Diapositiva 1 - C` Qualcosa di Pi

Report
Itinerario
Pincio – Piazza del Popolo
Itinerario da Circo Massimo a Piazza del Popolo (3,4 Km)
1. Procedi in direzione ovest su Piazzale Ugo La Malfa verso Via del Circo
Massimo 220 m
2. Continua su Via del Circo Massimo 150 m
3. Continua su Via della Greca 120 m
4. Svolta a destra e imbocca Piazza della Bocca della Verità 190 m
5. Continua su Via Luigi Petroselli 150 m
6. Continua su Via del Teatro Marcello 500 m
7. Svolta leggermente a destra e imbocca Piazza Venezia 23 m
8. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 43 m
9. Svolta a destra per rimanere su Piazza Venezia 27 m
10. Svolta a sinistra per rimanere su Piazza Venezia 69 m
11. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 69 m
12. Continua su Via del Corso 900 m
13. Prosegui dritto su Largo Carlo Goldoni 10 m
14. Continua su Via del Corso 650 m
15. Svolta leggermente a sinistra e imbocca Piazza del Popolo 34 m
16. Svolta a sinistra per rimanere su Piazza del Popolo 200 m
Il Pincio è un colle di Roma. Il colle si trova a
nord del Quirinale, guarda sul Campo Marzio ed è
occupato da diverse ville e giardini, compresa Villa
Borghese. Da piazzale Napoleone I, in cima al
colle, c'è un ampio panorama su piazza del Popolo
e su quello che è oggi il rione Prati. Molte famiglie
importanti dell'Antica Roma avevano dimore e
giardini sul Pincio nell’ultimo periodo repubblicano.
Piazza del Popolo, una delle più celebri piazze di
Roma, si trova ai piedi del Pincio. L'origine del nome
della piazza è incerta: una teoria fa derivare «popolo»
dal latino populus (pioppo), sulla base della tradizione
che vuole ci fosse nella zona un boschetto di pioppi
pertinente alla tomba di Nerone, che era situata lì
vicino. È notizia storica, comunque, che papa Pasquale
II fece costruire a ridosso delle mura una cappella,
che poi divenne la chiesa attuale di Santa Maria del
Popolo: del popolo era la Madonna, del Popolo diventò
la piazza.
Itinerario
Mausoleo Augusteo –
Ara Pacis
Itinerario da Circo Massimo a Piazza Augusto Imperatore
(2,8 Km)
1. Procedi in direzione ovest su Piazzale Ugo La Malfa verso Via del Circo
Massimo 220 m
2. Continua su Via del Circo Massimo 150 m
3. Continua su Via della Greca 120 m
4. Svolta a destra e imbocca Piazza della Bocca della Verità 190 m
5. Continua su Via Luigi Petroselli 150 m
6. Continua su Via del Teatro Marcello 500 m
7. Svolta leggermente a destra e imbocca Piazza Venezia 23 m
8. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 43 m
9. Svolta a destra per rimanere su Piazza Venezia 27 m
10. Svolta a sinistra per rimanere su Piazza Venezia 69 m
11. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 69 m
12. Continua su Via del Corso 900 m
13. Prosegui dritto su Largo Carlo Goldoni 10 m
14. Svolta a sinistra e imbocca Via Tomacelli 160 m
15. Svolta a destra e imbocca Piazza Augusto Imperatore 100 m
Il mausoleo di Augusto è un imponente monumento
funerario del I secolo a.C., di pianta circolare. Il
mausoleo venne iniziato da Augusto nel 29 a.C. al suo
ritorno da Alessandria. In ordine vennero seppelliti qui,
il nipote di Augusto, Marco Claudio Marcello, la madre di
Augusto ed Augusto stesso nel 14 a.C.. L'ultimo ad
essere seppellito all'interno del Mausoleo fu Nerva.
Dopo essere stato deturpato da secoli di saccheggi ed
essere stato tramutato addirittura in una terrazza per la
coltivazioni di viti, tra il 1936 e il 1938 venne liberato
dal progressivo interramento della struttura.
