUPEFWFFTTFSFGBUUBJO
CBTFBMUJQPEJQBUPMPHJBFEFWF
FTTFSFiSJUBHMJBUBTVNJTVSBwTVM
TJOHPMPQB[JFOUF5BJMPSFEDPNF
EJDPOPHMJBOHMPTBTTPOJ%BM
DIJSVSHPDPNFEBMTBSUP
DPOTJEFSBOEPFUËTFTTPMBWPSP
BUUJWJUËGJTJDBBCJUVEJOJTUJMJEJWJUBF
BTQFUUBUJWF/POÒEFUUPDIFMF
UFDOJDIFQJáJOOPWBUJWFTJBOPOFM
DBTPTQFDJGJDPMFQJáJOEJDBUFµMP
TQFDJBMJTUBDIFJOCBTFBMMB
WBMVUB[JPOFDMJOJDBFTUSVNFOUBMF
EFWFPSJFOUBSFWFSTPVOBPQJá
TPMV[JPOJJOUFHSBUF*ORVBTJUVUUJHMJ
PTQFEBMJMFMJTUFEJBUUFTBQFSMF
WBSJDJTPOPQBSUJDPMBSNFOUFMVOHIF
BODIFVOBOOP
%BMUSPOEFTJ
USBUUBEJVOBQBUPMPHJBNPMUP
EJGGVTB'PSUVOBUBNFOUFJDBTJ
WFSBNFOUFHSBWJFVSHFOUJTPOP
NPMUPQPDIJ
■ /VUSJ[JPOF
.BOHJBSFUBOUPBWPDBEP
QVÛGBSNBMF
MFUUFSBGJSNBUB
FNBJM
Insieme alla mia famiglia consumiamo l’avocado, per le sue proprietà benefiche. Ho letto però
che quello israeliano conterrebbe estragolo e anetolo e forse
non fa bene: è così?
■ 1SPG.BVSP4FSBGJOJ
/VUSJ[JPOFVNBOBVOJW5FSBNP
-BWPDBEPÒVOGSVUUPSJDDPEJ
WJUBNJOFEFMHSVQQP#WJUBNJOB,
&$QPUBTTJPGJCSFDIFTB[JBOPF
SJQVMJTDPOPMJOUFTUJOPBCCBTTBOEP
*MNFEJDP
SJTQPOEF
MJOEJDFHMJDFNJDPFQSFWFOFOEP
MJOTVMJOPSFTJTUFO[BFJQJDDIJEJ
HMVDPTJP*OPMUSFDPOUJFOFQPUFOUJ
BOUJPTTJEBOUJRVBMJMBHJËDJUBUB
WJUBNJOB$DBSPUFOPJEJFGMBWPOPJEJ
DIFIBOOPBODIFB[JPOF
BOUJJOGJBNNBUPSJB)BVOCVPO
DPOUFOVUPEJHSBTTJWFHFUBMJCVPOJ
DPNFJNPOPJOTBUVSJQFS
NBOUFOFSFJOTBMVUFJMDVPSF/POB
DBTPDPOUJFOFMBDJEPPMFJDPJM
DPNQPOFOUFQSJODJQBMFEFMMPMJP
EPMJWB$JTPOPOPUJ[JFSFMBUJWFBMMB
QSFTFO[BEJFTUSBHPMPFBOFUPMP
OFMMFGPHMJFEFMMBWPDBEP
NFTTJDBOP-FTUSBHPMPÒVO
GFOJMQSPQFOFVODPNQPTUP
PSHBOJDPOBUVSBMFQSFTFOUFJO
ESBHPODFMMPFGJOPDDIJPNFOUSF
MBOFUPMPBODIFMVJOBUVSBMFTJ
USPWBQSJODJQBMNFOUFJOBOJDFF
GJOPDDIJP3FDFOUFNFOUFÒTUBUB
NPTUSBUBVOBUPTTJDJUËEJRVFTUP
DPNQPTUPOFMMFUJTBOFBCBTFEJ
GJOPDDIJPOFJOFPOBUJNBOVMMBÒ
QSFTFOUFJOMFUUFSBUVSBQFS
MBWPDBEP2VBOEPTJQBSMBEJPMJP
TJDVSBNFOUFFTJTUFVOBNBHHJPSF
DPODFOUSB[JPOFEJRVFTUJDPNQPTUJ
"MVOHPUFSNJOFFBGSPOUFEJ
DPOTVNJFMFWBUJFQFS
EJTGVO[JPOBMJUËFQBUJDIFTJ
QPUSFCCFSPSJTDPOUSBSF
QSPCMFNBUJDIFEJEFUPTTJGJDB[JPOF
NBDSFEPDIFHMJFGGFUUJ
DBODFSPHFOJTJBOPEBFTDMVEFSF
$PNFTFNQSFDÒEBVTBSFJMCVPO
TFOTPMBWPDBEPDPNFGSVUUPÒEB
QSFGFSJSFBMDPOTVNPEJPMJJEFSJWBUJ
FOPODJTPOPDPOUSPJOEJDB[JPOJ
OFMMVUJMJ[[PNBDPOTJEFSJDIFJ
DPNQPTUJOVUSJ[JPOBMJEFMMBWPDBEP
MJUSPWBBODIFJOBSBODFNFMPHSBOJ
DBWPMJFPMJPEPMJWBQFSFTFNQJP
2VJOEJDPOTVNJQVSFMBWPDBEPNB
WBSJBOEPOFJMDPOTVNPQFS
TGSVUUBSFMBUPUJQPUFO[BGVO[JPOBMF
EFMMBOBUVSB
■ $BSEJPMPHJB
2VBMÒMBEJGGFSFO[B
USBJWBSJGBSNBDJ
MFUUFSBGJSNBUB
FNBJM
Ho ottant’anni, sono affetto da
fibrillazione atriale, in cura con
xarelto. So che vi sono due categorie di anticoagulanti: i tradizionali, fra i quali il coumadin, e
i nuovi farmaci fra i quali quello
che assumo. Quali sono le loro caratteristiche e e i pro e i contro?
■ %PUU'VSJP$PMJWJDDIJ
%JSFUUPSF6PD$BSEJPMPHJBPTQ
4BO'JMJQQP/FSJ3PNB
(MJBOUJDPMBHVMBOUJPSBMJTPOP
VUJMJ[[BUJQFSQSFWFOJSFMBQPTTJCJMF
JOTPSHFO[BEJVOJDUVTOFJQB[JFOUJ
BGGFUUJEBGJCSJMMB[JPOFBUSJBMFJO
SBHJPOFEFMQSPGJMPDMJOJDPEFM
TJOHPMPQB[JFOUFPTTJBTVMMBCBTFEJ
VOBTUJNBQFSTPOBMJ[[BUBEFMSJTDIJP
DIFVOJDUVTQPTTBBWFSFMVPHP*
OVPWJBOUJDPBHVMBOUJPSBMJ
HFOFSBMNFOUFJOEJDBUJDPOMBTJHMB
/BPTPOPTUBUJJOUSPEPUUJOFMMB
QSBUJDBDMJOJDBEFMOPTUSPQBFTFB
QBSUJSFEBHJVHOP0HHJ
EJTQPOJBNPEJRVBUUSPGBSNBDJ
EBCJHBUSBOOPNFDPNNFSDJBMF
QSBEBYB
SJWBSPYBCBOYBSFMUP
BQJYBCBOFMJRVJT
FEFEPYBCBO
MJYJBOB
%JWFSTBNFOUFEBMXBSGBSJO
OPNFDPNNFSDJBMFDPVNBEJO
JO
VTPEBDJSDBBOOJDIFCMPDDBMB
TJOUFTJFQBUJDBEJEJWFSTJGBUUPSJEFMMB
DPBHVMB[JPOFRVFTUJGBSNBDJ
BHJTDPOPJOJCFOEPVOTJOHPMP
FMFNFOUPEFMMBDBTDBUB
DPBHVMBUJWB(MJTUVEJDMJOJDJ
DPOEPUUJOFHMJVMUJNJBOOJJOPMUSF
QB[JFOUJDPOGJCSJMMB[JPOF
BUSJBMFEJNPTUSBOPDIFJ/BPIBOOP
VOGBWPSFWPMFSBQQPSUPUSBJ
QPTTJCJMJCFOFGJDJBUUFTJEBM
USBUUBNFOUPSJEV[JPOFEFHMJJDUVT
EPWVUJBGJCSJMMB[JPOFBUSJBMF
FEJ
SJTDIJQPUFO[JBMJFGGFUUJDPMMBUFSBMJ
WBSJFTBOHVJOBNFOUJ
*O
QBSUJDPMBSFJ/BPIBOOPVOB
FGGJDBDJBBOBMPHBBMDPVNBEJOOFM
SJEVSSFMJODJEFO[BEJJDUVTNB
SJTQFUUPBMMBWFDDIJBUFSBQJB
DPOUFOHPOPESBTUJDBNFOUFJM
SJTDIJPEJFNPSSBHJBDFSFCSBMFFEJ
BMUSJTBOHVJOBNFOUJHSBWJ1SPQSJP
QFSRVFTUPNPUJWPTFDPOEPMJOFF
HVJEBJOUFSOB[JPOBMJJ/BP
SBQQSFTFOUBOPPHHJMBTDFMUBEB
QSFGFSJSFOFJQB[JFOUJDIFWFOHPOP
JOEJSJ[[BUJBMUSBUUBNFOUP
BOUJDPBHVMBOUFQFSMBQSJNBWPMUB
/FMDPNQMFTTPJ/BPTPOPVOB
JNQPSUBOUFPQ[JPOFUFSBQFVUJDB
QFSJQB[JFOUJDPOGJCSJMMB[JPOF
BUSJBMFNBJMMPSPJNQJFHPEFWF
FTTFSFWBMVUBUPOFMTJOHPMPDBTP*O
DBTPEJDPOTJTUFOUF
DPNQSPNJTTJPOFEFMMBGVO[JPOBMJUË
SFOBMFDMFBSBODFEFMMBDSFBUJOJOB
JOGFSJPSFBNMNJO
BEFTFNQJP
RVFTUJGBSNBDJOPOEPWSFCCFSP
FTTFSFVUJMJ[[BUJ*MNFEJDPDVSBOUF
DPOJMTVQQPSUPEJVOPTQFDJBMJTUB
DBSEJPMPHPÒMBQFSTPOBDIFQVÛ
WBMVUBSFBMNFHMJPRVBMFUFSBQJB
BOUJDPBHVMBOUFÒBEFHVBUBBM
QSPGJMPDMJOJDPEFMQB[JFOUF
■ $IJSVSHJBSJDPTUSVUUJWB
4FOPFQSPUFTJFTUFUJDIF
DPNFMFSJNVPWP
MFUUFSBGJSNBUB
FNBJM
Ho 52 anni e circa 20 anni, dopo
una gravidanza, mi sono rifatta
il seno. Ora le protesi si sono indurite e mi provocano dolore.
Esiste un centro ospedaliero
pubblico che offra assistenza alle donne che hanno problemi
con le protesi estetiche?
■ %PUU4UFGBOP.BSUFMMB
1SJNBSJP$IJSVSHJB(FOFSBMF3J
DPTUSVUUJWB*3$$40TQFEBMF4BO
3BGGBFMF.JMBOP
-FQSFTUB[JPOJSFMBUJWFBMMF
DPNQMJDBO[FEJNBTUPQMBTUJDB
BEEJUJWBFTFHVJUBQFSTPMJGJOJ
FTUFUJDJTPOPFSPHBCJMJDPOJM44/
TPMPJODBTPEJDPNQMJDBO[FHSBWJ
SPUUVSBFYUSBDBQTVMBSFJOGF[JPOF
TBOHVJOBNFOUPEJBTUBTJEFMMB
GFSJUBTJMJDPOPNJ
*ORVFTUJDBTJ
MJOUFSWFOUPQSFWFEFSËTPMPMB
SJNP[JPOFEFMMFQSPUFTJ
-FWFOUVBMFSJDPTUSV[JPOF
NBNNBSJBDPOOVPWFQSPUFTJOPO
QPUSËFTTFSFFSPHBUBBDBSJDPEFM
4TO/FMTVPDBTPÒOFDFTTBSJP
FTFHVJSFVOFDPHSBGJBNBNNBSJB
DPNFQSJNPFTBNFEJBHOPTUJDP
QFSDBQJSFMPTUBUPEFMMFQSPUFTJF
EFMMFNBNNFMMF4VDDFTTJWBNFOUF
EPWSËFTFHVJSFVOBWJTJUB
TQFDJBMJTUJDBTFMBTJUVB[JPOFDMJOJDB
SJFOUSBOFMMFDPOEJ[JPOJ
QBUPMPHJDIFTPQSBEFTDSJUUFMFJ
QPUSËFTTFSFQSFTBJODVSBJOVOB
TUSVUUVSBTBOJUBSJBDPOWFO[JPOBUB
■ $IJSVSHJBEFMMBNBOP
%PWFTJDPNQSB
JMUVUPSFBEJUBMF
MFUUFSBGJSNBUB
/BQPMJ
Su Rsalute ho letto che si può alleviare l’infiammazione alle articolazioni delle dita della mano
con un tutore simile a un ditale.
Potrei avere indicazioni più specifiche?
■ %PUU(JPSHJP1BKBSEJ
%JSFUUPSF$FOUSPEJDIJSVSHJB
EFMMBNBOPPTQVOJW4BO(JV
TFQQF.JMBOP
*UVUPSJQFSMBSUSPTJEFMMFEJUBEFMMB
NBOPQVSUSPQQPOPOTJBDRVJTUBOP
HJËQSPOUJOFJOFHP[JEJPSUPQFEJB
NBWBOOPQSFQBSBUJTVNJTVSBJO
CBTFBMQSPCMFNBEFMMBQFSTPOBDIF
EFWFJOEPTTBSMJ2VFTUPQFSDIÏ
BMUSJNFOUJOPOIBOOPFGGFUUJ
UFSBQFVUJDJ1FSBWFSMJEVORVF
CJTPHOBSJWPMHFSTJBVODFOUSP
TQFDJBMJ[[BUPOFJQSPCMFNJEFMMB
NBOPBMDVOJEJRVFTUJPTQFEBMJ
TPOPTUBUJDJUBUJOFMMBSUJDPMPDIFIB
MFUUPBODIFMFJEPWFTJQBSMBEJ
CBNCJOJµBUUJWPBODIFVODFOUSP
QFSMBTBMVUFEFMMBNBOPWJDJOPBMFJ
B(SPUUBNNBSF
$0/'*/*
'3"/$&4$0$30
%*4"(*0&%*4"#*-*5®
-"3&"-5®%&--"65*4.0(3"7&
-"65*4.0 non è solo quello del bambino ad alto funzio-
namento, che a sei anni suona il piano meglio di Billy
Joel: l’autismo può essere triste, complicato e nascondere difficoltà che si possono esprimere in modo anche
violento, portando a isolamento ed emarginazione. È
la denuncia di Bonnie Zampino, madre di un ragazzo
autistico, attivista e blogger dell’)VGGJOHUPO1PTU,
che teme che l’immagine prevalente dei ragazzi
autistici ad alto funzionamento possa far apparire gli altri - la maggioranza - come irrecuperabili
da isolare. L’allarme di Zampino è condiviso dallo psichiatra Marco Bertelli, direttore del Centro
di ricerca Crea – Fondazione San Sebastiano di Firenze. Bertelli, che centra i suoi interventi sulla qualità
di vita delle persone con disabilità intellettiva e delle loro famiglie, nota che la crescente attenzione alle forme
più lievi e sfumate di autismo, dette sottosoglia, combinata alle più recenti acquisizioni genetiche sullo sviluppo del sistema nervoso che hanno reso meno netti i confini tra le categorie diagnostiche, porta i clinici a concentrarsi più sui tratti autistici, largamente diffusi anche nella popolazione generale, che sull’autismo come
“malattia”, che si accompagna in un caso su due a disabilità intellettiva, a sua volta associata a un aumentato
rischio di sviluppare patologie psichiatriche come ansia, depressione, psicosi e disturbi bipolari. I pazienti
autistici adulti con disabilità intellettiva sono quelli attualmente più trascurati dai protocolli diagnostici e terapeutici in uso, con conseguenze negative sulla loro
salute e sul loro inserimento sociale a lungo termine.
1TJDIJBUSB%JQBSUJNFOUPEJ4BMVUF.FOUBMF7JUFSCP
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
*--*#30
7"-&3*"1*/*
26"/%0*-1"&4&4*"$$034&
$)&$&3"/0"/$)&*."55*
&3" il maggio del 1978 quando il Parlamento approvava la legge 180, la riforma che stabilì la chiusura degli
ospedali psichiatrici. Un successo personale per Franco Basaglia, lo psichiatra che tanto si era battuto per
raggiungere quel traguardo. Il libro “Prima della legge
180” di Daniele Pulino (Ed. Alphabeta Verlag) ricostruisce i processi che portarono al cambiamento
in Italia. Erano gli anni in cui emergeva, anche
grazie a reportage come quelli di Sergio Zavoli,
la violenza dei manicomi. Gli scandali di Cagliari, Bisceglie, Guidonia, Collegno erano oggetto
di inchieste giornalistiche. Nessuno poteva dire
di non sapere. Tutto doveva cambiare e tutto cambiò. Pollino, che collabora dal 2009 con la Fondazione
Basaglia ed è membro dell’Osservatorio dell’associazione Antigone, ha studiato la storia sanitaria del disagio mentale in Italia. E in questo libro presenta una
mappa completa delle esperienze che hanno preceduto la riforma, e non solo a Gorizia, dove nel 1961 Basaglia assunse la direzione dell’ospedale. Altri psichiatri
tentavano in quello stesso periodo di introdurre innovazioni nei manicomi. Per quanto sporadiche, rappresentarono le prime aperture. Piccoli interventi che puntavano ad aumentare le libertà dei degenti. Intanto la
politica cominciava a occuparsi del problema, non solo
a livello di amministrazioni comunali, ma in Parlamento. Il libro, che fa parte della collana “180 - Archivio critico della salute mentale”, diretta da Peppe Dell’Acqua,
finisce così per disegnare un affresco della salute mentale dal Sud al Nord, nelle città che parteciparono alla
rivoluzione della legge 180.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
TUMORI: IL 76% DEGLI ITALIANI SEGUE COMPORTAMENTI A RISCHIO
L’AIOM LANCIA IL 1° FESTIVAL DELLA PREVENZIONE E INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA
LE TAPPE
Ecco le 16 città coinvolte nel “Festival della
prevenzione e innovazione in oncologia”:
REGGIO EMILIA
CREMONA
(AIOM) lancia, sul modello dei festival della
letteratura, il primo “Festival della prevenzione
e innovazione in oncologia” per spiegare agli
italiani il nuovo corso dell’oncologia, che
spazia dai corretti stili di vita, agli screening,
alle armi innovative come l’immuno-oncologia
e le terapie a bersaglio molecolare, fino
alla riabilitazione e al ritorno alla vita. La
manifestazione itinerante tocca 16 città. Tre
tappe (Reggio Emilia, Cremona e Brindisi) sono
già state realizzate.
IL MOTORHOME
Un motorhome, cioè un pullman, viene allestito
nelle Piazze delle città coinvolte dove gli
oncologi dell’AIOM forniscono informazioni e
consigli sulla prevenzione, sull’innovazione
terapeutica e sui progressi nella ricerca in
campo oncologico.
Non solo. Sono previste lezioni nelle scuole e
passeggiate della salute per portare ai cittadini
un messaggio fondamentale: il cancro non va
più considerato un male incurabile e contro
questa malattia si deve giocare d’anticipo.
Molti studi hanno infatti dimostrato che il 40%
dei tumori può essere evitato con uno stile di
vita sano (no al fumo, attività fisica costante
e dieta corretta). Il progetto è reso possibile
grazie al sostegno di Bristol-Myers Squibb.
“Grazie alla diagnosi precoce e alle nuove
armi il 60% dei pazienti sconfigge la
malattia, percentuale che raggiunge il 70%
nelle neoplasie più frequenti – spiega il prof.
Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM -.
Resta però ancora molto da fare sul piano della
prevenzione, se pensiamo che l’Italia destina
solo il 4,2% della spesa sanitaria totale a
queste attività, collocandosi negli ultimi posti
per investimenti in prevenzione fra i 34 Paesi
che fanno parte dell’Organizzazione per la
Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD)”.
Con preoccupanti conseguenze negative: il
76,5% della popolazione adulta nel nostro
Paese presenta almeno un comportamento
a rischio (fumo, alimentazione sbagliata e
conseguente sovrappeso, sedentarietà o
eccessivo consumo di alcol).
4 febbraio 2017
BRINDISI
3-4-5- marzo 2017
COSENZA
10-11-12 marzo 2017
PALERMO
15-16-17 marzo 2017
NAPOLI
20-21-22 marzo 2017
FROSINONE
24-25-26 marzo 2017
CAGLIARI
29-30-31 marzo 2017
FIRENZE
3-4-5- aprile 2017
AREZZO
6-7-8- aprile 2017
BERGAMO
L’Associazione Italiana di Oncologia Medica
16-17-18 dicembre 2016
28-29-30 aprile 2017
BRESCIA
3-4-5 maggio 2017
VERONA
8-9-10 maggio 2017
VICENZA
12-13-14 maggio 2017
LA SPEZIA
TORINO
17-18 maggio 2017
22-23-24 maggio 2017
Durante gli eventi vengono distribuiti ai
cittadini opuscoli sulle principali regole della
prevenzione oncologica e sulle nuove armi in
grado di sconfiggere la malattia o di migliorare
la sopravvivenza in modo significativo.
*Pagina resa possibile ad AIOM (Associazione
Italiana di Oncologia Medica) nell’ambito del
progetto Oncoline
A destra del prof. Saverio Cinieri, tesoriere nazionale AIOM, Al Bano che ha portato il suo saluto nella tappa di Brindisi
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 *&3*
'54&.*# '54&*5"-- '54&*545"3 '54&*5.*%
$0.*5 '6563& *1&((*03*
'54&
7"3
%."*-(3061 #"/$0#1. (&26*5: 5&4.&$ /07"3& 5*50-*%*45"50
3&/%*.&/50
#51"//*
413&"%46-#6/% *.*(-*03*
'54&
7"3
5"4 1*/*/'"3*/"
*(3"/%*7*"((* 4"&4 #$"$"3*(&3 -FOPNJOF
%FTDBM[JWVPMF
JOWFTUJSFSJTPSTF
OFMMFTQMPSB[JPOF
FHVBSEBB4VE
1FTBMJODIJFTUB
TVMMB/JHFSJB
St
to
eMerca
ato
"/%3&"(3&$0
/FJTVPJUSFBOOJMBE
IBDBNCJBUPJMHSVQQP
EBDPOHMPNFSBUB
BVOBTPSUBEJ"HJQ
tive di crescita senza aumentare
i debiti e senza licenziare un dipendente». Nessun’altra major è
entrata nella crisi 2014 con lo
stesso debito finanziario che ha
oggi. Nessuna ha scoperto tanti
idrocarburi come l’Eni (13 miliardi di barili equivalenti dal 2008,
con tasso di sostituzione del
150% dal 2014, tre volte le rivali). Nessuna — se per dicembre
la produzione del gas egiziano di
Zohr davvero partirà — ha sviluppato in meno di tre anni un giacimento da 5,5 miliardi di barili,
già venduto per il 40% del consorzio a due rivali per 2 miliardi.
L’aver puntato sull’esplorazione, i pozzi e le rocce — il pane di
Descalzi e del team salito al comando — ha pagato. Ha ridato
un’anima a un gruppo che negli
anni di vacche grasse aveva assunto i contorni sfocati della conglomerata, quelli graditi alla politica che volentieri appena può
mette la zampa tra le sei del Cane. L’anima ora somiglia alla vecchia Agip versione 2.0: scopri-svi-
"" "5-"/5*" ";*.65 #"/$".&%*0-"/6. #"/$0#1.
#1&3#"/$" #3&.#0 #6;;*6/*$&. $".1"3* $/)*/%6453*"- &/&- &/* &903 '$"'*"5$)3:4-&3"65 '&33"(".0 '&33"3* '*/&$0#"/, (&/&3"-* */5&4"41"0-0 La
Eni
capitalizzazione Mln
di euro
dei giganti
del petrolio
Total
Mln di euro
8 mag 2014
3 mar 2017
133*' €
1"&4&*/%*$&
".45&3%"."&9
#369&--&4#&- '3"/$0'035&9&5%"9
'54&&63053"$, -0/%3"'54&
."%3*%*#&9 04-0501
1"3*(*$"$
7*&//""59
;63*(04.*
1"&4&*/%*$&
%+45099&630 )0/(,0/()4 +0)"//&4#63( /&8:03,41
/&8:03,%+*/%
/"4%"2$0.1 4*/("103&45 4:%/&:"--03%4
50,*0/*,,&*
var.
-7%
var.
190.924
207.153
9%
var.
