il disastro del Lago d´Aral

Report
Un mondo perduto
La scomparsa del Lago d’Aral
www.didadada.it
1848.
d’Aral secondo
L’acquaIl èLago
scomparsa,
relitti di barche
il nulla
IlTaras
Lago Shevchenko
d’Aral
oggi
il pittoreaspettano
Il nome del lago deriva dal chirghiso "Aral Denghiz",
che significa "mare delle isole", per le numerose isole
presenti soprattutto lungo la costa orientale
Il lago d’ Aral si trova in Asia centrale, è attraversato
dal confine tra il Kazakistan e l’Uzbekistan
Originariamente, l’ Aral con i suoi 68.000 km2 era il
quarto lago del mondo
La cartina rappresenta una situazione
che non esiste più da molto tempo
Diffidate delle cartine…
L’Aral è un lago
endoreico, ossia privo
di emissari. Una volta
era alimentato da due
immissari: il Syr Darya
e l’ Amu Darya
A partire dal 1960
l’ Aral ha preso a
prosciugarsi. In una
quarantina di anni ha
ridotto del 90% la sua
superficie
.
.
.
Vozrozhdeniye
.
1960. L’Aral presenta una massa d’acqua
Il1987.
“mare”
di
isolette
da
cui
l’Aral
deriva
il
suo
Le
isolette
a
est
sono
rimaste
in
secca
,
compatta.
Muynaq
è
il
principale
porto
sul
L’isola di Vozrozhdeniye, della quale torneremo
nome
quelle a ovest aumentano
la
loro
superficie
e
si
lago.
a parlare
saldano tra loro
.
.
.
.
2006. I bracci est e ovest del Grande Aral sono
1999. Si distinguono ormai un Piccolo Aral a
ormaiIlseparati.
La zona
dove c’era
di
2009.
braccio est
del Grande
Aral l’sola
è ormai
nord e un Grande Aral a Sud, a sua volta
Vozrozhdeniye
scomparso
La città di Muynaq
dista ormai un centinaio di
distinto in due bracci collegati a sud da una
non è più circondata
dall’acqua ma collegata
Km dall’acqua
sottile striscia d’acqua
con la terraferma.
…e il triste monumento di
Attorno al lago si sviluppava una fiorente economia
benvenuto, all’ingresso di
basata sulla pesca e sull’industria
conserviera
del
Moynaq , che continua ad
tonno in scatola. Oggi laalludere
maggioralle
parte
specie
ondedelle
del lago,
ai
ittiche è scomparsa
pesci che vi si pescavano…
Di tutte quelle attività non restano che carcasse di
pescherecci arenate tra le sterpaglie
L’Aral è un lago salato. Svanita l’acqua, in
molti punti resta un deserto di sale
Alle origini del
disastro
IlAnni
dittatore
’30 delintendeva
Novecento:
fare
in di
Asia
quest’area
Centrale,un
il
serbatoio
dittatore sovietico
di risorseStalin
naturali
decide
e manodopera
di dare forma
pera
l’allora
5 repubbliche
URSS, perché
(Kazakistan,
ricca di minerali,
Uzbekistan,
gas e
Turkmenistan,
aree fertili, immense
Kirghizistan
e poco
e Tagikistan)
popolate.
Sterminate distese brulle ed aride divennero
campi di grano e di cotone, un ‘miracolo’ reso
possibile dalla realizzazione di un reticolo di
canali, in grado di prelevare e deviare le acque
degli immissari del lago d’Aral.
Grigory Voropaev., responsabile sovietico del piano di
sfruttamento dei fiumi:
“L’Aral è un errore della natura, il mio
scopo è di farlo morire serenamente”
Voropaev riteneva che il lago, una volta ridotto ad una grande
palude acquitrinosa sarebbe stato facilmente utilizzabile per la
coltivazione del riso.
