Document

Report
ANTILEUCOTRIENICI
Indicazioni e linee-guida
Le prescrizioni dei pediatri di famiglia
della ASL Salerno nel 2010
Gli antileucotrienici nelle linee-guida
• SIGN: Scottish Intercollegiate Guidelines
• GINA: Global INitiative for Asthma
• PRACTALL: PRACTicing ALLergology
EAACI (European Academy of Allergy and Clinical Immunology)
AAAAI (American Academy of Allergy, Asthma and Immunology)
• ARIA: allergic rhinitis and is impact on asthma
• SNLG: sistema nazionale per le linee-guida
(Toscana)
SIGN
1.Iniziare il trattamento appropriato alla severità
2.Raggiungere presto il controllo
3.Mantenere il controllo:
– stepping up se necessario
– stepping down se il controllo è buono considerare
una riduzione di step ogni tre mesi
SIGN
• Per controllo si intende:
- non sintomi durante il giorno
- non risvegli notturni dovuti all’asma
- non ricorso al pronto soccorso
- non limitazione dell’attività fisica
- non esacerbazioni
- minimi effetti collaterali della terapia
- normale funzione polmonare
SIGN
• Gli antileucotrienici:
• step 2: se i CSI non sono tollerati o sono
controindicati
• step 3 0-5 anni: in aggiunta ai CSI al dosaggio
di 200-400 mcg/die
• step 3 6-12 anni: in aggiunta ai CSI a 400
mcg/die nei non-response ai LABA
(broncodilatatori long-acting)
SIGN
• L’asma indotto dall’esercizio è espressione di
un asma mal controllato
• Il trattamento di scelta è il SABA
(broncodilatatori short-acting) prima
dell’esercizio
• Se il bambino è ben controllato dal CSI, ma ha
problemi con l’esercizio, può aggiungere
l’antileucotrienico
GINA
• Gli antileucotrienici sono efficaci a tutti i livelli ma meno dei
CSI a basse dosi
• Sono efficaci nell’asma indotto dall’esercizio
• Sono efficaci nell’asma lieve persistente, meno nell’asma
moderato–grave
• Forniscono vantaggi aggiunti ai CSI, ma meno dei LABA o di
dosi moderate di CSI
• Quindi: > 5 anni
• step 2: in alternativa ai CSI
• step 3: + CSI in alternativa ai LABA se non efficaci o ai CSI a
dosi moderate
• step 4: aggiunti ai CSI + LABA
GINA
< 5 anni = 3 fenotipi
• 1: transient wheezing con sintomi fino ai 3 anni
• 2: wheezing episodico virus-indotto tra i 2 e 6
anni senza sintomi nei periodi intercritici = non
atopici
• 3: wheezing persistente indotto da virus, allergeni
ed esercizio fisico anche dopo i 6 anni con sintomi
nei periodi intercritici = atopici
GINA
< 5 anni
• In relazione a questi fenotipi possono essere
usati nell’asma intermittente
• Sono efficaci nell’asma non atopico, virus–indotto
tra i 2 ed i 5 anni per prevenire le riacutizzazioni
• Nell’asma persistente
Al 2° step in alternativa ai CSI a basse dosi
Al 3° step in aggiunta ai CSI a basse dosi in
alternativa ai CSI a dosaggio raddoppiato
PRACTALL (EAACI/AAAAI)
• Alternativa al trattamento di prima scelta
• Efficaci nel controllo dell’asma allergico lieve in età
prescolare
• Alternativa ai CSI se non tollerati o controindicati
• Aggiunti ai CSI: il meccanismo d’azione è differente e
complementare
• Riducono la frequenza di esacerbazioni nell’asma
virus–indotto a 2–5 anni
• Dimostrati benefici nei bambini dai 6 mesi di età
PRACTALL
• Nei bambini 0-2 anni possono controllare
l’asma indotto da virus con terapia a breve o a
lungo termine
• Nei bambini 3-5 anni al posto dei CSI
nell’asma intermittente o lieve persistente
• Aggiunti ai CSI se l’asma non è controllato
ARIA
• Possono essere utilizzati nel trattamento della
rinite, quando coesistono i sintomi di asma
• Nella rinite hanno efficacia inferiore agli steroidi
topici
• Come farmaci aggiuntivi possono incrementare il
beneficio ottenuto con gli steroidi e/o gli antiistaminici
• Il profilo di sicurezza è ottimale. Va considerato il
rapporto costo/beneficio caso per caso
SNLG
• Hanno un buon profilo di sicurezza
• Tra i 2 ed i 5 anni nell’asma intermittente per
ridurre le riacutizzazioni virus-indotte
• Sopra i 5 anni sono meno efficaci dei CSI a
basse dosi
• Offrono una protezione nell’asma da sforzo
• Nella terapia di fondo possono essere aggiunti
ai CSI se l’asma non è controllato
Prescrizione nella ASL SA nel 2010
asl
popolazione
Prevalenza %
Spesa pro capite
Salerno
165298
57,1
35,7
asl
Utilizzatori SR
Prevalenza %
Spesa pro capite
salerno
50121
30,3
12,53
asl
Utilizzatori
antileucotrienici
Prevalenza %
Spesa pro capite
salerno
4132
2,5
3,8
Prescrizione nella ASL SA nel 2010
Prevalenza utilizzatori antileucotrienici: 2,5%
Utilizzatori 0-5 anni: 2,8%
Di cui + SABA : 0,1 %
+SABA +CSI 0,5%
Utilizzatori 6-14 anni:
2,3%
Di cui 0,05 + SABA
0,3+SABA+CSI
Prescrizione nella ASL SA 2010
0 – 5 anni
6 – 14 anni
Preva Utilizzatori per n. di prescrizioni %
lenza
%
Preva Utilizzatori per n. di prescrizioni
lenza
%
2,8
1
2
3
>3
38,8
20,8
13,4
27
2,3
1
2
3
>3
36,3
20,2
13,3
30,1
Prescrizione /linee-guida
riflessioni
• 1 Stessa prevalenza nelle due fasce di età:
• Ci aspetteremmo una riduzione
a in linea con la riduzione degli gli altri farmaci del
SR
b In relazione alle LG che ne suggeriscono l’uso
soprattutto nell ‘asma virus – indotto quindi
tra i 2 - 5 anni (GINA –SNLG –PRACTALL)
e sotto i 2 anni (PRACTALL)
Prescrizione /linee giuda
riflessioni
• 2 l’associazione SABA+ CSI +antileucotrienico
rispettivamente 0.5 % e 0,3% riferita
evidentemente agli step3 e 4 sembra essere
adeguata
• 3l’associazione con il SABA rispettivamente
0,1% e 0,05 % sembra essere troppo bassa
rispetto alla prevalenza totale
Prescrizione /linee guida
riflessioni
• 4 Il 40% degli utilizzatori in entrambe le fasce
di età riceve una sola prescrizione nell’anno
• Solo il 13% ne riceve 3 ovvero viene
controllato per un periodo di 3 mesi come
previsto dal follow-up delle linee guida
• 5 Ultima considerazione pur avendo rispetto ai
CSI una prevalenza molto più bassa è il
farmaco al 1° posto nella spesa pro capite per
il SR ovvero 3,76 su 13,69

similar documents