92.456
90.770
-2%
Mln di dollari
Chevron
Mln di dollari
7"3
-20%
Exxon
*Shell beneficia della
acquisizione di bg
che capitalizzava
40 miliardi di sterline
7"3
#034&*/5&3/";*0/"-*
126.207
117.960
341.922
238.129
214.962
439.400 var.
-22%
mo trimestre abbia chiuso in utile dopo 18 mesi. Il riassetto della
chimica (Versalis), con fermo di
alcuni impianti e riconversione
di altri, e il riposizionamento su
nuove tecnologie e prodotti
nell’R&m sono altri passi per risalire, dopo che per anni le loro
puntuali chiusure in rosso erano
tollerate perché compensate dal-
la rendita petrolifera. Anche la rinegoziazione dei contratti via tubo, con prezzi ormai fuori mercato e 1,6 miliardi di arretrati da recuperare dai paesi fornitori, è servita: a fine anno il Gas & power
potrebbe tornare in pareggio.
Riscrivere le regole con Russia, Algeria, Libia, e trovare sbocchi al gas scoperto in Mozambi-
$030/"%,
$030/"/ $030/"4 %0--"30"64 %0--"30$%/ %0--"3064" '3"/$0$) 45&3-*/"6,
:&/+ 030&.0/&5&"63&&&
."3;0
."55*/0
4&3"
030.*-"/0&630(3
030-0/%3"64%0/$*"
"3(&/50.*-"/0&630,(
1-"5*/0.*-"/0&630(3
1"--"%*0.*-"/0&630(3
."3;0
%&/"30 -&55&3"
45&3-*/"7$
45&3-*/"/$
45&3-*/"1045
,36(&33"/% ."3&/(0*5"-*"/0 *-$"40
1PTUFTBMF
JO#PSTB
WPDJEJFYUSB
EJWJEFOEP
var.
-10%
&OJSFTJTUFBMMBDSJTJEFMHSFHHJP
QVOUBOEPTVJOVPWJHJBDJNFOUJ
luppa-vendi-ingegnerizza: ha mitigato le perdite miliardarie effetto delle svalutazioni di attività legate ai prezzi degli idrocarburi, e
del bolso andamento che da anni
caratterizzava chimica, gas e Raffinazione & marketing. Anche la
perdita 2015 fu un record: 8,8 miliardi. E il 2016 è ancora in rosso
per 1,46 miliardi, benché l’ulti-
7"-65&
var.
Shell*
BP
#034&&6301&&
69.195
55.494
Mln di euro
Mln di sterline
"-5*.0/&
$MBVEJP%FTDBM[JÒ
MBNNJOJTUSBUPSF
EFMFHBUPEFMM&OJEBM
NBHHJP
5*50-0
*5"-("4 -&0/"3%0'*/.&$$"/*$" -69055*$" .&%*"4&5
.&%*0#"/$" .0/$-&3 .0/5&1"4$)* 1045&*5"-*"/& 13:4.*"/ 3&$03%"5* 4"*1&. 4/". 45.*$30&- 5&-&$0.*5
5&/"3*4 5&3/"
6#*#"/$" 6/*$3&%*5
6/*10-
6/*10-4"* :009/&5"1035&3(3061 e so t
lin res ke
on g tic
a in /
ic di .it
ar to po
sc liet eex
g
bi ad
il m
su
MILANO. Tre anni fa, quando Claudio Descalzi ebbe la sua grande
occasione — guidare l’Eni dopo
un trentennio passato a bocca di
pozzo — sapeva già che il tempo
delle cicale era finito. Un decennio di petrolio attorno ai 100 dollari volgeva al termine, annunciato dal crollo della domanda di
gas e greggio in Europa.
Ma ancora in luglio 2014,
quando aveva sostituito Paolo
Scaroni alla guida da due mesi,
Descalzi non immaginava che in
un semestre il greggio sarebbe
crollato del 70%. O che dopo le vacanze si sarebbe materializzata
l’inchiesta milanese su Eni e il
vertice presente e passato, con
accuse di corruzione internazionale per tangenti da un miliardo
in Nigeria nell’acquistare il giacimento Opl 245. Fine dei brindisi,
si inizia a spalare. «Sono stati tre
anni durissimi per tante ragioni
— ha detto Descalzi — ma in un
contesto tra i più difficili nella storia dell’industria, Eni ha svolto
un profondo cambiamento che
ha consentito prima di tenere
botta, poi di rilanciare le prospet-
13*/$*1"-*5*50-*%&-.&3$"50";*0/"3*0
5*50-0
133*' €
co ed Egitto, ha a che fare anche
con il ripensamento geopolitico
dell’Eni. Una necessità messa in
agenda in tandem con Matteo
Renzi, che più volte si accodava
alle missioni Eni in Africa, Medio Oriente, Caspio per allineare
gli interessi tra l’Italia e l’azienda, e creare una potenza regionale nel Mediterraneo, e mettere la sordina ai guai venuti dalla
direttrice Est-Ovest dopo gli anni della geopolitica berlusconiana filorussa.
Ma Renzi non c’è più, e quello
sullo scacchiere estero è un lavoro da completare. Anche trovare
un futuro autonomo a Versalis e
a Saipem restano missioni compiute a metà. Le risorse — decrescenti — Descalzi intende investirle nell’esplorazione, che «resterà il motore della crescita a
lungo termine». La chimica ha
cercato di venderla senza successo prima di riconsolidarla per risanarla; Saipem l’ha tolta dal bilancio (con 5 miliardi di debiti)
cedendo il 12,5% all’azionista
Cdp, ma nel 2016 ha dovuto svalutare forte il 30% che resta all’Eni della partecipata nei servizi
petroliferi. «Descalzi ha fatto un
ottimo lavoro ma la trasformazione deve proseguire, ci sono
ancora cose da fare», ha detto la
presidente Emma Marcegaglia,
parlando per il cda in scadenza.
Molti analisti finanziari e investitori vorrebbero che a continuarlo fosse Descalzi, come attesta la
discreta tenuta dell’azione nel
triennio malgrado l’alta correlazione con la pericolante Piazza
Affari. Tra questi non c’è la Fondazione Banca Etica, e la nicchia
dei soci più sensibili alle ricadute reputazionali delle inchieste
giudiziarie (ci sono anche quelle, sempre per ipotesi di corruzione, sugli affari in Algeria e in Kazakistan).
A decidere il futuro di Descalzi però sarà l’azionista politico.
Non c’è più Renzi in sella, a difenderlo sulle accuse — anche politiche, dalle parti del Movimento
Cinquestelle — dell’inchiesta nigeriana, che tra un mese potrebbe materializzarsi in un processo. I rapporti con i nuovi inquilini di Palazzo Chigi e Quirinale sono più istituzionali. Il governo è
parecchio fragile, e sensibile alle
critiche dell’opposizione e dell’opinione pubblica. Sono queste le
alee nelle prossime due settimane potrebbe invertire il pronostico e interrompere il lavoro del
cda in sella.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
"-4&/"50
'SBODFTDP$BJP
BNNJOJTUSBUPSFEFMFHBUP
EJ1PTUFÒTUBUPBTDPMUBUP
JO4FOBUP
MILANO. L’audizione di
Francesco Caio,
amministratore delegato di
Poste Italiane, in
Commissione Industria del
Senato è coincisa con una
giornata frizzate del titolo
in Borsa (+4,61%) sulle ali
delle voci di mercato su un
extra-dividendo. Il
manager (in scadenza) si è
limitato a confermare la
distribuzione dell’80%
dell’utile netto 2016,
mentre ha glissato sul
tema, collegato, del
collocamento dell’ultima
tranche di Poste in mano al
Mef (il 29,7%, su cui ci sono
opinioni discordi, in ambito
governativo). «Le decisioni
sull’evoluzione della
struttura del capitale non
sono in capo al
management ma in capo
all’azionista-stato, che
quindi valuterà». E le
trattative con Anima?
«Vogliamo salire dal 10% a
qualcosa di più, siamo già in
negoziazione e discussione
con loro». E ancora: Poste
daranno altri soldi ad
Alitalia? «No», lapidario.
Caio ha sottolineato invece
l’importanza del settore del
risparmio gestito (insieme
alle polizze) per il gruppo,
che ha in pancia 130
miliardi di titoli di Stato.
Un settore tanto più
importante in un contesto
di tassi bassi, che sta
mettendo sotto pressione la
raccolta attraverso i Buoni
postali (della Cdp).
L’ad, reduce da una
campagna di rimborsi ai
sottoscrittori del Fondo
immobiliare Irs, ha
garantito che «stiamo
postalizzando la finanza,
non viceversa» e ha
annunciato di essere pronto
a breve a investire fino a 6-7
miliardi in «progetti che
muovano l’economia reale
del Paese, con il
finanziamento di grandi
progetti infrastrutturali»
utilizzando le riserve
tecniche di Poste vita.
E il servizio di consegna
delle lettere? Caio ha
ricordato che il servizio
universale ha perso 820
milioni nel 2015, 500
contando i contributi
statali.
WJQ
&$0/0.*"
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 -FDSJTJ
-JOUFSWJTUB1BPMP4BS[BOBQSFTJEFOUFEFMMBTTPDJB[JPOFJNQSFTF
DIJFEFEJWJFUBSFMFHBSFBMNBTTJNPSJCBTTPFQSFNJBSFDIJÒJOSFHPMB
i$BMFOEBTCBHMJBTVJDBMMDFOUFS
MFB[JFOEFBOESBOOPJO3PNBOJBw
*-1*"/0
304"3*""."50
“
ROMA.La stretta sui call center? «Favorirà
-"/5*$*1";*0/&
3FQVCCMJDBIBBOUJDJQBUPJFSJ
JMQJBOPEFMHPWFSOPQFSJOEVSSF
JDBMMDFOUFSBSJQPSUBSFJMMBWPSP
JO*UBMJB
chi delocalizza in Romania piuttosto che
in Albania». E le proposte nel protocollo di
Calenda «rischiano di rimanere solo buone intenzioni». Paolo Sarzana, presidente
di Assocontact, la principale associazione
di settore, è critico nei confronti delle ricette del governo per far uscire i call center
dalla crisi. Soprattutto perché, spiega, «la
delocalizzazione non è la causa della crisi,
ma l’effetto».
Quindi il governo sbaglia a cercare di
combatterla?
«Il nuovo art.24 bis inasprisce le norme
e le sanzioni, ma mette sullo stesso piano i
call center che lavorano in Italia e quelli
che delocalizzano nei Paesi Ue. La precedente norma era molto più protettiva nei
confronti dell’Italia. Il risultato sarà che si
favorisce chi delocalizza in Romania o in
Croazia piuttosto che in Albania o Tunisia».
Però il ministro Calenda sta anche proponendo alle imprese un protocollo anti-delocalizzazione che include la Ue.
«Si tratta di una NPSBMTVBTJPO molto
vaga, che si riduce ad avere uno scarso effetto pratico».
E allora cosa serve davvero per rilancia-
*--"7030
/POIPMBQJá
QBMMJEBJEFBEJ
DPNFTJQFOTJ
EJSJQPSUBSF
NJMBMBWPSBUPSJ
JO*UBMJB
1BPMP4BS[BOBQSFTJEFOUFEJ"TTPDPOUBDU
re il settore?
«Le crisi cicliche di questi anni derivano
da un elemento molto semplice: il nostro è
un settore in cui l’80% delle uscite è rappresentato dal costo del lavoro, che dalle
stabilizzazioni del 2007 a oggi è cresciuto
notevolmente. Quello che non è cresciuto
è il valore del servizio, e i committenti non
riescono a tenere in equilibrio costi e rica-
*-4"-7"5"((*0*&3**-$%""/$03"03&1&3"11307"3&*-1*"/0*/%6453*"-&
"MJUBMJB&UJIBEWVPMFMBEJBSDIJB
(VCJUPTJQSFTJEFOUFF#BMMBE
-6$*0$*--*4
ROMA. Ok a Luigi Gubitosi in Ali-
$SBNFS#BMM
*/6.&3*
NJMJPOJ
*5"(-*%&-
4PMUBOUPOFMDPSTPEFM
MBNNJOJTUSBUPSFEFMFHBUPEJ
"MJUBMJB#BMMIBQSFWJTUPVOUBHMJP
EFJDPTUJQBSJBNJMJPOJEJFVSP
(-*&46#&3*
4FDPOEPGPOUJOPOVGGJDJBMJMB
SJEV[JPOFEFMQFSTPOBMF"MJUBMJB
QPUSFCCFBSSJWBSFBNJMBVOJUË
*OHSBOQBSUFEJQFOEFOUJEJUFSSB
NJMJBSEJ
*-'"##*40(/0
1FSQPSUBSFBDPNQJNFOUPVO
QJBOPEJSJMBODJPBNCJ[JPTPMB
DPNQBHOJBBWSFCCFCJTPHOPEJ
DJSDBNJMJBSEJEJFVSPJOBOOJ
talia ma senza stravolgere l’attuale vertice. Da Abu Dhabi arriva un primo via libera al manager italiano, anche se condizionato al mantenimento dello status
quo con Cramer Ball sulla poltrona di amministratore delegato.
Per Gubitosi quindi non si libera
la casella dell’ad australiano che
le fonti vicine a Etihad blindano
per i prossimi mesi proprio in vista del piano di rilancio della compagnia. Per l’ex numero uno di
Wind e Rai si schiudono le porte
della cabina di pilotaggio di Alitalia ma nella veste di presidente
con deleghe esecutive e non di
amministratore. Ora la palla passa a Gubitosi che dovrà decidere
se accettare una diarchia con
Ball. Ieri intanto si è consumato
l’ennesimo passaggio propedeutico al via libera al piano.
«La compagnia è in linea con
l’obiettivo di arrivare a una riduzione dei costi da 160 milioni di
euro nel 2017 al netto della voce
lavoro» ha spiegato Ball al termine della riunione del cda. I passeggeri stanno aumentando a ritmi incoraggianti (+7%) e il load
factor cresce del 4,4% su gennaio del 2016. Il tasso di riempimento degli aerei è dunque oggi al
78%. Peccato però che la compagnia debba fare i conti con una
crisi pesante e abbia bisogno di
scrollarsi di dosso perdite per un
milione di euro (e oltre) al giorno. L’ottimismo di Ball – che soltanto l’anno scorso parlava ai dipendenti di Alitalia riuniti in una
convention, di una compagnia
che doveva imporsi come «la migliore d’Europa» – cozza con la
realtà di un vettore che non sa an-
cora che rotta intraprendere,
con il socio Poste deciso a non affrontare una nuova iniezione finanziaria (che potrebbe pesare
complessivamente per 1,1 miliardi fino al 2021) e con un cambio
al vertice annunciato, possibile
già nelle prossime ore.
Il salvataggio della compagnia e la nuova gestione – se tutto andrà come previsto – saranno affidati così alle cure di Gubitosi il quale, pur non conoscendo il
settore aeronautico, in passato
ha messo le mani in aziende “difficili” come la Rai, Wind e Fiat.
Per lui si prospettano mesi durissimi e una “mission - quasi – impossible” visto che i sindacati sono sul piede di guerra. «Se il management pensa di scaricare ancora una volta le proprie inadempienze e incapacità sui lavoratori
saremo pronti a vendere cara la
pelle» dice a muso duro il segretario della Uil Trasporti Claudio
Tarlazzi il quale, affida a 3FQVC
CMJDB alcuni dati sugli stipendi e
sul costo del lavoro: in media i piloti Alitalia, guadagnerebbero
molto meno dei colleghi di altre
compagnie. Ad esempio, un comandante easyJet con 10 anni di
anzianità e 80 ore volate al mese
guadagna il 32% in più rispetto
al pilota tricolore. «Quello che colpisce di più – aggiunge il sindacalista – è che il costo medio del lavoro in Lufthansa è addirittura
superiore a quello di Alitalia: siamo al 23% contro il 19% se rapportiamo il personale ai ricavi.
Ma se confrontiamo personale su
costi operativi allora siamo ancor
più distanti: il 17% contro il 26%.
Quindi non siamo più disponibili
a vedere tagli agli stipendi o riduzioni del personale».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
”
vi. Chi si mantiene in equilibrio utilizza artifici, come gli sgravi fiscali per chi assume
al Sud, ma sono una sorta di droga per il
settore, non fanno altro che accrescere gli
squilibri. Oppure si cercano accordi di riduzione temporanea del costo del lavoro».
Come Almaviva a Napoli?
«Negli anni è accaduto a più aziende».
Cosa propone allora? Di abbassare il co-
sto del lavoro anche in Italia?
«Di identificare un sistema di certificazione qualità che vada a regolamentare le
offerte dei fornitori. Una strada percorribile visto che la maggior parte sono titolari
di concessioni pubbliche oppure operano
in settori regolamentati come telefonia,
servizi, utility. Penso a una riforma simile
a quella del codice degli appalti, che includa una serie di tutele, a cominciare dal divieto di massimo ribasso e un sistema di
premialità per i fornitori che rispettano le
regole. Altrimenti si continuerà con le gare a valori stracciati, a farsi la guerra tra
poveri. Una riforma quadro come quella
che immagino io avvantaggerebbe anche
i cittadini, perché permetterebbe agli operatori di offrire servizi di qualità migliore».
Dal primo aprile gli operatori dai Paesi
extra Ue dovranno dare la possibilità
agli utenti di spostare la telefonata in
Italia o in un Paese Ue. Questa norma
danneggerà le imprese del settore?
«Ho qualche dubbio sul fatto che questa
norma riporterà lavoro in Italia. E francamente non ho la più pallida idea di come si
pensi di riportare 20.000 lavoratori in Italia senza creare le condizioni perché vengano pagati il giusto. No, lo ripeto: serve
una riforma organica, con criteri seri».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
&$0/0.*"
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 -BHJPSOBUB
4DBMBUB.FEJBTFUHJBMMPTVMMBRVPUBEJ7JWFOEJ
&.*-*03"/%"$*0
AcciaiItalia
Jindal
Cdp
DelFin di L. Del Vecchio
Acciaieria Arvedi
Am Investco Italy
ArcelorMittal
Marcegaglia
MILANO. Percentuali di acquisti inesatti. Quantità di azioni errate,
&-&553*$*5®
Le cordate per L’Ilva
35%
27,5%
27,5%
10%
85%
15%
4*%&363(*"
%VFMMPQFS*MWB
$PSEBUFHVJEBUF
EB$EQF"SDFMPS
MILANO. Sono due le offerte
vincolanti presentate ieri per
l’acquisizione dell’Ilva, l’ex
acciaieria della familglia Riva.
Entrambe sono arrivate
nell’ultimo giorno utile. Sul
tavolo dei commissari della
società tarantina in
amministrazione straordinaria
(Piero Gnudi, Enrico Laghi e
Corrado Carrubba) sono state
depositate le offerte di
AcciaItalia - la cordata di cui
fanno parte Jindal e Arvedi con
Cassa Depositi e Prestiti - e Am
Investco Italy il consorzio
formato dal gruppo italiano
Marcegaglia con ArcelorMittal pronto a investire 2,3
miliardi. Le offerte sono state
trasmesse all’advisor, la banca
d’affari, Rothschild.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
1SF[[JBMMJOHSPTTP
NVMUBUFTPDJFUË
SJNCPSTJJOCPMMFUUB
ROMA. Si sono conclusi con una
sentenza che prevede la
restituzione in bolletta degli
indebiti importi previsti dalle
società energetiche nell’estate
2016, le indagini condotte
dall’Autorità per l’Energia.
L’esatto importo di questa
misura sarà stabilito
successivamente da Terna in
base ai criteri fissati
dall’Authority stessa e riguarda
9 società su 100 coinvolte. A
loro carico sono stati
riconosciuti “comportamenti
non diligenti” nelle strategie di
programmazione sui mercati.
Le aziende dovranno restituire
a Terna gli importi che poi
andranno a riduzione delle
tariffe a beneficio dei clienti.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
."/*10-";*0/&%&-.&3$"50
/FMMFTUBUFEFMBMDVOJ
PQFSBUPSJSJVTDJSPOPBUFOFSFBMUF
MFRVPUB[JPOJBMMJOHSPTTP
EFMMFMFUUSJDJUËQSPWPDBOEPVO
BVNFOUPEFMMFCPMMFUUF
prezzi sballati. La scalata di Vivendi al gruppo Mediaset si sta
dimostrando un ostacolo duro per la multinazionale francese
controllata da Vincent Bolloré. Mentre il nome del finanziere
bretone finiva sul registro degli indagati della procura di Milano
per aggiotaggio, il suo gruppo rettificava i dati della scalata. E,
l’errore, non sembra essere da poco. Sono due i documenti – ora
acquisiti dai pm milanesi che indagano per le operazioni di Borsa
– recapitati in Consob. Il primo porta la data del 13 gennaio, il
secondo è del 27 febbraio.
I bilanci Mediaset
Attraverso una
(Gen-set, in milioni di euro)
comunicazione di internal
2016
2015
dealing, Vivendi sostiene di
Ricavi
detenere «volumi e prezzi
consolidati 2.563,9 2.414,4
azionari» del gruppo
netti
fondato da Silvio Berlusconi
diversi rispetto a quelli
Ebit
32,7
82,4
comunicati al mercato e
all’Authority esattamente
Perdita
un mese prima. Al 13
-116,6
-36,1
netta
dicembre sul «mercato
Gruppo
italiano - comunica il gruppo
- risultano acquisite 46
milioni e 413 mila azioni». Un mese dopo ne mancano 23 milioni e
391 mila. Anche il prezzo d’acquisto viene rettificato.
Abbassandolo a 3, 37 euro, anziché i 3,41 dichiarati nella
comunicazione di dicembre. Non basta. Vivendi si corregge anche
sulla fetta azionaria acquistata all’estero e in Italia, con volumi
consistenti. In totale mancano all’appello 32,221 milioni di azioni
pari al 2,73% del capitale Mediaset, che porterebbero la
partecipazione del gruppo francese in quello italiano dal 28,8% al
26,07%. Le cifre tornerebbero a coincidere se Vivendi avesse
acquistato altre azioni prima del 13 dicembre. A Milano, intanto,
il lavoro dei pm, va avanti, verificando come sia stata condotta la
scalata. Sul registro degli indagati oltre a Bolloré è finito anche
l’ad della società Arnaud de Puyfontaine. L’indagine è nata dopo
l’esposto del gruppo Fininvest, che accusa il gruppo francese di
aver rinnegato l’accordo per l’acquisto di Mediaset Premium. Era
stato De Puyfontaine, in un’intervista a un quotidiano francese, a
lanciare dubbi sui conti della pay per view del gruppo Fininvest,
creando un crollo del titolo.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
-&((*
8&--/&44
"VUPSJUË"OUJUSVTU 5FDIOPHZNWPMB
QSFTFOUBJMDPEJDF VUJMFBNJMJPOJ
EFMMBDPODPSSFO[B FEJWJEFOEPBJTPDJ
ROMA. Presso l’Antitrust verrà
presentato domani il volume «Il
codice della concorrenza», la
prima raccolta sistematica delle
norme primarie e secondarie in
materia di tutela e promozione
della concorrenza. Saranno
presenti Giovanni Pitruzzella,
presidente dell‘Autorità, il
ministro dello Sviluppo Carlo
Calenda, Salvatore Rossi,
direttore generale di Banca
d’Italia e presidente Ivass, oltre
a Michele Ainis, componente
dell’autorità garante della
Concorrenza e del Mercato. La
selezione e l’organizzazione dei
testi si deve a un gruppo di
lavoro diretto dal professor Ainis
e coordinato da Annalisa
Rocchetti.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
NMO
-&4"/;*0/*
-FTBO[JPOJEFMM"OUJUSVTUQFS
QSPDFEJNFOUJTVJOUFTFSFTUSJUUJWF
EFMMBDPODPSSFO[BQFS
QPTJ[JPOFEPNJOBOUFFTVMMF
DPODFOUSB[JPOJ
Il 2016 Technogym
555
100
43
milioni
milioni
milioni
+8,5%
+15,3%
+54%
Ricavi
consolidalti
Margine
lordo
Utile
netto
MILANO. Grazie alle acquisizioni
perfezionate prima dell’Ipo
Technogym chiude il 2016 con
ricavi in crescita dell’8,5% a 555
milioni con un margine lordo in
aumento del 15,3% a 100
milioni. L’effetto di meno tasse,
e proventi straordinari, fa invece
lievitare l’utile del 54% a 43
milioni, di cui un quarto sarà
redistribuito agli azionisti sotto
forma di dividendo. La società
guidata da Nerio Alessandri
proporrà infatti una cedola di
0,065 euro per azione, pari a 13
milioni di euro. Raddoppia infine
l’indebitamento, che a dicembre
era lievitato a 78 milioni, dopo
investimenti non ricorrenti di
circa 110 milioni per l’acquisto
del Technogym Village e della
società digitale Exerp.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
*.13&4&.&3$"5*
5*50-0
"
"430."
""
"$&"
"$05&-(3061
"$4."(".
"&%&4
"&''&
"&3010350%*#0-0(/"
"-#"
"-&3*0/
".#*&/5)&4*4
".1-*'0/
"/*.")0-%*/(
"/4"-%0454
"4$01*"7&
"45"-%*
"45.
