Letteratura latina

Report
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
F. D'ALESSI
Letteratura latina
Parte IV,2 :
daMarco Aurelio alla fine dell'impero romano di Occidente
Agosto 2002
F. D’Alessi © 2002
1
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
2
Letteratura pagana del terzo secolo
La poesia
Poeti dell’Anthologia Latina
Ci si riferisce con il termine Anthologia Latina a una silloge poetica messa assieme in Africa,
precisamente a Cartagine, intorno al 534, in coincidenza cioè con la riconquista bizantina
dell'Africa, cosa che evidentemente facilitò la succesiva diffusione in Europa della raccolta.
Essa comprende testi contemporanei ma anche precedenti, alcuni dei quali anche del III secolo.
La raccolta appare incompleta.
Compresi testi di:
Floro (3b)
Vespa (4a)
Reposiano (parte 4b)
Optaziano Porfirio (4a)
Lussorio (5)
Sinfosio (5)
altri tra cui
Pervigilium Veneris (4a)
Epigrammata Senecae (5)
alcuni epigrammi attribuiti a Petronio (5).
Creare collegamento con quanto riportato in parte V,
Nemesiano
Cenni biografici
La datazione di riferimento più sicura per questo poeta cartaginese si ricava dalla dedica dei
Cynegetica a Carino e Numeriano, figli dell'imperatore Caro (282-283).
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
3
Opere
Con i titoli di Cynegetica o Cynegeticon sono stati trasmessi 325 esametri di un poemetto
didascalico sulla caccia, sul genere di quelli di Grattio Falisco (Cynegetica) e del ps. Apuleio
(Halieutica), ma di ispirazione chiaramente virgiliana.
Di stampo virgiliano, ma con non pochi influssi (specie nella seconda) anche di Calpurnio Siculo,
quattro ecloghe tramandate sotto il nome di Nemesiano.
Scrisse sulla pesca e sulla navigazione. (Cf. Hist.Aug., Carinus 11,2).
Progettò un poema epico su Carino e Numeriano. (Cf. Cyn. 63-5).
Notazioni paesaggistiche felici. Sfondo moraleggiante.
Testi e testimonianze
Hist. Aug., Carus et Carinus et Numerianus, 11. Per l'attribuzione a lui di Halieutica e Nautica.
Numerianus, Cari filius moratus egregi[a]e et vere dignus imperio, eloquentia etiam praepollens, adeo ut
puer public[a]e declamaverit feranturque illius scripta nobilia, declamationi tamen magis quam Tulliano
adcommodiora stilo. versu autem talis fuisse praedicatur, ut omnes poetas sui temporis vicerit. nam et cum
Olympio Nemesiano contendit, qui ¡lieutik¦ kunhgetik¦ et nautik¦ scripsit qui[n]que omnibus colo<ribu>s
inlustratus emicuit, et Aurelium Apoll<i>narem <i>amborum scriptorem, qui patris eius gesta in litteras
ret<t>ulit, [h]isdem, qu<a>e recitaverat, editis veluti radio solis obtexit. huius oratio fertur ad senatum missa
tantum habuisse eloquentiae, ut illi[s] statua non quasi C<a>esari sed quasi r<h>et[h]ori decerneretur,
ponenda in bibliotheca[e] Ulpia, cui suscriptum est: 'Numeriano Caesari, oratori temporibus suis
potentissimo.'
Eclogae
IntraText CT - Text
Ecloga I. Thymoethas-Tityrus.
Thymoethas
"Dum fiscella tibi fluviali, Tityre, iunco
texitur et raucis immunia rura cicadis,
incipe, si quod habes gracili sub harundine
carmen
compositum. Nam te calamos inflare labello.
Pan docuit versuque bonus tibi favit Apollo.
Incipe, dum salices haedi, dum gramina vaccae
detondent, viridique greges permittere campo
dum ros et primi suadet clementia solis.
Diximus et calamis versus cantavimus olim,
dum secura hilares aetas ludebat amores.
Nunc album caput et veneres tepuere sub annis;
iam mea ruricolae dependet fistula Fauno.
Te nunc rura sonant; nuper nam carmine victor
risisti calamos et dissona flamina Mopsi.
iudice me: mecum senior Meliboeus utrumque
audierat laudesque tuas sublime ferebat.
Quem nunc emeritae permensum tempora vitae
secreti pars orbis habet mundusque piorum.
Quare age, si qua tibi Meliboei gratia vivit,
dicat honoratos praedulcis tibia manes.
Thymoethas
Tityrus
Hos annos canamque comam, vicine Thymoeta,
tu iuvenis carusque deis in carmina cogis?
F. D’Alessi © 2002
Et parere decet iussis et grata iubentur.
Namque fuit dignus senior, quem carmine
Pan calamis, fidibus Linus aut Oeagrius Orpheus
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
concinerent totque acta viri laudesque sonarent.
Sed quia tu nostrae laudem deposcis avenae,
accipe quae super haec cerasus, quam cernis
continet, inciso servans mea carmina libro.
Tityrus
Dic age; sed nobis ne vento garrula pinus
obstrepat, has ulmos potius fagosque petamus.
Thymoethas
Hic cantare libet: virides nam subicit herbas
mollis ager lateque tacet nemus omne; quieti
aspice ut ecce procul decerpant gramina tauri.
Omniparens aether et rerum causa, liquores,
corporis et genetrix tellus, vitalis et aer,
accipite hos cantus atque haec nostro Meliboeo
mittite, si sentire datur post fata quietis.
Nam si sublimes animae caelestia templa
sidereasque colunt sedes mundoque fruuntur,
tu nostros adverte modos, quos ipse benigno
pectore fovisti, quos tu, Meliboee, probasti.
Longa tibi cunctisque diu spectata senectus
felicesque anni nostrique novissimus aevi.
circulus innocuae clauserunt tempora vitae.
Nec minus hinc nobis gemitus lacrimaeque fuere,
quam si florentes mors invida carperet annos,
nec tenuit tales communis causa querelas.
Heu, Meliboee, iaces mortali frigore segnis
lege hominum, caelo dignus canente senecta
concilioque deum. Plenum tibi ponderis aequi
pectus erat. Tu ruricolum discernere lites
assueras, varias patiens mulcendo querelas.
Sub te ruris amor, sub te reverentia iuris
floruit, ambiguos signavit terminus agros.
Ecloga II. Idas-Alcon.
Alcon
Formosam Donacen Idas puer et puer Alcon
ardebant rudibusque annis incensus uterque
in Donaces venerem furiosa mente ruebant.
Hanc, cum vicini flores in vallibus horti
carperet et molli gremium compleret acantho
invasere simul venerisque imbutus uterque
tum primum dulci carpebant gaudia furto.
Hinc amor et pueris iam non puerilia vota
quis anni ter quinque, et mens et cura iuventae.
Sed postquam Donacen duri clausere parentes,
quod non tam tenui filo de voce sonaret.
sollicitumque foret pinguis sonus, improba cervix
suffususque rubor crebro venaeque tumentes,
tam vero ardentes flammati pectoris aestus
carminibus dulci parant relevare querela;
ambo aevo cantuque pares nec dispare forma,
F. D’Alessi © 2002
4
Blanda tibi vultu gravitas et mite serena
fronte supercilium, sed pectus mitius ore.
Tu, calamos aptare labris et iungere cera
hortatus, duras docuisti fallere curas.
Nec segnem passus nobis marcere iuventam
saepe dabas meritae non vilia praemia musae.
Saepe etiam senior, ne nos cantare pigeret,
laetus Phoebea dixisti carmen avena.
Felix o Meliboee, vale! Tibi frondis odorae
munera dat lauros carpens ruralis Apollo;
dant Fauni quod quisque valet, de vite racemos,
de messi culmos omnique ex arbore fruges;
dat grandaeva Pales spumantia cymbia lacte,
mella ferunt Nymphae, pictas dat Flora coronas.
Manibus hic supremus honor: dant carmina
Musae,
carmina dant Musae, nos et modulamur avena.
Silvestris te nunc platanus, Meliboee, susurrat,
te pinus; reboat te quidquid carminis echo
respondet silvae; te nostra armenta loquuntur.
Namque prius siccis phocae pascentur in arvis
vestitusque freto vivet leo, dulcia mella
sudabunt taxi, confusis legibus anni
messem tristis hiems, aestas tractabit olivam,
ante dabit flores autumnus, ver dabit uvas,
quam taceat, Meliboee, tuas mea fistula laudes.
Tityrus
Perge puer, coeptumque tibi ne desere carmen.
Nam sic dulce sonas ut te placatus Apollo
provehat et felix dominam perducat in urbem.
Iamque hic in silvis praesens tibi Fama benignum
stravit iter, rumpens livoris nubila pinnis.
Sed iam Sol demittit equos de culmine mundi,
fulmineos suadens gregibus praebere liquores "
ambo genas leves, intonsi crinibus ambo.
Atque haec sub platano maesti solacia casus
alternant, Idas calamis et versibus Alcon.
Idas
"Quae colitis silvas, Dryades, quaeque antra,
et quae marmoreo pede, Naides, uda secatis
litora purpureosque alitis per gramina flores,
dicite quo Donacen prato, qua forte sub umbra
inveniam, roseis stringentem lilia palmis?
Nam mihi iam trini perierunt ordine soles
ex quo consueto Donacen exspecto sub antro.
Interea, tamquam nostri solamen amoris
hoc foret aut nostros posset medicare furores,
nulla meae trinis tetigerunt gramina vaccae
luciferis, nullo libarunt amne liquores;
siccaque fetarum lambentes ubera matrum
stant vituli et teneris mugitibus aera complent.
Ipse ego nec iunco molli nec vimine lento
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
perfeci calathos cogendi lactis in usus.
Quid tibi quae nosti referam? Scis mille iuvencas
esse mihi, nosti nunquam mea mulctra vacare.
Ille ego sum, Donace, cui dulcia saepe dedisti
oscula nec medios dubitasti rumpere cantus
atque inter calamos errantia labra petisti.
Heu heu! Nulla meae tangit te cura salutis?
Pallidior buxo vilaeque simillimus erro.
Omnes ecce cibos et nostri pucula Bacchi
horreo nec placido memini concedere somno.
Te sine, vae, misero mihi lilia fusca videntur
pallentesque rosae nec dulce rubens hyacinthus,
nullos nec myrtus nec laurus spirat odores.
At, si tu venias, et candida lilia fient
purpureaeque rosae et dulce rubens hyacinthus;
tunc mihi cum myrto laurus spirabit odores.
Nam dum Pallas amat turgentes unguine bacas,
dum Bacchus vites, Deo sata, poma Priapus,
pascua laeta Pales, Idas te diligit unam".
Haec Idas calamis. Tu, quae responderit Alcon
versu, Phoebe, refer: sunt aurea carmina Phoebo.
Alcon
"O montana Pales, o pastoralis Apollo,
et nemorum Silvane potens, et nostra Dione,
quae iuga celsa tenes Erycis, cui cura iugales
concubitus hominum totis concedere saeclis,
quid merui? Cur me Donace formosa reliquit?
Munera namque dedi noster quae non dedit Idas,
vocalem longos quae ducit aedona cantus;
Ecloga III. Pan.
Pan
Nyctilus atque Micon nec non et pulcher Amyntas
torrentem patula vitabant ilice solem
cum Pan venatu fessus recubare sub ulmo
coeperat et somno lassatas sumere vires;
quem super ex tereti pendebat fistula ramo.
Hanc pueri, tamquam praedam pro carmine
possent
sumere fasque esset calamos tractare deorum
invadunt furto. Sed nec resonare canorem
fistula quem suerat nec vult contexere carmen
sed pro carminibus male dissona sibila reddit,
cum Pan excussus sonitu stridentis avenae
iamque videns: "Pueri, si carmina poscitis, inquit,
ipse canam. Nulli fas est inflare cicutas
quas ego Maenaliis cera coniungo sub antris.
Iamque ortus, Lenaee, tuos et semina vitis
ordine detexam: debemus carmina Baccho".
Haec fatus coepit calamis sic montivagus Pan:
"Te cano, qui gravidis hederata fronte corymbis
vitea serta plicas quique udo palmite tigres
ducis odoratis perfusus colla capillis,
vera Iovis proles. Nam cum post sidera caeli
F. D’Alessi © 2002
5
quae, licet interdum, contexto vimine clausa,
cum parvae patuere fores, ceu libera ferri
norit et agrestes inter volitare volucres,
scit rursus remeare domum tectumque subire
viminis et caveam totis praeponere silvis.
Praeterea
tenerum
leporem
geminasque
palumbes
nuper, quae potui silvarum praemia, misi.
Et post haec, Donace, nostros contemnis
amores?
Forsitan indignum ducis quod rusticus Alcon
te peream, qui mane boves in pascua duco!
Di pecorum pavere greges, formosus Apollo,
Pan doctus, Fauni vates et pulcher Adonis.
Quin etiam fontis speculo me mane notavi,
nondum purpureos Phoebus cum tolleret ortus
nec tremulum liquidis lumen splenderet in undis:
quod vidi, nulla tegimur lanugine malas,
pascimus et crinem; nostro formosior Ida
dicor, et hoc ipsum mihi tu iurare solebas,
purpureas laudando genas et lactea colla
atque hilares oculos et formam puberis aevi.
Nec sumus indocti calamis: cantamus avena
qua divi cecinere prius, qua dulce locutus
Tityrus e silvis dominam pervenit in urbem.
Nos quoque te propter, Donace, cantabimus urbi
si modo coniferas inter viburna cupressos
atque inter pinus corylum frondescere fas est".
Sic pueri Donacen toto sub sole canebant,
frigidus e silvis donec descendere suasit
Hesperus et stabulis pastos inducere tauros.
sola Iovem Semele vidit Iovis ora professum,
hunc pater omnipotens, venturi providus aevi,
pertulit et iusto produxit tempore partus.
Hunc Nymphae Faunique senes Satyrique
procaces
nosque etiam Nysae viridi nutrimus in antro.
Quin et Silenus parvum veteranus alumnum
evocat aut risum digito motuve quietem
allicit aut tremulis quassat crepitacula palmis.
Cui deus arridens horrentes pectore saetas
vellicat aut digitis aures astringit acutas
applauditve manu mutilum caput aut breve
mentum
et simas tenero collidit pollice nares.
Interea pueri florescit pube iuventus
flavaque maturo tumuerunt tempora cornu.
Tum primum laetas ostendit pampinus uvas:
mirantur Satyri frondes et poma Lyaei.
Tum deus: " O Satyri, maturos carpite fetus,
dixit, et ignotos primi calcate racemos".
Vix haec ediderat, decerpunt vitibus uvas
et portant calathis celerique elidere planta
concava saxa super properant: vindemia fervet
collibus in summis, crebro pede rumpitur uva
rubraque purpureo sparguntur pectora musto.
Tum Satyri, lasciva cohors, sibi pocula quisqu.
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
obvia corripiunt: quae fors dedit, arripit usus.
Cantharon hic retinet, cornu bibit alter adunco,
concavat ille manus palmasque in pocula vertit,
pronus at ille lacu bibit et crepitantibus haurit
musta labris; alius vocalia cymbala mergit.
atque alius latices pressis resupinus ab uvis
excipit; at potus (saliens liquor ore resultat)
evomit inque humeros et pectora defluit umor.
Omnia ludus habet cantusque chorique licentes;
et venerem iam vina movent: raptantur amantes
concubitu Satyri fugientes iungere Nymphas;
iam iamque elapsas, hic crine, hic veste retentat.
6
Tum primum roseo Silenus cymbia musto
plena senex avide non aequis viribus hausit:
ex illo venas inflatus nectare dulci
hesternoque gravis semper ridetur Iaccho.
Quin etiam deus ille, deus Iove prosatus ipso,
et plantis uvas premit et de vitibus hastas
integit et lynci praebet cratera bibenti".
Haec Pan Maenalia pueros in valle docebat
sparsas donec oves campo conducere in unum
nox iubet, uberibus suadens siccare fluorem
lactis et in niveas astrictum cogere glaebas.
Ecloga IV. Lycidas-Mopsus.
Mopsus
Populea Lycidas nec non et Mopsus in umbra
pastores, calamis et versu doctus uterque
nec triviale sonans, proprios cantabat amores.
Nam Mopso Meroe, Lycidae crinitus Iollas
ignis erat, parilisque furor de dispare sexu
cogebat trepidos totis discurrere silvis.
Hos puer ac meroe multum lusere furentes,
dum modo condictas vitant in vallibus ulmos,
nunc fagos placitas fugiunt promissaque fallunt
antra nec est animus solitos ad ludere fontes.
Cum tandem fessi, quos durus adederat ignis
sic sua desertis nudarunt vulnera silvis
inque vicem dulces cantu dixere querelas:
"Immitis Meroe rapidisque fugacior euris,
cur nostros calamos, cur pastoralia vitas
carmina? Quemve fugis? Quae me tibi gloria victo?
Quid vultu mentem premis ac spem fronte serenas?
Tandem, dura, nega: possum non velle negantem
Cantet, amat quod quisque: levant et carmine
curas.].
Lycidas
Respice me tandem, puer o crudelis Iolla.
Non hoc semper eris: perdunt et gramina flores,
perdit spina rosas, nec semper lilia candent,
nec longum tenet uva comas, nec populus umbras.
Donum forma breve est nec se quod commodet
annis.].
Cantet amat quod quisque: levant et carmina curas.
Omnia tempus alit, tempus rapit: usus in arto est.
Ver erat et vitulos vidi sub matribus istos
qui nunc pro nivea coiere in cornua vacca.
Et tibi iam tumidae nares et fortia colla,
iam tibi bis denis numerantur messibus anni.
Cantet amat quod quisque: levant et carmina curas.
Mopsus
Huc, Meroe formosa, veni: vocat aestus in umbram.
Iam pecudes subiere nemus, iam nulla canoro
gutture cantat avis, torto non squamea tractu
signat humum serpens. Solus cano: me sonat
omnis
silva nec aestivis cantu concedo cicadis.
Cantet amat quod quisque: levant et carmina curas.
Lycidas
Tu quoque, saeve puer, niveum ne perde colorem
sole sub hoc: solet hic lucentes urere malas.
Hic age pampinea mecum requiesce sub umbra;
hic tibi lene virens fons murmurat, hic et ab ulmis
purpureae fetis dependent vitibus uvae.
Cantet amat quod quisque: levant et carmina curas.
Mopsus
Qui tulerit Meroes fastidia lenta superbae,
Sithonias feret ille nives Libyaeque calorem,
Nerinas potabit aquas taxique nocentis
non metuet sucos, Sardorum gramina vincet
et iuga Marmaricos coget sua ferre leones.
Cantet amat quod quisque: levant et carmina curas.
Mopsus
Lycidas
Cerva marem sequitur, taurum formosa iuvenca
et Venerem sensere lupae, sensere leaenae
et genus aerium volucres et squamea turba
et montes silvaeque: suos habet arbor amores.
Tu tamen una fugis miserum, tu prodis amantem.
Cantet amat quod quisque: levant et carmina curas.
Lycidas
F. D’Alessi © 2002
Quisquis amat pueros ferro praecordia duret
nil properet discatque diu patienter amare
prudentesque animos teneris non spernat in annis,
perferat et fastus. Sic olim gaudia sumet,
si modo sollicitos aliquis deus audit amantes.
Cantet amat quod quisque: levant et carmina curas.
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Mopsus
Lycidas
Quid prodest quod me pagani mater Amyntae
ter vittis, ter fronde sacra, ter ture vaporo,
incendens vivo crepitantes sulphure lauros
lustravit cineresque aversa effudit in amnem,
Cantet amat quod quisque: levant et carmina curas
cum sic in Meroen totis miser ignibus urar?
Haec eadem nobis quoque versicoloria fila
et mille ignotas Mycale circumtulit herbas;
cantavit quo luna tumet, quo rumpitur anguis,
quo currunt scopuli, migrant sata, vellitur arbos.
Plus tamen ecce meus, plus est formosus Iollas.
Cantet amat quod quisque: levant et carmina
curas "].
7
[disponibile testo BTL3=Teubner (ed. E. Baehrens, 1881) [Poetae Latini Minores, vol. III], p. 176190]
Bibliografia
Edizioni
Calpurnii et nemesiani bucolica, C. Giarratano, Napoli, Detken Et Rocholl, 1910.
Bucolica T. Calpurnii [Siculi] et [m. Aureli Olympii] Nemesiani, iteratis curis edidit, Einsidlensia
quae dicuntur carmina adiecit C. Giarratano, Torino, 1924,1939, 1943 Corpus scriptorum
Latinorum Paravianum
Minor Latin Poets, 2 voll., Tr. J. W. Duff, A. M. Duff, Cambridge, Mass. -London, Loeb, 1934, riv.
1935, rist. 1982
P. Volpihac, Paris, Les Belles Lettres, 1975
Pubbl. con altri autori: Pisa, Giardini, 1992, Scriptorum Romanorum quae extant omnia.
Eclogae di Nemesiano, G. Cupaiolo , Napoli, Loffredo, 1997. Collana Studi latini
Le ecloghe di Nemesiano, testo, trad. e comm. L.Ferri e L.Moreschini, L’Acquila, Japadre, 1995,
Collana Filologia classica
Les cynegetiques de Nemesien, P. van de Woestijne, Antwerpen, 1937.
The Eclogues and Cynegetica, H. J. Williams, Leiden, Brill, 1986, Mnemosyne. Supplementum; 88
Strumenti
Soraci, G., Concordantiae di M. Aurelio Olimpio Nemesiano, L'Aquila, Biemme Litografica, 1987.
Studi
D. Gagliardi, Aspetti della poesia latina tardoantica, Palermo 1972.
L. Castagna, I bucolici latini minori, Firenze 1978.
IntraText
Eclogae
LAT0324
ICCU per Soggetto
Soraci, Giuseppe, Concordantiae di M. Aurelio Olimpio Nemesiano / Giuseppe Soraci, L'Aquila : Biemme
litografica, \1987!
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
8
Vernaleone, Francesco Leopoldo, I carmi bucolici di Calpurnio e Nemesiano / Francesco Leopoldo
Vernaleone.Edizione: Rist. anast, Bari : Edizioni dal Sud, stampa 1988 Note Generali: Testo orig. a fronte
In testa al front.: Regione Puglia, Assessorato alla p. i. e cultura; Centro regionale di servizi educativi e
culturali di Conversano Ripr. dell'ed.: Noicattaro, V. Fiorentino, 1927
Walter, Horst, Studien zur Hirtendichtung Nemesians / Horst Walter, Stuttgart: Franz Steiner Verlag
Wiesbaden, 1988, Collezione: Palingenesia
ICCU per Autore Nemesianus, Marcus Aurelius Olympius
The Eclogues and Cynegetica of Nemesianus / edited with an introduction and commentary by Heater J.
Williams, Leiden: E. J. Brill, 1986, Mnemosyne. Supplementum; 88
Note Generali: Con testi in lat
Eclogae / Marco Aurelio Olimpio Nemesiano; a cura di Giovanni Cupaiuolo, Napoli: Loffredo, 1997, Studi
latini
Note Generali: Con la trad. italiana
Florus, Publius Annius
Florus . Hadrianus . "Pervirgilium Veneris" . Carmina de rosis et de vere . "Cupido amans" . Nemesianus .
Reposianus . Vespa . Pentadius . Precationes . Elegiae in Maecenatem . Modestinus . Tiberianus . Sulpicius
Luperculus, Pisa: in aedibus Giardini editori e stampatori, 1992, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Le egloghe / Nemesiano; edizione critica, note, traduzione e commento a cura di Lucia Ferri e Laura
Moreschini, L'Aquila [etc.]: Japadre, c1994, stampa 1995, Collana di filologia classica
Bucolica / Calpurnii et Nemesiani; tertium edidit Einsidlensia quae dicuntur carmina, iteratis curis adiecit
Caesar Giarratano
Edizione: 3. rist. della 3. ed. (1943), Aug. Taurinorum: in aedibus Io. Bapt. Paraviae et sociorum, 1973,
Corpus scriptorum Latinorum Paravianum
Oeuvres / Nemesien; texte etabli et traduit par Pierre Volpilhac, Paris: Les belles lettres, 1975, Collection
des universites de France
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Hirtengedichte aus spatromischer und karolingischer Zeit: Marcus Aurelius Olympius Nemesianus, Severus
Sanctus Endelechius, Modoinus, Hirtengedicht aus dem Codex Gaddianus / herausgegeben und ubersetzt
von Dietmar Korzeniewski, Darmstadt: Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1976, Texte zur Forschung; 26
Altri titoli collegati: [Titolo parallelo] Bucolica aetatis Romanae posterioris et aevi Carolini. Soggetti: Poesia pastorale latina - Sec. 3.-15.
Calpurnii et Nemesiani Bucolica; Iteratis curis edididt einsidlensia quae dicuntur carmina adiecit Caesar
Giarratano, Aug. Taurinorum: in aedibus Io. Bapt. Paraviae, [1939?], Corpus scriptorum Latinorum
Paravianum
Calpurnii et Nemesiani Bucolica / tertium edidit einsidlensia quae dicuntur carmina iteratis curis adiecit
Caesar Giarratano, Aug. Taurinorum [etc.]: in aedibus Io. Bapt. Paraviae et sociorum, 1951, Corpus
scriptorum Latinorum Paravianum
Calpurnii et nemesiani bucolica / recognovit Caesar Giarratano, Neapoli: Detken Et Rocholl, 1910
Bucolica T. Calpurnii [Siculi] et [m. Aureli Olympii] Nemesiani, iteratis curis edidit, einsidlensia quae dicuntur
carmina adiecit Caesar Giarratano, Augustae Taurinorum: I. B. Paraviae Et Soc, 1939, Corpus scriptorum
Latinorum Paravianum
Calpurni et Nemesiani Bucolica / recognovit Caesar Giarratano, Neapoli: apud Detken et Rocholl, 1910
Calpurnius Siculus, Titus
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
9
Bucolica / Calpurnii et Nemesiani; iteratus curis edidit einsidlensia quae dicuntur carmina adiecit Caesar
Giarratano, Aug. Taurinorum: In aedibus Io. Bapt. Paraviae et sociorum, stampa 1924, Corpus scriptorum
Latinorum Paravianum
Calpurnii et Nemesiani Bucolica
Edizione: Tertium edidit Einseidlensia quae dicuntur Carmina iteratis curis adiecit / Caesar Giarratano, Aug.
Taurinorum \etc.!: In aedibus Io. Bapt. Paraviae et sociorum, 1943, Corpus scriptorum Latinorum
Paravianum
Les cynegetiques de Nemesien / ed. critique P. van de Woestijne, Antwerpen, 1937, Rijksuniversiteit te
Gent. Werken uitgegevendoor de faculteit van de wijsbegeerte enletteren
Note Generali: Testo lat.
Titolo uniforme: Cynegeticon.
nulla Treccani
Riposati
Imitatore di Virgilio è il cartaginese Marco Aurelio Olímpio Nemesiano, i cui 323 esametri dei Cynegettca
rivelano un notevole sentimento georgico, confermato sia nell'Avicuptum, sia nella quattro Egloghe superstiti,
pubblicate generalmente in un unico corpus con quelle di Calpumio. Meno felice appare invece Nemesiano
quando, nelltesordio del poemetto cinegetico, loda la restaurazione imperiale ai tempi di Caro, Caríno e
Numeriano.
Fresche notazioni paesistiche si alternano, nella produzione di Tiberiano, allo sfondo moraleggiante dei suoi
poemetti, mentre a sàpido umorismo popolaresco rispondono i 99 esametri di un Vespa, personaggio
ipponattèo, che, sulla linea del 'contrasto' di ispirazione neosofistica, tratta di un Iudicium coci et pistoris
iadice Volcano, modulato in una lingua piú spesso artatamente involgarita che preziosamente ricercata: il
poemetto ha pregi inconsueti per l'età sua in ordine a vivacità e disinvoltura di dettato.
Reposiano
Cenni biografici
Forse di origine africana.
Bettini: si tende a collocare nel III secolo per lingua ancora sostanzialmente classica e correttezza
metrica e prosodica.
Conte. Le ipotesi per una collocazione cronologica dell’autore oscillano tra il III secolo e il V. Quella
del III appare la più probabile.
Opere
Il De concubitu Martis et Veneris è un poemetto in 183 esametri, ispirato all’episodio narrato
nell’ottavo libro dell’Odissea. E’ uno dei componimenti trasmessi dall’Anthologia Latina.
Testi e testimonianze
De concubitu Martis et Veneris
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Discite securos non umquam credere amores:
ipsa Venus, cui flamma potens, cui militat ardor,
quae tuto posset custode Cupidine amare,
quae docet et fraudes et amorum furta tuetur,
5 nec sibi securas valuit praebere latebras
Improbe, dure puer, crudelis crimine matris,
pompam ducis, Amor, nullo satiate triumpho!
Quid conversa Iovis laetaris fulmina semper?
Ut mage flammantes possis laudare sagittas,
10 iunge, puer, teretes Veneris Martisque catenas:
gestet amans Mavors titulos et vincula portet
captivus, quem bella timent; utque ipse veharis,
iam roseis fera colla iugis submittat amator.
Post vulnus, post bella potens Gradivus anhelat
15 in castris modo tiro tuis, semperque timendus
te timet et sequitur qua ducunt vincla marita.
Ite, precor, Musae: dum Mars, dum blanda Cythere
imis ducta trahunt suspiria crebra medullis,
dumque intermixti captatur spiritus oris,
20 carmine doctiloquo Vulcani vincla parate,
quae Martem nectant Veneris nec brachia laedant
inter delicias roseo prope livida serto.
Namque ferunt Paphien, Vulcani et Martis
amorem,
inter adulterium nec iusti iura mariti
25 indice sub Phoebo captam gessisse catenas:
illa manus duros nexus tulit, illa mariti
ferrea vincla sui. Quae vis fuit ista doloris!
An fortem faciebat amor? Quid, saeve, laboras?
Cur nodos Veneris Cyclopia flamma paravit?
30 De roseis conecte manus, Vulcane, catenis!
Nec tu deinde liges, sed blandus vincla Cupido,
ne palmas duro cum nodus vulnere laedat.
Lucus erat Marti gratus, post vulnera Adonis
pictus amore deae; si Phoebi lumina desint
35 tutus adulterio: dignus quem Cypris amaret,
quem Byblos coleret, dignus quem Gratia servet.
Vilia non illo surgebant gramina luco:
pingunt purpureos candentia lilia flores;
ornat terra nemus: nunc lotos mitis inumbrat,
40 nunc laurus, nunc myrtus. Habent sua munera
rami:
namque hic per frondes redolentia lilia pendent,
hic rosa cum violis, hic omnis gratia florum,
hic inter violas coma mollis laeta hyacinthi:
dignus amore locus, cui tot sint munera rerum!
45 Non tamen in lucis aurum, non purpura fulget:
flos lectus, flos vincla toris, substramina flores:
deliciis Veneris dives natura laborat:
texerat hic liquidos fontes non vilis harundo,
sed qua saeva puer componat tela Cupido:
50 hunc solum Paphie, puto, lucum fecit amori.
Hic Martem expectare solet: quid Gratia cessat,
quid Charites? Cur, saeve puer, non lilia nectis?
Tu lectum consterne rosis, tu serta parato
et roseis crinem nodis subnecte decenter.
55 Haec modo purpureum dccerpens pollice
florem
cum delibat eum, suspiria ducat odore;
ast tibi blanda manus (florem) sub pectore condat;
tu, ne purpurei laedat te spina roseti,
F. D’Alessi © 2002
10
destrictis teneras foliis constringe papillas:
60 sic decet in Veneris lucis gaudere puellas!
Ut tamen inlaesos Paphiac servetis amores,
vincula sic mixtis caute constringite ramis,
ne diffusa ferat per frondes lumina Titan.
His igitur lucis Paphie, dum proelia Mavors
65 horrida, dum populos diro terrore fatigat,
ludebat teneris Bybli permixta puellis:
nunc varios canto divom referebat amores
inque modum vocis nunc motus forte decentes
corpore laeta dabat, nunc miscens denique
plantas,
70 nunc alterna movens suspenso pollice crura,
molliter inflexo subnitens poplite sidit;
saepe comam pulchro collectam flore ligabat,
ornans ambrosios divino pectine crines.
Dum ludos sic blanda Venus, dum gaudia miscet
75 et dum suspenso solatia quaerit amori,
<et> dum flet quod sera venit sibi grata voluptas,
ecce furens post bella deus, post proelia victor
victus amore venit. Cur gcstas ferrea tela?
Ne metuat Cypris, comptum decet ire rosetis.
80 A, quotiens Paphie vultum mentita furentis
lumine converso serum incusavit amantem!
Verbera saepe dolens mentita est dulcia serto,
aut, ut forte magis succenso Marte placeret,
amovit teneris suspendens oscula labris,
85 nec totum effundens medio blanditur amore.
Decidit aut posita est devictis lancea palmis;
sed, dum forte cadit, myrto retinente pependit.
Ensem tolle, puer; galeam tu, Gratia, solve!
Haec laxet nodos, haec ferrea vincula temptet:
90 solvite, Bybliades, praeduri pectora Martis
loricaeque moras; vos scuta et tela tenete:
nunc violas tractare decet! Laetare, Cupido,
terribilem divum tuo solo numine victum:
pro telis flores, pro scuto myrtea serta,
95 et rosa forte loco est gladii, quem iure
tremescunt!
Iverat ad lectum Mavors, et pondere duro
floribus incumbens totum turbarat honorem;
ibat pulchra Venus vix presso pollice cauta,
florea ne teneras violarent spicula plantas;
100 et nunc innectens, ne rumpant oscula,
crinem,
nunc vestes fluitare sinens, vix, laxa retentat,
cum nec tota latet nec totum nudat amorem.
Ille inter flores, furtivo lumine, tectus,
spectat hians Venerem totoque ardore tremescit.
105 Incubuit lectis Paphie. Proh sancte Cupido,
quam blandas voces, quae tunc ibi murmura
fundunt!
Oscula permixtis quae tunc fixere labellis!
Quam bene consertis haeserunt artibus artus!
Stringebat Paphiae Mavors tunc pectore dextram
110 et collo innexam ne laedant pondera laevam,
lilia cum roseis supponit candida sertis;
saepe levi cruris tactu commovit amantem
in flammas, quas diva fovet. Iam languida fessos
forte quies Martis tandem compresserat artus;
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
115 non tamen omnis amor, non omnis pectore
cessit
flamma dei: trahit in medio suspiria somno
et venerem totis pulmonibus ardor anhelat.
Ipsa Venus tunc tunc calidis suspensa venenis
uritur ardescens, nec somnia parta quiete...
120 O quam blanda quies! O quam bene presserat
artus
nudos forte sopor! Niveis suffulta lacertis
colla nitent; pectus gemino quasi sidere turget.
Non omnis resupina iacet, sed corpore flexo
molliter et laterum qua se confinia iungant;
125 Martem respiciens, deponit lumina somno,
sed gratiosa, decens... Pro lucis forte Cupido
Martis tela regens; quae postquam singula
<lustrat>
loricam clipeum gladium galeaeque minaces
cristas flore ligat: tunc hastae pondera temptat
130 miraturque suis tantum licuisse sagittis.
Iam medium Phoebus radiis possederat orbem,
iam tumidum calidis spatium libraverat horis:
flammantes retinebat equos. Proh conscia facti
invida lux! Veneris qui nunc produntur amores
135 lumine, Phoebe, tuo! Stant capti indice tanto
Mars Amor et Paphie, ramisque inserta tremescunt
lumina, nec crimen possunt te teste negare.
Viderat effusis Gradivum Phoebus habenis
in gremio Paphiae spirantem incendia amoris.
140 O rerum male tuta fides! O gaudia et ipsis
vix secura deis! Quis non, cum Cypris amaret,
praeside sub tanto tutum speraret amare?
Criminis exemplum si iam de numine habemus,
quid speret mortalis amor? Quae vota ferenda?
145 Quod numen poscat, quo sit securus adulter?
Cypris amat, nec tuta tamen! Compressit habenas
Phoebus et ad lucos tantum puto lumina vertit,
et sic pauca refert: "Nunc sparge tela, Cupido;
11
nunc nunc, diva Venus, nati devicta sagittis,
150 da mihi solamen: sub te securus amavi:
fabula, non crimen, nostri dicentur amores".
Haec ait et dictis Vulcanum instigat amaris:
"Dic ubi sit Cytherea decens, secure marite!
Te expectat lacrimans, tibi castum servat amorem?
156 Vel, si forte tuae Veneris fera crimina nescis,
155 quaere simul Martem, cui tu modo tela
parasti".
Dixit et infuso radiabat lumine lucum,
inque fidem sceleris totos demiserat ignes.
Haeserat Ignipotens, stupefactus crimine tanto;
160 iam quasi torpescens - vix sufficit ira dolori ore fremit maestoque modo gemit ultima pulsans
ilia et indignans suspiria pressa fatigat.
Antra furens Aetnaea petit: vix iusserat, omnes
incubuere manus: multum dolor addidit arti.
165 Quam cito cuncta gerunt ars numen flamma
maritus
ira dolor! Nam vix causam tunc forte iubendo
dixerat, et vindex coniunx iam vincla ferebat.
Pervenit ad lucos, non ipsi visus Amori,
non Chariti: totas arti mandaverat iras.
170 Vincula tunc manibus suspenso molliter ictu
inligat et teneris conectit bracchia palmis.
Excutitur somno Mavors et pulchra Cythere:
posset Gradivus validos disrumpere nexus,
sed retinebat amor, Veneris ne bracchia laedat.
175 Tunc tu sub galea, tunc inter tela latebas,
saeve Cupido, timens. Stat Mavors lumine torvo
atque indignatur, quod sit deprensus adulter;
at Paphie conversa dolet non crimina facti,
sed quae sit vindicta sibi tum singula volvens
180 cogitat et poenam sentit, si Phoebus amaret.
Iamque dolos properans decorabat cornua tauri,
Pasiphaae crimen mixtique cupidinis iram.
Bibliografia
Edizioni
LOEB, MINOR LATIN POETS, 2 voll., Tr. J. W. Duff, A. M. Duff, Cambridge, Mass. -London, Loeb,
1934, riv. 1935, rist. 1982
Concubitus Martis et Veneris; intr., testo, comm. trad. U. Zuccarelli, Napoli: Libreria scientifica,
1972, Collana di studi classici, Università diMessina; rist. , Napoli: Societa editrice napoletana,
1976 , Studi e testi dell'antichita.
L. Cristante, Reposiani Concubitus Martis et Veneris, Roma, Accademia nazionale dei Lincei,
1999, suppl. Bollettino dei classici ; 19; con trad. italiana.
Studi
A.Guaglianone, Reposiano e la contestazione letteraria nel secolo III d.C., Napoli 1970.
U. Zuccarelli, Napoli 1972, con tr. e comm..
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
12
L.D. Reynolds, Texts and transmission. A Survey of the latin Classics, Oxford 1983, pp. 9-13.
(R.J.Tarrant).
D. Gagliardi, Da Petronio a Reposiano, Napoli 1967.
no PHI, no BTL3
IntraText Reposianus - Concubitus Martis et Veneris
LAT0413
ICCU
Autore: Florus, Publius Annius
Titolo: Florus . Hadrianus . "Pervirgilium Veneris" . Carmina de rosis et de vere . "Cupido amans" .
Nemesianus . Reposianus . Vespa . Pentadius . Precationes . Elegiae in Maecenatem . Modestinus .
Tiberianus . Sulpicius Luperculus , Pisa: in aedibus Giardini editori e stampatori, 1992 , Scriptorum
Romanorum quae extant omnia
Florus, Publius Annius, Pentadius, Tiberianus, Reposianus, Vespa, Modestinus, Sulpicius Lupercus
Servasius, Nemesianus, Marcus Aurelius Olympius, Hadrianus Augustus, P. Aelius
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] Pervigilium Veneris
[Pubblicato con] Carmina de rosis et de vere
[Pubblicato con] Precationes
[Pubblicato con] Elegiae in Maecenatem
[Pubblicato con] Cupido amans
Cristante, Lucio, Reposiani Concubitus Martis et Veneris / Lucio Cristante , Roma: Accademia nazionale dei
Lincei, 1999 , Bollettino dei classici / Accademia nazionaledei Lincei. Supplemento
Guaglianone, Antonio, Reposiano e la contestazione letteraria nel secolo 3. d. C. , Napoli: EPS, 1970
Note Generali: Seguono il testo e la traduzione del De concubitu Martis et Veneris, di Reposiano .
Priapeos . Grafitos amatorios pompeyanos . La velada de la fiesta de Venus . El concubito de Marte Y
Venus / Reposiano . Centon nupcial / Ausonio ; [todos con] introducciones, traduccion y notas de Enrique
Montero Cartelle , Madrid: Gredos, 1981 , Biblioteca clasica Gredos
Nomi: Reposianus
Concubitus Martis et Veneris / Reposiano ; introduzione, testo, commento e traduzione a cura di U.
Zuccarelli , Napoli: Libreria scientifica, 1972 , Collana di studi classici / Universita diMessina
Concubitus Martis et Veneris / Reposiano ; introduzione, testo, commento e traduzione a cura di U.
Zuccarelli
Edizione: Rist , Napoli: Societa editrice napoletana, 1976 , Studi e testi dell'antichita
Conte, LettLat 512-13
Riposati 645
Motivi piú congeniali ad uno svolgimento poetico si trovano in R e p o s i à n o, che negli esametri del De
concubitu Martis et Veneris, poemetto mitologico, conserva una decorosa misura di espressione nella
descrizione arcadica della natura; in questa descrizione sopperisce, in parte, alla fatiscente vitalità del testo
un languido preziosismo stilistico.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
13
Disticha Catonis
I Disticha Catonis o Dicta Catonis ebbero una complessa composizione compresa tra il secondo e
il quarto secolo dopo Cristo. Si tratta di una raccolta di massime morali che fu in ogni caso assai
letta e certo rimaneggiata e modificata pure in epoca medioevale (le interpolazioni più tarde
potrebbero risalire anche all’VIII secolo), fino a conoscere l’onore di una traduzione in greco
realizzata da Massimo Planude (1260-1310) . Il titolo stesso di Disticha Catonis è dovuto a Erasmo
da Rotterdam, che la adottò nella sua edizione del 1517, ma è accompagnato nella tradizione
manoscritta e nelle prime edizioni da un numero notevole di varianti, che hanno in comune il
riferimento al nome di Catone, talvolta fraintendendo tra il Censore e l’Uticense. In realtà i critici
sono d’accordo nel riconoscere che nella raccolta gli elementi gnomici riconducibili a Catone il
Censore, per quanto di lui ci è rimasto, possano essere non più di una decina. Le ipotesi avanzate
nel tempo sul reale autore dei Distica sono tra le più disparate e coinvolgono noti autori latini come
più oscuri compilatori in un arco cronologico veramente esteso.
In dettaglio, la raccolta è composta da un breve prologo in prosa in veste di dedica, indirizzata da
Catone al figlio Marco, da 57 brevi massime (sententiae), pure in prosa e da quattro libri di distici
esametrici (da cui, appunto il termine disticha): nella tradizione più diffusa il primo ne conta 40, il
secondo 31, il terzo 24, il quarto 49. Il secondo, terzo e quarto libro sono preceduti ognuno da una
prefazione metrica rivolta al lettore rispettivamente di 10,4 e 4 versi.
In alcuni codici ed edizioni il prologo e le massime iniziali vengono chiamate Cato parvus o Parvus
Cato, mentre i quattro libri in distici vengono chiamati complessivamente Cato magnus.
Le 57 massime, costituite in genere da due parole seguite da un imperativo, oggi sono considerate
generalmente come interpolate e derivate in buona parte dai Detti dei Sette sapienti;
un’interpolazione anteriore sono considerate anche le introduzioni poetiche ai libri successivi al
primo.
In definitiva, vi sarebbero state almeno tre fasi nell’evoluzione dei Disticha così come li
conosciamo: composizione dell’epistola introduttiva e dei distici, forse già organizzati in quattro
libri; inserimento delle prefazioni poetiche ai libri 2,3 e 4; inserimento delle 57 massime.
I Disticha raccolgono una parte dell’eredità gnomica latina, quindi di insegnamenti e luoghi morali
popolari e comuni che ebbero nei secoli anche specifiche formalizzazioni scritte, in prosa e in
versi, a partire dallo stesso Catone il Censore, per proseguire con Plauto, Terenzio, Publilio Siro,
Orazio, Ovidio, Seneca. Definire un rapporto diretto e preciso tra i disticha e questi antecedenti
culturali è inevitabilmente impossibile, non fosse altro per gli adattamenti che le sententiae hanno
subito nella loro riformulazione esametrica.
Testi e testimonianze
Excerpta ex BTL-3 Bibliotheca Teubneriana Latina (curante CTLO, ed. Saur - Brepols)
<<< SENTENTIAE >>>
Disticha uel dicta Catonis: collectio distichorum uulgaris
LLA 488, Breues sententiae, sent. : 6 (pag. : 215)
Excerpta ex BTL-3 Bibliotheca Teubneriana Latina (curante CTLO, ed. Saur - Brepols)
I. COLLECTIO DISTICHORUM UULGARIS.
[Cum animaduerterem, quam plurimos grauiter in uia morum errare, succurrendum opinioni eorum et
consulendum famae existimaui, maxime ut gloriose uiuerent et honorem contingerent. nunc te, fili karissime,
docebo, quo pacto morem animi tui conponas. igitur praecepta mea ita legito, ut intellegas.
legere enim et non intellegere neclegere est.
Deo supplica.
Datum serua.
Antequam
uoceris,
ne
Parentes ama.
Foro parce.
accesseris.
Cognatos cole.
Cum bonis ambula.
Mundus esto.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Saluta libenter.
Maiori concede.
Magistratum metue.
Verecundiam serua.
Rem tuam custodi.
Diligentiam adhibe.
Familiam cura.
Mutuum da.
Cui des, uideto.
Conuiuare raro.
Quod satis est, dormi.
Coniugem ama.
Iusiurandum serua.
Uino tempera.
Pugna pro patria.
Nihil temere credideris.
Meretricem fuge.
Libros lege.
Quae legeris, memento.
Liberos erudi.
Blandus esto.
Irascere ob rem grauem.
Neminem riseris.
In iudicio adesto.
Ad praetorium stato.
Consultus esto.
Virtute utere.
Trocho lude.
Aleam fuge.
Litteras disce.
Bono benefacito.
Tute consule.
Maledicus ne esto.
Existimationem retine.
14
Aequum iudica.
Nihil mentire.
Iracundiam rege.
Parentem patientia uince.
Minorem ne contempseris.
Nihil arbitrio uirium feceris.
Patere legem, quam ipse
tuleris.
Benefici accepti esto memor.
Pauca in conuiuio loquere.
Miserum noli inridere.
Minime iudica.
Alienum noli concupiscere.
Illud adgredere, quod iustum
est.
Libenter amorem ferto.
Liberalibus stude].
----------------------------------
Testo ??
Liber I
1. Si deus est animus, nobis ut carmina dicunt,
Hic tibi praecipue sit pura mente colendus.
2. Plus vigila semper nec somno deditus esto;
Nam diuturna quies vitiis alimenta ministrat.
3. Virtutem primam esse puto compescere
linguam:
Proximus ille deo est, qui scit ratione tacere.
4. Sperne repugnando tibi tu contrarius esse:
Conveniet nulli, qui secum dissidet ipse.
5. Si vitam inspicias hominum, si denique mores:
Cum culpant alios, nemo sine crimine vivit.
6. Quae nocitura tenes, quamvis sint cara,
relinque:
Utilitas opibus praeponi tempore debet.
7. Constans et lenis, ut res expostulat, esto:
Temporibus mores sapiens sine crimine mutat.
8. Nil temere uxori de servis crede querenti;
Saepe enim mulier, quem coniux diligit, odit.
9. Cumque mones aliquem, nec se velit ille
moneri,
Si tibi sit carus, noli desistere coeptis.
10. Contra verbosos noli contendere verbis:
Sermo datur cunctis, animi sapientia paucis.
11. Dilige sic alios, ut sis tibi carus amicus;
Sic bonus esto bonis, ne te mala damna
sequantur.
12. Rumores fuge, ne incipias novus auctor
haberi,
Nam nulli tacuisse nocet, nocet esse locutum.
13. Rem tibi promissam certam promittere noli;
Rara fides ideo est, quia multi multa loquuntur.
14. Cum te aliquis laudat, iudex tuus esse
memento;
Plus aliis de te, quam tu tibi, credere noli.
15. Officium alterius multis narrare memento,
Atque aliis cum tu bene feceris ipse, sileto.
16. Multorum cum facta senex et dicta recenses,
Fac tibi succurrant, iuvenis quae feceris ipse.
17. Ne cures, si quis tacito sermone loquatur;
Conscius ipse sibi de se putat omnia dici.
18. Cum fueris felix, quae sunt adversa, caveto;
Non eodem cursu respondent ultima primis.
19. Cum dubia et fragilis sit nobis vita tributa,
In morte alterius spem tu tibi ponere noli.
20. Exiguum munus cum dat tibi pauper amicus,
Accipito placide, plene laudare memento.
Bibliografia
Edizioni
Baehrens, Poetae Latini Minores, 3, 1881, pp. 205-242.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
15
Minor Latin Poets, 2 voll., Tr. J. W. Duff, A. M. Duff, Cambridge, Mass. -London, Loeb, 1934, riv.
1935, rist. 1982
M. Boas (e H.J. Botschuyver), Disticha Catonis, Amsterdam 1952.
Maximus Planudes, Disticha Catonis in Graecum translata, ed. V. Ortoleva, Roma 1992.
Studi
F. Skutsch, Dicta Catonis, RE, V, Stuttgart 1905, coll. 358-370.
P.L. Schmidt, Dicta Catonis, Kpauli, edd. Ziegler, Sonthheimer, II, Stuttgart 1967, coll.1-2.
P. Roos, Sentenzia e proverbio nell’antichità e i “Distici di Catone”, Brescia, Morcelliana,1984.
[BCTV].
Disticha Catonis - Riposati
Pure adèspoti sono giunti i Disticha (o Dicta) Catonis, una raccolta dx quattro libri di sentenze in esametri
accoppiati, ricche di saggezza popolare. II nome di Gtone fu suggerito alla tradizione dal carattere
severamente moraleggiante dell'opera, che ebbe larga fortuna nei secoli, particolarmente nel Medio Evo, e
fu tradotta anche in greco dal bizantino Massimo Planúde.
Il Pervigilium Veneris
Tramandato con l'Anthologia Latina, questo carme di 93 versi è probabilmente incompleto. Il metro
è il settenario trocaico catalettico di tipo grecanico. La struttura presenta 10 strofe di lunghezza
diseguale.
Forse era una composizione per una festa primaverile in onore di Venere (Veneralia del primo
Aprile?); canta, in effetti, Venere, l'amore e il ritorno della primavera.
Motivo fondamentale, quasi un ritornello che identifica delle "stanze" per quanto irregolari quanto a
estensione è il verso iniziale: Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras amet.
La datazione è incerta: alcuni propongono il II secolo e fanno rientrare il carme nella cerchia dei
poetae novelli, altri pensano a una datazione più tarda, compresa tra il III, il IV e, addirittura, il VI
secolo.
Tra i candidati più frequenti da una parte Floro, dall'altra Tiberiano .
Alcune espressione e particolarità farebbero pensare a una autrice.
Da confrontare con Verg., georg. 2,323-45 e Ov., trist.,2,12 nonché Lucr., Inno a Venere.
Testi e testimonianze
IntraText
Pervigilium Veneris
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Ver novum, ver iam canorum, vere natus orbis natus
est,
Vere concordant amores, vere nubunt alites,
Et nemus comam resolvit de maritis imbribus.
Cras amorum copulatrix inter umbras arborum
inplicat casa virentes de flagello myrteo:
F. D’Alessi © 2002
Cras Dione iura dicit fulta sublimi throno.
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Tunc cruore de superno spumeo pontus globo
Caeruleas inter catervas, inter et bipedes equos
Fecit undantem Dionem de maritis imbribus.
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Ipsa gemmis purpurantem pingit annum floridis,
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Ipsa surgentes papillas de Favoni spiritu
Urget in toros tepentes, ipsa roris lucidi,
Noctis aura quem relinquit, spargit umentis aquas.
En micant lacrimae trementes de caduco pondere:
Gutta praeceps orbe parvo sustinet casus suos.
En pudorem florulentae prodiderunt purpurae:
Umor ille, quem serenis astra rorant noctibus,
Mane virgineas papillas solvit umenti peplo.
Ipsa iussit mane ut udae virgines nubant rosae:
Facta Cypridis de cruore deque flabris deque Solis
purpuris
Cras ruborem, qui latebat veste tectus ignea,
Unico marita voto non pudebit solvere.
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Ipsa Nymphas diva luco iussit ire myrteo:
It puer comes puellis: nec tamen credi potest
Esse amorem feriatum, si sagittas vexerit.
Ite, Nymphae, posuit arma, feriatus est Amor:
Iussus est inermis ire, nudus ire iussus est,
Neu quid arcu, neu sagitta, neu quid igne laederet.
Sed tamen, Nymphae, cavete, quod Cupido pulcher
est:
Totus est in armis idem quando nudus est Amor.
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Conpari Venus pudore mittit ad te virgines.
Una res est quam rogamus: cede, virgo Delia,
Ut nemus sit incruentum de ferinis stragibus.
Ipsa vellet te rogare, si pudicam flecteret,
Ipsa vellet ut venires, si deceret virginem.
Iam tribus choros videres feriantis noctibus
Congreges inter catervas ire per saltus tuos,
Floreas inter coronas, myrteas inter casas.
Nec Ceres, nec Bacchus absunt, nec poetarum
deus.
Detinenter tota nox est perviclanda canticis:
Regnet in silvis Dione: tu recede, Delia.
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Iussit Hyblaeis tribunal stare diva floribus;
Praeses ipsa iura dicet, adsidebunt Gratiae.
Hybla, totus funde flores, quidquid annus adtulit;
Hybla, florum sume vestem, quantus Aetnae
campus est.
Ruris hic erunt puellae vel puellae fontium,
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
È primavera,
è già primavera canora,
il mondo nacque ch'era primavera,
concordano gli amori in primavera,
in primavera s'accoppiano gli uccelli
e il bosco scioglie, espande la sua chioma,
dopo le piogge fecondanti.
Domani l'Unitrice degli amori
intreccia capanne verdeggianti
F. D’Alessi © 2002
16
Qaeque silvas, quaeque lucos, quaeque montes
incolunt.
Iussit omnes adsidere pueri mater alitis,
Iussit et nudo puellas nil Amori credere.
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Et recentibus virentes ducat umbras floribus.
Cras erit quom primus primus Aether copulavit
nuptias,
Ut pater totis crearet vernis annum nubibus:
In sinum maritus imber fluxit almae coniugis,
Unde fetus mixtus omnis omnis aleret magno
corpore.
Ipsa venas atque mente permeanti spiritu
Intus occultis gubernat procreatrix viribus,
Perque coelum perque terras perque pontum
subditum
Pervium sui tenorem seminali tramite
Inbuit iusstque mundum nosse nascendi vias.
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Ipsa Troianos nepotes in Latinos transtulit:
Ipsa Laurentem puellam coniugem nato dedit,
Moxque Marti de sacello dat pudicam virginem:
Romuleas ipsa fecit cum Sabinis nuptias
Unde Ramnes et Quirites proque prole posterum
Romuli matrem crearet et nepotem Caesarem;
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Rura fecundat voluptas, rura Venerem sentiunt;
Ipse Amor, puer Dionae, rure natus dicitur.
Hunc, ager cum parturiret, ipsa suscepit sinu:
Ipsa florum delicatis educavit osculis.
Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet.
Ecce iam subter genestas explicant agni latus,
Quisque tutus quo tenetur coniugali foedere.
Subter umbras cum maritis ecce balantum greges:
Et canoras non tacere diva iussit alites.
Iam loquaces ore rauco stagna cygni perstrepunt:
Adsonat Terei puella subter umbram populi,
Ut putes motus amoris ore dici musico,
Et neges queri sororem de marito barbaro.
Illa cantat, nos tacemus. Quando ver venit meum?
Quando fiam uti chelidon, ut tacere desinam?
Perdidi Musam tacendo, nec me Phoebus respicit.
Sic Amyclas, cum tacerent, perdidit silentium.
di ramoscelli di mirto
tra le ombre arboree.
Domani Dione detterà le sue leggi,
assisa sul suo trono sublime.
Ami domani chi non ha mai amato
E chi ha amato, ami pure domani.
Proprio in quel tempo da divino sangue
il mare in un vertice di schiuma
tra le caterve cerule
e i bipedi cavalli
fe' sorgere dai suoi profondi gorghi
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Dione ondeggiante.
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
Lei stessa con le sue floride gemme
dipinge la stagione luminosa;
lei stessa preme in nodi rigonfi
i boccioli di rosa, che sorgono ai soffi di Zefiro;
lei stessa diffonde le umide gocce
della lucente rugiada che l'ombra notturna depone.
E splendon quelle tremule lacrime
dal peso che tende a cadere;
la goccia, che sta per colare, trattiene
la sua caduta sul piccolo globo.
Ecco: le fiorenti porpore
hanno svelato il loro pudore:
quell'umore, che stillano gli astri
nelle notti serene,
domani schiude i virginei boccioli
dell'umido peplo.
Lei stessa volle che domani le rose
virginee sposino umide di rugiada:
fatta è la rosa col sangue di Venere,
coi baci di Amore,
con gemme e con fiamme e con splendori
purpurei del sole,
non si vergognerà domani di sciogliere
il rossore che nascondeva,
velato da veste di fiamma,
sposata al suo unico amore.
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
La stessa dea alle ninfe ordinò
di andare al sacro bosco dei mirti:
va Cupido compagno alle dive fanciulle,
né tuttavia si può credere
che Amore vada per far festa,
se ha portato con sé le saette.
Andate, o ninfe, egli ha deposto le armi,
Amore è proprio in vacanza!
Gli è stato ordinato di andare inerme,
di andare nudo, per non colpire
qualcuno con l'arco o con la saetta
o con il fuoco.
Tuttavia da lui guardatevi, o ninfe,
perché bello è Cupido,
egli è tutto quanto in armi,
anche se nudo è Amore.
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
«Venere manda a te le sue vergini
d'uguale pudore: è una sola
la grazia che noi ti chiediamo:
allontanati, o vergine Delia,
perché il bosco sia senza il sangue
di stragi di fiere.
Lei stessa vorrebbe invitarti,
se riuscisse a piegare una dea pudica;
essa vorrebbe che tu venissi,
se ciò convenisse a una vergine.
Vedresti già in tre notti di festa
I cori andare perle tue balze
tra caterve ugualmente festanti,
F. D’Alessi © 2002
17
tra corone di fiori, tra capanne
costruite con rami di mirto.
Né Cerere, né Bacco da lì sono assenti,
né il dio che protegge i poeti.'
Tutta la notte si deve passare
sempre in veglia, fra cantici: regni nelle selve
Dione!
Tu allontanati, o Delia!»
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
La dea ha voluto che fosse innalzato
tra i fiori d'Ibla il suo trono:
lei da protettrice detterà leggi;
le siederanno accanto le Grazie.
Ibla, spargi tutti i tuoi fiori,
quanti son stati prodotti dall'anno!
Ibla, rivéstiti tutta di fiori
per quanto stendesi il piano dell'Etna!
Saran presenti le ninfe dei campi,
persino le ninfe dei monti
e quelle che nelle selve dimorano,
nei boschi sacri, entro le fonti:
a tutte impose di esser presenti
la madre dell'alato fanciullo
e ordinò che le ninfe
non si affidassero affatto
al nudo Amore.
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
Ed estenda ai fiori novelli ombre virenti!
Sarà domani il giorno in cui l'Etere
si unì per la prima volta in nozze,
perché il padre creasse l'anno
con le nubi di primavera:
l'acquazzone da sposo giù defluì
nel seno dell'alma coniuge,
onde, misto al gran corpo di lei,
alimentasse tutti i germogli.
La dea procreatrice entro di sé
governa con l'occulte sue forze
le vene e la mente col penetrante
suo spirito e per il cielo e la terra
e per il sottostante mare profondo
infuse la penetrante sua legge
col tramite seminale
e volle che il mondo conoscesse
le vie dei nascimenti.
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
Lei trasferì i nipoti troiani
in mezzo ai Latini, lei stessa diede
al figlio in sposa la regale,
laurentina fanciulla
e da lì a poco concede a Marte
dal tempio di Vesta la vergine casta.
Fu lei stessa a creare le nozze
dei Romani con donne sabine,
onde i Ramnensi e i Quiriti
e per prole futura di Romolo
creasse Cesare padre e nipote.
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Feconda i campi la voluttà,
sentono i campi il potere di Venere;
lo stesso Amore, figlio di Dione,
si dice nato in campagna.
Mentre il campo splendeva di fiori.
Venere stessa lo prese in seno:
essa quindi lo educò
coi delicati baci dei fiori.
Ami domani chi non ha mai amato
e chi ha amato, ami pure domani.
Ecco ormai sotto le gialle ginestre
stendono i tori i lor fianchi,
ciascun sicuro del nodo coniugale
con cui è avvinto.
Sotto l'ombra coi maschi ecco le greggi
delle pecore belanti: la diva
anche agli uccelli canori impose
di non tacere. Già i cigni loquaci
fan risuonare gli stagni
18
dei loro rauchi schiamazzi:
fa sentir sotto l'ombra del pioppo
la fanciulla di Tereo il suo canto
in modo da farti pensare
che palpiti ardenti d'amore
siano espressi da quella voce canora
e da farti negare
che esprima lamenti per la sorella
a causa del barbaro marito.
Lei canta, io taccio.
Quando verrà la mia primavera?
Quando farò come la rondine e cesserò di tacere?
Tacendo ho perduto il mio canto
e Febo non più si volta a guardarmi.
Così il silenzio
mandò in rovina la tacita Amicla.
Ami domani chi non ha mai amato
e
chi
ha
amato,
ami
pure
domani.
Trad. A. Carbonetto (Menghi, Marsilio, L’attività culturale in Roma antica, Principato2003.
Verg., georg. 2,323-45
Excerpta ex BTL-3 Bibliotheca Teubneriana Latina (curante CTLO, ed. Saur - Brepols)
Ver adeo frondi nemorum, ver utile silvis; /
vere tument terrae et genitalia semina poscunt. /
tum pater omnipotens fecundis imbribus aether /
coniugis in gremium laetae descendit, et omnis /
magnus alit magno commixtus corpore fetus. /
avia tum resonant avibus virgulta canoris, /
et Venerem certis repetunt armenta diebus; /
parturit almus ager, zephyri que tepentibus auris /
laxant arva sinus; superat tener omnibus umor; /
in que novos soles audent se germina tuto /
credere, nec metuit surgentis pampinus austros /
aut actum caelo magnis aquilonibus imbrem, /
sed trudit gemmas et frondes explicat omnis. /
non alios prima crescentis origine mundi /
inluxisse dies alium ve habuisse tenorem /
crediderim: ver illud erat, ver magnus agebat /
orbis, et hibernis parcebant flatibus euri, /
cum primae lucem pecudes haussere, virum que
/
terrea progenies duris caput extulit arvis, /
immissae que ferae silvis et sidera caelo. /
nec res hunc tenerae possent perferre laborem, /
si non tanta quies iret frigus que calorem que /
inter, et exciperet caeli indulgentia terras. /
Traduzione
Ov., trist.,2,12???? Controllo
Lucr., Inno a Venere
Excerpta ex BTL-3 Bibliotheca Teubneriana Latina (curante CTLO, ed. Saur - Brepols)
Aeneadum genetrix, hominum divom que voluptas,
/
alma Venus, caeli subter labentia signa /
quae mare navigerum, quae terras frugiferentis /
concelebras, per te quoniam genus omne
animantum /
F. D’Alessi © 2002
concipitur visit que exortum lumina solis: /
te, dea, te fugiunt venti, te nubila caeli /
adventum que tuum, tibi suavis daedala tellus /
summittit flores, tibi rident aequora ponti /
placatum que nitet diffuso lumine caelum. /
nam simul ac species patefactast verna diei /
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
et reserata viget genitabilis aura favoni, /
aeriae primum volucris te, diva, tuum que /
significant initum perculsae corda tua vi. /
inde ferae pecudes persultant pabula laeta /
et rapidos tranant amnis: ita capta lepore /
te sequitur cupide quo quamque inducere pergis. /
denique per maria ac montis fluvios que rapacis /
frondiferas que domos avium campos que virentis /
19
omnibus incutiens blandum per pectora amorem /
efficis ut cupide generatim saecla propagent. /
quae quoniam rerum naturam sola gubernas /
nec sine te quicquam dias in luminis oras /
exoritur neque fit laetum neque amabile quicquam,
/
te sociam studeo scribendis versibus esse, /
quos ego de rerum natura pangere conor /
Bibliografia
Pervigilium veneris, Carmen de rosis. C. Pascal. Editio minor, Torino, 1922, Corpus scriptorum
Latinorum Paravianum.
Pervigilium Veneris, Carmina ludicra Romanorum: Pervigilium Veneris, Carmen de rosis,
Priapeorum libellus C. Pascal, Torino, 1919, 19313 Corpus scriptorum Latinorum Paravianum.
C. Clementi, Oxford 19362.
J.W. Mackail, riv. G.P. Goold, London-Cambridge 19882.
G.B. Pighi, La poesia religiosa romana, Bologna 1958
D. Romano, Palermo 1952 (con tr.).
I.Cazzaniga, Torino, 1918(1919), 1959 (Carmina ludicra Romanorum)
R. Schilling, Paris : Les Belles Lettres, 1944,19612 .
L. Catlow, Bruxelles, Latomus, 1980.
C. Formicola, Napoli, Loffredo, 1998.
La veillée de Vénus (Pervigilium Veneris), ed. R. Schilling. (1944) 19612.
Cf. ed. Carmina di Floro a cura di C. Di Giovine, Bologna 1988, pp. 31-62, per paternità e
datazione.
Pervigilium Veneris, Tr. J. W. Mackail, London - Cambrigde Mass., 19882.
Pubblicato con altri autori, Pisa, Giardini, 1992 , Scriptorum Romanorum quae extant omnia
ICCU per traduzioni moderne
La veglia di Venere (Pervigilium Veneris), intr., trad. e note di A. Cucchiarelli, Milano, Biblioteca
universale Rizzoli, 2003
Strumenti
H. Morgenroth - D. Najock, Concordantiae in Corpus Priapeorum et in Pervigilium Veneris,
Hildesheim 1983.
Studi
Pighi, G. B., Problemi del Pervigilium Veneris, Bologna : Azzoguidi, 1951
G. Bernardi Perini, Frontone, Gellio e i “poetae novelli”, in Storia della civiltà greca e latina, 3,
Torino, Utet, 1998, pp. 73-76.
ICCU
Titolo: Florus. Hadrianus. "Pervirgilium Veneris". Carmina de rosis et de vere. "Cupido amans" .
Nemesianus. Reposianus. Vespa. Pentadius. Precationes. Elegiae in Maecenatem. Modestinus . Tiberianus.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
20
Sulpicius Luperculus, Pisa: in aedibus Giardini editori e stampatori, 1992 , Scriptorum Romanorum quae
extant omnia
[Pubblicato con] Pervigilium Veneris, Carmina de rosis et de vere, Precationes, Elegiae in Maecenatem,
Cupido amans
Titolo: L' arte di amare / di Publio Ovidio Nasone . La veglia di Venere, La nascita delle rose / di anonimi;
traduzione in versi [di entrambi] di Alessandro Cutolo , [Napoli]: A. Gallina, [1985]
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] L' arte di amare.
[Pubblicato con] La veglia di Venere, La nascita delle rose.
ICCU per Soggetto
Ciccia, Carmelo, Il Pervigilium Veneris e la Primavera del Botticelli / Carmelo Ciccia
Pubblicazione: \S. l. : s. n., 1998?!
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Martini, Mario, La lunga veglia / Mario Martini
Note Generali: Sottotit. in cop.: Studio sul Pervigilium Veneris
Morgenroth, Hermann, Concordantiae in Corpus Priapeorum et in Pervigilium Veneris / ediderunt Hermann
Morgenroth, Dietmar Najock, Hildesheim [etc.] : G. Olms, 1983, Alpha-omega. Reihe A, Lexika,
Indizes,Konkordanzen zur klassischen Philologie
ICCU per Titolo
Florus, Lucius Annaeus, Florus, Hadrianus, Pervigilium Veneris, Carmina de rosis et de vere, Cupido amans,
Nemesianus, Reposianus, Vespa, Pentadius, Precationes, Elegiae in Maecenatem, Modestinus, Tiberianus,
Sulpicius Lupercus, Pisa : Giardini editori e stampatori, 1992, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Pervigilium Veneris ., La veglia di Venere : Pervigilium Veneris / introduzione, traduzione e note di Andrea
Cucchiarelli, Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 2003
Note Generali: Testo orig. a fronte
Ciccia, Carmelo, Il Pervigilium Veneris e la Primavera del Botticelli / Carmelo Ciccia, \S. l. : s. n., 1998?!
(Estr. da: Atti e memorie dell'Ateneo di Treviso, a.a. 1997/98, n.15.
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Formicola, Crescenzo, Pervigilium Veneris / introd., testo cr., trad., comm. e lexicon a cura di Crescenzo
Formicola, Napoli : Loffredo, 1998, Studi latini
Morgenroth, Hermann, Concordantiae in Corpus Priapeorum et in Pervigilium Veneris / ediderunt Hermann
Morgenroth, Dietmar Najock, Hildesheim [etc.] : G. Olms, 1983, Alpha-omega. Reihe A, Lexika,
Indizes,Konkordanzen zur klassischen Philologie
Catullus, Gaius Valerius, Catullus / translated by Francis Warre Cornish . Tibullus / translated by J. P.
Postgate . Pervigilium Veneris / translated by J. W. Mackail
Edizione: 2. ed. / revised by G. P. Goold, Cambridge (Mass.), The Loeb classical library ; 6
Note Generali: Testo orig. a fronte
Florus, Publius Annius, Florus . Hadrianus . "Pervirgilium Veneris" . Carmina de rosis et de vere . "Cupido
amans" . Nemesianus . Reposianus . Vespa . Pentadius . Precationes . Elegiae in Maecenatem . Modestinus
. Tiberianus . Sulpicius Luperculus, Pisa : in aedibus Giardini editori e stampatori, 1992, Scriptorum
Romanorum quae extant omnia
Pervigilium Veneris ., Pervigilium Veneris / edited with a translation and a commentary by Laurence Catlow,
Bruxelles : Latomus, 1980, Collection Latomus
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
21
Pervigilium Veneris / a cura di Domenico Romano, [Palermo] : Palumbo, c1999, Hermes. N.S
Pervigilium Veneris ., The Pervigilium Veneris : a late latin poem of love & springtime : with introduction, text,
notes and vocabulary / edited by Vincent J. Claeary [and] Theodore W. Wells, Wellesley Hills : The
indipendent school press, c1981
Catullus, Gaius Valerius, Catullus Tibullus and Pervigilium Veneris / \Gaius Valerius Catullus!, 3. ed
Descrizione fisica: Cambridge (Mass.) : Harvard university press ; London : W. Heinemann, 1976., The Loeb
classical library ; 6
Pervigilium Veneris / [testo latino e traduzione italiana a cura di Caterina Vassalini], Verona : Franco Riva,
1973
Note Generali: Ed. privato ac dominico more di 63 esempl. num.
Pervigilium veneris / a cura di] Rosario Musmeci, Acireale : Galatea, stampa 1970
Pervigilium Veneris ., Pervigilium Veneris / \testo, traduzione e note a cura di Caterina Vassalini ; due
litografie a colori di Enrico Della Torre!, Verona : Editiones Dominicae, 1972, I poeti illustrati
Note Generali: In custodia
Ed. di 160 esempl. num
Pervigilium Veneris / traduzione in versi con testo latino a fronte a cura di Annibale Lattanzi, Milano : Izzo,
1967
Romano, Domenico, La strofe storica del Pervigilium Veneris / Domenico Romano, Palermo : Scuola tip.
Boccone del povero, 1976
Note Generali: Estr. da: Pan : studi di filologia latina, 1976, n. 4.
Pervigilium Veneris ., La veillee de Venus / texte etabli et traduit par Robert Schilling
Edizione: 2. ed, Paris : Les Belles Lettres, 1961
Lamberti, Paolo, Il pervigilium veneris: osservazioni e problemi / Paolo Lamberti, Torino [s.n.!, 1978
Pervigilium Veneris / traduzione di Manlio Dazzi ; con tre disegni di Vittorio Bini, Firenze : Industria
tipografica fiorentina, 1970
Note Generali: Estr. da: Rassegna lucchese, n. 50 (1970)
Pervigilium Veneris ., La veglia di Venere : carme d'ignoto autore / Trad. da T. Poma, Lugano : Cenobio,
1967, Collana di poesie a cura di P. R. Frigeri
Note Generali: Testo lat. con trad. ital. a fronte.
Catullus, Gaius Valerius, Catullus Tibullus and Pervigilium Veneris
Edizione: Further revised and reprinted, London : Heinemann ; Cambridge, Mass. : Harvard University
Press, c1962, The Loeb classical library
Catullus, Gaius Valerius, Catullus, Tibullus and Pervigilium Veneris, London : W. Heinemann ; Cambridge,
Mass. : Harvard university press, 1966, The Loeb classical library
Note Generali: Testo lat. con trad. ingl. a fronte
Pervigilium Veneris veglia di Venere / traduzione di Manlio Dazzi ; con tre disegni di Vittorio Bini, Firenze :
Ind. tip. Florentina, 1970
Note Generali: Descrizione basata su esemplate in fotocopia
Catullus, Gaius Valerius, Catullus Tibullus and Pervigilium veneris, London : Heinemann ; Cambridge, Mass.
: Harvard University Press, 1968, The Loeb classical library
Catullus, Gaius Valerius, Quattro riduzioni dal latino di Valerio Catullo, Pervigilium Veneris, Napoli : L'arte
tipografica, 1966
Pervigilium Veneris ., La Festa notturna di Venere ; La nascita delle rose / a cura di Caterina Vasallini,
Firenze : Fussi Editore, stampa 1947, Il melagrano ; 14
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
22
Ed. di 1500 esempl. num
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Catullus, Gaius Valerius, Catullus, Tibullus and Pervigilium Veneris / \Catullus Gaius Valerius!
Edizione: Repr, Cambridge (Mass.), The Loeb classical library
Note Generali: Testo in lingua inglese a fronte
Pervigilium Veneris ., La Veillee de Venus / texte etabli et traduit par Robert Schilling, Paris : Les belles
lettres, 1944
Pervigilium Veneris e De rosis nascentibus : due poesie latine / seguite dalla versione italiana in versi di
Alessandro Cutolo ed illustrate con cinque litografie di Mario Vellani Marchi, Milano : Libreria antiquiaria
Hoepli, 1954
Pervigilium Veneris ., Pervigilium Veneris / A cura di Domenico Romano, Palermo : G. B. Palumbo, 1952,
Tip. A. Cappugi e F., Testi antichi e medievali per esercitazioniuniversitarie
Pervigilium Veneris : (La festa notturna di Venere) ; [segue:] De rosis nascentibus : (La nascita delle rose) /
[testo latino e traduzione italiana] a cura di Caterina Vassalini, Firenze : F. Fussi, 1947 (Sancasciano Pesa,
Tip. F.lli Stianti), Il melagrano
Pervigilium veneris : La veglia di Venere. Introduzione, testo, commento e traduzione a cura di Raimondo
Sudano, Frosinone : Tip. La Tipografica, 1951
Homerus, Aphrodite : the Homeric hymn to Aphrodite and Pervigilium Veneris / transl. into english by F. L.
Lucas, Cambridge : The univ. press, 1948
Romano, Domenico <prof.>, Pervigilium Veneris / a cura di Domenico Romano, Palermo : Palumbo, 1952
Fa parte di: Testi antichi e medievali per esercitazioni universitarie
Pervigilium Veneris, Carmina ludicra Romanorum : Pervigilium Veneris, Priapea / edidit Egnatius Cazzaniga,
Aug. Taurinorum [etc.] : in aedibus Io. Bapt. Paraviae, 1959, Corpus scriptorum Latinorum Paravianum
Pighi, Giovanni Battista, Problemi del Pervigilium Veneris / G. B. Pighi, Bologna : Azzoguidi, 1951
(Estr. da : Rendiconti delle sessioni della accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna - Classe di
scienze morali, serie 5., vol. 4., 1950-51
Pervigilium Veneris ., Het Nachtfeest van Venus / uit het Latijn vertaald door Nico van Suchtelen ; en met
houtsneden versierd door Pam G. Rueter, Amsterdam : Wereldbibliotheek-Vereeniging, 1946
Pervigilium Veneris ., Carmina ludicra Romanorum : Pervigilium Veneris, Carmen de rosis, Priapeorum
libellus / recensuit, praefatus est, appendicem criticam testimonia adiecit Carolus Pascal, Aug. Taurinorum
[etc.! : in aedibus Io. Bapt. Paraviae, stampa 1918, Corpus scriptorum Latinorum Paravianum ; 17
Catullus, Gaius Valerius, Catullus Tibullus and Pervigilium Veneris
Edizione: Revised ed, London : W. Heinemann ; New York : G. P. Putnam's sons, 1924, The Loeb classical
library
Pervigilium Veneris ., Carmina ludicra Romanorum : Pervigilium Veneris, Carmen de rosis, Priapeorum
libellus / recensuit, praefatus est, appendicem criticam testimonia adiecit Carolus Pascal, Aug. Taurinorum
[etc.] : in aedibus Io. Bapt. Paraviae, stampa 1919, Corpus scriptorum Latinorum Paravianum
Dobson, John F., A study of the Pervigilium Veneris / by J. F. Dobson, Cambridge : University press, 1916,
Classical association ; 6
Pervigilium Veneris / edited with facsims. of the Codex Salmasianus and Codex Thuaneus, an introd.,
translation, apparatus criticus, and explanatory notes by Cecil Clementi, Oxford : Blackwell, 1911
Pervigilium veneris : Carmen de rosis. Recensuit, praefatus est, appendicem criticam, testimonia adiecit
Carolus Pascal
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
23
Edizione: Editio minor, Augustae Taurinorum : In Aedibus I. B. Paraviae Et Soc., 1922, Corpus scriptorum
Latinorum Paravianum
Pervigilium veneris : (La veglia della dea Venere) : carme d'ignoto autore / tradotto e annotato da Arnaldo
Monti, con Appendice critica ; aggiunto un carme di Tiberiano, Torino : Ditta G. B. Paravia e C., 1913,
Collezione di classici latini con note etraduzione a fronte
Pervigilium Veneris ., Pervigilium Veneris / edited with facsimiles of the Codex salmasianus and Thuaneus,
an introduction, translation, appratus criticus, bibliography, and explanatory notes by Cecil Clementi
Edizione: 2. ed, Oxford : Basil Blackwell, 1928
Pervigilium Veneris : Burgers Gedicht / Herausg. von Wolfgang Stammler, Bonn : Weber, 1914, Kleine Texte
fur Vorlesungen und Ubungen
Note Generali: Trad. in versi tedeschi .
Pervigilium Veneris ., Pervigilium Veneris / edited with facsimiles of the codex Salmasianus, codex Thuaneus
and codex Sannazarii, an introduction, translation, apparatus criticus, bibliography, and explanatory notes by
Cecil Clementi
Edizione: 3. edition, Oxford : Basil Blackwell, 1936
Pervigilium Veneris incerti auctoris carmen de vere, the eve of Venus / in latin and in english edited and
translated with a commentary by R. W. Postgate, London : Grand Richards, 1924
Carmina ludicra Romanorum : Pervigilium Veneris, Carmen de rosis, Priapeorum libellus / recensuit,
praefatus est, appendicem criticam testimonia adiecit Carolus Pascal, Augustae Taurinorum [etc.] : In
aedibus Io. Bapt. Paraviae, stampa 1923, Corpus scriptorum Latinorum Paravianum
Zottoli, Giampietro, Pervigilium veneris / Giampietro Zottoli, Salerno : f.lli Jovane, 1904
Poetae minores : Sabinus, Calpurnius, Gratius Faliscus, Nemesianus, Valerius Cato, Vestritius Spurinna,
Lupercus Servastus, Arborius, Pentadius, Eucheria, Pervigilium Veneris / traduits et commentes avec
annotations des precedentes editions colligees, mises a jour et completees par Ernest Raynaud, Paris :
Garnier, 1931, Classiques Garnier
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Pervigilium Veneris ., Pervigilium Veneris / tekst en vertaling met inleiding en Commentaar voorzien door C.
Brakman Jr, Leiden : E. J. Brill, 1928
Note Generali: Testo lat. con trad. oland. a fronte.
Cisorio, Luigi, Il Pervigilium Veneris e il Canto della primavera del Carducci / Luigi Cisorio, Cremona : Tip.
Fezzi, 1903
Note Generali: Estr. da: Il Torrazzo, (1903).
Carmina ludicra romanorum : Pervigilium Veneris, Carmen de rosis, Priapeorum libellus / recensuit,
praefatus est, appendicem criticam testimonia adiecit Carolus Pascal
Edizione: 3. impressio correctior, Aug. Taurinorum etc.! : in aedibus Io. Bapt. Paraviae, stampa 1931
Mueller, Otto, De P. Annio Floro poeta t carmine quod Pervigilium Veneris inscriptum est / dissertatio
inauguralis quam ... in alma litterarum Universitate Friderica Guilelma ... defendet auctor Otto Mueller,
Berolini : typis Gustavi Schade, <post 1855<
Owen, Sidney George, Catullus : with the pervigilium veneris / edited by S. G. Owen ; illustrated by J. R.
Weguelin, London : Lawrence and Bullen, 1893
Ussani, Vincenzo, Vincentii Ussani in Pervigilium Veneris coniecturae
Edizione: Ed. altera, Romae : Typis H. Vogherae, 1896
Piazza, Giuseppe, Studio critico intorno al Pervigilium Veneris / per Giuseppe Piazza ; con versione di Anton
Giulio Barrili e Giosue Carducci, Trani : V. Vecchi, 1889
Note Generali: Con il testo orig
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
24
Pervigilium Veneris ., Veille en l'honneur de Venus / traduction en vers francais par F. E. Callot, Paris : G.
Richard, 1888
Pervigilium Veneris ., La veglia di Venere / per Giuseppe Piazza di Torreselle
Edizione: 2. ed. riv. e ampliata, Torino ; Roma, 1895
Mueller, Otto, De P. Annio Floro poeta et carmine quod Pervigilium Veneris inscriptum est / dissertatio
inauguralis ... Otto Mueller, Berolini : Typis G. Schade, (1855)
Completato per titolo 1850-2005
"Pervigilium Veneris - Castaldi"
Il "Pervigilium Veneris" ("La veglia di Venere") – contenuto nella "Anthologia Latina", una raccolta di
componimenti poetici di età imperiale - è, senza dubbio, il capolavoro della poesia latina del III sec. d.C. .
Strutturato in 10 strofe di lunghezza diseguale (per un totale di 93 tetrametri trocaici), si presenta come un
inno da cantare (presumibilmente da un coro di fanciulle) alla vigilia della festa notturna in onore di Venere
Iblea, alle falde dell’Etna, al ridestarsi della natura al ritorno della primavera.
E’ un carme problematico: per la datazione (che va dal II al IV sec.), per la paternità (Floro?), per
l’interpretazione.
In sé, è un susseguirsi di immagini, che conferiscono al tutto un andamento quasi esaltato: l’inizio della
primavera, l’invito a non lasciarla passare senza aver gustato l’amore, la nascita di Venere dalle onde del
mare, il suo trionfo tra le ninfe, la presenza di Amore, l’invito alla severa Diana perché si allontani e così tutti
(ninfe, fanciulle e fiori) conoscano l’amore, le nozze cosmiche tra l’Etere e la Terra, e di nuovo, la presenza
di Venere fecondatrice e progenitrice dei Cesari.
L’ebbrezza dell’amore e della primavera si smorza, stranamente, alla fine del carme, dove il poeta si
domanda quando mai sarebbe venuta, per lui, la primavera. Nella chiusa del "Pervigilium" deve, dunque,
essere racchiuso il segreto dell’autore e della sua poesia.
L'inno, dunque, è strutturato in vari quadretti intercalati da un "refrain" (ripetuto 11 volte), un voluttuoso e
malinconico invito ad amare: "Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras amet" (" Domani ami chi
mai amò, chi amò domani ami ancora").
Su un sensuale paesaggio, domina la forza della primavera (vengono alla mente Virgilio [Georgiche II, 323345] e Ovidio [Tristia III, 12]) e dell’amore (viene alla mente l’ "Inno alla Venere generatrice" di Lucrezio), ma
con la trepidazione di chi sa che può da un momento all’altro perderlo.
L’anonimo autore riesce ad ottenere effetti di straordinaria musicalità, servendosi di un lessico poetico che
apparentemente vuol essere popolare (come popolare è il tema della festa), ma che in realtà è raffinata e
dotta espressione: nello stile, infatti, troviamo sposati i volgarismi del lessico e della sintassi popolare con
virtuosismi e preziosismi, che rimandano addirittura a Catullo come suo più autorevole modello.
Non solo: nel carme, è profuso a piene mani tutto l’armamentario mitologico (Filomela , Tereo, Bacco, Febo,
Delia, Cerere…), storico (Troiani, Latini, Sabini, Quiriti, Cesare…), geografico (Laurento, Amycla). E,
soprattutto, come visto, c’è un riecheggiamento dei grandi autori della tradizione classica.
Pervigilium Veneris - Riposati
In questa tempèrie neoterizzante un posto particolare occupa il Pervigiltum Veneris, I'operetta adèspota di
incerta datazione, che I'Antholo8tVa Latina ci ha tramandato. Un afflato lucreziano nel, esaltazione di Venere
e un colorito bucolico virgiliano pervadono 1 93 versi, che, in serie dl strofe asimmetriche, riecheggiano,
attra, verso lo snodarsi limpido dei settenari trocaici, un motivo popolaresco dx aspettazione, appannato però
di trepida delusione per il domani: i1 poemetto è rivelatore, in questo, di una inquietudine intellettuale, che un
autore popolare non può avere. II ritornello famoso (Cras amet qui numquam amavit quique amavit cras
amet) sigilla in apertura e in chiusura il poemetto, e, ripetuto undici volte, fa da sipano ai van quadri che
rappresentano il fiorente rigoglio della campagna Iblèa alla vigilia della festa (peTvigiltwam) primaverile dx
Venere Gnitrice.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
25
Carmen de rosis nascentibus
Anonima elegia.
Attribuita da alcuni a Virgilio (Appendix Vergiliana), da altri ad Ausonio. E’ raccolta nell’Anthologia
Latina (646 Riese).
Testi e testimonianze
DE ROSIS NASCENTIBUS
LA NASCITA DELLE ROSE
Ver erat, et blando mordenti a frigore sensu
Spirabat croceo mane revecta dies.
Strictior Eoos praecesserat aura iugales,
Aestiferum suadens anticipare diem.
Errabam riguis per quadrua compita in hortis,
Maturo cupiens me vegetare die.
Vidi concretas per gramina flexa pruinas
Pendere, aut olerum stare cacuminibus,
Caulibus et patulis teretes colludere guttas,
(Et coelestis aquae pondere tunc gravidas).
Vidi Paestano gaudere rosaria cultu,
Exoriente novo roscida Lucifero.
Rara pruinosis canebat gemma frutectis,
Ad primi radios interitura die.
Ambigeres raperetne rosis Aurora ruborem,
An daret, et flores tingueret orta dies.
Ros unus, color unus, et unum mane duorum :
Sideris et floris nam domina una Venus.
Forsan et unus odor; sed celsior ille per auras
Difflatur : spirat proximus iste magis :
Communis Paphie Dea sideris, et Dea floris,
Praecipit unius muricis esse habitum.
Momentum intererat, quo se nascentia florum
Germina conparibus dividerent spatiis.
Haec viret angusto foliorum tecta galero;
Hanc tenui folio purpura rubra notat.
Haec aperit fastigia celsa obelisci,
Mucronem absolvens purpurei capitis.
Vertice collectos illa exsinuabat amictus,
Iam meditans foliis se numerare suis.
Nec mora, ridentis calathi patefecit honorem,
Prodens inclusi semina densa croci.
Haec, modo quae toto rutilaverat igne comarum,
Pallida conlapsis deseritur foliis.
Mirabar celerem fugitiva aetate rapinam;
Et, dum nascuntur, consenuisse rosas.
Ecce et defluxit rutili coma punica floris,
Dum loquor, et tellus tecta rubore micat.
Tot species, tantosque ortus, variosque[novatus
Una dies aperit, conficit ipsa dies.
Conquerimur, Natura, brevis quod gratia florum est:
Ostentata oculis illico dona rapis.
Quam longa una dies, aetas tam longa rosarum;
Cum pubescenti iuncta senecta brevis.
Quam modo nascentem rutilus conspexit Eous,
Hanc rediens sero vespere vidit anum.
Sed bene, quod, paucis licet interitura diebus,
Succedens aevum prorogat ipsa suum.
Collige, virgo, rosas, dum flos novus, et nova
pubes,
Et memor esto aevum sic properare tuum.
[Testo latino di C. Pascal, Corpus Paravianum 1919.]
Disponibile Riese BTL3
Era primavera; e dal freddo frizzante con blandi sensi
spirava il giorno che rinasceva nel dorato mattino.
Un fresco venticello aveva preceduto i cavalli dell'Aurora,
invitando a prevenire il calore del giorno.
Passeggiavo per i sentieri incrociantisi negli orti irrigui,
desideroso di ristorarmi nel giorno imminente.
Vidi la brina, sulle erbe incurvate, gelata
pendere, o star sulla cima degli erbaggi,
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
e sulle aperte brassiche scherzare le gocce rotonde
(allora gonfie e pesanti dell'acqua del cielo.
Vidi lieti i rosai della cultura di Pesto,
rugiadosi al sorgere del novello Lucifero.
Rare biancheggiavano, sugli arbusti coperti di brina, le gemme
destinate a perire ai primi raggi del giorno.
Non sapevi se l'Aurora alle rose rapisse la porpora
o la donasse, e a colorare i fiori fosse il giorno che sorgeva.
Una sola rugiada, un solo colore, di due cose belle un solo mattino:
della stella e del fiore, perché sola signora Venere.
Forse anche un solo profumo: ma più alto quello nell'aria
si disperde; questo spira più da vicino.
La stessa è la Pafia Dea della stella e la Dea del fiore,
e vuole che di una sola porpora sia la loro veste.
Era il momento in cui delle rose i nascenti germogli
si aprivano in uguali distanze.
Una verdeggia coperta. da stretto cappuccio di foglie;
un'altra di foglia sottile la rossa porpora segna.
Una schiude l'alto fastigio del primo obelisco,
liberando la punta del capo purpureo.
Un'altra, dal sommo scioglieva il raccolto ammanto,
già desiderosa di svolgersi in tutti i suoi [petali.
E tosto svelò lo splendore del calice ridente,
densi mostrando i crocei semi racchiusi.
Un'altra, che poco fa aveva brillato in tutto il fuoco della sua chioma,
pallida è abbandonata dai petali caduti.
Contemplavo la rapina veloce nella fuga del tempo,
stupito che mentre nascevano invecchiassero le rose.
Ed ecco la rutilante chioma di un fiore purpureo è caduta
mentre parlo, e la terra coperta di rosso risplende.
Tante specie e tanti nascimenti e variazioni assidue
un solo giorno suscita; lo stesso giorno distrugge.
Ci lamentiamo, o Natura, perché breve è la grazia dei fiori:
appena ai nostri occhi mostrati subito ci rapisci i tuoi doni.
Quanto è lungo un sol giorno tanto è lunga la vita delle rose ;
con la giovinezza breve vecchiaia è congiunta.
Quella che Lucifero rosseggiante vide nascere
a tarda sera tornando trovò già vecchia.
Ma bene, perché, pur destinata a perire in pochi giorni,
nella sua prole rifiorendo prolunga essa il suo tempo.
Cogli, fanciulla, le rose, mentre nuovo è il fiore, e nuova la tua giovinezza,
e ricordati che la tua vita allo stesso modo si affretta.
Trad. C. Vassalini, Firenze, Fussi, 1947. [BCTV]
Bibliografia
Edizioni
Cf. Bibliografia Pervigilium Veneris
F. D’Alessi © 2002
26
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
27
Bettini, 3, 617-18; 638 (testo).
BTL3
Ausonius (dubium) (Decimus Magnus Ausonius [dubium])
Ausonius: c. 310 - c. 394
De rosis nascentibus (Appendix Uergiliana) (= AL 646 R) - s. 4 p.c. (dubium) - uersus
LLA 554.22 - TLL AVSON. Anth. 646
Teubner (A. Riese, 1906) [Anthologia Latina, I,2 No. 646], p. 113-115
- L'autenticità di questo poema è dubbia. L'assegnazione ad Ausonio non si basa sulla tradizione
manoscritta. S. Prete non la riprende nella sua edizione.
Precatio terrae
La Precatio Terrae Matris, composta verosimilmente nella prima metà del III secolo, potrebbe aver
avuto una più tarda rielaborazione che ne ha modificato in parte anche la forma metrica originale in
senari giambici.
In passato la si è voluta attribuire ad Antonio Musa, medico di Augusto.
Testi e testimonianze
PRECATIO TERRAE
Dea sancta Tellus, rerum naturae parens,
quae cuncta generas et regeneras in dies,
quod sola praestas gentibus vitalia,
coeli ac maris diva arbitra rerumque omnium,
per quam silet natura et somnos concipit,
itemque lucem reparas et noctem fugas:
tu Ditis umbras tegis et immensum chaos
ventosque et imbres tempestatesque attines
et, cum libet, dimittis et misces freta
fugasque soles et procellas concitas,
itemque, cum vis, hilarem promittis diem.
Tu alimenta vitae tribuis perpetua fide,
et, cum recesserit anima, in tete refugimus:
ita, quicquid tribuis, in te cuncta recidunt.
Merito vocaris Magna tu Mater Deum,
pietate quia vicisti divom numina;
tuque illa vera es gentium et divom parens,
Testo latino di chi?
F. D’Alessi © 2002
sine qua nil maturatur nec nasci potest;
tu es Magna tuque divom regina es, dea.
Te, diva, adoro tuumque ego numen invoco,
facilisque praestes hoc mihi quod te rogo;
referamque grates, diva, tibi merita fide.
Exaudi me, quaeso, et fave coeptis meis;
hoc quod peto a te, diva, mihi praesta volens.
Herbas, quascumque generat maiestas tua,
salutis causa tribuis cunctis gentibus:
hanc nunc mihi permittas medicinam tuam.
Veniat medicina cum tuis virtutibus:
quidque ex his fecero, habeat eventum bonum,
cuique easdem dedero quique easdem a me
acceperint,
sanos eos praestes. Denique nunc, diva, hoc mihi
maiestas praestes tua, quod te supplex rogo.
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
28
Bibliografia
Edizioni
Minor Latin Poets, 2 voll., Tr. J. W. Duff, A. M. Duff, Cambridge, Mass. -London, Loeb, 1934, riv.
1935, rist. 1982
Anthologia Latina, ed. Riese, n.5
ICCU nulla per Autore Soggetto e titolo Precatio Terrae
Titolo: Florus . Hadrianus . "Pervirgilium Veneris" . Carmina de rosis et de vere . "Cupido amans" .
Nemesianus . Reposianus . Vespa . Pentadius . Precationes . Elegiae in Maecenatem . Modestinus .
Tiberianus . Sulpicius Luperculus , Pisa: in aedibus Giardini editori e stampatori, 1992 , Scriptorum
Romanorum quae extant omnia [Pubblicato con] Pervigilium Veneris [Pubblicato con] Carmina de rosis et
de vere [Pubblicato con] Precationes [Pubblicato con] Elegiae in Maecenatem [Pubblicato con] Cupido
amans
Bettini, 3, 641: importante
Precatio omnium herbarum
La Precatio omnium herbarum "sarebbe stata composta fin dall'inizio in una sorta di prosa ritmica
vagamente vicina alle cadenze del senario" (Bettini).
In passato la si è voluta attribuire ad Antonio Musa, medico di Augusto.
Scheda completa su A.Musa riportata accanto a Celso in 3a
[Su Antonio Musa abbiamo notizie da scrittori tecnici come Plinio, Scribonio Largo, Galeno,
Teodoro Prisciano, Cassio Felice e Marcello Empirico, ma anche da autori non medici: Orazio,
Svetonio e Cassio Dione. Fu medico personale di Augusto, che salvò nel 23 a.C. da una grave
malattia e da cui ebbe l’onore di una statua in bronzo nel Palatium; paraticò una medicina di scuola
dietetica sulle linee dei greci Asclepiade e Temisione; nei cenni che Svetonio raccoglie ai capp. 8183 della Vita Augusti sulla dieta dell’imperatore abbiamo forse riflesso delle teorie di A.M. Fu
autore di una raccolta in più libri di Pharmaka (Medicamenti) di cui restano oggi solo frammenti
(ed. Baldani), ma che ebbero notevole fortuna nell’alto medioevo.] Oltre alla Precatio terrae sono
stati attribuiti Ad A.M. anche il De herba vettonica e la così detta Epistula ad Maecenatem.]
Testi e testimonianze
Bibliografia
Anthologia Latina Riese, n. 6.
Pisa, Giardini, 1992, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
29
ICCU nulla per Autore Soggetto e titolo Precatio omnium herbarum
Florus, Lucius Annaeus, Florus, Hadrianus, Pervigilium Veneris, Carmina de rosis et de vere, Cupido amans,
Nemesianus, Reposianus, Vespa, Pentadius, Precationes, Elegiae in Maecenatem, Modestinus, Tiberianus,
Sulpicius Lupercus, Pisa : Giardini editori e stampatori, 1992, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Bettini, 3, 641.
Optaziano Porfirio, Publilio
Cenni biografici
Nato in Africa tra il 260 e il 270. Senatore pagano, si ingrazia Costantino dedicandogli una raccolta
di carmi figurati.
Nel 322 partecipa alla guerra di Costantino contro i Sarmati.
Fu proconsole di Acaia nel 327, prefetto di Roma nel 329 e 333 (338 Blansdorf).
Morì tra il 333 e il 337.
Opere
Panaegyricus, composto 325. Raccolta di 26 carmi di alto virtuosismo tecnico e metrico, ognuno
dei quali presenta in calce una didascalia tecnica per l'interpretazione del "testo criptato"
presentato dai versi.
Altre composizioni, alcune di dubbia attribuzione.
V. soprattutto il carme XV, come "vetrina" di particolarità metriche.
Versi ropalici.
Versi reciproci o recurrentes.
Versi anaciclici nel carme 81 Riese dell'Anthologia Latina (Anthologia Latina sive poesis Latinae
supplementum, edd. F. Buecheler - A. Riese, pars prior: Carmina in codicibus scripta, 1-2, rec. A.
Riese, Leipzig 1894-19062. Il primo fascicolo è stato edito da D.R. Shackleton Bailey, Stuttgart
1982; la pars posterior, in due fascicoli, comprende i Carmina Latina Epigraphica, ed. F.
Buecheler, 1895-97; Supplementum a cura di E. Lommatsch nel 1926. Strumenti: Concordanze
dei Carmina Latina Epigraphica, edd. P. Colafrancesco - M. Massaro - M.L. Ricci, Bari 1986 e
Concordantiae in Carmina Latina Epigraphica, edd. M. L. Fele - C. Cocco - E. Rossi - A. Flore,
Hildesheim 1988).
Versi acrostici, mesostici e telestici.
Versus intexti.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
30
Testi e testimonianze
Opt., carm. 6. Si indirizza a Costantino dall'eselio
Respice me falso de crimine, maxime Rector,
Exsulis afflictum poena: nam caetera causae,
Nunc objecta mihi, venia venerabile numen
Vince pia, et solito superans fatalia nutu,
Sancte tui vatis Caesar miserere serenus.
Hieron., chron. an. 23 Constantini M.
Porphyrius, misso ad Constantinum insigni volumine, exsilio liberatur.
Fulgent.,Mytholog., 11 de Venere.
Hanc etiam in mari natantem pingunt, quod omnis libido rerum patiatur naufragia. Unde et Porphyrius in
epigrammate:
Nudus, egens, Veneris naufragus in pelago.
Fulgent., de exp. Virg. contin.
Exaltatus quis in superbiam, duplum eliditur. Unde et Porphyrius in epigrammate ait:
Pauxillum Fortuna tibi, res perfida, Quinte,
Extulit in frontem grande supercilium.
Nam ne aliud credam, puteum puto te quoque, Quinte,
Quanto altus magis es, tam mage despiceris.
Beda, de Arte metrica.
Praeterea sunt metra alia perplura, quae in libris centimetrorum simplicibus monstrata exemplis, quisque
cupiet, inveniet. Reperiuntur quaedam et in insigni illo volumine Porphyrii poetae, quo ad Constantinum
Augustum misso, meruit de exsilio liberari. Quae quia pagana erant, nos tangere non libuit.
Opt.Porf., carm. XV
In hac pagina primus versus ex disyllabis partibus orationis constat, secundus ex trisyllabis, tertius ex
tetrasyllabis, quartus ex pentasyllabis. Quintus ex una duabus tribus quattuor quinque syllabis constat qui
dicitur rhopalius, sextus ex quinque partibus orationis, quarum manente ultima ceterae quattuor per vices
ordinem suum mutant. Septimus de octo partibus orationis solus constat, nec bis ullam partem habet, nec
minus aliquam. Octavus per omnes casus declinatur. Nonus ad directum heroicus et reciprocus heroicus est.
Decimus ad directum pentameter et reciprocus pentameter est. Undecimus ad directum hexameter est et
reciprocus nulla adempta littera vel syllaba fit idem pentameter. Duodecimus heroicus est, s tertius decimus
pentameter; dum redeunt, pentameter fit heroicus et heroicus pentameter. Quartus decimus et quintus
decimus ad directum heroici sunt, dum redeunt Sotadici.
Alme, decus mundi summum, rector pius orbis,
Auguste, invicta populos virtute gubernans
iustitia, imperii nationum, Constantine,
effrenatarum moderamine pacificator,
quem divus genuit Constantius induperator,
aurea Romanis propagans saecula nato,
heu nimis ad caelum properans, ni liquerit ille
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
31
aeternum auxilium invictum iustumque piumque,
alme pater patriae, nobis te, maxime Caesar,
Ausoniae decus, o lux pia Romulidum.
Est placitum superis tunc haec in gaudia mundi
perpetuis bene sic partiri munera saeclis;
sidera dant patri, et patris imperium,
sancte, tíbi. Magnae data tu lux aurea Romae.
Ista canit ruris tibi vates ardua metra.
Testo ediz. Polara, Corpus Paravianum, 1973 [Canova]
Opt.Porf., carm. XIV
In hac pagina tricenae quinae litterae sunt. In qua Christi monogrammum rubrica depictum est, per quam a
prima primi versus littera ad ultimam novissimi linea decurrens continet
Summi dei auxilio nutuque perpetuo tutus.
Et a prima ultimi versus ad novissimam primi per oblicum ascendit scriptura haec
Orbem totum pacavii trucidatis tyrannis.
A media littera primi versus usque ad mediani ultimi per directum descendit rubrica continens
Constantinus pius et aeternus imperator.
Inflexio quae Graecam litteram facit habet scripturn per rubricam
Reparator orbis.
SANCTE, DECUS MUNDI AC RERUM SUMMA SALUTIS,
LUX PIA TERRARUM, TE SOLO PRINCIPE SAECLIS
INMENSUM GAUDERE BONIS DATUR. AUREA VENIT
SUMMO MISSA DEO, FUSIS, PATER ALME, TYRANNIS,
INSTITIA IN TERRAS ET GLORIA CANDIDA VERI;
TEQUE DUCE MAGE GRATA FIDES ET IURA RENATA;
TOTAQUE, PERCULSIS INGENTI MOLE TYRANNIS,
ASPERA VIS POSITA EST BELLI. RES ITALA IURE
SCEPTRA DABIT POPULIS. VOTO PIUS ORBIS EOI,
AUGUSTE, INVICTUS MUNDI TRANSIBIS IN ORAS;
TEQUE SUPLEX TOTIS DUCIBUS STIPATA SYENE
ORAT IURA, CUPIT LUCIS SIBI GAUDIA NOSTRAE,
OPTAT, AMAT. FALLAX, EN, PERFIDA TELA FUGARUM
PARTHUS DEPOSUIT; RUIT ORIS UNDIQUE RUBRI
LITORIS AETHERIO E NUTU CERTAMINE AMORIS
MEDUS; ARABS MOX OMNIS OVAT LAUDARE SERENI
ORIS LUSTRA TUI, DAT VERIS, SANCTE, TROPAEIS
HAEC, MAGE FELICES TITULOS, UT VINCAS AMORE
AUREA PERPETUO RESTAURANS SAECULA MUNDO.
INDUS ET AURORAE MILES, QUOS FLUMINE NILUS
TANGIT, FECUNDIS VENTURUS FRUGIFER UNDIS,
ORANTES PIA IURA PETENT; GENS NOBILIS ORTU
AETHIOPES CUNCTI PARENT; OPTATAQUE MUNDO
TEMPORA LAETA DEDIT NOBIS FELICITAS AEVI.
EN, SUPLICES PERSAE IURA SIBI REGIA NOLUNT,
TE DOMINUM MALUNT, FUSI TUA SEMPER ADORANT
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
ORA, SUIS CUPIUNT TOTIS SIBI CEDERE REGNIS.
TU PIUS ET IUSTI VERE MEMOR, INCLITE, LAETIS
DA RESPONSA; BONO SEMPER MITISSIMUS ORBIS
ÍMPERTIRE TUUM CLEMENTER ET ADDITO NUMEN.
SINT MAGE FELICES, PARITER QUOS, ALME, TUERE,
ET REPARATA IUGANS MAESTI DIVORTIA MUNDI,
ORBES IUNGE PARES; DET LEGES ROMA VOLENTIS
PRINCIPE TE IN POPULOS; MITI FELICIUS AEVO
OMNIA LAETENTUR FLORENTIBUS AUREA REBUS.
Sancte, decus mundi ac rerum summa salutis,
lux pia terrarum, te solo principe saeclis
inmensum gaudere bonis datur. Aurea venit
summo missa deo, fusis, pater alme, tyrannis,
institia in terras et gloria candida veri;
teque duce mage grata fides et iura renata;
totaque, perculsis ingenti mole tyrannis,
aspera vis posita est belli. Res Itala iure
sceptra dabit populis. Voto pius orbis Eoi,
Auguste, invictus mundi transibis in oras;
F. D’Alessi © 2002
32
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
33
teque suplex totis ducibus stipata Syene
orat iura, cupit lucis sibi gaudia nostrae,
optat, amat. Fallax, en, perfida tela fugarum
Parthus deposuit; ruit oris undique rubri
litoris aetherio e nutu certamine amoris
Medus; Arabs mox omnis ovat laudare sereni
oris lustra tui, dat veris, sancte, tropaeis
haec, mage felices titulos, ut vincas amore
aurea perpetuo restaurans saecula mundo.
Indus et Aurorae miles, quos flumine Nilus
tangit, fecundis venturus frugifer undis,
orantes pia iura petent; gens nobilis ortu
Aethiopes cuncti parent; optataque mundo
tempora laeta dedit nobis felicitas aevi.
En, suplices Persae iura sibi regia nolunt,
te dominum malunt, fusi tua semper adorant
ora, suis cupiunt totis sibi cedere regnis.
Tu pius et iusti vere memor, inclite, laetis
da responsa; bono semper mitissimus orbis
ímpertire tuum clementer et addito numen.
Sint mage felices, pariter quos, alme, tuere,
et reparata iugans maesti divortia mundi,
orbes iunge pares; det leges Roma volentis
principe te in populos; miti felicius aevo
omnia laetentur florentibus aurea rebus.
7 Verg. Aen. V 113; V 223; VI 232; XII 161; Ov. Trist. I 8, 17; Lucan. III 115-116; Stat. Theb. IV 47 8 Verg.
Aen. I 291 20 Lucr. VI 1114; Verg. Aen. IX 31; Prop. II 28, 18; III 11, 61; Lucan. X 253; Sil. Ital. XVI 36; Stat.
Theb. I 265; Mart. De spect. III 5 27 Verg. Aen. III 121 32 Germ. Phaen. 232-33. 34 Verg. Georg. IV 561562
Testo ediz. Polara, Corpus Paravianum, 1973 [Canova]
Osservazioni
Testo tratto da Internet www.muniucipio.re.it
"L'inizio della poesia figurata è greco. L’epoca alessandrina ne vide la fioritura, ma l’epoca tardo-antica e
medioevale ne conobbe sviluppi importanti e decisivi. La rivalutazione in atto della poesia medioevale
consente di guardare con occhi diversi a questo capitolo di storia letteraria troppo a lungo ignorato. Ci si può
concentrare su tre nomi: Publilio Optaziano Porfirio, Venanzio Fortunato, Rabano Mauro. Optaziano, vissuto
all’epoca dell’imperatore Costantino, autore di un calligramma raffigurante un Organo idraulico, è l’inventore
dei versus intexti, i versi intessuti. “Il principio dei versi intessuti è mutuato dall’acrostico: secondo un senso
che percorre una superficie scritta in direzione non orizzontale. Questa presenza linguistica deve essere
accompagnata da una presenza grafica: il tratteggio deve rilevare con lo spessore della lettera o con il
colore diverso il tracciato del senso secondo. Così ad un effetto linguistico di senso sovrapposto, si unisce
un effetto grafico di rilievo sovrapposto.” (Giovanni Pozzi) “Il senso della tecnica è poi più profondo di quanto
possa sembrare a tutta prima – per l’importanza stessa che avevano le varie tecniche compositive e che
mutavano al mutare delle figure – perché mutavano gli incastri – e si arrivava ad un uso della lingua
esasperatissimo, fino a conquistare quasi il concetto del tutto moderno della lingua come sistema di segni
(pure all’interno di una interpretazione magico – religiosa di questi stessi segni) – un sistema chiuso
all’interno del quale operare per ordinare il reale, per cogliere quasi l’ordine interno delle cose”. Venanzio
Fortunato, vissuto fra il 530 e il 600, “l’ultima voce della poesia latina alle soglie del Medioevo”, nella sua
varia produzione ha anche tre carmi intessuti. Del tutto singolare quello per Siagrio di Autun “dove il primo
esametro fuoriesce dal quadrato della tavola, che misura 33 lettere di altezza per 33 lettere di lunghezza, e
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
34
costituisce una sorta di cordone di 34 lettere, per mezzo del quale la pittura è sospesa al chiodo
rappresentato dalla croce”. Rabano Mauro (Magonza 784ca-856), detto il “praeceptor Germaniae”, segna
con il suo De laudibus Sanctae Crucis un punto d’arrivo: mescola insieme la tecnica del technopaegnion con
quella dei versi intessuti. “I risultati della nuova tecnica sono assai vistosi e affascinanti, perché le figure
ispirate alla croce che affollano il suo libro dimostrano una fantasia pressoché inesauribile, messa al servizio
di una poderosa erudizione e di un sistema simbolico così compatto ed organico da non consentire
possibilità di fuga, e un discorso a parte andrebbe fatto sulla policromia dei carmi di Rabano, contro il
sistema a tre colori previsto dagli altri poeti”.
Internet
Però un simile genere di poesia risale all'antichità classica. A quel tempo era conosciuto col nome di
technopaegnion e usato abilmente dal poeta greco Simmia di Rodi (IV sec. a,C.), che, appunto, riuscì a
rappresentare l'immagine di varie cose (l'uovo, la scure, le ali) disponendo, in un certo ordine, versi di varia
lunghezza. Fra i successivi poeti greci, che si distinsero nel carme figurato, si possono ricordare Dosiada
(inizio del 111 sec. a.C.) per un Altare e Teocrito (nato circa nel 310 a.C.) per la Siringa. Poi il poeta latino
Porfirio Optaziano (IV sec d.C.) trattò anche argomenti di ispirazione cristiana, sia pure in modo piuttosto
evanescente.
Internet
Grande utilizzo se ne fece nella poesia a tendenza allegorica greco-ellenistica, come è testimoniato
nell'Antologia Palatina.
Ripreso in quella tardo-latina lo ritroviamo usato negli argomenti delle commedie plautine (II sec. D.C.), nei
carmi figurati di Publilio Optaziano Porfirio (IV sec.). In epoca latino-cristiana, oltre ai poemetti di
Commodiano, se ne fa un certo uso in composizioni ricalcate da alcuni salmi biblici in cui le iniziali dei versi
si susseguono in ordine alfabetico, quali gli inni di Sedulio e di Venanzio Fortunato.
Bibliografia
Edizioni
PL Migne vol. 19.
E. Kluge, Lepzig 1926.
G. Polara, 2 voll. con comm. e Index verborum, Torino, Paravia, 1973.
G. Polara con tr., Napoli 1976.
Ed. Classici UTET 2004 a cura di G. Polara. controllo.
FPL Blansdorf 1995, pp. 383-84 raccoglie 2 frammenti da Epigrammata, tratti da Fulg., myth.
Studi
W. Ensslin, RE XXII 1, 1935, 273
G. Polara, Ricerche sulla tradizione manoscritta di Optaziano Porfirio, Salerno 1971.
No PHI
Mariotti III, 372; Bettini 3, 613-14. Riposati 690.
ICCU
Titolo: 19: Quarti saeculi poetarum Christianorum, Juvenci, Sedulii, Optatiani, Severi et Faltoniae Probae,
opera omia ... accedunt D. Ausonii Burdigalensis opuscola omnia ..
Edizione: Reimprime d'apres l'ed. orig, Turnholti: Brepols, [1967]
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
35
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed.: Parisiis: Migne, 1846.
Patrologiae cursus completus sive bibliotheca universalis, integra... / accurante J.P. Migne
Titolo: 19: Quarti saeculi poetarum christianorum, Juvenci, Sedulii, Optatiani, Severi et Faltoniae Probae,
opera omnia ...: accedunt D. Ausonii burdigalensis opuscula omnia, tam soluto quam stricto sermone scripta
...: tomus unicus, Parisiis: apud editorem, 1846
Patrologiae cursus completus sive bibliotheca universalis, integra... / accurante J.P. Migne
Publilii Optatiani Porfyrii Carmina / recensuit Iohannes Polara, Aug. Taurinorum: in aedibus Io. Bapt.
Paraviae et sociorum, Corpus scriptorum Latinorum Paravianum
Comprende: 1: Textus adiecto indice verborum
2: Commentarium criticum et exegeticum
P. Optatiani Porfyrii carmina / recensuit et praefata est Elsa Kluge, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1926,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Tiberiano
Cenni biografici
IV secolo (v. Bettini per info). Blansdorf colloca tra III e IV.
Per la datazione si utilizzano con termine ante quem le citazioni nel commento di Servio a Virgilio e
la citazione di Girolamo, che ricorda Tiberiano come vir disertus, prefetto del pretorio in Gallia nel
336.
Opere
Di lui restano pochi frammenti, due titoli di opere perdute (Prometheus e Liber de Socrate).
Con il suo nome sono trasmessi quattro carmi in tetrametri trocaici, in esametri, in endecasillabi
faleci (approfondire).
A lui si attribuisce il Pervigilium Veneris.
Lo si ritiene autore di prosimetra, dialoghi filosofici misti di prosa e poesia sul tipo menippeo.
Testi e testimonianze
Hieron., chron., ann. 335.
Tiberianus vir disertus praefectus praetorio Gallias regit.
Cod. Theod., 3,5,6 e 12,5,1
Cod. Iust., 6,1,6.
Serv., ad Aen. 6,137
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
36
Tiberianus "aurum, quo pretio reserantur limina Ditis".
Serv., ad Aen., 6,532.
