Federesco

Report
Il Sistema Esco e l’integrazione dei vari sistemi di finanziamento per
l’efficienza energetica degli impianti d’illuminazione pubblica
Claudio G. Ferrari – Presidente Federesco
Roma, 7 giugno 2012
1
“…i problemi non possono essere
risolti dallo stesso atteggiamento
mentale che li ha creati…”
Albert Einstein
2
1. I vantaggi dell’efficienza energetica
2. I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione
3. Il monitoraggio
4. Il Finanziamento Tramite Terzi
5. Cosa è una ESCO
6. Federesco
7. Esempi applicativi
Sommario
3
L’attuale sistema energetico comporta: spreco di risorse energetiche e quindi economiche.
Fonte: Amory B. Lovins, “More Profit with Less Carbon”; Scientific American Magazine, 09/2005
L’attuale sistema energetico - perdite energetiche
4
A livello globale, l’obiettivo di riduzione
delle emissioni di CO2 viene
perseguito attraverso tre azioni
principali:
• Cattura e sequestro del carbonio
• Sviluppo di energia da fonti
rinnovabili
• Efficienza energetica, a sua volta
attuata attraverso :
− riduzione dei consumi
− generazione distribuita
Solo attraverso l’efficienza energetica,
rispettando gli obiettivi ad oggi definiti
(-20% al 2020 rispetto al 2005), la
Commissione Europea stima a livello
europeo un risparmio ottenibile di
circa 100 miliardi di euro all’anno.
SVILUPPO SOSTENIBILE
Sviluppo
dell’efficienza
energetica:
Cattura e
sequestro
del carbonio
L’obiettivo ultimo
è la riduzione
delle emissioni di
CO2 in
atmosfera
• Interventi di
riduzione del
fabbisogno
• Generazione
Distribuita
Passaggio dalle fonti
convenzionali alle fonti
rinnovabili
Le principali azioni di riduzione della CO2
5
COSTO DEL KWH ELETTRICO DA VARIE FONTI
Fonte: Lazard 2008 for NARUC (Associazione USA per lo studio dei servizi pubblici fondamentali)
L’attuale sistema energetico - costi energetici
6
L’ E F F I C I E N Z A E N E R G E T I C A
Realizzare interventi che consentano, grazie all’utilizzo di nuove tecnologie, di
recuperare efficienza dagli impianti esistenti.
potenziale di
miglioramento:
25% - 40%
potenziale
tecnico di
riduzione dei
consumi: 40%
obiettivo di
riduzione dei
consumi del 20%
entro il 2020
Può essere realizzato grazie alla normativa già in vigore
Direttiva 2006/32/CE
impone
D.Lgs. 115/2008:
-9% tra 2008 e 2016
=
•sulla media annua della quantità di
energia distribuita o venduta ai
clienti finali tra il 2003 e il 2007
-9,6% al 2016
-10,8 Mtep/anno
L’attuale sistema energetico – potenzialità e obiettivi
7
* Calcolato considerando il valore di 75 dollari al barile di petrolio e un cambio Dollaro-Euro pari a 1,25
** Calcolata considerando il valore di 25 €/tonnellata di CO2
Fonte: Confindustria
8
1. I vantaggi dell’efficienza energetica
2. I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione
3. Il monitoraggio
4. Il Finanziamento Tramite Terzi
5. Cosa è una ESCO
6. Federesco
7. Esempi applicativi
Sommario
9
Il 7 marzo 2012 è stato emanato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del
Territorio e del Mare il Decreto denominato “Piano d’azione per la sostenibilità
ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione”
OGGETTO E STRUTTURA DEL DECRETO
Il decreto contiene i criteri ambientali minimi che le stazioni appaltanti pubbliche
devono utilizzare nell’affidamento di:
• servizi di illuminazione e forza motrice,
• servizi di riscaldamento/raffrescamento (comprensivi
trattamento dell’aria e della fornitura di acqua calda sanitaria)
dell’eventuale
affinché i relativi contratti d’appalto possano essere definiti verdi.