"5-"/5*"
"650(3*-"650453"%&.&3
";*.65
#
#4"/5"/%&3
#$41&",&34
#"/$"(&/&3"-*
#"/$"*'*4
#"/$".&%*0-"/6.
#"/$"4*45&."
#"/$0#1.
#"4*$/&5
#"450(*
###*05&$)
#$"$"3*(&
#$"$"3*(&3
#$"'*//"5
#$"*/5&3.0#*-*"3&
#$"1&5363*"&-";*0
#$"130'*-0
#$0%&4*0#3*"/;"
#$0%&4*0#3*"/;"3/$
#$04"3%&(/"3/$
#&
#&()&--*
#&/*45"#*-*
#&456/*0/$0
#*"-&55**/%6453*&
#*"/$"."/0
#*&44&
#*0&3"
#0&30#"35
#0/'&33"3&4*
#03(04&4*"
#03(04&4*"3/$
#1&3#"/$"
#3&.#0
#3*04$)*
#36/&--0$6$*/&--*
#6;;*6/*$&.
#6;;*6/*$&.3/$
$
$"%*5
$"*30$0..
$"-&''*
$"-5"(*30/&
$"-5"(*30/&&%
$".1"3*
$"33"30
$"550-*$""4
$&.#3&
$&.&/5*3)0-%
$&/53"-&%&--"55&%*5"-*"
$&3".3*$$)&55*
$&37&%
$)$*"
$*$$0-&--"
$*3
$-"44&%*503*
$/)*/%6453*"$0'*%&
$0*."3&4
7"3
*OJ[JP
*FSJ
BOOP
$IJV
€*FSJ
NJO€
NBY€
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 XXXGJOBO[BSFQVCCMJDBJU
DBQ
JONJM
EJ€
*-16/50
7FOEJUFTVMMFCBODIFTJTBMWBOP1PTUFFJMMVTTP
MILANO. Piazza Affari maglia nera in Europa perde l’1,1% per colpa di banche e assicurazioni. La
peggiore è stato Banco Bpm (-4,1%), seguita da
Bper (-2,7%), Unicredit (-2,5%), Mediobanca
(-1,8%) e Generali (-1,7%). Nell’industria rea-
5*50-0
$0/"'*13&45*50
$37"-5&--*/&4&
$3&%&.*-*"/0
$41
$5*#*01)"3."
%
%".*$0
%"%"
%".*"/*
%"/*&-*
%"/*&-*3/$
%"5"-0(*$
%&-0/()*
%&"$"1*5"%&-$-*."
%*"403*/
%*(*5"-#304
%."*-(3061
&
&%*40/3
&&.4
&*508&34
&-&/
&-*$"
&.",
&/"7
&/&&/&37*5
&/*
&13*$&
&3(
&3(:$"1*5"&413*/&5
&6,&%04
&6305&$)
&903
&913*7*"
'
'"-$,3&/&8"#-&4
'$"'*"5$)3:4-&3"65
'&33"(".0
'&33"3*
'*%*"
'*&3".*-"/0
'*-"
'*/$"/5*&3*
'*/&$0#"/,
'/.
'6--4*9
(
("#&55*13040-
("41-64
(&'3"/
(&/&3"-*
(&09
(&26*5:
(38"45&*5"-*"
(36110&%-&413&440
)
)&3"
*
$IJV
€*FSJ
*FSJ
7"3
*OJ[JP
BOOP
NJO€
NBY€
DBQ
JONJM
EJ€
'0/%*$0.6/*"1&35*4*$"7*5"-*"/*&-644&.#63()&4*%&-."3;0
5*50-*
5*50-0
7"-€ 7"-€ %JGG
PHHJ *FSJ NFTJ
5&-
"$0.&"".&3*$"" "$0.&"".&3*$"" "$0.&"".&3*$"2
"$0.&""4*"1"$" "$0.&""4*"1"$2 "$0.&""4*"1"$*'*$0" "$0.&"#3&7&5&3." "$0.&"#3&7&5&3." "$0.&"#3&7&5&3.2 "$0.&"&5'"55*70" "$0.&"&5'"55*70" "$0.&"&5'"55*702
"$0.&"&630##" "$0.&"&630##" "$0.&"&630##2 "$0.&"&6301"" "$0.&"&6301"" "$0.&"&6301"2 "$0.&"(-0#"-&"
"$0.&"(-0#"-&"
"$0.&"(-0#"-&2 "$0.&"*5"-*"" "$0.&"*5"-*"" "$0.&"*5"-*"2 "$0.&"-*26*%*5"" "$0.&"-*26*%*5"" "$0.&"-*26*%*5"2 "$0.&"1"&4*&."
"$0.&"1"&4*&."
"$0.&"1"&4*&.2 "$0.&"1"53"((3" "$0.&"1"53"((3" "$0.&"1"53%*/"." "$0.&"1"53%*/"." "$0.&"1"53136%" "$0.&"1"53136%" "$0.&"1"53"((32 "$0.&"1"53%*/".2 "$0.&"1"53136%2 "$0.&"1&3'03." "$0.&"1&3'03." "$0.&"1&3'03.2 5&-
"44&5"--0$"5*0/* '*/"/$*"-$3&%*5* '*/"/$*"-$3&%*53 '*/"/$*"-$3&%*53% '*/"/$*"-&26*5:* '*/"/$*"-*/$0.&* '*/"/$*"-*/$0.&3 5&-
"$5*7&%*4$07&3:'-&9 "$5*7&(-0#"-'-&9 "$5*7&*/$0.&'-&9 "$5*7&011035'-&9 "/*."".&3*$"# "/*."#-6&#":3&%%*50&." "/*."#-6&#":3&%%*50&.$-"% "/*."$&%"1 "/*."$&%"1** "/*."$&%"1*** "/*."$&%"1* "/*."$3&4$*5"*5"-*"" "/*."$3&4$*5"*5"-*""%
"/*."$3&4$*5"*5"-*""1 "/*."$3&4$*5"*5"-*"' "/*."&.&3(&/5*# "/*."&6301"#
"/*."&70-6;*0/&* "/*."&70-6;*0/&**
"/*."&70-6;*0/&** "/*."&70-6;*0/&*** "/*."&70-6;*0/&*7
"/*."&70-6;*0/&* "/*."&70-6;*0/&** "/*."&70-6;*0/&*** "/*."&70-6;*0/&*7
"/*."&70-6;*0/& "/*."&70-6;*0/&** "/*."&70-6;*0/&*** "/*."'*9&.&3(&/5*" "/*."'*9&.&3(&/5*: "/*."'*9&630" "/*."'*9&630: "/*."'*9)*():&-%: "/*."'*9)*():*&-%"
"/*."'*9*.13&4&" "/*."'*9*.13&4&:
"/*."'*9.0/&5"3*0* "/*."'*90##-#5 "/*."'*90##-#5: "/*."'*90##-(-0# "/*."'*90##-(-0#: "/*."'*90##-.-5 "/*."'*90##-.-5: "/*."'03;"" "/*."'03;"# "/*."'03;"#0/%: "/*."'03;"" "/*."'03;"# "/*."'03;": "/*."'03;"# "/*."'03;"$-" "/*."'03;"$-: "/*."'03;"# "/*."'03;"$-" "/*."'03;"$-: "/*."'03;"# "/*."'03;"$-" "/*."'03;"$-: 5*50-*
7"-€ 7"-€ %JGG
PHHJ *FSJ NFTJ
"/*."(&0".&3*$"" "/*."(&0".&3*$": "/*."(&0"4*"" "/*."(&0"4*": "/*."(&0&6301.*" "/*."(&0&6301.*: "/*."(&0&6301"" "/*."(&0&6301": "/*."(&0(-0#"-&" "/*."(&0(-0#"-&: "/*."(&0*5"-*"" "/*."(&0*5"-*": "/*."(&01"&4*&." "/*."(&01"&4*&.:
"/*."(-."$30%*7&34"
"/*."(-."$30%*7&34"% "/*."(-."$30%*7&34:%
"/*."(-0#."$30*/'-" "/*."(-0#."$30*/'-"% "/*."(-0#."$30*/'-' "/*."(-0#."$30453"5" "/*."(-0#."$30453"5' "/*."*/'-";*0/&" "/*."*/'-";*0/&"% "/*."*/'-";*0/&'
"/*."*/*;&6301"# "/*."*/*;*"5*7"*5"-*"" "/*."*/*;*"5*7"*5"-*""%
"/*."*/*;*"5*7"*5"-*":% "/*."*5"-*"# "/*."0##-$03103"5&"% "/*."0##-&.&3(&/5&"% "/*."0#*&55*70$&% "/*."1"$*'*$0# "/*."1035'0-*0".&3*$" "/*."1035'0-*0(-0#"-& "/*."13%*/".*$0 "/*."13%*/".*$0** "/*."13%*/".*$0*** "/*."13%*/".*$0.6"4 "/*."13'-&44*#*-& "/*."13'-&44*#*-& "/*."130(&63$&% "/*."130((-0#$&% "/*."130/50%&104*509
"/*."3&%%'-&44*#*-&"
"/*."3&%%'-&44*#*-&"% "/*."3&%%'-&44*#*-&' "/*."3&%%*50 "/*."3&%%*50** "/*."3&%%*50*** "/*."3&%%*50*74 "/*."3&%%*504 "/*."3&%%*50 "/*."3&%%*501*6 "/*."3&/%"44.0%&3"50" "/*."3&/%"44.0%&3"50: "/*."3&/%"440##-) "/*."3*4&37"%0--"30" "/*."3*4&37"%0--"30' "/*."3*4&37"%0--"30* "/*."3*4&37"&.&3(&/5&) "/*."3*41"3.*0" "/*."3*41"3.*0) "/*."3644&--.6-5*"44&5" "/*."3644&--.6-5*"44&5$-"% "/*."4&-%*/".** "/*."4&-%*/".*** "/*."4&-%*/".*7 "/*."4&-%*/".*$" "/*."4&-%*/".*$" "/*."4&-&$5*0/" "/*."4&-&$5*0/$-"% "/*."4'03;&4$0"% "/*."4'03;&4$01-64" "/*."4'03;&4$01-64"% "/*."4'03;&4$01-64' "/*."45"3*5"-50105:% "/*."453"5&63"-50105" "/*."453"5&63"-50105: "/*."453"5*5""-50105" "/*."453"5*5""-50105: "/*."47*-6110&6301" "/*."47*-6110(-0#"-& "/*."47*-6110(-0#"-& "/*."5"3(&5$&%0-" "/*."53*5"-105** "/*."53&6"-105** "/*."53&6"-105*** "/*."53*5"-105*** "/*."53$3&4045** "/*."53$3&44045 "/*."53"("-50105 "/*."53"(&6"-105 "/*."53"(*5""-105 "/*."53"(1-64** "/*."53"('-&9 "/*."53"('-&9** "/*."53"((-0#"-& "/*."53"((-0#"-&** "/*."53"(.6-5*"44
"/*."53"((-0#"-& "/*."53"($&%".&3*$" "/*."53"($&%&6301"
"/*."53"($3&*5"-*" "/*."53"(%*/".*$0 "/*."53"(&70-6;*
"/*."53"(1-64 "/*."53*$0-03&" "/*."7"-03&(-0#"-&# "/*."7*4$0/5&0"%
"/*."7*4$0/5&01-64" "/*."7*4$0/5&01-64"%
"/*."7*4$0/5&01-64' "/."$5*7&$633&/$:'-&9 "/."/*.""-50105(-0#' "/."/*.""-50105&/;*"-&(-0#"-&$-" "/."/*."".&3*$"$-" "/."/*."".&3*$"' "/."/*."$"11*Ä' "/."/*."$"11*Ä/ "/."/*."$"11*Ä' "/."/*."$"11*Ä/ "/."/*."$"1*51*Ä/ "/."/*."$"1*51*Ä' "/."/*."$"1*5"-&1*Ä$-" "/."/*."$"1*5"-&1*Ä$-" "/."/*."$"1*5"-&1*Ä$-" "/."/*."$"1*5"-&1*Ä0##$-"
"/."/*."&.&3(&/5*$-" "/."/*."&.&3(&/5*' "/."/*."&6301"$-" /1
5*50-*
7"-€ 7"-€ %JGG
PHHJ *FSJ NFTJ
"/."/*."&6301"' "/."/*."'0/%053"%*/($-" "/."/*."'0/%053"%*/(' "/."/*."*/*;*"5*7"&6' "/."/*."*/*;*"5*7"&6301"$-" "/."/*."*5"-*"$-" "/."/*."*5"-*"' "/."/*."-*2&630$-" "/."/*."-*2&630' "/."/*."-*26*%*5®&630$-* "/."/*."0#)*():*&-%"% "/."/*."0#)*():*&-%'
"/."/*."0##$03103' "/."/*."0##&.&3(' "/."/*."0##-&630$-"
"/."/*."0##-&630' "/."/*."0##-*(";):$-" "/."/*."0##-*(";*0/"3*0$03103"5&$-" "/."/*."0##-*(";*0/"3*0&.&3(&/5&$-" "/."/*."1"$*'*$0$-" "/."/*."1"$*'*$0' "/."/*."1*"/&5"$-" "/."/*."1*"/&5"'
"/."/*."3*4&37"&.&3$-" "/."/*."3*4&37"&.&3' "/."/*."3*4&37"(-0#$-" "/."/*."3*4&37"(-0#'
"/."/*."3*41"3.*0$-" "/."/*."3*41"3.*0' "/."/*."4"-7"%"/"*0$-" "/."/*."4"-7"%"/"*0' "/."/*."4'03;&4$0$-"
"/."/*."4'03;&4$0' "/."/*."53.$&%** "/."/*."53"($&% "/."/*."53"($&% "/."/*."53"($&% "/."/*."53"($&%** "/."/*."53"(.$&% "/."/*."53"($&% "/."/*."53"(5$&% "/."/*."53"(** "/."/*."53"(6"3%0 "/."/*."53*$0-03&$-" "/."/*."53*$0-03&' "/."/*."7"-03&(-0#' "/."/*."7"-03&(-0#"-&$-" "/."/*."7*4$0/5&0$-" "/."/*."7*4$0/5&0' "/.$"1*5"-&1*Ä0##-' "/.$"1*5"-&1*Ä0##-/ 5&-
";*.65%*/".*$0 ";*.653&%%*5064"
";*.654$6%0 ";*.6540-*%*5:
";*.6545353&/% ";*.6553&/% ";*.6553&/%".&3*$" ";*.6553&/%&6301"
";*.6553&/%*5"-*" ";*.6553&/%1"$*'*$0 ";*.6553&/%5"44* '03.6-""#40-65& '03.6-"5"3(&5 /1
/1
/1
5&-
1*0/&63(07#5&9.0/
$-" 1*0/&63(07#5# 1*0/&&3";$3&4$*5"$-"
1*0/&&3";"3&"1"$*'*$0$-" 1*0/&&3";7"-03&&63%*4$-" 1*0/&&3";".# 1*0/&&3";".$-" 1*0/&&3";"3&"1"$*'# 1*0/&&3";$3&4$*5"# 1*0/&&3";&6301"# 1*0/&&3";&6301"$-" 1*0/&&3";1"&4*&.# 1*0/&&3";1"&4*&.$-"
1*0/&&3";7"-&6301"%*4# 1*0/&&3&6(07.5%*4" 1*0/&&3&6(07.5%*4# 1*0/&&3*//07";"55# 1*0/&&3-*26*%*5"&630 1*0/&&30&630$&5%*4# 1*0/&&30&630$&5%*4$-" 1*0/&&30#$0".%*4" 1*0/&&30#$0".%*4# 1*0/&&30#1*6"%*453*##
1*0/&&30#4*45*5"-*"$-" 1*0/&&30#4*45*5"%*4# 1*0/&&30##(-0):%*4" 1*0/&&30##(-0):%*4#
1*0/&&30##&630%*4$-" 1*0/&&30##1"&4*&%*4#
1*0/&&30##1"&4*&%*4$-" 1*0/&&30##1*Ä%*4$-" 1*0/&&30##&630%*453# 1*0/&&33*41"3.*0*5"-*"" 1*0/&&33*41"3.*0*5"-*"#
1*0/&&35"3(&5$0/530--0# 1*0/&&35"3(&5$0/530--0$-" 6/*$3&%*5&$03&"-&" 6/*$3&%*5&$03&"-&# 6/*$3&%*53&%%*50"
6/*$3&%*53&%%*50# 6/*$3&%*540-1"&." 6/*$3&%*540-1"&.# 6/*$3&%*540-6;*0/&" 6/*$3&%*540-6;*0/&#
6/*$3&%*540-6;*0/&" 6/*$3&%*540-6;*0/&#
6/*$3&%*540-6;*0/&" 6/*$3&%*540-6;*0/&#
6/*$3&%*540-6;*0/&#5" 6/*$3&%*540-6;*0/&#5#
6/*$3&%*553&/%" 6/*$3&%*553&/%# lizzi anche su Buzzi (-2,4%), Leonardo (-2,2%)
e Fca che cede lo 0,9%, nel giorno delle nozze
tra Peugeot e Opel. In controtendenza invece
Poste (+4,6%) e il lusso di Ferragamo e Moncler, entrambe in rialzo di circa lo 0,8%.
5*50-0
$IJV
€*FSJ
*(3"/%*7*"((*
*(%
*-40-&03&
*."
*..4*
*/%6453*"&*//
*/5&,(3061
*/5&,(30613/$
*/5&316.1
*/5&4"4"/1"0-03/$
*/5&4"41"0-0
*/8*5
*3$&
*3&/
*4"(30
*4"(30";*0/*47*-6110
*58":
*5"-$&.&/5*
*5"-("4
*5"-*"0/-*/&
*5"-*"0/-*/&3/$
*5"-.0#*-*"3&
*74(3061
+
+67&/564'$
,
,3&/&3(:
-"%03*"
-"/%*3&/;0
-";*0
-&0/"3%0'*/.&$$"/*$" -69055*$"
-7&/563&(3061
.
.$
."*3&5&$/*.0/5
."33
."44*.0;"/&55*#&7&3"(&
.&%*"$0/5&$)
.&%*"4&5
.&%*0#"/$"
.&3*%*&
.*%*/%6453:$"1
.*55&
.0-.&%
.0/$-&3
.0/%"%03*
.0/%057
.0/3*'
.0/5&1"4$)*
.07*&."9
.656*0/-*/&
/
/*$&
/07"3&
0
0-*%"5"
01&/+0#.&5*4
074
*FSJ
7"3
*OJ[JP
BOOP
NJO€
NBY€
DBQ
JONJM
EJ€
$IJV
€*FSJ
1
#$"1410-&50
1"/"3*"(3061
1"3."-"5
1*"((*0
1*&33&
1*/*/'"3*/"
1*26"%30
10-*(34'"645*/0
10-*(3"'*$*&%*503*"-&
10140/%3*0
1045&*5"-*"/&
13&-*04
13&.6%"
13*."*/%6453*&
13:4.*"/
3
3%&.&%*$*
3"*8":
3"55*
3$4.&%*"(3061
3&$03%"5*
3&1-:
3&5&-*5
3*4"/".&/50
30444
4
4"#"'41"
4"&4
4"&43/$
4"'*-0(3061
4"*1&.
4"*1&.3*41
4"-*/**.13&(*-0
4"-*/**.13&(*-03/$
4"3"4
4"7&
4&37*;**5"-*"
4&4"
4*"4
4*/5&4*
4/"*
4/".
40(&'*
40
41"$&
45&'"/&
45&'"/&-3*41
45.*$30&
5
5".#63*
5"4
5&$)/0(:.
5&$/0*/7&45*.&/5*
5&-&$0.*5
5&-&$0.*53/$
5&/"3*4
5&3/"
5&3/*&/&3(*"
5&4.&$
5*4$"-*
50%4
504$"/""&301035*
53&7*'*/*/%
595&40-65*0/
6
6#*#"/$"
6/*$3&%*5
6/*$3&%*53*41
6/*10
6/*10-4"*
7
7"-40*"
7*"/*/*
7*5503*""44
:
:009/&5"1035&3(3061 ;
;*(/"(07&530
;6$$)*
;6$$)*3/$
7"3
*OJ[JP
*FSJ
BOOP
NJO€
NBY€
DBQ
JONJM
EJ€
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 -FUUFSF
$PNNFOUJ
*EFF
*OWFDF
$PODJUB
-FMFUUFSFEJ
$PSSBEP"VHJBT
*MMVPHP
EFMMFWPTUSFTUPSJF
$0/$*5"%&(3&(03*0
4DSJWPQFSDIÏOPONJIBVDDJTB
%BMMBMFUUFSBEJ4FSFOB(JPSEBOFMMJ
.BJM
1FSSBDDPOUBSF
MBWPTUSBTUPSJB
B$PODJUB
%F(SFHPSJP
TDSJWFUFB
DPODJUB
!SFQVCCMJDBJU
*WPTUSJ
DPNNFOUJFMF
WPTUSFMFUUFSFTV
JOWFDFDPODJUBJU
.
I CHIAMO Serena Giordanelli, ho due figli di
8 e 11 anni, se scrivo questa lettera è perché mio marito non mi ha ancora ammazzata. Ha promesso che lo farà, ha già ucciso
mia sorella Annalisa il 27 gennaio del 2016: l’ha strangolata e massacrata con un piede di porco perché la
considerava colpevole della nostra separazione. Ha
confessato, ora è in carcere ma vuole uccidere anche
me: mi ha scritto che me la farà pagare, le guardie
hanno trovato nella sua cella una lettera indirizzata a
una persona di sua fiducia. Dice: «Lei va a camminare
la mattina in direzione del porto, basta un colpo secco
alla testa, mi raccomando scegli delle persone fidate.
Se non l’ammazzi almeno mandala sulla sedia a rotelle, è l’unica cosa che può darmi un po’ di pace». Sono
laureata in lingue, insegnavo, vivevo in un paese vicino a Cosenza. Ora sono scappata in Umbria coi miei figli, vivo nascosta aiutata dai soldi di mia madre, 85 anni. Ho paura perché la corte di Assise di Cosenza gli ha
accordato il rito abbreviato.
Vorrebbero farlo passare per
incapace di intendere e di volere. Se mi ucciderà chi lo spiegherà ai miei figli?
La mia è una storia qualunque. Ho sposato Paolo, infermiere anestesista all’Ospedale di Cetraro, nel maggio
2004. Quasi subito mi sono accorta che beveva di nascosto.
Ho fatto di tutto per cercare di
farlo smettere. Ho sperato
che la nascita dei figli lo aiutasse, ma al contrario: ha iniziato
a fare uso di sostanze anestetiche (Midazolam) sottratte in
reparto. Ho combattuto da sola: per molto tempo non ho rivelato a nessuno la verità. Familiari e amici lo conoscevano
come un uomo cortese e generoso. Nel 2012 muore improvvisamente una delle mie tre
4FSFOBBEFTUSB
sorelle e il mio equilibrio vacilDPOMBTPSFMMB
la, inizio una psicoterapia.
"OOBMJTB
Realizzo come la mia situazioVDDJTBOFM
ne matrimoniale sia insostenibile. Ne parlo con mia sorella Annalisa che, da medico, penso possa aiutare me e magari anche lui.
Quando Paolo capisce che ho rivelato il suo “segreto” è l’inizio della fine. Mi minaccia di morte davanti
ai figli. Inizia a usare cocaina. Mi calunnia in pubblico:
dice che lo tradisco e che gli rubo soldi. Naturalmente
è falso. È lui a rubare 100mila euro in casa di mia madre. Lo denuncio. Nessuna indagine. Frantuma il parabrezza e svita i bulloni della mia auto, le videocamere
lo provano. Uccide mia sorella. Dopo due settimane
dall’omicidio mi viene bruciata l’auto. I carabinieri
pensano che sia qualche esponente della cosca mafiosa del mio paese, ma io so che il mandante è lui. Molti,
primi fra tutti i suoi familiari, si schierano dalla sua
parte contro di me, colpevole di averlo lasciato. Decido di trasferirmi per proteggere i figli: la più grande
ha capito, anche se non parla. Nell’udienza preliminare, novembre 2016, confessa giustificando l’omicidio
come un momento di follia dettato da alcool e cocaina.
Chiede il rito abbreviato per ottenere la perizia psichiatrica. La corte di Assise di Cosenza glielo accorda.
Resto senza parole. Ha lavorato nella sala operatoria
di un ospedale fino alle 14.30 e dopo un’ora ha ucciso.
Era pazzo quando lavorava? Quando commissionava
per scritto dal carcere il mio omicidio? In nome di mia
sorella uccisa, dei suoi due figli orfani, di tutte le donne che ogni giorno vengono ammazzate vi chiedo: aiutateci finchè siamo ancora vive, non ci piangete solo
da morte.
