Notiziario della settimana - Accademia Apuana della Pace

Report
Notiziario settimanale n. 628 del 03/03/2017
08/03/2017: Giornata internazionale della donna
Evidenza
Documenti
#8marzo Sciopero internazionale delle donne (Nonunadimeno)
8 Marzo – Sciopero generale di 24 ore, settore pubblico e privato.
Su richiesta di Non Una di Meno a tutte le organizzazioni lo sciopero generale
di 24 ore è stato proclamato ufficialmente da diverse realtà del sindacalismo di
base.
Questo significa che nelle 24 ore del giorno 8 marzo tutte le lavoratrici del
pubblico impiego e del privato possono scioperare perché esiste la copertura
sindacale generale.
Preparandoci all’8 marzo: sciopero generale (Matilde Mirabella)
Questa mattina presso la Sala Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia
e su invito del Sindacato SIAL Cobas, si è svolto un incontro di presentazione
dello sciopero previsto per il prossimo 8 marzo. Marie Moise, del
Coordinamento di NonUnadiMeno, insieme a Lea Melandri, giornalista,
femminista storica e fondatrice della Libera Università delle Donne, hanno
raccontato la genesi di questa importante manifestazione, attualmente in
preparazione in ben 40 paesi.
"Se voi però avete il diritto di dividere il
mondo in italiani e stranieri allora vi
dirò che, nel vostro senso, io non ho
Patria e reclamo il diritto di dividere il
mondo in diseredati e oppressi da un
lato, privilegiati e oppressori dall'altro.
Gli uni sono la mia Patria, gli altri i
miei stranieri"
don Lorenzo Milani, "L'obbedienza non è più una
virtù"
#8marzo Sciopero internazionale delle donne
(fonte: Pressenza: international press agency)
Iniziative
Chi semina armi raccoglie rifugiati: la guerra in Yemen e l’affare
delle armi made in Italy (Cantiere per la Pace, Accademia Apuana
della Pace, Associazione Babel)
Per qualche folle ragione tante persone non associano le armi agli effetti delle
armi. Così il commercio delle armi è rappresentato come una voce del PIL e la
vendita delle armi italiane sul mercato internazionale come un successo del
made in Italy. Tutto va bene finché uno degli effetti reali di quel "successo del
made in Italy" non si materializza sul mare e sulle coste del nostro paese sotto
forma di persone in fuga dalle guerre.
1
Calendario iniziative Invia articolo Archivio notiziari
Iscrizione newsletter Scarica la versione stampabile
Approfondimenti
Notiziario TV
Economia
Radio
Il Parlamento europeo approva il Ceta (Umberto Mazzantini)
L'utopia
irrinunciabile.
guerra si può solo abolire
Con 408 sì, 254 no e 33 astenuti, il Parlamento Europeo ha ratificato mercoledì
scorso il Comprehensive economic and trade agreement Ue – Canada (Ceta).
Dopo la votazione, il relatore Artis Pabriks (Partito popolare europeo) ha
dichiarato che «Con l’adozione del Ceta, abbiamo preferito l’apertura, la
crescita e standard elevati al protezionismo e alla stagnazione. Il Canada è un
Paese con il quale condividiamo valori comuni e un alleato sul quale possiamo
fare affidamento. Insieme possiamo costruire ponti, invece di un muro, per la
prosperità dei nostri cittadini. Ceta sarà un punto di riferimento per gli accordi
commerciali futuri in tutto il mondo».
(fonte: Unimondo newsletter)
Immigrazione
La Corte europea per i diritti dell’uomo ordina al Governo di
trasferire i minori dal centro di accoglienza per adulti di Cona(VE).
Sotto esame il metodo di accertamento dell'età (Associazione Studi
Giuridici sull'Immigrazione)
Corte Europea dei Diritti dell’Uomo: i minori non accompagnati devono essere
trasferiti dal centro di accoglienza di Cona in strutture per minori. Per la prima
volta le procedure per l’accertamento dell’età dei minori non accompagnati
all’esame della Corte.
Il 14 febbraio la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha adottato una misura
provvisoria a protezione di due minori non accompagnati collocati nel centro di
accoglienza per adulti di Cona (VE), ordinando al Governo italiano di trasferire
i ricorrenti in strutture per minori e affrontando per la prima volta la questione
dell’accertamento dell’età dei minori non accompagnati.