Decreto 7 marzo 2012 del Ministero dell’Ambiente
10
Tale decreto disciplina i criteri di selezione per le società che partecipino alle gare
d’appalto per la fornitura dei servizi energetici:
“Oltre a quanto previsto dalle leggi vigenti, i candidati per essere ammessi alla gara
d’appalto debbono avere capacità organizzativa, diagnostica, progettuale, gestionale,
economica e finanziaria almeno pari a quelle previste dalla norma UNI CEI 11352 sulle
società che forniscono servizi energetici”.
Decreto 7 marzo 2012 del Ministero dell’Ambiente
11
In particolare i candidati debbono:
1) disporre di personale con le competenze tecniche necessarie a realizzare
correttamente il servizio, riducendone gli impatti ambientali. L’offerente deve
presentare l’elenco del personale dedicato alla realizzazione del servizio.
Per il nuovo personale che dovesse essere dedicato alla realizzazione del servizio
durante l’esecuzione del contratto deve essere presentata analoga
documentazione prima che prenda servizio, a dimostrazione del fatto che si tratta
di personale già adeguatamente formato,
2) avere la capacità di eseguire il contratto con il minore impatto possibile
sull’ambiente attuando misure di gestione ambientale conformi ad uno schema
riconosciuto in sede internazionale (come il Regolamento CE 1221/2009-EMAS, la
norma ISO 14001 o equivalente).
Tutta la documentazione necessaria a testimoniare le competenze e le qualifiche
“non è richiesta all’offerente che dimostri di essere in possesso di certificazione di parte
terza che attesti il rispetto dei requisiti di cui alla norma UNI CEI 11339 o il rispetto dei
requisiti di cui alla norma UNI CEI 11352”.
Decreto 7 marzo 2012 del Ministero dell’Ambiente
12
1. I vantaggi dell’efficienza energetica
2. I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione
3. Il monitoraggio
4. Il Finanziamento Tramite Terzi
5. Cosa è una ESCO
6. Federesco
7. Esempi applicativi
Sommario
13
 Delibera AEEG 292/2006 - Direttive per l'installazione di misuratori elettronici di
energia elettrica predisposti per la telegestione per i punti di prelievo in bassa
tensione
 Comunicazione CE 241/2008 - Affrontare la sfida dell’efficienza energetica con le
tecnologie dell’informazione e della comunicazione
 Comunicazione CE 111/2009 e Raccomandazione CE 7604/2009 - Sull’uso delle
tecnologie dell’informazione e della comunicazione per agevolare la transizione
verso un’economia efficiente sotto il profilo energetico e a basse emissioni di
carbonio
 COM(2011) 370 def - Proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio
sull'efficienza energetica e che abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE
Il contesto normativo
14
 Delibera AEEG 292/2006 - Direttive per l'installazione di misuratori elettronici di energia
elettrica predisposti per la telegestione per i punti di prelievo in bassa tensione
Finalità
a) contribuire ad assicurare la concorrenza del servizio di vendita di energia elettrica ai clienti
finali titolari di punti di prelievo dell’energia elettrica su reti di distribuzione di bassa tensione
domestici e non domestici;
b) porre i presupposti funzionali e tecnologici per permettere l’eventuale estensione del
trattamento orario anche ai punti di prelievo in bassa tensione;
c) migliorare la qualità dei servizi di misura, di vendita e di distribuzione dell’energia elettrica
per i clienti finali in bassa tensione, assicurando i medesimi livelli funzionali e prestazionali sia ai
clienti che permarranno in regime di tutela sia a quelli che eserciteranno il diritto di scelta di un
nuovo venditore.
Oggetto
Si rende obbligatoria, secondo una pianificazione temporale graduale, l’installazione in tutti i
punti di prelievo in bassa tensione del territorio nazionale di misuratori elettronici con
predisposizione ad essere gestiti, programmati, potenziati funzionalmente e a rendere
disponibili ai soggetti aventi titolo i dati di misura rilevanti con modalità telematiche.
Il contesto normativo -AEEG
15
 Comunicazione CE 241/2008
 Comunicazione CE 111/2009 e Raccomandazione CE 7604/2009 - Sull’uso delle
tecnologie dell’informazione e della comunicazione per agevolare la transizione verso
un’economia efficiente sotto il profilo energetico e a basse emissioni di carbonio
«Controllando e gestendo direttamente il consumo energetico, le TIC
(tecnologie dell’informazione e della comunicazione) possono consentire
incrementi di efficienza nei settori a maggiore consumo energetico.