“
.JPNBSJUPIB
NBTTBDSBUPNJB
TPSFMMB0SBIBDIJFTUP
MBQFSJ[JBQTJDIJBUSJDB
&NJOBDDJBBODIFNF
”
DBVHJBT!SFQVCCMJDBJU
7JBHHJBNPOFMMF[POF
EFMUFSSFNPUP
-FUUFSF
7JB$SJTUPGPSP
$PMPNCP
3PNB
4JNPOFUUB4BDDBSEJ
"OHFMP(BSCFMMJ
Siamo due camperisti di Lodi,
che hanno deciso di trascorrere
le recenti giornate di Carnevale
nelle Marche. Con grande stupore e dispiacere abbiamo appreso
dai negozianti di Sassoferrato,
bellissimo paese in provincia di
Ancona, che il turismo nella regione è pressoché scomparso, anche dove il terremoto non ha colpito. Rivolgiamo un appello ai turisti italiani, affinché, con la loro
presenza, diano alle tre regioni
colpite un importante incoraggiamento e la sensazione che, dopo la crisi ed il sisma, le bellezze
dei loro luoghi e la cultura dell’ospitalità possano rappresentare
ancora una grande risorsa.
.BRVBMJEJSJUUJ
BDRVJTJUJ
.BVSP.BSUJOP
3PNB
A proposito dei presunti diritti acquisiti, riguardanti i vitalizi parlamentari, penso che davanti alla Consulta occorrerebbe richiamare la natura stessa del concetto di diritto, o scomodare l’articolo 3. Un diritto può evolvere nel
tempo se va a ledere altri diritti.
Oggi le pensioni retributive vanno a carico del bilancio dello Stato e sono pagate da coloro che lavoreranno di più con stipendi più
bassi e calcolo contributivo. Il loro impatto sul bilancio e le conseguenze finanziarie mettono addirittura a rischio la sostenibilità
delle stesse pensioni contributive. In tali condizioni non c’è da temere la Corte, occorre procedere, non solo per i parlamentari
ma per tutti quelli a sistema retributivo sopra una certa soglia (anche variabile in base all’età). Del
resto anche la riforma Dini nel
‘95 cambiò per sempre i diritti di
chi lavorava da meno di 18 anni.
'BY
*OUFSOFU
SVCSJDBMFUUFSF
!SFQVCCMJDBJU
/
8FMCZ'BCPFMB$IJFTBEFMMBNJTFSJDPSEJB
(
ENTILE Augias, nel dibattito sul fine vita, da lei affrontato in modo che
pienamente condivido, c’è un aspetto che non viene evidenziato e che
sospetto possa essere un argomento inconfessabile. Mi domando cioè
se dietro le posizioni proibizioniste di certa politica “moderata”, nascosta dalla posizione etica oltranzista di parte della Chiesa romana, non vi sia in
realtà un business che lucri sul mantenimento in vita dei malati terminali. Trovo un po’ vergognoso essere arrivato a pensare questo ma vedo che in taluni casi ci si accanisce troppo. Per esempio, impianti cardiaci in malati terminali il cui
unico scopo pare quello di lucrare sull’intervento prolungando senza scopo e
per poco la vita del paziente. So quanti affari si fanno sulla pelle dei malati in nome del profitto, e resto nel dubbio. Spero in cuor mio che si possa escludere un
motivo tanto abietto e senza speranza.
3BOEBMM)BSCSBOEBMMI!IPUNBJMJU
ESSUNO può escludere che l’orribile ipotesi
contenuta in questa lettera possa essersi
verificata in qualche caso. Nel nostro Paese la corruzione ha tale diffusione che pare aver
invaso qualunque aspetto della vita pubblica, nessuno escluso purtroppo. Escludo però nel modo
più deciso, per quanto mi consta, che i sospetti
del signor Harb siano la ragione della resistenza
di certi ambienti ecclesiastici ad un trattamento
di laica dignità per abbreviare sofferenze inutili.
Credo di vederne una conferma nel fatto che venerdì alle ore 19 i funerali del dj Fabiano Antoniani (Fabo) — suicidatosi in una struttura svizzera
— si svolgeranno a Milano nella parrocchia di
sant’Ildefonso (Piazzale Damiano Chiesa, 7).
Non sarà una messa ma un momento di raccoglimento e di preghiera al quale il cardinale Scola,
arcivescovo di Milano, ha dato il suo assenso. Ricordo bene, per essere stato presente, quando il
24 dicembre 2006 in un piazzale pieno di gente,
spazzato da un vento gelido, si celebrarono i funerali di Piergiorgio Welby davanti alle porte sbarrate di una chiesa. L’allora vicario cardinale Camillo
Ruini aveva negato le esequie in chiesa, con decisione spietata, nel timore che l’accoglienza fosse
interpretata come un cedimento dottrinale verso
un uomo totalmente paralizzato che aveva richiesto (e finalmente ottenuto) di essere lasciato morire. Il cardinale Ruini ammise poi apertamente
questa motivazione dichiarando che per la Chiesa «il suicidio è intrinsecamente negativo». Si concede il funerale religioso quando si presuppone
che sia mancata «la piena avvertenza e il deliberato consenso. [...] Nel caso di Welby era molto difficile, del tutto arbitrario e anche irrispettoso verso di lui dire questo». Concedere il funerale religioso sarebbe stato come dire che il suicidio era ammesso. Il cardinale Ruini obbedì dunque ad una visione restrittiva della sua dottrina mentre oggi il
cardinale Scola segue un’interpretazione meno
rigida e, se posso dirlo, più umana. Sembra chiaro
che il cambiamento, una decina d’anni dopo, si
debba all’insegnamento di papa Francesco centrato tutto sulla “misericordia”. Che cosa c’è di
più misericordioso che aiutare a morire un essere
umano che dice basta ad una vita di sofferenza?
-BEVSF[[BEJ&SEPHBO *MQSPUFUUPSF
FMBUJNJEB&VSPQB
EFHMJJUBMJBOJ
Ma è meglio che qualcuno ci prenda sotto le proprie ali protettive.
-BTFEFJEFBMF
QFSJMDFOUSPNFUFP
$IJBSB(POOFMMB
.BSJB$IJBSB5BTDJPUUJ
Sono sorpresa dalla durezza delle dichiarazioni di Erdogan. Il leader turco è arrivato ad accusare
la Germania di atteggiamenti nazisti. Eppure, nei confronti
dell’uomo forte di Ankara — già
responsabile di arresti indiscriminati, in particolare nei confronti di giornalisti — arrivano solo mezze frasi e risposte impacciate. Quanto pesa su questa timidezza il fattore migranti? E quanto l’Europa subirà ancora questo
ricatto?
L’Italia è il Paese dove devi avere
un protettore. Perfino per prenotare un ristorante, se si conosce è
meglio. Per parcheggiare, se si
conosce ti fanno lasciare la macchina messa così. Per prenotare
una visita medica, se si conosce
l’appuntamento te lo danno prima. Poco importa se la priorità la
tolgono ad una persona che sta
davvero male. Ma è sul lavoro
che questo sistema ci colpisce
sempre. Possiamo studiare, specializzarci, lavorare allo stremo.
%JDPTBTJQBSMBB
)JMEB$BSS
1PSUBWPDF&DNXG
Riguardo all’articolo sul supercomputer del meteo pubblicato il 4 marzo, Florence Rabier, direttrice
dell’Ecmwf, precisa che nell’intervista a Giuliano Aluffi non ha menzionato le città indicate come candidate alternative a Bologna, per la sede
del datacenter. L’indicazione delle
nazioni è corretta, quella delle città
non lo è.
.PTDB
$BSBDPMMFHBRVBOUPNJDPTUJ
304"-#"$"45&--&55*
j$
OSA regaliamo? Quanti soldi mettiamo? Chi fa cosa?».
Da giorni negli uffici russi è tutto un bisbigliare e uno
scambio convulso di email. Decretata festa nazionale
nel 1965, come ogni ricorrenza russa che si rispetti anche l’8 marzo comporta una serie di regole non scritte. Numero uno: l’acquisto di un regalo per tutte le donne dell’ufficio. Numero due: l’organizzazione di un rinfresco. Il tutto anticipato a oggi visto che domani, appunto, non si lavora. Pochi giorni prima inizia il “brainstorming” di idee. Con tanto di fogli di calcolo. A seconda del numero di colleghe, “l’operazione 8 marzo” può arrivare a costare
parecchie centinaia di euro. La cucina — ogni ufficio russo ne ha
una — diventa il covo di riunioni carbonare: «Fiori e cioccolatini?
Non sarà poco?». Molto dipende da quel che le donne hanno escogitato a loro volta per il 23 febbraio, Giornata dei difensori della
Patria, dedicata a coloro che hanno prestato servizio nell’esercito, negli anni diventata più genericamente la Festa degli uomini.
In quell’occasione sono le donne a fare i regali agli uomini, anzi a
trattarli come dei re. Ma se il 23 febbraio non hai pensato in grande, si dicono le donne, non aspettarti un granché. Anna non si fa
illusioni anche se, con le colleghe, il 23 febbraio ha prenotato un
pomeriggio in una banja, tipica sauna russa, per i maschi dell’ufficio: «Di solito gli uomini se la cavano con tre tulipani a testa, per
di più mezzi appassiti». Chissà che oggi non venga sorpresa.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
%JSF[JPOF
.BSJP$BMBCSFTJ%*3&5503&3&410/4"#*-&
'0/%"503&&6(&/*04$"-'"3*
7*$&%*3&5503*'BCJP#PHP%BSJP$SFTUP%JOB
(JBOMVDB%J'FP
"OHFMP3JOBMEJ"35%*3&$503
(JVTFQQF4NPSUP
$"103&%"5503&$&/53"-&$MBVEJP5JUP
$"103&%"5503&7*$"3*04UFGBOJB"MPJB
(SVQQP&EJUPSJBMF-&TQSFTTP4QB
$0/4*(-*0%*"..*/*453";*0/&
13&4*%&/5&$BSMP%F#FOFEFUUJ
"..*/*453"503&%&-&("50.POJDB.POEBSEJOJ
%JSFUUPSJDFOUSBMJ
1JFSBOHFMP$BMFHBSJ130%6;*0/&&4*45&.**/'03."5*$*
4UFGBOP.JHOBOFHP3&-";*0/*&45&3/&
3PCFSUP.PSP3*4034&6."/&
$FSUJGJDBUP"%4O
EFM
$0/4*(-*&3*.BTTJNP#FMDSFEJ"HBS#SVHJBWJOJ
%JWJTJPOF4UBNQB/B[JPOBMF
3&410/4"#*-&%&-53"55".&/50%"5*%-(4/
."3*0$"-"#3&4*3&(*453";*0/&53*#6/"-&%*30."/
%&-
-BUJSBUVSBEFiMB3FQVCCMJDBwEJMVOFEÖ
NBS[PÒTUBUBEJDPQJF
$PEJDF*44/POMJOF
"MCFSUP$MÛ3PEPMGP%F#FOFEFUUJ
'SBODFTDP%JOJ4JMWJB.FSMP&MJTBCFUUB0MJWFSJ
-VDB1BSBWJDJOJ$SFTQJ.JDIBFM;BPVJ
7*"$3*450'030$0-0.#030."
%*3&5503&(&/&3"-&$PSSBEP$PSSBEJ
7*$&%*3&5503&(JPSHJP.BSUFMMJ
3&%";*0/&$&/53"-&30."7*"$3*450'030$0-0.#05&- ■3&%";*0/&.*-"/07*"/&37&4"5&-■3&%";*0/&503*/07*"#36/0#60;;*5&-■3&%";*0/&#0-0(/"7*"-&4*-7"/*5&-■3&%";*0/&'*3&/;&7*""-'0/40-"."3.03"UFM■3&%";*0/&/"10-*3*7*&3"%*$)*"*"
5&-■3&%";*0/&(&/07"1*";;"1*$$"1*&53"5&-■3&%";*0/&1"-&3.07*"13*/$*1&%*#&-.0/5&$5&-■3&%";*0/&#"3*$03407*5503*0&."/6&-&**5&-■16##-*$*5®"."/;0/*$7*"/&37&4".*-"/045".1"&%*;*0/*5&-&53"4.&44&■#"3*%&%"-0-*5045".1"43-7*"4"7&3*0
.*-&--" ■$"5"/*"&5*441";0/"*/%6453*"-&7***453"%"■-*703/03050$0-0341"7*"%&--"35*(*"/"50■."/507"3050$0-0341"7*"('-6$$)*/*■1"%&3/0%6(/"/0.*
3050$0-0341"7*"/";"3*04"630■1"%07"3050$0-0341"7*"-&%&--"/"7*(";*0/&*/5&3/"■30."3050$0-0341"7*"%&-$"4"-$"7"--"3*■4"44"3*3050$0-0341"
;0/"*/%6453*"-&13&%%"/*&%%"/03%453"%"/4/$■(044&-*&4#&-(*0
&63013*/5&34""7&/6&+&"/.&3.0;■."-5".*--&3/&8413*/5-*.*5&%.*--&3)064&"*310358":5"39*&/30"%-62"-2"■(3&$*".*-,30%*(*5"-)&--"4-5%)&1)"&4506453&&5,0301*(3&&$&■"##0/".&/5**5"-*"$$1/30."
■"//0$0/4%&$&/1045"
&630
4&55&/6.&3*
&630■4&*/6.&3*
&630$*/26&/6.&3*
5&-%"5&-&'0/*16##-*$*0$&--6-"3*
&."*-"##0/".&/5*!3&16##-*$"*5"33&53"5*&4&37*;*0$-*&/5*8884&37*;*0$-*&/5*3&16##-*$"*5&."*-4&37*;*0$-*&/5*!3&16##-*$"*55&-%"5&-&'0/*16##-*$*0$&--6-"3*
(-*03"3*40/0%"--6/&%¹"-7&/&3%¹*-
$0450."44*.0%&--"5&-&'0/"5"%"3&5&'*44"μ%*$&/5"-.*/650$&/5%*&630"--"3*41045"*7"*/$-64"
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 -FUUFSF
$PNNFOUJ
*EFF
60.*/*&$"103"-*/&--"16(-*"$)&#36$*"
*-3"550%&6301"
-"1"35*5"
%&--"#3&9*5
«SEGUE DALLA PRIMA PAGINA
30#&3504"7*"/0
/
muoiono due immigrati, Mamadou Konate e
Nouhou Doumbia, di 33 e 36
anni. Erano fuggiti dal Mali.
Le prime ipotesi riguardo all’incendio
hanno tutto il sapore del più anacronistico negazionismo. Le stufe con cui
gli immigrati si riscaldavano sarebbero colpevoli della tragedia. A questa
notizia la politica, quella locale e miope e quella nazionale e distante, tira
un sospiro di sollievo e commenta:
“Colpa loro, se avessero accettato di lasciare la baraccopoli ora sarebbero vivi”. Vivi sì, ma comunque schiavi. La
politica, quella che è sempre pronta a
smarcarsi, a dire io non c’ero e se c’ero
nulla ho visto, non ha fatto i conti con
il risvolto delle indagini secondo le
quali, a quanto pare, l’incendio sarebbe invece di origine dolosa, quindi
una cosa possiamo dirla: i due immigrati maliani sono morti e non per colpa loro, ma per volontà di altri.
C’è di più: ciò che a noi sembra un
controsenso è invece un comportamento dettato da necessità. Perché —
molti italiani si saranno chiesti —
avendo la possibilità di spostarsi in appartamenti messi a disposizione dalla
Regione Puglia, dal Comune di San Severo e dalla Caritas gli immigrati
avrebbero preferito rimanere nella baraccopoli? Lo spiega bene don Andrea
Pupilla, direttore della Caritas diocesana di San Severo: «Il loro bisogno
più grande è il lavoro e lì lo trovano tramite i caporali». Quella campagna,
meravigliosa e dannata, gli immigrati
non volevano lasciarla perché è lì che i
caporali li arruolano per il lavoro nei
campi. È lì che loro possono mantenere il lavoro. Durissimo, malpagato, degradante, ma lavoro. E il lavoro è ciò di
cui quelle persone hanno bisogno più
di ogni altra cosa. Con la crisi occupazionale che sta vivendo il nostro Paese
da decenni, la perdita del lavoro è una
tragedia che gli italiani possono capire, senza ulteriori spiegazioni.
Ma don Andrea Pupilla aggiunge
un commento difficile da metabolizzare: «Questa è una sconfitta per tutti
perché vuol dire che i caporali sono capaci di dare più lavoro rispetto alla società». E dire caporali, significa criminalità organizzata. Significa dire, come per decenni abbiamo detto riguardo alla Campania, che la criminalità
EL ROGO
organizzata, in alcune regioni del nostro Paese, è welfare dove lo Stato colpevolmente manca.
Ed è qui il cortocircuito: una prassi
che esiste, che è rodata, ma di cui non
si parla in una regione preda di organizzazioni criminali efferate, ma che
viene raccontata come un’oasi del turismo, come un luogo che ha saputo
non piegarsi al commerciale. È ora di
aprire gli occhi: la Puglia è isolata, e siccome è isolata, è anche sola. Nella settimana che ha preceduto il mio arrivo
è stato assaltato un treno a Cerignola,
in piena campagna, costretto a fermarsi per un’auto posta sui binari e data alle fiamme. L’auto era stata rubata a Manfredonia. Qualche giorno prima era stato assaltato un pullman diretto a Roma e i passeggeri rapinati.
Quattro uomini armati e incappucciati hanno minacciato e rapinato 70 passeggeri. Non abbiamo sentito Matteo
Salvini urlare indignato, come è accaduto per il traghetto Cagliari-Napoli,
perché in quella circostanza i criminali erano italianissimi. E poi ancora rapinata una guardia giurata, mentre consegnava settantacinquemila euro a
un corriere.
A Foggia ho trovato un clima da “assalto alla diligenza” e lo sconforto più
totale per la mancanza di attenzione.
Era necessaria la tragedia per obbligarci a parlarne: ovvero due ragazzi
morti nella baraccopoli e poi i colpi di
arma da fuoco a San Severo, esplosi
contro due automezzi della polizia del
Reparto Prevenzione Crimine, in città
per seguire le operazioni dello sgombero dei migranti dal Gran Ghetto.
Due morti e la sfida: andate via, qui comandiamo noi. Qui abbiamo noi diritto di vita e di morte sui migranti. Questa terra è roba nostra.
La criminalità cresce quando è lontana dai riflettori. Cresce quando la
prima ipotesi per spiegare un atto criminale è dire che si tratta di un atto
isolato, di criminali non organizzati
che agiscono da soli. Quando non si riesce a leggere un quadro che nel suo
complesso è chiarissimo. Quando si fa
di tutto per difendere quella che ci
hanno abituati a chiamare “onorabilità” di un territorio, come se in presenza di organizzazioni criminali quello
stesso territorio perdesse ogni gloria
e ogni onore. Oggi l’attenzione verso
la Puglia deve essere massima, perché non le capiti ciò che Campania e Sicilia hanno vissuto negli anni Ottanta.
Tutto era palese, ma per paura di non
riuscire a fronteggiare l’emergenza
#6$$)*
criminalità, per paura di compromettere il turismo, per paura di mandare
in rovina carriere politiche, per paura
mista a collusioni di sorta, non fu possibile a lungo un racconto onesto del territorio.
Nel 2008 Alessandro Leogrande
scrive 6PNJOJFDBQPSBMJ7JBHHJPUSBJ
OVPWJ TDIJBWJ OFMMF DBNQBHOF EFM 4VE, un libro fondamentale in cui racconta di come il Tavoliere delle Puglie, ogni estate, si riempia di immigrati provenienti dall’Africa e dall’Europa dell’Est, impegnati nella raccolta dei pomodori. I nuovi schiavi che vivono in casolari diroccati, in baraccopoli o dove capita, condizioni igieniche atroci, lavoro massacrante e salari da fame, sono vittime dei caporali,
vera piaga della Puglia. Legati a doppio filo alle organizzazioni criminali.
Anni fa raccontai in televisione la storia di Yvan Sagnet, un ragazzo venuto
in Italia dal Camerun per studiare ingegneria al Politecnico di Torino.
Yvan, classe ‘85, fu tra i promotori di
una rivolta nelle campagne salentine
di Nardò. Era arrivato in Puglia ai primi di luglio del 2011. Aveva bisogno
di lavorare in estate perché i soldi della borsa di studio non bastavano. Alcuni amici di Torino gli raccontarono
che al Sud poteva andare a lavorare
per la raccolta del pomodoro. Yvan trovò condizioni di vita e lavorative che
definirle degradanti sarebbe un eufemismo. Tutti possiamo leggere il racconto della rivolta di Nardò nel libro
"NBJMUVPTPHOP. Sagnet ci racconta
dei maltrattamenti a cui sono sottoposti i lavoratori, anche diciotto ore consecutive a lavorare e molte sotto il sole cocente. Chi sviene non è assistito,
se vuole raggiungere l’ospedale deve
pagare il trasporto ai caporali. Quel lavoro costa poco, appena 4 euro a cassone, un cassone è una tonnellata e per
riempirlo ci vuole molto tempo. Quando però ai braccianti viene chiesto di
riempire i cassoni con pomodori selezionati, raddoppiando la fatica, ma allo stesso prezzo, Yvan e gli altri suoi
colleghi si sollevano. Il sistema dei
campi di lavoro è appositamente studiato per togliere ai braccianti anche
l’ultimo scampolo di umanità, umanità che noi dobbiamo presidiare, raccontando.
democrazie. Di concerto con Mosca e
Teheran, sta promuovendo una spartizione della Siria in zone d’influenza, e
cerca di favorire l’uscita degli Usa dall’Iraq nell’intento riconquistare il Kurdistan. E al tempo stesso strumentalizza i
rifugiati per esercitare pressioni sull’Unione Europea, e soprattutto sulla Germania.
A fronte della triplice rottura — con
la democrazia, l’Occidente e la modernità — da parte della Turchia di Erdogan,
è imperativo fare chiarezza sul suo status rispetto alla Nato, e soprattutto alle
istituzioni europee. La posizione strategica di questo Paese, il suo ruolo chiave
in Medio Oriente e la sua economia
emergente giustificano un partenariato volto a gestire interessi convergenti.
L’accoglienza dei rifugiati deve comportare i conseguenti aiuti finanziari. D’altra parte, l’Europa non può non prendere atto del venir meno di una comunità
di destino e di valori con la Turchia, interrompendo di conseguenza il processo di adesione all’Unione, e sospendendo la partecipazione di Ankara al Consiglio d’Europa. Tra democrazia e democratura islamica è necessario scegliere.
-BVUPSFÒFEJUPSJBMJTUB
EFMRVPUJEJBOPGSBODFTF-F'JHBSP
5SBEV[JPOFEJ&MJTBCFUUB)PSWBU
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
563$)*"6/"%&.0$3"563"*4-".*$"
/*$0-"4#"7&3&;
"
fallito colpo
di stato militare del 15 luglio
2016, Recep Erdogan ha indetto per il prossimo 16 aprile un
referendum finalizzato a ridisegnare la
Costituzione turca per instaurare un
nuovo regime iper-presidenziale, che
consegnerà tutti i poteri al capo dello
Stato. Il presidente potrà legiferare per
decreto, decidere il bilancio, proclamare lo stato d’emergenza e nominare tutte le cariche dello Stato, compresi i ma-
gistrati; sarà inoltre capo delle forze armate e dei servizi segreti e assumerà la
direzione dell’Akp. La nuova Costituzione sopprime ogni contropotere: i ministri dovranno rispondere solo al presidente, e il parlamento sarà ridotto a
semplice camera di registrazione. La
giustizia e la Corte costituzionale saranno private di ogni residuo d’indipendenza.
Nel complesso, oltre ad abolire la democrazia, la nuova Costituzione cancellerà gli stessi principi sulla cui base Mustafa Kemal aveva rifondato, nel 1923,
la Turchia moderna: la laicità, la separazione dei poteri politico e religioso. Si
creerà così una democratura islamica,
che avrà per simbolo lo stravagante palazzo presidenziale, costato più di 600
milioni di dollari, che Recep Erdogan
ha fatto costruire ad Ankara per celebrare la propria gloria.
Il colpo di stato legale ha avuto inizio
all’indomani stesso del tentativo di putsch. L’instaurazione dello stato d’emergenza permanente ha trasferito i
poteri al presidente. Tucidide l’aveva
detto: «È nella natura dell’uomo voler
estendere il proprio potere ovunque
non trovi resistenza». Di fatto, Erdogan
ha intrapreso la distruzione sistematica di qualunque persona, impresa o istituzione suscettibile di resistergli. Più di
45mila persone sono state incarcerate
nel più totale arbitrio. Il governo ha fatto licenziare 130mila funzionari e ordinato la chiusura di 2.100 scuole o università e di 149 media. Il sistema scolastico, i media e le reti sociali subiscono
un regime di censura che non ha risparmiato neppure il Premio Nobel per la
letteratura Orhan Pamuk. In campo
economico, circa 10 miliardi di dollari
di attivi sono stati confiscati e affidati a
oligarchi vicini al presidente, mentre le
partecipazioni alle società quotate sono state trasferite d’autorità ai fondi so-
vrani per finanziare i grandi lavori voluti dal Capo dello Stato.
