Durc UNITEL TERAMO

Report
Direzione Provinciale Teramo
IL NUOVO
Dott.ssa Mariantonietta Palusci
1 di 24
D.U.R.C.
QUANDO… COME… PERCHE’...
CONVEGNO
U.N.I.T.E.L.
TERAMO 16/12/2011
Mariantonietta Palusci
2 di 24
Le nuove regole
• D.p.r. n. 207/2010 (regolamento d’attuazione
codice dei contratti)
• Circolare INAIL n.22/2011
• Circolare INPS n. 59/2011
(Release 4.0. sportello unico previdenziale)
Mariantonietta Palusci
3 di 24
Art. 6 Regolamento codice dei contratti
Documento unico di regolarità
contributiva
• “… è il certificato che attesta la regolarità contributiva di
un operatore economico per quello che concerne gli
adempimenti INPS-INAIL e Cassa edile”
• può essere emesso solo nei confronti di soggetti che
risultino iscritti contemporaneamente almeno a due Enti
tenuti al rilascio del documento stesso; diversamente va
acquisita la singola
certificazione cartacea
Mariantonietta Palusci
4 di 24
Ambito applicativo del DURC
• TUTTI i contratti pubblici ( lavori,
forniture e servizi)
• Nessuna eccezione, anche per acquisti in
economia o di modesta entità***.
• Esclusi solo i contratti pubblici per i quali
lo stesso codice ha previsto una deroga:
es. contratti di servizi di arbitrato,
conciliazione, ecc.
Mariantonietta Palusci
5 di 24
Contratti pubblici in economia…
(art. 4, comma 14 bis L. 106/2011
di conversione del c.d. Decreto sviluppo)
Dichiarazione sostitutiva in luogo del DURC.
Solo per contratti di forniture e servizi fino a 20.000, 00 stipulati con la PA e
le società in house ,
- deroga al principio generale della non autocertificabilità del durc
- obbligo per la SA di procedere alla verifica anche a campione sia in
occasione di affidamento che in caso di pagamento di corrispettivo.
Per prestazioni in unica soluzione la verifica va fatta su almeno il 30% delle
autocertificazioni presentate
Per le prestazioni periodiche o continuative la verifica va fatta su almeno il
10% delle autocertificazioni fermo restando che tutti gli operatori economici
dovranno risultare sottoposti a verifica tramite Durc almeno una volta l‘anno
Mariantonietta Palusci
6 di 24
Durc necessario…
 negli appalti pubblici (lavori, servizi, forniture) come
requisito per poter partecipare all’aggiudicazione e alla
stipula del contratto , agli stati di avanzamento dei lavori,
alle liquidazioni finali
nei lavori privati dell’edilizia soggetti al rilascio di
concessione edilizia ovvero a denuncia di inizio attività
(DIA) o permesso di costruire (PAC)
per la verifica della idoneità tecnico professionale
delle imprese appaltatrici e dei lavoratori autonomi in
materia di sicurezza e salute sula lavoro nei cantieri
temporanei e mobili
Mariantonietta Palusci
7 di 24
Precisazioni…
obbligo per i lavoratori autonomi
Inizialmente
si richiedeva solo alle imprese esecutrici con LAVORATORI
SUBORDINATI, mentre gli autonomi dovevano solo dimostrare
l’idoneita’ tecnico-professionale nei lavori da affidare
Poi
graduale ampliamento del campo di applicazione.
Durc necessario per fruire dei benefici normativi e contributvi
per tutti i D.L. di qualunque settore (art. 1 D.M. 25/10/2007 )
Infine
la disciplina è stata totalmente uniformata, stabilendo che il
DURC deve essere richiesto da tutti i D.L. anche dai lavoratori
autonomi
Mariantonietta Palusci
8 di 24
Soggetti tenuti a richiedere il DURC
• Le stazioni appaltanti pubbliche acquisiscono d’ufficio il DURC
dagli istituti abilitati al rilascio in tutti i casi in cui questo è
richiesto dalla legge (art. 16 bis c.10 del D.L. 185/2009
convertito con modificazione dalla L. 2/2009).
• L’art. 6 del reg. ribadisce che il Durc deve essere richiesto
d’ufficio dalle amministrazioni aggiudicatrici.
• Per i casi diversi dai contratti pubblici (attestazione SOA –
qualificazione a contraente generale) è l’operatore economico a
dover richiedere il DURC.
Mariantonietta Palusci
9 di 24
Condizioni per il rilascio
Correttezza degli
adempimenti mensili o comunque
periodici
Corrispondenza tra versamenti effettuati e versamenti
accertati dagli istituti previdenziali come dovuti
Inesistenza di adempienze in atto
DM 24 ottobre 2007 il rilascio del durc è subordinato al
rispetto di alcune norme in materia di tutela e sicurezza
