Converti in PDF

Report
Problema della “processionaria”: Fratelli d’Italia scrive al sindaco
Per chiedere un intervento immediato
FASANO - Il direttivo provinciale di Brindisi di "Fratelli d'Italia" scrive al sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, per
segnalare la problematica della "processionaria" e per chiedere interventi immediati.
"Negli ultimi giorni abbiamo avuto modo di registrare diverse segnalazioni per la presenza, non solo nei parchi e nelle
aree verdi ma anche in alcune strade dei diversi centri urbani del brindisino, dell'insetto Thaumetopoea pityocampa
meglio noto come "processionaria" - si legge nella nota a firma del coordinatore provinciale Luciano Cavaliere, di
Cosimo Rubino del Dipartimento Agricoltura e Cultura Rurale e di
, componente dell'Assemblea Nazionale -. Con decreto ministeriale del 30 ottobre 2007, che ha sostituito il precedente
decreto del Ministero dell'Ambiente del 17 aprile 1998, si definisce obbligatoria la lotta contro la "processionaria" in
quanto la presenza dello stesso insetto minaccia seriamente la sopravvivenza del popolamento arboreo e mette a serio
rischio la salute delle persone e degli animali, capace di rilasciare un composto organico definito formaldeide. L'agenzia
internazionale per la ricerca sul cancro nel 2004 - prosegue la nota - l'ha classificata nel gruppo dei cancerogeni con cui
l'uomo e soprattutto dei bambini, possono entrare in contatto anche per inalazione creando danni inimmaginabili nel
nostro organismo oltre a reazioni di ipersensibilità cutanea come gravi ustioni e forti dermatiti fino a determinare in
alcuni casi, shock anafilattici. Terrificante inoltre, gli effetti che il solo contatto con lo stesso insetto o parte di esso,
provocherebbe sugli animali domestici e soprattutto sui cani. I peli urticanti del bruco, entrando in contatto con la lingua
degli animali causano la distruzione del tessuto cellulare: il danno può essere talmente grave da provocare processi di
necrosi con la conseguente perdita di porzioni di lingua. La presenza dei nidi sulle piante ospitanti - si evidenzia ancora
nella missiva -, per lo più pini e querce, mette in fine a serio rischio l'esistenza della stessa pianta, basti pensare che
ogni femmina di "processionaria" produce delle uova che vengono fissate ad un ago dell'albero ospitante. L'ammasso
può contenere fino a 300 uova, dalle quali dopo almeno 4 settimane nascono le larve dotate di forti mandibole in grado
di smembrare gli aghi dei pini e capaci di mangiare completamente rami interi, determinandone in alcuni casi la morte
dello stesso albero. È proprio per evitare tutto ciò Le chiediamo - conclude la nota indirizzata al sindaco Francesco
Zaccaria -, qualora la sua amministrazione non fosse già intervenuta in tal senso, un intervento immediato individuando
fin da subito nei centri di rischio come ad esempio asili, scuole, centri anziani, aree verdi e dog park, le iniziative
opportune al fine di garantire il contenimento dell'insetto e la salvaguardia della salute dei cittadini oltre che degli
animali".
Tempo stimato di lettura: 30''
09/03/2017 00:50

similar documents