La violenza assistita:ricadute sulla salute dei bambini – Franca Miola

Report
La violenza assistita:
conseguenze sulla salute dei
minori
Dott.ssa Maria Franca Miola
UOC di Psicologia Ospedaliera, A.O. San Carlo Borromeo,
Milano
Definizione di violenza assistita
intrafamiliare
* Per violenza assistita intrafamiliare si intende l’esperire da
parte del bambino/bambina qualsiasi forma di
maltrattamento compiuto attraverso atti di violenza fisica,
verbale, psicologica, sessuale ed economica su figure di
riferimento o su altre figure affettivamente significative
adulte o minori. Il bambino può farne esperienza
direttamente (quando essa avviene nel suo campo
percettivo), indirettamente (quando il minore è a conoscenza
della violenza), e/o percependone gli effetti.
Si include l’assistere alle violenze di minori su altri minori e/o su
altri membri della famiglia e ad abbandoni e maltrattamenti
anche a danno di animali domestici.
È una forma di maltrattamento la cui rilevazione necessita del
preliminare riconoscimento della violenza intrafamiliare
diretta.
* dal Documento sui requisiti minimi degli interventi nei casi di violenza assistita del
C.I.S.M.A.I.
Conseguenze
La violenza assistita è una forma di maltrattamento
che può determinare effetti a breve, medio e
lungo termine e può rappresentare uno dei fattori
di rischio per la trasmissione intergenerazionale
della violenza.
Essa aumenta il rischio di violenza diretta su
bambine e bambini e può essere causa di danni
fisici ai minori presenti durante gli episodi di
aggressione sulla madre.
Intervento
La violenza assistita richiede che gli operatori
mettano in atto interventi di prevenzione e
contrasto che si articolano lungo quattro fasi
operative tra loro interconnesse
ricorsivamente nel tempo:
 La rilevazione
 La protezione
 La valutazione
 Il trattamento
Rilevazione/1
La rilevazione consiste nell’individuazione dei
segnali di malessere dei minori e dei rischi per la
loro crescita connessi alle condotte
pregiudizievoli degli adulti, distinguendo il rischio
dal danno subito dagli stessi, e nella prima
individuazione delle capacità protettive
immediatamente disponibili in ambito familiare.
E’ una fase che vede coinvolti gli operatori dei
servizi sia per i minori che per gli adulti,
appartenenti ai settori sociale, sanitario,
educativo e giuridico.
Rilevazione/2
È indispensabile distinguere le situazioni conflittuali
(senza negare i danni che da queste possono derivare
ai minori) dalle situazioni di maltrattamento ed
evitare di identificare come conflitto o litigi tra
coniugi situazioni dove avvengono atti e/o
comportamenti maltrattanti sulla madre, anche gravi
e reiterati.
È necessario fin dai primi momenti tenere conto del
grado di pericolosità della situazione al fine di non
compiere passi che aumentino il rischio rispetto
all’incolumità fisica, psichica e il pericolo di vita.
Rilevazione/3
Indicatori
La valutazione del rischio dipende dalla effettiva
rilevazione dell’insieme degli indicatori che possono
caratterizzare i diversi casi:
• Indicatori relativi alla tipologia degli atti di violenza e al
periodo di insorgenza;
• Indicatori comportamentali, psicologici, sociali, relativi
allo stato di salute fisica e psichica dei minori testimoni
di violenza, della madre e del maltrattante;
• Indicatori relativi alla presenza di fattori di rischio nel
contesto familiare e sociale;
• Indicatori relativi ai fattori protettivi individuali,
familiari e sociali e alle risorse che possono essere
attivate e rafforzate ai fini della protezione del minore
e sostegno del processo riparativo.
Protezione
Proteggere i minori vittime di violenza assistita e
garantire il loro diritto alla salute, significa in
primo luogo interrompere le violenze nei
confronti della figura di riferimento che la
subisce.
L’interruzione della violenza va attuata attraverso la
messa in atto di interventi di protezione e di
vigilanza adeguati alla gravità della situazione, in
termini di tempestività, efficacia e durata,
interventi realizzati mediante l’attivazione di
servizi, istituzioni preposte e il ricorso all’attività
giudiziaria come previsto dalla legge
Valutazione
La valutazione è un percorso teso a valutare il quadro
complessivo della situazione traumatica nei suoi aspetti
individuali e relazionali e i processi di interazione in
atto tra fattori di rischio e di protezione.
Va effettuata una valutazione medica e psicologica sullo
stato dei bambini e vanno rilevati eventuali altri tipi di
maltrattamento da loro subiti.
Nella valutazione bisogna tener conto dei meccanismi di
difesa presenti in tutti i membri della famiglia, è
necessario altresì effettuare una valutazione medica e
psicologica (in riferimento specificatamente alle
competenze genitoriali), dello stato delle madri
maltrattate e attuare analoghi programmi di
valutazione dei maltrattanti.
Trattamento
Un percorso inserito nella cornice protettiva e
valutativa sopra descritta, che ne costituisce non
tanto una premessa, quanto il primo passo
indispensabile, poiché assistere alla violenza non solo
crea confusione nel mondo interiore dei bambini, ma
va a minare il cuore delle relazioni primarie.