Di fatto, la Turchia presenta tutti i
tratti della democratura, secondo il modello elaborato da Vladimir Putin: accentramento di tutti i poteri nelle mani
di un uomo forte, oggetto di culto della
personalità; fusione tra Stato, partito
dominante, forze armate e servizi segreti; controllo dell’economia da parte
di oligarchi personalmente legati al Capo dello Stato. La società è setacciata e i
media messi al passo, nel contesto di
una gigantesca azione di propaganda
che esalta il nazionalismo e la religione
(sunnita). Il clima è di guerra civile
all’interno e di espansione imperiale
verso l’esterno, con l’operazione “Scudo dell’Eufrate” in Siria e la mobilitazione delle masse contro l’Occidente.
L’avvento di questa democratura ha
conseguenze di grande rilievo non solo
per la Turchia, ma per l’intero sistema
internazionale. L’economia, che si è isolata, è in caduta libera. Al tempo stesso
è venuta meno la pace civile, con la divisione e polarizzazione del Paese e il moltiplicarsi degli attentati islamisti e la ripresa da parte di Ankara delle azioni armate contro i curdi. Sul piano internazionale, la Turchia partecipa all’azione
dispiegata dalla Russia per la creazione
di una lega delle democrature contro le
6
N SENTIMENTO di forte presunzione nella propria superiorità è caratteristica
storica del popolo britannico. Senza questa fiducia in se stessi
gli inglesi non avrebbero superato
trionfalmente la prova tremenda
dell’isolamento in cui si trovarono
nei primi anni della Seconda guerra
mondiale. Un precedente che può
spiegare perché anche l’attuale premier, Theresa May, intenda collocare nel solco di questa tradizione il
suo approccio al complesso negoziato sull’uscita di Londra dall’Unione
europea. Partendo, in sostanza, dal
presupposto che dalla Brexit abbia
più da perdere il resto d’Europa che
non il Regno Unito. Solo che simile
convinzione, infondata nei fatti e
nelle cifre, sta spingendo l’inquilina
di Downing Street a muoversi come
una giocatrice di poker costretta a rilanciare un bluff dopo l’altro in una
sfida sempre più azzardata.
Anche perché dall’altro lato del tavolo — a Bruxelles e nelle capitali europee — si è scelto di giocare la partita non con le regole del poker ma degli scacchi. Le prime mosse di Londra per rompere il
fronte europeo attraverso contatti
bilaterali
con
alcuni
Paesi sono state respinte al
mittente e a
Bruxelles si è deciso di affidare la
trattativa a un negoziatore unico come il francese Michel Barnier che gode del sostegno del suo Paese ma anche di Roma e Berlino. Da dove sono
stati lanciati a May gli altolà più radicali e da voci pesanti come quella
dell’inflessibile
'JOBO[NJOJTUFS
Schäuble. Il messaggio è chiaro: Londra si tolga dalla testa che ci possa
essere un altro Blücher disposto a
portare forze prussiane in aiuto agli
inglesi come a Waterloo.
Ciò che a Downing Street si stenta a capire, forse a causa dell’innata
alterigia, è un punto cruciale: per i
maggiori soci dell’Europa la partita
della Brexit non riguarda solo Londra ma l’impianto stesso dell’Unione. Ogni concessione che venisse fatta alle pretese di uno statuto specialissimo a vantaggio dei britannici
avrebbe un effetto deflagrante su
un tessuto unitario seriamente indebolito dalle tentazioni sovraniste
che agitano diversi Paesi. Già i privilegi elargiti al governo Cameron nella speranza di scongiurare un voto a
favore della Brexit avevano suscitato diffusi malumori e rinnovate tensioni centrifughe. Figuriamoci quale impatto rovinoso avrebbe un accordo che suonasse come un premio
a chi abbandona l’Unione.
Theresa May può continuare con
il suo poker, ma gli interlocutori europei hanno più di una ragione per
insistere nella loro partita a scacchi.
La tattica dei rilanci da parte di Londra ha comunque il fiato corto anche perché il tentativo di dividere il
campo della controparte fallito dagli inglesi potrebbe invece riuscire
ai negoziatori europei. Fra i nodi da
sciogliere c’è quello dei circa 60 miliardi che il Regno Unito dovrebbe
versare a Bruxelles in forza dei suoi
impegni pregressi. Somma imponente che per la Scozia e l’Irlanda
del Nord potrebbe diventare un potente incentivo a farsi da parte e
rompere l’unione del Regno per restare nell’Unione europea. Sarebbe
la classica mossa del cavallo che rimetterebbe tutto in discussione. A
cominciare da quella presunzione di
eccezionalità britannica così preziosa per tutti in certi passaggi della
storia ma anche così infausta quando è fine a se stessa.
-&55&3"%"--&6301"-&'*("30
PPROFITTANDO del
."44*.03*7"
."35&%¹ ."3;0 -"4503*"
2VBOEP1FDIJOP
OFHMJ"OOJ
CBMMBWBMBTFSB
TVMMB5JBOBONFO
3&/"5"1*46
'050(3"'*&%*$"*0."3*0("336##"
4
ONO documenti di appena ieri, i volti dei cinesi ri-
tratti in queste immagini di un grande fotografo
italiano, Caio Mario Garrubba che nel 1959 fu
tra i pochi occidentali ai quali era stata concessa
licenza di rappresentare un paese che ancora soffriva dei
postumi del Grande Balzo in Avanti: mai prima d’ora però erano stati impressi su carta, stampati. Certo, il volto
di Mao Zedong era già un’icona della Nuova Cina ma non
l’unica, lo sarebbe diventato poco dopo, nel 1966, quando scoppiò la Grande Rivoluzione Culturale Proletaria.
Questo Mao di Garrubba, colto con un potente teleobiettivo, ha un’aria mite, affabile, non è ancora il Grande Timoniere.
Si capisce che è stato colto di sorpresa, fatto che all’epoca non era ancora considerato atto di lesa maestà. Invece
i volti dei giovanissimi che appaiono in queste foto sono
risorti come fantasmi dagli archivi di Garruba che li aveva forse dimenticati dando la preferenza ad altre immagini che gli sembravano più significative: o in attesa di
un’occasione come la mostra di Brescia, quasi per la maggioranza foto inedite della vita quotidiana nella Cina di
sessanta anni orsono.
Allora in Cina, per le grandi celebrazioni del Primo Ot*ONPTUSBB#SFTDJBTDFOF tobre, la sera si ballava in
piazza Tiananmen, dopo fu
EJWJUBDJOFTFBJUFNQJ
Allora gli uomini balJODVJ.BPBWFWBBODPSB proibito.
lavano tra di loro, come il maVOBSJBNJUFFBGGJEBCJMF
rinaio con quello che si direbbe uno studente, e le donne
con le donne, come si accingono a fare le due ragazze di un’altra foto, tutti troppo timidi per tentare approcci con l’altro sesso .
Pensare che potrebbero essere i nonni o i genitori dei
ragazzi che oggi si scatenano nelle discoteche di Pechino
o di Shanghai o di qualsiasi altra città del paese che ha subito la più grande mutazione che la storia rabbia mai registrato.
È stravolto il panorama cittadino, ingorghi da incubo
nelle strade; pensare che ieri frusciavano silenziose migliaia di pesanti biciclette e le rare automobili che passavano avevano i finestrini oscurati da tendine ricamate
per nascondere l’identità di chi le occupava.
Immaginarsi adesso una Porsche o una Audi con le tendine… Erano ancora lontani i tempi in cui un Deng Xiaoping avrebbe dichiarato - a segnare l’inizio della conversione al capitalismo del 1979 - che “Arricchirsi è glorioso!”. E la macchina ce l’avevano ancora in pochi. Oggi sono in tanti e chi possiede un’auto di lusso ci tiene, eccome, a farsi vedere.
La grande mutazione sembra però esser stata anche
genetica, come se per un’accelerazione della darwiniana
lotta per la sopravvivenza, l’avessero avuta vinta i più individualisti, o per meglio dire menefreghisti, i più arroganti e scanzonati, alla faccia dei timidi e ritrosi. I soldatini dell’ Esercito Popolare allora facevano la calza, andavano in libera uscita tenendosi per mano e tutte le ragazze
avevano le trecce.
A teatro si rappresentavano ancora Opere di Pechino
con gli attori dal viso dipinto, come quello della foto che si
sta truccando, poi vennero definiti Mostri feudali e cacciati dal palcoscenico, per volere della moglie di Mao. Oggi il repertorio classico viene riproposto, ma chi ha voglia
di passare una serata a vedere un’opera tradizionale? Meglio un salto in discoteca.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
."35&%¹ ."3;0 *-'050(3"'0
i*DJOFTJOFMuÍMBNPTUSBEFEJDBUBBMMBWPSP
EJ$BJP.BSJP(BSSVCCBGPUPHSBGPOBUPB/BQPMJOFMFNPSUP
OFMB4QPMFUPEPWFIBWJTTVUPQFSNPMUPUFNQP$PMMBCPSBUPSF
EFMM&TQSFTTPEJ-JGFF%FS4QJFHFMOFMÍVOPEFJQPDIJJOTJFNF
B)FOSJ$BSUJFS#SFTTPOBEFTTFSFBNNFTTPOFMMB$JOBEJ.BPFB
SBDDPOUBSFMBWJUBRVPUJEJBOBFJHJPSOJEFMMBSJWPMV[JPOFDVMUVSBMF
*-'&45*7"-
-BNPTUSBEJ(BSSVCCBTPQSB.BP5TFUVOHFMFGFTUFEFJHJPWBOJ
B5JBOBONFOOFMMBQBHJOBBTJOJTUSBVOSJUSBUUPEJ.BSYB1FDIJOP
BQSFPHHJBM.B$PG$FOUSPJUBMJBOPEJGPUPHSBGJBOFMMBNCJUPEFM
#SFTDJB1IPUP'FTUJWBM*MUFNBEFMMBQSJNBFEJ[JPOFEFMMBSBTTFHOB
Íi1FPQMFuWJBHHJPEFEJDBUPBMSBDDPOUPFBMMBSBQQSFTFOUB[JPOFEFMMB
DPNVOJUÆVNBOB5SBMFNPTUSFBODIFi-FHHFSFuEJ4UFWF.D$VSSZ
COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI
PROVINCIA DI NAPOLI
III Settore - Pianificazione urbanistica e lavori pubblici
SERVIZIO ESPROPRI
ESTRATTO AVVISO PUBBLICO
Lavori di completamento sistemazione idraulica comparto strada statale 7
bis / Via Vecchia Nazionale delle Puglie / Via Arcadia - Riqualificazione strada di collegamento Via Vecchia Nazionale delle Puglie / Via Brunelleschi.
Avviso pubblico di Procedimento per l’Apposizione del vincolo preordinato
all’esproprio. Art. 11 D.P.R. 327/2001 e s.m.i.
Si avvisa che sul BURC del 06/03/2017 sarà pubblicato l’elenco completo delle ditte espropriande e i relativi dati anagrafici e catastali dell’intervento.
Ai sensi dell’8 della L. 241/1990 si forniscono le seguenti precisazioni:
- Responsabile Unico del Procedimento ai sensi dell’art. 10 D.Lgs. 163/2006: dott.
Ing. Giuseppe Caruso
- Gli atti tecnici sono depositati, nei giorni feriali, presso il Servizio Segreteria
AA.GG. del Comune di Casalnuovo di Napoli e, nei giorni prefestivi e festivi, presso il Locale Comando di Polizia Municipale, alla libera visione del Pubblico per 30
giorni consecutivi (art. 4 c. 2 del Regolamento Regionale n. 5/2011), decorrenti
dalla data di pubblicazione, nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 17,00 alle ore 18,30.
Le osservazioni devono essere indirizzate al Responsabile Unico del Procedimento, dott. ing. Giuseppe Caruso e inviate esclusivamente al Protocollo Generale del
Comune di Casalnuovo di Napoli - Piazza Municipio, 1.
Il Responsabile Unico del Procedimento
Il dirigente
Dott. Ing. Giuseppe Caruso
Dott. Ing. Giuseppe Savoia
SISTEMI TERRITORIALI S.p.A.
P.zza Zanellato, 5 - 35131 Padova tel. +39 049774999 - fax +39 049774399
sito internet: www.sistemiterritorialispa.it
ESTRATTO AVVISO DI AGGIUDICAZIONE DI APPALTO SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ
Sistemi Territoriali S.p.A. ha aggiudicato la procedura negoziata senza previa indizione di gara
ai sensi dell’art. 125 punto 1 lett. c - n. 3 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i. per l’affidamento
dell’appalto “Manutenzione straordinaria in regime di full service dei convertitori degli ATR
110-120 e ATR 116-126 per 3 anni + 3 anni di eventuale proroga – CIG 6883681144” alla ditta
ABB S.p.A. con sede legale in Milano codice NUTS: ITC45 - Via Vittor Pisani, 16 – sede operativa
in Genova, Via Albareto, n. 35 – Partita I.V.A. 11988960156 - Tel. +39 0106073720, Fax:
+39 0106140248, mail [email protected], internet www.abb.com, per l’importo
complessivo di Euro 762.465,00 compresa proroga (Euro 457.479,00 per 3 anni compreso
Euro 1.200,00 per oneri della sicurezza, di cui Euro 500,00 per oneri della sicurezza d da rischio
specifico o aziendale + I.V.A. L’importo per l’eventuale proroga, della durata massima di 3 anni,
ammonta ad un totale complessivo massimo di Euro 304.986,00 compresi Euro 600,00 per
oneri della sicurezza, di cui Euro 500,00 per oneri della sicurezza cd da rischio specifico o
aziendale + I.V.A.). Invio a GUCE: 21/02/2017. Il testo integrale dell’avviso relativo all’appalto
aggiudicato può essere consultato sui siti internet: www.serviziocontrattipubblici.it,
www.anticorruzione.it e www.sistemiterritorialispa.it.
Il Direttore Generale Dr. Gian Michele Gambato
Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per la Campania, il Molise, la Puglia e la Basilicata
Centrale di committenza e stazione unica appaltante SUB SUA CASERTA 2 Ente delegato dal Comune di Pastorano (CE)
Estratto del Bando di gara - CIG 66930618A8
1)AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Provveditorato Interregionale per le
Opere Pubbliche, per la Campania, il Molise, la Puglia e la Basilicata–Centrale di Committenza e Stazione Unica Appaltante – Ente
delegato dal Comune di Pastorano (CE) - S.U.A. di Caserta – Sub S.U.A. 2- Via Cesare Battisti n. 16 - 81100 Caserta–pec: [email protected] - http://www.provveditorato-ooppcampaniamolise.it. 2) PROCEDURA DI GARA: Procedura aperta ai sensi
dell’art. 60 del D.Lgs. 50/2016 3) LUOGO DI ESECUZIONE: Comune di Pastorano (CE) 4) OGGETTO DELL’APPALTO: Affidamento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani ed assimilati, rifiuti differenziati e servizi di igiene pubblica, per il
periodo di anni cinque, sul territorio del comune di Pastorano (CE) CPV principale 90511100 5) Importo complessivo dell’affidamento:
€.2.448.387,45 di cui €. 71.312,25 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso, oltre IVA 6) TERMINE RICEZIONE OFFERTE:
03/04/2017 ore 12:00 7) DATA DI ESPERIMENTO DELLA PROCEDURA: 05/04/2017 ore 9:30 8) Modalita’ presentazione offerte,
requisiti di partecipazione e condizioni di partecipazione: indicate nel disciplinare di gara pubblicato sul sito www.provveditoratoooppcampaniamolise.it 9) Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell’art. 95 del D.lgs. 50/2016
10) Finanziamento: Comune di Pastorano – Determina n. 81 del 26.05.16 integrata dalle determine nn.121, 215 e 232 rispettivamente
del 27.06.16, 12.12.16 e 22.12.16
IL PROVVEDITORE Dott. Ing. Roberto Daniele
TRIBUNALE DI PESARO
RICHIESTA DI DICHIARAZIONE
DI MORTE PRESUNTA
+∗.∋!+./+#3.0
!,!#
!!
∋∗/01.0+∋∗∀0∀∋!#) .#
,.#//+
∋(.∋ 1∗(#∀∋#/.+.%∗
5
/00 2∗40 ( .∋!&∋#/0 ∀∋ ∀∋!&∋.
4∋+∗# ∀∋ )+.0# ,.#/1∗0 ∀#( ∋% ∋+
.∗!&∋∗∋∗0+∋)∋∗∋∋(
,.∋(#
.#/∋∀#∗0# ∋∗ ∋!!# .# 2∋
+//# ".∀#0∋∗# ∗ $'"
*
-"/!+),./+∋∗/#
%1∋0+/∋∗∋/0.+∋∗).#((.%+∀∋00+(∋!
$∋∗∀0∀∋!#) .#∋∋∗2∋0
!&∋1∗−1# ∋∗+0∋4∋∀#((+/!+),./+∀∋
∃.( ,#.2#∗∋.# ( .∋ 1∗(# ∀∋ #/.+
#∗0.+/#∋)#/∋∀((61(0∋),1 (∋!4∋+∗#
CITTA’ DI SIRACUSA
SETTORE MOBILITA’ E TRASPORTI
Si rende noto che l’Amministrazione Comunale deve procedere all’affidamento
dell’implementazione del servizio di bus navetta comunali attraverso il noleggio
di n. 3 bus per lo svolgimento del servizio di trasporto pubblico urbano mediante
l’espletamento di una procedura aperta CIG 6908542535 pubblico incanto ai
sensi del d.L.Vo n. 18.4.2016 N. 50 Modalita’ di aggiudicazione: a favore del
prezzo piu’ basso ai sensi dell’art. 95 comma 4 del d.l.vo n. 50/2016 Scadenza
presentazione offerta: entro ore 12.00 del giorno 27/03/2017 Esperimento
gara: giorno 28/03/2017 alle ore 10.00 Importo a base d’asta: € 405.735,00
Durata del servizio: anni tre Finanziamento: Fondi Comunali determina
dirigenziale n. 135 del 14.12.2016. Gli atti sono visionabili presso il settore contratti
via Logoteta n.35 Siracusa e sono scaricabili sul sito del Comune di Siracusa
www.comune.siracusa.it alla sezione bandi di gara
IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Ing. Emanuele fortunato
CITTA’ DI SIRACUSA
SETTORE MOBILITA’ E TRASPORTI
Si rende noto che l’Amministrazione Comunale deve procedere
all’affidamento della concessione e utilizzo degli spazi pubblicitari di
pensiline di attesa fermata autobus fornite, installate, manutenute dal
concessionario mediante l’espletamento di una procedura aperta CIG
6908825EBC pubblico incanto ai sensi del d.l.vo n. 18.4.2016 n. 50. Modalita’
di aggiudicazione: a favore dell’offerta economicamente piu’ vantaggiosa ai
sensi dell’art. 95 comma 4 del d.l.vo n. 50/2016 Scadenza presentazione
offerta: entro ore 12:00 del giorno 27/03/2017. Valore dell’appalto:
€ 1.162.875,00 Durata del servizio: anni otto Finanziamento: determina
dirigenziale n. 134 Del 14.12.2016. Gli atti sono visionabili presso il settore
contratti via Logoteta n.35 Siracusa e sono scaricabili sul sito del Comune di
Siracusa www.comune.siracusa.it alla sezione bandi di gara
IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Ing. Emanuele fortunato
COMUNE DI VENEZIA
Direzione Finanziaria – Settore Gare Contratti
e Centrale Unica Appalti ed Economato
AVVISO DI BANDO DI GARA A PROCEDURA
APERTA PER APPALTO DI SERVIZIO
Il Comune di Venezia, Tel. 041-2748546 – Fax 041-2748626, bandisce la seguente gara: Gara
N. 17/2017: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E ASSISTENZA ASSICURATIVA
(BROKERAGGIO). CIG699290361B. Importo complessivo dell’appalto: € 750.000,00
(euro settecentocinquantamila/00) oneri fiscali inclusi. Le offerte dovranno pervenire entro
le ore 12.00 del giorno 10/04/2017, esclusivamente al Protocollo Generale del Comune
di Venezia - San Marco 4165, 30124 Venezia. Eventuali informazioni potranno essere richieste
presso la Direzione Finanziaria - Settore Gare Contratti e Centrale Unica Appalti ed Economato
- Servizio Assicurazioni – Isolato Cavalli, San Marco – Venezia - tel. +39 041.2748345 –
fax +39 041.2748128 - e-mail: [email protected] Responsabile del
procedimento: Dott. Alberto Checchin. L’avviso integrale è disponibile sui siti Internet
www.comune.venezia.it/node/583 e www.serviziocontrattipubblici.it
IL DIRIGENTE Dott. Marzio Ceselin
Direzione Acquisti
AVVISO DI GARA
RFI S.p.A. informa che ha indetto una gara procedura
aperta DAC.0005.2017, relativa al “Servizio di assistenza
in stazione alle persone con disabilità ed a ridotta mobilità
(PRM)”. Lotto n. 1 - CIG 6897894234 - importo posto a
base di gara € 14.500.000,00 al netto dell’ IVA;
Lotto n. 2 - CIG 68979310BD - importo posto a base di
gara € 13.000.000,00 al netto dell’ IVA; Lotto n. 3 - CIG
689795548A - importo posto a base di gara
€12.500.000,00 al netto dell’ IVA. Il testo integrale del
bando è visionabile sul sito www.gare.rfi.it canale
Materiali per l’infrastruttura/Lavori e Servizi. Il termine di
presentazione delle domande di partecipazione è il
30/03/2017. Per chiarimenti: come indicato nel bando.
Il Responsabile del Procedimento
Edgardo Greco
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 $0/5"55*
4&(3&5&3*"@$6-563"!3&16##-*$"*5
8883&16##-*$"*5
*ODPOUSPDPOJMHSBOEFBVUPSFPMBOEFTFOFMMBTVBDBTBOFMMBGPSFTUB
BMDPOGJOFUSB(FSNBOJBF4WJ[[FSBi#JTPHOBTBQFSTJTPUUSBSSFBMNPOEPw
/PPUFCPPNPMBSUF
EJTQBSJSFOFMCPTDP
libro, con le bellissime fotografie
di Simone Sassen, dedicato proprio ai monasteri giapponesi, «un
WANGEN IN ALLGÄU
viaggio senza bastone e senza zaie nemo sia davvero profeta in patria non si sa, però è certo che l’olanno ma con grandi distanze da afdese Cees Nooteboom ha un rapporto di speciale corrispondenza
frontare a piedi».