L'Ara Pacis Augustae è un altare dedicato da Augusto nel
9 a.C. alla Pace nell'età augustea, intesa come dea
romana. L’altare venne posto in una zona del Campo
Marzio consacrata alla celebrazione delle vittorie, luogo
emblematico perché ad un miglio dal pomerium, limite
della città dove il console di ritorno da una spedizione
militare perdeva i poteri ad essa relativi e rientrava in
possesso dei poteri civili. Questo monumento intende
simboleggiare la pace e la prosperità raggiunte come
risultato della Pax Romana.
Itinerario
Piazza di Spagna/Trinità dei
monti – Villa Borghese
Itinerario da Circo Massimo a Piazza di Spagna (2,8 Km)
1. Procedi in direzione ovest su Piazzale Ugo La Malfa verso Via del Circo
Massimo 220 m
2. Continua su Via del Circo Massimo 150 m
3. Continua su Via della Greca 120 m
4. Svolta a destra e imbocca Piazza della Bocca della Verità 190 m
5. Continua su Via Luigi Petroselli 150 m
6. Continua su Via del Teatro Marcello 500 m
7. Svolta leggermente a destra e imbocca Piazza Venezia 23 m
8. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 43 m
9. Svolta a destra per rimanere su Piazza Venezia 27 m
10. Svolta a sinistra per rimanere su Piazza Venezia 69 m
11. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 69 m
12. Continua su Via del Corso 900 m
13. Svolta a destra e imbocca Largo Carlo Goldoni 12 m
14. Continua su Via dei Condotti 290 m
15. Svolta a sinistra e imbocca Piazza di Spagna 9 m
16. Svolta a destra per rimanere su Piazza di Spagna 25 m
Trinità dei Monti è una chiesa prospiciente la celebre
scalinata di piazza di Spagna. La prima parte della
chiesa fu costruita in stile gotico mentre la parte più
antica è delimitata da una cancellata bronzea. L'area su
cui è edificata la chiesa fu acquistata da San Francesco
di Paola per realizzarci il convento dell'Ordine dei Padri
Minimi. La celeberrima scalinata, inaugurata da papa
Benedetto XIII nel 1725, fu realizzata da Francesco De
Sanctis con finanziamenti privati. La chiesa presenta su
un campanile un orologio e sull'altro una meridiana.
Davanti a Trinità dei Monti, il papa Pio VI fece innalzare
dall'architetto l'Obelisco Sallustiano, il penultimo dei
grandi obelischi innalzati nella Roma papale.
Piazza di Spagna è una delle più famose piazze di
Roma. Deve il suo nome al palazzo di Spagna, sede
dell’ambasciata dello stato iberico presso la Santa Sede.
Al centro della piazza vi è la famosa Fontana della
Barcaccia, che risale al primo periodo barocco, scolpita
da Pietro Bernini e da suo figlio Gian Lorenzo Bernini.
Villa Borghese è un grande parco che comprende
diversi edifici ed ha 9 ingressi: tra i più frequentati quello
di Porta Pinciana, quello dalla scalinata di Trinità dei
Monti, quello dalle rampe del Pincio a piazza del Popolo e
l'ingresso monumentale di Piazzale Flaminio. Il "giardino
del Pincio", nella parte sud del parco, offre un noto
panorama su Roma. L’edificio della villa è oggi la sede
della Galleria Borghese. L'edificio fu destinato da Camillo
Borghese a contenere le sculture di Bernini, (David e
Apollo e Dafne), e di Antonio Canova nonché le pitture di
Tiziano, Raffaello e del Caravaggio. Altri edifici sparsi nei
giardini di Villa Borghese, su viale delle Belle Arti, sono
stati
edificati
in
occasione
della
Esposizione
internazionale tenutasi a Roma nel 1911 per festeggiare
il primo cinquantenario dell’Unità d'Italia. La Galleria
nazionale d'arte moderna risale a questo periodo. La villa
ospita anche lo zoo di Roma trasformato recentemente in
Bioparco ed il Museo civico di zoologia, mentre la
«Casina delle Rose» è oggi la sede della Casa del
Cinema. Nei pressi di quest'ultima si trova il Cinema dei
Piccoli, la sala cinematografica più piccola al mondo.
