ipertensione arteriosa

Report
IPERTENSIONE ARTERIOSA
È SOLO UN PROBLEMA PER ADULTI ?
dott. Massimo Carnazza
Centro di Medicina Integrata “Ipazia”, Catania, 10.02.2012
IPERTENSIONE ARTERIOSA
IPERTENSIONE ARTERIOSA
E’ SOLO UN PROBLEMA PER ADULTI ?
E’ SOLO UN PROBLEMA PER ADULTI ?
E’ SOLO UN PROBLEMA PER ADULTI ?
Che cos’è la pressione arteriosa ?



è la pressione esercitata dal sangue sulla parete
delle arterie
la pressione “massima” o “sistolica” corrisponde
al momento in cui il cuore pompa il sangue nelle
arterie
la pressione “minima” o “diastolica” corrisponde
alla pressione che rimane nelle arterie quando il
cuore si ricarica di sangue per il battito successivo
www.siia.it
Quando si parla di “ipertensione”?
In caso di diabete e insufficienza renale la soglia si riduce a 130/80 mmHg
Classificazione dell’ipertensione secondo ESC/ESH 2007






Pressione arteriosa in mm Hg
sistolica
diastolica
Ottimale
< 120
< 80
Normale
< 130
< 85
Normale – alta
130 – 139
85 – 89
______________________________________________
Ipertensione gr.1 Lieve
140 – 159
90 – 99
Ipertensione gr.2 moderata 160 – 179
100 – 109
Ipertensione gr.3 grave
≥180
≥110
Che cosa si rischia ?
“Se non trattati circa il 50% dei pazienti ipertesi muore per
CORONAROPATIA o per SCOMPENSO, circa il 33% di ICTUS
e il 10-15% di INSUFFICIENZA RENALE”
(Braunwald, “Malattie del cuore”)
SINTOMI







Mal di testa
Batticuore
Ronzio nelle orecchie
Bruciore agli occhi
Capogiri
Stanchezza …
Ma per lo più l’ipertensione non provoca sintomi
CORRETTA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE




Soggetto rilassato, seduto comodamente, in ambiente
tranquillo, temperatura confortevole da almeno 5’
Non assumere bevande contenenti caffeina nell’ora
precedente, né aver fumato da almeno un quarto d’ora
Il braccio deve essere appoggiato e il bracciale deve
essere all’altezza del cuore. Non importa quale braccio
venga usato, ma esistono a volte differenze: in tal caso
utilizzare il braccio con la pressione più elevata.
Le dimensioni del bracciale devono essere adattate alla
dimensione del braccio.
www.siia.it
CORRETTA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE
CORRETTA
NON CORRETTA
oltre l’effetto “camice bianco”
Auto-Misurazione

Diario, mattina e sera, 3 gg/7

Soglia 135/85 mmHg

usare apparecchi validati
www.dableducational.org
Monitoraggio pressorio 24 ore
- Ripetute misurazioni
24 ore
- Giorno/Notte
- Soglia (media 24h)
125-130/80 mmHg
Cause di ipertensione (1)
Malattia del RENE


Ridotta escrezione di sodio  espansione di volume
Produzione di sostanze vasocostrittrici
Cause di ipertensione (2)
Malattia delle Ghiandole SURRENALI
Aumentata produzione di:

CORTISOLO , ALDOSTERONE
 sovraccarico volume / aum. resistenze periferiche

CATECOLAMINE (adrenalina, noradrenalina)
 aum. Attività del Sistema Nervoso SIMPATICO

Cause di ipertensione (3)
Restringimento localizzato di ARTERIE
 STENOSI
DELL’ARTERIA RENALE
 aumentata attività del sistema
RENINA-ANGIOTENSINA –ALDOSTERONE
 COARTAZIONE DELL’AORTA
 alterata distribuzione del flusso di sangue
Ipertensione “ESSENZIALE”



“Solo in un paziente iperteso su 20 è possibile individuare una
causa specifica : nella grande maggioranza dei casi, si parla
di ipertensione essenziale”
“In questi pazienti, il rialzo pressorio è verosimilmente
provocato dal funzionamento difettoso dei meccanismi che
hanno il compito di mantenere in equilibrio i valori pressori”
“L’ipertensione arteriosa origina dall’effetto variamente
combinato di fattori genetici ereditari e di fattori ambientali,
come lo stress, l’eccessiva introduzione di sale e l’obesità”
www.siia.it
Fattori di regolazione della pressione
Kaplan NM: Clinical Hypertension, Williams & Wilkins
STRESS
STRESS
“Gli stress ripetuti o una risposta accentuata ed
esagerata rappresentano il logico motivo per cui
AUMENTEREBBE L’ATTIVAZIONE DEL SIMPATICO
Gli ipertesi giovani sono tendenzialmente ultrareattivi” .
Braunwald, Malattie del Cuore
SALE
“Un considerevole numero di prove riconosce il ruolo
del SODIO nella genesi dell’ipertensione. Per
provocare l’ipertensione una parte del sodio in
eccesso deve essere trattenuta a livello renale”
(Braunwald, Malattie del Cuore)
Ipertensione, altri meccanismi







Fattori Genetici
Sistema Renina-Angiotensina-Aldosterone
Iper-Insulinemia
Disfunzione endoteliale
Apnee notturne
Contraccettivi
Liquirizia


Sedentarietà
 Alcolici
 Fumo
Arteriosclerosi
OBESITA’
Iperinsulinemia
Iperattività simpatico



