La moneta - Economia Per I Cittadini

Report
La
crisi e le
ricette
sue
ce le siamo sentite raccontare,
ora possiamo capirle noi
http://economiapericittadini.it
Cos’è la moneta e come nasce
UN’INTRODUZIONE STORICA
2
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La nascita della moneta.
3
 Lo scambio nasce con l’uomo, la moneta appare
soltanto due milioni di anni dalla sua comparsa.
 Prima dell’economia regolata dalla moneta gli
antropologi Malinowski e Mauss hanno
identificato l’
ECONOMIA DEL DONO
dare > ricevere > rendere
[G. Ruffolo, 2011]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Economia del dono.
4
Il dono richiama dono. Il rapporto tra chi dona e
chi riceve non si esaurisce mai, in quanto l’ “oggetto
donato” non si stacca mai dal donatore.
La reciprocità comporta una continua circolazione di
beni, che non si attaccano a nessuno in particolare ma
a tutti in generale. Il dono va a vantaggio simbolico
dell’intera comunità
[G. Ruffolo, 2011].
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta è un segno di valore
5
 In Mesopotamia i Sumeri (IV millennio a.C.) per
trarre profitto dai commerci, inventarono la
scrittura (sistema di registrazione con incisioni
cuneiformi) e la moneta (oggetto intermediario
di regolazione delle equivalenze, dapprima orzo, poi
argento grezzo a peso)
 La prima moneta coniata si fa risalire a Creso, re
della Lidia nel VII a.c. // Re Cinesi coniavano
monete in bronzo
[Terzi, 2010]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta prima dei mercati
6
Moneta della città di Metelis (638-39 A.C)
Moneta del Regno di Lidia (650 A.C.)
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta in un’economia arcaica
7
Nelle società arcaiche non esisteva
specializzazione
poduttiva,
nè
economia di mercato, le eccedenze
venivano raccolte e ridistribuite dalle
caste sacerdotali (Egiziani, Sumeri)
[Terzi, 2010]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta in un’economia arcaica
8
La moneta in questa fase era, quindi, costituita da una
varietà di materiali, convenzionalmente scelti come
segno di valore.
La moneta-merce veniva pesata, non contata e fungeva da
monete cerimoniali:
-
ammissione a gruppi di culto;
riti di passaggio e iniziazione;
tributi;
forme di compensazione per alleggerire tensioni sociali.
[Genesi, XXXVII,28: Giuseppe viene acquistato per 20 sicli d’argento. Siclo unità di
peso]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta-merce
9
 È una rappresentazione tangibile del valore che viene




trasferito in circostanze cerimoniali di carattere sociale,
religioso, per pagare tributi ai capi o come mezzo di
compensazione.
Il suo valore è rapportato a quantitativi di metalli
preziosi (oro, argento, bronzo) o comunque, materiali
desiderabili: tessuti pregiati, sale, pepe, bestiame, teschi
etc.)
Regola rapporti di debito e credito  relazioni sociali
Il sovrano che la emette può determinare l’unità di
conto
Quantità limitata dalla disponibilità di metallo prezioso
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta arcaica
10
 NON è l’evoluzione del BARATTO (come invece
sostenuto dalle teorie ortodosse a partire da Adam
Smith)
 NON si sviluppa con un percorso LINEARE che
porta dalla moneta merce (bestiame [latino: pecus >
pecunia], sale, conchiglie) alle barre di metallo ed
alle monete coniate
 La sua comparsa come mezzo per effettuare
trasferimenti di valore PRECEDE l’avvento
dell’economia di scambio e di MERCATO,
dipendendo da fattori sociologici e antropologici.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Con il fiorire dei commerci …
11
 si iniziò a sentire la necessità di aumentare la moneta
in circolazione, la moneta metallica non sosteneva la
velocità/quantità degli scambi. Malgrado il principio
del metallismo (l’unica moneta affidabile è quella
dotata di valore intrinseco, i.e. garantita al 100% da
un metallo), si iniziò a
 “svilire” le monete = diminuire la quantità di metallo
con cui erano fatte (Imp. Romano, Medioevo)
 diffondere la moneta cartacea, se pur intesa come
sostituto temporaneo e imperfetto della moneta
metallica
EPIC - Una vera economia per i cittadini
In cammino verso la moneta fiat …
12
 Nell’ XI sec. in Cina viene introdotta la prima carta
moneta (cfr. Marco Polo)
 L’attività bancaria si sviluppa in Italia e poi in
Europa nel XII s.