Itinerario
Fontana di Trevi – Quirinale
Itinerario da Circo Massimo alla Fontana di Trevi (2,2 Km)
1. Procedi in direzione ovest su Piazzale Ugo La Malfa verso Via del Circo
Massimo 220 m
2. Continua su Via del Circo Massimo 150 m
3. Continua su Via della Greca 120 m
4. Svolta a destra e imbocca Piazza della Bocca della Verità 190 m
5. Continua su Via Luigi Petroselli 150 m
6. Continua su Via del Teatro Marcello 500 m
7. Svolta leggermente a destra e imbocca Piazza Venezia 23 m
8. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 43 m
9. Svolta a destra per rimanere su Piazza Venezia 27 m
10. Svolta a sinistra per rimanere su Piazza Venezia 69 m
11. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 69 m
12. Continua su Via del Corso 400 m
13. Svolta a destra e imbocca Via delle Muratte 210 m
14. Prosegui dritto su Piazza di Trevi 13 m
La Fontana di Trevi è la più grande fontana di
Roma e una delle più celebri del mondo. La
settecentesca fontana, progettata da Nicola Salvi e
adagiata su un lato di Palazzo Poli è un connubio di
classicismo e barocco. La costruzione della fontana
fu iniziata nel 1732, e papa Clemente XII la
inaugurò nel 1735, con i lavori ancora in corso. La
prima fase dei lavori termina nel 1747, quando
vengono completate le statue e le rocce posticce. La
fontana viene finalmente ultimata dopo l’esecuzione
del complesso scultoreo centrale, durante il
pontificato di papa Clemente XIII nel 1762.
Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale
del presidente della Repubblica e uno dei simboli
dello Stato italiano. Costruito a partire dal 1583, è
uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal
punto di vista artistico che politico. Sino al 1870 fu
la residenza estiva del Romano Pontefice, per poi
diventare palazzo reale dei Savoia. Con la
proclamazione della Repubblica l’edificio divenne la
sede del Capo dello Stato.
Itinerario
Tempio di Adriano - Pantheon
Itinerario da Circo Massimo al Tempio di Adriano (2,0 Km)
1. Procedi per Via del Circo Massimo 150 m
2. Continua su Via della Greca 120 m
3. Svolta a destra e imbocca Piazza della Bocca della Verità 190 m
4. Continua su Via Luigi Petroselli 150 m
5. Continua su Via del Teatro Marcello 180 m
6. Svolta a sinistra e imbocca Via Montanara 76 m
7. Svolta a destra e imbocca Via Capizucchi 73 m
8. Via Capizucchi svolta a destra e diventa Piazza Capizucchi 26 m
9. Continua su Piazza Margana 65 m
10. Svolta a destra e imbocca Via Margana 66 m
11. Continua su Vicolo degli Astalli 50 m
12. Continua su Via degli Astalli 200 m
13. Svolta a sinistra e imbocca Via di Santo Stefano del Cacco 130 m
14. Svolta a destra e imbocca Via del Pie' di Marmo 26 m
15. Svolta a sinistra e imbocca Via di Sant'Ignazio 130 m
16. Continua su Piazza di San Macuto 30 m
17. Svolta leggermente a destra e imbocca Piazza di Sant'Ignazio 15 m
18. Svolta leggermente a sinistra e imbocca Via de Burrò 63 m
19. Svolta a sinistra per rimanere su Via de Burrò 30 m
20. Svolta a sinistra e imbocca Piazza di Pietra 52 m
Il tempio di Adriano è un tempio romano che si trova in
piazza di Pietra. Deve il suo nome proprio alla presenza dei
resti dell’edificio. Il tempio venne eretto in onore
dell’imperatore Adriano, divinizzato dopo la sua morte. Fu
eretto dal suo successore. I suoi resti sono inglobati in un
edificio del XVII secolo. L'edificio era in principio una
dogana vaticana, nel 1831 è stato adibito a sede della
Borsa Valori di Roma. L’edificio era in passato conosciuto
erroneamente con il nome di tempio di Nettuno.