Pelagine venis erroribvs actvs? non ad inferos, sed ad locum, in quo inferorum descensus est, id est ad
Avernum, si intra terram sunt inferi. alii altius intellegunt: qui sub terra esse inferos volunt secundum
chorographos et geometras, qui dicunt terram sfairoeidÁ esse, quae aqua et aere sustentatur. quod si est,
ad antipodes potest navigatione perveniri, qui quantum ad nos spectat, inferi sunt, sicut nos illis. hinc est
quod terram esse inferos dicimus, quamquam illud sit, quia novem cingitur circulis.
Tiberianus etiam inducit epistolam vento allatam ab antipodibus, quae habet "superi inferis salutem": qua
occasione tractat reciprocum hoc quod diximus supra. nam prudentiores etiam animas per metemyÚcwsin
dicunt ad alterius climatis corpora transire, nec in eo orbe versari in quo prius fuerunt: unde ait Lucanus
"regit idem spiritus artus orbe alio: longae, canitis si cognita, vitae". sciendum tamen hoc Homericum esse:
nam etiam illic Elpenor similiter Vlixem interrogat.
Fulg., Myth., 3,7.
Vi si cita un “Prometheus”.
Omnes etiam deos Iuppiter ad nuptias dicitur conuocasse illa de causa, quod putarent pagani singulas
partes in homine deos singulos obtinere, ut Iouem caput, Mineruam oculos, Iunonem brachia, pectus
Neptunum, cinctum Martis, renes et inguina Ueneris, pedes Mercurio, sicut Dromocrites in fisiologumenon
scripsit; unde et Homerus ait: g-ommata g-kai g-kephalên g-homoios g-Dii g-terpikeraunôi /
g-Arei g-de g-zônên, g-sternon g-de g-Poseidaôni, /
id est: caput et oculos similis Ioui fulmina delectanti, Marti cingulum et pectus Neptuni; nam et Tiberianus in
Prometheo ait deos singula sua homini tribuisse.
Fulg. Virgil.contin. 97
Vi si cita un liber de Socrate.
Fulg., serm.ant. 56
Il framm. 8 Blansdorf sono 11 vv. citati da Aug., mus. 3,3 P. Migne 32.
Bibliografia
Edizioni
Poetae Latini Minores Baherens, 3, 1881, pp. 263-69.
FPL Blansdorf 1995, pp. 381-383.
U. Zuccarelli, Tiberiano, Napoli 1987 (con tr. it. e commento).
S. Mattiacci, I carmi e i frammenti di Tiberiano, intr., ed. critica e commento, Firenze, Olschki,
1990. Collana Accademia, La Colombaria. Serie studi,
Studi
F. Lenz, RE VI A 1, 1936, 766-77
Bettini 3,770
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
37
Niente BTL3
ICCU
Autore: Florus, Publius Annius
Titolo: Florus. Hadrianus. "Pervirgilium Veneris". Carmina de rosis et de vere. "Cupido amans". Nemesianus.
Reposianus. Vespa. Pentadius. Precationes. Elegiae in Maecenatem. Modestinus. Tiberianus. Sulpicius
Luperculus, Pisa: in aedibus Giardini editori e stampatori, 1992, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Nomi: Florus, Publius Annius Pentadius Tiberianus Reposianus Vespa Modestinus Sulpicius
Lupercus Servasius Nemesianus, Marcus Aurelius Olympius Hadrianus Augustus, P. Aelius
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] Pervigilium Veneris
[Pubblicato con] Carmina de rosis et de vere - Precationes - Elegiae in Maecenatem - Cupido amans
I carmi e i frammenti di Tiberiano: introduzione, edizione critica, traduzione e commento / [a cura di] Silvia
Mattiacci, Firenze: L. S. Olschki, 1990, Studi / Accademia toscana di scienze e lettere La Colombaria
Tiberiano / introduzione, testo, traduzione e commento <di> Ugo Zuccarelli, Napoli: <s.n.>, 1987 (Napoli:
Grafica San Giovanni)
Albino
Cenni biografici
PERCHé COLLOCATO QUI???
Opere
Citazioni di Prisciano da un libro in versi Rerum Romanarum
Secondo la testimonianza di Mario Vittorino scrisse un libro de metris in versi.
Testi e testimonianze
Prisc. GLK 2,7,19
'cui' quoque inveniuntur quidam bisyllabe protulisse per diaeresin, ut Albinus rerum Romanarum I:
Ille, cui ternis Capitolia celsa triumphis /
Sponte deum patuere, cui freta nulla repostos /
Abscondere sinus, non tutae moenibus urbes. /
Bibliografia
FPL Blansdorf 1995, pp. 376-77
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
38
Vespa
Il nome di Vespa ci è tramandato nell'incipit di un Iudicium coci et pistoris iudice Vulcano, di 99
esametri, raccolto nell'Anthologia Latina (Anthologia Latina sive poesis Latinae supplementum,
edd. F. Buecheler - A. Riese, pars prior: Carmina in codicibus scripta, 1-2, rec. A. Riese, Leipzig
1894-19062. Il primo fascicolo è stato edito da D.R. Shackleton Bailey, Stuttgart 1982; la pars
posterior, in due fascicoli, comprende i Carmina Latina Epigraphica, ed. F. Buecheler, 1895-97;
Supplementum a cura di E. Lommatsch nel 1926. Strumenti: Concordanze dei Carmina Latina
Epigraphica, edd. P. Colafrancesco - M. Massaro - M.L. Ricci, Bari 1986 e Concordantiae in
Carmina Latina Epigraphica, edd. M. L. Fele - C. Cocco - E. Rossi - A. Flore, Hildesheim 1988).
La collocazione dell'autore varia dal II al IV secolo.
Si tende comunque a ritenerlo posteriore a Nemesiano e forse anche ad Ausonio.
Visto il carattere scherzoso e di intrattenimento, può essere avvicinato al Testamentum Porcelli.
Testi e testimonianze
Bibliografia
Edizioni
Poetae Latini Minores, ed. Baehrens, 4, pp. 326-30.
Anthologia Latina, ed. Riese, n. 199.
F. Pini, Roma, Gismondi, 1958.
Studi
Niente BTL3
ICCU per Autore Vespa
Florus, Lucius Annaeus, Florus, Hadrianus, Pervigilium Veneris, Carmina de rosis et de vere, Cupido amans,
Nemesianus, Reposianus, Vespa, Pentadius, Precationes, Elegiae in Maecenatem, Modestinus, Tiberianus,
Sulpicius Lupercus, Pisa : Giardini editori e stampatori, 1992, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Vespae Iudicium coci et pistoris / testo traduzione e commento a cura di Francesco Pini
Pubblicazione: Roma : Casa editrice Gismondi, 1958, Opuscula : testi per esercitazioni accademiche
Bettini, 3, 779-71
Riposati 645
Fresche notazioni paesistiche si alternano, nella produzione di Tiberiano, allo sfondo moraleggiante dei suoi
poemetti, mentre a sàpido umorismo popolaresco rispondono i 99 esametri di un Vespa, personaggio
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
39
ipponattèo, che, sulla linea del 'contrasto' di ispirazione neosofistica, tratta di un Iudicium coci et pistoris
iadice Volcano, modulato in una lingua piú spesso artatamente involgarita che preziosamente ricercata: il
poemetto ha pregi inconsueti per l'età sua in ordine a vivacità e disinvoltura di dettato.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
40
La prosa
Testamentum Grunii Corocottae Porcelli
Intorno al 300, testo popolare che fa il verso al linguaggio notarile, con strutture certo non
classiche. Fortuna nella scuola medioevale al pari dei Disticha Catonis.
Bettini colloca metà del IV secolo.
Testi e testimonianze
Hyeron., In Isaiam XII, praef.
Hyeron., Adversus Rufinum, 1, 17
(critiche per futilità)
IntraText
Bibliotheca Augustana
Incipit testamentum porcelli.
M. Grunnius Corocotta porcellus testamentum fecit. quoniam manu mea scribere non potui, scribendum
dictavi.
Magirus cocus dixit:
"veni huc, eversor domi, solivertiator, fugitive porcelle, et hodie tibi dirimo vitam".
Corocotta porcellus dixit:
"si qua feci, si qua peccavi, si qua vascella pedibus meis confregi, rogo, domine coce, vitam peto, concede
roganti".
Magirus cocus dixit:
"transi, puer, affer mihi de cocina cultrum, ut hunc porcellum faciam cruentum".
porcellus comprehenditur a famulis, ductus sub die XVI Kal. Lucerninas, ubi abundant cymae, Clibanato et
Piperato consulibus. et ut vidit se moriturum esse, horae spatium petiit et cocum rogavit, ut testamentum
facere posset. clamavit ad se suos parentes, ut de cibariis suis aliquid dimitteret eis. qui ait:
"patri meo Verrino Lardino do lego dari glandis modios XXX, et matri meae Veturinae scrofae do lego dari
Laconicae siliginis modios XL, et sorori meae Quirinae, in cuius votum interesse non potui, do lego dari
hordei modios XXX. et de meis visceribus dabo donabo sutoribus saetas, rixoribus capitinas, surdis
auriculas, causidicis et verbosis linguam, bubulariis intestina, isiciariis femora, mulieribus lumbulos, pueris
vesicam, puellis caudam, cinaedis musculos, cursoribus et venatoribus talos, latronibus ungulas. et nec
nominando coco legato dimitto popiam et pistillum, quae mecum attuleram: de Thebeste usque ad Tergeste
liget sibi collum de reste. et volo mihi fieri monumentum ex litteris aureis scriptum:
M. Grunnius Corocotta porcellus vixit annis DCCCC . XC . VIIII . S . quod si semis vixisset, mille annos
implesset.
optimi amatores mei vel consules vitae, rogo vos ut cum corpore meo bene faciatis, bene condiatis de bonis
condimentis nuclei, piperis et mellis, ut nomen meum in sempiternum nominetur. mei domini vel consobrini
mei, qui testamento meo interfuistis, iubete signari".
Lardio signavit.
Ofellicus signavit.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
41
Cyminatus signavit.
Lucanicus signavit.
Tergillus signavit.
Celsinus signavit.
Nuptialicus signavit.
explicit testamentum porcelli sub die XVI Kal. Lucerninas Clibanato et Piperato consulibus feliciter.
-----------------------Disponibile BTL3 = ed. F. Bücheler 1963 [Petronii saturae], p. 346-347
Bibliografia
Edizioni
B. Mocci, Innsbruck, 1981 (con comm.).
F. Bücheler 1963 [Petronii saturae], p. 346-347
ICCU
Mocci, Bruno, Testamentum porcelli: Una problematica parodia tardolatina. Introduzione, testo, traduzione,
commento / Bruno Mocci , Innsbruck: [s.n.], 1981
Testamentum porcelli: Text, Ubersetzung und Kommentar: Abhandlung zur Erlangung der Doktorwurde der
Philosophischen Fakultat 1. der Universitat Zurich / vorgelegt von Nikolaus Adalbert Bott , Zurich: Fododruck,
1972
Note Generali: Testo latino con trad. in tedesco.
Bettini 3, 770. Cf. SEMI, III,94
Erudizione varia
Igino
Cenni biografici
Dell’autore delle Genealogiae e delle Fabulae, per alcuni anche degli Astronomica, abbiamo dati
biografici pressochè nulli, solo una collocazione cronologica che può essere quella del II-III secolo
dopo Cristo.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
42
Questo Igino, inoltre, non va confuso con l'omonimo poligrafo liberto di Augusto (vedi), né con
quello, vissuto in epoca traianea, di scritti gromatici (vedi) .
Riporta sotto Igino grammatico.
Ricordato da Svet., gramm.20 ( natione Hispanus etc. per ricerca). Spagnolo o alessandrino,
schiavo. Portato a Roma da Augusto. Seguì l’insegnamento di Alessandro Polyhistor. Diresse la
Biblioteca Palatina. Fu amico di Ovidio.
Per opere attribuite Controllo notizie da Gell. 10,18,5 (serv. Ad Aen. 1,277, 1,530, 3, 553, 8, 600, 7,
638 e Macr., Sat 1,7,19.
Serv., ad Aen. 2,15, 5,389.
Columella, 9,13 8 e 9,2,1 e 9,2, 2; 3,11,18; 11,2,13; 11,3,62.
Plinio 13,14; 16,43; 18, 26.
Macr. Sat. 2,8 e 3,4
Gell. 1,14.
Queste opere suggerirebbero una non incompatibilità tra il grammatico e l’autore delle Fabulae.
Convergenza sul fatto che l’autore delle Fabulae è anche autore degli Astronomica.
Boriaud 1997 pensa che non ci sia nessun elemento in assoluto certo perché l’autore delle
Fabulae non possa essere il grammatico (tant’è che l’incipit dell’edizione è Iulii Hygini Augusti
liberti Fabularum liber)..
Opere
Sotto il nome di Igino è stato tramandato un manuale mitologico composto da due parti, con i titoli
Genealogiae e Fabulae, che raccoglie appunto brevi sintesi (poco meno di 280) delle più
importanti vicende mitologiche antiche.
A questo Igino alcuni critici attribuiscono anche un'altra opera tramandata sotto il medesimo nome,
un manuale astronomico in quattro libri con titolo Astronomica.
Le Fabulae hanno come data ante quem il 207, data in cui sono inserite in epitome negli
Hermeneumata (ps. Dositeo, ed. Goetz, composta appunto 207)
Struttura dell’opera: 1) teogonia in forma genealogica (da cui Genealogie), organizzata in 41 punti,
2) racconti mitologici (da cui Fabulae) inframmezzati da “liste”, 3 serie di catologhi (es. 270 Qui
formosissimi fuerunt, 271, Qui ephebi formosissimi fuerunt, manca 272, 273 Qui primi ludos
fecerunt usque ad Aeneam quintum decimum; 274 Quid quid invenerit; 275 Oppida qui quae
condiderunt; 276 Insulae maximae; 277 Rerum inventores primi.
Da chiarire che dei 277 capitoletti per alcuni abbiamo solo il titolo (es. 262-269)
Osservazioni da ed. Boriaud 1997
La fabula può limitarsi a una lista, a un catalogo o auna genealogia.
Testi e testimonianze
EXCERPTA EX HYGINI GENEALOGIIS, VOLGO FABVLAE. (testo di chi?)
Ex Caligine Chaos: ex Chao et Caligine Nox Dies Erebus Aether. ex Nocte et Erebo Fatum Senectus Mors
Letum Continentia Somnus Somnia <Amor> id est Lysimeles, Epiphron dumiles Porphyrion Epaphus
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
43
Discordia Miseria Petulantia Nemesis Euphrosyne Amicitia Misericordia Styx; Parcae tres, id est Clotho
Lachesis Atropos; Hesperides, Aegle Hesperie aerica.
Ex Aethere et Die Terra Caelum Mare.
Ex Aethere et Terra Dolor Dolus Ira Luctus Mendacium Iusiurandum Vltio Intemperantia Altercatio Obliuio
Socordia Timor Superbia In<c>estum Pugna Oceanus Themis Tartarus Pontus; et Titanes, Briareus Gyges
Steropes Atlas Hyperion et <P>olus, Saturnus Ops Moneta Dione; Furiae tres, id est Alecto Megaera
Tisiphone.
AE<E>TA.
Ae<e>tae Solis filio erat responsum tam diu eum regnum habiturum quamdiu ea pellis quam Phrixus
consecrauerat in fano Martis esset.
itaque Ae<e>ta Iasoni hanc simultatem constituit, si uellet pellem auratam auferre, tauros aeripedes qui
flammas naribus spirabant iungeret adamanteo iugo, et araret dentesque draconis ex galea sereret, ex
quibus gens armatorum statim enascere[n]tur et se mutuo interficeret.
Iuno autem Iasonem ob id semper uoluit seruatum quod, cum ad flumen uenisset uolens hominum mentes
temptare, anum se simulauit et rogauit ut se transferre<n>t; cum ceteri qui transierant despexissent, ille
transtulit eam. itaque cum sciret Iasonem sine Medeae consilio imperata perficere non posse, petit a Venere
ut Medeae amorem iniceret. Iason a Medea Veneris impulsu amatus est; eius opera ab omni periculo
liberatus est. nam cum tauris arasset et armati essent enati, Medeae monitu lapidem inter eos abiecit; illi
inter se pugnantes alius alium interfecerunt. dracone autem uenenis sopito, pellem de fano sustulit, in
patriamque cum Medea est profectus.
Bibliografia
Edizioni
Astronomica
B. Bunte, Leipzig 1875.
A. Le Boeuffle, Paris 1983.
M.F. Vitobello, Bari 1988 (tr.it)
Ghislaine Viré, Stuttgard- Leipzig 1992.
Trad. parz. D. Piermattei, Fabulario delle stelle, Sellerio,1996
Mitografia (Fabulae)
M. Schmidt, Jena, Dufft, 1872
H.J. Rose, Leiden, A.W.Sythoff, 19331,19632, 1967.
Peter K. Marshall, Leipzig,1993, 2002.
J.-Y. Boriaud, Paris, Les Belles Lettres, 1997.
C. Iulius Hyginus, historicus et mitographus, Ed.??, Pisa 1976, Script. Roman. Quae manserunt
omnia.
Traduzioni
Miti, a cura di G. Guidorizzi, Milano: Adelphi, 2000, Biblioteca Adelphi.
Strumenti
M. Chiabò, L. Roberti, Index verborum Hygini De astronomia, Hildesheim 1990.
M. Chiabò, L. Roberti, Hygini Fabularum - Index verborum., Hildesheim 2001.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
44
Studi
Per una sintesi di insieme sulla mitografia in Grecia e a Roma v. S. Fasce, s.v. Mitografi, in
Dizionario degli scrittori greci e latini, 2, Milano, Marzorati, 1987, pp. 1367-1373.
ICCU Per Soggetto
Niente per Hyginus
ICCU per Autore Hyginus + Astronomica
Astronomica veterum scripta isagogica Graeca & Latina. Auct. Graeci, Procli Sphaera. Arati Solensis
Phaenomena, & Prognostica. Leontius Mechanicus de constructione Arateae Spaerae ... Latini. Aratea
Phaenomena com poetica interpretatione. M.T. Ciceronis, Festi Rufi Auieni, Germanici Caes., cum
commentariis incerti auct. Veterum poetarum Fragmenta astronomica. C. Iuli Hygini Poeticon astronomicon ,
\Heidelberg!: in officina Sanctandreana, 1589
Hygini Astronomica ex codicibus a se primum collatis / recensuit Bernhardus Bunte; accedunt prolegomena,
commentarius, excerpta ex codicibus, index, epimetron , Lipsiae: In aedibus T. O. Weigeli, 1885
ICCU per Autore Hyginus + Fabulae
Fabulae / Hyginus; edidit Peter K. Marshall
Edizione: 2. Ed , Monachii; Lipsiae, 2002, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Fabulae: Sagen der Antike / Hyginus; Ausgewahlt und ubersetzt von Franz-Peter Waiblinger, Munchen:
Deutscher Taschenbuch Verlag, c1996
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Fables / Hygin; texte etabli et traduit par Jean-Yves Boriaud , Paris: Les belles Lettres, 1997 , Collection des
universites de France. Ser.latine
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Fabulas / Higino; traduccion de Santiago Rubio Fernaz , Madrid: Ediciones Clasicas, 1997 , Coleccion de
Autores latinos
Miti / Igino; a cura di Giulio Guidorizzi , Milano: Adelphi, \2000! , Biblioteca Adelphi; 398
Breen, Anthony Bernard, The Fabulae Hygini reappraised: a reconsideration of the content and comp ilation
of the work / by Anthony Bernard Breen , Ann Arbor, MI
Note Generali: Thesis ... University of Illinois at Urbana-Champaign, 1991
Hygini Fabulae / edidit Peter K. Marshall , Stutgardiae; Lipsiae, 1993 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Fabulae: recensuit, prolegomenis, commentario, appendice instruxit H.I. Rose
Edizione: Ed. altera , Lugduni Batavorum: Sythoff, 1963
Hygini Fabulae / recensuit, prolegomenis commentario appendice instruxit H.I. Rose
Edizione: Editio tertia immutata , Lugduni Batavorum: in aedibus Sijthoff, 1967
Hygini fabulae / recensuit, prolegomenis commentario appendice instruxit H.I.Rose
Edizione: Editio altera immutata , Lugduni Batavorum: in aedibus A.W.Sythoff, 1963
Fabulae: recensuit, prolegomenis, commentario, appendice instruxit / Herbert Jennings Rose , Lugduni
Batavorum: Sythoff, <19..>
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
45
Fabulae / edidit M. Schmidt , Jenae: Dufft, 1872
Hygini Fabulae / edidit Mauricius Schmidt , Jenae: Apud Hermannum Dufft, 1872
Censorino
Cenni biografici
Quasi nulla si sa della sua vita.
Opere
Fu scrittore di opere grammaticali (Cassiodoro cita un de accentibus, Prisciano lo definisce
doctissimus in materia) che non ci sono pervenute.
Del 238 è il De die natali, dedicato a Quinto Cerellio, un cavaliere della provincia per altri versi
sconosciuto, forse patronus di Censorino; l'opera è mutila nella parte conclusiva.
La prima parte (capp. 1-15) esamina il rapporto tra l'uomo e il suo dies natalis, la seconda il
calendario e le divisioni del tempo presso diverse popolazioni.
Il genius individuale riveste un ruolo importante nell'esistenza dell'uomo e deve essere quindi
propiziato con pratiche particolari.
Tra le fonti utilizzate, soprattutto nella seconda parte, Varrone e Svetonio; certo Censorino
conosce anche una tradizione encomiastica greca di epoca imperiale abbastanza ampia
sull’argomento, ma non la utilizza: il suo trattatello, tranne qualche capitolo di dedica ha ben poco
di encomiastico ed è più che altro espressione di una ricerca erudita, antiquaria, filosofica e
religiosa.
Con il nome di Fragmentum Censorini è stato tramandato un trattatello in cui si parla di
astronomia, geometria, musica e metrica latina, con un'evidente mescolanza di elementi e
interessi scientifici e grammaticali.
Testi e testimonianze
Cassiod., inst., 2,1
Sed quamvis auctores temporum superiorum de arte grammatica ordine diverso tractaverint, suisque
saeculis honoris decus habuerint, ut Palemon, Phocas, Probus et Censorinus, nobis tamen placet in medium
Donatum deducere, qui et pueris specialiter aptus et tyronibus probatur accommodus; cuius gemina
commenta reliquimus, ut, supra quod ipse planus est, fiat clarior dupliciter explanatus.
Cassiod., inst., 2,5,1
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
46
Invenimus etiam Censorinum, qui ad Quintum Cerellium scripsit de Natali eius die, ubi de musica disciplina
vel de alia parte mathesis non neglegenda disseruit; quoniam utiliter legitur, ut res ipsae penetrabilius
animae frequenti meditatione condantur.
Abbiamo constatato che anche Censorino ha indirizzato a Quinto Cerellio un’opera intitolata Sul giorno della
sua nascita, ove ha svolto argomenti non disprezzabili sulla musica e su un altro ambito culturale. E’ utile
leggerla affinchè gli stessi argomenti attraverso una frequente meditazione si custodiscano nelle parti più
intime della mente.
Trad. M. Donnini.
Cassiod., inst., 2,5,10
Censorinus quoque de accentibus voci nostrae adnecessariis subtiliter disputavit pertinere dicens ad
musicam disciplinam; quem vobis inter ceteros transscriptum reliqui.
Anche Censorino ha trattato in modo sottile sugli accenti che sono del tutto necessari alla nostra voce,
affermando che essi hanno attinenza con la musica. Ho lasciato una copia di quest’opera per voi assieme ad
altre opere.
Trad. M. Donnini.
Cassiod., inst., 2,6,1
Unde Censorinus in libro quem scripsit ad Quintum Cerellium, spatia ipsa caeli terraeque ambitum per
numerum stadiorum distincta curiositate descripsit; quem si quis recensere voluerit, multa philosophorum
mysteria brevi lectione cognoscit.
Di qui Censorino, nel libro che ha dedicato a Quinto Cerellio, ha descritto con accuratezza gli spazi del cielo
e la circonferenza della terra in stadi. Se qualcuno desidera prendere in esame questo libro, conoscerà con
una breve lettura molti segreti dei filosofi.
Trad. M. Donnini, Roma, Città Nuova, 2001. [BCTV]
Prisc., II K, p.13, 16-20
Sid. Apoll. epist. 3, carm. 14
De die natali ad Q. Caerellium
IntraText CT - Text
Capp. III. Il Genio.
3. Sed et hoc a quibusdam saepe quaesitum solvendum videtur, qui sit genius, curve eum potissimum suo
quisque natali veneremur. Genius est deus, cuius in tutela ut quisque natus est vivit. Hic sive quod ut
genamur curat, sive quod una genitur nobiscum, sive etiam quod nos genitos suscipit ac tutatur, certe a
genendo genius appellatur. Eundem esse genium et larem multi veteres memoriae prodiderunt, in quis etiam
Granius Flaccus in libro, quem ad Caesarem de indigitamentis scriptum reliquit. Hunc in nos maximam quin
immo omnem habere potestatem creditum est. Nonnulli binos genios in his dumtaxat domibus, quae essent
maritae, auctores putaverunt; Euclides autem Socraticus duplicem omnibus omnino nobis genium dicit
adpositum, quam rem apud Lucilium in libro saturarum XVI licet cognoscere. Genio igitur potissimum per
omnem aetatem quotannis sacrificamus, quamquam non solum hic sed et alii sunt praeterea dei conplures
hominum vitam pro sua quisque portione adminiculantes, quos volentem cognoscere indigitamentorum libri
satis edocebunt. Sed omnes hi semel in uno quoque homine numinum suorum effectum repraesentant,
quocirca non per omne vita spatium novis religionibus arcessuntur: genius autem ita nobis adsiduus
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
47
observator adpositus est, ut ne puncto quidem temporis longius abscedat, sed ab utero matris acceptos ad
extremum vitae diem comitetur. Sed cum singuli homines suos tantum modo proprios colant natales, ego
tamen duplici quotannis officio huiusce religionis adstringor: nam cum ex te tuaque amicitia honorem
dignitatem decus adque praesidium cuncta denique vitae praemia recipiam, nefas arbitror, si diem tuum, qui
te mihi in hanc lucem edidit, meo illo proprio neclegentius celebravero: ille enim mihi vitam, hic vitae fructum
adque ornamentum pepererunt.
1. II Genio è il dio sotto la cui protezione ogni uomo vive dal momento della nascita. Questo dio, o perché
provvede alla nostra nascita, o perché nasce insieme a noi, o anche perché ci accoglie alla nascita e ci
custodisce, deriva senza dubbio il nome Genio da «generare». [2]. Molti autori antichi hanno scritto che il
Genio e il Lare sono lo stesso dio: tra di essi è anche Grannio Flacco nell'opera sugli indigitamenti dedicata
a Cesare. Si credette che il Genio avesse su di noi un potere grandissimo, anzi, un potere assoluto. [3].
Alcuni pensarono che dovessero essere onorati due Geni, ma soltanto nelle case abitate dagli sposi;
Euclide, discepolo di Socrate, sostiene invece che tutti noi siamo sottomessi a due Geni, è possibile
apprendere questa nozione dal libro XVI delle «Satire» di Lucilio. Perciò offriamo ogni anno un sacrificio
particolare al Genio durante tutta la nostra vita [4]; per quanto non solo questo dio, ma numerose altre
divinità ancora prestino aiuto alla vita umana, ciascuna in rapporto al proprio ambito di intervento; i libri degli
indigitamenti daranno notizie adeguate a chi vorrà conoscerle. Tutte queste divinità, però, esercitano una'
sola volta nella vita di un uomo la virtù della loro potenza, perciò non vengono invocate per tutto il corso
della vita con pratiche di culto annuali"; [5]. il Genio, invece, ci è stato posto accanto come un custode tanto
fedele che non si allontana nemmeno per un attimo da noi, ma, avendoci accolto quando siamo venuti alla
luce, ci accompagna fino all'ultimo giorno di vita. Ma se gli altri uomini solennizzano soltanto il proprio
genetliaco, io sono invece tenuto ogni anno a due celebrazioni di questo culto: [6]. e appunto, poiché io devo
a te e alla tua amicizia onore, dignità, lustro e tutela, tutti i beni della vita dunque, ritengo sacrilego
solennizzare con minore cura del mio genetliaco il giorno che, per mia fortuna, ti diede i natali, perché, se il
mio mi ha dato la vita, il tuo mi ha dato quello che la sostiene e la orna.
Trad. V. Fontanella, Bologna, Zanichelli, 1992 [BCTv]
Disponibile BTL3= Teubner (N. Sallmann, 1983), p. 1-60
Bibliografia
Edizioni
F. Hultsch, Leipzig 1867.
De die natali liber ad Q. Caerellium. Accedit cuiusdam epitoma disciplinarum (Fragmentum
Censorini), ed. K. Sallmann, Leipzig 1983.
Il giorno natalizio, Carmelo A. Rapisarda, Catania: CUECM, 1981
C.A. Rapisarda, Bologna, Patron, 1991, Edizioni e saggi universitari di filologia classica (con
comm.)
Il giorno natalizio, 2 voll., a cura di Valter Fontanella, Zanichelli, Poeti e Prosatori latini (110-11).
1992-93.
Studi
ICCU
Il giorno natalizio / Censorino; introduzione, traduzione e note a cura di Valter Fontanella, Bologna:
Zanichelli, c1992-1993, 2 v. Collezione: Prosatori di Roma
Censorini De die natali liber ad Q. Caerellium / prefazione, testo critico, traduzione e commento a cura di
Carmelo A. Rapisarda, Bologna: Patron, 1991 , Edizioni e saggi universitari di filologiaclassica
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
48
Censorini De die natali liber / recensuit Fridericus Hultsch, Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1867 ,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Betrachtungen zum Tag der Geburt: mit deutscher Ubersetzung und Anmerkungen / Censorinus;
herausgegeben von Klaus Sallmann, Weinheim: VCH, Acta Humaniora, 1988
Censorini De die natali liber ad Q. Caerellium; accedit anonymi cuiusdam epitoma disciplinarum
(Fragmentum Censorini) / edidit Nicolaus Sallmann, Leipzig: B. G. Teubner, 1983 , Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] Fragmentum Censorini
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Le jour natal / Censorinus; traduction annotee par Guillaume Rocca-Serra, Paris: J. Vrin, 1980 , Histoire des
doctrines de l'antiquiteclassique
Il giorno natalizio / Censorino; testo criticamente stabilito e traduzione italiana a cura di Carmelo A.
Rapisarda, Catania: CUECM, 1981
Note Generali: In testa al front.: Istituto Universitario di Magistero, Catania.
ICCU per Fragmentum Censorini
Censorini De die natali liber : ad Q. Caerellium : accedit anonymi cuiusdam epitoma disciplinarum
fragmentum censorini / edidit Nicolaus Sallmann
Pubblicazione: Leipzig : Teubner, 1983
Collezione: Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Autore: Censorinus
Titolo: Censorini ad Q. Caerellium De die natali. Lud. Carrione recensente, augente, & pristino ordini suo
restituente. Eiusdem argumenti fragmentum incerti scriptoris antea cum eodem Censorini de die natali libro
continenter impressum, nunc vero ab eodem Lud. Carrione separatum, corretiusque & capitibus aliquot ex
veteri libro additis auctius editum
Pubblicazione: Noua editio
Descrizione fisica: Lutetiae : apud Aegidium Beysium sub signo Lillij albi, via Iacobaea, 1583. [Editore] Beys, Gilles
"Censorino - Treccani",
Censorino. Erudito latino del sec. III d.C., autore di un'opera intitolata De die natali (Il giorno natalizio), in cui
col pretesto di trattare il genetliaco come circostanza adatta ad offrire pegni di sincera amicizia, imposta lo
schema di una enciclopedia a carattere naturalistico. Per ogni individuo esiste, secondo C., un genio che lo
assiste, il quale deve perciò essere opportunamente invocato.
Censorino - Riposati
Notizie antiquarie, connesse con la nascita del genere umano e con le relative età dell'uomo, sono contenute
nel De die natali del grammatico C e n s o r i n o; è un'opera (purtroppo mútila verso la fine) di interessi
molteplici, persino religiosi ed astrològici, non priva di dottrina, con sensibili echi ed influssi di Varrone e di
Svetonio (3).
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
49
Gaio Giulio Solino
Cenni biografici
Visse probabilmente tra la metà e la fine del III secolo, anche se qualcuno propone una datazione
più tarda al IV secolo.
Opere
La sua opera, organizzata in 56 capitoli, porta come titolo Collectanea rerum memorabilium, anche
se la tradizione medievale, particolarmente ampia, preferisce Polyhistor.
L'opera si apre con una storia di Roma dal periodo monarchico ad Augusto; si estende poi alla
trattazione delle altre regioni del mondo abitato, seguendo un ordine espostivo che ruota sul
Mediterraneo in senso antiorario.
Si tratta di una ricca, spesso inesatta compilazione, soprattutto da Plinio il Vecchio, ma anche da
Svetonio, Pomponio Mela e altre opere oggi perdute: ad attrarre Solino sono curiosità relative a
popoli, costumi, piante e animali.
Testi e testimonianze
I. De origine urbis Romæ et temporibus ejus, de diebus intercalaribus, de genitura hominis, et his quæ
memorabilia in hominibus fuere, de alectorio lapide.
Sunt, qui videri velint, Romæ vocabulum ab Evandro primum datum, quum oppidum ibi offendisset, quod
extructum antea Valentiam dixerat juventus Latina: servataque significatione impositi prius nominis, Romam
Græce Valentiam nominatam: quam Arcades quoniam in excelsa habitassent parte montis, derivatum
deinceps ut tutissima urbium arces vocarentur. Heraclidi placet, Troja capta quosdam ex Achivis in ea loca,
ubi nunc Roma est, devenisse per Tiberim, deinde suadente Rome, nobilissima captivarum, quæ his comes
erat, incensis navibus, posuisse sedes, instruxisse mœnia, et oppidum ab ea Romen vocavisse. Agathocles
scribit Romen non captivam fuisse, ut supradictum est; sed ab Ascanio natam, Æneæ neptem, appellationis
istius causam fuisse. Traditur etiam proprium Romæ nomen, et verum magis, quod nunquam in vulgum
venit, sed vetitum publicari, quandoquidem quo minus enuntiaretur, cerimoniarum arcana sanxerunt, ut hoc
pacto noticiam eius aboleret fides placite taciturnitatis. Denique Valerius Soranus, quod contra interdictum id
eloqui ausus foret; ob meritum profanæ vocis neci datum. Inter antiquissimas sane religiones sacellum
colitur Angeronæ, cui sacrificatur ante diem duodecimum kalendarum januariarum: quæ diva præsul silentii
istius prænexo obsignatoque ore simulachrum habet.
De temporibus Urbis conditæ ambiguitatum quæstiones excitavit, quod quædam ibi multo ante Romulum
culta sint. Quippe ante aram Hercules, quam voverat, si amissas boves reperisset, punito Caco, Patri
Inventori dicavit. Qui Cacus habitavit locum, cui Salinæ nomen est, ubi Trigemina nunc porta. Hic ut Gellius
tradit, quum ab Tarchone Tyrreno, ad quem legatus venerat missu Marsyæ regis, socio Megale Phryge,
custodiæ foret datus, frustratus vincula, et unde venerat redux, præsidiis amplioribus occupato circa
Vulternum et Campaniam regno, dum attrectat etiam quæ concesserant in Arcadum jura, duce Hercule, qui
tunc forte aderat, oppressus est. Megalen Sabini receperunt, disciplinam augurandi ab eo docti.
Suo quoque numini idem Hercules instituit aram, quæ Maxima apud pontifices habetur, quum se ex
Nicostrata, Evandri matre, quæ a vaticinio Carmentis dicta est, immortalem comperisset fore: conseptum
etiam intra quod ritus sacrorum, factis bovicidiis, docuit Potitios. Hoc sacellum Herculi in boario foro est, in
quo argumenta et convivii et majestatis ipsius remanent: nam divinitus illo neque canibus neque muscis
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
50
ingressus est. Et enim cum viscerationem sacricolis daret, Myagrum deum dicitur imprecatus; clavam vero in
aditu reliquisse, cuius olfactum refugerent canes; id usque nunc durat.
Aedem etiam quæ Saturni ærarium fertur, comites ejus condiderunt in honorem Saturni, quem cultorem
regionis illius cognoverunt extitisse. Iidem et montem Capitolinum Saturnium nominaverunt. Castelli quoque,
quod excitaverant, portam Saturniam apellaverunt, quæ postmodum Pandana vocitata est. Pars infima et
Capitolini montis habitaculum Carmenti fuit, ubi et Carmentis nunc fanum est, a qua Carmentali portæ
nomen datum est. Palatinum nemo dubitaverit, quin Arcades habeat auctores, a quibus primum Pallanteum
oppidum: quod aliquandiu Aborigines habitatum, propter incomodum vicinæ paludis, quam præterfluens
Tiberis fecerat, profecti Reate, postmodum reliquerunt. Sunt, qui velint a balatibus ovium mutata littera, vel a
Pale pastorali dea, aut, ut Silenus probat, a Palantho Hyperborei filia, quam Hercules ibi compresisse visus
est, nomen monti adaptatum. Sed quamquam ista sic congruant palam est, prospero illi augurio deberi
Romani nominis gloriam, maxime quum annorum ratio faciat cardinem veritati: nam ut affirmat Varro, auctor
diligentissimus, Romam condidit Romulus, Marte genitus et Rhea Silvia: vel, ut nonnulli, Marte et Ilia:
dictaque est primum Roma Quadrata, quod ad æquilibrium foret posita.
Ea incipit a silva, quæ est in area Apollinis, et ad supercilium scalarum Caci habet terminum, ubi tugurium
fuit Faustuli. Ibi Romulus mansitavit qui auspicato murorum fundamenta jecit duodeviginti natus annos,
undecimo kalendas maias, hora post secundam ante tertiam plenam: sicut Lucius Tarruntius prodidit,
mathematicorum nobilissimus, Jove in piscibus, Saturno, Venere, Marte, Mercurio in Scorpione, Sole in
Tauro, Luna in Libra constitutis. Et observatum deinceps, ne qua hostia Parilibus cæderetur, ut dies ista a
sanguine purus esset, cujus significationem de partu Iliæ tractam volunt. Idem Romulus regnavit annos
septem et triginta. De Cæninensibus egit primum triumphum, et Acroni regi eorum detraxit spolia, qua Jovi
Feretrio primus suspendit, et opima dixit. Rursum de Antemnatibus triumphavit. De Veientibus tertio. Apud
Capreæ paludem nonis quintilibus apparere desiit. Ceteri reges quibus locis habitaverunt, dicemus. Tatius in
arce, ubi nunc est ædes Junonis Monetæ: qui anno quinto, postquam ingressus Urbem fuerat, a Laurentibus
interemptus, septima et vicesima olympiade hominem exivit. Numa in colle primum Quirinali. Deinde propter
ædem Vestæ in Regia, quæ adhuc ita appellatur: qui regnavit annis tribus et quadraginta, sepultus sub
Janiculo. Tullus Hostilius in Velia, ubi postea deum Penatium ædes facta est: qui regnavit annos duos et
triginta, obiit olympiade quinta et tricesima. Ancus Martius, in summa Sacra via, ubi ædes Larum est: qui
regnavit annos quatuor et viginti, obiit olympiade prima et quadragesima. Tarquinius Priscus ad Mugoniam
portam supra summam Novam viam: qui regnavit annos septem et triginta. Servius Tullius Esquiliis supra
clivum Urbium: qui regnavit annos duos et quadraginta. Tarquinius Superbus, et ipse Esquiliis supra clivum
Pullium ad Fagutalem lacum: qui regnavit annos quinque et viginti.
Cincio Romam duodecima olympiade placet conditam; Pictori octava; Nepoti et Lutatio, opinionem
Erathostenis et Appollodori comprobantibus, olympiadis septimæ anno secundo: Pomponio Attico et M.
Tullio olympiadis sextæ anno tertio. Collatis igitur nostris et Græcorum temporibus, invenimus, incipiente
olympiade septima Romam conditam, anno post Ilium captum quadringentesimo tricesimo tertio. Quippe
certamen Olympicum, quod Hercules in honorem atavi materni Pelopis ediderat, intermissum Iphitus Eleus
instauravit, post excidium Trojæ, anno quadringentesimo ocatavo. Ergo ab Iphito numeratur olympias prima.
Ita sex mediis olympiadibus interjectis, quibus singulis anni quaterni imputantur cum septima cœptante,
Roma condita sit, inter exortum Urbis et Trojam captam, jure esse annos quadringentos et triginta tres
constat. Huic argumento illud accedit, qui cum Caius Pompeius Gallus et Quintus Verannius Urbis conditæ
anno octingentesimo primo fuerint consules, consulatu eorum olympias septima et ducentesima actis
publicis annotata est. Quarter ergo multiplicatis sex et ducentis olympiadibus erunt anni octingenti viginti
quatuor, quibus de septimæ olympiade annectendus primus annus est, ut in solido colligantur octingenti
viginti quinque. Ex qua summa detractis viginti annos, et quatuor olympiadum retro sex, manifeste anni
octingenti et unus reliqui fient. Quapropter cum octingentesimo primo anno Urbis conditæ ducentesima
septima olympias computetur, par est Romam septimæ olympiadis anno primo credi conditam. In qua
regnatum est annis ducentis quadraginta tribus.
Decemviri creati anno trecentesimo secundo. Primum Punicum bellum anno quadringentesimo octogesimo
nono. Secundum quingentesimo tricesimo quinto. Tertium sexcentesimo quarto. Sociale sexcentesimo
sexagesimo secundo. Ad Hircium et Caium Pansam consules anni septingenti et decem: quorum consulatu
Cæsar Augustus est consul creatus, octavum decimum annum agens: qui principatum ita ingressus est, ut
vigilantia illius uon modo securum, verum etiam tutum imperium esset. Quod tempus ferme solum repertum
est, quo plurimum et arma cessaverint, et ingenia floruerint, scilicet ne inerti justitio languerent virtutis opera,
bellis quiescentibus.
Tunc ergo primum cursus anni perspecta ratio est, quæ a rerum origine profunda caligine tegebatur. Nam
ante Augustum Cæsarem incerto modo annum computabant, qui apud Ægyptios quatuor mensibus
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
51
terminabatur, apud Arcadas tribus, apud Acarnanas sex, in Italia apud Lavinios tredecim, quorum annus
trecentis septuaginta et quatuor diebus ferebatur. Romani initio annum decem mensibus computaverunt, a
Martio auspicantes, adeo ut ejus die prima de annis vestalibus ignes accenderent, mutarent veteribus virides
laureas, senatus et populus comitia agerent, matronæ servis suis cœnas ponerent, sicuti Saturnalibus
domini: illæ, ut per honores promptius obsequium provocarent; hi quasi gratiam repensarent perfecti laboris:
maximeque hunc mensem principem testatur fuisse, quod qui ab hoc quintus erat, quintilis dictus est, deinde
numero decurrente, december solemnem circuitum finiebat intra diem trecentesimum quartum: tunc enim
iste munerus explebat annum, ita ut sex menses tricenum dierum essent, quatuor reliqui tricenis et singulis
expedirentur. Sed quum ratio illa ante Numam a luna cursu discreparet, lunari computatione annum
peræquarunt, quinquaginta et uno die auctis. Ut ergo perficerent duodecim menses, de sex mensibus
superioribus detraxerunt dies singulos, eosque quinquaginta istis et uno diebus adnexuerunt, factique
quinquaginta septem divisi sunt in duos menses, quorum alter novem et viginti, alter octo et viginti dies
detinebant. Sic annus habere quinque atque quinquaginta et trecentos dies cœpit. Postmodum, quum
perspicerent, temere annum clausum intra dies, quos supra diximus, quandoquidem appareret, solis
meatum non ante trecentesimum sexagesimum quintum diem, abundante insuper quadrantis particula,
zodiacum conficere decursum; quadrantem illum et decem dies addiderunt, ut ad liquidum annus trecentis
diebus sexaginta quinque et quadrante constaret, hortante observatione imparis numeri, quem Pythagoras
monuit præponi in omnibus oportere. Unde propter dies impares, diis superis et januarius dicatur et martius:
propter pares februarius, quasi ominosus, diis inferis deputatur. Quum itaque hæc definitio toto orbe
placuisset, custodiendi quadrantis gratia, a diversis gentibus varie intercalabatur, nec unquam tamen ad
liquidum fiebat temporum peræquatio. Græci ergo singulis annis undecim dies et quadrantem detrahebant,
eosque octies multiplicatos in anno nonum reservabant, ut contractus nonagenarius numerus in tres menses
per tricenos dies scinderetur: qui anno nono restituti efficiebant dies quadringentos quadraginta quatuor,
quos embolimos, vel hyperballontas nominabant.
Quod quum in initio Romani probassent, contemplatione parilis numeri offensi neglectum brevi perdiderunt,
translata in sacerdotes intercalandi potestate: qui plerumque gratificantes rationibus publicanorum, pro
libidine sua subtrahebant tempora, vel augebant. Quum hæc sic forent constituta, modusque intercalandi
interdum cumulatior, interdum fieret imminutior, vel omnino dissimulatus præteriretur, nonnunquam
accidebat ut menses qui fuerant transacti hieme, modo æstivum, modo autumnale tempus inciderent. Itaque
Cæsar universam hanc inconstantiam, incisa temporum turbatione, composuit, et, ut statum certum
præteritus error acciperet, dies viginti et unum et quadrantem simul intercalavit: quo pacto regradati menses,
de cetero statuta ordinis sui tempora detinerent. Ille ergo annus solus trecentos quatuor et quadraginta dies
habuit: alii deinceps trecentenos sexagenos quinos et quadrantem, et tunc quoque vitium admissum est per
sacerdotes. Nam quum præceptum esset, anno quarto ut intercalarent unum diem, et oporteret confecto
quarto anno id observari ante quam quintus auspicaretur, illi incipiente quarto intercalarunt, non desinente.
Sic per annos sex et triginta quum novem dies tantummodo sufficere debuissent, duodecim sunt intercalati.
Quod reprehensum Augustus reformavit, jussitque annos duodecim sine intercalatione decurrere, ut tres illi
dies, qui ultra novem necessarios temere fuerant intercalati, hoc modo possent repensari. Ex qua disciplina
omnium postea temporum fundata ratio est.
Verum quum hoc, et multa alia Augusti temporibus debeantur, qui pæne sine exemplo rerum potitus est,
tanta et tot in vita ejus inveniuntur adversa, ut non sit facile discernere, calamitosior an beatior fuerit.
Primum, quod apud avunculum in petitione magisterii equitum prælatus est ei Lepidus tribunus, cum quadam
auspicantium cœptorum nota; mox triumviratus collegium præ gravi potestate Antonii; Philippensis inde
proscriptionis invidia; abdicatio Postumi Agrippæ post adoptionem; deinde desiderio ejus insignis pœnitentia;
naufragia Sicula; turpis ibi in spelunca occultatio; seditiones militum plurimæ; Perusina cura; detectum filiæ
adulterium, et voluntas parricidalis; nec minore dedecore neptis infamia; incusatæ mortes filiorum: et amissis
liberis non solus orbitatis dolor; Urbis pestilentia, fames Italiæ, bellum Illyricum, angustiæ rei militaris, corpus
morbidum, contumeliosa dissensio privigni Neronis, uxoris etiam et Tiberii cogitationes parum fidæ, atque in
hunc modum plura. Hujus tamen suprema quasi lugeret seculum, penuria insequuta est frugum omnium; ac
ne fortuitum, quod acciderat, videretur, imminentia mala non dubiis signis apparuerunt: nam Fausta quædam
ex plebe, partu uno edidit quatuor geminos, mares duos, totidemque feminas, monstruosa fecunditate
portendens futura calamitatis indicium: quamvis Trogus auctor affirmet in Ægypto septenos uno utero simul
gigni: quod ibi minus mirum, quum fœtifero potu Nilus, non tantum terrarum, sed etiam hominum, materna
fecundet arva. Legimus Cnæum Pompeium Eutychidem feminam Asia exhibitam, quam constabat tricies
enixam, quum viginti ejus liberis in theatro suo publicasse. Unde competens hoc loco duco super hominis
generatione tractare.
Etenim quum de animalibus, quæ digna dictu videbuntur, prout patria cujusque admonebit, simus notaturi,
jure ab eo potissimum ordiemur, quod rerum natura sensus judicio, et rationis capacitate præposuit omnibus.
Itaque, ut Democritus physicus ostendit, mulier solum animal menstruale est, cujus profluvia non parvis
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
52
spectata documentis, inter monstrifica merito numerantur. Contactæ his fruges non germinabunt, acescent
musta, morientur herbæ, amittent arbores fœtus, ferrum rubigo corripiet, nigrescent æra. Si quid canes inde
ederint, in rabiem efferabuntur nocituri morsibus, quibus lymphaticos faciunt. Parva hæc sunt: bitumen in
Judæa Asphaltites gignit lacus, adeo lentum mollitie glutinosa, ut a se nequeat separari: enimvero si
abrumpere partem velis, universitas sequetur: scindique non potest, quoniam in quantum ducatur,
extenditur; sed ubi admota fuerint cruore illo polluta fila, sponte dispergitur, et applicita tabe diducitur paulo
ante corpus unum, fitque de tenacitate connexa contagione partitio repentina. Habet plane illud in se solum
salutare, quod avertit sidus Helenæ perniciosissimum navigantibus. Ceterum ipsæ feminæ, quibus munus
est necessitatis hujusmodi, quamdiu sunt in sua lege, non innocentibus oculis contuentur; aspectu specula
vitiant, ita ut hebetetur visu fulgor offensus, et solitam æmulationem vultus exstinctu splendor amittat,
faciesque obtusi nitoris quadam caligine nubiletur.
Mulierum aliæ in æternum steriles sunt; aliæ mutatis conjugiis exuunt sterilitatem. Nonnullæ tantum semel
pariunt; quædam aut feminas, aut mares semper. Post annum quinquagesimum fecunditas omnium
conquiescit; nam in annum octogesimum viri generant, sicuti Masinissa rex Mathumannum filium
octogesimum et sextum annum agens genuit. Cato octogesimo exacto, ex filia Salonii clientis sui avum
Uticensis Catonis procreavit. Compertum et illud est, quod inter duos conceptus quum intercessit paululum
temporis, uterque residet, sicut in Hercule et Iphicle apparuit, fratre ejus, qui gestati eodem onere, intervallis
tamen, quibus concepti fuerant, nati videntur. Et de Proconensi ancilla, quæ e duplici adulterio geminos
edidit, utrumque patri suo similem. Hic Iphicles Iolaum creat, qui Sardiniam ingressus, palantes incolarum
animos ad concordiam eblanditus, Olbiam, atque alia Græca oppida exstruxit. Iolenses ab eo dicti, sepulcro
ejus templum addiderunt, quod imitatus virtutem patrui, malis plurimis Sardiniam liberasset.
Ante omnia sobolem cogitantibus sternutatio post coitus cavenda, ne prius semen excutiat impulsus
repentinus, quam penetralibus se matris insinuet humor paternus. Quod si naturalis materia hæserit,
decimus a conceptu dies dolore gravidas admonebit. Jam inde incipiet et capitis inquietudo, et caligine visus
hebetabitur. Ciborum quoque fastidiis stomachi claudetur cupido.
Convenit inter omnes, corda primum ex universa formari carne, eaque in diem quintum et sexagesimum
crescere, dein minui; ex ossibus spinas. Ea propter capital est, si pars alterutra noceatur. Plane si
corpusculum in marem figuretur, melior est color gravidis, et pronior partitudo uteri; denique a quadragesimo
dic motus. Alter sexus nonagesimo primum die palpitat. Et concepta femina gestantis vultum pallore inficit:
crura quoque præpedit languida tarditate. In utroque sexu quum capilli germinant, incommodum majus est:
fitque pleniluniis auctior agritudo, quod tempus etiam editis semper nocet. Quum salsiores escas edit
gravida, unguiculis caret partus. At quum prope ad uterum liberandum venerint momenta maturitatis, enitenti
spiritum retinere plurimum congruit, quandoquidem letali mora oscitatio suspendit puerperia. Contra naturam
est, in pedes procedere nascentes: quapropter velut ægre parti appellantur Agrippæ. Ita editi minus prospere
vivunt, et de vita ævo brevi cedunt. Denique in uno Marco Agrippa felicitatis exemplum est, nec tamen usque
eo inoffensæ, ut non plura adversa pertulerit, quam secunda: nam et misera pedum valetudine, et aperto
conjugis adulterio, et aliquot infelicitatis notis præposteri ortus omen luit.
Feminis perinde est infausta nativitas, si concretum virginal fuerit, quo pacto genitalia fuere Corneliæ, quæ
editis Gracchis ostentum hoc piavit sinistro exitu liberorum. Rursum, necatis matribus, natus est auspicatior,
sicut Scipio Africanus prior, qui defuncta parente, quod excisus utero in diem venerat, primus Romanorum:
Cæsar dictus est. E geminis, si remanente altero, alter abortivo fluxu exciderit, alter, qui legitime natus est,
Vopiscus nominatur. Quidam et cum dentibus procreantur, ut Cnæus Papirius Carbo, et M. Curius, Dentatus
ob id cognominatus. Quidam vice dentium continui ossis armantur soliditate, qualem filium Bithynorum rex
Prusias habuit. Ipsum dentium numerum discernit qualitas sexus, quum in viris plures sint, in feminis
pauciores. Quos kunñdontaw vocant, quibus gemini procedunt ab dextera parte, fortunæ blandimenta
promittunt: quibus ab læva, versa vice.
Nascentium vox prima vagitus est: lætitiæ enim sensus differtur in quadragesimum diem. Itaque unum
novimus, eadem hora risisse, qua erat natus, scilicet Zoroastrem, mox optimarum artium peritissimum. At
Crassus avus ejus, quem rapuerunt bella Parthica, quod nunquam riserit, Agelastus cognominabatur. Inter
alia Socratis magna, præclarum illud est, quod in eodem vultus tenore etiam adversis interpellantibus
perstitit. Heraclitus et Diogenes Cynicus nihil unquam de rigore animi remiserunt, calcatisque turbinibus
fortuitorum, adversum omnem dolorem vel misericordiam uniformi duravere proposito. Pomponium pœtam
consularem virum nunquam ructasse, habetur inter exempla. Antoniam Drusi non spuisse, percelebre est.
Nonnullos nasci accepimus concretis ossibus, eosque neque sudare, neque consuesse sitire, qualis
Syracusanus Lygdamis fertur, qui tertia et tricesima olympiade primus ex Olympico certamine pancratii
coronam reportavit; cujusque ossa deprehensa sunt medullam non habere.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
53
Maximam virium substantiam nervos facere certissimum est, quantoque fuerint densiores, tanta propensius
angescere firmitatem. Varro, in relatione prodigiosæ fortitudinis, annotavit Trittannum gladiatorem natura
Samnitem fuisse, qui, et rectis et transversis nervis, non modo crate pectoris, sed et manibus cancellatis, et
brachiis, omnes adversarios levi tactu, pæne securis congressionibus vicerit. Ejus filium, militem Cnæi
Pompeii pari modo natum, ita sprevisse hostem provocantem, ut inermi eum dextra et superaret, et captum
digito uno in castra imperatoris sui reportaret. Milonem quoque Crotoniensem egisse omnia, supra quam
homo valet. Etiam hoc proditur, quod ictu nudæ manus taurum fecit victimam: eumque solidum, qua
mactaverat die, absumpsit solus non gravatim. Super hoc nihil dubium: nam factum elogium exstat.
Victor ille omnium certaminum quæ obivit, alectoria usus traditur, qui lapis specie crystallina, fabæ modo, in
gallinaceorum ventriculis invenitur, aptus, ut dicunt, prœliantibus. Milon porro Tarquinii Prisci temporibus
emicuit.
Jam vero qui deflexum animum referat ad similitudinum causas, quantum artificis naturæ ingenium
deprehendet! Interdum enim ad genus spectant, et per sobolem in familias transitus faciunt: sicut plerumque
parvuli modo nævos, modo cicatrices, modo qualescumque originis suæ notas ferunt: ut in Lepidis, quorum
tres, intervulsa tamen serie, ex eadem domo, obducto membrana oculo, similes geniti reperiuntur: vel in
Byzantino nobili pugile, qui, quum matrem haberet adulterio ex Æthiope conceptam, quæ nihil patri
comparandum reddidisset, ipse Æthiopem avum regeneravit. Sed hoc minus mirum, si respiciamus ad ea,
quæ spectata sunt inter externos. Regem Antiochum Artemon quidam e plebe Syriatica sic facie æmula
mentiebatur, ut postmodum Laodice uxor regia, objecto populari isto, tamdiu dissimulaverit defunctum
maritum, quoad ex arbitratu ejus regni successor ordinaretur. Inter Cnæum Pompeium et Cn. Vibium, humili
loco natum, tantus error exstitit de paribus lineamentis, ut Romani Vibium Pompeii nomine, Pompeium Vibii
vocabulo cognominarent. Oratorem Lucium Plancum Rubrius histrio sic implevit, ut et ipse Plancus a populo
vocaretur. Armentarius myrmillo, et Cassius Severus orator, ita se mutuo reddiderunt, ut, si quando pariter
viderentur, dignosci non possent, nisi discrepantiam habitus indicaret. Marcus Messalla censorius et
Menogenes, e face vulgari, hoc fuerunt uterque, quod singuli, nec alium Messallam quam Menogenem, nec
Menogenem alium quam Messallam putaverunt. Piscator ex Sicilia, proconsuli Suræ præter alia etiam rictu
oris comparabatur: ita in eadem vocis impedimenta, et tardatæ sonum lingua naturalibus offendiculis
congruebant. Interdum non modo inter externos, sed etiam inter conductos ex diversissima Parte orbis
miraculo indiscreti vultus fuere. Denique quum Antonio jam triumviro Thoranius quidam eximios forma
pueros, velut geminos, trecentis sestertiis vendidisset, quorum alterum de Transalpina Gallia, alterum ex
Asia comparaverat, adeoque una res viderentur, ut solus sermo fidem panderet, atque ideo inrisum se
Antonius gravaretur, non infacete Thoranius, id vel præcipue, quod emptor criminabatur, pretiosius probavit:
neque enim mirum, si forent pares gemini: illud nullis posse taxationibus æstimari, quod tantis spatiis
diversitas separata, plus quam geminos atulisset. Quo responso adeo Antonius mitigatus est, ut deinceps
nihil se habere carius in substantia jactitaret.
Nunc si de ipsis hominum formis requiramus, liquido manifestabitur, nihil de se antiquitatem mendaciter
prædicasse, sed corruptam degeneri successione sobolem nostri temporis per nascentium detrimenta decus
veteris proceritudinis perdidisse. Licet ergo plerique definiant, nullum posse excedere longitudinem pedum
septem, quod intra mensuram istam Hercules fuerit, deprehensum tamen est Romanis temporibus sub divo
Augusto, Pusionem et Secundillam denos pedes et amplius habuisse proceritatis, quorum reliquiæ adhuc in
conditorio Sallustianorum videntur: postmodum, divo Claudio principe. Gabbaram nomine, ex Arabia
advectum, novem pedum et totidem unciarum. Sed ante Augustum annis mille ferme non apparuit forma
hujusmodi, sicut nec post Claudium visa est. Quis enim jam ævo isto non minor parentibus suis nascitur?
Priscorum autem testantur molem etiam Orestis suprema, cujus ossa olympiade quinquagesima et octava
Tegea inventa a Spartanis oraculo monitis, discimus implesse longitudinem cubitorum septem. Scripta
quoque, quæ ex antiquitate memorias accersunt in fidem veri, hoc etiam receperunt, quod bello Cretico,
quum elata flumina plus quam vi amnica terras copissent, post discessum fluctuum inter plurima humi
discidia humanum corpus repertum sit cubitum trium atque triginta: cujus inspectandi cupidine L. Flaccum
legatum, Metellum etiam ipsam impendio captos miraculo, quod auditu refutaverant, oculis potitos. Non
omiserim Salamine Euthymenis filium crevisse in triennio tria cubita sublimitatis, sed incessu tardum, sensu
hebetem, robusta voce, pubertate festina, statimque obsessum morbis plurimis, immoderatis ægritudinum
suppliciis compensasse præcipitem incrementi celeritatem. Mensuræ ratio bifariam convenit: nam quantus
manibus expansis inter digitos longissimus modus est, tantum constat esse inter calces et verticem, Ideoque
physici hominem minorem mundum judicaverunt. Parti dextera habilior adscribitur modus, lævæ firmitas
major: unde altera gesticulationibus promptior est, altera oneri ferendo accommodatior. Pudoris disciplinam
etiam inter defuncta corpora natura discrevit: ac si quando cadavera necatorum fluctibus evehuntur, virorum
supina, prona fluitant feminarum.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
54
Verum ut ad pernicitatis titulum transeamus, primam palmam velocitatis Ladas quidam adeptus est, qui ita
supra cavum pulverem cursitavit, ut in arenis pendentibus nulla indicia relinqueret vestigiorum. Polymnestor
Milesius puer, quum a matre locatus esset ad caprarios pastus, ludicro leporem consequutus est, et ob id
statim productus a gregis domino, olympiade sexta et quadragesima, ut Bocchus auctor est, victor in stadio
meruit coronam. Philippides biduo mille ducenta quadraginta stadia ab Athenis Lacedæmonem decucurrit.
Anystis Lacon, et Philonides, Alexandri Magni cursores, Elin ab usque Sicyone mille ducenta stadia uno die
transierunt. Fonteio Vipsanioque consulibus, in Italia novem annos puer natus, quinque et septuaginta millia
passuum a meridie transivit ad vesperum.
Visu deinde plurimum potuit Strabo nomine, quem perspexisse per centum quinque et triginta millia
passuum, Varro significat, solitumque exeunte e Carthagine classe Punica numerum navium manifestissime
ex Lilybetana specula nolare. Cicero tradit Iliadum Homeri ita subtiliter in membranis scriptam, ut testa nucis
clauderetur. Callicrates formicas ex ebore sic scalpsit, ut portio earum a ceteris secerni nequiverit.
Apollonides perhibet, in Scythia feminas nasci, quæ bityæ vocantur, eas in oculis pupillas geminas habere,
et perimere visu, si forte quem iratæ aspexerint.
Prævaluisse fortitudine apud Romanos L. Sicinium Dentatum, titulorum numerus ostendit. Tribunus hic plebi
fuit non multo post exactos reges, Spurio Tarpeio, A. Haterio, consulibus. Idem ex provocatione octies victor,
quadraginta et quinque adversas habuit cicatrices, in tergo nullam notam: et spolia ex hoste tricies et quater
cepit. In phaleris, hastis puris, armillis, coronis, trecenta duodecim dona meruit: novem imperatores, qui
opera ejus vicerant, triumphantes prosequutus. Post hunc Marcus Sergius duobus stipendiis primis adverso
corpore ter et vicies vulneratus: secundo stipendio in prœlio dextram perdidit. Qua de causa postea sibi
manum ferream fecit: et quum neutra pæne idonea ad prœliandum valeret, una die quater pugnavit, et vicit
sinistra, duobus equis eo insidente confossis. Ab Hannibale bis captus refugit, quum viginti mensibus, quibus
captivitatis sortem perferebat, nullo momento sine compedibus fuerit et catenis. Omnibus asperrimis prœliis,
quæ tempestate illa Romani experti sunt, insignitus donis militaribus, a Thrasymeno, Trebia, Ticinoque
coronas civicas retulit: Cannensi quoque prœlio, de quo refugisse eximium opus virtutis fuit, solus accepit
coronam. Beatus profecto tot suffragiis gloriarum, nisi heres in posteritatis ejus successione Catilina tantas
adoreas odio damnati nominis obumbrasset! Quantum inter milites Sicinius, aut Sergius, tantum inter duces,
immo, ut verius dicam, inter omnes homines, Cæsar dictator enituit. Hujus ductibus undecies centum triginta
et duo millia cæsa sunt hostium: nam quantum bellis civilibus fuderit, noluit annotari. Signi, collatis
quinquagies et bis dimicavit: M. Marcellum solus supergressus, qui novies et tricies pari modo fuerat
prœliatus. Ad hæc nullus celerius scripsit: nemo velocius legit. Quaternas etiam epistolas perhibetur simul
dictasse. Benignitate adeo præditus, ut quos armis subegerat, clementia magis vicerit.
Cyrus memoriæ bono inclaruit, qui in exercitu, cui numerosissimo præfuit, nominatim singulos alloquebatur.
Fecit hoc idem in populo Romano L. Scipio. Sed et Cyrum et Scipionem consuetudine credamus profecisse.
Cineas Pyrrhi legatus, postero die quam ingressus Romam fuerat, et equestrem ordinem et senatum propriis
nominibus salutavit. Rex Ponticus Mithridates duabus et viginti gentibus, quibus imperitabat, sine interprete
jura dixit. Memoriam et arte fieri palam factum est, sicut Metrodorus philosophus, qui temporibus Diogenis
Cynici fuit, in tantum se meditatione assidua provexit, ut a multis simul dicta, non modo sensuum, sed etiam
verborum ordinibus detineret. Nihil tamen in homine aut metu, aut casu, aut morbo facilius intercipi, sæpe
perspectum est. Qui lapide ictus fuerat, accepimus oblitum litterarum. Messallam certe Corvinum post
ægritudinem, quam pertulerat, percussum proprii nominis oblivione, quamlibet alias ei sensus vigeret.
Memoriam metus perimit: invicem vocis interdum est incitamentum, quam non solum acuit, sed etiam, si
nunquam fuerit, extorquet. Denique cum olympiade octava et quinquagesima victor Cyrus intrasset Sardis
Asiæ oppidum, ubi tunc Cresus latebat, Atys filius regis, mutus ad id locorum, in vocem erupit vi timoris:
exclamasse enim dicitur: " Parce patri meo, Cyre, et hominem te esse vel casibus disce nostris! "
Tractare de moribus superest, quorum excellentia maxime in duobus enituit. Cato princeps Porciæ gentis,
senator optimus, imperator optimus, optimus orator, causam tamen quadragies et quater dixit, diversis
odiorum simultatibus appetitus, semper absolutus. Unde Scipionis Æmiliani laus propensior, qui præter
bona, quibus Cato clarus fuit, etiam publico amore præcessit. Vir optimus Nasica Scipio judicatus est, non
privato tantum testimonio, sed totius senatus sacramento: quippe quod inventus dignior non fuit, cui
præcipuæ religionis crederetur ministerium, quum oraculum moneret arcessi sacra deum Matris Pessinunte.
Plurimi inter Romanos eloquentia floruerunt; sed hoc bonum hereditarium nunquam fuit, nisi in familia
Curionum; in qua tres serie continua oratores fuere. Magnum hoc habitum est sane eo seculo, quo
facundiam præcipue et humana et divina mirata sunt: quippe tunc percussores Archilochi pœtæ Apollo
prodidit, et latronum facinus deo coarguente detectum. Quumque Lysandcr Lacedæmonius Athenas
obsideret, ubi Sophoclis tragici inhumatum corpus jacebat, identidem Liber pater ducem monuit per quietem,
sepeliri delicias suas sineret: nec prius destitit, quam Lysander cognito qui obisset diem, et quid a numine
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
55
posceretur, inducias bello daret, usque dum congruæ supremis talibus exsequiæ ducerentur. Pindarum
lyricum e convivii loco, cui imminebat ruina, ne cum ceteris interiret, forinsecus Castor et Pollux vocarunt,
inspectantibus universis: quo effectum, ut solus impendens periculum evaderet.
Numerandus post deos Cn. Pompeius Magnus, intraturus Posidonii domum, clarissimi tunc sapientiæ
professoris, percuti ex more a lictore fores vetuit, submissisque fascibus, quamlibet confecto Mithridatico
bello, et orientis victor, sententia propria cessit januæ litterarum. Africanus prior Quinti Ennii statuam imponi
sepulcro suo jussit. Uticensis Cato unum cx tribunatu militum philosophum, alium ex Cypria legatione
Romam advexit, professus, plurimum se eo facto senatui et populo contulisse, quamlibet proavus ejus
sæpissime censuisset Græcos Urbe pellendos. Dionysius tyrannus vittatam navem Platoni obviam misit;
ipse, cum albis quadrigis egredientem in littore occurrens honoratus est.
Perfectam prudentiam soli Socrati oraculum Delphicum adjudicavit. Pietatis documentum nobilius quidem in
Metellorum domo refulsit, sed eminentissimum in plebeia puerpera reperitur. Humilis hæc, atque ideo famæ
obscurioris, quum ad patrem, qui supplicii causa claustris pœnalibus continebatur, ægre obtinuissct
ingressus, exquisita sæpius a janitoribus, ne forte parenti cibum subministraret, alere eum uberibus suis
deprehensa est: quæ res et locum et factum consecravit: nam qui morti destinabatur, donatus filiæ, in
memoriam tanti præconii, reservatus est: locus dicatus suo numini, Pietatis sacellum est. Navis a Phrygia
gerula sacrorum, dum sequitur vittas castitatis, contulit Claudiæ principatum pudicitiæ. At Sulpitia Paterculi
filia, M. Fulvii Flacci uxor, censura omnium matronarum e centum probatissimis haud temere dilecta est,
quæ simulacrum Veneris, ut Sibyllini libri monebant, dedicaret. Quod attinet ad titulum felicitatis, necdum
repertus est, qui felix censeri jure debuerit: namque Cornelius Sulla dictus potius est, quam fuit Felix. Solum
certe beatum cortina Aglaum judicavit, qui in angustissimo Arcadiæ angulo pauperis soli dominus, nunquam
egressus paterni cespitis terminos invenitur.
Test latino?
Traduzione
Bibliografia
Edizioni
ed. Th. Mommsen, Berlin 1864, 18952, 1954, 19583, 1979, facs 1895=Hildesheim 1999.
Strumenti
Studi
no PHI, no BTL3
Bettini, 3, 242, Conte, LettLat 518-19
ICCU
Pomponii Melae De situ orbis libri 3 ad fidem Tauchnitziensis editionis. Caii Iulii Solini Polyhistor / ex
recensione Ioannis Francisci Muratorii, Augustae Taurinorum: ex Officina Regia, 1858
Solinus, Caius Iulius
Titolo: The excellent and pleasant worke, collectanea rerum memorabilium of Caius Julius Solinus /
Translated from the latin (1587) by Arthur Golding, Gainesville: Scholars' Facsimile and Reprints, 1955
Paese di pubblicazione: US
Coleccion de hechos memorables, o El erudito / Solino; introduccion, traduccion y notas de Francisco J.
Fernandez Nieto, Madrid: Gredos, 2001
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
56
Titolo uniforme: Collectanea rerum memorabilium.
C. Iulii Solini Collectanea rerum memorabilium / iterum recensuit Th. Mommsen
Edizione: Ed. altera ex editione anni 1895 lucis ope expressa, Berolini: apud Weidmannos, 1958
C. Iulii Solini collectanea rerum memorabilium / iterum recensuit Th. Mommsen, [Berolini]: Weidmann, 1979
Note Generali: Ripr. facs. della 3. ed. 1958.
C. Iulii Solini collectanea rerum memorabilium / iterum recensuit Th. Mommsen, Hildesheim; Zurich, 1999
Note Generali: Ripr. facs. della 1. ed. 1895.
C. Iulii Solini Collectanea rerum memorabilium / iterum recensuit Th. Mommsen, Berolini: Weidmann, 1895
C. Iulii Solini, collectanea rerum memorabilium / recognovit Th. Mommsen, Berolini: Friderici Nicolai, 1864
Ampelio
Cenni biografici
La collocazione cronologica è incerta e varia dai regni di Adriano o Antonino Pio fino, per motivi
linguistici, al IV secolo d.C..
Opere
Il Liber memorabilis raccoglie in 49 capitoletti, in modo piuttosto confuso, notizie di natura
mitologica, geografica e storica, ad uso di un allievo, Macrino, da qualcuno identificato come
l’imperatore M. Opellius Macrinus (nato 164/166 a Cesarea di Mauretania). Tra le fonti utilizzate
soprattutto Livio. Notevole l'interesse per i mirabilia e per opere d’arte.
Osservazioni di ed. Belles Lettres Arnaut Lindet 1993
Organizzato in due parti di importanza diseguale: 1) capit. 1-29: tratta di astronomia, o meglio
astrologia, geografia, storia. 2) capit. 30-50 riprende o arricchisce l’informazione storica della prima
parte.
A sua volta la prima parte si può dividere in due sezioni: 1) teoria geoastronomica dei quattro
elementi con osservazioni di astronomia, nomenclatura venti, corografia, nomenclatura mari; 2)
opere dell’uomo: fatti relativi alla storia degli Assiri, Medi, Persiani, Spartani, Ateniesi (15-19),
Macedoni , Romani (17-29).
La seconda parte si può dividere in 3 sezioni. Cap. 30-38 sovrani stranieri; cap. 40-47 guerre dei
Romani, anche civili, cap. 48-50 vita politica a Roma e sistemi di governo.
Fonti Cornelio Nepote (de excell.ducibus exterarum gentium), unico giunto a noi; Nigidio Figulo
(sphaera Graecanica, de vento), Varrone (hebdomades), Sallustio (Historiae).
Datazioni proposte dal II al V, senza elementi realm. dirimenti. Per A.Lindet il terminus a quo: cenni
a vittorie di Traiano; più problem. Il termine ad quem, prima delle campagne di Settimio Severo in
Oriente (197-202). Quindi tra gli ultimi anni di Adriano e l’inizio del III secolo
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
57
Testi e testimonianze
Amp., praef. e 1-2 [PHI]
Volenti tibi omnia nosse scripsi hunc librum memorialem, ut noris quid sit mundus, quid elementa, quid orbis
terrarum ferat, vel quid genus humanum peregerit.
De mundo
Mundus est universitas rerum, in quo omnia sunt et extra quem nihil; qui Graece dicitur cosmos. Elementa
mundi quattuor: ignis ex quo est caelum, aqua ex qua mare Oceanum, aer ex quo venti et tempestates, terra
quam propter formam eius orbem terrarum appellamus.
Caeli regiones sunt quattuor: oriens occidens meridies septentrio.
Caelum dividitur in circulos quinque: arcticum et antarcticum, qui ob nimiam vim frigoris inhabitabiles sunt;
aequinoctialem cui <quae> subiacet regio catacecaumene dicitur neque incolitur ob nimiam vim ar doris;
brumalem et solstitialem sub quibus habitatur sunt enim temperatissimi; per quos oblicus circulus vadit cum
duodecim signis, in quibus sol annuum conficit cursum.
De duodecim signis
Signa sunt in caelo duodecim.
Aries beneficio Liberi, quod is cum exercitum in Indiam per Libyam duceret per loca sicca et arenosa, qua
aquae inopia esset et exercitus eius siti adfligeretur, aries eis aquam demonstravit; et ob id a Libero Iovis
Ammon est appellatus, eique fanum magnificum fecit ad eum locum ubi aquam invenit; quod abest ab
Aegypto et Alexandria milia passuum novem. ob eam rem a Iove petit ut in<ter> sidera reciperetur. alii
putant eum esse qui Hellen et Phryxum vexerit.
Taurus beneficio Iovis, quem Iuppiter a Neptuno fratre per gratiam abduxit; qui sensum humanum figura tauri
continebat hisque Iovis iussu Europam Agenoris filiam Sidonia adludens decepit et eam Cretam deportavit.
ob eam rem Iuppiter in sideribus eum dignatus est immortali memoria.
Gemini, qui <dii> Samothraces nominantur [esse]; quorum argumentum nefas est pronuntiare praeter eos
qui mi<ste>riis prae[sto]sunt. alii Castorem et Pollucem dicunt, quod hi principes mare tutum a praedonibus
praestitissent. sunt qui dicant Herculem et Theseum, quod similia athla sint adepti.
Cancer, carcinus, receptus beneficio Iunonis, quod eius iussu, cum Hercules missus esset ad hydram
Lernaeam quam nos excetram dicimus interficiendam, <i>s carcinus ingressus Herculis pedes et crura
lanians incommodiorem faciebat eum quam ipsa excetra; idque malum Hercules difficillimum habuit,
carcinumque [cancrum] ob id factum Iuno sideribus est dignata.
Leo, leon, qui educatus est [Nemeae] Iunonis consilio ad Herculis interitum, missus in terram in Ar giva diu
spelunca latitavit; quem Hercules dicitur interfecisse cum Molorcho hospite suo, cuius clavam ei tributam tum
principio est adeptus; qua leonem interfecit, eiusque pellem postea pro tegumento habuit. ob id factum
Iunoni odio esse coepit, leonemque caelesti dignitate est honorata.
Virgo, quam nos Iustitiam dicimus, fuit cum hominibus; sed postquam homines malefacere coeperunt, Iovis
eam inter signa posuit. sunt qui Erigonam Icari filiam Atheniensem dicunt; cuius patri Liber vinum dedit, ut
hominibus ad suavitatem daret: quibus dedit ebriati sunt et lapidibus eum occiderunt. canis qui cum illo erat
vidit dominum occisum, et cum ululatu ad Erigonem rediit; quem ut maestum et singularem vidit, sollicita
proficiscitur cum eo. venere ad locum ubi Icarius iacebat. vidit corpus patris, magna lamentatione in Hymetto
monte sepelivit, ipsa vero se suspendit laqueo. canis ad pedes eius discumbens diutius et sine alimentis
deficiens, post aquam anhelans in puteum se proiecit. Tum Liber a Iove petit, quod suo imperio deficerent, ut
inter siderum cursus ponere<n>tur. <Erigone> Virgo, Icarius autem Arcturus nominatus est cuius stella cum
exoritur, continuas tempestates facit, canis Canicula.
Libra, quam Graeci zygon appellant, virile nomen est adeptus summa clementia et iustitia; <Stath>muchos
<est> dictus, qui<a> primus dicitur libram et pondus [hominibus] invenisse, quae utilissima mortalibus
aestimantur; ideoque in numerum stellarum est receptus [est] et Libra est dictus.
Scorpius. qui dicitur ad perniciem Orionis in insula Chio in monte Pelinaeo voluntate Dianae natus. Orion
autem dum venatur, visa Diana stuprare eam voluit. illa scorpionem subiecit, qui eum vita privaret. Iuppiter et
scorpionem et Orionem inter sidera recepit.
Sagittarius, Crotos, filius nutricis Musarum; que<m> Musae semper dilexerunt eo quod plausu et lusu
sagittarum eas oblectaret. alii Chironem dicunt, quod iustus et pius [doctus] <atque> hospitalis fuerit. ab eo
Aesculapius <doctus> medicinam, Achilles citharam et alia multa.
Capricornus, cui nomen Pan. quo tempore Python speluncas incolens in monte Tauro Aegyptum profectus
est ad bellum, Pan se in caprae figuram convertit. igitur dii immortales postquam Pythonem digna poena
affecerunt, Pana astrorum memoria decoraverunt.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
58
Aquarius, qui putatur esse Ganymedes; dicitur Deucalion Thessalus; qui <cum> maximo cataclysmo cum
uxore Pyrrha solus evasisset, hic pietatis causa inter sidera locatus est.
Pisces, ideo [pisces] quia bello Gigantum Venus perturbata in piscem se transfiguravit. nam dicitur et in
Eufrate fluvio ovum piscis in ora fluminis columba adsedisse dies plurimos et exclusisse deam benignam
et misericordem hominibus ad bonam vitam. utrique memoriae causa pisces inter sidera recepti.
Bibliografia
Edizioni
E. Woelfflin, Lipsiae 1873, 1879.
E. Assmann, Leipzig 1935 (anast. 1976).
N. Terzaghi, Torino, Chiantore, 1943,1947.
V. Colonna, Bari; DIES, 1975.
M. P. Arnaud-Lindet, Paris, Les Belles Lettres,1993.
Strumenti
Lucii Ampelii lexicon, ed. Vincenza Colonna, Genova, Istituto di filologia classica e medievale,
1980
ICCU
Lucii Ampelii liber memorialis / edidit Erwin Assmann, Stuttgart: Teubner, 1976, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Note Generali: Rist. anast.: 1935
Lucii Ampelii Liber memorialis / edidit Erwin Assmann, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1935, Bibliotheca
scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Liber memorialis / Lucii Ampelii; edidit Nicolaus Terzaghi, Torino: Chiantore, 1943, Olympia
Lucii Ampelii liber memorialis / recognovit Eduardus Woelfflin, Lipsiae: sumptibus et typis B. G. Teubneri,
1873, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Colonna, Vincenza, Lucii Ampelii lexicon / Vincenza Colonna, Genova: Istituto di filologia classica e
medievale, 1980, Pubblicazioni dell'Istituto di filologiaclassica e medievale dell'UniversitW1A0a diGenova
Lucii Ampelii Liber memorialis / introduzione e testo critico a cura di Vincenza Colonna, Bari: DIES, 1975
Lucii Ampelii Liber memorialis / recognovit Eduardus Woelfflin, Lipsiae: sumptibus et typis B. G. Teubneri,
1863, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Lucii Ampelii Liber memorialis / recognovit Eduardus Woelfflin, Lipsiae: sumptibus et typis B. G. Teubneri,
1879, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Liber memorialis: Edidit Nicolaus Terzaghi, Torino: A. Chiantore, 1947, Tip. V. Bona
Descrizione fisica: 8. p. 65 Olympia., Auctorum classicorum in usum maxime academicumeditorum nova
collectio / moderante N.Terzaghi
Aide-memoire / L. Ampelius; texte etabli et traduit par Marie-Pierre Arnaud-Lindet, Paris: Les belles lettres,
1993, Collection des universites de France. Ser.latine
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
59
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Lucii Ampelii Liber memorialis / edidit Nicolaus Terzaghi, Augustae Taurinorum: Chiantore, pref. 1943,
Olympia
Lashbrook, Austin Maurice, Lucius Ampelius, Liber memorialis / <by> Lashbrook Austin Maurice, University
of Pennsylvania, Ph.D. 1960 Language and literature, classical, Ann Arbor, Michigan
Disponibile BTL3= Teubner (E. Assmann, 1935)
PHI
Intratext
Liber memorialis
LAT0351
Bettini 3,776, Conte, LettLat 457
"Ampelio - Treccani"
Ampelio Lucio. Pedagogo e grammatico del III secolo d.C., autore di un repertorio sintetico di cultura (Libro
memoriale), a volte interessante per notizie sulle arti figurative del tempo.
nulla Encarta
Ampelio - Riposati
Dopo Svetonio, e sull'esempio di lui, fiorí la produzione biografica, anche se in misura e con risultati
mediocri. Poco piú che enciclopedía tascabile' si può definire l'operetta di Lucio Ampèlio,
probabilmenteuomo di scuola, diretta a Macríno, e intitolata Liber Memorialis: in 49 capitoletti, si illustrano la
costituzione e la configurazione del cosmo e si dà un compendio men che elementare di storia universale,
specialmente romana. Tutto è concentrato in pochi dati di fatto, elencati e distribuiti secondo determinate
categorie, che comprendono persino notizie storiche sull arte antica.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
60
Giulio Valerio
Cenni biografici
Blansdorf ricorda consolato nel 338.
Opere
Fu autore di una Historia Alexandri Magni, composta nei primi decenni del IV secolo e che può
considerarsi una versione latina del Romanzo d'Alessandro, opera risalente al III secolo dopo
Cristo falsamente attribuita a Callistene.
Un' Epitoma rerum gestarum Alexandri Magni composta tra IV e V secolo e giuntaci incompleta,
può considerarsi una riduzione dell'Historia.
Forse Giulio Valerio è anche l'autore di un Itinerarium Alexandri Magni Traianique dedicato a
Costanzo II e trasmesso assieme all'Historia.
Testi e testimonianze
Brano da edizione BCTV
1-8
Excerpta ex BTL-3 Bibliotheca Teubneriana Latina (curante CTLO, ed. Saur - Brepols)
<<< SENTENTIAE >>>
<<< 1 >>>
Iulius Ualerius Alexander Polemius - Res gestae Alexandri Macedonis translatae ex Aesopo
graeco (Pseudocallisthenis historia Alexandri Magni)
1. [[Aegyptii **sapientes**, sati genere divino, primi feruntur permensi que sunt terram ingenii pervicacia et
ambitum caeli stellarum numero adsecuti. quorum omnium Nectanabus prudentissimus fuisse comprobatur,
quippe qui, quod alii armis, ille ore potuisse convincitur]]. tantum denique sacricola peritia calluisse fertur ut
mundialia quoque ei parerent elementa, [[adeo ut, si metus bellicus illi immineret, non exercitum, non
machinamenta Martia moveret, quin potius ingressus aulae penita regiae que secreta ibi se solitarium
abdebat invecta se cum pelvi. quam dum ex fonte liquidissimo impleret, ex cera imitabatur navigii
similitudinem effigies que hominum illic collocabat. quae omnia cum supernare coepissent, mox moveri ac
vivere visebantur. adhibebat etiam et virgulam ex ligno ebeni et praecantamina loquebatur quibus vocaret
deos superos inferos que sic que laborabat pelvi naviculam submergi. ex quo fiebat ut simul cum
submersione illius cerae et cereis insessoribus etiam omnes hostes, si qui adesse praenuntiabantur, pelago
mergerentur. itaque multo tempore regno ac securitate potitus est]]. 2. [[Quodam igitur tempore nuntiatum
est ei multas adversus eum gentes una conspiratione atque eadem voluntate consurrexisse, scilicet Indos,
Arabes Phoenices que, Parthos et Assyrios, nec non et Scythas, Alanos, Osydoracontas, Seres atque
Caucones, Hiberos, Agriophagos, Eunomitas et quaecumque sunt orientis barbarae gentes. quibus ille
auditis plausum dans manibus magno risu dissolutus est]]. 3. [[Igitur ad consuetam artis confugit peritiam et
more solito adhibuit sibi pelvem atque omnia alia instrumenta, quibus intellexit se vincendum atque ab
hostibus capiendum, nisi fugae consuleret.mox autem raso capite et barba collectis que omnibus quaeque
sibi erant pretiosarum opum]] in peregrina profectus est lustratis que invisitatioribus terris appulit in
Macedoniae locum cui Pella ex veteri nomen est. ibi [[amictus veste linea, astrologum se professus, vim
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
61
peritiae suae cum magna admiratione commendabat]]. --- 4. Tamen longe celebratior apud Macedones
Nectanabus erat, ut fama eius ne Olympiada quidem reginam <lateret, coepit que regina> consulere peritiam
viri absente tunc coniuge. nam Philippus bello forte tunc aberat. igitur ingredi iussus et ad primam
Olympiadis visionem miratione formae eius Nectanabus ita {mo}tus est ut amori mulieris dederetur, quod
eum ferme ex corporis intemperie facile erat his voluptatibus vinci. ingressus tamen protenta manu
regina<m> avere iubet; non dominae eam appellatione dignatus est, qui se olim dominum fuisse meminisset.
resalutato igitur ac sedere iusso: "tu ne," inquit, "ille es Nectanabus matheseos sciens? nam quisque te
consuluerit veridicentiae tuae non refragatur. dic ergo, quanam usus peritia adeo veri amicus cluis". ad id
respondit: "multifida quidem est, o regina, ista haec nostra vaticinandi scientia, neque est in tempore omnium
meminisse: nam et interpretes somniorum et astrici, quibus omnis divinandi ratio reseratur, et multa sunt
praeter haec nomina quibus uti ad praescientiam solemus". his dictis cum acrius in vultum reginae intueretur,
Olympias refert: "quid ita defigeris, o propheta, ubi in me intueris?"at ille: "recordor enim nunc demum oraculi
eius quod apud Aegyptum a diis acceperam, oportere me reginae vera praedicere percunctanti. quare
consule super cupitis". et cum verbis tabulas promit quas peritiae huiusce docti pinaca[m] nominaverunt,
adeo fabre absolutum ut artifex manus certasse putaretur cum bino eloquentiae testimonio: auro enim et
ebore variatum pretium sui cum operis admiratione contenderat. tum promit etiam septem quas {dice}ret
stellas et horoscopum pariter, quibus singulis sui metalli species erat. Iovem enim viseres aereo lapide
nuncupatum, Solem crystallo, Lunam adamante, Martem dici sub lapide haematite, sed Mercurius ex
smaragdo fuit, Venus vero sapphirina, Saturnus in ophite, tum horoscopus lygdinus. exinde mirans Olympias
pinacis illius opulentiam stellarum que mirabilem varietatem propter sessitans iubet omne facessere
famulitium qui aderant sibi ex ministerio regali et ait: "o tu, quaeso, intuere meam et Philippi congruentiam;
nam multa fama est quod, si adfuerit ex hostico, abiecta me velit in alteram transiugari". ad haec ille: "quin
ergo deprome vel tuam vel Philippi genituram". quod cum illa fecisset, Nectanabus statim suam quoque
adhibet constellationem, exploraturus an illa cum Olympiadis genitura conveniret voluntatis que potiretur.
quod cum fore deprehendisset, hinc orsus est: "non vana," inquit, "ista ad te fama pervenit, sed enim vera
est. ego tamen ac si prophetes ex Aegypto opitulabor, ut queam, ne quid de divortio formidaveris.quod etsi
foret, vindex fa<c>to non deesset". "quanam," inquit Olympias, "id facultate?" "quod enim," Nectanabus
refert, "fatale tibi est secundum hanc quam video genitura<m> misceri deo e que isto gravidam filium
nutricaturam ultorem omnium si quae in te Philippus audebit". tum illa: "et cuinam," inquit, "deo ad torum
debeor?" respondit: "Ammoni Libi. is autem est fluvius". Aetate qua visitur iuvenem esse renuntiat. de facie
sciscitatur et cultu. canum caesarie dicit et ore praelepidum, temporibus tamen atque fronte arietis cornibus
asperatum. "quare," inquit, "paraveris tete velut feminis mos est et reginae decorum est ad huiuscemodi
nuptias.“Quod etsi foret, vindex fa<c>to non deesset". "quanam," inquit Olympias, "id facultate?" "quod
enim," Nectanabus refert, "fatale tibi est secundum hanc quam video genitura<m> misceri deo e que isto
gravidam filium nutricaturam ultorem omnium si quae in te Philippus audebit". tum illa: "et cuinam," inquit,
"deo ad torum debeor?" respondit: "Ammoni Libi. is autem est fluvius". Aetate qua visitur iuvenem esse
renuntiat. de facie sciscitatur et cultu. canum caesarie dicit et ore praelepidum, temporibus tamen atque
fronte arietis cornibus asperatum. "quare," inquit, "paraveris tete velut feminis mos est et reginae decorum
est ad huiuscemodi nuptias. videbis enim et somnium et in somnio nuptias tibi futuras esse cum deo".ad
haec illa: "ego hoc," | inquit, "somnium si somniabo, non iam te ut mago utar, enimvero dei honore
**venerabor**". 5. Progressus inde Nectanabus neque oppertus in longum herbas ex scientia quaeritat ad
somniorum imperia necessarias. quibus carptis atque in sucum pressis effigiat ex cera corpusculum feminae
ei que nomen reginae cum adscripsisset, lectulum eidem fabricatur, cui illa effigies supraponitur, iuxta que
lucernis incensis sucum herbarum potentium superfundit carmen que dicit efficax et secretum, quo effectum
est ut quidquid ille simulamini cereo loquebatur, id omne fieri sibi regina sit opinata per somnium. videt enim
se in complexibus dei, quos fore sibi cum Ammone dixerat, post que complexus deum sibi loquentem
audierat fetam se et utero gravem et edituram vindicem filium. 6. Surgit ergo de lectulo et admirata somnii
maiestatem hominem ad sese vocat et "ecce," inquit, "promissum somnium vidi. nam et deus erat et agebat
me cum nuptiale secretum. igitur curam quaeso suscipias quando id effectum compleatur quando que me
deus iste dignetur, ut ego quoque iugalibus me et sponso iam praeparem". ad haec Nectanabus: "hoc
quidem," inquit, "o domina, quod vidisti est somnium; aderit tamen ipse etiam ad te deus. sed censeo mihi
secessum istic iuxtim tuum cubiculum dari, uti arte procurem ne quis tibi metus sit sub adventu huius
numinis". probat id promissi regina et vicinum cubiculo suo secessum mago tribuit et "si," inquit, "harumce
nuptiarum cepero experimentum conceptu que sim potita, honor regalis tibi a regina non deerit in que te patri
adfectum fore mihi iam spes promittit". tum addidit ille: "praecursor tibi," inquit, "dei mox aderit.nam sedenti
superveniet draco clementius reptabundus. enim tu eo viso omnis qui adsint amolire de medio, nec tamen
quaecumque aderunt exstinxeris lumina, sed, cum te lectulo collocaris, opertum quidem vultum ad
verecundiam texeris, lumine tamen limis explora vultus illos quos iam somnio praevidisti, ut si is erit". 7.
Insequenti igitur die et locus mago destinatur et ille quaevis ex arte opportuna providit, vellus scilicet arietis
quam mollissimum una cum cornibus sceptrum que et amictum admodum candidum. quo superiecto efficit
scientia draconem sibi veluti mansuetum et innoxie gradientem vespera que adventante eum admonet ire
praecursorem. et is intrat ad feminam. quo viso illa mox horridula prae metu disicit quosque praesentes, ipsa
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
62
vero secundum monitum dat sese lectulo et obnupta vultu solo oculo ad superventum opinati dei curiosa est
videt que illum quem somnio ante praeceperat. at ille sceptro deposito conscenso que lectulo nuptias agit
exim que utero eius superiecta manu: "habes," inquit, "o mulier, ex nobis haec invicta et insubiugabilia
foedera. quippe gaudeto te gravidam eo filio quo vindice et universi orbis domino laetere". his ita dictis
sceptro que recepto conclavi exit. sed mane iam lucescente mulier alacrior laetitia ut potita dei cubiculum
Nectanabi irrumpit.is e somno excitatus ut nescius rei causam quaerit adventus. tum illa: "facta," inquit, "sunt
omnia quae promiseras". et ille una sese gaudere professus est. rursus mulier: "ergo ne," inquit, "ultra
adesse dignabitur? nam est mihi etiam amor ad nuptias tales. id enim mihi sensus <quod> coniux coniugi
dedit. nunc tamen metuo ut ista celaverim". tum magus gaudens, quod amorem sui mulier testaretur, in haec
verba ait: "audi, regina: huiusce dei minister ego sum et, cum voles talis mariti conventum, secretum quoque
praesta sollemne mihi que dicito, ut purgatione sacricola procurem quo ad te rursus adveniat". tum ergo illa
deversorium solitum Nectanabo promittit et clavis cubiculi | mago dari iubet; ex quo promptior illis erat | in id
quod cupiverant commeatus, sub opinione tamen Ammonis dei. sed iam alvo et lateribus excrescentibus:
"quidnam," inquit, "o propheta, me fiet quid ve nunc facto opus est, si adveniens Philippus cum isto me onere
deprehendat?" "ne metueris," ille respondit, "opitulabitur enim Ammon ei vitio quod suasit eum que per
somnium super facto docebit, ne quid tibi triste suscenseat, quin sciat deos omnium potentes esse". in hunc
igitur modum Olympias magicis artibus ducebatur.8. Sed Nectanabus sacrum sibi accipitrem parat eum que
secretius monet ire ad Philippum et loqui quae ipse mandarat. pergit que ire ales, ut iussum est, per que
terras et mare Philippum que per noctem adsistens mandatis opinionibus complet. quippe territus somnio
evocato que rex somniorum interprete sic ait: "vidi," inquit, "per quietem deum quendam, facie formosum et
canitie capitis caesariatum et genae, arietis tamen cornibus insignitum, supervenisse Olympiadi, coniugi
meae, sese que illi nuptiis miscuisse. quibus patratis haec etiam verba addiderat: 'excepisti,' inquit, 'o mulier,
marem filium, qui adserat te et patris ultor esse laudetur.' tum mulieris virginal biblo contegere consignare
que anulo aureo visebatur, cui inscalptio erat solis effigies et leonis caput hastili subiecto. quae cum
vidissem, accipiter superveniens excitare me pulsu videbatur alarum. quid igitur istud | est quod portenditur?"
tum interpres: "o Philippe, verum istud est nec in aliud interpretandum, ut adsolet, opinabile. quod enim
signari vidisti virginal feminae, fidem rei visae testatur - consignatio enim fides est atque veritas -, ex quo
praenosti quod illa conceperit: nemo enim vas vacuum consignaverit. ut haec biblo, quippe cum biblus vel
carta nullibi gentium nisi in nostra tellure gignatur, Aegyptium igitur semen est qui conceptus est, non tamen
humile, sed clarum plane vel regium propter aurei anuli visionem; hoc enim metallo nihil scimus esse
pretiosius in quo etiam deorum effigies veneramur. sed quoniam signaculum quod solis forma visebatur
subter que leonis caput hastile quoque adiacens erat, is ipse, quisque nascetur, in orientis usque veniet
praepotentia possessionem omnia audens, quae natura est leonis, id que vi et hasta faciet quam una vidisti.
Bibliografia
Edizioni
B. Kuebler, Leipzig 1888.
Res gestae Alexandri Macedonis translatae ex Aesopo graeco, M. Rosellini,1993, corr. 2004.
P.H. Thomas, Incerti auctoris 'Epitoma rerum gestarum Alexandri Magni' cum libro 'De morte
testamentoque Alexandri', Leipzig 1960.
Itinerarium Alexandri, H.J.Hausmann, Koln 1970.
FPL Blansdorf 1995, pp. 385-93. (8 frammenti)
Studi
D. Romano, Giulio Valerio, Palermo 1974.
ICCU
Autore: Alexandri Magni epistulae
Der Brief Alexanders an Aristoteles uber die Wunder Indiens: synopt. Edition / hrsg. von Michael Feldbusch,
Meisenheim am Glan: Hain, 1976, Beitrage zur klassischen Philologie
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
63
Res gestae Alexandri Macedonis translatae ex aesopo Graeco / Iulius Valerius; adhibitis schedis Roberti
Calderan edidit Michela Rosellini, Editio correctior cum addendis, Monachii; Lipsiae: in aedibus K.G. Saur,
2004.
Iuli Valeri Res gestae Alexandri Macedonis translatae ex Aesopo Graeco / adhibitis schedis Roberti
Calderan; edidit Michaela Rosellini, Stutgardiae; Lipsiae, 1993, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
De Iulii Valerii epitoma Oxoniensi: dissertatio inauguralis quam ad summos in philosophia honores ab
amplissimo philosophorum ordine Academiae Wilhelmae Argentinensis rite impetrandos / scripsit Gabriel
Gedeon Cillie, Argentorati: Typis expressit M. Dumont-Schauberg, 1905
Autore: Res gestae Alexandri Magni
Le imprese di Alessandro Macedone / scritte in greca favella da Esopo e recate in latina da Giulio Valerio;
scoperte dall'em. cardinale Angelo Mai; ora ritoccate nella lezione e per la prima volta volgarizzate dal prof.
ab. Giovanni Berengo con annotazioni, Venezia: nel privil. Stab. nazionale di G. Antonelli editore, 1852,
Biblioteca degli scrittori latini
Biografia romanzata di Alessandro Magno nota come Pseudo-Callistene. Testo latino a fronte
Iuli Valeri Alexandri Polemi Res gestae Alexandri Macedonis translatae ex Aesopo Graeco / recensuit
Bernardus Kuebler; accedunt Collatio Alexandri cum Dindimo, rege Bragmanorum, per litteras facta et
Epistola Alexandri ad Aristotelem, magistrum suum, de itinere suo et de situ Indiae, Lipsiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1888, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Riposati 707, Bettini 3, 642, Conte, LettLat 549
Itinerarium Alexandri
Forse Giulio Valerio è anche l'autore di un Itinerarium Alexandri Magni Traianique dedicato a
Costanzo II e trasmesso assieme all'Historia.
Tabacco ha preparato anche le Concordantiae per Hildesheim
Testi e testimonianze
Itin., 1-4
[1] 1 Dextrum admodum sciens et omine tibi et magisterio futurorum, domine Constanti, bonis melior
imperator, si orso feliciter iam accinctoque Persicam expeditionem itinerarium principum eodem opere
gloriosorum, Alexandri scilicet Magni Traianique, componerem, libens sane et laboris cum amore succubui,
quod quidem meum uelle enim id et exigit sui pensique est, quodque regentium prospera in partem subditos
uocant.
2 Ac si quid ex eo iuuerim uel praeierim uicem sciarn in me etiam redundaturam, quoniam quisque mortalium
iure naturae in eo se plus diligit, a quo ipse defenditur. Sed enim quamuis factorum egregiorum inops lingua
testis ignobilis, ego tamen audacter innumeris subeo, non meis fretus, uerum externi ingenii uiribus, nec de
loquacium numero uilibus usus auctoribus, sed quos fidei amicissimos uetus censura pronuntiat, quosque
istic qua potui tibi circumcisa satis curiositate collegi, adhibito sane uerborum cultu restrictius, quoniam uoti
communis utilitas non priuatae iactantiae gloria petebatur.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
64
[2] 3 Itinerarium denique pro breuiario superscripsi castigans operis eius etiam nomine facultatem, scilicet ut
i(n)cent(iuum) uirtutibus tuis, cum animo, quippe sitienti laudis, irritamento est, in causa olim pari scire
obsecutam rationi fortunam, praesertim cum illinc tu res martias auspicere, ubi quisque fidentior emerita
imperia sublimarint, triumphorumque tu exim stipendiis imbuare, ubi quisque felicior praegestis apicem
posiuere; scilicet ut, dum iuuentae conatus paternis maturitatibus admoliris, inclitorum quam maxime
principum merita superuadas, quorumque protinus tete in omni hac parilitate nec consilii paeniteat nec
pudeat uero fortunae.
4 Quamquam scio maiora longe felicioraque, quae profecto sint uobis exempla de maximis Constantinis
patre uel fratre, certe quae priora sunt tempore, etiamsi meritis secunda tu feceris, ipsos illis, si quis funetis
est sensus, uoto accessuros existimo. 5 Tibique in Persas hereditarium munus est: ut qui Romana tamdiu
arma tremuerunt, per te tandem ad nostratium nomen recepti interque prouincias uestras ciuitate Romana
donati, discant esse beneficio iubentium liberi, qui omnes illic fastibus regiis milites bello, serui pace
censentur.
[3] 6 Igitur si Terentius Varro Gnaeo Pompeio olim per Hispanias militaturo librum illum Ephemeridos sub
nomine laborauit, ut inhabiles res eidem (ad)gressuro scire esset ex facili inclinationem oceani, utque omnes
reliquos motus aerios praescientiae fide peteret uel declinaret, cur ego tibi, rem nostrae salutis adgresso,
non ut ex bona flamma uirtutum hanc facem praeferam? Quoniam quantum ingenio minor, tantum hoc uoto
Varrone sum potior, uti uel inde quamquam corporis liber, animi tamen uobis militem uiribus.
7 Modo indicio sim quam illi uiam fortitudini strauerint, quae tibi nunc pro omnium salute carpenda est.
Neque enim ego hic elegantiam sermonis affecto, cui de commodo usus ipsius laboratur, cum sit felicitas
maior tali in opere uersanti praeisse quod prosit quam composuisse quod placeat; ut quo segnitior fuerit dicti
simplicitas, hoc et fidei plus et luminis habeat enarratio; quippe quoniam in talibus ueritas palmam rapuerit
eloquentiae, quae ubi arte pro45 tegitur scriptor pro auctore laudatur.
[4] 8 Sed mihi hic et materiae parilitas blanda est et germanitas spei de te scripturo potiora tum Alexandri
gloriis tum Traiani, quibuscum tibi sane commune est fatalem hanc belli lineam tangere, quoniam aetas
quoque alterius nunc penes te est alterius uero consilium quo uincis aetatem.
9 Quippe Alexandro illi interim sic aequabere: magnus ille cognomine, tu uero maximi filius, eadem fere
natus terrae sub parte eodem atque indidem ducis exercitum, numero militum par, sed melior examine,
eandem ulturus iniuriam es, sed disparis contumeliae. 10 Ex quo iure sane sit praesumendum quod aequali
omine militans pari potiare fortuna, hactenus socius exemplo, ceterum pro merito felicior, siquidem quoniam
deo praesidi acceptiora sunt uota quae fas et modestia concepit quam quae efferis moribus inconsulta
arrogantia rapit. 11 llle, sibi soli uicisse gloriatus factusque in amicos saeuior quo felicior, fructu uictoriae
caruit, obitu multatus; saluti uero Romanae tu militans ei mox imperio contendes aetate cuius te gloriae
inmortalitas comitabitur. Etenim ne tibi tantis ac talibus occupato ultra obloquar hinc exordium faciam.
[1] 1 Sapendo che ti sarebbe stato assai utile sia come augurio sia come modello per le imprese future, o
Signore Costanzo, dei buoni imperatori ancora migliore, se io componessi per te, che hai già felicemente
iniziata e allestita la spedizione persiana, l'itinerario dei principi che acquistarono fama con la medesima
impresa, cioè Alessandro Magno e Traiano, assai volentieri e con amore di questa fatica mi sono ad essa
sottoposto, perché una tale opera stimola davvero la mia volontà e rientra nel suo dovere, e perché i
successi dei governanti chiamano i sudditi ad esserne partecipi.
2 E se grazie a quest'opera recherò qualche aiuto o suggerimento, saprò che un contraccambio ridonderà
anche su di me, poiché ognuno dei mortali, per legge di natura, ama se stesso maggiormente nel rapporto
con colui dal quale riceve un sostegno. Benché poi una lingua povera sia umile testimone di imprese
straordinarie, tuttavia io arditamente mi pongo al seguito di innumerevoli autori, fidando non nelle mie forze,
ma in quelle dell'ingegno altrui: né mi sono valso di autori di poco valore traendoli dal novero di quelli
verbosi, ma al contrario mi sono valso di quegli autori che la critica antica proclama amantissimi della verità,
e li ho raccolti qui per te come ho potuto limitando molto la curiosità, e valendomi invero con una certa
parsimonia degli ornamenti verbali, poiché ricercavo il vantaggio di un augurio comune, non la fama di un
vanto personale.
[2] 3 Infine posi come titolo Itinerario, in luogo di Breviario, limitando anche nel nome il carattere di
quest'opera, intesa come sprone alle tue virtù, poiché per l'animo, in particolare se assetato di gloria, è di
stimolo sapere che nella medesima causa un giorno la fortuna ha secondato il disegno, tanto più che tu inizi
le imprese di guerra dal punto al quale i più coraggiosi hanno innalzato i comandi sostenuti, e impari a
servire per i trionfi dal punto in cui i più fortunati posero il coronamento delle imprese compiute; sì che certo,
mentre affianchi alla matura esperienza del padre gli slanci della giovinezza, tu supererai i meriti dei principi
più famosi, e ben presto in questa completa somiglianza con essi non avrai a pentirti del tuo progetto, né a
vergognarti dei tuoi risultati.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
65
4 Benché io sappia che di gran lunga più cospicui e fortunati sono gli esempi che voi avete senza dubbio dai
grandissimi Costantini, padre e fratello, ritengo che essi, se qualche facoltà di sentire hanno i defunti,
accederanno in cuor loro a quegli esempi che comunque vengono prima nel tempo, anche se tu li giudichi
secondi quanto a meriti. 5 Tu hai nei confronti dei Persiani un compíto ereditario: che essi, che tanto a lungo
hanno tremato di fronte alle armi romane, accolti infine per opera tua nel nome di nostri e ricevuta in dono la
cittadinanza romana entro le vostre province, imparino ad essere liberi per beneficio di chi governa, essi che
là per la superbia dei re sono considerati tutti soldati in tempo di guerra e servi in tempo di pace.
[3] 6 Se dunque Terenzio Varrone si adoperò a comporre per Gneo Pompeo, che allora si accingeva a
compiere una spedizione militare attraverso le Spagne, quel libro famoso che va sotto il nome di Efemeride,
affinché gli fosse possibile conoscere facilmente, nell'accingersi ad affrontare ardue imprese, il movimento
dell'oceano, e affinché, fidando in una conoscenza preventiva, potesse cercare o evitare tutti gli altri moti
dell'aría, perché non dovrei io portare innanzi a te, che ti sei assunto un'impresa riguardante la nostra
salvezza, questa fiaccola che arde, per così dire, della nobile fiamma delle virtù? Giacché quanto sono
inferiore a Varrone per ingegno, altrettanto sono migliore di lui per questo desiderio, di militare anche così
per voi con le forze dell'animo, benché sia esente in quelle del corpo.
7 Possa io solo servire a indicare quale via essi hanno aperto al valore, via che ora tu devi percorrere per la
salvezza di tutti. Infatti io non cerco qui eleganza di espressione, per la quale ci si impegna secondo
l'opportunità del suo uso, poiché è successo più importante, per chi si dedichi ad un'opera di questo tipo,
aver suggerito ciò che possa giovare, che aver composto un'opera che piaccia; sì che, quanto più negligente
sia stata la semplicità dell'espressione, tanto maggiore credibilità e chiarezza abbia l'esposizione; poiché in
opere di questo genere la verità ha sottratto la palma all'eloquenza, e quando essa è ricoperta di artifici
viene elogiato il buon narratore anziché il relatore attendibile.
[4] 8 Ma ora sia la somiglianza dell'argomento sia l'affinità della speranza sono attraenti per me, che intendo
scrivere di te cose più grandi delle glorie sia di Alessandro sia di Traiano, con i quali tu hai in comune il
destino di toccare questa fatale linea di guerra, poiché dell'uno ora hai anche l'età e dell'altro il senno, con
cui superi l'età.
9 Intanto così sarai paragonato al famoso Alessandro: quello ebbe l'appellativo di `grande', ma tu sei figlio di
un `grandissimo', nato quasi nella stessa regione della terra, partendo dal medesimo luogo conduci l'esercito
alla medesima meta, pari per numero di soldati, ma superiore nell'organizzazione delle schiere, ti proponi di
vendicare il medesimo torto, ma di ben diversa gravità come offesa. 10 Da tutto questo ci si deve certo a
buon diritto attendere che, militando con eguali auspici, tu ottenga pari successo, fino a questo punto
compagno a1 modello, per il resto più fortunato in relazione al tuo merito, dal momento che al Dio protettore
sono più accetti i voti dettati dal sacro senso del dovere e dalla moderazione, che non quelli strappati con
modi selvaggi da una temeraria arroganza.
11 Quello, vantatosi di aver vinto per sé solo e divenuto tanto più crudele verso gli amici quanto più era
fecondo di successi, fu privato del frutto della vittoria, punito con la morte; tu invece, che militi per la
salvezza di Roma, gareggerai in durata con quell'impero, l'immortalità della cui gloria ti accompagnerà. Ma
per non trattenere oltre con le mie parole te che sei occupato in cose tanto gravi ed importanti, esordirò.
Trad. R. Tabacco, Firenze, Olschki, 2000, [BCTV]
Bibliografia
Edizioni
Itinerarium Alexandri, ed., trad. e comm. R. Tabacco, Firenze, L. S. Olschki, 2000, Filologia /
Facolta di lettere e filosofia, Fondo di studi Parini-Chirio, Universita degli studi di Torino
ICCU
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
66
Itinerarium Alexandri / testo, apparato critico, introduzione, traduzione e commento di Raffaella Tabacco,
[Firenze]: L. S. Olschki, 2000, Filologia / Facolta di lettere e filosofia, Fondo di studi Parini-Chirio, Universita
degli studi di Torino
Note Generali: Attr. a Giulio Valerio.
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Giustino
Cenni biografici
Vissuto tra il II e il III secolo d.C.
Opere
Le Historiae Philippicae di Pompeo Trogo erano divise in 44 libri: Giustino ne fece un compendio,
redatto secondo interessi prevalentemente aneddotici e verosimilmente mantenne la struttura
originaria dell’opera. Sicuramente dell’originale l’epitome conserva i prologi, cioè i sommari, posti
in testa a ciascun capitolo.
Testi e testimonianze
Epitome Historiarum Philippicarum P. Trogi [IntraText]
PRAEFATIO
Praef. Cum multi ex Romanis etiam consularis dignitatis viri res Romanas Graeco peregrinoque sermone in
historiam contulissent, seu aemulatione gloriae sive varietate et novitate operis delectatus vir priscae
eloquentiae, Trogus Pompeius, Graecas et totius orbis historias Latino sermone conposuit, ut, cum nostra
Graece, Graeca quoque nostra lingua legi possent, prorsus rem magni et animi et corporis adgressus. Nam
cum plerisque auctoribus singulorum regum vel populorum res gestas scribentibus opus suum ardui laboris
videatur, nonne nobis Pompeius Herculea audacia orbem terrarum adgressus videri debet, cuius libris
omnium saeculorum, regum, nationum populorumque res gestae continentur? Et quae historici Graecorum,
prout commodum cuique fuit iter, segregatim occupaverunt, omissis quae sine fructu erant, ea omnia
Pompeius divisa temporibus et serie rerum digesta conposuit. Horum igitur quattuor et quadraginta
voluminum (nam totidem edidit) per otium, quo in urbe versabamur, cognitione quaeque dignissima excerpsi
et omissis his, quae nec cognoscendi voluptate iucunda nec exemplo erant necessaria, breve veluti florum
corpusculum feci, ut haberent et qui Graece didicissent, quo admonerentur, et qui non didicissent, quo
instruerentur. Quod ad te non tam cognoscendi magis quam emendandi causa transmisi, simul ut et otii mei,
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
67
cuius et Cato reddendam operam putat, apud te ratio constaret. Sufficit enim mihi in tempore iudicium tuum,
apud posteros, cum obtrectationis invidia decesserit, industriae testimonium habituro.
Capp. I-V
1. Principio rerum gentium nationumque imperium penes reges erat, quod ad fastigium huius maiestatis non
ambitio popularis, sed spectata inter bonos moderatio provehebat. Populus nullis legibus tenebatur, arbitria
principum pro legibus erant. Fines imperii tueri magis quam proferre mos erat; intra suam cuique patriam
regna finiebantur. primus omnium Ninus, rex Assyriorum, veterem et quasi avitum gentibus morem nova
imperii cupiditate mutavit. Hic primus intulit bella finitimis et rudes adhuc ad resistendum populos terminos
usque Libyae perdomuit. Fuere quidem temporibus antiquiores Vezosis Aegyptius et Scythiae rex Tanaus,
quorum alter in Pontum, alter usque Aegyptum excessit. Sed longinqua, non finitima bella gerebant nec
imperium sibi, sed populis suis gloriam quaerebant continentique victoria imperio abstinebant. Ninus
magnitudine quaesitae dominationis continua possessione firmavit. Domitis igitur proximis, cum accessione
virium fortior ad alios transiret et proxima quaeque victoria instrumentum sequentis esset, totius Orientis
populos subegit. Postremum bellum illi fuit cum Zoroastre, rege Bactrianorum, qui primus dicitur artes
magicas invenisse et mundi principia siderumque motus diligentissime spectasse. Hoc occiso et ipse
decessit, relicto adhuc impubere filio Ninia et uxore Semiramide.
2. Haec neque immaturo puero ausa tradere imperium nec ipsa palam tractare, tot ac tantis gentibus vix
patienter Nino viro, nedum feminae parituris, simulat se pro uxore Nini filium, pro femina puerum. Nam et
statura utrique mediocris et vox pariter gracilis et liniamentorum qualitas matri ac filio similis. igitur bracchia
et crura calciamentis, caput tiara tegit; et ne novo habitu aliquid occultare videretur, eodem ornatu et
populum vestiri iubet, quem morem vestis exinde gens universa tenet. Sic primis initiis sexum mentita puer
esse credita est. Magnas deinde res gessit; quarum amplitudine ubi invidiam superatam putat, quae sit
fatetur quemve simulasset. Nec hoc illi dignitatem regni ademit, sed auxit, quod mulier non feminas modo
virtute, sed etiam viros anteiret. Haec Babyloniam condidit murumque urbi cocto latere circumdedit, arenae
vice bitumine interstrato, quae materia in illis locis passim invenitur e terra exaestuata. Multa et alia praeclara
huius reginae fuere; siquidem, non contenta adquisitos viro regni terminos tueri, Aethiopiam quoque imperio
adiecit. Sed et Indis bellum intulit, quos praeter illam et Alexandrum Magnum nemo intravit. Ad postremum
cum concubitum filii petisset, ab eodem interfecta est, duos et XXX annos post Ninum regno petita. Filius
eius Ninias contentus elaborato a parentibus imperio belli studia deposuit et, veluti sexum cum matre
mutasset, raro a viris visus in feminarum turba consenuit. Posteri quoque eius id exemplum secuti responsa
gentibus per internuntios dabant. Imperium Assyrii, qui postea Syri dicti sunt, mille trecentis annis tenuere.