 Il primo deposito di conto corrente nasce a Venezia
nel XIV sec.
 XVII sec. si diffonde il “biglietto di banca” =
banconota convertibile in moneta metallica.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
… e la ricchezza? Dipende
dalla moneta?
13
 Negli scritti dei mercanti europei del XVI e XVII sec.
d.C. emerge che un Paese si potesse definire ricco in
base alla disponibilità di oro e di argento nei forzieri
del sovrano, per cui
 la politica economica corretta per accaparrarsi
monete era ostacolare le importazione e promuovere
le esportazioni.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
… e la ricchezza?
14
 Ma nel 1700 Smith (padre dell’economia moderna)
capisce che la moneta è la ruota che fa girare i beni
nell’economia, ma la ricchezza di una nazione non è
determinata dalla quantità di moneta o metallo
prezioso posseduta, bensì dalla capacità
produttiva del paese, ovvero dalla quantità e
qualità dei prodotti annuali che costituisce il reddito
di quella società.

EPIC - Una vera economia per i cittadini
[TERZI 2010]
… e la ricchezza? Dipende
dalla moneta? 15
 La circolazione della moneta rende possibile la
creazione di valore e ricchezza, ma non è essa stessa
la ricchezza.
 Il reddito nazionale annuo effettivo (PIL)
corrisponde al flusso dei beni e dei servizi prodotti
nell’anno. La quantità o stock di moneta disponibile
– escluso quella estera - non è parte del PIL né dà
alcuna indicazione in merito alla ricchezza annuale.
[TERZI, 2010]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
LA MONETA
in un’economia MODERNA,
specializzata, ad alto livello tecnologico
16
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta in un’economia moderna
17
 è quel segno di valore che viene
usato per stabilire l’entità
pecuniaria di un obbligo
contrattuale e
 che viene accettato come mezzo di
regolazione definitiva di quel
debito.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta è un segno di valore,
un io ti devo convenzionale
18
PdV GIURIDICO
Con la moneta
il debitore si libera dal
proprio obbligo;
il creditore la accetta e
perde ogni diritto sul
credito.
L’oggetto
si
completamente
creditore.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
stacca
dal
PdV ECONOMICO
La moneta è accettabile
 se c’è fiducia di poterla
spendere per beni/servizi
dello stesso valore
nominale di quelli per cui
la si è ottenuta (consenso
sociale).
 se c’è uno Stato che la
impone (tasse)
 Se dà accesso ad un
mercato abbastanza
appetibile.
 La moneta deve essere durevole nel tempo;
non falsificabile; perfettamente fungibile e
divisibile.
 Le tre funzioni della moneta:
 unità
di conto che esprime il
valore delle grandezze
economiche;
 mezzo di pagamento (scambio);
 riserva di valore.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
19
IL DIBATTITO ECONOMICO
CARTALISTI VS METALLISTI
20
DUE VISIONI SULLE ORIGINI E LO SVILUPPO DELLA MONETA
EPIC - Una vera economia per i cittadini
CARTALISTI
vs
METALLISTI
21
 il valore della moneta come
determinato dall'autorità
emittente, ovvero dal
monopolista della valuta,
cioè lo Stato.
 Tale valore deriva dal
potere statale di imporre
oneri fiscali verso se stesso
denominati nella valuta di
cui egli è monopolista (State
Theory of Money, G. F.
Knapp, 1905; Mireaux e gli
attuali Post-keynesiani in
USA e UK).
EPIC - Una vera economia per i cittadini
 il valore di una moneta è
dato, intrinsecamente,
dal metallo con il quale
essa viene coniata.
