N°07 del 17/11/2016

Report
Anno 14 - novembre 2016
Periodico di informazione e attualità
per i ragazzi di 8/11 anni
Supplemento ad Unico
Donald Trump
“Per repubblicani e democratici è
arrivato il tempo dell'unione.
Dobbiamo collaborare, lavorare insieme e riunire la nostra grande
nazione. I dimenticati di questo
Paese, da oggi non lo saranno più".
Queste sono state le prime parole
di Donald Trump, 45esimo presi-
Cos’
è il t
errem
A P
AG
dente degli Stati Uniti d’America eletto lo scorso 8 novembre.
Arriva dopo Barack Obama ed è lui
il nuovo inquilino della Casa
Bianca, a guida della superpotenza. Ma chi è questo personaggio
di cui tutti parlano?
Donald John Trump è nato a New York
il 14 giugno 1946. È un imprendi-
tore, un personaggio televisivo, un politico statunitense.
CONTINUA A PAG 2
oto .
Le
f
a
n
i
e
ogli
u
..
8-9
o
n
n
tu 0-11
AG
A P
1
VISITA IL SITO WWW.IPICCOLI.ORG
Nuovi scavi a Paestum
Lo scorso ottobre sono partiti nuovi scavi presso il Parco Archeologico Nazionale di Paestum. Per il direttore Gabriel Zuchtriegel lo scopo è quello di poter procedere nella
stratigrafia, ovvero scavare per scoprire cosa c’è sotto lo
strato romano. Sappiamo bene che attorno ai tre maestosi templi
di Paestum di epoca greca sorge un insediamento romano, risalente ad alcuni secoli dopo.
CONTINUA A PAG 2
Donald Trump. Il nuovo Presidente degli USA
CONTINUA DALLA PRIMA
È figlio di Fred Trump, un investitore immobiliare di New York molto
ricco. L’attività lavorativa del padre lo ha molto influenzato e, dopo
la laurea, ha rilevato l’azienda di famiglia dandole il nome “Trump
Organization”.
Dal 2004 al 2015 ha condotto un programma televisivo americano intitolato “The Apprentice”: un talent show di “apprendisti imprenditori”. I suoi modi diretti e, spesso aggressivi lo hanno portato ad
essere licenziato in seguito ad alcune frasi razziste sugli immigrati.
Nella campagna elettorale per le presidenziali statunitensi ha spesso
dichiarato di essere favorevole: al libero utilizzo delle armi da
fuoco, al divieto di ingresso ai musulmani in Usa, alla costruzione di
una grande grandissima muraglia sul confine meridionale col Messico,
ma ha detto anche “Per tutta la vita sono stato avido, avido, avido.
Ho afferrato tutto il denaro che potevo. Sono così avido. Ma ora voglio essere avido in favore degli Stati Uniti. Voglio afferrare tutto
quel denaro. Sarò avido a favore degli Stati Uniti”. Ma, nonostante
le sue idee estremiste, è diventato il 45° presidente degli Stati Uniti
d’America prevalendo sulla candidata democratica Hillary Clinton.
Donald Trump si insedierà alla Casa Bianca il 20 gennaio 2017,
giorno della scadenza del secondo mandato di Barack Obama.
Nuovi scavi a Paestum
CONTINUA DALLA PRIMA
Però si cercano reperti di
epoca greca o lucana (VIIV sec. a.C.) sotto la pavimentazione delle case di
epoca romana. Con questi scavi si riuscirà ad acquisire maggiori informazioni riguardo la vita
quotidiana, le abitazioni e l’economia della
“Città dei Templi”. Gli scavi sono iniziati grazie ai fondi del bilancio autonomo ottenuto lo
scorso anno e grazie ad un contributo di 45mila
euro dello sponsor PASTA ANTONIO AMATO, con due
borse di ricerca per i prossimi tre anni. Nel
frattempo il Direttore Zuchtriegel, giorno dopo
giorno, tiene vivo l’interesse sui progressi
degli scavi, rendendo partecipi tutti gl’interessati sulle ultime novità, in attesa di un più preciso studio di materiali.
