Produttore - Confindustria Verona

Report
VENDERE ALL’ESTERO
GLI OBBLIGHI DELL’IMPRESA ITALIANA VERSO I CONSUMATORI STRANIERI
Svenja Bartels, Rechtsanwältin
Confindustria Verona 18/11/2010
1
RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE
- Risarcimento dei danni derivante dal diritto
civile
- Responsabilità derivante dalle norme di diritto
penale
- Interventi di enti pubblici (richiamo del
prodotto dal mercato, avvisi pubblici)
Interventi volti a garantire la qualità del prodotto
2
RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE –
DIRITTO APPLICABILE
Contratto/scelta del diritto applicabile
Responsabilità extracontrattuale 5 I 1 a) Roma II:
Dove risiedono il consumatore ed il produttore abitualmente?
Se le parti risiedono in due stati diversi: dove risiede il consumatore
abitualmente? Il prodotto è stato commercializzato in tale paese?
Dove è stato acquistato il prodotto? Il prodotto è stato
commercializzato in tale paese?
Dove si è verificato il danno? Il prodotto è stato commercializzato in
tale paese?
Dove risiede abitualmente il produttore?
Sussistono collegamenti più stretti con un paese diverso da quello di
cui sopra?
3
RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE
Quattro
colonne, una
indipendente
dall´altra:
• Garanzia legale
• Garanzia convenzionale
• Responsabilità per fatto illecito (§ 823 BGB)
• Direttiva 85/374/CEE Produkthaftungsgesetz
4
RAPPORTI GIURIDICI
Venditore
Acquirente
contratto di compravendita
contratto di compravendita
garanzia convenzionale
§ 443 BGB
Produttore
responsabilità del produttore
§ 823 BGB e §§ 1 ss. ProdHaftG
contratto di compravendita
Fornitore
5
GARANZIA LEGALE § 437 BGB
1. Riparazione o sostituzione della merce difettosa da
parte del venditore (§439 BGB)
------------------------------------------------------------------------1. Recesso dal contratto (§323 BGB)
2. Riduzione del prezzo d’acquisto (§ 441 BGB )
3. Risarcimento del danno (§280 ss. BGB)
6
E’ POSSIBILE ESCLUDERE LA GARANZIA
LEGALE?
Esclusione contrattuale
1. Riparazione o sostituzione della merce
difettosa da parte del venditore
(§439 BGB)
------------------------------------------------------1. Recesso dal contratto (§323 BGB)
2. Riduzione del prezzo d’acquisto (§ 441
BGB )
Esclusione con condizioni
generali
§ 309 Nr. 8b) BGB
Limiti rigorosi – esclusione
quasi impossibile
3. Risarcimento del danno (§280 ss. BGB)
7
COME FUNZIONANO IL REGRESSO ALL’INTERNO
DELLA CATENA DI DISTRIBUZIONE?
Produttore
PRESCRIZIONE
12 mesi
dall’esecuzione
della prestazione
Regresso
Distributore
Regresso
PRESCRIZIONE
24 mesi
dall’esecuzione
della prestazione
Venditore
Consumatore
DECADENZA
Garanzia
2 mesi dalla
Legale
scoperta
2 anni
PRESCRIZIONE
26 mesi
dalla consegna
RESPONSABILITÀ EXTRACONTRATTUALE
DEL PRODUTTORE
• Dir. 85/374/CEE
(Produkthaftungsgesetz)
Indipendente dalla colpa del
produttore
• FATTO ILLECITO AI SENSI
DEL § 823 BGB
In caso di colpa del produttore
9
RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE
FATTI ILLECITI § 823 BGB
1) Difetti di progettazione 3) Difetti dei manuali di
(difetto concerne tutti i utilizzazione
prodotti)
(mancata segnalazione di
eventuali pericoli)
2) Difetti di fabbricazione 4) Difetto nello sviluppo
(difetto di singoli prodotti) continuo dei prodotti
(obbligo di controllare e
migliorare la produzione )
 INVERSIONE DELL’ONERE DELLA PROVA!!!!
Il produttore ha l’onere di provare
• l’osservanza delle norme di sicurezza
• l’assenza della propria colpa
• la mancanza di causalità tra fatto illecito e difetto
10
RESPONSABILITÀ DEL PRODUTTORE
Direttiva 85/374/CEE
Produkthaftungsgesetz
- Cosa
danneggiata
deve
essere diversa dal prodotto
difettoso (§1 ProdHaftG)
- Franchigia € 500,00 (§11
ProdHaftG)
È considerato “produttore”
(§4 ProdHaftG)
• Il produttore del prodotto o
di una parte di esso
• Il “quasi”produttore (chi
appone il suo
marchio/proprio nome sul
prodotto)
• L’importatore
• Il fornitore
11
TUTELA DEL CONSUMATORE
Protezione dei diritti e degli interessi dei consumatori:
A livello europeo:
« Rete CEC » o «ECC-Net»
30 centri (almeno un punto di contatto nazionale in ciascuno Stato membro)
La rete dei Centri europei dei consumatori ha i seguenti obiettivi:
•fornire informazioni per consentire ai consumatori di acquistare beni e
servizi nel mercato interno in piena conoscenza dei loro diritti e doveri;
