Gentile dott.ssa Colosimo, il presente documento

Report
Gentile dott.ssa Colosimo,
il presente documento – organizzato in forma schematica – ha l’intento di offrire un primo contributo rispetto ad
alcune delle criticità presenti ad Amantea.
SITUAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA
Nei mesi precedenti la caduta dell’amministrazione Sabatino, più volte abbiamo chiesto lumi – senza mai ottenerli –
rispetto alla reale situazione del bilancio dell’Ente.
I nostri concittadini negli ultimi mesi sono stati soffocati dalle richieste di somme relative a tributi e multe. In altri
termini, si è consumata una affannosa ricerca di liquidità. A ciò si aggiunga il niet della CDP riguardo alla richiesta di
mutui, la rivendicazione da parte di privati di crediti non presenti nel bilancio dell’Ente ed altri segnali assai
preoccupanti.
Ci domandiamo se il Comune non sia a rischio dissesto, consapevoli del fatto che tale stato patologico del bilancio
sarebbe penalizzante per i cittadini, ma anche per chi dovrà tracciare un progetto di governo del futuro di Amantea.
È per tali ragioni che ci sentiamo di chiederle di agevolare un’operazione verità tanto attesa dalla città.
CHIUSURA SCUOLE MEDIE
Abbiamo letto l’ordinanza e le motivazioni – ovviamente da condividere in un’ottica di tutela e di sicurezza degli alunni
e del personale – relative alla chiusura della Scuola Media “G. Mameli” ed al suo trasferimento al Campus Temesa.
Siamo, tuttavia, molto preoccupati del fatto che alunni e personale dovranno adattarsi in un luogo non pensato come
Scuola (e che potrebbe creare disagi). Ma i nostri timori si riferiscono anche al rischio che l’unico posto di ritrovo
culturale – il Campus Temesa appunto – potrebbe risultarne penalizzato.
Troviamo doveroso, poi, far presente che la chiusura della palestra delle Scuole medie rischia di porre un freno alle
attività promosse dalle associazioni sportive con grave pregiudizio per l’aggregazione sportiva giovanile in città.
TRASFERIMENTO TENENZA GDF
Altro elemento di preoccupazione è rappresentato dall’annunciato trasferimento della Tenenza della Guardia di Finanza.
Rinunciare alla fondamentale presenza della GdF – in un Comprensorio che, tra l’altro, già soffre un
sottodimensionamento di presidi a garanzia della sicurezza dei cittadini – sarebbe un segnale grave e preoccupante.
POLIAMBULATORIO
Negli ultimi mesi più volte ci siamo visti costretti ad intervenire a tutela del Poliambulatorio cittadino in seguito a
tentativi di depotenziarne i servizi. Oggi stiamo ponendo il problema del Laboratorio analisi cliniche che necessita con
urgenza di una unità di personale tecnico a pieno servizio. Dalle segnalazioni che ci vengono fatte, mentre per il mese di
febbraio sono state garantite ore aggiuntive da parte di personale in servizio presso il centro trasfusionale di Paola, a
partire dal mese di marzo i disagi evidenziati si sono ripresentati.
In questo quadro è utile far presente che - in seguito alle proteste dei cittadini per alcuni provvedimenti inseriti nel DCA
n. 84 del 21 Luglio 2015 ed all’istituzione di un tavolo tecnico presso il Dipartimento Tutela della Salute della Regione
Calabria - con Delibera 1397 del 29 agosto 2016 (adozione Atto Aziendale dell’Asp di Cosenza) sono state individuate
le Case della Salute del territorio dell’Asp di Cosenza. Tra queste figura la Casa della Salute di Amantea.
CENTRO STORICO
La conclusione dei lavori di restauro dei ruderi della Chiesa di San Francesco d’Assisi avrebbe dovuto rappresentare la
motivazione per la definizione di un piano di riqualificazione ordinaria dell’intero Centro storico volto, innanzitutto,
alla sua fruibilità.
Per mesi abbiamo palesato alcuni interventi di cui necessita, a nostro parere, il borgo antico: riqualificare ed
identificarne le vie d’accesso, evidenziarne con opportuna segnaletica i tanti percorsi storici, maggiore cura degli spazi
(da monitorare per evitare situazioni di degrado).
CAMPORA SAN GIOVANNI
Campora rappresenta una realtà particolarmente dinamica dell’intero tessuto cittadino.
Da tempo riteniamo prioritari la realizzazione di un adeguato e sicuro accesso al mare (qui una riflessione andrebbe
fatta verso l’area di via Torrione), un maggiore decentramento dei servizi comunali (partendo da quelli di anagrafe,
protocollo e tributi) e la riqualificazione dell’area mercato.
INTEGRAZIONE E ACCOGLIENZA
Il precedente Sindaco, nel mese di novembre 2016, ha scritto a S.E. il Prefetto chiedendo “di evitare l’apertura di nuovi
centri di accoglienza destinati ai migranti”. In quell’occasione abbiamo suggerito, al fine di migliorare il sistema di
accoglienza e quindi di integrazione, di accedere al Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (c.d. Sprar).
Ci sentiamo di esprimere tutto il nostro apprezzamento per la sua deliberazione con la quale viene manifestato interesse
di adesione quel sistema di accoglienza.
Tale documento non ha pretese esaustive ed ha carattere interlocutorio. Vuole offrire una panoramica, ed ovviamente
senza pretese di completezza, delle criticità presenti in città. Proprio a tal riguardo le nostre preoccupazioni non
possono che essere associate anche al rischio di non programmare adeguatamente l’estate 2017, che per le prospettive
della città assume grande valenza: la scintilla turistica in una città di mare ha forte valenza occupazionale di tipo
stagionale e ricadute positive sull’economia. Ed a proposito di occupazione, infine, si sentiamo di far presente che
nell’ultimo anno diversi cittadini hanno perso il proprio lavoro, con conseguenze evidenti per le loro vite e per quelle
delle loro famiglie (vigili non stabilizzati, vigilini delle strisce blu non garantiti da clausola di salvaguardia, dipendenti
della società che per conto del Comune si occupava della riscossione dei c.d. tributi minori).
Amantea, 8 marzo 2017
Circolo PD Amantea

similar documents