Storia del rap

Report
STORIA DEL RAP
Prima parte
Seconda parte
Terza parte
Quarta parte
Quinta parte

Il genere rap ha
come elemento
specifico
l’esasperata ricerca
del ritmo della
parola.

Pur avendo
riferimenti stilistici
nel passato nacque
come genere
completamente
nuovo.
ascolto 1:

L’iniziatore è stato un discjockey giamaicano di nome
Clive Campbell, meglio noto
come Koll Herc che sviluppò la
pratica di parlare, cantare,
improvvisare rime e testi su basi
musicali di altri autori.
DJ KOOL HERC
THE FATHER
OF HIPHOP!
www.youtube.com/
watch?v=T6h8nkI
BW7Q

Arrivato a New
York il rap
cominciò ad essere
accompagnato dalla
manipolazione dal
vivo dei dischi con
tecniche
denominate breaks
e scratch.

Nel frattempo si
creava un’alleanza
tra il nuovo stile
musicale, la
breakdance e il
graffitismo.
ascolto 2

Alcuni importanti
rappresentanti di questo nuovo
genere furono Afrika
Bambaataa e Grandmaster
Flash ma il primo grande
successo discografico è del 1979.
Si tratta di Rapper’s de light
della Sugarhill Gang.
Rapper’s de light
della Sugarhill
Gang
http://www.youtub
e.com/watch?v=ljU
nyv5XUA8
ascolto 3

Seguì a ruota The breaks del dj
Kurtis Blow.
The breaks del
dj Kurtis Blow.
http://www.youtub
e.com/watch?v=5Z
DUEilS5M4&play
next=1&list=PL8A
056A291FFCA2B6
&feature=results_
main
ascolto 4

Il ruolo iniziale del rap fu quello di
incanalare gli impulsi aggressivi
della comunità di colore che viveva
un forte disagio sociale. Questo
ruolo fu stabilito in modo deciso
dal brano The message di
Grandmaster Flash & The Furious
Five.
The message di
Grandmaster
Flash & The
Furious Five.
http://www.youtub
e.com/watch?v=gY
MkEMCHtJ4
STORIA DEL RAP 2
GLI ANNI OTTANTA

Ben presto si afferma
una naturale
suddivisione dei
compiti: i dj
costruiscono grooves
ritmici e musicali
sempre più complessi,
i rapper si
concentrano nella
creazione di testi in
rima

La tradizione a cui il
rap si richiama è
costituita dai “griot”
(cantastorie popolari),
i “dozens” cioè duelli
verbali dove non si
rinunciava ad un
linguaggio anche
offensivo e lo scat cioè
il parlato della musica
jazz
1980 - 82

Il rap raggiunge

Si va verso la creazione
di una struttura
musicale autonoma
un’audience più vasta
(mentre prima si aveva
uscendo dai pochi
fatto uso soprattutto
della disco-music)
quartieri di NY dove si
era affermato.

Ascolto: Planet Rock di
Afrika Bambaataa
http://www.youtube.com/watch?v=9lDCYjb8RHk
1983 - 84

Il rap, insieme alla
breakdance e il
graffitismo, diventano
una moda. In questo
campo (graffitismo)
Keith Haring eleva
questa forma
espressiva ad arte
riconosciuta.
Pisa, Chiesa di S. Antonio
Murales di Keith Haring
1983 - 84

Il rap è la nuova arte di
frontiera: si pone tra
cultura e natura, massa
ed élite, bianco e nero,
aggressività ed ironia,
immondizie e
raffinatezze spinte.
FASE DI COMMERCIALIZZAZIONE

Nel 1985 un
produttore bianco,
Rick Rubin e il rapper
Russel Simmons
crearono una piccola
etichetta
indipendente, la DEF
JAM, con la quale
pubblicarono un
singolo assolutamente
rivoluzionario: Walk
this way dei RUNDMC.

Poco dopo un altro
lavoro fondamentale :
Licensed to Ill dei
Beastie Boys
http://www.youtube.com/watch?v=bKttENbsoyk
http://www.youtube.com/watch?v=4B_UYYPb-Gk
http://www.youtube.com/watch?v=3mQCA4rcQjs
DISAGIO SOCIALE


La nuova generazione
dei rapper era decisa a
cantare apertamente
rabbia, alienazione,
voglia di riscatto e
violenza.
I quartieri neri erano,
malgrado le lotte per i
diritti civili degli anni
Sessanta, i più poveri,
quelli dove avvenivano
più omicidi e che
fornivano il maggior
numero dei detenuti alle
carceri americane.
STORIA DEL RAP 3
1984 - 5


Il disagio dei ghetti
neri aumentò con
l’arrivo del crack, una
variante meno costosa
della cocaina.
I rapper si misero
immediatamente in
prima linea contro la
sua diffusione.