2
Società Editoriale
Calore srl
Via S. Giovanni, 50
84057 Villa Littorio
Laurino (Sa)
Sede Redazionale
Viale della Repubblica, 177
84047 Capaccio(Sa)
Tel. 0828.1992339
Fax 0828.1991331
[email protected]
www.ipiccoli.org
Direttore Responsabile
Bartolo Scandizzo
In redazione:
Gina Chiacchiaro,
Cell: 329 5425519
Hanno collaborato: Monica
Acito, Diodato Buonora,
Antonella Chiacchiaro, Adriana
Coralluzzo, Nunzia D’Angelo,
Veronica Gatta, Chiara Sabia,
Gabriella Strino, Anna Trotta.
Sito a cura di Enrico Fasano
Grafica: Veronica Gatta
Stampa: C.G.M. s.r.l.
Contrada Malagenia,
84061 Ogliastro Cilento
(SA)
Tel. 0974 844039
Iscritto al Registro della
Stampa Periodica al N. 108
c/o il Tribunale di Vallo
della Lucania il 26/06/2003
Dal mondo
Esercito di terracotta dell'imperatore cinese
L'esercito di statue di terracotta ritrovato nel
1974 nei pressi della tomba del primo imperatore
della Cina Qin Shi Huang è forse uno dei più suggestivi siti archeologici del mondo ed è considerato l'ottava meraviglia. È composto da 6000 riproduzioni di
guerrieri in terracotta, vestiti con corazze in pietra e dotati
di armi, poste di guardia alla tomba dell'imperatore. La loro costruzione risale al III secolo a.C. Sembra che gli antichi greci
avrebbero già potuto visitare la Cina ben prima
di Marco Polo. Se la cosa venisse confermata
questo sarebbe il primo contatto della civiltà
cinese con l'occidente mai documentato.
La piscina più grande del mondo
In Sudamerica e per la precisione in Cile, si
trova la piscina più grande del mondo. Lunga un
chilometro, è stata costruita in un complesso
alberghiero ad Algarrobo. La laguna artificiale si estende per 77.000 metri quadrati e
per riempirla ci vogliono due milioni e mezzo
di litri d'acqua marina. La profondità in alcuni punti arriva fino a 35 metri e per recarsi da un punto all'altro si usano barche di piccole
dimensioni. La piscina ha come contorno una spiaggia bianca e
palme. Una vera oasi di relax che merita una visita.
Regala pizze in cambio di armi
Una pizzeria di Indianapolis, regalerà una pizza a chi consegnerà un’arma. L’iniziativa è lodevole e mira a ridurre la circolazione di armi in America, ma realizzarla non è affatto
semplice. La questione delle armi in America è un problema molto
dibattuto perché, da costituzione, è diritto di ogni cittadino
americano possedere delle armi per motivi di difesa. Questo
rende le città americane molto pericolose, non tutti usano le
armi solamente per difesa, ma anche per offesa. Alcune città, come Indianapolis, hanno
un tasso di criminalità così alto da poter essere paragonata addirittura a paesi che si
trovano in mezzo ai conflitti.
3
Il panda non è più
a rischio estinzione
Buone notizie per i panda di tutto il mondo: non sono più a rischio estinzione. Il panda gigante è passato dallo stato di animale “rarissimo" a "vulnerabile". Una bella conquista per la
natura. È stato per anni l'animale simbolo del rischio estinzione. È soprattutto grazie allo sforzo del Governo cinese,
che si è occupato di preservare le foreste in cui cresce il
bambù, alimento principale per il panda, che questo meraviglioso animale non è più classificato
tra le specie a rischio d'estinzione.
A dichiararlo il comitato mondiale
che cerca delle soluzioni per preservare la natura. Tuttavia gli
esperti continuano a mettere in
guardia: il cambiamento climatico
nei prossimi 80 anni potrebbe distruggere il 35% delle foreste in
cui cresce il bambù.
Ma sono a rischio ...
