statuto - Consorzio Leader

Report
Repertorio n. 268391
Raccolta n. 37162
COSTITUZIONE DI CONSORZIO
REPUBBLICA ITALIANA
L'anno duemiladiciassette (2017), il giorno
due (2), del mese di marzo.
In Monza, Via Teodolinda n. 2.
Avanti a me Dottor Giuseppe Bellucci, Notaio
in Monza, iscritto presso il Collegio Notarile di Milano, senza assistenza dei testimoni,
sono presenti
PINARDI Luciana, nata a Sustinente il giorno
11 ottobre 1948, che interviene al presente
atto nella sua qualità di amministratore unico della società "INTER MEDIA COMMUNICATION S.R.L.", con sede in Milano, via Antonio Kramer n. 21, presso la quale per la carica domicilia, capitale sociale di Euro
10.500,00 (diecimilacinquecento virgola zero
zero), numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 03023210960, numero R.E.A. MI1631364 e, quindi, in legale rappresentanza
della stessa, in forza di verbale di assemblea ordinaria in data 6 febbraio 2017, in
corso di deposito presso il Registro delle
Imprese di Milano;
PINARDI Franco Antonio, nato ad Ostiglia il
giorno 13 giugno 1956, residente a Milano in
Via Privata Bastia n. 6, codice fiscale
PNRFNC56H13G186U, intervenuto al presente
atto in qualità di titolare dell'impresa individuale "PINARDI FRANCO", corrente in Milano, Via Bastia n. 6, iscritta presso il
Registro Imprese di Milano con il predetto
codice
fiscale,
avente
partita
I.V.A.
04213880158, numero REA MI-1003429;
MARINELLI Maurizio, nato a Cesena il giorno
13 maggio 1966, che interviene al presente
atto nella sua qualità di socio accomandatario della società "TIPO-LITO WAFRA - S.A.S.
DI MARINELLI FRANCO & C.", con sede in Cesena, Via Ovada n. 156, presso la quale per la
carica domicilia, numero di iscrizione al
Registro delle Imprese di Forlì, Cesena e
Rimini,
codice
fiscale
e
partita
IVA
00529050403, numero R.E.A. FO-153373 e,
quindi, in legale rappresentanza della stessa, che dichiara di essere a quanto infra
autorizzato in forza di legge e dei vigenti
patti sociali;
MEDICI Andrea, nato a Parma il giorno 21
febbraio 1976, che interviene al presente
atto nella sua qualità di amministratore unico
della
società
"MEDICI
AUTOMAZIONI
S.R.L.", con sede in Salsomaggiore Terme,
Piazza Borsellino e Falcone n. 2, presso la
quale per la carica domicilia, capitale sociale di Euro 100.000,00 (centomila virgola
zero zero) i.v., numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Parma, codice fiscale e partita IVA 01950660348, numero R.E.A.
PR-189702 e, quindi, in legale rappresentanza della stessa, che dichiara di essere a
quanto infra autorizzato in forza di legge e
di statuto;
PIRAS Marcello, nato a Dusseldorf (Germania)
il giorno 5 giugno 1965, che interviene al
presente atto nella sua qualità di amministratore unico e socio unico della società
"TRADING ROOM S.R.L." SOCIETA' UNINOMINALE,
con sede in Milano, Via Vittor Pisani n. 28,
presso la quale per la carica domicilia, capitale sociale di Euro 10.000,00 (diecimila
virgola zero zero) i.v., numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 09730560969, numero R.E.A. MI-2110452 e, quindi, in legale
rappresentanza della stessa, che dichiara di
essere a quanto infra autorizzato in forza
di legge e di statuto.
Io Notaio sono certo dell'identità personale
dei comparenti, che dichiarano di essere
cittadini italiani e di agire in rappresentanza di imprese disciplinate dal diritto
italiano.
Mediante quest'atto i predetti comparenti,
agendo nelle sopra specificate vesti e legali rappresentanze, dichiarano di costituire
un consorzio volontario con attività esterna, disciplinato dagli artt. 2602 e seguenti
del codice civile.