Grandmaster Flash
realizzò un hit
antidroga di grande
successo: “White Lines
(Don’t Do It)
“Il rap è la CNN dei
ghetti”
1984 – 85

Il rap dunque è lo strumento
per raccontare la violenza, la

Nasce in questo contesto il
“gangsta rap” con il quale i
criminali dei ghetti vengono
durezza e la brutalità dei
ghetti.
ammantati di ambiguo
eroismo.
Fine anni Ottanta
 Alla
fine degli anni
Ottanta esplode il
rap
“rivoluzionario” e
politicizzato che si
rifa agli
insegnamenti di
Malcolm X e mette
nuovamente in
scena le divise
delle Pantere Nere.
1983
 Già
nel 1983 era
stato pubblicato un
rap dedicato a
Malcolm X, No Sell
Out, Firmato da
Keith LeBlanc.

Nella foto: Malcolm X e Martin
Luther King
Tra anni Ottanta e anni Novanta
 Il
nuovo genere
musicale prende
forza anche per
l’apparizione di
nuove tecnologie.
Esse consistono
principalmente nel
campionatore e
nelle tastiere
elettroniche (a
basso costo).
Anni Ottanta
 Durante
gli anni
Ottanta la scena
pop
internazionale
era stata
dominata dalle
“drum machine”
con i loro suoni
meccanici.
Anni Ottanta
 E’
in questo campo
che i rapper hanno
trovato ispirazione
ed è per questo che
su di loro ebbero
grande influenza
un gruppo molto
lontano dalla
cultura rap come i
Kraftwerk.
STORIA DEL RAP - 4
Dal successo al trionfo
TRA GLI ANNI OTTANTA E NOVANTA




Tra gli anni Ottanta e
Novanta il rap diventa il
linguaggio di un’intera
generazione.
Il rap è dovunque.
Perde i suoi caratteri
estremi ed entra nel
linguaggio di generazioni
di giovani bianchi e classe
media.
Si evolve in un linguaggio
completo, sempre più ricco
e complesso.

Il rap sta cambiando. Fino
ad ora si è fatto ricorso a
musiche di altri artisti
sulle quali il rapper ha
aggiunto la propria voce.
Uno dei migliori esempi è
quello di: Paid in full di
Eric B. & Rakim.

http://www.youtube.com/watch?v=E7t8eoA_1jQ
TRA GLI ANNI OTTANTA E NOVANTA

A partire da questo momento

gli artisti le cui musiche che
vengono utilizzate o citate
È questo il periodo d’oro del
rap.

Due gruppi (formati ognuno da
iniziano a chiedere di essere
due artisti) sono protagonisti
pagati. Per questo i rapper
della scena rap: i Boogie
cominceranno ad utilizzare
Down Productions che
sempre più basi musicali
riprendono i temi politici con By
originali.
Any Means Necessary e gli
EPMD con Strictly Business

http://www.youtube.com/watch?v=A_mPh0qKDjQ

http://www.youtube.com/watch?v=MYcCTxTkJds
TRA GLI ANNI OTTANTA E NOVANTA

Dall’altra parte

dell’America, in California
sperimentazione più
emergono altri artisti quali
musicale è invece il gruppo
gli Stetsasonic e i N.W.A,
De La Soul, portatore di
questi ultimi campioni del
un messaggio psichedelico
gangsta rap.

Portati ad una
e pacifista, con un
http://www.youtube.com/watch?v=eZqZschnrxM
approccio musicale
morbido e ironico.

http://www.youtube.com/watch?v=z1CaN4thI5w
TRA GLI ANNI OTTANTA E NOVANTA

Dopo l’esplosione

Molti personaggi
iniziale il rap, con il
arrivano rapidamente al
diffondersi dello stile e il
successo per scomparire
crescere del successo,
rapidamente.
inizia da un lato a

codificarsi e dall’altro a
diffondersi in forme più
commerciali e leggere.
Altri mettono in fila
molti successi.

Tra questi vi sono le
Salt ‘N Pepa.

http://www.youtube.com/watch?v=4vaN01VLYSQ
STORIA DEL RAP - 5
ANNI NOVANTA

Con il passare del
tempo il rap, da genere
di nicchia diventa il
tipo di musica più
importante nell’ambito
della black music.

Se è vero che il tratto
distintivo è stato quello del
gangsta rap, che durante gli
anni Novanta ha dominato
incondizionatamente la
scena con i suoi personaggi
e le sue rime, è pur vero che
il rap, allo stesso tempo,
iniziò a superare gli
stereotipi delle origini e
diventò un linguaggio
trasversale.
ANNI NOVANTA

Il rap si è contaminato
incontrando sempre
più spesso il jazz, il
soul, il rhythm and
blues e il rock; inoltre
ha invaso tutta la
musica del mondo
diventando un codice
utilizzabile ovunque e
da chiunque.

L’impatto, insomma,
fu per molti versi
simile a quello che
ebbe il rock negli anni
Cinquanta, di nuovo
un’intuizione
americana per nascita
ma globale per
vocazione.
IL GANGSTA RAP


D’altronde la situazione sociale
delle comunità di colore era ed è
drammatica.
Il dato essenziale del gangsta rap  La causa di decesso più comune
fra i neri è l’omicidio
era, ed è, quello di raccontare
storie in prima persona, di offrire
ritratti di spacciatori, papponi,

ladri e prostitute interpretandone
La maggioranza dei neri
ammazzati sono stati ammazzati
da un nero
le storie senza mediazioni, il che
 L’aids si diffonde tra i neri a una
ha, ovviamente, una buona dose di velocità tre volte superiore a
ambiguità e ha consentito ai critici quella fra i bianchi
dello stile di accusare i rapper di
voler trasformare i gangster in
eroi, di promuovere di fatto la
violenza e il crimine.