Purtroppo però il panda ha passato il testimone al gorilla
orientale. Essendosi ristretti infatti, nella Repubblica Democratica del Congo, gli spazi vitali in cui abita, l’ominide è
finito nella categoria di animale "gravemente a rischio". La
causa del rischio d’estinzione sono la caccia e la deforestazione. Il triste primato spetta dunque ai
gorilla orientali, seguono
poi quelli occidentali, gli orango
del Borneo e di Sumatra, gli scimpanzé e i bonobo. Diminuiscono anche
i numeri delle zebre comuni, di cui
nel 2002 se ne contavano 660mila
esemplari mentre oggi si è scesi a
500mila. La specie è entrata nella
categoria "quasi minacciata" e resta
confinata nelle riserve, dove è meno
facile cacciarle per carne e pelle.
4
La nascita del Premio Nobel
Una storia di armi, strafalcioni e ripensamenti
Alfred Nobel, inventore della dinamite e mercante di armi, ebbe un'illuminazione il giorno in cui lesse
il suo necrologio. E proprio il 27
novembre 1895 istituì il premio a suo
nome, Nobel, e il suo testamento che
istituisce il premio scientifico
più prestigioso del mondo.
Alfred Nobel, ricco imprenditore
svedese nato nel 1833, fece un'immensa fortuna con l'invenzione della
dinamite, la produzione e il commercio di armi.
Nel 1888, a seguito della morte del
fratello Ludwig, un giornale francese scambiò le identità dei due
Nobel e pubblicò un articolo poco lusinghiero dedicato all'imprenditore, intitolato Le marchand de la mort est mort (il mercante della morte è morto). Alfred, che in quel momento si
trovava a Parigi, ebbe la rara occasione di leggere ante-mortem
il suo necrologio e ne fu profondamente turbato.
Come Scrooge nel racconto Canto di Natale di Dickens, si
dice che dopo qualche anno Nobel decise di cambiare il suo destino. Senza preavviso, proprio il 27 novembre 1895, si recò al
Swedish Norwegian Club di Parigi per preparare il suo testamento
e investire buona parte del suo patrimonio, sotto forma di
premi, a «coloro che, durante l'anno precedente, più abbiano contribuito al benessere dell'umanità».
Fu così che decise di dividere i fondi in cinque premi dei diversi ambiti: fisica, chimica, medicina, letteratura e pace.
Quest'ultimo sarebbe stato conferito «alla persona che abbia
svolto il lavoro migliore per il mantenimento e la promozione
della pace».
5
Italiani da Premio Nobel
Da Camillo Golgi a Mario Capecchi sono trascorsi 101 anni di successi italiani. Di fatti lungo tutto il secolo, venti sono stati
gli scienziati italiani che hanno ricevuto uno dei riconoscimenti più importanti al mondo per la ricerca, per la letteratura e per l'impegno in favore della pace mondiale! Camillo
Golgi é stato il primo italiano in assoluto a ricevere il Nobel.
Il Nobel per la medicina e la fisiologia arrivò nel 1906 "in riconoscimento del lavoro svolto sulla struttura del sistema nervoso".
Dopo di lui, il premio fu riconosciuto a Giosuè Carducci, per
la letteratura. 1907 fu la volta di Ernesto Teodoro Moneta,
Nobel per la Pace. 1909 Guglielmo Marconi, per la Fisica. 1926
Grazia Deledda, Nobel per la Letteratura. 1934 Luigi Pirandello, ancora per
la Letteratura. 1938 Enrico Fermi per la
Fisica. 1957 Daniel Bovet, per la Medicina. 1959 Emilio Segrè, Nobel per la
Fisica. 1959 Salvatore Quasimodo, per
la letteratura. 1963 Giulio Natta, per
la Chimica. 1969 Salvatore Luria per la
Medicina. 1975 Renato Dulbecco, Nobel
per la Medicina. 1975 Eugenio Montale,
per la Letteratura. 1984 Carlo Rubbia
per la Fisica. 1985 Franco Modigliani,
per l'Economia. 1986 Rita Levi-Montal-
cini per la Medicina. 1997 Dario Fo, per
la Letteratura. 2002 Riccardo Giacconi,
per la Fisica. Per poi giungere a Mario
Capecchi che nel 2007 riceve il premio
Nobel per la Medicina!
6
I Nobel 2016
“Per aver creato una nuova espressione poetica nell'ambito
della tradizione della grande canzone americana”. È la motivazione per cui Bob Dylan, 75
anni, ha ricevuto il più prestigioso riconoscimento.
