I SETTE CONTRO TEBE

Report
Liceo classico statale “T .Tasso”
Salerno
di Eschilo
a cura di
Angela Maria Feo e Vittoria Stanzione
Classe IV C
Docente: prof. Claudio Naddeo
Eschilo (Αἰσχύλος) è considerato l'iniziatore della tragedia greca nella
sua forma matura ed è il primo dei poeti tragici dell'antica Grecia di cui
ci siano pervenute opere per intero.
 Nasce a Eleusi (Atene), intorno al 525 a.C.
Maratona (490 a.C.)
 Battaglie
Salamina (480 a.C.)
Platea (479 a.C.)
 Invito da parte di Gerone
in Sicilia nel 470 a.C.
Rappresenta di nuovo
“I Persiani”
Compone e mette in
scena “Etnee” e
“Prometeo incatenato”
 Ultime 3 vittorie agli agoni tragici (467 – 458 a.C.):
Tetralogia tebana (di cui si è
conservata solo “I sette
contro Tebe”)
Orestea: Agamennone,
Coefore, Eumenidi
Tetralogia egiziana (tra cui
le Supplici)
 Viaggio a Gela (456 a.C.), forse in esilio per aver rivelato i segreti dei
misteri eleusini
 455 a.C.: data di morte presso Gela. Pare che sia morto per colpa di un
gipeto, che avrebbe lasciato cadere, per spezzarla, una tartaruga sulla sua
testa, scambiandola, data la calvizie, per una pietra.
 Introduzione di:
1.
2.
3.
Maschere e coturni
Due attori sulla scena
Dialoghi piuttosto che monologhi
 Riduzione dell’importanza del coro
 Avvio della trilogia legata
 Personaggi con poteri quasi sovrannaturali, ma non eroi
Politica (democrazia)
 Funzioni del teatro
Sociale (diritto d’asilo)
Religiosa (monoteismo)
 EREDITARIETA’ DELLA COLPA E
CASTIGO
Errore primordiale,
scontato dall’umanità?
Responsabilità del
singolo individuo?
Accecamento che impedisce all’uomo
di riconoscere i propri limiti e
commisurare le proprie forze
“Giustizia dialettica”, che considera la
condizione
dell’uomo
che
ha
compiuto il reato
Invidia degli dei, causata dall’accecamento
dell’uomo dal quale, dunque, viene meno
il rispetto per le divinità
Esito diretto dell’accecamento
provocato da άτη
Giustizia naturale dell’uomo,
imposta dagli dei
Punizione inflitta dagli dei a
chi si macchia di tracotanza
Πάθει
Dolore, che tutti
destinati a soffrire
sono
μάθος
Conoscenza, consapevolezza
del proprio errore scaturita
dal dolore
LA PAROLA E’ IL SUO STRUMENTO D’ ESPRESSIONE:
•
Creatività verbale
•
Arcaismi
•
Espressioni retoriche
•
ἅπαξ: forma linguistica usata una sola volta in un testo,
filologicamente utile nell’attribuzione della paternità di un
manoscritto
, attribuito a Cinetone di Sparta, narrava la
storia di Edipo, che senza saperlo uccise il padre Laio e
sposò la madre Giocasta, e della sua fuga da Tebe
quando venne a conoscenza della verità.
attribuita in tempi antichi ad Omero, era un breve componimento
che cantava la guerra fratricida tra Eteocle e Polinice, figli di
Edipo, per la conquista di Tebe.
I due fratelli si erano accordati per regnare un anno a testa, ma
allo scadere del proprio anno Eteocle non aveva voluto cedere il
trono.
Così Polinice, con l’appoggio del re di Argo Adrasto, aveva
dichiarato guerra al proprio fratello ed alla propria patria.
La vicenda veniva narrata dal punto di vista degli aggressori. Sette
condottieri venivano messi a presidiare le sette porte della città,
ma alla fine la vittoria arrideva all'esercito tebano di Eteocle. I due
fratelli si davano la morte l'un l'altro, venendosi così a compiere
un'antica profezia che aveva previsto lo svolgersi dei fatti.
attribuiti ad Antimaco di Teo, era un poema, che raccontava la seconda guerra
per la conquista di Tebe. Dieci anni dopo la battaglia raccontata dalla Tebaide, i
figli dei condottieri sconfitti si riunivano sotto la guida di Alcmeone per tentare
nuovamente l'impresa, questa volta coronata dal successo, con la conquista ed il
sacco di Tebe.
anonima, narrava le gesta dell'epigono Alcmeone, figlio di Anfiarao, che vendicò
la morte del padre, caduto nella guerra dei Sette uccidendo sua madre Erifile,
poiché lo aveva spinto a parteciparvi, e venne di conseguenza perseguitato dalle
Erinni.
Data di rappresentazione: 467 a.C.
Trilogia : Laio
Edipo
Sette a Tebe
-La Sfinge -
Ambientazione : Acropoli di Tebe
Personaggi : Eteocle e il messaggero tebano
Numero di attori: due
Coro: composto dalle fanciulle tebane,
terrorizzate di essere rapite se Tebe
verrà conquistata
Eteocle e Polinice si erano accordati per spartirsi il potere
sulla città di Tebe, ma Eteocle allo scadere del proprio
anno non aveva voluto lasciare il proprio posto, sicché
Polinice, con l’appoggio del re di Argo, Adrasto, aveva
dichiarato guerra a Tebe.
Eteocle cerca di rincuorare la popolazione, terrorizzata per
l’imminente arrivo dell’esercito nemico.