 L'origine della moneta
derivante da un processo
di mercato, un processo
di minimizzazione dei
costi di transazione
rispetto al baratto, che
potremmo chiamare
Mengeriani
(dall'economista fondatore
della scuola austriaca Carl
Menger)
CARTALISTI
vs
 Il passaggio dal baratto alla
moneta avviene tramite
monete cerimoniali
imposte dalla casta
sacerdotale o quella
governativa a scopo rituale,
compensativo, di coesione
sociale, tributario etc.
 Le monete non furono solo
metalli preziosi, ma anche
utensili: spiedi (obeloi),
pentole (lebeti). [cfr. Iliade,
dono di Agamennone a
Achille: 7 treppié, 20 lebeti,
10 corridori, 7 schiave,
Briseide e 10 talenti d’oro]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
METALLISTI
22
 Il passaggio dal baratto alla
moneta fu determinato dagli
altissimi costi di transazione
del baratto. Per porvi rimedio
si passò all’uso dei metalli
preziosi come merce di
scambio.
 Secondo questo modello
(Kiyotaki, Wright, 1989, 1993)
è il settore privato a
muovere verso un'economia
monetaria al fine di
minimizzare i costi di
transazione.
 E ciò presuppone che
l'autorità statale abbia
poca se non nessuna
funzione in tale transizione.
CARTALISTI
vs
METALLISTI
23
 Il collasso di una struttura
di governo potrebbe
condurre verso una
cessazione del processo di
coniazione della moneta e,
quindi, verso un ritorno al
baratto.
MA
 Nel passaggio da Impero
Romano a regni barbarici,
rimosso il controllo
centralizzato e ristretto, si
moltiplicò rapidamente la
coniatura di diverse valute.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
 Una volta che il settore
privato abbia stabilito un
equilibrio monetario e
minimizzato i costi di
transazione, non vi è
nessun rischio che si possa
tornare a sistemi
caratterizzati dal baratto.
La Storia a sostegno dei cartalisti …
24
 Inghilterra medievale
 Alfred Mitchell Innes (1913) (come gli attuali neo-cartalisti, nda), aveva
una visione della moneta come mero "segno" della registrazione di un
debito della corona inglese:
 '‘Nell'Inghilterra medievale il regolare metodo utilizzato dal governo
per pagare un creditore era registrare un aumento delle sue promesse
di pagamento in tally (1)' (un I owe you = IOU - Io Ti Devo) sulle
agenzie doganali o altri dipartimenti funzionali all'ottenimento di
introiti, il che significa dire di star dando al creditore un
riconoscimento di un debito nei suoi confronti." (Innes, p. 397–8)
 (1) Il tally era un antico dispositivo di registrazione di contabilità e
quantità. L'Inghilterra, sotto Re Enrico I, usò il tally come valuta,
intorno al 1100 d.c. Enrico I avrebbe accettato il pagamento delle tasse
esclusivamente in tally, e tale sistema fu uno strumento che il Tesoro
Reale utilizzò per ottenere tali pagamenti di tasse attraverso sceriffi
locali.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La Storia a sostegno dei cartalisti …
 Africa coloniale
25
 Mathew Forstater spiega come in Africa coloniale avvenne la transizione
verso un'economia monetaria:
 "I
governi coloniali ordinarono l'utilizzo di mezzi alternativi per
convincere la popolazione a lavorare per un salario. Questa
testimonianza è chiara storicamente, ovvero che un metodo molto
importante per raggiungere tale obiettivo era di imporre una tassa e
richiedere che quest'ultima fosse denominata nella valuta coloniale. Ciò
aveva il beneficio non solo di costringere la popolazione a lavorare per un
salario, ma anche di determinare un valore per la valuta coloniale e
monetizzare l'economia.