Il neo premio Nobel scelse la musica folk perchè la ritenne più
"seria" per raccontare le sue storie. Nelle ballate più celebri impegno civile e pacifismo in forma
di poesia. Ha cantato per Wojtyla
in Vaticano e i nostri cantautori
lo hanno imitato, amato e tradotto. Come molti ragazzi si innamorò e si avvicinò alla musica grazie alla radio e sempre
seguendo il copione delle biografie dei grandi musicisti suonò
la chitarra elettrica e il pianoforte, con varie band fondate e
sciolte, da ragazzo alla scuola superiore. Solo in un secondo
momento decise che la chitarra acustica sarebbe stato il “suo”
strumento, insieme all’immancabile armonica a bocca. Da allora
tanti capolavori e temi impegnati: Blowin’ in the wind il più
celebre, un manifesto contro la guerra nel Vietnam; l’ambientalismo in Hard Rain’s A-Gonna Fall; i diritti civili in The Times
they are a-changing; l’ingiustizia sociale in Hurricane e …
Premio Nobel per la Medicina al giapponese Yoshinori Ohsumi,
premiato per aver scoperto i meccanismi sottostanti l'autofagia,
un processo fondamentale per la degradazione e il riciclo delle
componenti cellulari.
Per la Fisica a David Thouless, Duncan Haldane e Michael Kosterlitz per i loro studi sulle transizioni di fase topologiche e per le fasi topologiche della materia. Si tratta di un
campo di ricerca molto complesso che a che vedere con il modo
in cui la materia assume stati strani e imprevisti.
Per la Chimica a Jean-Pierre Sauvage, Sir J. Fraser Stoddart e Bernard L. Feringa. Il riconoscimento è stato conferito per "aver progettato e prodotto le macchine molecolari".
Per la Pace al Presidente della Colombia Juan Manuel Santos,
"per il suo impegno risoluto nel porre fine alla guerra civile
che da 50 anni interessa il suo paese, una guerra che è costata
la vita ad almeno 220 mila colombiani e ha causato oltre 6 milioni di sfollati".
7
Ma cos’è il t
Tanto tanto tempo fa, prima che arrivassero gli uomini, il mondo era
Spirito guardò giù dal cielo e decise che voleva creare anche la te
acqua, nient'altro che acqua... Poi all'improvviso scorse una tartaru
guscio della tartaruga era perfetto per creare una superficie solida.
la Tartaruga e le disse di andare a cercare i suoi sei fratelli.
La tartaruga nuotò e nuotò fino a che dopo un intero giorno trovò il
rito aveva bisogno di loro.
Dopo sei giorni li aveva trovati tutti.
Il Grande Spirito allora fece mettere tutte le tartarughe in fila d
fu soddisfatto di ciò che aveva creato.
"Adesso ascoltate" disse infine. "Voi avete l'onore di formare questo p
Il Grande Spirito prese dunque della paglia e la usò per coprire il g
pulì le mani su una bella nuvola paffuta e cominciò a dare forma alla
veramente soddisfatto del suo lavoro fino a che non cominciarono i prob
bisogno di allungare un po' le zampe.
"Voglio nuotare ad est" diceva una.
"L'Ovest è meglio" gridava un'altra.
"Io nuoterò verso il sole al tramonto" ribatteva un'altra ancora.
Le tartarughe iniziarono a litigare e non riuscivano a mettersi d'acco
8
tro delle tartarughe si mossero verso Est e le altre verso Ovest
ribile rumore. Dopo un minuto finalmente il tremore si arrestò; la te
dovute fermare. Le sette testuggini per fortuna fecero pace ma og
sente il terremoto.
terremoto ...
ra fatto solo di acqua, nient'altro che acqua. Un giorno, il Grande
erra. Ma da dove poteva cominciare? Tutto quello che vedeva era solo
uga gigante e pensò che quell'animale faceva proprio al caso suo. Il
Ma una tartaruga non sarebbe bastata e allora il Grande Spirito chiamò
l primo fratello e gli chiese di andare con lei perché il Grande Spi-
da Nord a Sud, le spostò un poco, poi le spostò ancora fino a che non
paese meraviglioso. Siatene fiere e mi raccomando non muovetevi più!"
