definizioni e inizio vita

Report
La bioetica
 ‘70: V.R. Potter – A. Hellegers
 Interdisciplinary analysis for biosphere preservation
 ‘60: coincidenza di sviluppo scientifico/tecnologico
& culturale e giuridico
 Viraggio successivo: la svolta antropica e i 4 principi
dell’etica biomedica (Beauchamp e Childress, 1979)
 La bioetica ha fallito?
BioDiritto, 2011
Un (primo) esempio
The first patient on dialysis receives treatment in 1960.
2
Bioetica, 2011
I 4 principi della bioetica
1. Non maleficenza. Non recare intenzionalmente danno.
Portata assoluta o relativa? Dimensione biologica o biografica.
Qualità di vita? (13)
2. Beneficenza. Promuovere il bene.
Portata universale? Dimensione oggettiva o soggettiva? (32)
3. Autonomia. Assenza di vincoli con limite di libertà altrui.
Informazione-consenso. Autodeterminazione (relativa). Privacy.
Mill e Kant. (2, 13, 32)
4. Giustizia. Distribuzione costi-rischi-benefici. Uguaglianza.
Bisogno, merito, impegno, contributo, mercato: ragionevolezza. (3)
3
Bioetica, 2011
Il biodiritto
 Studio sistematico dei principi giuridici che orientano la
condotta umana (individuale e collettiva) nell’area delle
scienze della vita e della cura della salute
 Settore del diritto che studia i problemi inerenti la tutela della
vita fisica ed in particolare le implicazioni giuridiche delle
scienze biomediche
 Diritto applicato ai nuovi problemi che si sviluppano alle
frontiere della vita
 Diritto relativo ai fenomeni della vita organica del corpo,
della generazione, dello sviluppo, maturità e vecchiaia, della
salute, della malattia e della morte
 Diritto della ricerca e della prassi biomedica
BioDiritto, 2011
Definizioni
• Le definizioni sono convenzionali
(ma convincenti)
• Le definizioni dipendono dallo spazio e dal
tempo (cultura e comparazione)
• “Evidence based medicine” fra
certezze ed incertezze
• I 4 principi della bioetica
5
Bioetica, 2011
Il mercato celestiale del libero sapere:
gli animali
quelli che appartengono all’imperatore
quelli che sono imbalsamati
quelli che sono addomesticati
i porcellini da latte
le sirene
quelli che sono favolosi
i cani randagi
quelli che sono inclusi in questa classificazione
quelli che sono innumerevoli
quelli che sono disegnati con un fine pennello di pelo di
cammello
• quelli che, da lontano, sembrano mosche
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
6
Bioetica, 2011
L’oggetto
 Vita e morte:
dalla natura alla tecnica, alla volontà
da fatti a possibilità
 Il problema di ciò che è naturale
 Sviluppo scientifico e culturale:
l’incertezza dell’oggetto
BioDiritto, 2011
Il mutamento del paradigma
biologico
 Dalla natura a variabili di carattere scientifico e culturale
 La clonazione
 Divisione embrionale
 Clonazione nucleare
BioDiritto, 2011
La clonazione
Riproduttiva
Terapeutica
BioDiritto, 2011
Il mutamento del paradigma
giuridico: la morte
 Il paradosso della non morte
 Il processo del morire
 Criterio respiratorio, cardiaco, encefalico
BioDiritto, 2011
Harvard Medical School
(1968)
«There are two reasons why there is need for a definition:
1) improvements in resuscitative and supportive measures have
led to increased efforts to save those who are desperately
injured. Sometimes these efforts have only partial success so
that the result is an individual whose heart continues to beat
but whose brain is irreversibly damaged. The burden is great
on patients who suffer permanent loss of intellect, on their
families, on the hospitals, and those in need of hospital beds
already occupied by those comatose patients.
2) Obsolete criteria for the definition of death can lead to
controversy in obtaining organs for transplantation»
BioDiritto, 2011
New Jersey Declaration of Death Act
(1991)
«The death of an individual shall not be declared upon the basis of
neurological criteria pursuant to sections 3 and 4 of this act when
the licensed physician authorized to declare death, has reason to
believe, on the basis of information in the individual’s available
medical records, or information provided by a member of the
individual’s family or any other person knowledgeable about the
individual’s personal religious beliefs that such a declaration
would violate the personal religious beliefs of the individual.
In these cases, death shall be declared, and the time of death fixed,
solely upon the basis of cardio-respiratory criteria pursuant to
section 2 of this act»
BioDiritto, 2011
La definizione di morte
Relatività della definizione, incertezza e
variabili scientifiche e culturali:
• la WLT e i casi del Giappone e
• Del New Jersey
BioDiritto, 2011
Il mutamento del paradigma
giuridico: la vita e il suo inizio
BioDiritto, 2011
Inizio vita e gravidanza
TAR Lazio, 8465/2001
«Osserva il collegio che le norme di rango costituzionale invocate non
recano una nozione certa circa il momento iniziale della vita umana e
l’estensione dell’ambito di tutela nel corso del suo sviluppo.