•rispondere alle domande dirette di informazione da parte dei consumatori o
da altre parti;
•aiutare e sostenere i consumatori nei loro contatti con i commercianti nei
casi di denuncia;
•aiutare, se del caso, i consumatori, in occasione di controversie.
12
TUTELA DEL CONSUMATORE
Rapex: pubblicazione settimanale dell’Unione Europea di
prodotti non sicuri segnalati da enti nazionali
La maggior parte delle segnalazioni nel 2009 arrivava dalla Spagna con
220 prodotti segnalati, seguita dalla Germania con 187 e della Grecia
con 154 segnalazioni.
a livello nazionale:
Verbraucherzentrale Bundesverband
Nasce nel 2000 ed unisce 42 diversi associazioni di consumatori
16 associazioni di consumatori dei vari Länder e
26 associazione di consumatori privati
13
GESTIONE DEL RISCHIO
•
Una buona organizzazione della filiera distributiva ha il vantaggio di ridurre se non
eliminare i seguenti rischi connessi all’immissione nel mercato di prodotti difettosi o
pericolosi:
 danni d’immagine per l’azienda produttiva;
 calo di fiducia nei confronti del marchio;
 sanzioni da parte delle competenti autorità;
 azioni legali da parte dei consumatori nei vari paesi in cui il prodotto è stato
commercializzato;
 compromissione dei rapporti con la filiera distributiva;
 impossibilità o difficoltà nel tutelarsi dai rischi attraverso apposite polizze di
assicurazione;
 perdita delle certificazioni di qualità;
 esorbitanti costi di gestione della crisi.
•
Le aziende produttrici devono stipulare accordi con i propri fornitori per definire le
rispettive responsabilità nell'ambito della filiera distributiva.
In caso di emergenza (necessità di attuare una procedura RAPEX/RASFF) l’imperativo per il
produttore è quello di agire con tempestività e comunicare il pericolo alla sua filiera e/o ai
consumatori nei tempi più brevi possibili.
•
14
GESTIONE DEL RISCHIO
•
Per poter operare in modo efficace il produttore dovrà coinvolgere anche i suoi
agenti/distributori che operano nei vari paesi in cui il prodotto è commercializzato i quali
collaboreranno nella prevenzione e gestione delle emergenze.
•
Il distributore è obbligato per legge a prestare assistenza con le rilevanti autorità nella
gestione di richiami di prodotti pericolosi (RAPEX/RASFF).
•
In particolare i doveri del distributore assunti in via preventiva ed a livello contrattuale
potranno essere:
 raccogliere le informazioni sui prodotti pericolosi nei mercati in cui essi operano e
comunicarle tempestivamente al produttore e alle autorità competenti;
 gestire la filiera allo scopo di garantire, per quanto possibile, la tracciabilità dei
prodotti immessi sul mercato (la tracciabilità di filiera è già imposta per legge per
determinati prodotti alimentari);
 fornire al produttore le informazioni sugli acquirenti dei prodotti (in tal caso
particolare cura dovrà essere data a non violare le leggi sulla privacy);
 cooperare con il produttore e le autorità competenti negli interventi correttivi, ad
esempio:
• eseguire interventi correttivi per conto del produttore,
• isolare e ritirare i prodotti,
• cooperare nella diffusione degli avvisi di intervento correttivo,
• contattare direttamente gli acquirenti su richiesta del produttore,
• cooperare nella raccolta dei prodotti e nella loro restituzione al produttore. 15
GESTIONE DEL RISCHIO
CONSIGLI PRATICI
•
Pianificare una strategia in anticipo:
 concordare una politica per la gestione delle crisi con la filiera e formalizzarla a livello contrattuale;
 formare un responsabile (o team) all’interno dell’azienda per la gestione delle crisi;
 monitorare il mercato (attraverso le informazioni dei distributori e direttamente controllando
periodicamente i bollettini RAPEX e RASFF);
 pretendere che i membri della filiera adottino procedure conformi fra loro per la gestione delle crisi e
nominino un team/responsabile;
 concordare contrattualmente che il produttore sarà il solo responsabile a decidere se promuovere
notifiche RAPEX/RASFF o intraprendere azioni giudiziarie allo scopo di contestare notifiche
RAPEX/RASFF fatte da terzi.
DECIDERE ED ORGANIZZARE L’INTERVENTO:
•
Valutare il rischio e l’intervento correttivo per la gestione dell’emergenza.
•
Andrà valutato il livello del rischio di difettosità del prodotto dal punto di vista di:
 probabilità del danno,
 soggetto danneggiato, e
 gravità dell’infortunio.