Apnee notturne
Aumentata massa
corporea
Obesità “addominale”
La circonferenza addominale si misura appena al di sopra della cresta iliaca
Fattori di rischio







Livelli di pressione
Età (M > 55 D > 65 aa)
Fumo
Dislipidemia (col>190 LDL>115 HDL<40 TG>150 mg/dl)
Iperglicemia (102-125 mg/dl)
Obesità addominale (M>102 D>88 cm)
Familiarità per malattia cardiovascolare precoce
Fattori che influenzano la prognosi
Danno d’organo
 Ipertrofia VS
 Ispessimento carotideo
 Segni di danno renale
 Microalbuminuria
Patologia già nota
 Ictus / TIA
 Infarto /Angina
 Insuff.renale
 Arteriopatia perif.
 Retinopatia
 Diabete
Tabella del Rischio ESH/ESC
Principali Farmaci Anti-Ipertensivi




Diuretici (-ide)  riduzione volume plasmatico
Beta-bloccanti (-lolo)  riduz del tono simpatico
Calcioantagonisti (-dipina)  dilatazione dei vasi
ACE-inibitori (-pril), Inibitori recettoriali (-sartan)
 Inibizione del sistema R-A-A
Terapia non-farmacologica
Riduzione volume plasmatico  Ridurre il Sale
Riduz. massa corporea e iper-insulinemia 
Perdere Peso
Riduz. tono simpatico  Attività Fisica
Limitare lo Stress
Riduz. altri fattori di rischio  Non Fumare
Limitare Alcolici e Grassi Saturi
Terapia non-farmacologica









controllare il peso corporeo
contenere il consumo di alcol
evitare il fumo
limitare le condizioni di stress
ridurre l’apporto di sale e degli alimenti che ne sono ricchi
contenere il consumo di grassi animali
non abusare di liquirizia
seguire una dieta ricca di magnesio e potassio
(cereali, frutta, verdura, agrumi)
esercitare regolarmente un’attività fisica
www.siia.it
Alimentazione





EVITARE IL SALE
RIDURRE GRASSI E ZUCCHERI
PIU’ FRUTTA E VERDURA
POCO ALCOOL
BILANCIARE CALORIE INTRODOTTE
E CALORIE CONSUMATE
l'attività fisica nell’iperteso

di tipo AEROBICO

lo sforzo fisico deve essere graduato

provocare un aumento della FREQUENZA CARDIACA
fino a circa 50-80% di quella TEORICA MASSIMALE
(FTM = 220-età)


almeno 3 sedute di allenamento a settimana, di circa 45’ ciascuna,
che sono sufficienti ad ottenere un buon calo pressorio
cominciare con un po' di ginnastica a corpo libero, poi si sceglie lo sport,
che deve essere di tipo aerobico e di tipo dinamico perché gli sforzi
isometrici aumentano la pressione

sport aerobici e dinamici sono marcia, corsa, nuoto, sci di fondo e ciclismo.

trattandosi di pazienti, occorre uno stretto controllo medico
www.mypersonaltrainer.it
“LIMITARE LO STRESS”
yoga
reiki
massaggio ayurvedico
meditazione
“LIMITARE LO STRESS”
rilassarsi
pregare
ridere
contatto con la natura
Ipertensione - Cure “alternative”

Fitoterapici
Rauwolfia, Coleus,
Arjuna, Cimicifuga,
Kudzu, Pervinca,
Cardiaca, Biancospino,
Vischio, Celidonia,
Aglio, Olivo

Integratori
Magnesio, Coenz.Q10,
Vitamina C, Lisina,
Prolina, Arginina,
Licopene, Omega-3,
Fermenti lattici,
Ruolo dell’Omeopatia


Nell'omeopatia classica si tende ad utilizzare un solo
rimedio che cercherà di riportare lo stato psico-fisico
del paziente all'equilibrio con il risultato di attenuare o
curare una parte o tutti i disturbi contemporaneamente:
in omeopatia si cura infatti il malato e non la malattia.
L'omeopatia può essere utilizzata per curare moltissime
patologie.
Per la medicina omeopatica la malattia non è un
fenomeno localizzato. Un organo alterato non
rappresenta né la causa né l'unica sede della malattia.
L'omeopata, infatti, si prende cura della globalità dei
disturbi del paziente
www.omeopatiacatania.it
CONCLUSIONI



L’ipertensione sia sistolica che diastolica comporta un aumento
del rischio cardiovascolare, per il quale bisogna considerare
anche altri fattori e patologie associate
Le persone con profilo di rischio medio-alto devono assumere
farmaci per ridurre i valori pressori
Una corretta alimentazione, una regolare attività fisica e una
efficace gestione dello stress costituiscono sempre la prima
terapia e sono il cardine della prevenzione
Ipertensione : meglio prevenire
La maggior parte dei casi di ipertensione arteriosa è dovuta ad
abitudini di vita non corrette.
Fin da giovani è consigliabile seguire alcune semplici regole di
comportamento.
Se una persona:
 evita di fumare,
 segue semplici regole alimentari,
 tiene sotto controllo il proprio peso,
 dedica un po’ di tempo all’attività fisica
 impara come gestire lo stress
sicuramente fa del bene alla propria salute
www.siia.it
“non è solo un problema per adulti”
“non è solo un problema per adulti”
“non è solo un problema per adulti”
GRAZIE

similar documents