La disoccupazione fra i neri è
doppia che fra i bianchi
IL GANGSTA RAP

La data di nascita del
gangsta rap è il 1986
quando Ice T da alle
stampe una canzone
intitolata 6’ N the
Morning, recitata in
prima persona, una
sorta di visita guidata
nel crimine di Los
Angeles

Nel 1988 esce un
brano: Fuck the Police
degli N.W.A. il quale
fa scandalo al punto
che il disco viene
bandito da molti
negozi e l’F.B.I. invia
una lettera di protesta
ufficiale alla casa
discografica della
band, la Priority
Records.
IL GANGSTA RAP




Altri brani fondamentali
del gangsta rap sono stati:
1993: The Cronich di Dr.
Dre
1993: Doggy-style di
Snoop Doggy Dogg
1995: Me against the world
di Shakur

Nel 1996 Shakur viene
ucciso in un agguato, un
mese dopo è la volta del
suo più noto rivale,
Notorius B.I.G.
PER CONCLUDERE …..

Il rap, alla fine, entra a far parte

E chiudiamo con Marshall Mathers, cioè
Eminem, che può essere considerato L’Elvis
della stessa cultura americana
Presley del rap, colui che è stato in grado di
coinvolgendo un’intera
mescolare cultura bianca e nera e di
generazione di giovani bianchi
trasformarla in qualcosa d’altro.
che scelgono il rap come codice

Eminem ha dichiarato: “Sono un bianco in
un genere musicale nato dalla cultura nera.
espressivo, magari fondendolo
con altre musiche come è
avvenuto nel caso di Michael
Jackson o di Madonna.
Ma credo che la maggior parte delle persone
non si renda conto che esiste una realtà dura
e povera anche per i bianchi.”
EMINEM



Temi ed argomenti
I testi di Eminem contengono argomenti tipici della cultura hip hop, quali la rabbia
verso la società che spesso ghettizza la popolazione nera, ossia quella che
maggiormente sostiene questo stile musicale, e la politica: non sono infatti rari gli
attacchi verso l'ex Presidente degli Stati Uniti George W. Bush con canzoni
estremamente politicizzate, come ad esempio Mosh o We As Americans e White
America. A questi argomenti generali spesso se ne affiancano altri più introspettivi,
che trattano del pessimo rapporto dell'artista con la madre, testimoniato da canzoni
come Cleanin' Out My Closet e Kill You, l'ex moglie Kim a cui dedica, tra le altre,
canzoni come Kim e Puke e la figlia Hailie, che porta tatuata sulla spalla destra. La
figlia avuta con Kim è l'unica persona nell'ambito familiare di cui parla in modo
positivo, dimostrando l'affetto che prova per lei in canzoni come Mockingbird, When
I'm Gone o le meno famose Hailie's Song e My Dad's Gone Crazy contenute
nell'album The Eminem Show.
Accanto a questi argomenti spesso se ne affiancano altri più leggeri come le parodie
alla musica pop americana, nei testi e nei video Eminem si prende spesso gioco di
artisti come Paris Hilton, Christina Aguilera, Britney Spears, Jessica Simpson,
Michael Jackson, Mariah Carey ma soprattutto Moby.
Le canzoni incriminate in questo senso sono soprattutto The Real Slim Shady,
Without Me, Ass Like That e Just Lose It.
CLEANIN' OUT MY CLOSET

Dov'è il mio rullante?
Non sento il rullante
nelle mie cuffie
Andiamo
Sì
Yo yo
Sei mai stato odiato,
o discriminato?
Io sì, hanno protestato
E dimostrato contro di me
Hanno fatto i picchetti
con i cartelli per le mie
Rime perverse, guarda i tempi
Stufi di questa mente, del fottuto
ragazzo che sta dietro
tutta questa confusione,
le emozioni scorrono profonde
come un oceano che esplode
gli animi dei genitori prendono fuoco
basta spengnerli e
continuare ad andare avanti
non prendendo nulla da nessuno
rendendogli la vita un inferno
finchè avrò respiro
continuando a farsi
il culo al mattino
e a prender nomi alla sera
Andandosene con l'amaro in bocca
Con il gusto d'aceto
Vedi, possono provocarmi,
ma non potranno mai capirmi
guardami ora,
scommetto che voi
siete stufi di me adesso
non tu, mamma, ti renderò
così ridicola adesso
Mi dispiace mamma
Non volevo farti soffrire
Non volevo farti piangere
Ma stanotte
sto pulendo il mio armadio
Ancora una volta
Mi dispiace mamma
Non volevo farti soffrire
Non volevo farti piangere
Ma stanotte
sto pulendo il mio armadio
Ha!

similar documents