Recenti studi indicano che questa capacità può essere sfruttata per ridurre
fino al 17% il consumo energetico degli edifici nell’UE e per ridurre fino al
27% le emissioni di carbonio nella logistica dei trasporti.»
«Prove con contatori intelligenti effettuate nell’UE dimostrano che fornendo
informazioni ai clienti sui loro reali consumi energetici è possibile arrivare fino a
riduzioni del 10%.»
«Si stima che i miglioramenti resi possibili dalle TIC in altri settori potrebbero
far risparmiare circa il 15% delle emissioni totali di carbonio entro il 2020.»
Il contesto normativo - CE
16
Il sistema di monitoraggio riveste un ruolo fondamentale per l’ottimizzazione energetica
degli immobili e degli impianti
Attraverso la misurazione continua di tutti i parametri rilevanti (fabbisogni energetici,
potenze, dati microclimatici e macroclimatici, presenze del personale, ore di
funzionamento, ecc) e le informazioni normalizzate dei consumi che ne conseguono
permette di:
Assumere le migliori decisioni (in termini
di efficacia ed efficienza tecnica ed
economica) nella pianificazione degli
interventi di riqualificazione applicando
con oggettività criteri di efficacia /
necessità / priorità degli stessi (tenendo
conto delle varie tipologie di intervento).
Assumere le migliori decisioni derivanti
dalla misurazione a posteriori del reale
grado di miglioramento in termini di
efficienza energetica consentendo una
oggettiva
applicazione
di
modelli
finanziari (project financing).
Efficienza energetica e monitoraggio
17
1.
2.
Risparmio energetico ed economico derivante da:

Sensibilizzazione del personale

Ottimizzazione energetica

Realizzazione di interventi
Supporto nella progettazione degli interventi
3. Supporto nella identificazione e ottimizzazione della documentazione
tecnica di gara
4.
Ottimizzazione della gestione post-intervento
5.
Presupposto per le verifiche di conformità dei contratti
I vantaggi del monitoraggio
18
1. I vantaggi dell’efficienza energetica
2. Nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione
3. Il monitoraggio
4. Il Finanziamento Tramite Terzi
5. Cosa è una ESCO
6. Federesco
7. Esempi applicativi
Sommario
19
Direttiva 93/76/CEE - art. 4
“Fornitura globale dei servizi di diagnosi, installazione, gestione, manutenzione e
finanziamento di un investimento finalizzato al miglioramento dell'efficienza energetica
secondo modalità per le quali il recupero del costo di questi servizi è in funzione, in tutto o
in parte, del livello di risparmio energetico.”
Istituito il fondo di rotazione per il
Finanziamento Tramite Terzi
(D.Lgs. 115/2008 – Art. 9)
ABROGATO
• Destinata quota di 25 milioni di
euro per gli interventi realizzati
tramite lo strumento del
finanziamento tramite terzi in cui il
terzo risulta essere una ESCO.
