Attualità sulla calcolosi biliare

Report
GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2014
Salone Brunelleschi
Istituto degli Innocenti - Piazza SS Annunziata Firenze, 7-8-9 Novembre 2014
Coordinatori del Congresso: Simone Mininni, Mauro Vannucci
ATTUALITA’ SULLA CALCOLOSI BILIARE
La Clinica
Giacomo Trallori
Gastroenterologia
Istituto Leonardo da Vinci
Firenze
Colelitiasi: possibili scenari
Dolore biliare tipico con o
senza colelitiasi alle tecniche di
“imaging”
“Imaging” di colelitiasi con
sintomi atipici o in assenza di
sintomi
Calcolosi della colecisti
E’ più facile spezzare un atomo che un
pregiudizio
Albert Eistein
La calcolosi della colecisti
Colelitiasi
Storia naturale
asintomatica
PREVALENZA CALCOLOSI DELLA COLECISTI
Prevalenza della colelitiasi per fasce di età in popolazioni selezionate
(adattato)
Popolazione
Europa
età
30-39>
> 60
F%
6.2
22.4
M%
2.0
11.5
Everhart JE et al. Gastroenterology
Lagergren, NEJM 1999
Grado D
COLELITIASI:
quadro clinico
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Dolore in ipocondrio destro, irradiato
Massa palpabile
Vomito alimentare
Febbre (flogosi)
Leucocitosi neutrofila (colecistite)
Ittero (ostruzione)
Alterazione degli indici di funzionalità epatica
Segno di Murphy positivo
DIAGNOSI STRUMENTALE
COLELITIASI
Giovane donna di 33 anni di nazionalità
croata giunge al pronto soccorso con
dolori all'ipocondrio destro. Gli esami
ematochimici mostrano un aumento delle
transaminasi, fosfatasi alcalica, Gamma
GT e bilirubina prevalentemente
diretta.
Dolore
Quale approccio diagnostico di prima
scelta attueresti?
COLELITIASI
Paziente di 37 anni, sesso maschile.
Alla anamnesi non si rileva alcuna patologia di
rilievo, né assunzione di farmaci. Da alcune
settimane percepisce sensazione di peso
all'ipocondrio destro in assenza di altri sintomi.
Ha praticato esami di routine che sono risultati
nella norma fatta eccezione
Dolore per un aumento delle
GGT (3 volte il valore normale). L'esame
obiettivo è sostanzialmente normale, fatta
eccezione per una epatomegalia. Gli viene
consigliata una ecografia, che rivela della sabbia
biliare nell’infundibulo della colecisti.
Come ci comportiamo ?
COLELITIASI
Claudio 17 anni, maschio, presenta dispepsia da circa 3
mesi caratterizzata da nausea mattutina, saltuari conati di
vomito, sensazione di bocca impastata e amara, gonfiore
epigastrico. I sintomi insorgono sia di notte che di giorno e
migliorano saltuariamente con il pasto. Il momento
peggiore è al risveglio.
Cosa sospettiamo?
Dolore
COLELITIASI
Il paziente, di sesso maschile, è un avvocato di 43 anni;
alto circa 180 cm, pesa 92 Kg.
Da qualche mese riferisce una sensazione fastidiosa
retrosternale al passaggio del bolo e nel periodo
immediatamente post-prandiale, pirosi e rigurgito acido,
che il paziente cerca di sedare assumendo caramelle,
bevendo acqua o talvolta bicarbonato.
Dopo una cena abbondante o l’assunzione di bevande
Dolore
alcoliche, presenta episodio
di dolore epigastrico e vomito
ripetuto. La mattina successiva il medico di famiglia
sollecita una gastroscopia che dimostra una ernia iatale. Il
gastroenterologo richiede anche una ecografia addome
completo che rivela un calcolo piccolo dell’infundibulo
della colecisti.
COLELITIASI
Donna di 53 anni giunge al pronto
soccorso con dolori all'ipocondrio destro.
Gli esami ematochimici mostrano un
aumento modesto delle transaminasi.
L’Ecografia addome completo dimostra
la presenza di piccoli
polipi di dimensioni
Dolore
di 3-4 mm che non si muovono al
movimento della paziente.
Quale approccio diagnostico di prima
scelta attueresti?

similar documents