Ma comunque ci si sposti, a piecon la Germania, ancora di più che con il suo Paese. Così, mentre in
di come in volo, incontrare l’altrove, si sa, è quasi impossibile; si arriOlanda è uscita da poco una sua raccolta di versi per le piccole e preva sempre in ritardo, perché l’alziose edizioni Karaat, Suhrkamp, in Germania, prepara il decimo votro «è sempre nel tempo, non nello spazio». E incontrare l’altro non
lume delle sue “Gesammelte Werke”, l’opera completa di uno degli scrittori imè facile, comporta una spoliazione
di sé che non sempre si è disposti a
prescindibili del nostro tempo. E canto alla scrivania, il $PSQVTEFT sia mai stato scritto, un proustiafare. L’altro per certi versi è incosarà forse per caso o forse no, che OPUFTNBSHJOBMFT di Voltaire. «Al- no romanzo fiume pieno di intrinoscibile, anche se lo puoi inconil nascondiglio perfetto dell’ottan- tro che Giappone», a cui Noote- ghi e storie d’amore». E questa catrare dovunque. C’è un bar in mez*--*#30
taquattrenne autore di 5VNCBT, il boom ha dedicato viaggi e libri, da sa tra i boschi di Lindau è tutta
zo ai boschi che vediamo oltre la fi&*-'&45*7"luogo in cui lasciare che le parole .PLVTFJa $FSDIJJOGJOJUJ, la raccol- mappamondi e libri aperti, che fornestra, scherza Nooteboom, che
$FSDIJJOGJOJUJ
dettino legge sopra i fogli, sia pro- ta di testi dedicati all’estremo mano una specie di comunità deltutti chiamano Congo, ma non è di
ÍJMOVPWPMJCSP
prio in Germania, tra i boschi di oriente che Iperborea pubblica lo sguardo e dello spaesamento: in
questo che parliamo. Durante la
EJ$FFT
Lindau, nel Baden Württemberg. ora nella traduzione di Laura Pi- una stessa stanza stanno insieme
seconda guerra mondiale, l’occi/PPUFCPPN
La Svizzera è a poche stazioni di di- gnatti. D’altra parte, precisa Noo- un Ungaretti in tedesco con una
*QFSCPSFBUSBE dente la sperimentò proprio con il
stanza, e per raggiungere Bre- teboom, più che la scomparsa in matita in mezzo ((FEJDIUF EJ-BVSB1JHOBUUJ Giappone, l’impossibilità di varcagenz, in Austria, basta una strada Giappone si esperisce l’invisibili- ), un cavallino a dondolo,
re un confine che non stava solo
QBHH
come un’altra, che costeggia il la- tà: «I miei biglietti vengono oblite- un vecchio pianoforte e un po’ di
nelle mappe: «La guerra (…) ha
FVSP
go di Costanza e poi diventa altro- rati, il mio cibo viene servito, la guide turistiche di Venezia, dove
fatto emergere una differenza di
-BVUPSFTBSÆ
ve. Altrove, ovvero il luogo predi- mia presenza provoca reazioni, ep- Nooteboom sarà ospite di Incroci
mentalità così insormontabile da
JMNBS[P
letto di Cees Nooteboom. Qui però pure in qualche modo sono sem- di civiltà il 31 marzo. Su un tavolo
B*ODSPDJEJDJWJMUÆ poter essere infine “risolta” solo
sono solo poche case e bosco intor- pre invisibile sul serio». Così, dal ci sono vecchi quaderni, sembraB7FOF[JBPSF con una bomba atomica». Là dove
no, e il primo posto buono per gli momento che «nessuno bada a no quelli della scuola, e inBVEJUPSJVN4BOUB la sconfitta è un danno inferiore alapprovvigionamenti è Wangen, me perché non ci sono», è più faci- vece sono i suoi diari:
la resa – tra kamikaze e samurai –
.BSHIFSJUB
centro di questa piccola regione le guardare. È un’esperienza di ti- «ne trascrivo al compul’occidente dei XJOOFSe dei MPTFS
chiamata Allgäu. «Andiamo lì po metafisico, e infatti i monasteri ter qualche pagina ogni
non sa far altro che alzare la posta
ogni mercoledì per il mercato, la occupano un posto rilevante nei giorno, poi vedremo codello scontro. In questi tempi di
sera si cucina il pesce», dice pren- racconti. «&UFSOJUZJTPWFS», mi di- sa farne». Sopra il
cinture di tritolo, e attentati sacridendomi una borsa, e infilando le ce riferendosi al mondo occidenta- pianoforte è apscale di casa.
le. L’eternità è finita, anche quella poggiata l’edi«È un posto buono in cui spari- bisogna andare a procacciarsela zione tedesca
re», sospira Nooteboom, che pas- lontano, o almeno fare il gesto.
di 4BJHPLV, il
sa qui qualche mese all’anno insieLontano però, per il più colto tra
me alla moglie, la fotografa Simo- gli scrittori viaggiatori, è sempre
ne Sassen. E non è chiaro se inten- un posto remoto su una mappa
da il bosco, la Germania, oppure, che non necessariamente implica
come sembra più verosimile, la bi- aerei o treni da non perdere. L’alblioteca sterminata che sta tra trove, di fatto, è sempre in area
queste mura, nella casa degli ere- Gutenberg, perché le mappe midi di un vecchio editore che ormai gliori sono i libri. E d’altra parte il
è scomparso dal mercato. Sono lo- suo Giappone preferito restano -F
ro che li ospitano ogni anno. «Mi OPUFEFMHVBODJBMFdi Sei Shonag%*4&(/0
basta questo e potrei non uscire on e -BTUPSJBEJ(FOJKJdi Murasa- %*56--*01&3*$0-*
più», commenta indicandomi, ac- ki Shikibu, «il primo romanzo che
"/%3&"#"+"/*
4
ficali in nome di altre eternità, leggere queste pagine di Nooteboom
può fare male e bene insieme.
Perché alla fine sta proprio in occidente, il vero altrove che Cees
Nooteboom si sforza di conoscere.
È questo che ci ha insegnato in oltre sessant’anni di carriera. Lo
scrittore che ci ha fatto capire
cos’è la lontananza, ogni settimana si avventura in un luogo assai
complesso, ovvero le pagine del 'J
OBODJBM5JNFT. Lo prende il sabato
mattina alla stazione di Lindau, a
venti minuti di macchina dal bosco. «Lo leggo tutto molto attentamente, ma per capirlo bisognerebbe essere dei veri economisti, è impossibile capire tutto» e infatti la
lettura è faticosa. «Però è evidente
che è lì dentro che succede tutto,
che sta nascosta una qualche chiave per provare a capire tutto quello che viviamo». Come stanno insieme Donald Trump, la working
class e i robot che poco a poco la
spazzeranno via: ecco qui il vero altrove inconoscibile, gli indici di
borsa, le retoriche di sostegno alle
persone, il mondo ricco che collassa nelle sue contraddizioni. «Ma in
fondo non importa se non si capisce tutto: è per questo che ogni settimana allegano )PXUPTQFOEJU».
Esce dalla stanza e rientra poco dopo con in mano una rivista, che sfogliamo insieme: orologi da migliaia di euro, auto di lusso, l’opulenza
a pagamento messa in posa. «Insieme a delle donne tristissime, vestite da modelle». Altro che Giappone, è questo il vero altro, siamo
noi. «Anche se non capisci cosa c’è
scritto negli articoli, qui ti dicono
come puoi fare per spendere i tuoi
soldi, se ne hai tanti», e questo in
fondo, è quello che vogliono tu sappia. Nooteboom chiude la rivista e
la lascia sul tavolo, insieme a un
Valéry in corso di lettura e torna al
suo caffè.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
3 $6-563"
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 -JODIJFTUB
'3"/$&4$0&3#"/*
-
urbanizzazione del pianeta procede e avanza a ritmo incessante. Un’immagine satellitare che
abbraccia l’intero globo e che registra l’intensità delle luci accese documenta quanta superficie terrestre occupi
l’espansione urbana. Un tappeto luminoso si distende fra la California e la penisola della Kamchatka, con isole nette e nebulose sfumate, copre
l’India, molta Cina, l’Africa meridionale e le coste sudamericane.
Ma sono città tutti gli spazi dai
quali provengono i bagliori?
La domanda rimbalza da anni
nel settore degli studi urbani e interpella architetti e urbanisti, sociologi, geografi ed economisti. E
l’abituale identificazione fra l’urbano e la città vacilla, fino a cadere fiaccata: possono diffondersi
nel territorio case, anche palazzi,
centri commerciali e centri logistici, stabilimenti industriali e paradisi del divertimento, possono
distribuirsi (quando va bene) infrastrutture, strade e linee ferroviarie. Ma non è detto che questo
faccia città — e città distinta nettamente dalla non-città.
Il fenomeno va avanti da qualche decennio. Ma faticano le sistemazioni teoriche e, soprattutto, è incerto come si possa fronteggiare un processo che genera
affanno, spreco, alimenta individualismi e solitudine. Insorge l’espressione QPTUNFUSPQPMJ, coniata dal geografo Edward Soja,
scomparso nel 2015. Un analista
coinvolto su questo fronte d’indagine è il sociologo Neil Brenner,
docente ad Harvard, fra i più innovativi e anche radicali analisti
delle trasformazioni urbane, alle
quali oppone l’idea che «un’altra
urbanizzazione è possibile, alternativa a quella imposta dall’ideologia neoliberista». Di Brenner,
che spesso si richiama alla Scuola di Francoforte, è uscita in Italia una raccolta di saggi (4UBUP
TQB[JPVSCBOJ[[B[JPOF, introduzione di Teresa Pullano, Guerini
associati, pagg. 190, euro 18,50)
e Brenner stesso è atteso a un
convegno domani a Roma.
Brenner punta a dimostrare
come l’urbanizzazione investa
l’intero globo e sia figlia di un capitalismo fortemente finanziarizzato. Ma non basta ad attestarlo
la migrazione di popolazione verso i centri urbani, che una stima
Onu colloca oltre il 75 del totale
nel 2050. No, insiste Brenner, a
parte l’attendibilità dei dati, occorre cambiare prospettiva «perché è la città che è esplosa. Ed è
anzi azzardato parlare di città riferendosi a quelle forme di urbanizzazione che un po’ si concentrano, un po’ si diradano, si spalmano in maniera non pianificata
o secondo logiche economiche,
tutte private, ma che non è più
possibile ripartire fra urbano, rurale e persino periferico». Centro
e periferia, per esempio, è una
$JUUÆ
TFO[B
coppia di concetti che perde peso. Questa urbanizzazione avviene mescolando funzioni diverse
«residenziali, ma non solo, ci sono reti infrastrutturali e di trasporto, stabilimenti industriali
inquinanti, discariche», spiega
Brenner. «Non esiste un modello
unico», aggiunge il sociologo, «la
mia intenzione è di provocare
una riflessione generale su quali
forme assume l’urbanizzazione
planetaria».
E in Italia? Alessandro Balduc-
4DBNQÖBMBQSJNB7FMB
TBSËBCCBUUVUBBMMJOJ[JPEFMMFTUBUF
NAPOLI. «Butteremo giù la prima Vela all’inizio dell’estate». È
l’inizio della rivoluzione a Scampìa, il quartiere di Napoli dove
gli edifici popolari delle Vele sono diventati tristemente noti
come sfondo della faida di camorra di qualche anno fa.
Immortalate anche in alcune sequenze di (PNPSSB, ormai
simbolo del degrado urbano a Napoli, verranno abbattute in
base a un piano sul quale ieri il sindaco Luigi de Magistris ha
firmato l’intesa con il premier Paolo Gentiloni. Quasi 27 milioni
per abbattere tre Vele, mentre la quarta sarà riqualificata per
ospitare gli abitanti delle altre tre e poi per sedi universitarie e
uffici della Città metropolitana. Dopo la firma di ieri a Palazzo
Chigi verranno emessi i bandi per i progetti esecutivi. Da qui
l’impegno del sindaco: «La prima Vela giù a inizio estate». Poi
verranno le altre e anche la riqualificazione dell’intera zona.
3PCFSUP'VDDJMMP
1JáDFNFOUPNFOPDFOUSP
ÒMFSBEFMMBQPTUNFUSPQPMJ
DJUUÆ
ci, urbanista del Politecnico di Milano, per un anno assessore nella
giunta Pisapia, ha avviato una ricerca insieme ad altre università
(Piemonte orientale, Iuav di Venezia, Firenze, La Sapienza a Roma, Alghero, Federico II di Napoli, Palermo). Ne è nato un Atlante (www.postmetropoli.it) che
mostra come, in maniera differente che altrove e con marcate
diversità al suo interno, anche in
Italia si assiste a un’espansione
dell’urbano che non fa città (già
dagli anni Novanta si parla di “città diffusa”, grazie agli studi di
Francesco Indovina e Bernardo
Secchi). «È però preoccupante»,
lamenta Balducci, «che una delle
forme di governo più recenti di
queste realtà, le aree metropolitane, sia completamente inadeguata. Pensiamo nel XXI secolo
di governare con strumenti del
XX secolo entro confini del XIX».
Ma quali indicazioni fornisce
l’Atlante? «Una condizione post-metropolitana caratterizza le
regioni che hanno conosciuto
una fase metropolitana in passato», spiega Balducci. «Penso a Milano e, in misura diversa, a Napoli. Qui l’urbanizzazione non si dirada a mano a mano che si esce
dal centro e anche dalla periferia
novecentesca, andando verso i
nuovi insediamenti. Proliferano
nuove centralità in luoghi periferici, e la popolazione è anziana, si
riducono i componenti del nucleo familiare e c’è un forte incremento di immigrati, tutti feno-
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 "SUFDPOUFNQPSBOFBFUFDOPMPHJB
DPTÖB5PSJOPUPSOBOPBWJWFSF
MF0GGJDJOF(SBOEJ3JQBSB[JPOJ
1SFTFOUBUPJMQSPHFUUPEJSJTUSVUUVSB[JPOFEFMDPNQMFTTP
NJMBNFUSJRVBESBUJ
%JSFUUPSFTBSËJMUSFOUBUSFFOOF
/JDPMB3JDDJBSEJ*OBVHVSB[JPOFJMTFUUFNCSF
."3*/"1"(-*&3*&4"3"453*110-*
"
(MJVMUJNJTUVEJ
FVODPOWFHOP
JOUFSOB[JPOBMF
SJMBODJBOPJMUFNB
EFJOVPWJBTTFUUJ
VSCBOJTUJDJ
&DDPJDBTJJUBMJBOJ
*-$0/7&(/0
i0MUSFMBNFUSPQPMJuTJOUJUPMB
JMDPOWFHOPEJEPNBOJ"VMB
.BHOBEJ3PNB5SFPSF
BMRVBMFQBSUFDJQB/FJM
#SFOOFS4PQSB'JSFO[FFVOB
NBQQBBOUJDBEJDJUUÆ*OBMUP
/FX:PSLJOCBTTPEBTJOJTUSB
"MFTTBOESP#BMEVDDJF#SFOOFS
meni che fino a ieri avevano caratterizzato solo le aree centrali
dei contesti metropolitani».
Diversa è la situazione in Veneto o in Toscana, dove, sostiene
Balducci, «non c’è mai stata una
fase metropolitana e prevale una
forma “polinucleare”». Il Veneto
è uno dei primi laboratori della
“città diffusa”, con una crescita
dissennata dell’edificato che ha
saturato molti spazi, ora intasati
di capannoni vuoti. Qui, ma anche in Toscana, le urbanizzazioni
«attraversano i confini delle vecchie province», dice Balducci, «e
non sono né Firenze né Venezia il
fulcro intorno al quale ruotano le
dinamiche territoriali». Altra storia ancora è quella di Roma, messa a fuoco in un volume di saggi
curato da Carlo Cellamare, docente alla Sapienza ('VPSJSBD
DPSEP, Donzelli, pagg. 357, euro
34) che applica alla capitale il tema della post-metropoli. Una capitale in cui intorno al Grande
raccordo anulare, il 4BDSP(SB indagato da Niccolò Bassetti e portato al cinema da Gianfranco Rosi, è cresciuta un’urbanizzazione
che conta un milione di abitanti.
All’inverso di Milano o di Napoli,
più ci si allontana dal centro più i
nuovi insediamenti si diradano fino a toccare densità talmente
basse da non essere più pertinenti a una dimensione di città. Una
densità che non consente un decente livello dei servizi, in particolare del trasporto pubblico. Fallimentare è stato il tentativo di
costruire nuovi centri direzionali. Mentre, ricorda Giovanni Caudo, urbanista di Roma 3 ed ex assessore con Marino, «in tutti i comuni della provincia di Roma e
in quelle di Viterbo, Terni e L’Aquila, si sono trasferiti centinaia
di migliaia di romani, creando un
insediamento fatto di cerchi concentrici, attraversati da un pendolarismo quotidiano».
Non c’è città meno città di Roma, dove più di un terzo delle persone vive in una sommatoria di
brandelli. E dove si registra un’altra delle condizioni analizzate da
Brenner: l’aumento del disagio e
delle diseguaglianze che producono conflitti e, appunto, insiste
il sociologo, «la richiesta di un “diritto alla città” — una città come
spazio comune, prodotta e condivisa da tutti, tendenzialmente
più egualitaria e democratica.
Per questo penso che il progetto
di subordinare l’assetto urbano a
una logica di puro profitto è sempre controverso e contraddittorio e incontra una crescente resistenza».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
TORINO
fine ‘800 e fino agli
anni ‘90 del secolo
scorso erano le officine in cui si riparavano le locomotive. Saranno un
grande distretto della creatività e dell’innovazione, con spazi per arte, concerti e spettacoli. Ma anche un centro per
start up e imprese che fanno ricerca, dai Big Data alla nuova
frontiera dei videogiochi. Dopo un cantiere complesso partito all’indomani dei festeggiamenti per «Italia 150» e 90 milioni di investimento, si inaugurano a Torino il 30 settembre le Officine Grandi Riparazioni, uno dei più affascinanti
esempi di architettura industriale della città. Un’area complessiva di 35mila metri quadrati, ventimila di superficie e
16 metri di altezza destinati a
diventare un «place to go», il
posto dove non si può non essere nei prossimi anni. Ne è convinto Massimo Lapucci, il segretario generale della Fondazione Crt che ci ha creduto e ha
finanziato il progetto per un
grande polo, unico esempio di
riconversione industriale in
-041";*0
-JOUFSOPEFMMF0GGJDJOF(SBOEJ3JQBSB[JPOJ
Europa che ambisce a far convivere due anime in apparenza
lontane: ricerca artistica e tecnologica.
Ieri è stato scoperto per la
prima volta il plastico del progetto. Due maniche unite da
un “transetto” formano un edificio a forma di “H”. La parte a
nord, 9 mila metri quadri, è divisa a metà, una delle quali riservata all’arte contemporanea. Ospiterà una EJHJUBMHBMMF
SZ, un’area per mostre di artisti internazionali e una sezione dedicata alle 800 opere che
la Fondazione Crt per l’arte ha
acquisito negli anni per la Galleria d’arte moderna di Torino
e il Castello di Rivoli. Opere
esposte a rotazione sotto la supervisione della direttrice dei
due musei Carolyn Christov-Bakargiev. La parte restante sarà aperta a concerti,
spettacoli di teatro e danza e
performance musicali. La manica sud, che guarda al Politecnico, ha una diversa vocazione: sarà un centro di innovazione aperto agli strumenti e ai
linguaggi delle nuove tecnologie digitali. Il “transetto” che
fa da ponte sarà lo spazio del
gusto, aperto tutto il giorno:
dalla colazione a cene gourmand.
L’inaugurazione dura due
settimane, con concerti e spettacoli gratuiti, dal 30 settembre al 14 ottobre. La vera apertura internazionale è però fissata per il 3 novembre, in occasione di Artissima. Le Ogr si
presenteranno allora sulla scena del grande collezionismo
con una esposizione di arte contemporanea realizzata con la
Fondazione Sandretto, per i
25 anni della sua collezione, e
curata da Tom Eccles,direttore al Bard College di New York,
Mark Rappolt di Art Review e
l’artista Liam Gillick. In dialogo con opere dei principali musei torinesi, dall’Egizio a Palazzo Madama. Nicola Ricciardi è
il direttore artistico delle nuove Ogr, 33 anni e un curriculum di tutto rispetto con una
collaborazione con Massimiliano Gioni alla Biennale di Venezia del 2013. «Questa apertura
sarà un Big Bang», dice, «nasce un luogo destinato all’inclusione, cassa di risonanza della
ricchezza di Torino, ma aperto
al mondo».
i%B$BSSÒSFB.D&XBO
HMJTDSJUUPSJQPTTPOPBJVUBSDJ
BEBCCBUUFSFNVSJFQSFHJVEJ[Jw
.BSJOP4JOJCBMEJQSFTFOUBMBOVPWBFEJ[JPOFEJi-JCSJ$PNFw
JOQSPHSBNNBB3PNBEBMBMNBS[P5FNBJDPOGJOJ
iμMPTUFTTPEFM4BMPOFBM-JOHPUUP -BQBSPMBFSBOFMMBSJBw
3"''"&--"%&4"/5*4
4
ROMA
e i muri fossero fatti di libri ci sarebbero parole
per abbatterli. O forse
non si chiamerebbero
muri ma semplicemente confini
e sarebbero terre di passaggio,
attraversamenti e non chiusure.
Non è un caso che il festival -JCSJ
$PNF, che si terrà all’Auditorium Parco della Musica di Roma
dal 16 al 19 marzo, abbia scelto
nella sua ottava edizione di parlare di “confini”. Marino Sinibaldi,
direttore di Rai Radio 3 curatore
della manifestazione insieme a
Michele De Mieri e Rosa Polacco,
lo dice subito: «Lo spazio politico
è avvelenato e la cultura deve
riacquistare la sua funzione sociale: quella di sconfiggere i pregiudizi attraverso la circolazione
e lo scambio delle idee». Saranno
coinvolte biblioteche e scuole.
Aprirà il festival un incontro di
Mario Calabresi con gli studenti
(giovedì 16 marzo, ore 10,30, sala Petrassi). Tra i 300 ospiti ci saranno McEwan, Carrère, Zafón,
Teju Cole, Eshkol Nevo. Si attraverseranno confini politici, generazionali, religiosi e di gender.
Quali sono i muri da abbattere?
«L’idea di confine in questi ultimi tempi ha subìto una pericolo-
“
-"4$*44*0/&
*GFTUJWBMTPOP
HMJVOJDJTQB[JBQFSUJ
BMMBDJWJMUË
EFMMBDPOWFSTB[JPOF
.BJO*UBMJBTJUFOEF
BMMBTDJTTJPOF
sa strumentalizzazione per questo bisogna ridiscuterla. Viviamo
immersi in una contraddizione: i
nostri desideri sono illimitati, le
tecnologie ci permettono di comunicare come mai prima d’ora
era accaduto nella storia, eppure
proprio ora tornano sulla scena
le frontiere e i muri. La complessità è faticosa, toglie sicurezze, e
può accadere che si reagisca allo
sconfinamento con un rimbalzo
identitario».
E cosa c’entrano i libri?
«Permettono di guardare i confini da un’altra altezza. Grazie ai
libri riusciamo ad elevarci rispetto al linguaggio comune, ad innalzarlo. Non possiamo lasciare
che a dominare il campo siano le
GBLFOFXT, ma dobbiamo fare in
modo che la conoscenza riacquisti un ruolo centrale per la comprensione del mondo. Tanto più
oggi che la libertà d’espressione
torna ad essere messa in discussione e in molti paesi si cerca di ridurre al silenzio gli scrittori».
Sarà vero, ma purtroppo il
mercato librario non registra
dati positivi.
«I libri hanno riacquistato
un’urgenza proprio nel momento in cui perdono copie. Vendono
meno anche perché hanno grandi competitor. Le fiction tv raccontano storie che catturano il
pubblico, ma niente come un li-
bro può unire emozione e conoscenza, astrazione e concretezza, valore simbolico e messa a
fuoco della realtà. I libri sono strumenti necessari per non annegare nella post-verità».
Per questo ha pensato di organizzare un festival?
«I festival sono oggi gli unici
spazi aperti alla civiltà della conversazione. La comunicazione è
intossicata dai pregiudizi, mentre in questi luoghi c’è ancora posto per una discussione civile,
che accolga il confronto delle
idee. La cultura credo abbia questa funzione: permettere un dibattito libero da approssimazioni e schematizzazioni».
Alternativo ai social?
«Sui social domina un linguaggio aggressivo o chiuso alla propria cerchia di amici. Nei festival
s’incontrano facce allegre, curiose, non cupe e diffidenti».
Cosa ne pensa della divisione
dei Saloni tra Torino e Milano?
«Conferma un istinto tutto italiano alla scissione. Mi auguro però che la pluralità delle proposte
sia un arricchimento».
Anche il Salone di Torino sarà
sui confini, che ne pensa?
«La parola era nell’aria. Noi
inauguriamo la stagione e passiamo la staffetta».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 $0/5"55*
4&(3&5&3*"@41&55"$0-*!3&16##-*$"*5
8883&16##-*$"*5
μVOBTUBSEFMMBNVTJDBDPOJ.BSPPOFEFMMBUFMFWJTJPOFBNFSJDBOB
DPOJMUBMFOUTIPXi5IF7PJDFw&BEFTTPÒBODIFTVMMB8BMLPG'BNF
TUFMMB
-VMUJNB
"EBN-FWJOFi0SBHVBSEBUFNJFHJVEJDBUFNJWPJw
“ *
-6*(*#0-0(/*/*
3&$*5";*0/&
.JQJBDF
TFNQSF
EJQJá
NBJMNJP
NFTUJFSF
ÒMBNVTJDB
7*%&0$-*1
.JEJWFSUPEB
NBUUPBHJSBSMJ
.JTPOP
BODIF
USBWFTUJUP
EB1PLFNPO
”
-&5"11&
."300/
-BCBOEOBUBOFM
IBQVCCMJDBUPDJORVF
BMCVN%VFJOVPWJ
WJEFP$PMEF%POU
XBOOBLOPXGPUP
5)&70*$&
-FWJOFÒHJVEJDF
EFMUBMFOUTIPX
BNFSJDBOPEBM
QFSVOUPUBMF
EJEPEJDJTUBHJPOJ
MILANO
in cui le identità
sono affermate e riaffermate in modo sempre più
deciso e netto, c’è chi se
ne frega e continua allegro a miscelare tutto come se
stesse cuocendo un pentolone di
minestrone. «Pop, rock, elettronica, hip hop, dance. La nostra chiamiamola musica e basta. Le etichette non mi piacciono e a volte
sono pure difficili da leggere». Parola di Adam Levine, mente, voce e simbolo degli americani Maroon 5, che è una delle band di
maggior successo in questi ultimi anni in tutto il mondo proprio
grazie a queste mescolanze:
«Non c’è un nostro disco che sia
uguale a quello dopo e quello prima, e sarà così anche per il prossimo», giura il 38enne cantante,
che al fascino musicale aggiunge
quello personale (nel 2013 1FP
QMF l’ha votato l’uomo più sexy
del mondo, e nel frattempo non
sembra per nulla peggiorato).
Ma per credergli non serve farsi
ammaliare dagli occhi verdi, il fisico palestrato e i tatuaggi, basta
ascoltare gli ultimi due singoli
della band, %POUXBOOBLOPX e
$PME. Canzoni che saranno tra i
punti di forza del nuovo album —
«quando ci decideremo a farlo
uscire» — che va ad arricchire
una carriera che in 15 anni gli ha
fatto vendere 20 milioni di album e 70 milioni di singoli. Non
sono previste per quest’anno date in Italia, ma i Maroon 5 dovrebbero arrivare in concerto il prossimo anno.