 Sebbene la tassazione fu spesso imposta al fine di assicurare delle entrate
per le casse coloniali e la tassa fu giustificata in nome del fatto che gli
africani sopportassero il peso finanziario dello stato coloniale, nei fatti il
governo colonialista non aveva bisogno della valuta coloniale detenuta
dagli africani. Ciò di cui loro necessitavano era una popolazione africana
che avesse bisogno della valuta e così si propose una tassa
diretta" (Forstater, 2005a, p. 55, p. 60)
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La Storia a sostegno dei cartalisti …
26
 L'imposizione di una tassa denominata nella valuta
del colonizzatore forzò i coloni a muovere da una
economia prettamente di sussistenza e non
monetaria ad una economia monetaria produttrice
di beni e servizi per la vendita nell'economia
mondiale.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
DA BRETTON WOODS A OGGI
EVENTI CRUCIALI PER CAPIRE
27
DAL GOLD STANDARD ALLA MONETA FIAT
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Bretton Woods 1944
28
 Alla conferenza di Bretton Woods gli US imposero al
mondo un sistema monetario internazionale a cambi
fissi basati sul dollaro. Il dollaro, convertibile in oro,
lo sostituiva nelle transazioni internazionali
 Tutti i Paesi dovevano dichiarare una propria parità
di cambio rispetto al dollaro e mantenerla fissa.
 Nasce il Fondo Monetario Internazionale (FMI)
[Bagnai, 2012]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Dal 1944 al 1971 (Nixon)
29
 Ma dopo Bretton Woods gli US si trovarono a
scegliere
* o stampavano dollari commisurandoli alle proprie
esigenze e il resto del mondo sarebbe rimasto a secco
e non avrebbe comprato i suoi prodotti,
* o stampavano dollari commisurandoli alle esigenze
del commercio mondiale e li prestavano anche.
 Con il Piano Marshall si optò per la seconda via.
 Nixon sospese unilateralmente la convertibilità del
dollaro in oro
EPIC - Una vera economia per i cittadini
[Bagnai, 2012]
1971 - muore …
30
 il sistema monetario di Bretton Woods > il dollaro si
sganciò dall’oro; le valute mondiali si aganciano dal
dollaro.
 … nasce il “non-sistema monetario
internazionale” (Gandolfo, 2002)
 Cioè la moneta a corso forzoso (fiat) non convertibile
se non in se stessa e il cui cambio è libero di
fluttuare liberamente sul mercato.
 La lira si apprezzò del 7% rispetto al dollaro
EPIC - Una vera economia per i cittadini
[Bagnai, 2012]
1979 - Sistema Monetario Europeo
31
 Nel tentativo di fermare l’inflazione il Parlamento
italiano votò a favore per l’ingresso nello SME.
 Lo SME era una Bretton Woods in miniatura: alcuni
paesi europei si impegnavano a mantenere una parità
di cambio fissa rispetto all’ECU (European Currency
Unit = unità di conto data dalla media dei cambi delle
valute dei Paesi partecipanti).
ECU: SME = DOLLARO : BRETTON WOODS
 ma non previsero modalità di aiuto per Paesi in
difficoltà (= UE ora)
[Bagnai, 2012]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
1981 - il divorzio tra Tesoro e BC
32
 La Banca d’Italia veniva sollevata
dall’obbligo di comprare titoli di stato alle
aste.
 Il Governo non poteva più finanziarsi
emettendo moneta (cosa che avveniva grazie
all’obbligo della BC ad acquistare titoli di
Stato alle aste).
[Bagnai, 2012]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
dallo “SME credibile” all’euro (1987-1999)
33
 “Mentre nello SME “liscio” le valute, pur
impegnandosi a mantenere la parità di cambio,
in caso di “squilibri” potevano riallinearsi, cioè
rivalutare o svalutare, nello SME credibile si
decise di bandire i riallineamenti.”
 Di fatto, fu una prova tecnica di moneta unica,
in quanto imporre cambi irrevocabilmente fissi
equivaleva a imporne l’adozione.
[Bagnai, 2012]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
dallo “SME credibile” all’euro (1987-1999)
34
 Perché imporre cambi fissi?
Si pensava che (approccio neoclassico) “la rigidità del
cambio avrebbe reso più credibili le politiche
disinflazionistiche. ” In parole povere: “senza la valvola di
sfogo di manovra del cambio, le parti sociali si sarebbero
trovate di fronte a un’alternativa: o moderavano le
richieste salariali, o la perdita di competitività avrebbe
causato disoccupazione.” > ti tagli il salario e non perdi il
lavoro.