Il consorzio, costituito per finalità di
prestazione di servizi integrati per le imprese consorziate, è denominato:
“ CONSORZIO LEADER PER LO SVILUPPO E
PROMOZIONE DELLE IMPRESE ”.
Il consorzio ha sede in Milano, attualmente
in Via Antonio Kramer n. 21, con durata al
31 (trentuno) dicembre 2060 (duemilasessan-
ta), salvo proroga o anticipato scioglimento
da deliberarsi dall'assemblea.
Il consorzio dispone, ai sensi degli articoli 2602 e seguenti del Codice Civile, di un
ufficio destinato a svolgere attività interna, che è ubicato presso la suddetta sede
legale.
Il consorzio ha per scopo:
"La prestazione di servizi integrati per le
imprese consorziate con l’obbiettivo di favorirne lo sviluppo e la promozione, mediante: innovazione, tecnologia, informazione,
internazionalizzazione, e assistenza in tutti i settori strategici e gestionali, anche
al fine di favorire la sicurezza nelle iniziative e nei progetti imprenditoriali.
A tal fine il Consorzio potrà, a titolo esemplificativo e non esaustivo:
1 - promuovere iniziative editoriali, di
formazione ed eventi a favore delle imprese,
anche mediante partecipazione a manifestazioni fieristiche e convegni;
2 - promuovere progetti ed iniziative di internazionalizzazione delle imprese, anche al
di fuori dell’Unione Europea, pianificando,
qualora necessario, le conseguenti operazioni;
3 - rendere le imprese più competitive, anche attraverso lo studio e la realizzazione
di mirati progetti tecnologici innovativi;
4 incentivare, tra le imprese associate
con attività sinergiche, reti distributive
commerciali;
5 - ricercare soluzioni per il sostegno finanziario delle imprese, anche mediante la
partecipazione a bandi e concorsi nazionali
ed europei;
6 - offrire una consulenza globale (legale,
tributaria e gestionale), mediante l’opera
di qualificati professionisti, coordinati
dal consorzio per fornire un servizio integrato delle singole discipline;
7 - svolgere attività formativa per le imprese consorziate e/o enti pubblici e privati, finalizzata alla qualificazione, riqualificazione e specializzazione professionale, favorendo altresì l’incontro tra competenze lavorative e necessità delle imprese;
8 - nell’ambito della propria attività, potrà collaborare con altri enti e/o consor-
zi.".
I consorziati partecipano al consorzio in
parti uguali fra loro.
Il consorzio è dotato di un fondo consortile
iniziale di Euro 50.000,00 (cinquantamila
virgola zero zero), costituito da cinque
quote di uguale valore di Euro 10.000,00
(diecimila virgola zero zero), ciascuna.
L'amministrazione del consorzio è affidata
ad un comitato direttivo, composto da un numero di membri variabile (da tre a cinque),
i quali durano in carica sino a revoca o dimissioni e sono rieleggibili.
A far parte del primo comitato direttivo,
che sarà composto da tre membri, vengono nominati i signori PINARDI Franco Antonio, in
qualità di presidente, MARINELLI Maurizio,
in qualità di vicepresidente e MEDICI Andrea, in qualità di consigliere.
Le norme che regolano la vita del consorzio
sono contenute nello statuto, che si allega
al presente atto sotto la lettera "A" per
formarne parte integrale e sostanziale, previa lettura da me Notaio datane ai comparenti.
Gli esercizi sociali si chiuderanno al 31
dicembre di ogni anno ed il primo si chiuderà al 31 (trentuno) dicembre 2017 (duemiladiciassette).
Il presidente del comitato direttivo è fin
d'ora autorizzato a compiere tutte le pratiche
necessarie
all'eventuale
iscrizione
presso il Registro delle Imprese, ai sensi
dell'art. 2612 C.C.
Ai soli effetti di cui sopra, il presidente
del comitato direttivo è espressamente autorizzato ad apportare allo statuto qui allegato le eventuali modifiche tecniche, che
venissero richieste dalle competenti autorità.