Però, Levine, questo è ancora
il futuro. Partiamo dal presente, ovvero da 6752 Hollywood
Boulevard.
«Che non è l’indirizzo di casa
mia, ma da qualche giorno è come
se lo fosse. È il punto esatto di Los Angeles in cui si trova la mia stella nella Walk of Fame.
È stata posata il 10 febbraio,
un giorno indimenticabile. A
neanche 40 anni essere in
mezzo alle leggende dello
spettacolo, una serie di nomi
che non riesco neanche a pronunciare tanto sono grandi.
Quando me l’hanno detto, come prima cosa ho pensato a uno
scherzo. E poi è di fronte al Musicians Institute, una delle più importanti scuole musicali del mondo. Un segno del destino».
Ha suggerimenti per le prossime stelle? Chi le meriterebbe
nella musica?
«Mamma mia, è una domanda troppo difficile. Sono così tanN TEMPI
")0--:800%
-PTDPSTP
GFCCSBJP"EBN
-FWJOFBOOJ
ÒTUBUPJOTJHOJUP
EFMMBQSFTUJHJPTB
TUFMMBTVMMB
8BMLPG'BNF
MBQBTTFHHJBUB
EFMMFTUBS
B)PMMZXPPE
-PT"OHFMFT
ti… Mi richiama tra una settimana?».
No, continuiamo, ma cambiamo argomento. Anzi no. Non è
che sta pensando a prenderne
un’altra come attore? Prossimamente usciranno due film
in cui recita, “Fun mom night”
and “The clapper”. E non sono
i primi.
«Mi sono informato, di stelle
ne danno una sola, ormai mi resta quella. È vero, però, recitare
mi piace sempre di più: è molto
più facile che cantare. Ma non intendo lasciare la musica, sia chiaro, il mio mestiere resta quello,
i soldi li faccio così. Recitare è un hobby piacevolissimo,
ma
non so quanto sono bravo, guardatemi e giudicatemi,
sono
pronto a tutte
le critiche. Certo, il meglio è
quando posso
fare entrambe
le cose contemporaneamen-
te, per quello mi diverto da matti
nei videoclip: interpretare un Pokemon in quello di %POUXBOOB
LOPX è stato incredibile. E poi saper recitare è sempre utile, nella
vita, e non solo per un cantante
che è sottoposto a mille pressioni, a mille sballottamenti».
Una pressione non male deve
essere anche il nuovo disco. Ormai “V” ha tre anni.
«Aspetterete ancora un po’,
ma forse per fine anno ci siamo.
Stiamo lavorando su tante cose,
qualcuna è già uscita, altre ne
usciranno. Per fortuna possiamo
fare le cose bene, con calma. Dobbiamo studiare tutto. Posso dire
che finora il risultato ci entusiasma».
È vero che sarà un album rhythm’n’blues?
«Sarebbe divertente sapere
chi ha messo in giro questa voce,
ce lo chiedono tutti. La risposta è
no. O anzi, la risposta è: è troppo
presto. Le sole certezze sono le
canzoni già uscite come singoli.
Certo, il r’n’b mi piace follemente, da sempre. Capiremo – voi e
noi – qualcosa di più con i prossimi singoli, forse».
Così non rischiate di confondere il vostro pubblico?
«Per noi è fondamentale sorprendere, ma soprattutto è importante sorprendere noi stessi.
La musica non ha confini, è qualcosa che ti va dentro, scava nella
tua anima. E ognuno di noi è fatto in un modo un giorno e in un
altro modo quello dopo. Non dico che facciamo musica di ricerca, ma ci piace sperimentare, guardare avanti, cercare nuove tendenze e
nuove collaborazioni
e intendiamo restare così».
A proposito di novità, continuerà
a cercarle come
giudice nel talent americano
“The voice”?
Correva voce
di un suo addio, dopo l’edizione in
corso.
«Resto, resto, lo scriva
tranquillamente».
Si è mai
chiesto cosa avrebbe
voluto fare
nella vita,
se non il
musicista?
«Sì. Ma non
ho mai trovato
una
risposta.
Forse
non
so
fare
nient’altro. Terribile, se ci pensa. Mi è andata bene, no?».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
$0..&%*"
'BCJP%F-VJHJ
FE&MJP
VOJUJEBMLBSNB
Elio Germano e Fabio
De Luigi sono una nuova
coppia comica per Edoardo
Falcone
in 2VFTUJPOF
EJLBSNB.
De Luigi, un
ricco studioso,
si convince che
JOQJMMPMF l’opportunista
Elio Germano sia
la reincarnazione del padre
morto. Falcone ha
annunciato il remake Usa
del suo 4FEJPWVPMF: «Lo
produrrà Bryan Singer, ci
siamo conosciuti al festival
di Tokyo, ha amato il film».
/FXT
*-(*6(/0
"MCVNFUPVS
QFS(BCCBOJ
BMWJBEB7FSPOB
Partirà dal Teatro Romano
di Verona il 19 giugno e
proseguirà per tutta l’estate
il tour del trionfatore
del Festival di Sanremo
Francesco Gabbani.
In scaletta i brani del nuovo
album in arrivo tra aprile
e maggio. Intanto il video
di 0DDJEFOUBMJTLBSNB
ha superato 45 milioni di
visualizzazioni su YouTube.
*3*$0/04$*.&/5*
4FSHJP.BUUBSFMMB
QSFNJB
JMNBFTUSP.VUJ
Riccardo Muti ha ricevuto
il premio “Presidente
della Repubblica” dal capo
dello Stato Sergio Mattarella
al Quirinale. Nell’occasione
il maestro ha parlato del G7
della cultura a Firenze: il 30
si esibirà per i partecipanti
al vertice e il 31 all’Opera con
un concerto straordinario.
«Si tratta di un evento nuovo
e importantissimo, mette
un accento sulla cultura:
la musica unisce i popoli».
*-(*03/0%&--0.*$*%*0
"--"45"-"-#6.'*3."50%"-&//0/1&3$)"1."/
6ONJMJPOFFNJMBEPMMBSJ2VFTUBMBRVPUB[JPOFEJQBSUFO[BEFMMBMCVN
BVUPHSBGBUPMEJDFNCSFEFMEB+PIO-FOOPOQFS.BSL%BWJE
$IBQNBODIFPSFEPQPTBSFCCFEJWFOUBUPJMTVPBTTBTTJOP%PVCMF'BOUBTZ
GPUP
WFOOFUSPWBUPEBVOHJBSEJOJFSFJOVOWBTPEBWBOUJBMM)PUFM%BLPUB
&3/&450"44"/5&
-
ROMA
A MACCHINA del tempo
si mette in moto subito, ci porta avanti e indietro, tra gli anni Settanta e il nuovo millennio, tra
memorie, ricordi, emozioni.
Ha ragione Pino Daniele quando in una scena di 1JOP%BOJF
MF*MUFNQPSFTUFSË, il film documentario dedicato al grande artista napoletano scomparso
due anni fa, dice che noi, tutti,
siamo destinati a passare e che
il tempo resta. Resta, e torna,
nelle scene di un documentario scritto e diretto da Giorgio
Verdelli che ha il pregio di portare sullo schermo le due cose
più importanti della vita di Daniele, la musica e l’anima.
La musica che attraversa tutto il film e fa da filo conduttore,
avanti e indietro nel tempo,
cercando di creare non un ritratto ma un “autoritratto” di
Pino, che parla attraverso le
sue canzoni indimenticabili. E
l’anima, raccontata da lui stesso, in molte interviste spesso
inedite, dai suoi amici, dai musicisti con cui ha lavorato, da
chi l’ha conosciuto e ha condiviso con lui un pezzo di strada,
un pezzo di vita. «Mi è sembra-
-"10-&.*$"
3"*#055"&3*41045"'"#*"/0"/;"-%*46*$0.1&/4*
j-BQQMJDB[JPOFEFMUFUUPBHMJTUJQFOEJEFHMJBSUJTUJ3BJBWSFCCFDPOTFHVFO[F
JNNFEJBUFFBTFUUFNCSF-B[JFOEBTJJNQPWFSJSFCCFEBMQVOUPEJWJTUB
FEJUPSJBMFxEJDFJMEJSFUUPSFEJ3BJ"OESFB'BCJBOP1SPOUBMBSFQMJDB
EJ.JDIFMF"O[BMEJ1E
j-FMFHHJEFWPOPFTTFSFBQQMJDBUFFSJTQFUUBUFx
5SFHJPSOJQFSTDPQSJSFBMDJOFNB
MBHSBOEFBOJNBEJ1JOP%BOJFMF
&."3;0
*MGJMNi1JOP%BOJFMF
*MUFNQPSFTUFSËw
QSPEPUUPEB
4VEPWFTUDPO3BJ
$JOFNBFEJSFUUPEB
(JPSHJP7FSEFMMJTBSË
EJTUSJCVJUP
EB/FYP%JHJUBM
EBMBMNBS[P
to il modo giusto per raccontarlo», dice Giorgio Verdelli, «cercando di privilegiare la sua voce e la sua musica, per mettere
in scena la verità di Pino Daniele senza tante interpretazioni
o forzature. E credo che tra il
molto materiale inedito e i
grandi momenti di emozione
che il film propone, sia un buon
modo per raccontarlo anche a
chi non lo ha conosciuto».
In maniera semplice, naturale, immediata, il film racconta
Pino Daniele e la sua avventura nel mondo della musica, an-
*-1&340/"((*0."9(*645*%"0((**/4$&/""30."&(*6%*$&i$"55*7*44*.0w
i-PUJUP#POPF.BSBEPOB
BUFBUSPDPOMFNJFNBTDIFSFw
4*-7*"'6."30-"
$
ROMA
OME fa un comico a giudicare altri
comici, visto che conosce tutti i segreti del mestiere? «Vuole sapere
cosa mi fa ridere?», dice Max Giusti. «L’imprevisto. La cosa più semplice, quando uno scivola e cade, per esempio. Sono come un bambino». Insieme a Ernesto Assante
e Gino Castaldo, presenta su 3FQVCCMJDBJU il
nuovo webshow 'BJSJEFSF.BY(JVTUJ
in partenza alla fine del mese. Si va a caccia di
comici, youtuber, esordienti che in un minuto e mezzo realizzano i loro sketch. A giudicare le performance sarà il popolo della Rete,
che voterà attraverso Facebook. In studio anche Gioia Marzocchi, “showgirl 2.0”. Si possono inviare video girati con webcam, smartphone, videocamere o cineprese, purché del-
46-8&#
$PO"TTBOUF$BTUBMEPTV
3FQJUWBBDBDDJBEJDPNJDJ
*MWJODJUPSFTJFTJCJSËBMMB'FTUB
EJ3FQVCCMJDBEFMMFJEFF
la durata di un minuto e trenta secondi all’indirizzo [email protected] Il vincitore si esibirà alla 3FQVCCMJDBEFMMFJEFF, la festa del nostro quotidiano, a giugno a Bologna.
Idolo dei ragazzini dopo che ha prestato la
voce al perfido “Gru” del cartoon $BUUJWJTTJ
NP.F, Giusti conduce su Nove il preserale
#PPN, quiz “esplosivo” che ha sfiorato il milione di spettatori: «A quell’ora è un grande
risultato», racconta, «ma la cosa che mi fa
più piacere è che il pubblico si diverta. Le polveri che esplodono con la bomba sono coloranti alimentari, ci tenevo a dirlo perché a casa in tanti se lo chiedono. Mi piace l’Italia che
viene a giocare: amici, famiglie, e non faccio
il classico conduttore, posso permettermi di
scherzare con i miei personaggi».
Presenza fissa a 2VFMMJDIFJMDBMDJP su
Rai2, torna in scena da oggi a Roma al Teatro Olimpico (fino al 12 marzo) con $BUUJWJT
TJNP.BY, spettacolo comico pieno di imitazioni da Al Bano a Maria De Filippi a Maradona, tornato in Italia per festeggiare i successi
del Napoli, allo chef Antonino Cannavacciuolo a Elton John a Bono, il leader degli U2.
«Gioco con i personaggi, è quello che ho
sempre fatto nei miei spettacoli, ma visto
che torno in scena a Roma, non posso non
parlare della città», spiega. «Comincio analizzando il nostro stile di vita. $BUUJWJTTJNP.BY
si apre con il derby Roma Nord-Roma Sud,
con le differenze tra queste due zone, come i
rumori mattutini». In che senso? «Nella Roma popolare s’inizia alle 7.15 con il muratore
alle prese con le ristrutturazioni. Si rifanno i
bagni dall’alba al tramonto, in tutte le stagioni, senti picconare. D’estate il dilemma in famiglia è: “Andiamo in ferie o rifacciamo er
bagno?”, c’è l’imprinting di Vespasiano in
tutti gli abitanti di Roma Sud, quelli come
me, insomma. A Roma Nord, invece, il primo
rumore si sente alle 10.15, quando il filippino porta la spesa».
Una ricetta per far rinascere Roma? «Ci
vuole tanto impegno e cuore. Ma io una soluzione ce l’ho: nello show lancio il presidente
della Lazio Claudio Lotito come candidato
sindaco. Vedrete, sarà una vera sorpresa».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
zi delle musiche: quella tradizionale e partenopea, quella internazionale e jazz, quella mediterranea e africana, il blues,
il funk, attraverso moltissimi
filmati dal vivo mescolati dalla
“macchina del tempo” senza soluzione di continuità, cercando
di comporre un mosaico, in cui
ogni pezzo ha senso con l’altro
ma che solo alla fine del film,
messi tutti insieme, offrono
un’immagine completa e veritiera. E ci sono molti dei suoi incontri, come quelli con Eric
Clapton o Pat Metheny, con i
moltissimi artisti internazionali che lo hanno conosciuto e
amato e hanno collaborato con
lui, parlando la comune lingua
della musica. C’è tutto quello
che ci deve essere, insomma,
tranne la retorica, bandita dalla voce narrante di Claudio
Amendola così come da quella
degli amici e dei colleghi che
hanno voluto dare a Verdelli le
loro testimonianze, moltissimi, tra i quali Stefano Bollani,
Ezio Bosso, ma anche Clementino o Giuliano Sangiorgi, Vasco
Rossi, Maurizio De Giovanni,
talmente tanti da rendere impossibile elencarli tutti.
Il film, prodotto da Sudovest
con Rai Cinema, verrà presentato in anteprima al Teatro
San Carlo di Napoli il 19 marzo,
giorno del compleanno di Pino
Daniele, con il supporto della
Regione Campania e sarà distribuito in esclusiva da Nexo
Digital solo per tre giorni il 20,
21 e 22 marzo, in un evento in
collaborazione con Radio DeeJay e MyMovies che porterà
nelle sale non solo i fan e gli appassionati di Pino, ma anche
chi vuole conoscere meglio uno
dei più grandi e indimenticabili artisti della nostra storia musicale recente.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 $0/5"55*
4&(3&5&3*"@41035!3&16##-*$"*5
8883&16##-*$"*5
$IBNQJPOT
-BQBSUJUBEJTUBTFSB
4FTTBOUBNJMBTQFUUBUPSJFCJHMJFUUJFTBVSJUJ
HJËBHFOOBJPNBMHSBEPJQSF[[JBMUJ%PQP
MTVCJUPBM#FSOBCFVMBTRVBESBEJ4BSSJ
TGJEB3POBMEPQFSDPORVJTUBSFJRVBSUJ
/FTTVO
EPSNB
/BQPMJVOBOPUUFVOJDB
MBGPMMFJEFBEFMMBSJNPOUB
DPOUSPMFTUFMMFEFM3FBM
."3$0";;*
5
3&*/"/"7"4*-%6&--0'3"1035*&3*
NAPOLI
RA i pali del Napoli ci sarà
un totem: con la divisa del
portiere, le stimmate del
leader e le gloriose cicatrici di
154 battaglie in Europa, che
valgono a Pepe Reina l’ottavo
posto nella classifica (“all time”) dei giocatori con più presenze nelle Coppe. Nemmeno
Zinedine Zidane, cui di certo i
campioni non mancano, può
contare su un giocatore con la
sua longevità agonistica ed
esperienza internazionale: a
questi livelli. Nell’accampamento azzurro, però, il numero
uno spagnolo domina la scena
anche per un altro motivo: alla
vigilia della super sfida di stasera al San Paolo.
Il Real Madrid lo ha infatti
già eliminato, lui: otto anni fa
con la maglia del Liverpool, pure allora negli ottavi di finale di
Champions League. La stessa
impresa che adesso proverà a ripetere la squadra di Sarri, partendo tuttavia con l’handicap
del 3-1 della andata al Bernabeu. Il Napoli di Maradona, nel
1987, non riuscì in una impresa
abbastanza simile: battuto per
2-0 in Spagna, poi incapace di
andare oltre l’1-1.
Trent’anni dopo è arrivata finalmente l’occasione per sognare una rivincita, con la spinta di un San Paolo da record (56
mila spettatori e quattro milioni di incasso) e di tutta la città,
che aspetta col fiato sospeso da
85 giorni la sfida di stasera:
idealmente iniziata con il sorteggio del 12 dicembre, a Montecarlo. Gli ultimi biglietti sono
stati andati a ruba già alla fine
di gennaio, nonostante i prezzi
ovviamente salati. «L’urlo del
nostro stadio farà paura al Real
Madrid e si sentirà fino a Torino», ha alzato i decibel Marek
Hamsik, stuzzicando a distanza l’ex compagno Higuain, che
6/"'*/"-&1&34"
1FQF3FJOBBOOJVOBGJOBMF
EJ$IBNQJPOTQFSTBOFM
-&13&4&/;&
MFQSFTFO[FJO
$IBNQJPOTJODBSSJFSB
QFS1FQF3FJOB
in estate ha preferito la Juventus e si perderà dunque le emozioni di una notte indimenticabile, comunque vada. Maurizio
Sarri, da parte sua, coltiva addirittura il sogno di renderla storica: senza rinunciare nemmeno
in una vigilia di gala al suo linguaggio colorito e sopra le righe. «Contiamo di far leggermente girare i coglioni ai campioni spagnoli» ha promesso in-
“
'"3(*3"3&*$
$POPOFTUËOPJ
DPOUJBNPEJGBSF
MFHHFSNFOUF
HJSBSFJDPHMJPOJ
BJDBNQJPOJ
TQBHOPMJ
."63*;*04"33*
"MMFOBUPSFEFM/BQPMJ
fatti ai tifosi. Poteva dire la testa e il concetto sarebbe stato
efficace lo stesso. Il tecnico azzurro è stato invece più diplomatico sulla sua pace con De
Laurentiis. «In questo momento dobbiamo essere uniti: nel
nostro incontro di sabato scorso abbiamo parlato tuttavia
specialmente di cinema e gli ho
proposto un paio di sceneggiature per un film. Spero che le
“
-&4$&/&((*"563&
$POJMQSFTJEFOUF
BCCJBNPQBSMBUP
EJDJOFNBHMJIP
QSPQPTUPVOQBJP
EJTDFOFHHJBUVSF
QFSVOGJMN
."63*;*04"33*
"MMFOBUPSFEFM/BQPMJ
prenda sul serio, se non s’infuria di nuovo nelle prossime gare...».
Il chiarimento definitivo tra i
due è rimandato, per causa di
forza Real. Il Napoli ha infatti bisogno della massima compattezza e di tranquillità, per affrontare con qualche speranza
di successo la sfida di stasera
contro i campioni d’Europa. Ma
l’arma in più sarà l’entusiasmo
“
-63-0%&-41"0-0
4POPDFSUPDIFMVSMP
EFMOPTUSPTUBEJP
GBSËQBVSBBM3FBM
.BESJEFTJTFOUJSË
QFSUVUUBM*UBMJB
GJOPB5PSJOP
."3&,)".4*,
$BQJUBOPEFM/BQPMJ
ritrovato grazie alla fondamentale vittoria in campionato contro la Roma.
La parata di Reina a tempo
scaduto, sul tiro di Perotti, ha
chiuso in bellezza la settimana
più difficile della stagione azzurra, cominciata con il kappaò
in casa con l’Atalanta e continuata con la malanotte della semifinale di Coppa Italia a Torino: la sconfitta per 3-1 contro la
Juventus e i veleni arbitrali. Pure allora a metterci la faccia era
stato il portiere spagnolo: presentandosi davanti alle telecamere nonostante il silenzio
stampa, per fare da megafono
alla protesta dei suoi compagni. Comanda lui nello spogliatoio e non gli occorre la fascia di
capitano, per interpretare il
suo ruolo di leader e totem.
Con Sarri ha concordato perfino la scelta di cancellare il ritiro, alla vigilia. Meglio stemperare un po’ le tensioni, passando a
casa la notte prima degli esami.
Mertens sta bene e ci sarà, Rog
è la novità rispetto all’andata:
chissà se al San Paolo si fa la storia.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
/"10-*
3&"-."%3*%
3&*/"
):4"+
"-#*0,06-*#"-:
()06-".
30(
%*"8"3"
)".4*,
$"--&+0/
.&35&/4
*/4*(/&
,&:-03/"7"4
$"37"+"
1&1&
4&3(*03".04
."3$&-0
.0%3*$
$"4&.*30
,3004
$30/"-%0
#&/;&."
#"-&
"3#*530$",*3563
03&13&.*6.41035
#"4,&5
1"/"5)*/"*,044*-63""-&44"/%30(&/5*-&
μGJOJUBEPQPHJPSOJMBWWFOUVSBJO(SFDJBEJ"MFTTBOESP(FOUJMF1FS
iEFDJTJPOFUFDOJDBwEFMMBMMFOBUPSF9BWJ1BTDVBMMFYDBQJUBOPEFMM0MJNQJB
MBTDJBJM1BOBUIJOBJLPT%VSBPSBUSPWBSFVOBOVPWBDPMMPDB[JPOFQFS
SFHPMBNFOUPOPOQVÛSJFOUSBSFOFMDBNQJPOBUPJUBMJBOPGJOPBGJOFTUBHJPOF
4&3*&#
'304*/0/&1"3*$0-$*55"%&--"."μ13*.0
*MQPTUJDJQPEFM¡UVSOPEJ#USB'SPTJOPOFF$JUUBEFMMBTJDIJVEFTVMHPM
EJ$JPGBOJF#BSUPMPNFJ*DJPDJBSJUPSOBOPBMDPNBOEPEBTPMJDPOVOQVOUP
EJWBOUBHHJPTV4QBMF7FSPOBJHSBOBUBSJFOUSBOPJO[POBQMBZPGG-FEVF
TRVBESFUPSOBOPJODBNQPTBCBUPSJTQFUUJWBNFOUFDPOUSP#BSJF1FSVHJB
-"$*55®6/";0/"3044"*/503/0"--045"%*0&$"/$&--*"1&35*4&*03&13*."%&-7*"
;JEBOFVOIPUFMSFRVJTJUP
QFSSBGGSFEEBSFMBWJHJMJB
i.BBEPSPRVFTUPDMJNBw
-
NAPOLI
a città obliqua avverte dentro di
sé, e da giorni, il richiamo, che poi
è un fremito. Stasera si allineerà
perfettamente, parallela e perpendicolare al San Paolo, anzi è già allineata,
coperta, pronta. Stasera Fuorigrotta è
Napoli, non si scappa. Saranno tutti lì.
Fisicamente, chi ne ha la possibilità.
Col cuore e col pensiero, gli altri. E’ la
notte. Valgono tutte le iperboli: città
blindata, città assediata, coprifuoco in
città. Coprifuoco perché dalle 17 è prevista la chiusura di moltissimi esercizi
commerciali, tanto tutti pensano alla
partita. Il Comune ha previsto un piano antitraffico attivo fin dalle 13, ci sarà una zona rossa intorno allo stadio
con diverse vie chiuse (tratti di via
Gian Battista Marino, via Galeota, via
Tansillo, via De Gennaro e altre) a cui
potranno accedere solo residenti, mezzi pubblici, polizia, stampa: si rischia il
caos più assoluto. I cancelli del San Paolo verranno aperti quasi sei ore prima
della partita, alle 15. A vigilare sul tutto circa 1500 tra forze dell’ordine e
steward.