 Nel 1987 l’inflazione italiana era al 6%, non troppo di per
sé, ma rendeva i prezzi meno appetibili per il nostro
partner commerciale principale, la Germania. I beni erano
troppo costosi, bisognava fermare la corsa dei prezzi.
[Bagnai, 2012]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La crisi valutaria del 1992
35
 1992 il Governo Amato deve affrontare una
crisi valutaria che lo costringe ad
abbandonare lo SME e a svalutare del 20%.
 “L’inflazione, invece di salire, scese (dal 5% al
4%) e Monti ammise: “Un punto dove
certamente ho visto male riguarda le
conseguenze inflazionistiche (Polidori, 1993)”
 Nel 1995 l’economia crebbe del 3%.
[Bagnai, 2012]
EPIC - Una vera economia per i cittadini
1996 – 1999 verso l’euro
36
 1996 Giulio Andreotti (Presidente del Consiglio),
Gianni de Michelis (Ministro degli Esteri) e Guido
Carli (ministro del Tesoro) firmano il Trattato di
Maastricht con il quale vengono istituiti il Sistema
europeo di Banche Centrali (SEBC) e la Banca
Centrale Europea (BCE).
 Il SEBC è un’organizzazione, formata dalla BCE e
dalle Banche Centrali nazionali dei Paesi dell’Unione
Europea, che ha il compito di emettere la moneta
unica (euro) e di gestire la politica monetaria comune
con l’obiettivo fondamentale di mantenere la stabilità
dei prezzi.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
1996 – 1999 verso l’euro
37
BCE: è un soggetto privato con sede a Francoforte,
ex articolo 107 del Trattato di Maastricht, è
esplicitamente sottratta ad ogni controllo
e governo democratico da parte degli organi
dell’Unione Europea.
In questo modo, la BCE, di fatto, è un
soggetto sovranazionale ed extraterritoriale.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
2002 l’EURO è la nostra moneta
38
 Il 1 gennaio 1999 fu introdotto l’euro come
unità di conto virtuale, nel 2002 fu adottato
anche sotto forma di denaro contante.
 Non tutti i paesi europei sottoscrittori della
BCE hanno aderito all’euro, ci sono tre Stati
(Svezia, Danimarca ed Inghilterra) che non
hanno adottato come moneta l’euro, ma che, in virtù
delle loro quote, possono influire sulla politica
monetaria dei Paesi dell’euro.
EPIC - Una vera economia per i cittadini
MONETA FIAT
SOVRANA E NON SOVRANA
39
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta “fiat” dopo 1971
40
 Moneta “fiat” o “a corso forzoso”: emessa dallo Stato
sovrano senza un controvalore in metallo prezioso
 Fondata sulla fiducia dei cittadini nell’ente che la
emette.
 Non è convertibile in materie fisiche: può essere
emessa senza alcun vincolo finanziario.
 Diventa ufficialmente tale dal 1971: la moneta è una
promessa di pagamento in moneta
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La moneta moderna
41
Gov. ITD
ITD Bancari
ITD Non Bancari
EPIC - Una vera economia per i cittadini
La sovranità monetaria
42
 “La moneta è una creatura dello Stato”
(Abba Lerner)
 Tre requisiti per una moneta sovrana:
1.
2.
3.
È di proprietà dello Stato
Non è convertibile in metalli preziosi
Ha un tasso di cambio flessibile
 Monete sovrane: Dollaro, Yen, Renminbi, Franco
Svizzero etc.
 Monete non sovrane: Euro
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Il circuito monetario
43
 Uno Stato con sovranità monetaria non può
fare default sul proprio debito.
Banca
Centrale
Tesoro
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Sistema
Bancario
L’ Euro
44
• È una valuta non sovrana.