I comparenti si riservano espressamente di
addivenire ad un successivo atto di integrazione della presente costituzione di consorzio, al fine di consentire l'ingresso nel
medesimo, a titolo di soci fondatori, ad ulteriori imprese, attualmente impossibilitate
ad intervenire alla presente stipula.
Spese e tasse del presente atto, annesse e
dipendenti, sono a carico del consorzio qui
costituito.
Richiesto, ho ricevuto questo atto, da me
Notaio letto ai comparenti, che l'approvano
e sottoscrivono, alle ore diciotto e trenta
(18,30).
E' dattiloscritto da persona di mia fiducia
ed in parte scritto di mio pugno sopra dieci
pagine di tre fogli.
Firmato Pinardi Franco
"
Medici Andrea
"
Marinelli Maurizio
"
Marcello Piras
"
Luciana Pinardi
"
Giuseppe Bellucci (Notaio)
Allegato " A " al repertorio n. 268391/37162
TITOLO I
Denominazione – Sede – Scopo – Oggetto – Durata
Art. 1. Denominazione.
È costituito, a norma degli artt. 2602 e seguenti del Codice Civile, un consorzio volontario, con attività esterna, denominato
“ CONSORZIO LEADER PER LO SVILUPPO E
PROMOZIONE DELLE IMPRESE ”
Art. 2. Sede.
La sede legale è fissata in Milano, attualmente in Via Antonio Kramer n. 21.
Il Comitato Direttivo, con propria delibera,
ha facoltà di istituire altrove, sia in Italia sia all’estero, sedi secondarie, succursali, agenzie e rappresentanze e di sopprimerle,
ovvero
di
cambiare
indirizzo
della
sede legale sempre nell’ambito dello stesso
Comune.
Art. 3. Scopo.
Il Consorzio non ha scopo di lucro.
Si propone di agevolare, sostenere e promuovere lo sviluppo delle Imprese Consorziate,
anche
mediante
la
collaborazione
con
Enti
Pubblici e Privati, sia italiani, sia esteri.
La sua gestione non comporta il conseguimento, né la distribuzione di utili sotto qualsiasi forma.
Eventuali avanzi di gestione, sopravvenienze
attive o plusvalenze patrimoniali costituiranno minor costo di gestione per i Consorziati
mentre
o
incremento
le
perdite
del
per
fondo
le
consortile;
attività
svolte
dalle imprese consorziate saranno esclusivamente a carico di queste ultime.
Il Consorzio è apartitico e non persegue finalità di rappresentanza sindacale, né corporativa.
Art. 4.Oggetto
Il Consorzio ha per oggetto la prestazione
di servizi integrati per le imprese consorziate con l’obbiettivo di favorirne lo sviluppo e la promozione, mediante: innovazione, tecnologia, informazione, internazionalizzazione,
e assistenza in tutti i settori
strategici e gestionali, anche al fine di
favorire la sicurezza nelle iniziative e nei
progetti imprenditoriali.
A tal fine il Consorzio potrà, a titolo esemplificativo e non esaustivo:
1
-
promuovere
iniziative
editoriali,
di
formazione ed eventi a favore delle imprese,
anche
mediante
partecipazione
a
manifesta-
zioni fieristiche e convegni;
2 - promuovere progetti ed iniziative di internazionalizzazione delle imprese, anche al
di fuori dell’Unione Europea, pianificando,
qualora necessario, le conseguenti operazioni;
3 - rendere le imprese più competitive, anche attraverso lo studio e la realizzazione
di mirati progetti tecnologici innovativi;
4 - incentivare, tra le imprese associate
con
attività
sinergiche,
reti
distributive
commerciali;
5 - ricercare soluzioni per il sostegno finanziario delle imprese, anche mediante la
partecipazione a bandi e concorsi nazionali
ed europei;
6 - offrire una consulenza globale (legale,
tributaria
di
e
gestionale),
qualificati
mediante
professionisti,
l’opera
coordinati
dal consorzio per fornire un servizio inte-
grato delle singole discipline;
7 - svolgere attività formativa per le imprese consorziate e/o enti pubblici e privati, finalizzata alla qualificazione, riqualificazione e specializzazione professionale, favorendo altresì l’incontro tra competenze lavorative e necessità delle imprese;
8 - nell’ambito della propria attività, potrà collaborare con altri enti e/o consorzi.