Conseguentemente i bambini vittime di violenza
assistita necessitano di interventi riparativi, sia a
livello individuale, sia a livello delle relazioni familiari,
con caratteristiche di specificità.
Violenza assistita da maltrattamento
sulle madri
• La violenza sulle madri è un fenomeno diffuso e ancora
sottovalutato, e costituisce la condizione di molti casi di
violenza assistita subita dai minori.
• Essa può mettere a rischio, a partire dalle prime fasi
della gravidanza, la salute psicofisica e la vita stessa sia
delle madri che dei bambini.
• Una madre maltrattata è una madre traumatizzata e la
violenza, soprattutto se cronica, può produrre sintomi
assimilabili al disturbo post-traumatico da stress, che
influenzano gravemente la relazione con i figli e le
capacità di accudimento.
La sofferenza prende la via del
corpo
I dati più recenti segnalano che dal 12% al 22% dei bambini e
degli adolescenti soffre di disturbi psicologici. Tali bambini si
presentano nell'area delle cure pediatriche con sintomi di
sofferenza somatica, riferiti praticamente a tutti gli organi.
Il disturbo di somatizzazione ricorrente è risultato correlato
ad elevato rischio per quanto riguarda lo stato di salute e alla
presenza di problemi psicosociali, di separazione e di
relazione famigliare disfunzionali
( American Psychiatric Association)
L'approccio sistemico allargato al sintomo fisico
senza causa organica prevede il lavoro integrato
del pediatra e dello psicologo e permette di
attuare una decodificazione precoce del disturbo,
contrastando la cronicizzazione e l'evoluzione
verso una patologia psichiatrica in età adulta
Emicrania e cefalea tensiva:
l'esperienza dell'Ospedale San Carlo Borromeo di Milano
Nei disturbi da cefalea tensiva è stata rilevata la presenza di comorbilità
psicologica in oltre 80% dei casi.
E' stata riscontrata una correlazione positiva tra la CEFALEA SENZA CAUSA
ORGANICA e la violenza assistita da MALTRATTAMENTO SULLE MADRI, in una
elevata percentuale della popolazione di minori in carico presso U.O.C di Pediatria
e U.O.C. di Psicologia per cefalea e disagio psicologico.
E' stata rilevata una significativa differenza tra l'età dei minori vittime di violenza
assistita e la relativa manifestazione dei sintomi.
I Sintomi
Bambini molto piccoli (2-6 anni) presentano con
maggior frequenza episodi di tipo convulsivo e ritardo
nel linguaggio
Bambini e adolescenti (6-15 anni) manifestano episodi
di cefalea ad andamento più costante e strutturato
Ipotesi eziopatogenetica
Il bambino piccolo sviluppa con la madre, vittima di maltrattamento
un legame di
ATTACCAMENTO INSICURO: la funzione di «reverie materna» che dà luogo al processo di
alfabetizzazione, cioè la trasformazione di elementi BETA (manifestazioni negative) in
elementi ALFA (dotati di significato) fallisce a causa della condizione di vittimizzazione della
madre, non in grado di porsi come base sicura, cioè non capace di fornire significati
comprensibili per il bambino, che continuerà a funzionare con modalità proiettive.
Quando tale condizione è continuativa può dare origine nel bambino a un vissuto
TRAUMATICO MULTIPLO (Khan, M. 1963) per la reintroduzione degli elementi BETA.
VI è una vera e propria INVERSIONE DI FLUSSO, chiamata funzione OMEGA (Bion, W;
Polacco, W) che origina fenomeni di INTOSSICAZIONE nell'apparato psichico e nella “ testa”
del bambino. Tale inversione può manifestarsi con sintomi di cefalea tensiva.
Il percorso terapeutico
Prevede la possibilità:
●Per la madre di riacquistare la funzione ALFA , uscendo dalla
zona d'ombra in cui le donne maltrattate vivono,
perseguendo possibilità alternative.
●Per il bambino di disintossicarsi, esprimendo con parole il
dolore e compiendo un percorso di elaborazione e
significazione dell'esperienza vissuta.
Considerazioni conclusive:
“Prevenire è meglio che curare”
La violenza assistita è un fenomeno ancora poco
riconosciuto ed è quindi necessario attivare
programmi di sensibilizzazione per la
popolazione e percorsi formativi specifici per
gli operatori educativi e socio-sanitari.
Programmi di sensibilizzazione per
contrastare:
– La sottovalutazione della diffusione di atti
violenti all’interno della famiglia;
– La sottovalutazione del rischio di
escalation;
– La sottovalutazione del danno sulle
competenze genitoriali e quindi sulla
relazione genitori-figli;
– La scarsa conoscenza del fenomeno e dei
relativi indicatori;
– I meccanismi di negazione,
minimizzazione, razionalizzazione e
soprattutto di stigmatizzazione delle
vittime di violenza assistita.
Programmi di formazione specifici su:
– Riconoscimento della violenza assistita
come forma di maltrattamento;
– La violenza di genere come fattore di
rischio di maltrattamento sui figli;
– Gli interventi riparativi da attivare
precocemente;
– Riconoscimento degli effetti iatrogeni
che possono derivare dall'attuazione di
interventi scorretti e non coordinati.

similar documents