Strumenti operativi - Finanziamento Tramite Terzi (“FTT”)
20
un committente, pubblico o privato, vuole effettuare un
intervento per ridurre i propri consumi energetici
SENZA
FTT
individua i fornitori e
destina le proprie
risorse finanziarie
per realizzare l’opera
il costo iniziale dell’opera è
tutto a
CARICO DEL COMMITTENTE
TRAMITE
FTT
individua una ESCO
che provvede a
ricercare sia i
fornitori che le
risorse finanziarie
il costo iniziale dell’opera è
tutto a
CARICO DELLA ESCO *
* in funzione della disponibilità bancaria
Strumenti operativi - Finanziamento Tramite Terzi (“FTT”)
21
bolletta
energetica
investimenti
per il risparmio
energetico
risparmio
atteso
100 €
120 €
30% annuo
RECUPERO INVESTIMENTO DA PARTE DI ESCO
IPOTESI A
IPOTESI B
ammortamento a
ammortamento a
5 anni
15 anni
100%
50%
50%
risparmio
risparmio
risparmio
AD ESCO
AL CLIENTE
AD ESCO
Strumenti operativi - Finanziamento Tramite Terzi (“FTT”)
22
Livello della spesa energetica
ESEMPIO DI SUDDIVISIONE FINANZIARIA CON IL FTT
100%
RISPARMIO PER
L'UTENTE
95%
70%
Bolletta
energetic
ae
manuten
zione
prima
degli
intervent
i
Recupero
investimento da
parte della Esco
RISPARMIO PER L'UTENTE
Bolletta energetica e manutenzione dopo gli
interventi
0%
anni
-3 -2 -1 0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20
Strumenti operativi - Finanziamento Tramite Terzi (“FTT”)
23
Come previsto dalla Circolare n.5 del Ministero dell’Economia e delle
Finanze del 14/02/2012, il Finanziamento Tramite Terzi non è escluso dai
saldi del Patto di Stabilità
I Comuni vincolati dal patto di stabilità possono
ricorrere al Finanziamento Tramite Terzi per la
realizzazione di interventi di efficienza energetica
sul territorio di propria competenza
FTT e Patto di Stabilità
29
Medio Credito Centrale - Circolare 617 del 25 maggio 2012
Criteri di valutazione economico-finanziaria per le imprese caratterizzate da cicli produttivi
ultrannuali e operanti su commessa o a progetto.
"Nell’ambito delle Disposizioni Operative è emersa la lacuna normativa data dall’assenza di
modalità per la selezione delle imprese non caratterizzate da continuità operativa, contraddistinte
da un’alta volatilità del fatturato, operanti su commessa o a progetto, le quali, per realizzare una
determinata iniziativa, sono chiamate a dotarsi, talvolta anche ricorrendo a forme di outsourcing,
di un’adeguata struttura produttiva.
Questa tipologia di imprese si distingue per un marcato disallineamento temporale dei flussi
finanziari, con una concentrazione dei costi nella fase iniziale e un rientro dei flussi attesi più o
meno graduale, collegato al ciclo economico dell’iniziativa.
A seguito della modifica normativa approvata, la valutazione economico-finanziaria dei dati storici
degli ultimi due bilanci effettuata sui modelli di scoring applicabili è integrata da un ulteriore
modello di analisi basato su business plan, con l’obiettivo di acquisire le informazioni necessarie
per rilevare la capacità dell’impresa di:
 realizzare la commessa o il progetto;
 di remunerare l’iniziativa.
Garanzie pubbliche su progetti a commessa
25
Di seguito si riportano gli elementi caratteristici per valutare la capacità di realizzazione e di
remunerazione dell’iniziativa alla base del modello di analisi fondato su business plan.
Capacità di realizzazione
 descrizione della struttura organizzativa dell’impresa (compreso outsourcing)
 descrizione della commessa o del progetto
 relazione sull’esperienza dell’impresa nella realizzazione di iniziative similari
 descrizione delle componenti di spesa
 definizione dei tempi di realizzazione dell’iniziativa
Capacità di remunerazione
 piano dei costi
 individuazione delle fonti finanziarie interne ed esterne per la copertura dell’iniziativa
 analisi del mercato di sbocco
 importi, qualificazione e orizzonte temporale dei rientri attesi
Ai fini dell’ammissibilità al Fondo di operazioni di finanziamento a favore di tali tipologie di
imprese sono state introdotte due specifiche condizioni vincolanti:
 mezzi propri, pari almeno al 10% del budget dell’iniziativa;
 durata del finanziamento collegata ciclo economico dell’iniziativa, comprensivo del
periodo di realizzazione della commessa o del progetto e dell’orizzonte temporale
necessario per il conseguimento dei rientri attesi.
Garanzie pubbliche su progetti a commessa
26
1. I vantaggi dell’efficienza energetica
2. Nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione
3. Il monitoraggio
4. Il Finanziamento Tramite Terzi
5. Cosa è una ESCO
6. Federesco
7. Esempi applicativi
Sommario
27
D.Lgs. 115/2008 definisce una Energy Service Company
“Persona fisica o giuridica che fornisce servizi energetici ovvero altre
misure di miglioramento dell'efficienza energetica nelle installazioni o nei
locali dell'utente e ciò facendo, accetta un certo margine di rischio
finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o
parzialmente, sul miglioramento dell'efficienza energetica conseguito e sul
raggiungimento di altri criteri di rendimento stabiliti”.