Il Consorzio potrà, inoltre, svolgere qualsiasi attività ritenuta utile per il raggiungimento dello scopo sociale, purché nel
rispetto delle leggi vigenti, compreso quella commerciale e di rappresentanza, sia a
proprio favore, che a favore
delle Imprese
Consorziate.
Il Consorzio è investito del mandato di compiere, per conto delle singole imprese consorziate, tutti gli atti, le procedure, le
stipule e quanto necessario per gli scopi
consortili.
Le attività sopra descritte saranno svolte
dal Consorzio tramite l’opera dei membri del
Comitato Direttivo e delle persone fisiche o
giuridiche
appositamente
incaricate
dallo
stesso.
Sono espressamente escluse dall’attività sociale:
- tutte le attività per le quali la legge
richiede preventive autorizzazioni, abilitazioni o iscrizioni in albi e/o ruoli;
- le attività finanziarie e le assunzioni di
partecipazioni
nei
confronti
del
pubblico,
di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma, di prestazione di servizi di
pagamento e di intermediazione in cambi e
tutte le attività riservate per legge ed in
particolare;
- la raccolta del risparmio tra il pubblico
e l’acquisto e la vendita mediante offerta
al pubblico di strumenti finanziari disciplinati dal T.U.I.F. (D. Lgs. 24/2/1998 n.
58);
-
l’esercizio
nei
confronti
del
pubblico
delle attività di assunzione di partecipazioni, di concessione di finanziamenti sotto
qualsiasi forma, di prestazione di servizi
di pagamento e di intermediazione in cambi e
ogni
altra
attività
di
cui
all’art.
T.U.L.B. (D. Lgs. 1/9/1993 n. 385).
106
Art. 5. Durata.
Il Consorzio, agli effetti di quanto disposto dall’art. 2604 del Codice Civile, ha la
durata
fino
31
(trentuno)
dicembre
2060
(duemilasessanta), salvo proroga.
TITOLO II
Fondo consortile
Art. 6. Fondo Consortile.
Il fondo consortile è costituito:
a)
dagli apporti effettuati una tantum dai
Consorziati Fondatori, all’atto della costituzione del Consorzio;
b)
tum
dalle quote che saranno versate una tandalle
all’atto
Imprese
del
loro
Consorziate
ingresso
nel
aderenti,
Consorzio,
successivamente alla sua costituzione, nella
misura che sarà determinata con delibera del
Comitato Direttivo;
c)
dai contributi annuali che saranno ver-
sati dalle Imprese Consorziate, nella misura
che sarà definita con delibera del Comitato
Direttivo,
per
dell’attività
consortile,
organizzazione,
del
Consorzio
coprire
gestione
contemplate
le
nonché
e
spese
quelle
di
amministrazione
nel
bilancio
di
previsione;
d)
da
specifici
contributi
finalizzati
a
coprire il fabbisogno finanziario di azioni
e/o interventi consortili di carattere straordinario non previsti nel bilancio di previsione
ed
esclusivamente
realizzazione
finalizzati
alla
sociale,
nella
dell’oggetto
misura che sarà determinata con delibera del
Comitato Direttivo;
e)
dai contributi che il Comitato Direttivo
si riserva di richiedere solo alle Imprese
Consorziate interessate a progetti particolari;
f)
dai
contributi
e
dalle
liberalità
che
saranno eventualmente versati dallo Stato e
da altri enti pubblici, nonché da operatori
privati;
g) dai crediti e dai beni acquisiti con il
versamento
da
parte
dei
Consorziati
delle
rispettive quote.
Il fondo consortile è destinato esclusivamente a garantire lo svolgimento dei servizi
a favore delle Imprese Consorziate, così come previsto nell’oggetto sociale.
Per la durata del Consorzio, i Consorziati
non possono chiedere la divisione del fondo
consortile.