guscio delle tartarughe. Poi prese del terreno e coprì la paglia. Si
a sua creazione. Creò le montagne, le valli i laghi, i fiumi. Era
oblemi. Le tartarughe cominciarono a sentirsi irrequiete e ad aver
ordo per decidere in che direzione nuotare. Fino a che un giorno quatt. La terra allora cominciò a tremare e a rompersi facendo un or-
terra sopra le tartarughe era infatti troppo pesante e queste si erano
gni tanto litigano ancora su dove andare e allora sulla terra si
9
AMBIENTE
Come fanno le foglie
L’Autunno è ormai inoltrato e con esso lo spettacolo che la
natura ci offre è intenso: gli alberi si trasformano e le foglie si colorano di giallo, arancione e rosso prima di cadere a terra.
Come avviene questo fenomeno ?
La spiegazione va cercata nel modo in cui gli alberi si nutrono, ossia nella fotosintesi.
La fotosintesi, che significa reazione con la luce, è il processo chimico attraverso il quale le piante trasformano sostanze inorganiche, come l'anidride carbonica e l'acqua, in
sostanze organiche quali il glucosio, fondamentale alla vita,
sfruttando l'energia della luce del sole. Gli zuccheri, cioè
il glucosio, prodotti dalla fotosintesi sono usati dall'albero
per crescere. La reazione chimica realizzata dalla fotosintesi
produce come scarto l'ossigeno, che è essenziale per la vita.
Una trasformazione così importante avviene attraverso la clorofilla che cattura l'energia del sole e la trasforma in
energia chimica. La clorofilla, che si trova nelle foglie,
dona il colore verde alla pianta e viene prodotta nelle stagioni calde. Durante l'estate la pianta produce questa sostanza in continuazione e cresce. In inverno, quando le ore di
luce sono di meno, la clorofilla non viene più prodotta, la
pianta si ingiallisce e va in una specie di letargo, proprio
come alcune specie animali, e non cresce più.
10
a cambiare colore in autunno?
AMBIENTE
Piccolo esperimento:
Provate a mettere una piantina in un armadio per qualche
giorno. Vedrete come perderà velocemente il suo colore. Ma poi
rimettetela alla luce, affinché si riprenda!
C’è poi il carotene, un altro pigmento chimico che si trova
nelle cellule delle foglie. Il colore giallo del carotene non
si vede in primavera e in estate perché è mascherato dal verde
della clorofilla. Però, non appena arriva l’autunno e la clorofilla non viene più prodotta, il carotene diventa visibile.
E poi è necessario che l'albero si liberi delle foglie per sopravvivere durante l'inverno. Così, all'attaccatura della foglia, si forma una specie di tappo che interrompe il passaggio
dello zucchero dalla foglia al ramo. A questo punto lo zucchero che rimane nelle cellule della foglia si trasforma in
antociano che è un pigmento rosso/violaceo che si trova nelle
cellule delle foglie solo quando è alta la concentrazione di
zuccheri. La luce ne innesca la reazione e fa reagire gli zuccheri con le proteine. In questo magico dipinto naturale,
anche le condizioni del tempo fanno la loro parte. Le basse
temperature bloccano la clorofilla e fanno ingiallire le foglie. Ma, se la temperatura è sopra lo zero, la produzione di
antociano è stimolata e le foglie diventano rosse.
In conclusione, per avere un autunno ricco di foglie dalle
sfumature di giallo, arancione e rosso, dobbiamo sperare
in giornate assolate, secche, con notti fredde ma non sotto
zero!
11
TEST
I NOBEL
A CURA DI NUNZIA D’ANGELO
Dal 3 al 10 ottobre sono stati annunciati tutti i Nobel assegnati
nel 2016, sai come funziona l’assegnazione dei premi e chi ha vinto?
Fai il test e vinci il tuo premio Nobel personale!