Amu
Darya
Syr
Darya
Torniamo dunque ai
nostri immissari
IlNel
prelievo
idrico corso,
è stato il
talmente
massiccio
che il
loro
lungo
Syr
Darya
e
l’Amu
Solo
Il fiume
in tempi
recenti
attraverso
autorità
ilhaTurkmenistan
Kazakeacqua
hanno
daalsud
messo
a
fiume,
perscorre
molti
anni,lenon
portato
lago
Darya
forniscono
l'acqua
per
irrigare
leilzone
nord,
in d'Aral
opera
ma
ormai,
alcuni
diversamente
lavori
che
hanno
da
riportato
quello
che
vedete
contribuendo significativamente al fiume
suo
piùcartina,
fertili
dell'Asia
centrale,
coltivate
nella
(seppur
indisastroso
misura
non riesce
ridotta)
più
a
a
sfociare
raggiungere
il Lago
prosciugamento di nuovo
prevalentemente
a cotone.
nel Piccolo
d’Aral Aral.
Amu Darya
Canale del Karakum
Per fertilizzare il deserto del Karakum, è
Ilstato
canale
del
Karakum
è
il
più
grande
costruito un canale che preleva
canaledall’Amu
di irrigazione
mondo.
l’acqua
Darya edel
la trasporta
Il corso d’acqua
è navigabile
attraverso
il Turkmenistan
fino alper
Marla
maggior parte
dei suoi 1375 km
Caspio
Canale del Karakum
Il canale del Karakum è uno dei maggiori
Lungo
il suo tracciato
il disastro del Lago d’ Aral.
responsabili
del
canale alimenta vari canali
minori e numerosi bacini di
raccolta
Quelli che vedete sono
due di questi bacini
all’ingresso di Ashgabat,
capitale del Turkmenistan
Per coltivare il cotone si è fatto abbondante uso di diserbanti
e pesticidi che hanno inquinato l’area e, trasportati dagli
immissari, hanno contaminato L’Aral
Il vento che spira costantemente verso est/sud-est
trasportando la sabbia del lago, salata e tossica per i pesticidi,
ha reso inabitabile gran parte delle zone costiere; le malattie
respiratorie e i tumori hanno un'incidenza altissima sulla
popolazione locale. Le polveri sono arrivate fino su alcuni
ghiacciai dell'Himalaya
Il vento avvelenato
dell’Aral
http://www.youtube.com/wa
tch?v=nVUR0hmXnUI
E Vozrozhdeniye?
La base segreta sull’isola
Vozrozhdeniye
1991 il
DataNel
l'inaccessibilità
laboratorio
è statofu
del
luogo,
l'isola
Certamente l’isola ha
abbandonato,
ma una
usata
dai
sovietici
per
contribuito a rendere
grande
quantità
di
effettuare
test
tossica la sabbia che
armidichimiche
è
guerra
oggi si alza dell’Aral
rimasta
nei suoi
batteriologica.
magazzini
Nel
1948
sull’isola
fu
costruitobonificata.
Moltioggi
dei contenitori
che
conservavano
le
L’isola
è
stata
solo
parzialmente
Vozrozhdeniye,
conosciuta
anche
un
laboratorio
top-secret
per
la
produzione
spore
ed
i
bacilli
non
furono
immagazzinati
C’è isola
il timore
che
gli animali
presenti
nei
come
della
Rinascita,
è
in
realtà
un'ex
di armi biologiche.
Qui spore
di antrace
e ed
correttamente.
Neladdentrarsi
corso
deglinell'impianto
anni,
si sono
dintorni
possano
isola
oggi
collegata
alla
terraferma.
bacilli
di
peste
bubbonica
deteriorati
al
punto
da
far
fuoriuscire
il loro
entrare in contatto con gli agentifurono
contaminanti
trasformati
in
armicon
. gravissimo
pericolosissimo
contenuto.
disperdendoli
nell'ambiente
rischio di epidemie mortali.
Secondo il premio nobel Gore Vidal,
quella del Lago d’Aral è stata la catastrofe
ambientale più grave di tutti i tempi
www.didadada.it

similar documents