• Art. 123 del Trattato di Funzionamento della UE:
divieto di finanziamento monetario dei
deficit pubblici da parte della BCE
• Non esistono trasferimenti fiscali dalle aree
esportatrici (es. Germania) alle aree che importano
in maniera netta (es. PIGS)
• Gli Stati membri non possono svalutare le proprie
monete  deflazione continua e taglio dei salari
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Una moneta non sovrana
45
• Non è creata dagli Stati, ma viene
immessa nei mercati di capitali privati.
• I governi devono finanziarsi sui mercati come
delle SpA
• Pochi interventi BCE a livellare tassi
d’interesse  emergono gli spread
• Impossibile effettuare investimenti pubblici
• Imposizione del pareggio di bilancio e
congelamento dei fondi agli enti locali (Patto
di Stabilità)
EPIC - Una vera economia per i cittadini
L’Eurozona
46
BCE
ITD Bancari
ITD Gov. + Non
Bancari
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Il circuito monetario (Euro)
47
Banca
Centrale
Sistema
Bancario
Tesoro
EPIC - Una vera economia per i cittadini
 “Quello che è successo è che entrando
nell’euro, la Spagna e l’Italia hanno
ridotto loro stessi a paesi del Terzo
Mondo, che prendono in prestito la
moneta di qualcun’altro, con tutte le
perdite di flessibilità che tale operazione
comporta.
In particolare, siccome i paesi dell’area
euro non possono stampare moneta
neanche in casi di emergenza, sono
soggetti a interruzioni di finanziamenti, a
differenza dei paesi che invece hanno
mantenuto la propria moneta. Il risultato
è quello che abbiamo tutti sotto gli occhi.”
… ENTRANDO
 Paul Krugman, 2012
NELL’EURO …
EPIC - Una vera economia per i cittadini
48
“Se un Governo non ha la propria
Banca Centrale, attraverso la quale
creare denaro liberamente, i suoi
utilizzatori (spenditori)
possono essere finanziati solo
attraverso il prestito nel libero
mercato in competizione con le
imprese, e questo può risultare
eccessivamente caro o addirittura
impossibile, particolarmente
quando si è in condizione di
estrema emergenza; il pericolo,
allora, è che le restrizioni di
bilancio alle quali i Governi sono
singolarmente impegnati faranno
conoscere una tendenza
disinflazionistica che chiuderà
l’Europa, in blocco, in una
depressione, senza più alcun potere
di ripresa.”
EPIC - Una vera economia per i cittadini
49
Wynne Godley, 1992
Il neoliberismo nella UE
50
Prospetto tratto da http://www.ecb.int/ecb/history/emu/html/index.it.htm
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Grazie dell’attenzione!
HTTP://ECONOMIAPERICITTADINI.IT
[email protected]
Le fonti
52
 Goodhart C.A. (1997) - Two concepts of money:
Implications for the analysis of optimal currency
areas
 Innes, A. M. (1913) - What is money? Banking Law
Journal. May: 377-408.
 MacDonald G. (1916) - The Evolution of Coinage,
Cambridge: Cambridge University Press'
 Wray L. R., Tymoigne E. (2005) - Money: An
alternative story, CFEPS, Working Paper No. 45
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Le fonti
53
 Cartalismo e Metallismo.
Due visioni sulle origini e lo sviluppo della moneta.
http://economiapericittadini.it/economia/storia-delpensiero-economico/162-cartalismo-e-metallismodue-visioni-sulle-origini-e-lo-sviluppo-dellamoneta?highlight=wyjiyxjhdhrvil0=
 Giorgio Ruffolo, Testa e croce, una breve storia
della moneta, Einaudi, Torino, 2011
 Andrea Terzi, La moneta, il Mulino, Bologna,
2002
 Alberto Bagnai, Il tramonto dell’euro, 2013, pp.
11-20
EPIC - Una vera economia per i cittadini
Le fonti
54
 Stephanie Kelton (docente UMKC),
http://www.youtube.com/watch?v=CunNOVbdxCA
 Prof. John Henry (docente UMKC) Il ruolo sociale della
moneta http://www.youtube.com/watch?v=bZ2fQP0hCQA
EPIC - Una vera economia per i cittadini

similar documents