3. Postremus apud eos regnavit Sardanapallus, vir muliere corruptior. Ad hunc videndum (quod nemini ante
eum permissum fuerat) praefectus ipsius Medis praepositus, nomine Arbactus, cum admitti magna ambitione
aegre obtinuisset, invenit eum inter scortorum greges purpuras colo nantem et muliebri habitu, cum mollitia
corporis et oculorum lascivia omnes feminas anteiret, pensa inter virgines partientem. Quibus visis
indignatus tali feminae tantum virorum subiectum tractantique lanam ferrum et arma habentes parere,
progressus ad socios quid viderit refert; negat se ei parere posse, qui se feminam malit esse quam virum. Fit
igitur coniuratio; bellum Sardanapallo infertur. Quo ille audito non ut vir regnum defensurus, sed, ut metu
mortis mulieres solent, primo latebras circumspicit, mox deinde cum paucis et inconpositis in bellum
progreditur. Victus in regiam se recepit, ubi exstructa incensaque pyra et se et divitias suas in incendium
mittit, hoc solo imitatus virum. Post hunc rex constituitur interfector eius Arbactus, qui praefectus Medorum
fuerat. Is imperium ab Assyriis ad Medos transfert.
4. Post multos deinde reges per ordinem successionis regnum ad Astyagen descendit. Hic per somnum vidit
ex naturalibus filiae, quam unicam habebat, vitem enatam, cuius palmite omnis Asia obumbraretur. Consulti
arioli ex eadem filia nepotem ei futurum, cuius magnitudo praenuntiaretur, regnique ei amissionem portendi
responderunt. Hoc responso exterritus neque claro viro neque civi filiam suam, ne paterna maternaque
nobilitas nepoti animos extolleret, sed ex gente obscura tum temporis Persarum Cambysi, mediocri viro, in
matrimonium tradidit. Ac ne sic quidem somnii metu deposito gravidam ad se filiam arcessit, ut sub avi
potissimum oculis partus necaretur. Natus infans datur occidendus Harpago, regis arcanorum participi. Is
veritus, si ad filiam mortuo rege venisset imperium, quia nullum Astyages virilis sexus genuerat, ne illa necati
infantis ultionem, quoniam a patre non potuisset, a ministro exigeret, pastori regii pecoris puerum
exponendum tradit. Forte eodem tempore et ipsi pastori natus filius erat. Eius igitur uxor audita regii infantis
expositione summis precibus rogat sibi perferri ostendique puerum. Cuius precibus fatigatus pastor reversus
in silvam invenit iuxta infantem canem feminam parvulo ubera praebentem et a feris alitibusque
defendentem. Motus et ipse misericordia, qua motam etiam canem viderat, puerum defert ad stabula, eadem
cane anxie prosequente. Quem ubi in manum mulier accepit, veluti ad notam adlusit, tantusque in illo vigor
et dulcis quidam blandientis infantis risus apparuit, ut pastorem ultro rogaret uxor, suum partum pro illo
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
68
exponeret permitteretque sibi sive fortunae ipsius sive spei suae puerum nutrire. Atque ita permutata sorte
parvulorum hic pro filio pastoris educatur, ille pro nepote regis exponitur. Nutrici postea nomen Spargos fuit,
quia canem Persae sic vocant.
5. Puer deinde cum imperiusus inter pastores esset, Cyri nomen accepit. Mox rex inter ludentes sorte
delectus cum per lasciviam contumaces flagellis cecidisset, a parentibus puerorum querele regi delata,
indignantibus a servo regio ingenuos homines servilibus verberibus adfectos. Ille arcessito puero et
interrogato, cum nihil mutato vultu fecisse se ut regem respondisset, admiratum constantiam in memoriam
somnii responsique revocatur. Atque ita cum et vultus similitudo et expositionis tempora et pastoris confessio
convenirent, nepotem agnovit. Et quoniam defunctus sibi somnio videretur agitato inter pastores regno,
animum minacem dumtaxat in illo fregit. Ceterum Harpago, amico suo, infestus in ultionem servati nepotis
filium eius interfecit epulandumque patri tradidit. Sed Harpagus ad praesens tempus dissimulato dolore
odium regis in vindictae occasionem distulit. Interiecto deinde tempore cum adolevisset Cyrus, dolore
orbitatis admonitus scribit ei, ut ablegatus ab avo in Persas fuerit, ut occidi eum parvulum avus iusserit, ut
beneficio suo servatus sit, ut regem offenderit, ut filium amiserit. Hortatur exercitum paret et pronam ad
regnum viam ingrediatur, Medorum transitionem pollicitus. Epistula quia palam ferri nequibat regis
custodibus omnes aditus obsidentibus, exenterato lepori inseritur lepusque in Persas Cyro ferendus fido
servo traditur; addita retia, ut sub specie venatoris dolus lateret.
Capp. VI-X
6. Lectis ille epistulis eadem somnio adgredi iussus, sed praemonitus, ut quem primum postera die obvium
habuisset, socium coeptis adsumeret. Igitur antelucano tempore ruri iter ingressus obvium habuit servum de
ergastulo cuiusdam Medi, nomine Sybaren. Huius requisita origine ut in Persis genitum audivit, demptis
conpedibus adsumptoque comite Persepolim regreditur. Ibi convocato populo iubet omnes praesto cum
securibus esse et silvam viae circumdatam excidere. Quod cum strenue fecissent, eosdem postera die
adparatis epulis invitat; dein cum alacriores ipso convivio factos videret, rogat: si condicio ponatur, utrius
vitae sortem legant, hesterni laboris an praesentium epularum? "Praesentium" ut adclamavere omnes, ait
hesterno similem labori omnem vitam acturos, quoad Medis pareant; se secutos hodiernis epulis. Laetis
omnibus bellum Medis infert. Astyages meriti sui in Harpago oblitus summam belli eidem committit, qui
exercitum acceptum statim Cyro per deditionem tradidit regisque crudelitatem perfidia defectionis ulciscitur.
Quod ubi Astyages audivit, contractis undique auxiliis ipse in Persas proficiscitur et repetito alacrius
certamine pugnantibus suis partem exercitus de tergo ponit et tergiversantes ferro agi in hostes iubet ac
denuntiat suis, ni vincerent, non minus fortes post terga inventuros, quam a frontibus viros; proinde videant,
fugientibus haec an illa pugnantibus acies rumpenda sit. Ingens post necessitatem pugnandi animus
exercitui eius accessit. Pulsataque cum Persarum acies paulatim cederet, matres et uxores eorum obviam
occurrunt; orant in proelium revertantur; cunctantibus sublata veste obscena corporis ostendunt regantes,
num in uteros matrum vel uxorum vellent refugere. Hac repressi castigatione in proelium redeunt et facta
inpressione quos fugiebant fugere conpellunt. In eo proelio Astyages capitur, cui Cyrus nihil aliud quam
regnum abstulit nepotemque in illo magis quam victorem egit, eumque maximae genti Hyrcanorum
praeposuit. Nam in Medos reverti ipse noluit. Hic finis imperii Medorum fuit. regnaverunt annis CCCL.
7. Initio regni Cyrus Sybaren, coeptorum socium, quem iuxta nocturnum visum ergastulo liberaverat
comitemque in omnibus rebus habuerat, Persis praeposuit sororemque suam ei in matrimonium dedit. Sed
civitates, quae Medorum tributariae fuerant, mutato imperio etiam condicionem suam mutatam arbitrantes a
Cyro defecerunt, quae res multorum bellorum Cyro causa et origo fuit. Domitis deinde plerisque cum
adversus Babylonios bellum gereret, Babyloniis rex Lydorum Croesus, cuius opes divitiaeque insignes ea
tempestate erant, in auxilium venit; victusque iam de se sollicitus in regnum refugit. Cyrus quoque post
victoriam conpositis in Babylonia rebus bellum transfert in Lydiam. Ibi fortuna prioris proelii perculsum iam
Croesi exercitum nullo negotio fundit; Croesus ipse capitur. Sed quanto bellum minoris periculi, tanto et
mitior victoria. Croeso et vita et patrimonii partes et urbs Beroe concessa, in qua etsi non regiam vitam,
proximam tamen maiestati regiae degeret. Haec clementia non minus victori quam victo utilis fuit. Quippe ex
universa Graecia, cognito quod inlatum Croeso bellum esset, auxilia velut ad commune extinguendum
incendium confluebant; tantus Croesi amor apud omnes urbes erat passurusque Cyrus grave bellum
Graeciae fuit, si quid in Croeso crudelius consuluisset. Interiecto deinde tempore occupato in aliis bellis Cyro
Lydi rebellavere, quibus iterum victis arma et equi adempti iussique cauponas et ludicras artes et lenocinia
exercere. Ac sic gens industria quondam potens et manu strenua effeminata mollitie luxuriaque virtutem
pristinam perdidit et quos ante Cyrum invictos bella praestiterunt, in luxuriam lapsos otium ac desidia
superavit.
Fuere Lydis multi ante Croesum reges variis casibus memorabiles, nullus tamen fortunae Candauli
conparandus. Hic uxorem, quam propter formae pulchritudinem deperibat, praedicare omnibus solebat, non
contentus voluptatum suarum tacita conscientia, nisi etiam matrimonii reticenda publicaret, prorsus quasi
silentium damnum pulchritudinis esset. Ad postremum, ut adfirmationi suae fidem faceret, nudam sodali suo
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
69
Gygi ostendit. Quo facto et amicum in adulterium uxoris sollicitatum hostem sibi fecit et uxorem, veluti tradito
alii amore, a se alienavit. Namque brevi tempore caedes Candauli nuptiarum praemium fuit et uxor mariti
sanguine dotata regnum viri et se pariter adultero tradidit.
8. Cyrus subacta Asia et universo Oriente in potestatem redacto Scythis bellum infert. Erat eo tempore
regina Scytharum Tamyris, quae non muliebriter adventu hostium territa, cum prohibere eos transitu Araxis
fluminis posset, transire permisit, et sibi faciliorem pugnam intra regni sui terminos rata et hostibus obiectu
fluminis fugam difficiliorem. Itaque Cyrus traiectis copiis, cum aliquantisper in Scythiam processisset, castra
metatus est. Dein postera die simulato metu, quasi refugiens castra deseruisset, ita vini adfatim et ea, quae
epulis erant necessaria, reliquit. Quod cum nuntiatum reginae esset, adulescentulum filium ad insequendum
eum cum tertia parte copiarum mittit. Cum ventum ad castra Cyri esset, ignarus rei militaris adulescens,
veluti ad epulas, non ad proelium venisset, omissis hostibus insuetos barbaros vino se onerare patitur,
priusque Scythae ebrietate quam bello vincuntur. Nam cognitis his Cyrus reversus per noctem saucios
opprimit omnesque Scythas cum reginae filio interfecit. Amisso tanto exercitu et, quod gravius dolendum,
unico filio Tamyris orbitatis dolorem non in lacrimas effudit, sed in ultionis solacia intendit hostesque recenti
victoria exsultantes pari insidiarum fraude circumvenit; quippe simulata diffidentia propter vulnus acceptum
refugiens Cyrum ad angustias usque perduxit. Ibi conpositis in montibus insidiis ducenta milia Persarum cum
ipso rege trucidavit. In qua victoria etiam illud memorabile fuit, quod ne nuntius quidem tantae cladis
superfuit. Caput Cyri amputatum in utrem humano sanguine repletum coici regina iubet cum hac
exprobratione crudelitatis: "Satia te" inquit "sanguine, quem sitisti cuiusque insatiabilis semper fuisti". Cyrus
regnavit annis XXX, non initio tantum regni, sed continuo totius temporis successu admirabiliter insignis.
9. Huic successit filius Cambyses, qui imperio patris Aegyptum adiecit; sed offensus superstitionibus
Aegyptiorum Apis ceterorumque deorum aedes dirui iubet. Ad Hammonis quoque nobilissimum templum
expugnandum exercitum mittit, qui tempestatibus et harenarum molibus oppressus interiit. Post haec per
quietem vidit fratrem suum Mergim regnaturum. Quo somnio exterritus non dubitavit post sacrilegia etiam
parricidium facere. Erat enim difficile, ut parceret suis, qui cum contemptu religionis grassatus etiam
adversus deos fuerat. Ad hoc tam crudele ministerium magum quendam ex amicis delegit, nomine Cometen.
Interim ipse gladio sua sponte evaginato in femur graviter vulneratus occubuit poenasque luit seu imperati
parricidii seu perpetrati sacrilegii. Quo nuntio accepto magus ante famam amissi regis occupat facinus
prostratoque Mergide, cui regnum debebatur, fratrem suum subiecit Oropasten. Erat enim et oris et corporis
liniamentis persimilis, ac nemine subesse dolum arbitrante pro Mergide rex Oropasta constituitur. Quae res
eo occultior fuit, quod apud Persas persona regis sub specie maiestatis occulitur. Igitur magi ad favorem
populi conciliandum tributa et militiae vacationem in triennium permittunt, ut regnum, quod fraude
quaesierant, indulgentiae largitionibus confirmarent. Quae res suspecta primo Hostani, viro nobili et in
coniectura sagacissimo, fuit. Itaque per internuntios quaerit de filia, quae inter regias paelices erat, an Cyri
filius rex esset. Illa nec se ipsam scire ait nec ex alia posse cognoscere, quia singulae separatae
recludantur. Tum pertractare caput dormienti iubet: nam mago Cambyses aures utrasque praeciderat.
Factus dein per filiam certior sine auribus regem esse, optimatibus Persarum rem indicat et in caedem falsi
regis inpulsos sacramenti religione adstringit. Septem tantum conscii fuere huius coniurationis, qui ex
continenti, ne dato in paenitentiam spatio res per quemquam narraretur, occultato sub veste ferro ad regiam
pergunt. Ibi obviis interfectis ad magos perveniunt, quibus ne ipsis quidem animus in auxilium sui defuit,
siquidem stricto ferro duos de coniuratis interficiunt. Ipsi tamen corripiuntur a pluribus, quorum alterum
Gobryas medium amplexus, cunuctantibus sociis, ne ipsum pro mago transfoderent, quia res obscuro loco
gerebatur, vel per suum corpus adigi mago ferrum iussit. Fortuna tamen ita regente illo incolumi magus
interficitur.
10. Occisis magis magna quidem gloria recuperati regni principum fuit, sed multo maior in eo, quod, cum de
regno ambigerent, concordare potuerunt. Erant enim virtute et nobilitate ita pares, ut difficilem ex his populo
electionem aequalitas faceret. Ipsi igitur viam invenerunt, qua de se iudicium religioni et fortunae
committerent, pactique inter se sunt, ut die statuta omnes equos ante regiam primo mane perducerent, et
cuius equus inter solis ortum hinnitum primus edidisset, is rex esset. Nam et solem Persae unum deum esse
credunt et equos eidem deo sacratos ferunt. Et erat inter coniuratos Darius, Hystaspis filius, cui de regno
sollicito equi custos ait, si ea res victoriam moraretur, nihil negotii superesse. Per noctem deinde equum
pridie constitutam diem ad eundem locum ducit ibique equae admittit, ratus ex voluptate Veneris futurum
quod evenit. Postera die itaque, cum ad statutam horam omnes convenissent, Darii equus cognito loco ex
desiderio feminae hinnitum statim edidit et segnibus aliis felix auspicium domino primus emisit. Tanta
moderatio ceteris fuit, ut audito auspicio confestim equis desilierint et Darium regem salutaverint. Populus
quoque universus secutus iudicium principum eundem regem constituit. Sic regnum Persarum septem
nobilissimorum virorum virtute quaesitum tam levi momento in unum conlatum est. Incredibile prorsus tanta
patientia gessisse eos, quod ut eriperent magis, mori non recusaverint. Quamquam praeter formam
virtutemque hoc imperio dignam etiam cognatio Dario iuncta cum pristinis regibus fuit. Principio igitur regni
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
70
Cyri filiam in matrimonium recepit, regalibus nuptiis regnum firmaturus, ut non tam in extraneum translatum,
quam in familiam Cyri reversum videretur. Interiecto deinde tempore cum Assyrii descivissent et Babyloniam
occupassent difficilisque urbis expugnatio esset, aestuante rege unus de interfectoribus magorum, Zopyrus,
domi se verberibus lacerari toto corpore iubet, nasum, aures et labia sibi praecidi, atque ita regi inopinanti se
offert. Attonitum et quaerentem Darium causas auctoremque tam foedae lacerationis tacitus quo proposito
fecerit edocet, formatoque in futura consilio transfugae titulo Babyloniam proficiscitur. Ibi ostendit populo
laniatum corpus, queritur crudelitatem regis, a quo in regni petitione non virtute, sed auspicio, non iudicio
hominum, sed hinnitu equi superatus sit; iubet illos ex amicis exemplum capere, quid hostibus cavendum sit;
hortatur, non moenibus magis quam armis confidant, patianturque se commune bellum recentiore ira gerere.
Nota nobilitas viri pariter et virtus omnibus erat, nec de fide timebant, cuius veluti pignora vulnera corporis et
iniuriae notas habebant. Constituitur ergo dux omnium suffragio, et accepta parva manu semel atque iterum
cedentibus ex consulto Persis secunda proelia facit. Ac postremo universum sibi creditum exercitum Dario
prodit urbemque ipsam in potestatem eius redigit. Post haec Darius bellum Scythis infert, quod sequenti
volumine referetur.
Liber II
Capp. I-III
1. In relatione rerum ab Scythis gestarum, quae satis amplae magnificaeque fuerunt, principium ab origine
repetendum est. Non enim minus inlustria initia quam imperium habuere, nec virorum magis quam
feminarum virtutibus claruere, quippe cum ipsi Parthos Bactrianosque, feminae autem eorum Amazonum
regna condiderint, prorsus ut res gestas virorum mulierumque considerantibus incertum sit, uter apud eos
sexus inlustrior fuerit. Scytharum gens antiquissima semper habita, quamquam inter Scythas et Aegyptios
diu contentio de generis vetustate fuerit Aegyptiis praedicantibus, initio rerum cum aliae terrae nimio fervore
solis arderent, aliae rigerent frigoris immanitate, ita ut non modo primae generare homines, sed ne advenas
quidem recipere ac tueri possent, priusquam adversus calorem vel frigus velamenta corporis invenirentur vel
locorum vitia quaesitis arte remediis mollirentur, Aegyptum ita temperatam semper fuisse, ut neque hiberna
frigora nec aestivi solis ardores incolas eius premerent, solum ita fecundum, ut alimentorum usum hominum
nulla terra feracior fuerit. Iure igitur ibi primum homines natos videri debere, ubi educari facillime possent.
Contra Scythae caeli temperamentum nullum esse vetustatis argumentum putabant. Quippe naturam, cum
primum incrementa caloris ac frigoris distinxit, statim ad locorum patientiam animalia quoque generasse;sed
et arborum ac frugum pro regionum condicione apte genera variata. Et quanto Scythis sit caelum asperius
quam Aegyptiis, tanto et corpora et ingenia esse duriora. Ceterum si mundi, quae nunc partes sunt,
aliquando unitas fuit, sive inluvies aquarum principio rerum terras obrutas tenuit, sive ignis, qui et mundum
genuit, cuncta possedit, utriusque primordii Scythas origine praestare. Nam si ignis prima possessio rerum
fuit, qui paulatim extinctus sedem terris dedit, nullam prius quam septemtrionalem partem hiemis rigore sub
igne secretam, adeo ut nunc quoque nulla magis rigeat frigoribus; Aegyptum vero et totum Orientem
tardissime temperatum, quippe qui etiam nunc torrenti calore solis exaestuet. Quodsi omnes quondam terrae
submersae profundo fuerunt, profecto editissimam quamque partem decurrentibus aquis primum detectam,
humillimo autem solo eandem aquam diutissime immoratam; et quanto prior quaeque pars terrarum siccata
sit, tanto prius animalia generare coepisse. Porro Scythiam adeo editiorem omnibus terris esse, ut cuncta
flumina ibi natam in Maeotim, tum deinde in Ponticum et Aegyptium mare decurrant; Aegyptum autem, quae
tot regum, tot saeculorum cura inpensaque munita sit et adversum vim incurrentium aquarum tantis structa
molibus, tot fossis concisa, ut, cum his arceantur, illis recipiantur aquae, nihilo minus coli nisi excluso Nilo
non potuerit, nec possit videri hominum vetustate ultima, quae aggerationibus regum sive Nili trahentis
limum terrarum recentissima videatur. His igitur argumentis superatis Aegyptiis antiquiores semper Scythae
visi.
2. Scythia autem in orientem porrecta includitur ab uno latere Ponto, ab altero montibus Riphaeis, a tergo
Asia et Phasi flumine. Multum in longitudinem et latitudinem patet. Hominibus inter se nulli fines. Neque enim
agrum exercent, nec domus illis ulla aut tectum aut sedes est, armenta et pecora semper pascentibus et per
incultas solitudines errare solitis. Uxores liberosque secum in plaustris vehunt, quibus coriis imbrium
hiemisque causa tectis pro domibus utuntur. Iustitia gentis ingeniis culta, non legibus. Nullum scelus apud
eos furto gravius: quippe sine tecti munimento pecora et armenta habentibus quid inter silvas superesset, si
furari liceret? Aurum et argentum non perinde ac reliqui mortales adpetunt. Lacte et melle vescuntur. Lanae
his usus ac vestium ignotus et quamquam continuis frigoribus urantur, pellibus tamen ferinis ac murinis
utuntur. Haec continentia illis morum quoque iustitiam edidit, nihil alienum concupiscentibus; quippe ibidem
divitiarum cupido est, ubi et usus. Atque utinam reliquis mortalibus similis moderatio abstinentiaque alieni
foret; profecto non tantum bellorum per omnia saecula terris omnibus continuaretur, neque plus hominum
ferrum et arma quam naturalis fatorum condicio raperet, prorsus ut admirabile videatur, hoc illis naturam
dare, quod Graeci longa sapientium doctrina praeceptisque philosophorum consequi nequeunt, cultosque
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
71
mores incultae barbariae conlatione superari. Tanto plus in illis proficit vitiorum ignoratio quam in his cognitio
virtutis.
3. Imperium Asiae ter quaesivere; ipsi perpetuo ab alieno imperio aut intacti aut invicti mansere. Darium,
regem Persarum, turpi ab Scythia submoverunt fuga, Cyrum cum omni exercitu trucidaverunt, Alexandri
Magni ducem Zopyriona pari ratione cum copiis universis deleverunt. Romanorum audivere, non sensere
arma. Parthicum et Bactrianum imperium ipsi condiderunt. Gens laboribus et bellis aspera, vires corporum
immensae; nihil parare, quod amittere timeant, nihil victores praeter gloriam concupiscunt. Primus Scythis
bellum indixit Vezosis, rex Aegyptius, missis prius legationibus, qui hostibus parendi legem dicerent. Sed
Scythae iam ante de adventu regis a finitimis certiores facti legatis respondent: tam opulenti populi ducem
stolide adversus inopes occupasse bellum, quod magis domi fuerit illi timendum, quod belli certamen
anceps, praemia victoriae nulla, damna manifesta sint. Igitur non exspectaturos Scythas, dum ad se
veniatur, cum tanto sibi plura in hoste concupiscenda sint, ultroque praedae ituros obviam. Nec dicta res
morata. Quos cum tanta celeritate advenire rex didicisset, in fugam vertitur exercituque cum omni apparatu
belli relicto in regnum trepidus se recepit. Scythas ab Aegypto paludes prohibuere. Inde reversi Asiam
perdomitam vectigalem fecere, modico tributo magis in titulum imperii quam in victoriae praemium inposito.
XV annis pacandae Asiae immorati uxorum flagitatione revocantur, per legatos denuntiantibus, ni redeant,
subolem se ex finitimis quaesituras nec passuras, ut in posteritatem Scytharum genus per feminas intercidat.
His igitur Asia per mille quingentos annos vectigalis fuit. Pendendi tributi finem Ninus, rex Assyriorum,
inposuit.
LIBER II
Capp. IV-VI
4. Sed apud Scythas medio tempore duo regii iuvenes, Plynos et Scolopitus, per facionem optimatum domo
pulsi ingentem iuventutem secum traxere et in Cappadociae ora iuxta amnem Thermodonta consederunt
subiectosque Themiscyrios campos occupavere. Ibi per multos annos spoliare finitimos adsueti
conspiratione populorum per insidias trucidantur. Horum uxores cum viderent exsilio additam orbitatem,
arma sumunt finesque suos submoventes primo, mox etiam inferentes bellum defendunt. Nubendi quoque
finitimis animum omisere, servitutem, non matrimonium appellantes. Singulare omnium saeculorum
exemplum, ausae rem publicam augere sine viris; iam etiam cum contemptu virorum tuentur. Et ne feliciores
aliae aliis viderentur, viros, qui domi remanserant, interficiunt. Ultionem quoque caesorum coniugum excidio
finitimorum consequuntur. Tum pace armis quaesita, ne genus interiret, concubitus finitimorum ineunt. Si qui
mares nescerentur, interficiebant. Virgines in eundem ipsis morem, non otio neque lanificio, sed armis,
equis, venationibus exercebant, inustis infantum dexterioribus mammis, ne sagittarum iactus impediantur;
unde dictae Amazones. Duae his reginae fuere, Martesia et Lampeto, quae in duas partes agmine diviso,
inclitae iam opibus, vicibus gerebant bella, soli terminos alternis defendentes, et ne successibus deesset
auctoritas, genitas se Marte praedicabant. Itaque maiore parte Europae subacta Asiae quoque nonnullas
civitates occupavere. Ibi Epheso multisque aliis urbibus conditis partem exercitus cum ingenti praeda
domum dimittunt. Reliquae, quae ad tuendum Asiae imperium remanserant, concursu barbarorum cum
Martesia regina interficiuntur. In huius locum filia eius Orithyia regno succedit, cui praeter singularem belli
scientiam eximia servatae in omne aevum virginitatis admiratio fuit. Huius virtute tantum additum gloriae et
famae Amazonum est, ut Herculi rex, cui duodecim stipendia debebat, quasi inpossibile imperaverit, ut arma
reginae Amazonum sibi adferret. Eo igitur profectus longis novem navibus comitante principum Graeciae
iuventute inopinantes adgreditur. Duae tum sorores Amazonum regna tractabant, Antiope et Orithyia; sed
Orithyia foris bellum gerebat. Igitur cum Hercules ad litus Amazonum adplicuit, infrequens multitudo cum
Antiope regina nihil hostile metuente erat. Qua re effectum est, ut paucae repentino tumultu excitae arma
sumerent facilemque victoriam hostibus darent. Multae itaque caesae captaeque, in his duae Antiopae
sorores, Melanippe ab Hercule, Hippolyte a Theseo. Sed Theseus obtenta in praemium captiva eandem in
matrimonium adsumpsit et ex ea genuit Hippolytum. Hercules post victoriam Melanippen captivam sorori
reddidit et pretium arma reginae accepit. Atque ita functus imperio ad regem revertitur. Sed Orithyia, ubi
conperit bellum sororibus inlatum ac raptorem esse Atheniensium principem, hortatur comites in ultionem
frustraque et Ponti sinum et Asiam edomitam esse dicit, si Graecorum non tam bellis quam rapinis pateant.
Auxilium deinde a Sagylo, rege Scythiae, petit: genus Scytharum esse, cladem virorum, necessitatem
armorum, belli causas ostendit, adsecutasque virtute, ne segniores viris feminas habere Scythae viderentur.
Motus ille domestica gloria mittit cum ingenti equitatu filium Panasagorum in auxilium. Et ante proelium
dissensione orta ab auxiliis desertae bello ab Atheniensibus vincuntur. Receptaculum tamen habuere castra
sociorum, quorum auxilio intactae ab aliis gentibus in regnum revertuntur. Post Orithyiam Penthesilea regno
potita est, cuius Troiano bello inter fortissimos viros, cum auxilium adversus Graecos ferret, magna virtutis
documenta exstitere. Interfecta deinde Penthesilea exercitumque eius absumpto paucae, quae in regno
remanserant, aegre se adversus finitimos defendentes usque tempora Alexandri Magni duraverunt. Harum
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
72
Minithyia sive Thalestris regina, concubitu Alexandri per dies tredecim ad subolem ex eo generandum
obtento, reversa in regnum brevi tempore cum omni Amazonum nomine intercidit.
5. Scythae autem tertia expeditione Asiana cum annis octo a coniugibus ac liberis afuissent, servili bello
domi excipiuntur. Quippe coniuges eorum longa exspectatione virorum fessae nec iam teneri bello, sed
deletos ratae servis ad custodiam pecorum relictis nubunt, qui reversos cum victoria dominos velut advenas
armati finibus prohibent. Quibus cum varia victoria fuisset, admonentur Scythae mutare genus pugnae,
memores non cum hostibus, sed cum servis proeliandum, nec armorum, sed dominorum iure vincendos,
verbera in aciem, non tela adferenda, omissoque ferro virgas et flagella ceteraque servilis metus paranda
instrumenta. Probato omnes consilio instructi, sicut praeceptum erat, postquam ad hostem accessere,
inopinantibus verbera intenta; adeoque illos perculerunt, ut quos ferro non poterant, metu verberum
vincerent, fugamque non ut hostes victi, sed ut fugitivi servi capesserent. Quicumque capi potuerunt,
supplicia crucibus luerunt. Mulieres quoque male sibi consciae partim ferro, partim suspendio vitam finierunt.
Post haec pax apud Scythas fuit usque tempora Ianthyri regis. Huic Darius, rex Persarum, sicut supra dictum
est, cum filiae eius nuptias non obtinuisset, bellum intulit et armatis septingentis milibus hominum Scythiam
ingressus, non facientibus hostibus pugnae potestatem metuens, ne interrupto ponte Histri reditus sibi
intercluderetur, amissis LXXX milibus hominum trepidus refugit; quae iactura abundante multitudine inter
damna numerata non est. Inde Asiam et Macedoniam domuit; Ionas quoque navali proelio superat. Dein
cognito quod Athenienses Ionis contra se auxilium tulissent, omnem impetum belli in eos convertit.
6. Nunc quoniam ad bella Atheniensium ventum est, quae non modo ultra spem gerendi, verum etiam ultra
gesti fidem peracta sunt, operaque Atheniensium effectu maiora quam voto fuere, paucis urbis origo
repetenda est, et quia non, ut ceterae gentes, a sordidis initiis ad summa crevere. Soli enim praeterquam
incremento etiam origine gloriantur; quippe non advenae neque passim collecta populi conluvies originem
urbi dedit, sed eodem innati solo, quod incolunt, et quae illis sedes, eadem origo est. Primi lanificii et olei et
vini usum docuere. Arare quoque ac serere frumenta glandem vescentibus monstrarunt. Litterae certe ac
facundia et hic civilis disciplinae ordo veluti templum Athenas habent. Ante Deucalionis tempora regem
habuere Cecropem, quem, ut omnis antiquitas fabulosa est, biformem tradidere, quia primus marem feminae
matrimonio iunxit. Huic successit Cranaus, cuius filia Atthis nomen regioni dedit. Post hunc Amphictyonides
regnavit, qui primus Minervae urbem sacravit et nomen civitati Athenas dedit. Huius temporibus aquarum
inluvies maiorem partem populorum Graeciae absumpsit. Superfuerunt, quos refugia montium receperunt,
aut ad regem Thessaliae Deucalionem retibus evecti sunt, a quo propterea genus hominum conditum dicitur.
Per ordinem deinde successionis regnum ad Erechtheum descendit, sub quo frumenti satio est Eleusinae a
Triptolemo reperta, in cuius muneris honorem noctes initiorum sacratae. Tenuit et Aegeus, Thesei pater,
Athenis regnum, a quo per divortium discedens Medea propter adultam privigni aetatem Colchos cum Medo
filio ex Aegeo suscepto concessit. Post Aegeum Theseus ac deinceps Thesei filius Demophoon, qui auxilium
Graecis adversus Troianos tulit, regnum possedit. Erant initer Athenienses et Dorienses simultatium veteres
offensae, quas vindicaturi bello Dorienses de eventu proelii oracula cunsuluerunt. Responsum superiores
fore, ni regem Atheniensium occidissent. Cum ventum esset in bellum, militibus ante omnia custodia regis
praecipitur. Atheniensibus eo tempore rex Codrus erat, qui et responso dei et praeceptis hostium cognitis
permutato regis habitu pannosus, sarmenta collo gerens castra hostium ingreditur. Ibi in turba obsistentium a
milite, quem falce astu convulneraverat, interficitur. Cognito regis corpore Dorienses sine proelio discedunt.
Atque ita Athenienses virtute ducis pro salute patriae morti se offerentis bello liberantur.
Traduzione
Bibliografia
Edizioni
I. Ieep, Leipzig 1859, (ed.minor) 1862, 1876.
F. Ruehl, (A. De Gutschmid, Prologi in Pompeium Trogum), Leipzig, 1886, 1907,1915
O. Seel, M. Iuniani Iustini 'Epitoma Historiarum Philippicarum' Pompei Trogi. Accedunt 'Prologi' in
Pompeium Trogum, Leipzig 1935, Stuttgard 19722, 1985.
E. Chambry, L. Thely-Chambry, Paris, Garnier, 1936 (Abrege des Histoires Philippiques de Trogue
Pompee et Prologues de Trogue Pompee)
M. Galdi, Torino, Corpus Parvianum, 1923.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
73
Epitoma Historiarum Philippicarum T. Pompei Trogi, Venetiis: In aedibus PP. Armenorum
Mechitaristarum, 1972, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Traduzioni e commento
Epitome of the Philippic history of Pompeius Trogus; trad.inglese J. C. Yardley; comm. W. Heckel,
Oxford, Clarendon Press, 1997-, Clarendon ancient history series
Storie filippiche: epitome da Pompeo Trogo; a cura di L. Santi Amantini, Milano, Rusconi, 1981, I
classici di Roma.
Strumenti
J. C. Sanchez, Concordantia in Iustini epitomen historiam Philippicarum Pompeii Trogi. ( In
preparation!) Hildesheim
Studi
L. Castiglioni, Studi intorno alle 'Storie Filppiche' di Giustino, Napoli 1925.
IntraText
Iustinus Iunianus, Marcus
Epitome Historiarum Philippicarum Pompei Trogi
LAT0201
no PHI
ICCU per Soggetto
Giustino
Soggetto: Pompeo Trogo
Salomone, Eleonora, Fonti e valore storico di Pompeo Trogo: Iustin., 38. 8,2-40. / Eleonora Salomone,
Genova: Istituto di storia antica e scienze ausiliarie, 1973, Pubblicazioni dell'Istituto di storia antica escienze
ausiliarie dell'Universita diGenova
Santi Amantini, Luigi, Fonti e valore storico di Pompeo Trogo: Iustin. 35. e 36. / Luigi Santi Amantini,
Genova: Istituto di storia antica e scienze ausiliarie, 1972, Pubblicazioni dell'Istituto di storia antica escienze
ausiliarie dell'Universita diGenova
Alonso-Nunez, Jose Miguel, La historia universal de Pompeyo Trogo: coordenadas espaciales y temporales
/ Jose Miguel Alonso-Nunez, Madrid: Clasicas, 1992, Series maior
Forni, Giovanni, Valore storico e fonti di Pompeo Trogo / Giovanni Forni, Urbino: STEU, Pubblicazioni
dell'Universita di Urbino. Seriedi lettere e filosofia
Comprende: 1: Per le guerre greco-persiane / GiovanniForni
Angeli Bertinelli, Maria Gabriella, Atene e Sparta nella storiografia trogiana: 415-400 a. C. / M. G. Bertinelli
Angeli, M. Giacchero, Genova: Istituto di storia antica e scienze ausiliarie, 1974, Pubblicazioni dell'Istituto di
storia antica escienze ausiliarie dell'Universita diGenova
Yardley, John C., Justin and Pompeius Trogus: a study of the language of Justin's Epitome of Trogus / J. C.
Yardley, Toronto etc.!: University of Toronto Press, c2003, Phoenix. Supplementary; 41
ICCU per Autore: Iustinus, Marcus Iunianus
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
74
[1]: Books 11-12: Alexander the Great / Justin; translation and appendices by J. C. Yardley; commentary by
Waldemar Heckel, Oxford: Clarendon Press, 1997
Fa parte di: Epitome of the Philippic history of Pompeius Trogus / Justin; translation and appendices by J. C.
Yardley; commentary by Waldemar Heckel
Epitome of the Philippic history of Pompeius Trogus / Justin; translation and appendices by J. C. Yardley;
commentary by Waldemar Heckel, Oxford: Clarendon Press, 1997-, Clarendon ancient history series
Epitome of the Philippic history of Pompeius Trogus / Justin; translated by J. C. Yardley; with introduction
and explanatory notes by R. Develin, Atlanta: Scholars press, c1994, Classical resources series /
Americanphilological association
M. Iuniani Iustini epitoma Historiarum Philippicarum Pompei Trogi; accedunt prologi in Pompeium Trogum /
post Franciscum Ruehl iterum edidit Otto Seel, Stutgardiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1985, Bibliotheca
scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Storie filippiche: epitome da Pompeo Trogo / Giustino; a cura di Luigi Santi Amantini, Milano: Rusconi, 1981,
I classici di Roma. Sezione greco-romana
Epitoma Historiarum Philippicarum T. Pompei Trogi / M. Iunianus Iustinus, Venetiis: In aedibus PP.
Armenorum Mechitaristarum, 1972, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
M. Iuniani Iustini Epitoma historiarum Philippicarum Pompei Trogi; accedunt prologi in Pompeium Trogum /
post Franciscum Ruehl iterum edidit Otto Seel, Stuttgart: B. G. Teubner, 1972, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Trogus Pompeius, T. Pompeius Trogus, M. Iunianus Iustinus, Venetiis: In aedibus PP. Armenorum
Mechitaristarum, 1972, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Epitoma historiarum Philippicarum Pompei Trogi: accedunt prologi in Pompeium Trogum / Post Franciscum
Ruehl iterum edidit Otto Seel, Stutgardiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1972, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Epitoma historiarum Philippicarum Pompei Trogi / recensuit Marcus Galdi
Edizione: Editio minor, Taurini: I. B. Paravia et Socii, 1923, Corpus scriptorum Latinorum Paravianum
Epitoma historiarum philippicarum Pompei trogi: Recognovit, prefatus est, appendicem criticam adiecit
Marcus Galdi. Accedunt prologi in pompeium trogum, Augustae Taurinorum: I. B. Paravia Et Socii, 1923,
Corpus scriptorum Latinorum Paravianum
M. Iuniani Iustini Epitoma historiarum philippicarum Pompei Trogi / ex recensione Francisci Ruehl; accedunt
Prologi in Pompeium Trogum / ab Alfredo De Gutschmid recensiti
Edizione: Editio stereotypa, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1915, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
M. Iuniani Iustini Epitoma historiarum Philippicarum Pompei Trogi; accedunt Prologi in Pompeium Trogum /
post Franciscum Ruehl, edidit Otto Seel, Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1935, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Epitoma historiarum philippicarum Pompei Trogi recens. Franciscus Ruehl: accedunt prologi in Pompeium
Trogum ab Alfredo de Gutschmid recensiti, Lipsiae: Teubner, 1907
Narrazioni scelte / Giustino; con commento di Marco Galdi, Napoli: P. Federico & G. Ardia, 1923
Abrege des Histoires Philippiques de Trogue Pompee et Prologues de Trogue Pompee / Justin; texte latin et
traduction nouvelle par E. Chambry et Lucienne Thely-Chambry, Paris: Librairie Garnier freres, stampa
1936, Classiques Garnier.Testo orig. a fronte
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
75
M. Iuniani Iustini Epitoma historiarum Philippicarum Pompei Trogi / ex recensione Francisci Ruehl; accedunt
Prologi in Pompeium Trogum ab Alfredo de Gutschmid recensiti, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1907,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Delle istorie di Giustino, abbreviatore di Trogo Pompejo: volgarizzamento del buon secolo tratto dai codici
Ricciardiano e Laurenziano e migliorato nella lezione colla scorta del testo latino / per cura di Luigi Calori,
Bologna: presso Gaetano Romagnoli, 1880, Scelta di curiosita letterarie inedite o raredal secolo 13. al 19. in
appendice allaCollezione di opere inedite o rare
Trogi Pompei historiarum Philippicarum Epitoma / Iustinus; recensuit Iustus Ieep, Lipsiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1859, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
M. Iuniani Iustini epitoma historiarum philippicarum Pompei Trogi / ex recensione Francisci Ruehl; accedunt
prologi in Pompeium Trogum ab Alfredo de Gutschmid recensiti, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1886,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Trogi Pompei historiarum philippicarum epitoma (Historiae Philippicae) / Iustinus; recensuit I. Ieep
Edizione: Ed. minor, Leipzig: B. G. Teubner, 1876, Bibliotheca scriptorum Graecorum et Romanorum
Teubneriana
Storie filippiche: precedute dagli argomenti dei libri di Pompeo Trogo / Giustino; tradotte da Francesco
Arnulf, Venezia: Antonelli, 1856, Biblioteca degli scrittori latini
Trad. italiana a fronte
Epitoma historiarum philippicarum Pompei Trogi / M. Iuniani Iustini; ex recensione Francisci Ruehl, Lipsiae:
in aedibus B. G. Teubneri, 1886, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
2: Textum et index, Leipzig: Teubner, 1859
Fa parte di: Trogi Pompei Historiarum Philippicarum epitoma / recensuit I. Ieep
OEuvres completes de Justin: abrege de l'histoire universelle de Trogue Pompee / traduction francaise par
Jules Pierrot et E. Boitard
Edizione: Ed. soigneusement revue / par E. Pessonneaux, Paris: Garnier, 1862, Bibliotheque latinefrancaise
1: Commentarii, Leipzig: Teubner, 1859
Fa parte di: Trogi Pompei Historiarum Philippicarum epitoma / recensuit I. Ieep
Delle istorie di Giustino, abbreviatore di Trogo Pompejo: volgarizzamento del buon secolo tratto dai codici
ricciardiano e laurenziano e migliorato nella lezione colla scorta del testo latino per cura di Luigi Calori,
Bologna: presso Gaetano Romagnoli, 1880, Scelta di curiosita letterarie inedite o raredal secolo 13. al 19. in
appendice allaCollezione di opere inedite o rare; 173a-b
Storie filippiche di Giustino / tradotte dal prof. ab. cav. Francesco Arnulf; precedute dagli argomenti dei libri di
Pompeo Trogo, Venezia: nel privil. stabilimento nazionale di G. Antonelli editore, 1856, Biblioteca degli
scrittori latini; 30
Note Generali: Testo latino a fronte
Trogi Pompei Historiarum Philippicarum epitoma / recensuit I. Ieep
Edizione: ed. minor, Leipzig: B. G. Teubner, 1862
"Giustino¸ Marco Giuniano - Treccani"
Giustino Giuniano. Erudito vissuto fra il II e il III secolo d.C. La sua fama è legata all'epitome che egli fece
delle Storie Filippiche di Pompeo Trogo. L'opera ha scarso valore perché è redatta secondo interessi
prevalentemente aneddotici.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
76
Mario Massimo
Cenni biografici
Fu praefectus Urbis sotto Macrino (217-18 d.C.) e console nel 223.
Opere
Autore di biografie di imperatori da Nerva ad Eliogabalo (o Macrino), ricche di pettegolezzi e di
riflessioni generali. Non ce ne resta nulla.
Ammiano (28,4,14) ci informa che è tra le letture predilette dell'aristocrazia romana del IV secolo.
Testi e testimonianze
Amm., 28,4,14 Testo latino
Alcuni che detestano la cultura come veleno, leggono con particolare interesse Giovenale e Mario Massimo,
non sfogliando nella loro assoluta inoperosità alcun libro eccetto questi; quale ne sia il motivo, non è dato
comprendere al nostro debole giudizio.
Trad. M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989.
Bibliografia
Bettini 3, 642, niente Conte; Riposati 647.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
77
Il diritto
Collegamento con sezioni precedenti.
Bibliografia
Edizioni
Iurisprudentiae antehadrianae quae supersunt, Teubner
ed. v. F. P. Bremer
Pars. I. Liberae rei publicae iuris consulti, 1985 (1896).
Pars. II. Sect. 1. Primi post principatum constitutum saeculi iurisconsulti, 1985 (1898).
Pars. II. Sect. 2. Primi post principatum constitutum saeculi iurisconsulti,1985 (1901).
Iurisprudentiae anteiustinianae reliquiae
Hrsg. v. E. Seckel, B. Kübler, Ph. Eduard Huschke
Vol. I. 1988 (1908).
Vol. II. (Fasc. 1 und 2 in 1 Bd.). 1988.
Studi
F. Casavola, I giuristi romani come intellettuali, in Storia della civiltà greca e latina, 3, Torino, Utet,
1998, pp. 734-63.
De Francisci P. Sintesi storica del diritto romano €. 25,82 ?????
Giulio Paolo
Cenni biografici
Fu prefetto del pretorio e in rapporti con Papiniano.
Opere
86 opere per complessivi 319 libri.
Sententiae ad filium: da queste provengono la maggior parte di frammenti.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
78
Testi e testimonianze
Bibliografia
Bettini 3, 520 Conte 517
ICCU per Soggetto
Schmidt-Ott, Justus, Pauli Quaestiones: Eigenart und Textgeschichte einer spatklassischen Juristenschrift /
von Justus Schmidt-Ott, Berlin: Duncker & Humblot, c1993, Freiburger rechtsgeschichtliche Abhandlungen.
N. F
Mantello, Antonio, Il sogno, la parola, il diritto: appunti sulle concezioni giuridiche di Paolo / Antonio Mantello,
[Macerata]: Universita degli studi di Macerata, 1993
Jakobs, Horst Heinrich, Lucrum ex negotiatione: Kondiktionsrechtliche Gewinnhaftung in geschichtlicher
Sicht/von Horst Heinrich Jakobs, Tubingen: J. C. B. Mohr, c1993, Tubinger rechtswissenschaftliche
Abhandlungen
Papiniano
Cenni biografici
Di origini siriane, ricoprì cariche pubbliche sotto M.Aurelio, fu amico di Settimio Severo e ne
influenzò postivamente la politica in campo giuridico, ricoprendo diverse cariche, tra cui quella di
prefetto del pretorio.
Fu ucciso nel 212 dopo essere entrato in contrasto con il nuovo imperatore Caracalla, per aver
rifiutato di legittimare l’uccisione del fratello di questi, Geta..
E’ considerato il più autorevole giurista classico.
Opere
Quaestiones, 37 libri.
Responsa, 19 libri.
Definitiones, 2 libri.
Vari frammenti, di solito con commenti di giuristi successivi.
Bibliografia
E. Seckel - B. Kuebler, Iurisprudentiae anteiustinianae reliquiae, 1, Lipsiae 19086 Ph.Ed. Huschke,
riv. E. Seckel e B. Kuebler (anast. Leipzig 1988), pp. 429-435.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
79
ICCU per Soggetto
Sicari, Amalia, Leges venditionis: uno studio sul pensiero giuridico di Papiniano / Amalia Sicari , Bari:
Cacucci, 1996, Pubblicazioni della Facolta giuridicadell'Universita di Bari
Soggetti: Papiniano . Libri quaestionum Vendita - Clausole - Diritto romano
"Papiniano¸ Emilio - Encarta"
Papiniano, Emilio (? - 212), giureconsulto romano. Uomo assai potente come prefetto del pretorio e come
console con Settimio Severo, venne messo a morte da Caracalla. Considerato il più autorevole giurista
classico, Papiniano scrisse diversi libri di casistica, a carattere prevalentemente pratico (trentasette libri di
quaestiones e diciannove di responsa).
"Papiniano¸ Emilio - Treccani"
Papiniano Emilio. Giurista romano, uno dei cinque della Iex citationis, nato in Siria e morto a Roma nel 212
d.C. Sotto Marco Aurelio e Settimio Severo ricoprì innportanti cariche nella magistratura, tra cui quella di
praefectus praetorio. Rifiutatosi di legittimare l'uccisione di Geta, fratello di Caracalla, fu da questo
condannato a morte. Frutto della sua feconda attività di giurista sono le numerose Quaestiones (37 libri), i
Responsa (19 libri) e le Definitiones (2 libri).
Ulpiano Domizio
Cenni biografici
Nato a Tiro intorno al 170, ebbe molto prestigio alla corte di Caracalla e di Severo Alessandro, ma
finì poi per essere ucciso nel 228 per mano dei pretoriani.
Fu funzionario quando Emilio Papiniano era prefetto del pretorio. Venne mandato in esilio sotto
Eliogabalo. Fu prefetto del pretorio sotto Alessandro Severo.
Opere
Ad edictum praetoris, 81 libri
Ad Masurium Sabinum, 81 libri di diritto civile.
Disputationes
Responsa
Institutiones
Liber singularis regularum
Di tutte restano frammenti e compendi.
Un terzo del Digesto (v. sotto, parte 5)è tratto dalle sue opere.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
80
Bibliografia
Edizioni
E. Seckel - B. Kuebler, Iurisprudentiae anteiustinianae reliquiae, 1, Lipsiae 19086 Ph.Ed. Huschke,
riv. E. Seckel e B. Kuebler (anast. Leipzig 1988), pp. 436-503.
Studi
Santalucia, B., I Libri opinionum di Ulpiano, Milano: A. Giuffre, 1971
Marotta, Valerio, Ulpiano e l'impero, Napoli, Loffredo,??
ICCU per Soggetto
Santalucia, Bernardo, I Libri opinionum di Ulpiano / Bernardo Santalucia, Milano: A. Giuffre, 1971
Mantovani, Dario, Il bonus praeses secondo Ulpiano: studi su contenuto e forma del De officio proconsulis di
Ulpiano / Dario Mantovani , \S. l.: s. n.!, stampa 1992 (Pavia: SE.A.G.)
Soggetti: Ulpiano , Domizio . De officio proconsulis
Marotta, Valerio, Ulpiano e l'impero / Valerio Marotta , Napoli: Loffredo
Comprende: 2: Studi sui libri de officio proconsulis e laloro fortuna tardoantica / Valerio Marotta
1 / Valerio Marotta
Lovato, Andrea, Studi sulle Disputationes di Ulpiano / Andrea Lovato , Bari: Cacucci, 2003 , Pubblicazioni
della Facolta giuridica dell'Universita di Bari; 133
ICCU per Autore
Domitii Ulpiani quae vulgo vocantur Fragmenta sive Ex Ulpiani libro singulari regularum excerpta / ex
Iurisprudentiae Anteiustinianae Reliquiis separatim edidit E. Huschke, Lipsiae : in aedibus B. G. Teubneri,
1861
Domitii Ulpiani quae vocant Fragmenta sive excerpta ex Ulpiani libro singulari regularum : accedunt eiusdem
institutionum aliaeque non nullae veteris iuris romani partes reliquae inter quas sunt fragmentum quod
vocant de iure fisci et ex Dositheo desumptus De Iuris partibus et de manu missionibus commentarius /
quartum emendavit Critica locorumque similium adnotatione et tabula systematis delineationem exhibente
Codicis Vaticani exemplar adiecit Eduardus Bocking, Lipsiae : Salomonis Hirzelii, 1855
Domitii Ulpiani quae vulgo vocantur Fragmenta, sive Ex Ulpiani Libro singulari regularum excerpta :
accedunt eiusdem Institutionum reliquiae ex codice Vindobonensi / separatim ex Iurisprudentiae
anteiustinianae reliquiarum editione tertia iterum edidit E. Huschke, Lipsiae : in aedibus B. G. Teubneri, 1874
Collezione: Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Die epitome Ulpiani des Codex vaticanus Reginae 1128 / Hrsg. von F. Schulz
Pubblicazione: Bonn : A. Marcus u. E. Weber, 1926
Collezione: Juristische Texte fur Vorlesungen und Ubungen... - - <Bonn? ; 3
Ulpiani Liber singularis regularum . Pauli libri quinque sententiarum ; Fragmenta minora / edidit Paulus
Krueger
Pubblicazione: Berolini : Apud Weidmannos, 1878
Collezione: Collectio librorum iuris anteiustiniani ; 2
Domitii Ulpiani quae vulgo vocantur Fragmenta, sive Ex Ulpiani Libro singulari regularum excerpta /
accedunt eiusdem reliquiae ex codice Vindobonensis
Edizione: Separatim ex Iurisprudentiae Anteiustinianae reliquiarum editione quinta edidit Ph. E. Huschke;
Lipsiae : in aedibus B. G. Teubneri, 1886, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
81
Autore: Ulpianus, Domitius
Titolo: Domitii Ulpiani quae vulgo vocantur Fragmenta, sive Ex Ulpiani libro singulari regularum excerpta :
accedunt eiusdem Institutionum reliquiae ex codice Vindobonensi / separatim ex Iurisprudentiae
anteiustinianae reliquiarum editione quinta edidit Ph. E. Huschke
Lipsiae : in aedibus B. G. Teubneri, 1886, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Autore: Ulpianus, Domitius
Titolo: Ulpianus, Papinianus : en kleinere fragmenten / Ulpianus ; vertaald door J. E. Spruit, K. E. M.
Bongenaar
Zutphen : De Walburg Pers., 1986
Collezione: Het erfdeel van de klassieke romeinsejuristen ; 3
Paese di pubblicazione: NL
Lingua di pubblicazione: dut
"Ulpiano Domizio - Encarta"
Ulpiano, Domizio (Tiro ? - ? 228), giurista romano. Insieme con Emilio Papiniano, del quale fu funzionario
quando quest’ultimo era prefetto del pretorio, e con Giulio Paolo, suo contemporaneo, è considerato uno dei
massimi giuristi della Roma antica.
Dopo l’esilio patito sotto Eliogabalo, divenne prefetto del pretorio sotto Alessandro Severo. La sua
produzione di testi di diritto romano – circa 280 titoli che dovevano spiccare più per chiarezza che per
originalità – è vastissima sia per quanto riguarda il commento giurisprudenziale (importante un suo
commento all’editto del pretore) sia per quanto concerne la dimensione manualistica: un terzo del Digesto è
infatti tratto dalle sue opere. Morì ucciso dagli stessi pretoriani, che mal tolleravano la severità del suo
comando.
"Ulpiano Domizio - Treccani"
Ulpiano Domizio. Giurista romano nato verso il 170 d.C. e morto nel 228, autore di vari testi, in parte ripresi
nel Digesto giustinianeo.
Modestino
Vissuto nel terzo secolo.
Opere
Differentiarum libri IX: tratta delle differenze tra cause apparentemente simili.
Bibliografia
Edizioni
Masiello, T., I libri excusationum di Erennio Modestino, Napoli: Jovene, 1983, Pubblicazioni della Facoltà
giuridica dell'Università di Bari
Bettini, 3, 520, Conte 517
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
82
ICCU per Soggetto
Masiello, Tommaso, I libri excusationum di Erennio Modestino / Tommaso Masiello, Napoli: Jovene, 1983,
Pubblicazioni della Facolta giuridicadell'Universita di Bari
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
83
I grammatici
Vedi anche quanto raccolto in 4b. Con collegamenti o ridistribuzione.
Porfirione
Cenni biografici
Vissuto nel terzo secolo.
Opere
Fu autore di un commento all'opera di Orazio dedicato alla scuola.
Come spesso capita per opere di questo genere il commento ha subito nel corso dei secoli
parecchie mutilazioni e modificazioni.
Due i versanti dell'indagine di Porfirione, ricostruzione storica e analisi testuale con particolare
attenzione per le figure retoriche.
Bibliografia
Edizioni
??, Berlin, 1863-66.
A. Holder, Hildesheim, G. Olms, 1967 (anast. Innsbruck, Wagner, 1894)
F. Hauthal, Acronis et Porphirionis commentarii in Q. Horatium Flaccum, Amsterdam: Schippers,
1966 (anast. Berlin 1863-66)
W. Meyer, Pomponii Porphyrionis Commentarii in Q. Horatium Flaccum, Leipzig,Teubner, 1874 ,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana.
Disponibile BTL3 =
Uita Horatii - s. 3 p.c. (terminus post quem) - prosa
LLA 446 - TLL PORPH. vita Hor.
ed. A. Holder, 1894, p. 1 – 2
ICCU Per Soggetto: Porfirione
Mastellone Iovane, Eugenia, L' auctoritas di Virgilio nel commento di Porfirione ad Orazio / Eugenia
Mastellone Iovane , Napoli: Loffredo, 1998 , Studi latini
Titolo: Pomponi Porfyrionis commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder
Edizione: Repr. Nachdruck , Hildesheim: G. Olms, 1967
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed.: Innsbruck, 1894
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
84
ICCU Per Autore Porphyrio, Pomponius
Pomponi Porfyrionis commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder
Edizione: Repr. Nachdruck , Hildesheim: G. Olms, 1967
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed.: Innsbruck, 1894
Porphyrio, Pomponius, Commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder
Edizione: Rist. anast. , Hildesheim: G. Olms, 1967
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed.: Innsbruck, 1894 .
Acronis et Porphirionis commentarii in Q. Horatium Flaccum / edidit Ferdinandus Hauthal , Amsterdam:
Schippers, 1966
Pomponi Porfyrionis commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder
Edizione: Ristampa anastatica dell'ed. di Innsbruck, Wagner 1894 , New York: Arno Press, 1979 , Latin texts
and commentaries
Titolo: 1: Pomponi Porfyrionis commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder , Ad aeni pontem
[Innsbruck]: sumptibus et typis Wagneri, 1894
Fa parte di: Scholia antiqua in Q. Horatium Flaccum / recensuerunt Alfred Holder et Otto Keller
Acronis et Porphyrionis commentarii in Q. Horatium Flaccum / edidit Ferdinandus Hauthal , [Rist. anast.],
1966
Note Generali: Riprod. facs. dell'ed.: Berlino, 1864-1866.
Pomponii Porphyrionis Commentarii in Q. Horatium Flaccum / recensuit Gulielmus Meyer , Lipsiae: in
aedibus B. G. Teubneri, 1874 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Completato 1850-2005
ICCU per Titolo: Commentum in Horatium Flaccum
Pomponi Porfyrionis commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder
Edizione: Repr. Nachdruck , Hildesheim: G. Olms, 1967
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed.: Innsbruck, 1894
Porphyrio, Pomponius, Commentum in Horatium Flaccum / [Pomponius Porphyrio]; recensuit Alfred Holder ,
Hildesheim: Olms, 1967
Note Generali: Reprografischer: Innsbruck, 1894
Porphyrio, Pomponius, Commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder
Edizione: Rist. anast. , Hildesheim: G. Olms, 1967
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed.: Innsbruck, 1894 .
Pomponi Porfyrionis commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder
Edizione: Ristampa anastatica dell'ed. di Innsbruck, Wagner 1894 , New York: Arno Press, 1979 , Latin texts
and commentaries
Titolo: 1: Pomponi Porfyrionis commentum in Horatium Flaccum / recensuit Alfred Holder , Ad aeni pontem
[Innsbruck]: sumptibus et typis Wagneri, 1894
Fa parte di: Scholia antiqua in Q. Horatium Flaccum / recensuerunt Alfred Holder et Otto Keller
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
85
Porfirione - Riposati
E invece sicuramente del III secolo Pomponio Porfirione, a cui dobbiamo il notevole commento di Orazio,
condotto con cnteri e finalità soprattutto scolastici; esso non ci è giunto né completo né genuino, avendo
subíto attraverso i secoli interpolazioni, mutilazioni ed abbreviazioni.
Cf. però Conte, p.483, che lo considera genuino
Giulio Romano
Cenni biografici
Vissuto nel III secolo d.C., forse originario della Campania.
Opere
'Aphormài, cioè “elementi”, è il titolo di una sua opera grammaticale, citata da Carisio.
Egli si occupò, nelle varie sezioni, delle parti del discorso, dei casi, dell'ortografia, dell'analogia,
degli avverbi, ecc., raccogliendo forse un sistema abbastanza completo della grammatica di quel
tempo.
Attinge a tutti i piú grandi grammatici precedenti: tra questi Sisenna, Probo, Plinio, Svetonio, Aspro,
Flavio Capro e altri.
Bibliografia
Edizioni
RhLM Halm, Leipzig 1863, anat. 1964.
A rhetorical grammar. C. Julius Romanus, introduction to the Liber de adverbio as incorporated in
Charisius? Ars grammatica 2.13 / ed. Trad. Ingl. E comm. Dirk M. Schenkeveld, Leiden ; Boston :
Brill, 2004.
Studi
L. Della Casa, s.v. La grammatica, in Introduzione allo studio della cultura classica, 2, Milano,
Marzorati, 1973, p. 74.
Per un quadro di sintesi sul genere della lessicografia greca e latina v. E. Degani, s.v. Lessicografi,
in Dizionario degli scrittori greci e latini, 2, Milano, Marzorati, 1987, pp. 1169-90.
ICCU
Romanus, Gaius Iulius
Titolo: A rhetorical grammar : C. Julius Romanus, introduction to the Liber de adverbio as incorporated in
Charisius? Ars grammatica 2.13 / edition with introduction, translation and commentary by Dirk M.
Schenkeveld, Leiden ; Boston : Brill, 2004, Mnemosyne. Supplementum ; 247
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
86
Rhetores Latini minores : Ex codicibus maximam partem primum adhibitis / emendabat Carolus Halm, Rist.
Anast., Frankfurt am Main : Minerva GMBH, 1964, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
Note Generali: Ripr. Facs. Dell’ed.: Lipsiae, … 1863.
Rhetores latini minores : ex codicibus maximan partem primum adhibitis / emendabat Carolus Halm, Lipsiae
: in aedibus B. G. Teubneri, 1863
Della Casa, Introduzione allo studio della cult.class., 2, p. 74
Tra le fonti che Carisio cita, un posto notevole spetta a Giulio Romano, vissuto nel III secolo d.C., forse
originario della Campania` e che curiosamente non è citato da altri se non da Carisio né mai viene utilizzato.
La sua opera grammaticale porta il titolo di ‘Aphormài (= elementi) e in essa l’autore “voleva solamente dare
dei principi, degli “elementi”, che avrebbero potuto portare altri a raggiungere risultati piú profondi”`. Egli si
occupò, nelle varie sezioni, delle parti del discorso, dei casi, dell’ortografia, dell’analogia, degli avverbi, ecc.,
raccogliendo forse un sistema abbastanza completo della grammatica di quel tempo.
Come metodo, introduceva precetti generali, poi sosteneva con citazioni il materiale delle parole, attingendo
a tutti i piú grandi grammatici che lo avevano preceduto: Sisenna, Probo, Plinio, Svetonio, Aspro, Flavio
Capro e altri.
Conte 516, breve cenno; niente Bettini
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
87
Letteratura pagana del IV secolo
La storiografia
I.Lana, La storiografia latina del IV secolo dopo Cristo, Torino 1990.
L. Lana, La dissoluzione della storiografia pagana negli ultimi secoli di Roma, Torino 1963.
Scriptores Historiae Augustae
Con questo nome (o quello di Historia Augusta) si designa una raccolta di trenta monografie su
imperatori romani (legittimi e usurpatori), da Adriano (117-38) a Carino e Numeriano (284-285
d.C.). Esso deriva in realtà da un’edizione curata da I. Casaubon nel 1603; la tradizione
manoscritta, nei suoi testimoni più importanti, parla di Vitae diversorum principum et tyrannorum a
divo Hadriano usque ad Numerianum diversis compositae.
In base a elementi interni si può proporre una datazione compresa tra il 285 e il 337 d.C.
I codici ci tramandano i nomi di sei diversi autori: Aelius Lampridius (Commodus Antoninus,
Diadumenus Antoninus, Antoninus Heliogabalus, Alexander Severus), Aelius Spartianus
(Hadrianus, Aelius, Didius Iulianus, Severus, Pescennius Niger, Antoninus Caracallus, Antoninus
Geta), Flavius Vopiscus, Iulius Capitolinus (Antoninus Pius, Marcus Antoninus Philosophus, Verus,
Pertinax, Clodius Albinus, Opilius Macrinus, Maximini duo, Gordiani tres, Maximus et Balbinus),
Trebellius Pollio, Vulcacius Gallicanus (Avidius Cassius), probabilmente pseudonimi di uno o più
autori.
Diversi elementi della tradizione hanno dato luogo a molteplici questioni relative alla integrità
dell’opera a noi pervenuta, all’attribuzione delle diverse vite agli autori citati, alle incongruenze
presentate dalle dediche agli imperatori regnanti, dai riferimenti ai tempi di composizione delle
singole opere e alla attività degli autori stessi.
Gli autori si riferiscono a Svetonio come a modello di storiografia aderente alla realtà, in
contrapposizione a quella stilisticamente più elevata rappresentata in primo luogo da Sallustio,
Livio e Tacito (cf. Probo,2,7).
Testi e testimonianze
Iul.Cap., vita Ant., 24-28. Carattere e morte di Marco Aurelio
Erat mos iste Antonino, ut omnia crimina minore supplicio, quam legibus plecti solent, puniret, quamvis
nonnumquam contra manifestos et gravium criminum reos inexorabilis permaneret. Capitales causas
hominum honestorum ipse cognovit, et quidem summa aequitate, ita ut praetorem reprehenderet, qui cito
reorum causas audierat, iuberetque illum iterum cognoscere, dignitatis eorum interesse dicens, ut ab eo
audirentur, qui pro populo iudicaret. Aequitatem autem etiam circa captos hostes custodivit. Infinitos ex
gentibus in Romano solo collocavit. Fulmen de caelo pre cibus suis contra hostium machinamentum extorsit
su<i>s pluvia impetrata, cum siti laborarent.
Voluit Marcomanniam provinciam, voluit etiam Sarmatiam facere, et fecisset, nisi Avidius Cassius rebellasset
sub eodem in oriente. Atque imperatorem se appellavit, ut quidam dicunt, Faustina volente, quae de mariti
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
88
valetudine desperaret. Alii dicunt, ementita morte Antonini Cassium imperatorem se appellasse, cum divum
Marcum appellasse<t>. et Antoninus quidem non est satis m<o>tus defectione Cassii nec <in> eius affectus
s<a>evi<t>. sed per senatum hostis est iudicatus bonaque eius proscripta per aerarium publicum. Rel<i>cto
ergo Sarmatico Marcommannicoque bello contra Cassium profectus est. Romae etiam turbae fuerunt, quasi
Cassius absente Antonino adventaret. Sed Cassius statim interfectus est, caputque eius adlatum est ad
Antoninum. Marcus tamen non exultavit interfectione Cassii caputque eius humari iussit. Maecianum etiam,
filium Cassii, cui Alexandria erat commissa, exercitus occidit; nam et praefectum praetorio sibi fecerat, qui et
ipse occisus est. In conscios defection<i>s vetuit senatum graviter vindicare, simul petit, ne qui senator
tempore principatus sui occideretur, ne eius pollueretur imperium–eos etiam, qui deportati fuerant, revocari
iussit,–cum paucissimi centuriones capite essent puniti. Ignovit et civitatibus, quae Cassio consenserant,
ignovit et Ant[h]ioc<h>ensibus, qui multa in Marcum pro Cassio dixerant. Quibus et spectacula et conventus
publicos tulerat et omnium contionum genus, contra quos edictum gravissimum misit. Seditiosos autem eos
et oratio Marci indicat indita a Mari<o> Maximo, qua ille usus est apud amicos. Denique noluit
Ant[h]ioc<h>iam videre, cum Syriam peteret. Nam nec Cy<r>rum voluit videre, ex qua erat Cassius. Fuit
Alexandr<i>ae clementer cum his agens. Postea tamen Antioc<h>iam vidit. Multa egit cum regibus et pacem
confirmavit sibi occurrentibus cunctis regibus et legatis Persarum. Omnibus orientalibus provinciis carissimus
fuit. Apud multas etiam philosophiae vestigia reliquit. Apud Aegyptios civem se egit et philosophum in
omnibus studiis, templis, locis. Et cum multa Alexandrini in Cassium dixissent fausta, tamen omnibus ignovit
et filiam suam apud eos reli[n]quit Faustinam suam in radicibus montis Tauri in vico Halalae exanimatam vi
subiti morbi amisit. Petit a senatu, ut honores Faustinae aedemque decernerent, laudata eadem, cum
inpudicitiae fama graviter laborasset. Quae Antoninus vel nesciit vel dissimulavit. Novas puellas
Faustinianas instituit in honorem uxoris mortuae. Divam etiam Faustinam a senatu appellatam gratulatus est.
Quam secum et in <a>estivis habuerat, ut matrem castrorum appellaret. Fecit et coloniam vicum, in quo obiit
Faustina, et aedem illi exstruxit. Sed haec postea aedis Heliogabalo dedicata est. Ipsum Cassium pro
clementia occisu<m> passus est, non occidi iussit. Deportatus est Heliodorus, filius Cassi, et alii liberum
exilium acceperunt cum bonorum parte[m]. filii autem Cassii et amplius media parte acceperunt paterni
patrimonii, et auro atque argento adiuti, mulieres autem etiam ornamentis: ita ut Alexandria, filia Cassii, et
Druncianus gener liberam vagandi potestatem habere<n>t commendati amitae marito. Doluit denique
Cassium extinctum, dicens voluisse se sine senatorio sanguine imperium transigere [voluisse se].
Orientalibus rebus ordinatis Athenis fuit et init<i>alia Ce<r>eris adit, ut se innocentem probaret, et sacrarium
solu<s> ingressus est. Revertens ad Italiam navigio tempestatem gravissimam passus est. Per Brundisium
veniens in Italia togam et ipse sumpsit et milites togatos esse iussit, nec umquam sagati fuerunt sub eo
milites. Romam ut venit, triumphavit et inde Lavinium profectus est. Commodum deinde sibi collegam in
tribuniciam potestatem iunxit, congiarium populo dedit et spectacula mirifica ; dein civilia multa correxit.
Gladiatorii muneris sumptus modum fecit. Sententia[m] Platonis semper in ore illius fuit florere civitates, si
aut philosophi imperarent aut imperantes philosopharentur. Filio suo Bruttii Praesentis filiam iunxit nuptiis
celebratis exemplo privatorum, quare etiam congiarium dedit populo.
Dein ad conficiendum bellum conversus in administratione eius belli obi<t> labentibus iam filii moribus ab
instituto suo. Triennio bellum postea cum Marcomannis, Herm<u>nduris, Sarmatis, Quadis etiam egit et, si
anno uno superfuisset, provincias ex his fecisset. Ante biduum quam exspiraret, admissis amicis dicitur
ostendisse sententiam de filio eandem quam Philippus de Alexandro, cum de hoc male sentiret, addens
minime se aegre ferre <quod moreretur, sed quod moreretur talem> filium superstitem relinquens ; nam iam
Commodus turpem se et cruentum ostentabat.
Mors autem talis fuit : cum aegrotare coepisset, filium advocavit atque ab eo primum petit, ut <b>elli reliquias
non contempneret, ne videretur rem p. prodere. Et, cum filius ei respondisse<t> cupere se primum
sanitatem, ut vellet, permisit, petens tamen, ut expectasset paucos dies, <h>aut simul proficisceretur.
Deinde abstinuit vi<ctu> potuque mori cupiens auxitque morbum. Sexta die vocatis amicis et ridens res
humanas, mortem autem contempnens ad amicos dixit : ‘quid<d>e me fletis et non magis de pestilentia et
communi morte cogitatis ?’ et cum illi vellent recedere, ingemescens ait : ‘si iam me dimittitis, vale vobis dico
vos praecedens.’ Et cum ab eo quaereretur, cui filium commendaret, ille respondit : ‘vobis, si dignus fuerit, et
dis inmortalibus.’ Exercitus cognita mala valetudine vehementissime dolebant, quia illum unice amarunt.
Septimo die gravatus est et solum filium admisit, quem statim dimisit, ne in eum morbus transiret. Dimisso
filio caput operuit quasi volens dormire, sed nocte animam efflavit. Fertur filium mori voluisse, cum eum
talem videret futurum, qu[it]alis exstitit post eius mortem, ne, ut ipse dicebat, similis Neroni, Caligulae et
Domitiano esset.
[24,1] Antonino era solito punire tutti i crimini con pene piu lievi di quelle comminate usualmente dalle leggi,
anche se talvolta era inflessibile ed inesorabile contro i colpevoli accertati di gravi delitti. [2] I processi capitali
a carico di uomini di riguardo li istruiva lui stesso, e con un grande senso di giustizia, così da giungere a
rimproverare un pretore che era stato frettoloso nell’ascolto della difesa degli imputati, e a ordinargli di
istruire nuovamente la causa, affermando che la dignità degli accusati richiedeva che essi ricevessero
udienza da parte di colui che giudicava in nome del popolo. [3] Mantenne lo stesso senso di giustizia anche
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
89
nei confronti dei prigionieri di guerra. Accolse nel territorio romano un gran numero di stranieri. [4] Con le sue
preghiere ottenne che cadesse dal cielo un fulmine contro una macchina da guerra nemica, ottenendo
anche la pioggia per i suoi soldati assetati.
[5] Aveva intenzione di fare della Marcomannia una provincia, e lo stesso per la Sarmazia: e avrebbe messo
in atto il suo progetto se non fosse scoppiata sotto di lui la ribellione di Avidio Cassio in Oriente. [6] Questi, a
quanto affermano certuni, si sarebbe proclamato imperatore d’accordo con Faustina, che considerava ormai
disperate le condizioni di salute del marito. [7] Altri dicono che Cassio assunse il titolo dopo aver diffuso la
falsa notizia della morte di Antonino, e dopo averlo divinizzato. [8] Per la verità Antonino non si lasciò
eccessivamente turbare dalla ribellione di Cassio, né infierì contro i suoi congiunti. [9] Ma il senato lo
dichiarò nemico pubblico, e i suoi beni furono confiscati e incamerati nell’erario.
[25,1] Abbandonata allora la guerra contro i Sarmati e i Marcomanni, partì per affrontare Cassio. [2] A Roma
si ebbero anche manifestazioni di panico, al pensiero che Cassio, approfittando dell’assenza di Antonino,
stesse arrivando. Ma questi fu ben presto ucciso, e la sua testa venne portata ad Antonino. [3] Marco
tuttavia non mostrò gioia per l’uccisione di Cassio, e ordinò che il suo capo fosse sepolto. [4] I soldati
uccisero anche suo figlio Meciano, cui era stato da lui affidato il governo di Alessandria; e si era creato
anche un prefetto del pretorio, che fu, lui pure, ucciso. [5] Non permise che il senato punisse con gravi pene i
complici della congiura, [6] chiedendo inoltre che nessun senatore avesse ad essere ucciso nel corso del
suo governo, affinché il suo impero non ne fosse così macchiato [7] – ordinò tra l’altro che fossero richiamati
quelli che erano stati banditi -: solo pochissimi centurioni furono puniti con la pena capitale. [8] Perdonò
anche alle città che avevano dato il loro appoggio a Cassio, perdonò anche agli Antiocheni, che si erano
pronunciati molte volte contro di lui e a favore di Cassio. [9] Ad essi aveva tolto la facoltà di organizzare
spettacoli e di tenere pubbliche assemblee, nonché ogni genere di riunioni, e nei loro confronti emanò un
editto severissimo. [10] Che questa fosse gente ribelle, lo conferma anche un discorso rivolto da Marco a
degli amici, e riportato da Mario Massimo. [11] Inoltre, recandosi in Siria, non volle passare per Antiochia.
[12] E non volle vedere neppure Cirro, che era la patria di Cassio.
[26,1] Si fermò invece ad Alessandria, e tenne nei confronti degli abitanti di questa città un comportamento
ispirato a cle-
completare
Traduzione di P. Soverino, Torino, Utet, 1983.
De vita Hadriani, 14,8-16
Fuit enim poematum et litterarum nimium studio sissimus. Arithmeticae, geometriae, picturae peritissimus.
Iam psallendi et cantandi scientiam prae se ferebat. In voluptatibus nimius. Nam et de suis dilectis multa
versibus composuit. [amatoria carmina scripsit.] idem armorum peritissimus et rei militaris scientissimus,
gladiatoria quoque arma tractavit. Idem severus laetus, comis gravis, lascivus cunctator, tenax liberalis,
simulator <dissimulator>, saevus clemens et semper in omnibus varius.
Amicos ditavit et quidem non petentes, cum petentibus ni[hi]l negaret. Idem tamen facile de amicis, quidquid
insusurrabatur, audivit atque ideo prope cunctos vel amicissimos vel eos, quos summis honoribus evexit,
postea ut hostium loco habuit, ut Attianum et Nepotem et Septicium Clarum. Nam Eud<a>emonem prius
conscium imperii ad egestatem perduxit, Pol<y>aenum et Marcellum ad mortem voluntariam coegit,
Heliodorum famosissimis litteris lacessivit, Titianum ut conscium tyrannidis et argui passus est et proscribi.
Umidium Quadratum et Cat<i>lium Severum et Turbonem graviter insecutus est, Servianum sororis virum
nonagesimum iam annum agentem, ne sibi superviveret, mori coegit; libertos denique et nonnullos milites
insecutus est. Et quamvis esset oratione et versu promtissimus et in omnibus artibus peritissimus, tamen
professores omnium artium semper ut doctior risit, contempsit, obtrivit. Cum his ipsis professoribus et
philosophis libris vel carminibus invicem editis saepe certavit. Et Favorinus quidem, cum verbum eius
quondam ab <H>adriano reprehensum esset atque ille ces sisset, arguentibus amicis, quod male <c>ederet
Hadriano de verbo, quod idonei auctores usurpassent, risum iocundissimum movit; ait enim: ‘non recte
suadetis, familiares, qui non patimini me illum doctiorem omnibus credere, qui habet triginta legiones.’
Famae celebris Hadrianus tam cupidus fuit, ut libros vitae suae scriptos a se libertis suis litteratis dederit
iubens, ut eos suis nominibus publicarent; nam et Phlegontis libri Hadriani esse dicuntur. Catacannas libros
obscurissimos Antimachum imitando scripsit. Floro poetae scribenti ad se:
ego nolo C<a>esar esse,
ambulare per Brittanos,
<latitare per . . . ,>
Scythicas pati <p>ruinas
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
90
rescripsit:
ego nolo Florus esse,
ambulare per tabernas,
latitare per popinas,
culices pati rutundos.
Ama<v>it praeterea genus vetustum dicendi. Controver-sias declamavit. Ciceroni Catonem, Vergilio
En<n>ium, Salustio Coelium praetulit eademque iactatione de Ho-mero ac Platone iudicavit. Mathesin sic
scire sibi visus est, ut sero kalendis Ianuariis scripserit, quid ei toto anno posset evenire, ita ut eo anno, quo
perit, usque ad illam horam, qua est mortuus, scripserit, quid acturus esset. Sed quamvis esset in
reprehendendis musi-cis, tragicis, comicis, grammaticis, r<h>et[h]oribus, oratoribus facilis, tamen omnes
professores et honoravit et divites fecit, licet eos quaestionibus semper agitaverit. Et cum ipse auctor esset,
ut multi ab eo tristes recederent, dicebat se graviter ferre, si quem tristem videret. In summa familiaritate
Epictetum et <H>elio-dorum philosophos et, ne nominatim de omnibus dicam, grammaticos, r<h>et[h]ores,
musicos, geometras, pictores, astrolog<o>s habuit, prae ceteris, ut multi adserunt, eminente Fa<v>orino.
Doctores, quo professioni suae inhabiles videbantur, ditatos honoratosque a professione dimisit.
[8] Aveva una grande passione per la poesia e la letteratura, [9] ed era espertissimo di aritmetica, geometria,
pittura. Dava inoltre apertamente saggio della sua perizia nell’arte di suonare e cantare. Nei piaceri sensuali
non conosceva misura: e molti componimenti in versi scrisse sulle persone oggetto dei suoi amori. [10]
Aveva poi una grande perizia nel campo delle armi e una profonda competenza nell’ambito della strategia
militare: e sapeva pure maneggiare le armi da gladiatore. [11] Era ad un tempo serio e gioviale, affabile e
contegnoso, sfrenato e controllato, avaro e generoso, schietto e simulatore, crudele e mite, e sempre in ogni
cosa mutevole.
[15,1] Gli amici li riempì di ricchezze anche se non gli chiedevano nulla: ché se poi gli manifestavano
qualche richiesta, non negava loro alcuna cosa. [2] Nondimeno era sempre pronto a prestare orecchio a
tutto ciò che si sussurrava sul conto degli amici; e perciò quasi tutti quelli che avevano goduto di un più
stretto rapporto di amicizia con lui, o quelli che egli aveva innalzato alle più alte dignità, finì poi per tenerli in
conto di nemici, come Attiano, Nepote e Setticio Claro. [3] Così ridusse alla miseria Eudemone, che in
precedenza era stato a parte con lui negli affari del governo, [4] costrinse al suicidio Polieno e Marcello, [5]
perseguitò Eliodoro in componimenti pesantemente diffamatori, [6] lasciò che Tiziano fosse accusato e
proscritto come partecipe di un complotto per la conquista del potere. [7] Perseguitò fieramente Ummidio
Quadrato, Catilio Severo e Turbone, [8] costrinse al suicidio suo cognato Serviano, che pure era già nel
novantesimo anno d’età, affinché non avesse a sopravvivergli; [9] non mancò infine di volgersi contro liberti
e vari soldati. [10] E per quanto egli fosse molto versato sia nell’eloquenza che nella poesia ed avesse
eccezionale perizia in tutte le discipline, tuttavia sempre irrise, disprezzò, umiliò coloro che ne erano maestri,
come chi si sente ad un livello di cultura superiore. [11] Con questi stessi maestri e filosofi ebbe spesso a
gareggiare scambiando con essi libelli e componimenti in versi. [12] Una volta, avendo Adriano criticato una
parola usata da Favorino, questi non aveva replicato: rimproverato dagli amici di avere indebitamente dato
ragione ad Adriano in merito ad una parola che era stata usata anche da scrittori autorevoli, suscitò grande
ilarità con questa risposta:
[I3] “Voi non mi consigliate bene, amici miei, quando non vorreste che io considerassi come più dotto di tutti
uno che possiede trenta legioni”.
[16,1] Adriano aspirava a tal punto a raggiungere una vasta fama che consegnò ai suoi liberti provveduti di
un’istruzione letteraria i libri in cui aveva scritto la sua autobiografia, dando loro disposizione perché li
pubblicassero sotto i loro nomi; ché, a quanto si dice, anche i libri di Flegonte, sarebbero in realtà di Adriano.
[2] Scrisse ad imitazione di Antimaco un’opera molto oscura intitolata Catacannae. [3] Al poeta Floro, che gli
scriveva:
“Io non voglio essere Cesare
vagolare tra i Britanni
(appiattarmi…........)
scitico gelo patire “.
[4] rispose:
“lo non voglio essere Floro
vagolare tra i tuguri
appiattarmi nelle bettole
grasse zanzare patire “.
[5] Amava inoltre lo stile arcaico. Declamò controversie. [6] Preferiva Catone a Cicerone, Ennio a Virgilio,
Celio a Sallustio, e con la stessa iattanza trinciava giudizi su Omero e Platone. [7] Si considerava tanto
esperto nell’astrologia che al più tardi al primo di gennaio aveva già scritto ciò che gli sarebbe accaduto nel
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
91
corso di tutto l’anno: fu così che l’anno in cui morì aveva messo per iscritto tutto ciò che avrebbe fatto, sino
all’ora della sua morte. [8] Per quanto egli fosse sempre pronto a criticare i musici, i tragici, i comici, i
grammatici, i retori, gli oratori, tuttavia conferì onori e ricchezze a tutti i maestri di tali arti, pur non mancando
di provocarli continuamente sollevando nuove questioni. [9] E, mentre proprio lui faceva sì che molti
lasciassero la sua presenza mortificati, diceva che gli dispiaceva profondamente vedere triste qualcuno. [10]
Fu in rapporto di grande amicizia con i filosofi Epitteto e Eliodoro e, tralasciando di fare il nome di ciascuno,
con grammatici, retori, musici, geometri, pittori, astrologi: fra tutti gli altri, a quanto dicono in molti, aveva un
posto particolare Favorino. [11] I maestri che apparivano non all’altezza del loro compito, li esonerava
dall’esercizio della loro professione, non senza aver prima dispensato loro ricchezze ed onori.
Traduzione di P. Soverino, Torino, Utet, 1983.
Ael.Spart., Ant.Caracall., 1-2 (SHA 13)
Ex duobus liberis, quos Septimius Severus reliqui<t>, [Getam et Bassianum], quorum unum <Antoninum>
exercitus, alterum pater dixit, Geta hostis est iudicatus, Bassianum autem <notum> optinui<s>se imperium.
De cuius maioribus frustra putamus iterandum, cum omnia in Severi vita satis dicta sint. Huius igitur pueritia
blanda, ingeniosa, parentibus adfabilis, amicis parentum iucunda, populo accepta, grata senatui, ipsi etiam
ad amorem conciliandum salutaris fuit. Non ille in litteris tardus, non in benivolentis s<e>gnis, non tenax in
largitate, non lentus in clementia, sed sub parentibus, visus. Denique, si quando feris obiectos damnatos
vidit, flevit aut oculos avertit. Quod populo plus quam amabile fuit. Septennis puer, cum conlusorem suum
puerum ob Iudaicam religionem gravius verberatum audisset, neque patrem suum neque patrem pueri
vel<ut> auctores verberum diu respexit. Ant[h]i oc<h>ensibus et Byzantiis interventu suo iura vetusta
restituit, quibus iratus fuit Severus, quod Nigrum iuverant. Plauti<a>ni odium crudelitatis causa concepit.
Qu<od> a parentibus gratia sig<i>llariorum acce<pe>rat, id vel clientibus vel magistris sponte donavit. Sed
haec puer. Egressus vero pueritiam seu patris monit<i>s seu calliditate ingenii sive quod se Alexandro
Magno Macedoni[ae] aequandum putabat, restrictior, gravior, vultu etiam truculentior factus est, prorsus ut
eum, quem puerum scierant, multi esse non crederent. Alexandrum Magnum eiusque gesta in ore semper
habuit. T<i>berium et Syllam in conventu plerumque laudavit. Patris superbior fuit ; fratrem magna eius
humilitate despexit.
Post patris mortem in castra praetoria pergens apud milites conquestus est circumveniri se fratris insidiis,
atque ita fratrem in Palatio fecit occidi. Eius corpus statim cremari praecepit. Dixit praeterea in castris fratrem
sibi venenum parasse, matri eum inre<vere>ntem fuisse ; egitque publice his gratias, qui eum occiderunt.
Addidit denique his qu<a>s<i> fidelioribus erga se stipendium. Pars militum apud Albam Getam occisum
<a>egerrime accepit, dicentibus cunctis duobus se fidem promi<si>sse liberis Severi, duobus servare
debere, clausisque portis diu imperator non admissus nisi delenitis animis, non solum qu[a]erellis de Geta et
criminationibus editis, sed inormitate stipendii militibus, ut solet, placatis, atque inde Romam redit. Tunc sub
veste senatoria loricam habens cum armatis militi bus curiam ingressus est. Hos in medio inter subsellia
duplici ordine conlocavit et sic verba fecit. Qu[a]es[i]tus est de fratris insidiis involu[nta]te et incondite ad illius
accusationem <et excusationem> sui. Quod quidem nec senatus libenter accepit, cum ille dixisset fratri se
omnia permi<si>sse, fratrem ab insidiis liberasse, et illum tamen sibi gravissimas insidias fecisse nec vicem
amori reddidisse fraterno.
[1,1] Dei due figli lasciati da Settimio Severo, i quali ricevettero il nome di Antonino, uno dall’esercito, l’altro
dal padre, Geta fu dichiarato nemico pubblico, Bassiano divenne – come si sa – imperatore. [2] Sugli
antenati di questo riteniamo sia inutile soffermarsi ancora, dato che di tutto si è già parlato ampiamente nella
vita di Severo. [3] Fu dunque un fanciullo amabile, intelligente, affabile con i genitori, caro ai loro amici, ben
accetto al popolo, gradito al senato: ciò che gli giovò ad acquistarsi la simpatia generale. [4] Non apparve
mai indolente nello studio, né pigro a compiere atti di benevolenza o restio a mostrarsi liberale o tardo a
gesti di clemenza, almeno finché visse sottomesso ai genitori. [5] Insomma, se talvolta vedeva dei
condannati gettati in pasto alle fiere, piangeva o volgeva altrove lo sguardo; ciò che gli conquistò grande
affetto da parte del popolo. [6] A sette anni, avendo saputo che un fanciullo suo compagno di giochi era stato
frustato a sangue per aver professato la religione giudaica, tenne a lungo il broncio a suo padre e al padre di
quello quali responsabili di quelle percosse. [7] Fu grazie al suo intervento che furono restituiti agli abitanti di
Antiochia e Bisanzio, contro i quali si era scatenata l’ira di Severo per l’aiuto da essi prestato a Nigro, i loro
antichi privilegi. Ebbe in odio Plauziano a motivo della sua crudeltà. [8] Era solito regalare di sua iniziativa ai
suoi clienti e maestri i doni che riceveva dai genitori in occasione delle feste sigillari. Ma tutto questo
riguarda la sua fanciullezza.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
92
[2,1] Non appena, però, fu uscito da quell’età, vuoi per effetto dei consigli del padre, vuoi per la sua innata
scaltrezza o per il fatto che si era prefisso di assomigliare ad Alessandro Magno il Macedone, divenne più
riservato, più severo, e anche più torvo nell’espressione del viso, al punto che molti non volevano credere
che fosse lo stesso che avevano conosciuto da piccolo. [2] Aveva sempre sulle labbra Alessandro Magno e
le sue gesta e, quando era in compagnia, lodava di continuo Tiberio e Silla. [3] Era più superbo del padre, e
disprezzava profondamente il fratello per il suo atteggiameiito molto dimesso.
[4] Dopo la morte del padre si recò nel castro pretorio, e si lamentò con i soldati che il fratello gli tendeva
insidie: così lo fece uccidere nel Palazzo, ordinando che il suo cadavere venisse subito cremato. [5]
Parlando ai soldati, ebbe inoltre a dire che il fratello aveva tentato di avvelenarlo, e che si era mostrato
irrispettoso verso la madre; e ringraziò pubblicamente quelli che lo avevano ucciso, [6] aumentando persino
loro lo stipendio, come soldati che avevano mostrato maggior fedeltà nei suoi confronti. [7] Una parte dei
soldati, che stazionavano ad Alba, accolse la notizia dell’uccisione di Geta con grande disappunto: tutti
quanti dicevano di aver promesso fed Ità ai due figli di Severo e che dovevano quindi serbarla ad entrambi;
[8] chiuse dunque le porte dell’accampamento, per lungo tempo non lasciarono entrare l’imperatore, finché
questi riuscì a calmare gli animi, non solo ripetendo le lamentele e le accuse nei confronti di Geta, ma
soprattutto placando i soldati, come è d’uso, mediante la distribuzione di enormi somme di denaro; ritornò
quindi a Roma. [9] Entrò allora nella curia indossando una corazza sotto l’abito senatorio e facendosi
accompagnare da una guardia di soldati armati, che dispose in duplice fila in mezzo ai sedili: e così tenne il
suo discorso. [10] Si lagnò delle insidie che il fratello gli avrebbe teso, con lo scopo evidente di accusare
quello e giustificare se stesso, parlando peraltro in modo involuto e disordinato. [11] Ma un discorso del
genere, in cui egli affermava che non aveva negato mai nulla a suo fratello, e addirittura lo aveva più volte
salvato da gravi pericoli, mentre quello, anzieché ricambiare il suo affetto fraterno, aveva tramato contro di
lui un complotto mortale, non fu certo accolto con favore dal senato.
Traduzione di P. Soverino, Torino, Utet, 1983.
Ael.Spart., Sev., 18,2 – 19
Idem cum inplacabilis delictis fuit, tum ad erigendos industrios quosque iudicii[s] singularis. Philosophiae ac
dicendi studiis satis deditus, doctrin<a>e quoque nimis cupidus. Latronum ubique hostis. Vitam suam
privatam publicamque ipse composuit ad fidem, solum tamen vitium crudelitatis excusans. De hoc senatus
ita iudicavit illum aut nasci non debuisse aut mori, quod et nimis crudelis et nimis utilis rei publicae videretur.
Domi tamen minus cautus, qui uxorem Iuliam famosam adulteriis tenuit, <r>eam etiam coniurationis. Idem,
cum pedibus aeger bellum moraretur idque milites anxie ferrent eiusque filium Bassianum, qui una era[n]t,
Augustum fecissent, tolli se atque in tribunal ferri iussit, adesse deinde omnes tribunos, centuriones, duces
et cohortes, quibus auctoribus id acc<i>derat, sisti deinde filium, qui Augusti nomen acceperat. Cumque
animadverti in omnes auctores facti praeter filium iuberet rogareturque[m] omnibus ante tribunal prostratis,
caput manu contingens ait: ‘tandem sentitis caput imperare, non pedes.’ Huius dictum est, cum eum ex
humili per litterarum et militiae officia ad imperium plurimis gradibus fortuna duxisset: ‘omnia’, inqui<t>, ‘fui et
nihil expedit.’
Perit [a]E<b>oraci in Brittannia subactis gentibus, quae Brittanniae videbantur infestae, anno imperii XVIII.,
morbo gravissimo extinctus, iam senex. Reliquit filios duos, Antoninum Bassianum et Getam, cui et ipsi in
honorem Marci Antonini nomen inposuit. Inl[eg]atus sepulchro Marci Antonini, quem ex omnibus
imperatoribus tantum coluit, ut et Commodum in div<o>s referret et Antonini nomen omnibus deinceps quasi
Augusti adscribendum putaret. Ipse a senatu agentibus liberis, qu<i> ei funus amplissimum exhibuerant,
inter divos est relatus.
Opera publica praecipu<a> eius extant Septizonium et thermae Severianae, eiusde<m>que etiam ian<u>ae
in Transtiberina regione ad portam nominis sui, quarum forma intercidens statim usum publicum invidit.
Iudicium de eo post mortem magnum omnium fuit, maxime quod diu nec a filiis eius boni aliquid rei p. venit
et postea invadentibus multis rem p. res Romana praedonibus direptui fuit.
Hic tam[en] exiguis vestibus usus est, ut vix <e>t tunica eius aliquid purpurae haberet, cum hirta clamyde
umero<s> v<e>l<a>ret. Cibi parcissimus, leguminis patrii avidus, vini aliquando cupidus, carnis frequenter
ignarus. Ipse decorus, ingens, promissa barba, cano capite et crispo, vultu reverendus, canorus voce, sed
Afrum quiddam usque ad senectutem sonans. Ac multum post mortem amatus vel invidia deposita vel
crudelitatis metu.
[4] Come fu implacabile contro i reati, così mostrò singolare accortezza nel favorire tutte le persone valenti.
[5] Si dedicò con notevole impegno agli studi di filosofia ed eloquenza, e mostrò grande interesse anche per
la cultura in generale. In qualsiasi luogo combatté aspramente i disonesti. [6] Scrisse egli stesso la storia
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
93
della sua vita privata e pubblica, mantenendosi fedele alla verità, a parte la tendenza a giustificare la sua
crudeltà. [7] Su di lui il senato espresse questo giudizio: che o non sarebbe dovuto nascere, o non sarebbe
dovuto morire, giacché appariva ad un tempo molto crudele, ma anche estremamente utile allo Stato. [8]
Nella vita famigliare era tuttavia meno avveduto, tant’è che mantenne accanto a sé la moglie Giulia, famosa
per i suoi adultèri e responsabile anche di aver preso parte ad un complotto. [9] Una volta che, a causa dei
suoi disturbi agli arti inferiori, aveva dovuto rallentare le operazioni di una campagna militare, e i soldati,
impazienti, mal sopportando la cosa, avevano nominato Augusto suo figlio Bassiano che lo accompagnava,
si fece sollevare e portare sulla tribuna, e ordinò che successivamente si presentassero tutti i tribuni, i
centurioni, i comandanti e le coorti, che erano stati responsabili di quanto accaduto, e poi comparísse alla
sua presenza il figlio, che aveva accettato il titolo di Augusto. [10] Ordinò allora di punire tutti i responsabili
del fatto, ad eccezione del figlio: tutti, prostrandosi dinanzi alla tribuna, implorarono il suo perdono, ed egli
allora, toccandosi il capo con la mano, esclamò: [11] “Finalmente vi accorgete che è la testa a comandare,
non i piedi! “ . C’è una sua frase che riassume il senso dell’ascesa cui la fortuna a grado a grado lo
condusse, da un’umile condizione – attraverso i progressi nello studio e le cariche rivestite nella milizia sino
all’impero: “Sono stato ogni cosa, e non mi serve a nulla “.
[19,1] Morì a Eboraco in Britannia, dopo aver soggiogato le popolazioni che apparivano minacciare la
regione, nel diciottesimo anno di impero, sopraffatto da una malattia gravissima, ormai vecchio. [2] Lasciò
due figli, Antonino Bassiano e Geta: a quest’ultimo pure aveva imposto, in onore di Marco, il nome di
Antonino. [3] Fu sepolto nella tomba di Marco Antonino, che egli venerò a tal punto fra tutti gli imperatori, che
giunse a divinizzare persino Commodo, e a ritenere che il nome di Antonino fosse da allora in poi da
conferire a tutti i sovrani, come quello di Augusto. [4] Egli stesso, su proposta dei figli, che gli avevano
allestito uno splendido funerale, fu dal senato divinizzato.
[5] Le sue principali opere pubbliche ancor oggi esistenti sono il Settizonio e le terme Severiane, e sue
inoltre sono anche le Settimiane in Trastevere, nei pressi della porta a lui intitolata, le quali però, causa il
crollo dell’acquedotto, furono subito chiuse al pubblico.
[6] Dopo la sua morte il giudizio unanime su di lui fu altamente positivo, e ciò dipese soprattutto dal fatto che
per lungo tempo allo Stato non venne alcunché di buono dai suoi figli, e successivamente lo Stato romano
stesso, esposto agli assalti di molti, divenne oggetto di preda per dei briganti.
[7] Severo indossava abiti così modesti che la sua stessa tunica aveva appena un filo di porpora, e per
coprirsi le spalle usava una clamide di tessuto ruvido. [8] Era molto sobrio nel mangiare, ghiotto di verdure
della sua terra, e talvolta beveva volentieri il vino, mentre spesso non assaggiava neppure la carne. [9] Era
bello, imponente, portava la barba luriga, aveva i capelli bianchi e crespi, un volto che ispirava rispetto, la
voce armoniosa, ma con un certo qual accento africano che conservò sino alla vecchiaia. [10] Dopo la sua
morte, venuto meno ogni motivo d’odio nei suoi confronti o di timore della sua crudeltà, fu molto rimpianto.
Traduzione di P. Soverino, Torino, Utet, 1983.
Ael. Lampr., Comm. Ant., 2-3.
Cooptatus est inter tressolos †. Princeps iuventutis, cum toga<m> sumpsit. Adhuc in praetexta puerili
congiarium dedit atque ipse in basilica Traiani praesedit. Indutus autem toga est nonarum Iuliarum die,
quo[d] in terris Romulus non apparuit, et eo tempore, quo Cassius a Marco descivit. Profectus est
commendatus militibus cum patre in Syriam et Aegyptum <et cum> eo Romam redit. Post haec venia legis
annariae impetrata consul est factus et cum patre imperator est appellatus V. kal. Dec. Die Pollione et Apro
consulibus et triumphavit cum patre ; nam et hoc patres decreverant. Profectus es<t> cum patre et ad
Germanicum bellum.
Adhibitos custodes vitae suae honestiores ferre non potuit, pessim<o>s quo<s>que detinuit et summotos
usque ad aegritudinem desideravit. Quibus per patris mollitiem restitutis popinas et ganeas in Palatinis
semper aedibus fecit neque umquam pepercit vel pudori vel sumptui. In domo aleam exercuit. Mulierculas
formae scitioris ut prostibula mancipia perficie<ns> lupanarium <ad lu>dibrium pudicitiae contraxit.
I<nsec>tatus est propolas circumforanos. Equos currules sibi conparavit. Aurigae habitu currus rexit,
gladiatoribus convi<x>it, aquam gessit ut le<n>o<num> minister, ut probris natum magis quam ei loco eum
credere<s>, ad quem fortuna provexit.
Patris ministeria seniora summovit, amicos senes abiecit. Filium Salvi Iuliani, qui exercitibus praeerat, ob
inpudicitiam frustra temptavit atque exinde Iuliano tetendit insidias. Honestissimos quosque aut per
contumeliam aut per honorem indignissimum abiecit. Appellatus est a mimis quasi obstupratus eosdemque
ita, ut non apparerent, subito deporta<v>it. Bellum etiam, quod pater paene confecerat, legibus hostium
addictus remisit ac Romam reversus est. Romam ut redit, subactore suo S<ao>tero post se in curr<u> locato
ita triumphavit, ut eum sae<p>ius cervice reflexa publice oscularetur. Etiam in orc<h>estra hoc idem fecit. Et
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
94
cum potaret in lucem helluareturque viribus Romani imperii, vespera etiam per tabernas ad lupanaria
volitavit. Misit homines ad provincias regendas vel criminum socios vel a criminosis commendatos. In
senatus odium ita venit, ut et ipse crudeliter in tanti ordinis perniciem s<a>eviret fieretque <e> contempto
crudelis.
[2,1] Quando indossò la toga, fu assunto fra i [… ] quale “principe della gioventù” . Aveva ancora la pretesta
propria dei fanciulli quando elargì un donativo, presiedendo egli stesso alla distribuzione nella basilica di
Traiano. [2] Indossò la toga il 7 luglio, anniversario della assunzione all’olimpo di Romolo, nello stesso anno
della ribellione di Cassio contro Marco. [3] Accompagnato dal favore dei soldati, partì assieme al padre alla
volta della Siria e dell’Egitto, e con lui ritornò a Roma. [4] Dopo di ciò, ottenuta la dispensa dalla legge sui
limiti d’età, fu creato console, e il 27 novembre dell’anno corrispondente al consolato di Pollione e Apro, fu
acclamato imperatore insieme al padre, e condivise con lui il trionfo: anche questo infatti era stato decretato
dal senato. [5] Partì poi, sempre seguendo il padre, per la guerra germanica.
[6] Non poteva sopportare, fra coloro che erano stati assunti per vigilare sulla sua vita, le persone che si
distinguevano per la loro integrità, mentre si teneva cari tutti i peggiori soggetti, e quando gli furono tolti, ne
soffrì la mancanza sino ad ammalarsi. [7] E quando per la condiscendenza del padre poté riaverli, creò in
permanenza nel Palazzo imperiale bettole e taverne, né mai si fece scrupoli di pudore o di spesa. Giocava a
dadi nel Palazzo. [8] Raccolse donnine di particolare avvenenza come schiave prostitute, creando un vero e
proprio lupanare, un oltraggio alla pudicizia. Imitò i rivenditori del foro. Si procurò cavalli da corsa. [9] Guidò
i carrì vestito da auriga, visse assieme ai gladiatori, fece il coppiere come un servo dei lenoni, sì che si
sarebbe potuto crederlo nato piuttosto per una vita infamante, che non per la posizione alla quale la sorte lo
aveva elevato.
[3,1] Licenziò i funzionari più anziani di suo padre, allontanò i suoi vecchi amici. [2] Cercò di attrarre a una
vita dissoluta il figlio del generale Salvio Giuliano, ma senza successo: per vendicarsi tramò insidie contro
Giuliano. [3] Tutte le persone più oneste le allontanò o coprendole direttamente di insulti infamanti, o
degradandole ad uffici del tutto indegni di loro. [4] Certi commedianti avevano fatto allusione alle sue
perversioni sessuali: egli li fece subito deportare così che non si vedessero più in scena. [5] Abbandonò poi
la guerra che il padre aveva quasi condotto a conclusione, accettando passivamente le condizioni imposte
dal nemico, e fece ritorno a Roma. [6] Là giunto, celebrò il trionfo facendo prendere posto dietro di sé sul
carro al suo partner di perversione Saotero, e più volte si rigirava a baciarlo alla vista di tutti. La stessa cosa
faceva anche sui banchi del teatro. [7] E se fino a giorno fatto si ubbriacava e gozzovigliava dissanguando le
risorse dell’impero romano, anche durante la sera vagava tra le bettole recandosi nei postriboli. [8] Mandava
a governare le province individui che o erano gli stessi complici dei suoi vizi o gli erano stati raccomandati da
delinquenti. [9] Venne talmente in odio al senato, che a sua volta divenuto, sentendosi disprezzato, crudele,
finì per infierire senza pietà contro quell’illustre ordine.
Traduzione di P. Soverino, Torino, Utet, 1983.
Bibliografia
H. Jordan , F. Eyssenhardt, Berlin, Weidmann, 1864
H. Peter, Leipzig, 1865, 1874, 18842.
E.Hohl, Lepzig 1927, 1955 (anast. 1927), 2 voll. ,1965 (riv. Ch. Samberger e W. Seyfarth), vol. I.
19975 (1971). Vol. II. 19973 (1971).
P. Soverini, (testo e tr.), Torino 1983
J. – P. Callu, Paris, Les Belles Lettres, 1992
T. I, :Vies d’Hadrien, Ælius et Antonin. Ed. J.-P. Callu, O. Desbordes et A. Gaden. 1992.
T. III, 1re partie : Vies de Macrin, Diaduménien et Héliogabale. Ed. R. Turcan. 1993.
T. IV / 2 : Vies des deux Valériens et des deux Galliens. Ed. Stéphane Ratti, Olivier Desbordes.
T. V, 1re partie : Vies d’Aurélien et de Tacite. Ed. F. Paschoud. 1996.
T.V. 2e partie. Vies de Probus, Firmus, Saturnin, Proculus et Bonose, Carus Numérien et Carin.
Ed. François Paschoud. 2001.
D. Magie, Loeb London – New York 1921-1932, 3 voll.
Vol. I. Hadrian. Aelius. Antonius Pius. Marcus Aurelius. L. Verus. Avidius Cassius. Commodus.
Pertinax. Didius Julianus. Septimus Severus. Pescennius Niger. Clodius Albinus.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
95
Vol. II. Caracella. Geta. Opellius Macrinus. Diadumenianus. Elagabalus. Severus Alexander. The
Two Maximini. The Three Gordians. Maximus and Balbinus.
Vol. III. The Two Valerians. The Two Gallieni. The Thirty Pretenders. The Deified Claudius. The
Deified Aurelian. Tacitus. Probus. Firmus, Saturninus. Proculus and Bonosus. Carus, Carinus and
Numerian.
Scrittori della Storia Augusta, Vol. 4, Zanichelli, Poeti e Prosatori latini (106, 108,112.114). Trad. di
G. Porta, 1990-95.
TEA
Scrittori della Storia Augusta – Volume I: libri I-VI – Introd. Di M. Yourcenar; a cura di P. SoveriniPrima edizione 1994
Scrittori della Storia Augusta – Volume IV: libri XXIV-XXX
Testo latino a fronte. A cura di P. Soverini – Prima edizione 1994 – Licenza UTET
L. Agnes, Torino, U.T.E.T., 1960, Classici latini.
Trad.ital. F. Roncoroni, Milano: Rusconi, 1972 , La storia da vicino.
Note Generali: Testo italiano.
Utet al Canova
PHI e Intratext
BTL3 = Scriptores Historiae Augustae
s. V ? Hadrianus (cuius uitam scripsisse fertur Aelius Spartianus) - s. 5 p.c. (dubium) - prosa
Teubner (E. Hohl, 1965) [Scriptores Historiae Augustae, vol. I], p. 3-28
Strumenti
C. Lessing, Scriptorum historiae Augustae lexicon, Leipzig 1901-06. Rist.: Hildesheim 1964.
Studi
L.D. Reynolds, Texts and transmission. A Survey of the latin Classics, Oxford 1983, pp. 354-56.
(P.K. Marshall).
P. Soverini, s.v. Historiae Augustae Scriptores, in Dizionario degli scrittori greci e latini, 2, Milano,
Marzorati, 1987, pp. 1133-1145.
ICCU per Soggetto: Scriptores Historiae Augustae
Autore: Lessing, Karl
Titolo: Scriptorum historiae Augustae Lexicon / confecit Carolus Lessing
Edizione: Reprografischer Nachdruck , Hildesheim: G. Olms, 1964
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed.: Leipzig, 1901-1906.
ICCU per Autore: Scriptores Historiae Augustae
Autore: Scriptores Historiae Augustae
Titolo: Storia augusta / traduzione, introduzioni e note di Federico Roncoroni; presentazione di Luigi Alfonsi;
fotografie di Mario Monge , Milano: Rusconi, 1972 , La storia da vicino
Note Generali: Testo italiano.
ICCU Per Titolo: Scriptores Historiae Augustae
Honn, Karl, Quellenuntersuchungen zu den Viten des Heliogabalus und des Severus Alexander: im corpus
der scriptores historiae Augustae / Karl Honn, Aalen: Scientia Verlag, 1982
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
96
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed. di Leipzig, 1911
Schult, Otto Theodor, Quellenanalysen und Geschichtliche Untersuchungen zu den Scriptores Historiae
Augustae / Otto Theodor Schulz, Aalen: Scientia Verlag, 1984
Schulz, Otto Theodor, Quellenanalysen und geschichtliche Untersuchungen zu den Scriptores Historiae
Augustae / Otto Theodor Schulz, Aalen: Scientia Verlag, 1984
Villacampa Rubio, Maria Angustias, El valor historico de la Vita Alexandri Severi en los Scriptores historiae
Augustae / Maria Angustias Villacampa Rubio, Zaragoza: Universitad de Zaragoza, Departamento de
Ciencias de la Antiguedad, 1988, Monografias de historia antigua
2: / addenda et corrigenda adiecerunt Ch. Samberger et W. Seyfarth
Edizione: Ed. stereotypa ed. 3. (1971), Stutgardiae et Lipsiae in aedibus B. G. Teubneri, 1997
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
2, 1980
Descrizione fisica: XXXVII, 485 p., The Loeb classical library
Fa parte di: The scriptores historiae augustae / with an English translation by David Magie
3, 1982
Descrizione fisica: X, 529, The Loeb classical library
Fa parte di: The scriptores historiae augustae / with an English translation by David Magie
Vol.1: / addenda et corrigenda adiecerunt Ceh.Samberger et W.Seyfarth, Stutgardiae et Lipsiae: in aedibus
B.G.Teubneri, 1997
Note Generali: Editio stereotipa editionis 5
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
Mouchova, Bohumila, Untersuchungen uber die Scriptores historiae Augustae / Bohumila Mouchova, Praha:
Univerzita Karlova, 1975, Acta Universitatis Carolinae philologica
1
Edizione: 5. Aufl. Editio stereotypa correctior / addenda et corrigenda adiecerunt Ch. Samberger et W.
Seyfarth, Leipzig: B. G. Teubner, 1971
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
Historia Augusta, Scriptores historiae augustae / edidit Ernestus Hohl; addenda et corrigenda adiecerunt Ch.
Samberger et W. Seyfarth, Editio stereotypa correctior., 1971, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
1 / edidit Ernestus Hohl; addenda et corrigenda adiecerunt Ch. Samberger et W. Seyfarth
Edizione: 5. ed, Leipzig: Teubner, 1971
Fa parte di: Scriptores historiae augustae / edidit Ernestus Hohl; addenda et corrigenda adiecerunt Ch.
Samberger et W. Seyfarth
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
2 / edidit Ernestus Hohl; addenda et corrigenda adiecerunt Ch. Samberger et W. Seyfarth
Edizione: 3. ed, Leipzig: Teubner, 1971
Fa parte di: Scriptores historiae augustae / edidit Ernestus Hohl; addenda et corrigenda adiecerunt Ch.
Samberger et W. Seyfarth
2
Edizione: Editio stereotypa correctior / addenda et corrigenda adiecerunt Ch. Samberger et W. Seyfarth,
Leipzig: B. G. Teubner, 1971
Note Generali: 3. ed. identica alla 2. ed. del 1965.
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
1
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
97
Edizione: Editio stereotypa correctior / addenda et corrigenda adiecerunt Ch. Samberger et W. Seyfarth,
Leipzig: B. G. Teubner, 1971
Note Generali: 5. ed. identica alla 4. ed. del 1965.
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
1, 1979, The Loeb classical library
Fa parte di: The scriptores historiae augustae / with an English translation by David Magie
1
Edizione: Ed. stereotypa correctior addenda et corrigenda adiecerunt Ch. Samberger et W. Seyfarth,
Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1965
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
2
Edizione: Ed. stereotypa correctior addenda et corrigenda adiecerunt Ch. Samberger et W. Seyfarth,
Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1965
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
Scriptores Historiae Augustae with an English translation / by David Magie, Cambridge, Mass.
Descrizione fisica: 3 v.; 16 cm ., The Loeb classical library
2, London: Heinemann, Mass.
Fa parte di: The scriptores Historiae Augustae: in three volumes / with an English translation by David Magie
3, London: Heinemann, Mass.
Fa parte di: The scriptores Historiae Augustae: in three volumes / with an English translation by
1
Edizione: Editio stereotypa correctior / addenda et corrigenda adiecetur Ch. Samberger et W. Seyfarth,
Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1965
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
2 Edizione: editio stereotypa correctior / addenda et corrigenda adiecetur Ch. Samberger et W. Seyfarth,
Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1965
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
1, London: Heinemann, Mass.
Fa parte di: The scriptores Historiae Augustae: in three volumes / with an English translation by David Magie
Hartke, Werner, Geschichte und Politik im sp.W1I0atantiken Rom: Untersuchungen .W1I0uber die Scriptores
Historiae Augustae / von Werner Hartke
Edizione: Neudruck der Ausg. 1940, Aalen: Scientia Verlag, 1962, Klio. Beitrage zur alten Geschichte.
NeueFolge
Klio: Beitrage zur alten Geschichte.Beihefte
3, Cambridge, Mass.
Descrizione fisica: 1 v.; 16.
Fa parte di: The scriptores historiae augustae / with an English translation by David Magie
2, Cambridge, (Mass.), The Loeb classical library; 140
Fa parte di: The scriptores historiae augustae
1, London: Heinemann; Cambridge, (Mass.)
Descrizione fisica: XXXVII, 493 p.; 17 cm., The Loeb classical library; 139
Fa parte di: The scriptores historiae augustae
Scriptores Historiae Augustae / [a cura di] Leopoldo Agnes, Torino: U.T.E.T., 1960, Classici latini
Scriptores Historiae Augustae / With an English transl. by David Magie, London: Heinemann, Mass.
Descrizione fisica: 3 v.; 16 ., The Loeb classical library
3, London: Heinemann; Cambridge, (Mass.) The Loeb classical library; 263
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
98
Note Generali: Testo orig. a fronte
Fa parte di: The scriptores historiae augustae
Vol. 1, 1955
Fa parte di: Scriptores historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
Historia Augusta, Scriptores historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
Edizione: editio stereotypa editionis prioris (1927) cum addendis ad Vol. I et II, Lipsiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1955, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Momigliano, Arnaldo, An unsolved problem of historical forgery: the Scriptores historiae augustae / by
Arnaldo Momigliano, [S.l.: s.n.!, [1954?!
Note Generali: Estr. da: The journal of the Warburg and Courtauld institutes, vol. 17., nn. 1-2, 1954
1, London: Heinemann, 1953
Descrizione fisica: 1 v., The Loeb classical library
Fa parte di: The scriptores historiae augustae / with an English translation by David Magie
2, London: Heinemann, 1953
Descrizione fisica: 1 v.
Fa parte di: The scriptores historiae augustae / with an English translation by David Magie
3, London: Heinemann, 1954
Descrizione fisica: 1 v.