Giunge un messaggero, che informa che gli uomini di
Polinice sono nei pressi di Tebe, ed hanno deciso di
presidiare le sette porte della città.
Eteocle deve scegliere sette guerrieri da contrapporre a
quelli nemici, ognuno a difendere una porta.
ETEOCLE
POLINICE
Porta di Preto: Melanippo
Porta Elettra: Polifonte
Porta Nuova: Megareo
Porta Atena Onca: Iperbio
Porta Nord: Attore
Porta Omoloide: Lastene
Settima Porta:Eteocle
Tideo
Capaneo
Eteoclo
Ippomedonte
Partenopeo
Anfiarao
Polinice
Ricevuta la notizia, il coro reagisce con paura, ma Eteocle le rimprovera.
Inoltre viene informato dal messaggero sul nome e le caratteristiche
principali di ognuno, e ad essi contrappone un proprio guerriero.
Quando il messaggero nomina il settimo guerriero, Eteocle capisce di
essere predestinato allo scontro con il fratello e lo accetta.
Il coro intona un canto pieno di paura, al termine del quale arriva il
messaggero. Questi informa che sei delle sette porte di Tebe hanno
tenuto ma, alla settima porta però i due fratelli Eteocle e Polinice si
sono dati la morte l'un l'altro. Nonostante la vittoria il coro piange per
la triste sorte dei due fratelli sui loro corpi.
Che rapporto c’è tra la maledizione di una
famiglia e la libertà del singolo?
Eschilo non nega l’esistenza di una
maledizione sulla stirpe ma afferma che c’è
un punto in cui l’uomo ha la possibilità di
scegliere di essere colpevole: Eschilo si
assume la responsabilità così di affermare il
libero arbitrio.
Problema:
l’uomo è libero ma colpevole
o
innocente ma schiavo?
Per la mentalità greca quella colpa che si tramanda nelle generazioni lascia ai
successori una propensione al male che li spinge a commettere continuamente
colpe.
Per Eschilo nessuno è innocente, perciò cerca una colpa in tutti i suoi
personaggi.
Eteocle cambia: viene presentato come re perfetto, autorevole; tuttavia si
intuisce che la sua autorevolezza non gli permette di vedere le cose per quello
che sono e ciò lo porta alla colpa.
SECONDA GUERRA PERSIANA (480 a.C.)
Serse contro Atene
Nemico implacabile
Città assediata
Realtà narrata nella tragedia “I sette contro Tebe”
Il protagonista è Eteocle, dunque
I “SETTE” SONO
1.
2.
3.
4.
Motore e azione della tragedia
Rappresentazione dell’empietà dell’uomo
Minaccia del kaos
Pericolo
Significato ultimo
dell’opera
La descrizione delle armi è
tipica dell’epica
Gli scudi rappresentano
un’interpretazione
del
mondo nei suoi aspetti
positivi e negativi
Frontone di Talamone
FRONTONE DI
TALAMONE
Combattimento tra
Eteocle e Polinice (150
a.C.)
Costituisce la parte
superiore frontale del
tempio etrusco di
Talamonaccio ed è
l’iconografia più
importante che ci sia
pervenuta della tragedia
BRONZI DI RIACE
(rinvenuti il 16 agosto 1972)
Secondo l’ipotesi di Paolo
Moreno, il Bronzo A (il giovane)
potrebbe
raffigurare
Tideo,
feroce eroe dell'Etolia.
Il Bronzo B (il vecchio) sarebbe
invece Anfiarao, il guerriero che
profetizzò la propria morte sotto
le mura di Tebe.
CAPANEO TENTA DI SCALARE
LE MURA DI TEBE (Campania,
340 a.C. circa)
La raffigurazione dell’anfora
rappresenta il guerriero Capaneo
che, durante la battaglia contro i
Tebani, cerca di arrampicarsi sulle
mura della città.
Anfora a figure rosse
Giambattista Tiepolo,Eteocle e Polinice
(XVIII sec.)
Kunsthistorisches Museum (Vienna)
Il dipinto rappresenta la morte dei
fratelli Eteocle e Polinice.
Caino e Abele
Romolo e Remo
OVIDIO
Le metamorfosi (I sec. a.C.) sono un poema epicomitologico
incentrato
sul
fenomeno
della
metamorfosi. Attraverso l'opera Ovidio ha reso celebri
e trasmesso ai posteri numerosissimi storie e racconti
mitologici dell’antichità greca e romana tra cui le
trasformazioni di Tiresia (III) e di Antigone (VI).
STAZIO
La Tebaide in 12 libri, composta nel I secolo
d.C., è incentrata sulla guerra mitica di Eteocle
e Polinice sotto la città di Tebe.
DANTE
Capaneo (Inferno, XIV) è III girone del VII Cerchio, dove sono puniti i violenti
contro Dio (tra cui i bestemmiatori).
Le Capaneo blasfeme (dipinto ad olio di William Blake)
Inferno, XX
Tiresia è condannato a vagare eternamente con la testa ruotata sulle spalle,
che lo obbliga a camminare indietro in contrappasso con il suo potere
"preveggente" in vita. Anche sua figlia Manto si trova nello stesso girone.
Bolgia degli indovini,
Priamo della Quercia
(XV secolo)
Gustave Dorè 1800 Francia
 Il rodere la testa del nemico ricorda Stazio che narra di Tideo, uno dei sette
re contro Tebe, che rode le tempie a Menalippo (Inf., XXXII)
 Pisa è apostrofata come “novella Tebe”.(Inf., XXXIII)
Dalle incisioni della Divina Commedia
di Gustave Dorè - 1861-68

similar documents