Lo specifico problema forma oggetto di ampio dibattito in sede
scientifica, bioetica e religiosa - aspetto di cui sono ben consapevoli le
parti in causa - e non ha trovato soluzione in apposita
regolamentazione.»
«Osserva il collegio che la legge n. 194/1978, nel regolamentare i casi
di interruzione volontaria della gravidanza, non enuncia una puntuale
nozione clinica dell’inizio della “gravidanza”, e cioè se tale momento
coincida con la fecondazione dell’ovulo, ovvero con il suo
annidamento nell’utero materno, evento che si verifica in un lasso
temporale di circa sei giorni dalla fecondazione.»
BioDiritto, 2011
Segue
• Informazione e scelta:
“una completa e dettagliata informazione per ciò che attiene il
secondo dei delineati effetti terapeutici si rende necessaria
proprio in presenza di differenziati orientamenti etici e
religiosi circa il momento iniziale della vita umana, così da
rendere edotto in maniera chiara e non equivoca che il
farmaco agisce sull’ovulo già fecondato impedendo le
successive fasi del processo biologico di procreazione”
BioDiritto, 2011
Segue
«We need not resolve the difficult question of when life begins. When those trained in
the respective disciplines of medicine, philosophy, and theology are unable to arrive
at any consensus, the judiciary, at this point in the development of man’s knowledge,
is not in a position to speculate as to the answer» (Roe v. Wade, 1973)
Corte cost. sent. 27/1975
«non esiste equivalenza fra il diritto non solo alla vita ma anche alla salute
proprio di chi é già persona, come la madre, e la salvaguardia
dell’embrione che persona deve ancora diventare»
 BVerfGE 39, 1 (1975): diritto alla vita v. tutela della dignità
 L’inizio della gravidanza fra fecondazione e annidamento: legge 40; legge
194; caso Norlevo (TAR Lazio 8465/2001)
 Vita umana e persona
BioDiritto, 2011
La legge 194 sulla ivg
Art. 4:
Per l'interruzione volontaria della gravidanza entro i primi
novanta giorni, la donna che accusi circostanze per le quali
la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità
comporterebbero un serio pericolo per la sua salute fisica o
psichica, in relazione o al suo stato di salute, o alle sue
condizioni economiche, o sociali o familiari, o alle
circostanze in cui è avvenuto il concepimento, o a previsioni
di anomalie o malformazioni del concepito, si rivolge ad un
consultorio pubblico istituito ai sensi dell'articolo 2, lettera
a), della legge 29 luglio 1975 numero 405, o a una struttura
socio-sanitaria a ciò abilitata dalla regione, o a un medico di
sua fiducia.
BioDiritto, 2011
Segue
Art. 6
L'interruzione volontaria della gravidanza, dopo i
primi novanta giorni, può essere praticata:
a) quando la gravidanza o il parto comportino un grave
pericolo per la vita della donna;
b) quando siano accertati processi patologici, tra cui
quelli relativi a rilevanti anomalie o malformazioni
del nascituro, che determinino un grave pericolo per
la salute fisica o psichica della donna.
BioDiritto, 2011
La nuova disciplina della
PMA
La legge 40 dopo
l’intervento della
sent. 151 del 2009
BioDiritto, 2011
Requisiti soggettivi
Italia
- coppie maggiorenni
- di sesso diverso
- coniugate conviventi
- in età fertile
• Nessun requisito di coppia
in:
• Spagna, Olanda, Regno
Unito, Belgio, Australia…
• Relazione stabile in:
• Austria, Germania, Canada,
Francia, Svezia, Danimarca,
US...
- entrambi viventi
(art. 5)
BioDiritto, 2011
Finalità
• Austria: simile
• Italia
Solo per sterilità,
senza eccezioni
• Spagna, Inghilterra,
Francia, Germania,
Grecia, Belgio, Canada,
US:
- anche per evitare
trasmissione di malattie
genetiche
BioDiritto, 2011
La tutela dell’embrione
Italia
“La volontà può essere
revocata (…) fino al
momento della
fecondazione dell'ovulo”
(art. 6.3)
• Ovunque la revoca della
volontà è permessa fino al
momento dell’impianto
• - anche in Conv. Oviedo
- anche nelle linee guida
151: Quest. inammissibile
BioDiritto, 2011
BioDiritto, 2011
La tutela dell’embrione
Italia
- Diritti equivalenti
- numero limitato (3) con
unico e contemporaneo
impianto
• Numero illimitato in:
Canada, Francia, Norvegia,
Olanda, US
• Numero limitato ma
riduzione embrionale in:
Svizzera (Cost), Austria,
Australia, Germania (solo prima
della singamia)
- divieto di soppressione e
di
- crioconservazione
• Crioconservazione permessa
- ovunque
- anche nelle linee guida
BioDiritto, 2011
Il nuovo articolo 14.2
• 2. Le tecniche di produzione degli embrioni, tenuto
conto dell'evoluzione tecnico-scientifica e di quanto
previsto dall'articolo 7, comma 3, non devono creare un
numero di embrioni superiore a quello strettamente
necessario
ad un unico e contemporaneo impianto, comunque non
superiore a tre.