•
Allo scopo di evitare interventi diversi a seconda del paese o distributore di riferimento è bene concordare
contrattualmente che il solo produttore è responsabile a decidere l’intervento correttivo ed il metodo di
gestione della crisi.
•
Predeterminare chi ha diritto a trattare con le preposte autorità e la stampa (concordare a livello
contrattuale che qualsiasi comunicazione inviata alle autorità o alla stampa da parte della filiera deve
essere concordata in anticipo con il produttore).
•
Imporre metodologie (attraverso etichette, numeri di serie. etc…) per rendere sempre individuabile il
prodotto e la sua collocazione all’interno della filiera (tracciabilità).
16
Contatti
Avv./RAin Svenja Bartels, Padua
Aree di Attività: Diritto internazionale dei contratti, diritto commerciale e
societario, diritto immobiliare, diritto dell’energia, aspetti legali relativi alle
energie rinnovabili e project management.
Formazione ed esperienze professionali: Svenja Bartels ha studiato
Giurisprudenza presso le Università di Bonn e Losanna ed ha frequentato
l'Istituto superiore di Studi amministrativi di Speyer fino al 1999. Dal 2002
è iscritta all’Albo degli avvocati di Düsseldorf e Milano.
Svenja Bartels
Avvocato / Rechtsanwältin
E-Mail: [email protected]
Rödl & Partner Padua
Via Francesco Rismondo 2/E
35131 Padua
Tel.: +39 (049) 80 46 911
Fax: +39 (049) 80 46 920
Dopo aver svolto la sua attività a Milano per alcuni anni, Svenja Bartels
collabora dal 2005 con lo Studio Rödl & Partner presso la sede di Padova.
Ha maturato una vasta esperienza nell‘assistenza di società estere, in
particolare di società tedesche e italiane che operano in Italia e in
Germania. Ha seguito numerosi clienti tedeschi ed internazionali
nell‘ambito di transazioni immobiliari e acquisizione di aziende ed assiste
prevalentemente società che operano nel settore delle energie rinnovabili.
È relatrice in numerose conferenze nell‘ambito delle energie rinnovabili
nonchè referente della Camera di Commercio Italo-Germanica di Milano
per questo settore.
Lingue: Tedesco, inglese, italiano, francese.
17
Le sedi in Germania
Hamburg
Berlin
Münster
Jena
Chemnitz
Köln
Dresden
Löbau
Plauen
Hof
Selb
Eschborn
Kulmbach
Bayreuth
Bamberg
Fürth
Ludwigshafen
Nürnberg
Ansbach
Stuttgart
Regensburg
München
18
I nostri punti di forza:
5,5%
33,0%
Revisione
aziendale
Consulenza fiscale
e contabile
34,5%
Consulenza legale
Consulenza
aziendale e IT
27,0%
19
 I nostri uffici italiani di Milano, Padova Roma e Bolzano offrono ai
propri clienti l‘expertise di circa 120 collaboratori appartenenti alle
diverse aree professionali
 I nostri collaboratori sono soliti lavorare in team interdisciplinari che
possono coinvolgere professionisti provenienti anche da altri uffici
 La maggior parte dei nostri collaboratori parla 2 o 3 lingue ed è
quindi in grado di offrire ai propri clienti servizi sia in italiano che in
tedesco o in inglese
20
Rödl & Partner nel mondo
Abu Dhabi
Amburgo
Ansbach
Atlanta
Bangalore
Bangkok
Barcellona
Bayreuth
Beijing
Berlino
Birmingham
Bolzano
Bratislava
Brno
Bruxelles
Bucarest
Budapest
Canton
Charkiv
Charlotte
Chemnitz
Colonia
Cottbus
Cracovia
Danzica
Dresda
Dubai
Eschborn
Fuerth
Glivice
Greenville
Helsinki
Ho Chi Minh
Hof
Hong Kong
Istanbul
Jakarta
Jena
Kiev
Kuala Lumpur
Kulmbach
Lappeenranta
Ljubljana
Loebau
Madrid
Milano
Minsk
Mosca
Monaco di Baviera
New Delhi
New York
Norimberga
Padova
Palma di Maiorca
Parigi
Plauen
Poznan
Praga
Ratisbona
Riga
Roma
San Paolo
Selb
Shanghai
Sharjah
Singapore
Sofia
St. Pietroburg
Stoccolma
Stoccarda
Tallinn
Tokio
Vienna
Vilnius
Varsavia
Wroclaw
Zagabria
Zurigo
Corrispondenti CPA Associates International
Argentina
Australia
Canada
Gran Bretagna
Olanda
Isole del Canale
Perù
Israele
Messico
Svizzera
Nuova Zelanda
Sud Africa
Venezuela
21
Lo studio Rödl & Partner
•
L‘inizio di uno sviluppo dinamico:
1977: apertura del nostro studio a Norimberga che è oggi con circa 2.300
collaboratori il più grande studio professionale tedesco che riunisce le
competenze di dottori commercialisti, revisori legali ed avvocati.
•
Oggi: forte presenza nei maggiori paesi industrializzati
Uffici in Germania:
23
Uffici nel mondo:
84
di cui in Italia:
4
•
Siamo uno dei pochi studi professionali che è riuscito con le sue sole forze
a diventare una delle aziende di servizi leader nel mondo.
22