Norma UNI CEI 11352:2010 definisce i requisiti generali delle Esco
a) offrire un servizio di efficienza energetica
b) possedere le capacità organizzativa, diagnostica, progettuale,
gestionale, economica e finanziaria
c) offrire garanzia contrattuale di miglioramento dell'efficienza
energetica attraverso i servizi e le attività fornite, con assunzione in
proprio dei rischi tecnici e finanziari connessi con l'eventuale mancato
raggiungimento degli obiettivi concordati
d) collegare la remunerazione dei servizi e delle attività fornite al
miglioramento dell'efficienza energetica e ai risparmi conseguiti
Cosa è una ESCO
28
Le Esco sono l’operatore di riferimento per tutte le tematiche energetiche
Le Esco sono soggetti specializzati nei settori:
• efficienza energetica (EE)
• energie rinnovabili (FER)
• generazione distribuita (GD)
Attività principali:
 Audit energetici
 Progettazione, realizzazione e
manutenzione interventi
 Monitoraggio energetico e ambientale
 Sistema Gestione Energia - ISO 50001
 Gestione titoli energetici: Titoli di Efficienza
EE - FER - GD
Gestione titoli
energetici
Formazione
Informazione
Comunicazione
Energetica (TEE), Certificati Verdi (CV), Quote
Emissione di CO2
 Reperimento risorse finanziarie
 Formazione, Informazione,
Comunicazione
Cosa è una ESCO: settori di mercato e attività
29
settori di intervento
• Edilizia civile ed industriale
• Interventi sui processi produttivi
clienti
• privato: civile e industriale
• pubblica amministrazione centrale e periferica
(ospedali, ministeri, scuole, aziende partecipate, …)
Cosa è una ESCO: settori di intervento e clienti
30
1. Approccio strategico e operativo su tutta la filiera di riqualificazione energetica:
finalizzato al raggiungimento del massimo risparmio energetico.
2. Remunerazione in base al risparmio energetico conseguito
3. Finanziamento diretto o indiretto dell'intervento: Finanziamento Tramite Terzi (FTT)
4. Garanzia al cliente del risparmio ottenuto
Cosa è una ESCO: operatività
31
1. Realizzazione di interventi con ridotte immobilizzazioni finanziarie
2. Affidamento della progettazione, degli interventi e della manutenzione a
qualificate competenze tecniche specifiche
3. Riduzione dei consumi e dei costi di gestione
4. «Certificazione» degli interventi di risparmio energetico con i Titoli di Efficienza
Energetica, ove ottenibili
5. Sviluppo di un Sistema di Gestione dell’Energia (ISO 50001)
Cosa è una ESCO: vantaggi
32
Le fasi per la realizzazione di un progetto di efficienza energetica sono tutte
coordinate da una Esco. In tale percorso la fase del monitoraggio riveste un
ruolo fondamentale.
Il finanziamento dei progetti prevede principalmente una metodologia definita
Finanziamento Tramite Terzi (“FTT”) (D.Lgs. 115/08).
Fase iniziale
Analisi criticità
Rilevamento dati primari
GESTIONE
Rilevamento di tutti i dati e gli
effettivi consumi ad integrazione
della fase di audit per una
rappresentazione dello stato
reale
ANALISI
PERFORMANCE
• Collaudo, start up
REALIZZAZIONE
PROGETTAZIONE
• Definizione progetto
• Individuazione fornitori
• Piano Economico-Finanziario
• Analisi impatti ambientali,
economici, finanziari,
ANALISI
patrimoniali
• Audit energetico- • Coordinamento
ambientale
• Sistema di Gestione
RILEVAMENTO •dell’Energia
Studio di fattibilità
DATI
• Certificazione energetica
iniziale
• Individuazione e
reperimento finanza
• Direzione lavori
• Interventi: efficienza
energetica, generazione
distribuita, fonti rinnovabili,
cogenerazione,
trigenerazione;
teleriscaldamento
• Verifica della rispondenza
tra il progetto e la sua
realizzazione
• Certificazione
energetica finale e
certificazione ambientale
• Impronta ecologica e
bilancio ambientale
• Gestione post consegna
e manutenzione
• Dismissione impianti a
fine vita
Fase finale
Analisi performance
Monitoraggio performance
raggiunte e consumi effettivi a
seguito degli interventi
realizzati
Il processo delle attività di una ESCO
33
1. I vantaggi dell’efficienza energetica
2. Nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione
3. Il monitoraggio
4. Il Finanziamento Tramite Terzi
5. Cosa è una ESCO
6. Federesco
7. Esempi applicativi
Sommario
34
Nel 2008, è stata costituita Federesco (Federazione nazionale delle Esco) che
permette di aggregare gli interessi dei differenti stakeholder del settore.