1)
Il premio Nobel viene assegnato…
a)
Ogni anno
b)
Ogni settimana
2)
Il premio viene assegnato a persone o organizzazioni di tutto
il mondo che si sono distinte per il loro lavoro nei campi della medicina, della chimica, della fisica, della letteratura, dell’economia e della pace.
a)
VERO
b)
FALSO
3)
Il premio è stato istituito…
a)
da Alfred Nobel, chimico e industriale svedese, inventore
della dinamite.
b)
dall’alta Nobiltà Francese
4)
Il premio Nobel per la pace del 2016 è stato assegnato al
presidente colombiano Juan Manuel Santos "per i suoi sforzi risoluti
di mettere fine alla guerra civile che ha colpito il suo paese per
più di cinquant'anni". Sforzi che hanno avuto il loro culmine con
l'accordo di pace stabilito con le forze armate rivoluzionarie
(Farc) avvenuto nelle ultime settimane.
a)
FALSO
b)
VERO
5)
Il premio Nobel per la letteratura è stato assegnato al cantautore statunitense Bob Dylan "per aver creato nuove espressioni
poetiche all'interno della grande tradizione della canzone americana".
a)
FALSO
b)
VERO
6)
La prima assegnazione dei premi avvenne nel…
a)
1901
b)
1991
7)
I premi vengono assegnati in Ottobre ma la cerimonia di consegna si tiene a Stoccolma il 10 dicembre, anniversario della morte
del fondatore.
a)
VERO
b)
FALSO
8)
La storia dei Nobel ha visto spesso la premiazione delle
stesse persone in edizioni differenti, oppure di membri della stessa
famiglia o di organizzazioni e membri di organizzazioni che nel
corso degli anni hanno meritato più volte l'assegnazione del premio.
a)
FALSO
b)
VERO
PROFILI
Maggioranza di A
Complimenti ti viene assegnato il premio del giusto test!!!
Maggioranza di B
Purtroppo non puoi ricevere il premio del giusto test…purtroppo conosci poco di questa onorificenza di valore mondiale attribuita annualmente a persone che si sono distinte nei diversi campi dello
sapere, «apportando considerevoli benefici all'umanità» per le loro
ricerche, scoperte e invenzioni, per l'opera letteraria, per l'impegno in favore della pace mondiale.
RISPOSTE GIUSTE: 1) A, 2) A, 3) A, 4) B, 5) B, 6) A, 7) A, 8) B
12
RICETTA
A CURA DI DIODATO BUONORA
Hamburger Parmentier al forno
Le piante di patate furono
importate in Europa dopo la
scoperta
dell’America.
l’inizio
furono
Al-
utilizzate
unicamente come piante ornamentali. Poi, dopo la metà
del 18° secolo, Antoine Augustin
Parmentier,
igienista
e
agronomo,
nutrizionista
francese, durante la guerra
dei Sette Anni, contro l'Inghilterra e la Prussia, in un carcere tedesco ne scoprì le qualità nutritive. Al suo ritorno in
Francia, partecipò a un concorso indetto dal comune Besançon
sulla sostituzione del frumento nella produzione del pane e preparò una dissertazione sulla patata, che lo rese celebre. Da allora tutti i grandi chef quando creano una ricetta con le
patate, la chiamano Parmentier. Per preparare gli “Hamburger
Parmentier” avete bisogno di: 1 kg di patate più o meno della
stessa misura, 80 grammi di formaggio grattugiato, 2 uova,
30 grammi di pangrattato, olio extravergine d’oliva e sale.
Ora con l’aiuto di un adulto, lavate accuratamente le patate
sotto l’acqua fredda, in modo da rimuovere ogni residuo di
terra, e fatele lessare in abbondante acqua salata per circa 40
minuti. Ancora calde, le sbucciate e le passate nello schiacciapatate. In una ciotola mischiate le patate con il formaggio
grattugiato, le uova e il pangrattato. Se necessario aggiungete
del sale. Amalgamate bene il tutto e formate delle piccole porzioni che schiacciate a forma di hamburger. Metteteli in una pirofila, unta con dell’olio extravergine d’oliva e infornate nel
forno caldo a 180 gradi per circa 15 minuti. Servite caldo. Buon
appetito.
Dibbì
13
Lo sport
La parola “sport” compare per la prima volta in Inghilterra
nel 1532 e significa divertimento . Deriva dal francese antico “desport” , da cui traggono origine anche lo spagnolo
“deporte” e l’italiano “diporto” (svago, divertimento). La
parola inglese “sport” e il suo aggettivo “sportivo” sono
successivamente arrivati in Italia nel XIX secolo, attraverso
il francese sport (1828) e sportif (1862).