Rödl & Partner rappresenta una solida realtà internazionale nel campo della revisione e della
consulenza.

La nostra filosofia è quella di assistere i nostri clienti nelle loro attività nei mercati del futuro
– in tutto il mondo.

Grazie ad un approccio pioneristico siamo riusciti a conquistare posizioni di rilievo nei
mercati dell‘Est Europa e in Cina.

In Nord e Sud America e nell‘Europa occidentale siamo uno dei maggiori studi professionali a
fornire consulenza ad imprese tedesche.

In Italia siamo attualmente presenti con 4 sedi: Milano (dal 1998), Padova (dal 2005), Roma
(dal 2007) e Bolzano (dal 2010), offrendo assistenza ad un gran numero di investitori esteri e
a molte imprese italiane.

La nostra crescita è continua: negli ultimi anni abbiamo inaugurato nuove sedi a Dubai, nel
Qatar, in India, Vietnam e Sudafrica. Sono previste altre nuove aperture.
23
Rechtsanwälte, Steuerberater, Wirtschaftsprüfer
Lawyers, Certified Public Accountants and Auditors
Avvocati, Dottori Commercialisti e Revisori Legali
Via Turati, 29
20121 Milano
Via E. Rismondo, 2/E
35131 Padova
Via Monte Zebio, 30
00195 Roma
P.za Walther-von-der-Vogelweide, 8
39100 Bolzano
Tel.: +39-02-6328841
Fax: +39-02-63288420
Tel.: +39-049-8046911
Fax: +39-049-8046920
Tel.: +39-06-96701270
Fax: +39-06-3223394
Tel.: +39 – 0471 – 1943.200
Fax.:+39 – 0471 – 1943.220
Homepage: www.roedl.com/it
24

similar documents