delle condizioni di lavoro (tali violazioni non pregiudica il
rilascio del Durc finalizzato alla partecipazione agli appalti
ma è volto solo alla fruizione dei benefici economici e
normativi)
Mariantonietta Palusci
10 di 24
Requisiti regolarità INAIL
• Presentazione di idonea denuncia di iscrizione (cliente
•
•
con p.a.t. attive)
Regolare dichiarazione delle retribuzioni imponibili
Regolare versamento di premi ed accessori
Corrispondenza, per natura ed entità, tra rischio
assicurato e quello proprio dell’appalto*
Richiesta di rateazione con parere favorevole
Contenzioso amministrativo o giudiziario in atto
Sospensione dei pagamenti o altri tipi di agevolazioni
previste per legge
Sospensione della cartella per crediti iscritti a ruolo
Compensazione con documentazione del credito
•
* ad esclusione di quanto previsto dalla circ 22/2011 art 1.3 comma 12
•
•
•
•
•
•
Mariantonietta Palusci
11 di 24
Validità temporale del Durc
determinazione AVCP n.1/2010
« … anche in un’ottica di semplificazione e speditezza delle procedure di gara, nel
settore degli appalti pubblici, alla certificazione va riconosciuta una
validità trimestrale al pari del settore edile…»
Circolare
M. L. n.35/2010 : validità trimestrale per Durc emesso per
contratti pubblici, fatta eccezione per le tipologie
Agevolazioni, finanziamenti, sovvenzioni
Altri usi consentiti dalla legge
In sostanza…
Anche Il durc emesso ai sensi della l. 445/2000 può essere utilizzato dalla SA,
all’interno della medesima procedura di selezione, anche ai fini dell’aggiudicazione
e/o sottoscrizione del contratto (purchè ancora in corso di validità)
Mariantonietta Palusci
12 di 24
ACQUISIZIONE IN ECONOMIA
DI BENI E SERVIZI
• E’ l’ipotesi in cui è consentito l’affidamento
diretto da parte
procedimento
del
responsabile
del
• Il Durc ha validità trimestrale in relazione
all’OGGETTO e non allo specifico contratto.
Mariantonietta Palusci
13 di 24
LIMITAZIONI NELL’UTILIZZO
Nell’ambito degli appalti pubblici, non può
essere utilizzato un Durc richiesto per fini
diversi
Solo nella acquisizione in economia di
beni e servizi con affidamento diretto da
parte del responsabile del procedimento il
Durc ha validità trimestrale in relazione
all’oggetto e non allo specifico contratto
Mariantonietta Palusci
14 di 24
Durc versione 4.0 : principali novità
Nuova release disponibile dal 28 marzo 2011
 nuova grafica (i dati vengono inseriti attraverso apposite
cartelle che vanno selezionate in successione)
 nuove tipologie di richiesta
 nuovo tipo di certificato (oltre a contenere informazioni
aggiuntive riporta in calce il codice a barre per contrastare
il fenomeno delle falsificazioni)
 nuova metodologia per l’accesso (gli utenti dovranno
registrarsi con il proprio codice fiscale alfanumerico)
Mariantonietta Palusci
15 di 24
NUOVE TIPOLOGIE DI RICHIESTA
Servizi
e forniture pubbliche in economia con
affidamento diretto: procedura semplificata legata
all’OGGETTO e non alla fase o alla procedura.
Affidamento di lavori ad imprese facenti parte di A.T.I.
O CONSORZI: per la gestione delle richieste relative alle
imprese mandanti o consorziate.
Altri usi consentiti dalla legge : per regolare i rapporti
tra i privati.
 Agevolazioni – finanziamenti- sovvenzioni: è prevista
l’indicazione della specifica MOTIVAZIONE
Mariantonietta Palusci
16 di 24
IMPORTANTE
La verifica autodichiarazione alla data
del…
deve essere utilizzata solo dalle SA e deve sempre
essere utilizzata, oltre che per la verifica della dichiarazione
sostitutiva prevista dall’art. 38 del Codice per gli appalti pubblici
(in sede di gara o in fase di aggiudicazione) anche in tutti gli
altri casi in cui una PA, all’interno dei procedimenti, debba
verificare un’autocertificazione.
Si applica
• Scostamento non grave
• Divieto assoluto alla regolarizzazione
• Verifica della regolarità alla data indicata
(vincolante)
Mariantonietta Palusci
17 di 24
IMPORTANTE
La richiesta partecipaz./aggiudicazione
appalto, deve invece esser utilizzata per richiedere il Durc
solo nell’ipotesi in cui siano trascorsi più di tre mesi dal certificato
precedentemente emesso per verifica dell’autodichiarazione.
In questo caso:

non si applica lo scostamento non grave

la data indicata dalla SA non è vincolante

è prevista la sospensione per regolarizzazione
(15 gg.)
Mariantonietta Palusci
18 di 24
CORRISPONDENZA RISCHIO ASSICURATO…
Il controllo presuppone che le
lavorazioni,
oggetto
della
classificazione del rischio, siano
esercitate, quindi che il contratto sia in
fase di esecuzione .
Tale verifica può essere riferita pertanto
solo per SAL, o fatture relative a
forniture o servizi (art. 12 comma 3 T.U.
1124/65)
Mariantonietta Palusci
19 di 24
QUANDO RICHIEDERE IL DURC
• Negli appalti: per ogni singolo contratto pubblico
e, all’interno dello stesso contratto, per ciascuna fase
(unica eccezione per contratti in economia con
affidamento diretto per i quali lo stesso DURC può essere
utilizzato, durante il periodo di validità, per più
CONTRATTI aventi il medesimo OGGETTO)
• Nei lavori privati in edilizia: l’impresa deve
essere in possesso del DURC PRIMA dell’inizio dei lavori
Mariantonietta Palusci
20 di 24
DURC nei contratti pubblici
Qualora tra la stipula del contratto e le altre fasi
successive intercorra un periodo superiore ai 180
giorni, la SA è tenuta ad acquisire un Durc relativo
all’esecutore ed ai subappaltatori entro i 30 giorni
successivi alla scadenza dei predetti 180 giorni
Se invece tra le due fasi successive del contratto
intercorre un periodo inferiore ai 6 mesi, il nuovo durc
dovrà essere richiesto solo in occasione della fase
successiva, e solo se quello precedente sia già scaduto.
Mariantonietta Palusci
21 di 24
DURC NEGATIVO
(anche solo nei confronti di un solo ente)
Qualora il Durc risulti negativo per 2
volte consecutive, il responsabile del
procedimento, acquisita la relazione
del direttore dei lavori, propone la
risoluzione del contratto previa
contestazione degli addebiti ed il
termine non inferire ai 15 giorni per la
presentazione delle controdeduzioni
Mariantonietta Palusci
22 di 24
INTERVENTO SOSTITUTIVO
DELLE S.A.
• Dall’8/6/2011, in fase di esecuzione, gli enti previdenziali
potranno riscuotere le somme dovute per premi, contributi
e relativi accessori, attestati dal DURC, direttamente
dalle SA che le «detraggono» dai pagamenti in
favore della ditta irregolare
• Le SA sono tenute a chiedere agli enti previdenziali i dati
identificativi
dei
debiti
contributivi
economico accertati mediante il Durc
dell’operatore
Mariantonietta Palusci
23 di 24
Rettifica ed annullamento del Durc
• Nel caso di errori relativi all’esito della verifica, gli Istituti
potranno rettificare il Durc prima che il certificato venga
emesso e/o annullare un Durc già emesso sostituendolo
con un altro corretto
• In caso di annullamento, in calce al nuovo DURC emesso
apparirà la dicitura “ il presente certificato rilasciato in
sede di autotutela a seguito di nuova verifica da parte di
INAIL-INPS-Cassa Edile, annulla e sostituisce il
precedente in data…”
Mariantonietta Palusci
24 di 24
VERIFICA DELLA VERIDICITA’ DEL
DURC
•L’utilizzo della dichiarazione
di regolarità non più
rispondente a verità equivale
ad uso di atto falso ed è
punito ai sensi del c.p.

similar documents