Qualora il fondo consortile dovesse subire
perdite, il Comitato Direttivo potrà deliberare il suo reintegro, da parte dei Consorziati, stabilendone le modalità ed i termini.
Il Consorzio non può contrarre debiti verso
intermediari creditizi o finanziari, né assumere impegni di spesa eccedenti il fondo
consortile.
TITOLO III
Gli Organi del Consorzio
Art. 7. Organi del Consorzio.
Gli Organi del Consorzio sono:
1)
l’Assemblea delle Imprese Consorziate,
2)
il Comitato Direttivo,
3)
Il Presidente.
Art.8. L' Assemblea delle Imprese Consorziate.
L’Assemblea è costituita da tutte le Imprese
Consorziate, il cui diritto di voto è subordinato al regolare versamento delle quote e
dei contributi.
L’Assemblea regolarmente costituita rappre-
senta
l’universalità
dei
Consorziati
e
le
sue deliberazioni, prese in conformità della
legge, del presente Statuto e del Regolamento del Consorzio, obbligano tutti i Consorziati.
Ciascuna Impresa Consorziata esprime un voto.
L’Assemblea può essere ordinaria o straordinaria
e
all’anno,
si
riunisce
almeno
per
l’approvazione
una
del
volta
Bilancio
consuntivo dell’esercizio annuale conclusosi
al 31 dicembre dell’anno precedente, nonché
per l’approvazione del Bilancio preventivo.
Le modalità di convocazione dell’Assemblea,
nonché i quorum costitutivi e deliberativi
saranno determinati nel Regolamento del Consorzio.
Art. 9. Il Comitato Direttivo.
Il Comitato Direttivo è composto da un numero di membri variabile da due a dieci, scelti
tra
i
candidatura
Fondatori
e
del
Consorzio
nominati
con
su
loro
delibera
dell’Assemblea per cinque esercizi.
Il Comitato Direttivo, una volta nominato,
elegge tra i suoi membri il proprio Presi-
dente, che avrà anche la carica di Presidente del Consorzio.
Nella sola ipotesi di stallo decisionale, il
voto del presidente sarà considerato duplice.
Art. 10. Poteri del Comitato Direttivo.
Il Comitato Direttivo è investito di tutti i
poteri per la gestione e l’amministrazione
sia ordinaria che straordinaria del Consorzio e predispone il Regolamento Interno del
Consorzio
per
l’esecuzione
e
l’attuazione
del contratto consortile, ivi compreso quello
di
Ammissione
e
Partecipazione,
nonché
per la determinazione delle quote di adesione, che le Imprese Consorziate saranno tenute a corrispondere al Consorzio.
Per
l’esercizio
delle
sue
funzioni,
potrà
dotarsi di un proprio Regolamento, approvato
con delibera dello stesso Comitato Direttivo.
In via del tutto esemplificativa, il Comitato Direttivo potrà inoltre:
1)
formulare
le
strategie
di
azione
del
Consorzio e promuovere le iniziative utili
al raggiungimento degli scopi consortili;
2)
istituire
Comitati
Tecnici
Scientifici
per lo studio di problemi ed attività specifiche per il raggiungimento degli scopi del
Consorzio
ed
eventualmente
predisporne
il
relativo Regolamento;
3)
formulare il preventivo annuale di spe-
sa, il bilancio previsionale annuale e in
relazione
ad
esso
definirne
l'entità
dei
contributi ordinari e degli eventuali contributi straordinari;
4)
predisporre il bilancio consuntivo annu-
ale;
5)
deliberare
in
merito
all'ammissione,
all'esclusione e al recesso dei Consorziati;
6)
deliberare su tutte le materie non ri-
servate dal presente Statuto alla competenza
di altri Organi;
7)
curare
la
regolare
tenuta
dei
libri,
della contabilità e di tutta la documentazione riguardante il Consorzio.
La responsabilità dei componenti del Comitato Direttivo verso i Consorziati è regolata
dalle norme sul mandato.
