Lo studio dei cali nelle stazioni di servizio

Report
Il nodo dei cali resta un tema molto complicato da gestire che spesso porta al pagamento
di onerose contravvenzioni o ad impiegare tempo alla ricerca di perdite inesistenti.
In questo seminario verrà illustrato come, tramite un approccio scientifico al problema,
sia possibile studiare la natura dei cali per identificare perdite e frodi e dunque
intervenire in modo mirato per ridurle.
Grazie alle tecniche statistiche è possibile capire quali sono i reali intervalli dovuti alle
condizioni ambientali e ridurre i costi derivanti da perdite e manutenzione.
Relatori
Christian Orecchia, Responsabile Servizi Gestione Remota Giacenze, Tokheim Sofitam Italia srl
Patrick Foan, Business Solutions Advisor, Fairbanks Environmental Ltd
Bonaventura Sorrentino, Avvocato, Studio legale e tributario SPT
Il problema dei cali
da un punto di vista tecnico
Relatori
Christian Orecchia, Responsabile Servizi Gestione Remota Giacenze, Tokheim Sofitam Italia srl
Patrick Foan, Business Solutions Advisor, Fairbanks Environmental Ltd
Problemi associati
Cali & perdite
Inefficienza rete
Contravvenzioni
Spreco di risorse
Definizione Varianza
Orario di lavoro (periodo di 24 ore)
19:00
19:00
Livello di = Livello di chiusura
giorno precedente
apertura
Livello
Apertura
Consegna
Vendit
a
Livello
chiusura
teorico
Livello di chiusura
misurato alla fine
della giornata
Livello
chiusura
Varianza
Livello di apertura +Consegna –Vendite =Livello di chiusura teorico
Livello di Chiusura -Livello di chiusura teorico =Varianza
Contravvenzioni
Benzina: ±0,250%
Limiti
Legge
GPL: ±0,250%
Gasolio: ±0,083%
Limiti teorici
Difficile essere
conformi
Uguali in tutta
Italia
Difficile contestare
contravvenzione
Spreco di risorse
Esclusione
serbatoi
Prove
metriche
Indagine a tentativi
Spreco di tempo e denaro
Esclusione
pompe
Pressature
Fonti di varianza reale
Monitorabile
Rilevabile
Eliminabile
Fonti di varianza reale
Sovra o sotto
Erogazione
Fonti di varianza reale
Fattori stagionali
Recupero vapori - stadio 1
Ingresso acqua o morchie
Consegne Brevi
Contaminazioni
Frodi e furti
Perdite linee di
carico
Fonti di varianza reale
Fattori termici
geografici e stagionali
Perdite da
serbatoio
Frodi e furti
Perdite da
tubazioni
Perdite da valvole
Fonti di varianza reale
Sovra o sotto
Erogazione
Perdite da gruppo
idraulico
Frodi e furti
Perdite da pistola
Sovra Erogazione
Limiti erogatori nazionali +3‰ -2‰
Limiti erogatori MID ±5‰
Una stazione di servizio che
vende 4milioni di litri l’anno
Erogatori in tolleranza al +2‰
Calo annuale
dovuto a sovra erogazione
8˙000 litri
Fattori termici geografici e stagionali
Impianti diversi in luoghi
diversi hanno
prestazioni diverse
Anche la base di carico e la
distanza da essa influisce
sulle prestazioni
La differenza di temperatura tra
prodotto in Autocisterna e
prodotto in Serbatoio
può influire
anche per l’1%
Perdita da Serbatoio
Non tutte le perdite sono rilevabili dalla centralina
Perdita da tubazioni
ACV
UPV
Furti e consegne brevi
Quanto tempo si impiega ad identificare un furto?
Si riesce sempre a dimostrare che si è trattato di furto?
Quante volte è già successo prima che ve ne accorgeste?
Qual è il reale danno economico?
Quanto sono affidabili le steccate?
Il personale controlla con cura ogni scarico?
Qual è l’ammanco minimo per cui allertarsi?