La
Incontro, a Volterra, con la presidente
di Emergency Cecilia Strada, il
presidente
del
Movimento
Nonviolento, Mao Valpiana, il
giornalista e scrittore scientifico Pietro
Greco e il giornalista Christian Elia,
condirettore di "Q Code Magazine" ,
già collaboratore di Peacereporter.
Si è parlato di alternativa alla guerra,
pacifismo, nonviolenza, disarmo,
antimilitarismo; accogliendo volentieri
anche gli eventuali contributi di
pensiero e riflessione che ci saranno.
E' un tentativo di iniziare un percorso
che, ne siamo consapevoli, sarà
lunghissimo, durerà forse generazioni,
ma che dovrà portare, così come già
successo con la schiavitù, alla
realizzazione
di
un'utopia
irrinunciabile,
l'abolizione
della
guerra, se non vogliamo rischiare che
oltre a perdere la nostra umanità, sia
l'umanità intera a perdersi.
(fonte: Radio Radicale)
(fonte: Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione)
Integrazione e sviluppo: dalla reazione all'azione - discorso di Papa
Francesco ai partecipanti al forum internazionale "migrazioni e
pace" del 21 febbraio 2017 (Francesco Bergoglio)
Gentili Signori e Signore,
rivolgo a ciascuno di voi il mio cordiale saluto, con sentita riconoscenza per il
vostro prezioso lavoro. Ringrazio Monsignor Tomasi per le sue cortesi parole e
il Dottor Poettering per il suo intervento; come pure sono grato per le tre
testimonianze, che rappresentano dal vivo il tema di questo Forum:
"Integrazione e sviluppo: dalla reazione all'azione".
(fonte: Centro di ricerca per la pace e i diritti umani)
Industria - commercio di armi, spese militari
A un mese dallo storico evento Senzatomica e Rete Disarmo scrivono
al Governo: partecipate ai negoziati sul disarmo nucleare
(Senzatomica, Rete Italiana per il Disarmo)
Lettera a Gentiloni ed Alfano da parte della società civile italiana che si occupa
di disarmo nucleare, con l’invito a partecipare ai negoziati ONU (in avvio il 27
marzo 2017) che discuteranno la strada per un Trattato di messa al bando degli
ordigni nucleari. Le associazioni italiane saranno a New York, l'auspicio è che
anche Parlamentari e Governo siano presenti.
2
Gruppo di redazione: Antonella Cappè, Chiara
Bontempi, Maria Luisa Sacchelli, Maria Stella
Buratti, Marina Amadei, Daniele Terzoni, Federico
Bonni, Giancarlo Albori, Gino Buratti, Massino
Pretazzini, Michele Borgia, Oriele Bassani, Paolo
Puntoni, Roberto Faina, Severino Filippi, Studio 8
- Elisa Figoli & Marco Buratti (photo)
Associazioni
Politica e democrazia
La mia idea di Politica (Gino Buratti)
Assistiamo, essendone spesso anche protagonisti, ad un deterioramento
complessivo dell'agire e del pensare politico che, a partire fin dagli anni del
berlusconismo, in qualche modo ci ha contagiato tutti, ma che sta assumendo
contorni e connotati sempre più devastanti per l'idea di politica partecipativa e
di democrazia che mi appartiene.
Libro Bianco per la sicurezza internazionale e la difesa (Francesco
Cecchini)
Il 31 dicembre 2016 la Legge quadro che regola missioni militari all’estero e
spese belliche è diventata operativa.
Il 10 febbraio, a distanza di oltre venti mesi dalla sua originale uscita (30 aprile
2015), il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro della Difesa Roberta
Pinotti, ha approvato un disegno di legge di delega al Governo per la
riorganizzazione dei vertici del ministero della Difesa e delle relative strutture,
la revisione del modello operativo delle Forze Armate, la rimodulazione del
modello professionale e in materia di personale delle Forze Armate e la
riorganizzazione del sistema della formazione.