BioDiritto, 2011
Deve, pertanto, dichiararsi la illegittimità costituzionale dell’art. 14,
comma 2, della legge n. 40 del 2004 limitatamente alle parole «ad un
unico e contemporaneo impianto, comunque non superiore a tre».
La previsione della creazione di un numero di embrioni non
superiore a tre, in assenza di ogni considerazione delle
condizioni soggettive della donna che di volta in volta si
sottopone alla procedura di procreazione medicalmente
assistita, si pone, in definitiva, in contrasto con l’art. 3 Cost.,
riguardato sotto il duplice profilo del principio di
ragionevolezza e di quello di uguaglianza, in quanto il
legislatore riserva il medesimo trattamento a situazioni
dissimili; nonché con l’art. 32 Cost., per il pregiudizio alla
salute della donna – ed eventualmente, come si è visto, del
feto – ad esso connesso.
BioDiritto, 2011
Il nuovo art. 14.3
“Senza pregiudizio per la salute della donna”
Qualora il trasferimento nell'utero degli
embrioni non risulti possibile per grave e
documentata causa di forza maggiore relativa
allo stato di salute della donna non prevedibile
al momento della fecondazione è consentita la
crioconservazione degli embrioni stessi fino
alla data del trasferimento, da realizzare non
appena possibile.
BioDiritto, 2011
Il “nuovo” art. 14.1
“È vietata la crioconservazione e la soppressione di
embrioni, fermo restando quanto previsto dalla legge 22
maggio 1978, n. 194.”
MA
Sent. 151: “conclusioni, che introducono una deroga al
principio generale di divieto di crioconservazione di cui al
comma 1 dell’art. 14, quale logica conseguenza della
caducazione, nei limiti indicati, del comma 2 – che
determina la necessità del ricorso alla tecnica di
congelamento con riguardo agli embrioni prodotti ma non
impiantati per scelta medica”
BioDiritto, 2011
La derivazione biologica
Italia
“È vietato il ricorso a
tecniche di
procreazione
medicalmente assistita
di tipo eterologo.”
(art. 4.3)
• Fecondazione eterologa
permessa in:
Austria, Germania, Francia,
Spagna, Regno Unito, Svezia,
Norvegia, Danimarca, Canada,
US…
• Fecondazione eterologa vietata
in:
Giappone,
Arabia Saudita, Turchia
BioDiritto, 2011
PMA e regionalismo
Costituzione: art. 117
Salute e ricerca: competenze concorrenti
Potestà regolamentare statale
BioDiritto, 2011
In sintesi
Diminuzione di:
Procreazione
Giuridicamente
Ostacolata
Correzione di S-bilanciamento di interessi
Rimane una posizione di isolamento
BioDiritto, 2011
Conferma di:
• Autonomia del medico + consenso (282, 338):
ddl Calabrò?
• Ragionevolezza tecnica (letteratura + caso)
• Biodiritto mite
(limiti di legge, autorità indipendenti…)
Apertura e pluralismo
BioDiritto, 2011
Rimangono problemi di:
• Divieto di revoca della volontà (6.3)
• Divieto di soppressione degli embrioni (14.1)
• Coerenza interna
(“favorire la soluzione dei problemi
riproduttivi”)
• Coerenza con linee guida (Hiv)
• Coerenza con altre leggi/sentenze (194, c.c.)
BioDiritto, 2011
Valutazione
d’impatto normativo
Coerenza con se stessa?
“favorire la soluzione dei problemi riproduttivi”
 Coerenza con linee guida?
Crioconservazione; impianto di tutti embrioni; revoca volontà
Coerenza con altre leggi/sentenze?
legge 194 su IVG; legge 145/2001 (Conv. Oviedo); codice civile
sent. Tar Lazio 8465/2001
Coerenza con Costituzione?
Salute: diritto fondamentale; consenso e TSO; regional. (art. 117)
Coerenza con deontologia?
Obbligo/divieto di terapia;
Coerenza con biodiritto?
salute della donna
Apertura e pluralismo
BioDiritto, 2011
I referendum
1. Clonazione terapeutica
Ricerca clinica sugli embrioni (nuove cure)
Congelamento
2. Solo sterilità
Obbligo impianto, 3 embrioni
3. 2 + Diritti concepito non equivalenti a persone nate
4. Fecondazione eterologa
BioDiritto, 2011

similar documents