Fa parte di: The scriptores historiae augustae / with an English translation by David Magie
Hartke, Werner, Geschichte und Politik im spatantiken Rom: Untersuchungen uber die Scriptores Historiae
Augustae / Werner Hartke, Leipzig: Dieterich'sche Verlagsbuchhandlung, 1940
Fa parte di: Klio. Beiheft
Reusch, Wilhelm, Der historische Wert der Caracalla Vita in den Scriptores Historiae Augustae / von Wilhelm
Reusch, Dieterisch'she Verlagsbuchhandlung, 1931
Fa parte di: Klio. Beiheft
Hallen, Manne, In scriptores historiae augustae studia / Commentatio academica scripsit [...] Manne Hallen,
Upsala: Wretman, 1941
Walter, Friedrich, Beitrage zur Textkritik der Scriptores Historiae Augustae: Programm zur Jahresbericht des
K. Neuen Gymnasiums in Regensburg fur das Studienjahr 1908/1909, Regensburg: H.Schiele, <19..>
Pasciucco, G., Tlagabalo: contributo agli studi sugli "Scriptores Historiae Augustae", Feltre: Tip. Castaldi,
1915
2, London: Heinemann, Mass.
Fa parte di: The scriptores Historiae Augustae: in three volumes / with an English translation by David Magie
Sparrer, Emil, Caracalla 1.: Nach der Darstellung in den Scriptores Historiae Augustae, Mahr; Schonberg,
1908
Note Generali: Jahres-Bericht des k.k. Kaiser F. JosephStatsgymnasium in Mahr-schonberg uber das
Schuljahr 1907/8, 29.
Romano, Benedetto <latinista>, De ablativi absoluti usu apud scriptores Historiae Augustae / Benedictus
Romano, Augustae Taurinorum: in aedibus H.Loescherii, 1906
Tidner, Erik, De particulis copulativis apud scriptores Historiae augustae quaestiones selectae / scripsit Erik
Tidner, Uppsala: A.-B. Akademiska Bokhandeln, 1922, Uppsala Universitets Arsskrift. Filosofi,
Sprakvetenskap och historiska Vetenskaper
Grosse, Oskar, Bemerkungen zum Sprachgebrauch und Wortschatz der Scriptores Historiae Augustae /
Oskar Grosse, Leipzig: Teubner, 1913
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
99
Tropea, Giacomo, 5: Commodo: biografia, ricerca dell'autore della biografia attribuita a Lampridio, giudizio
intorno a questa / Giacomo Tropea, Messina: Rivista di storia antica, 1901
Fa parte di: Studi sugli Scriptores historiae augustae / Giacomo Tropea
Pasciucco, Giovanni, Elagabalo: contributo agli studi sugli "Scriptores Historiae Augustae" / G. Pasciucco,
Feltre: Panfilo Castaldi, 1905
Domaszewski, Alfred: von, Die Geographie bei den Scriptores historiae Augustae / von A. von
Domaszewski, Heidelberg: C. Winters, 1916, Sitzungsberichte der Heidelberger Akademie
derWissenschaften. Philosophisch-historischeKlasse
Domaszewski, Alfred: von, Der Staat bei den scriptores historiae Augustae / von Alfred v. Domaszewski,
Heidelberg: Winters, 1920
Fa parte di: Sitzungsberichte der Heidelberger Akademie der Wissenschaften. Mathematischnaturwissenschaftliche Klasse
Domaszewski, Alfred: von, Die Topographie Roms bei den Scriptores historiae Augustae / von Alfred von
Domaszewski, Heidelberg: Carl Winters Universitatsbuchhandlung, 1916, Sitzungsberichte der Heidelberger
Akademie derWissenschaften. Philosophisch-historischeKlasse; 7
Schwendemann, Joseph, Der Historische Wert der Vita Marci bei den Scriptores Historiae Augustae / von
Joseph Schwendemann, Heidelberg: C. Winter, 1923
1, London: Heinemann, Mass.
Fa parte di: The scriptores Historiae Augustae: in three volumes / with an English translation by David Magie
Domaszewski, Alfred: von, Die Daten der Scriptores Historiae Augustae von Severus Alexander bis Carus /
von Alfred von Domaszewski, Heidelberg: C. Winter, 1917
Legami a titoli: [Supplemento di] Sitzungsberichte der Heidelberger Akademie der Wissenschaften.
Philosophisch-historische Klasse
Domaszewski, Alfred: von, Die Personennamen bei den Scriptores Historiae Augustae / von Alfred von
Domaszewski, Heidelberg: C. Winter, 1918, Sitzungsberichte der Heidelberger Akademie
derWissenschaften. Philosophisch-historischeKlasse
Pasoli, Aldo, Sulla composizione di due brani paralleli degli Scriptores historiae augustae: Maximini, 13, 5-19
e gordiani, 7, 2-16, Voghera: Tip. Moderna Gabetta, 1929
Thornell, Per Gustaf, Ad scriptores Historiae Augustae et Ammianum Marcellinum adnotationes, Uppsala:
Almquist & Wiksell; Leipzig: Harrassowitz, 1927
Fa parte di: Skrifter utgivna av Kungl. Humanistiska vetenskaps-samfundet i Uppsala
1, Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1927
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
2, Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1927
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / edidit Ernestus Hohl
Wolfflin, Eduard, Die Scriptores historiae Augustae I / von Eduard Wolfflin, Munchen: F. Straub, 1891
Bitschofsky, Rudolf, Kritisch-exegetische Studien zu den scriptores historiae Augustae / von Dr.Rudofl
Bitschofsky, Wien: [s.n.], 1888
2, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1884
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / iterum recensuit adparatumque criticum addidit Hermannus
Peter
Peter, Hermann, Die Scriptores historiae augustae: Sechs Litterar-Geschichtliche Untersuchngen / von
Hermann Peter, Leipzig: Teubner, 1892
1, Messina: tip. Rivista di Storia antica, 1899
Descrizione fisica: 1 fasc.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
100
Fa parte di: Studi sugli Scriptores historiae augustae / Giacomo Tropea
2, Messina: tip. Rivista di storia antica, 1899
Descrizione fisica: 1 fasc.; 8.
Fa parte di: Studi sugli Scriptores historiae augustae / Giacomo Tropea
3, Messina: tip. Rivista di storia antica, 1899
Descrizione fisica: 1 fasc.; 8.
Fa parte di: Studi sugli Scriptores historiae augustae / Giacomo Tropea
Peter, Hermann, Scriptores historiae augustae / iterum recensuit adparatumque criticum addidit Hermannus
Peter, Lipsia: B. G. Teubner, 1884, Bibliotheca graeca virorum doctorum operarecognita et commentariis
instructa
Lenze, Guilelmus, Questiones criticae et grammaticae ad scriptores historiae Augustae pertinentes /
guilelmus Lenze, Monasterii guestf.: Ex typographia Ioannis Bret, 1894
1, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1884
Fa parte di: Scriptores Historiae Augustae / iterum recensuit adparatumque criticum addidit Hermannus
Peter
1, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1865
Fa parte di: Scriptores historiae augustae / recensuit Hermannus Peter
Lessing, Karl, Studien zu den Scriptores historiae Augustae / von Karl Lessing, Berlin: R.Gaertners, 1889
Note Generali: Sul front.: Wissenschaftliche Beilage zum Programm des Friedrichs-Gymnasium zu Berlin.
Ostern 1889.
Peter, Hermann, Hermanni Peteri Exercitationes criticae in scriptores Historiae Augustae, Posnaniae: formis
Guil. Deckeri & societatis, 1863
Paese di pubblicazione: PL
Golisch, Julius, Beirtrage zur Kritik der scriptores historiae augustae / Dr.Golisch, Schweidnitz; [s.n.], 1870
2, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1865
Fa parte di: Scriptores historiae augustae / recensuit Hermannus Peter
1 / Henricus Iordan et Franciscus Eyssenhardt recensuerunt, Berolini: apud Weidemannos, 1864
Fa parte di: Scriptores historiae augustae ab Adriano ad Numerianum / Henricus Iordan et Franciscus
Eyssenhardt recensuerunt
2 / Henricus Iordan et Franciscus Eyssenhardt recensuerunt, Berolini: apud Weidemannos, 1864
Fa parte di: Scriptores historiae augustae ab Adriano ad Numerianum / Henricus Iordan et Franciscus
Eyssenhardt recensuerunt
Scriptores historiae Augustae ab Hadriano ad Numerianum / Henricus Jordan et Franciscus Eyssenhardt
recensuerunt, Berolini: Weidmann, 1864
Petschenig, Michael, Beitrage zur Textkritik der Scriptores Historiae Augustae / Michael Petschenig, W ien: In
Commission Bei Carl Gerold's Sohn, 1879
Plew, J., Marius Maximus als direkte und indirekte quelle der Scriptores Historiae Augustae / J. Plew,
Strasburg: Karl J. Trubner, 1878
Peter, Hermann, Scriptores historiae augustae / recensuit Hermannus Peter, Lipsia: B. G. Teubner, 1865
Historia Augusta, Scrittori della storia degli Augusti: tradotti per la prima volta da varii con annotazioni =
=Historiae Augustae scriptores, Venezia: nel privil. stabilimento nazionale di G. Antonelli editore, 1852,
Biblioteca degli scrittori latini: *con testoe note
Brocks, Emil, Studien zu den Scriptores Historiae Augustae: Aelius Spartienus / von Dr.Emil Brocks,
Marienwerder: <s.n.>, 1877
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
101
Note Generali: Sul front.: Komigliches Gymnasium zu Marienwerder
Historia Augusta, Scrittori della storia degli Augusti: tradotti per la prima volta da varii con annotazioni =
=Historiae Augustae scriptores, Venezia: nel privil.stabilimento nazionale di G. Antonelli editore, 1852,
Biblioteca degli scrittori latini: *contraduzione e note
Scriptores historiae augustae / Aelius Spartacus, Vulcacius Gallicanus, Iulius Capitolinus, Trebellius Pollio,
Aelius Lampridius, Flavius Vopiscus, Augustae Taurinorum: ex off. regia, 1853
Completato 1850-2005
"Scriptores Historiae Augustae - Castaldi"
"Historia Augusta" è il titolo dato dal filologo svizzero I. Casaubau ad una serie di biografie d'imperatori
romani, da Adriano (117-138) a Carino (283-5): la raccolta (in cui si registra una lacuna, dal 249 al 253)
comprende sia gl'imperatori legittimi che gli usurpatori.
Gli autori delle varie vite (Elio Sparziano, Giulio Capitolino, Vulcacio Gallicano, Elio Lampidrio, trabellio
Pollione, Flavio Vopisco) affermano di scrivere sotto i regni di Diocleziano e Costantino, cui dedicano alcune
delle biografie.
La critica moderna ha però rilevato numerosi anacronismi e contraddizioni interne all'opera, ed è oramai
unanime nel ritenere che gli autori si celano dietro a pseudonimi. Permangono anche altre notevoli
incertezze: se l'autore sia in realtà unico; se i succitati anacronismi siano stati introdotti in successive
edizioni o se tutta l'opera sia un "falso" di epoca posteriore: in tal caso, probabilmente risalirebbe alla fine del
IV sec. d.C., e i suoi potrebbero essere autori pagani di ambiente senatorio, contrari alla politica di Teodosio,
imperatore cristiano.
Lo stile e il contenuto, comunque, si rifanno al filone biografico (ma appunto: banali biografie o sottile
ostentazione di ingenuità?), che privilegiava gli elementi di curiosità, in specie sulla vita privata
degl'imperatori stessi.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
102
Ammiano Marcellino
Cenni biografici
Nacque ad Antiochia tra il 325 e il 330.
Militò in Oriente e in Gallia per circa sette anni, al comando del generale Ursicino, a partire dal
353.
Combattè in una prima guerra contro i Persiani, nel corso della quale (359) rischiò la vita, quindi
nella campagna persiana del 363 al comando di Giuliano l'Apostata e della morte di questi fu
testimone. Abbandonò la carriera militare dopo la morte di Giuliano.
Fu in Egitto e in Grecia nel 366.
Si stabilì a Roma a partire dal 378, dove attese alla stesura della sua opera storiografica, i Rerum
gestarum libri XXXI.
Data della morte ignota, ma collocata intorno al 395, a Roma.
Opere
I Rerum gestarum libri XXXI, in teoria relativi al periodo 96-378 (dalla morte di Nerva al governo di
Valente), si collegano idealmente alla narrazione storiografica di Tacito e sono ordinati anno per
anno e per area geografica.
Ci restano solo i libri che narrano i fatti successivi al 353, ne sono pervenuti, in dettaglio, gli ultimi
18. La narrazione termina con la battaglia di Adrianòpoli (378), in cui perí lo stesso Valente.
Quasi sicuramente l’opera venne pubblicata per stralci, con pubbliche letture. I libri I-XXV erano ià
conosciuti nel 392.
Tacito è per Ammiano modello di metodo e di stile.
Particolare attenzione, in ciò che è rimasto dell’opera, è prestato alla figura di Giuliano l’Apostata,
grande figura di pagano e di amante della cultura di cui A. è tuttavia in grado di segnalare, oltre
che le virtù, anche i limiti e i difetti, al pari degli altri imperatori di cui parla.
A questo proposito, non manca certo l’influenza storiografica del ritratto svetoniano, pur filtrato
attraverso il modello tacitiano.
Osservazioni
Pur pagano, si dimostra incline a una concezione monoteistica del divino di ascendenza neoplatonica e
riconosce "schietta e pura” la religione cristiana, che “persuade a giustizia e a mansuetudine", e ammira la
fede serena e l'intrepido coraggio dei martiri cristiani.
Non riconosce peraltro la portata storica della nuova religione.
“Roma è al centro della sua sincera e profonda ammirazione, e, non tócco, come Tacito, da nostalgici
rimpianti filorepubblicani, vede nella Roma imperiale una realtà storica adeguata alle esigenze dei tempi, e
pur essa guidata dal Fato alla realizzazione di un dominio universale nel mondo. Nonostante i molti errori e
le molte deficienze (14, 6, 2), Ammiano ha ferma fede nella sua immortalità, perché " la volontà divina, la
fece signora sin dalla culla, con promessa di vita eterna” (14, 6). Per questo, tutto di Roma lo interessa: il
fascino delle sue memorie, il prestigio delle sue tradizioni, lo splendore della sua cultura. Nella sua opera
storica si awerte ad ogni pagina questo palpito di sincera romanità.” Riposati
Notevole l’educazione retorica, che ben si dimostra nell’inserimento di discorsi, ma A. resta pur
sempre di madrelingua greca, le cui strutture si intravedono nel dettato latino.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
103
Lessico ricco
Echi di autori arcaici (Plauto e Terenzio)
“E il primo degli scrittori di Roma che ricorre alle cadenze ritmiche del cursus, aprendo la via al gusto della
latinità cristiana e medievale.” Riposati
“Vengono privilegiati i seguenti schemi, fondati sulla trasposizione legata al senso delle antiche clausole
quantitative: cursus planus ' xx ' x (clausulas esse), tardus ' xx ' xx (clausulas fecimus), velox ' xx xx' x
(clausulas feceramus). Compare anche ' x xx' x (esse videatur). La svolta verso la prosa medievale è
compiuta.” Von Albrecht
Numerosi excursus. Sono già nella tradizione storiografica precedente, ma acquistano frequenza e
spessore nuovi. Spesso sono alquanto erudite e un po’ fastidiose. Ricordano più Sallustio che
Tacito.
Tra le fonti: Rufio Festo, di Tolomeo, di Timàgene, di Plinio il Vecchio; per tutta I opera appaiono
utilizzati Sallustio, Cesare, Livio, Lucano, Erodiano, Eutropio, in fine Tacito
Testi e testimonianze
Testo di Libanio, ep. 983 dà notizia di pubbliche letture dell'opera a Roma.
Amm., 15,1, 1. Prologo metodico [Testo latino Intratext]
[1.] Utcumque potuimus veritatem scrutari, ea quae videre licuit per aetatem, vel perplexe interrogando
versatos in medio scire, narravimus ordine casuum exposito diversorum: residua quae secuturus aperiet
textus, pro virium captu limatius absolvemus, nihil obtrectatores longi, ut putant, operis formidantes. tunc
enim laudanda est brevitas cum moras rumpens intempestivas nihil subtrahit cognitioni gestorum. [Testo
Intratext]
[1.] Per quanto ho potuto indagare sulla verità dei fatti, ho riferito, seguendo l'ordine cronologico, quelli ai
quali ho potuto assistere nella mia vita, o che ho potuto apprendere interrogando minuziosamente coloro che
li vissero: i restanti, che illustrerà la narrazione seguente, li tratterò con accuratezza, secondo la mia
capacità, senza temere la critica di chi reputi l'opera troppo lunga. La concisione, infatti, è lodevole quando,
eliminando le divagazioni inopportune, non sottrae nulla alla conoscenza dei fatti 1.
1 E la prima prelazione delle Storie giunta sino a noi. Una prefazione generale e forse altre parziali erano
contenute nei libri I-Xlll, andati perduti.
Amm., 26, 1, 1-2. Prologo metodico [Testo latino Intratext]
[1.] Dictis inpensiore cura rerum ordinibus ad usque memoriae confinia propioris convenerat iam referre a
notioribus pedem, ut et pericula declinentur veritati saepe contigua, et examinatores contexendi operis
deinde non perferamus intempestivos, strepentes ut laesos, si praeteritum sit, quod locutus est imperator in
cena, vel omissum quam ob causam gregarii milites coerciti sunt apud signa, et quod non decuerat in
descriptione multiplici regionum super exiguis silere castellis, quodque cunctorum nomina, qui ad urbani
praetoris officium convenere, non sunt expressa, et similia plurima praeceptis historiae dissonantia,
discurrere per negotiorum celsitudines adsuetae, non humilium minutias indagare causarum, quas si scitari
voluerit quispiam, individua illa corpuscula volitantia per inane, atomous, ut nos appellamus, numerari posse
sperabit.
[2.] Haec quidam veterum formidantes, cognitiones actuum variorum stilis uberibus explicatas non edidere
superstites, ut in quadam ad Cornelium Nepotem epistula Tullius quoque testis reverendus adfirmat. proinde
inscitia vulgari contempta ad residua narranda pergamus.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
104
[1.] Esposti cronologicamente i fatti con grande cura fino al limite dell'epoca più recente, sarebbe stato
opportuno ritirarsi dai tempi troppo conosciuti, sia per evitare i pericoli spesso connnessi alla verità, sia per
non sopportare giudici inopportuni della struttura dell'opera, che rumoreggiano, quasi fossero stati offesi, se
è stato tralasciato ciò che l'imperatore ha detto a cena, o se è stato omesso il motivo per cui semplici soldati
sono stati puniti in campo, e perché non si dovevano passare sotto silenzio, nelle varie descrizioni
geografiche, fortezze di poco conto, e perché non sono stati riferiti i nomi di tutti coloro che convennero per
rendere omaggio al pretore urbano, e numerosi fatti analoghi, che non si accordano con i precetti della
storia, avvezza a soffermarsi solo sui fatti salienti, non a investigare le minuzie di questioni insignificanti 1.
Se qualcuno vorrà ricercare queste ultime, costui pretenderà di poter contare quei corpuscoli indivisibili che
volano nel vuoto, che noi chiamiamo atomi 2. [2.] Per questo timore alcuni degli antichi scrittori non
esposero in stile eloquente e non pubblicarono durante la loro vita notizie di diversi come sostiene in una
lettera a Cornelio Nepote anche Tullio testimone degno di rispetto 3. Quindi, disprezzando la stoltezza del
volgo, proseguiamo nella restante narrazione.
E’ questa l'ultima prefazione parziale delle Storie, e precede gli ultimi sei libri dell’opera.
2 ll termine, di derivazione greca, da tempo era entrato nell'uso latino.
3. Si tratterebbe della medesima lettera di Cicerone a Cornelio Nepote, andata perduta, di cui Ammiano ha
già fatto una citazione testuale (cfr. XXI 16,13, nota 14.
Amm., 14, 6. Vizi del senato e del popolo romano. Oppure: Ritratto della nobiltà romana / (LL CD
d'Anna solo alcuni capitoletti) [Testo latino IntraText]
1. Inter haec Orfitus praefecti potestate regebat urbem aeternam ultra modum delatae dignitatis sese
efferens insolenter, vir quidem prudens et forensium negotiorum oppido gnarus, sed splendore liberalium
doctrinarum minus quam nobilem decuerat institutus, quo administrante seditiones sunt concitatae graves ob
inopiam vini: huius avidis usibus vulgus intentum ad motus asperos excitatur et crebros.
2. Et quoniam mirari posse quosdam peregrinos existimo haec lecturos forsitan, si contigerit, quamobrem
cum oratio ad ea monstranda deflexerit quae Romae gererentur, nihil praeter seditiones narratur et tabernas
et vilitates harum similis alias, summatim causas perstringam nusquam a veritate sponte propria
digressurus.
3. Tempore quo primis auspiciis in mundanum fulgorem surgeret victura dum erunt homines Roma, ut
augeretur sublimibus incrementis, foedere pacis aeternae Virtus convenit atque Fortuna plerumque
dissidentes, quarum si altera defuisset, ad perfectam non venerat summitatem.
4. eius populus ab incunabulis primis ad usque pueritiae tempus extremum, quod annis circumcluditur fere
trecentis, circummurana pertulit bella, deinde aetatem ingressus adultam post multiplices bellorum aerumnas
Alpes transcendit et fretum, in iuvenem erectus et virum ex omni plaga quam orbis ambit inmensus,
reportavit laureas et triumphos, iamque vergens in senium et nomine solo aliquotiens vincens ad tranquilliora
vitae discessit.
5. ideo urbs venerabilis post superbas efferatarum gentium cervices oppressas latasque leges fundamenta
libertatis et retinacula sempiterna velut frugi parens et prudens et dives Caesaribus tamquam liberis suis
regenda patrimonii iura permisit.
6. et olim licet otiosae sint tribus pacataeque centuriae et nulla suffragiorum certamina set Pompiliani redierit
securitas temporis, per omnes tamen quotquot sunt partes terrarum, ut domina suscipitur et regina et ubique
patrum reverenda cum auctoritate canities populique Romani nomen circumspectum et verecundum.
7. Sed laeditur hic coetuum magnificus splendor levitate paucorum incondita, ubi nati sunt non reputantium,
sed tamquam indulta licentia vitiis ad errores lapsorum ac lasciviam. ut enim Simonides lyricus docet, beate
perfecta ratione vieturo ante alia patriam esse convenit gloriosam.
8. ex his quidam aeternitati se commendari posse per statuas aestimantes eas ardenter adfectant quasi plus
praemii de figmentis aereis sensu carentibus adepturi, quam ex conscientia honeste recteque factorum,
easque auro curant inbracteari, quod Acilio Glabrioni delatum est primo, cum consiliis armisque regem
superasset Antiochum. quam autem sit pulchrum exigua haec spernentem et minima ad ascensus verae
gloriae tendere longos et arduos, ut memorat vates Ascraeus, Censorius Cato monstravit. qui interrogatus
quam ob rem inter multos... statuam non haberet malo inquit ambigere bonos quam ob rem id non meruerim,
quam quod est gravius cur inpetraverim mussitare.
9. Alii summum decus in carruchis solito altioribus et ambitioso vestium cultu ponentes sudant sub
ponderibus lacernarum, quas in collis insertas cingulis ipsis adnectunt nimia subtegminum tenuitate
perflabiles, expandentes eas crebris agitationibus maximeque sinistra, ut longiores fimbriae tunicaeque
perspicue luceant varietate liciorum effigiatae in species animalium multiformes.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
105
10. alii nullo quaerente vultus severitate adsimulata patrimonia sua in inmensum extollunt, cultorum ut puta
feracium multiplicantes annuos fructus, quae a primo ad ultimum solem se abunde iactitant possidere,
ignorantes profecto maiores suos, per quos ita magnitudo Romana porrigitur, non divitiis eluxisse sed per
bella saevissima, nec opibus nec victu nec indumentorum vilitate gregariis militibus discrepantes opposita
cuncta superasse virtute.
11. hac ex causa conlaticia stipe Valerius humatur ille Publicola et subsidiis amicorum mariti inops cum
liberis uxor alitur Reguli et dotatur ex aerario filia Scipionis, cum nobilitas florem adultae virginis diuturnum
absentia pauperis erubesceret patris.
12. At nunc si ad aliquem bene nummatum tumentemque ideo honestus advena salutatum introieris,
primitus tamquam exoptatus suscipieris et interrogatus multa coactusque mentiri, miraberis numquam antea
visus summatem virum tenuem te sic enixius observantem, ut paeniteat ob haec bona tamquam praecipua
non vidisse ante decennium Romam.
13. hacque adfabilitate confisus cum eadem postridie feceris, ut incognitus haerebis et repentinus, hortatore
illo hesterno clientes numerando, qui sis vel unde venias diutius ambigente agnitus vero tandem et adscitus
in amicitiam si te salutandi adsiduitati dederis triennio indiscretus et per tot dierum defueris tempus,
reverteris ad paria perferenda, nec ubi esses interrogatus et quo tandem miser discesseris, aetatem omnem
frustra in stipite conteres summittendo.
14. cum autem commodis intervallata temporibus convivia longa et noxia coeperint apparari vel distributio
sollemnium sportularum, anxia deliberatione tractatur an exceptis his quibus vicissitudo debetur, peregrinum
invitari conveniet, et si digesto plene consilio id placuerit fieri, is adhibetur qui pro domibus excubat
aurigarum aut artem tesserariam profitetur aut secretiora quaedam se nosse confingit.
15. homines enim eruditos et sobrios ut infaustos et inutiles vitant, eo quoque accedente quod et
nomenclatores adsueti haec et talia venditare, mercede accepta lucris quosdam et prandiis inserunt
subditicios ignobiles et obscuros.
16. Mensarum enim voragines et varias voluptatum inlecebras, ne longius progrediar, praetermitto illuc
transiturus quod quidam per ampla spatia urbis subversasque silices sine periculi metu properantes equos
velut publicos signatis quod dicitur calceis agitant, familiarium agmina tamquam praedatorios globos post
terga trahentes ne Sannione quidem, ut ait comicus, domi relicto. quos imitatae matronae complures opertis
capitibus et basternis per latera civitatis cuncta discurrunt.
17. utque proeliorum periti rectores primo catervas densas opponunt et fortes, deinde leves armaturas, post
iaculatores ultimasque subsidiales acies, si fors adegerit, iuvaturas, ita praepositis urbanae familiae
suspensae digerentibus sollicite, quos insignes faciunt virgae dexteris aptatae velut tessera data castrensi
iuxta vehiculi frontem omne textrinum incedit: huic atratum coquinae iungitur ministerium, dein totum
promiscue servitium cum otiosis plebeiis de vicinitate coniunctis: postrema multitudo spadonum a senibus in
pueros desinens, obluridi distortaque lineamentorum conpage deformes, ut quaqua incesserit quisquam
cernens mutilorum hominum agmina detestetur memoriam Samiramidis reginae illius veteris, quae teneros
mares castravit omnium prima velut vim iniectans naturae, eandemque ab instituto cursu retorquens, quae
inter ipsa oriundi crepundia per primigenios seminis fontes tacita quodam modo lege vias propagandae
posteritatis ostendit.
18. Quod cum ita sit, paucae domus studiorum seriis cultibus antea celebratae nunc ludibriis ignaviae
torpentis exundant, vocali sonu, perflabili tinnitu fidium resultantes. denique pro philosopho cantor et in
locum oratoris doctor artium ludicrarum accitur et bybliothecis sepulcrorum ritu in perpetuum clausis organa
fabricantur hydraulica, et lyrae ad speciem carpentorum ingentes tibiaeque et histrionici gestus instrumenta
non levia.
19. Postremo ad id indignitatis est ventum, ut cum peregrini ob formidatam haut ita dudum alimentorum
inopiam pellerentur ab urbe praecipites, sectatoribus disciplinarum liberalium inpendio paucis sine
respiratione ulla extrusis, tenerentur minimarum adseclae veri, quique id simularunt ad tempus, et tria milia
saltatricum ne interpellata quidem cum choris totidemque remanerent magistris.
20. et licet quocumque oculos flexeris feminas adfatim multas spectare cirratas, quibus, si nupsissent, per
aetatem ter iam nixus poterat suppetere liberorum, ad usque taedium pedibus pavimenta tergentes iactari
volucriter gyris, dum exprimunt innumera simulacra, quae finxere fabulae theatrales.
21. Illud autem non dubitatur quod cum esset aliquando virtutum omnium domicilium Roma, ingenuos
advenas plerique nobilium, ut Homerici bacarum suavitate Lotophagi, humanitatis multiformibus officiis
retentabant.
22. nunc vero inanes flatus quorundam vile esse quicquid extra urbis pomerium nascitur aestimant praeter
orbos et caelibes, nec credi potest qua obsequiorum diversitate coluntur homines sine liberis Romae.
23. et quoniam apud eos ut in capite mundi morborum acerbitates celsius dominantur, ad quos vel sedandos
omnis professio medendi torpescit, excogitatum est adminiculum sospitale nequi amicum perferentem similia
videat, additumque est cautionibus paucis remedium aliud satis validum, ut famulos percontatum missos
quem ad modum valeant noti hac aegritudine colligati, non ante recipiant domum quam lavacro purgaverint
corpus. ita etiam alienis oculis visa metuitur labes.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
106
24. sed tamen haec cum ita tutius observentur, quidam vigore artuum inminuto rogati ad nuptias ubi aurum
dextris manibus cavatis offertur, inpigre vel usque Spoletium pergunt. haec nobilium sunt instituta.
25. Ex turba vero imae sortis et paupertinae in tabernis aliqui pernoctant vinariis, non nulli velariis
umbraculorum theatralium latent, quae Campanam imitatus lasciviam Catulus in aedilitate sua suspendit
omnium primus; aut pugnaciter aleis certant turpi sono fragosis naribus introrsum reducto spiritu
concrepantes; aut quod est studiorum omnium maximum ab ortu lucis ad vesperam sole fatiscunt vel pluviis,
per minutias aurigarum equorumque praecipua vel delicta scrutantes.
26. et est admodum mirum videre plebem innumeram mentibus ardore quodam infuso cum dimicationum
curulium eventu pendentem. haec similiaque memorabile nihil vel serium agi Romae permittunt. ergo
redeundum ad textum.
1. In questo periodo governava la città eterna con autorità di praefectus Orfito 1, innalzandosi superbamente
oltre i limiti della magistratura conferitagli, uomo assennato e molto esperto di diritto, ma nello splendore
delle arti liberali meno colto di quanto convenisse ad una persona insigne 2. Durante la sua magístratura
sorsero gravi tumulti per la scarsità di vino, il cui uso eccessivo trascina il popolo a frequenti e violenti
disordini 3. 2. E poiché ritengo che alcuni stranieri, che forse, se capiterà, leggeranno queste pagine, si
domanderanno perché, quando il discorso si volge a raccontare i fatti di Roma, non si narrano altro che
rivolte, risse d'osteria e altre meschinità di questo genere, esporrò per sommi capi le cause di ciò, senza
allontanarmi in nessun modo, almeno di mia volontà, dalla verità 4 . 3. Nel tempo in cui Roma (che vivrà
sino a quando esisteranno gli uomini) si affacciò ai suoi inizi allo splendore del mondo per essere innalzata a
vertici sublimi, la Virtù e la Fortuna, che di solito si trovano in dissidio, stipularono un patto di pace eterna,
per il quale se una delle due fosse venuta meno, Roma non avrebbe raggiunto il culmine della grandezza 5 .
4. Il popolo romano, dalla culla sino alla fine della fanciullezza, periodo di tempo che può essere racchiuso
nell'ambíto di trecento anni, sostenne guerre intorno alle mura della città. Entrato quindi nell'adolescenza,
dopo molteplici pene di guerre, superò le Alpi e il mare. Giunto poi alla piena gioventù e alla maturità,
conseguì allori e trionfi in ogni regione dell'infinito orbe terrestre; ed ora, avviandosi ormai verso l'estrema
vecchiaia, sconfiggendo talvolta i nemici anche soltanto con la fama del proprio nome, si è dedicato ad un
genere di vita più tranquillo 6 . 5. Così la città veneranda, dopo aver costretto a piegarsi popoli superbi e
barbari e aver diffuso leggi che costituiscono fondamento e difesa eterna di libertà 7 , come una madre
onesta prudente e ricca affidò ai Cesari, suoi figli, il diritto di amministrare il patrimonio. 6. E benché le tribù
siano da tempo inattive e le centurie tranquille e non si svolgano più contese elettorali 8 , anzi sia ritornata la
pace del tempo di Numa Pompilio 9 , tuttavia Roma in tutte le regioni e in ogni luogo della terra è accolta
come signora e regina e ovunque la canizie e l'autorità dei senatori vengono riverite e il nome del popolo
romano suscita rispetto e ammirazione. 7. Ma questo eccezionale splendore di vita associata è oltraggiato
dalla rozza leggerezza di pochi che, non tenendo conto del luogo che ha dato loro i natali, come se ogni
licenza fosse consentita ai vizi, si sono abbandonati ad errori e dissolutezza. Come infatti insegna il poeta
lirico Simonide, chi vuole vivere perfettamente felice, deve avere, prima di ogni altra cosa, una patria illustre
10 . 8. Alcuni tra questi, ritenendo di potersi assicurare un'eterna sopravvivenza per mezzo di statue,
aspirano ardentemente a ottenerle, come se da immagini inanimate di bronzo potessero conseguire un
premio più grande che dalla coscienza di azioni rette e oneste 11, e si prendono cura di indorarle, onore che
fu concesso per primo ad Acilio Glabrione per aver vinto con la forza dell'intelligenza e delle armi il re
Antioco 12. Quanto sia bello, disprezzando questi futili e minuscoli onori, volgersi alla lunga e difficile scalata
della vera gloria, come ricorda il vate di Ascra 13 , lo dimostrò Catone il Censore. Egli, interrogato sul motivo
per cui al contrario di molti altri [...] non avesse una statua, «Preferisco - rispose - che gli uomini onesti si
chiedano perché io non l'abbia meritata, piuttosto che, cosa più grave, brontolino tra i denti perché l'ho
ottenuta» 14 . 9. Altri, fondando il loro prestigio sul possesso di carrozze più alte del normale e di vesti
sontuose, grondano di sudore sotto il peso di mantelli legati al collo proprio sotto la gola, e siccome i mantelli
si gonfiano al vento per l'eccessiva sottigliezza della trama [...] soprattutto con la mano sinistra, perché
risaltino in modo più evidente le frange lunghissime e le tuniche su cui sono ricamati in diversi colori
molteplici tipi di animali. 10. Altri, senza che nessuno lo richieda, atteggiando il volto ad una studiata gravità,
esaltano i loro patrimoni e moltiplicano i frutti annui dei campi, a loro parere, fertili, che si vantano di
possedere a levante e a ponente, ignorando senza dubbio che i loro antenati, per merito dei quali si è tanto
estesa la grandezza romana, non si segnalarono per ricchezze, ma per guerre durissime e, senza
distinguersi dai soldati semplici per beni, per tenore di vita, per l'umile foggia del vestire, superarono con il
valore tutte le difficoltà che loro si opponevano. 11. Per questo motivo il famoso Valerio Publicola fu sepolto
con i denari di una colletta pubblica 15 , la moglie e i figli di Regolo, rimasti privi di mezzi, furono mantenuti
con i sussidi degli amici del marito 16 , e ricevette la dote dall'erario la figlia di Scipione, poiché i nobili si
vergognavano vedendo quel fiore di fanciulla in età da marito appassire per la lontananza del padre privo di
mezzi 17. 12. Ora invece, se tu, rispettabile straniero, per la prima volta ti recherai a rendere omaggio ad un
cittadino ben provvisto di denaro e perciò gonfio di orgoglio, sarai accolto come un ospite molto desiderato, ti
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
107
verranno rivolte molte domande e sarai costretto ad inventare le risposte e ti meraviglierai che un uomo di
nobile casato, non avendoti mai visto in passato, dimostri tanto rispetto verso di te, uomo di modesta
condizione, tanto che, per accoglienze così straordinarie, ti rincrescerà di non aver visitato Roma dieci anni
prima 18. 13. Confidando in questa affabilità, quando il giorno dopo ti presenterai di nuovo a visitarlo, ti
troverai in imbarazzo come uno sconosciuto o come un ospite inatteso, mentre colui che ieri ti aveva invitato,
intento a contare (i suoi clienti), rimarrà a lungo in dubbio su chi tu sia e donde venga. Riconosciuto, infine, e
accolto fra i suoi amici, anche se per tre anni lo visiterai con assiduità per rendergli omaggio, se poi
mancherai per altrettanti giorni, quando ti ripresenterai, dovrai sopportare un'accoglienza analoga. Egli non ti
chiederà dove sei stato e se tu, infelice, non ti allontanerai da quel luogo, trascorrerai invano tutta la vita a
sottometterti a uno sciocco. 14. E quando si cominciano a preparare, separati da opportuni intervalli di
tempo, banchetti lunghi e nocivi o la distribuzione delle sportule usuali, ci si consulta affannosamente se,
oltre a quelli a cui si deve contraccambíare, sia opportuno invitare uno straniero. E se, dopo aver esaminata
a fondo la questione, si decide per il sì, si invita colui che trascorre le notti presso le case degli aurighi o chi
esercita la professione di giocatore di dadi, o chi afferma di conoscere arti misteriose. 15. Infatti scansano
gli uomini dotti e sobri, come sgradevoli e non utili, con l'aggiunta che anche i nomenclatores 19 , abituati a
mettere in vendita favori di questo genere, ricevuto il pagamento pattuito, introducono alle elargizioni e ai
banchetti impostori di origine ignobile ed oscura. 16. Tralascio di descrivere, per non dilungarmi, le
gozzoviglie e le diverse lusinghe dei piaceri, perché desidero passare ad altro argomento: alcuni,
scorrazzando per le vie disselciate della città senza timore di pericolo, spronano, con i cosiddetti sproni
roventi 20 , i cavalli, quasi fossero quelli della posta pubblica 21 , trascinando dietro di sé schiere di servi,
come bande di predoni, senza lasciare a casa neppure Sannione, come afferma il poeta comico 22 .
Numerose matrone li imitano e percorrono in tutti i sensi la città, con il capo coperto, sulle lettighe chiuse.
17. E come gli esperti strateghi contrappongono in prima linea al nemico le truppe compatte e coraggiose,
poi quelle armate alla leggera e quindi quelle dotate di giavellotto e da ultimo le schiere di rinforzo, che
dovranno intervenire se il caso lo richiede, così i capi degli schiavi nella famiglia cittadina, che si distinguono
dalla verga che tengono nella mano destra, dispongono i loro subalterni con sollecitudine ed attenzione,
come se fosse stata data una parola d'ordine militare; davanti al carro procede l'intera schiera dei tessitori; a
questa si aggiunge l'affumicato personale di cucina, quindi il resto degli schiavi alla rinfusa insieme ai plebei
sfaccendati del vicinato; viene per ultima la schiera degli eunuchi che, aperta dai vecchi, si chiude con i
fanciulli, lividi e sfigurati per l'alterata conformazione delle membra, cosicché ovunque uno si diriga, vedendo
quella schiera di uomini mutilati, odierà il ricordo di Semiramide 23 , quella famosa antica regina che per
prima fece evirare delicati fanciulli, come violentando e deviando dal corso prestabilito la natura, che già allo
schiudersi della vita, attraverso le fonti primitive del seme, mostra secondo una legge, per così dire,
silenziosa, le vie della continuazione della specie. 18. In questa situazione le poche case un tempo famose
per il severo esercizio degli studi, ora sono sommerse dal disonore di un'inerte indolenza ed echeggiano di
voci canore e del suono delle cetre che si espande in ogni parte. Infine si invita il musico invece del filosofo,
e il maestro di arti teatrali invece dell'oratore e, poiché le biblioteche sono state chiuse per sempre, come
monumenti sepolcrali, si costruiscono organi idraulici e lire grandi come carri e flautí ed altri enormi strutaenti
per accompagnare le rappresentazioni degli istrioni. 19. Da ultimo si è giunti a tal punto di degradazíone,
che quando, non molto tempo fa, per paura della carestia furono espulsi precipitosamente gli stranieri dalla
Città 24 , furono cacciati senza alcun ritardo i cultori delle arti liberali, che erano pochissimi, mentre furono
trattenuti alcuni accompagnatori di mime, veri o simulatori occasionali, e tremila ballerine, che non furono
neppure disturbate, con i loro cori ed altrettanti maestri di danza. 20. Ed è possibile vedere, ovunque tu
volga gli occhi, un gran numero di donne ricciute che, se si fossero sposate, alla loro età avrebbero potuto
avere almeno tre figli 25 , lustrare i pavimenti con i piedi fino al disgusto e volteggiare rapidamente mentre
eseguono numerose figure di danza create per rappresentazioni sceniche. 21. E certo che, quando un
tempo Roma era dimora di ogni virtù, molti nobili cercavano di trattenere gli stranieri di nascita libera con
numerose manifestazioni di cortesia, come i Lotofagi di Omero li trattenevano con la dolcezza dei loro frutti
26 . 22. Invece ora la stolta vanagloria di alcuni giudica degna di disprezzo qualunque cosa abbia avuto
origine fuori del pomerio cittadino 27 , eccetto gli uomini senza figli e i celibi, e non si può credere come
siano circondate da ogni tipo di ossequio a Roma le persone prive di prole 28 . 23. E dal momento che tra
loro, come è naturale che avvenga nella capitale del mondo, spadroneggiano maggiormente penose
malattie, di fronte alle quali ogni arte medica rimane impotente, si è inventato come rimedio salutare di non
visitare un amico colpito da tali malanni e si è aggiunto a poche precauzioni un altro mezzo di prevenzione
abbastanza valido, cioè che i servi inviati a prendere notizie sulle condizioni di salute di conoscenti affetti da
tale malattia, non rientrino in casa prima di aver purificato il loro corpo con un bagno. A tal punto si teme il
contagio, anche se è stato visto da occhi altrui! 24. Ma tuttavia, benché si osservino prudentemente tali
precauzioni, alcune persone, pur con le membra indebolite, quando sono invitate a nozze dove si offre
dell'oro nel cavo della mano, corrono prontamente anche fino a Spoleto. Queste sono le abitudini dei nobili.
25. Per quanto concerne la folla di condizione umile e povera, alcuni pernottano nelle osterie, altri si ritirano
sotto i tendoni che fanno ombra ai teatri, che Catulo, durante la sua edilità, per primo fece stendere imitando
la dissolutezza campana 29; o giocano con accanimento ai dadi facendo risuonare con uno sgradevole
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
108
rumore l'aria che aspirano nelle narici fragorose; oppure, cosa che costituisce la più grande delle passioni, si
consumano al sole o alla pioggia, dal sorgere del giorno al tramonto, scrutando in opni particolare i pregi e i
difetti dei cavalli e degli aurighi. 26. E veramente straordinario vedere una numerosissima folla con l'animo
ardente di entusiasmo, con il fiato sospeso, per l'esito delle gare dei carri. Queste e simili abitudini
impediscono che a Roma si operi qualcosa di serio e degno di fama. Devo dunque ritornare al mio tema.
1. Il nome completo Memmio Vitrasio Orfito, detto Onorio, è attestato da numerose iscrizioni (Roma: CIL VI
45; 1159; 11611 1162; 1739; 1740; 1741; 1742; 31395; 770; Terme di Selinunte: CIL X 7200) che
consentono la ricostruzione della carriera precedente la prefettura: questore candidato, pretore, console
suffetto (in un anno imprecisato ma anteriore al 350), pontefice della dea Vesta, governatore della Sicilia
(consttlaris) nel 340-350; come comes ordinis secundi accompagnò Costanzo II nella campagna contro
Magnenzio nel 350-352, quindi divenne membro del consistorzum con il titola di comPS ordinis primi; nel
352/353 fu governatore d'Africa (proconsul), quindi rivestì due volte la prefettura di Roma nel 353-355 come
successore di Nerazio Cereale, e nel 357-359. Durante questa seconda prefettura nel 357 egli accolse
l'Augusto Costanzo II in visita a Roma (XVI 10,4); curò l'erezione di un obelisco nel Circo Massimo (XVII 4,1)
e la costruzione di un altare ad Apollo (cfr.,CIL VI 45). Fu accusato due volte di peculato: la prima durante la
prima prefettura per ammanchi di fondi destinati all'approvvigionamento del vino; la seconda verso il
364/3G5 dal fornaio Terenzio (XXVII 3,2), e fu per questo condannato all'esilio, ma per intervento di Vulcacio
Rufino (su cui cfr. qui 10,4, nota 8) poté rientrare a Re,ma e recuperare casa e patrimonio (XXVII 7,3).
L'inchiesta, tuttavia, si trascinò anche dopo la sua morte, tanto che nel 384/385 Simmaco cercò di
scagionare la sua memoria presso Valentiniano II (cfr. Simmaco, Lettere IX 150, e X 34).
2. Cultura classica e abilità oratoria erano considerate nel IV secolo elementi indispensabili per accedere a
funzioni pubbliche di responsabilità. In Oriente le scuole dei sofisti (famose ad esempio erano quella del
pagano Libanio ad Antiochia e quella del cristiano Proeresio ad Atene) si occupavano di dare l'opportuna
educazione ai giovani di alto lignaggio, destinati alla carriera politica; ma accanto ad esse, come lamenta
Libanio (Orazioni LXII 8), a cominciare dall'impero di Costanza 11. ne fiorirono altre destinate a dare una
formazione più tecnica (come le scuole di diritto a Bervtus, di latino a Roma e di tachigrafia a
Costantinopoli), a cui il sofista rimprovera di aver aperto l'accesso alle cariche amministrative persino ai
barbari.
3. Altri tumulti per mancanza di vino avvennero nel ì56/357 durante la prefettura di Leonzio (XV 7,2-5) e
ancora dopo il 365, quando durante una rivolta popolare fu incendiata la casa di Avianio Simmaco (XXVII
3,4).
4 Inizia qui la prima digressione sulla corruzione nella città di Roma; una seconda è in XXVIII 4,G-35.
Sull'importanza che esse hanno ne] piano dell'opera cfr. Introduzione, pp. G7-7G.
5 Le due entità divine sono qui personificate; il medesimo concetto si trova in Plutarco, I a Fortuna dei
Romani; Floro, Epitome I 2; LatWnzia, Le divine istituzioni VII 15,14.
6 L'immagine delle diverse età di Roma paragonate a quelle dell'uomo è anche in Floro, L?pitome 1V 8.
7 Reminiscenza virgiliana (cfr. Fneide VT 851-853).
8. Riferimento all'emulazíone propria del sistema elettorale dell'età repubblicana che, ai tempi di Ammiano,
in cui le alte cariche dello stato erano assegnate per nomina imperiale e non per elezione, era solo un
ricordo.
9 Secondo re di Roma, noto nella tradizione come riformatore della città al tempo delle sue origini (cfr.
Cicerone, La repubblica II 14,2G), la cui opera più grande fu, secondo Livio (.Storie I 21), quella di tutelare la
pace non meno del suo trono. Fu il primo a chiudere il tempio di Giano che secondo la tradizione veniva
aperto in tempo di guerra, chiuso in tempo di pace (cfr. Livio, Storie 1 19).
10 Il carme di Simonicie di C.eo 1757/(--lG7/G a.(_..) non ci è pervenuto_ ma lo stesso Concetto è espresso
da 1'lutarco in Vita di Derno_rtmre I.
11 Ammiano si esprime in termíni simili a quelli u~ati da Sinunaco, suo contemporanco, per proclamare
disprezzo per questi [utili onori, di cui nemici n,eschiní (o avrebbero privato (cfr. Simmaco, Lettere 1X 715).
12 A. .Scilio Glabrione nel 191 a.C:, sconfisse llntioco 111 alle Termopili. Nel lbl a.C. suo figlio IDA, Acilio
Glabrione gli fece erigere una statua equestre a Roma nel tempietto della Pietà. L'episodio è riferito da Livio
(Storie XL )+,5) e ripreso da Velerio Massimo (Detti e (atti snemorabilì 11 5,1).
13 Esiodo, poeta del VII secolo a.C., originario appunto di _,scra, in Beozia, esprime questo concetto in Le
opere e ì giorni 289 ss.
14 Si tratta di M. I'orcio Catone il Censore (Z3d-lA9 a.C.); l'aneddoto è riferito da Plutarco, Vita di .L1. Catone
19: altri detti di Catone sono citati in XV 12,-}, e ".1"Vì 2.
15 Uno dei primi consoli della repubblica romana {509 a.C_); l'episodio è riferito da Livio, Storie 11 16,7.
'16 E M. Attilio Regolo, console nel 267 a.C.; Valerio Massimo (Detti e fatti memorabili IV 4,6) riferisce che
mentre Regolo era impegnato in Africa a combattere Cartagine durante la prima guerra punica, la sua
famiglia fu mantenuta a spese dell'erario.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
109
17 Gn. Cornelio Scipione, console nel ?22 a.C.; l'episodio è narrato da Valerio Massimo (Detti e fatti
memorabili IV 4,10).
18 5i pensa che qui e nei paragrafi seguenti Ammiano alluda alla esperienza personale del suo arri~o a
Roma; cfr. anche Introduziorre, p. 11.
19 Schiavi o liberti che annunziavano al padrone il nome dei clienti o degli amici che lo venivano a salutare
al mattino. Essi gli suggerivano per la strada anche il nome delle persone che era opportuno salutare.
20 Seguo la lezione ignitis (Romu: I, p. 44), invece di signatis.
21 Il servizio di posta poteva essere utilizzato esclusivamente a fini pubblici; solo l'imperatore, i prefetti de]
pretorio e i governatori di provincia ne potevano concedere i permessi (evectiones), che valevano per un
solo viaggio. La fornitura dei mez zi di trasporto era un onere (nzunus) obbligatorio che di solito durava
cinque anni. Esso pesava sui funzionari subalterni ritiratisi dal servizio o sui curiali delle città interessate, che
dovevano gestire sotto la propria responsabilità le stazioni di posta, fatte costruire dallo stato a distanze
regolari lungo le vie di comunicazione, ed equipaggiate con vetture, carri e animali da traino. La direzione ed
il controllo dello stato su questo servizio erano esercitati da praefecti vehiculorum regionali che erano
comandati dal praefectus vebiculorum residente nella città di Roma.
22 Si tratta di Terenzio (190-159 a.C.); cfr. Eurr¢tco 780.
23 Regina, moglie ciel re Nino (XXIII 6,22), che dono la morte di lui regna sull'Assiria e di cui Ammiano
ricorda anche che curò la costruzione delle mura di Babilonia (XXIII 6,23); l'invenzione della castrazione le è
attribuita anche da Claudiano (Contro F.trtropio 339).
24 Porse si tratta di un riferimento all'espulsione degli stranieri da Roma, avvenuta nel 384 durante la
prefettura urbana di Q. Aurelio Simmaco, giustificata con una carestia dovuta ad un ritardo accidentale
nell'arrivo del]e navi onerarie che por
tavano il grano alla città (cír. Simmaco, Lettere II 7,2-3; Ambrogio, I doveri degli ecclesiastici III 49-50). Sulla
presunta espulsione di Ammiano dalla città in questa circostanza cfr. Introduzione, p. 11 nota 31.
25 Probabile allusione al jus liGerorum (cioè alla libertà dalla tutela e al diritto di successione nell'eredità dei
figli), di cui godevano le donne libere con tre figli e le líberte con quattro.
26 Leggendario popolo di mangiatori di loto nel cui paese sbarcò Ulisse spinto dal vento del Nord (cfr.
Odissea IX 84-97).
27 II pomerio era la linea, segnata da cippi, indicante la demarcazione sacrale della città, cioè l'area degli
auspici urbani. All'interno del pomerio non era consentito seppellire i morti, né l'ingresso di truppe armate.
28 I cacciatori di eredità esistevano a Roma già ai tempi di Orazio (cfr. Satire il 5 s.); questo tema è ripreso e
spiegato con maggior chiarezza in XXVIII 4,22.
29 Q. Lutazio Catulo Capitolino, console nel 78 a.C., fu il primo - in occasione della consacrazione del
tempio di Giove Capitolino, ricostruito nel 69 a-C., dopo un incendio - a introdurre l'uso di stendere tele di
lino sul teatro per proteggere gli spettatori dal sole (cfr. Valerio Massimo, Detti e fatti memorabìll II 4,61
Plinio, Storia Naturale XIX G,23).
Trad. e note M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989.
Amm.Marc., 14, 6, 1-26. Decadenza del senato e del popolo di Roma.
1. Nel frattempo Orfito reggeva la città eterna con il grado di prefetto e si comportava con un'arroganza che
superava assai i limiti della carica conferitagli. Certo era un uomo saggio e profodamente esperto negli affari
del foro, ma nello splendore degli studi liberali era meno istruito di quanto convenisse a un nobile. Durante la
sua amministrazione scoppiarono gravi disordini per la scarsità del vino, il cui abuso trascina spesso il
popolo a moti violenti.
2. Poiché ritengo che alcuni stranieri che forse leggeranno queste righe (se avrò tanta fortuna), potrebbero
chiedersi con stupore per quale motivo, allorchè si passa a trattare degli avvenimenti di Roma, non si parla
che di sedizioni, osterie ed altre volgarità simili, ne accennerò brevemente le cause senza allontanarmi mai
di mia iniziativa dalla verità.
3. Nel tempo in cui Roma, che vivrà finchè ci saranno gli uomini, cominciò ad elevarsi allo splendore
universale, perché s'ingrandisse con gloria sublime, la Virtù e la Fortuna, che spesso sono in contrasto tra
loro, si unirono in un patto di pace eterna. Infatti se una di esse fosse mancata, Roma non avrebbe
conquistato la completa supermazia.
4. Il suo popolo dalla culla, per così dire, sino agli ultimi ani della sua puerizia, periodo di tempo che
abbraccia circa trecento anni, sostenne guerre attorno alle sue mura; poi, entrato nell'adolescenza, dopo i
travagli di numerose guerre, passò le Alpi ed il mare. Raggiunta la giovinezza e l'età virile, riportò allori e
trionfi da tutte le regioni che il mondo abbraccia nella sua immensità; e volgendo ormai alla vecchiaia e
vincendo talvolta con il solo nome, è passato ad una vita più tranquilla.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
110
5. In tal modo questa città degna di venerazione, dopo aver umiliato le superbe cervici di stirpi feroci ed aver
promulgato le leggi, che rappresentano i limiti eterni della libertà, come una madre onesta, saggia e ricca,
lasciò ai Cesari, come ai propri figli, il compito di amministrare il suo patrimonio.
6. E sebbene da tempo le tribù siano tranquille e le centurie in pace e non vi siano più lotte elettorali, ma sia
ritornata la quiete dell'epoca di Numa Pompilio, tuttavia per tutte le regioni e parti della terra essa è accolta
come signora e regina e dappertutto è oggetto di venerazione la canizie autorevole dei senatori ed il nome
del popolo romano è rispettato ed onorato.
7. Ma questo splendore magnifico delle assemblee è offeso dalla leggerezza di pochi, i quali non
considerano in quale città sono nati, ma, come se fosse lecito abbandonarsi ai vizi, si lasciano andare ad
errori e a dissolutezze. Infatti, come insegna il poeta lirico Simonide, chi voglia vivere felice ed in modo
perfetto, deve in primo luogo avere una patria gloriosa.
8. Alcuni di questi, ritenendo di poter conseguire l'immortalità per mezzo di statue, le desiderano
ardentemente come se potessero ottenere un premio maggiore da insensibili immagini bronzee che dalla
coscienza delle proprie azioni rette ed oneste. Per di più si danno da fare per coprirle d'oro, il che fu
concesso per la prima volta ad Acilio Glabrione per aver vinto grazie alla sua abilità e con le armi il re
Antioco. D'altra parte Catone il censore ci dimostrò quanto sia bello disprezzare queste cose piccole e di
minima importanza ed affrontare i lunghi ed ardui sentieri della vera gloria, come afferma il vate ascreo.
Catone, infatti, richiesto per qual motivo proprio lui, fra tanti, non avesse una statua: "Preferisco - rispose che i cittadini onesti discutano perché io non l'abbia meritata, anziché, cosa questa che sarebbe ben più
grave, mormorino sulla ragione per cui l'ho ottenuta":
9. Altri fanno consistere il sommo onore in cocchi più alti del solito e nello sfarzo degli abiti e sudano sotto il
peso dei mantelli che essi assicurano al collo e legano addirittura attorno alla gola, poiché il vento, a causa
della sottigliezza dei tessuti, vi passa attraverso. Cercano di tenerli sollevati con tutte e due le mani e li fanno
ondeggiare agitandoli spesso specie con la mano sinistra, di modo che colpiscano particolarmente l'occhio le
lunghe frange e le tuniche su cui con fili multicolori sono ricamate immagini di multiformi animali.
10. Altri poi, senza che nessuno li richieda, con volto atteggiato a severità, esaltano oltre ogni limite i loro
patrimoni esagerando i frutti dei campi ben coltivati (com'essi pensano), che dall'alba al tramonto si vantano
di possedere in gran numero, ignorando che i loro antenati, per i cui meriti è così estesa la potenza romana,
non si segnalarono per ricchezze, ma in guerre sanguinosissime e, senza distinguersi dai semplici soldati
per patrimonio, per tenor di vita e per l'umiltà degli abiti, ebbero ragione con il valore di tutto ciò che si
opponeva loro.
11. Per tale motivo il celebre Valerio Publicola fu sepolto con il denaro raccolto con pubblica questua e la
vedova di Regolo assieme ai figli, dato che si trovava in misere condizioni, venne mantenuta grazie ai
contributi degli amici del marito. Infine la figlia di Scipione ricevette la dote dall'erario dello stato, poiché la
nobiltà si vergognava alla vista del fiore di una fanciulla, già in età da marito, che ormai appassiva a causa
dell'assenza del padre povero.
12. Ma ora se per la prima volta tu, forestiero di nobile condizione, entrerai per salutarlo nella casa di un
cittadino ben fornito di denaro e perciò gonfio di superbia, sarai accolto come persona che s'aspetti e, dopo
essere stato a lungo interrogato e costretto a mentire, ti stupirai, dato che è la prima volta che ti vedono, che
un uomo così importante rivolga premurosamente la sua attenzione su di te che sei modesto, tanto che ti
pentirai, acausa di una gentilezza apparentemente così squisita, di non essere giunto a Roma dieci anni
prima.
13. Se poi, fidandoti di questa cortesia, ripeterai la visita il giorno seguente, te ne starai lì come uno
sconosciuto o un intruso, mentre il padrone che ieri t'ha invitato a ritornare, intento a contare i suoi clienti,
chiederà a lungo chi tu sia e donde venga. Riconosciuto infine ed annoverato tra gli amici, sebbene lo
saluterai assiduamente per tre anni, senza mai mancare, se, dopo essere stato assente per altrettanti giorni,
ritornerai, dovrai sopportare eguali umiliazioni senza che ti chieda dove tu sia stato, per cui, se miseramente
non te n'andrai di lì, consumerai invano tutta la tua vita a corteggiare un cretino.
14. Dacchè poi hanno cominciato ad organizzare, divisi da sufficienti intervalli di tempo, banchetti lunghi e
dannosi alla salute oppure la distribuzione delle sportule tradizionali, discutono con viva sollecitudine se,
oltre a quelli a cui si è tenuti a contraccambiare convenga invitare anche uno straniero. Se dopo aver
ponderato attentamente la decisione, si stabilisce di farlo, viene invitato colui che passa le notti davanti alle
case degli aurighi del circo, o esercita la professione del giocatore di dadi, o dà ad intendere di conoscere
alcuni segreti particolari.
15. Evitano infatti le persone colte e sobrie come se fossero inutili e portassero iettatura. Si aggiunga il fatto
che i nomenclatori, i quali sono soliti trafficare con favori di questo genere, dietro un compenso fanno
partecipare ai donativi ed ai banchetti intrusi di nascita ignobile.
16. Per non trattenermi più alungo su quest'argomento, non starò a trattare delle ghiottonerie e delle varie
attrattive dei piaceri, poiché intendo passare a parlare di alcuni che scorazzano velocemente, senza temere
alcun pericolo, attraverso le ampie vie della città e sul selciato messo sossopra guidano i cavalli come se
fossero quelli del servizio postale dagli zoccoli di fuoco, come si suol dire, e si trascinano dietro schiere di
schiavi simili a bande di predatori, dato che non hanno lasciato a casa, per usare l'espressione del poeta
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
111
comico, neppure Sannione. Costoro sono imitati da molte matrone che con il capo coperto ed in lettighe
chiuse corrono qua e là per tutti quartieri della città.
17. E come gli esperti comandanti di eserciti oppongono in combattimento agli avversari in prima linea
schiere dense e forti, successivamente soldati armati alla leggera, quindi i frombolieri ed infine truppe
ausiliarie destinate a portare aiuto se il caso lo esigerà, così, mentre i capi dei servizi urbani, adorni di una
verga che portano con la destra, prendono le loro disposizioni con cura e diligenza, come se fosse stata data
la parola d'ordine, tutta la moltitudine dei tessitori incede presso la fronte del cocchio; a questa si aggiunge la
schiera dei cuochi neri di fuliggine, a cui tengono dietro tutta la servitù con i plebei oziosi del vicinato ed
infine la moltitudine degli eunuchi a cominciare dai vecchi sino ai fanciulli. Questi sono squallidi e mostruosi
per la forma contorta delle loro membra, di modo che dovunque uno s'avanzi, alla vista di quella schiera di
mutilati detesterà la memoria di Semiramide, la famosa regina dell'antichità che fu la prima ad evirare teneri
fanciulli, facendo quasi violenza ed allontanando dal suo corso consueto la natura, la quale proprio dall'inizio
della vita per mezzo delle sorgenti primigenie del seme ci mostra con una legge, in certo qual modo tacita, le
vie della procreazione.
18. In seguito a questo stato di cose, le poche case che nel passato s'erano rese illustri per il culto severo
degli studi, ora sono in preda ad una torpida ignavia che è degna di scherno, e risuonano di canti e del
tintinnio, lieve come un soffio, delle cetre. Insomma invece del filosofo si invita il cantante ed al posto
dell'oratore il maestro di ballo. Siccome le biblioteche sono chiuse per sempre come se fossero tombe, si
fabbricano organi idraulici, lire simili, per la loro grandezza, a carri, flauti e strumenti non leggeri destinati ad
accompagnare il gesticolare degli istrioni.
19. Infine si è giunti a tal punto di bassezza che, quando furono cacciati a precipizio, or non è molto, dalla
città gli stranieri per paura d'una carestia, furono espulsi senza alcun indugio i seguaci delle discipline
liberali, in verità assai pochi, mentre furono trattenuti gli accompagnatori delle mime, sia quelli autentici che
quanti si finsero tali per il momento, come pure vi rimasero tremila ballerine, che non ebbero a subire alcun
fastidio, con i cori ed altrettanti maestri di quell'arte.
20. Dovunque tu volga lo sguardo, ti si presenteranno moltissime donne con le chiome inanellate, che se si
fossero sposate, avrebbero potuto partorire per la loro età già tre figli. Queste spazzano con i loro piedi fino
alla noia i pavimenti, si agitano in veloci giri di danza rappresentando innumerevoli immagini inventate in
libretti teatrali.
21. E' però fuori dubbio che, essendo Roma un tempo la sede di tutte le virtù, la maggior parte dei nobili
riusciva a trattenere con varie manifestazioni di cortesia i forestieri di nascita libera, come i Lotofagi di Omero
con la dolcezza dei frutti.
22. Ora invece la vana superbia di alcuni ritiene spregevole tutto ciò che nasce al di là del pomerio dell'Urbe,
fatta eccezione di quanti sono privi di figli e dei celibi. A questo proposito è difficile immaginare come a
Roma siano circondati da ogni genere di cortesia gli uomini senza prole.
23. Poiché tra di loro, com'è naturale che avvenga nella capitale dell'universo, infuriano con particolare
violenza quelle malattie di fronte alle quali l'abilità dei medici è impotente, si è escogitato, per motivi di
profilassi, di vietare le visite ad un amico affetto da tali morbi e s'è aggiunto da parte delle poche persone
guardinghe un altro rimedio abbastanza sicuro, che cioè gli schiavi, mandati a chiedere informazioni sulle
condizioni di conoscenti colpiti da una siffatta malattia, non siano accolti in casa prima di essersi disinfettati
con un bagno. Così si teme il contagio anche se visto da occhi altrui.
24. Ma tuttavia, per quanto queste misure si osservino così scrupolosamente, alcuni, sebbene fisicamente
deboli, se sono invitati a nozze in occasione delle quali si offre dell'oro nel cavo della mano destra, si
dirigono lesti anche sino a Spoleto. Queste sono le abitudini dei nobili.
25. Passando alla folla degli infimi e dei poveri, alcuni trascorrono le notti nelle osterie, altri si nascondono
sotto i tendoni dei teatri, che Catulo per primo, imitando la mollezza dei Campani, fece stendere durante la
sua edilità. Oppure con accanimento giocano ai dadi e provocano turpi rumori ritirando l'aria nelle strepitanti
narici. Infine, e questa è la loro più elevata attività, dal sorgere dell'alba sino a sera, sia che ci sia sole o che
piova, se ne stanno a bocca aperta osservando con la massima attenzione i pregi e i difetti degli aurighi e
dei cavalli.
26. Ed è veramente assai strano veder una folla senza numero, in preda ad una forma di smania, seguire
attenta e trattenendo il respiro lo svolgimento delle gare con i cocchi. Fatti del genere non permettono che a
Roma si faccia nulla che sia serio e degno di ricordo. Perciò dobbiamo ritornare all'argomento propostoci.
Note ai paragrafi
2. Ammiano, che scriveva a Roma, si considera in questo passo Romano; cfr. però XIV, 6,12 e
particolarmente la chiusa dell'opera in cui dichiara di aver scritto come un Greco.
4. ab incunabolis. Questa stessa immagine delle età di uno stato paragonato ad un essere vivente si trova in
Floro nella praefatio della sua opera (I, 1,4-8).
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
112
6. securitas temporis. Questa stessa idea si trova nel Dialogus de oratoribus attribuito a Tacito, cap. XLI.
7. lyricus docet. Questo passo non si trova nei frammenti che di questo autore ci sono giunti. Pluraco,
Demost., 1, l'attribuisce a Euripide "o a chiunque sia".
8. delatum est primo. Livio, XL, 34, 5.
8. convenit gloriosam. Alle Termopili nel 191 a.C..
8. vates Ascraeus. Esiodo, Opere 289 segg.
11. Publicola. Nell'anno 503 a.C.; cfr. Livio, II,16,7. Valerio Poblicola aveva abbattuto la monarchia assieme
a Bruto.
11. erubesceret patris. Cneo Cornelio Scipione, comandante delle truppe romane in Spagna durante la
seconda guerra punica, aveva scritto al Senato chiedendo di poter rimpatriare per provvedere alla dote della
figlia; cfr. Valerio Massimo, IV, 4,10.
12. advena. L'Ensslin, op.cit., pp. 7 e 41, ritiene che nell'honestus advena (forestiero di nobile condizione)
debba vedersi Ammiano. A suo giudizio alcuni circoli della nobiltà romana non resero facile ad Ammiano la
vita a parità di diritti negli ambienti elevati di Roma e cita come prova della sua ipotesi XIV,6,19; XXVIII,4,10;
XXIX,2,16.
13. sportularum. Sono i regali che le famiglie facoltose facevano in determinate occasioni, non il cestino che
si dava ai clienti, poiché questo uso cessò nel II secolo d.C..
16. domi relicto. Terenzio, Eun., 780: solus Sannio servat domi.
19. remanerent magistris. L'episodio avvenne nel 383 sotto la prefettura di Anicio Auchenio Basso ecc. …
…
24. Spoletium pergunt. Plinio, ep., X, 117 ci informa che era abitudine, in occasione di nozze, assunzione
della toga virile, dedica di un edificio, offrire due denari o uno solo a ciascun invitato. In questo passo si tratta
della sportula nuptialis. Si menziona Spoleto perché questa città godette di particolare benessere durante
l'epoca imperiale ed era celebre per il suo vino.
25. Catulus in aedilitate. Q. Lutazio Catulo, figlio del vincitore dei Cimbri, fu console nel 78 a.C.. Questa
notizia si trova anche in Valerio Massimo, II,4,6.
Traduzione e note di A. Selem, Torino, Utet, 1965 (al Canova)
Amm., 28, 4. I mali del senato e del popolo romano. [Testo latino Intratext]
1. Diu multumque a negotiis discussus urbanis, adigente cumulo foris gestorum, ad ea strictim exequenda
regrediar, exorsus ab Olybrii praefectura tranquilla nimis et leni, qui numquam ab humanitatis statu deiectus,
sollicitus erat et anxius, nequid usquam factum eius asperum inveniretur aut dictum, calumniarum acerrimus
insectator, fisci lucra, unde poterat, circumcidens, iustorum iniustorumque distinctor et arbiter plenus, in
subiectos admodum temperatus.
2. Sed obnubilabat haec omnia vitium parum quidem nocens [rei communi], sed in alto iudice maculosum,
quod citeriorem vitam paene omnem vergentem in luxum per argumenta scaenica amoresque peregerat nec
vetitos nec incestos.
3. Post hunc urbem rexit Ampelius, cupidus ipse quoque voluptatum, Antiochiae genitus, ex magistro
officiorum ad proconsulatum geminum, indeque multo postea ad praefecturae culmen evectus, alias ad
populi favorem adipiscendum aptissimus, non numquam tamen rigidus atque utinam in proposito
perseverans. correxisset enim ex parte licet exigua inritamenta gulae et ganeas taetras, ni flexus in molliora
amisisset gloriam diu victuram.
4. namque statuerat, ne taberna vinaria ante horam quartam aperiretur, neve aquam vulgarium calefaceret
quisquam, vel usque ad praestitutum diei spatium lixae coctam proponerent carnem, vel honestus quidam
mandens videretur in publico.
5. quae probra aliaque his maiora dissimulatione iugi neglecta ita effrenatius exarserunt, ut nec Epimenides
ille Cretensis, si fabularum ritu ab inferis excitatus redisset ad nostra, solus purgare sufficeret Romam: tanta
plerosque labes insanabilium flagitiorum oppressit.
6. Et primo nobilitatis, ut aliquotiens pro locorum copia fecimus, dein plebis digeremus errata, incidentia
veloci constringentes excessu.
7. praenominum claritudine conspicui quidam, ut putant, in inmensum semet extollunt, cum Reburri et
Elabunii et Pagonii Gereonesque appellentur ac Dalii cum Tarraciis et Perrasiis, aliisque ita decens
sonantibus originum insignibus multis.
8. non nullos fulgentes sericis indumentis, ut ducendos ad mortem, vel ut sine diritate ominis loquamur,
praegresso exercitu arma cogentes, manipulatim concitato fragore sequitur multitudo servorum.
9. tales ubi comitantibus singulos quinquaginta ministris tholos introierint balnearum, "ubi sunt nostri?"
minaciter clamant: si apparuisse subito ignotam conpererint meretricem, aut oppidanae quondam
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
113
prostibulum plebis, vel meritorii corporis veterem lupam, certatim concurrunt, palpantesque advenam
deformitate magna blanditiarum ita extollunt, ut Samiramim Parthi vel Cleopatras Aegyptus aut Artemisiam
Cares vel Zenobiam Palmyreni. et haec admittunt hi, quorum apud maiores censoria nota senator adflictus
est, ausus, dum adhuc non deceret praesente communi filia, coniugem osculari.
10. Ex his quidam cum salutari pectoribus oppositis coeperunt, osculanda capita in modum taurorum
minacium obliquantes, adulatoribus offerunt genua suavianda vel manus, id illis sufficere ad beate vivendum
existimantes, et abundare omni cultu humanitatis peregrinum [putantes], cuius forte etiam gratia sunt
obligati, interrogatum, quibus thermis utatur aut aquis, aut ad quam successerit domum.
11. Et cum ita graves sint et cultores virtutum, ut putant, si venturos undelibet equos aut aurigas quendam
didicerint nuntiasse, ita velociter imminent, vident et percunctantur, ut Tyndaridas fratres eorum suspexere
maiores, cum priscis illis victoriis indicatis gaudio cuncta complessent.
12. Horum domus otiosi quidam garruli frequentant, variis adsentandi figmentis ad singula ulterioris fortunae
verba plaudentes, parasitorum in comoediis adsentationes facetas adfectando. ut enim illi sufflant milites
gloriosos, obsidiones urbium et pugnas et milia hostium isdem ut heroicis aemulis adsignantes, ita hi quoque
columnarum constructiones alta fronte suspensas mirando, atque parietes lapidum circumspectis coloribus
nitidos, ultra mortalitatem nobiles viros extollunt.
13. poscuntur etiam in conviviis aliquotiens trutinae, ut adpositi pisces et volucres ponderentur et glires,
quorum magnitudo saepius praedicata non sine taedio praesentium, ut antehac inusitata laudatur adsidue,
maxime cum haec eadem numerantes notarii triginta prope adsistant cum thecis et pugillaribus tabulis, ut
deesse solus magister ludi litterarii videretur.
14. Quidam detestantes ut venena doctrinas, Iuvenalem et Marium Maximum curatiore studio legunt, nulla
volumina praeter haec in profundo otio contrectantes, quam ob causam non iudicioli est nostri.
15. cum multa et varia pro amplitudine gloriarum et generum lectitare deberent, audientes destinatum
poenae Socratem, coniectumque in carcerem, rogasse quendam scite lyrici carmen Stesichori modulantem,
ut doceretur id agere, dum liceret : interroganteque musico quid ei poterit hoc prodesse morituro postridie,
respondisse 'ut aliquid sciens amplius e vita discedam".
16. Ita autem pauci sunt inter eos severi vindices delictorum ut, si aquam calidam tardius attulerit servus,
trecentis adfligi verberibus iubeatur : si hominem sponte occiderit propria, instantibus plurimis ut damnetur
reus, dominus hactenus exclamet "quid faciat maniosus et nequam? et siquis aliud eius modi deinceps
ausus fuerit, corrigetur".
17. Civilitatis autem hoc apud eos est nunc summum, quod expedit peregrino fratrem interficere cuiuslibet,
quam cum rogatur ad convivium excusare: defectum enim patrimonii se oppido perpeti senator existimat, si
is defuerit, quem aliquotiens libratis sententiis invitaverit semel.
18. Pars eorum, si agros visuri processerunt longius, aut alienis laboribus venaturi, Alexandri Magni itinera
se putant aequiperasse vel Caesaris: aut si a lacu Averni lembis invecti sunt pictis Puteolos, velleris
certamen, maxime cum id vaporato audeant tempore. ubi si inter aurata flabella laciniis sericis insederint
muscae, vel per foramen umbracul pensilis radiolus inruperit solis, queruntur quod non sunt apuc Cimmerios
nati.
19. dein cum a Silvani lavacro vel Mamaeae aquis ventitant sospitalibus, ut quisquam eorum egressus
tenuissimis se terserit linteis, solutis pressoriis vestes luce nitentes ambigua diligenter explorat, quae una
portantur sufficientes ad induendos homines undecim: tandemque electis aliquot involutus, receptis anulis,
quos, ne violentur humoribus, famulo tradiderat, digitis ut metatis abit.
20. Enim vero siquis e militia principis recens digressus abierit in larem, aut provectibus, tali praesente ....
praesul existimatur: ceteri taciturni audiunt dicta ...... solus pater familias tectus narrans aliena et placentia
referens et utile pleraque fallendo.
21. Quidam ex his licet rari aleatorum vocabulum declinantes ideoque se cupientes appellari tesserarios:
inter quos tantum differt, quantum inter fures et latrones. hoc tamen fatendum est quod, cum omnes
amicitiae Romae tepescant, aleariae solae, quasi gloriosis quaesitae sudoribus, sociales sunt et adfectu
nimio firmitate plena conexae : unde quidam ex his gregibus inveniuntur ita concordes ut Quintilios esse
existimes fratres. ideoque videre licet ignobilem artis tesserariae callentem arcana, ut Catonem Porcium ob
repulsam praeturae nec suspectam antea nec speratam, incedere gravitate conposita maestiorem, quod ei
in maiore convivio vel consessu proconsularis quidam est antelatus.
22. Subsident aliqui copiosos homines senes aut iuvenes, orbos vel caelibes, aut etiam uxores habentes et
liberos - nec enim hoc titulo discrimen aliquod observatur - ad voluntates condendas allicientes eos
praestigiis miris: qui cum supremis iudiciis ordinatis, quae habebant, reliquerint his, quibus morem gerendo
testati sunt, ilico pereunt, ut id impleri sorte fatorum opperiente [nec] putes, nec facili potest aegritudo
testamen ....comitatu est his quisquam.
23. Alius cum dignitate licet mediocri, cervice tumida gradiens notos antea obliquato contuetur aspectu, ut
post captas Syracusas existimes reverti M. Marcellum.
24. Multi apud eos negantes esse superas potestates in caelo, nec in publicum prodeunt nec prandent nec
lavari arbitrantur se cautius posse, antequam ephemeride scrupulose sciscitata didicerint, ubi sit verbi gratia
signum Mercurii vel quotam cancri sideris partem polum discurrens obtineat luna.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
114
25. Alius si creditorem suum flagitare molestius adverterit debitum, ad aurigam confugit audentem omnia
praelicenter, eumque ut veneficum curat urgeri: unde non nisi reddita cautione dispendioque adflictus gravi
discedit. et additur huic, debitorem voluntarium includit ut proprium, nec ante eius professionem absolvit.
26. Parte alia uxor, ut proverbium loquitur vetus, eandem incudem diu noctuque tundendo maritum testari
conpellit, hocque idem ut faciat uxor urget maritus instanter: et periti iuris altrinsecus adsciscuntur, unus in
cubiculo, alter eius aemulus in triclinio, repugnantia tractaturi: isdemque subseruntur genitalium extorum
interpretes controversi, hinc praefecturas profusius largientes et sepulturas divitum matro narum; inde ad
exequias virorum iam iam adventantes necessaria parari oportere iubentes: et testatura ancillas suapte
natura pallidi aspirati pridie consumpta defuncta ...... um Romaque, ut Tullius ait: "nec in rebus humanis
quicquam bonum norunt nisi quod fructuosum sit: amicos tamquam pecudes eos potissimum diligunt, ex
quibus se sperant maximum fructum esse capturos".
27. Cumque mutuum illi quid petunt, soccos et Miconas videbis et Lachetas: cum adiguntur ut reddant, ita
cothurnatos et turgidos ut Heraclidas illos Cresphontem et Temenum putes. hactenus de senatu.
28. Nunc ad otiosam plebem veniamus et desidem. in qua nitent ut nominibus cultis et quidam calceorum
expertes, Cimessores Statarii Semicupae et Serapini et Cicimbricus cum Gluturino et Trulla, et Lucanicus
cum Pordaca et Salsula similesque innumeri.
29. hi omne, quod vivunt, vino et tesseris inpendunt et lustris et voluptatibus et spectaculis: eisque templum
et habitaculum et contio et cupitorum spes omnis Circus est maximus: et videre licet per fora et compita et
plateas et conventicula circulos multos collectos in se controversis iurgiis ferri, aliis aliud, ut fit,
defendentibus.
30. inter quos hi qui ad satietatem vixerunt, potiores auctoritate longaeva, per canos et rugas clamitant
saepe, rem publicam stare non posse, si futura concertatione, quem quisque vindicat, carceribus non
exiluerit princeps, et funalibus equis parum cohaerenter circumflexerit metam.
31. et ubi neglegentiae tanta est caries, exoptato die equestrium ludorum inlucescente, nondum solis puro
iubare, effusius omnes festinant praecipites ut velocitate currus ipsos anteeant certaturos: super quorum
eventu discissi votorum studiis anxii plurimi agunt pervigiles noctes.
32. Unde si ad theatralem ventum fuerit vilitatem, artifices scaenarii per sibilos exploduntur, siquis sibi aere
humiliorem non conciliaverit plebem. qui si defuerit strepitus, ad imitationem Tauricae gentis peregrinos
vociferantur pelli debere - quorum subsidiis semper nisi sunt ac steterunt - et taetris vocibus et absurdis;
quae longe abhorrent a studiis et voluntate veteris illius plebis, cuius multa facete dicta memoria loquitur et
venusta.
33. Id enim nunc repertum est pro sonitu laudum inpensiore per applicatos homines ad plodendum, ut in
omni spectaculo, exodiario, venatori, aurigae et histrionum generi omni et iudicibus celsis itidemque
minoribus, nec non etiam matronis clametur adsidue "per te ille discat" quid autem debeat disci nemo sufficit
explanare.
34. In his plerique distentioribus saginis addicti, praeeunte nidoris indagine acutisque vocibus feminarum, a
galliciniis ipsis in modum pavonum ieiunitate clangentium humum summis pedum unguibus contingentes
aulis adsistunt, digitos praerodentes dum patinae defervescunt: alii nauseam horridae carnis, dum
excoquitur, intentius despectantes, ut discissarum pecudum exta rimari cum anatomicis Democritum putes,
docentem quibus modis posteritas mederi doloribus possit internis.
35. Sit satis interim haec digessisse super rebus urbanis. nunc redeamus ad cetera, quae per provincias
agitavere multiplices casus.
1. Dopo essermi a lungo astenuto dal riferire fatti dell’Urbe, costretto dal gran numero degli avvenimenti
esterni 1 , ritornerò a narrarli concisamente cominciando dalla prefettura di Olibrio, molto tranquilla e
moderata 2 . Costui, senza mai allontanarsi da un comportamento umano, era preoccupato e ansioso che
non si trovasse in lui alcuna azione o parola cattiva, era accanito persecutore di calunnie, limitava dove
poteva i profitti del fisco, discerneva scrupolosamente il giusto dall’ingiusto ed era un giudice integro, molto
moderato nei riguardi dei sudditi.
2. Ma offuscava tutte queste virtù un vizio che poco nuoce alla vita pubblica, ma è una macchia per un alto
funzionario: aveva passato quasi tutta la sua vita privata nei piaceri, tra spettacoli teatrali e amori, tuttavia
mai proibiti né incestuosi. 3. Dopo costui governò l'Urbe Ampelio, anch'egli avido di piaceri. Era nato ad
Antiochia ed era passato dalla carica di magister officiorum a quella del proconsolato per due volte; molto
più tardi fu eletto al vertice della prefettura 3 . Esemplare per altri aspetti e adattissimo a conseguire il favore
del popolo, fu tuttavia inflessibile in qualche occasione: almeno fosse stato costante nei propositi! Infatti
avrebbe rimediato sia pur in piccola parte agli eccessi della gola e a vergognosi bagordi se, voltosi a costumi
più rilasanti non avesse perduto una gloria che poteva durare a lungo. 4. Infatti aveva ordinato che nessuna
osteria aprisse prima dell' ora quarta, che nessuno del popolo scaldasse l'acqua, che i negozianti non
vendessero carne cotta fino ad una determinata ora e che nessuna persona rispettabile si mostrasse a
mangiare in pubblico 4 . 5. Questi vergognosi comportamenti e altri più gravi questi, trascurati per continua
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
115
negligenza, si svilupparono in modo così sfrenato, che neppure il famoso Epimenide di Creta se fosse
ritornato in questo nostro mondo, richiamato dagli Inferi come avviene nelle favole 5 , avrebbe potuto da solo
ripulire Roma: un così grande contagio di turpitudini insanabili soggiogò la maggior parte dei cittadini. 6. E in
primo luogo riferiremo i difetti dei nobili, come già abbiamo fatto alcune volte quando l'argomento lo
comportava 6, quindi quelli della plebe, limitando l'esposizione dei fatti a un rapido esame. 7. Alcuni individui,
ragguardevoli (così almeno essi ritengono) per la gloria del nome - , si esaltano eccessivamente perché si
chiamano Reburri, Flavonii, Pagonii, Gereoni, Dalii, Tarracii, Ferasii e con altri nomi, ugualmente altisonanti,
che attestano la nobiltà dell'origine. 8. Alcuni, risplendenti negli abiti di seta, sono accompagnati da un
nugolo di servi, che avanzano a gruppi con violento strepito, come se dovessero essere condotti a morte o,
per dirla senza malaugurio, come se chiudessero la retroguardia al seguito di un esercito. 9. Tali individui,
quando entrano sotto le volte delle ferme, ciascuno seguito da cinquanta servi, gridano minacciosamente: «
Dove, dove sono i nostri? »; e se apprendono che è comparsa all'improvviso una meretrice sconosciuta o
una ex prostituta della plebe cittadina, o una vecchia lupa 8 che si è guadagnata da vivere vendendosi,
accorrono a gara, e accarezzando la nuova venuta, con grandi e vergognose lusinghe la esaltano come i
Parti Semiramide, gli Egiziani le Cleopatre, i Carii Artemisia, o i cittadini di Palmira Zenobia 9 . E tengono
questi comportamenti coloro presso i cui antenati un senatore fu colpito da nota censoria perché osò,
quando era ancora sconveniente, baciare la moglie davanti alla figlia comune 10 . 10. Alcuni di questi,
quando si comincia a salutarli di fronte, come tori minacciosi piegano una parte il capo su cui dovrebbe
essere dato il bacio, e offra da baciare agli adulatori le ginocchia o le mani, ritenendo ciò a loro basti per
vivere felici, e pensando che uno straniu verso cui forse hanno anche obblighi di riconoscenza, riceva il
trattamento più gentile e raffinato se gli si chiede quali terme o acque frequenti o in quale casa si è stabilito.
11. E mentre sono così autorevoli e così appassionati cultori di virtù, come pensano, se apprendono che
qualcuno ha annunciato il prossimo arrivo da qualsiasi parte di cavalli o di aurighi, gli si mettono alle costole
e lo interrogano 11 , con la stessa premura con cui gli antenati ammirarono i fratelli Tindaridi, quando
riempirono ogni luogo di gioia con l'annunzio di quelle famose antiche vittorie 12 . 12. Frequentano le case di
costoro alcuni sfaccendati pettegoli, che con infingimenti e adulazioni di ogni genere plaudono ad ogni
parola di chi abbia un più alto rango, imitando le spiritosaggini dei parassiti. Infatti, come quelli gonfiano di
vanagloria i soldati boriosi, attribuendo loro, come a emuli di assedi e battaglie contro migliaia di nemici 13 ,
così anche questi esaltano come immortali i nobili, guardando con ammirazione la disposizione armonica
delle colonne poste in alto sull'elevata facciata e le pareti splendenti dei meravigliosi colori dei mosai. 13.
Talvolta durante i banchetti vengono richieste anche bilance per pesarvi pesci, uccelli e ghiri imbanditi, e ne
lodano continuamente il peso ripetendolo più volte non senza noia dei presenti come se fino ad allora non ne
avessero conosciuto un altro , eccezionale, soprattutto quando sono in funzione trenta notarii, per tenere il
conto con astucci e tavolette da scrivere, tanto che pare manchi soltanto il maestro di scuola. 14. Alcuni che
detestano la cultura come veleno, leggono con particolare interesse Giovenale 14 e Mario Massimo 15 , non
sfogliando nella loro assoluta inoperosità alcun libro eccetto questi; quale ne sia il motivo, non è dato
comprendere al nostro debole giudizio. 15. Dovrebbero invece leggere assiduamente numerose e varie
opere, secondo la grandezza della loro gloria e della loro stirpe, apprendendo che Socrate, condannato a
morte e gettato in carcere, chiese a uno, che cantava con abilità e finezza un carme del poeta lirico
Stesicoro 16, di insegnargli quest'arte finché era possibile: poiché il musico gli chiese a che cosa poteva
servire ciò a lui che sarebbe morto il giorno successivo, rispose: «Ad abbandonare questa vita sapendo
qualcosa di più » 17 . 16. Tra loro sono così pochi coloro che puniscono le colpe con rigore, che se uno
schiavo porta in ritardo l'acqua calda ordinano che gli siano inflitte trecento frustate; se invece uccide
volontariamente un uomo, anche se moltissimi richiedono che sia condannato in quanto colpevole, il
padrone non fa che esclamare ad alta voce: «Che altro potrebbe fare un uomo malvagio e noto per le sue
cattive azioni? Se oserà compiere di nuovo un gesto simile sarà punito!» 17. Presso di loro è ora sommo
indizio di cortesia il fatto che sia meglio per uno straniero uccidere il fratello di chiunque lo inviti a pranzo,
piuttosto che rifiutare l'invito a banchetto; infatti un senatore ritiene di subire la perdita di un ricco patrimonio
se non si presenta colui che ha invitato una volta dopo lunga e ponderata decisione. 18. Alcuni di questi, se
si allontanano un po' di più per visitare i loro campi o per partecipare ad una battuta di caccia, in cui però
sono altri a faticare, pensano di aver uguagliato i viaggi di Alessandro Magno o di Cesare; oppure se su
barchette dipinte navigano dal lago di Averno a Pozzuoli 18 , particolarmente quando osano far questo nella
stagione calda, pensano di aver combattuto <per il vello d'oro> 19 . Se poi tra i ventagli dorati e posano sulle
frange di seta le mosche, o se attraverso il buco di un parasole pensile filtra un debole raggio di sole, si
lamentano di non essere nati fra i Cimmerii 20 . 19. Quando poi tornano da' bagno di Silvano o dalle acque
salutari di Mamea 21, appena uno è uscito dall'acqua e si è asciugato in teli sottilissimi, apre lo presse 22 e
osserva diligentemente le eleganti vesti dalla lucentezza cangiante, che portano con sé in una sola volta in
quantità bastante per vestire undici uomini; infine, s'avvolge in quelle che ha scelto e, presi gli anelli che
aveva affidati a uno schiavo perché non fossero danneggiati dall'acqua [...]. 20. Se poi un veterano dopo il
servizio militare con l'imperatore è stato mandato da poco a riposo perché ormai anziano, egli, da una tale
folla [...] di ammiratori [...] è considerato il sacerdote Salio che dirige il canto 23; gli altri ascoltano silenziosi i
suoi discorsi [...] egli soltanto, come un padre di famiglia, narra episodi estranei all'argomento riferendo fatti
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
116
piacevoli, e il più delle volte traendo s:i pientemente in inganno. 21. Alcuni di questi, sebbene rari, r; fiutano il
nome di giocatori d'azzardo e perciò preferiscono essere chiamati tesserarii 24: tra loro c'è la stessa
differenza che fra ladri e predoni. Si deve ammettere, tuttavia, che mentre a Roma tutte le amicizie si
raffreddano, soltanto quelle basate sul giom come se fossero state conquistate con gloriose fatiche,
costituiscono un vincolo e sono unite dall'assoluta stabilità di un affetto straordinario: per questo si trovano
alcuni, provenienti da questi gruppi, così concordi che potresti credere siano i fratelli Quintilii 25. E così si
può vedere un individuo di origine oscura, ma esperto nei segreti dell'arte dei dadi, passeggiare piuttosto
malinconico, con studiata serietà, come Porcio Catone per la sconfitta non immaginata né prevista nelle
elezioni pretorie 26 , perché in un convito importante o in un pubblico consesso gli è stato preposto un ex
proconsole. 22. Altri danno la caccia a uomini facoltosi, vecchi o giovani, privi di figli o celibi, o anche con
mogli e figli - infatti non si vede alcuna differenza per questo motivo - per attirarli con straordinari
stratagemmi a fare testamento 27; costoro, dettate le ultime volontà, in cui lasciano qualche cosa a coloro
per soddisfare i quali hanno fatto testamento, subito muoiono, cosicché non si può pensare che ciò avvenga
(per azione) del fato, né si può <dimostrare) una malattia [...] né alcuno accompagnò il loro funerale.
23. Un altro riveste una carica, anche se modesta, avanzando tronfiamente a testa alta, guarda di traverso le
persone conosciute in precedenza, tanto che lo potresti ritenere Marcello al ritorno dalla conquista di
Siracusa 28 . 24. Molti fra questi, che negano l'esistenza in cielo delle divinità, non escono in pubblico, non
fanno colazione, né credono di poter fare il bagno con sufficiente sicurezza se prima non hanno appreso
dall'effemeride consultata minuziosamente dove per esempio si trovi il pianeta Mercurio, o quale zona della
costellazione del Cancro la luna tocchi percorrendo la volta celeste 29. 25. Un altro, se nota che un suo
creditore sollecita con maggior insistenza il saldo di un debito, ricorre ad un auriga, disposto a osare con
soverchia audacia qualsiasi impresa, e procura che quello sia accusato di magia 30; da quest'accusa non
riesce a liberarsi senza la restituzione della cauzione del debito - senza grave perdita finanziaria. E in
aggiunta a questo lo fa imprigionare come suo debitore volontario e non lo libera prima del pubblico
riconoscimento del suo debito. 26. D'altra parte i moglie, battendo giorno e notte sulla stessa incudine 31,
come dice l'antico proverbio, spinge il marito a fare testamento, e il marito sollecita incessantemente la
moglie perché faccia lo stesso. Da entrambe le parti sono chiamati gli esperti di diritto: uno nella camera da
letto, l'altro, di parte avversa, nel triclinio, per negoziare interessi in contrasto; a questi aggiungono opposti
interpreti del destino personale, che da un lato distribuiscono senza misura prefetture e funerali di ricche
matrone, dall'altro dispongono che si facciano preparativi necessari per le esequie o mai prossime di mariti,
e (fa da testimone una schiava) piuttosto pallida per natura, che il giorno prima, esalato l'ultimo respiro, è
morta [...] e come dice Tullio: «Non conoscono nelle cose umane alcun bene se non l'utile e amano tra gli
amici, come avviene tra gli animali, soprattutto quelli da cui sperano di ricavare il massimo vantaggio» 32 .
27. Quando costoro chiedono un prestito, li vedrai (portare il socco) come i Micioni e i Lacheti 33; quando
invece sono obbligati a restítuire portano il coturm e sono tronfi in modo tale che li giudicheresti come i
famosi Eraclidi Cresfonte e Temeno 34. Questo è sufficiente riguardo al senato. 28. Ora veniamo alla plebe,
sfaccendata e oziosa. In essa spiccano, in quanto hanno nomi raffinati, alcuni che non hanno neppure le
scarpe, come i Messori, gli Statarii, i Semicupe e Serapíni, e Cicimbrico con Gluturino e Trulla, e Lucanico
con Porclaca e innumerevoli altri simili 35. 29. Costoro dedicano tutta la loro vita al vino e ai dadi, ai
postriboli, ai piaceri e agli spettacoli: per loro, tempio, dimora, assemblea e fulcro di ogni loro aspirazione è il
Circo Massimo 36. E possibile vederne molti nelle piazze, nei crocicchi, nelle ampie strade e nei luoghi di
riunione, raccolti in gruppi, lasciarsi trascinare in opposte dispute, poiché, come accade, alcuni sostengono
questo, altri quello. 30. Tra questi, quelli che sono vissuti molto a lungo, più autorevoli per la loro età, spesso
proclamano ad alta voce, giurando sulla loro canizie e sulle loro rughe, che lo stato crollerà se nella
prossima gara colui che ciascuno difende non salterà fuori per primo dalle transenne e con i cavalli legati
alla fune non compirà un giro rasente alla meta 37 . 31. E là dove è così grande il malanno dell'indifferenza,
al sorgere del desiderato giorno dei giochi equestri, quando ancora il globo del sole non è apparso in tutta la
sua luce, tutti si affrettano a precipizio, in modo disordinato, tanto da superare in velocità i carri che
gareggeranno. Moltissimi con l'animo diviso per l'incertezza sull'esito delle gare, trascorreranno notti insonni,
in ansia per la loro passione. 32. Se di qui ci si trasferisce al teatro più volgare, gli attori sono cacciati via con
i fischi se non si acquistano con il denaro il favore della più bassa plebe. Se mancano queste occasioni di
chiasso, seguendo l'esempio della popolazione della Tauride 38, urlano con voci spaventose e stolte che
devono essere espulsi gli stranieri 39, sui cui aiuti sempre si sono basati e hanno prosperato; atteggiamenti
che si distaccano molto dalla passione e dalla volontà di quell'antica plebe di cui la storia ci riferisce molte
espressioni spiritose e garbate. 33. Infatti ora si è escogitato, invece dei clamori sfrenati delle lodi da parte di
uomini pagati per applaudire, che in ogni farsa finale si gridi continuamente a cacciatori, ad aurighi, a istrioni
di ogni genere, ad alti magistrati e anche a quelli minori e persino alle matrone: «Quelli imparino da te! » Che
cosa poi si debba imparare, nessuno è in grado di spiegarlo. 34. La maggior parte di essi, dedita a
ingrassare, guidata dal fiuto del cibo e dalle acute voci delle donne, fin dal canto del gallo, come pavoni
starnazzanti per il digiuno, sta sulle punte dei piedi vicino Íi pentole rosicchiandosi le unghie, finché i piatti si
raffreddino; altri guardano con grande attenzione durante la cottura i disgustosi pezzi di orrida carne, tanto
che ti fanno pensare a Democrito che con altri anatomisti esamina le viscere degli animali squartati,
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
117
insegnando in che modo i posteri potranno guarire malattie interne 40 . 35. Per il momento sono sufficienti le
noti. che abbiamo esposto riguardo alla situazione dell'Urbe. Ritorniamo ora agli altri fatti che vicende
molteplici provocarono nelle province.
1. È una formula di passaggio; in realtà il primo capitolo di questo libro è m dedicato proprio ai processi
tenutisi in Roma dal 366 al 370/371 circe.
2 Anno 36)/370. Su Q. Clodio Ermogeniano Olibrio cfr. qui 1,8, nota 1(•
3 P. Ampelio entrò in carica nel 371 (cfr. qui 1,22, nota 35).
4 Con queste disposizioni il prefetto adempiva uno dei compiti caratteriIdella sua magistratura: il
mantenimento dell'ordine pubblico.
5 Epimenide, nato a Cnosso (VI sec. a.C.), è il profeta-taumaturgo che Ai, tele lCostituziorre di Atene 1)
ricorda perché purificò Atene dopo 1'assassinw Cimone.
6 Ad esempio anche nella prima digressione sulla città di Roma (cfr. XIV 6,126); in essa soltanto gli ultimi
due paragrafi sono dedicati ai difetti della plebe.
7 Con il termine «nome» traduco il latino praennmen: infatti, nel IV secolo, con questo termine si indicava il
norie della famiglia, mentre antecedentemente quello personale. I nomi, successivamente riportati, si
riferiscono per lo più a perso naggi di rilievo, anche se non tutti identificabili. Reburro sarebbe un nome di
origine celtica e non fu portato da uomini illustri, la famiglia dei Flavonii, originaria di Antiochia di Písidía,
raggiunse il rango senatorio nel Il sec., poi decadde; i Pagonií, secondo alcuni studiosi, sarebbero da
identificarsi con i Ragonii (nel IV sec. un Kagonio Vincenzo Celso, rivesti la prefettura dell'annona a Roma),
secondo altri, invece, con i Paconii, di cui si conosce un M. Aurelio Yaconio, consularis aquarum et Minuciae
tra la fine del III e l'inizio del IV secolo. Tra i Tarracii si segnalò Tarracio Basso, preíetto dell'Urbe (sii cui cfr.
qui 1,27, nota 46). I nomi delle rimanenti famiglie non sono attestati.
8 E il termine con cui a Roma normalmente venivano chiamate le prostitute.
9 Regine famose presso i rispettivi popoli. Su Semiramide cfr. XIV 6,17, nota 23. Cleopatra fu il nome di
diverse regine d'Egitto, oltre che di quella, più famosa (Cleopatra VII), sconfitta da Ottaviano ad Azio nel 31
a.C. Artemisia regnò in Caria nel V sec. a.C. come reggente del figlio e partecipò alla spedizione di Serse
contro la Grecia, segnalandosi nella battaglia di Salamina. 7.enobia (III sec.) condusse una politica
favorevole ai Persiani e ostile all'impero romano, cercando di rendere indipendente il suo regno, ma il suo
esercito, dopo alterne vicende, fu sconfitto dall'imperatore Aureliano; catturata e fatta sfilare nel trionfo
dell'imperatore, fu relegata a Tivoli, dove morì.
10 Protagonista di quest episodio fu il senatore Manilio, espulso dal sen,
Catone iI Censore (cfr. P1utarco, Vita di ~1larco Catone XVI r ).
11 La passione per le corse dei cavalli accomunava nobift e plebei (cfr
29-31).
12 Castore e Polluce (più noti come Dioscuri) nacquero dalla unione dv , con Leda, moglie di Tindaro, mitico
re di Sparta, e da questi presero il nome. `a do la tradizione letteraria essi annunciarono a Roma la vittoria
del lago Regill,, a.C.), di Pidna (168 a.C.), dei Campi Raudíi sui Cimbri (101 a.C.). Sul loro t, a Ostia cfr. XIX
10,4, nota 3.
'13 Si comportano come il ntiles gloriosus (soldato fanfarone) dell'omonim.~ media di Plauto.
14 Decimo Giunío Giovenale 60-127 ca.), autore di Satire.
'15 Mario Massimo (III sec.), biografo degli imperatori da Nerva a Macrino 0 Eliogabalo, continuatore e
imitatore di Svetonio. La sua opera è andata perduta.
16 Poeta lirico, nato a Matauro e vissuto a Imera (632-629/556-553 a.C. ca.); della sua opera raccolta in 26
libri sono giunti alcuni frammenti.
'17 L'aneddoto è riferito da Valerio Massimo (Detti e fatti memorabili I 7, stran. 8) e da Quintiliano
(L'istituzione oratoria I 10,13).
18 Località della Campania, molto vicine l'una all'altra.
19 Come i leggendari Argonauti.
20 Antica popolazione stanziata nella Crimea; Omero li considerava mitici n! tanti delle estreme regioni
settentrionali (cfr. Odissea XI 13-15).
21 Non si sa nulla delle terme o del bagno di Silvano. Nella Storia Augusta L t la di Alessandro Severo 26,9)
si dice che l'imperatore Alessandro Severo fece costmo, nei pressi di Baia un palazzo con un laghetto, che
in onore di sua madre chiu;Mamea; forse Ammiano si riferisce alle acque di questo lago.
22 Il pressorium era una specie di pressa su cui venivano disposte le tele , essere stirate.
23 Seguo per la traduzione di questo paragrafo le integrazioni di Roi.rr I! pp. 148-150. Il sacerdote di cui si
tratta faceva parte del collegio dei Salii, che seco do la tradizione risaliva ai tempi di Numa Pompilio. Questi
sacerdoti cantavano ~! rante le sacre danze, che si celebravano ogni anno il primo giorno di marzo, un c. me
di cui possediamo frammenti tramandati da Varrone e da grammatici più tar,
24 Giocatori di dadi.
25 Sesto Quintilio Condiano e Sesto Quintilio Valerio Massimo, che rivestirono insieme il consolato nel 151
e furono giustiziati insieme per ordine dell'imperato re nel 183 (cfr. Storia Augusta, Vita di Commodo IV 9).
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
118
26 M. Porcio Catone 1'Lticense (cfr. XIV 8,15, nota 33) non poté ottenere la pretura nel 55 a.C., come
desiderava, ma l'ebbe soltanto l'anno seguente.
27 II motivo della caccia all'eredità è già presente nella prima digressione su Roma (cfr. XIV 6,22, nota 28).
'28 M. Claudio Marcello conquistò Siracusa nel 211 a.C. Per altre notizie su di lui cfr. XXV 3,13, nota 10.
29 La consultazione degli oroscopi era in questo periodo molto diffusa; essa, insieme ad altre pratiche volte
a conoscere il futuro, poteva diventare pericolosa, soprattutto quando aveva per oggetto la vita o la salute
dell'imperatore: esemplificati
vo in questo senso è il processo cui fu sottoposto Teodoro per aver cercato di sapere. per mezzo di un
tripode, chi sarebbe succeduto a Valente (XXIX 1,5 ssJ, nel quale furono coinvolte molte altre persone
colpevoli o innocenti.
30 Sul frequente coinvolgimento degli aurighi nei processi per magia , XXVI
3, 3, nota 5.
31 Questo proverbio è stato già citato (cfr. XVIII $,2, nota 4). '= Citazione letterale di Cicerone (Sull'amicizia
XXI 79).
32 Personaggi della commedia di Terenzio. Il socco è la calzatura caratteriw indossata dagli attori che
recitavano in questo genere di spettacoli.
33 I1 coturno era la calzatura caratteristica degli attori tragici. Cresfonte c I meno erano detti Eraclidi, in
quanto nipoti di Ilo, figlio di Ercole: secondo la tr:~ zione guidarono i Dori nella conquista del Peloponneso.
Questi nomi, citati con la volontà di fare ironia, derivano da sopranno scherzosi, ispirati ad attività artigiane, a
caratteristiche fisiche o ad abitudini .~ mentari.
'36 In quanto sede dei giochi. Sul Circo Massimo cfr. XV 5,34, nota 49.
37 La meta era un elemento architettonico del circo (cfr. XVII 4,7, nota 9). 's L'ostilità dei Taurí nei confronti
degli stranieri era proverbiale; Ammiano ha già ricordato il loro uso di sacrificare i forestieri in onore di Diana
Orsiloche (cfr. XXII 8,34, nota 85).
38 Nuovo riferimento all'espulsione degli stranieri del 384 (cfr. XIV 6,19, nota 24).
Trad. e note M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989. BCTV
Amm. 15,12, 1-4. L'interesse etnografico. Costumi dei Galli.
Recupera testo latino IntraText
Celsioris staturae …esse arbitrabantur.
1. Quasi tutti i Galli sono di statura abbastanza alta, bianchi di carnagione e fulvi di capelli; sono terribili per
la fierezza del loro sguardo, desiderosi di risse e di un'insolenza eccessiva. Infatti un gruppo di stranieri non
potrebbe tener testa, nella lotta, ad alcuno di loro che avesse l'aiuto della moglie, la quale è più forte del
marito ed ha gli occhi azzurri, specie poi se essa, gonfiando il collo, digrignando i denti e dimenando le
braccia bianche e lunghissime, cominciasse a tirare, oltrechè calci, anche pugni, simili a colpi vibrati dalle
corde intrecciate di catapulte.
2. La voce della maggior parte di costoro è terribile e minacciosa, siano essi tranquilli o adirati; tutti però
curano con eguale diligenza l'igiene del corpo, né fra loro, ed in modo particolare tra gli Aquitani, si può
incontrare un uomo o una donna, i quali, per quanto assai poveri, siano coperti di cenci, come avviene in
altre regioni.
3. All'arte delle armi sono idonei in qualsiasi età ed il vecchio va al combattimento con coraggio eguale a
colui che è nel fiore degli anni, dato che ha indurito le membra al freddo e alle incessanti fatiche ed è pronto
a disprezzare molti pericoli. Né mai, come accade in Italia, alcuno di loro, per timore del servizio militare, si
taglia il pollice. Siffatti individui in alcune zone sono da loro chiamati "murci" (vigliacchi).
4. E' una stirpe amante del vino e cerca di procurarsi altre molteplici bevande che gli assomiglino. Alcuni
individui di bassa condizione, con la mente ottusa per la continua ebbrezza, che un giudizio di Catone definì
una specie di pazzia volontaria, si trascinano vagando qua e là, di modo che sembra vera l'affermazione di
Cesare in difesa di Fonteio: "I Galli d'ora innanzi berranno vino più annacquato, mentre prima lo credevano
veleno".
5. Queste regioni, e specialmente quelle confinanti con l'Italia, a poco a poco passarono con lieve fatica
sotto il dominio romano. Dapprima furono attaccate da Fulvio, poi furono indebolite con piccoli comattimenti
da Sestio ed infine vennero domate da Fabio Massimo. Anzi a costui il compimento di quest'impresa, dopo
la vittoria sulla fiera stirpe degli Allobrogi, fruttò questo soprannome.
6. Infatti tutta la Gallia (tranne le zone inaccessibili per le paludi, come ci informa Sallustio), dopo dieci anni
di mutue stragi, fu sottomessa da Cesare dittatore, il quale l'unì a noi con patti eterni. Ma mi sono dilungato
su quest'argomento, per cui finalmente ritorno al tema propostomi.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
119
Svetonio, Aug., 24,1, narra come Ottaviano avesse venduto schiavo un cavaliere romano che s'era tagliato i
pollici per non servire nell'esercito.
Questa frase ci è trasmessa solo da Ammiano. Cicerone con queste parole intendeva dire che i Galli,
bevendo il vino annacquato, sarebbero divenuti meno rissosi.
M. Fulvio Flacco, console nel 125 a.C., chiamato in aiuto da Marsiglia contro i Saluvi, tribù ligure, fu il primo
Romano ad attaccare i Galli (Livio, Periochae LX e LXI).
C. Sestio Calvino, console nel 124 a. C., combattè contro i Saluvii e fondò Aquae Sextiae (Livio, Periohae,
LXI).
Nel 121 a.C. vinse gli Allobrogi ed il re degli Alverni. Per questa vittoria ebbe il soprannome di Allobrogico.
Traduzione e note di A. Selem, Torino, Utet, 1965 (al Canova)
Costumi dei Galli.
[1] I Galli sono quasi tutti molto alti, bianchi di carnagione e rossi di capelli; terribili e truci nello sguardo, avidi
di contese e oltremodo tracotanti. Infatti un gruppo di forestieri non potrebbe tenere testa in una rissa a
nessuno di loro che fosse sostenuto dalla moglie, che è molto più robusta del marito e ha occhi sfavillanti di
glauca luce, soprattutto quando essa, digrignando i denti con il collo gonfio, agitando le candide e lunghe
braccia, comincia a dare pugni e calci insieme, come pietre scagliate dalle corde intrecciate delle catapulte.
[2.] Le voci di molti di loro sono temibili e minacciose, siano essi tranquilli o adirati; tutti, però, con uguale
cura sono puliti, né nelle loro regioni, e particolarmente fra gli Aquitani, potresti vedere, come altrove, un
uomo o una donna, per quanto poveri, coperti di stracci. [3.] Alla guerra sono adatte tutte le età: sia l'anziano
che l'uomo maturo si comportano in battaglia con uguale forza e coraggio, con le membra irrobustite dal
freddo e dalle continue fatiche, pronti a sfidare molti e temibili pericoli. Nessuno di essi si taglia il pollice
temendo l'obbligo militare come in Italia: costoro in certi luoghi vengono chiamati “murci” 1. [4.] Sono una
gente avida di vino, che cerca diverse bevande simili al vino. Fra di loro alcuni individui poveri, istupiditi dalla
continua ubriachezza, condizione definita da una sentenza di Catone una sorta di volontaria follia 3, vagano
senza meta, così da dimostrare vero ciò che dice Tullio nella difesa di Fonteio: «Dopo questi avvenimenti i
Galli berranno vino più allungato, mentre in passato pensavano che fosse veleno». 4 [5.] Queste regioni, e in
particolare quelle che confinano con l'Italia, gradualmente senza grandi sforzi furono sottomesse al potere di
Roma, dapprima assalite da Fulvio, quíndi fiaccate con piccole battaglie da Sestio 6, e infine assoggettate
da Fabio Massimo: il pieno compimento di questa impresa assegnò a costui il soprannome di Allobrogico,
dalla vittoria su questa fiera popolazione 7 . [6] Tutte le Gallie poi (tranne le regioni inaccessibili per le paludi
come informa lo scrittore Sallustio 8), dopo una guerra decennale con rovine da una parte e dall'altra, furono
sottomesse dal Cesare e unite in un patto eterno alla nostra alleanza 9. Ma mi sono spinto troppo oltre:
ritornerò finalmente all'argomento già avviato.
1. Il termine murci significherebbe «codardi» o «autolesionisti». L'uso di tagliarsi il dito pollice per evitare il
scrvizio militare è attestato già al tempo di Augusto (cfr. .Svetonio, Vita di Augusto 2d).
2.Tacito ;Gerrmania XXIII) riferísce che tali bevande rrano ricavate dall'orzo e dal frumento fermentati si
trattava, cioè, di birra,
3 Ouesta sentenza è accolta tra i frammenti di Cetone (cfr. N. JORDAN, Dicta Catonis cit., fr 79, p. 110 (in
M. Catons praeter librum de Re Rustica quae extant, Lipsiae 1966; rist. anast. dell'edizione 1860)- Su M.
Porcio Catone il Censore Cf XIV 6,8, nota 14.
4 Secondo A. Boulanger (Cicéron, Discours, , tome VI1, Paris 1950, p. 221 queste parole,
pronunciate da Cicerone durante la discusione di una delle accuse mosse contro u1. Ponteio, non farebbero
parte del discorso Mo Fonteio, pubblicato la Cicerone dopo il processo, ma sarebbero state conservare in
una raccolta di detti memorabili, e così sarebbero pervenute fino ad Ammiano che, solo, ce le ha
tramandate.
5 M. Fulvio Ilacco, console del 125 a.C., aiutò Marsiglia combattendo contro i Salluvii, i Voconzi e í Liguri, e
nel 123 ottenne il trionfo per le vittorie riportate
6. G. Sestio Calvino, come console nel 124 a.(:., e come proconsole nell'anno successivo, sconfisse in Gallia
Transalpina ì Liguri, i Voconzí e i Salluvii, celebrandm il trionfo nel 122. E il fondatore dì Ayuae Sextiae
(odierna Aix-en-Provence), chiamata anche Salluviî (cfr. qui 11 ,1G, nota 20).
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
120
7. Q. Fabio Massímo Allobrogico, come console nel 121 a.C, quindi come proconsole nella Gallía
Transalpina, sconfisse Arverní e Allobrogi, e in occasione del trionfo del 120 fece costruire a Roma il primo
arco trionfale detto Fornrix Fabianus.
8. Cfr. Sallustio, .Storie l,11. La citazione di Ammiano è quasi letterale.
9. La sottomissione completa delle Gallie avvenne nel 49 a.C.
Traduzione e note M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989, BCTV
Ricontrollo testo traduzione
31,2 Gli Unni: usi e costumi. Un popolo "poco noto agli antichi storici". [Testo latino IntraText]
1. Totius autem sementem exitii et cladum originem diversarum, quas Martius furor incendio solito miscendo
cuncta concivit, hanc conperimus causam. Hunorum gens monumentis veteribus leviter nota ultra paludes
Maeoticas glacialem oceanum accolens, omnem modum feritatis excedit.
2. ubi quoniam ab ipsis nascendi primitiis infantum ferro sulcantur altius genae, ut pilorum vigor tempestivus
emergens conrugatis cicatricibus hebetetur, senescunt imberbes absque ulla venustate, spadonibus similes,
conpactis omnes firmisque membris et opimis cervicibus, prodigiosae formae et pavendi, ut bipedes
existimes bestias vel quales in conmarginandis pontibus effigiati stipites dolantur incompte.
3. in hominum autem figura licet insuavi ita visi sunt asperi, ut neque igni neque saporatis indigeant cibis sed
radicibus herbarum agrestium et semicruda cuiusvis pecoris carne vescantur, quam inter femora sua
equorumque terga subsertam fotu calefaciunt brevi.
4. aedificiis nullis umquam tecti sed haec velut ab usu communi discreta sepulcra declinant. nec enim apud
eos vel arundine fastigatum reperiri tugurium potest. sed vagi montes peragrantes et silvas, pruinas famem
sitimque perferre ab incunabulis adsuescunt. peregre tecta nisi adigente maxima necessitate non subeunt:
nec enim apud eos securos existimant esse sub tectis...
5. indumentis operiuntur linteis vel ex pellibus silvestrium murum consarcinatis, nec alia illis domestica vestis
est, alia forensis. sed semel obsoleti coloris tunica collo inserta non ante deponitur aut mutatur quam
diuturna carie in pannulos defluxerit defrustata.
6. galeris incurvis capita tegunt, hirsuta crura coriis muniendis haedinis, eorumque calcei formulis nullis
aptati vetant incedere gressibus liberis. qua causa ad pedestres parum adcommodati sunt pugnas, verum
equis prope adfixi, duris quidem sed deformibus, et muliebriter isdem non numquam insidentes funguntur
muneribus consuetis. ex ipsis quivis in hac natione pernox et perdius emit et vendit, cibumque sumit et
potum, et inclinatus cervici angustae iumenti in altum soporem ad usque varietatem effunditur somniorum.
7. et deliberatione super rebus proposita seriis, hoc habitu omnes in commune consultant. aguntur autem
nulla severitate regali sed tumultuario primatum ductu contenti perrumpunt quicquid inciderit.
