La gestione dei rifiuti urbani

Report
Università “La Sapienza”
di Roma
Corso di Economia e
Gestione delle
Amministrazioni Pubbliche
Prof. Giuseppe Catalano
La gestione dei
rifiuti urbani
Come avviene la copertura dei
costi del servizio
Andrea Baldino
Emiliano Mazzi
Gabriele Petrotta
A.A. 2013/2014
La gestione dei rifiuti urbani
Agenda






Caratteristiche del servizio
Framework teorico
Norme
Finanziamento del servizio
Benchmark UE
Conclusioni
2/19
La gestione dei rifiuti
Servizi d’Igiene Urbana

Raccolta dei rifiuti

Pulizia delle strade

Smaltimento dei rifiuti
3/19
La gestione dei rifiuti urbani
Tassonomia del bene
pubblico
(qualità ambientale)
i tre
aspetti
del bene
comune
privato
(livello pulizia strade)
(rifiuto risorsa)
4/19
La gestione dei rifiuti urbani
Cause Intervento pubblico
Fallimento
 Bene
del mercato:
pubblico
 Esternalità
•
•
Negative
Positive
 Monopolio
naturale
5/19
La gestione dei rifiuti urbani
Modalità Intervento Pubblico
 Intervento diretto
• società in house
• adeguamento strutture
 Regolamentazione
• meritorietà del bene
• obbligo iscrizione a consorzi
• premialità o penalità su modalità di trattamento
 Tassazione
6/19
La gestione dei rifiuti urbani
Regime fiscale

Tentativo Stato di ripristinare l’efficienza del mercato

Soluzione First Best
•
Schema Pigouviano di tasse e sussidi
- Generazione esternalità negative: TASSA
- Generazione esternalità positive: SUSSIDIO
COSTI DI TRANSAZIONE

Soluzione Second Best
•
ripartizione risorse nel modo «più opportuno»
- vincoli tecnologici di applicabilità
7/19
La gestione dei rifiuti urbani
Regime fiscale (2)
Sul piano reale:
 First
best: misurazione puntuale rifiuti
tramite codici a barre, bilance o chip
 Second
best: divisione del costo totale di
produzione per nucleo famigliare, metri
quadri stabile, tipo di utilizzo
8/19
La gestione dei rifiuti urbani
Regolamentazione della tariffa
Tipologie di contratti:
 A copertura totale del servizio
 Price cap
 Incentivante
Il contratto utilizzato è un “price cap” dove:
Il regolatore
Gestore del
servizio
Individua il prezzo
del servizio e
la relativa tariffa
da far applicare
Riscuote la tariffa
dai contribuenti
per coprire
(interamente)
i costi del servizio
9/19
La gestione dei rifiuti urbani
Problemi della tariffazione
ottimale
 Metering:
difficolta nel misurare i rifiuti prodotti
 Sorgente
del costo:
quantità di rifiuti e costi di trasporto
 Asimmetria
informativa
10/19
La gestione dei rifiuti urbani
Normative

Unione europea
•
•

Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti
Direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti
Italia
•
Costituzione Italiana

•
Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato
per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani
Decreto Legislativo n. 152/06

•
art. 9
DPR n. 158/99

•
Tutela del paesaggio
Norme in materia ambientale
Decreto Legge n. 201/11

Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei
conti pubblici
11/19
La gestione dei rifiuti urbani
Livelli di governo
 Disciplinati

in:
Decreto Legislativo n. 152/06
•
parte IV: NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI
•
titolo I: GESTIONE DEI RIFIUTI
•
capo II: COMPETENZE
- Stato
 Regolatore
- Regioni
 PRGU
- Provincie  Autorità d’ambito
- Comuni
 Raccolta & Tariffa
art. 195
art. 196
art. 197
art. 198
12/19
La gestione dei rifiuti urbani
Tassazione vigente (1)
Regolamento Tares – MEF
Ministero
economia
e finanza
Gestore
del servizio
Comune
Tariffa
13/19
La gestione dei rifiuti urbani
Tassazione vigente (2)
Decreto Legge n. 201/11
TARES




tributo comunale non soggetto ad Iva
sul possesso o l’occupazione, a qualunque titolo, di locali
suscettibili di produrre rifiuti solidi urbani
a copertura integrale dei costi di investimento ed esercizio
riscossa dal gestore e dal comune
L’importo viene calcolato in base a
• superficie dell'immobile e tipologia di utenza (parte fissa)
• numero degli occupanti (parte variabile)
Comprende anche la quota parte dei servizi indivisibili in
misura massima dello 0,30 (+ 0,10) €/mq.
14/19
La gestione dei rifiuti urbani
Scenario Italiano
Città
Aumento
2005-2012
Salerno
+98%
Reggio
Calabria
+96%
Napoli
+87%
Bari
+63%
Roma
+55%
Fonte: Cgia di Mestre
15/19
La gestione dei rifiuti urbani
Benchmark europeo
 La
comparazione tra tariffazione italiana ed
europea è difficilmente esplicabile per la
diversità del metodo di applicazione
 La
maggior parte dei sistemi fiscali al
riguardo seguono il principio europeo del
PAYT
I
dati disponibili riguardano principalmente la
tassazione sullo smaltimento in discarica
16/19
La gestione dei rifiuti urbani
17/19
La gestione dei rifiuti urbani
Conclusioni

La tassazione è uno dei principali e più incisivi
sistemi di intervento pubblico per la gestione
dei rifiuti

La tassazione è necessaria ma non sufficiente
a garantire l’efficienza del sistema della
gestione dei rifiuti

La determinazione della tariffa ottimale
richiede l’intervento di più livelli di governo

Incentivi: tariffazione puntuale equilibrata,
divieto creazione discariche, sussidi creazione
nuovi impianti smaltimento, liberalizzazioni
18/19
La gestione dei rifiuti urbani
Bibliografia
Isprambiente
2013
Rapporto sui rifiuti urbani.
Perra, L.
2000
Rifiuti urbani: un’analisi economica dell’assetto produttivo.
Bosi, P.
2012
Corso di scienza delle finanze, Bologna, Il Mulino.
Ministero dell’economia e finanze
2012
Linee guida per la redazione del piano finanziario e per
l’elaborazione delle tariffe.
2013
Regolamento per l’istituzione e l'applicazione del tributo
comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES).
Ministero dell’ambiente
2013
Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti.
Sitografia
www.senato.it
www.camera.it
www.cgiamestre.com
www.finanze.gov.it
19/19
La gestione dei rifiuti urbani
Grazie per l’attenzione!!!

similar documents