Art. 11 Il Presidente
Il Presidente del Consorzio è scelto dal Co-
mitato
Direttivo,
rimane
in
carica
cinque
esercizi ed è rieleggibile.
Esso
convoca
e
presiede
l’Assemblea
delle
Imprese Consorziate, il Comitato Direttivo e
il Comitato Tecnico Scientifico.
Il Presidente rappresenta il Consorzio nei
confronti dei consorziati e dei terzi, anche
in giudizio.
Art. 12. Comitato Tecnico Scientifico.
Il Comitato Direttivo, ove risulti utile ed
opportuno
per
lo
svolgimento
dell’attività
del Consorzio, può istituire un comitato di
esperti, di assoluta e primaria professionalità, denominato Comitato Tecnico Scientifico. .
Il Comitato è composto da un numero variabile di membri, scelti e nominati dal Comitato
Direttivo, che ne determina la durata e le
funzioni.
L’incarico può cessare per dimissioni, incompatibilità o revoca, secondo quanto stabilito nel Regolamento del medesimo Comitato
Tecnico Scientifico.
Per le attività che richiedono necessariamente l'opera di soggetti titolari di abili-
tazione professionale o iscrizione in appositi albi, il consorzio si avvarrà espressamente dei professionisti abilitati a norma
di
legge,
i
quali
agiranno
sotto
la
loro
personale responsabilità.
Il Comitato è presieduto dal Presidente del
Consorzio e dal medesimo convocato ogniqualvolta lo ritenga opportuno.
TITOLO IV
Scioglimento del Consorzio
Art. 13. Liquidazione.
L'assemblea,
in
caso
di
scioglimento
del
Consorzio, stabilisce le modalità della liquidazione e nomina uno o più liquidatori,
determinandone i poteri.
I
liquidatori,
salva
diversa
delibera
all'atto della nomina, possono compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione, necessari per la liquidazione
e possono vendere anche in blocco i beni che
costituiscono
il
fondo
consortile,
fare
transazioni e compromessi.
Essi
rappresentano
il
Consorzio
anche
in
giudizio.
Compiuta la liquidazione ed estinte le pas-
sività, i liquidatori redigono un rendiconto
finale
e
ripartiscono
l’eventuale
residuo
attivo tra i consorziati in proporzione e
sino alla quota a ciascuno assegnata.
TITOLO V
Clausola arbitrale e norme di rinvio
Art. 14. Clausola Arbitrale.
Qualsiasi
controversia
dovesse
sorgere
fra
le Imprese Consorziate o fra le Imprese Consorziate e il Consorzio medesimo, che abbia
per oggetto diritti disponibili relativi al
rapporto consortile, escluse quelle rimesse
alla
competenza
esclusiva
della
Autorità
Giudiziaria e quelle nelle quali la legge
prevede
l’intervento
obbligatorio
del
Pub-
blico Ministero, sarà risolta mediante arbitrato, secondo il Regolamento della Camera
Arbitrale,
denominata
"Tribunale
Arbitrale
per l'Impresa, il Lavoro e lo Sport" di Milano.
Il collegio arbitrale sarà composto da un
arbitro
unico
o
da
tre
arbitri,
nominati
dalla stessa Camera Arbitrale.
L'arbitrato sarà rituale e gli arbitri decideranno secondo diritto.
Art. 15. Norme di rinvio.
Per quanto non è previsto dal presente Statuto valgono le disposizioni del Codice Civile e delle altre leggi in materia di Consorzi.
Firmato Pinardi Franco
"
Medici Andrea
"
Marinelli Maurizio
"
Marcello Piras
"
Luciana Pinardi
"
Giuseppe Bellucci (Notaio)
Copia su supporto informatico conforme al documento originale su supporto
cartaceo, ai sensi dell'art. 22 D.Lgs. 7 marzo 2005 n. 82, che si rilascia
ad uso Registro Imprese, nei termini per la registrazione.
Roma, li ____
Firmato digitalmente: __________________ Notaio
Imposta di bollo assolta ai sensi del Decreto 22 febbraio 2007 mediante
M.U.I.

similar documents