Il CTS “Alceo Selvi” - Uil scuola di Viterbo

Report
Il CTS come strumento
di supporto
all’inclusione
Roberto Santoni
Dirigente scolastico
Nuove Tecnologie e Disabilità
• I “Centri Territoriali di Supporto” sono stati
istituiti nel 2006 attraverso il progetto nazionale
“Nuove Tecnologie e Disabilità”, cofinanziato dal
Dipartimento per l’Innovazione Tecnologica
della Presidenza del Consiglio e dal Ministero
dell’Istruzione.
• In fase di prima attuazione sono stati istituiti,
con la supervisione degli Uffici Scolastici
Regionali, 96 CTS in tutto il territorio nazionale.
Nuove Tecnologie e Disabilità
• La finalità dell’istituzione dei CTS è stata quella
di creare la prima rete pubblica di Centri per gli
ausili e offrire consulenze e formazione a
insegnanti, genitori e alunni sul tema delle
tecnologie applicate a favore degli alunni disabili.
• Inizialmente sono stati investiti oltre 2.150.000,00
Euro per acquisto di ausili e formazione del
personale.
Nuove Tecnologie e Disabilità
• In provincia di Viterbo il Centro Territoriale di
Supporto “Alceo Selvi” ha iniziato le attività nel
febbraio del 2007, con sede presso l’Ufficio
Scolastico Provinciale, con una prima ausilioteca
e due operatori disponibili.
• Nel corso degli anni hanno aderito al CTS tutte le
scuole, di ogni ordine e grado, della provincia di
Viterbo.
Il CTS “Alceo Selvi”
Il Centro Territoriale di Supporto “Alceo Selvi” è
composto da:
• Un presidente
• Due operatori specializzati
• Un comitato tecnico-scientifico che comprende
dirigenti scolastici (in rappresentanza delle reti di
scuole di ciascun ex-distretto), un rappresentante
dell’Ufficio scolastico provinciale, un operatore del
CTS, un rappresentante della Provincia, un
rappresentante della Asl, i rappresentanti dei Centri
Territoriali per l’Inclusione (da costituire)
Il CTS “Alceo Selvi”
• Il Centro Territoriale di Supporto “Alceo Selvi” , dal
mese di dicembre 2013, ha sede legale e
amministrativa presso l’Istituto Comprensivo Statale
“Piazza Marconi” di Vetralla
E.mail: [email protected]
• La sede operativa, per motivi logistici, è rimasta
presso l’Ufficio scolastico provinciale di Viterbo
Tel. 0761.297348
Martedì: dalle ore 15.00 alle 17.00
Giovedì: dalle ore 11.30 alle 13.30
Cosa offre il CTS
• Promuove iniziative di formazione per docenti e
genitori sui temi della disabilità
• Fornisce informazioni e consulenza didattica a
docenti, famiglie, operatori delle scuole
• Fornisce ausili (hardware e software) in
comodato d’uso gratuito alle scuole, sulla base
delle richieste dei docenti e delle necessità degli
alunni
Cosa offre il CTS
• Il CTS offre consulenza a:
• insegnanti di classe e di sostegno delle scuole
dell’infanzia, primarie e secondarie di 1° e 2°
grado
• Genitori di alunni con Bisogni Educativi
Speciali
• Operatori A.S.L.
• Operatori per l’assistenza agli alunni
• Enti ed associazioni
Cosa offre il CTS
• Nell’anno scolastico 2012-2013 sono stati forniti
alle scuole della provincia:
• oltre 70 consulenze didattiche a docenti e
genitori
• 59 software specifici per handicap e disturbi
dell’apprendimento
• 30 supporti informatici (tastiere e schermi
speciali, sensori, etc.)
• 15 computer
Cosa offre il CTS
• Nell’anno scolastico 2012-2013 sono stati
investiti complessivamente 56.277,66 euro:
• 20.277,66 per acquisto di materiali (licenze,
software, computer, ausili, etc.)
• 36.000,00 per finanziare progetti, presentati
dalle scuole in rete, destinati ad alunni con
Bisogni Educativi Speciali
Nuove prospettive
• La Direttiva Ministeriale del 12 dicembre 2012 e
la successiva Circolare del 6 marzo 2013,
rafforzano il ruolo dei CTS e ne delineano nuove
prospettive come interfaccia fra
l’Amministrazione e le scuole e tra le scuole
stesse come rete di supporto al processo di
inclusione, allo sviluppo professionale dei
docenti, alla diffusione delle migliori pratiche.
Nuove prospettive
• Le indicazioni ministeriali individuano i CTS
come “punti di riferimento”, sul territorio
provinciale, per coordinare le azioni di province,
comuni, servizi sanitari, associazioni, in ordine
alle strategie più efficaci per affrontare le diverse
problematiche degli alunni con Bisogni Educativi
Speciali.
Nuove prospettive
Ai CTS vengono assegnate funzioni relative a:
• informazione e formazione sulle nuove
tecnologie e nuovi ausili per scuole e famiglie
• consulenza didattica a docenti, collaborazione
con le famiglie
• gestione degli ausili e comodato d’uso
• raccolta e diffusione di buone pratiche (sito
web in costruzione)
• promozione di intese territoriali
Una rete... quasi una costellazione
La rete per
• condividere esperienze e buone prassi
• realizzare percorsi formativi comuni
• attivare progetti su ambiti specifici
• accedere a finanziamenti provinciali, regionali...
• superare quel senso di affaticamento e di
isolamento delle scuole e delle persone che ci
lavorano
Una rete... quasi una costellazione
“Le persone creano e trovano ciò che si aspettano di
trovare”
(Karl Weick, Senso e significato nell’organizzazione”, Milano, Cortina, 1997)
IL CTS come una costellazione dove le identità, le
storie, anche le contraddizioni, delle scuole, delle
persone, delle istituzioni possono dialogare e
trovare punti di partenza (e, possibilmente, anche
di arrivo) differenti, ma uniti da una sostanziale
finalità di contribuire ad una scuola più inclusiva.

similar documents