Federesco è
un'associazione che
persegue lo scopo di
diffondere fra gli operatori
pubblici e privati e la
cittadinanza:
Esco Italia è socia fondatrice di
Federesco ed è certificata ISO
9001
E’ la prima ad essere certificata
UNI CEI 11352
BEST PRACTICE piu'
appropriate al fine del
raggiungimento degli
obiettivi previsti dal
Protocollo di Kyoto e
dalla Politica Energetica
Europea.
cultura
dell'EFFICIENZA
ENERGETICA e del
risparmio energetico;
diffusione sul territorio
di impianti di
GENERAZIONE
DISTRIBUITA di
energia basati sullo
sfruttamento delle
FONTI RINNOVABILI in
COGENERAZIONE e
TRIGENERAZIONE;
conoscenza delle
ENERGY SERVICE
COMPANY quali
operatori di
riferimento per il
settore energetico;
cultura e utilizzo del
meccanismo FTT al fine
di ottenere la
compressione della
domanda energetica e la
riduzione delle emissioni
inquinanti con investimenti
nulli per i clienti;
Federesco
35
Gli associati
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Esco Italia Srl
Sergene Srl
Fanelli S.r.l. Termoidroelettra
Business Improvement S.r.l
Ecoenergy Srl (Edilco)
Gestimpianti S.a.s.
Esco Marche Srl
Energia Plus Roma Srl
Esco Sicilia Srl
Esco Sicilia Occidentale Srl
Tatangelo Ciro Srl
Esco Campania Srl
Coppermann S.r.l.
Energitek S.r.l.
Consorzio Ginevra
Esco Veneto Srl
Gruppo Caccavale Srl
Undo Adunanza Srl
Pavesi Esco Srl
Esco Sardinia Srl
Timeled Srl
Haka Srl
Selav Spa
Esco Puglia Srl
Meta Energia S.p.A.
Solar Power S.r.l.
Koinos S.c.r.l.
Y.u.ppies' Services S.p.A.
Angelo Corrado
Idea Costruzioni
Centoraggi Soc. Coop.
R.T.S. Srl
Tea Servizi Srl
Si.Cos. Srl
Federesco - Gli associati
36
Gli accordi che FEDERESCO ha stipulato sono
FEDERAZIONE DISTRETTI INDUSTRIALI: riunisce e rappresenta i distretti produttivi presenti
sul territorio nazionale e che accoglie oggi circa 50 distretti industriali e produttivi fra i più
rappresentativi del sistema economico.
GARANZIA ETICA: accordo di tipo finanziario
FEDERUTILITY: riunisce le aziende di servizi pubblici locali che operano nei settori Energia
Elettrica, Gas e Acqua.
ANCITEL ENERGIA & AMBIENTE: società di servizi dell’Associazione Nazionale dei Comuni
italiani a sostegno degli Enti Locali.
ENEA: Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico
sostenibile.