Il Pantheon, «tempio di tutti gli dei», è un edificio
costruito come tempio dedicato alle divinità dell’Olimpo.
Gli abitanti di Roma lo chiamano amichevolmente la
Rotonna («la Rotonda»), da cui anche il nome della
piazza antistante. Fu fatto ricostruire dall'imperatore
Adriano tra il 118 e il 128 d.C., dopo che gli incendi del
80 e del 110 d.C. avevano danneggiato la costruzione
precedente di età augustea. All’inizio del VII secolo è
stato convertito in basilica cristiana, chiamata Santa
Maria della Rotonda il che gli ha consentito di
sopravvivere quasi integro alle spoliazioni apportate
agli edifici della Roma classica dai papi.
Itinerario
Piazza Navona - Senato
Itinerario da Circo Massimo a Piazza Navona (2,1 Km)
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Procedi per Via del Circo Massimo 150 m
Continua su Via della Greca 230 m
Svolta leggermente a destra e imbocca Lungotevere Aventino 53 m
Continua su Lungotevere dei Pierleoni 300 m
Svolta a destra e imbocca Piazza Gerusalemme 22 m
Piazza Gerusalemme svolta leggermente a sinistra e diventa Via del Portico
d'Ottavia 60 m
7. Continua su Largo 16 Ottobre 1943 Deportazione degli Ebrei di Roma 30 m
8. Continua su Via del Portico d'Ottavia 27 m
9. Svolta a sinistra per rimanere su Via del Portico d'Ottavia 150 m
10. Continua su Via di Santa Maria del Pianto 100 m
11. Svolta a destra e imbocca Via Arenula 160 m
12. Via Arenula svolta leggermente a sinistra e diventa Via di Torre Argentina 89 m
13. Continua su Largo di Torre Argentina 47 m
14. Svolta leggermente a sinistra e imbocca Corso Vittorio Emanuele II 190 m
15. Svolta a destra e imbocca Piazza di Sant'Andrea della Valle 30 m
16. Continua su Corso del Rinascimento 120 m
17. Svolta a sinistra e imbocca Via de Canestrari 41 m
18. Svolta a destra e imbocca Piazza Navona 120 m
Piazza Navona è una delle più celebri piazze di Roma. La
sua forma è quella di un antico stadio, e venne costruita
in stile monumentale per volere di papa Innocenzo X.
Piazza Navona, ai tempi dell'antica Roma, era lo stadio di
costruito dall’imperatore Domiziano e restaurato nel III
secolo da Alessandro Severo. Piazza Navona è l'orgoglio
della Roma barocca, con elementi architettonici e scultori
di maestri come Gian Lorenzo Bernini, Francesco
Borromini, Girolamo Rainaldi e Pietro da Cortona.
Il Senato della Repubblica è una delle due assemblee
che costituiscono il Parlamento italiano. Sede del Senato
della Repubblica è Palazzo Madama dove si riunisce sin
dalla sua nascita nel 1948. In precedenza la stessa sede
ospitava, dal 1871 (poco dopo lo spostamento della
capitale del Regno d'Italia a Roma), il Senato del Regno;
sedi precedenti del Senato del Regno furono Palazzo
Madama a Torino (1861-1865) e Palazzo della Signoria a
Firenze (1865-1871).