8. et pugnant non numquam lacessiti sed ineuntes proelia cuneatim variis vocibus sonantibus torvum. utque
ad pernicitatem sunt leves et repentini, ita subito de industria dispersi vigescunt, et inconposita acie cum
caede vasta discurrunt, nec invadentes vallum nec castra inimica pilantes prae nimia rapiditate cernuntur.
9. eoque omnium acerrimos facile dixeris bellatores, quod procul missilibus telis, acutis ossibus pro
spiculorum acumine arte mira coagmentatis, et distantia percursa comminus ferro sine sui respectu
confligunt, hostisque, dum mucronum noxias observant, contortis laciniis inligant, ut laqueatis resistentium
membris equitandi vel gradiendi adimant facultatem.
10. nemo apud eos arat nec stivam aliquando contingit. omnes enim sine sedibus fixis, absque lare vel lege
aut victu stabili dispalantur, semper fugientium similes, cum carpentis, in quibus habitant: ubi coniuges taetra
illis vestimenta contexunt et coeunt cmn maritis et pariunt et ad usque pubertatem nutriunt pueros. nullusque
apud eos interrogatus respondere, unde oritur, potest, alibi conceptus, natusque procul, et longius educatus.
11. per indutias infidi inconstantes ad omnem auram incidentis spei novae perquam mobiles, totum furori
incitatissimo tribuentes. inconsultorum animalium ritu, quid honestum inhonestumve sit penitus ignorantes,
flexiloqui et obscuri, nullius religionis vel superstitionis reverentia aliquando districti, auri cupidine inmensa
flagrantes, adeo permutabiles et irasci faciles ut eodem aliquotiens die a sociis nullo inritante saepe
desciscant, itidemque propitientur nemine leniente.
12. Hoc expeditum indomitumque hominum genus, externa praedandi aviditate flagrans inmani, per rapinas,
finitimorum grassatum et caedes ad usque Halanos pervenit, veteres Massagetas, qui unde sint vel quas
incolant terras - quoniam huc res prolapsa est - consentaneum est demonstrare, geographica perplexitate
monstrata, quae diu multa indagans acute et varia, tandem repperit veritatis interna.....
13. Abundans Hister advenarum magnitudine fluenti Sauromatas praetermeat ad usque amnem Tanaim
pertinentes, qui Asiam terminat ab Europa. hoc transito in inmensum extentas Scythiae solitudines Halani
inhabitant, ex montium appellatione cognominati, paulatimque nationes conterminas crebritate victoriarum
adtritas ad gentilitatem sui vocabuli traxerunt, ut Persae.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
121
14. inter hos Nervi mediterranea incolunt loca, vicini verticibus celsis, quos praeruptos geluque torpentes
aquilones adstringunt. post quos Vidini sunt et Geloni perquam feri, qui detractis peremptorum hostium
cutibus indumenta sibi, equisque tegmina conficiunt bellatoria. Gelonis Agathyrsi conlimitant, interstincti
colore caeruleo corpora simul et crines, et humiles quidem minutis atque raris, nobiles vero latis, fucatis et
densioribus notis.
15. post hos Melanchlaenas et Anthropophagos palari accepimus per diversa, humanis corporibus
victitantes, quibus ob haec alimenta nefanda desertis finitimi omnes longa petiere terrarum. ideoque plaga
omnis orienti aestivo obiecta usque dum venitur ad Seras, inhabitabilis mansit.
16. parte alia prope Amazonum sedes Halani sunt orienti adclines, diffusi per populosas gentes et amplas,
Asiaticos vergentes in tractus, quas dilatari ad usque Gangen accepi fluium intersecantem terras Indorum,
mareque inundantem australe.
17. Bipertiti per utramque mundi plagam Halani - quorum gentes varias nunc recensere non refert - licet
dirempti spatiis longis, per pagos ut Nomades vagantur inmensos, aevi tamen progressu ad unum
concessere vocabulum et summatim omnes Halani cognominantur ob mores et modum efferatum vivendi
eandemque armaturam.
18. nec enim ulla sunt illisce tuguria aut versandi vomeris cura, sed carne et copia victitant lactis, plaustris
supersidentes, quae operimentis curvatis corticum per solitudines conferunt sine fine distentas. cumque ad
graminea venerint, in orbiculatam figuram locatis sarracis ferino ritu vescuntur, absumptisque pabulis, velut
carpentis civitates inpositas vehunt, maresque supra cum feminis coeunt et nascuntur in his et educantur
infantes, et habitacula sunt haec illis perpetua, et quocumque ierint, illic genuinum exi stimant larem.
19. armenta prae se agentes cum gregibus pascunt, maximeque equini pecoris est eis sollicitior cura. ibi
campi semper herbescunt, intersitis pomiferis locis: atque ideo transeuntes quolibet, nec alimentis nec
pabulis indigent, quod efficit umectum solum et crebri fluminum praetermeantium cursus.
20. omnis igitur aetas et sexus inbellis circa vehicula ipsa versatur, muniisque distringitur mollibus: iuventus
vero equitandi usu a prima pueritia coalescens, incedere pedibus existimat vile, et omnes multiplici disciplina
prudentes sunt bellatores. unde etiam Persae, qui sunt originitus Scythae, pugnandi sunt peritissimi.
21. Proceri autem Halani paene sunt omnes et pulchri, crinibus mediocriter flavis, oculorum temperata
torvitate terribiles et armorum levitate veloces, Hunisque per omnia suppares verum victu mitiores et cultu,
latrocinando et venando ad usque Maeotica stagna et Cimmerium Bosporum, itidemque Armenios
discurrentes et Mediam.
22. utque hominibus quietis et placidis otium est voluptabile, ita illos pericula iuvant et bella. iudicatur ibi
beatus qui in proelio profuderit animam, senescentes enim et fortuitis mortibus mundo digressos ut
degeneres et ignavos conviciis atrocibus insectantur, nec quicquam est quod elatius iactent quam homine
quolibet occiso, proque exuviis gloriosis interfectorum avulsis capitibus detractas pelles pro phaleris iumentis
accommodant bellatoriis.
23. nec templum apud eos visitur aut delubrum, ne tugurium quidem culmo tectum cerni usquam potest, sed
gladius barbarico ritu humi figitur nudus, eumque ut Martem, regionum, quas circumcircant, praesulem
verecundius colunt.
24. futura miro praesagiunt modo. nam rectiores virgas vimineas colligentes, easque cum incantamentis
quibusdam secretis praestituto tempore discernentes, aperte quid portendatur norunt.
25. servitus quid sit ignorabant, omnes generoso semine procreati, iudicesque etiam nunc eligunt diuturno
bellandi usu spectatos. sed ad reliqua textus propositi revertamur. [Testo latino IntraText]
2.1 Il seme della rovina totale e l'origine delle diverse sciagure che il furore di Marte, sovvertendo ogni cosa,
provocò con uno straordinario incendio, abbiamo appreso che derivarono da questa causa. La popolazione
degli Unni 1 , scarsamente nota negli antichi documenti, abitante presso l'Oceano glaciale al di là delle
paludi Meotiche 2 , oltrepassava ogni limite di ferocia. 2. Poiché presso di loro le gote dei bambini appena
nati sono incise profondamente con il ferro, affinché nelle cicatrici grinzite si indebolisca la forza dei peli della
barba quando a tempo spunterà, essi invecchiano imberbi 3 , privi di ogni bellezza, simili a eunuchi; tutti con
un fisico gagliardo e robusto e collo largo, sono straordinariamente brutti e deformi, tanto che li potresti
ritenere animali bipedi, oppure modellati come i tronchi che sono rozzamente scolpiti per munire i parapetti
dei ponti 3. Hanno aspetto umano, sebbene sgradevole, eppure sono così selvaggi nel modo di nutrirsi, da
non avere necessità né di fuoco né di cibi conditi con aromi, ma si nutrono di erbe selvatiche, di carne
mezzo cruda di qualunque animale, che riscaldano per breve tempo, collocandola tra le loro cosce e il dorso
dei cavalli 4 . 4. Non vivono mai in edifici, ma li evitano come sepolcri lontani dai luoghi normalmente
frequentati. Infatti presso di loro non si può trovare neppure una capanna coperta da un tetto di canne. Ma
attraversando errabondi monti e selve, si abituano sin dalla culla a sopportare nevi, fame e sete. Lontani
dalle loro terre non entrano nelle case, se non costretti da gravissime necessità: ritengono infatti di non
essere sicuri sotto un tetto. 5. Si coprono con indumenti di lino o cuciti insieme con pelli di topi selvatici; non
possiedono un abito da casa e un altro per uscire. Ma una volta fermata al collo una tunica dal colore ormai
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
122
sbiadito, non la mettono da parte né la cambiano prima che, consunta dal lungo logorio, cada a pezzi. 6. Si
coprono il capo con berretti ricurvi e proteggono le gambe pelose con pelli di capretto; le loro calzature, fatte
senza alcuna forma, impediscono di camminare in modo sciolto. Per questo motivo sono poco adatti al
combattimento a piedi, ma sbrigano le faccende consuete quasi incollati ai loro cavalli, robusti ma brutti,
montandoli a volte come le donne 6 . Chiunque appartenga a questo popolo stando giorno e notte a cavallo,
compra, vende, prende cibo, bevande, e appoggiando il capo al corto collo dell'animale, si abbandona nel
sonno profondo a molteplici sogni. 7. E in occasione di consultazioni su gravi problemi tutti deliberano in
questa posizione. Non sono governati dall'autorità di un re, ma paghi della guida improvvisata di quelli che
primeggiano, annientano qualunque ostacolo incontrino. 8. Talvolta combattono <quando sono provocati>,
attaccando battaglia con formazioni a cuneo e urlando confusamente in modo minaccioso. E come per quel
che riguarda la rapidità essi sono agili e piombano addosso all'improvviso, così di proposito si disperdono e
si sparpagliano in disordine. Corrono qua e là provocando gravi stragi, e per la loro eccezionale rapidità non
si vedono né quando attaccano il vallo, né quando saccheggiano l'accampamento nemico. 9. Li potresti
agevolmente definire i più forti tra tutti i guerrieri, per il fatto che a distanza combattono con armi da getto 7,
a cui sono state strettamente legate con stupefacente abilità ossa aguzze al posto delle punte usuali nei
giavellotti; e, <da vicino> affrontano il nemico con la spada a corpo a corpo senza riguardo per la propria
vita; e mentre i nemici badano ai danni provocati dalle spade, essi lanciano loro contro delle corde e li
legano, per togliere loro, con le membra strette in un laccio, la possibilità di cavalcare o di muovere un passo
8. 10. Nessuno presso di loro ara né tocca mai l'aratro. Infatti, tutti senza sedi fisse, privi di un focolare, di
una legge o di riti stabili, sempre simili a fuggiaschi 9 vanno errando con i carri su cui abitano: lì le mogli
tessono i loro rozzi indumenti, si uniscono con i mariti, partoriscono e allevano i figli fino alla pubertà.
Nessuno di loro interrogato sul luogo di nascita può rispondere, poiché, concepito in una località, è nato
lontano di lì, ed è stato allevato ancor più lontano. 11. Sleali e instabili nelle tregue, mutevolissimi ad ogni
soffio di nuove speranze che si presentino, si abbandonano totalmente a un violentissimo furore. Ignorando,
come animali privi di ragione, che cosa sia morale o immorale; nel linguaggio sono equivoci e difficili da
capire; non si sentono mai vincolati da timore religioso o superstizioso; ardono di un'immensa bramosia
d'oro, e sono così volubili e facili all'ira che spesso, senza aver subito alcuna offesa, rompono le amicizie,
talvolta nello stesso giorno, e allo stesso modo si riconciliano senza che nessuno intervenga a calmarli. 12.
Questa stirpe di uomini, libera e indomita, ardendo di insaziabile desiderio di far bottino di ricchezze
straniere, facendo scorrerie con rapine e uccisioni a danno dei confinanti, giunse fino agli Alani, gli antichi
Massageti 10. Poiché la narrazione è giunta a questo punto, è logico esporre donde vengano e quali terre
abitino, dopo avere indicato le incertezze dei geografi che, <attraverso> lunghe, varie e <numerose
ricerche>, infine hanno trovato il fondo della verità [...] 11. 13. II Danubio, che scorre ricco d'acque per il
grande apporto dei suoi affluenti, attraversa le terre dei Sauromati 12 che si estendono fino al fiume Tanai
13, che separa l'Asia dall'Europa. Di là da esso gli Alani abitano le immense estensioni deserte della Scizia e
sono così chiamati dal nome dei monti. A poco a poco essi estesero (come i Persiani) il proprio nome alle
popolazioni confinanti, dopo averle domate con frequenti vittorie. 14. Fra queste i Nervi 14 abitano le regioni
più interne, vicine ad alte vette dirupate, brulle per il gelo, e battute dagli aquiloni. Dopo di loro si trovano i
Vidini 15 e i Geloni, popoli molto feroci, che con la pelle tolta ai nemici uccisi confezionano abiti per sé e
gualdrappe per i cavalli da combattimento 16. Con i Geloni confinano gli Agatirsi, che hanno i corpi e i
capelli chiazzati di colore ceruleo: quelli di modesta condizione hanno chiazze piccole e rade, i nobili più fitte
e più abbondantemente colorate. 15. Sappiamo che dopo questi errano nomadi per diversi territori i
Melancleni 18 e gli Antropofagi che si nutrono di carne umana 19. Tutti i loro confinanti li abbandonarono a
causa del loro orribile nutrimento e raggiunsero terre lontane. Per questo tutta la regione esposta a nord-est
rimase disabitata fin dove si giunge al paese dei Seri 20. 16. Dall'altra parte, vicino alle sedi delle Amazzoni
21, sono situati a oriente gli Alani, divisi in nazioni popolose ed estese, che si spargono in direzione delle
regioni asiatiche, giungendo, a quanto ho appreso, fino al Gange, il fiume che attraversa le terre degli Indi e
sfocia nel mare australe 22. 17. Questi Alani, divisi nei due continenti, e di cui non importa ora passare in
rassegna le diverse tribù, sebbene siano separati da ampi spazi e vadano errando come nomadi per
immense regioni, tuttavia con il passare del tempo hanno assunto un unico nome e tutti insieme sono
chiamati Alani per i loro costumi, il barbaro modo di vivere e l'uguale tipo di armi. 18. Infatti essi non hanno
alcuna capanna, né alcuna preoccupazione di arare la terra, ma si alimentano con carne e molto latte,
vivendo su carri dalle curve coperture di corteccia, che conducono in regioni deserte estese all'infinito. Una
volta giunti in zone ricche d'erba, disposti i carri a forma di cerchio, mangiano come animali; esauriti i
pascoli, trasferiscono per così dire la loro città posta su carri, e su questi i maschi si uniscono alle femmine e
all'interno di essi nascono e sono allevati i bambini. Queste sono le loro stabili dimore e ovunque vadano
considerano queste come loro vere case. 19. Spingendo dinanzi a loro gli armenti, li fanno pascolare
insieme alle greggi e hanno particolare sollecitudine nell'allevare i cavalli. In quelle regioni i campi sono
sempre coperti d'erba, intervallati da alberi da frutto; così, qualunque luogo attraversino, non mancano né di
cibo, né di pascoli, e questo avviene per il suolo umido e per i numerosi fiumi che scorrono attraverso il
paese. 20. Tutte le persone inette alla guerra per età o sesso stanno intorno ai carri e sono addette a compiti
non faticosi: i giovani, invece, abituati a cavalcare dalla prima infanzia, considerano degradante camminare
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
123
a piedi e sono tutti, grazie ai diversi tipi di addestramento, valenti combattenti. Per questo anche i Persiani,
che sono Sciti di origine, sono espertissimi nel combattere. 21. Gli Alani son, quasi tutti alti e belli, con capelli
biondicci, temibili pur nella moderata durezza degli sguardi e veloci grazie alle armi leggere in tutto simili agli
Unni, ma più umani nel modo di nutrirsi e i, quello di vivere, fanno scorrerie razziando e cacciando fino ali,
paludi Meotiche, al Bosforo Cimmerio 23 e anche fino all'Armenia e alla Media. 22. Come gli uomini tranquilli
e pacifici amano la pace, così a loro fanno piacere i pericoli e le guerre. Colà si ritiene felice chi sia morto in
battaglia; infatti coprono di atroci insulti, come degeneri e codardi, i vecchi e quelli che perdono vita per una
morte fortuita 21 . Non c'è nulla di cui si vantino di più che dell'uccisione di qualsiasi uomo; e come spoglie
gloriose degli uccisi, tagliate loro le teste, ne strappano la pelle l'applicano come ornamento sui cavalli da
guerra. 23. Presso a loro non si vede alcun tempio o santuario, né si può in alcun luogo scorgere una
capanna dal tetto di paglia, ma con un rito barbarico piantano in terra una spada nuda e la venerano
devotamente come Marte, protettore delle regioni che essi percorrono in tutti i sensi 25 . 24. Cercano i
pronostici del futuro in modo sorprendente: infatti, raccogliendo steli di vimini molto dritti dividendoli in un
modo stabilito in precedenza con alcune formule magiche segrete, apprendono con chiarezza che cosa si m
nunzia 26 . 25. Ignorano che cosa sia la schiavitù, in quanto son tutti di nobile origine, perciò anche oggi
scelgono come capi coloro che si sono distinti per lunga esperienza di guerra. Ma ritorniamo ai restanti
argomenti della narrazione che mi sono proposto.
1.
' Era un popolo di origine asiatica.
2 Il mare d'Azov (cfr. XXII 8,11, nota 36).
3 Anche Girolamo (Commento a Isaia 7,21) segnala questo uso degli L'u
4 Un'indicazione simile sul modo di cibarsi degli Unni è in Girolamo. Giovinzano 2,7. Pomponio Mela
(Descrizione della Terra III 3,2) aveva attri!)Germani l'uso di cibarsi di carne cruda.
5 In XVI 2,12 Ammiano aveva detto che i barbari delle Gallie «evitav città come se fossero tombe cinte da
reti in un cimitero».
6 L'incapacità degli Unni di camminare speditamente e la loro abitua vivere sempre a cavallo sono segnalate
anche da Girolamo (Lettere, n. 60,1: Zosimo (Storia Nuova IV 20,4).
7 Anche questo particolare modo di combattere degli Unni è riferito da Girolamo (Lettere, n. 77,8) e Zosimo
(Storia Nuova IV 20,4).
8.Erodoto (Storie VII 85) attribuisce ai Sagarti, una popolazione persiana, 1'uso di rendere impotenti i nemici
lanciando loro da cavallo dei lacci con nodi scorsoi. '
99Ammiano ha fatto un'osservazione analoga allorché ha descritto le consuetudini dei Saraceni (cfr. XIV
4,4).
10 Su questi popoli cfr. XXII 8,31, nota 81. "
11 Il passo è lacunoso.
12 Sui Sauromati cfr. XXII 8,29, nota 78.
32 Su questo fiume cfr. XXII 8,27, nota 75. '
14 Su queste tribù cfr. XXII 8,40, nota 93.
15 Erodoto (Storie IV 108-109) li chiama Budini; probabilmente erano trii slave, insediate nella regione dove
sorge l'odierna Kiev.
16 Ammiano ha ricordato l'abbondanza di diamanti presente nei territori <I. Geloni (cfr. XXII 8,31, nota 81).
Secondo Erodoto (Storie IV 108) questo pop, ' sarebbe di origine greca.
'17 Gli Agatirsi sono stati già ricordati fra le popolazioni sarmatiche (cfr. X,\ ! 8,31, nota 81). Sulla loro
consuetudine di tingersi i capelli di blu cfr. Plinio (.SI, - Naturale IV 88) e Solino (Raccolta di cose memorabili
15,3).
`18 Sui Melancleni cfr. XXII 8,31, nota 81. Erodoto (Storie IV 107) dice , portavano abiti neri e a questo uso
dovevano il loro nome.
19 Su questo popolo cfr. XXIII 6,66, nota 128. =° Sui Seri cfr. XXIII 6,60, nota 119.
20 Le Amazzoni vivevano nei territori dove scorreva il fiume Termodonte, sulla costa meridionale del mar
Nero (cfr. XXII 8,17-19, note 56-58).
21 Sul fiume Gange cfr. XXIII 6,13, nota 27.
23' Odierno stretto di Kerc (cfr. XXII 7,10, nota 17).
24 Analoghi comportamenti sono stati attribuiti anche ai Parti (cfr. X \
G,4d).
25 Erodoto (Storie IV 62) attribuisce questa pratica religiosa agli Sciti, ch, spada, che rappresentava il dio
Marte, offrivano anche annualmente animali in ficio. Secondo Ammiano anche i Quadi veneravano le spade
come divinità XVII 12,21).
26 Queste pratiche divínatorie ricordano quelle che Erodoto attribuiscc Scítí (Storie IV G7); Cesare (La
guerra gallica I 50 e 53) e Tacito (Germania 1, riferiscono, invece, ai Germani.
Trad. e note di M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989, BCTV
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
124
1. La causa prima di tutta la rovina e l'origine delle diverse sciagure, che il furore di Marte provocò
sconvolgendo ogni cosa con un incendio sin'allora mai visto, furono, a quanto ci risulta, le seguenti. Il popolo
degli Unni, poco noto agli antichi storici, abita al di là delle paludi Meotiche lungo l'oceano glaciale e supera
ogni limite di barbarie.
2. Siccome hanno l'abitudine di solcare profondamente con un coltello le gote ai bambini appena nati,
affinchè il vigore della barba, quando spunta il momento debito, si indebolisca a causa delle rughe delle
cicatrici, invecchiano imberbi, senz'alcuna bellezza e simili ad eunuchi. Hanno membra robuste e salde,
grosso collo e sono stranamente brutti e curvi, tanto che si potrebbero ritenere animali bipedi o simili a quei
tronchi grossolanamente scolpiti che si trovano sui parapetti dei ponti.
3. Per quanto abbiano la figura umana, sebbene deforme, sono così rozzi nel tenor di vita da non aver
bisogno né di fuoco né di cibi conditi, ma si nutrono di radici di erbe selvatiche e di carne semicruda di
qualsiasi animale, che riscaldano per un po' di tempo fra le loro coscie e il dorso dei cavalli.
4. Non sono mai protetti da alcun edificio, ma li evitano come tombe separate dalla vita di ogni giorno.
Neppure un tugurio con il tetto di paglia si può trovare presso di loro, ma vagano attraverso montagne e
selve, abituati sin dalla nascita a sopportare geli, fame e sete. Quando sono lontani dalle loro sedi, non
entrano nelle case a meno che non siano costretti da estrema necessità, né ritengono di essere al sicuro
trovandosi sotto un tetto.
5. Adoperano vesti di lino oppure fatte di pelli di topi selvatici, né dispongono di una veste per la casa e di
un'altra per fuori. Ma una volta che abbiano fermato al collo una tunica di colore appassito, non la
depongono né la mutano finchè, logorata dal lungo uso, non sia ridotta a brandelli.
6. Usano berretti ricurvi e coprono le gambe irsute con pelli caprine e le loro scarpe, poiché non sono state
precedentemente modellate, impediscono di camminare liberamente. Per questa ragione sono poco adatti a
combattere a piedi, ma inchiodati, per così dire, su cavalli forti, anche se deformi, e sedendo su di loro alle
volte come le donne, attendono alle consuete occupazioni. Stando a cavallo notte e giorno ognuno in mezzo
a questa gente acquista e vende, mangia e beve e, appoggiato sul corto collo del cavallo, si addormenta
così profondamente da vedere ogni varietà di sogni.
7. E nelle assemblee in cui deliberano su argomenti importanti, tutti in questo medesimo atteggiamento
discutono degli interessi comuni. Non sono retti secondo un severo principio monarchico, ma, contenti della
guida di un capo qualsiasi, travolgono tutto ciò che si oppone a loro.
8. Combattono alle volte se sono provocati ed ingaggiano battaglia in schiere a forma di cuneo con urla
confuse e feroci. E come sono armati alla leggera ed assaltano all'improvviso per essere veloci, così,
disperdendosi a bella posta in modo repentino, attaccano e corono qua e là in disordine e provocano gravi
stragi. Senza che nessuno li veda, grazie all'eccessiva rapidità attaccno il vallo e saccheggiano
l'accampamento nemico.
9. Potrebbero poi essere considerati senza alcuna difficoltà i più terribili fra tutti i guerrieri poiché combattono
a distanza con giavellotti forniti, invece che d'una punta di ferro, di ossa aguzze che sono attaccate con arte
meravigliosa, e, dopo aver percorso rapidamente la distanza che li separa dagli avversari, lottano a corpo
acorpo con la spada senza alcun riguardo per la propria vita. Mentre i nemici fanno attenzione ai colpi di
spada, quelli scagliano su di loro lacci in modo che, legate le membra degli avversari, tolgono loro la
possibilità di cavalcare o di camminare.
10. Nessuno fra loro ara né tocca mai la stiva di un aratro. Infatti tutti vagano senza aver sedi fisse, senza
una casa o una legge o uno stabile tenor di vita. Assomigliano a gente in continua fuga sui carri che fungono
loro da abitazione. Quivi le mogli tessono loro le orribili vesti, qui si accoppiano ai mariti, qui partoriscono ed
allevano i figli sino alla pubertà. Se s'interrogano sulla loro origine, nessuno può dare una risposta, dato che
è nato in luogo ben lontano da quello in cui è stato concepito ed in una località diversa è stato allevato.
11. Sono infidi ed incostanti nelle tregue, mobilissimi ad ogni soffio di una nuova speranza e sacrificano ogni
sentimento ad un violentissimo furore. Ignorano profondamente, come animali privi di ragione, il bene e il
male, sono ambigui ed oscuri quando parlano, né mai sono legati al rispetto per una religione o
superstizione, ma ardono d'un'immensa avidità d'oro. A tal punto sono mutevoli di temperamento e facili
all'itra che spesso in un sol giorno e nello stesso modo, senza bisogno che alcuno li plachi, si riappacificano.
Traduzione di A. Selem, Torino, Utet, 1965 (al Canova)
Amm., 31, 12-13. I barbari oltrepassano il Reno: l'inizio della fine
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
125
Amm., 25, 3, 9-20. Discorso di Giuliano in punto di morte [Testo latino Intratext]
9. Sed cum vires parum sufficerent voluntati sanguinisque profluvio vexaretur, mansit immobilis, ideo spe
deinceps vivendi absumpta, quod percunctando Phrygiam appellari locum ubi ceciderat conperit. hic enim
obiturum se praescripta audierat sorte .
10. reducto ad tentoria principe, incredibile dictu est, quo quantoque ardore miles ad vindictam ira et dolore
ferventior involabat, hastis ad scuta concrepans, etiam mori si tulisset fors obstinatus. et quamvis
offundebatur oculis altitudo pulveris, et aestus calescens officeret alacritati membrorum, tamen velut
exauctoratus amisso ductore sine sui parsimonia ruebat in ferrum.
11. Contra animosius :Persae sagittarum volantium crebritate conspectum sui rapiebant oppositis, quos
elephanti tardius praecedentes magnitudine corporum stridorumque horrore pavorem iumentis incutiebant et
viris.
12. Concursus itaque armatorum et cadentium gemitus, equorum flatus, tinnitus ferri procul audiebatur,
quamdiu satietate vulnerum partibus fessis nox diremit certamina iam tenebrosa.
13. quinquaginta tum Persarum optimates et satrapae cum plebe maxima ceciderunt, inter has turbas
Merena et Nohodare potissimis ducibus interfectis. obstupescat magniloquentia vetustatis diversis in locis
proelia viginti Marcelli Sicinium Dentatum adiciat ornatum militarium multitudine coronarum: miretur super his
Sergium, qui viciens et ter vulneratus est in variis pugnis, ut fertur, cuius posteritatis ultimus Catilina claras
gloriarum adoreas sempiternis maculis obumbravit. deformabat tamen tristitia laetiores eventus.
14. dum haec enim post discessum ducis ubique aguntur, exercitus cornu dextro defatigato et Anatolio
interfecto, qui tunc erat officiorum magister, Sallustius praefectus actus in exitium praeceps et opera sui
apparitoris ereptus, Phosphorio amisso consiliario, qui ei aderat, casu evasit et fuga: quidamque milites per
multa discrimina occupato castelli vicini praesidio post diem denique tertium iungi exercitui potuerunt.
15. Quae dum ita aguntur, Iulianus in tabernaculo iacens circumstantes adlocutus est demissos et tristes:
«advenit, o socii, nunc abeundi tempus e vita inpendio tempestivum, quam reposcenti naturae ut debitor
bonae fidei redditurus exulto, non ut quidam opinantur adflictus et maerens, philosophorum sententia
generali perdoctus, quantum corpore sit beatior animus, et contemplans, quotiens condicio melior a deteriore
secernitur, laetandum esse potius quam dolendum. illud quoque advertens quod etiam dii caelestes
quibusdam piissimis mortem tamquam summum praemium persolverunt.
16. munus autem id mihi delatum optime scio, ne difficultatibus subcumberem arduis, neve me proiciam
umquam aut prosternam, expertus quod dolores omnes ut insultant ignavis, ita persistentibus cedunt.
17. nec me gestorum paenitet aut gravis flagitii recordatio stringit vel cum in umbra et angulis amendarer, vel
post principatum susceptum: quem tamquam a cognatione caelitum defluentem inmaculatum, ut existimo,
conservavi, et civilia moderatius regens et examinatis rationibus bella inferens et repellens, tametsi
prosperitas simul utilitasque consultormn non ubique concordent, quoniam coeptorum eventus superae sibi
vinclicant potestates.
18. reputans autem iusti esse finem imperii, oboedientium commodum et salutem, ad tranquilliora semper ut
nostis propensior fui, licentiam omnem actibus meis exterminans, rerum corruptricem et morum, gaudensque
abeo gestiensque ubicumque me velut imperiosa parens consideratis periculis obiecit res publica, steti
fundatus, turbines calcare fortuitorum adsuefactus.
19. nec fateri pudebit, interiturum me ferro dudum didici fide fatidica praecinente. ideoque sempiternum
veneror numen quod non clandestinis insidiis nec longa morborum asperitate vel damnatorum fine decedo,
sed in medio cursu florentium gloriarum hunc merui clarum e mundo digressum. aequo enim iudicio iuxta
timidus est et ignavus, qui cum non oportet, mori desiderat, et qui refugiat, cum sit oportunum.
20. hactenus loqui vigore virium labente sufficiet. super imperatore vero creando caute reticeo, ne per
inprudentiam dignum praeteream, aut nominatum quem habilem reor, anteposito forsitan alio, in discrimen
ultimum trudam. ut alumnus autem rei publicae frugi, opto bonum post me reperiri rectorem». [Testo latino
Intratext]
[9.] Ma poiché le forze non erano sufficienti alla sua volontà ed era travagliato dall'emorragia,
Giuliano rimase immobile, perduta ormai la speranza di vivere, perché dalle informazioni aveva
appreso che il luogo dove era caduto si chiamava Frigia. Aveva infatti ud ito da una predizione che
sarebbe morto là 8. [10.] Dopo che riportato nella tenda l'imperatore, è incredibile a dirsi con quanto
e quale ardore i soldati, accesi dal dolore e dall'ira, si slanciavano alla vendetta, facendo risuonare
le lance contro gli scudi, decisi anche a morire, se la sorte lo esigesse. Sebbene la fitta polvere
offuscasse la vista e l'ardente calore indebolisse le energie fisiche, tuttavia, come liberati da ogni
disciplina per la perdita del loro capo, si gettavano senza risparmio contr o le spade nemiche. [11.]
Di fronte a loro i Persiani più fiduciosamente con il lancio di numerosissime frecce si sottraevano
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
126
alla vista degli avversari, mentre gli elefanti, che li precedevano più lentamente con la mole dei loro
corpi e con l'ondeggiamento sinistro dei pennacchi incutevano timore ai cavalli e ai combattenti.
[12.] E così si udivano da lontano il cozzo degli uomini in armi, i gemiti dei caduti, il nitrire dei
cavalli e il suono metallico delle spade fino a quando, sfiniti i contendenti per il gran numero di feriti
la notte ormai buia interruppe í combattimenti. [13.] In questo scontro caddero cinquanta nobili e
satrapi persiani e un grandissimo numero di soldati: tra questa moltitudine furono uccisi anche
Merena e Nohodares 9 , grandissimi comandanti. Si meravigli pure l'enfasi oratoria degli antichi per
i venti combattimenti Marcello 10, svoltisi in luoghi diversi; aggiunga Sicinio Dentato, onorato con
un gran numero di corone militari 11; ammiri, oltre a questi, Sergio che, come si narra, f u ferito
ventitré volte in diverse battaglie 12, il cui ultimo discendente, Catilina, offuscò con eterno disonore
la splendida gloria delle sue vittorie 13. La tristezza tuttavia sciupava eventi così lieti. [14.] Mentre
si compivano queste azioni in ogni parte del campo di battaglia dopo l'allontanamento del
comandante, quando l'ala destra dell'esercito era stremata dalla stanchezza ed era stato ucciso
Anatolio, allora magister officiorum 14, il praefectus Saluzio 15, caduto in un pericolo mortale, fu
salvato dal suo apparitor e riuscì a scampare, ma perdette il suo consigliere Fosforio che per caso
gli era vicino 16; e la fuga [...] alcuni palatini e soldati, dopo aver conquistato tra molti pericoli il
presidio di una fortezza vicina, infine dopo tre giorni poterono riunirsi all'esercito 17. [15.] Mentre si
svolgevano questi fatti, Giuliano, coricato nella tenda, parlò a quanti lo circondavano scoraggiati e
mesti: « E giunto ora, compagni, il momento molto opportuno di lasciare questa vita, e io mi
rallegro, come un debitore puntuale, di restituirla alla natura che la reclama, non, come alcuni
pensano, afflitto e addolorato, ma convinto dalla concorde opinione dei filosofi di quanto l'aníma sia
più felice del corpo, e riflettendo che ogni volta che si lascia una condizione peggiore per una
migliore, ci si deve rallegrare piuttosto che rattristare. Inoltre, osservo anche questo, che persino gli
dèi celesti diedero la morte come sommo premio a uomini molto virtuosi 18. [16.] Io sono
assolutamente convinto che il dovere che mi è stato assegnato è quello di non soccombere, di
fronte ad ardue difficoltà, di non abbattermi mai o avvilirmi sapendo per esperienza che tutti i dolori,
come atterrano gli ignavi, così cedono di fronte ai forti. [17.] Non mi pento delle azi oni, né mi
opprime il ricordo di grave colpa; sia quando ero relegato nell'oscurità e nelle ristrettezze 19, sia
dopo aver assunto l'impero, ho serbato immacolato, come credo, il mio animo, considerandolo
originato, per così dire, da generazione celeste. I nfatti ho governato con grande moderazione le
questioni civili e ho intrapreso guerre offensive o difensive valutandone attentamente le ragioni,
sebbene il felice esito non concordi in ogni caso con l'utilità delle decisioni, poiché potenze
superiori dominano i risultati delle imprese. [18.] Ritenendo del resto che il fine di un giusto impero
sia la salvezza e il benessere dei sudditi fui sempre, come sapete, proclive alle decisioni più
pacifiche, eliminando dai miei atti ogni eccesso corruttore di azioni e di costumi; e me ne vado con
gioia, sapendo che ogni volta che lo stato, come un padre autorevole, mi ha esposto a pericoli
valutati, ho resistito fermamente al mio posto, abituato a schiacciare la volubilità della fortuna. [19.]
Né mi vergognerò a confessare che già da tempo appresi dalla predizione di una sicura profezía
che sarei morto di ferro 20. E per questo venero la divinità suprema, perché non muoio per
nascoste insidie, né per una lunga e penosa malattia 21, o con la fine dei condannati, ma perch è ho
meritato questa luminosa separazione dal mondo nel pieno corso di splendide glorie. Infatti, chi
brama la morte quando non occorre e chi la fugge quando è opportuna, è secondo un giudizio
giusto ugualmente pauroso e vile. [20.] Poiché le forze sfuggon o, basterà questo breve discorso.
Riguardo alla nomina del nuovo imperatore, taccio prudentemente per non trascurare, per
ignoranza un candidato degno, o, designando colui che considero capace, esporlo ad estremo
pericolo, se per caso gli viene anteposto u n altro. Ma come un onesto figlio dello stato, mi auguro
che si trovi dopo di me un buon sovrano » 22. [21.] Dopo queste parole serene, mentre distribuiva
come per estrema volontà i beni familiari agli intimi, chiamò Anatolio, il magister officiorum 23.
Avendogli risposto il prefetto Saluzio che Anatolio era stato fortunato 24, comprese che era stato
ucciso, e pianse dolorosamente la sorte dell'amico, egli che <con animo superiore> aveva
disprezzato la propria. [22.] E con autorità ancora intatta rimprovera va tutti i presenti che intanto
piangevano, dicendo che era meschino piangere un imperatore caro al cielo e alle stelle. [23.]
Quindi, mentre essi ormai tacevano, egli disputava in modo profondo con i filosofi Massimo e Prisco
sulla sublimità dell'anima 25; ma quando si aprì di più la ferita del fianco trafitto e il respiro gli fu
impedito dal gonfiarsi delle vene, dopo aver chiesto e bevuto dell'acqua fredda, nell'orrore della
notte profonda spirò serenamente. Aveva trentadue anni; era nato a Costantinopol i; era orfano fin
dall'infanzia per la morte del padre Costanzo 26 (travolto con molti altri, dopo il decesso del fratello
Costantino, nei torbidi causati dalla successione) e della madre Basilina, discendente da antica
nobiltà 27.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
127
8 Secondo Zonara (Sommario di Storia XIII 13) un giovinetto biondo san' apparso in sogno a Giuliano mentre
si trovava ancora ad Antiochia, annunciankl l'imminente morte in Frigia. Eutichiano (PHG IV 6, ed. Mitmt.r,rt),
uno dei partecipanti alla spedizione persiana, sostiene che il luogo dove fu colpito Giuliano si chiamava Asia.
9 Anche Zosimo (Storia Nuova Ill 29,2) segnala queste stesse perdite per i Persíani. Su Nohodares cfr. XIV 3,
1, nota 2. Su Merena cfr. qui 1, 11, nota 11
10. M. Claudio Marcello, console cinque volte, sconfisse gli Insubri a C!, dium (odierna Casteggio) nel 222
a.C., impadronendosi delle spoglie opime. Ccm stò Siracusa nel 212 a.C. (cfr. XXVIII 4,23); combatté contro
Annibale e fu ucciso in un'imboscata cartaginese nel 208 a.C., durante la seconda guerra punica. 1'1 (Storia
Naturale VII 92) riferisce che Marcello scese in campo di battaglia trenmu, volte.
11. Secondo Valerio Massimo (Detti o fatti nze°nzruzchili 111 2,24) L. Sicinio Denlutu, leggendario eroe
plebeo del V scc. u.C:., oltre a mm,erosissimi altri onori, ricevette otto corone d'oro, quattordici di quercia, tre
murali, un~ d'assedio. E ricordato Per il suo valore anche in XXVJI 10,1C,.
12 M. Sergio Silo, pretore nel 197 a.C:., antenato di Catilina, combatté streInwmente durante la seconda
guerra punica (cfr. Plinio, Storia Naturale VII 1041 Atnmiano lo ricorda per il suo coraggio anche in XXVII
10,16.
13 Lucio Sergio Catilina (108-62 a.C;.), autore della famosa congiura sventata siti Cicerone.
14 Anatolio era stato nominato nzagister o//iciomam da Giuliano nel 360, subito dopo la sua proclamazione
augustea (cfr. XX 9,8, nota 14).
15 Su Saturnino Secondo Saluzío cfr. XXII 3,1, nota 1.
16 Non altrimenti noto.
17 Su questo episodio Ammiano tornerù più avanti (cfr. qui 6,4), precisando rhr i soldati restati nella fortezza
erano sessanta.
18. Libanio (Orazioni XV11I 272-273; 296-297) riferisce in forma indiretta le uhime parole e raccomandazioni
di Giuliano agli amici ed esse appaiono molto vicine prr contenuto ai concetti qui esposti. Sia Ammiano che
Libanio descrivono la morte di Giuliano seguendo come modello il racconto di quella di Socrate fatto da 1' nel
Pedone. Probabilmente ha influito sul testo ammíaneo anche la narrazione cito degli ultimi istanti di vita di
Germanico' (Annali {1 71).
19. Allusione al periodo di relegazione che Giuliano trascorse insieme al ' Gallo a Macello (cfr. XV 2,7, nota
11).
20. L'apparizione del Genio dello stato con il capo velato in atteggiamesto e dimesso (cfr. qui 2,3) e la
profezia sul luogo della morte (cfr. qui C 9. v probabilmente non furono i soli presagi che Giuliano ebbe della
propria finc nente.
21 Giuliano aveva già espresso il desiderio di morire fermo a1 suo popieno esercizio delle sue funzioni,
piuttosto che di malattia (cfr. XXIV 3.7)
22 Libanio (Orazioni XVIII 273) riferisce che quando gli amici chiesero a Giuliano morente di nominare un
successore, non vedendo intorno nessuno che gli fosse simile, egli rimise la scelta all'esercito. Anche Aurelio
Vittore (Cesari 43,4) accenna alla preoccupazione di Gi uliano per il Pericolo che avrebbe potuto correre un
suo eventuale candidato all'impero.
23 Anatolio era caduto in quella stessa battaglia (cfr. qui S 14).
24 Il prefetto (lei pretorio risponde a Giuliano in modo trasparente: il termine óeatus ( - fortunato) è la
traduzione del corrispondente termine greco maccírios, con cui normalmente si indicava il defunto.
25 Su Massimo cfr. XXII 7,3, nota 5. Anche Prisco era filosofo della scuola neoplatonica di Pergamo, a capo
della quale era Edesio. Giuliano conobbe Prisco probabilmente durante il suo soggiorno ad Atene nel 355 (cfr.
Eunapio, Vite dei ,Sofi sti VII 1,14) e rimase legato a lui per tutta la vita da profonda amicizia, come attesta la
corrispondenza che ebbe con lui (cfr. Giuliano, Lettere, nn. 11, 12, 13 ). Giuliano, quando era ancora Cesare,
invitò Prisco in Gallia (cfr. Lettere, n. 13); più tardi, divenuto Augusto, lo chiamò alla corte di Costantinopoli
(cfr. Eunapio, Vite dei Solisti VII 4,3-7); da allora il filosofo rimase sempre accanto all'imperatore . Dopo la
morte di Giuliano, Prisco rientrò ad Antiochia (cfr. Libanio, Lettere, n. 142G). Durante l'impero di Valente fu
arrestato con Massimo c più tardi, rilasciato, ritornò in Grecia, dove riprese a insegnare (cfr. Eunapio, Vite dei
Sofisti VII 4,10-12). Morì probabilmente nel 395/36G.
26 Giulio Costanzo, fratellastro di Costantino 1 (cfr. XIV 11,27, nota 48).
27 Basilina, figlia del prefetto del pretorio Giulio Giuliano, che fu anc~.sole nel 325, nacque a Nicomedia c
ricevette un'educazione letteraria. 'Mor'i . nissima, pochi mesi dopo la nascita di Giuliano (cír. Giuliano,
Misopogortc - Era cristiana.
Trad. e note M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989, BCTV
Amm. Marc., 25,4. Ritratto dell’imperatore Giuliano [Testo latino Intratext]
1. Vir profecto heroicis connumerandus ingeniis, claritudine rerum et coalita maiestate conspicuus.
cum enim sint, ut sapientes definiunt, virtutes quattuor praecipuae, temperantia prudentia iustitia
fortitudo, eisque accedentes extrinsecus aliae, scientia rei militaris, auctoritas felicitas atque
liberalitas, intento studio coluit omnes ut singulas.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
128
2. Et primum ita inviolata castitate enituit ut post amissam coniugem nihil umquam venereum
agitaret: illud advertens, quod apud Platonem legitur, Sophoclem tragoediarum scr iptorem aetate
grandaevum interrogatum ecquid adhuc feminis misceretur, negantem id adiecisse, quod gauderet
harum rerum amorem ut rabiosum quendam effugisse dominum et crudelem.
3. item ut hoc propositum validius confirmaret, recolebat saepe dictum lyric i Bacchylidis, quem
legebat iucunde id adserentem quod ut egregius pictor vultum speciosum effingit, ita pudicitia
celsius consurgentem vitam exornat. quam labem in adulto robore iuventutis ita caute vitavit, ut ne
suspicione quidem tenus libidinis ullius vel citerioris vitae ministris incusaretur, ut saepe contingit.
4. Hoc autem temperantiae genus crescebat in maius iuvante parsimonia ciborum et somni, quibus
domi forisque tenacius utebatur. namque in pace victus eius mensura atque tenuitas erat recte
noscentibus admiranda, velut ad pallium mox reversuri, per varios autem procinctus stans interdum
more militiae cibum brevem vilemque sumere visebatur.
5. ubi vero exigua dormiendi quiete recreasset corpus laboribus induratum, expergefactus
explorabat per semet ipsum vigiliarum vices et stationum, post haec serias ad artes confugiens
doctrinarum.
6. et si nocturna lumina, inter quae lucubrabat, potuissent voces ullae testari, profecto ostenderant
inter hunc et quosdam principes multum interesse, quem norant voluptatibus ne ad necessitatem
quidem indulsisse naturae .
7. Dein prudentiae eius indicia fuere vel plurima, e quibus explicari sufficiet pauca. armatae rei
scientissimus et togatae, civilitati admodum studens, tantum sibi adrogans quantum a contemptu et
insolentia distare existimabat: virtute senior quam aetate: studiosus cognitionum omnium et
indeclinabilis aliquotiens iudex: censor moribus regendis acerrimus, placidus, opum contemptor,
mortalia cuncta despiciens, postremo id praedicabat, turpe esse s apienti, cum habeat animum,
captare laudes ex corpore.
8. Quibus autem iustitiae inclaruit bonis, multa significant, primo quod erat pro rerum et hominum
distinctione sine crudelitate terribilis, deinde quod paucorum discrimine vitia cohibebat, tum autem
quod minabatur ferro potius quam utebatur.
9. postremo ut multa praeteream, constat eum in apertos aliquos inimicos insidiatores suos ita
consurrexisse mitissime, ut poenarum asperitatem genuina lenitudine castigaret.
10. Fortitudinem certaminum crebritas ususque bellorum ostendit et patientia frigorum inmanium et
fervoris quoque. corporis munus a milite, ab imperatore vero animi poscitur. ipse trucem hostem
ictu confecit audacter congressus, ac nostros cedentes obiecto pectore suo aliquotiens cohibuit
solus: regnaque furentium Germanorum excindens et in pulvere vaporato Persidis augebat fiduciam
militis dimicans inter primos.
11. castrensium negotiorum scientiam plura declarant et nota: civitatum oppugnationes et
castellorum inter ipsos discriminum vertices, acies figura multiformi conpositae, salubriter et caute
castra metata, praetenturae stationesque agrariae tutis rationibus ordinatae.
12. auctoritas adeo valuit, ut dilectus artissime, dum timetur, ac si periculorum socius et laborum et
inter concertationes acerrimas animadverti iuberet in desides, et Caesar adhuc sine stipendio
regeret militem feris oppositum gentibus, ut dudum est dictum; adlocutusque tumentes armatos,
discessurum ad vitam minaretur privatam, ni tumultuare desisterent.
13. denique id pro multis nosse sufficiet: exhortatum eum simplici contione militem Gallicanum
pruinis adsuetum et Rheno, peragratis spatiis regionum extentis per tepentem Assyriam ad usque
confinia traxisse Medorum.
14. Felicitas ita eminuit ut ipsis quodammodo cerv icibus Fortunae aliquam diu bonae gubernatricis
evectus victoriosis cursibus difficultates superstaret inmensas. et postquam ex occidua plaga
digressus est, et quoad fuit in terris, quievere nationes omnes immobiles ac si quodam caduceo
leniente mundana.
15. Liberalitatis eius testimonia plurima sunt et verissima, inter quae indicta sunt tributorum
admodum levia, coronarium indultum, remissa debita multa diuturnitate congesta, aequata fisci
iurgia cum privatis, vectigalia civitatibus restituta cum fundis a bsque his, quos velut iure vendidere
praeteritae potestates, quodque numquam augendae pecuniae cupidus fuit, quam cautius apud
dominos servari existimabat, id aliquotiens praedicans Alexandrum Magnum, ubi haberet thesauros
interrogatum, «apud amicos» benivole respondisse.
16. Digestis bonis, quae scire potuimus, nunc ad explicanda eius vitia veniamus, licet dicta sint
carptim. levioris ingenii, verum hoc instituto rectissimo temperabat, emendari se cum deviaret a
fruge bona permittens.
17. linguae fusioris et admodum raro silentis, praesagiorum sciscitationi nimiae deditus, ut
aequiperare videretur in hac parte principem Hadrianum, superstitiosus magis quam sacrorum
legitimus observator, innumeras sine parsimonia pecudes mactans, ut aestimaretur, si revert isset
de Parthis, boves iam defuturos, Marci illius similis Caesaris, in quem id accipimus dictum:
hoi Boes hoi leukoi Markoi toi Kaisari chairein
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
129
an pali nikeseis, ammes apolometha.
18. Vulgi plausibus laetus, laudum etiam ex minimis rebus intemperans adp etitor, popularitatis
cupiditate cum indignis loqui saepe adfectans.
19. Verum tamen cum haec essent, aestimari poterat, ut ipse aiebat, vetus illa Iustitia, quam
offensam vitiis hominum Aratus extollit in caelum, eo imperante redisse rursus ad terras, ni
quaedam ad arbitrium agens interdum ostenderet se dissimilem sui.
20. namque et iura condidit non molesta, absolute quaedam iubentia fieri vel arcentia, praeter
pauca. inter quae erat illud inclemens quod docere vetuit magistros rhetoricos et grammaticos
Christianos, ni transissent ad numinum cultum.
21. illud quoque itidem parum ferendum quod municipalium ordinum coetibus patiebatur iniuste
quosdam adnecti vel peregrinos vel ab his consortiis privilegiis aut origine longe discretos.
22. Figura talis utique membrorum. mediocris erat staturae, capillis perquam pexis et mollibus,
hirsuta barba in acutum desinente vestitus, venustate oculorum micantium flagrans, qui mentis eius
argutias indicabant, superciliis decoris et naso rectissimo ore paulo maiore, la bro inferiore demisso,
opima et incurva cervice, umeris vastis et latis, ab ipso capite usque unguium summitates
liniamentorum recta conpage, unde viribus valebat et cursu.
23. Et quoniam eum obtrectatores novos bellorum tumultus ad perniciem rei communis insimulant
concitasse, sciant docente veritate perspicue, non Iulianum sed Constantinum ardores Parthicos
succendisse, cum Metrodori mendaciis avidius adquiescit, ut dudum rettulimus plene:
24. unde caesi ad internecionem exercitus nostri, capti militare s aliquotiens numeri, urbes excisae,
rapta munimenta vel diruta, provinciae gravibus inpensis exhaustae, et ad effectum tendentibus
minis cuncta petebantur a Persis ad usque Bithynos et litora Propontidis.
25. at in Galliis bellorum tenore gliscente, diff usis per nostra Germanis, iamque Alpibus ad
vastandam Italiam perrumpendis nihil, multa et nefanda perpessis hominibus, praeter lacrimas
supererat et terrores, ubi et praeteritorum recordatio erat acerba et expectatio tristior inpendentium.
quae omnia iuvenis iste ad occiduam plagam specie Caesaris missus, regesque pro mancipiis
agitans ignobilibus cuncta paene mira dictu celeritate correxit.
26. itaque ut orientem pari studio recrearet, adortus est Persas, triumphum exinde relaturus et
cognomentum, si consiliis eius et factis inlustribus decreta caelestia congruissent.
27. et cum sciamus experimento adeo quosdam ruere inprovidos, ut bella interdum victi et naufragi
repetant maria, et ad difficultates redeant, quibus succubuere saepissime, sunt qui reprehe ndant
paria repetisse principem ubique victorem. [Testo Latino Intratext]
1. Fu uomo assolutamente degno di essere annoverato gli eroi, ragguardevole per splendore di
imprese e per innata grandezza 1. Infatti, poiché, secondo la definizione dei filosofi le virtù
principali sono quattro: temperanza, prudenza, giustizia, fortezza 2, e altre esterne si aggiungono
ad esse, quali la conoscenza dell'arte della guerra, l'autorità personale, la fortuna e la generosità,
egli le coltivò tutte nel loro insieme e sin golarmente con molta intensità. [2.] Si segnalò in primo
luogo per una castità così assoluta, che dopo la perdita della moglie <risulta che egli non abbia
avuto> alcun rapporto amoroso 3, tenendo presente ciè che si legge in Platone, che il tragediografo
Sofocle, in età avanzatissima, alla domanda se frequentasse ancora le donne rispose di no,
aggiungendo di gioire interiormente per essere sfuggito a questa passione, come a un despota
furente e crudele 4. [3.] E ancora, per confermare più saldamente questa decisione, andava spesso
con la mente al detto del lirico Bacchilide, che egli leggeva con piacere, il quale sosteneva che,
come un egregio pittore dipinge un bel volto, così la castità adorna una vita che si eleva ad un
livello superiore 5. Egli evitò con tanta cura questo difetto nel pieno della giovinezza, che anche da
parte dei suoi servi addetti al servizio privato non si levò neppure un sospetto, come spesso
accade, di alcuna libidine 6 . [4.] Questa forma di temperanza si accresceva sempre più, favor ita
dalla moderazione nel cibo e nel sonno, che praticava tenacemente in pace e in guerra 7. Infatti, in
pace, la semplicità del suo modo di vivere e della sua mensa era degna di essere ammirata da
quelli che lo conoscevano bene, come se stesse per ritorna re al mantello del filosofo; durante le
diverse spedizioni lo si vedeva prendere poco e comune cibo, talvolta stando in piedi, secondo la
consuetudine militare. [5.] Quando poi con il riposo di un breve sonno aveva ristorato il corpo
temprato alle fatiche, appena desto, ispezionava personalmente i turni delle sentinelle e dei posti di
guardia: e dopo queste occupazioni pratiche, si rifugiava negli studi letterari. [6.] E se le lucerne,
alla luce delle quali vegliava lavorando, avessero potuto con qualche vo ce testimoniare, avrebbero
senza dubbio rivelato la profonda differenza che c'era tra questo e altri imperatori, poiché sapevano
che egli non si era abbandonato ai piaceri neppure per necessità naturale. [7.] Della sua prudenza
poi furono moltissimi i segni e basterà esporne pochi. Espertissimo di scienza militare e civile,
desideroso soprattutto di essere cittadino tra i cittadini, pretendendo per sé soltanto quanto riteneva
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
130
gli evitasse disprezzo e insolenza; più maturo di virtù che di anni 10, amante di tutte le scienze e
giudice talvolta inflessibile 11; censore rigorosissímo nel regolare i costumi 12, tranquillo
spregiatore delle ricchezze e di tutte le cose terrene 13, sosteneva infine questo, che è turpe per il
saggio cercare elogi per doti fisiciche, dal momento che possiede l'anima 14. [8.] I pregi di giustizia
cui fu famoso sono indicati da molti esempi 15: in primo luogo era temibile senza crudeltà, sapendo
distinguere bene situazioni e uomini; in secondo luogo reprimeva i vizi con pericolo di poch i; inoltre
minacciava la spada più di quanto la usasse. 9 In ultimo, per lasciare da parte molti altri esempi, si
sa che egli con così grande moderazione contro alcuni suoi nemici manifesti che lo insidiavano, da
mitigare con la sua naturale clemenza il rigore delle pene 16. [10.] La sua fortezza è mostrata dalla
frequenza dei combattimenti, dall'esperienza delle guerre e dalla resistenza all'eccesso del freddo e
del caldo. Ad un soldato si richiede una prestazione fisica, al comandante quella morale 17:
personalmente, andando all'attacco, annientò con un solo colpo un terribile nemico 18, e talvolta,
opponendo il proprio petto, trattenne da solo i nostri che cedevano; sia con la distruzione dei regni
dei feroci Germani, sia nel calore della polvere della Pe rsia, egli accresceva la sicurezza dei soldati
combattendo fra i primi. [11.] La conoscenza delle attività militari è attestata da molti e famosi
episodi: assalti di città e di fortezze in situazioni di estremo pericolo, schieramento di reparti in
battaglia in svariate disposizioni, accampamenti installati in modo utile e prudente, guarnigioni di
frontiera e picchetti di soldati nelle campagne, disposti con calcolata sicurezza. [12.] La sua autorità
ebbe tale forza che, amato profondamente e nello stesso te mpo temuto, come compagno di fatiche
e di pericoli, anche nelle più accanite battaglie ordinava di punire gli oziosi, e quand'era ancora
Cesare comandava soldati senza stipendio 19, opponendoli, come si è detto prima, a popoli feroci;
e parlando ai soldati in rivolta minacciava di ritirarsi a vita privata, se non avessero rinunciato alla
ribellione 20. [13.] Infine, invece di molti esempi, basterà questo, che egli esortando con un
semplice discorso i soldati gallici, abituati ai geli delle regioni renane, l i trascinò attraverso la calda
Assiria fino ai confini della Media, in una marcia attraverso estesissimi territori 21. [14.] La sua
fortuna risplendette a tal punto che, trasportato per così dire sulle stesse spalle della dea, per molto
tempo sua felice nocchiera, superò immense difficoltà con le sue campagne vittoriose 22. E dopo
che partì dalle regioni occidentali, finché fu su questa terra, tutti i popoli rimasero tranquilli e fermi,
come se li calmasse con una sorta di caduceo del mondo 23. [15.] Le pro ve della sua generosità
sono numerose e verítiere, tra le quali imposizioni tributarie assai basse 24, l'esenzione dal
coronarium 25, il condono di molti debiti accumulati da lungo tempo 26, l'equiparazione delle
contestazioni fiscali a quelle private, la restituzione alle città delle imposte insieme ai poderi,
eccetto quelli che le precedenti autorità avevano venduto legalmente 27; e poiché non fu mai
bramoso di accumulare ricchezze, che riteneva fossero più prudentemente custodite dai loro
padroni, talvolta ripeteva l'aneddoto di Alessandro Magno, che interrogato in qual luogo avesse i
suoi tesori, aveva risposto benevolmente: «Presso gli amici » 28. [16.] Dopo aver passato in
rassegna i pregi che abbiamo potuto conoscere, ora veniamo ad esporre i suoi dif etti, anche se ne
abbiamo già parlato per sommi capi. Era incostante di indole, ma correggeva questo difetto con il
fermo e giustissimo proposito di lasciarsi correggere quasi deviasse dalla via giusta 29. [17.] Di
lingua piuttosto sciolta, raramente resta va silenzioso; troppo dedito alla ricerca di presagi tanto che
sembrava eguagliare in questo aspetto l'imperatore Adriano 30, era superstizioso più che fedele
osservante delle pratiche religiose, e immolava senza risparmio innumerevoli animali, cosicché si
riteneva che, se fosse ritornato dai Parti, ormai sarebbero mancati i buoi, emulo di quel famoso
Marco Cesare, sul quale abbiamo appreso questo motto:
« I candidi buoi salutano Marco Cesare.
Se vinci di nuovo, noi siamo perduti! »; 31
[18.] Lieto del plauso della folla, eccessivamente bramoso di elogi anche per minimi fatti, per
smodato desiderio di popolarità spesso cercava di parlare con persone immeritevoli 32. [19.]
Tuttavia, pur stando così le cose, si sarebbe potuto pensare, com'egli stesso sostenev a, che sotto il
suo impero fosse ritornata sulla terra quella famosa antica Giustizia, di cui Arato racconta che salì
al cielo perché offesa dalle colpe degli uomini 33, se compiendo alcune azioni in modo arbitrario,
talvolta non si fosse dimostrato incoer ente. [20.] Infatti, anche le leggi che promulgò, le quali
nettamente comandavano o vietavano certe cose, non erano inopportune, tranne poche. Tra
queste, c'era quella spietata che proibì agli insegnanti di retorica e di grammatica cristiani di
insegnare, se non si fossero convertiti al culto degli dèi 34. [21.] Era ugualmente insopportabile il
fatto che permettesse che ingiustamente fossero aggregati alle assemblee dei magistrati municipali
alcuni, o stranieri, oppure esclusi da tale partecipazione per pri vilegi familiari o di nascita 35. [22.] Il
suo aspetto e la sua struttura fisica erano questi: era di media statura, aveva capelli morbidi e come
se fossero sempre pettinati, la barba ispida terminante a punta, scintillanti di bellezza gli occhi
ardenti, che rivelavano la prontezza della sua mente, sopracciglia ben disegnate, naso molto dritto,
bocca un po' troppo grande con il labbro inferiore pendente, collo tozzo e curvo, spalle robuste e
larghe, era di giusta complessione fisica dalla testa alla punta d elle unghie, per cui era vigoroso e
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
131
abile nella corsa 36. [23.] E poiché i suoi denigratori lo incolpano di aver provocato a danno del
bene comune eccezionali tumulti di guerra, sappiano, poiché lo dimostra chiaramente la verità, che
non Giuliano ma Costantino provocò l’incendio partico, quando acconsentì troppo avidamente alle
menzogne di Metrodoro, come abbiamo esaurientemente riferito prima 37. [24.] In seguito a ciò
furono sterminati i nostri eserciti, presi prigionieri alcuni reparti militari, abbattut e città,
saccheggiate o demolite fortezze, dissestate le province per le gravi imposizioni, mentre i Persiani,
volgendo le minacce ad effetto, reclamavano tutti i territori sino alla Bitinia e alle coste della
Propontide 38. [25.] E quando nelle Gallie si diffuse l'insolenza dei barbari e i Germani dilagarono
nei nostri territori ed erano ormai sul punto di forzare le Alpi per devastare l'Italia, nulla rimaneva a
uomini che avevano sopportato numerose e tremende sventure, eccetto le lacrime e la paura, dal
momento che il ricordo del passato era penoso e l'attesa di avvenimenti incombenti ancor più triste.
A tutte queste difficoltà rimediò con una rapidità stupefacente a dirsi, trattando i re come ignobili
schiavi, questo giovane, inviato nelle regioni setten trionali apparentemente come Cesare 39. [26.]
Perciò, per risollevare con analogo zelo l'Oriente, attaccò i Persiani e di qui avrebbe riportato
trionfo e soprannome 40, se i decreti divini si fossero conformati ai suoi progetti e alle sue nobili
imprese. [27.] Mentre sappiamo che alcuni imprevidenti sono abbattuti dall'esperienza, cosicché
talvolta vinti riprendono le guerre, naufraghi riprendono il mare, e ritornano alle difficoltà alle quali
spessissimo hanno dovuto piegarsi 41, ci sono alcuni che critica no un imperatore, ovunque
vincitore, per aver ripreso analoghe iniziative.
1. E’ l'ultimo elogio di Ammíano a Giuliano: quello funebre. Sull'importanza dí questo capitolo nelle
Storie cfr. Introduzione, pp. 60-62.
2. Sono le virtù che secondo la tradizione si richiedevano a un buon sovrano (cfr. Cicerone, Sul
comando supremo di Gneo Pompeo XXIV; I doveri 1,15, Dell'invenzione II 15,9; Diogene Larzio,
Raccolta delle vite e delle dottrine dei filosofi: VII 92; 94 -95), spesso ricordate nei panegirici
imperiali.
3. Elena, sorella di Costanzo II (cfr. XV 8,18, nota 22), era morta nel 360 (XXI 1,5). La castità di
Giuliano è lodata anche da Libanío (Orazioni, XVIII, 179.)e da Claudio Mamertino (Discorso di
ringraziamento all'imperatore Giuliano per il consolato Xl 13,3).
4 Cfr. Platone, Repubblica I 3296-c. L'episodio è riferito anche da Cicerone. (La veccbiaia XIV 47).
5 Il passo ammiamo è stato inserito tra i frammenti di Bacchilide (cfr Bacchilidis carmina cum
fragmentis post B. Snell ed. H. Maehler, Leipzig 1970,; fr. 38 (50).
6. Ammiano aveva elogiato con termini molto simili anche la castità di Costanzo (cfr. XXI 16,16).
7. La moderazione di Giuliano nel nutrirsi e nel dormire è ricordata più volte (cfr. XVI 5,3, nota 6; 4 5; XXI 9,2; qui 2,2-3).
8. Giuliano stesso elogia la sobrietà dei filosofi cinici (cfr. Orazioni VII 226a; IX 198d; 199d).
.9 L'attività letteraria notturna di Giuliano è stata già ricordata (XVI 5,6). L'imperatore stesso
riferisce di aver scritto di notte il discorso Alla Madre degli dèi (Or azioni VIII 178d) e l'Inno al Sole
(Orazioni XI 157c).
10. Giuliano, quando morì, aveva soltanto trentuno anni.
11. L'inflessibilità di Giuliano come giudice è stata sottolineata in XVIII 1,12, e in XXII 9,9, dove
Ammíano per questo lo paragona a Cassio e Licurgo.
12. Espressione di tale rigore furono la sua riforma della corte (cfr. XXII 4,910) e il tentativo di
ristrutturate l'organizzazione del clero pagano dando ad esso anche severe regole di carattere
morale (cfr. Giuliano, Lettere, nn. 84, 89a-b).
13. Questo disprezzo per la ricchezza lo rese molto generoso verso gli amici. Quando era ancora
Cesare donò al retore Evagrio un podere in Bitinia, ricevuto in eredità dalla nonna materna (cfr.
Giuliano, Lettere, n. 4). Libanio (Lettere, n. 369 riferisce che Giuliano, giunto al potere, si spogliò
del proprio patrimonio in favore degli amici. Sulla generosità di 14 Giuliano cfr. XXIV 3,5, nota 7.
14. Giuliano (Orazioni VII 226c) conferma questa sua indifferenza per il piacere fisico.
15. Esempi particolari del senso di giustizia di Giuliano sono stati illustrati in XVIII 7,1 -3; XXIV 3,2;
qui 1,8.
16. Per fare solo qualche esempio, Giuliano si mostrò clernente con Nebridio e lo salvò dall'ira dei
soldati (XXI 5,11-12); con Florenzio a cui, nonostante Ia fuga invi ò parenti e patrimonio (XX 9,5);
con Talassio, che aveva insidiato suo fratello Gallo (XXII 9,16 -17); e con Teodoto, che si era fatto
beffe di lui presso Costanzo (XXII 14,4-5). La clemenza, comunque, nei panegirici è considerata
una delle caratteristiche del buon sovrano.
17. Il pensiero qui espresso da Ammiano corrisponde a quello dello stesso Giuliano (Orazioni lII
86d-87d), secondo cui l'imperatore deve essere amico dei cittadini e dei soldati; deve sorvegliare e
imporre la disciplina a questi ultimi, esercitandoli al coraggio, alla forza, alla dolcezza, come cani di
buona razza; deve vedere in essi i compagni delle sue fatiche, i difensori del popolo. Egli dovrà
esortare e lodare i buoni soldati, li dovrà ricompensare o punire con fermezza inesorabile, in modo
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
132
da agire sia con la persuasione, sia con l'autorità. Inoltre l'imperatore, in quanto comandante
militare, deve essere infaticabile, duro come il diamante, frugale, calmo nelle situazioni difficili,
grave e severo in quelle solo apparentemente posit ive (cfr. GI., Orazioni 111 87d-88a-b).
18. Riferimento alla battaglia di Argentoratus e alla sconfitta del re Cnodomario.
1.9 Dal momento in cui egli fu inviato come Cesare in Gallia, i soldati non ricevettero più un
pagamento regolare (cfr. XVII 9,6, nota 6, e XX 8,8)
2.0 Cfr. XXIV 3,7, nota 9.
2.1 Erano gli stessi soldati, infatti, che si erano ribellati all'ordine di raggiungere in Oriente
Costanzo II nel 360 (cfr. XX 4,1 ss.).
22.. Ammiano ha già ricordato in XXII 9,1 il favore della Fortuna nei confro nti di Giuliano.
23. In un'altra occasione Ammiano ha rappresentato la Fortuna intenta a riversare su Giuliano
gloria e successi come da una cornucopia (efr. XXII 9,1). Ora con l'immagine del caduceo vuole
sottolineare che durante l'impero di Giuliano regn ò la pace universale. Il caduceo era una verga che
recava in alto due serpenti intrecciati simmetricamente e terminava con due ali spiegate. Era
simbolo di prosperità e di pace, e attributo degli araldi e di Mercurio in quanto messaggero di
Giove.
24. Giuliano iniziò da Cesare in Gallia ad applicare basse imposizioni fiscali (cfr. XVI 5,14; XVII 3,1 6; XVIII 1,1) e mantenne questa sua linea economica, anche dopo essere divenuto Augusto, nei
riguardi delle altre province (cfr. Giuliano, Misopogone 365b; 367d ; Lettere, n. 73).
25. L'aurum coronarium era un'imposta in origine volontaria, divenuta obbligatoria con il
consolidarsi dell'uso, che le città pagavano in oro all'imperatore in particolari ricorrenze, come
l'ascesa al trono, il giubileo del sovrano, o in occasione dei suoi trionfi. Il suo ammontare non era
fissato, ma era lasciato a discrezione delle città. Libanio (Orazioni XVIII 193) riferisce che
all'avvento di Giuliano al potere alcune città pagarono mille o duemila solidi o anche somme
superiori, ma che l’imperatore rimborsò l'eccedenza, fissando un massimo di settanta solidi.
L'imposta gravava particolarmente sui membri dei consigli civici e sui senatori. Giuliano (cfr. ( ce
Teodosiano XII 13,1) il 29 aprile 362 la riportò allo stato primitivo di off erta volontaria.
26. Esempio di remissione parziale di debiti è quello concesso da C'iull,n Traci (cfr. Giuliano,
Lettore, n. 73).
27 Infatti Giuliano decretò che le terre passate in proprietà dalla chic~. stato fossero restituite alle
città insieme con le loro entrate (cfr. CodiceTeod,, X 3,1; Libanio, Orazioni XIII 45; Lettere, n. 828;
Sozomeno, .Storia eccleizastica 3,2-3). Remissioni di questo genere, oltre al dono alla città di
Antiochia di terre appartenenti alla Res Privata, sono ricordate anche dall o stesso Giuliano
(Misopa:3G7d-370d).
28 Questo proverbio era noto già a Plauto (Il Truculento 885).
29 Cfr. XXII 10,3, nota 3.
30 Ammiano ha criticato anche il modo sconsiderato con cui gli Antiochu si erano dedicatí allo
studio dei presagi durante il soggiorno di Giuliano nella loro città . (cfr. XXII 12,7). L'autore della
Storia Augusta (Vita di Adriano 16,7) riferisce che questo imperatore si considerava tanto esperto
nell'astrologia, che all'inizio dell’anno aveva già scritto tutto ciò che gli sarebbe accaduto durante
l'anno stesso; questo fece sì che nell'anno della sua morte avesse scritto tutto ciò che avrebbe fatto
sino al momento della sua fine.
31 Non è nota la fonte a cui Ammíano attinge il giudizio su Marco Aurelio. La frequenza con cui
Giuliano compiva sacrifici è stata già criticata (cfr. XXII 12,6, nota 5); gli Antiocheni, per deridere
questo suo eccessivo zelo, lo avevano soprannominato «vittimario» (cfr. XXII 14,3, nota 6).
32 Questo difetto di Giuliano è stato già segnalato (cfr. XXII 7,3; 14,1).
3.3 Ripetizione quasi letterale di quanto detto in XXII 10,6 (cfr. anche al luogo la nota 5).
34. Sulla legge di Giuliano sull'insegnamento cfr. XXII 10, î, nota 6.
35. Ammiano ha già mosso critiche a questa disposizione di legge (cfr. XXI 12,23, n ota 16, e XXII
9,12, nota 24).
36 Gregorio di Nazianzo, che conobbe personalmente Giuliano quando studiava ad Atene (cfr. XV
2,8, nota 14), dà di lui una descrizione anche fisica così negativa da apparire caricaturale (cfr.
Orazioni V 23 ss.).
37. Il passo di Ammiano è andato perduto: l'episodio a cui qui si fa riferimento si può ricostruire
attraverso il racconto di Cedreno, storico bizantino della fine del XI sec., che forse attinse da
Ammiano (cfr. CSHB, t. 1, pp. 516-517). Egli narra che il filosofo Mctrodoro fece un viaggio in India
(probabilmente nel 326/37 durante il quale il re di quel paese gli consegnò dei gioielli da donare a
suo nome all’imperatore Costantino. Al ritorno diede i gioielli all'imperatore come suo dono
personale, aggiungendo che i Persiani gliene avevano rubati altri durante il viaggio. Costantino,
adirato da quella notizia, scrisse a Sapore e ruppe la pace.
38 Le pretese dei Persiani su territori sottoposti a protettorato romamespresse nella lettera del re
Sapore II all'imperatore Costanzo del 358 (cfr. XVI i 8 e le note 8e9).
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
133
39 Questa notazione è un nuovo attacco polemico contro Costanzo lI, accusato più volte da
Ammiano di avere inviato in Gallia Giuliano in una situazione di subalternità e di totale mancanza di
autonomia (cfr. XVI 7,3, nota 4; 11,13, no! XX 5,4).
40. Uno dei motivi per cui Giuliano intraprese la campagna persiana, secondo. Ammíano, era
proprio quello di aggiungere alla sua titolatura il cognome di Partico, - (cfr. XXII 12,2, nota 2).
4.1L'immagine dei naufraghi che riprendono il mare deriva probabilmente da Seneca, I benefici
1,1,10.
Trad. e note M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989, BCTV
Amm., 16, 5 Virtù del Cesare Giuliano [Testo latino Intratext]
1. Primum igitur factuque difficile temperantiam ipse sibi indixit atque retinuit tamquam adstrictus sumptuariis
legibus viveret, quas ex rhetris [Lycurgi id] et axonibus Romam translatas diuque observatas sed
senescentes paulatim reparavit Sylla dictator reputans ex praedictis Democriti, quod ambitiosam mensam
fortuna, parcam virtus adponit.
2. id enim etiam Tusculanus Cato prudenter definiens, cui Censorii cognomentum castior vitae indidit cultus
magna inquit cura cibi, magna virtutis incuria.
3. denique cum legeret libellum adsidue, quem Constantius ut privignum ad studia mittens manu sua
conscripserat, praelicenter disponens, quid in convivio Caesaris inpendi deberet: phasianum et vulvam et
sumen exigi vetuit et inferri, munificis militis vili et fortuito cibo contentus.
4. Hinc contingebat ut noctes ad officia divideret tripertita, quietis et publicae rei et musarum, quod factitasse
Alexandrum legimus Magnum; sed multo hic fortius. ille namque aenea concha supposita brachio extra
cubile protento pilam tenebat argenteam, ut cum nervorum vigorem sopor laxasset infusus, gestaminis lapsi
tinnitus abrumperet somnum.
5. Iulianus vero absque instrumento quotiens volvit evigilavit et nocte dimidiata semper exsurgens non e
plumis vel stragulis sericis ambiguo fulgore nitentibus, sed ex tapete et sisyra, quam vulgaris simplicitas
susurnam appellat, occulte Mercurio supplicabat, quem mundi velociorem sensum esse, motum mentium
suscitantem theologicae prodidere doctrinae: atque in tanto rerum defectu explorate rei publicae munera
curabat.
6. post quae ut ardua et seria terminata ad procudendum ingenium vertebatur, et incredibile, quo quantoque
ardore principalium rerum notitiam celsam indagans et quasi pabula quaedam animo ad sublimiora
scandenti conquirens per omnia philosophiae membra prudenter disputando currebat.
7. sed tamen cum haec effecte pleneque colligeret, nec humiliora despexit, poeticam mediocriter et
rhetoricam amavit ut ostendit orationum epistularumque eius cum gravitate comitas incorrupta et nostrarum
externarumque rerum historiam multiformem. super his aderat latine quoque disserendi sufficiens sermo.
8. si itaque verum est, quod scriptores varii memorant, Cyrum regem et Simonidem lyricum et Hippiam
Eleum sophistarum acerrimum ideo valuisse memoria, quod epotis quibusdam remediis id impetrarunt,
credendum est hunc etiam tum adultum totum memoriae dolium, si usquam reperiri potuit, exhausisse. et
haec quidem pudicitiae virtutumque sunt signa nocturna.
9. Diebus vero quae ornate dixerit et facete, quaeve in apparatu vel in ipsis egerit congressibus proeliorum,
aut in re civili magnanimitate correxerit et liberalitate, suo quaeque loco demonstrabuntur. IO. cum exercere
proludia disciplinae castrensis philosophus cogeretur ut princeps, artemque modulatius incedendi per
pyrricham concinentibus disceret fistulis, vetus illud proverbium clitellae bovi sunt inpositae: plane non est
nostrum onus Platonem crebro nominans exclamabat.
10. inductis quadam sollemnitate agentibus in rebus in consistorium ut aurum acciperent, inter alios quidam
ex eorum consortio, non ut moris est pansa chlamyde sed utraque manu cavata suscepit. et imperator
rapere inquit non accipere sciunt agentes in rebus.
11. aditus a parentibus virginis raptae, eum qui violarat convictum relegari decrevit. hisque indigna pati
querentibus, quod non sit morte multatus, responderat hactenus incusent iura clementiam, sed imperatorem
mitissimi animi legibus praestare severis decet.
12. egressurum eum ad expeditionem plures interpellabant ut laesi, quos audiendos provinciarum rectoribus
commendabat: et reversus, quid egerint singuli quaerens, delictorum vindictas genuina lenitudine mitigabat.
13. ad ultimum exceptis victoriis, per quas vastantes saepe incolumi contumacia barbaros fudit, quod
profuerit anhelantibus extrema penuria Gallis, hinc maxime claret, quod primitus partes eas ingressus pro
capitibus singulis tributi nomine vicenos quinos aureos repperit flagitari, discedens vero septenos tantum
munera universa conplentes: ob quae tamquam solem sibi serenum post squalentes tenebras adfulsisse
cum alacritate et tripudiis laetabantur.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
134
14. denique id eum ad usque imperii finem et vitae scimus utiliter observasse, ne per indulgentias quas
appellant tributariae rei concederet reliqua. norat enim hoc facto se aliquid locupletibus additurum, cum
constet ubique pauperes inter ipsa indictorum exordia solvere universa sine laxamento conpelli.
15. Inter has tamen regendi moderandique vias bonis principibus aemulandas barbarica rabies exarserat in
maius. I
16. utque bestiae custodum neglegentia raptu vivere solitae ne his quidem remotis adpositisque fortioribus
abscesserunt, sed tumescentes inedia sine respectu salutis armenta vel greges incursant, ita etiam illi
cunctis quae diripuere consumptis fame urgente agebant aliquotiens praedas; interdum antequam
contingerent aliquid, oppetebant. [Testo latino IntraText]
l. Dunque, per prima cosa, e non semplice da attuare, prescrisse a se stesso e mantenne la sobrietà, come
se vivesse con l'obbligo di osservare le leggi suntuarie 1, che trasferite a Roma dalle rhetrae di Licurgo (cioè
dalle tavole di legno) 2, furono a lungo rispettate e, quando stavano per cadere in desuetudine, furono a
poco a poco ristabilite dal dittatore Silla 3, il quale secondo i precetti di Democrito 4 riteneva che la fortuna
imbandisse un banchetto sontuoso, la virtù modesto. 2. Infatti anche Catone di Tusculo, che ricevette per il
suo virtuoso modo di vivere il soprannome di Censore, delineando saggiamente questo aspetto disse: «chi
molto cura il cibo, molto trascura la virtù » 5. [3.] Infine, pur leggendo assiduamente un libretto che Costanzo
aveva scritto di sua mano, in cui disponeva con eccessiva libertà che cosa si dovesse servire alla tavola del
Cesare quasi volesse educare un figliastro, Giuliano ordinò che non gli fossero preparati e imbanditi il
fagiano, la vulva e la mammella di scrofa, pago del nutrimento povero e occasionale dei soldati in servizio 6.
[4.] Da questa impostazione di vita derivava che dedicava la notte a tre diverse occupazioni: il riposo, gli
impegni di governo, le attività letterarie, come leggiamo soleva fare Alessandro Magno, ma Giuliano si
comportava con molta più fermezza. Alessandro, infatti, teneva con il braccio proteso fuori dal letto una palla
d'argento sotto cui era collocata una catinella di bronzo affinché quando il sonno, diffondendosi, toglieva
forza ai muscoli, il tintinnare dell'oggetto caduto lo svegliasse 7. [5.] Giuliano, invece, senza alcuno
strumento, si svegliava ogni volta che voleva. Si alzava sempre a metà della notte, non da un letto di piume
o da coperte di seta splendenti di riflessi cangianti, ma da un tappeto e da una rozza pelle, che il semplice
linguaggio popolare chiama « susurna » 8, e invocava segretamente Mercurio, che le dottrine teologiche
tramandarono fosse il rapido pensiero del mondo che sveglia l'attività intellettuale 9; quindi si occupava con
competenza, pur in tanta ristrettezza di mezzi [...] dello stato. [6.] Dopo aver terminato questi impegni, che
considerava ardui e importanti, si dedicava a perfezionare la propria mente; ed è incredibile con quale e con
quanto ardore, aspirando ad una elevata conoscenza delle principali questioni, e quasi ricercando un
pascolo al suo animo proteso sempre più in alto, con sagge dísquisizioni percorresse tutti i rami della
filosofia. [7.] Tuttavia, pur raggiungendo una conoscenza profonda ed esauriente in questo campo, non
trascurò alcune discipline più modeste, occupandosi con giusta misura di poesia I' e di retorica, come mostra
lo stile piacevole ed estremamente dignitoso delle sue orazioni e delle lettere, e di diverse ricerche di storia
romana e di altri popoli 11. Oltre a ciò, aveva una discreta padronanza della lingua latina 12. [8.] Se quello
che narrano diversi scrittori è vero, e cioè che il re Ciro, il lirico Simonide e Ippia di Elide, il più perspicace dei
sofisti, avevano un'eccezionale memoria, perché l'avevano ottenuta con certe pozioni, si deve credere che
Giuliano, già adulto, abbia bevuto fino in fondo dalla giara della memoria, ammesso che la si potesse trovare
in qualche luogo 13. Queste sono le prove della sua morigeratezza e delle sue virtù date di notte. [9.]
Quanto al giorno, le conversazioni che con garbo ed eleganza teneva, i preparativi e i suoi interventi
personali nelle azioni di guerra, le sue riforme nell'amministrazione civile, compiute in modo magnanimo e
liberale, saranno illustrati ad uno ad uno a1 momento opportuno. [10.] Essendo costretto, egli che era
filosofo, ad esercitarsi in quanto principe nell'arte militare e ad apprendere a muoversi con passo cadenzato
secondo i ritmi della danza pirrica al suono dei flauti, citando Platone, ripeteva ad alta voce l'antico
proverbio: « E stato posto il basto al bue; certo non è fardello adatto a noi» 14. [11.] Quando, in occasione di
una festa, furono introdotti in concistoro per suo ordine alcuni agentes in rebus per ricevere insieme ad altri
del denaro, uno di loro non lo prese, come è consuetudine, nella clamide spiegata, ma nella cavità delle
mani. Allora l'imperatore esclamò: « Gli agentes in rebus sanno arraffare, non ricevere » 15. [12.] Un'altra
volta, ricevuti in udienza í genitori di una fanciulla rapita, decretò che colui che l'aveva violentata, giudicato
colpevole, fosse condannato alla relegazione. E poiché essi lamentavano di subire ingiustizia, perché il
colpevole non veniva condannato a morte, egli rispose soltanto: « Le leggi rimproverino pure la mia
indulgenza, ma conviene che un imperatore clementissimo si collochi al di sopra delle leggi ». [13.] Sul punto
di partire per una spedizione, molti si appellavano a lui per aver subìto dei torti: egli li affidava ai governatori
delle province perché li ricevessero in udienza; al suo ritorno chiedeva conto a ciascuno del suo operato e
con la sua naturale clemenza mitigava le pene comminate per le colpe. [14.] Infine, lasciando da parte le
vittorie, con cui sbaragliò i barbari che nonostante le sconfitte spesso non perdevano la loro arroganza,
quanto abbia aiutato i Galli stremati da una gravissima carestia appare in modo particolarmente chiaro dal
fatto che, al suo primo arrivo in quelle regioni, trovò che si imponeva a ciascuno a titolo di tributo di pagare
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
135
venticinque aurei, mentre, alla sua partenza, soltanto sette aurei bastavano a soddisfare l'intera imposizione
fiscale`: per questi motivi i provinciali díedero sfogo alla gioia con esultanza e danze di tripudio, come se per
loro, dopo le tenebre desolate, fosse tornato a splendere un bel sole 17. [15.] Infine, sappiamo che egli fino
al termine della sua vita e del suo impero osservò con vantaggio il principio di non condonare gli arretrati in
materia di tributi per mezzo del procedimento detto «delle indulgenze» 18. Sapeva infatti che con questo
mezzo avrebbe accresciuto il patrimonio dei ricchi, poiché risultava che i poveri ovunque sono costretti a
pagare senza indulgenza tutti i loro tributi, non appena veniva promulgata l'ordinanza. [16.] Mentre praticava
questi principi di governo, degni di essere imitati da imperatori saggi e virtuosi, si era riaccesa e si
accresceva la ferocia dei barbari. [17.] E come gli animali selvatici, abituati a vivere di rapine a causa della
negligenza dei guardiani, non abbandonano questa abitudine, anche se questi vengono allontanati e sono
sostituiti da altri più energici, ma resi rabbiosi dalla fame, incuranti della propria vita, si gettano su mandre e
greggi, così anche i barbari, dopo aver consumato tutto ciò che avevano saccheggiato, spinti dalla fame,
qualche volta riuscivano a fare del bottino, ma talaltra morivano prima di toccare qualcosa.
1.Erano leggi volte a frenare il lusso eccessivo nella vita dei cittadini. Una delle più antiche fu la legge Oppia
sunniaría del 215 a.C., che limitava ]'uso di gioielli, di vesti ricercate, di mezzi di trasporto per le donne e
delle spese per leste e banchetti; ad essa seguirono la legge Valcria Fundania (181 a.C.), la legge f'annia
(1G7 a.C.), lo lcgge Emilia (115 a.C.), la legge Cornelia (79 a.C:.) c le legge Giulia (4G a.(:.).
2 Forse Ammiano, a causa di una lettura affrettata della storia delle leggi suntuarie in Aulo C=cllio (Notti
Atticl e II 24) e di un altro passo dello stesso autore (Il 15,2), ha confuso le rethrae, leggi orali formulate da
Licurgo per ispirazione dell'oracolo di Delfi (cfr. anche Plutarco, V'ita di Lieurgo 5,13), con le leggi di Solone,
scritte, secondo la tradizione, su -assi di legno (axes); per queste leggi soloniane (cfr. Plutarco, 1'ita di
.Solone 25).
3 Con la legge Cornelia del 79 a.C. (cfr. Aulo Gellio, Notti Attiche II 24,11).
5 Democríto di Abdera visse nella seconda metà del V secolo a.C.; Cicerone (Discussioni I'usculane V
39,115) riferisce che abbandonò terre e patrimonio per (ledicarsi con tutta l'anima alla filosofia.
6 Questa massima è accolta tra i frammenti di Catone da N. Jordan (Dicta Catortis cit., fr. 78, p. 110. Il
soprannome di Censore per Catone il vecchio era ormai divenuto proverbiale.
6 La temperanza di Gíuliano nel cibo e nel sonno è lodata anche in XXV 4,4G. Le antiche leggi suntuarie,
secondo Plinio (Storia Naturale VIII 209), vietavano il consumo delle parti di carne di maiale, di cui Giuliano
rifiutava di nutrirsi.
7 Non sappiamo da quale autore Ammíano abbia tratto questo aneddoto su Alessandro Magno.
8 Questo termine è probabilmente la volgarizzazione del greco sisvr'a, usato da Aristofane (Uccelli 122, e
Rane 1459) per indicare un rozzo saio. Ammiano, che leggeva la sua opera ad un pubblico colto (cfr.
Introduzione, p. 11), sentiva talvolta lanecessità di spiegare termini del linguaggio militare, forse pensando
che fossero poco familiari ai suoi ascoltatori (qui 12,49; XVII 13,9; XXI 16,21; XXIII 4,4 e 7; XXV 10,8; XXXl
15,12).
9 Giuliano (Orazioni XI 150d) identificava Ermes (cioè Mercurio) con Helios (il Sole), divinità a cui prestava
culto e in onore della quale scrisse anche un discorso (Orazioni XI).
10 Di queste sue composizioni poetiche rimangono soltanto pochi frammenti (cfr, L'Empereur Julien,
Oeuvres complètes I 2, Lettres et frczgmerrts, ed. ). Bmf.z, pp. 209-217, Paris 1960=).
11 Le Orazioni e le Lettere private e pubbliche di Cìiuliano giunte sino a noi, e raccolte in quattro volumi
(L'Empereur Julien, Discorers de Julien César I 1, ed. J. BInr.z, Paris 1932; Lettres et fragrzzenís I 2, ed. J.
Btnrz, I?aris 1960=; Discours de Ju lien L'Srnpereur Il 1, ed. G. RoctteFOR'r, Paris 1963: Discnurs de ]ulierr
Emper'eur II 2, ed. C. L,\( onaHttnni, Paris 19C,4), sono state utilizzate, insieme ad altre andate perdute, da
Ammiano come fonte per la sua opera (cfr. Introduzione, pp. 84-86). Gli scritti di Giuliano, in quanto
testimonianza diretti del pensiero e dell'azione dell'imperatore, costituiscono per noi un documento di
eccezionale valore. Purtroppo le opere storiche da lui composte, tra cui quella in cui narrava le sue
campagne galliche, sono andate perdute; e il Contra Galileos (Iuliani imperatoris, lifrrorzrm contra
Christianos yzaae supersunt, a cura di C.J. Nx:unnnvN, 1,eípzig 1880) è giunto frammentario.
12 Giuliano, che abitualmente parlava e scriveva in greco, dovette per necessità imparare il latino per
comunicare con l'esercito. In una lettera scritta dalla Gallia a due suoi compagni di studi lamenta di essersi
barbarizzato a tal punto (la stupirsi di riuscire ancora a parlare nella sua lingua materna (cfr. Giuliano,
Lettere, n. 8).
13 Quintiliano cita, tra gli esempi di persone dotate di eccezionale memoria, quello di Ciro, che aveva fama
di ricordare il nome di tuni i suoi soldati (Istituzione Oratorza XI 2,50), quello di Simonide, inventore dell'arte
della memoria (XI 2,11), mentre ricordi Ippia di Elide per la sua liberalità (XII 11,21)- Animiano potrebbe aver
tratto í suoi esempi da questa o da un'opera analoga.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
136
14 La pirrica era una danza di guerra, che aveva anche un valore sacrale: Platone (Leggi VII 814e-815b) la
considera fra le danze di tipo onesto (ghc7sos spoudaîort). Il proverbio, di origine greca, che Ammiano
attribuisce a Platone a noi è giunto in latino attraverso Cicerone (Lettere ad Attico V 15,3)_
15 Secondo il cerimoniale ci si doveva presentare davanti all'imperatore con le mani coperte. Sul concistoro
cfr. XIV 7,71, nota 19.
16 L'aureo, chiamato anche solido, era una moneta d'oro che nel IV secolo aveva il valore di 100 sesterzi.
Nel 357 Giuliano rifiutò di sanzionare un'imposta addizionale da imporre alle Gallie, proposta dal prefetto del
pretorio Florenzio, di mostrando, sulla base della contabilità, che l'indizione ordinaria era più che sufficiente,
ed entrando così in aperto contrasto con lui. La questione finì davanti a Costanzo lI, che alla fine concesse al
Cesare dì dirigere personalmente l'esazione nei territori della Belgica Seconda, cosa che egli fece con
successo, riuscendo a riscuotere l'intero ammontare (XVII 3,1).
17.II tripudio (danza sacra che i sacerdoti Salii, il cui sodalizio si faceva risalire ai tempi di Numa Pompilio,
celebravano ogni anno il 1° marzo) qui sta a indicare la manifestazione di una sfrenata gioia barbarica.
L'immagine del sole che torna a splendere si addice perfettamente a Giuliano, fedele cultore della divinità
solare e discendente di una dinastia tradizionalmente legata al culto del Sole, a partire da Costanzo Cloro e
dallo stesso Claudio il Gotico.
18 L'uso era di accumulare tributi arretrati, che poi venivano periodicamente cancellati con una indulgenza
generale, rimediando al conseguente deficit con imposizioni straordinarie. Una legge del 13 marzo 362 (cfr.
Codice 1'eodosiano XI 28,1), promulgata da Giuliano ormai divenuto Augusto, proibì di esigere nuove
contribuzioni dai provinciali e nello stesso tempo di rimettere loro debiti senza la sua autorizzazione.
Trad. e note di M. Caltabiano, Rusconi 1989, BCTV.
cf. Hier., ep., 6, 123.
Bibliografia
F. Eyssenhardt, ed. minor, Berolini: F. Vahlen, 1871
V. Gardthausen, Leipzig, Teubner, 1874-1875
W. Seyfarth, Leipzig 1978
Rerum gestarum libri qui supersunt, ed. Wolfgang Seyfarth, Liselotte Jacob-Karau, Ilse Ulmann
Vol. I. Libri XIV - XXV. 1999 (anast. Lepzig 1978).
Vol. II. Libri XXVI - XXXI. 1999 (anst. Leipzig 1978).
Histoires
Sous la direction de J. Fontaine.
T. I: Livres 14-16, ed. E. Galletier, 1968, 1978.
T. II: Livres XVII-XIX. ed. G. Sabbah. (1970) riv. 19892.
T. III: Livres XX-XXII. ed. J. Fontaine, Ed.Frézouls, J.-D. Berger. 1996.
T. IV,1 Livres 23-25, ed. J. Fontaine, 1977,19872;
T. IV,2 Livres 23-25, ed. J. Fontaine, 1977,19872;
T. V: Livres XXVI-XXVIII. ed. M. A. Marié. 1984.
T.VI: Livres XXIX-XXXI. ed. G.Sabbah, L.Angliviel de la Beaumelle. 1999.
controllo e compl.
3 voll., Tr. J. C. Rolfe, London - Cambridge Mass.
vol. I.: XIV-XIX, 1935/riv. 19506; vol.II.: XX-XXVI, 19405; vol.III.: XXVII-XXXI. Excerpta Valesiana
19396.
Istorie, Poeti e Prosatori latini (2-5). A cura di Anna Resta Barrile, 1973-77, 1990-1992.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
137
A. Selem, Torino, Utet, 1965, 19732, 1987.
M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989.
G. Viansino, Milano, Mondadori, 2001, 2002. 3 voll. 1, 14-17; 2, 18-24; 3 25-31
A. Selem, Milano, TEA, 1994, 2 voll.
Strumenti
Index verborum Ammiani Marcellini Ed. Maria Chiabò. 2 voll., Hildesheim 1983.
Ammiani Marcellini rerum gestarum Lexicon. Collegit Ioannes Viansino. 2 voll., Hildesheim 1985.
Studi
S. Jannaccone, Ammiano Marcellino, Napoli 1960.
L.D. Reynolds, Texts and transmission. A Survey of the latin Classics, Oxford 1983, pp. 6-8. (L.D.
Reynolds).
I. Lana, Ammiano Marcellino, in Storia della civiltà greca e latina, 3, Torino, Utet, 1998, pp.508-16.
Neri V. Ammiano e il cristianesimo €. 13,50 ????
Intratext
Rerum gestarum Libri
LAT0121
BTL3= Ammianus Marcellinus s. IV Rerum gestarum libri qui supersunt - s. 4 p.c. - prosa
LLA 638 - TLL AMM.
Teubner (W. Seyfarth, L. Jacob-Karau, I. Ulmann, 1978)
ICCU
Ammianus Marcellinus, 6: Livres 29.-31. / Ammien Marcellin; index general, introduction, texte et traduction
par Guy Sabbah; notes par Laurent Angliviel de la Beaumelle, Paris: Les belles lettres, 1999, Collection des
universites de France. Ser.latine
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
3: Libri 25.-31. / Ammiano Marcellino; testo critico, traduzione e commento a cura di Giovanni Viansino,
Milano: Oscar Mondadori, 2002, Classici greci e latini
Fa parte di: Storie / Ammiano Marcellino; testo critico, traduzione e commento a cura di Giovanni Viansino
1: Libri 14.-17. / Ammiano Marcellino, Milano: Oscar Mondadori, 2001, Classici greci e latini
Fa parte di: Storie / Ammiano Marcellino; testo critico, traduzione e commento a cura di Giovanni Viansino
Philological and historical commentary on Ammianus Marcellinus 24. / by J. den Boeft ... [et al], Leiden [etc.]:
Brill, 2002
2: Libri 18.-24. / Ammiano Marcellino; testo critico, traduzione e commento a cura di Giovanni Viansino,
Milano: Mondadori, 2001
Fa parte di: Storie / Ammiano Marcellino; testo critico, traduzione e commento a cura di Giovanni Viansino
Marcellini Rerum gestarum libri qui supersunt / edidit Wolfgang Seyfarth; adiuvantibus Liselotte Jacob-Karau
et Ilse Ulmann
Edizione: Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1999, 2 v
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Note Generali: Ed. stereotypa ed. 1. (1978) Comprende: 1.: Libri 14.-25 - 2.: Libri 26.-31
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
138
Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem, Torino: Unione tipografico-editrice torinese,
c1993, Classici latini
Note Generali: testo orig. a fronte
3: Livres 20.-22. / Ammien Marcellin; texte etabli, traduit et annote par Jacques Fontaine; avec la
collaboration de E. Frezouls et J.-D. Berger, Paris: Les belles lettres, 1996, Collection des universites de
France. Ser.latine
Sources d'histoire romaine: 1. siecle av. J.-C., debut du 5. siecle apr. J.-C. / Ammien Marcellin ... [et al.];
sous la direction de Christophe Badel, Xavier Loriot, Paris: Larousse, [1993], Textes essentiels
Le Storie / Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem, Milano: TEA, 1994
Descrizione fisica: 2 v.; 20 cm.
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Comprende: 1: Libri 14.-22. / Ammiano Marcellino; a curadi Antonio Selem
2: Libri 23.-31. / Ammiano Marcellino; acura di Antonio Selem
1: Libri 14.-22. / Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem, Milano: TEA, 1994, I classici greci e latini
TEA
Fa parte di: Le Storie / Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem
2: Libri 23.-31. / Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem, Milano: TEA, 1994, I classici greci e latini
TEA
Fa parte di: Le Storie / Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem
2: Libri 19.-23. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, stampa 1992
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
1: Libri 14.-18. / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna:
Zanichelli, stampa 1990
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
Riferimenti normativi e prospettive giuspubblicistiche nelle Res gestae di Ammiano Marcellino / a cura di
Marialuisa Navarra, Milano: A. Giuffre, 1994, Materiali per una palingenesi dellecostituzioni tardo-imperiali.
Ser. 1
Viansino, Giovanni, Ammiani Marcellini Rerum gestarum lexicon / collegit Ioannes Viansino, Hildesheim
[etc.]: Olms: Weidmann, 1985, Alpha-omega. Reihe A, Lexika, Indizes,Konkordanzen zur klassischen
Philologie
Comprende: 1: A-K / collegit Ioannes Viansino 2: L-Z / collegit Ioannes Viansino
4.1: Livres 23.-25. / Ammien Marcellin; texte etabli et traduit par Jacques Fontaine
Edizione: 2. tir, Paris: Les belles lettres, 1987 Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
4.2: Livres 23.-25 / Ammien Marcellin; commentaire par Jacques Fontaine
Edizione: 2. tir, Paris: Les belles lettres, 1987 Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem, Torino: Unione tipografico-editrice torinese,
1987, Classici latini; 19 Note Generali: Testo latino a fronte
2: Livres 17.-19. / Ammien Marcellin; texte etabli, traduit et annote par Guy Sabbah
Edizione: 2. tirage revu et corrige,, 1989 Fa parte di: Histoire
Storie / Ammiano Marcellino; a cura di Matilde Caltabiano, Milano: Rusconi, 1989, I classici di storia
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Istorie / Ammiano Marcellino; Testo latino Traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: Zanichelli,
1982-1984
Descrizione fisica: 4 v. (382; 366; 338; 276 p.); 20 cm., Prosatori di Roma Note Generali: Testo latino a
fronte
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
139
Ammianus Marcellinus: a selection with introduction, notes and commentary / by Roger Blockley, Bristol:
Bristol Classical Press, c1980
5: Livres 26.-28. / Ammien Marcellin; texte etabli traduit et annote par Marie Anne Marie, Paris: Les belles
lettres, 1984 - Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
Istorie romana / Ammianus Marcellinus; studiu introductiv, traducere, note si indice David Popescu, [S.n.t],
1982
Lingua di pubblicazione: rom
1: Libri 14.-18. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, stampa 1982
Note Generali: Trad. italiana a fronte
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
2: Libri 19.-23. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, stampa 1984
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
3: Libri 24.-28. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, stampa 1981
Note Generali: Trad. italiana a fronte.
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
4: Libri 29.-31. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, stampa 1984
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
1: Livres 14.-16. / Ammien Marcellin; texte etabli et traduit par Edouard Galletier; avec la collaboration de
Jacques Fontaine
Edizione: 2. tirage, Paris: Les belles lettres, 1978 Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
4.2: Livres 23.-25. / Ammien Marcellin; commentaire par Jacques Fontaine, Paris: Les belles lettres, 1977
Descrizione fisica: 302 p., <4> c. di tav.; 20 cm.
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
Selem, Antonio, Giuliano l'Apostata nelle Storie di Ammiano / a cura di Antonio Selem; traduzione italiana di
Maria Chiabo, Roma: Edizioni dell'Ateneo & Bizzarri, [1979], Nuovi saggi
2: Libri 19.-23. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, 1979
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
4.2: Livres 23.-25. / Ammien Marcellin; commentaire / par Jacques Fontaine, Paris: Les Belles Lettres, 1977
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
4: Libri 29.-31. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, stampa 1976
Note Generali: Trad. italiana a fronte.
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem
Edizione: 2. ed. riveduta, Torino: UTET, stampa 1976, Classici latini
4: Libri 29.-31, Bologna: Zanichelli, 1976
Descrizione fisica: 276 p.; 16.
Note Generali: Testo latino con trad. italiana a fronte.
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
3: Libri 24.-28. / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N.
Zanichelli, 1974
Fa parte di: Istorie
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
140
Das romische Weltreich vor dem Untergang / Ammianus Marcellinus; samtliche erhaltene Bucher ubersetzt
von Otto Veh; eingeleitet und erlautert von Gerhard Wirth, Zurich: Artemis, 1974, Die Bibliothek der alten
Welt. Romische Rehie
Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N. Zanichelli,
1973- . Comprende: 4: Libri 29.-31
Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N. Zanichelli,
1973- . Comprende: 3: Libri 24.-28.
Giuliano e il paganesimo morente: Antologia dalle Storie / Ammiano Marcellino; a cura di Tullio Agozzino;
con un saggio di Guido Piovene, Torino: Paravia, 1972, Civilta letteraria di Grecia e di Roma.Autori. Serie
latina; 28
Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem
Edizione: 2. ed. riv, Torino: Unione tipografico-editrice torinese, 1973, Classici latini
Note Generali: Trad. italiana a fronte.
Istorie / testo latino traduzione e note di Anna Resta Barrile..., Bologna: N. Zanichelli, 1973
Descrizione fisica: 2 v.; 19 cm
Note Generali: In testa al front.: Ammiano Marcellino .
Comprende: Vol. 1: Libri 14.-18. Vol. 2: Libri 19.-23.
Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem, 2. ed. riveduta., 1973
Descrizione fisica: 1166 p., [11] c. di tav.: ill.; 24 cm., Classici latini
Note Generali: Testo latino a fronte.
2: Libri 19.-23. / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N.
Zanichelli, 1973
Note Generali: Testo orig. a fronte Fa parte di: Istorie
1: Libri 14.-18. / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna:
Zanichelli, 1973
Note Generali: Testo orig. a fronte
Fa parte di: Istorie
Piganiol, Andre, Il sacco di Roma: quadro generale / di Andre Piganiol; testi di Ammiano Marcellino ... [et al.],
Novara: Istituto Geografico De Agostini, stampa 1971, Testimonianze storiche
Note Generali: Trad. di R. Pela.
Altri titoli collegati: [Titolo originale] Le sac de Rome.
2: Livres 17.-19. / Ammien Marcellin; texte etabli, traduit et annote par Guy Sabbah, Paris: Les belles lettres,
1970
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
1: Livres 14.-16. / Ammien Marcellin; texte etabli et traduit par Edouard Galletier; avec la collaboration de
Jacques Fontaine
Edizione: 2. tirage, Paris: Les belles lettres, 1978
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
4.1: Livres 23.-25. / Ammien Marcellin; texte etabli et traduit par Jacques Fontaine, Paris: Les belles lettres,
1977
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
Nomi: Ammianus Marcellinus
Ammianus Marcellinus: a selection with introduction, notes and commentary / by Roger Blockley, Bristol:
Bristol Classical Press, c1980
4.2: Livres 23.-25. / Ammien Marcellin; commentaire par Jacques Fontaine, Paris: Les belles lettres, 1977
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
141
Selem, Antonio, Giuliano l'Apostata nelle Storie di Ammiano / a cura di Antonio Selem; traduzione italiana di
Maria Chiabo, Roma: Edizioni dell'Ateneo & Bizzarri, [1979], Nuovi saggi
2: Libri 19.-23. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, 1979
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
Ammianus Marcellinus, 4.2: Livres 23.-25. / Ammien Marcellin; commentaire / par Jacques Fontaine, Paris:
Les Belles Lettres, 1977
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
4: Libri 29.-31. / Ammiano Marcellino, Bologna: Zanichelli, stampa 1976
Note Generali: Trad. italiana a fronte.
Fa parte di: Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile
Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem
Edizione: 2. ed. riveduta, Torino: UTET, stampa 1976
4: Libri 29.-31. / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N.
Zanichelli, 1976
Note Generali: Testo orig. a fronte
Fa parte di: Istorie
3: Libri 24.-28. / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N.
Zanichelli, 1974
Note Generali: Testo orig. a fronte
Fa parte di: Istorie
Das romische Weltreich vor dem Untergang / Ammianus Marcellinus; samtliche erhaltene Bucher ubersetzt
von Otto Veh; eingeleitet und erlautert von Gerhard Wirth, Zurich: Artemis, 1974, Die Bibliothek der alten
Welt. Romische Rehie
Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N. Zanichelli,
1973- .
Comprende: 4: Libri 29.-31
Istorie / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N. Zanichelli,
1973- .
Comprende: 3: Libri 24.-28.
Giuliano e il paganesimo morente: Antologia dalle Storie / Ammiano Marcellino; a cura di Tullio Agozzino;
con un saggio di Guido Piovene, Torino: Paravia, 1972, Civilta letteraria di Grecia e di Roma.Autori. Serie
latina; 28
Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem
Edizione: 2. ed. riv, Torino: Unione tipografico-editrice torinese, 1973, Classici latini
Note Generali: Trad. italiana a fronte.
Istorie / testo latino traduzione e note di Anna Resta Barrile..., Bologna: N. Zanichelli, 1973
Descrizione fisica: 2 v.; 19 cm
Note Generali: In testa al front.: Ammiano Marcellino .
Comprende: Vol. 1: Libri 14.-18.
Vol. 2: Libri 19.-23.
Ammianus Marcellinus, Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem, 2. ed. riveduta., 1973,
Classici latini Note Generali: Testo latino a fronte.
2: Libri 19.-23. / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna: N.
Zanichelli, 1973 Note Generali: Testo orig. a fronte
1: Libri 14.-18. / Ammiano Marcellino; testo latino, traduzione e note di Anna Resta Barrile, Bologna:
Zanichelli, 1973 Note Generali: Testo orig. a fronte
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
142
Piganiol, Andre, Il sacco di Roma: quadro generale / di Andre Piganiol; testi di Ammiano Marcellino ... [et al.],
Novara: Istituto Geografico De Agostini, stampa 1971, Testimonianze storiche
Note Generali: Trad. di R. Pela.
2: Livres 17.-19. / Ammien Marcellin; texte etabli, traduit et annote par Guy Sabbah, Paris: Les belles lettres,
1970
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Ammiani Marcellini Rerum gestarum libri qui supersunt / Recensuit Victor Gardthausen, Stutgardiae: in
aedibus B.G. Teubneri, 1967
Descrizione fisica: 2 v.; 20 cm., Bibliotheca Teubneriana. Schultexte
Note Generali: Ripr. stereotipa dell'ed. 1874.
1 / recensuit Victor Gardthausen
Edizione: Ed. stereotypa editionis primae, 1874, Stutgardiae: in, 1967
Fa parte di: Ammiani Marcellini Rerum gestarum libri qui supersunt / recensuit notisque selectis instruxit V.
Gardthausen
2: Buch 18-21, Berlin: Akademie Verlag, 1968
Descrizione fisica: 212 p.; 25 cm., Schriften und Quellen der Alten Welt
Fa parte di: Romische Geschichte / Ammianus Marcellinus; Lateinisch und Deutsch und mit enem
Kommentar versehen von Wolfgang Seyfarth
1: Livres 14.-16. / Ammien Marcellin; texte etabli et traduit par Edouard Galletier; avec la collaboration de
Jacques Fontaine, Paris: Les belles lettres, 1968
Descrizione fisica: 295 p. (58-189 doppie): [3] c. geograf.; 21 cm., Collection des universites de France.
Ser.latine
Fa parte di: Histoire / Ammien Marcellin
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Le storie / di Ammiano Marcellino; a cura di Antonio Selem, Torino: Unione tipografico-editrice, stampa 1965,
Classici latini; 19 , Note Generali: Testo orig. a fronte
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Le sac de Rome: vue d'ensemble / par Andre Piganiol; textes de Ammien Marcellin ... et al., Paris: A. Michel,
1964, Le memorial des siecles. Les evenements
1: Libri 14.-25
Edizione: Editio altera ex editione anni 1910 lucis ope expressa, Berolini: apud Weidamnnos, 1963
Fa parte di: Ammiani Marcellini Rerum gestarum libri qui supersunt / recensuit rhythmiceque distinxit Carolus
U. Clark; adiuvantibus Ludovico Traube et Guilelmo Heraeo
2.1: Libri 26.-31
Edizione: Editio altera ex editione anni 1915 lusic ope expressa, Berolini: apud Weidmannos, 1963
Descrizione fisica: P. 390-603; 23 cm.
Fa parte di: Ammiani Marcellini Rerum gestarum libri qui supersunt / recensuit rhythmiceque distinxit Carolus
U. Clark; adiuvantibus Ludovico Traube et Guilelmo Heraeo
Ammiani Marcellini Rerum gestarum capita selecta / edidit Ioannes Baptista Pighi, Neuchatel: euditions Du
Griffon, 1948, Bibliotheca Neocomensis
Rerum gestarum capita selecta / Ammiani Marcellini; edidit Ioannes Baptista Pighi, Neocomi Helvetiorum:
sub Scuto Grypis, 1948, Bibliotheca Neocomensis
Titolo uniforme: Rerum gestarum libri
Paese di pubblicazione: CH
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
143
Lavis-Trafford, Marc-Antoine: de, Le " Italicus clivus" d'Ammien Marcellin / Marc A. De Lavis-Trafford, Saint
Jean de Maurienne: Soc. d'hist. et d'archeol., 1955
Nomi: Lavis-Trafford, Marc-Antoine: de
Jonge, P.: de, Sprachlicher und historischer Kommentar zu Ammianus Marcellinus 14. / von Dr. P. De
Jonge, Groningen: J.B. Wolters, 1935-1939
Comprende: 2: c. 7-11 / von dr. P. de Jonge (1): 1-7 / Von dr. P. De Jonge
Nomi: Jonge, P.: de
Paese di pubblicazione: NL
Quae supersunt: accedunt auctoris ignoti de imperatoribus excerpta: ad optimorum librorum fidem accurate
edita. Edizione: Editio stereotypa, Leipzig: O. Holtze, 1921
Blomgren, S., De sermone Ammiani Marcellini quaestiones variae / scripsit S. Blomgren, Uppsala: A.-B.
Lundequistska Bokhandeln, stampa 1937, Uppsala Universitets Arsskrift
1 / recensuit notisque selectis instruxit V. Gardthausen, Lipsiae: in aedibus B.G., 1874
Descrizione fisica: XXVI, 339 p.
Fa parte di: Ammiani Marcellini Rerum gestarum libri qui supersunt / recensuit notisque selectis instruxit V.
Gardthausen
Ammiani Marcellini Rerum gestarum libri qui supersunt / Franciscus Eyssenhardt recensuit
Edizione: Ed. minor, Berolini: F. Vahlen, 1871
Eyssenhardt, Franz
Altri titoli collegati: [Variante del titolo] Rerum gestarum libri qui supersunt
Ammien Marcellin, Jornandes, Frontin (Les stratagemes), Vegece, Modestus: avec la traduction en francais /
publiee sous la direction de M. Nisard, Paris: Firmin-Didot, 1885, Collection des auteurs latins avec la
traduction francais
Nomi: Ammianus Marcellinus, Iordanes: Gothus, Frontinus, Sextus Iulius, Modestus, Vegetius Renatus,
Flavius
Fragmenta Marburgensia / edidit Henricus Nissen, Berlin: Weidmann, 1876
Nissen, Heinrich
Ammiani Marcellini Rerum gestarum libri qui supersunt / recensuit notisque selectis instruxit V. Gardthausen.
Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1874-1875, Bibliotheca scriptorum Graecorum et Romanorum
Teubneriana
Titolo uniforme: Rerum gestarum libri qui supersunt
Ammiani Marcellini Rerum gestarum libri qui exstant: accedit index dignitatum illustratus, Aug. Taurinorum:
Ex Officina Regia, 1857
Altri titoli collegati: [Variante del titolo] Rerum gestarum libri qui exstant.
Paese di pubblicazione: IT
Ammien Marcellin, Jornandes, Frontin (Les stratagemes), Vegece, Modestus: avec la traduction en francais /
publiee sous la direction de M. Nisard, Paris: Firmin-Didot, 1860, Collection des auteurs latins avec
latraduction en francais
Ammien Marcellin Jornandes Frontin (les Stratagemes) Vegege, Modestus avec la traduction en francais /
publies sous la direction de M. Nisard, Paris: Firmin Didot freres, fils et Cie., 1869, Collection des auteurs
latins avec latraduction en francais
Nisard, Desire<1806-1888>
Ammiani Marcellini rerum gestarum libri qui exstant: accedit index dignitatum illustribus, Aug. Taurinorum: Ex
Officina Regia, 1857
Nomi: Ammianus Marcellinus
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
144
"Ammiano Marcellino - Encarta"
Ammiano Marcellino (Antiochia 330 ca. - ? 395 ca.), letterato e storico latino. Nato in Asia Minore e dunque
di madrelingua greca, intraprese una lunga carriera militare che lo vide in Oriente al seguito del celebre
generale Ursicinio e al fianco di Giuliano l'Apostata in Persia nel 363, nella spedizione in cui l’imperatore
trovò la morte. Stabilitosi poi a Roma dopo il 378, Ammiano volle scrivere un’impegnativa opera storica in
lingua latina, ideale prosecuzione delle Historiae di Tacito. Compose quindi i Rerum gestarum libri XXXI,
relativi agli anni dal 96 al 378, dei quali ci restano però solo i libri che narrano i fatti posteriori al 353.
Delle vicende dell’impero romano del IV secolo Ammiano è un testimone obiettivo e documentato, che
dell’opera di Tacito cerca di imitare non solo il rigore del metodo, ma anche l’appassionata difesa dei valori
della civiltà classica e l’elegante varietà dello stile. Particolare importanza hanno i libri relativi alle vicende del
regno di Giuliano, cui Ammiano partecipò in prima persona. Nonostante l’ammirazione per questo imperatore
– come lui pagano e per di più grande amante della cultura – l’obiettività della narrazione impose ad
Ammiano di segnalare anche gli errori e le responsabilità del sovrano.