ANACI: Attraverso Esco Italia, nel 2008 è stata formalizzata la collaborazione
ALMAVIVA: Attraverso Esco Italia, è stato siglato un accordo per realizzare sistemi di
monitoraggio
Federesco - Accordi strategici
37
1. I vantaggi dell’efficienza energetica
2. Nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione
3. Il monitoraggio
4. Il Finanziamento Tramite Terzi
5. Cosa è una ESCO
6. Federesco
7. Esempi applicativi
Sommario
38
Illuminazione Pubblica
Servizio pubblico che consiste nell’illuminazione di spazi di libera circolazione. Generalmente è offerto
dal Comune che ha il compito di:
• Acquistare l’impianto
• Installarlo
• Provvedere al mantenimento
Telecontrollo
Possibilità di pilotare, controllare e gestire da remoto installazioni tecnologiche:
• Aumenta l’efficienza e la sicurezza
• Riduce i costi
Servizi
Possibili servizi da erogare:
• Wi-Fi
• Impianto di Video-Sorveglianza
• Informazioni Pubbliche (Traffico, Parcheggi)
• Informazioni Ambiente (Meteo, Inquinamento)
• Stazioni Ricarica Mezzi Elettrici
• Chiamata Pronto Intervento e Teleassistenza
Il sistema di telecontrollo su onde radio per una smart city
39
Efficienza energetica nell’edilizia pubblica: esempi applicativi
40
1.Nodi lampione L-RD: il nodo L-RD è un componente HW/FW per ricevere ed inviare messaggi e
comandi. Permette l’interrogazione e la gestione da remoto del singolo punto luce.
2.Nodi Coordinatori L-RDC: il nodo coordinatore L-RDC interroga e pilota i singoli punti luce raccogliendo
ed inviando i messaggi alla Centrale Operativa attraverso una rete GSM/GPRS o una intranet dedicata,
dialogando con il nodo L-OC.
3.Nodo Centrale Operativa L-OC: è il nodo di interfaccia con la Centrale Operativa che riceve i messaggi
dai coordinatori L-RDC.
4.SW di Centrale Operativa: è il SW di gestione del Sistema LUM&N. Implementata su base GIS può
interrogare e gestire i singoli punti luce da remoto, visualizzando in tempo reale anomalie e allarmi
provenienti dai corpi illuminanti.
Il Sistema LUM&N
41
Controllo Accensione/spegnimento dei corpi
illuminanti
Controllo dello stato funzionale della lampada
Gestione singolo punto luce
Programmazione per accensioni automatiche
Variazione della potenza luminosa dei singoli e dei
gruppi illuminanti
Report in formato elettronico e stampa
Anagrafica e statistica dei corpi illuminanti
Storico degli stati dei corpi illuminanti
Sistema di gestione utenti (AA)
Il sistema Lum&n: le funzioni
42
Telecontrollo
Info Cittadini
Video Sorveglianza
Ricarica
Sicurezza
Info Traffico
Ambiente
Wi-Fi
I Lampioni come Rete di Servizi
43
Protocollo di Comunicazione: Zig-Bee o altro canale RF
Comunicazione PUNTO-PUNTO su canale RADIO:
• Assenza di infrastruttura cablata
• Copertura di tutto il territorio urbano
• Possibilità di veicolare informazioni eterogenee
• Facilità di installazione e configurazione dei dispositivi (nodi)
• Interfaccia analogica/digitale
Rete MESH
O rete a maglia. Rete di comunicazione cooperativa senza fili, costituita da un gran numero di nodi che possono
condividere, trasmettere e ricevere informazioni. Infrastruttura:
• Decentralizzata
• Economica
• Altamente adattabile
• Resistente
• Capace di coprire grandi distanze
• Affidabile
Il sistema Lumen
44
Risparmio ed ottimizzazione
Della gestione del servizio:
• Riduzione dei costi di manutenzione
• Organizzazione interventi - Maggiore efficienza
• Programmazione sostituzioni/riparazioni
• Vantaggi dell’integrazione con il Sistema GIS
• Interrogazione singolo corpo luminoso
Energetica:
• Riduzione dei costi di elettricità
• Possibilità di dimmeraggio
• Riduzione contaminazione luminosa ed ambientale
Economica:
• Rapido ammortamento dell’investimento e risparmio immediato
Chiavi in mano
•
•
•
•
Progettazione e ingegnerizzazione
Fornitura hardware/software
Formazione
Assistenza
Opportunità
Servizi ai cittadini senza investimenti in infrastrutture e senza costi di trasmissione
dati
Il sistema Lumen - vantaggi
45
Federesco
Via Po, 2 - Località Pian dei Mori - 53018 Sovicille (SI)
Tel. 0577 045413
Fax 0577 394285
Sede legale: Via Mario Pagano 41 - 20145 Milano
[email protected]
www.federesco.org
contatti
46

similar documents