Itinerario
Campo de’ Fiori –
Largo di Torre Argentina
Itinerario da Circo Massimo a Campo de’ Fiori (1,8 Km)
1. Procedi in direzione ovest su Piazzale Ugo La Malfa verso Via del Circo
Massimo 220 m
2. Continua su Via del Circo Massimo 150 m
3. Continua su Via della Greca 230 m
4. Svolta leggermente a destra e imbocca Lungotevere Aventino 53 m
5. Continua su Lungotevere dei Pierleoni 300 m
6. Svolta a destra e imbocca Piazza Gerusalemme 22 m
7. Piazza Gerusalemme svolta leggermente a sinistra e diventa Via del Portico
d'Ottavia 60 m
8. Svolta a sinistra e imbocca Via Catalana 170 m
9. Svolta a destra e imbocca Piazza delle Cinque Scole 30 m
10. Svolta a sinistra e imbocca Via di Santa Maria de' Calderari 120 m
11. Svolta a sinistra e imbocca Via Arenula 9 m
12. Svolta a destra e imbocca Piazza Benedetto Cairoli 42 m
13. Svolta a destra per rimanere su Piazza Benedetto Cairoli 62 m
14. Svolta a sinistra per rimanere su Piazza Benedetto Cairoli 72 m
15. Continua su Via dei Giubbonari 190 m
16. Svolta a destra e imbocca Piazza Campo de' Fiori 30 m
17. Continua su Via del Biscione 16 m
Campo de' Fiori è uno dei ritrovi notturni preferiti dai
giovani grazie alla presenza di molti locali. Fino al
quattrocento la piazza non esisteva in quanto tale e al suo
posto vi era un prato fiorito. Nel 1456, Papa Callisto III
fece lastricare la zona, nell'ambito di un progetto più
ampio di risistemazione dell’intero rione Parione. Questo
rinnovamento fece sì che molti palazzi importanti fossero
costruiti in zona. La piazza divenne il centro di varie
attività commerciali e culturali. Campo de' Fiori è l’unica
piazza storica di Roma dove non è presente una chiesa.
Largo di Torre argentina è una piazza il cui nome si
riferisce alla Torre Argentina, così chiamata da Johannes
Burckardt che dal 1483 fu maestro di cerimonie di ben
cinque papi. L'alto prelato, aveva acquistato un terreno
nella zona sui resti del Teatro di Pompeo e vi aveva fatto
costruire il proprio palazzo. Dopo il 1730 la proprietà fu
parzialmente utilizzata per la costruzione del Teatro
Argentina e la torre, mozzata nell'800 e poi incorporata
in una sopraelevazione, è ormai irriconoscibile, ma ha
lasciato il nome alla piazza.
Itinerario
Campidoglio – Piazza Venezia
Itinerario da Circo Massimo a Piazza Venezia (1,5 Km)
1. Procedi in direzione ovest su Piazzale Ugo La Malfa verso Via del Circo
Massimo 220 m
2. Continua su Via del Circo Massimo 150 m
3. Continua su Via della Greca 120 m
4. Svolta a destra e imbocca Piazza della Bocca della Verità 190 m
5. Continua su Via Luigi Petroselli 150 m
6. Continua su Via del Teatro Marcello 500 m
7. Svolta leggermente a destra e imbocca Piazza Venezia 23 m
8. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza Venezia 43 m
9. Svolta a destra per rimanere su Piazza Venezia 61 m
Piazza Venezia è situata ai piedi del
Campidoglio. L’aspetto attuale della piazza deriva
dagli interventi di demolizione e ricostruzione
realizzati tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del
Novecento. Va ricordato il Vittoriano, costruito a
cavallo dei due secoli, colossale monumento a
Vittorio Emanuele II (spesso identificato con
l'Altare della Patria, che in realtà ne è solo una
parte). Il Vittoriano conserva i resti del Milite
Ignoto, a ricordo dei soldati caduti senza degna
sepoltura.
Il Campidoglio detto anche Monte Capitolino è uno dei
sette colli su cui venne fondata Roma. L’antichità dello
stanziamento sulla collina è stata confermata dal
rinvenimento di ceramica di età del bronzo scoperta ai
suoi piedi. Ai tempi della fondazione leggendaria di
Roma, il Campidoglio sarebbe stato conquistato dai
Sabini. L’inaugurazione si ebbe con l’inizio della
Repubblica, il 13 settembre del 509 a.C. Il Campidoglio
fu teatro di importanti cerimonie ufficiali dello stato
romano.