Sono attesi anche 1500 tifosi del
Real. Il giornale “Marca” li ha messi in
guardia con un articolo al vetriolo: non
girate in città mostrando di essere tifosi del Real, scrivono, perché potreste
incappare in brutte avventure; state
attenti ai tifosi di curva del Napoli, sono guidati da esponenti della camorra,
3FRVJTJUFUVUUFMFTUBO[F
BMCFSHPCMJOEBUPDPO
USBOTFOOFQFSFWJUBSF
TDIJBNB[[JFEJTUVSCJOPUUVSOJ
sono gente pericolosa, conosciuta in
Europa. Insomma, un bel piattino. Anche il Real è venuto qui pronto a tutto,
memore di quando 30 anni fa, prima di
affrontare Maradona, se ne andò in ritiro a Castellammare per evitare di finire in trappola in città ma non servì a
nulla, non li fecero dormire e anzi ci fu
un lancio di uova e sassi ai giocatori do-
po un allenamento. Stavolta hotel vicino Porta Capuana, blindato a sua volta
da transenne e controlli, requisite tutte le 150 stanze e garanzia di camere
insonorizzate per evitare il rischio di
una nottataccia, ma tanto ieri li hanno
aspettati all’arrivo in albergo, saranno
state sei o settecento persone, e giù fischi e pernacchie, ma anche qualche
sobbalzo di cuori femminili al passaggio di Cristiano Ronaldo. Vedremo oggi come sarà passata la nottata. Zidane
se la ride, serenissimo: «Mi piacciono
queste partite. E il San Paolo è uno stadio che dà la carica anche a chi gioca in
trasferta». Ieri il Real ha festeggiato
115 anni di vita (e 8442 gol segnati fin
qui), a Napoli cerca strada per la “Duodècima”, la Champions n. 12. Giocheranno gli 11 che hanno vinto la finale
di Milano lo scorso maggio. In tribuna
grande assembramento di personalità
(ma non Maradona) e incidente diplomatico sfiorato con Lopetegui, ct spagnolo: ha chiesto tardissimo un biglietto, hanno faticato a trovarglielo.
NBFBT
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
'050ª108&341035*."(&4(&55:*."(&4
$045"3*$"/0
,FZMPS/BWBTBOOJ
ÒTUBUPJMQSJNP
DPTUBSJDBOPBWJODFSF
MB$IBNQJPOT-FBHVF
*(0-13&4**/&6301"
/FMMFQBSUJUFEJ
$IBNQJPOTAA/BWBT
IBTVCJUPCFOSFUJ
'BDJMFQFS"ODFMPUUJ
EPNBOJ#BSÎB1TH
F#PSVTTJB#FOGJDB
Gli ottavi
Andata
1-0
LN
-"%*45"/;"$01&35"
/FMMFQBSUJUF/BWBTIB
DPQFSUPLNÒ¡USBJ
QPSUJFSJJORVFTUBTUBUJTUJDB
PSG-Barcellona
4-0
Real Madrid-Napoli
3-1
Bayern Monaco-Arsenal
5-1
Manchester City-Monaco
5-3
Bayer Lever.-Atlet. Madrid
2-4
Porto-Juventus
0-2
Siviglia-Leicester
2-1
Ritorno
-"-530/6.&306/0-&*/$&35&;;&*/1035"%&-$045"3*$"/0'"//01"63""-(36110;*%"/&
/BWBTMBQBOUFSBDIFQSFPDDVQBJ(BMBDUJDPT
Martedì 7 marzo
"/%3&"4033&/5*/0
Barcellona-PSG
$
NAPOLI
hiamatemi El Pantera, scappò detto un giorno a
Keylor Navas. C’era da capirlo, al Mondiale dei miracoli ancora fresco e la maglia del Real finalmente
addosso, sogno realizzato di una vita: «E’ l’animale cui mi
sento più affine: spaventa le persone, occhi profondi, tutta nera». D’altronde lui è il panterone all black del Costarica che elimina l’Italia e si arrampica fino ai quarti a Brasile 2014, nel Mondiale che segna la riscossa dei portieri
reietti o misconosciuti, da Romero a Ospina e giustappunto a Keylor, che incassa solo 2 gol nel torneo, meno di tutti, para rigori, diventa il “Tico” più famoso nel mondo,
non a caso viene nominato ambasciatore del turismo costaricano dal suo presidente della Repubblica. Così dopo
anni di gavetta nella Liga, ecco che il Real lo sceglie e il
gran mondo gli si apre davanti, a quasi 30 anni: impossibile non sentirsi una pantera, come minimo. Primo anno da
riserva di Casillas, e si sapeva. Poi, nell’estate del 2015
che deve segnare il suo lancio da titolare, capisce che il
Real non si fida di lui, e sta cercando di scambiarlo con il
Manchester United per avere De Gea. Lui piange e urla
per la disperazione, non si capacita, ma intanto le sue
energie arrivano, eccome se arrivano: per un errore tecni-
%PQPBWFSCBUUVUPJEVCCJTÒJOGPSUVOBUP
FEBBMMPSBOPOÒQJáUPSOBUPBJTVPJMJWFMMJ
EFM.POEJBMFCSBTJMJBOPHMJTQBHOPMJ
WPHMJPOPTPTUJUVJSMPDPO$PVSUPJT
co nella spedizione dei contratti, lo scambio salta all’ultimo giorno di mercato. Così al Real scoprono, volenti o nolenti, che di Keylor Navas possono fidarsi, che il panterone salta da un palo all’altro: la stagione inizia maluccio
con Benitez ma con Zidane poi arriva la Champions League, e lui ovviamente è il primo costaricano a vincerla, stabilendo pure il secondo record di imbattibilità nella competizione (738 minuti). Ma il grande sforzo di essere lassù chiede dazio, e in estate un tendine salta. Dall’infortunio esce un Keylor diverso, meno scattante, che comincia
a esibire anche qualche imbarazzante errore. La parabola del panterone del Costarica comincia a entrare nella fase discendente, infatti il club ha già deciso di sostituirlo: si
punterà tutto sul belga Courtois, se proprio non si riuscirà a sfilare De Gea dalle grinfie di Mourinho. «Giù le mani
da Keylor, è il nostro bravissimo portiere», bofonchia
ogni tanto Zidane, ma anche lui sa che quest’anno la dife-
sa del Real è più friabile del solito anche perché in porta
c’è un grosso punto interrogativo, non più una pantera. Il
grande Real Madrid prende troppi gol, ed è pure in certi
numeri si annidano le speranze del Napoli. In 41 partite il
Real ha già ingoiato 50 reti, 32 le ha incassate Keylor e 18
Kiko Casilla, il suo sostituto. Ha tenuto la porta intonsa solo in 9 partite e in Champions ha preso gol in ognuna delle
sette uscite: 11 totali, e l’ultimo, quello di Insigne al Bernabeu ha ancora una volta inchiodato alle sue responsabilità il panterone ormai senza artigli, beccato fuori dai pali
e poi in una danza macabra o ubriaca per cercare di recuperare il suo errore di posizione. In certe serate, soprattutto recenti, il Real ha preso vere e proprie imbarcate, che
ad esempio stasera potrebbero essergli fatali: con raccapriccio Florentino Perez ha visto i suoi galacticos prendere due gol in tre minuti dal Las Palmas, due in sei minuti
dal Villareal, due in otto minuti dal Valencia. Con Keylor
incerto, ma mica solo lui. Poi è chiaro: hanno perso solo
tre partite su 41, sono il grande Real, Cristiano Ronaldo
ha una fame pazzesca perché non segna da 315 minuti, e
insomma c’è da tremare. Ma forse tremerà anche Keylor,
il panterone triste: ne ha passate tante nella vita, ma il
ruggito del San Paolo non l’ha ancora mai ascoltato, e hai
visto mai che non gli faccia un brutto effetto.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
Napoli-Real Madrid
Arsenal-Bayern Monaco
Mercoledì 8 marzo
Martedì 14 marzo
Juventus-Porto
Leicester-Siviglia
Mercoledì 15 marzo
Monaco-Manchester City
Atlet. Madrid-Bayer Lever.
/"10-*26"-*'*$"504&
*M/BQPMJTJRVBMJGJDB
QFSJRVBSUJEJGJOBMFEJ
$IBNQJPOTTFCBUUFJM
3FBMDPOQJáEJEVF
HPMEJTDBSUPPDPO
EVFTFO[BTVCJSOF4F
GJOJTDFDPNF
BMMBOEBUBTJWBBJ
TVQQMFNFOUBSJ
1PJFWFOUVBMJSJHPSJ
3 41035
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 $BMDJP
5BWFDDIJPCJTUBOUPQFSDBNCJBSF
*MQSFTJEFOUFSJFMFUUPJO'JHDDPOJMBMUFS[PTDSVUJOJPi%BMMFEJWJTJPOJUSPWFSÛMBGPS[BQFSVOJSFw
-BDFSUF[[BEFMMBWJUUPSJBNBUVSBUBEPQPVOJODPOUSPOPUUVSOPGSBJMTFOBUPSF4JCJMJBFHMJBSCJUSJ
."55&01*/$*
ROMA
*
L primo telefono che porta all’orecchio Carlo Tavecchio dopo che 275,17 voti dell’assemblea elettiva
hanno rinnovato il suo incarico da presidente della
Figc, gli trasmette i complimenti del presidente del Coni Malagò: «Ora remiamo tutti insieme». Il calcio ha
scelto di non cambiare bocciando alla terza votazione
lo sfidante Abodi e confermando “Mr T” per il 2017-‘21
con il 54,03 delle preferenze: «Dalle divisioni la forza
per unirci», dice lui in lacrime dopo la dedica al fratello.
L’alleanza decisiva nell’agitatissima notte della vigilia. Tavecchio, febbricitante in una camera dell’Hilton,
aspetta notizie dal salone, animato da colloqui segretissimi: per lui lavora Cosimo Sibilia, fresco presidente
della “sua” Lega Dilettanti. Che in quella notte diventa
l’uomo chiave dell’elezione, su cui si addensavano le
nubi di un ribaltone. E’ passata da poco la mezzanotte
quando fa squillare il telefono della stanza di Tavecchio per dargli l’annuncio che il presidente aspetta fre-
/JDDIJOEFMM"JBiμOPSNBMFDIFOPJ
BQQPHHJBNPJMQSFTJEFOUFDIFDJIBGBUUP
SJPUUFOFSFNJMJPOJNJOBDDJBUJEBJUBHMJw
"CPEJTDPOGJUUPQFSEFSËBODIFMB-FHBEJ#
mendo: «Carlo, ce l’abbiamo fatta, Nicchi sta con noi».
La mossa decisiva: Perché Nicchi è il numero uno degli
arbitri, che nell’urna pesano per il 2%. Mai avevano sostenuto il favorito: stavolta fanno anche di più, spostano l’ago della bilancia. Il motivo? Soldi.
«Se mi togli un milione e ottocentomila, e poi però
mi restituisci un milione e ottocentomila…», ammette
Nicchi, soddisfatto, lasciando il salone ancora in festa.
E magari l’Aia guadagnerà anche dieci posti di osservatore arbitrale all’Uefa, dove il dg della Federcalcio Uva
è in corsa per un posto nell’esecutivo. Lo sconfitto Abodi giura che rinuncerà alla poltrona della B, spera di risalirci ma difficilmente avrà i numeri. Prima di conso-
larsi con una partita di calcetto tra amici in serata, però, punta l’indice sui fischietti: «Che gli arbitri decidano un’elezione fa male, mi aspettavo fossero super partes». E invece hanno avuto un peso politico - soprattutto quando, al secondo voto, il n.1 uscente scricchiolava
perdendo il 3% - allineandosi con i club di serie A che
hanno sostenuto Tavecchio. Pure la Juve, anche se per
Marotta è «un sì a Tavecchio, purché sia indipendente». Da Lotito, vero padrone di casa all’Hilton tra sorrisi e pacche sulle spalle: «So’ come ‘na bella donna, guarda che coscia», si vanta ebbro, abbracciato da Sergio
Santoro, presidente della commissione di garanzia
elettorale. All’indipendenza non credono Roma, Bologna, Sassuolo, Cagliari e Empoli, uniche di A a votare
Abodi. De Laurentiis s’è astenuto, Chievo e Crotone sono fuggiti prima del voto. Unica componente compatta
contro “mister T” (salvo piccole emorragie) i calciatori. Tommasi attacca chi «s’incatenava alla Federcalcio
e oggi è incatenato alle poltrone». Un colpo a Ulivieri,
guida del travaso dei tecnici alla corte del campione.
“
*
%PQPHMJFSSPSJIB
*-7050"5"7&$$)*0
HPWFSOBUPCFOFDIJ
DFSBEBMMBMUSBQBSUF )PEJGFTPJQJáEFCPMJ
JMCVTUPEJ-FOJOB
DBTBOPOTPCCBM[FSË
”
ROMA
L COMPAGNO Renzo Ulivieri da
San Miniato, 75 anni, ha indirizzato i voti degli allenatori
italiani su Carlo Tavecchio permettendone la rielezione.
Ulivieri, perché?
«Abbiamo votato il candidato
della Lega dilettanti con cui i rapporti sono cambiati dopo anni di
scontri. E abbiamo tutelato gli allenatori sul territorio, la parte
più debole dell’associazione».
Lei tre anni fa definiva Tavecchio “inadeguato”.
«Dopo una fase iniziale in cui
ha commesso errori più di forma
che di sostanza, ha lavorato bene
sul piano nazionale e internazionale».
Avete scelto voi il presidente:
bella responsabilità.
«L’ho vissuta male, era un carico troppo pesante per decidere
da solo, per il senso di democrazia che mi porto dietro. Ho voluto
che fosse il direttivo a valutare i
due candidati e ha votato all’unanimità. Abodi, obiettivamente,
ci piaceva meno».
Proprio lei, uomo di sinistra,
che rompe il fronte sindacale.
«Non l’abbiamo rotto mica
noi. Allenatori e arbitri hanno
scelto Tavecchio, bastava che i
calciatori facessero altrettanto.
Non è mica detto che noi ci si debba sempre accodare a loro. Ci fosse stato un candidato delle componenti tecniche, come Albertini, lo avremmo votato. Ma fra
due uomini di lega...»
E poi Abodi viene dalla destra.
«Le idee politiche non le ho ti-
"
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
'050ª"/4"&5503&'&33"3*
rate dentro io, ma tutti conoscono le mie. Bisognava chiedersi:
dall’altra parte chi c’è? Non penso che avrò rimorsi».
Dica la verità: ad Abodi non
ha mai perdonato di non aver
appoggiato Albertini tre anni
fa.
«Nel 2014 Abodi aveva garantito il sostegno alle componenti
tecniche, all’ultimo passò dall’altra parte... Lo fece, credo, nell’interesse della sua categoria. Noi
adesso abbiamo deciso per la nostra...».
Cosa pensa del progetto dei
centri tecnici federali?
«Se restassero aperti solo un
giorno alla settimana, sarebbero
uno spreco. Chiediamo che ci siano due giorni dedicati alle ragazze e altri per la fetta disagiata della popolazione. E d’estate, per i
"/(&-0$"305&/650
bambini che le famiglie non possono portare al mare. Un risvolto
sociale. E noi saremo lì».
Sarà obbligatorio per ogni società dilettantistica avere un
allenatore patentato?
«Tutte le squadre Figc,tranne
la terza categoria, dovranno
averlo. Parliamo di 250 euro al
mese di rimborso, non è un costo.
Ma aumentiamo la cultura di chi
sta a contatto con i ragazzi».
Ce l’ha ancora il busto di Lenin
in salotto?
«Sempre».
Dovrà spiegargli che ha votato con i padroni.
«Ho difeso le fasce più deboli, i
progetti sociali che facciamo nelle carceri e nei campi profughi.
Non penso ci saranno sobbalzi
sul mio tavolo».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
$BSMP5BWFDDIJPBOOJSJFMFUUPQSFTJEFOUFEFMMB'FEFSDBMDJP
'3"/$&4$04"7&3*0*/503$*"
."53*.0/*0
%*/5&3&44*
*/6/.0/%0
."-"50
l prossimo scandalo che
ci indignerà tutti, il calcio italiano ha scelto di
arrivarci ancora con Tavecchio
presidente. Sarà allora che sentiremo di nuovo invocare un
cambio di passo, le parole giuste verranno, quelle straniere
fanno fare bella figura, così
qualcuno dirà che serve una
nuova HPWFSOBODF in questa
azienda da 4 miliardi di fatturato l’anno. Nel frattempo, la palude ha partorito la conservazione della specie e un nuovo giro di favori e dividendi.
Un mondo che elegge Tavecchio è bizzarro, un mondo che
lo conferma deve essere malato. Tra una frase razzista e una
sessista, tre anni fa si proponeva con una maggioranza più
ampia e più omogenea di oggi
per fare le riforme. Non le ha
fatte. Ora le esclude. Ma se la
montagna non è andata dai riformatori, i riformatori sono
andati alla montagna. «È quello che volevamo» esulta Marotta, a.d. di quella Juve che con
Agnelli ha tenuto in giro lezioni assai dotte sul presidente
inadeguato, il sistema stantio
e il calcio moribondo. Ulivieri
ha messo da parte la sua aria
tutta d’un pezzo, gettandosi
tra le braccia di un presidente
inseguito dal sospetto di conflitti di interessi molteplici e palesi, sin da quando fece acquistare dalla Figc 20mila copie di
un suo libro per ragazzi. In realtà - come si vede - più che un
conflitto, un matrimonio di interessi.
Così ciascuno ha cominciato
a guardare i propri. In un ambiente che ha sviluppato la sola
capacità di misurare i soldi in
entrata, Nicchi ora spiega candido la sua conversione con il
milione e otto garantito alla categoria. Una questione di soldi,
dunque: confortante sapere
che gli arbitri italiani si regolano così. In uno slancio di dinamismo, il governo che giudicava Tavecchio discutibile, ha
cliccato sul tasto invio per un
tweet di congratulazioni, mentre Malagò ha scelto la retorica
marinara: «Ora si deve remare
tutti dalla stessa parte». Possibilmente con un’orchestrina
che suona.
-JOUFSWJTUB3FO[P6MJWJFSJ
ÒTUBUPEFDJTJWPDPOJMEFHMJ
BMMFOBUPSJ5SFBOOJGBFSB/P5BW
iμVOBTDFMUBEFNPDSBUJDB
*MGSPOUFTJOEBDBMFTUBWPMUB
MIBOOPSPUUPJDBMDJBUPSJw
*-$0..&/50
3 41035
la Repubblica ."35&%¹ ."3;0 $BMDJPFDJDMJTNP
6OBiJFOBwQSFTJEFOUF
1BMFSNPB#BDDBHMJOJ
USBJEVCCJEFMMBDJUUË
1"44"((*0%*."/0
.BVSJ[JP;BNQBSJOJ
BOOJTUSJOHF
MBNBOPBMOVPWP
QSFTJEFOUFEFM
1BMFSNP1BVM
#BDDBHMJOJDMBTTF
QSPUBHPOJTUB
JOUWEJQSPHSBNNJ
DPNF-F*FOFF*M
5FTUJNPOF-FY
QBUSPOMBTDJBMB
TPDJFUËSPTBOFSP
EPQPBOOJ
-FYEKJUBMPBNFSJDBOPIBMBTDJBUPUWFTQFUUBDPMP
QFSMBGJOBO[B"MTVP'POEP*OUFHSJUBTJMEFMDMVC
."44*.0/033*50
“6
;".1"3*/*
1BVMÒJOUFMMJHFOUF
6OPDIFTJ
ÒBGGFSNBUPOFMMB
GJOBO[BDPTÖHJPWBOF
OPOQVÛOPO
FTTFSFEJWBMPSF
”
PALERMO
Iena alla Favorita.
Paul Baccaglini è il nuovo presidente del Palermo e in città non si parla d’altro. Si parla solo dell’uomo che
dopo 15 anni ha raccolto il testimone da Maurizio Zamparini.
Dell’ex protagonista della trasmissione cult di Italia Uno
che, nel giro di cinque anni, ha
mollato il mondo dello spettacolo per scalare quello della finanza. Lui che, scoperto da
Claudio Cecchetto, oggi è a capo del fondo Integritas Capital
che ha stanziato 200 milioni di
euro per l’acquisto del 100%
delle azioni della società rosanero, la realizzazione del nuovo stadio e del centro sportivo.
Un italoamericano di 33 anni, ex giocatore di basket e dj radiofonico, che faceva parlare le
cronache del gossip insieme alNA
*-$"40-"-0/(0#03()*/*i-&57$**(/03"/0w
*MHSJEPEFMMFDJDMJTUF
i/POTJBNPEJTFSJF#w
$04*.0$*50
*
ROMA
nzuppata di fango, infreddolita, felice e feroce, mentre la
grande conchiglia ai piedi della Torre del Mangia le si
schiudeva intonsa davanti, Elisa Longo Borghini ha sorriso e poi ha alzato le braccia. Storia di sabato scorso, della
‘Strade Bianche’. Felice, era felice, la grande campionessa
piemontese. Però, insomma, ecco quel che ha detto, dopo: «È
una delle vittorie più belle della mia carriera, peccato che il ciclismo femminile non abbia visibilità e l’attenzione mediatica che merita. Purtroppo il pubblico non ci vede mai, non ci
conosce, eppure vi assicuro che non siamo seconde agli uomini per attaccamento, grinta e voglia di fare: le nostre corse sono grande spettacolo». Lo sono per almeno un paio di motivi:
il tatticismo è quasi azzerato, c’è meno livellamento, la classe fa la differenza quasi in ogni corsa.
In Italia il ciclismo femminile, nonostante i grandissimi risultati, le oltre 150 medaglie vinte su strada e su pista dalle nazionali azzurre del ct Salvoldi, è ancora e sempre
un gioco di mecenati e di carbonare, di piccole e medie imprese (e passioni), che la tv
accetta di rado e sempre in differita, ritenendolo di fatto uno sport e uno sforzo di serie B. Eppure, numeri e risultati alla mano,
il ciclismo delle ragazze è uno sport molto
italiano: 74 delle 511 professioniste dell’intero panorama internazionale sono italia&MJTB-POHP#PSHIJOJ
ne, oltre il 14%, 8 su 44 sono le squadre di
casa nostra. «Il guaio grande» racconta Valentino Villa, patron della Valcar Pbm, squadra bergamasca
entrata a gennaio nel professionismo, «è proprio la mancanza delle tv, ha ragione Elisa, e si fa una fatica del diavolo a tenere in piedi tutto e quante ragazze perse per strada, di passione e basta non si vive. Noi alla Valcar siamo quattro amici,
il team è a conduzione familiare, metteremo 200mila euro
nel progetto, le squadre migliori spendono tre volte tanto,
noi proveremo a resistere e a fare risultati con le nostre ragazze, senza contributi federali, praticamente abbandonati
al nostro mecenatismo. So che sarà un gioco a perdere, e mi
chiedo perché, ad esempio, uno sport come lo sci goda di dirette tv speculari tra maschi e donne e il ciclismo no. Il ciclismo delle ragazze non deve essere trattato come uno sport
di serie B, eppure ancora avvertiamo intorno uno strano genere di misoginia, retrivo, assurdo, come se le sforzo delle ragazze valesse meno di quello degli uomini. Speriamo di cambiare questa mentalità, ma ci vorranno anni. Noi faremo il
nostro».
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"
la sua compagna, l’ex velina
Thais Wiggers, e adesso è pronto a stupire tutti alla guida del
Palermo. Baccaglini, il cui sodalizio artistico con Pif aveva portato anche a una collaborazione nella trasmissione il “Testimone”, e oggi è espressione di
un colosso con sede a Londra e
New York.
Colosso, a dire il vero, sul
quale ci sono ancora dei punti
oscuri sui quali proverà a fare
luce oggi lo stesso Baccaglini
nella sua prima conferenza
stampa ufficiale. I tifosi del Palermo, gli stessi che sino a qualche giorno fa avevano invocato
le dimissioni di Zamparini, restano in attesa di capire meglio, un po’ disorientati dalle
immagini che passano sul web
con Baccaglini che grida: «Il
Mojito è la mia benzina». Immagini molto diverse, a dire il vero, da quelle di un Baccaglini
decisamente calato nel nuovo
'050ª"/4"
personaggio che al suo arrivo
nell’albergo di Mondello che lo
ospita ha salutato tutti con un
“Forza Palermo”.
Chi non ha dubbi su Baccaglini è Maurizio Zamparini che ha
ceduto la poltrona di numero
uno del club alla ex Iena. «Sarà
un presidente importante – di-
ce l’ormai ex patron friulano –
Paul è una persona molto intelligente. È stato anche un uomo
di spettacolo. D’altra parte uno
che si è affermato nel mondo
della finanza così giovane non
può non essere di valore. L’ambizione del gruppo che rappresenta sono quelle di portare il
Palermo in Europa, in Champions, e intanto costruiscono lo
stadio e il centro sportivo».
Nel fondo Integritas Capital
Baccaglini ha due soci. Sarà lo
stesso neo presidente del Palermo a spiegare a quale dei quattro fondi esistenti al mondo
con il nome Integritas Capital
apparterrà il 100% delle azioni
del Palermo. Un passaggio che
avverrà entro il 30 aprile e che
sembra essere il primo passo
verso un rapporto che vedrà il
fondo angloamericano socio in
tutte le aziende del “Gruppo
Zamparini” per una cifra che
dovrebbe aggirarsi intorno
agli ottocento milioni di euro.
Cifre e numeri che dicono che il
Palermo, in attesa che arrivi il
closing del Milan cinese, è la
prima società di calcio italiano
ad essere gestita da un fondo
d’investimento internazionale.
ª3*130%6;*0/&3*4&37"5"

similar documents