Il Contratto di Commissione per la rete carburanti

Report
Il Contratto di Commissione
per la rete carburanti
Verona 28 maggio 2014
Oil & non Oil S&TC
Un iter complesso








L’intervento normativo
Costituzione del gruppo di lavoro e stesura prima bozza
Modifica normativa per bonus fiscale
Sottoscrizione 8 ottobre 2013 e deposito al MiSE
Osservazioni AGCM
Risposta ai rilievi e modifica art. 2 del contratto
Avallo dell’AGCM
Depositato al MiSE il 17 aprile 2014
art. 17 Legge n. 27 del 24 marzo 2012
12. Fermo restando quanto disposto dal decreto legislativo 11 febbraio 1998, n. 32, e successive
modificazioni, e dalla legge 5 marzo 2001, n. 57, in aggiunta agli attuali contratti di comodato e
fornitura ovvero somministrazione possono essere adottate, alla scadenza dei contratti esistenti,
o in qualunque momento con assenso delle parti, differenti tipologie contrattuali per l'affidamento
e l'approvvigionamento degli impianti di distribuzione carburanti, nel rispetto delle normative
nazionale e europea, e previa definizione negoziale di ciascuna tipologia mediante accordi
sottoscritti tra organizzazioni di rappresentanza dei titolari di autorizzazione o concessione e dei
gestori maggiormente rappresentative, depositati inizialmente presso il Ministero dello sviluppo
economico entro il termine del 31 agosto 2012 e in caso di variazioni successive entro trenta
giorni dalla loro sottoscrizione. Nel caso in cui entro il termine sopra richiamato non siano stati
stipulati gli accordi di cui al precedente periodo, ciascuna delle parti può chiedere al Ministero
dello sviluppo economico, che provvede nei successivi novanta giorni, la definizione delle
suddette tipologie contrattuali. Tra le forme contrattuali di cui sopra potrà essere inclusa anche
quella relativa a condizioni di vendita non in esclusiva relative ai gestori degli impianti per la
distribuzione carburanti titolari della sola licenza di esercizio, purché comprendano adeguate
condizioni economiche per la remunerazione degli investimenti e dell'uso del marchio.
14. I nuovi contratti di cui al comma 12 devono assicurare al gestore condizioni contrattuali eque e
non discriminatorie per competere nel mercato di riferimento
Da chi è stato sottoscritto
L’Unione Petrolifera ?
Il bonus fiscale anche per il Commissionario
art. 34 Legge n. 183/2011
- Prima Per tenere conto dell'incidenza delle accise sul reddito di impresa
degli esercenti impianti di distribuzione di carburante, il reddito
stesso è ridotto, a titolo di deduzione forfetaria, di un importo
pari alle seguenti percentuali dell'ammontare lordo dei ricavi di
cui all'articolo 85, comma 1, lettera a), del testo unico delle
imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della
Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917
- Dopo (dal 21 agosto 2013) Per tenere conto dell'incidenza delle accise sul reddito di impresa
degli esercenti impianti di distribuzione di carburante, il reddito
stesso è ridotto, a titolo di deduzione forfetaria, di un importo
pari alle seguenti percentuali dei volumi d'affari di cui all'articolo
20, primo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26
ottobre 1972, n. 633
Roma, 8 ottobre 2013
sottoscrizione del Contratto di Commissione
depositato al MiSE in pari data
Lettera dell’AGCM del 18/12/2013

Clausola di fissazione del prezzo di rivendita
art. 2 «I prezzi non potranno per alcuna ragione essere
variati dal Commissionario»
…potrebbe rappresentare una restrizione verticale della
concorrenza…

Modalità di fissazione della provvigione minima
art. 19 «una provvigione pro-litro…….e comunque non
dissimile da quanto percepito precedentemente dal
Commissionario in un precedente contratto di
somministrazione, come margine minimo su ogni litro di
carburante rivenduto, al netto degli oneri e degli altri costi
evitati e/o trasferiti alla Committente»
…le modalità di definizione del compenso del gestore sono
quindi potenzialmente idonee a presentare profili di
restrittività di natura orizzontale…
Lettera dell’AGCM del 03/04/2014

Clausola di fissazione del prezzo di rivendita
art. 2 «I prezzi di vendita al pubblico indicati dalla
Committente non possono per alcuna ragione essere
variati in aumento dal Commissionario, il quale, a
proprio carico, ha facoltà di variarli in diminuzione. I
prezzi non potranno per alcuna ragione essere variati
dal Commissionario»
…appare idoneo a rimuovere il potenziale restrittivo di
natura verticale…

Modalità di fissazione della provvigione minima
…le
informazioni
trasmesse
sembrerebbero
ridimensionare notevolmente il rischio di una
omogeneizzazione della provvigione minima del
gestore e pertanto in un restringimento, di natura
orizzontale, della concorrenza tra retisti…
Roma, 15 aprile 2014
sottoscrizione del Contratto di Commissione
depositato al MiSE il 17 aprile 2014
Elementi caratterizzanti il Contratto di
Commissione “tipizzato”



Prevede l’affidamento gratuito dell’impianto ai
sensi del D.Lgs. n. 32/98;
La merce è di proprietà della committente che
ne fissa il prezzo;
Tipizzato = non può essere modificato

similar documents