"Ammiano Marcellino - Treccani"
Ammiano Marcellino. Storico della tarda latinità nato ad Antiochia il 330 d.C. e morto a Roma. E' autore di 31
libri di Storie (ce ne sono pervenuti 18), che svolgono gli avvenimenti da Nerva alla morte di Valente (96-378
d.C.). A. fu forse in parte consapevole del dramma dell'impero, minacciato da un lato dalle invasioni
barbariche e dall'altro dall'irrompere della civiltà giudaico-cristiana: da ciò lo straordinario interesse della sua
opera. Ebbe simpatia per la nuova religione, ma l'ammirazione che egli mostra per gli imperatori conservatori
dell'unità imperiale e persecutori come Giuliano l'Apostata rende del tutto improbabile la sua adesione al
cristianesimo.
Ammiano Marcellino - Riposati
1. Vita. - II. L'opera. - 111. Valore stonco el artistico. - IV. Lingua e stile.
I. - Vita. - Ammiano Marcellino (Ammianus Marcelltnus) è figura di grande rilievo sullo sfondo del secolo IV: i
limiti cronologici della sua vita stanno forse fra il 332 e il 400 d. C. Greco di Antiòchia, nonostante il duplice
nome latino, di nobile famiglia e dx educazione estranea al mondo occidentale, entrò fra i protectores
domestici dell'imperatore Costanzo, e, al seguito del magister equitum Ursicino, viaggiò moltissimo in varie
località dell'Oriente dell'Italia-conobbe Milano e Roma -, della Germania, della Gallia, della Pannònia.
Partecipò con Ursicino a non poche operazioni di guerra, e, nella campagna persiana (359), poco mancò
che non lasciasse la vita durante lo sfortunato assedio della città di Amida.
Decaduto Ursicino dalla sua carica di magister equitum, anche Ammiano scomparve dalla vita politica; ma lo
ritroviamo, piú tardi, al seguito dell'imperatore Giuliano, suo concittadino ed amico ne!la nuova spedizione
contro i Persiani del 363. Dopo la morte di Gluliano e la pace con i Persiani, conclusa dal suo successore
Gioviano, Ammiano lasciò definitivamente la vita militare e si ritirò prima ad Antiòchia, poi a Roma, per
impadronirsi della lingua latina, che conosceva solo per esperienza letteraria. Qui, ricco dx memorie e di
cultura, si diede a scrivere la sua grande opera storica; a Roma forse lo colse la morte verso l'anno 400.
II. - L'opera. Ammiano intese comporre, continuando Tacito, una storia dell'lmpero, e diede alla sua opera il
titolo Rerum gestarum libri XXXI ('). Essa comprende quasi tre secoli di eventi, dal principato di Nerva alla
morte di Valente, cioè dal 96 al 378 d. C. Egli stesso ne circoscrive i limiti cronologici nelle parole conclu,
sive dell'opera. " lo, greco e già uomo d'armi, ho scritto questa opera storica dal principato di Nerva fino alla
morte di Valente, per quanto mi son bastate le forze " (2).
L'opera ci è giunta gravemente mútila nella parte iniziale: dei 31 libri possediamo soltanto gli ultimi 18 (XIVXXXI), relativi al venticinquennio 354-378. Un periodo denso di avvenimenti impor tanti, di cui lo stesso
autore è stato spettatore, ricco di notizie e di fatti non altrimenti noti. Campeggia sullo sfondo la figura di
Ciuliano con le sue campagne in Gallia, in Germania e in Oriente; accanto, quelle di Ursicino e degli
imperatori Costanzo, Gioviano, Valente, Valentiniano I, ciascuno con le sue guerre, combattute in Oriente e
in Occidente contro i Persiani, contro i Goti e gli Unni, nonché contro le prime massicce invasioni dei barbari,
Ia narrazione termina con la battaglia di Adrianòpoli (378), in cui perí lo stesso Valente.
L'opera intera si suole dividere in tre parti: la la (libri I-XIII) abbraccia il periodo da Nena alla morte del '
Gsare ' Gllo (96-353) (totalmente perduta); la lla (XIV-XXV) va dalla nomina di Giuliano a s Cesare ' fino alla
morte di Gioviano (354-364), Ia Illa (XXVI-XXXI) dalla morte di Gioviano a quella di Valente (364 378). t:
probabile che queste parti (e le loro suddivisioni) fossero state pubblicate isolatamente e fatte conoscere in
precedenza a tratti, secondo il costume del tempev, in pubbliche recitazioni. I libri I-XXV erano già conosciuti
nel 392; nel biennio seguente si aggiunsero gli altri.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
145
III. - Valore storico ed artistico. - Ammiano è l ultimo grande storico della romanità. La sua opera ha un
valore straordinario, non tanto perché continua cronologicamente la narrazione delle Storie di Tacito
(continuatore a sua volta di Livio: ben 1500 anni circa fra leggenda e storia !), quanto per i suoi pregi
intrinseci, per la severità dell'indagine, per la sincerità e la fedeltà del racconto. Ammiano è storico sereno,
imparziale, obiettivo; ha coscienza delle sue responsabilità di narratore. Temprò la sua cultura con
l'esperienza di una vita trascorsa tra corte e accampamenti, tra príncipi, duci e condottieri, tra plebe e
aristocrazia, che gli diedero il crisma di una personalità schietta, forte e sicura, e gli affinarono un senso
critico spassionato, realistico e sincero. E la sua è storia di verità, conscio, com'egli era, che la dignità dello
storico non sta nell esaltazione cortigiana di false virtú, né in sentimentali reticenze, ma nel dire lealmente e
generosamente il vero quale è; è sua stessa confessione: " Ho scritto un'opera, che ha per fine la ventà,
quella che mai, come io credo, ho osato tradire col silenzio o col mendacio )> (31, 16, 9). Questo
atteggiamento critico, che si nfà a Tacito, lo porta a guardare all'essenziale dei fatti, a studiarne la natura e le
cause, a ricavare dalla sua esperienza quanto o"orra per illuminare la verità e comprovare la fede della
narrazione
Profondamente onesto, non aduggiato da pregiudizi moralistici o da sentimentalismi partigiani, giudica, loda
e condanna sine Ira et studio, con assoluta imparzialità, i grandi ' operatori ' della storia. Scioglie un inno a
Giuliano, conservatore della vecchia fede di Roma e suo vagheggiato ideale di optimus princeps, ma gli
rimprovera la smodata compiacenza al plauso e all'adulazione I eccessiva adattabilità ai voleri degli amici, la
golosità, la sfrenatezza dei costumi, e, soprattutto, I'ingiustificata intransigenza contro i Cristiani. D,
Costanzo, con cui mai simpatizzò, se biasima i molti vizi, non tace delle poche virtú; di Valentiniano bolla le
inaudite crudeltà, ma loda la prudenza diplomatica e l'astuzia; della maestà dell'lmpero ha culto e
venerazione, ma riconosce " schietta e pura)> la religione cristiana, che a persuade a giustizia e a
mansuetudine", e ammira la fede serena e l'intrepido coraggio dei martiri cristiani. Solo sul ' Cesare ' Gallo,
questo ' nuovo arrivato ex squalore nimio miseriarum ad principale cubnen delI'impero, che, abusando della
sua potestà, asperitate nimia cuncta foedabat (!4 l 2), Ammiano fa pesare la sua mano, esagerandone gli
enorml facinora, le immanes crudelitates, commesse particolarmente ad Antiòchia.
Roma è al centro della sua sincera e profonda ammirazione, e, non tócco, come Tacito, da nostalgici
rimpianti filorepubblicani, vede nella Roma imperiale una realtà storica adeguata alle esigenze dei tempi, e
pur essa guidata dal Fato alla realizzazione di un dominio universale nel mondo. Nonostante i molti errori e
le molte deficienze (14, 6, 2), Ammiano ha ferma fede nella sua immortalità, perché " la volontà divina, la
fece signora sin dalla culla, con promessa di vita eterna )> (14, 6). Per questo, tutto di Roma lo interessa: il
fascino delle sue memorie, il prestigio delle sue tradizioni, lo splendore della sua cultura. Nella sua opera
storica si awerte ad ogni pagina questo palpito di sincera romanità.
Ordinò annalisticamente la sua trattazione(t); anche in ciò gli furono guida Tacito e la migliore tradizione
storiografica antica. Ma, figlio;'del tempo, non fu sordo ai richiami della ' biografia imperiale', secondo gli
schemi svetoniani. I1 che lo portò a dare risalto particolare alle figure dei singoli imperatori, caratterizzandoli
in tutti i loro aspetti fisici e morali. Ne risultano quei ' ritratti ', quei profili memorabili, che si richiamano a
Tacito, anche nella dislocazione loro, posti molto spesso alla fine della narrazione (post mortem), come a
consacrare col giudizio dello storico il personaggio alla posterità. II suo interesse, rivolto soprattutto alla res
militaris, lo fa ammiratore di ogni atto di eroismo, non solo individuale ma anche collettivo. Per questo egli
concede larghissimo posto ai movimenti delle masse-di cui però non comprese a fondo le innumerevoli
aspirazioni sociali-e alle vicende storiche dei barbari, soprattutto alle loro relazioni politiche e diplomatiche o
dinàstiche con gli imperatori, non mai, però, perdendo di vista la centralità dell'autorità di Roma. Non ebbe
sempre una visione chiara e preveggente dei grandi fenomeni storici, che si maturavano in quel periodo
proprio in seno alle masse, né comprese il profondo significato religioso-sociale del Cristianesirr.o.
Personalmente, rimase legato alle sue convinzioni pagane e anche se inclíne, sotto la spinta di teorie
neoplatoniche, verso una concezione monoteística del divino, credeva ai prodigi, all'arte divinatoria, al Fato,
ai dèmoni, a superstizioni varie. Non conobbe però fanatismi di sorta: fu tollerante verso i Cristiani, di cui,
come si notava dianzi, apprezzò la dottrina, ammirò l'ardore della Fede e l'eroismo del martirio, e assunse un
atteggiamento rigido e severo verso Giuliano per il suo zelo di persecutore(2). 1G questa una riconferma
della sua imparzialità e della sua sincera coscienza di storico.
Anche nella tecnica compositiva Ammiano si ispira alla tradizione coll'inserire nel racconto frequenti ' di sco
rs i ', nei quali plÚ che mai Sl rivela la sua educazione retorica: sono in gran parte allocuzioni soldatesche,
tenute da generali e imperatori nei momenti piú delicati della vicenda, e ben si intonano alle rispettive
situazioni. Altrettanto va detto per i numerosi excursus o ' digressioni ', che presentano una quantità di
notizie di vario genere: geologiche geografiche, ètniche, fisico-meccaniche (terremoti, eclissi, mac chine da
guerra, ecc.), religiose e filosofiche, sociali, ed altro simile. Un tratto nuovo della storiografia romana,
codesto, che awía la stona a diventare quasi un'opera enciclopedica, mirante ad interessare piú gli uditori
delle recitationes che i lettori di ogni tempo. Non poche di queste digressioni sono fastidiose, troppo erudite,
male organate, e, se giustificano la smania di un deprecato esibizionismo culturale ed enciclopedico
dell'autore, nuocciono senza dubbio all'arte e all'unità narrativa dell'opera.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
146
Difficile individuare le fonti, non che di questi excursus, di tutta I opera ammianèa. Dotto com'era, tutto egli
mise a profitto di quanto poté attingere dalla tradizione: per gli excursus si fanno i nomi di Rufio Festo, di
Tolomeo, di Timàgene, di Plinio il Vecchio; per tutta I opera appaiono utilizzati Sallustio, Cesare, Livio
Lucano, Erodiano, Eutropio, in fine Tacito, come ispiratore e mae stro anche di lingua e di stile. Ma per gli
avvenimenti, di cui fu testimonio, la fonte principale è pur sempre la sua profonda esperienza personale.
IV - Lingua e stile. - Ricco di cultura, lettore assiduo dei classicl latini, profondo ossenatore della vita e dei
costumi degli uomini, sensibile al mondo dello spirito e della natura, Ammiano aveva spiccata capacità di
scrittore, che rivelò nei momenti piú felici della sua narrazione, come nel descrivere battaglie e nel
tratteggiare profili di personaggi: vi si nota un cosciente sforzo di awicinarsi alla drammaticità stilistica
tacitiana, che si risente nella strutturazione del periodo asimmetrico, asindètico, spesso anche vivace e
nervoso. Ma siamo ben lontani da Tacito: Ammiano è uno stoF rico-rètore, che per di piú ha imparato la
lingua latina sui testi durante il senizio militare e dopo. Tradisce perciò spesso atteggiamenti stilistici e
sintattici propri piú del greco che del latino, usa neologismi anche quando non è indispensabile, riecheggia
gli arcaici, Cicerone e parecchi altri scrittori, persino Plauto e Terenzio, da cui trae parole rare ed espressioni
inusitate, frammiste a frasi della parlata volgare. Ama il cumulo delle parole (congerxes) e le trasposizioni
violente dei singoli termini in funzione musicale: è il primo degli scrittori di Roma che ricorre alle cadenze
ritmiche del cursus, aprendo la via al gusto della latinità cristiana e medievale. Mira all'effetto, al plauso degli
uditori e dei lettori, sensibili, come lui, ai blandimenti della retorica, al colorito fiabesco, agli improwisi fulgori
di metàfore ardite e di paragoni fortemente realistici. In generale, ama il complicato, il tortuoso, l'artificioso e
si rende perciò difficile alla lettura ed alla pronta comprensione. Non fu questa l'ultima causa che lo tenne
lontano dalle simpatie dei grammatici del tempo e dagli storiògrafi venuti dopo di lui.
Comunque, toccò proprio a questo greco di Antiòchia di concludere degnamente il grande ciclo della
storiografia romana, e proprio nel periodo che segnava il trionfo delle epítomi e delle compilazioni piú sciatte
e impersonali. Pur con i suoi limiti e i suoi difetti, Ammiano si muove da signore entro gli awenimenti di quasi
tre secoli, toccando, come egli dice, le ' vette della storia '. Soldato, viaggiatore, studioso, scrittore di nobili e
severi intenti, degno di stare accanto a Tacito, meno che nella sublimità dell'arte, chiude la lunga serie dei
poeti storiografi e dei guerrieri scrittori, da Nevio a Cesare. Dopo di lui s'apre la nuova storia propria delI èra
volgare.
Von Albrecht, St.lett.lat.,3, pp. 1440-54
4.3. Fonti, modelli, generi.
Quali opere storiche Ammiano abbia utilizzato per la perduta rappresentazione del periodo piú antico non è
piú possibile stabilire.
I libri conservati si fondano sull'esperienza personale dell'autore. Egli utilizza documenti (16, 12, 70); anche il
carteggio tra Costanzo e Sapore II deve basarsi su lettere originali (anche se è possibile che siano state
stilisticamente rielaborate). Le date, spesso di notevole precisione, devono risalire a registri ufficiali dei
funzionari. Lo storico ha inoltre interrogato alcuni testimoni. Un memoriale di Giuliano sulle sue campagne
contro gli Alemanni ed altre tribú germaniche è utilizzato da Ammiano e da Libanio (or. 18). Tra le fonti
rientrano anche dei panegiristi, menzionati espressamente da Ammiano in 31, 10, 5.
Diversamente dalla cronaca del suo tempo, gli excursus sono di seconda mano e perciò non sempre
attendibili. Per la geografia sembra che lo storico abbia utilizzato non un manuale, bensí gli elenchi ufficiali
romani (e tolemaici) di distretti e città. Dall'opera storica d'impianto corografico di “Rufio” Festo egli ricava
probabilmente le notizie storiche contenute negli excursus; conosce anche la Chorographia Pliniana ed
alcune descrizioni topografiche greche a sé stanti.
Ammiano nomina le sue fonti solo parzialmente: cosí Cicerone è citato per nome trentaquattro volte. Di
dettagli isolati il nostro autore è debitore a Gellio, Valerio Massimo, Floro, Sallustio.
Ammiano ha letto molto: la sua predilezione va alla letteratura greca, specialmente alla poesia, alla quale si
richiama con notevole frequenza. Sarebbe però unilaterale designarlo come uno storiografo greco che solo
casualmente scrive in latino.
Il carattere del genere letterario dell'opera è difficile da definire. Oscilla tra storiografia, biografia,
memorialistica ed enciclopedia.
Ammiano conosce Livio, Sallustio e tutte le opere di Tacito tranne il Dialogus. L'influsso linguistico delle
Historiae, delle quali non per niente l'opera del nostro storiografo costituisce la continuazione, si rende
avvertibile particolarmente all'inizio dei libri. Il riscontro intellettuale con Tacito non è, è vero, tanto
pronunciato da permettere di definire Ammiano un “tacitiano”, ma l'aggancio al genere storico e agli scritti del
grande predecessore resta un dato di fatto. Egli ha senza dubbio appreso da Tacito a delineare i caratteri nella concentrazione sugl'imperatori la sua opera ricorda gli Annales. La tecnica degli excursus fa pensare
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
147
alle Historiae di Sallustio. Diversamente da Tacito e Dione, Ammiano non è un senatore; il problema della
libertà non è in ogni caso piú attuale.
È fruttuoso anche il confronto con i contemporanei - Giuliano, Libanio, Temistio -, con i panegiristi latini,
come pure con i resoconti storici paralleli - come Zosimo (intorno al 500). La critica dell'età contemporanea
ricorda la satira e piú ancora Luciano.
Significato piú profondo ha specialmente il richiamo di Ammiano a Platone e Cicerone, che pervade tutta
l'opera. Ammiano, come Agostino, è un lettore che apprezza Cicerone non per la forma, ma per il contenuto
delle sue parole.
4.4- Tecnica letteraria.
La scelta del latino come veicolo è probabilmente dovuta a patriottismo; mancava inoltre un'esposizione
latina delle gesta di Giuliano.
Ammiano innalza la storiografia latina, che si era smarrita nell'aneddotica e nella produzione di compendi,
alla sua dignità antica, perduta dopo Tacito, per quanto glielo permettono le mutate condizioni dei tempi e la
sua diversa posizione sociale.
Il carattere della sua informazione provoca spostamenti d'equilibrio e di prospettiva. Le circostanze
conosciute personalmente dall'autore occupano uno spazio maggiore di quello che compete alla loro
importanza. Da questo punto di vista esistono somiglianze con la letteratura memorialistica. Anche
l'argomento rende necessari mutamenti di struttura rispetto alla tradizione: dato il gran numero dei teatri
d'azione, il principio di ripartizione annalistico difficilmente può essere mantenuto. La massa del materiale come avveniva piú volte già in Tacito - viene articolata secondo punti di vista contenutistici e drammatici.
Per principio anche gli excursus fanno parte della storiografia. Quelli su Roma hanno carattere di critica
sociale e sono qua e là brillantemente satirici (14, 6; 28, 4). Il gran numero di digressioni geografiche ricorda
le Historiae di Sallustio. Allontanandosi dalla tradizione storiografica, Ammiano ne presenta anche alcune di
contenuto tecnico e naturalistico. I suoi excursus seguono un loro proprio schema strutturale.
Anche le narrazioni in prima persona plurale, particolarmente avvincenti, sono in contrasto con la tradizione
storica. Se ne cercano le radici nell'arte narrativa popolare dell'Oriente di lingua greca. Ma in un resoconto
fondato sull'autopsia questa forma risulta invero del tutto naturale, anzi addirittura obbligata. Queste
relazioni, nelle quali Ammiano evita l'affettazione della terza persona senofontea, conferiscono all'opera una
nota personale.
Ammiano vuole scrivere la storia dell'impero. Ma poiché gli è difficile separarla dalla persona dell'imperatore
di volta in volta regnante, oltre alla tradizione storiografica esercita il proprio influsso anche la biografia.
Ammiano però si dilunga meno dei biografi su insignificanti particolari privati. Le caratterizzazioni dei
personaggi, inserite in occasione della morte degl'imperatori, presentano un'articolazione sistematica (quale
la conosciamo dalla tradizione biografica): per esempio genus, forma, mores. Nel caso di Giuliano l'autore
procede sullo schema di virtutes e vitia (cui segue il quadro dell'aspetto esteriore). La menzione dei difetti perfino per Giuliano, altamente lodato dallo storico (25, 4, 16) - costituisce una differenza rispetto
all'encomio, col quale sussistono tuttavia stretti rapporti formali. In confronto a Svetonio, che pone
ugualmente in successione lode e biasimo, Ammiano conferisce maggiore concisione e sistematicità alla
forma, dimostrando allo stesso tempo sensibilità per le sfumature psicologiche e stilistiche.
L'esposizione storica unisce i principio cronologico a quello geografico. Ammiano, è vero, data gli
avvenimenti perlopiú in riferimento ai consoli dell'anno, ma l'estensione dell'impero rende quasi impossibile
un resoconto rigidamente cronologico e costringe l'autore a procedere in base ai teatri d'azione, come qua e
là già aveva fatto Tacito.
I resoconti delle battaglie sono accuratamente strutturati: preparazione, combattimento, fuga e
inseguimento, esito della battaglia. Nella descrizione dei combattimenti non vengono disdegnati strumenti
retorici e addirittura epici. Sotto questo aspetto Ammiano si colloca nella tradizione della storiografia latina.
Un grande affresco è ad esempio la descrizione della battaglia di Strasburgo dell'anno 357 (16, 22). D'altro
canto incontriamo brevi inserzioni di carattere aneddotico.
In accordo con la tradizione storiografica - e in consonanza con le concezioni neoplatoniche` - Ammiano
impiega come strumenti letterari presagi, sogni e profezie; di effetto particolarmente drammatico sono i
prodigi legati alla morte di un personaggio.
Artistici - e, come di consueto nell'antichità, concepiti molto liberamente - sono i discorsi: cosí l'ultima
allocuzione di Giuliano (25, 3, 15-20) presenta in forma sintetica la quintessenza del suo operato,
immediatamente prima della valutazione analitica dell'imperatore, articolata per, settori. A partire dal libro 28
vengono a mancare i discorsi. E un riflesso della volontà di Ammiano di metter fine alla sua opera?
Naturalmente l'eloquente scrittore accresce il rilievo dei propri eroi anche richiamandosi ad exempla greci
(25, 3, 8) e romani (25, 3, 15). Ma ricorre agli strumenti della retorica solo nella misura in cui non recano
serio pregiudizio alla verità storica.
4.5. Lingua e stile.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
148
Ammiano si serve della lingua d'arte della storiografia creata da Sallustio e Tacito. Egli sfrutta fino in fondo le
possibilità offertegli da questo latino altamente artificiale e non lesina le innovazioni. Il lessico è ricco e
colorito. Che in queste circostanze la terminologia politica per forza di cose debba essere interessante ma
imprecisa è pressoché ovvio. Il linguaggio militare è impiegato con molto spirito dallo scrittore-soldato anche
per descrivere situazioni relative alla vita civile (14, 6, 17). Sintassi e stile sono formati sul greco:
caratteristico è lo smodato uso di tutti i participi - anche quelli presenti e futuri -: strumento linguistico cui gli
autori latini precedenti avevano fatto ricorso solo con un fine dosaggio.
In passi difficili una retroversione in greco è invero decisamente utile, ma lo stile di Ammiano, cosí nobile e
raffinato, si ribella ad una meccanica riduzione a “latino di uno straniero”. È vero piuttosto che egli, come altri
grandi scrittori, sviluppa possibilità latenti della lingua latina, il cui raggio può essere determinato con
maggiore precisione dalla sempre piú approfondita esplorazione del latino arcaico e tardo. Ricche e
molteplici sono le metafore. L'etichetta di autore “barocco” è peraltro poco utile, in quanto devia l'attenzione
dallo stretto rapporto con la realtà del linguaggio di Ammiano. Occorre semplicemente riconoscere che
siamo davanti ad un prosatore di particolare originalità.
Diversamente da Tacito - ma in accordo con le abitudini di Svetonio - Ammiano inserisce citazioni greche nel
suo testo latino: per esempio la profonda sentenza di Menandro sul genio tutelare dell'uomo (21, 14, 1), una
profezia (31, 1), un verso satirico popolare (25, 4, 17) e perfino la traduzione greca (17, 4, 17-23)
dell'iscrizione su un obelisco.
Il ritmo prosastico è impostato su criteri rigidamente accentuativi. Vengono privilegiati i seguenti schemi,
fondati sulla trasposizione legata al senso delle antiche clausole quantitative: cursus planus ' xx ' x
(clausulas esse), tardus ' xx ' xx (clausulas fecimus), velox ' xx xx' x (clausulas feceramus). Compare anche '
x xx' x (esse videatur). La svolta verso la prosa medievale è compiuta.
4.6. Orizzonte concettuale I. Riflessione letteraria.
Il principio piú importante per lo storico, come richiede la tradizione, è la veritas (31, 16, 9). L'autore si rende
conto che anche il silenzio può dar luogo a travisamenti (ibid.). Tale lodevole principio non esclude né in lui
né nei suoi predecessori errori ed unilateralità, ma nel complesso va dato un giudizio decisamente positivo
della sua competenza specifica in campo militare. Anche sotto altri aspetti, nelle sue affermazioni sulle
caratteristiche dell'esposizione storica, egli si pone consapevolmente nella scia dei grandi storiografi. Prende
con chiarezza le distanze dalla pignoleria di chi si lagna se lo storico tralascia di riferire ciò di cui l'imperatore
ha parlato a cena. Ricordare tutti i nomi dei magistrati o dei piccoli fortini equivarrebbe a “contare gli atomi”. Il
suo scopo è “discurrere per negotiorum celsitudinesm (26, 1, 1; cfr. 27, 2, 11) . Il limitarsi all'essenziale - un
principio della storiografia romana fin da Catone - alla sua epoca è una qualità eccezionale; sotto questo
aspetto Ammiano si distacca dunque dalla biografia e dalla cronaca, allineandosi con la storiografia seria.
La sua tecnica degli epiloghi è definita con notevole precisione da lui stesso (30, 7, 1): “actus eius discurrere
per epilogos breves nec vitiorum praetermisso discrimine vel bonorum, quae potestatis amplitudo monstravit,
nudare solita semper animorum interna” (`è suo compito muoversi per brevi riepiloghi, senza tralasciare i
segni distintivi né dei vizi né delle virtú, palesati dall'ampiezza del potere, che sempre suole rivelare l'intimo
dell'animo'). Qui egli si riallaccia consapevolmente alla tecnica della biografia, in quanto sono in gioco qualità
interiori: ma la finalità è piuttosto tacitiana: l'atteggiameno intimo del principe viene svelato appunto perché
determina conseguenze politiche.
Non privo d'interesse per i problemi linguistici, Ammiano dà formulazione agli elevati obiettivi stilistici che
pone a se stesso e agli altri. Ai suoi successori lancia questo grido: “procudere linguas ad maiores monco
stilosu (`esorto a formare le lingue a stili piú elevati': 31, 16, 9). Con ciò evidenzia indirettamente la propria
singolarità nell'ambito della storiografia tardoantica.
4.7. Orizzonte concettuale II.
Il particolare angolo visuale dell'opera è condizionato dalla specifica caratteristica dell'autore, che si congeda
in tutta modestia dai suoi lettori come miles quondam et Graecus (31, 16, 9) - dunque non senatore né
romano. Da questa affermazione possono ricavarsi anche elementi positivi: in quanto soldato egli è sovente
testimone oculare e in generale uno dei pochi storici dell'antichità che riferiscono con cognizione di causa di
strategia e di tattica. In materia di combattimenti di prima linea, peraltro, Ammiano è senz'altro meno
competente che per quanto riguarda gli assedi e lo spionaggio militare; egli rende chiaro come la penuria di
soldati e la disciplina minata dagli ammutinamenti fanno sí che l'esercito romano sia nell'impossibilità di
risolvere i propri problemi logistici. La sua ottica militare spiega anche i suoi interessi geografici. Infine, come
soldato egli ha un rapporto particolare col latino come lingua di stato, con l'imperatore e con l'impero. Come
greco ha comprensione per l'imperatore Giuliano, di formazione totalmente ellenica, sul quale non esiste
ancora alcun'opera in latino; come greco comprende l'alto valore che Giuliano assegna alla cultura e si
sforza di comunicarlo in parte ai suoi lettori, come di mantenere un certo livello intellettuale. Particolarmente
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
149
gli sta a cuore l'unità della cultura greca e latina`; ciò trova espressione fra l'altro nella sua venerazione per
Cicerone.
Di fronte alla religione cristiana si colloca in una posizione di neutralità. Tollerante in fatto di religione, è
sostenitore di un astratto monoteismo, senza peraltro essere filosofo. Dà un'interpretazione razionalistica
delle antiche divinità; i geni, divinità tutelari dell'individuo, hanno per lui importanza religiosa. È rispettoso
anche della teologia imperiale. Da figlio del suo tempo - ed in consonanza con la storiografia latina - crede ai
presagi (p. es. 23, 1, 7) e ai prodigi (28, 1, 42). La fedeltà a Roma e all'imperatore è per lui un principio
indiscutibile; ciò influisce anche sulla sua scelta del latino. Per il miles et Graecus la lingua dell'esercito,
dell'amministrazione e dello stato possiede una particolare consacrazione.
La libertà dell'individuo è un tema centrale per Ammiano. L'uomo ha controllo sul proprio destino; la giustizia
divina punisce le malvage azioni. I motivi della decadenza di Roma sono dovuti al comportamento personale
di certi individui ed hanno pertanto carattere morale. Di qui anche il soffermarsi sul contrasto etico tra Gallo e
Giuliano. La virtú del principe è mezzo di risanamento per lo stato; da ciò deriva il significato esemplare che
il nostro autore attribuisce a Giuliano - non va vista in questo una semplice predilezione personale -, e perciò
egli colloca questa figura su uno sfondo particolarmente grandioso, composto di elementi greci e romani.
L'insistenza di Ammiano su virtutes e vitia non si limita dunque all'aspetto letterario e neppure è un semplice
surrogato da uomo di lettere per supplire all'impossibilità di gettare uno sguardo all'interno della vita del
palazzo - giacché non è assolutamente questa l'intenzione dello storico.
In accordo con quanto si è detto, l'educazione riveste grande importanza agli occhi di Ammiano. In questo
quadro rientrano gli exempla. Il catalogo delle virtú di Giuliano ricorda l'educazione di Scipione secondo
Polibio. Ciò è naturalmente parte dell'ideologia romana del nostro autore. Giuliano, secondo le indicazioni di
quest'ultimo, è cosciente imitatore degli dèi e si pone nel solco dei buoni imperatori che lo hanno preceduto;
chi vede` proprio in ciò le cause del fallimento di questo principe non ha inteso nulla delle intenzioni di
Ammiano. Senza educazione e cultura il nostro autore non sarebbe divenuto uno storico. Giacché il suo
studio del comportamento etico degl'imperatori ha lo scopo d'individuare le cause degli avvenimenti politici,
la caratterizzazione di Ammiano come “moralista” è troppo ristretta. Egli è uno storico che tiene conto del
fatto che la storia è fatta dagli uomini e che sono il pensiero e l'azione morale a rendere l'uomo veramente
tale.
Come avevano affermato anche Floro e Plutarco, Roma è debitrice della sua grandezza al concorrere di
fortuna e di virtus (14, 6, 3). Anche nella critica rivolta da Ammiano alla società romana trova indirettamente
espressione la sua fede nell'impero; egli è ben cosciente, in effetti, che la città eterna - secondo l'immagine
storica di Floro - ha ormai attraversato tutte le età della vita, dalla fanciullezza alla vecchiaia. Egli piega
felicemente l'immagine nel senso che la decrepita metropoli ha affidato adesso il governo ai propri figli, i
Cesari (14, 6, 4-5). Con ciò lo schema biologico è superato e sostituito da uno antropocentrico.
4.8. Tradizione.
L'opera di Ammiano giunge da Roma nella Gallia, dove l'alta aristocrazia senatoria possiede estese
proprietà. Ivi i libri dedicati a Giuliano incontrano particolare interesse, giacché questo im
peratore si è reso benemerito della Gallia; per questo tali libri ci sono pervenuti. Dalla Gallia una copia dei
libri 14-31 perviene al monastero di Hersfeld. Da essa - probabilmente nel Ix secolo - viene ricavato un
apografo per il monastero di Fulda che è per noi l'unica fonte testuale risalente a quell'epoca antica
(Fuldensis, Vaticanus Latinus 1873, V; sec. Ix). Gelenius, l'autore dell'edizione apparsa nel 1533 a Basilea
presso Froben, utilizza il manoscritto di Hersfeld - in seguito perduto -, che allora giungeva fino a 30, 9.
Questa edizione sostituisce per noi il manoscritto di Hersfeld; nei passi mancanti nel Fuldensis essa è in
assoluto l'unico testimone, soprattutto per il testo greco completo dell'iscrizione sull'obelisco. Nel 1875
furono scoperti sei fogli dell'Hersfeldensis, che erano stati usati come copertine per fascicoli di atti nel
villaggio di Friedewald, presso Hersfeld (Fragmenta Marburgensia, M). Tutti gli altri manoscritti sono di
epoca piú recente e non hanno valore di testimonianza autonoma.
La costituzione del testo si fonda dunque sul Fuldensis, da integrare con l'edizione del Gelenius.
4.9. Fortuna.
L'influsso di Ammiano è avvertibile già nella Historia Augusta` - il che presuppone peraltro una datazione
tarda (verso i1395) di questa compilazione.
La sopravvivenza di Ammiano s'intreccia in duplice maniera con quella dell'imperatore Giuliano. In primo
luogo l'opera deve la propria conservazione a lettori che apprezzano l'operato di Giuliano. In un secondo
tempo, però, è la suggestiva immagine tracciata da Ammiano a stimolare a sua volta la fantasia degli autori
europei.
Già nella tarda antichità il cristiano Prudenzio (apoth. 449-54), che in realtà dovrebbe esecrare l'Apostata
come un nuovo Giuda, trova parole di sorprendente apprezzamento, nelle quali riecheggia l'ammirazione di
Ammiano per il condottiero, il legislatore e il patriota. La rappresentazione delle virtú del sovrano nel nostro
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
150
storico esercita nuovamente la sua influenza all'inizio dell'età moderna; il dramma su Giuliano del gesuita J.
Drexel (1608) cerca di render giustizia al personaggio. Lo storico delle eresie Gottfried Arnold (1666-r7r4), di
profonda religiosità ma ammirevolmente imparziale, ed il distaccato illuminista Voltaire (1694-r778) con rara
consonanza assolvono Giuliano dalla macchia di apostasia.
Nel XIX secolo il romantico alone dell'apostasia sembra accrescere la forza d'attrazione del personaggio:
Fouqué gli dedica poesie (1816) ed una novella (1818), Eichendorff un poema epico (1853), Felix Dahn un
romanzo (r893). Conrad Ferdinand Meyer (1825-1898) gareggia col discorso d'addio (Amm. 25, 3, 15-20)
dell'imperatore (Der sterbende Julian, `Giuliano morente T96 e, come Ammiano, riesce a mantenersi
apprezzabilmente immune dal gusto dell'epoca per l'elemento demoniaco, anzi accentua ancora i caratteri di
personaggio spiritualizzato di elevata statura morale. E uno dei pochi lettori ad aver compreso lo spirito di
Ammiano. Il dramma di Henrik Ibsen (1828-1906) Imperatore e Galileo (1873) segue il testo di Ammiano
sovente parola per parola e mette addirittura in scena il nostro storico come personaggio. Ibsen cerca di
fondere l'immagine pagana e quella cristiana di Giuliano, accostando da un lato l'Apostata a Caino ed a
Giuda e riproponendo dall'altro l'idea storico-filosofica di una sintesi fra cristianesimo ed antichità in un
“terzo” impero. Di queste idee si nutre il romanzo di Merezkovskij (r865-r94r) Giuliano l'Apostata (r895), nella
trilogia Cristo e Anticristo. Il non diminuito interesse per que
sta figura è testimoniato nel xx secolo dal romanzo su Giuliano dell'americano Gore Vidal (1961-64).
Indipendentemente dalla figura di Giuliano, Ammiano esercita un'influenza come moralista. Il suo acume
psicologico ed il suo interesse etico non mancano d'impressionare Michel de Montaigne (>533-I592). Anche
certi aneddoti di Ammiano circolano e riaffiorano inaspettatamente'.
Ammiano torna a scrivere storia dopo che per lungo tempo non si erano composte che biografie imperiali. Il
suo influsso letterario costituisce il riflesso del moralista, del creatore di un modello di sovrano, del narratore
drammatico. Del resto il fatto che non solo pagani e poeti, ma anche cristiani convinti e - circostanza piú
straordinaria - storici scientifici non abbiano saputo sottrarsi alla suggestione del suo ritratto di Giuliano non
depone certo a sfavore (indipendentemente dal problema della veridicità) del vigore creativo del nostro
autore.
Letture critiche. M. Caltabiano, Il valore dell’opera di Ammiano
L'opera di Ammiano Marcellino è una storia politica pagana ed è l'unica in lingua latina relativa al periodo
353-378 giunta sino a noi, narrata da un contemporaneo; infatti gli Annali di Nicomaco Flaviano, scritti in
quegli stessi anni, forse l'unica opera storica che avrebbe potuto essere posta sul suo stesso piano, sono
andati completamente perduti, e i breviari di Eutropio, Rufio Feste, Aurelio Vittore e dell'anonimo autore
dell'Epitome de Caesaribus, per contenuto, dimensioni, stile, fini che si propongono e pubblica cui sono
rivolti, non possono in alcun modo essere accostati ad essa.
Già da questa prima osservazione appare che le Storie sono un documento unico e privilegiato della vita
politica, economica, sociale della seconda metà del quarto secolo; inoltre, a quanto si è detta sul loro
carattere di opera scritta da un contemporanea degli eventi descritti, è opportuno aggiungere diverse altre
considerazioni.
Ammiano è stato definito historien romantique da Jacques Fontaine, che intendeva richiamare l'attenzione
sul suo gusto per le rappresentazioni grandiose e dalle tinte eccessivamente cupe, a volte caratterizzate
dalla ricerca del particolare romanzesco o di quello orrífico, tanta vicino alla sensUlita dei romantici francesi;
Arnaldo Momigliano, che invece voleva sottolineare l'isolamento dell'uomo e dell'autore rispetto ai suoi
contemporanei, l'ha definito lonely Historian. Nonostante la felicità e la fortuna di queste definizioni.
Anuniarro fu e rimane pienamemte figlio dei suo tempo e la sua opera ne è lo specchio fedele tanto sul
piano storico quanto su quello letterario.
Nessuno meglio di lui delinea i caratteri dell’assolutismo imperiale nel IV secolo, sia attraverso l'analisi dei
sentimenti più intimi degli imperatori, preoccupati di difendere can ogni mezzo il potere da pericoli veri o
immaginari; sia attraverso la descrizione delle apparizioni pubbliche di Augusti e di Cesari (nomine cesaree,
proclamazioni augustee, trionfi, aclventaas nelle diverse città dell'impero, cerimonîe per la concessione della
pace ai barbari), ormai vere e proprie teofanie secondo il costume orientale, perfettamente corrispondenti
all'idea che dí queste cerimonie si ricava dalla lettura delle opere di panegiristi coevi, come Claudia
Mamertino, Pacata, Temistio, dalle immagini scolpite su monumenti celebrativi, come i bassorilievi dell'arco
di Costantino a Roma e quelli posti alla base dell'obelisco di Teodesio a Istanbul e dalle effigi monetarie.
Nessuno con maggiore efficacia denuncia gli aspetti deteriori e anche squallidi della vita di corte, le gelosie,
l'avidità di potere e di denaro che provocarono spesso la rovina di innocenti, né sa descrivere meglio le
abitudini e i caratteri di funzionari palatini a di alti ufficiali. Di molti di questi abbiamo notizie anche da altri
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
151
autori o da iscrizioni, ma senza le pagine di Ammiano non sapremmo nulla dell'indole perversa di uomini
come il notarius Paolo Catena, il praepositus sacri cubiculi Eusebio o il magister pedifum Barbaziane, della
integrità rnorale e dell'assoluta lealtà del praepositus sacri cubiculi Euterio, della fedeltà a Costanzo Il del
prefetto del pretorio Nebridio. Il ricordo della moglie del Cesare Gallo rimarrebbe legato alla costruzione della
basilica di S. Agnese a Roma e alla fondazione di un monastero, mentre Ammiano la descrive come una
megera feroce e avida di sangue che spingeva il marito a compiere ogni genere di crudeltà; quello della
imperatrice Eusebia agli elogi senza riserve del panegirico scritto in suo onore da Giuliano, quando era
ancora Cesare, mentre il nostro storica pur ammirandone la bellezza e l'eccezionale cultura non nasconde le
insidie che ella tramò a danno di Elena, moglie di Giuliano. Di molti altri uomini; infine; che ebbero ruoli più o
meno rilevanti nella vita politica o militare del IV secolo, non avremmo neppure notizia.
La nostra conoscenza dell'impero tardo-antico sarebbe certamente più limitata se non potessimo leggere le
Storie. Senza di esse non saremmo in grado di comprendere fino in fondo quale grande problema sia stato
per gli imperatori la difesa dei confini minacciati di volta in volta da Alamanni, Goti, Unni e altri barbari, e
come essi abbiano cercato di risolverlo sia attraverso opere di fortificazione del limes sia, in mancanza di
truppe romane, con il reclutamento di barbari. Ci sfuggirebbero molti aspetti della politica fiscale e delle
variazioni che essa subì sotto ciascun sovrano e, probabilmente, anche il significato di molti provvedimenti
legislativi non risulterebbe chiaro: basti pensare ad esempio alla difficoltà che ha presentato, nonostante ce
ne sia pervenuto il testo attraversa il Codice Teodosìano, l'interpretazione della legge sui suffragatores.
Inoltre, nonostante la disponibilità di documenti indispensabili per la conoscenza di istituzioní e magistrature
tardo-imperiali quali la Lista di Verona o la Notitia dignitaturrt, saremmo molto meno informati sull'evoluzione
che alcune di esse subirono nel corso del IV secolo. Per limitarci soltanto a qualche esempio, la
testimonianza di Ammiana, ínfatti, si rivela illuminante per la ricostruzione della storia della prefettura urbana
di Roma, per la conoscenza dei profondi mutamenti subiti in questo perioda dalla prefettura del pretorio, per
le notizie relative alla creazione di nuove diocesi e province o al loro cambiamento di nome, non segnalate
da altre fonti.
Le Storie, infine, veicolo della tradizione in quanto ci hanno trasmesso frammenti altrimenti perduti di autori
greci e latini (Bacchilide, Menandro, Catone, Cicerone), e pienamente inseri te in essa per adesione ai
moduli storiografici classici, per stile ed erudizione, riflettono tuttavia incertezze, sete di conoscenza e
tendenza all'innovazione, caratteristiche del tempo in cui sono state scritte, e sono documento prezioso della
universalità e unitarietà della cultura tardo-antica, di cui Ammiano, che si presenta come greco ma che
sceglie di scrivere in latino, si rivela interprete quanto mai qualificato.
Matilde Caltabiano, dall’Introduzione all’ed. Rusconi 1989 delle Storie
Eutropio
Cenni biografici
L'origine è incerta (gallica, italiana [come dice la Suda] o, come si pensa sempre più, orientale?).
Per il IV secolo ci sono molti Eutropio. Nacque dopo il 320.
Sappiamo che fu grammatico e retore, ma che si occupò anche di medicina (per quest’ultimo
elemento fonte è Marcello Empirico che vuole E. nato a Bordeaux) ed ebbe una certa competenza
giuridica.
Diversi indicatori dimostrano che aveva una buona conoscenza del greco.
Fu in rapporti epistolari con Simmaco.
Fu magister epistularum di Costanzo II (337-61)
Fu al seguito di Giuliano l'Apostata nella spedizione in Persia del 363 (Brev. 10,16,1); fu praeses
Ciliciae tra il 367 e il 369, e ricoprì dal 369 la funzione di segretario (magister memoriae)
dell'imperatore Valente (364-378).
Scampato dal coinvolgimento nella congiura di Teodoro, fu probabilmente proconsole d'Asia nel
371-72, prefetto del pretorio nell'Illirico nel 380-81 e console nel 387 assieme a Valentiniano II.
Verosimilmente era ancora vivo nel 390.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
152
Opere
Il Breviarium ab Urbe condita rispondeva alla esigenza di una sintesi storica piuttosto sentita tra le
persone colte (e incolte) del tempo (e anche dei precedenti). (Livio troppo lungo). Si colloca quindi
nella tradizione di Pompeo Trogo (I) e Giustino (inizio III) come delle Periochae. Accanto a questa
tradizione (epitomi) c’è poi quella degli excerpta (Valerio Massimo e Giulio Ossequiente);
indipendente da Livio quella delle storie di respiro letterario brevi, come Velleio Patercolo e Anneo
Floro.
Come si legge nella dedicatio e praefatio, il Breviarium fu commissionato ad Eutropio
dall'imperatore Valente.(364-78)
Anche in seguito ebbe molta fortuna soprattutto per la sua semplicità e chiarezza.
Organizzato in dieci libri, dalle origini (regno di Romolo) fino alla morte di Gioviano e
all’incoronazione di Valente e Valentiniano (364), con maggiore risalto ai secoli II-IV.
I libri I-VI coprono il periodo fino a Cesare, il settimo arriva all’assassinio di Domiziano, l'ottavo fino
ad Alessandro Severo, il nono a Diocleziano, il decimo a Gioviano (364).
Si può parlare anche di una ripartizione interna diversa.
La prima parte è in linea di principio annalistica e l’ordine di presentazione segue quello di
avvicendamento dei re e quindi dei consoli; a partre da 2,11 la narrazione si articola attorno a
grandi personaggi e avvenimenti notevoli, pur in una struttura che vorrebbe essere annalistica; tale
struttura si perde però sempre più; tale prima parte si conclude con le campagne di Pompeo, di
Cesare e le guerre civili, fino all’ascesa di Augusto al principato.
La seconda parte abbandona con maggiore chiarezza la struttura annalistica per assumere quella
tipica delle biografie: origine dell’imperatore,legami di parentela, caratteri della personalità, atti
digoverno più notevoli, morte, indicazione della durata del regno e dell’età al momento del decesso
con menzione di eventuale divinizzazione. Le biografie variano in lunghezza.
Le fonti sono Livio, non di prima mano, ma attraverso una epitome (ma anche Dionisio di A.,
Plutarco, Appiano), per il periodo fino a Cesare; per il periodo Cesare-Domiziano: Svetonio (in
modo continuo e costante, talvolta con citaz.letterali), forse Augusto (res G.), ed altri repertori più
difficili da identificare per i periodi successivi trattati dai due storici. Tacito, Plutarco, Appiano,
Dione Cassio. Per il periodo successivo, oltre a ricordi personali, la definizione delle fonti diventa
più problematica e non è possibile stabilire rapporti con opere più o meno contemporanee tipo:
Liber de Caesaribus di A.Vittore, l’Epitome de Caesaribus, il Liber de viris illustribus Urbis Romae,
ma anche Mario Massimo (sul modello svetoniano dodici vite da Nerva a Eliogabalo) e la KG di
Enmann. Posteriore a Eutropio è invece L’Historia Augusta.
L'opera fu tradotta anche in greco, non proprio letteralemente dal contemporaneo Paiàno, circa nel
390; all’inizio del VI secolo un’altra traduzione più libera ed elegante fu realizzata da Capitone di
Licia; di tale traduzione restano solo frammenti.
Paolo Diacono (720-799), utilizzò, tra il 766 e il 782, il testo di Eutropio con aggiunte da Girolamo,
Orosio e Giordane per aggiornarne il testo fino a Giustiniano (553). Tale opera di Paolo fu alla
base di una nuova compilazione, l’Historia miscella, composta da Landolfo Sagax intorno al 1000,
che aggiunge a Paolo i libri dal 17 al 24, aggiornando il racconto al 806.
venne utilizzata anche da Paolo Diacono per il suo Compendium Historiae Romanae.
Eutropio venne utilizzato da Girolamo, dall’Epitome de Cesaribus, da Ammiano, da Orsio,
Cassiodoro, Giordane, Isidoro, Beda.
Osservazioni
Dall’edizione Belles Lettres di Hellegourac’h, 1999, BCTV
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
153
Testi e testimonianze
Amm.Marc., 29,1,36 [Testo latino IntraText]
36. Quibus post haec cognita sequestratis, Eutropius Asiam proconsulari tunc obtinens potestate, ut factionis
conscius arcessitus in crimen, abscessit innocuus, Pasiphilo eximente philosopho, qui ut eum mendacio
iniusto perverteret, crudeliter tortus de statu robustae mentis non potuit deturbari.
Traduzione
Marc. Empir., de medic., praef. 1-2. Secutus opera studiosorum virorum…Siburius, Eutropius
atque Ausonius commodarunt… .
Simm., epist. 4,46-51 e 3,50
Suda V. KAPITON. Per indicazioni sulla composizione e sull’opera di riduzione del testo di Livio.
Cod.Iust., 1,54,4
Eutr., Brev., 10,16,1
Hinc Iulianus rerum potitus est ingentique apparatu Parthis intulit bellum, cui expeditioni ego quoque interfui.
Breviarium ab Urbe condita
Praefatio
DOMINO VALENTI GOTHICO MAXIMO PERPETVO AVGVSTO EVTROPIVS V.C. MAGISTER MEMORIAE
Res Romanas ex voluntate mansuetudinis tuae ab urbe condita ad nostram memoriam, quae in negotiis vel
bellicis vel civilibus eminebant, per ordinem temporum brevi narratione collegi strictum, additis etiam his
quae in principium vita egregia extiterunt, ut tranquillitatis tuae possit mens divina laetari prius se inlustrium
virorum facta in administrando imperio secutam, quam cognosceret lectionem. [Testo Hellegouarc’h]
IntraText CT - Text
LIBER I
Capp. I-V
1. Romanum imperium, quo neque ab exordio ullum fere minus neque incrementis toto orbe amplius
humana potest memoria recordari, a Romulo exordium habet, qui Reae Silviae, Vestalis virginis, filius et,
quantum putatus est, Martis cum Remo fratre uno partu editus est. Is cum inter pastores latrocinaretur,
decem et octo annos natus urbem exiguam in Palatino monte constituit XI Kal. Maias, Olympiadis sextae
anno tertio, post Troiae excidium, ut qui plurimum minimumque tradunt, anno trecentesimo nonagesimo
quarto.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
154
2. Condita civitate, quam ex nomine suo Romam vocavit, haec fere egit. Multitudinem finitimorum in
civitatem recepit, centum ex senioribus legit, quorum consilio omnia ageret, quos senatores nominavit
propter senectutem. Tum, cum uxores ipse et populus suus non haberent, invitavit ad spectaculum ludorum
vicinas urbi Romae nationes atque earum virgines rapuit. Commotis bellis propter raptarum iniuriam
Caeninenses vicit, Antemnates, Crustuminos, Sabinos, Fidenates, Veientes. Haec omnia oppida urbem
cingunt. Et cum orta subito tempestate non comparuisset, anno regni tricesimo septimo ad deos transisse
creditus est et consecratus. Deinde Romae per quinos dies senatores imperaverunt et his regnantibus annus
unus completus est.
3. Postea Numa Pompilius rex creatus est, qui bellum quidem nullum gessit, sed non minus civitati quam
Romulus profuit. Nam et leges Romanis moresque constituit, qui consuetudine proeliorum iam latrones ac
semibarbari putabantur, et annum descripsit in decem menses prius sine aliqua supputatione confusum, et
infinita Romae sacra ac templa constituit. Morbo decessit quadragesimo et tertio imperii anno.
4. Huic successit Tullus Hostilius. Hic bella reparavit, Albanos vicit, qui ab urbe Roma duodecimo miliario
sunt, Veientes et Fidenates, quorum alii sexto miliario absunt ab urbe Roma, alii octavo decimo, bello
superavit, urbem ampliavit, adiecto Caelio monte. Cum triginta et duos annos regnasset, fulmine ictus cum
domo sua arsit.
5. Post hunc Ancus Marcius, Numae ex filia nepos, suscepit imperium. Contra Latinos dimicavit, Aventinum
montem civitati adiecit et Janiculum, apud ostium Tiberis civitatem supra mare sexto decimo miliario ab urbe
Roma condidit. Vicesimo et quarto anno imperii morbo periit.
Traduzione
Bibliografia
Edizioni
R. Dietsch, Leipzig, Teubner, 1853, 18622.
C.H. Weise, Leipzig, Holtze, 1871.
H. Droysen, Eutropi Breviarium ab urbe condita cum versionibus Graecis et Pauli Landolfique
additamentis, Berlin, Weidmann, 1879 (anast. Munchen: Monumenta Germaniae historica, 1978,
2000, Monumenta Germaniae historica. Scriptores.Auctores antiquissimi)
Eutropii Breviarium historiae Romanae / editionem primam curavit Detl, C.G. Baumgarten-Crusius,
alteram Henricus Rudolfus Dietsch, Leipzig, Teubner, 1883.
C. Wagener, Leipzig, G. Freytag, 1884.
F. Ruhel, Leipzig 1885, 1887; 1901, 1909, 1919, (anast. Stuttgard 1985?o 1975)
M. Rat, Paris, Garnier, 1934.
C. Santini, Leipzig, Teubner, 1979, 19922.
H. W. Bird, Liverpool, LUP, 1993
J. Hellegouarc’h, Paris, Les Belles Lettres, 1999.
Strumenti
I. Moreno Ferrero, Lexikon der lateinischen Epitomatoren des 4.Jahrhunderts (Aurelius Victor:
Liber de Caesaribus; Eutropius: Breviarium; Epitome de Caesaribus). Hildesheim ( In preparation!)
Controllo ICCU Non c’è
M.P. Segoloni, A.R. Corsini, Eutropii Lexicon, Perugia 1982.
Studi
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
155
M. Capozza, Roma tra monarchia e decemvirato nell'interpretazione di Eutropio, Roma,
Bretschneider, 1973.
L.D. Reynolds, Texts and transmission. A Survey of the latin Classics, Oxford 1983, pp. 59-62.
(L.D.Reynolds).
Bonamente Giorgio, Giuliano l'Apostata e il breviario di Eutropio, Roma, Bretschneider, 1986.
IntraText
Breviarium ab Urbe condita
LAT0115
BTL3= Breuiarium ab urbe condita - s. 4 p.c. - prosa
LLA 538.4 - TLL EVTR.
Teubner (C. Santini, 1979)
ICCU
Abrege d'histoire romaine / Eutrope; texte etabli et traduit par Joseph Hellegouarc'h, Paris: Les belles lettres,
1999 Ser.latine; 356
Titolo uniforme: Breviarium ab Urbe condita.
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Breviar de la intemeierea Romei / Flavius Eutropius; Editie critica ... de Gh. I. Serban, Braila: Editura Istros,
1997
Serban, Gheorghe I.
Paese di pubblicazione: RO; Lingua di pubblicazione: rom
Ratti, Stephane
Les empereurs romains d'Auguste a Diocletien dans le Breviaire d'Eutrope: livres 7 a 9 du Breviaire
d'Eutrope: introduction, traduction et commentaire / Stephane Ratti, Paris: Les belles lettres, 1996, Annales
litteraires de l'Universite deBesancon; 13
Annales litteraires de l'Universite deBesancon. Institut Felix Gaffiot
Breviario di storia romana: libri da 1 a 10 / Eutropio; testo latino, costruzione, versione italiana interlineare a
cura del prof. Pio Bortoluzzi, Seregno: Avia pervia, stampa 2001, Collana Sormani di testi latini e greci
Eutropius kurze Geschichte Roms seit Grundung (753 v. Chr.-364 n. Chr): Einleitung, Text und Ubersetzung,
Anmerkungen, index nominum a) geographicorum, b) historicorum / [a cura di] Friedhelm L. Muller, Stuttgart:
Steiner, 1995, Palingenesia
Note Generali: Testo lat. a fronte.
Breviario di storia romana / Eutropio; testo latino, costruzione, versione italiana a cura del prof. Pio
Bortoluzzi, Seregno: Avia pervia, stampa 1991
Eutropi breviarium ab urbe condita / recognovit Franciscus Rvehl, Stutgardiae: in aedibus Teubneri, 1985
Eutropi breviarium ab urbe condita / recognovit Franciscus Ruehl
Edizione: Ed. ster, [S.l.: s.n., 1975?]
Descrizione fisica: XIX, 90 p.; 20 cm.
Note Generali: Rist. facs. dell'ed.: Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1919.
Capozza, Maria, Roma fra monarchia e decemvirato nell'interpretazione di Eutropio / Maria Capozza, Roma:
L'Erma di Bretschneider, 1973, Pubblicazioni dell'Istituto di storia antica /Universita degli studi di Padova
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Eutropi Breviarium ab urbe condita cum versionibus Graecis et Pauli Landolfique additamentis / recensuit et
adnotavit H. Droysen
Edizione: Unveranderter Nachdruck, Munchen: Monumenta Germaniae historica, 1978, Monumenta
Germaniae historica. Scriptores.Auctores antiquissimi
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
156
Note Generali: Ripr.dell'ed.: Berlin: Weidmann, 1879.
Eutropii Breviarium ab urbe condita / recognovit Carolus Santini, Leipzig: B.G. Teubner, 1979, Bibliotheca
scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Breviario di storia romana. Libro 1., Dalla fondazione di Roma al 390 a. C. / costruzione diretta, versione
letterale interlineare [dal latino], sommario e note a cura di D[omenico] Barresi, Reggio Calabria: Barresi,
1952, Tip. Siclari
Eutropi breviarum ab urbe condita / passi scelti e commentati da Gerolamo Bottoni, Milano: Signorelli, 1954,
Scrittori latini
Note Generali: Ristampa.
Tribole, Dionysios, Eutropius historicus kai oi ellenes metaphrastai tou Breviarium ab urbe condita: melete
philologike kai istorike / Dionysiou N. Tribole, Athenai: [s.n.], 1941
Note Generali: Testo in greco.
Phaedrus
Cinquanta favole: Eutropius, breviarum ab urbe condita. Cornelius Nepos, cinque vite. Tibullus Albius, carmi
scelti. Caesar C. Iulius, la guerra gallica; la guerra civile. Cicero m. Tullius, lettere scelte. Ovidius naso p.,
metamorfosi, Firenze: R. Bemporad e F., 1938, I classici latini Bemporad
Eutropi Breviarum ab urbe condita / edizione integra curata e annotata dal prof. Quirino Orfeo Polenta,
Catania: Etna, 1935, Alma parens; 2
Eutropii Breviarium ab urbe condita: passi scelti, annotati e corredati di un lessico / a cura di Domenico
Pastorino
Edizione: 5. ed, Milano: A. Mondadori, stampa 1936, Edizioni Mondadori per le scuole medie
10: Istoria romana prescurtata / de Eutropius, Bucuresti: Bucovina, 1936
Fa parte di: Izvoarele istoriei Romanilor / traducere de G. Popa-Lisseanu
Nomi: Eutropius
Altri titoli collegati: [Titolo parallelo] Breviarium historiae romanae
Paese di pubblicazione: RO
Cornelio Nepote, Eutropio / con note di Francesco Marinelli
Edizione: 2. ed, Roma: Ausonia, 1936, Lecta potenter
Marinelli, Francesco <1863-?>
Breviarium ab Urbe condita: Edizione integra curata e annotata da Quirino Orfeo Polenta, Catania: Etna,
1935, Tip. E. Giandolfo, Alma parens
Il compendio di storia romana / Eutropio; scelta a cura di Cesare Bione, Firenze: La Nuova Italia, 1936
Descrizione fisica: 77 p.; 19 cm., Scrittori latini
Breviarium ab urbe condita / Eutropii; introduzione e note di Avancinio Avancini, Milano: A. Vallardi, stampa
1933, Corpus scriptorum Romanorum
Breviarium ab urbe condita / Eutropi; commentato da N. Cocco, Milano [etc.]: Societa anonima editrice
Dante Alighieri, 1933
Gli autori latini per il ginnasio inferiore: Fedro, Cornelio, Eutropio, Tibullo, Ovidio / scritti scelti e commentati
[a cura di] Antonino Cassara, con [dieci] tavole illustrative fuori testo
Edizione: Quinta edizione riveduta e ampliata, coll'aggiunta di alcune nozioni di prosodia e di metrica,
Milano: Casa Edit. R. Sandron, [1932], Tip. Cappugi e Mori
Abrege de l'histoire romaine / Eutrope; traduction nouvelle avec introduction, notes, tables et index par
Maurice Rat, Paris: Garnier, stampa 1934, Classiques Garnier
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Eutropi Breviarium ab urbe condita / con note di B. Antonio Calvi
Edizione: 2. ed. corretta, Torino: SEI, stampa 1931, Scrittori latini commentati per le scuole
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
157
Ovidius Naso, Publius
Maxima Rerum Roma: Letture scelte e commentate ad uso delle scuole medie inferiori, con nozioni di
prosodia e metrica latina e numerose illustrazioni [a cura di] Luigi Francesco Guerra, Roma: Albrighi, Segati
e C., 1932 (Arpino, Soc. Tip. Arpinate)
Nomi: Ovidius Naso, Publius Eutropius Tibullus, Albius
Antologia latina per il ginnasio inferiore: (Eutropio, Cornelio, Fedro, Ovidio, Tibullo) / [a cura di] Cesare
Verlato, Milano: Ediz. Cristofari, [1933], Scuola Tip. Artigianelli
Breviario di storia romana / Eutropio
Edizione: Nuova edizione con introduzione a cura di Pietro Visconti, Milano: C. Signorelli, 1934, Biblioteca di
letteratura
I prosatori latini, Cornelio ed Eutropio per il Ginnasio Inferiore / [a cura di] Claudio Vaioli
Edizione: Nuova edizione riveduta e ampliata, Bologna: N. Zanichelli, 1933, Tip. A. Cacciari
Breviario di storia romana: Testo latino, costruzione, versione italiana a cura di Pio Bortoluzzi, Venezia: Ediz.
Sormani, 1932 (Bologna, Stab. Poligr. Riuniti), Avia pervia
Breviarium ab Urbe condita: A cura di G. D'amico- Orsini. Passi scelti, Firenze: R. Bemporad e Figlio Edit.
Tip., 1933, Nuova collezione Bemporad di classici latini
Breviarium ab Urbe condita / con note di B. Antonio Calvi
Edizione: Seconda ristampa della seconda edizione corretta, 13 migliaio, Torino: Societa Edit.
Internazionale, 1932, Tip. Gattiglia, Scrittori latini commentati per le scuole
Breviarium ab Urbe condita: Introduzione e commento di Francesco Galli. Con trentanove illustrazioni
Edizione: Nuova tiratura, Firenze: G. C. Sansoni, 1932 (Tip. L'arte Della Stampa, Succ. Landi), Nuova
collezione di classici latini commentatied illustrati ad uso delle scuole
Breviarium ab Urbe condita: Introduzione e commento di Francesco Galli. Con 39 illustrazioni, Firenze: G. C.
Sansoni Edit., 1931 (L'arte Della Stampa, Succ. S. Landi)
Breviarium ab Urbe condita: Passi scelti e commentati a cura di Gerolamo Bottoni, Milano: C. Signorelli,
1932, Tip. L. Di G. Pirola
Breviarium am Urbe condita: Introduzione e commento a cura di Lorenzo D'amore, Lanciano: G. Carabba,
1931, R. Carabba, Classici latini
La prosa latina per il ginnasio inferiore: Eutropio-Cornelio Nepote / [a cura di] Valerio Milio, Napoli: F.
Perrella, 1930 (Arpino, Soc. Tip. Arpinate)
Breviario di storia romana: Nuova versione con introduzione, a cura di Pietro Visconti, Milano: C. Signorelli,
1934, Tip. L. Di G. Pirola, Biblioteca di letteratura
Breviarium ab Urbe condita: Commentato da Marco Galdi e Carlo Del Grande, Napoli: L. Loffredo, 1934, Tip.
G. Torella e Figlio, Raccolta scolastica di classici latini egreci
Breviarium ab Urbe condita: Passi scelti e commentati a cura di Gerolamo Bottoni, Milano: C. Signorelli,
1934, Tip. L. Di G. Pirola
Eutropii breviarium ab urbe condita / passi scelti, annotati e corredati di un lessico a cura di Domenico
Pastorino, Milano: Mondadori, 1929, Edizioni Mondadori per le scuole medie
Compendio di storia romana / Eutropio, Milano: Sonzogno, stampa 1929, Biblioteca universale; 428
Compendio di storia romana / Eutropio; con note italiane di Pietro Di Lauro
Edizione: 2. ed, Bologna: N. Zanichelli, stampa 1926, Biblioteca dei classici latini ad uso dellescuole
Cornelius Nepos
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
158
Loci selecti: Con introduzione, commento e note del dott. Gaetano Unita, Lanciano: G. Carabba, 1928, R.
Carabba, Classici latini
Nomi: Cornelius Nepos Phaedrus Eutropius
Cornelius Nepos
I prosatori latini per il Ginnasio Inferiore / [a cura di] Claudio Vaioli, Bologna: N. Zanichelli, 1927, A. Cacciari
Nomi: Cornelius Nepos Eutropius
Breviarium ab Urbe condita: Con note del dott. B. Antonio Calvi
Edizione: Seconda ristampa della prima edizione, Torino: Soc. Edit. Internazionale, 1926, Off. Poligr.
Subalpina O. P. E. S., Scrittori latini commentati per le scuole
Breviarium ab Urbe condita: Con note di Fausta Casolini, Torino: G. B. Paravia e C., 1926 (Pavia, Tip. Succ.
Fratelli Fusi), Biblioteca scolastica di scrittori latini egreci
Breviarium ab urbe condita / con note per cura del prof. Tito Morino
Edizione: Seconda edizione, Roma: Albrighi, Segati e C., 1925 (Arpino, Soc. Tip. Arpinate), Raccolta di
autori latini con note italiane
Breviarium ab Urbe condita: dai primi cimenti / [a cura di] I. Bassi e P. Cabrini
Edizione: Edizione riordinata da A. Nardi e M. Polenghi, Torino: G. B. Paravia e C. Edit. Tip., 1927,
Biblioteca di lingua latina e greca
Breviarium ab Urbe condita: Introduzione e note di Avancinio Avancini, Milano: A. Vallardi Edit. Tip., 1927,
Corpus scriptorum Romanorum
Breviarium ab Urbe condita: Passi scelti, annotati e corredati di un lessico a cura di Domenico Pastorino,
Milano: A. Mondadori Edit. Tip., 1926, Edizioni Mondadori per le scuole medie
Breviarium ab Urbe condita: Passi scelti e commentati a cura di Gerolamo Bottoni, Milano: C. Signorelli,
1927, L. Di G. Pirola
Breviarium ab Urbe condita: Passi scelti e commentati a cura di Gerolamo Bottoni, Milano: C. Signorelli,
1929, L. Di G. Pirola
Compendio della storia romana: Traduzione e sommario a cura di Giacomo Naso, Torino: G. B. Paravia e C.
Edit. Tip., 1928
Compendio di storia romana / con note del dott. Pietro Parducci
Edizione: Seconda edizione, Roma: Albrighi, Segati e C., 1927 (Citta di Castello, Casa Tip. Edit. S. Lapi)
Compendio di storia romana: Traduzione di Michele Caroli, Napoli: Rondinella e Loffredo F. Sangiovanni e
Figli, 1929, Raccolta di traduzioni dal greco e dal latino.Serie latina
Il compendio di storia romana / con introduzione e note di Tullio Tentori, Palermo: R. Sandron Edit. Tip.,
1925, Nuova raccolta di classici latini con noteitaliane
Breviarum ab urbe condita / con note del dott. B. Antonio Calvi
Edizione: Prima ristampa della 1 edizione, Torino: Soc. Ed Internazionale, 1921, Off. Poligr. Ed. Subalpina,
Scrittori latini commentati per le scuole
Ramorino, Felice, Fedro, Cornelio, Cicerone, Eutropio: brani scelti ed annotati per uso della seconda classe
ginnasiale / da Felice Ramorino
Edizione: 2. ed. accresciuta e corretta, Napoli: Francesco Perrella, 1912
Brani [di] Fedro, Cornelio, Cicerone, Eutropio / scelti ed annotati, per uso della seconda classe ginnasiale,
da Felice Ramorino
Edizione: Terza edizione, accresciuta e corretta, Napoli: Soc. F. Perrella e C., 1915, Selci
Eutropi Breviarium ab urbe condita / recognovit Franciscus Ruehl
Edizione: Ed. stereotypa, Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1919, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
159
Titolo uniforme: Breviarium ab urbe condita.
Compendio di storia romana / Eutropio, Milano: Sonzogno, stampa 1912, Biblioteca universale
Compendio di storia romana / con note del dott. Pietro Parducci, Citta di Castello: Casa Ed. S. Lapi, 1913,
Collezione di classici greci e latini. Serielatina; 12
Breviarium ab urbe condita / con note a cura del dott. B. Antonio Calvi, Torino: Libr. Ed. Internazionale,
1912, Tip. Salesiana, Scrittori latini commentati per le scuole
Breviarium ab urbe condita / recogn. Franciscus Ruehl, Lipsiaee: Teubner, 1909
Eutropi Breviarium ab urbe condita / recognovit Franciscus Ruehl
Edizione: Editio stereotypa, Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1901, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
Eutropi Breviarium Ab Urbe Condita / con note, illustrazioni e una carta topografica per cura di Tito Morino,
Roma; Milano, 1909, Raccolta di autori latini con note italiane
Compendio di storia romana / con note italiane del dott. Pietro Di Lauro, Prato: Ditta Alberghetti, 1909
(Giachetti, Figlio e C.)
Eutropi Breviarium ab Urbe condita / recognovit Franciscus Ruehl, Lipsiae: In aedibus B.G. Teubneri, 1887,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Eutropii Breviarium historiae Romanae / editionem primam curavit Detl, C.G. Baumgarten-Crusius, alteram
Henricus Rudolfus Dietsch, Lipsiae: In aedibus B.G. Teubneri, 1883, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
Eutropii Breviarium historiae romanae
Edizione: [Editionem] alteram / [curavit] Henricus Rudulfus Dietsch, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1883
Note Generali: Sul front. anche: Editione primam curavit Detl. C. G. Baumgarten - Crusius.
Breviarium ab urbe condita / edidit Carolus Wagener, Leipzig: G. Freyta g, 1884, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Storia romana / Eutropio; continuata da Paolo Varnefrido; versione italiana di Luigi Bellone, Roma: E. Perino,
1884, Biblioteca nova
I primi passi nel latino: Note al [compendium historiae romanae], di eutropio, per A. De Carolis, secondo la
riduzione del kuhner, Santamaria Capua Vetere: Stab. Tip. Francesco Cavotta, 1898
Eutropii Breviarum historiae Romanae
Edizione: 2. ed. / Henricus Rudolfus Dietsch, Lipsiae: sumptibus et typis B. G. Teubneri, 1853, Bibliotheca
scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Compendio della storia romana / di Eutropio; versione di G. F. Muratori; col testo a pie' di pagina
Edizione: 2. ed. riv. E corretta dal traduttore, Torino: Dalla stamperia reale, 1857
Eutropii breviarium historiae romanae / ad optimorum curavit C. H. Weise
Edizione: novae ed. stereotipae C. Tauchnitiane; nova imp, Lipsiae: Sumtibus Ottonis Holtze, 1871
Breviarium historiae romanae / Eutropii; [a cura di]Enrico Dietsch
Edizione: 2. ed, Lipsiae: Teubneri, 1862
Note Generali: Sul front.: Editionem primam curavit Detl. C. G.Baumgarten-Crusius
Eutropi Breviarium ab Urbe condita cum versionibus graecis et Pauli Landolfique additamentis / recensuit et
adnotavit H. Droysen, Berolini: Apud Weidmannos, 1879, Monumenta Germaniae historica.
Scriptores.Auctores antiquissimi
Landulfus: Sagax, Historia miscella ab incerto auctore consarcinata complectens Eutropii historiam romanam
cum additamentis Puli Diaconi et Landulphi Sagacis seu cujusquam, Cherii: ex typographia societatis, 1854
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
160
Nomi: Landulfus: Sagax, Paulus: Diaconus, Eutropius, Canisio, Enrico
Paese di pubblicazione: IT
Lingua di pubblicazione: lat
Suetonius Tranquillus, Gaius
Suetone les ecrivains de l'histoire auguste Eutrope Sextus Rufus avec la traduction en francais / publiees
sous la direction de M. Nisard, Paris: Firmin-Didot et Cie, 1876, Collection des auteurs latins avec
latraduction en francais
Nomi: Suetonius Tranquillus, Gaius, Eutropius, Rufius Festus; Nisard, Desire<1806-1888>
Eutropii Breviarum historiae romanae, Augustae Taurinorum: ex officina regia, 1850
Breviarium ab urbe condita / recensuit H. Droysen, Berlin: Weidmann, 1878
"Eutropio - Encarta",
Eutropio Storico latino vissuto nel IV secolo d.C.; scrisse, su richiesta dell'imperatore bizantino Valente,
un'opera in dieci volumi dove raccolse l'intera storia di Roma: il Breviarium ab Urbe condita (Compendio
dalla fondazione della città), che narra le vicende della città dalle origini al 364 d.C., anno in cui venne
incoronato Valente. L'opera, scritta in modo conciso ma molto chiaro, è dedicata allo stesso imperatore ed è
stata più volte rimaneggiata da vari autori, fra cui Paolo Diacono, fino all'epoca medievale.
"Eutropio - Treccani"
Eutropio. Scrittore latino del IV sec. d.C. Visse alla corte del'imperatore Valente, di cui fu segretario. Poco o
nulla si sa della sua vita. Per ordine dell'imperatore scrisse un Breviarium ab urbe condita in 10 libri, da
Romolo fino all'imperatore Gioviano. Il suo stile è semplicissimo; perciò ebbe fortuna nelle scuole. E. non
affronta problemi, ma si limita a dare un sunto arido, in cui sono colti soltanto i fatti più appariscenti.
Eutropio - Riposati
Eutropio (Eutropius) era segretario (propriamente magister memoriae) e redattore ' dei rescritti ' del suo
imperatore Valente (364-378). A richiesta del Princeps, compose in dieci libri uno schematico riassunto di
tutta la storia di Roma fino al suo tempo dando maggior risalto alle notizie sui secoli II IV dell'lmpero.
Di questi dieci libri ì primi sei sono consacrati alle vicende di Roma, dalle origini alla morte di Cesare, il
settimo giunge fino alla morte di Domiziano, I'ottavo fino ad Alessandro Severo, il nono fino a Diocleziano,
I'ultimo fino a Gioviano (364).
All'inizio del lavoro si awerte un fervore patriottico e nazio, nale, che poi va man mano perdendosi nel
successivo allinearsi, monotono, piatto e serrato, di eventi e di personaggi non ben conS catenati e senza
alcun risalto storico. Comunque, l'operetta, scesa dalla maestà dell'aula imperiale, entrò presto nella scuola,
dove ancor oggi aiuta ad apprendere la storia di Roma col suo stile semplice e piano, e col suo linguaggio,
che risente dei buoni modelli. Fu anche tradotta in greco da Paiànio (vissuto ai tempi di Eutrò, pio); la
traduzione, giunta essa pure fino a noi, fu utilizzata piú tardi da Paolo Diacono per il suo Compenltum
Historiae Romanae.
Ignotus
Così viene definito l'autore di un'opera perduta risalente al IV secolo, di tipo biografico e di
impianto più serio rispetto a quella di Mario Massimo, che sarebbe tra le fonti dell'Historia Augusta
e anche della cosiddetta Storia di Enmann.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
161
Bibliografia
Bettini 3, 774
Storia di Enmann
Così viene definita un'opera storiografica, composta tra il 337 e il 360. Sua fonte sarebbe stato
l'opera del così detto Ignotus.
La storia di Enmann, così chiamata dal nome dello studioso che per primo ne ricostruì l'esistenza e
le caratteristiche, sarebbe stata utilizzata, oltre che dall'autore dell'Historia Augusta, da Aurelio
Vittore, Eutropio, Festo, Girolamo e dall'autore dell'Epitome de Caesaribus.
-----------------------------Secondo Enmann la KG si presentava come una collezione di biografie imperiali piuttosto brevi,
ispirate al modello di Svetonio, ma per il periodo del Iv secolo questo modello subiva il tipo
annalistico, visto l’avvicendarsi al regno di più persone in tempi diversi. Tra le opere antiche
debitrici a KG ci sarebbe anche il Chronicon di S. Girolamo. La KG avrebbe coperto un periodo
sicuramente fino al 284-85, forse al 357, ma Dessau si spinge fino alla fine del IV secolo. Barnes è
convinto che non si possa spostare la data oltre il 357.
--------------------------------
Bibliografia
Bettini 3, 774
ICCU
Storia di Enmann niente anche per Titolo, niente anche per Enmann come Autore e Soggetto
Anonimo Valesiano o Origo Constantini imperatoris
E' così definito un frammento conclusivo di un'opera storiografica risalente al IV secolo: coincide
con una Vita di Costantino e ha come titolo, appunto, Origo Constantini imperatoris.
Il nome deriva dall'umanista francese Henri Valois (Valesius) che lo pubblicò per la prima volta nel
1636.
Da non confondere con altro frammento storiografico, sempre pubblicato da Valois nella stessa
occasione, che parla di Teodorico.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
162
Bibliografia
Edizioni
J. Moreau, (Excerpta Valesiana), Leipzig, Teubner, 1961, 19682 (corr. V. Velkov).
Konig, I., Origo Constantini, Trier, Verlag Trierer Historische Forschungen, 1987 (Testo e comm.)
BTL3= Excerpta Ualesiana (pars prior)
Excerpta Ualesiana, pars prior: Origo Constantini imperatoris - s. 4 p.c. - prosa
LLA 535 - TLL ORIGO Const.
Teubner (J. Moreau / V. Velkov, 1968), p. 1-10
ICCU per Soggetto nulla per Anonymus Valesianus
ICCU per Autore: Anonymus Valesianus
Excerpta Valesiana / recensuit Jacques Moreau, Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1961, Bibliotheca
scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Procopius: Caesariensis, Gothenkrieg / Prokop; nebst Auszugen aus Agathias, sowie Fragmenten des
Anonymus Valesianus und des Johannes von Antiochia / ubersetzt von dr. D. Coste
Edizione: 2. unv. Aufl, Leipzig: Dytsche, 1903
Konig, Ingemar, Origo Constantini: Text und Kommentar / Anonymus Valesianus; von Ingemar Konig, Trier:
Verlag Trierer Historische Forschungen, 1987
Anonymus Valesianus, Origo Constantini / Anonymus Valesianus, Trier: THF, 1987Comprende: Teil 1: Text und Kommentar / <herausgegeben>von Ingemar Konig
Anonymus Valesianus, Excerpta Valesiana / recensuit Jacques Moreau; editionem correctiorem curavit
Velizar Velkov, Lipsiae: In aed. Teubneri, 1968
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Note Generali: Racconti anonimi, l'uno sulla storia degli imperatori del IV sec. d.c., l'altro su re Teodorico,
pubblicati per la prima volta nel 1636 da Henri de Valois
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Anonymus Valesianus, 24.4: Fragmenta historica ab Henrico et Hadriano Valesio primum edita / Anonymus
Valesianus; a cura di Roberto Cessi, Citta di Castello: S. Lapi, 1913
Note Generali: Sul front.: Ripubblicati dal Muratori col titolo:_De Constantio Chloro, Constantino Magno, et
aliis imperatoribus excerpta auctoris ignoti ab Henrico Valesio jam edita, cum notis Hadriani Valesii,
historiographi regii ad communem commodum denuo nunc recusa
Fa parte di: Rerum Italicarum scriptores:
ICCU per Titolo Origo Constant.
Westerhuis, Dietrich Johannes Anton, Origo Constantini imperatoris sive anonymi valesiani pars prior:
specimen litterarium inaugurale ... / Johannes Antonius Westerhuis , Campis: J. H. Bos, 1906
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
163
Cronografo del 354
Viene indicato così da Th. Mommsen l'autore di una serie di testi storiografici risalente appunto al
354.
I codici attribuiscono la silloge a un Filòcalo, forse da identificarsi con Furio Dionisio Filòcalo, il
calligrafo collaboratore di papa Damaso, considerate la presenza nella silloge di un calendario con
illustrazioni e l'orientamento culturale e ideologico cristiano.
L'opera è preziosa perché è tra i pochi testimoni della storia tra il III e il IV secolo.
Di particolare interesse l'elenco dei prefetti di Roma e quello dei papi (Catalogus Liberianus) da
Pietro a Liberio (pontefice nel 352).
Fa parte di questo corpus anche un Libellus de regionibus Urbis Romae, cioè una rassegna delle
14 regioni urbane augustee, con l’elenco di opere architettoniche, e una cronaca divisa in due
brevi sezioni, il Liber de generationis (??) mundi e l’Origo gentis Romanorum.
Controllo titoli generationis
Bibliografia
Edizioni
Libellus de regionibus urbis Romae / recensuit Arvast Nordh, Lundae : C.W.K. Gleerup, 1949
Collezione: Skrifter utgivna av Svenska institutet i Rom.8
ICCU Autore per Furio Dionisio Filòcalo niente
Ricontrollo ICCU?? Per Catalogus Liberianus niente, Libellus de regionibus, Liber de generationis
mundi, Origo gentis Romanorum
ICCU niente per titolo Liber de generationis mundi
ICCU per Titolo Libellus de regionibus 1850-2005
Libellus de regionibus urbis Romae / recensuit Arvast Nordh, Lundae : C.W.K. Gleerup, 1949, Skrifter
utgivna av Svenska institutet i Rom.8
Paese di pubblicazione: SE
Conte 542, più dettagli Bettini 3,881
ICCU per Libellus de regionibus
Titolo: P. Victoris De regionibus vrbis Romae libellus aureus
Pubblicazione: [S.l. : s.n., s.d.]
Descrizione fisica: [8] c. ; 4o
Note Generali: Segn.: pigr.8
Autore: Boehme, Johann <ca. 1485-1535>
Titolo: Omnium gentium mores, leges, & ritus, ex multis clarissimis rerum scriptoribus, a Ioanne Boemo
Aubano Teutonico nuper collecti, & nouissime recogniti. Accessit Libellus de regionibus septentrionalibus,
earumque gentium ritibus, veterum sciptoribus seculo fere incognitis, ex Iacobo Zieglero geographo.
Praeterea, Epistola Maximiliani Transsyluani [|] lectu perquam iucunda, ad R. Card. Saltzburgen, de
Moluccis insulis, & aliis pluribus mirandis
Pubblicazione: Antuerpiae : in aedibus Ioan. Steelsii, 1542 ([Anversa] ; Typis Ioan. Graphei : [Joannes
Steels])
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
164
Autore: Iustinus, Marcus Iunianus
Titolo: Iustini Historia ex Trogo Pompeio quatuor & triginta epithomatis collecta. Lucij Flori Ephitomata
quattuor ... Sexti Ruffi ... De historia Romana ... Nerua Cocceius ex Dione Graeco per Georgium Merulam
Alexandrinum ... P. Victoris de regionibus urbis Romae libellus unicus
Pubblicazione: Lione : Barthelemy Trot! (1510 nono Kalen. Augusti [24. VII])
Autore: Beda
Titolo: Venerabilis Bedae presbyteri De temporibus siue de sex aetatibus huius seculi liber incipit. P. Victoris
De regionibus vrbis Rome libellus aureus
Pubblicazione: (Impressum Vene. : per Ioan. de Tridino alias Tacuino, 1509. die viii. Mai)
Titolo: De regionibus nouae Romae, quae primum Byzantium, deinde Costantinopolis est appellata, incerto
autore, sed illo tamen antiquiss. Libellus perquans elegans, nunc primum typis chalcographis commissus.
Numeri: Impronta - n-i- a-ta erin undu (C) 1531 (R)
Lingua di pubblicazione: lat
Autore: Beda
Titolo: Venerabilis Bedae presbyteri De temporibus siue de sex aetatibus huius seculi liber incipit. P. Victoris
De regionibus vrbis Rome libellus aureus
Pubblicazione: (Impressum Vene. : per Ioan. de Tridino alias Tacuino, 1505 die xxviii. Mai.)
Autore: Boehme, Johann <ca. 1485-1535>
Titolo: Omnium gentium mores, leges et ritus, ex multis clarissimis rerum scriptoribus, a Ioanne Boemo
Aubano Teutonico nuper collecti, & nouissime recogniti. Tribus libris absolutum opus, Aphricam, Asiam, &
Europam describentibus. Accessit libellus de regionibus septentrionalibus, earumque gentium ritibus,
veterum scriptorum saeculo fere incognitis, ex Iacobo Zieglero Geographo diligentiss. Necnon Mathiae a
Michou de Sarmatia Asiana, atque Europea, libri duo. Non sine indice locupletissimo
Pubblicazione: Venetiis, 1542 (Venetiis ; per Ioan. Ant. Petrum fratres de Nicolinis de Sabio : expensis vero
Io. Baptistae Pederzani Brixiensis, 1542)
Autore: Pomponio Leto
Titolo: Pomponii Laeti De antiquitatibus vrbis Romae libellus longe utilissimus. Topographiae veteris Romae
Io. Bartholomaei Marliani patricij Mediolanensis, epitome, mumc primum in lucem edita. P. Victoris De vrbis
Romae regionibus & locis libellus. Rerum ac uerborum in hisce omnibus memorabilium index
Pubblicazione: Basileae, 1538 (Basileae : per Thomam Platterum, 1538. Mense Martio)
Autore: Boehme, Johann <ca. 1485-1535>
Titolo: Omnium gentium mores, leges & ritus ex multis clarissimis rerum scriptoribus, a Ioanne Boemo
Aubano Teutonico nuper collecti, & nouissime recogniti. Tribus libris absolutum opus, Aphricam, Asiam, &
Europam describentibus. Accessit libellus de regionibus septentrionalibus, earum que Gentium ritibus,
veterum
Pubblicazione: Antverpiae : apud Ioannem Steelsium, in scuto Burgundiae, anno a Christo nato, 1538
Autore: Notitia dignitatum
Titolo: Notitia vtraque dignitatum cum Orientis, tum Occidentis vltra Arcadij, Honorijque tempora. Et in eam
Guidi Panciroli ... Commentarium. In quo ciuiles militaresque magistratus, ac Palatinae dignitates cum
omnium officijs explicantur ... Item De magistratibus municipalibus eiusdem auctoris liber. Accessere his
omnibus posteriori hac editione vt elegantes ita & uberes [|] doctaeque pariter additiones. Necnon seiunctus
etiam a prioribus de quattuordecim vtriusque tam veteris, quam nouae vrbis regionibus Libellus ... Cum
duplici indice ..
Pubblicazione: Venetiis : apud Ioan. Antonium, & Iacobum de Franciscis, 1602
Autore: Panciroli, Guido <1523-1599>
Titolo: 2: Guidi Panciroli Commentariorum, in Notitiam vtranque \|! Imperii Romani, liber secundus. In quo
dignitates et administrationes, tam ciuiles, quam militares in partibus Occidentis exacte declarantur. Cui
adiectus etiam est eiusdem auctoris libellus De magistratibus municipalibus
Pubblicazione: Venetiis : apud Ioan. Antonium, & Iacobum de Franciscis, 1602
Descrizione fisica: 2 pt. (C. 113-198, \2! c.; 30 c.)
Note Generali: Il "De magistratibus" inizia con proprio front. a c. 2A1r
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
165
Pt. 2: De quattuordecim regionibus vrbis Romae earumdemqe aedificiis tam publicis quam priuatis, libellus.
Eodem praestantissimo iureconsulto Guido Pancirolo auctore
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
166
Historia tripertita
Due codici del XV secolo ci trasmettono una collectanea storiografica con testi composti tra il 360
e il 395 (morte di Teodosio). Essa comprende l’Origo gentis Romanae, il De viris illustribus (Urbis
Romae), il Liber (o Epitome) de Caesaribus (Aurelio Vittore).
Il compilatore della raccolta non sarebbe identificabile con nessuno degli autori dei testi, ma
avrebbe creato un brano di raccordo (titulus) tra l’Origo e il De viris illustribus.
Si sono avanzate diverse ipotesi sull’identità degli autori dei diversi testi e la datazione per la
compilazione della raccolta ha avuto sostenitori anche per una collocazione al VI secolo (Puccioni
e Richard), oltre che per la più condivisa (fine IV secolo, Momigliano). In quest’ultimo caso il
corpus, che raccoglie testi non cristiani, sarebbe una risposta “pagana” al così detto “Cronografo
del 354”.
Da non confondere con la Historia Ecclesiastica tripertita, risultato di un progetto di Cassiodoro
realizzato da Epifanio. Da materiali desunti dagli storici greci Teodoreto, Sozòmeno e Socrate, si
trattava di continuare, in latino,il lavoro di Eusebio di Cesarea fino al 439. Vedi parte V.
Bibliografia
Edizioni
F. Pichlmayr, Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus. Praecedunt Origo gentis Romanae et Liber
de viris illustribus urbis Romae, subsequitur Epitome de Caesaribus, Leipzig 1911, 19662 (corr. R.
Gruendel).
V. poi Bibliografia per singole voci
Bettini 3, 774
ICCU per Titolo solo estremi per Historia Ecclesiastica
Aurelio Vittore
Cenni biografici
Nacque in Africa intorno al 330 d.C. Nel 361 venne designato governatore della Pannonia da
Giuliano l'Apostata, nel 389 praefectus Urbis da Teodosio.
Opere
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
167
Epitome de Caesaribus. Riassunto di storia romana da Augusto a Costantino II (o Costanzo?),
composto nel 360.
L'opera fu associata poi all'Origo gentis Romanae e al De viris illustribus, entrambe di autori ignoti
(Cambridge 2) e all’insieme, come ricordato poco sopra, fu assegnato il titolo di Historia tripertita..
Attenzione Riposati tiene distinte l’Epitome de caesaribus (da Augusto a Teodosio) dal Liber de
Caesaribus. Per quest’ultimo registra anche i titoli Liber de Caesaribus, oppure Historiae
abbreviatae, oppure ancora Caesares. Secondo Riposati vi è nel Liber una sensibilità etica vicina a
Sallustio e Tacito.
Sempre per Riposati l’Epitome sarebbe tratta dai Caesares di A.Vittore, da Ammiano e da
Eutropio.
Si impone quindi attenta verifica.
-------------------------Edizione Belles Lettres M. Festy, 1999 BCTV
Pseudo Aurélius Victor, Abrégé des Cesars
L’Epitome chiude cronologicamente la lunga serie di storie latine di ispirazione pagana dopo gli
Annales di Nicomaco Flaviano, le Res Gestae di Ammiano e l’Historia Augusta.
Si presenta come una serie di biografie imperali di misura diversa. Si va dalla battaglia di Azio (31
a.C.) alla morte di Teodosio (395). Il termine post quem per la composizione è l’8 novembre 395
(funerali di Teodosio). Il termine ante quem sarebbe anteriore alla morte di Arcadio (maggio 408).
Il titolo Epitome de Caesaribus non ha nulla di autentico, nonostante sia diffusa.
La trad. ms. presentano Libellus de vita et moribus imperatorum breviatus ex libris Sexti Aurelii
Victoris a Caesare Augusto usque ad Theodosium. Questo titolo ha giustificato la lunga
attribuzione a Aurelio Vittore (dall’VIII al XVI secolo). Ma nel 1579 appare altra opera fino ad allora
inedita Aurelii Victoris historiae abbreviatae ab Augusto Octaviano, id est a fine Titi Livii usque ad
consulatum decimum Constantii Augusti et Iuliani Caesaris tertium. Tale opera è peraltro più
conosciuta con il titolo di Liber de Caesaribus, anche questo non autentico. Si è ingenerata una
confusione che dura tuttora. Nel 1579 il primo editore del Liber è convinto che l’autore sia sul serio
A. Vittore, opinione tuttora condivisa. Per l’Epitome i pareri sono più discordanti
Nel 1872 Th.Opitz sostiene che l’opera originale di Auelio Vittore sarebbe andata perduta e che il
Liber e l’Epitome ne rappresenterebbero degli estratti.
Nel 1884 A.Cohn e A. Enmann sostengono però che Aurelio Vittore sarebbe autore reale del Liber
e una delle fonti dell’Epitome per il periodo Augusto-Domiziano. L’Epitome riporterebbe per brevità
solo il nome di Aurelio Vittore, ma sarebbe composta anche a partire da altre fonti.
Il complesso Origo gentis Romanae, De viris illustribus e Liber sarebbe stato messo assieme nella
seconda metà del IV secolo, più o meno in epoca contemporanea all’ Epitome.
In definitiva, l’Epitome è opera anonima. Non è cioè un’opera di A. Vittore, non è un’epitome del
Liber, ma ha tra le sue fonti A.Vittore.
Quali sono le altre fonti dell’Epitome, oltre ad A. Vittore?
Molti tentativi fatti e non si può arrivare ancora a qualcosa di certo. Ma tra le fonti ci sono la così
detta Storia di Enmann (Kaisergeschichte, quindi anche abbrev. In EKG o KG) e gli Annales di
Nicomaco Flaviano, entrambe perdute.
Secondo Enmann la KG si presentava come una collezione di biografie imperiali piuttosto brevi,
ispirate al modello di Svetonio, ma per il periodo del Iv secolo questo modello subiva il tipo
annalistico, visto l’avvicendarsi al regno di più persone in tempi diversi. Tra le opere antiche
debitrici a KG ci sarebbe anche il Chronicon di S. Girolamo. La KG avrebbe coperto un periodo
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
168
sicuramente fino al 284-85, forse al 357, ma Dessau si spinge fino alla fine del IV secolo. Barnes è
convinto che non si possa spostare la data oltre il 357.
La seconda fonte dell’Epitome sarebbero gli Annales di Nicomaco Flaviano senior, questore e 2
volte prefetto del pretorio, console nel 392 e suicida nello stesso anno.
Ma il problema delle fonti della Epitome può seguire un’articolazione per sezioni:
Capp. 1-11. Augusto-Domiziano. KG e Aurelio Vittore
Capp. 12-23. Nerva- Eliogabalo. Mario Massimo, KG, (Eutropio?)
Capp. 24-38 Severo Alessandro e figli. Annali di N. Flaviano. KG.
Capp. 39-47 Diocleziano-Graziano. Idem
Cap. 48 Teodosio.
Più che un Epitome è un breviarium (perché composta da più fonti).
L’Epitome segue un modello biografico tradizionale ispirato da Svetonio trasmesso come ad A.
Vittore e a Eutropio, dalla KG. Non sempre tale modello è seguito e specie per la storia del IV
secolo la struttura cambia completamente
Riportare l’opera a data successiva a morte di Nicomaco Flaviano e anche a quella di Simmaco
(402), in ambiente che vuole riabilitare la memoria di Nicomaco Flaviano.
Epitome, Res Gestae di A.M. e H.A. come ultime opere della storiografia pagana. Epitome e Res
Gestae si ispirano a Ncomaco.
I rapporti tra Epitome e HA sono più complessi. Nessuna delle due è fonte dell’altra, ma sembarno
uscite dal medesimo ambiente
-----------------------------
Testi e testimonianze
Amm. Marc., 21,10,6 [Testo latino Intratext]
6. Ubi Victorem apud Sirmium visum scriptorem historicum exindeque venire praeceptum, Pannoniae
secundae consularem praefecit et honoravit aenea statua, virum sobrietatis gratia aemulandum, multo post
urbi praefectum.
Qui mise a capo della Pannonia Seconda come consularis lo storico Vittore, incontrato a Sirmio e chiamato
là; e onorò quest’uomo degno di essere imitato per la sua temperanza, divenuto molto più tardi praefectus
urbi.
Trad. M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989.
Aur.Vict., Caes., 20,5 Testo latino
Hieron., epist. 10,3.
Giovanni Lidio, de mag., 3,7.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
169
Epitome De Caesaribus
IntraText CT - Text
Capp. I-III
1. Anno urbis conditae septingentesimo vicesimo secundo, ab exactis vero regibus quadringentesimo
octogesimoque, mos Romae repetitus uni prorsus parendi, pro rege imperatori vel sanctiori nomine Augusto
appellato. Octavianus igitur, patre Octavio senatore genitus, maternum genus ab Aenea per Iuliam familiam
sortitus, adoptione vero Gai Caesaris maioris avunculi Gaius Caesar dictus, deinde ob victoriam Augustus
cognommatus est. Iste in imperio positus tribuniciam potestatem per se exercuit. Regionem Aegypti
inundatione Nili accessu difficilem inviamque paludibus in provinciae formam redegit. Quam ut annonae
urbis copiosam efficeret, fossas incuria vetustatis limo clausas labore militum patefecit. Huius tempore ex
Aegypto urbi annua ducenties centena milia frumenti inferebantur. Iste Cantabros et Aquitanos, Rhaetos,
Vindelicos, Dalmatas provinciarum numero populo Romano coniunxit. Suevos Cattosque delevit, Sigambros
in Galliam transtulit. Pannonios stipendiarios adiecit. Getarum populos Basternasque lacessitos bellis ad
concordiam compulit. Huic Persae obsides obtulerunt creandique reges arbitrium permiserunt. Ad hunc Indi,
Scythae, Garamantes, Aethiopes legatos cum donis miserunt. Adeo denique turbas bella simultates
execratus est, ut nisi iustis de causis numquam genti cuiquam bellum indixerit. Iactantisque esse ingenii et
levissimi dicebat ardore triumphandi et ob lauream coronam, id eat folia infructuosa, in discrimen per incertos
eventus certaminum securitatem civium praecipitare; neque imperatori bono quicquam minus quam
temeritatem congruere: satis celeriter fieri, quicquid commode gereretur, armaque, nisi maioris emolumenti
spe, nequaquam movenda esse, ne compendio tenui, iactura gravi, petita victoria similis sit hamo aureo
piscantibus, cuius abrupti amissique detrimentum nullo capturae lucro pensari potest. Huius tempore trans
Rhenum vastatus est Romanus exercitus atque tribuni et propraetor. Quod in tantum accidisse perdoluit, ut
cerebri valide incursu parietem pulsaret, veste capilloque ac reliquis lugentium indiciis deformis. Avunculi
quoque inventum vehementer arguebat, qui milites commilitones novo blandoque more appellans, dum
affectat carior fieri, auctoritatem principis emolliverat. Denique erga cives clementissime versatus est. In
amicos fidus extitit. Quorum praecipui erant ob taciturnitatem Maecenas, ob patientiam laboris
modestiamque Agrippa. Diligebat praeterea Virgilium. Rarus quidem ad recipiendas amicitias, ad retinendas
constantissimus. Liberalibus studiis, praesertim eloquentiae, in tantum incumbens, ut nullus ne in procinctu
quidem laberetur dies, quin legeret scriberet declamaret. Leges alias novas alias correctas protulit suo
nomine. Auxit ornavitque Romam aedificiis multis, isto glorians dicto: "Urbem latericiam repperi, relinquo
marmoream." Fuit mitis gratus civilis animi et lepidi, corpore toto pulcher, sed oculis magis. Quorum acies
clarissimorum siderum modo vibrans libenter accipiebat cedi ab intendentibus tamquam solis radiis aspectu
suo. A cuius facie dum quidam miles oculos averteret et interrogaretur ab eo, cur ita faceret, respondit: "Quia
fulmen oculorum tuorum ferre non possum". Nec tamen vir tantus vitiis caruit. Fuit enim panlulum impatiens,
leniter iracundus, occulte invidus, palam factiosus; porro autem dominandi supra quam aestimari potest,
cupidissimus, studiosus aleae lusor. Cumque esset cibi ac vini multum, aliquatenus vero somni abstinens,
serviebat tamen libidini usque ad probrum vulgaria famae. Nam inter duodecim catamitos totidemque puellas
accubare solitus erat. Abiecta quoque uxore Scribonia amore alienae coniugis possessus Liviam quasi
marito concedente sibi coniunxit. Cuius Liviae iam erant filii Tiberius et Drusus. Cumque esset luxuriae
serviens, erat tamen eiusdem vitii severissimus ultor, more hominum, qui in ulciscendis vitiis, quibus ipsi
vehementer indulgent, acres sunt. Nam poetam Ovidium, qui et Naso, pro eo, quod tres libellos amatoriae
artis conscripsit, exilio damnavit. Quodque est laeti animi vel amoeni, oblectabatur omni genere
spectaculorum, praecipue ferarum incognito specie et infinite numero. Annos septem et septuaginta
ingressus Nolae morbo interiit. Quamquam alii scribant dolo Liviae exstinctum metuentis, ne, quia privignae
filium Agrippam, quem odio novercali in insulam relegaverat, reduci compererat, eo summam rerum adepto
poenas daret. Igitur mortuum seu necatum multis novisque honoribus senatus censuit decorandum. Nam
praeter id, quod antea Patrem patriae dixerat, templa tam Romae quam per urbes celeberrimas ei
consecravit, cunctis vulgo iactantibus: "Utinam aut non nasceretur aut non moreretur!" Alterum pessimi
incepti, exitus praeclari alterum. Nam et in adipiscendo principatu oppressor libertatis est habitus et in
gerendo cives sic amavit, ut tridui frumento in horreis quondam viso statuisset veneno mori, si e provinciis
classes interea non venirent. Quibus advectis felicitati eius salus patriae est attributa. Imperavit annos
quinquaginta et sex, duodecim cum Antonio, quadraginta vero et quattuor solus. Qui certe nunquam aut
reipublicae ad se potentiam traxisset aut tamdiu ea potiretur, nisi magnis naturae et studiorum bonis
abundasset.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
170
2. Claudius Tiberius, Liviae filius, Caesaris Octaviani privignua, imperavit annos viginti tres. Iste, quia
Claudius Tiberius Nero dicebatur, eleganter a iocularibus Caldius Biberius Mero ob vinolentiam nominatus
est. Satis prudens in annis satisque fortunatus ante sumptum imperium sub Augusto fuit, ut non immerito
reipublicae dominatus ei committeretur. Inerat ei scientia litterarum multa. Eloquio clarior, sed ingenio
pessimo truci avaro insidioso, simulans ea se velle quae nollet; his quasi infensus, quibus consultum
cupiebat, his vero, quos oderat, quasi benivolus apparens. Repentinis responsionibus aut consiliis melior
quam meditatis. Denique delatum a patribus principatum (quod quidem astu fecerat) ficte abnuere, quid
singuli dicerent vel sentirent, atrociter explorans: quae res bonos quosque pessumdedit. Aestimantes enim
ex animo eum longa oratione imperialis molestiae magnitudinem declinare, cum sententias ad eius
voluntatem promunt, incidere exitia postrema. Iste Cappadocas in provinciam remoto Archelao rege eorum
redegit. Gaetulorum latrocinia repressit. Marobodum, Suevorum regem, callide circumvenit. Cum immani
furore insontes noxios, suos pariter externosque puniret, resolutis militiae artibus Armenia per Parthos,
Moesia a Dacis, Pannonia a Sarmatis, Gallia a finitimis gentibus direptae sunt. Ipse post octogesimum
octavum annum et mensem quartum insidiis Caligulae exstinctus est.
3. Caligula imperavit annos quattuor. Iste filius fuit Germanici, et quia natus in exercitu fuerat, cognomentum
calciamenti militaris (id est caligula) sortitus est. Ante principatum omnibus carus acceptusque fuit, in
principatu vero talis, ut non inmerito vulgaretur atrociorem illo dominum non fuisse. Denique tres sorores
suas stupro maculavit. Incedebat habitu deorum suorum; Iovem ob incestum, e choro autem Bacchanali
Liberum se asserebat. De quo nescio an decuerit memoriae prodi, nisi forte quia iuvat de principibus nosse
omnia, ut improbi saltem famae metu talia declinent. In palatio matronas nobiles publicae libidini subiecit.
Primus diademate imposito dominum se iussit appellari. In spatio trium milium, quod in sinu Puteolano inter
moles iacet, duplici ordine naves contexens, arenae aggestu ad terrae speciem viam solidatam, phalerato
equo insignisque aenea corona, quasi triumphans indutus aureo paludamento, curru biiugo decucurrit.
Dehinc a militibus confossus interiit.
Traduzione italiana
Bibliografia
Edizioni
F. Pichlmayr, Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus. Praecedunt Origo gentis Romanae et Liber
de viris illustribus urbis Romae, subsequitur Epitome de Caesaribus, Leipzig 1911, 1961(corr. R.
Gruendel), 1966, pp. 131-76, 1970, 1983 (=anast.1911),1993.
P. Dufraigne, Paris, Les Belles Lettres, 1975.
M. Festy, Paris, Les Belles Lettres, 1999. (ps.Aurelio V.)
H. W. Bird, Liverpool, Liverpool University Press, 1994, Translated texts for historians.Trad.ingl. e
comm..
IntraText
Strumenti
I. Moreno Ferrero, Lexikon der lateinischen Epitomatoren des 4.Jahrhunderts (Aurelius Victor:
Liber de Caesaribus; Eutropius: Breviarium; Epitome de Caesaribus). Hildesheim ( In preparation!)
Controllo per aggiornamento ICCU : niente!!!
Studi
H.W. Bird, Sextus Aurelius Victor. A Historiographical Study, Liverpool 1984.
L.D. Reynolds, Texts and transmission. A Survey of the latin Classics, Oxford 1983, pp. 149-53.
(L.D.Reynolds).
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
171
ICCU per Soggetto niente
ICCU per Autore Aurelius Victor Sextus
Die romischen Kaiser: Lateinisch-deutsch / S. Aurelius Victor; herausgegeben, ubersetzt und erlautert von
Kirsten Gross-Albenhausen und Manfred Fuhrmann, Darmstadt: Wissenschaftliche Buchgesellschaft, c1997,
Sammlung Tusculum
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Cardinali, Luca, Origo gentis Romanae; De viris illustribus: concordantiae et indices / conscripsit Luca
Cardinali, Hildesheim \etc.!: Olms-Weidmann, 1997, Alpha-omega. Reihe A, Lexika, Indizes,Konkordanzen
zur klassischen Philologie ;186
Abrege des Cesars / Pseudo-Aurelius Victor; texte etabli, traduit et commente par Michel Festy, Paris: Les
belles lettres, 1999, Collection des universites de France. Ser.latine
Titolo uniforme: Historiae abbreviatae
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Origine del popolo romano / Anonimo; a cura di Giovanni D'Anna; corredo iconografico a cura di Carlo
Gasparri
Edizione: 3. ed, [Milano]: Fondazione Lorenzo Valla: A. Mondadori, 1997, Scrittori greci e latini
Note Generali: Attr. a Sextus Aurelius Victor. Trad. italiana a fronte
Origine del popolo romano / Anonimo; a cura di Giovanni D'Anna; corredo iconografico a cura di Carlo
Gasparri
Edizione: 2. ed, Roma: Fondazione Lorenzo Valla, 1992, Scrittori greci e latini
Note Generali: Attr. a Sextus Aurelius Victor
Trad. italiana a fronte.
Liber de Caesaribus of Sextus Aurelius Victor / translated with an introduction and commentary by H. W.
Bird, Liverpool: Liverpool University Press, 1994, Translated texts for historians
Titolo uniforme: Historiae abbreviatae
Origine del popolo romano / Anonimo; a cura di Giovanni D'Anna; corredo iconografico a cura di Carlo
Gasparri, [Roma]: Fondazione Lorenzo Valla, 1992, Scrittori greci e latini
Note Generali: Attr. a Sextus Aurelius Victor
Trad. italiana a fronte.
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus . Praecedunt: Origo gentis romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . Subsequitur: Epitome de Caesaribus / recensuit Franciscus Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa editionis primae (1911), Stutgardiae etc.]: in aedibus B. G. Teubneri, 1983,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Les origines du peuple romain / Pseudo-Aurelius Victor; texte etabli, traduit et commente par Jean-Claude
Richard, Paris: Les belles lettres, 1983, Collection des universites de France
Titolo uniforme: Origo gentis Romanae.
Sexti Aurelii Victoris liber de Caesaribus, praecedunt Origo gentis romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae, subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Editio stereotypa correctior editionis primae / addendaet corrigenda iterum collegit et adiecit R.
Gruendel, Leipzig: Teubner, 1970, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus . praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa correctior ed. 1. addenda et corrigenda iterum / collegit et adiecit R. Gruendel,
Leipzig: B. G. Teubner, 1970, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
172
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Livre des Cesars / Aurelius Victor; texte etabli et traduit par Pierre Dufraigne, Paris: Les belles lettres, 1975,
Collection des universites de France
Titolo uniforme: Epitome de Caesaribus.
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Sexti Aurelii Victoris liber de Caesaribus . Praecedunt Origo Gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . Subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Editio stereotypa correctior editionis primae addenda et corrigenda iterum collegit et adiecit R.
Gruendel, Lipsia: Teubner, 1966, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus; praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae; subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa correctior editionis primae addenda et corrigenda / collegit et adiecit R. Gruendel,
Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1961, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Origo gentis Romanae / traduzione di Enzo Azzolina, Messina: Peloritana, 1968
Aureli Victoris Origo gentis romanae / a cura di Giulio Puccioni, Firenze: Vallecchi, [1958], Collezione
filologica. Testi e manuali
Behrens, Hugo, Untersuchungen Uber das Anonyme Buch De viris illustribus / von Hugo Behrens,
Heidelberg: C. Winter, 1923
Titolo uniforme: De viris illustribus urbis Romae
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus; praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae; subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Franciscus Pichlmayr, Lipsiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1911, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Titolo uniforme: Historiae abbreviatae
Sexti Aurelii Victoris Historia romana: ad optimorum librorum fidem edita
Edizione: Ed. stereotypa C. Tauchnitiana. Nova impressio, Lipsiae: Ottonis Holtze, 1871
Origine della Gente Romana: coll'aggiunta delle leggi militari romane / Sesto Aurelio Vittore; volgarizzamento
e note di Luigi Bellone, Roma: Tipografia Sociale, 1880
Bettini, 3, 775; Mariotti III, 364
"Aurelio Vittore",
nulla Encarta e Treccani
Riposati
DiXmaggior importanza è l'opera di un ignoto raccoglitore, una specie di Storia tripartita (Historia tripertita),
come fu anche definita, perché risulta dalla fusione e conglobamento di tre trattati diversi; il primo, De origine
gentis Romanae, di ignoto, è in 23 capitoli, contenenti la storia di Roma dall'awento di Saturno in Italia fino a
Romolo; il secondo, Liber le viris illustribus, pure di ignoto, è in 86 capitoli, e procede per biografie, piuttosto
ricche di aneddoti fantastici, dal re albano Proca, e poi da Romolo fino al triumviro Antonio; il terzo, Liber le
Caesaribus (o meglio Historiae abbreviatae o Caesares) è di Sesto Aurelio Vittore, e va da Augusto a
Costanzo: è un corpus di storiografia romana in compendio, spesso condotto con una sensibilità ètica che ce
lo fa sentireN assai vicino a Sallustio e a Tacito.
Accanto è ricordata anche un'Epitome le Caesaribus (serie di biografie da Augusto a Teodosio), per la prima
parte redatta sui Caesares di Aurelio Vittore, qua e là arricchita di notizie tutt'altro che insignificanti, attinte
persino ad Ammiano e al Breviarlum ab urbe conltta di Eutròpio.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
173
Anonimo autore dell' Origo gentis Romanae
E’ lo stesso di Origo gentis Romanorum raccolto nel corpus del “Cronografo del 354”? NO
L’Origo sarebbe stata composta o alla fine dell’età augustea o un po’ più tardi (alcuni propongono
II secolo), comunque molto prima del IV secolo. Avrebbe avuto poi una rielaborazione riduttiva
(secondo Momigliano, Richard e altri) su alcune sue parti al momento della compilazione dell’H.T.,
quindi nel IV secolo.
Testi e testimonianze
Origo gentis Romanae Testo latino IntraText CT
Capp. I-II
I.
1. Primus in Italiam creditur venisse Saturnus; ut etiam Maronis Musa testatur illis versibus:
Primus ab aetherio venit Saturnus Olympo,
Arma Iovis fugiens, cet.
2. Tanta autem usque id tempus antiquorum hominum traditur fuisse simplicitas, ut venientes ad se
advenas, qui modo consilio ac sapientia praediti ad instruendam vitam formandosque mores aliquid
conferrent, quod eorum parentes atque originem ignorabant, caelo et terra edites non solum ipsi crederent,
verum etiam posteris affirmarent, veluti hunc ipsum Saturnum, quem Caeli et Terrae filium esse dixerunt.
3. Quod cum ita existimetur, certum tamen est priorem Ianum in Italiam devenisse ab eoque postea
venientem exceptum esse Saturnum.
4. Unde intelligendum est Vergilium quoque non ignoratione veteris historiae, sed suo more primum dixisse
Saturnum, non ante quem nemo, sed principem, ut:
Troiae qui primus ab oris.
5. Cum procul dubio constet ante Aeneam priorem Antenorem in Italiam esse pervectum eumque non in ora
litori proxima, sed in interioribus locis, id est Illyrico, urbem Patavium condidisse, ut quidem idem supradictus
Vergilius illis versibus ex persona Veneris apud Iovem de aerumnis Aeneae sui conquerentis:
Antenor potuit mediis elapsus Achivis
Illyricos penetrare sinus atque intima tutus cet.
6. Quare autem addiderit tutus, suo loco plenissime annotavimus in commentatione, quam hoc scribere
coepimus, cognita ex libro, qui inscriptus est De Origine Patavina.
7. Itaque nunc primus ex ea quoque significatione est, e qua illud etiam in secundo Aeneidos de
enumeratione eorum, qui equo durio degrediebantur.
8. Nam cum nominasset Thessandrum, Sthenelum, Ulixem, Acamanta, Thoanta, Neoptolemum, post intulit:
primusque Machaon.
9. De quo quaeri potest: quomodo potest primus dici, post tantos, qui supra dicti sunt? Verum intelligemus
primum pro principe, vel quia is ad perfectum illis temporibus circa peritiam medicae artis praecipuus fuisse
traditur.
II.
1. Sed ut ad propositum revertamur, ferunt Creusam Erechthei regis Atheniensium filiam speciosissimam
stupratam ab Apolline enisam puerum, eumque Delphos olim educandum esse missum; ipsam vero a patre
istarum rerum inscio Xutho cuidam comiti collocatam.
2. Ex qua cum ille pater non posset exsistere, Delphos eum petiisse ad consulendum oraculum, quomodo
pater fieri posset. Tam illi deum respondisse, ut quem postera die obviam habuisset, eum sibi adoptaret.
3. Itaque supra dictum puerum, qui ex Apolline genitus erat, obviam illi fuisse eumque adoptatum.
4. Cum adolevisset, non contentum patrio regno cum magna classe in Italiam devenisse occupatoque monte
urbem ibidem constituisse eamque ex suo nomine Ianiculum cognominasse.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
174
Questa è la storia del popolo romano, dagli inizi - da Giano e Saturno - attraverso le vicende dei grandi
personaggi succeduti gli uni agli altri, sino al decimo consolato dell'imperatore Costanzo. Essa è stata
composta sull'autorità di Verrio Flacco, di Anziate - così Verrio preferì chiamarlo, non accettando la grafia
Anzia del suo nome -, quindi degli annali dei pontefici e inoltre di Cincio, Egnazio, Veranio, Fabio Pittore,
Licinio Macro, Varrone, Cesare, Tuberone e di ogni altro storico dell'epoca arcaica; per le età successive è
stato seguito ciascuno dei più moderni, rispettivamente Livio e Vittore Africano.
1,1. Per primo si dice che in Italia giungesse Saturno, come < attesta anche la Musa virgiliana nei noti versi:
«Primo venne Saturno dall'etereo Olimpo
fuggendo le armi di Giove ecc. ».
2. Gli uomini del tempo antico, almeno sino a quell'epoca, erano - si tramanda - così semplici che, se presso
di loro arrivavano stranieri capaci di aiutarli con la loro saggezza e il loro discernimento a migliorare le
condizioni di vita e a ingentilire i costumi, essi, ignorandone l'origine e gli antenati, li credevano nati dal Cielo
e dalla Terra e lo tramandavano ai posteri; anche Saturno fu detto figlio del Cielo e della Terra. 3. Benché
esista questa tradizione, è certo tuttavia che Giano arrivò in Italia prima di Saturno e che Saturno, giunto
successivamente, fu accolto da lui. 4. Perciò bisogna capire che Virgilio definì Saturno «primo» non per
ignoranza delle antiche vicende, ma secondo il suo modo dì esprimersi. Per lui primus non significa colui
prima del quale non c'è nessun altro, ma princeps, il personaggio eminente. Come nella frase «che giunse
primus dalle terre di Troia», 5. sebbene risulti fuor di dubbio che Antenore arrivò in Italia prima di Enea e
fondò la città di Padova, non in una zona costiera ma nell'interno, come dice lo stesso Virgilio nei versi che
fa pronunciare da Venere, quando la dea si lamenta con Giove delle sofferenze del suo Enea:
«Antenore poté, sfuggito alle schiere achive,
penetrare sicuro nei golfi illirici e nei più interni ecc. ».