Hai mai pensato di smettere di giocare a calcio o a pallavolo o a basket e cimentarti in qualche altra attività
sportiva? Se sei a corto d'idee prendi in considerazione
uno di questi sport:
Il lancio del telefonino, il calcio con le auto oppure
nel fango, la regata delle zucche e il formaggio che
rotola, la corsa delle sedie d'ufficio, la tosatura
delle pecore, il trasporto delle moglie …
Trova le parole
14
#
"
$
'
"
"
'
(
(
$
%
(
&
%
"
$
$ % " " & !
#
) # & ! % )
) $ "
" ! $ % $ $ $
' & !
&
'
&
!
$
'
*
!
(
!
"
$
!
&
'
%
"
! ! " !
' '
% " $
& $ '
% $
"
&
$
!
'
!
!
'
$
%
"
"
"
&
!
#
'
!
&
#
$
!
!
$
'
%
&
!
&
'
'
%
$
'
&
#
&
&
#
$
$
$
#
&
$
& "
& % "
$
' ! $ ! ' & " #
" #
" %
! ! &
& & &
$
& " ( !
$
!
!
%
)
'
$
%
%
#
!
"
"
!
'
'
&
'
&
$
!
!
'
&
%
'
"
La regata delle zucche giganti
Diffusa in Germania e anche in Canada la regata
delle zucche giganti
è
uno
sport spettacolare. Avete presente le zucche di
Halloween?
Possono
diventare,
una volta svuotate, delle piccole imbarcazioni
per ospitare a bordo un uomo e salpare in acqua! E’ una regata
a tutti gli effetti solo che al posto delle classiche canoe o
barche a vela i concorrenti gareggiano a bordo di enormi zucche
giganti.
Alcune imbarcazioni arrivano a pesare anche 90 Kg! Ogni partecipante si costruisce da sé la propria imbarcazione procurandosi una zucca della varietà gigante e svuotandola
interamente, ma facendo attenzione a non tagliare la buccia
esterna che rende il piccolo natante waterproof.
Le zucche giganti sono così abbastanza grandi da poter
ospitare a bordo una persona e navigare in acqua. Vince
chi taglia per primo al traguardo, ma si accumulano punti
utili alla vittoria anche in base alla grandezza della zucca
stessa. Non si tratta di uno sport semplice: i concorrenti devono remare cercando di mantenere l’equilibrio e cercando di
non far naufragare la zucca, il tutto tra le grida d’incitamento delle migliaia di spettatori che la sfida navale riesce
a richiamare ogni anno.
15
La pila … vive due volte!
Chi non è mai rimasto senza pile nel
momento più bello?
Secondo il colosso delle pile, Duracell, noi italiani gettiamo via
le pile quando hanno, al loro interno, ancora almeno il 41
per cento di energia. Ed è quasi la metà!
Però non siamo noi a essere spreconi ma, semplicemente, gli oggetti smettono di funzionare e bisogna per forza cambiare le
pile.
La soluzione però c'è ed è facile: mettere le pile usate
dentro ad apparecchi meno “voraci di energia”. Per esempio,
le pile AA (le stilo) tolte dal joypad dell'Xbox e della Ps funzioneranno ancora nel mouse senza fili o in una sveglia. Le pile
tolte da un'automobile radiocomandata o dalla fotocamera digitale si possono riutilizzare in un orologio a muro o nel telecomando della tv...
E quando le pile sono proprio a zero vanno smaltite correttamente? No! In Italia, solo il 25 per cento delle pile
vendute viene poi smaltito correttamente in ricicleria. E la
cosa strana è che ben l'84 per cento degli italiani è convinto
di gettare via le pile scariche nel modo giusto. Le pile smaltite in modo corretto proteggono l'ambiente e poi almeno il 60
per cento dei componenti di una pila si possono riciclare: il
manganese, il nichel, lo zinco, il rame, il cobalto, il cadmio
e il piombo possono essere riutilizzati in altro modo.
Corso Italia, 39
Tel. e Fax 0828.723253
Capaccio Scalo (SA)
email: deslinelibero.it

similar documents