Come distinguo la consegna breve dal calo termico?
Fonti di varianza apparente
Consegna durante
chiusura giornata
Vendite
mancanti
Errori
amministrativi
Scarsa calibrazione
serbatoio
Chiusura
giornata non
sincronizzata
Chiusura giornata non sincronizzata
Orario di lavoro (periodo NON di 24 ore)
20:00
18:30
Livello di = Livello di chiusura
giorno precedente
apertura
Livello
Apertura
Consegna
Vendit
a
Livello
chiusura
teorico
Si bilancia con un guadagno
simile il giorno successivo
Totalizzatori letti
prima di chiusura
giornata ore 19
Livello
chiusura
Livello di chiusura
misurato alla fine
della giornata ore 20
Varianza
Calibrazione serbatoi
Serbatoio
inclinato
Serbatoio
deformato
Equipaggiamento
Centraline di
livello
Erogatori
Ma i cali continuano ad avvenire
E le perdite continuano a verificarsi
Sistemi gestionali
Controllo
intercapedine
Dati necessari
Livelli giacenza
Erogazioni
Consegne
Letture effettuate alla
stessa ora ogni giorno
Studio natura cali
& fonti di calo
Studio natura cali & fonti di calo
Raccolta
• Dati di giacenza: vendite, consegne, livelli chiusura
giornata
Analisi
• Procedure statistiche e confronto con punti vendita
simili
Rilevazione
Indagine
• Studio dei limiti fisici delle stazioni
• Procedura di indagine creata su misura per la propria
rete e supportata da analisi e dati affidabili
Conclusione
• Identificazione della fonte di perdita, prima che questa
generi danni ambientali ed economici
Il problema dei cali
da un punto di vista normativo
Relatore
Bonaventura Sorrentino, Avvocato, Studio legale e tributario SPT
A) illustrazione delle fonti normative di
riferimento
B) principali questioni applicative ed
interpretative
C) indicazione dei cali consentiti e sanzioni in
caso di difformità
D) esame di casi concreti
A) cali naturali (Tab. a) d.m. 55/2000)
B) cali tecnici (Tab. b) d.m. 55/2000)
Per i cali naturali e tecnici si applicano le
disposizioni previste dalla normativa doganale
DM 13 gennaio 2000 n. 55
Telex 157/2000 – Circ. 86/2000
Dm 13 gennaio 2000 n. 55:
Regolamento recante norme in materia di cali
naturali e tecnici delle merci soggette a vincolo
doganale e ad accise
2. La tenuta della contabilità e dei registri si considera irregolare quando
viene accertata una differenza tra le giacenze reali e le risultanze contabili
superiore ai cali e alle perdite di cui all'art. 4.
(…) per gli impianti di distribuzione stradale di carburanti si considera
irregolare la tenuta del registro di carico e scarico quando la predetta
differenza supera 1/12 del calo annuo consentito per i singoli carburanti,
riferito alle erogazioni effettuate nel periodo preso a base della verifica (...).
Benzina 0,250%
Gasolio 0,083%
GPL 0,250%
Giacenza iniziale 16.088 L
Carico 192.000 L
Eccedenze di carico 229 L
Totale carico 208.317 L
Totale erogato 195.651 L
Cali di trasporto documentati 191 L
Totale scarico contabile (totale erogato +cali da trasporto) 195.842 L
Giacenza contabile (totale carico -totale scarico) 12.475 L
Giacenza effettiva (giacenza contabile -calo) 11.875 L
Calo 600 L
Calo naturale ammesso (tot. erogato x 0,00083) 162,39 L
Deficienza oltre il calo (600-162,39) 437,61 L
Benzina 0,5%
Gasolio 0,5%
GPL 0,5%
Decreto Ministeriale del 25 marzo 1996 n. 210
Circolare Dipartimento delle Dogane
n. 176 del 3 giugno 1998
Circolare Ministeriale n. 40 del 2 ottobre 1980

similar documents