6. Perché Virgilio abbia aggiunto «sicuro» ho cercato di chiarirlo in modo approfondito a suo luogo, nel
commento che ho cominciato a comporre, dopo essermi documentato, dal libro che s'intitola Sull'origine di
Padova. 7. Nel caso che stiamo esaminando, primus è usato con lo stesso significato con cui lo si trova nel
secondo libro dell'Eneide, nell'enumerazione di quelli che uscivano dal cavallo di legno. 8. Dopo aver
nominato Tessandro, Stenelo, Ulisse, Acamante, Toante, Neottolemo, il poeta aggiunse primusque
Machaon. 9. Ci si può chiedere come possa venir chiamato primus chi è nominato dopo tanti altri. Ma
intenderemo primus nel significato di personaggio eminente, specie perché Macaone ha fama di essere
stato ai suoi tempi di un'eccezionale perizia nell'arte medica.
2, 1. Ma torniamo in argomento. Si racconta che Creusa, figlia di Eretteo re di Atene, fanciulla di grande
bellezza, subì violenza da parte di Apollo e partorì un figlio maschio, che mandò ad allevare a Delfi; quanto a
lei, il padre, ignaro di tutto, la dette in moglie a un amico, un tale Xuto. 2. Costui non riusciva ad aver figli da
Creusa e si recò a Delfi per interrogare l'oracolo sul modo di poter diventare padre. II dio gli rispose di
adottare chi avesse trovato sul suo cammino il giorno dopo. 3. Gli venne incontro proprio quel fanciullo, di
cui abbiamo detto prima, che era figlio di Apollo, e Xuto lo adottò. 4. Quando Giano divenne adulto, non
contento del regno paterno, partì per l'Italia con una grande flotta; giunto nel Lazio, s'insediò su un'altura e vi
fondò una città chiamandola Gianicolo dal suo stesso nome.
Trad. G. D’Anna, Milano, Mondadori, Fondazione Valla, 1992. [BCTV]
D’Anna
1. Due codici umanistici del quindicesimo secolo ci hanno tramandato un corpus di tre opere, la cosiddetta
historia tripertita («una trattazione storica in tre parti»). Esso è costituito dall'Origo gentis Ronaanae, dal
Liber de viris illustribus urbis Romae e dalle Historiae abbreviatae o Liber de Caesaribus.
L'Origo gentis Romanae consta di ventitré capitoli, è di autore ignoto e narra la preistoria di Roma dalla
venuta nel Lazio di Giano e di Saturno sino alla fondazione della città da parte di Romolo. Segue il de viris
illustrìbus, che in ottantasei capitoli presenta í re di Roma e i principali personaggi dell'età della repubblica,
compresi Pirro, Annibale, Mitridate e Cleopatra; infine, il Liber de Caesaribus tratta degli imperatori da
Augusto a Costanzo Il, figlio di Costantino: la narrazione si ferma al decimo consolato di Costanzo, cioè al
360, abbracciando così quasi tutto il regno di questo imperatore, che morì nel 361. Anche del de viris
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
175
illustribus è ignoto l'autore, mentre il Liber de Caesaribus fu scritto da Sesto Aurelio Vittore, il quale nacque
in Africa intorno al 327 e finì di comporre il Liber de Caesaribus entro il settembre del 360.
Riguardo a questo corpus la critica è concorde su questi punti: le tre opere sono di autori diversi; colui che
ideò e raccolse il corpus non è identificabile con nessuno dei tre autori; all'ignoto ideatore del corpus va
attribuita la composizione di un brano di collegamento tra Origo e de viris illustribus, la cosiddetta
«legatura», e inoltre la rielaborazione del titulus (il brano introduttívo) dell'Origo, da lui trasformato nel titulus
dell'intera historia tripertita.
2. Nella forma in cui oggi lo leggiamo, il titulus riguarda tutta I'historia tripertita e non soltanto la prima opera:
infatti vi sono indicate dapprima numerose fonti della prima opera e successivamente i due autori o ispiratori
della seconda e della terza, Tito Livio e Aurelio Vittore. D'altro canto, la critica giustamente ritiene che questo
titulus sia la rielaborazione del titulus originario della sola Origo, alla quale si riferisce in gran parte; qui
comincia a delinearsi uno dei principali problemi dell'opera, l'esistenza di una sua duplice redazione: l'Origo
sarebbe stata composta in epoca anteriore alla formazione del corpus e poi, almeno parzialmente,
rielaborata - a cominciare dal tiiulus - quando fu scelta come prima opera dell'historia tripertita.
In entrambi i codici il titulus è preceduto erroneamente dal titulus della terza opera. Si legge infatti: Aurelii
ti''ictoris bistoszae abbreviatae ab Augusto Octavíano, id est a fine Titi Livìi, usque ad consulatum decimum
Constantii Augusti et Iuliani Caesarzs tertium incipiurat /eliciter. Origo gentis Romanae a Iano et Saturno
conditoribus per succedentes sibimet reges usque ad consulatum deeimurrt Constantii...; non è pensabile
che il titulus delle Historiae abbreviatae sia stato volutamente posto qui, poiché esso - al contrario dell'altro
titulus - non presenta alcun segno di rielaborazione e si riferisce chiaramente solo all'opera di Aurelio Vittore:
1a sua collocazione errata è uno dei numerosi guasti della tradizione manoscritta del coìpus. Tuttavia non mi
sembra che l'importanza del breve titulus delle IFistoriae abbreviatae di Vittore sia stata adeguatamente
valutata: chi ideò la formazione dell°historia tripertita e rielaborò il titulus dell'Orìgo lo ebbe certo presente.
L'espressione usque ad consulatum deeimum Constantii, con cui è indicato il termine finale di tutto il corpus,
è la citazione decurtata (e quindi derivante dall'altra) dell'espressione usque ad consulatum decimum
Constaratii Augusti et Iuliani Caesaris tertium dell'altro tituius. Dirò di più: al contrario del Dufraigne', che
giudica le parole id est a fine Titi Livii una probabile interpolazione, io, ritenendole autentiche, penso che in
quel contesto il rimando a Tito Livio sia esatto: lo stesso Aurelio Vittore, o chi pubblicò la sua opera subito
dopo il 360, volle far notare che essa costituiva il seguito delle Historiae di Livío. Quando si costituì il corpus,
il riferimento a Livio presente nel titulus delle Historiae abbreviatae potrebbe aver contribuito a far ritenere il
de viris illustribus (cioè l'opera che trattava lo stesso periodo, da Romolo ad Augusto, che era stato
argomento della storia liviana), se non proprio scritto da Livio, costituito da materiali di origine liviana:
l'ideatore dell'historia tripertita si mostra di tale opinione sia nel titulus sia nella legatura.
3. Il Momigliano (p. 423 sgg.) ha ribadito che chi ideò e raccolse il corpus non può essere identificato con
nessun autore delle tre opere. Due di queste non sono datate: per il de viris illustribus si oscilla tra il I e il IV
secolo; per l'Origo c'è il fondato sospetto - per non dire la certezza - dell'esistenza di una prima redazione
che potrebbe collocarsi tra la fine dell'età augustea e il II secolo. Terminus post quem per la formazione del
corpus resta dunque il 360; anno della pubblicazione del Liber de Caesaribus o Historiae abbreviatae di
Aurelio Vittore.
Sulla cronologia della formazione del corpus sono state avanzate proposte molto discordanti:
a) per il Momigliano, p. 426, il corpus si formò subito dopo il 60;
b) per il Puccioni, La composizione, soprattutto pp. zzz-3, 1'historia tripertita sarebbe stata raccolta due
secoli più tardi nell'ambiente di Cassiodoro, morto intorno al g8o nel monastero di Vivarium, dove si era
ritirato circa quarant'anni prima. Il Richard, pp. 18-9, arriva a una datazione assai vicina, poiché conclude
che «il est raisonnable d'admettre que notre corpus date des années 580”.
A sostegno della sua tesi, il Momigliano, pp. 426-32, adduce tutta una serie di argomenti che riassumo
brevemente:
1) verso la fine del IV secolo, un ignoto compose una Epitome dal Liber de Caesaribus di Aurelio Vittore,
continuandolo fino a tutto il regno di Teodosio. Se 1'historia tripertita fosse stata raccolta dopo la fine del IV
secolo, quasi certamente il termine finale sarebbe stato spostato dal 360, che è un anno senza particolare
importanza, alla fine del regno di Teodosio (anno 395).
2) L'historia tripertita ha «sicuramente un'impronta pagana» (p.431) Per il Momigliano, chi la concepì,
mettendo insieme tre libelli chiaramente non cristiani, volle dare il suo contributo alla contemporanea
battaglia delle idee. Non si dimentichi che Aurelio Vittore divenne influente sotto l'imperatore Giuliano; il
Momigliano ipotizza che «uno dei suoi ammiratori - un pagano che nutriva simpatia per lui e per Giuliano ritenne opportuno ripubblicare i Caesares, come parte di una storia universale di Roma e trovò, per la
narrazione della preistoria della città, un libello di impostazione illuminata ed evemeristica, che ben
rispondeva a questo disegno ». Inoltre, il Momigliano propone di vedere nella formazione del nostro corpus
un intento polemico nei confronti del cosiddetto cronografo dell'anno 354, che invece aveva riunito alcuni
libelli in un «dísegno cristiano».
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
176
3) Con un'analisi approfondita (pp. 4z6-8) il Momígliano confuta la proposta di una datazione più tarda
dell'historia tripertita, fondata sulla presenza di interpolazioni di brani di Eutropio e di Orosio nel testo del de
viris illustribus.
4) Il termine neotericus con cui nel titulus si definiscono tanto Livio quanto Aurelio Vittore è usato anche da
san Girolamo, vissuto nella seconda metà del IV secolo e nei primi decenni del V.
5) L'origine africana di Aurelio Vittore si ricava da Caesares zo, 6: il Momígliano, p. 426, ritiene che solo un
contemporaneo poteva prestare attenzione a quel passo.
Si tratta di un complesso di argomentazioni che fanno propendere per la data di formazione del corpus nel
periodo di tempo che intercorre tra il 360, anno di pubblicazione dei Caesares di Aurelio Vittore, e il 395,
morte di Teodosio. La proposta del Pucc-ioni di porre la formazione del corpus nell'ambiente di Cassiodoro
contrasta, tra l'altro, con l'impostazione ideologica filopagana delle tre opere; né sembra opportuno insistere
sulla fortuna dei Caesares di Aurelio Vittore nei secoli seguenti al IV, perché il legame dei Caesares con
l'Epitome, considerata anch'essa per vari secoli scritta da Vittore, conferma che con ogni probabilità il corpus
era già costituito quando apparve 1'F.pitome, la quale altrimenti sarebbe stata scelta quasi certamente come
terza opera in luogo del Liber de Caesaribus.
4. Chi ideò l'historia tripertita non fu l'autore di nessuno dei tre libelli raccolti insieme: di essi il solo di cui
conosciamo autore e data di pubblicazione è il I_iber de Caesaribus di Aurelio Vittore, finita e verosimilmente
divulgato nel 360. Nulla vieta di pensare che le altre due opere fossero state composte in epoca precedente:
il de virzs ilíustrzbus, secondo Braccesi', risalirebbe al I secolo d C., mentre 1'Orign, nell'opinione di molti
studiosi, sarebbe stata composta o alla fine dell'età augustea o un po' più tardi, ma sempre molto prima della
seconda metà del IV secolo; la prima redazione sarebbe stata rielaborata nel momento della formazione del
corpus. A tale risultato la critica giunge partendo dall'analisi del titulus e dall'elenco delle fonti ivi ricordate.
Questo elenco contiene i nomi di Verrio Fiacco, Varrone e Veranio, che non si ritrovano nel testo dell'Origo;
colpisce in particolare il caso di Verrio F'lacco, nominato nel titulus per primo e indicato, grazie alla
precisazione sulla grafia del nome di (Valerio) Anziate, come fonte primaria. La spiegazione migliore di
questa aporia è quella di considerare il testo dell'Orzgo, che si legge come opera iniziale del corpus, una
redazione rielaborata rispetto a quella originaria, alla quale farebbe riferimento l'elenco delle fonti. Come
1'()rigo subì una rielaborazione in cui scomparvero le citazioni di alcune fonti, così il tìtrelus venne adattato
per introdurre tutto il coyus, conservando però degli auctores («le fonti») de11'opera un'elencazione che non
corrispondeva piìi alla redazione definitiva: \ i sarebbero state, dunque, due redazioni dell'Origo, nella prima
delle quali erano citati anche Verrio Flacco, Varrone e Veramo, che invece non sono più nominati nel testo
dell'opera che è stata a noi tramandata nell'historia triperIita.
5 Che l'anonimo ideatore del corpus fosse persona diversa dagli autori dell'()rzgo e dei do niris illustrìbus, e
che egli si ponesse in atteggiamento critico nei confronti del materiale che stava raccogliendo, è dimostrato
in modo evidente dalla cosiddetta «legatura». cioè dal brano da lui composto per collegare il de viris
illustrìbus all'Origo, che contiene un giudizio piuttosto severo nei
confronti di ciò che si legge nella parte finale della prima opera. A mio avviso esso dev'essere letto in questa
forma: sed horzsm omnium opinionibus diversis repugnat, nostrae memoriae (verum) proclamans, historia
Liviana quae testatur quod auspicato Romulus ex suo nomine Romam vocavit (et, ut eam prius legibus)'
muniret quam moenibus, edixit ne quis vallum transsiliret; quod Remus irridens transsilivit et a Celere
centurione [rutro vell rastro fertur occisus, «Alle diverse opinioni di tutti costoro [gli autori delle varie versioni
riportate nella parte finale dell'Origo] si contrappone la storia di Livio [allusione al de viris illustribus, ritenuto
un compendio liviano se non proprio opera di Livio] che proclama la verità fino ai nostri giorni e attesta che
Romolo, dopo aver preso gli auspici, chiamò la nuova città Roma dal suo stesso nome; per rafforzarla con le
leggi prima che con le mura, ordinò pubblicamente che nessuno oltrepassasse il vallo; Remo, deridendo
questa disposizione, lo saltò e si tramanda che fu ucciso con un colpo di rastro dal centurione Celere».
Leggiamo ora il testo del capitolo i del de viris illustribus, conservatoci - come si è detto - dalla tradizione
manoscritta autonoma:
«Proca, re di Alba, ebbe due figli: Amulío e Numitore, ai quali lasciò il regno con l'intesa che si alternassero
di anno in anno sul trono. Ma Amulio non cedette il comando al fratello e inoltre, per privarlo di ogni
discendenza, prepose la di lui figlia Rea Silvia alle sacerdotesse di Vesta perché fosse obbligata alla
verginità perpetua; ma ella subì violenza da parte di Marte e partorì Remo e Romolo. Allora Amulio fece
imprigionare la madre e abbandonare i piccoli nelle acque del Tevere, ma la corrente li fece arenare su una
secca. Ai loro vagiti accorse una lupa che li nutrì con il suo latte; quindi essi furono raccolti dal pastore
Faustolo che li dette da allevare alla moglie Acca Larenzia. In seguito uccisero Amulio e restituirono il regno
all'avo Numitore. Quindi, radunati i pastori, essi fondarono una città che Romolo, risultato vincitore
nell'auspicio, giacché vide dodici avvoltoi mentre Remo ne aveva visti solo sei, chiamò Roma e, per
fortificarla con le leggi prima che con le mura, ordinò pubblicamente che nessuno oltrepassasse il vallo.
Remo, deridendo tale disposizíone, lo saltò e si tramanda che fu ucciso con un colpo di rastro dal centurione
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
177
Celere». L'anonimo fu certamente indotto a sopprimere gran parte di questo capitolo dal fatto che esso
espone brevemente gli stessi avvenimenti narrati nei capitoli r9 e seguenti dell'Origo. Ma tra i due testi vi
sono alcune differenze:
a) nel de viris illustribus Amulio sembrerebbe maggiore di Numitore e indicato a regnare per primo; egli però
non si attiene alle disposizioni di Proca e non cede il trono al fratello dopo il suo anno di regno. Nell'Origo,
Amulio lascia al fratello maggiore la scelta fra ricchezze e potere regale e Numitore preferisce le ricchezze.
b) Nel de viris illustribus non si parla del figlio maschio di Numitore, fatto uccidere da Amulio (cfr. invece
Origo 19, 4).
c) Nel de viris illustribus il seguito della vicenda è narrato in modo univoco: il padre dei gemelli è Marte; essi
vengono abbandonati nelle acque del Tevere, sono allattati da una lupa e raccolti da Faustolo, il quale li
porta a sua moglie Acca Larenzia; divenuti adulti, i gemelli uccidono Amulio e restaurano Numitore sul trono
di Alba. Nell'Origo, al contrario, ciascuno di questi avvenimenti è presentato in più di una versione.
A questo procedimento espositivo, cui, nella «legatura», si allude con le parole horum omnium opinionibus, è
polemicamente contrapposta (repugnat) la linearità del racconto del de viris illustribus, definito dall'anonimo
historia Liviana. L'obiezione, ripresa dal Richard, p. 38, che l'espressione horum omnium opinionibus mal si
addica ai due soli scrittori citati in Origo 23, g-6 (Licinio Macro ed Egnazio), non tiene conto del fatto che,
anche restringendo la contrapposizione all'ultima fase degli avvenimenti narrati, cioè a partire dal momento
in cui i gemelli decidono di fondare la nuova città, le opinioni esposte nell'Origo sono almeno tre, perché a
quelle di Licinio Macro e di Egnazio va aggiunta la versione - di cui non è detta la fonte - seguita in z3,r-4,
alla quale in sostanza l'autore dell'Origo sembra aderire'.
6. L'anonimo, cioè l'ideatore del corpus, non è identificabile con l'autore di nessuna delle tre opere
(Momigliano, pp. 4z3-5): egli però compose la legatura - o meglio la prima parte di essa, aggiungendo di
seguito le ultime righe del capitolo z del de viris illustribus - e rielaborò il titulus dell'Origo, trasformandolo nel
titulus di tutta 1'historia tripertita. Se, come io credo, ha ragione il Momigliano, l'anonimo operò nella seconda
metà del IV secolo.
La critica è propensa in genere a ritenere che l'anonimo abbia in qualche modo ritoccato il testo dell'Origo:
per la sua libertà di procedere è utile l'analogia col comportamento da lui tenuto nei confronti del capitolo i
del de viris illustribus. Il problema è di appurare quale tipo di ritocchi sia stato apportato all'Origo. II
Mommsen avanzò l'ipotesi dell'esistenza di una Origo plenior, di una prima redazione dell'opera più ampia di
quella pervenuta a noi, che sarebbe derivata dall'altra per un processo di riduzione del testo originario;
l'esistenza di questa redazione plenior sarebbe provata dalle tracce rimaste in san Girolamo (IV-V secolo), in
Paolo Diacono (VIII secolo) e in Landolfo Sagace (XI secolo). Questa teoria è stata confutata grazie
all'analisi approfondita dei passi dei tre autori sopra ricordati, compiuta dal Momigliano (pp. 434-G) e dal
Richard (pp. z8-3z).
Tuttavia, l'ipotesi di una prima redazione più ampia dell'Origo, sostenuta dal Mommsen in base ad argomenti
di «critica esterna», può essere riproposta «in termini di critica interna». Il Richard sostiene che 1'Origo, nella
forma in cui ci è giunta, sia 1'«abrégé» di un'opera più ampia. Lo proverebbe, a suo giudizio (pp. 3z-8) tutta
una serie di passi, dai quali risulterebbe che il compilatore del corpus ha tagliato il testo. Anche il Momigliano
(PP. 43G-8) aveva indicato nel testo dell'Origo dei punti «che mostrano segni di tagli e di altre abbreviazioni
testuali», ma li aveva spiegati non soltanto con interventi del compilatore del corpus, ma anche con gli
incidenti comuni alla trasmissione del testo e con un uso poco accurato del modo di citare le fonti. Tuttavia
tanto il Momigliano quanto il Richard si limitano a indicare come guasto testuale soltanto la lacuna,
sicuramente individuabíle nella parte finale del cap. 3 (il Richard la considera un caso unico, rispetto ai tagli
operati volutamente). Invece 1'Origo presenta altre lacune certe: in 5, 11. zo-r la citazione dei due versi
virgiliani Pan etiam Arcadia mecum si iudice certet, / Pan etiam Arcadia dicat se iudice victum, Ecl. 4, g8-9,
per un evidente «salto da uguale a uguale» viene ridotta al solo primo verso con la sostituzione di victum a
certet; un'altra lacuna sicura è in m, l. m e forse se ne può trovare un'altra in ig, 1. 16. Così pure, nel testo
dell'Orìgo sono caduti dei nomi propri: Ianus nel cap. z, probabilmente alla l. iz, Baia in ro, I. z, Aeneas in zz,
1. 7, Pontificum in 18, 1. iz, che va quasi certamente aggiunto ad annalium, come pure in 6, l. zo potrebbe
essere caduto il titolo di una commedia di Plauto: in tutti questi casi sembra impossibile parlare di tagli,
perché un riduttore del testo non avrebbe tolto un nome isolato. Che la caduta di nomi propri sia imputabile a
guasti testuali piuttosto che a tagli sembra confermato dai numerosi casi di alterazione dei nomi che si
riscontrano nel testo dell'Origo: cfr. titulus, 1. 5; z, 1. 5; io, 11. 6-7 e rz; zo, 1. 18. Inoltre nel testo dell'opera,
così come è tramandato dai codici, si riscontrano anche errori opposti, cioè interpolazioni, sia di interi brani
(4, 11. rz-3; io, ll. 4-5)> sia di termini isolati (i, 1. zr; z, l. 5; 3, l. 34; q, 1. 17; 8, 1. 7; m, 1. g; zG, 1. 15; zz, 1.
18; forse anche 16, 11. r3-4). Di fronte a un tale stato del testo tràdito, sembra opportuna una maggiore
cautela prima di attribuire a un'operazione di taglio la scomparsa di qualche parola che invece potrebbe
essere stata causata da guasti meccanici.
Per maggiore chiarezza, discuterò alcuni dei passi indicati dal Richard come casi di riduzione di un testo
originario più ampio. In 6, 1. r l'espressione eo regnante sembra riferirsi a Evandro, ma da ;, l. 18 e 9, 1. i si
ricava che in quel periodo di tempo il re era Fauno; per il Richard, p. 33, eo regnante è una formula di
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
178
transizione che, tolta da un contesto originariamente diverso e più ampio, non è più «de clarté à toute
épreuve». Tra i due dati non c'è contraddizione: in g, Il. 9-r6 si legge che Evandro fu accolto benevolmente
da Fauno, da cui ebbe un territorio che gestì come un monarca, dividendolo tra i suoi comites, dando al
futuro Palatino il nome di Pallanteo e dedicando un tempio al dio arcade Pan; in g, 11. zz-6 la sua opera di
civilizzazione è descritta in modo analogo a quella precedentemente compiuta da Saturno (cap. 3). Saturno
fu anch'egli re, pur essendo giunto nel Lazio ]ano regnante. C'è un'evidente analogia: anche Evandro costituì
un suo piccolo regno sul Palatino, l'esistenza del quale è del tutto conciliabile con la presenza di Fauno
come re di uno stato più grande. Quindi 1'eo regnante di 6, 1. r neri è indizio di un taglio del testo. Analoga è
la situazione di 13, 11. i6-9: 1'Origo attesta che Enea dette alla città di Lavinium il nome di sua moglie, senza
aver parlato del matrimonio dell'eroe con Lavinia e per il Richard, p. 35, ciò è indizio di un taglio nel testo; ma
l'antefatto è accennato nella relativa seguente e illustrato in modo esauriente nel successivo par. g, dove il
riferimento agli avvenimenti precedenti si rende necessario per spiegare l'animosità di Amata. Non mi pare
che ciò costituisca indizio di taglio; al contrario nella tecnica narrativa di opere sia poetiche che storiche è
normale che venga indicato, soltanto quando a esso si deve alludere, un particolare che a rigore sarebbe
dovuto apparire in precedenza. Più semplice ancora il problema dei capitoli r7-9, in cui 1'Origo nomina
soltanto nove re albani, da Ascanio ad Amulio e Numitore: ciò non dipende da tagli del testo, ma dal fatto
che 1'Origo segue quasi certamente una delle «liste brevi» dei Silvii. In 21, 11. r4-5 l'espressione
Numitorena... in regnum restitutum presupporrebbe secondo il Richard una tradizione diversa da quella che
si legge nel capitolo z9: Amulio dovrebbe aver spodestato il fratello e non aver ottenuto il regno in seguito a
un pacifico accordo con lui. Si può obiettare che nel capitolo r9 Amulio è presentato in luce molto
sfavorevole, perché, dopo aver ottenuto pacificamente il trono, fece uccidere il figlio di Numitore, costrinse la
figlia Rea Silvia a farsi vestale e successivamente tentò di sopprimere i gemelli: pure in questa versione il
comportamento di Amulio si configura come una vera e propria usurpazione del regno. Anche se vi fosse
una contraddizione, non saremmo in presenza di un abbreviamento del testo, ma di una giustapposizione di
fonti diverse che poteva trovarsi già nel testo originario.
7. Ho voluto discutere solo alcuni dei casi di presunto « abrégement» elencati dal Richard; ma l'esistenza di
una prima redazione dell'Origo, diversa da quella che noi leggiamo, si fonda sul dato incontrovertibile
dell'assenza nel testo dei nomi di Verrio Flacco, Varrone e Veranio che si trovano nel tittslus, il quale sembra
essere la rielaborazione del titulus dell'Orzgo trasformato nel titulus di tutto il corpus. Anch'io penso che il
cosiddetto anonimo, come aveva fatto per il titulus, prese a rimaneggiare anche il testo dell'Origo,
provocando la scomparsa dei nomi di Verrio Flacco, Varrone e Veranio. Tuttavia credo che la sua
rielaborazione si sia limitata ai capitoli 1^9.
Nella sua analisi (pp. 443-4) il Momigliano osserva la presenza nell'Orzgo di due sezioni profondamente
diverse: fino al capitolo 7 e dal capitolo 7 alla fine. Egli non si limita a constatare che le citazioni di Virgilio
finiscono a un dato punto dell'opera, ma parla di un cambiamento di struttura il quale investe la scelta delle
fonti e la forma letteraria, che diventa meno personale e discorsiva. A differenza del Momigliano, io ritengo
che la parte «virgiliana» dell'Orzgo non termini con la fine del capitolo 7, ma col capitolo 9, dove si ritrovano,
mescolate insieme, le caratteristiche di tutte e due le sezioni dell'opera. Già il Peter, Origo, pp. 76-7, aveva
osservato che questo capitolo contiene una ripetizione del racconto dell'uscita di Enea da Troia e del suo
arrivo in Italia; si tratta della stessa tecnica usata per le vicende di Tricarano-Ercole e Caco nei capitoli 6-7 e
in entrambi i casi una delle due narrazioni è arricchita da elementi virgiliani: traccia evidente, a mio avviso,
della mano dell'erudito virgilianísta. Infatti, a completamento e modifica di quanto si osserva in genere, le
citazioni virgiliane presenti nei capitoli r-q dell'Origo non sono costituite soltanto dai versi o da espressioni
riportate ad verbum, ma anche dalle osservazioni fatte a loro proposito e dalle aggiunte di particolari
derivanti dall'Eneide inseriti nella narrazione. La «gran quantità di riferimenti ad antichi antiquari e storici
romani» non comincia nel capitolo 7 (come vorrebbe il Momigliano), ma nel capitolo 9, dove, oltre agli ultimi
riferimenti a Virgilio e Omero, cominciano a farsi più frequenti le citazioni di storici ed eruditi, come
Alessandro di Efeso, Lutazio Catulo e (Lucio) Cesare. Resta assodato che 1'Origo è costituita da due parti
molto diverse; a mio avviso non è credibile che ciò sia conseguenza di un cambiamento «progettate
consapevolmente» dall'autore. Questa tesi non è accettabile, perché se i capitoli i-9 (o i-7) fossero stati
composti dall'erudito, studioso di Virgilio, egli non vi avrebbe inserito tratti non virgiliani, come l'arrivo di
Evandro nel Lazio sessant'anni prima di Enea, durante il regno di Fauno. Lo stesso vale per la costatazione
che chiude il capitolo 7 (quam opinionem metuit sequi noster Maro): mi sembra che risulti in modo evidente
che il testo originario dava una versione differente da quella dell'Eneide e che chi lo rielaborava sub specie
Vergili volle indicarlo ai lettori, limitandosi qui a segnalare la divergenza di opinioni; invece in 3, 11. 44-6
Sallustio viene tacciato di errore sulla base di quanto si legge nell'Eneide. Il risultato di questa
analisi è l'impossibilità di identificare il grammatico virgilianista con l'autore dell'Origo, o meglio della sua
prima redazione. Anche questo grammatico che parla di sé in Origo r, ll. z6-9, deve essere collocato nel IV
secolo. Egli non può essere stato l'autore di un'opera come 1'Origo, dove si seguono in prevalenza versioni
contrastanti con quelle virgiliane: dunque sarà da considerare come il rielaboratore dell'opera, che quasi
certamente va identificato con 1'« anonimo» ideatore e raccoglitore del corpus.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
179
8. A questo punto si deve compiere un altro passo in avanti e riconoscere nella struttura bipartita dell'Origo
la conseguenza della rielaborazione dell'opera condotta nei primi nove capitoli dal grammatico-erudito
virgilianista.
In favore di questa ipotesi si possono addurre alcune considerazioni:
1) nei primi nove capitoli dell'Origo sono quattro soltanto le citazioni di opere storiche - il de origine Patavina,
Cassio Emina, i Libri Pontificalium, Sallustio, che viene nominato solo perché sia confutata una sua
affermazione sulla base dell'Eneide - mentre sono numerose le citazioni dei poeti: oltre a Virgilio, il cui nome
ricorre sei volte, Ennio, Plauto e Omero. Il rielaboratore dell'Origo non si limita a citare versi o espressioni
virgiliane, ma inserisce dei brani, anche lunghi (ad es. r, 4-9), che discutono parole virgiliane o comunque
partono dal testo dell'Eneide. Dunque l'assenza nel nostro testo dell'Origo dei nomi di Verrio Flacco, Varrone
e Veranio è dovuta alla soppressione di alcuni brani della redazione iniziale; la causa di tale soppressione è
l'inserimento di brani compiuto da un conoscitore di Virgilio.
2) Soprattutto l'analisi stilistica prova che le due sezioni dell'Oyzgo risalgono a due mani diverse.
Fino a oggi non è stato studiato il modo d'introdurre le citazioni nell'Origo. Infatti nei capitoli io-z3 il nome o i
nomi degli autori citati sono introdotti dieci volte da scribit-scribunt, cinque volte da tradit-tradunt, quattro
volte da docet, una volta da aiunt; inoltre, si trovano tre volte scriptum est e una volta proditur, quando viene
indicata la fonte col titolo e il libro dell'opera senza il nome dell'autore; indicazioni del tutto generiche sono
intro
dotte due volte da addunt (quidam), tre volte da traditur, una volta da a f f irmatur, una volta da creditum est.
Del tutto diverso il modo di citare nei capitoli i-8. Anzitutto sono meno frequenti le citazioni col nome dello
scrittore; troviamo tre volte ait, di cui due nelle espressioni (Ennius) testis est cum aît e teste Marone qui ait,
una volta testatur, una volta intulit e, con la sola indicazione del titolo dell'opera, una volta traditur; c'è anche
un indicant (illi versus), seguito da un brano del libro VIII dell'Eneide. Solo in questa sezione, l'autore talvolta
usa la prima persona: oltre al1'annotavinzus del passo in cui egli dichiara di aver cominciato a comporre un
commento all'Eneide n, 1. 26 sgg.l, troviamo intelligemu.r e diximus; numerose le indicazioni generiche, che
sono introdotte una volta da creditur, tre volte da traditur, cui si può aggiungere una volta (quidam) tradunt;
abbiamo inoltre due volte dixerunt, una dicunt e una dicitur, una aiunt, una ferunt, una memoriae
prodiderunt, una constet, una intelligendum est, due volte volunt e una velint; si trovano, per finire, una volta
guaeri potest e quaeritur, che sono espressioni ricorrenti nel linguaggio degli scoliasti. Questa analisi
permette di raggiungere la conclusione che le due sezioni dell'Origo (capp. L-8; io-z3) risalgono a due mani
differenti. Se poi si considera il capitolo 9, che, segnando il confine tra le due sezioni, ha in sé, mescolate, le
caratteristiche di entrambe, potremo riscontrare che tale conclusione viene puntualmente confermata anche
sul piano linguistico: i nomi dei tre storici sono seguiti da un docet, un tradit, uno scribit, mentre con Maro c'è
intulit (come in 3, 11. 34-5) e il riferimento a Omero è formulato con un'espressione che richiama altri giri di
parole che si trovano nella sezione iniziale: quamvis auctore Homero, quidam asserant.
9. Resta da indagare il motivo che avrebbe spinto l'anonimo a interrompere nel capitolo 9 la sua opera di
rielaborazione del1'Origo. Per giustificare quello che per lui è solo un radicale cam biamento del metodo di
lavoro dell'autore, il Momigliano ricorda che gli storici romani non accettarono mai la vicenda di Didone; io
ritengo che, se il grammatico-erudito virgilianista fosse stato autore di tutta 1'Origo, avrebbe potuto tacere di
Didone e poi, per le vicende di Enea in Italia, riprendere a seguire la versione dell'Eneide. Quel che appare
certo è che un ammiratore di Virgilio non avrebbe composto un'opera che smentiva continuamente il «suo»
poeta, mentre, se va identificato con l'ideatore del corpus, egli dovette scegliere 1'Origo per i motivi di cui
abbiamo già parlato; in effetti la nostra Origo sembra un'opera assai più ampia e diversa dall'altra Origo, che
fu pubblicata dal Mommsen come sezione della Cronografia dell'anno 354, di cui parla anche il Momigliano
(pp. 43o-z). E probabile che l'ammirazione per Virgilio abbia spinto l'anonimo a tentare di conciliare il testo
che aveva sotto mano con la narrazione dell'Eneide, ma ciò gli fu possibile - e non sempre - per gli
avvenimenti anteriori a Enea, che erano accennati solo occasionalmente da Virgilio. Quando giunse a Enea,
l'anonimo constatò che la narrazione dell'Origo divergeva radicalmente da quella virgiliana' e probabilmente
rinunciò a ulteriori tentativi di armonizzare i due racconti. A quel punto non bastava più inserire qualche
notazione o segnalare qualche divergenza, ma doveva o tacere del tutto la versione del1'Eneide oppure
riscrivere da capo il racconto degli avvenimenti, cosa che evidentemente l'anonimo non si sentì di fare.
Io. In passato, a partire dal Niebuhr-' si è considerata più volte 1'Origo come falso di età umanistica. Oggi
questa tesi non trova più consenso perché, dove è possibile fare dei riscontri, le citazioni dell'Origo appaiono
fededegne. La tesi del falso umani
[ Nota' Per documentare tale affermazione si considerino questi particolari del racconto dell'origo nella parte
che riguarda più specificamente Enea (capp. g- i 4): Anteriore è presentato come traditore; in entrambe le
versioni della fuga di Enea da Troia si trovano molti punti che discordano dall'Eneide; la città fondata in
Tracia si chiama Eno; Lavinia, che Enea sposa e che darà il nome al litorale laziale, è figlia di Anio, che è
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
180
presentato non come re di Delo, ma come sacerdote di Apollo; Miseno muore di malattia e dà il nome a una
città; si parla della morte di Baia, madre di un troiano di nome Eusino; la Sibilla consultata in Campania è la
Cimmeria, non la C umana; appare il personaggio di Prochita; Anchise è ancora vivo all'arrivo nel Lazio; la
scrofa era su una nave troiana e il suo parto prodigioso indica il luogo in cui fondare Lavinío; Ulisse arriva
nel Lazio; Lavinio è fondata prima della guerra m tutte e due le versioni citate; Latino si accorda con Anchise
ed Enea, combatte con loro contro Turno e muore in battaglia; Enea uccide Turno, non Mezenzio; Amata si
uccide in seguito alla morte di Latino; Ascanio viene chiamato anche Eurileone.
B.G. Niebuhr, Rdmìsche Geschichte I, Berlin 18732 (ma la c a edizione è del r8zg), p. 74, nota 274; Maehly,
p. 152; Jordan, pp. qzq-5; W.S. Teuffel-L. Schwabe, Geschìcbte der rdmiscben Literatur, Leipzig n8go', pp.
zoqb-7; Peter, Origo, pp. 7r-z; W. Schur, Die Aeneassage in derspci'teren r'dmischen Literatur, Strasburg
1914, P 79• W,A. Baehrens, Bericht liber die Literatur zii einigen rdmischen Schriftstellern der 3. und q.
Jabrhunderts, a Jahrbuch der Akademie der \Xlissenschaften» CW'IIl 1926, pp. r-z8; G De Santtìs, p. 15,
nota zq.]
stico è stata smentita da due ritrovamenti fatti nella prima metà dell'Ottocento: l'elenco delle colonie dedotte
da Latino Silvio, che si legge in 17, 6, si ritrova nella stessa forma soltanto nel codex Armeniacus del
Chronicon di Eusebio di Cesarea (scoperto nel r8y); la riflessione fatta da Remo a commento dell'esito
dell'auspicio favorevole al fratello in 23, 4 ha riscontro solo negli Excerpta Vaticana di Diodoro Siculo
(pubblicati nel r8a7). Col Momigliano (p. 439) ricorderò che nell'Origo sono citati «z7 autori, dei quali solo 6
sono passibili di sospetto: Alessandro Efesio, libro primo Belli Marsici (9, ll. 9-io); Volcacio e Acilio Písone (io,
1. rz); Domizio (rz, 11. z e rz; 18, 1. r4); M. Ottavio (IZ, 1. iz; 19, 1. r5); Sesto Gellio (r6, 1. r4)». Come lui,
ritengo del tutto ingiustificati i sospetti su Alessandro Efesio, autore noto a Cicerone. Sisenna e Sallustio
attestano l'uso d'inserire una prefazione o digressione su fatti delle origini o comunque sulla storia
precedente in opere dedicate ad avvenimenti recenti: Sisenna, che trattava lo stesso periodo di tempo al
quale appartiene la guerra marsica, cioè la guerra sociale, parlava della morte di Enea in battaglia presso il
Numicio, come appare dal fr. 3 Peter. Il Momigliano osserva (pp. 44z-3) che «il riferimento ad Alessandro
Efesio si è rivelato come un argomento a favore dell'onestà» dell'autore dell'Origo.
La difficoltà che nasce dalla menzione di Volcacio e di Acilio Pisone si supera accettando la proposta del
Mommsen di emendare Volcacius in Lutatius e di aggiungere un et fra Acilius e Piso: in tal modo
recuperiamo una quinta citazione di Lutazio Catulo e una terza citazione di Pisone. Quanto ad Acilio, si tratta
certamente del senatore e letterato fiorito intorno alla metà del II sec. a.C. e autore di annales in greco,
come Fabio Pittore, Cincío Alimento e altri. Quanto all'ignoto Sesto Gellio, non sarebbe altri che l'annalista
Gneo Gellio e l'errore andrebbe attribuito non all'autore dell'opera, ma a un interpolatore. Restano soltanto,
come auctores a noi ignoti, Domizio e M. Ottavio, ai quali forse va aggiunto anche 1'Egnatius citato
nell'ultimo paragrafo dell'opera; tuttavia esistono possibilità d'identificare Domitius con Domizio Calvino o,
meno probabilmente, con Cn. Domizio Enobarbo; M. Octavius con M. Ottavio Ersennio ed Egnatius con
1'Egnatìus citato da Macrobio o con un ignoto annalista, come a me sembra preferibile.
11. Il Momigliano continua la sua analisi, passando dagli autori ai «fatti storici» menzionati nell'Origo (p.
4qo): egli nota che la grande maggioranza di essi può essere verificata in altri testi; le «innovazioni»
dell'Origo si limitano a dodici «dettagli». Questo numero, però, può essere abbassato anzitutto escludendo
due sicure interpolazioni (cfr. note a ro, 4-g e a 13, z8). Inoltre, a mio avviso, si dovrà dare un peso
certamente minore a quelle «innovazioni» che sono presentate come varianti accessorie rispetto alla
versione considerata più attendibile: alludo all'arrivo di Enea presso duo stagna aquae salsae (r z, ll. 17 -8),
che è la versione di Domizio contrapposta a quella del capitolo io, e al particolare della cattura di Remo da
parte degli uomini di Amulio (22, li. ;-IS), che viene presentata come versione alternativa rispetto all'altra,
data in zr, 11. rr-9. Vorrei aggiungere che anche la connessione fra la storia di Ione e il mito di Giano quasi
certamente era già avvenuta a opera di qualche erudito' che aveva messo in rapporto i nomi di Giano e di
Ione per la comune etimologia dal verbo «andare». Il particolare che «Agamennone stesso avrebbe
permesso a Enea di ritirarsi sul monte Ida», come ricorda anche il Momigliano, era presente già nell'opera di
Alessandro Efesio. Non si tratta di vere e proprie innovazioni; tali sarebbero solo le notizie non riscontrabili
altrove, che noi leggiamo nell'Origo senza poterne individuare la fonte, non quelle che arrivano all'Origo da
un autore citato o ipotizzabile e che ci appaiono innovazioni soltanto per la perdita dell'opera da cui sono
attinte. Seguendo questo criterio, il numero delle innovazioni dell'Origo si riduce notevolmente; e resta valida
la conclusione del Momigliano che «nessuna di queste novità è realmente sospetta »2.
Nel modo di citare dell'Origo appaiono alcuni difetti: le citazíoni complete si alternano con quelle in cui è
nominato l'autore senza il titolo dell'opera e/o senza il numero del libro; talvolta poi sono citate opere senza
indicazione di autore. Non mancano inoltre frequenti indicazioni generiche, del tipo quidam tradunt, alii
volunt, addunt quidam ecc.; ciò avviene anche quando presu
mibilmente ci sarebbe stata la possibilità di indicare il nome della fonte'.
A questo punto è necessario richiamare la diversità di fondo tra i capitoli r-8 e i capitoli ro-z3. Nella parte
iniziale dell'opera le citazioni di fonti storiche sono quasi del tutto assenti. A partire dal capitolo 9 il modo di
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
181
citare è molto diverso, ma si riscontrano gravi manchevolezze o difformità. Colpisce la tendenza a citare più
frequentemente gli autori di minore importanza, che attestano una versione in alternativa o in opposizione a
quella preminente, più che le fonti che forniscono l'impalcatura del racconto e che vengono seguite per tratti
relativamente lunghi, con o senza inserzioni di altri auctores; analogamente nei casi in cui si ha motivo di
credere che le citazioni siano state fatte dall'autore dell'Origo non per consultazione diretta, ma tramite opere
che raccoglievano le citazioni degli scrittori più antichi, queste, che potremmo definire «fonti primarie», non
vengono nominatez.
12. Si è già accennato alle citazioni che potrebbero essere state fatte per il tramite di altre opere.
È convinzione diffusa che le opere arcaiche, citate in scritti di età imperiale, specie a partire dal Il secolo,
siano conosciute non per consultazione diretta, ma perché utilizzate e ricordate dagli scrittori delle età di
Cesare e di Augusto. Ciò è vero nella maggioranza dei casi: non sempre. Qualche volta, si deve ammettere
la possibilità della consultazione diretta di opere arcaiche, specie in epoche di tendenza arcaicizzante, come
il II secolo d.C., o di profondi studi eruditi, come il IV secolo. Gellio, ad esempio, nelle Noctes Atticae citò per
consultazione diretta molte opere arcaiche.
Venendo all'Origo, non sembra sostenibile che tutte le citazioni degli scrittori arcaici siano state trovate in
opere delle età di Cesare e di Augusto. Se la mia ricostruzione del rapporto tra Cassio Emina e Verrio
Flacco nel capitolo 6 è esatta, bisogna dedurne che Cassio Emina fu consultato direttamente e non tramite
Verrio Flacco. Inoltre, è più difficile pensare all'esistenza di una fonte intermedia, quando ci si trova di fronte
a brani di una certa lunghezza che derivano da una determinata opera - come quello che va da zz, 1. 25 a
13, 1. zg se risale tutto a Catone, come molti ritengono - oppure a numerose e ripetute menzioni di un
autore, come avviene per L. Cesare o per Lutazio Catulo. Di particolare interesse è il rapporto dell'Origo col I
libro delle Antiquitates Romanae di Dionigi d'Alicarnasso. Fondandosi sui numerosi punti di somiglianza tra
le due opere, il Peter aveva considerato Dionigi come una fonte dell'Origo, ma il Momigliano (PP. 444-5)
confuta questa tesi perché, accanto alle concordanze - egli ne elenca nove - esistono alcune differenze
significative: nell'Origo si riscontrano alcuni particolari che mancano in Dionigi.
Il Momiglíano pensa ragionevolmente che Dionigi e l'Origo possano risalire a una fonte comune (Varrone?),
ma ne trae spunto per ribadire che l'autore dell'Origo trovò i riferimenti agli autori repubblicani, oltre che in
Varrone, in uno o più manuali augustei. Come ho detto, io credo invece alla possibilità che opere di età
repubblicana potessero essere consultate direttamente da chi compose l'Origo nella prima redazione. Alla
seconda metà del IV secolo va datata, oltre la costituzione del corpus, soltanto la rielaborazione dei capitoli
r-9, compiuta dal grammatico studioso di Virgilio. La prima redazione dell'Origo, certamente posteriore a
Verrio Flacco t, risaliva o all'età giulio-claudia (cioè era relativamente vicina a Verrio Flacco, morto intorno al
zz d.C. sotto Tiberio) oppure al II secolo. Nel primo caso l'Origo si configurerebbe come un'opera compilativa
vicinissima all'età augustea. Se poi l'Origo fu composta nei II secolo, vale a dire nel periodo della fioritura del
movimento arcaicizzante, che il suo autore abbia avuto modo di consultare opere arcaiche è assai probabile.
['Nota Verrio Fiacco è il più moderno degli auctores dell'Origo citati nel titulus, in cui egli è presentato in una
posizione di spicco. Ciò ha fatto pensare che l'Origo «remonterait en dernière analyse à un écrit de Verrius
Flaccus» (Ríchard, p_ 4q); lo studioso francese però confuta giustamente questa tesi osservando che, se
esistono alcune coincidenze tra l'Origo e quanto si può far risalire a Verrio Fiacco, oltre che per il tramite dì
Festo e di Paolo, anche da testimonianze di Servio e di Servio auctus, esistono anche divergenze assai
significative. Oltre alle divergenze nei particolari, colpisce il fatto che nessuno dei ventisette autori citati
nell'Origo coincida con qualcuno di quelli nominati da Festo nel suo lungo lemma sulle origini di Roma (pp.
3z6-3o Lindsay): Festo cita fonti greche, mentre nell'Origo le fonti sono quasi tutte latine]
Tra le due datazioni che si possono proporre per la composizione della prima redazione dell'Origo,
propenderei per il II secolo, soprattutto in considerazione dei risultati raggiunti dal Puccioni nel suo studio sul
linguaggio dell'opera (Tradizione). Sebbene parta dalla convinzione che l'Origo sia stata composta in «un'età
relativamente tarda (fine del IV o principio del V secolo dopo Cristo) » (p. zo8), segnala, per la grande
maggioranza dei costrutti meno usuali e non riconducibili alla grande tradizione della prosa latina del I secolo
a.C., delle coincidenze molto significative con autori della seconda metà del I secolo, come Plinio il Vecchio,
o del II secolo. Se si considera che alcune innovazioni più evidenti appartengono alle parti dell'opera
probabilmente soggette alla rielaborazione dell'anonimo e che comunque non è sostenibile che il testo dei
capitoli ro-z3 sia rimasto del tutto inalterato rispetto alla stesura originaria, l'analisi linguistica orienta
sostanzialmente verso la data di composizione del II secolo d.C. A tale conclusione non osta il fatto che
nessuno degli scrittori citati sia cronologicamente collocabile dopo Verrio Flacco, giacché è normale, nelle
opere degli antichi, che le citazioni non arrivino sino agli autori contemporanei o molto vicini a chi scrive: si
pensi, ad es., all'Auctarium Donatianum inserito al termine della Vita Terenti di Svetonio.
13. L'analisi più ampia condotta sulla lingua dell'Origo è quella del Puccioni (Tradizione). Egli esamina
sistematicamente tutti i vocaboli e i costrutti che potrebbero sembrare innovativi o poco usuali, giungendo
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
182
invece alla conclusione che alcuni di essi sono attestati fin dal latino arcaico, altri nella prosa delle età di
Cicerone e di Angusto, molti negli scrittori del I secolo d.C. (segnatamente in Plinio il Vecchio) e del II
secolo. In effetti, se prendiamo in esame quelle che il Puccioni definisce le «ínnovazioni» linguistiche
dell'Origo (Tradizione, pp. z3r-4r), si dovrà constatare che esse sono nove in tutto: Maronis Musa (z, 1. z);
se... annectere (3, 1. Iq); lacere nel significato di «chiamare, denominare» (4, I. 5); pietatis sarcina (9, l. 6);
ascivisse ac imploravisse, per l'uso di ac davanti a vocale (I4, 11. 3-4); solito institutoque senza preposizione
(zo, 1. z); repente nel significato di recenter o nuper (zo, 1. zg); 1'àí7saE lambitus per lambitio (zo, 1. i6);
ulterius a nel senso di ultra (z3, 1. z8). Il numero di queste innovazioni può essere subito ridotto, osservando
che ascivi.sse ac è dato solo dal codice P ed è probabilmente interpolato; pietatis sarcina di 9, 1. 6 è ispirato
da Ovidio, Her. 7, 107: seniorque pater, pia sarcina nati. Inoltre repente col valore di recenter, più che
un'innovazione potrebbe considerarsi una reminiscenza dell'enniano lupus femina feta repente (Ann. I, Gg
Skutsch), specie se si corregge 1'exierat dei codici in enixa erat. Lo stesso Puccioni minimizza l'aspetto
innovativo di solito institutoque costruito senza ex, scrivendo che «evidentemente è giuntura rifatta per
analogia su consimili che si trovano in Cicerone, tra le quali tengo a richiamare l'attenzione su more
institutogue maiorum» (p. z3g).
Le «innovazioni» vere e proprie restano cinque: di esse quattro (Maronis Musa' di i, 1. z; se... annectere di 3,
1. 14; tacere di q, 1. 5; zalterius a di 23, 1. 28) appartengono a brani che possono aver subito la
rielaborazione dell'anonimo, giacché le prime tre si trovano nel gruppo dei capitoli z-9 ed ulterius a è alla fine
dell'ultimo capitolo dell'opera, immediatamente prima della «legatura».
In conclusione, l'esiguo numero delle «innovazioni» linguistiche presenti nell'Origo e la loro appartenenza
quasi totale alle parti dell'opera che subirono una rielaborazione nella seconda metà del IV secolo
confermano la tesi della doppia redazione. Se 1'Origo fosse stata composta verso la fine del IV secolo,
conterrebbe certamente un numero assai maggiore di termini e di espressioni di latino tardo. Un'ulteriore
conferma è data dall'esame del ritmo, compiuto dal Puccioni nella parte finale del suo studio (Tradizione, pp.
z4z-gq). Egli osserva che «la prosa dell'opera rispetta le regole classiche della quantità: un esame
minuzioso delle clausole... convincerà che siamo in presenza di vecchi schemi, senza che ci sia concesso di
cogliere - come invece è dato di avvertire in scrittori vissuti nel III secolo - l'incipiente evoluzione dalle
clausole quantitative all'accentuazione ritmica» (p. z4z). E ancora: «neh'Origo tutte le cadenze si può dire
che siano riconducibili a tipi classici di clausola metrica» (p. zq4); «1'Origo gentis Romanae non è un
documento dell'evoluzione della prosa latina da metrica a ritmica; pur esaminata sotto questo aspetto essa si
rivela opera antica» (p. z49).
14. L'Origo è scritta male. Quella che al Beck sembrava un'apprezzabile semplicità è invece uno stile sciatto
e ripetitivo, che non raggiunge quasi mai una forma piacevole e articolata. L'incapacità di elevare lo stile si
riscontra particolarmente nei trapassi, all'inizio di capitoli o di paragrafi. Nell'elenco dei re albani ogni nome
nuovo è introdotto sempre dalla formula post eum (una volta illum) regnavit. Si è già detto dell'uso costante
di scril>ere, tradere e docere - almeno nella sezione costituita dai capitoli 9-z3 - per introdurre le citazioni
degli auctores. At vero è usato quasi sempre per contrapporre una nuova versione a quella precedente.
Molto pesante risulta anche la ripetizione di cumque all'inizio di paragrafi consecutivi o appartenenti allo
stesso capitolo. Le azioni simili vengono espresse con gli stessi termini: l'atteggiamento bellicoso di Ascanio
è espresso da un cum contínuis proeliis aYlezentium persegui institzsisset (rg, 1. z), che ricalca da presso il
cum ... Rutulos bello persegui instituisset detto di Enea (14, 11. I-z); Saturno è benigne exceptus hospitio da
Giano (3, 11. z-3); Evandro è hospitaliter benigneque exceptus da Fauno (5, l. 12); degli Aborigeni si dice
che eos advenientes Picus excepit permissos vivere ut vellent (q, 11. 8-9); con quest'ultíma frase si
raffrontino le due formulazioni quasi uguali con cui viene data la notizia dell'uscita di Enea da Troia: a rege
Aganzemnone quo vellet ire permissus (9, 1. 7), cum a rege Agamemnone permissum esset ire quo veilet
(9, 11. 12-3). Anche in altri casi di narrazioni ripetute dello stesso evento, presenti in versioni parallele o
contrapposte, 1'Origo non sa sollevarsi da una piatta ripetitività; alludo alla riconciliazione tra Ascanio e
Lavinia dopo la nascita di Silvio: (I aviniam) recuperatam cum filio in urbem Lavinium reduxit (16, 11. i 7-z),
Laviniam in urbem cum filio reduxisse (I6, I. zo); alla violenza fatta alla giovinetta Rea Silvia: in usum
sacrorum aquam petenti irtsidiatum, in luco Martis compressisse eam (r9, 11. i8-9), virginem in usum
sacrorum aquam petitum ex eo fonte qui erat in luco Martis... compressam (zo, 11. z-g); all'affidamento ad
Acca Larenzia dei piccoli Romolo e Remo da parte di Faustolo: nutriendos... Accae Larentiae uxori suae
dedit (zo, 11. z7-8), Accae Larentiae amicae suae dedisse nutriendos (zi, 11. 3-q); e dedisse nutriendos
sempre riferito a Romolo e Remo, affidati questa volta da Numítore allo stesso Faustolo, ricorre anche in iq,
7.
Si registra incertezza nell'uso dell'indicativo e del congiuntivo nelle proposizioni dipendenti; il quod
dichiarativo si alterna con la più normale costruzione infinitiva; anche se esistono precedenti in Livio e in altri
storici, non si potrà contestare la durezza di costruzioni di ablativo assoluto formato dalla sola voce verbale.
Né si possono addurre come esempi di correttezza e di eleganza i nomi di città costruiti con preposizione.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
183
Sotto l'aspetto stilistico, 1'Origo è un'opera piuttosto scadente: poiché sembra probabile che non sia stata
radicalmente rielaborata nella forma, passando dalla prima alla seconda redazione, è assai difficile che
abbia avuto come autore uno scrittore augusteo di buona fama come Verrio Flacco.
G.D’Anna, Introduzione a ediz. FV 1991
Bibliografia
Pichlmayr, Teubner, 1911
Pichlmayr- Gruendel, Teubner, 1961,1966, 1970,1983, pp. 1-22.
G. Puccioni, Firenze, Vallecchi, 1958.
J. Cl. Richard, Paris, Les Belles Lettres, 1983.
G.D'Anna, Anonimo, Origine del popolo romano, Milano, Mondadori, FV,1992,19973.
Origo gentis Romanae, trad. E. Azzolina , Messina: Peloritana, 1968
Strumenti
L. Cardinali, Origo gentis Romanae - De viris illustribus. Concordantiae et Indices.
Hildesheim?1997.
Intratext
Studi
Brugnoli, G., Paolo Diacono e l'Origo gentis Romanae, Roma: Edizioni dell' Ateneo, 1960
Puccioni, G., La tradizione annalistica romana nell'Origo gentis Romanae, Firenze: Leo S. Olschki, 1959
Puccioni, G. La fortuna medievale della Origo gentis Romanae, Messina, Firenze, 1958, Biblioteca di cultura
contemporanea
ICCU per Soggetto n.d.p.
ICCU per Titolo
Hillen, Hans Jurgen, Von Aeneas zu Romulus: die Legenden von der Grundung Roms: mit einer Lateiniscdeutschen ausgabe der Origo gentis Romanae / Hans Jurgen Hillen , Dusserldorf: Artemis & Winkler, 2003
Cardinali, Luca, Origo gentis Romanae; De viris illustribus: concordantiae et indices / conscripsit Luca
Cardinali , Hildesheim \etc.!: Olms-Weidmann, 1997 , Alpha-omega. Reihe A, Lexika, Indizes,Konkordanzen
zur klassischen Philologie ;186
Origine del popolo romano / Anonimo; a cura di Giovanni D'Anna; corredo iconografico a cura di Carlo
Gasparri
Edizione: 3. ed , [Milano]: Fondazione Lorenzo Valla: A. Mondadori, 1997 , Scrittori greci e latini
Note Generali: Attr. a Sextus Aurelius Victor. Trad. italiana a fronte
Origine del popolo romano / Anonimo; a cura di Giovanni D'Anna; corredo iconografico a cura di Carlo
Gasparri
Edizione: 2. ed , Roma: Fondazione Lorenzo Valla, 1992 , Scrittori greci e latini
Note Generali: Attr. a Sextus Aurelius Victor
Trad. italiana a fronte.
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
184
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus . Praecedunt: Origo gentis romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . Subsequitur: Epitome de Caesaribus / recensuit Franciscus Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa editionis primae (1911) , Stutgardiae etc.]: in aedibus B. G. Teubneri, 1983 ,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] Origo gentis Romanae .
[Pubblicato con] Liber de viris illustribus urbis Romae.
[Pubblicato con] Epitome de Caesaribus.
Les origines du peuple romain / Pseudo-Aurelius Victor; texte etabli, traduit et commente par Jean-Claude
Richard , Paris: Les belles lettres, 1983 , Collection des universites de France
Titolo uniforme: Origo gentis Romanae .
Sexti Aurelii Victoris liber de Caesaribus, praecedunt Origo gentis romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae, subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Editio stereotypa correctior editionis primae / addendaet corrigenda iterum collegit et adiecit R.
Gruendel , Leipzig: Teubner, 1970 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus . praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa correctior ed. 1. addenda et corrigenda iterum / collegit et adiecit R. Gruendel ,
Leipzig: B. G. Teubner, 1970 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Sexti Aurelii Victoris liber de Caesaribus . Praecedunt Origo Gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . Subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Editio stereotypa correctior editionis primae addenda et corrigenda iterum collegit et adiecit R.
Gruendel , Lipsia: Teubner, 1966 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus; praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae; subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa correctior editionis primae addenda et corrigenda / collegit et adiecit R. Gruendel ,
Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1961 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Origo gentis Romanae / traduzione di Enzo Azzolina , Messina: Peloritana, 1968
Brugnoli, Giorgio, Paolo Diacono e l'Origo gentis Romanae / Giorgio Brugnoli , Roma: Edizioni dell' Ateneo,
1960
Note Generali: Estr. da: Rivista di cultura classica e medioevale, 2 (1960) n. 3
Mariotti, Scevola <1920-2000>, Appunti sull'Origo gentis Romanae , Copenhagen: Det Berlingske
Bogtrykeri, 1961
Note Generali: Estr. da: Language and society, essays presented to A.M. Jensen on his 70th birthday.
Puccioni, Giulio, La tradizione annalistica romana nell'Origo gentis Romanae / Giulio Puccioni , Firenze: Leo
S. Olschki, 1959
Note Generali: Estr. da: Atti dell'Accademie Toscana di Scienze e Lettere 'La Colombaria', XXIV, 1959-1960
Aureli Victoris Origo gentis romanae / a cura di Giulio Puccioni , Firenze: Vallecchi, [1958] , Collezione
filologica. Testi e manuali
Momigliano, Arnaldo, Some observations on the "Origo gentis romanae" / Arnaldo Momigliano , [S.l.: s.n.],
[1958?]
Note Generali: Estr. da: Journal of roman studies, v. 48., (1958), parts 1.-2
Puccioni, Giulio, La fortuna medievale della Origo gentis Romanae / Giulio Puccioni , Messina; Firenze, 1958
, Biblioteca di cultura contemporanea
Momigliano, Arnaldo, Per una nuova edizione della "Origo gentis romanae" / Arnaldo Momigliano , [S.l.: s.n.],
[1958?]
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
185
Note Generali: Estr. da: Athenaeum, studi periodici di letteratura e storia dell'antichita, n.s., v. 36., fasc. 3.,
1958
Semple, William T., Authenticity and sources of the Origo gentis romanae / dissertation ... Princento
University ... by William T. Semple , Princeton: (s.n.)
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus; praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae; subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Franciscus Pichlmayr , Lipsiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1911 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Completato 1850-2005
Mariotti III, 364, Bettini, 3, 774
Anonimo autore del De Viris illustribus
Secondo Braccesi risalirebbe al I secolo dopo Cristo.
Testi e testimonianze
De viris illustribus
IntraText CT - Text
Capp. I-II
1. Proca, rex Albanorum, Amulium et Numitorem filios habuit, quibus regnum annuis vicibus habendum
reliquit [ut alternia imperarent]. Sed Amulius fratri imperium non dedit et ut eum subole privaret, filiam eius,
Rheam Silviam, Vestae sacerdotem praefecit, ut virginitate perpetua teneretur, quae a Marte compressa
Remum et Romulum edidit. Amulius ipsam in vincula compegit, parvulos in Tiberim abiecit, quos aqua in
sicco reliquit. Ad vagitum lupa accurrit eosque uberibus suis aluit. Mox Faustulus pastor collectos Accae
Laurentiae coniugi educandos dedit. Qui postea Amulio interfecto Numitori avo regnum restituerunt; ipsi
pastoribus adunatis civitatem condiderunt, quam Romulus augurio victor, quod ipse XII, Remus VI vultures
viderat, Romam vocavit; et ut eam prius legibus muniret quam moenibus, edixit, ne quis vallum transiliret;
quod Remus irridena transilivit et a Celere centurione rastro fertur occisus.
2. Romulus asylum convenis patefecit et magno exercitu facto, cum videret coniugia deesse, per legatos a
finitimis civitatibus petiit. Quibus negatis ludos Consualia simulavit, ad quos cum utriusque sexus multitudo
venisset, dato suis signo virgines raptae sunt. Ex quibus cum una pulcherrima cum magna omnium
admiratione duceretur, Talassio eam duci responsum est. Quae nuptiae quia feliciter cesserant, institutum
est, ut in omnibus nuptiis Talassii nomen iteretur. Cum feminas finitimorum Romani vi rapuissent, primi
Caeninenses contra eos bellum sumpserunt. Adversus quos Romulus processit et exercitum eorum ac
ducem Acronem singulari proelio devicit. Spolia opima Iovi Feretrio in Capitolio consecravit. Sabini ob raptas
bellum adversus Romanos sumpserunt. Et cum Romae appropinquarent, Tarpeiam virginem nacti, quae
aquae causa sacrorum hauriendae descenderat, ei T. Tatius optionem muneris dedit, si exercitum suum in
arcem perduxisset. Illa petiit, quod illi in sinistris manibus gerebant, videlicet anulos et armillas; quibus
dolose repromissis Sabinos in arcem perduxit, ubi Tatius scutis eam obrui praecepit; nam et ea in laevis
habuerant. Romulus adversus Tatium qui montem Tarpeium tenebat, processit et in eo loco, ubi nunc forum
Romanum est, pugnam conseruit: ibi Hostus Hostilius fortissime dimicans cecidit, cuius interitu consternati
Romani fugere coeperunt. Tunc Romulus Iovi Statori aedem vovit, et exercitus seu forte seu divinitus restitit.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
186
Tunc raptae in medium processerunt et hinc patres inde coniuges deprecatae pacem conciliarunt. Romulus
foedus percussit et Sabinos in urbem recepit, populum a Curibus, oppido Sabinorum, Quirites vocavit.
Centum senatores a pietate patres appellavit. Tres equitum centurias instituit, quas suo nomine Ramnes, a
Tito Tatio Tatienses, a luci communione Luceres appellavit. Plebem in triginta curias distribuit easque
raptarum nominibus appellavit. Cum ad Caprae paludem exercitum lustraret, nusquam comparuit; unde inter
patres et populum seditione orta Iulius Proculus, vir nobilis, in contionem processit et iureiurando firmavit
Romulum a se in colle Quirinali visum augustiore forma, cum ad deos abiret; eundemque praecipere, ut
seditionibus abstinerent, virtutem colerent; futurum, ut omnium gentium domini exsisterent. Huius auctoritati
creditum est. Aedes in colle Quirinali Romulo constituta, ipse pro deo cultus et Quirinus est appellatus.
Traduzione
Bibliografia
Fr. Pichlmayr, 1911 (anast. Stuttgard 1983? e1993).
Fr. Pichlmayr- R. Gruendel, Leipzig, 1961, pp. 23-74, 19662, 1970.
Studi
L. Braccesi, Introduzione al De viris illustribus, Bologna 1973.
Autore: Catta, Roberta
Roberta Catta, Analisi lessicale del De viris illustribus, Sinnai: Astra, 1998. Controllo pertinenza
Strumenti
L. Cardinali, Origo gentis Romanae - De viris illustribus. Concordantiae et Indices.. 1997.
Intratext
ICCU per Titolo Liber de viris illustribus urbis Romae
Sexti Aurelii Victoris liber de Caesaribus . Praecedunt Origo Gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . Subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Editio stereotypa correctior editionis primae addenda et corrigenda iterum collegit et adiecit R.
Gruendel , Lipsia: Teubner, 1966 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus; praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae; subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa correctior editionis primae addenda et corrigenda / collegit et adiecit R. Gruendel ,
Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1961 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] Origo gentis Romanae. Liber de viris illustribus urbis Romae . Epitome de
Caesaribus. Liber de Caesaribus / [Sextus Aurelius Victor].
Sexti Aurelii Victoris liber de Caesaribus, praecedunt Origo gentis romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae, subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Editio stereotypa correctior editionis primae / addendaet corrigenda iterum collegit et adiecit R.
Gruendel , Leipzig: Teubner, 1970 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
187
Cornelii Nepotis Excellentium Graeciae imperatorum vitae. Accedit similitudinem argumenti Sexti Aurelii
Victoris liber De viris illustribus urbis Romae , Venetiis: apud Franciscum Pitteri, 1740
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] De viris illustribus urbis Romae
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus . Praecedunt: Origo gentis romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . Subsequitur: Epitome de Caesaribus / recensuit Franciscus Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa editionis primae (1911) , Stutgardiae [etc.]: in aedibus B. G. Teubneri, 1993 ,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus . Praecedunt: Origo gentis romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . Subsequitur: Epitome de Caesaribus / recensuit Franciscus Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa editionis primae (1911) , Stutgardiae etc.]: in aedibus B. G. Teubneri, 1983 ,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus . praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae . subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Fr. Pichlmayr
Edizione: Ed. stereotypa correctior ed. 1. addenda et corrigenda iterum / collegit et adiecit R. Gruendel ,
Leipzig: B. G. Teubner, 1970 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Sexti Aurelii Victoris Liber de Caesaribus; praecedunt Origo gentis Romanae et Liber de viris illustribus urbis
Romae; subsequitur Epitome de Caesaribus / recensuit Franciscus Pichlmayr , Lipsiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1911 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Titolo uniforme: Historiae abbreviatae
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] Origo gentis Romanae.
[Pubblicato con] Liber de viris illustribus urbis Romae .Epitome de Caesaribus. Liber de Caesaribus /
[Sextus Aurelius Victor].
Mariotti III, 364
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
188
Giulio Ossequiente
Cenni biografici
Bettini propende per il IV secolo sulla base di un orientamento contenutistico in senso
tradizionalista e anticristiano.
????
Opere
Prodigiorum liber. Non è completa. Eventi prodigiosi che accompagnano la storia romana vanno
dal 190 a.C. all’11 d.C., ma non è da escludere che si risalisse fino al 249.
Composto sulla base di materiale prevalentemente liviano.
Testi e testimonianze
Prodigiorum Liber
IntraText CT - Text
L. Scipione C. Laelio coss. [A.U.C. 564/190 A.CH.]
I.
Iunonis Lucinae templum fulmine ictum ita ut fastigium valvaeque deformarentur. In finitimis pleraque de
caelo icta. Nursiae sereno nimbi orti et homines duo exanimati. Tusculi terra pluit. Mula Reate peperit.
Supplicatio per decem pueros patrimos matrimos totidemque virgines habita.
M. Messala C. Livio coss. [A.U.C. 566/188 A.CH.]
II.
Luce inter horam tertiam et quartam tenebrae ortae. In Aventino lapidum pluviae novendiali expiatae. In
Hispania prospere militatum.
[Sp. Postumio Albino Q. Marcio Philippo coss.] [A.U.C. 568/186 A.CH.]
III.
Sacrum novendiale factum quod in Piceno lapidibus pluit ignesque caelestes multifariam orti levi afflatu
complurium vestimenta adusserunt. Aedes Iovis in Capitolio fulmine icta. In Umbria semimas duodecim
ferme annorum inventus aruspicumque iussu necatus. Galli qui Alpes transierunt in Italiam sine proelio
eiecti.
Bibliografia
Edizioni
Tito Livio, VOLUME XIV: SUMMARIES. FRAGMENTS. JULIUS OBSEQUENS. GENERAL INDEX,
Tr. A. C. Schlesinger, London - Cambridge Mass. 1959/riv. 19673.
O. Rossbach, Periochae liviane, framm. liviani e Prodigiorum liber di G. Ossequiente, Leipzig
1910, Anast. Stuttgard, 1981.
F. Semi, Ab Urbe condita T.L. Periochae ; Fragmenta ; Iulii Obsequentis Liber prodigiorum, 1972
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
189
J. A. Villar Vidal, (Livio) Periocas, Periocas de Oxirrinco; Fragmentos.(G.Ossequiente) Libro de los
prodigios, Madrid, Gredos, 1995, Biblioteca clasica Gredos
Il libro dei prodigi; con i supplementi di Corrado Licostene [i.e. Conrad Wolffhart]; a cura di S.
Boncompagni, Firenze, C. Tedeschi, [1976], I libri dell'ignoto.
Il libro dei prodigi; a cura di S. Boncompagni, Roma, Edizioni mediterranee, 1992, Biblioteca dei
misteri.
Prodigi; introduzione e testo di P. Mastandrea; trad. e note di M. Gusso, Milano, Oscar Mondadori,
2005, Classici greci e latini; 151.Testo orig. a fronte
Strumenti
S. Rocca, Iulii Obsequentis Lexicon, Genova 1978.
Studi
IntraText
Prodigiorum Liber
LAT0238
BTL3= Obsequens (Iulius Obsequens)
s. fere IV Prodigiorum libri quae exstant - s. 4 p.c. - prosa LLA 637 - TLL OBSEQ.
ed. Rossbach 1910 [Liuii Periochae], p. 151-181
ICCU per Autore Obsequens, Iulius
Obsequens, Iulius, Libro de los prodigios: restituido a su integridad, en beneficio de la Historia, por Conrado
Licostenes / Julio Obsecuente ; introduccion, traduccion y notas de Ana Moure Casas, Madrid : Ediciones
Clasicas, 1990
Il libro dei prodigi / Giulio Ossequente; con i supplementi di Corrado Licostene [i.e. Conrad Wolffhart] ; a cura
di Solas Boncompagni, Firenze : C. Tedeschi, [1976], I libri dell'ignoto
Rocca, Silvana, Iulii Obsequentis lexicon / Silvana Rocca, Genova : Istituto di filologia classica e medievale,
1978 , : Pubblicazioni dell'Istituto di filologiaclassica e medievale dell'UniversitW1A0a diGenova ; 55
Titolo: 16: Ab Urbe condita, liber 45 ; Librorum 46-142 Periochae ; Fragmenta ; Iulii Obsequentis Liber
prodigiorum , : 1972
Fa parte di: [ Opera] / curante Francisco Semi
Cornelius Nepos, Quinte-Curce, Justin, Valere Maxime, Julius obsequens: oeuvres completes avec la
traduction en francais / publiees sous la direction de M. Nisard, Paris, Firmin-Didot et C.ie, 1879 , : Collection
des auteurs latins avec latraduction en francais
T. Livi Periochae omnium librorum Fragmenta Oxyrhynchi reperta Iulii Obsequentis Prodigiorum liber / edidit
Otto Rossbach, Lipsiae, in aedibus B.G. Teubneri, 1910, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
Cornelius Nepos Quinte-Curce Justin Valere Maxime, Julius obsequens: oeuvres completes avec la
traduction en francais / publiees sous la direction de M. Nisard, Paris, Firmin Didot freres, fils et Cie, 1871,
Collection des auteurs latins avec la traduction en francais
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
190
Il libro dei prodigi / Giulio Ossequente; a cura di Solas Boncompagni, Roma : Edizioni mediterranee, \1992! ,
Biblioteca dei misteri
Ab urbe condita / Titus Livius; curante Francisco Semi, Venezia, In aedibu s PP. Armenorum
Mechitaristarum, 1971-1972
Descrizione fisica: 16 v. ([CXII], 3090 p.) : Libri I-II. v.II : Libri III-IV. v.III : Libri V-VI. v.IV : Libr i VII-VIII. v.V :
Libri IX-X et Periochae librorum XI-XX. v.VI : Libri XXI-XXII. v.VII : Libri XXIII-XXIV. v.VIII : Libri XXV-XXVI.
v.IX : Libri XXVII-XXVIII. v.X : Libri XXIX-XXX. v.XI : Libri XXXI-XXXII-XXXIII. v.XII : Libri XXXIV-XXXV-X
XXVI. v.XIII : Libri XXXVII-XXXVIII. v.XIV : Libri XX , : Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Prodigi / Giulio Ossequente ; introduzione e testo di Paolo Mastandrea ; traduzione e note di Massimo
Gusso, Milano, Oscar Mondadori, 2005, Classici greci e latini ; 151
Note Generali: Testo orig. a fronte
Titolo: Periocas ; Periocas de Oxirrinco ; Fragmentos / Tito Livio . Libro de los prodigios / Julio Obsecuente ;
[todo] introduccion, traduccion y notas de Jose Antonio Villar Vidal , : Madrid : Editorial Gredos, 1995 , :
Biblioteca clasica Gredos
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] Periocas / Tito Livio
[Pubblicato con] Periocas de Oxirrinco / Tito Livio
[Pubblicato con] Fragmentos / Tito Livio
[Pubblicato con] Libros de los prodigios / Julio Obsecuente
ICCU per Titolo Prodigiorum Liber
Picone, Giusto, Il problema della datazione del Liber prodigiorum di Giulio Ossequente / Giusto Picone,
Palermo: Scuola tip. Boccone del povero, 1974
Note Generali: Estr. da: PAN, studi dell'Istituto di filologia latina, n. 2(1974).
Obsequens, Iulius, Il libro dei prodigi / Giulio Ossequente; con i supplementi di Corrado Licostene [i.e.
Conrad Wolffhart]; a cura di Solas Boncompagni, Firenze: C. Tedeschi, [1976], I libri dell'ignoto
T. Livi Periochae omnium librorum Fragmanta Oxyrhynchi reperta Iulii Obsequentis Prodigiorum liber / edidit
Otto Rossbach, Lipsiae: in aedibus B.G. Teubneri, 1910, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
Obsequens, Iulius, Prodigi / Giulio Ossequente; introduzione e testo di Paolo Mastandrea; traduzione e note
di Massimo Gusso, Milano: Oscar Mondadori, 2005, Classici greci e latini; 151
Note Generali: Testo orig. a fronte
Livius, Titus, 4: Libri 41.-45.; Periochae omnium librorum; Fragmenta Oxyrhynchi reperta . Iulii Obsequentis
Prodigiorum liber / ediderunt W. Weissenborn, M. Mueller [Libri 41.-45.] et Otto Rossbach [Periochae ... et
al.]
Edizione: Ed. stereotypa, Stutgardiae: In aedibus Teubneri, 1981
Fa parte di: T. Livi Ab urbe condita libri / ediderunt W. Weissenborn, M. Mueller
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] Iulii Obsequentis Prodigiorum liber .
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
T. Livi Periochae omnium librorum; Fragmenta Oxyrhynchi reperta; Iulii Obsequentis Prodigiorum liber /
edidit Otto Rossbach, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1910, Bibliotheca scriptorum Graecorum et
RomanorumTeubneriana
T. Livi Ab urbe condita librorum 142. Periochae . Iulii Obsequentis ab anno urbis conditae du Prodigorum
liber / recensuit et emendavit Otto Iahn, Lipsiae: Typis et sumptibus Breitkopfii et Hartelii, 1853
Completato 1850-2005
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
191
Bettini, 3, 776
Giulio Ossequiente - scrittore storico latino del IV secolo.
Nella sua opera, Libro dei Prodigi (De prodigiis) descrive - citando fonti autorevoli come Tito Livio eventi anomali avvenuti a Roma. Dell'opera ci è giunta la parte tra il 249 AC ed il 12 AC. Gli eventi
vengono descritti in regolare odine cronologico, utilizzando la lista dei consoli. L'opera venne
stampata per la prima volta dal umanista veneziano, Aldo Manuzio, nel 1508 da un manoscritto
originale di Frà Giovanni Giocondo di Verona andato perduto.
Rufio Festo
Cenni biografici
Nato a Trento.Vissuto ai tempi di Valente. Governatore della Siria verso il 360-70 (altri propongono
365 o 368), fu segretario particolare (magister memoriae) di Valente nel 369 e proconsole d'Asia
nel 372 ca., carica che ricoprì fino al 378, quando ne fu sollevato alla morte di Valente.
Morì a Efeso, probabilmente nel 380.
Qualcuno propone la sua identificazione con il poeta Rufio Festo Avieno ().
Opere
Il Breviarium rerum gestarum populi Romani è scritto dopo il 371 d.C. (Cambridge 2,763 dice nel
369 e cita Brev. 1,2,10. E’ dedicato a Valente.
Comprende una cronologia dei re di Roma, dei consoli e degli imperatori.
Segue una rassegna delle diverse provincie romane con cenni alla loro conquista e in particolare
ai territori dei Parti e in genere della Persia.
Tra le fonti utilizzate Livio e Floro.
Testi e testimonianze
Amm. Marc., 29, 2, 22. per l'identificazione con un proconsole Festo
[Testo latino INTRATEXT]
22. Festinus quidam Tridentinus ultimi sanguinis et ignoti, in ne xum germanitatis a Maximino dilectus ut
sodalis et contogatus, decernentibus fatis ad orientem transgressus est, ibique administrata Syria
magisterioque memoriae peracto, bona lenitudinis et reverentia reliquit exempla, unde regere Asiam
proconsulari potestate exorsus, velificatione tranquilla, ut aiunt, ferebatur ad gloriam.
23. audiens autem Maximinum optimo cuique exitialem, obtrectabat subinde actibus eius ut perniciosis et
foedis. sed cum impie peremptorum exsequiis suffragantibus ad praefecturam venisse hominem conperisset
inmeritum, exarsit ad agenda sperandaque similia, et histrionis ritu mutata repente persona, studio nocendi
concepto incedebat oculis intentis ac rigidis, praefecturam autumans adfore prope diem, si ipse quoque se
contaminasset insontium poenis.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
192
24. et quamquam sint multa et varia, quae, ut levius interpretemur, egit asperrime: pauca tamen dici sufficiet,
quae sunt nota ac pervulgata, ad aemulationem eorum commissa, quae facta sunt Romae. ratio enim
eadem est ubique recte secusve gestorum, etiam si magnitudo sit dissimilis rerum.
25. philosophum quendam Coeranium, haut exilis meriti virum, ea causa tormentorum inmanitate multa
occidit, quod ad coniugem suam familiariter scribens, id sermone addiderat Graeco sy de noei kai stephe ten
tylen, quod dici proverbialiter solet, ut audiens altius aliquid agendum agnoscat.
26. anum quandam simplicem, intervallatis febribus mederi leni carmine consuetam, occidit ut noxiam,
postquam filiam suam ipso conscio curavit accita.
27. in chartis cuiusdam municipis clari scrutari ex negotio iussis, genitura Valentis cuiusdam inventa est,
repellensque calumnias is, cuius intererat, cum obiectaretur ei, quam ob rem constellationem principis
collegisset, fratrem suum fuisse Valentem, dudumque obisse documentorum plena fide monstrare pollicitus,
inexspectato veritatis indicio laniatis lateribus trucidatus est.
22. Un certo Festo di Trento 28, di nascita bassissima e oscura, amato fraternamente da Massimino 29,
perché era suo compagno e aveva rivestito con lui nel medesimo giorno la toga virile, per decreto dei fati
partì per l'Oriente e qui, nell'amministrazione della Siria e nell'esercizio delle funzioni di magister memoriae,
lasciò buoni esempi di moderazione e di riserbo; in seguito cominciò a governare l'Asia con l'autorità
proconsolare, veleggiando tranquillamente, secondo il nostro modo di dire, verso la gloria 30. 23. Sentendo
che Massimino era divenuto la rovina di tutti i migliori, ne criticava ripetutamente le azioni come turpi e
dannose. Ma essendosi reso conto che quell'uomo immeritevole era giunto alla prefettura 31 attraverso i
funerali di uomini ingiustamente uccisi, arse dal desiderio di compiere azioni simili e concepì uguali
speranze. Mutata improvvisamente maschera come un attore, incedeva volgendo attorno uno sguardo
indagatore e spietato con l'intenzione di nuocere, perché pensava che avrebbe molto presto ricevuto la
prefettura se anch'egli si fosse contaminato con uccisioni di innocenti. 24. Sebbene siano numerose e varie
le iniquità (per esprimerci con moderazione) che egli commise, sarà tuttavia sufficiente riferirne poche,
divulgate e conosciute, compiute per emulare quelle che si facevano a Roma. Il criterio, infatti, per cui si
compiono azioni giuste e ingiuste, è ovunque il medesimo, anche se la gravità delle circostanze è diversa.
25. Egli uccise un certo filosofo Ceranio 32, uomo di non disprezzabili qualità, che fu straziato da terribili
torture per il fatto che scrivendo familiarmente alla moglie aveva aggiunto la frase in lingua greca: « Tu
pensa e incorona la porta », che si usa di solito come un proverbio, perché chi l'ascolta sappia che deve fare
qualcosa di importante 33. 26. Uccise, ritenendola colpevole, un'ingenua vecchia, abituata a curare con una
formula inoffensiva le febbri intermittenti, dopo che, chiamata con la sua approvazione, aveva curato sua
figlia. 27. Tra le carte di un illustre cittadino, sottoposte a indagine per una questione di affari, fu trovato
l'oroscopo di un certo Valente 34 . L'interessato, poiché gli domandavano, addebitandogli il fatto come una
colpa, perché avesse raccolto l'oroscopo dell'imperatore, respingeva le accuse, promettendo di dimostrare
con documenti assolutamente veritieri che Valente era un suo fratello morto da tempo; ma senza che si
attendessero le prove della verità fu sottoposto a tortura e ucciso. 28. Un giovane, che fu visto alle terme
toccare con le dita di entrambe le mani alternativamente il marmo e il petto e ripetere le sette vocali,
pensando che questo fosse un rimedio per il mal di stomaco, fu trascinato in giudizio e dopo la tortura
decapitato 35.
'28 Fu consularis di Siria nel 365 0 368; nel periodo in cui fu magister memoriae (369 ca.) scrisse un
Compendio di storia del popolo romano, che dedicò a Valente. Fu proconsole d'Asia dal 372 al 378; le
vicende del suo proconsolato sono riferite anche da Eunapio (Frammenti n. 39), Libanio (Orazioni I 158-159)
e Zosimo (Storia Nuova IV 15,2-3). Morì probabilmente nel 380.
29 Su Massimino cfr. XXVIII 1,5, nota 9.
'30 Espressione proverbiale già impiegata (cfr. XVIII 5,6, nota 16).
31 E probabile che si riferisca alla prefettura del pretorio in Ga11ia, conseguita da Massimino nel 371 e che
segnò il culmine della sua carriera.
32 Non altrimenti noto.
33 Nel testo il proverbio è in greco.
34 Non altrimenti noto.
35 Le sette vocali dell'alfabeto greco, messe in rapporto in tutti gli ordini pos sibili con i sette pianeti, erano
alla base della magia sia nera che bianca, come attestano i papiri magici.
Trad. e note M. Caltabiano, Milano, Rusconi, 1989
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
193
Bibliografia
Edizioni
W.Foerster, Wien, Hoelder, 1874
C. Wagener, Leipzig 1886.
J. W. Eadie , London, Athlone, 1967.
M.-P. Arnaud-Lindet, Paris ???
Strumenti
M. L. Felé, Lexicon Breviarii Rufi Festi, Hildesheim 1988.
Studi
Fele, M. L.,Le clausole del Breviarium di Festo, Hildesheim, Olms-Weidmann, 1996, Altertumswissenschaftliche Texte und Studien
Riposati 709, Bettini, 3, 775: importante; Conte 544. Niente Encarta
ICCU
Fele, Maria Luisa, Le clausole del Breviarium di Festo / Maria Luisa Fele, Hildesheim [etc.]: OlmsWeidmann, 1996, Altertumswissenschaftliche Texte und Studien
Soggetti: Rufius Festus - Breviarium
Abrege des hauts faits du peuple romain / Festus; texte etabli et traduit par Marie-Pierre Arnaud-Lindet,
Paris: Les belles letters, 1994, Collection des universites de France. Ser.latine
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Fele, Maria Luisa, Lexicon Breviarii Rufi Festi / curavit Maria Luisa Fele, Hildesheim [etc.]: Olms-Weidmann,
1988, Alpha-omega. Reihe A, Lexika, Indizes,Konkordanzen zur klassischen Philologie
Soggetti: Festo, Rufo. Breviarium - Concordanze
The Breviarium of Festus: a critical edition with historical commentary / by J. W. Eadie, London: University of
London, the Athlone press, 1967
Titolo uniforme: Breviarium
Fa parte di: University of London Classical Studies .
Breviarium rerum gestarum populi Romani / edidit Carolus Wagener, Lipsia: Freytag, 1886, Bibliotheca
scriptorum graecorum et romanorum
Rufi Festi Breviarium rerum gestarum p.r. / recensuit Wendelinus Foerster, praemittitur dissertatio De Rufi
Breviario eiusque Codicibus, Vindobonae: Alfred Hoelder, 1874
Foerster, Wendelin <1844-1915>
Sexti Rufi breviarium rerum gestarum populi romani. Lectionum varietate adiecta recognovit Guilielmus
Munnich .., Hannoverae: sumptibus fratrum Hahn, 1815
Fa parte di: Corpus historicorum latinorum. Cura et studio dr. Frider. Ernest. Ruhkopf ... et dr. Ioach. Diteric.
Godofr. Seebode ..
Sexti Rufi de regionibus urbis Romae libellum. Nunc primum separatim edidit et commentario instruxit dr.
Guilielmus Munnich. Annexa est charta Romae topographica, Hanoverae: sumptibus Fratrum Hahn, 1815
Fa parte di: Corpus historicorum latinorum. Cura et studio dr. Frider. Ernest. Ruhkopf ... et dr. Ioach. Diteric.
Godofr. Seebode ..
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
194
Treccani
Festo Rufo. Storico romano vissuto nel IV sec. d.C., autore di uno scadente Breviarium rerum gestarum
populi Romani, commessogli dall'imperatore Valente e ricalcato sugli storici precedenti, specie Livio e Floro.
Niente BTL3
Ditti Cretese
Opere
Ephemeridos belli Troiani libri
La data della redazione latina è fortemente discussa: si esita tra il III e il IV secolo. Potrebbe darsi
che Septimius abbia scritto la sua traduzione nel III secolo, accompagnata dall' 'Epistula'
introduttiva, ma che la traduzione originale del 'Prologus' sia stata poi aggiunta, da qualcun'altro,
nel IV secolo.
v. scheda Treccani sotto
Testi e testimonianze
Bibliografia
Edizioni
F. Meister, Leipzig, Teubner, 1872.
W. Eisenhut, Leipzig, 1958, 19732, Anast. Stuttgard ,1994
Guerra e rovina di Troia. La storia raccontata dai vinti di Ditti Candiotto, Darete Frigio
2000, MIR Edizioni, Collana L'altra biblioteca
Intratext?
Studi?
A.Grillo, Tra filologia e narratologia. Dai poeti omerici ad Apollonio Rodio, Ilias Latina, DittiSettimio, Darete Frigio, Draconzio, Roma 1988.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
195
BTL3= Dictys Cretensis secundum translationem quam fecit Lucius Septimius quidam
S. IV ? Ephemeris belli Troiani ex graeco in latinum sermonem uersa atque retractata - s. 4 p.c.
(dubium) - prosa LLA 484.2 - TLL DICT. Teubner (W. Eisenhut, 1973), p. 1-133
ICCU Per Titolo Ephemeridos belli Troiani libri
Dictys Cretensis Ephemeridos belli Troiani, libri sex / recognovit Ferdinandus Meister, Lipsiae: in aedibus
B.G. Teubneri, 1872, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Dictys Cretensis Ephemeridos belli Troiani libri a Lucio Septimio ex Graeco in latinum sermonem translati:
accedunt papyri Dictys graeci in Aegypto inventae / edidit Werner Eisenhut
Edizione: editio stereotypa ed. secundae (1973), Stutgardiae; Lipsiae, 1994, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Titolo uniforme: De bello Troiano
Ephemeridos Belli Troiani libri / a Lucio Septimio ex Graeco in Latinum Sermonem translati; accedunt papyri
Dictys Graeci in Aegypto inventae; edidit Werner Eisenhut
Edizione: [2. aufl.], Leipzig: Teubner, 1973, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Ephemeridos Belli Troiani libri / a Lucio Septimio ex Graeco in Latinum Sermonem translati; accedunt papyri
Dictys Graeci in Aegypto inventa; edidit Werner Eisenhut, Lipsiae: Teubner, 1958, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Dictyis Cretensis: ephemeridos Belli Troiani libri / a Lucio septimo ex Graeco in Latinum sermonem translati;
accedit papyrus dictyis Graeci ad Tebtunim inventa; edidit Werner Eisenhut, Lipsiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1958, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
ICCU per Soggetto Ditti Cretese
Autore: Beschorner, Andreas
Untersuchungen zu Dares Phrygius / Andreas Beschorner, Tubingen : Narr, c1992, Classica Monacensia
Ditti cretese : papiro Tebtunis 268 / introduzione, testo e note a cura di Antonio Stravino, Napoli : Loffredo,
stampa 1970
Bettini, 3 776
Treccani
Ditti Cretese. fantastico autore letterario del quale non si ha nessuna notizia storica. Sarebbe stato
compagno di Idomeneoe Merione e avrebbe partecipato alla guerra di Troia. Al suo ritorno in patria avrebbe
compilato in lingua fenicia una sorta di diario di guerra, col titolo di Ephemeris belli Troiani. Il manoscritto
dell'opera, sepolto con D. per sua stessa volontà, sarebbe stato ritrovato in epoca neroniana, consegnato al
proprietario del fondo dove era avvenuto il ritrovamento e poi da questi tradotto in greco, come atto di
devozione a Nerone. Di questa versione greca conosciamo un frammento contenente in forma lacunosa i
capitoli dal IX al XV, pervenutoci attraverso un papiro di Tebtunis del 206 d.C. Nel IV sec. Lucio Settimio ne
fece una traduzione latina.
L'opera fu famosa lungo nel Medioevo, più che altro per il suo carattere di frequente apertura verso il
romanzesco e per la prevalenza dell'elemento femminile.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
196
Darete Frigio
Cenni biografici
Opere
Daretis Phrigii de excidio Troiae historia
Risale agli inizi del VI ? secolo.
Darete parla della guerra di Troia, nel corso della quale ha combattutto dalla parte dei Troiani.
Come prefazione una lettera di Cornelio Nepote a Sallustio, ovviamente falsa, racconta come
Nepote abbia tradotto dal greco la storia di Darete.
Non è escluso che l'opera possa effettivamente derivare da un originale greco.
Grande la fortuna del romanzo nel corso di tutto il Medioevo.
- L'originale greco di questa opera non si è conservato.
- L'autore dell'adattamento latino (fine del V secolo o piuttosto inizio del VI ?) non è conosciuto.
Il suo pseudonimo corrisponde ad un personaggio dell'Iliade. L'attribuzione a Cornelius Nepos (cfr
la lettera-prefazione) è fittizia.
Testi e testimonianze
Daretis Phrigii de excidio Troiae historia
IntraText CT - Text
Praefatio
CORNELIUS NEPOS SALLUSTIO CRISPO S.
Praef. Cum multa Athenis studiosissime agerem, inveni historicam Daretis Phrygii, ipsius manu scriptam, ut
titulus indicat, quam de Graecis et Trojanismem oriae mandavit. Quam ego summo amore complexus,
continuo transtuli. Cui nihil adjiciendum vel diminuendum reformandi causa putavi, alioquin mea posset
videri. Optimum ergo duxi, vere et simpliciter perscripta, si eam ad verbum in Latinitatem transverterem, ut
legentes cognoscere possent, quomodo hae res gestae essent: utrum magis vera existiment, quae Dares
Phrygius memoriae commendavit, qui per id tempus vixit et militavit, quo Graeci Trojanos oppugnarent; an
Homero credendum, qui post multos annos natus est, quam bellum hoc gestum fuisset: de qua re Athenis
judicium fuit, cum pro insano Homerus haberetur, quod Deos cum hominibus belligerasse descripsit. Sed
hactenus ista. Nunc ad pollicitum revertamur.
Capp. I-IV
1. PELIAS rex, Aesonem fratrem habuit. Aesonis filius erat Jason, virtute praestans: et qui sub ejus regno
erant, omnes eos hospites habebat, et ab eis validissime amabatur. Pelias rex, ut vidit Jasonem acceptum
esse omnibus, veritus est ne sibi injurias faceret, et se regno ejiceret. Dicit Jasoni Colchis pellem arietis
inauratam esse, dignam ejus virtute, ut eam inde auferret, omnia se ei daturum pollicetur. Jason ubi audivit,
ut erat fortis animi, et qui loca omnia nosse volebat, atque clariorem se futurum existimabat, si pellem
inauratam Colchis abstulisset, dicit Peliae regi se velle eo ire, si vires sociique non deessent. Pelias rex
Argum architectum vocari jussit, et ei imperat ut navem aedificaret quam pulcherrimam, ad voluntatem
Jasonis. Per totam Graeciam rumor cucurrit, navem aedificari, in qua Colchos eat Jason, pellem auream
petiturus. Amici et hospites ad Jasonem venerunt, et pollicentur se una ituros. Jason gratias illis agit: et
rogavit ut parati essent, cum tempus superveniret. Jason cum tempus supervenit, literas ad eos misit qui
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
197
erant polliciti, sese una ituros, et illico convenerunt ad navem, cujus nomen erat Argo. Pelias rex quae opus
erant in navim imponi jussit: et hortatus est Jasonem, et qui cum eo ituri erant, ut animo forti irent ad
perficiendum quae conati essent. Ea res claritatem Graeciae et ipsis factura videbatur. Demonstrare eos qui
cum Jasone profecti sunt, non nostrum est: sed qui vult eos cognoscere, Argonautas legat.
2. Jason, ut ad Phrygiam venit, navem admovit ad portum Simoenta. Deinde omnes exierunt de navi ad
terram. Laomedonti regi Trojanorum nuntiatum est, mirandam navim in portum Simoenta intrasse, et in ea
juvenes de Graecia advectos esse. Ubi audivit Laomedon rex commotus est, et consideravit commune
periculum, si consuescerent Graeci ad sua littora navibus adventare. Mittit itaque ad portum qui dicant ut
Graeci de finibus ejus discedant: et si non dicto obedissent, tum sese armis ejecturum de finibus. Jason et
qui cum eo venerant graviter tulerunt crudelitatem Laomedontis, sic se ab eo tractari, cum nulla ab illis injuria
facta esset: simul et timebant multitudinem barbarorum, si contra imperium conarentur permanere, ne
opprimerentur: cum ipsi non essent parati ad praeliandum, navim conscenderunt, a terra recesserunt,
Colchos profecti sunt, pellem abstulerunt, domum reversi sunt.
3. Hercules graviter tulit a rege Laomedonte contumeliose sese tractatum, et eos qui una profecti erant
Colchos cum Jasone, Spartamque ad Castorem et Pollucem venit. Agit cum his, ut secum suas injurias
defendant, ne Laomedon impune ferat, quod illos a terra et portu prohibuisset. Multos adjutores dicit futuros,
si se accommodassent. Castor et Pollux omnia promiserunt se facturos esse, quae Hercules vellet. Ab his
Salaminam profectus, ad Telamonem venit: rogat eum ut secum ad Trojam eat, et suas injurias secum
defendat. Telamon promisit omnibus se paratum, quae Hercules vellet. Inde apud Phthiam profectus est ad
Peleum, rogatque eum ut secum eat ad Trojam: pollicitusque est ei Peleus se iturum. Inde Pylum ad
Nestorem profectus est; rogat eum Nestor quid venerit. Hercules dicit, quod dolore commotus sit, velle se
exercitum in Phrygiam ducere. Nestor Herculem collaudavit, operamque suam pollicitus est. Hercules ubi
omnium voluntates intellexit, naves XII. parat, milites eligit. Ubi tempus datum est proficiscendi, literas ad eos
quos rogaverat misit, qui cum suis hominibus cum venissent, profecti sunt in Phrygiam: et ad Sigeum noctu
accesserunt. Inde Hercules, Telamon, et Peleus exercitum e navibus eduxerunt: qui vero praesidio essent,
Castorem, Pollucem, et Nestorem reliquerunt. Laomedon cum equestri copia ad mare venit, et coepit
proeliari. Hercules ad Trojam ierat, et imprudentes qui erant in oppido oppugnare coepit. Quod ubi
Laomedonti regi nuntiatum est, oppidum ab hostibus oppugnari, Ilium ilico revertitur: et in itinere obvius
Graecis factus, ab Hercule occiditur. Telamon primus oppidum Ilium intravit: cui Hercules virtutis causa
Hesionam Laomedontis regis filiam dono dedit. Laomedontis filii qui cum eo erant occiduntur. Priamus in
Phrygia erat, ubi eum Laomedon ejus pater exercitui praefecerat. Hercules et qui cum eo venerant praedam
magnam fecerunt, et ad naves deportaverunt. Inde domum proficisci decreverunt.
4. Telamon Hesionam secum convexit. Hoc ubi Priamo nuntiatum est, patrem occisum, cives direptos,
praedam avectam, Hesionam sororem dono datam, graviter tulit tam contumeliose Phrygiam tractatam esse
a Graiis. Ilium petit cum Hecuba uxore et liberis Hectore, Alexandro, Deiphobo, Heleno, Troilo, Andromacha,
Cassandra, Polyxena. Nam erant et alii filii ex concubinis nati; sed nemo ex regio genere dixit esse, nisi eos
qui erant ex legitimis uxoribus. Priamus ut Ilium venit, minime moram fecit, ampliora moenia exstruxit, et
civitatem munitissimam reddidit; et militum multitudinem ibi esse fecit, ne per ignorantiam opprimeretur, ita ut
Laomedon pater ejus oppressus est. Regiam quoque aedificavit, et ibi Jovi Statori aram consecravit.
Hectorem in Paeoniam misit. Ilio portas fecit, quarum nomina haec sunt, Antenoria, Dardania, Ilia, Scaea,
Thymbraea, Trojana. Deinde, postquam Ilium stabilitum vidit, tempus expectavit. Ut visum est ei patris
injurias ulcisci, Antenorem vocari jubet; dicit ei velle se, eum legatum in Graeciam mittere, cum graves sibi
injurias ab his qui cum exercitu venerant factas in Laomedontis patris nece, et in abductione Hesionae
pertulisset, omnia tamen aequo animo passurum, si Hesiona ei redderetur.
Bibliografia
De excidio Troiae historiae, ed. Ferdinand Meister, 1991 (Leipzig 1873).
ed. A.K. Bate, Frankfurt-Bern-New York, Francke, 1986.
IntraText
BTL3=
Dares Phrygius qui dicitur secundum translationem latinam
translatio latina: s. VI in. ?
De excidio Troiae historia e graeco uersa atque retractata - s. 6 p.c. (dubium) - prosa
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
198
LLA 727 - TLL DARES
Teubner (F. Meister, 1873)
Strumenti
Isabelle Johnson-Moser, Index criticus verborum Daretis Phrygii, Hildesheim ??
Studi
A.Grillo, Tra filologia e narratologia. Dai poeti omerici ad Apollonio Rodio, Ilias Latina, DittiSettimio, Darete Frigio, Draconzio, Roma 1988.
ICCU Per Titolo De excidio Troiae
Dares: Phrygius, Carmen mediaevale De excidio Troiae: ex homonyma historia Dareti Phrygio adscripta
depromptum / a Marcello Godi nunc primum ad codicum manuscriptorum fidem editum nec non historicocritica disquisitione notisque exornatum , Romae: A. Signorelli, 1970
Pavano, Annamaria, La De excidio Troiae historia di Darete Frigio: problemi ecdotici ed esegetici /
Annamaria Pavano , Acireale: Sileno, stampa 1996
Myrick, Leslie Diane, From the De excidio Troiae historia to the Togail TroI: literary-cultural synthesis in a
medieval Irish adaptation of Dares Troy tale / Leslie Diane Myrick , Heidelberg: Universitatsverlag C. Winter,
1993 , Anglistische Forschungen
Dares: Phrygius, Una redazione poetica latina medievale della storia De excidio Troiae di Darete Frigio /
introduzione, edizione e note di Marcello Godi , Roma: A. Signorelli, 1967
Dares: Phrygius, Daretis Phrygii de excidio Troiae historia / recensuit Ferdinandus Meister , Lipsiae: B. G.
Teubner, 1873 , Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Daretis Phrygii de excidio Troiae historia / [Di] Darete Frigio; Recensuit Ferdinandus Meister , Lipsiae:
Teubneri, 1873
Note Generali: Il volume contiene anche opere di Dicto Cretense, Iginio Gromatico, Ieronimo, Minucio Felice,
Davide Ruhnkenio
ICCU per Soggetto
Pavano, Annamaria, La De excidio Troiae historia di Darete Frigio : problemi ecdotici ed esegetici /
Annamaria Pavano, Acireale : Sileno, stampa 1996
Niente Encarta, Bettini, 3, 777
Giulio Paride
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
199
Cenni biografici
controllo dati, collocazione ecc.
Mancano completamente dati biografici su Giulio Paride, autore di un’epitome di Valerio Massimo,
trasmessa dal cod. Vaticano 4229 del X secolo.
Opere
L’Epitome di Valerio Massimo, riconducibile al IV secolo, è preceduta da una dedica a un Lycinius
Cyriacus, non altrimenti noto. In essa Paride promette di offrire un manuale di rapida
consultazione, utile a chi, come il destinatario, probabilmente un avvocato, fa uso di exempla.
L’Epitome è molto stringata e rispetto all’originale assolutamente priva di intenzioni moraleggianti,
ma anche di espedienti retorici. La suddivisione in capitoli è mantenuta, assime a quasi tutti i titoli.
Paride parla di dieci libri, rispetto ai nove che per noi rappresentano l’opera di Valerio Massimo.
Nello stesso codice è trasmesso anche un trattatello De praenominibus (inteso in senso
onomastico), non si sa se effettivamente un’epitome dell’opera di un C. Tizio Probo o altro.
Testi e testimonianze
De nominibus Epitome
IntraText CT - Text
Capp. I-VII
1. Varro simplicia in Italia nomina fuisse ait existimationisque suae argumentum refert, quod Romulus et
Remus et Faustulus neque praenomen ullum neque cognomen habuerint. Qui ab eo dissentiunt aiunt
matrem eorum Ream Silviam vocatam, avum Silvium Numitorem, fratrem eius Amulium Silvium, ac
superiores Albanorum reges Capetum Silvium, Agrippam Silvium, posterioresque duces Mettium Fufetium et
Tutorem Cloelium vocatos. Nec contenti his ad Sabinos transgrediuntur; Titum Tatium, Numam Pompilium et
patrem eius Pompium Pompilium, eiusdemque regionis principes enumerant Pustulanum Lauranum,
Volesum valesium, Mettum Curtium, Alium Fumusilleaticum. E Tuscis citant Lartem Porsennam, ab
Aequiculis Septimum Modium, primum regem eorum, et fertorem Resium, qui ius fetiale constituit. In hun
cmodum Varronis sententia subruitur.
2. Romanos autem arbitrandum est maxime ab Albanis et Sabinis multiplicandorum nominum consetudinem
traxisse, quoniam ab illis orti sunt. Omnia autem, quae ad unum quemque nostrum definiendum excogitata
sunt, eandem vim significandi hominis obtinent. Quod proprie ita dicitur, hoc distat, quia eo gens cognoscitur,
ideoque dicitur gentilicium. Cetera ordine variantur: nam quod praeponitur praenomen, quod post fertur
cognomen, quod ad ultimum adicitur agnomen est. Quorum series non ita, ut exposui, semper servata est:
animadverto enim in consulum fastis perplexum usum praenominum et cognominum fuisse. Dictum
Postumum Cominium Aurundum et Postumum Aebutium Helvam et Vopiscum Iulium et Opitrem Verginium
Tricostum et Paulum Fabium Maximum. Quin etiam quaedam cognomina in nomen versa sunt, ut Caepio:
namque hoc in Bruto nominis locum obtinuit.
3. Gentilicia nomina Varro putat fuisse numero ì, praenomina circa XXX. Pueris non prius quam togam
virilem sumerent, puellis non ante quam nuberent praenomina imponi moris fuisse Q. Scaevola auctor est.
Quae olim praenomina fuerunt, nunc cognomina sunt, ut Postumus, Agrippa, Proculus, Caesar.
4. Opiter vocabatur qui patre mortuo, avo vivo gignebatur. Vopiscus qui in utero matris geminus conceptus
altero abortu eiecto incolumis editus erat. Hostus praenomen fuit in eo, qui peregre apud hospitem natus
erat, idque habuit Lucretius Tricipitinus, collega L. Sergii. Volero praenomen abiit, quod volentibus nasci
liberi parentibus videbantur, quo usus est Publilius Philo. Lartis praenomen sumptum est a laribus, Tuscum
autem esse creditum, fuitque consul Lar Herminius cum T. Verginio Tricosto. Statius a stabilitate, Faustus a
favore praenomina ceperunt. Tullus praenominatus est ominis gratia quasi tollendus, o littera in u conversa.
Sertor qui per sationem natus erat adpellatus est. Ancum praenomen Varro e Sabinis translatum putat.
Valerius Antias <ita vocatum regem Ancum> scribit, quod cubitum vitiosum habuerit, qui Graece vocatur
agkon.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
200
5. Lucii coeperunt adpellari qui ipso initio lucis orti erant, aut, ut quidam arbitrantur, a Lucumonibus Etruscis,
Manii qui mane editi erant, vel ominis causa quasi boni: manum enim antiqui bonum dicebant. Cnaeus ab
insigne naevi adpellatus est. Quod unum praenomen varia scriptura notatur: alii enim Naeum, alii Gnaeum,
alii Cnaeum scribunt. Qui G littera in hoc praenomine utuntur, antiquitatem sequi videntur, quae multum ea
usa littera est. Olim enim dicebatur frugmentum, nunc frumentum effertur, et forgtis, non fortis, et gnatura,
non natura. Ergo etiam qui in corporibus gigni solet gnaevus adpellabatur. Qui CN ponunt, asperatione
syllabae delectari videntur, qui Naeus, lenitate. Gai iudicantur dicti a gaudio parentum. Auli, quod iis
aventibus nascuntur. Marci Martio mense geniti, Publi, qui prius pupilli facti erant quam praenomina
haberent, alii ominis causa e pube.
6. Tiberii vocitari coeperunt qui ad Tiberim nascebantur. Titus e Sabino nomine Tito fluxit. Appius ab Atto
eiusdem regionis praenomine. Caesones adpellati sunt qui e mortuis matribus exsecti erant, Servius, quod
mortua matre in utero servatus est, Spurii patre incerto geniti quasi sporaden. Numeriis sola tantum modo
patricia familia usa est Fabia, idcirco quod trecentis sex apud Cremeram flumen caesis, qui unus ex ea stirpe
exstiterat, ducta in matrimonium uxore filia Numerii Otacilii Maleventani sub eo pacto, ut quem primum filium
sustulisset, ei materni avi praenomen inponeret, obtemperavit.
7. Antiquarum mulierum frequenti in usu praenomina fuerunt Rutila, Caesellia, Rodacilla, Murrula, Burra a
colore ducta. Illa praenomina a virilibus tracta sunt, Gaia, Lucia, Publia, Numeria. Ceterum gaia usu super
omnes celebrata est: ferunt enim Gaiam Caeciliam, Tarquini Prisci regis uxorem, optimam lanificam fuisse et
ideo institutum, ut novae nuptae ante ianuam mariti interrogatae quaenam vocarentur Gaias esse se
dicerent.
DEIPRENOMI
[1] Varrone afferma che in Italia i nomi furono semplici e porta come prova del suo punto di vista il fatto che
Romolo e Remo e Faustolo non ebbero alcun prenome e cognome. Coloro che ne dissentono affermano
invece che la loro madre fu chiamata Rea Silvia, l'avo Silvio Numitore, il fratello di costui Amulio Silvio e che i
precedenti re di Alba furono chiamati Capeto Silvio, Agrippa Silvio, come i loro capi che seguirono ebbero
nome Mettio Fufezio e Tutore Clelio. Non contenti di questi esempi, passano ai Sabini: a Tito Tazio, a Numa
Pompilio e a suo padre Pompio Pompilio, e ne enumerano i maggiorenti, quali Pustulano Laurano, Voleso
Valesio, Metto Curzio, Alio Fumusilleatico. Degli Etruschi citano Larte Porsenna, di tra gli Equicoli Settimo
Medio, loro primo re, e Fertore Resio, che dettò le norme del diritto feziale. In questo modo l'opinione di
Varrone si dimostra erronea.
[2] Bisogna poi credere che i Romani, discendendo da Albani e Sabini, abbiano soprattutto da questi presa
l'abitudine di moltiplicare i nomi delle persone. Ma tutti quelli che sono stati escogitati per definire ciascuno di
noi hanno il medesimo potere di indicare una persona. Il cosiddetto nome proprio ha la peculiarità di
significare una gens e per questo è detto gentilizio. Gli altri nomi variano nell'ordine: difatti prenome è
l'appellativo che viene preposto, cognome è quello che viene posposto, mentre quello che viene aggiunto in
fine è detto soprannome. La loro serie non si è sempre conservata così come ho detto sopra: leggo, infatti,
nei fasti consolari che l'uso di prenomi e cognomi si è intrecciato variamente. Si disse Postumo Cominio
Aurunco e Postumo Ebuzio Elva e Vepisco Giulio e Opitre Verginio Tricosto e Paolo Fabio Massimo. Anzi
certi cognomi, come Cepione, furono mutati in nomi: ad esempio, Bruto ebbe per nome Cepione.
[3] Varrone ritiene che i nomi gentilizi furono mille di numero, i prenomi circa trenta. Quinto Scevola afferma
che si usò imporre il prenome ai giovani, solo dopo che avessero assunto la toga virile, alle giovani, solo
dopo che si fossero sposate. Quelli che un tempo furono prenomi, come Postumo, Agrippa, Proculo, Cesare,
ora sono cognomi.
[4] Opiter era chiamato chi nasceva dopo la morte del padre, vivo essendo il nonno, Vopisco chi
sopravviveva da solo a un parto gemellare. Osto era il prenome di chi era nato allestire in casa di un ospite,
e lo fu di Lucrezio Tricipitino, collega di Lucio Sergio. Volerone finì per essere un prenome, come segno di
desiderio di figli da parte dei genitori, e lo fu di Fublilio Filone. Il prenome Larte derivò dai Lari e si crede che
fosse etrusco: così ci fu un console Lar Erminio, collega di Tito Verginio Tricosto. Il prenome Stazio derivò da
"stabilità", Fausto da "favore". Il prenome Tullo è da collegarsi, a titolo di buon augurio, col verbo "tollo", con
la trasformazione di o in u. Sertore significò "nato durante il periodo della seminagione". Quanto al prenome
Anco, Varrone lo ritiene importato dalla Sabina. Valerio Anziate scrive che il re Anco fu cosi chiamato,
perché aveva un braccio difettoso e in lingua greca "braccio difettoso" si dice appunto .
[5] L'origine del prenome Lucio è fatta risalire o all'esser nato all'inizio della luce del giorno o, come alcuni
credono, ai Lucumoni etruschi; Manii furono detti quelli che erano nati di buon mattino o ai quali si augurava,
per così dire, di essere buoni: per dire bonus gli antichi dicevano rnanus. Il prenome Cneo prese spunto dal
segno caratteristico del neo. A tal proposito, la scrittura è varia, scrivendo alcuni Neo, altri Gneo, altri ancora
Cneo. Chi dice o scrive Gneo, par seguire la tradizione dei tempi antichi, in cui la lettera G era molto usata.
Un tempo, infatti, si diceva frugmentum per quello che oggi è il frumentum, e così forgtis e non fortis, gnatura
e non natura. Perciò anche il neo del corpo era detto gnaevus. Coloro che usano CN par che preferiscano
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
201
l'inasprimento della sillaba; quanti scrivono Naevus il suo addolcimento. Gai si giudica sia il nome di quelli
che nacquero con "gaudio" dei genitori, Auli quello dei figli nati a genitori assai desiderosi di averli, Marci
sono coloro che sono stati generati nel mese di Marzo, Publi coloro che erano stati resi pupilli prima di avere
il prenome, † altri a scopo di buon augurio da pubes.
[6] L'origine del prenome Tiberio risale al fatto di essere nati presso il Tevere. Tito ebbe origine dal nome
sabino Tito, Appio da Atto, che è un prenome usato nella stessa Sabina. Cesoni furono chiamati i nati con
parto cesareo da madre morta, Servio chi era sopravvissuto nell'utero della madre morta, Spurii i nati da
padre non identificato, quasi come sporaden, che in Greco vale "alla rinfusa". Del nome Numerio si servì
soltanto la famiglia patrizia dei Fabi, proprio perché, dopo che i trecentosei furono uccisi presso il fiume
Cremera, l'unico superstite della stirpe ottemperò al desiderio di Numerio Otacilio di Benevento, di cui sposò
la figlia a condizione d'imporre al primo figlio il prenome dell'avo materno.
[7] Nei tempi antichi furono spesso usati i prenomi femminili Rutila, Cesellia, Rodacilla, Murrula e Burra, tratti
dai colori. Prenomi tratti da quelli maschili furono Gaia, Lucia, Publia e Numeria. Ma il più usato fu Gaia: si
racconta, infatti, che Caia Cecilia, moglie del re Tarquinio Prisco, fu iin'eccellente lavoratrice della lana e che
perciò si prese l'abitudine che ogni nuova sposa, interrogata davanti alla porta di casa dal marito quale nome
avesse, rispondesse di chiamarsi Gaia.