(fonte: Pressenza: international press agency)
Stili di vita
Abitare il desiderio di comunità (Paolo Cacciari)
Cresce il desiderio di cohousing. Vi sono sempre più persone e famiglie che
cercano soluzioni abitative condivise. La gamma della casistica possibile è
varia. Si va dalle comuni dove, oltre alla visione del mondo, si condividono i
redditi, alle case-famiglia che ospitano persone in difficoltà, dai condomini
solidali agli eco-villaggi, dagli appartamenti multipli in cui vivono, ad esempio,
anziani e studenti, ai cohousing sociali in case in affitto di edilizia pubblica. Per
tutti il motivo di base che spinge le famiglie a tale scelta è il desiderio di creare
con il vicinato una comunità intenzionale, un gruppo legato da rapporti fiduciari
e il più possibile solidali. Insomma, cresce l’avversione verso gli anonimi
alveari residenziali che inducono relazioni anaffettive, oltre che a modi di
abitare scomodi, ad alto impatto ambientale e costosi.
(fonte: Comune-info - facciamo Comune insieme)
Notizie dal mondo
Europa
Chiediamo alla BCE di rendere pubblici #TheGreekFiles! (DiEM25)
Unisciti alla nostra campagna per chiedere alla BCE di pubblicare i documenti
relativi alla chiusura delle banche greche nel 2015.
Nel 2015 la Banca Centrale Europea (BCE) obbligò le banche greche a chiudere
gli sportelli, azione che fu parte integrante del tentativo da parte della Troika di
costringere il neo-eletto governo ad abbandonare il programma per cui era stato
votato: la rinegoziazione del debito pubblico nazionale, della politica fiscale e
dell’agenda politica riformatrice.
(fonte: Pressenza: international press agency)
3
Documenti
Premio
nazionale
della
nonviolenza – v edizione: 3
marzo
presentazioni
lavori
finalisti
e
consegna
riconoscimenti (Mondo senza
Guerre
e
senza Violenza,
Greenpeace)
Le
Associazioni
Internazionali
Promotrici “Mondo senza Guerre e
senza Violenza” e “Greenpeace” sono
liete di invitare tutti all’Evento Finale
del percorso del Premio Nazionale
dellaNONVIOLENZA 2016. In questa
occasione verranno proiettati i lavori
finalisti presentati dall’Istituto Mons.
Bello di Molfetta, dal Liceo Enrico
Fermi di Sciacca, dalla Scuola
Primaria di ii grado Enrico Fermi di
Macerata, da Stefania Daneluzzo ed
Antonio paolo Simeoni.
(segnalato da: Cristiano Chiesa Bini)
Palestina e Israele
Stop alla demolizione della Scuola di Gomme in Palestina!
#dirittoallostudio (ComboniFem - Redazione Newsletter Suore
Comboniane)
Un’incognita che pesa come un macigno.
È l’ordine di demolizione che dal 19 febbraio grava sulle 42 baracche del
villaggio beduino di Khan Al Ahmer e sulla suo “scuola di gomme”, costruita
nel 2009 senza fondamenta proprio per prevenirne la demolizione.
La Corte Suprema di Gerusalemme ha rinviato al 2 marzo la sentenza, che
doveva essere eseguita il 23 febbraio.
(fonte: ComboniFem - Newsletter Suore Comboniane)
Sud Sudan
MSF denuncia in grave stato di malnutrizione in Sud Sudan (Medici
senza Frontiere)
Il conflitto prolungato in Sud Sudan sta avendo un grave impatto sulla
popolazione locale ed è alla base della crisi nutrizionale nel paese. Lo dichiara
l’organizzazione medico-umanitaria internazionale Medici Senza Frontiere
(MSF), che nelle ultime settimane ha riscontrato livelli di malnutrizione
estremamente elevati e ha lanciato una risposta di emergenza per trattare i
bambini malnutriti. Nelle contee di Mayendit e Leer, uomini, donne e bambini
sono continuamente costretti a scappare dalle loro case per sfuggire ai
combattimenti, e faticano ad avere accesso a beni essenziali come cibo, acqua e
assistenza sanitaria.
(fonte: Pressenza: international press agency)
U.S.A.
Breve storia di chi ha perso il voto negli USA (Lorenzo Piccoli)
Alcune leggi approvate subito dopo la Guerra Civile americana potrebbero aver
avuto un esito determinante sui risultati delle elezioni presidenziali del 2016. Si
tratta di leggi che privano del diritto di voto i detenuti e, in alcuni casi, anche gli
ex detenuti che hanno finito di scontare la loro condanna. Un gruppo di ricerca
di avvocati e accademici ha messo in fila i dati disponibili e ha scoperto che
queste leggi riguardano oltre sei milioni di cittadini americani.
(fonte: Unimondo newsletter)
4

similar documents