Itinerario
Colosseo – Fori Imperiali
Itinerario da Circo Massimo a Piazza Venezia (1,1 Km)
1. Procedi in direzione sudest su Via del Circo Massimo verso Via della Fonte
di Fauno 210 m
2. Svolta leggermente a sinistra per rimanere su Via del Circo Massimo 35 m
3. Svolta leggermente a sinistra e imbocca Viale Aventino 96 m
4. Continua su Piazza di Porta Capena 61 m
5. Continua su Via di San Gregorio 400 m
6. Svolta leggermente a sinistra per rimanere su Via di San Gregorio 120 m
7. Svolta a destra e imbocca Piazza del Colosseo 87 m
8. Svolta leggermente a destra per rimanere su Piazza del Colosseo 70 m
Il Colosseo, originariamente conosciuto come Anfiteatro
Flavio è il più famoso anfiteatro romano. In grado di
contenere fino a 50.000 spettatori, è il più imponente
monumento della Roma antica. L'anfiteatro è stato
edificato su un’area al limite orientale del Foro Romano.
La sua costruzione fu iniziata da Vespasiano nel 72 d.C.
e fu inaugurato da Tito nell’80 d.C., con ulteriori
modifiche apportate durante il regno di Domiziano. Era
usato per gli spettacoli di gladiatori e altre
manifestazioni pubbliche.
I Fori Imperiali sono una serie di piazze
monumentali edificate nel corso di un secolo e
mezzo (tra il 46 a.C. e il 113 d.C.) nel cuore della
città di Roma dagli imperatori. Di essi non fa parte il
Foro Romano, ossia la vecchia piazza repubblicana,
la cui prima sistemazione risale all’età regia (VI
secolo a.C.) e che era stato per secoli il centro
politico, religioso ed economico della città. Sotto
Cesare e Augusto, la costruzione della Basilica Giulia
e il rifacimento della Basilica Emilia, che
delimitavano i lati lunghi della piazza, diedero al
Foro una certa regolarità.
Itinerario
Castel Sant’Angelo –
San Pietro
Itinerario da Circo Massimo a Castel Sant’Angelo (3,0 Km)
1. Procedi in direzione ovest su Piazzale Ugo La Malfa verso Via del Circo
Massimo 220 m
2. Continua su Via del Circo Massimo 150 m
3. Continua su Via della Greca 230 m
4. Svolta leggermente a destra e imbocca Lungotevere Aventino 53 m
5. Continua su Lungotevere dei Pierleoni 300 m
6. Continua su Lungotevere De' Cenci 350 m
7. Continua su Lungotevere dei Vallati 300 m
8. Mantieni la sinistra al bivio 50 m
9. Continua su Lungotevere dei Sangallo 450 m
10. Continua su Lungotevere dei Fiorentini 120 m
11. Continua su Lungotevere degli Altoviti 120 m
12. Continua su Piazza di Ponte Sant'Angelo 28 m
13. Svolta a sinistra e imbocca Ponte Sant'Angelo 140 m
Il Castel Sant'Angelo detto anche Mausoleo
di Adriano, è collegato allo Stato del Vaticano
attraverso un corridoio fortificato detto
«passetto». Il castello è stato radicalmente
modificato più volte in epoca medioevale e
rinascimentale situato sulla sponda destra del
Tevere, di fronte al pons Aelius (attuale ponte
Sant'Angelo) a poca distanza dal Vaticano,
nel rione di Borgo.
La basilica di San Pietro è una basilica cattolica e
fa coronamento alla monumentale Piazza San
Pietro. È la più grande delle basiliche papali e
descritta come la più grande chiesa del mondo e
centro del cattolicesimo. Non è la cattedrale della
diocesi romana poiché tale titolo spetta alla basilica
di San Giovanni in Laterano. In quanto Cappella
Pontificia la basilica è la sede delle principali
manifestazioni del culto cattolico. Sotto il pontificato
di Pio IX ospitò le sedute del Concilio Vaticano I e
sotto papa Giovanni XXIII e Paolo VI quelle del
Concilio Vaticano II.

similar documents