Traduzione di R. Faranda, Torino, Utet, 1971
Bibliografia
Edizioni
Liber de praenominibus, Iulius Paris Valerii Maximi epitome, Pisa, Giardini, 1986 , Scriptorum
Romanorum quae extant omnia.
Epitome Ualerii Maximi, J. Briscoe, Teubner, 1998.
BTL3=
Paris (Iulius Paris)
s. IV ?
Epitome Ualerii Maximi - s. 4 p.c. (dubium) - prosa
LLA 534.1 - TLL PARIS
Teubner (J. Briscoe, 1998), p. 18; 24 - 36; 638; 641 - 793
- This work by Iulius Paris represents the lengthier of the two extant epitomes drawn from the
"Facta et dicta memorabilia" by Valerius Maximus.
- The date of this work cannot be determined with more precision. The Index of TLL dates it - with
a question-mark - to the fourth century.
- Book X, added later, in fact represents the beginning of a grammatical treatise by C. Titius
Probus. It can be consulted under the entry: "Liber de praenominibus qui dicitur (fragmentum ex C.
Titi Probi opere grammatico seruatum)".
- The list of "capitula" placed between the dedication letter and the text proper - and which gives
the complete table of contents of the treatise by Probus - is an interpolation. It can be consulted
under the entry: "Capitula ad Valerii Maximi Epitomam quam confecit Iulius Paris".
- Together with the work by Nepotianus - the author of the second epitome -, the text by Iulius
Paris allows a reconstruction, at least partially, of the contents of the large gap which is found
within Book I of Valerius Maximus's work. This is why the editor printed the relevant passages
where the lost text of the "Facta et dicta" should occur, but did not include them into his edition of
the epitome.
- These extracts have been restored to the appropriate place in the epitome, in order to help
consultation of Iulius Paris's text. The references always allow the user to find the passage in the
printed text.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
202
ICCU per Titolo De nominibus Epitome
Autore: Puteanus, Erycius <1574-1646>
Titolo: Eryci Puteani De Erycio nomine syntagma. Item Iuli Paridis De nominibus epitome
Pubblicazione: Hanoviae : typis Wechelianis apud Claudium Marnium & heredes Io. Aubrii, 1606
ICCU per Soggetto Iulius Paridis: nulla
Autore: Schullian, Doroty M.
Titolo: Julius Paris / Doroty M. Schullian
Pubblicazione: Washington : The Catholic University of America press, 1984
Note Generali: In testa alla cop. : Union academique internationale.
testi disponibili in www Forum Romanum
Rino Faranda, dall'edizione UTET di V. Massimo
"GIULIO PARIDE E LA SUA EPITOME
Non abbiamo notizia alcuna che aiuti anche minimamente a fissare l'epoca in cui è vissuto Giulio Paride - il
suo nome si legge nel Cod. Vaticanus 4229 del sec. x -, autore di un ampio condensato di quelli che erano
per lui i decem libri di Valerio Massimo. L'opera è preceduta da una dedica assai breve, quasi che lo scrittore
voglia tener fede sin da principio alla concisione elle si è proposta, diretta a un Licinius Cyriacus, non
altrimenti a noi noto, la cui professione pare essere quella di avvocato o disputans: Paride vi promette la sua
riduzione in un solo libro e spera di aver offerto al suo amico un manuale di rapida consultazione o, in ogni
caso, uno strumento utile che gli faccia accompagnare i suoi discorsi con opportuni exempla. Il condensato
non ha introduzione né chiusa e, quel che più conta, è assolutamente privo di riflessioni moraleggianti e di
espedienti retorici: i racconti sono scarni ed essenziali e l'A. sembra aver escluso ogni velleità di competere
con la sua fonte per quel che riguarda il sottofondo educativo, nazionalistico e stilistico: il che va attribuito
senz'altro ad una diversa atmosfera e allo scadimento, nella forma e nella sostanza, degli ideali clì'erano
stati di Valerio Massimo.
Pur mantenendo generalmente la suddivisione del suo modello, Paride se n'è talvolta distaccato, variando
qualche titolo, eliminando un certo numero di exempla o correggendolo o facendo delle aggiunte intelligenti.
Ciò non toglie che egli sia caduto in errori, causatigli da ampliamenti gratuiti rispetto alla fonte sua, come, ad
es., in IV, 6, ext. i, a proposito di Artemisia e di Mausolo, e in IV, 7, 2; VI, 3, 2; V, 7, 2; 11, 8, 10; III, 7, i.
Merito di Paride, d'altro canto, è l'averci trasmesso, anche se in condensato, gli argomenti della grande
lacuna del 1 libro (I, I, ext. 4-I, 5).
Riguardo alla questione dei dieci libri che Paride cita per i nove che conosciamo noi, già si è sopra
accennato. Delle ipotesi che sono state fatte una vorrebbe che, perdutosi un libro (per il Traube sarebbe
l'indice premesso a tutta l'opera), per ovviarvi sia stato aggiunto quello che nel codice Vaticano appare come
decimo, cioè il trattatello de Praenominibus, certamente anch'esso un estratto che reca la subscriptio C. Titi
Probi finit epitome historiarum diversarum exemplorumque Romanorum. Feliciter emendavi descriptum
Rabennae Rusticius Helpidius Doomnulus V. C. Sembrerebbe, pertanto, che Giulio Paride, avrebbe
epitomato C. Tizio Probo e che Domnulus (vissuto circa il 500, in Ravenna) ne avrebbe copiato ed emendato
il testo. Ma tale congettura vale, allo stato delle nostre conoscenze, quanto quella, per cui ci sarebbe stata
confusione tra Paride e C. Tizio Probo, il quale, autore anche lui di un'opera para~digmatica, non avrebbe a
che vedere con lo stesso Paride."
ICCU
Iulius Paris, Titolo: 3: Incerti auctoris: Liber de praenominibus, Iulius Paris Valerii Maximi epitome , Pisa: in
aedibus Giardini editori e stampatori, 1986 , Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Fa parte di: Valerius Maximus, Iulius Paris, Ianuarius Nepotianus
Bettini 3, 774, Riposati 476, niente Encarta, niente Treccani
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
203
Ianuario Nepoziano
Cenni biografici
Ianuario Nepoziano figura essere l’autore di un'epitome da Valerio Massimo e da altre fonti,
composta nel IV o V secolo.
Ennodio (473-521) conosce tale epitome, ricomparsa in epoca moderna ad opera del Cardinale
Mai nel solo cod. Vaticano 3121 del secolo XIV; per Mommsen Nepoziano sarebbe il dedicatario
del carme 16 della Commemoratio professorum Burdigalensium di Ausonio.
Opere
Valerii Maximi epitome.
L’epitome, parziale, corrisponde al testo di Valerio Massimo I-III, 2,7.
Bibliografia
Edizioni
Pubblicata con il testo di V. Massimo e G.Paride: ??, Pisa, Giardini, 1986-87, Scriptorum
Romanorum quae extant omnia.
BTL3=
Paris (Iulius Paris)
s. IV ?
Epitome Ualerii Maximi - s. 4 p.c. (dubium) - prosa
LLA 534.1 - TLL PARIS
Teubner (J. Briscoe, 1998), p. 18; 24 - 36; 638; 641 - 793
- This work by Iulius Paris represents the lengthier of the two extant epitomes drawn from the
"Facta et dicta memorabilia" by Valerius Maximus.
- The date of this work cannot be determined with more precision. The Index of TLL dates it - with
a question-mark - to the fourth century.
- Book X, added later, in fact represents the beginning of a grammatical treatise by C. Titius
Probus. It can be consulted under the entry: "Liber de praenominibus qui dicitur (fragmentum ex C.
Titi Probi opere grammatico seruatum)".
- The list of "capitula" placed between the dedication letter and the text proper - and which gives
the complete table of contents of the treatise by Probus - is an interpolation. It can be consulted
under the entry: "Capitula ad Valerii Maximi Epitomam quam confecit Iulius Paris".
- Together with the work by Nepotianus - the author of the second epitome -, the text by Iulius
Paris allows a reconstruction, at least partially, of the contents of the large gap which is found
within Book I of Valerius Maximus's work. This is why the editor printed the relevant passages
where the lost text of the "Facta et dicta" should occur, but did not include them into his edition of
the epitome.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
204
- These extracts have been restored to the appropriate place in the epitome, in order to help
consultation of Iulius Paris's text. The references always allow the user to find the passage in the
printed text.
Bettini 3, 774.
Rino Faranda, dall'edizione UTET di V. Massimo
"IANUARIO NEPOZIANO E IL FRAMMENTO DELLA SUA EPITOME
Nel solo cod. Vaticanus 1321 del sec. XIV, pervenutoci con una trasmissione assolutamente sconosciuta, è
contenuta la seconda delle epitomi a noi note dei Factorum et Dictorum libri di Valerio Massimo, che
comprende 21 capitoli, corrispondenti a Val. Massimo I-III, 2, 7. Diretta con una epistula al giovane Victor,
essa presenta, rispetto alla sua fonte, la peculiarità di non seguire sempre e a tutti i costi, come aveva fatto
Giulio Paride, il testo Valeriano e reca alcuni exempla omessi dai suoi due predecessori. Inoltre, nella
suddetta lettera di dedica l'A. dichiara di volere molto sfrondare dalla redundantia del suo modello per
un'epitome più facilmente consultabile e quindi assolutamente sommaria. Sull'identità di Nepoziano si è
variamente discusso, fin da quando, per opera di A. Mai, è venuta alla luce la sua opera: ma di sicuro c'è
ch'egli visse prima del 500, perché Ennodio (473-521), vescovo di Pavia, la conosceva. Per il Mommsen egli
sarebbe quel Nepotianus, cui Ausonio dedicò il carme 16 della raccolta che va sotto il nome di
Commemoratio professorum Burdigalensium. Altri ha pensato al Nepotianus, il cui nome appare in
un'iscrizione latina scoperta a Sicca Veneria - in tal caso la data dovrebbe essere spostata ancora più
indietro, cioè al III secolo circa -, tanto più che ivi è stata trovata iin'altra iscrizione col nome di Victor, che
sarebbe appunto il dastinatario. C'è da rilevare, tuttavia, che la lingua e lo stile di Nepaziano consigliano, per
la loro incipiente barbaricità, di spostarne il tempo dalla redazione a una data non lontana o, in ogni modo,
non moIto precedente a quella in cui l'ebbe presente Ennodio.
L'epitome in oggetto ebbe una discreta fortuna nel Medioevo e va rilevata la sua importanza ai fini della
restituzione del Valerio Massimo, avendoci riportato, anch'essa, gli estratti della grande lacuna del I libro e
parti ch'erano state omesse o abbreviate da Giulio Paride."
ICCU per titolo sic Ianuarius Nepotianus
Titolo: 4 : Ianuarius Nepotianus: Valerii Maximi epitome
Pisa : in aedibus Giardini editori e stampatori, 1987, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Fa parte di: Valerius Maximus, Iulius Paris, Ianuarius Nepotianus
Titolo: 1 : Factorum et dictorum memorabilium libri 1.-4
Pisa : in aedibus Giardini editori e stampatori, 1986, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Fa parte di: Valerius Maximus, Iulius Paris, Ianuarius Nepotianus
Titolo: 3 : Incerti auctoris: Liber de praenominibus, Iulius Paris Valerii Maximi epitome
Pisa : in aedibus Giardini editori e stampatori, 1986, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Fa parte di: Valerius Maximus, Iulius Paris, Ianuarius Nepotianus
Titolo: 2 : Factorum et dictorum memorabilium libri 5.-9
Pisa : in aedibus Giardini editori e stampatori, 1986, Scriptorum Romanorum quae extant omnia
Fa parte di: Valerius Maximus, Iulius Paris, Ianuarius Nepotianus
Titolo: Valerius Maximus, Iulius Paris, Ianuarius Nepotianus
Pisa : in aedibus Giardini editori e stampatori, 1986-1987
Comprende: 4 : Ianuarius Nepotianus: Valerii Maximi epitome
1 : Factorum et dictorum memorabilium libri1.-4
3 : Incerti auctoris: Liber de praenominibus, Iulius Paris Valerii Maximi epitome
2 : Factorum et dictorum memorabilium libri5.-9
5 : Indices
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
205
Schedae vaticanae, in quibus retractantur palimpsestus tullianus De re publica, C. Iulius Victor, Iulius Paris,
Ianuarius Nepotianus, alii ab Angelo Maio editi / scripsit G. N. Rieu, Lugduni Batavarum : E. J. Brill, 1860
Titolo: Valerius Maximus, Iulius Paris, Ianuarius Nepotianus
Pisa : in aedibus Giardini editori e stampatori, 1986-1987
Incerti auctoris Liber de praenominibus, Iulius Paris: Valerii Maximi epitome 1986 , Scriptorum Romanorum
quae extant omnia
Fa parte di: Valerius Maximus, Iulius Paris, Ianuarius Nepotianus
Periochae liviane
Composte nel IV secolo. Preziose perché consentono la ricostruzione del complessivo progetto
liviano.
Bibliografia
Edizioni
Periochae liviane, frammenti liviani e Prodigiorum liber di G. Ossequiente ed. O. Rossbach, Leipzig
1910.
BTL3= Liuiani operis periochae - s. 4 p.c. (dubium) - 2
S. III/IV ?
LLA 533.2 - TLL LIV. perioch.
Teubner (O. Rossbach, 1910), p. 1-121
ICCU per Soggetto Periochae
Autore: Bingham, William J.
Titolo: A study of the livian "Periochae" and their relation to Livy's "Ab urbe condita" / William J. Bingham
Pubblicazione: Ann Arbor : University microfilms international, 1979 Descrizione fisica: 6 microfiche ; 10x15
cm.
Bettini 3, 774.
Egesippo
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
206
Cenni biografici
Il nome Egesippo nasce da una deformazione di Iosephus in Ioseppus, quindi Egesippus o
Hegesippus. Il riferimento è a Giuseppe Flavio e in effetti l’opera attribuita a Egesippo è un
rifacimento in latino del De bello Iudaico (originariamente in 7 libri, in aramaico, poi in versione
greca) dello storico ebraico, che è utilizzato anche con brani tratti dall’Archeologia o Antichità
giudaiche.
Opere
L’opera, in 5 libri, è stata per un certo tempo attribuita ad Ambrogio. Va comunque collocata nella
seconda metà del IV secolo (Riposati: verso il 370), in ambiente cristiano, non fosse altro per il suo
spirito antigiudaico.
Bibliografia
Edizioni
V. Ussani, Venezia, Ferrari, 1922-23.
V. Ussani 1932, CSEL Vol. 66/1; Praefationem et indices – comp. C. Mras 1960, Vol. 66/2
Anast. New York- London: Johnson reprint corporation, 1960
Studi
ICCU per Autore Egesippus
Hegesippi qui dicitur historiae libri 5 / edidit Vincentius Ussani , Vindobonae: Hoelder, 1960 , Corpus
scriptorum Ecclesiasticorum Latinorum
Titolo uniforme: Historiae.
Comprende: 2 / praefationem Caroli Mras et indicesVincentii Ussani continens
1: Textum criticum continens / recensuit etpraefatione, commentario critico, indicibusinstruxit Vincentius
Ussani
2: Praefationem Caroli Mras et indicesVincentii Ussani continens
1: Textum criticum continens / Hegesippus]
Hegesippus<storico>, 1: Textum criticum continens
Edizione: Rist. anast , New York; London: Johnson reprint corporation, 1960
Note Generali: Ripr. facs. dell'ed.: Vindobonae: Holder: Pichler: Tempsky; Lipsiae: Akademische
Verlagsgeselschaft, 1932
Fa parte di: Hegesippi qui dicitur historiae libri 5.
Iosippi (Hegesippi qui dicitur) historiae liber 1. / edidit Vincentius Ussani , Venetiis: Typis C. Ferrari, 1922
1: Textum criticum continens / recensuit et praefatione, commentario critico, indicibus instruxit Vincentius
Ussani , Vindobonae: Hoelder-Pichler-Tempsky, 1932
Fa parte di: Hegesippi qui dicitur historiae libri 5 / edidit Vincentius Ussani
Iosippi (Hegesippi qui dicitur) Historia liber 1. (c. 15-30) / edidit Vincentius Ussani , Venetiis: typis C. Ferrari,
1923
Iosippi (Hegesippi qui dicitur) Historia liber 1. (c. 1-14) / edidit Vincentius Ussani , Venetiis: typis C. Ferrari,
1922
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
207
Note Generali: Estr. da: Memorie del R. Istituto veneto
Conte, LettLat 548; niente Bettini; Riposati 708
Virio Nicomaco Flaviano
Cenni biografici
Nacque nel 334 ca. Fu studioso di diritto augurale e scrisse di grammatica e filosofia.
Probabilmente nel 391 pubblicò degli Annales dedicati a Teodosio che giungevano fino al 366.
Nel 394 fu console, a capo delle truppe ribelli nell'insurrezione di Eugenio e Arbogaste e si suicidò
in seguito alla battaglia del Frigido.
La sua memoria fu tuttavia riabilitata, tanto che gli furono dedicate delle statue sotto Valentiniano
III e nel 431.
Opere
Annales. Perduti. Arrivavano al 366.
Bibliografia
Studi
Romano D., L' ultimo pagano. Flaviano nello specchio del Carmen contra paganos, Palermo,
Palumbo,1998.
ICCU Per Soggetto Flaviano
Virius Nicomachus Flavianus / hrsg. von Tony Honore, Konstanz : Universitatsverlag, c1989, Xenia :
Konstanzer Althistorische Vortrage undForschungen
Bettini, 3, 776 e 663.
Historia Apollonii regis Tyri
- La 'redactio A' di quest' opera è stata redatta, secondo gli editori, in Italia nel V o VI secolo.
- La 'redactio B' di quest' opera è stata redatta, secondo gli editori, in Italia nel V o VI secolo, poco
tempo dopo la 'redactio A'.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
208
Testi e testimonianze
Capp. I-III
I. 1. In civitate Antiochia rex fuit quidam nomine Antiochus, a quo ipsa civitas nomen accepit Antiochia. Is
habuit unam filiam, virginem speciosissimam, in qua nihil rerum natura exerraverat, nisi quod mortalem
statuerat.
2. Quae dum ad nubilem pervenisset aetatem et species et formositas cresceret, multi eam in matrimonium
petebant et cum magna dotis pollicitatione currebant. Et cum pater deliberaret, cui potissimum filiam suam in
matrimonium daret, cogente iniqua cupididate flamma concupiscentiae incidit in amorem filiae suae et coepit
eam aliter diligere quam patrem oportebat. Qui cum luctatur cum furore, pugnat cum dolore, vincitur amore;
excidit illi pietas, oblitus est se esse patrem et induit coniugem.
3. Sed cum sui pectoris vulnus ferre non posset, quadam die prima luce vigilans inrumpit cubiculum filiae
suae, famulos longe excedere iussit, quasi cum filia secretum conloquium habiturus, et stimulante furore
libidinis diu repugnanti filiae suae nodum virginitatis eripuit, perfectoque scelere evasit cubiculum. Puella
vero stans dum miratur scelesti patris impietatem, fluentem sanguinem coepit celare: sed guttae sanguinis in
pavimento ceciderunt.
II. 1. Subito nutrix eius introivit cubiculum. Ut vidit puellam flebili vultu, asperso pavimento sanguine, roseo
rubore perfusam, ait: "Quid sibi vult iste turbatus animus?" Puella ait: "Cara nutrix, modo in hoc cubiculo duo
nobilia perierunt nomina." Nutrix ignorans ait: "Domina, quare hoc dicis?" Puella ait: "Ante legitimam mearum
nuptiarum diem saevo scelere violatam vides". Nutrix ut haec audivit atque vidit, exhorruit atque ait: "Quis
tanta fretus audacia virginis reginae maculavit thorum?" Puella ait: "Impietas fecit scelus." Nutrix ait: "Cur
ergo non indicas patri?" Puella ait: "Et ubi est pater?" Et ait: "Cara nutrix, si intellegis quod factum est: periit
in me nomen patris. Itaque ne hoc scelus genitoris mei patefaciam, mortis remedium mihi placet. Horreo, ne
haec macula gentibus innotescat."
2. Nutrix ut vidit puellam mortis remedium quaerere, vix eam blando sermonis conloquio revocat, ut a
propositae mortis immanitate excederet, et invitam patris sui voluntati satisfacere cohortatur.
III. 1. Qui cum simulata mente ostendebat se civibus suis pium genitorem, intra domesticos vero parietes
maritum se filiae gloriabatur. Et ut semper impio toro frueretur, ad expellendos nuptiarum petitores
quaestiones proponebat dicens: "Quicumque vestrum quaestionis meae propositae solutionem invenerit,
accipiet filiam meam in matrimonium, qui autem non invenerit, decollabitur." Et si quis forte prudentia
litterarum quaestionis solutionem invenisset, quasi nihil dixisset, decollabatur et caput eius super portae
fastigium suspendebatur. Atqui plurimi undique reges, undique patriae principes propter incredibilem puellae
speciem contempta morte properabant.
IV. 1. Et cum has crudelitates rex Antiochus exerceret, quidam adulescens locuples valde, genere Tyrius,
nomine Apollonius, navigans attingit Antiochiam, ingressusque ad regem ita eum salutavit: "Ave, domine rex
Antioche!" Et ait: "Quod pater pius es, ad vota tua festinus perveni; regio genere ortus peto filiam tuam in
matrimonium." Rex ut audivit quod audire nolebat, irato vultu respiciens iuvenem sic ait ad eum: "Iuvenis,
nosti nuptiarum condicionem?" At ille ait: "Novi et ad portae fastigium vidi." Rex ait: "Audi ergo quaestionem:
scelere vehor, maternam carnem vescor, quaero fratrem meum, meae matris virum, uxoris meae filium: non
invenio." Iuvenis accepta quaestione paululum discessit a rege; quam cum sapienter scrutaretur, favente
deo invenit quaestionis solutionem; ingressusque ad regem sic ait: "Domine rex, proposuisti mihi
quaestionem; audi ergo solutionem. Quod dixisti 'scelere vehor', non es mentitus: te respice. Et quod dixisti
'maternam carnem vescor', nec et hoc mentitus es: filiam tuam intuere."
V. 1. Rex ut vidit iuvenem quaestionis solutionem invenisse, sic ait ad eum: "Erras, iuvenis, nihil verum dicis.
Decollari quidem mereberis, sed habes triginta dierum spatium: recogita tecum. Et dum reversus fueris et
quaestionis meae propositae solutionem inveneris, accipies filiam meam in matrimonium." Iuvenis
conturbatum habebat animum, paratamque habens navem ascendit, tendit ad patriam suam Tyrum.
VI. 1. Et post discessum adulescentis Antiochus rex vocat ad se dispensatorem suum fidelissimum nomine
Taliarchum et dicit ei: "Taliarche, secretorum meorum fidelissime minister, scias quia Tyrius Apollonius
invenit quaestionis meae solutionem. Ascende ergo navem confestim ad persequendum iuvenem, et dum
veneris Tyrum in patriam eius, inquires inimicum eius, qui eum aut ferro aut veneno interimat. Postquam
reversus fueris, libertatem accipies."
2. Taliarchus vero hoc audito adsumens pecuniam simulque venenum, navem ascendens petiit patriam
Apollonii. Pervenit innocens tamen Apollonius prior ad patriam suam et introivit domum et aperto scrinio
codicum suorum inquisivit quaestiones omnium philosophorum omniumque Chaldaeorum. Et dum aliud non
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
209
invenisset nisi quod cogitaverat, ad semet ipsum locutus est dicens: "Quid agis, Apolloni? Quaestionem
regis solvisti, filiam eius non accepisti, sed ideo dilatus es, ut neceris."
3. Atque ita onerari praecepit naves frumento. Ipse quoque Apollonius cum paucis comitantibus fidelissimis
servis navem occulte ascendit, deferens secum multum pondus auri atque argenti sed et vestem
copiosissimam, et hora noctis silentissima tertia tradidit se alto pelago.
VII. 1. Alia vero die in civitate sua quaeritur a civibus suis ad salutandum et non inventus est. Fit tremor,
sonat planctus ingens per totam civitatem. Tantus namque amor civium suorum erga eum erat, ut per multa
tempora tonsores privarentur a publico, spectacula tollerentur, balnea clauderentur.
2. Et cum haec Tyri aguntur, supervenit ille Taliarchus, qui a rege Antiocho missus fuerat ad necandum
iuvenem. Qui ut vidit omnia clausa, ait cuidam puero: "Indica mihi, si valeas, quae est haec causa, quod
civitas ista in luctu moratur?" Cui puer ait: "O hominem inprobum! Scit et interrogat! Quis est enim, qui
nesciat ideo hanc civitatem in luctu esse, quia princeps huius patriae nomine Apollonius reversus ab
Antiochia subito nusquam conparuit?" Tunc Taliarchus dispensator regis hoc audito gaudio plenus rediit ad
navem et tertia navigationis die attigit Antiochiam. Ingressusque ad regem ait: "Domine rex, laetare et gaude,
quia iuvenis ille Tyrius Apollonius timens regni tui vires subito nusquam conparuit." Rex ait: "Fugere quidem
potest, sed effugere non potest." Continuo huiusmodi edictum proposuit: "Quicumque mihi Tyrium
Apollonium, contemptorem regni mei, vivum exhibuerit, accipiet auri talenta centum, qui vero caput eius
attulerit, accipiet ducenta." Hoc edicto proposito non tantum eius inimici, sed etiam amici eius cupiditate
ducebantur et ad indagandum properabant. Quaeritur Apollonius per terras, per montes, per silvas, per
universas indagines, et non inveniebatur.
VIII. 1. Tunc iussit rex classes navium praeparari ad persequendum iuvenem. Sed moras facientibus his, qui
classes navium praeparabant, devenit Apollonius civitatem Tharsiam.
2. Et deambulans iuxta litus visus est a quodam nomine Hellenico, cive suo, qui supervenerat ipsa hora. Et
accedens ad eum Hellenicus ait: "Ave, rex Apolloni!" At ille salutatus fecit, quod potentes facere
consueverunt: sprevit hominem plebeium. Tunc senex indignatus iterato salutavit eum et ait: "Ave, inquam,
Apolloni, resaluta et noli despicere paupertatem nostram honestis moribus decoratam. Si enim scis,
cavendum tibi est, si autem nescis, admonendus es. Audi, forsitan quod nescis, quia proscriptus es." Cui
Apollonius ait: "Et quis patriae meae principem potuit proscribere?" Hellenicus ait: "Rex Antiochus."
Apollonius ait: "Qua ex causa?" Hellenicus ait: "Quia quod pater est, tu esse voluisti." Apollonius ait: "Et
quanti me proscripsit?" Hellenicus respondit: "Ut quicumque te vivum exhibuerit, centum auri talenta accipiat;
qui vero caput tuum absciderit, accipiet ducenta. Ideoque moneo te: fugae praesidium manda."
3. Haec cum dixisset Hellenicus, discessit. Tunc iussit Apollonius revocari ad se senem et ait ad eum: "Rem
fecisti optimam, ut me instrueres." Et iussit ei proferri centum talenta auri et ait: "Accipe, gratissimi exempli
pauperrime, quia mereris; et puta te mihi caput a cervicibus amputasse et gaudium regi pertulisse. Et ecce
habes pretium centum talenta auri, et puras manus a sanguine innocentis." Cui Hellenicus ait: "Absit,
domine, ut huius rei causa praemium accipiam. Apud bonos enim homines amicitia praemio non
conparatur." Et vale dicens discessit.
IX. 1. Post haec Apollonius dum deambularet in eodem loco supra litore, occurrit ei alius homo nomine
Stranguillio. Cui ait Apollonius: "Ave, mi carissime Stranguillio." Et ille dixit: "Ave, domine Apolloni. Quid
itaque in his locis turbata mente versaris?" Apollonius ait: "Proscriptum vides." Et Stranguillio ait: "Et quis te
proscripsit?" Apollonius ait: "Rex Antiochus." Stranguillio ait: "Qua ex causa?" Apollonius ait: "Quia filiam
eius, sed ut verius dicam, coniugem in matrimonium petivi. Sed, si fieri potest, in civitate vestra volo latere."
2. Stranguillio ait: "Domine Apolloni, civitas nostra pauper est et nobilitatem tuam ferre non potest: praeterea
duram famem saevamque sterilitatem patimur annonae, nec est ulla spes salutis civibus nostris, sed
crudelissima mors potius ante oculos nostros versatur."
3. Apollonius autem ad Stranguillionem ait: "Age ergo deo gratias, quod me profugum finibus vestris
applicuit. Dabo itaque civitati vestrae centum milia frumenti modiorum, si fugam meam celaveritis."
4. Stranguillio ut audivit, prostravit se pedibus Apollonii dicens: "Domine rex Apolloni, si civitati esurienti
subveneris, non solum fugam tuam celabunt, sed etiam, si necesse fuerit, pro salute tua dimicabunt."
X. 1. Cumque haec dixisset, perrexerunt in civitatem, et ascendens Apollonius tribunal in foro cunctis civibus
et maioribus eiusdem civitatis dixit: "Cives Tharsis, quos annonae penuria turbat et opprimit, ego Tyrius
Apollonius relevabo. Credo enim vos huius beneficii memores fugam meam celaturos. Scitote enim me
legibus Antiochi regis esse fugatum; sed vestra felicitate faciente hucusque ad vos sum delatus. Dabo itaque
vobis centum milia modiorum frumenti eo pretio, quo sum in patria mea eos mercatus, id est octo aereis
singulos modios."
2. Cives vero Tharsis, qui singulos modios singulos aureos mercabantur, exhilarati facti adclamationibus
gratias agebant certatim accipientes frumentum. Apollonius autem, ne deposita regia dignitate mercatoris
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
210
videretur adsumere nomen magis quam donatoris, pretium, quod acceperat, utilitati eiusdem civitatis
redonavit.
3. Cives vero his tantis beneficiis cumulati optant ei statuam statuere ex aere et eam conlocaverunt in foro,
in biga stantem, in dextra manu fruges tenentem, sinistro pede modium calcantem et in base haec
scripserunt: TARSIA CIVITAS APOLLONIO TYRIO DONUM DEDIT EO QUOD STERILITATEM SUAM ET
FAMEM SEDAVIT.
XI. 1. Et interpositis mensibus sive diebus paucis hortante Stranguillione et Dionysiade, coniuge eius, et
premente fortuna ad Pentapolitanas Cyrenaeorum terras adfirmabatur navigare, ut ibi latere posset.
Deducitur itaque Apollonius cum ingenti honore ad navem et valedicens hominibus ascendit ratem. Qui dum
navigaret, intra duas horas diei mutata est pelagi fides.
Certa non certis cecidere ...
Concita tempestas rutilans inluminat orbem.
Aeolus imbrifero flatu turbata procellis
Corripit arna. Notus picea caligine tectus
Scinditque omne latus pelagique volumina versat.
Volvitur hinc Boreas, nec iam mare sufficit Euro,
Et freta disturbata sibi involvit harena.
... et cum revocato a cardine ponto
Omnia miscentur. Pulsat mare sidera, caelum.
In sese glomeratur hiems; pariterque morantur
Nubila, grando, nives, zephyri, freta, fulgida, nimbi.
Flamma volat vento, mugit mare conturbatum.
Hinc Notus, hinc Boreas, hinc Africus horridus instat.
Ipse tridente suo Neptunus spargit harenas.
Triton terribili cornu cantabat in undis.
XII. 1. Tunc unusquisque sibi rapuit tabulas, morsque nuntiatur. In illa vero caligine tempestatis omnes
perierunt. Apollonius vero unius tabulae beneficio in Pentapolitarum est litore pulsus. Interim stans
Apollonius in litore nudus intuens tranquillum mare ait: "O Neptune, rector pelagi, hominum deceptor
innocentium, propter hoc me reservasti egenum et pauperem, quo facilius rex crudelissimus Antiochus
persequatur! Quo itaque ibo? Quam partem petam? Vel quis ignoto vitae dabit auxilium?"
2. Et cum sibimet ipsi increparet, subito animadvertens vidit quendam grandaevum sago sordido
circumdatum. Et prosternens se illius ad pedes effusis lacrimis ait: "Miserere mei, quicumque es, succurre
naufrago et egeno non humilibus natalibus genito! Et ut scias, cui miserearis, ego sum Tyrius Apollonius,
patriae meae princeps. Audi nunc tragoediam calamitatis meae, qui modo genibus tuis provolutus vitae
auxilium precor. Praesta mihi ut vivam."
3. Itaque piscator, ut vidit primam speciem iuvenis, misericordia motus erigit eum et tenens manum eius
duxit eum intra tecta parietum domus suae et posuit epulas, quas potuit. Et ut plenius misericordiae suae
satisfaceret, exuens se tribunarium suum scindit eum in duas partes aequaliter et dedit unam iuveni dicens:
"Tolle hoc, quod habeo, et vade in civitatem: forsitan invenies, qui tibi misereatur. Et si non inveneris, huc
revertere et mecum laborabis et piscaberis: paupertas quaecumque est, sufficiet nobis. Illud tamen admoneo
te, ut si quando deo adnuente redditus fueris natalibus tuis, et tu respicias tribulationem paupertatis meae."
Cui Apollonius ait: "Nisi meminero tui, iterum naufragium patiar nec tui similem inveniam!"
XIII. 1. Et haec dicens per demonstratam sibi viam iter carpens ingreditur portam civitatis. Et dum secum
cogitaret, unde auxilium vitae peteret, vidit puerum per plateam currentem oleo unctum, sabano
praecinctum, ferentem iuvenilem lusum ad gymnasium pertinentem, maxima voce clamantem et dicentem:
"Audite cives, peregrini, ingenui et servi: gymnasium patet."
2. Hoc audito Apollonius exuens se tribunarium ingreditur lavacrum, utitur liquore Palladio. Et dum singulos
exercentes videret, quaerit sibi parem nec invenit. Tunc rex Archistrates eiusdem civitatis subito cum magna
turba famulorum ingressus est gymnasium. Qui dum cum suis ad ludum luderet, deo favente approximavit se
Apollonius in regis turba et ludente rege sustulit pilam et subtili velocitate remisit remissamque rursum
velocius repercussit nec cadere passus est.
3. Tunc rex Archistrates, cum sibi notasset iuvenis velocitatem et, quis esset, nesciret et ad pilae lusum
nullum haberet parem, intuens famulos suos ait: "Recedite, famuli; hic enim iuvenis, ut suspicor, mihi
comparandus est." Et cum recessissent famuli, Apollonius subtili velocitate manu docta remisit pilam, ut et
regi et omnibus vel pueris, qui aderant, miraculum magnum videretur.
4. Videns autem Apollonius se a civibus laudari constanter appropinquavit ad regem. Deinde docta manu
ceroma fricavit regem tanta lenitate, ut de sene iuvenem redderet. Iterato in solio gratissime fovit, exeunti
officiose manum dedit. Post haec discessit.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
211
XIV. 1. Rex autem, ut vidit iuvenem discessisse, conversus ad amicos suos ait: "Iuro vobis, amici, per
communem salutem, me melius nunquam lavisse nisi hodie, beneficio unius adolescentis, quem nescio." Et
intuens unum de famulis suis ait: "Iuvenis ille, qui mihi servitium gratissime fecit, vide, quis sit." Famulus vero
secutus est iuvenem, et ut vidit eum sordido tribunario coopertum, reversus ad regem ait: "Bone rex optime,
iuvenis naufragus est." Rex ait: "Et tu unde scis?" Famulus respondit: "Quia illo tacente habitus indicat." Rex
ait: "Vade celerius et dic illi: rogat te rex, ut ad cenam venias."
2. Et cum dixisset ei, acquievit Apollonius et eum ad domum regis secutus est. Famulus prior ingressus dicit
regi: "Adest naufragus, sed abiecto habitu introire confunditur." Statim rex iussit eum dignis vestibus indui et
ad cenam ingredi. Et ingresso Apollonio triclinium ait ad eum rex: "Discumbe, iuvenis, et epulare. Dabit enim
tibi dominus, per quod damna naufragii obliviscaris!"
3. Statimque assignato illi loco Apollonius contra regem discubuit. Adfertur gustatio, deinde cena regalis.
Cunctis epulantibus ipse solus non epulabatur, sed respiciens aurum, argentum, mensam et ministeria, flens
cum dolore omnia intuetur.
4. Sed quidam de senioribus iuxta regem discumbens, ut vidit iuvenem singula quaeque curiose conspicere,
respexit ad regem et ait: "Bone rex, vide, ecce, cui tu benignitatem animi tui ostendis, bonis tuis invidet et
fortunae!" Cui ait rex: "Amice, suspicaris male: nam iuvenis iste non bonis meis aut fortunae meae invidet,
sed, ut arbitror, plura se perdidisse testatur." Et hilari vultu respiciens iuvenem ait: "Iuvenis, epulare
nobiscum; laetare et gaude et meliora de deo spera!"
XV. 1. Et dum hortaretur iuvenem, subito introivit filia regis speciosa atque auro fulgens, iam adulta virgo;
dedit osculum patri, post haec discumbentibus omnibus amicis. Quae dum oscularetur, pervenit ad
naufragum. Retrorsum rediit ad patrem et ait: "Bone rex et pater optime, quis est hic iuvenis, qui contra te in
honorato loco discumbit et nescio quid flebili vultu dolet?" Cui rex ait: "Hic iuvenis naufragus est et in
gymnasio mihi servitium gratissime fecit; propter quod ad cenam illum invitavi. Quis autem sit aut unde,
nescio. Sed si vis, interroga illum; decet enim te, filia sapientissima, omnia nosse. Et forsitan, dum
cognoveris, misereberis illi."
2. Hortante igitur patre verecundissimo sermone interrogatur a puella Apollonius, et accedens ad eum ait:
"Licet taciturnitas tua sit tristior, generositas autem tuam nobilitatem ostendit. Sed si tibi molestum non est,
indica mihi nomen et casus tuos." Apollonius ait: "Si nomen quaeris, Apollonius sum vocatus; si de thesauro
quaeris, in mari perdidi." Puella ait: "Apertius indica mihi, ut intelligam."
Testo IntraText
Bibliografia
Edizioni
A. Riese, Historia Apollonii Regis Tyri, Leipzig 1871, 1883, 1973
Kortekaas, G. A. Antonius, The story of Apollonius, King of Tyre: a study of its Greek origin and an
edition of the two oldest Latin recensions, Leiden, Brill, 2004, Mnemosyne. Supplementum ; 253
Gareth Schmelin, Leipzig, Teubner, 1988.
Strumenti
Studi
I.Lana, Studi su Il romanzo di Apollonio re di Tiro: corso di letteratura latina, Torino, G. Giapicchelli,
1975.
Augello, R., L' Historia Apollonii regis Tyri : problemi, Palermo : Herbita, stampa 1989, Athena ; 2
E. Archibald, Apollonius of Tyre: medieval and Renaissance themes and variations: including the
text of the Historia Apollonii Regis Tyri (con tr.ingl.), Cambridge : Brewer, 1991
Kortekaas, G. A. Antonius, The story of Apollonius, King of Tyre : a study of its Greek origin and an
edition of the two oldest Latin recensions, Leiden, Brill, 2004, Mnemosyne. Supplementum ; 253
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
212
Kortekaas, G. A. Antonius, Prolegomena, text edition of the two principal latin recensions, bibliography,
indices and appendices, Groningen, Bouma's Boekhius, 1984, Mediaevalia Groningana
Garbugino, G., Enigmi della Historia Apollonii regis Tyri, Bologna: Patron, 2004, Testi e manuali per
l'insegnamento universitario del latino; 82
BTL3=
Historia Apollonii regis Tyri (redactio A = RA) - s. 6 p.c. (dubium) - 2
LLA 727 - TLL HIST. Apoll. rec. A
Teubner (G. Schmeling, 1988), p. 1-43
ICCU per Soggetto Historia Apollonii regis Tyri
Archibald, Elizabeth Frances, Apollonius of Tyre : medieval and Renaissance themes and variations :
including the text of the Historia Apollonii Regis Tyri with and English translation, Cambridge : Brewer, 1991
Lana, Italo, Studi su Il romanzo di Apollonio re di Tiro : corso di letteratura latina, Torino : G. Giapicchelli,
1975, Corsi universitari
Augello, Raimondo, L' Historia Apollonii regis Tyri : problemi / Raimondo Augello
Palermo : Herbita, stampa 1989, Athena ; 2
Kortekaas, Georgius Arnoldus Antonius, The story of Apollonius, King of Tyre : a study of its Greek origin
and an edition of the two oldest Latin recensions, Leiden, Brill, 2004, Mnemosyne. Supplementum ; 253
ICCU per Titolo: Historia Apollonii Regis Tyri
Historia Apollonii regis Tyri: prolegomena, text edition of the two principal latin recensions, bibliography,
indices and appendices / G. A. A. Kortekaas, Groningen: Bouma's Boekhius, 1984, Mediaevalia Groningana
Augello, Raimondo, L' historia Apollonii regis Tyri: problemi / Raimondo Augello, Palermo: Herbita, stampa
1989, Athena
Historia Apollonii regis Tyri / edidit Gareth Schmeling, Leipzig: B. G. Teubner, 1988, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Archibald, Elizabeth Frances, Apollonius of Tyre: medieval and Renaissance themes and variations:
including the text of the Historia Apollonii Regis Tyri with and English translation / Elizabeth Archibald,
Cambridge: Brewer, 1991
Titolo uniforme: Apollonii Tyrii Historia
Historia Apollonii regis Tyri / rec. Alexander Riese, Lipsiae: Teubner, 1883
Augello, Raimondo, L' Historia Apollonii regis Tyri: problemi / Raimondo Augello, Palermo: Herbita, stampa
1989, Athena; 2
Historia Apollonii Regis Tyri / David Konstan and Michael Roberts, Bryn Mawr, PA, Bryn Mawr Latin
commentaries
Historia Apollonii regis Tyri: Text der englischen Handschriftengruppe / herausg. von Joseph Raith,
Munchen: Huber Verlag, 1956
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
213
Historia Apollonii regis Tyri / iterum recensuit Alexander Riese, Stutgardiae: In aedibus B. G. Teubneri, 1973,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Historia Apollonii Regis Tyri / herausgegeben von Dimitra Tsitsikli, Konigstein: Hain, 1981, Beitrage zur
klassischen Philologie
Garbugino, Giovanni, Enigmi della Historia Apollonii regis Tyri / Giovanni Garbugino, Bologna: Patron, 2004,
Testi e manuali per l'insegnamentouniversitario del latino; 82
Historia Apollonii regis Tyri / iterum recensuit Alexander Riese, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1893,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Historia Apollonii regis Tyri / recensuit et praefatus est Alexander Riese, Lipsiae: Teubneri, 1871, Bibliotheca
scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Historia Apollonii regis Tyri .
Titolo: He historia tou Apolloniou Basilia tes Tyrou / metaphrase, eisagoge Stelios Panagiotakes, , Athena,
Nautilos. Anagnosmata
Kortekaas, Georgius Arnoldus Antonius, The story of Apollonius, King of Tyre: a study of its Greek origin and
an edition of the two oldest Latin recensions / by G. A. A. Kortekaas, Leiden etc.!: Brill, 2004, Mnemosyne.
Supplementum; 253
Bettini, 3, 777
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
214
La poesia
D. Magno Ausonio
Cenni biografici
Nacque nel 310 d.C. a Bordeaux, da una famiglia pagana. A Bordeaux e a Tolosa condusse i suoi
studi. A Bordeaux insegnò grammatica e retorica ed ebbe come alunno Paolino, futuro vescovo di
Nola.
Fu chiamato a Treviri da Valentiniano come precettore del figlio Graziano.
Al seguito di Valentiniano, che lo nominò comes e questore del Sacro palazzo, partecipò alle
campagne in Germania del 368-69.
Fu prefetto per la Gallia, la Libia, il Lazio e l’Illirico nel 378 e console nel 379.
Dopo il 383, quando Graziano morì violentemente, si ritirò a Bordeaux dove morì nel 393/94, per
alcuni più tardi.
Piuttosto tarda ed esteriore la sua conversione al cristianesimo.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
215
[La Gallia nel IV secolo: fonte Opere di Ausonio, Torino, Utet, 1978]
Opere
Pastorino propone una divisione cronologica in tre periodi per la produzione letteraria: periodo
dell’insegnamento a Bordeaux (334-64), periodo della permanenza a corte fino al consolato (365379), periodo dal consolato fino alla morte (380-94).
Al primo periodo, il meno ricco, apparterrebbero con sicurezza l’Epistula ad patrem de suscepto
filio (335) e alcuni epigrammi (sulla moglie, su Laide, forse anche quelli su retori e grammatici).
Epigrammi
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
216
Epistulae
Lettera 4 a Teone, databile 367; lettere 8,10 e 11 ad Assio Paolo, dopo il 370; lettera a Probo
databile al 374; lettera ad Ursulo 375-78; lettera 6 a Teone 379; lettera a Tetradio 379; lettere ad
Assio Paolo 9, 12, 13 e 14 dopo il 379; le lettere 23,24 e 25 a Paolino sono databili al 391-94.
Epitaphia heroum qui bello Troico interfuerunt
Databili 389-90.
Sono ventisei epitafi in esametro o dtici elegiaci sugli eroi che presero parte alla guerra di Troia.
Ephemeris
Databile 379-383 (?)
E’ una serie di sette poemetti in metri diversi; vi si descrivono le varie attività della giornata di
Ausonio. L’opera è mutila delle parti che verosimilmente trattavano del pomeriggio e della sera.
Interessante il contrasto tra il poemetto in esametri dedicato alla preghiera mattutina, con completa
professione di fede e l’ultima poesia della raccolta, pure in esametri, di toni e ispirazione classici,
quasi oraziani.
Ludus septem sapientium
Databile 390.
Dedica in distici elegiaci.
Il resto dell’opera è in trimetri giambici.
I sette saggi spiegano i loro proverbi espressi prima in greco e poi in latino.
Ordo urbium nobilium
Databile 379-88.
Raccolta di poesie che rievocano in esametri le venti città più famose dell’impero.
Parentalia
Databili tra il 379 e 389.
Raccolta di trenta carmi in onore dei parenti defunti di A. con una prefazione in prosa e una in
versi.
Componimenti in distici elegiaci, anche se alcuni componimenti sono in metri diversi.
Interessante per la testimonianza sulla vita romana di provincia.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Commemoratio professorum Burdigalensium
Databile 380-389?
Raccolta di 26 carmi con una prefazione.
Metri vari con prevalenza del distico elegiaco.
Sono poesie in onore dei colleghi di insegnamento di Bordeaux defunti.
Cento nuptialis
Databile 368.
Bissula
Databile 369.
Mosella
Databile al 370-71
Oratio consulis Ausonii versibus rhopalicis
Databile al 379.
Versus paschales
Databili al 367-71.
Griphus
Databile 368.
Cupido cruciatus
Datazione incerta 368.
F. D’Alessi © 2002
217
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
218
Praecationes
Due componimenti, la prima in settenari trocaici, la seconda in esametri. Indirizzate a Giano e di
intonazione pagane sono databili allla fine 378-inizi del 379, in occasione della nomina a console.
Praefatiunculae
Tre prefazioni in distici elegiaci, una al lettore, una a Teodosio imperatore, una a Siagrio.
Composte, per Pastorino, dopo il 383, non si sa bene a quali opere appartenessero
originariamente. Interessante la prefatio al lettore, che raccoglie notizie autobiografiche fino al 379,
anno del consolato.
Eclogae.
Di datazione incerta, precedute da una dedica in endecasillabi a Latinio Pacato Drepanio.
Le prime sei sono in esametri, le altre in esametri o distici elegiaci.
Di valore piuttosto modesto e con scopi didattici memotecnici.
Liber protrepticus ad nepotem
Genethliacon ad Ausonium nepotem
Osservazioni
Testi e testimonianze
Auson., praefat., 2, 1-40
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
219
Ausonio è mio padre, io porto il suo stesso nome. Chi io sia, qual sia la mia regola di vita, la mia famiglia, la
mia casa, il mio suolo natale, l'ho scritto qui perché tu possa conoscermi, o buon lettore, chiunque tu sia e
perché, una volta conosciutomi, rimanga un piccolo spazio nella tua memoria per onorarmi. Bazas è la patria
di mio padre, mia madre è di razza edua per parte di padre, ma sua madre era di Dax. Io son nato a
Bordeaux: quattro antiche città contribuiscono all'origine della mia famiglia. Ne deriva un esteso parentado;
molti, se alor fa piacere, possono adottare nomi derivati dalla nostra casata, ma, se ad altri piaccioni nomi di
provenienza esterna, io amo quelli che derivano dalla prima matrice, che non sono quelli di una parentela,
ma quelli propri della famiglia. Ma torno al mio tema. Mio padre praticò la medicina, la sola scienza che ha
prodotto un dio; io mi volsi agli studi di grammatica e poi di retorica, dove raggiunsi un sufficiente grado di
sapere. Ho conosciuto i tribunali, ma ho coltivato maggiormente il mio gusto per l'insegnamento ed ho
raggiunto il titolo di grammatico, non certo così brillante da eguagliare la gloria di un Emilio, di uno Scauro, di
un Probo di Berito, ma tale da permettermi di paragonarmi a molti insegnanti del mio tempo, uomini famosi in
Aquitania, e di sentirmi eguale a loro. Poi, dopo trent'anni, lasciai il mio incarico di professore provinciale;
poiché avevo ricevuto l'ordine di entrare nel dorato palazzo di Augusto, insegnai al figlio di Augusto
grammatica e, più tardi, retorica. Non è senza fondamento la mia fierezza e posso gloriarmi di un giudizio
sicuro. Posso ammettere che si sarebbero potuti trovare maestri superiori per reputazione, ma nessuno
avrebbe potuto trovare miglior discepolo. Ercole, l'allievo di Atlante, Achille, di Chirone, questi quasi figlio di
Giove, l'altro figlio di Giove, ebbero solo la Tessaglia e Tebe come loro territorio: il mio alunno regna sul
mondo intero, che gli appartiene. Egli mi nominò conte, questore e, come massimo onore, prefetto delle
Gallie, d'Africa, d'Italia e poi, ricevendo come primo i fasci e la sella curule di Roma, fui console con
precedenza sul mio collega. Ecco dunque Ausonio, ma non disprezzarmi, se spontaneamente cerco di
ottenere la tua protezione per i miei versi.
Traduzione di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971 (al Canova: disponibili note).
Symm., epist. 1,13-43; 1,20; 22; 23.
da Bissula
IntraText CT
DE BISSULA
1 - Ausonius Paulo suo salutem dicit
Pervincis tamen et operta musarum mearum, quae initiorum velabat obscuritas, quamquam non profanus,
irrumpis, Paule carissime. quamvis enim te non eius vulgi existimem, quod Horatius arcet ingressu, tamen
sua cuique sacra, neque idem Cereri, quod Libero, etiam sub isdem cultoribus. poematia, quae in alumnam
meam luseram rudia et incohata ad domesticae solacium cantilenae, cum [sine metu et] arcana securitate
fruerentur, proferre ad lucem caligantia coegisti. verecundiae meae scilicet spolium concupisti, aut, quantum
tibi in me iuris esset, ab invito indicari. ne tu Alexandri Macedonis pervicaciam supergressus, qui, fatalis iugi
lora cum solvere non posset, abscidit et Pythiae specum, quo die fas non erat patere, penetravit. utere igitur
ut tuis, pari iure, sed fiducia dispari: quippe tua possunt populum non timere; meis etiam intra me erubesco.
Vale.
2 - Praefatio
Ut voluisti, Paule, cunctos Bisullae versus habes,
lusimus quos in Suebae gratiam virgunculae,
otium magis foventes quam studentes gloriae.
tu molestus flagitator lege molesta carmina.
tibi, quod intristi, exedendum est; sic vetus
verbum iubet,
compedes, quae ipse fecit, ipsus ut gestet faber.
3 - Ad lectorem huius libelli
F. D’Alessi © 2002
Carminis incompti tenuem lectura libellum,
pone supercilium.
seria contractis expende poemata rugis:
nos Thymelen sequimur.
Bissula in hoc scedio cantabitur, utque Cratinus,
admoneo, ante bibas.
ieiunis nil scribo; meum post pocula si quis
legerit, hic sapiet.
sed magis hic sapiet, si dormiet et putet ista
somnia missa sibi.
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
4 - Ubi nata sit Bissula et quomodo in manus
domini venerit
Bissula, trans gelidum stirpe et lare prosata
Rhenum,
conscia nascentis Bissula Danuvii,
capta manu, sed missa manu dominatur in eius
deliciis, cuius bellica praeda fuit.
matre carens, nutricis egens nescit <tamen> erae
imperium...
fortunae ac patriae quae nulla obprobria sensit,
illico inexperto libera servitio,
sic Latiis mutata bonis, Germana maneret
ut facies, oculos caerula, flava comas.
ambiguam modo lingua facit, modo forma
puellam:
haec Rheno genitam praedicat, haec Latio.
5 - De eadem Bissula
220
Delicium, blanditiae, ludus, amor, voluptas,
barbara, sed quae Latias vincis alumna pupas,
Bissula, nomen tenerae rusticulum puellae,
horridulum non solitis, sed domino venustum.
6 - Ad pictorem de Bissulae imagine
Bissula nec ceris nec fuco imitabilis ullo
naturale decus fictae. non commodat arti.
sandyx et cerusa, alias simulate puellas:
temperiem hanc vultus nescit manua. ergo age,
pictor,
Puniceas confunde rosas et lilia misce,
quique erit ex illis color aeris, ipse sit oris.
7 - Ad pictorem de Bissula pingenda
Pingere si nostram, pictor, meditaris alumnam,
aemula Cecropias ars imitetur apes.
1. AUSONIO SALUTA IL SUO PAOLO
L'hai spuntata, nonostante tutto, e sei riuscito a forzare, anche se non sei un profano, il mistero dei miei
versi, velati, fino a questo moniento, da una religiosa oscurità, o mio carissimo Paolo. Poiché se io non ti
considero tra quel volgo al quale Orazio vieta l'ingresso, tuttavia ciascuno ha un culto tutto per sé, e Cerere
si onora con culto diverso da quello di Libero, anche se i devoti sono gli stessi. Tu m'hai sforzato a trarre da
quell'oscurità misteriosa dove stavano sicure, per farle uscire abbacinate dalla luce, queste poesiole,
dedicate per gioco alla mia pupilla, versi non limati, destinati ad essere canterellati in casa, per divertimento.
Così hai voluto trionfare sul mio pudore oppure hai voluto costringermi a confessare quanto grande fosse la
tua autorità su di me. Sei proprio riuscito a superare in ostinazione Alessandro di Macedonia, che, non
riuscendo a sciogliere i lacci del giogo fatale, li tagliò ed entrò di forza nell'antro della Pizia in un giorno nel
quale ne era proibito l'accesso. Considera dunque questi miei versi come cosa tua, con gli stessi diritti, ma
non con la stessa fiducia: i tuoi possono affrontare senza paura il pubblico, dei miei arrossisco anche davanti
a me stesso. Sta bene.
2. PREFAZIONE
Come hai voluto, Paolo, eccoti tutti i miei versi per Bissula. Mi son divertito a comporli in elogio della
fariciullina sveva, più per occupare il mio tempo libero che per amore di gloria. Tu che sei stato noioso con la
tua insistenza, leggiti ora queste poesie noiose. Mangiati adesso la minestra che ti sei preparato con le tue
stesse mani; così prescrive un antico proverbio: "porti il fabbro le catene che egli stesso ha fatto".
3. AL LETTORE DI QUESTA OPERETTA
Tu che ti accingi a leggere quest'operetta, una raccolta di poesie non limate, non increspare il sopracciglio.
Riserva ai poemi seri la fronte corrugata: io son discepolo di Timele. In questi versi improvvisati canterò
Bissula e non il fiume Erasino; prima che tu legga, ti consiglio di bere. Non scrivo per gente digiuna: sarà
saggio chi mi leggerà dopo essersi alzato da tavola. Ma ancor più saggio chi se ne andrà a dormire e potrà
credere che sian sogni queste mie cose.
4. DOVE SIA NATA BISSULA, COME SIA DIVENTATA PROPRIETA' DEL SUO PADRONE
Bissula, nata e cresciuta al di là del gelido Reno, Bissula, che conosce le sorgenti del Danubio, fatta schiava
ma affrancata, regna sulla felicità di colui al quale fu offerta come preda di guerra. Privata della madre,
senza nutrice, non ha conosciuto gli ordini di una padrona. Non ha avvertito l'avvilimento suo e della sua
patria? poiché fu subito libera, prima ancora di aver provato la schiavitù. I benefici dell'educazione latina
l'hanno trasformata, pur lasciandole l'aspetto di una Germana: occhi azzurri, capelli biondi. Ora si è sviati dal
linguaggio della fanciulla, ora dall'aspetto: a guardarla, sembra figlia del Reno; a sentirla, figlia del Lazio.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
221
5. SULLA MEDESIMA BISSULA
Gioia, carezza, gioco, amore, piacere, barbara, ma che vinci, mia pupilla, tutte le fanciulle del Lazio, Bissula,
nome un po' rustico per una fanciulla così tenera, un po' rozzo per chi non v'è abituato, ma pieno di grazia
per il suo signore.
6. A UN PITTORE, SUL RITRATTO DI BISSULA
Né cera né, colore possono riprodurre Bissula, la sua nativa bellezza non si presta agli artifici della pittura.
Vermiglio e bianco, dipingete altre fanciulle. Per riprodurre l'incarnato di questo volto, è inpotente, la mano di
un pittore. E allora, pittore, su, rimescola alla porpora delle rose una vena di giglio, estraine un riflesso d'aria:
quello sarà il colore delle sue gote.
7. A UN PITTORE, SUL MODO DI DIPINGERSI BISSULA
Se hai in mente, pittore, un ritratto della mia pupilla,
la tua arte deve emulare, imitandole, le api cecropie.
Traduzione di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971 (al Canova: disponibili note).
da Comm.prof. Burdig., 8. A Leonzio
IntraText CT - Text
8 - Leontius grammaticus cognomento lascivus
Qui colis laetos hilarosque mores,
qui dies festos ioca vota ludum,
annuum functi memora Leonti
nomine threnum.
Iste Lascivus patiens vocari
nomen indignum probitate vitae
abnuit numquam, quia gratum ad aures
esset amicas.
Litteris tantum titulum adsecutus,
quantus exili satis est cathedrae,
posset insertus numero ut videri
grammaticorum.
Tu meae semper socius iuventae,
pluribus quamvis cumulatus annis,
nunc quoque in nostris recales medullis,
blande Leonti!
Et iuvat tristi celebrare cura
flebilem cantum memoris querellae,
munus ingratum tibi debitumque
carmine nostro.
Tu che ami la gioia e i lieti costumi, i giorni di festa, gli scherzi, i voti, i giochi, ricorda con funebre canto il
nome di Leonzio. Si lasciava chiamare "il lascivo" e questo soprannome, non certo degno della sua vita
onesta, non rifiutò mai perché sapeva che per i suoi amici era un divertimento. Come letterato riuscì soltanto
ad ottenere un titolo sufficiente per una cattedra mediocre e per poter farsi iscrivere nel novero dei
grammatici. O inseparabile compagno della mia gioventù, anche se di me più anziano, mio buon Leonzio, tu
ancor oggi hai il calore del mio affetto. E mi consola l'onorare tristemente la tua memoria col pianto di
dolorosa nenia, ingrato dovere, ma che devo compiere per te col mio verso.
Traduzione di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971 (al Canova: disponibili note).
Epigramm.18 , Alla moglie
IntraText CT - Text
18 - Ad uxorem
Uxor vivamus ut viximus et teneamus
nomina, quae primo sumpsimus in thalamo;
nec ferat ulla dies, ut commutemur in aevo,
quin tibi sim iuvenis tuque puella mihi.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
222
Nestore sim quamvis provectior aemulaque annis
vincas Cumanam tu quoque Deiphoben,
nos ignoremus quid sit matura senectus.
Scire aevi meritum, non numerare decet.
Torniamo a vivere, o moglie mia, i giorni vissuti e chiamiamoci ancora coi nomi che ci siam dati la prima
notte; il tempo, coi suoi giorni che passano, non cambi nulla per noi; che io sia sempre per te il tuo ragazzo e
tu per me la mia fanciulla. Anche s'io fossi il più vecchio di Nestore e tu fossi vittoriosa rivale della cumana
Deifobe, ignoriamo che cosa sia la maturità della vecchiaia. Convien conoscere il valore dell'età, non
contarne gli anni.
Traduzione di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971
Dalle Epistulae
1. AVSONIVS AD PATREM DE SVSCEPTO
FILIO
Credideram nil posse meis affectibus addi,
quo, venerande pater, diligerere magis.
Accessit (grates superis medioque nepoti,
bina dedit nostris qui iuga nominibus.
Ipse nepos te fecit avum, mihi filius idem
et tibi ego: hoc nato nos sumus ambo patres.
Nec iam sola mihi pietas mea suadet amorem:
nomine te gemini iam genitoris amo),
accessit titulus, tua quo reverentia crescat,
quo doceam natum, quid sit amare patrem.
Quippe tibi aequatus videor, quia parvulus isto
nomine honoratum me quoque nobilitat,
paene aetas quia nostra eadem. Nam subparis
aevi
sum tibi ego et possum fratris habere vicem.
Nec tantum nostris spatium interponitur annis,
quanta solent alios tempora dividere.
Vidi ego natales fratrum distare tot annis,
quot nostros: aevum nomina non onerant.
Pulchra iuventa tibi senium sic iungit, ut aevum
quod prius est maneat, quod modo ut incipiat.
Et placuisse reor geminis aetatibus, ut se
non festinato tempore utraque daret,
leniter haec flueret, haec non properata veniret,
maturam frugem flore manente ferens.
Annos me nescire tuos, pater optime, testor
totque putare tuos, quot reor esse meos.
Nesciat hos natus: numeret properantior heres,
testamenta magis quam pia vota fovens
exemploque docens pravo iuvenescere natos,
ut nolint patres se quoque habere senes.
Verum ego primaevo genitus genitore fatebor
subparis haec aevi tempora grata mihi.
Debeo quod natus, suadet pia cura nepotis
addendum patri, quo veneremur avum.
Tu quoque, mi genitor, geminata vocabula gaude,
nati primaevi nomine factus avus.
Exiguum quod avus: faveant pia numina divum
deque nepote suo fiat avus proavus.
Largius et poterunt producere fata senectam:
set rata vota reor, quae moderata, magis.
AUSONIO AL PADRE
SULLA NASCITA DEL FIGLIO
Avevo creduto un giorno che nessuna cosa avrebbe potuto aggiungersi al mio affetto, tale da aumentare
ancora il mio amore per te, padre venerando. S'è aggiunto invece (grazie agli dèi del cielo e a questo
nipotino centro del nostro affetto, che ha imposto un doppio giogo ai nostri nomi. Questo piccolo ti ha reso
nonno: io ho un figlio, uno l'hai tu; in seguito a questa nascita eccoci tutti e due padri. Non è più la mia sola
pietà filiale che mi spinge ad amarti: adesso ti amo per il fatto che porti due volte il nome di padre), s'è
aggiunto questo nuovo titolo, che aumenta la venerazione che tu m'ispiri e per mezzo suo posso insegnare a
mio figlio che cosa significhi amare il proprio padre. Ali par quasi, direi, di essere diventato tuo eguale,
poiché questo piccolo, onorandomi con codesto nome, nobilita anche me. Del resto, abbiamo quasi la stessa
età: effettivamente ti sono alquanto vicino negli anni e potrei passare per tuo fratello, poiché l'intervallo di
tempo che separa i nostri anni non è poi tanto quanto quello che è solito dividere gli altri 3. Ho conosciuto
fratelli il cui giorno di nascita era separato da tanti anni quanti sono i nostri; i nomi non aggravano il peso del
tempo. La tua bella giovinezza si fonde così bene con la vecchiaia, che il tempo della vita che precede
rimane, che il tempo presente incomincia. Le due età lian deciso, io penso, di presentarsi eiìtraml)e senza
affrettare la loro marcia, l'una scorrendo con lentezza, l'altra giungendo senza precipitazione, recando messe
matura mentre ancora durano i fiori. Ignoro la tua età, te l'assicuro, mio ottimo padre, e penso che i tuoi anni
sian tanti quanti sono i miei. Un figlio deve ignorare l'età di suo padre: ne conti invece gli anni un erede che
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
223
ha troppa fretta 4, che si occupa in cuior suo più di testameliti che di pie speranze e che insegna ai suoi figli
a crescere col cattivo esempio, in modo che anch'essi non abbiano desiderio che il padre giunga alla
vecchiaia. Io invece, figlio di un padre ancor giovane, devo confessare che mi è gradito che la nostra età sia
pressoché uguale. Quello che ti devo come figlio, il tenero amore per tuo nipote spinge me, tuo figlio, ad
aiimentarlo, per venerare ancor più te, che sei nonno. Anche tu SII lieto dei due vocaboli, padre mio,
diventato nonno ad opera di un figlio ancor giovane. lkfa piccola cosa è l'esser nonno; sian favorevoli i pii
numi degli dèi e il nonno diventi bisnonno per merito di suo nipote. E ancor piìi generosaniente il destino
potrebbe prolungare la tua vecchiaia: ma io seri del parere che i voti, se seri moderati, possono meglio
essere esauditi.
Traduzione di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971
Epicedion in patrem
1. PRAEFATIO
Post deum semper patrem colui secundamque reverentiam genitori meo debui. Sequitur ergo hanc summi
dei venerationem epicedion patris mei. Titulus a Graecis auctoribus, defunctorum honori dicatus, non
ambitiosus, sed religiosus. Quem commendo lectori meo, sive is filius est seu pater sive utrumque. Neque ut
laudet exigo, set ut amet postulo: neque vero nunc patrem meum laudo, quod ille non eget et ego functum
oblectatione viventium onerare non debeo. Neque dico nisi quod agnoscunt, qui parti aetatis eius
interfuerunt. Falsum me autem morte [eius] obita dicere et verum tacere eiusdem piaculi existimo. Imagini
ipsius hi versus subscripti sunt neque minus in opusculorum meorum seriem relati. Alia omnia mea displicent
mihi, hoc relegisse amo.
2.
Nomen ego Ausonius, non ultimus arte medendi
et, mea si nosses tempora, primus eram.
Vicinas urbes colui patriaque domoque,
Vasates patria, sed lare Burdigalam.
Curia me duplex et uterque senatus habebat
muneris exsortem, nomine participem.
Non opulens nec egens, parcus sine sordibus egi:
victum, habitum, mores semper eadem habui.
Sermone inpromptus Latio, verum Attica lingua
suffecit culti vocibus eloquii.
Optuli opem cunctis poscentibus artis inemptae
officiumque meum cum pietate fuit.
Iudicium de me studui praestare bonorum:
ipse mihi numquam, iudice me, placui.
Officia in multos diverso debita cultu
personis, meritis, tempore distribui.
Litibus abstinui: non auxi, non minui rem;
indice me nullus, set neque teste perit.
Invidi numquam: cupere atque ambire refugi;
iurare aut falsum dicere par habui.
Factio me sibi non, non coniuratio iunxit:
sincero colui foedere amicitias.
Felicem scivi, non qui quod vellet haberet,
set qui per fatum non data non cuperet.
Non occursator, non garrulus, obvia cernens,
valvis et velo condita non adii.
Famam, quae posset vitam lacerare bonorum,
non finxi et, veram si scierim, tacui.
Ira procul, spes vana procul, procul anxia cura
inque bonis hominum gaudia falsa procul.
Vitati coetus eiuratique tumultus
et semper fictae principum amicitiae.
F. D’Alessi © 2002
Deliquisse nihil numquam laudem esse putavi
atque bonos mores legibus antetuli.
[Irasci promptus properavi condere motum
atque mihi poenas pro levitate dedi].
Coniugium per lustra novem sine crimine concors
unum habui: gnatos quattuor edidimus.
Prima obiit lactans at qui fuit ultimus aevi,
pubertate rudi non rudis interiit,
Maximus ad summum columen pervenit honorum,
praefectus Gallis et Libyae et Latio,
tranquillus, clemens, oculis, voce, ore serenus,
in genitore suo mente animoque pater.
Huius ego et natum et generum pro consule vidi.
Consul ut ipse foret, spes mihi certa fuit.
Matronale decus possedit filia, cuius
egregia et nuptae laus erat et viduae.
Quae nati generique et progeneri simul omnium
multiplici inlustres vidit honore domos.
Ipse nec affectans nec detrectator honorum
praefectus magni nuncupor Illyrici.
Haec me fortunae larga indulgentia suasit
numine adorato vitae obitum petere,
ne fortunatae spatium inviolabile vitae
fatali morsu stringeret ulla dies.
Optinui auditaeque preces: spem, vota, timorem
sopitus placido fine relinquo aliis.
Inter maerentes, sed non ego maestus, amicos
dispositis iacui funeris arbitriis.
Nonaginta annos baculo sine, corpore toto
exegi, cunctis integer officiis.
Haec quicumque leges, non aspernabere fari:
"talis vita tibi, qualia vota mihi".
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
224
EPICEDIO SUL PADRE
PREFAZIONE
Dopo Dio, ho sempre onorato mio padre e il mio secondo culto l'ho reso a colui che mi ha generato. Dunque
dopo questo omaggio al supremo Iddio segue l'epicedio di mio padre. un 'iscrizione consacrata dagli autori
greci al culto dei morti, e non denota orgoglio, ma devozione. La raccomando a chi mi legge, sia esso figlio,
o padre, o l'uno e l'altro. Non pretendo lode, ma domando affetto. Del resto non faccio un encomio a mio
padre che non ne ha bisogno, né io debbo gravare un estinto di quello di cui si dilettano i vivi. Non faccio che
dire quello che è noto a coloro che son stati testimoni di una parte della sua esistenza. E allora dir
menzogne su di lui dopo la sua dipartita o tacere la verità mi parrebbe cosa egualnìente empia. Questi versi
sono stati incisi sotto la sua effigie e tuttavia li ho inclusi nella raccolta delle mie opere. Tutti gli altri miei
scritti mi dispiacciono; questo, amo rileggerlo.
2.
Mi chiamo Ausonio, non ultimo nell'arte medica e, rispetto al tempo in cui vissi, il primo l. Ho avuto per patria
e per residenza due città vicine, Bazas dove nacqui, Bordeaux dove ebbi il mio focolare. Fui senatore nella
curia delle due città, libero, come membro onorario, da ogni funzione.
Né ricco né povero, vissi una vita economa, ma non sordida. La mia tavola, il mio tenore di vita, i miei
costumi furon sempre gli stessi. Non riuscii mai a parlare con facilità il latino, ma la lingua dell'Attica mi
aveva fornito un vocabolario sufficiente ad esprimermi con eleganza 3. A chi lo chiedeva ho offerto
gratuitamente il soccorso della mia arte e non ho mai disgiunto la mia professione dalla carità. Ho cercato di
meritare di esser ben giudicato dagli onesti, ma mai, nel giudicarmi, sono stato soddisfatto di me. Gli atti di
cortesia che dovevo a diversi titoli, li ho ripartiti fra i più, a seconda delle persone, dei meriti, dell'occasione.
Alli son tenuto lontano dai processi, non ho aumentato né diminuito il mio patrimonio, nessuno è mai stato
rovinato per una mia accusa o per una mia testimonianza. Non son mai stato invidioso, ho fuggito cupidigia
e ambizione, giurare o mentire si equivalevano ai miei occhi. Non mi hanno sedotto né fazioni né complotti,
ho coltivato le mie amicizie con fede sincera. Ho imparato che la felicità non consisteva nel possedere quello
che si vuole, ma nel non desiderare quello che il destino ha rifiutato. Non inopportuno, non ciarlone, gli occhi
fissi davanti a me, non ho cercato di penetrare le cose dissimulate da una tenda o da un velo. Non ho
inventato calunnie suscettibili di rovinare la vita delle persone oneste e, se son venuto a conoscenza di fatti
veri li ho taciuti. Ho tenuto lontano da me l'ira, lontano da me le speranze vane, lontano da me gli affanni
angosciosi, lontano da me le false gioie dei beni materiali. Mi son tenuto lontano dalle folle, ho evitato i
tumulti e l'eterna menzogna delle amicizie dei prìncipi 5. Il non far male non mi è mai sembrato un merito, e
ho posto i buoni costumi al di sopra delle leggi. [Pronto alla collera, mi sono affrettato a reprimerne gli
eccessi e mi son punito per questa mia leggerezza. Mi son sposato una volta sola e son vissuto con mia
moglie per nove lustri, senza lagnanze e senza discordie:abbiamo avuto quattro figli 6. La prima morì
lattante mio ultimo l'ho perduto all'inizio della pubertà 8, quando non era più un novellino della vita; il più
grande giunse alle più alte vette degli onori, fu prefetto delle Gallie, della Libia e del Lazio 9. 1,a sua calma,
la sua indulgenza, la sua serenità si rivelavano nel suo sguardo, nella sua voce, nella sua figura; nei riguardi
del suo genitore dimostrava un cuore e un affetto paterno 10. Ho potuto vedere il proconsolato di suo figlio e
di suo genero 11, e, il suo consolato era per iiie uiia speranza sicura I. Mia liglia ebbe l'onore di essere
madre e fu assai rispettabile, come sposa e come vedova 13. Ha visto le case di suo figlio, di suo genero e
del suo progenero brillare di molteplici dignità 14 . Anch'io, pur senza cercarle, queste dignità, ma nemmeno
nutrendo (disprezzo per esse, sono stato nominato prefetto della grande Illiria 15. Questa indulgente
generosità della fortuna mi ha persuaso a domandare, dopo aver ringraziato Iddio, la fine della mia vita, nel
timore che il perdurare di un'esistenza felice non fosse interrotto dallo strazio di qualche giornata fatale. Ci
son riuscito e la mia preghiera è stata esaudita: speranze, voti, timori, nella pace finale in cui dormo, li dono
agli altri. Tra le lacrime dei miei amici, senza essere afflitto io stesso, ho regolato i miei funerali e son morto.
Son vissuto novant'anni, senza bastone, il corpo integro, senza menomazione di alcuna facoltà. Tu che
leggerai queste cose, chiunque tu sia, non esimerti dal dire: "La tua vita, io me l'auguro".
Traduzione di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971
Dalle Epistulae
17. AVSONIVS SYMMACHO
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
225
Modo intellego, quam mellea res sit oratio, quam delenifica et quam suada facundia. Persuasisti mihi, quod
epistulae meae aput Capuam tibi redditae concinnatio inhumana non esset, set hoc non diutius, quam dum
epistulam tuam legi, quae me blanditiis inhiantem tuis velut suco nectaris delibuta perducit. Ubi vero
chartulam pono et me ipsum interrogo, tum absinthium meum resipit et circumlita melle tuo pocula
deprehendo. Si vero, id quod saepe facio, ad epistulam tuam redii, rursus inlicior: et rursum ille suavissimus,
ille floridus tui sermonis adflatus deposita lectione vanescit et testimonii pondus prohibet inesse dulcedini.
Hoc me velut aerius bratteae fucus aut picta nebula non longius quam dum videtur oblectat, chamaeleontis
bestiolae vice, quae de subiectis sumit colorem. Aliud sentio ex epistula tua, aliud ex conscientia mea. Et tu
me audes facundissimorum hominum laude dignari? Tu, inquam, mihi ista, qui te ultra emendationem
omnium protulisti? Aut quisquam ita nitet, ut conparatus tibi non sordeat? Quis ita Aesopi venustatem, quis
sophisticas Isocratis conclusiones? Quis ita ad enthymemata Demosthenis aut opulentiam Tullianam aut
proprietatem nostri Maronis accedat? Quis ita affectet singula, ut tu imples omnia? Quid enim aliud es quam
ex omni bonarum artium ingenio collecta perfectio? Haec, domine mi fil Symmache, non vereor, ne in te
blandius dicta videantur esse quam verius. Et expertus es fidem meam mentis atque dictorum, dum in
comitatu degimus ambo aevo dispari, ubi tu veteris militiae praemia tiro meruisti, ego tirocinium iam
veteranus exercui. In comitatu tibi verus fui, nedum me peregre existimes conposita fabulari: in comitatu,
inquam, qui frontes hominum aperit, mentes tegit, tibi me et parentem et amicum et, si quid utroque carius
est, cariorem fuisse sensisti. Set abeamus ab his, ne ista haec conmemoratio ad illam Sosiae formidinem
videatur accedere. Illud, quod paene praeterii, qua adfectatione addidisti, ut ad te didascalicum aliquod
opusculum aut sermonem protrepticum mitterem? Ego te docebo docendus adhuc, si essem id aetatis, ut
discerem? Aut ego te vegetum atque alacrem conmonebo? Eadem opera et Musas hortabor, ut canant, et
maria, ut effluant, et auras, ut vigeant, et ignes, ut caleant, admonebo et, si quid invitis quoque nobis natura
fit, superfluus instigator agitabo. Sat est unius erroris, quod aliquid meorum me paenitente vulgatum est,
quod bona fortuna in manus amicorum incidit. Nam si contra [id] evenisset, nec tu mihi persuaderes placere
me posse. Haec ad litteras tuas responsa sint: cetera, quae noscere aves, conpendi faciam; sic quoque iam
longa est epistula. Iulianum tamen familiarem domus vestrae, si quid de nobis percontandum arbitraris,
allego; simul admoneo, ut, cum causam adventus eius agnoveris, iuves studium, quod ex parte fovisti. Vale.
E' cosa dolce come il miele, lo capisco ora, il potere della parola e ricca di seduzione, e suadente,
l'eloquenza. Ti è riuscito di persuadermi che la mia lettera, che ti è stata recapitata a Capua, non fosse del
tutto priva di garbo; ma la tua, che mi trascina, ammaliato dalle tue lusinghe, come se fosse spalmata di
succo di nettare. ma non appena depongo il tuo foglio e interrogo me stesso, allora torna il sapore del mio
assenzio e mi rendo conto che la coppa aveva l'orlo spalmato del tuo nettare. Se poi, e lo faccio spesso,
ritorno alla tua lettera, ne son di nuovo sedotto; ma poi svanisce di nuovo quel soavissimo, quel fragrante
profumo delle tue parole allorchè finisco di leggere e svanisce ogni dolcezza sotto il peso dell'evidenza. E'
come il vano splendore dell'orpello o come nuvola colorata che, finchè li guardi, ti dilettano ed io, a guisa di
quell'animaluccio che è il camaleonte, che assume il colore degli oggetti che son sotto di lui, provo, alla
lettura della tua lettera, sentimenti diversi da quelli che mi detta la coscienza. E tu osi ritenermi degno della
gloria dei più grandi oratori? Proprio tu stai a dir questo di me, proprio tu, dico, che sei il più perfetto degli
scrittori? Quale autore è così brillante, che non sembri rozzo a paragone tuo? Che, come te, potrebbe
essere avvicinato alla venustà di un Esopo, alle logiche deduzioni di un Isocrate, alle argomentazioni di un
Demostene, alla facondia opulenta di un Tullio o alla proprietà del nostro Marone? Chi mai potrebbe aspiare
al successo in ciascuna di queste cose, singolarmente considerate, allo stesso modo col quale tu le possiedi
completamente tutte? Che cos'altro infatti tu sei, se non l'essenza concentrata di ogni ingegno nel regno
delle arti liberali? E queste parole io non tempo, o Simmaco, signore e figlio mio, che tu le creda dette più
per lusinga che per verità. Infatti hai avuto modo di fare esperienza della sincerità dell'animo mio e delle mie
parole in quel tempo in cui tutti e due abbiamo vissuto insieme a corte, ancorchè ci fosse fra noi divario di
età, tu, benchè recluta, meritandoti la ricompensa del veterano, io, già veterano, esercitando il tirocinio. A
corte, ripeto, quella corte che apre le fonti degli uomini, ma ne nasconde i cuori, hai scoperto in me un padre
e un amico o qualcosa di ancora più caro, se mai è possibile che vi sia alcunchè di più caro dell'uno e
dell'altro. Ma lasciamo perdere queste cose, perché il ricordartele non abbia l'aria di risvegliare in te il timore
di Sosia.
Quale pretesa è stata la tua di chiedermi - ed io l'ho quasi dimenticato - d'inviarti qualche opuscolo
didascalico o qualche discorso esortatorio? Ma che, proprio io dovrei insegnarti, io che avrei tutto da
imparare, se avessi ancora l'età in cui si apprende? O che dovrei dare consigli proprio a te, che sei così
vigoroso e gagliardo? Di questo passo potrei incitare le Muse a cantare, potrei dire ai mari che scorrano, alle
aure che spirino, ai fuochi che scaldino e stimolare con vano zelo che avvenga qualunque cosa succede - lo
vogliamo o no - naturalmente. Mi basta di aver errato ina sola volta, lasciando pubblicare qualcosa di mio;
me ne son pentito. Per fortuna è capitato in mano d'amici, perché in caso contrario, nemmeno tu potresti
persuadermi che io possa aver successo.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
226
Ecco dunque la risposta alla tua lettera; per quello che ancora tu desideri sapere sarò breve: anche così
questa lettera è già troppo lunga. Ma se vuoi sapere qualcosa dei fatti miei, chiedine a Giuliano, familiare di
casa tua; al tempo stesso ti raccomando che, non appena avrai saputo il motivo del suo arrivo, lo aiuti in
quel proposito che in parte gli hai rinfocolato tu stesso. Stammi bene.
"Questa epistola è diretta al celebre senatore romano Quinto Aurelio Simmaco, fra le cui lettere se ne
conservano trenta scritte ad Ausonio; tra esse quella alla quale qui si accenna e che comincia. Merum
gaudium eruditionis tuae scripta tribuerunt, quae Capuae locatus accepi (Symm., Epist., I,31, Seeck); la
lettera di Simmaco si trova riportata anche nei codici di Ausonio Vossianus, III e Parisinus 8500."
"suada facundia. Cfr. Symm., Epist., III,6,1: "ne tua quidem delenifica et suada facundia."
"mentes tegit. Cfr Cic., Pro Planc., VI,16: tabella quae frontes aperit hominum, mentes tegit.
Sosia formidinem. Cfr. Ter., Andr., 43 segg.: nam istaec commemoratio quasi exprobatio est immemori
benefici, riferendosi a Sosia, che si duole che Simone gli ricordi il bene che gli fece."
"docendus adhuc. Cfr. Horat., Ep., I, 17,3: disce, docendus adhuc."
Traduzione e note di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971
Cento nuptialias
IntraText CT - Text
CENTO NUPTIALIS
1 - Ausonius Paulo sal.
Perlege hoc etiam, si operae est, frivolum et nullius pretii opusculum, quod nec labor excudit nec cura
limavit, sine ingenii acumine et morae maturitate. Centonem vocant, qui primi hac concinnatione luserunt.
Solae memoriae negotium sparsa colligere et integrare lacerata, quod ridere magis quam laudare possis.
Pro quo, si per Sigillaria in auctione veniret, neque Afranius naucum daret neque ciccum suum Plautus
offeret. Piget equidem Vergiliani carminis dignitatem tam ioculari dehonestasse materia. Sed quid facerem?
Iussum erat, quodque est potentissimum imperandi genus, rogabat qui iubere poterat. Sanctus imperator
Valentinianus, vir meo iudicio eruditus, nuptias quondam eiusmodi ludo descripserat, aptis equidem versibus
et compositione festiva. Experiri deinde volens, quantum nostra contentione praecelleret, similc nos de
eodem concinnare praecepit. Quam scrupulosum hoc mihi fuerit, intellege. Neque anteferri volebam neque
posthaberi, cum aliorum quoque iudicio detegenda esset adulatio inepta, si cederem, insolentia, si ut
aemulus eminerem. Suscepi igitur similis recusanti feliciterque et obnoxius gratiam tenui nec victor offendi.
Hoc tum die uno et addita lucubratione properatum modo inter liturarios meos cum repperissem, tanta mihi
candoris tui et amoris fiducia est, ut severitati tuae nec ridenda subtraherem. Accipe igitur opusculum de
inconexis continuum, de diversis unum, de seriis ludicrum, de alieno nostrum, ne in sacris et fabulis aut
Thyonianum mireris aut Virbium, illum de Dionyso, hunc de Hippolyto reformatum. Et si pateris, ut doceam
docendus ipse, cento quid sit absolvam. Variis de locis sensibusque quaedam carminis structura solidatur, in
unum versum ut coeant aut caesi duo aut unus et sequens cum medio, nam duos iunctim locare ineptum est
et tres una serie merae nugae. Diffinduntur autem per caesuras omnes, quas recipit versus heroicus,
convenire ut possit aut penthemimeris cum reliquo anapaestico aut trochaice cum posteriore segmento aut
septem semipedes cum anapaestico chorico aut <PONATUR>post dactylum atque semipedem quidquid
restat hexametro, simile ut dicas ludicro, quod Graeci ostomachion vocavere. Ossicula ea sunt: ad summam
quattuordecim figuras geometricas habent. Sunt enim aequaliter triquetra vel extentis lineis vel
<EIUSDEM>frontis, <VEL rectis>angulis vel obliquis: isoskele ipsi vel isopleura vocant, orthogonia quoque
et skalena. Harum verticularum variis coagmentis simulantur species mille formarum: helephantus belua aut
aper bestia, anser volans et mirmillo in armis, subsidens venator et latrans canis, quin et turris et cantharus
et alia huiusmodi innumerabilium figurarum, quae alius alio scientius variegant. Sed peritorum concinnatio
miraculum est, imperitorum iunctura ridiculum. Quo praedicto scies, quod ego posteriores imitatus sum. Hoc
ergo centonis opusculum ut ille ludus tractatur, pari modo sensus diversi ut congruant, adoptiva quae sunt ut
cognata videantur, aliena ne interluceant, arcessita ne vim redarguant, densa ne supra modum protuberent,
hiulca ne pateant. Quae si omnia ita tibi videbuntur, ut praeceptum est, dices me composuisse centonem et,
quia sub imperatore meo tum merui, procedere mihi inter frequentes stipendium iubebis: sin aliter, aere
dirutum facies, ut cumulo carminis in fiscum suum redacto redeant versus, unde venerunt. Vale.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
227
2 - Praefatio
Accipite haec animis laetasque advertite mentes,
ambo animis, ambo insignes praestantibus armis,
ambo florentes, genus insuperabile bello;
tuque prior (nam te maioribus ire per altum
auspiciis manifesta fides), quo iustior alter
nec pietate fuit nec bello maior et armis,
tuque puerque tuus, magnae spes altera Romae,
flos veterum virtusque virum, mea maxima cura,
nomine avum referens, animo manibusque
parentem.
Non iniussa cano. Sua cuique exorsa laborem
fortunamque ferent: mihi iussa capessere fas est.
3 - Cena nuptialis
Exspectata dies aderat dignisque hymenaeis
matres atque viri, iuvenes ante ora parentum
conveniunt stratoque super discumbitur ostro.
Dant famuli manibus lymphas onerantque
canistris
dona laboratae Cereris pinguisque ferinae
viscera tosta ferunt. Series longissima rerum:
alituum
pecudumque
genus
capreaeque
sequaces
non absunt illic neque oves haedique petulci
et genus aequoreum, dammae cervique fugaces.
Ante oculos interque manus sunt mitia poma.
Postquam exempta fames et amor compressus
edendi,
crateras magnos statuunt Bacchumque ministrant.
Sacra canunt, plaudunt choreas et carmina dicunt.
Nec non Thraeicius longa cum veste sacerdos
obloquitur numeris septem discrimina vocum.
At parte ex alia biforem dat tibia cantum.
Omnibus una quies operum cunctique relictis
consurgunt mensis, per limina laeta frequentes
discurrunt
variantque
vices,
populusque
patresque,
matronae, pueri, vocemque per ampla volutant
atria: dependent lychni laquearibus aureis.
4 - Descriptio egredientis sponsae
Tandem progreditur Veneris iustissima cura,
iam matura viro, iam plenis nubilis annis,
virginis os habitumque gerens, cui plurimus ignem
subiecit rubor et calefacta per ora cucurrit,
intentos volvens oculos, uritque videndo.
Illam omnis tectis agrisque effusa iuventus
turbaque miratur matrum. Vestigia primi
alba pedis, dederatque comam diffundere ventis.
Fert picturatas auri subtemine vestes,
ornatus Argivae Helenae: qualisque videri
caelicolis et quanta solet Venus aurea contra,
talis erat species, talem se laeta ferebat
ad soceros solioque alte subnixa resedit.
5 - Descriptio egredientis sponsi
At parte ex alia foribus sese intulit altis
ora puer prima signans intonsa iuventa,
pictus acu chlamydem auratam, quam plurima
circum
purpura maeandro duplici Meliboea cucurrit,
et tunicam, molli mater quam neverat auro:
os umerosque deo similis lumenque iuventae.
Qualis, ubi oceani perfusus Lucifer unda,
extulit os sacrum caelo: sic ora ferebat,
sic oculos, cursuque amens ad limina tendit.
Illum turbat amor figitque in virgine vultus:
oscula libavit dextramque amplexus inhaesit.
6 - Oblatio munerum
Incedunt pueri pariterque ante ora parentum
dona ferunt, pallam signis auroque rigentem,
munera portantes, aurique eborisque talenta
et sellam et pictum croceo velamen acantho,
ingens argentum mensis colloque monile
bacatum et duplicem gemmis auroque coronam.
Olli serva datur geminique sub ubere nati:
quattuor huic iuvenes, totidem innuptaeque
puellae:
omnibus in morem tonsa coma; pectore summo
flexilis obtorti per collum circulus auri.
7 - Epithalamium utrique
Tum studio effusae matres ad limina ducunt;
at chorus aequalis, pueri innuptaeque puellae,
versibus incomptis ludunt et carmina dicunt:
"O digno coniuncta viro, gratissima coniunx,
F. D’Alessi © 2002
sis felix, primos Lucinae experta labores
et mater. Cape Maeonii carchesia Bacchi,
sparge, marite, nuces, cinge haec altaria vitta,
flos veterum virtusque virum: tibi ducitur uxor,
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
omnes ut tecum meritis pro talibus annos
exigat et pulchra faciat te prole parentem.
Fortunati ambo, si quid pia numina possunt,
228
vivite felices". Dixerunt "currite" fusis
concordes stabili fatorum numine Parcae.
8 - Ingressus in cubiculum
Postquam est in thalami pendentia pumice tecta
perventum, licito tandem sermone fruuntur.
Congressi iungunt dextras stratisque reponunt.
At Cytherea novas artes et pronuba Iuno
sollicitat suadetque ignota lacessere bella.
Ille ubi complexu molli fovet, atque repente
accepit solitam flammam lectumque iugalem:
"O virgo, nova mi facies, gratissima coniunx,
venisti tandem, mea sola et sera voluptas.
O dulcis coniunx, non haec sine numine divum
proveniunt. Placitone etiam pugnabis amori?"
Talia dicentem iamdudum aversa tuetur
cunctaturque metu telumque instare tremiscit
spemque metumque inter funditque has ore
loquellas:
"Per te, per, qui te talem genuere, parentes,
o formose puer, noctem non amplius unam
hanc tu, oro, solare inopem et miserere precantis.
Succidimus: non lingua valet, non corpore notae
suffìciunt vires, nec vox aut verba secuntur".
Ille autem: "causas nequiquam nectis inanes",
praecipitatque moras omnes solvitque pudorem.
9 - Parecbasis
Hactenus castis auribus audiendum mysterium nuptiale ambitu loquendi et circuitione velaun Verum
quoniam et Fescenninos amat celebritas nuptialis verborumque petulantiam notus vetere instituto ludus
admittit, cetera quoque cubiculi et lectuli operta prodentur, ab eodem auctore collecta, ut bis erubescamus,
qui et Vergilium faciamus impudentem. Vos, si placet, hic iam legendi modum ponite: cetera curiosis
relinquite.
10 - Imminutio
Postquam congressi sola sub nocte per umbram
et mentem Venus ipsa dedit, nova proelia
temptant.
Tollit se arrectum: conantem plurima frustra
occupat os faciemque, pedem pede fervidus
urget,
perfidus alta petens: ramum, qui veste latebat,
sanguineis ebuli bacis minioque rubentem
nudato capite et pedibus per mutua nexis,
monstrum horrendum, informe, ingens, cui lumen
ademptum
eripit a femine et trepidanti fervidus instat.
Est in secessu, tenuis quo semita ducit,
ignea rima micans: exhalat opaca mephitim.
Nulli fas casto sceleratum insistere limen.
Hic specus horrendum: talis sese halitus atris
faucibus effundens nares contingit odore.
Huc iuvenis nota fertur regione viarum
et super incumbens nodis et cortice crudo
intorquet summis adnixus viribus hastam.
Haesit virgineumque alte bibit acta cruorem.
Insonuere cavae gemitumque dedere cavernae.
Illa manu moriens telum trahit, ossa sed inter
altius ad vivum persedit vulnere mucro.
Ter sese attollens cubitoque innixa levavit,
ter revoluta toro est. Manet imperterritus ille;
nec mora nec requies: clavumque affixus et
haerens
nusquam amittebat oculosque sub astra tenebat.
Itque reditque viam totiens uteroque recusso
transadigit costas et pectine pulsat eburno.
Iamque fere spatio extremo fessique sub ipsam
finem adventabant: tum creber anhelitus artus
aridaque ora quatit, sudor fluit undique rivis,
labitur exsanguis, destillat ab inguine virus.
11 - Epilogus
Contentus esto, Paule mi,
lasciva, Paule, pagina:
ridere, nil ultra expeto.
Sed cum legeris, adesto mihi adversum eos, qui, ut Iuvenalis ait, "Curios simulant et Bacchanalia vivunt", ne
fortasse mores meos spectent de carmine. "Lasciva est nobis pagina, vita proba", ut Martialis dicit.
Meminerint autem, quippe eruditi, probissimo viro Plinio in poematiis lasciviam, in moribus constitisse
censuram, prurire opusculum Sulpiciae, frontem caperare, esse Appuleium in vita philosophum, in
epigrammatis amatorem, in praeceptis omnibus exstare Tullii severitatem, in epistulis ad Caerelliam subesse
petulantiam, Platonis Symposion composita in ephebos epyllia continere. Nam quid Anniani Fescenninos,
quid antiquissimi poetae Laevii Erotopaegnion libros loquar? Quid Evenum, quem Menander sapientem
vocavit? Quid ipsum Menandrum? Quid comicos omnes? Quibus severa vita est et laeta materia. Quid etiam
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
229
Maronem Pharthenien dictum causa pudoris, qui in octavo Aeneidos, cum describeret coitum Veneris atque
Vulcani, aischrosemnian decenter immiscuit? Quid? In tertio Georgicorum de summissis in gregem maritis
nonne obscenam significationem honesta verborum translatione velavit? Et si quid in nostro ioco aliquorum
hominum severitas vestita condemnat, de Vergilio arcessitum sciat. Igitur cui hic ludus noster non placet, ne
legerit, aut cum legerit obliviscatur, aut non oblitus ignoscat. Etenim fabula de nuptiis est: et velit nolit aliter
haec sacra non constant.
========================================================================
Praef.
1. Aen., 5,304
2. Aen., 11,291
3. Ecl., 7,4; Aen., 4,40
4. Aen., 6,834; Aen., 3,374
5. Aen., 3,375; Aen., 1, 544
6. Aen., 1, 545
7. Aen., 4, 94; Aen., 12,168
8. Aen., 8,500; 1,678;
9. Aen., 12, 348;
10. Ecl., 6,9; Aen., 10, 111;
11. Aen., 10,112; 1,77.
=========================================================================
AUSONIO SALUTA PAOLO
Leggi ancora, se ne vale la pena quest'operetta, frivola e di nessun valore; non ho posto né studio nel
comporla, né cura nel limarla: le mancano acutezza d'ingegno e maturità di meditazione.
"Centone" chiamano un'opera siffatta coloro che per primi si sono divertiti a questo tipo di composizione. E'
solo questione di memoria: si raccolgono frammenti staccati e se ne fa un tutto unico. E' un lavoro più degno
di riso che di lode. Se lo mettessimo all'incanto, nei "Sigillaria", Afranio non darebbe quel suo guscio di noce,
né quel suo chicco di melagrano Plauto . Provo effettivamente rimorso di aver deturpato la dignità della
poesia virgiliana, impiegandola in modo così ridicolo. Ma, d'altra parte, potevo -fare altrimenti? Era un ordine
, e per di più - che poi è il tipo di comando più efficace - rivoltomi sotto forma di preghiera da parte di colui
che poteva comandarlo, da parte del sacro imperatore Valentiniano, uomo di lettere, a mio giudizio. Aveva
un giorno descritto, con uno di siffatti scherzi poetici, le nozze, in versi veramente ben congegnati e composti
in modo spiritoso. E poiché voleva, in seguito, constatare la sua superiorità su di me con un paragone, mi
prescrisse una simile composizione sullo stesso soggetto. Puoi ben capire il mio imbarazzo! Non volevo
apparire superiore, ma nemmeno inferiore, poiché dal giudizio altrui poteva venire in luce o la mia sciocca
piaggeria se mi fossi lasciato vincere, o la mia insolenza se fossi stato un rivale vittorioso.
Mi sono dunque posto all'opera con l'aria di rifiutare e sono riuscito a salvaguardare il mio credito con la mia
compiacenza e a non portar via di più offendendo. Ritrovo ora questo pezzo, abborracciato in un sol giorno e
nella successiva veglia, tra i miei brogliacci, e ho abbastanza confidenza nella tua sincerità e nel tuo affetto
per non sottrarre al tuo severo giudizio anche questa cosa da ridere. Accetta dunque quest'operetta che fa
una cosa continua di cose sconnesse, una cosa sola di cose diverse, una cosa da ridere di cose serie, una
cosa mia, fatta con materiale non mio. Non meravigliarti dunque che sacerdoti e poeti abbiano ricostituito
Tioniano o Virbio, l'uno con Bacco, l'altro con Ippolito.
Se permetti che io, che avrei tanto bisogno d'imparare, ti faccia da maestro, cercherò di darti una definizione
del centone". Con passi e idee di varia provenienza, si costruisce un poema che riunisce due emistichi, tolti
a luoghi diversi, in un solo verso, oppure un verso e la metà del seguente e la metà di un altro. Metterne
infatti due che si susseguono è un errore, pura sciocchezza è metterne tre di seguito. Questi frammenti si
estendono a tutte le cesure ammesse dai versi epici, di modo che un emistichio di pentemìmera si riallaccia
ad una fine anapestica, un frammento trocaico alla parte che ne è il completamento, sette semipiedi a un
anapestico corico, o si pone, dopo un dattilo e un semipiede, il resto dell'esametro: dovrebbe sembrarti
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
230
simile al gioco che i Greci chiamano ostomachion. Sono ossicini, quattordici in tutto, tagliati in figure
geometriche. Alcuni sono triangoli equilateri, altri hanno lati di varia lunghezza, altri simmetrici, alcuni hanno
angoli retti, altri obliqui: si chiamano isosceli, isoplori, anche, ortogonali e scaleni. Le diverse accozzaglie di
questi pezzi rappresentano mille sorte di cose: un elefante enorme, un cinghiale feroce, un'oca volante, un
mirmillone armato, un cacciatore alla posta, un cane che abbaia, e cosi una torre, un cantaro, e una quantità
d'altre immagini di questo genere, variate secondo la destrezza del giocatore. Ma le combinazioni che ne
sanno trarre gli esperti sono una meraviglia, gli arrangiamenti dei malaccorti sono invece ridicoli. Questa
prefazione ti insegnerà che io ho imitato i secondi.
Dunque in questa operetta, il Centone, ho seguito lo stesso metodo di quel gioco, cercando di far
corrispondere pensieri eterocliti, di dare ad elementi estranei un'aria di parentela, di evitare che ne uscissero
fuori incoerenze, che i passi riportati non dessero a divedere lo sforzo, che pressati non debordassero, che
disuniti non lasciassero del vuoto. Se tutto ciò ti sembra compiuto secondo la regola, potrai dire che ho
composto un centone. Poiché ho servito allora sotto il mio comandante, tu mi farai pagare il mio soldo
regolare; ma, nel caso contrario, me lo farai sopprimere"; così la massa individuale di questo poema sarà
versata al fisco e i versi torneranno al loro punto di partenza. Sta' bene.
2. PREFAZIONE
Prestate attenzione a queste mie parole e volgete qua la vostra mente lieta, voi che vi distinguete entrambi
per coraggio, entrambi per la superiorità delle vostre armi, tutti e due fiorenti, razza invincibile nei
combattimenti. Tu per primo, poiché più potenti auspici presiedono senza dubbio alcuno alla tua marcia
verso un alto destino, tu che nessuno supera in giustizia ed in pietà, nessuno in vittorie e in bravura; tu e tuo
figlio, altra speranza della grande Roma, fiore e virtù degli antenati, oggetto particolare del mio affetto, che
ricorda nel nome il suo avo, per il coraggio e per il braccio il padre. Canto secondo i vostri ordini. Ciascuno
per la sua opera troverà la pena o la buona riuscita, per me è dovere l'obbedienza ai vostri ordini.
3. PRANZO DI NOZZE
E' giunto il sospirato giorno e per questo degno matrimonio si riuniscono e si stendono sulla porpora dei letti
madri e padri, coi giovani sotto gli occhi dei loro parenti. Gli schiavi versano acqua sulle mani, e riempiono i
canestri coi doni di Cerere guadagnati col lavoro e portano le carni arrostite della grassa caccia. E' una lunga
successione di piatti: uccelli e animali d'ogni specie, le caprette erranti non mancano, e nemmeno il
montone, il capretto petulante, e le specie acquatiche, e i daini e i timidi cervi. Sotto gli occhi e per le mani
passano frutti succulenti. Quando la fame è cacciata ed è scomparso il desiderio di mangiare, si pongono
grandi crateri e si versa il vino. Si cantano inni, si danza in coro, si recitano versi. E il sacerdote di Tracia, in
lunghe vesti, fa parlare in cadenza le sette corde della sua lira I. Altrove il flauto fa risonare il suo doppio
foro. Tutti insieme si riposano della loro fatica; poi, lasciate le tavole, si alzano, si spandono in folla gioiosa
all'intorno e, giro a giro, la folla dei padri, delle madri, i giovanotti, fanno risonare la loro voce nel vasto atrio:
dai soffitti dorati pendono lampadari.
4. USCITA DELLA SPOSA
S'avanza infine colei che Venere predilige, già matura per il matrimonio, già in piena età nubile, ma vergine
per la figura e per il contegno; un vivo rossore trascorre sotto il fuoco delle sue gote ardenti, mentre volge
intorno occhi attenti e i suoi sguardi bruciano. E' oggetto di ammirazione per tutti i giovani accorsi dalle case
e dai campi e per la folla delle matrone. Ha mosso il primo passo il suo bianco piede ed ha abbandonato i
capelli al soffio dei venti. I suoi vestiti sono ricamati con fili d'oro, alla foggia di Elena Argiva. Come gli
abitanti del cielo vedono apparire Venere dai capelli d'oro, tale era lei per bellezza, tale, piena di gioia,
avanzava verso i suoi suoceri e si assideva su un alto seggio.
5. USCITA DELLO SPOSO
Da un'altra parte, dalle alte porte, è uscito un giovane, le cui guancie hanno conservato la prima peluria. La
sua clamide, ricamata d'oro, ha come orlatura, in doppio giro, la porpora di Melibeo e la sua tunica è stata
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
231
intessuta da sua madre con fili d'oro. Nel viso e nelle spalle somiglia a un dio, e i suoi occhi risplendono di
giovinezza. Quale, bagnata ancora dalle acque dell'oceano, alza nel cielo la sua fronte sacra la stella del
mattino, così egli alza il suo viso e i suoi occhi. Fuori di sé, egli corre verso la soglia. L'amore lo turba e fissa
il suo sguardo sulla vergine; le ha dato un bacio e le ha afferrato la mano, stringendola.
6. L'OFFERTA DEI DONI
Avanzano i giovani e insieme, sotto gli occhi dei parenti, recano i doni, un mantello rigido con ricami d'oro, e
recano altre offerte, talenti d'oro e d'avorio, una sedia, un velo che l'acanto colora di giallo, un grande
servizio di argenteria per la tavola, una collana di perle per il collo, un doppio diadema di gemme e d'oro. A
lei offrono una schiava con due figlioletti alla mammella, a lui quattro giovani e altrettante intatte fanciulle,
tutti, secondo il costume, coi capelli tagliati, con una catena d'oro flessibile discendente sul petto e arrotolata
intorno al collo.
7. EPITALAMIO PER I DUE SPOSI
Allora, piene di effusioni, le matrone conducono gli sposi alle soglie della casa; ma uno stuolo di loro
coetanei, giovani e fanciulle, si diverte a recitare versi popolari e canta: "Unita a un uomo degno di te,
consorte piena di grazia, sii felice, quando avrai conosciuto i primi dolori di Lucina e sarai madre. Prendi una
coppa di vino di Meonia. Spargi noci, o marito; cingi questo altare di una benda, o fiore e virtù dei tuoi
antenati: ti si conduce una sposa che, come tu ben lo meriti, passerà la vita con te e ti renderà padre di una
bella posterità. Coppia benedetta, vivete felici, se i santi dèi hanno qualche potere". Dissero le Parche ai loro
fusi "correte", d'accordo con l'eterna volontà del destino.
8. L'INGRESSO NELLA CAMERA DA LETTO
Una volta entrati sotto il tetto di pietra della camera, possono godere finalmente del piacere di parlare. Vicini
l'uno all'altra, uniscono le loro mani e si coricano sul letto. Ma Citera e Giunone, dee dell'imene, li spingono a
nuove imprese e li consigliano di intraprendere combattimenti ancora sconosciuti. Carezzandola con una
dolce stretta, egli ha sentito tutto a un tratto la fiamma che esala dal letto nuziale: "Vergine, viso per me
nuovo, sposa piena di grazia, eccoti infine venuta, mia unica e troppo attesa voluttà. O dolce sposa, non
senza la volontà degli dèi siam qui: combatterai ancora contro l'amore lecito?". A queste parole, ella, che da
tempo voltava il capo, lo guarda; vuole ritardare quello che la spaventa e trema davanti al dardo che
minaccia, incerta tra speranza e timore. Dalla sua bocca escono queste parole: "Per te, per i genitori che ti
han dato la vita, bel ragazzo, ancora per una sola notte soltanto, te ne prego, conforta la mia debolezza,
abbi pietà della mia supplica. Io vengo meno. Senza forze è la mia lingua, ha perduto l'abituale vigore il mio
corpo, voce e parole mi mancano". Ma egli, di contro: "Invano tu intrecci inutili scuse", e, messa da parte
ogni esitazione, scioglie la cintura del pudore.
9. DIGRESSIONE
Fin qui, perché le orecchie caste potessero intenderlo, ho avviluppato il mistero nuziale con termini ambigui
e circonlocuzioni. Ma poiché la celebrazione delle nozze ama i Fescennini e questi divertimenti di così antica
origine ammettono la licenza di linguaggio, io mostrerò anche gli altri segreti dell'alcova e del letto,
rifacendomi allo stesso autore,così dovrò arrossire due volte, poiché avrò fatto di Virgilio un impudente. Voi,
se vi fa piacere, mettete fine qui alla vostra lettura: il resto, lasciatelo ai curiosi.
10. DEFLORAZIONE
Quando, soli soli, son vicini nell'ombra della notte e la stessa Venere li anima, essi si apprestano a nuovi
combattimenti. Egli si leva tutto dritto: nonostante ogni inutile sforzo di lei, egli s'incolla alla sua bocca e al
suo viso, l'incalza pieno d'ardore, cercando di raggiungere perfidamente parti più riposte: estrae di tra le
cosce una verga, che le vesti celavano, rossa come le sanguinanti bacche dell'ebbio e come il cinabro, dalla
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
232
testa scoperta e dai piedi allacciati, orribile mostruosità, deforme, enorme e cieca e, bruciando, preme la
sposa tremante. In un luogo appartato, dove conduce uno stretto sentiero, v'è una fessura infiammata e
palpitante, dalla cui opacità fuoriescono esalazioni mefitiche. Nessun essere puro ha diritto, senza
commettere colpa, di soffermarsi sulla sua soglia. Là si apre un'orribile caverna dalle cui fosche profondità
s'effondono esalazioni che offendono l'odorato. Là si dirige il giovane per vie conosciute.
Stendendosi sulla vergine, egli conficca i nodi e la dura scorza del suo giavellotto con lo slancio di tutte le
sue forze. S'è confitto il dardo e beve, dal profondo, il sangue virginale. Risuona e geme la cava caverna.
Ella, sul punto di morire, vuol tirar fuori l'arma con la mano, ma, tra le ossa, la punta è penetrata troppo a
fondo nella ferita delle carni vive. Tre volte sollevandosi e appoggiandosi sul cubito, ha cercato di
raddrizzarsi, tre volte è ricaduta sul letto. Quello, imperterrito, sta confitto. Senza indugio, senza riposo:
attaccato e incollato al suo chiodo, non smetteva per nulla e volgeva gli occhi verso le stelle. Va e viene con
ritmo cadenzato e, colpendo il ventre, trapassa i fianchi e batte col suo archetto d'avorio. Già son quasi alla
fine della corsa e, affaticati, si avvicinano al termine: allora un compresso anelito scuote le loro membra e le
loro labbra riarse, da tutte le parti cola a rivoli il sudore; egli, sfinito, viene meno e un liquido sprizza a gocce
dal suo inguine.
Sii soddisfatto, Paolo, amico mio
di questi versi lascivi:
che si rida, null'altro chiedo.
Ma, dopo aver letto, proteggimi contro coloro che, come dice Giovenale, "hanno l'esteriore di Curio e la vita
delle Baccanti" , perché non giudichino, per avventura, i miei costumi dai miei versi.
"Se i miei versi son lascivi, onesta è la mia vita", come dice Marziale I. Ma si ricordino, poiché son eruditi,
che l'onesto Plinio era licenzioso nelle sue poesie, irreprensibile nei costumi, che Sulpicia nelle sue opere
stuzzicava, ma aveva la fronte austera 4; che Apuleio era filosofo nella vita, erotico nei suoi epigrammi; che
Tullio in tutti i suoi precetti mostrava severità, ma che le sue lettere a Cerellia avevano un fondo libertino;
che il "Convito" di Platone contiene canti scritti per efebi. Che dire dei "Fescennini" d'Anniano, dell'
"Erotopegnion" del vecchio poeta Levio?. E di Eveno, che Menandro chiama saggio? E di Menandro stesso?
E di tutti i comici? erano austeri nella vita, gioiosi nei loro soggetti. E anche di Virgilio, soprannominato la
"Vergine" per il suo pudore, che nell'ottavo libro dell' "Eneide", quando descrive gli amori di Venere e
Vulcano, ha mischiato insieme con decenza pudore e piacere? E che? Nel terzo libro delle "Georgiche",
l'oscenità dell'accoppiamento del bestiame non è velato dal riserbo della metafora? Se nel mio scherzo
alcuni, ammantati di severità, condannano un particolare, è tolto da Virgilio, lo si sappia. Pertanto a chi non
piace questo nostro scherzo non lo legga, o, se lo legge, lo dimentichi, o, se non lo dimentica, lo scusi.
Poiché è un poema sulle nozze e, buon grado o malgrado, questa festa non si può celebrare in altro modo.
Traduzione e note di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971
Auson., Versus Paschales Prosodici
(testo www. Forum Romanum)
Sancta salutiferi redeunt sollemnia Christi
et devota pii celebrant ieiunia mystae.
At nos aeternum cohibentes pectore cultum
intemeratorum vim continuamus honorum.
Annua cura sacris, iugis reverentia nobis.
Magne pater rerum, cui terra et pontus et aer
tartaraque et picti servit plaga lactea caeli,
noxia quem scelerum plebes tremit almaque
rursum
concelebrat votis animarum turba piarum:
tu brevis hunc aevi cursum celeremque caducae
finem animae donas aeternae munere vitae.
Tu mites legum monitus sacrosque prophetas
F. D’Alessi © 2002
humano impertis generi servasque nepotes,
deceptum miseratus Adam, quem capta venenis
implicuit socium blandis erroribus Aeva.
Tu verbum, pater alme, tuum, natumque
deumque,
concedis terris totum similemque paremque,
ex vero verum vivaque ab origine vivum.
Ille tuis doctus monitis hoc addidit unum,
ut, super aequoreas nabat qui spiritus undas,
pigra inmortali vegetaret membra lavacro,
trina fides auctore uno, spes certa salutis
hunc numerum iunctis virtutibus amplectenti.
Tale et terrenis specimen spectatur in oris
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Augustus genitor, geminum sator Augustorum,
qui fratrem natumque pio conplexus utrumque
numine, partitur regnum neque dividit unum,
omnia solus habens atque omnia dilargitus.
233
Hos igitur nobis trina pietate vigentes
rectores terrae placidos caelique ministros,
Christe, aput aeternum placabilis adsere patrem.
Ausonii Oratio Consulis Ausonii Versibus Rhopalicis
[testo www. forum Romanum]
Spes, deus, aeternae stationis conciliator,
si castis precibus veniales invigilamus,
his, pater, oratis placabilis adstipulare.
Da, Christe, specimen cognoscier inreprehensum.
Rex bone, cultorum famulantum vivificator,
cum patre maiestas altissima ingenerato,
da trinum columen paraclito consociante,
ut longum celebris devotio continuetur.
Ad temet properant vigilatum convenienter.
Nox lucem revehet funalibus anteferendam,
nox lumen pariens credentibus indubitatum,
nox flammis operum meditatrix sidereorum.
Tu mensis dirimis ieiunia relligiosa,
tu bona promittens surgentia concelebraris:
da, rector, modicos effarier omnipotentem.
Fons tuus emundat recreatu iustificatos,
dans mentem oblitam positorum flagitiorum,
dans agnos niveos splendescere purificatos,
ut nova Iordanis ablutio sanctificavit,
cum sua dignati tinguentia promeruerunt.
Lux verbo inducta, peccantibus auxiliatrix,
et Christus regimen elementis inrequietis
fert undam medici baptismatis intemeratam,
ut noxam auferret mortalibus extenuatam.
Crux poenae extremum properatast inmaculato,
ut vitam amissam renovaret mortificatis.
Quis digne domino praeconia continuabit,
tot rerum titulis obnoxius immodicarum?
An terra humano locupletat conmemoratu,
quem vocum resonant modulatus angelicarum?
Dans aulam Stephano pretiosam dilapidato,
dans claves superas cathedrali incohatori,
quin Paulum infestum copulatis adglomerasti,
fit doctor populi lapidantum constimulator,
ut latro confessor paradisum participavit,
sic, credo, adnectens dirissima clarificandis.
Nos seros famulos adcrescere perpetieris
sub tali edoctos antistite relligionis.
Da sensum solida stabilitum credulitate,
fac iungar numero redivivo glorificatus,
ad caelum invitans consortia terrigenarum,
spes, deus, aeternae stationis conciliator.
O Dio, nostra speranza, che ci schiudi un soggiorno eterno, se, degni del tuo perdono, vegliamo in pie
preghiere, allora, o Padre, esaudisci nella tua misericordia i nostri voti. Concedici, o Cristo, di conoscere il
modello senza macchia, o re buono, che vivifichi i tuoi fedeli, tu sovrana maestà non generata, come il
Padre. Accordaci un triplice sostegno, con l'aiuto del Parclito, sì che a lungo la folla degli adoratori possa
prolungare la preghiera; verso di te s'affretta per vegliare convenientemente. La notte riporterà una luce
molto più luminosa dei raggi dei ceri, questa notte madre di una luce che sarà per i credenti la verità, questa
notte che esercita, con le sue fiammelle, i compiti del cielo stellato. Tu poni fine, sulla tavola, ai digiuni rituali,
tu prometti dei beni che sempre aumentano, per i quali sei glorificato: accorda a noi umili, o Signore, di dire
la tua potenza. La tua acqua monda i copevoli col perdono di una nuova creazione, accordando al loro
spirito l'oblio delle colpe commesse, e concede agli agnelli, fatti bianchi come neve, lo splendore della
purificazione, appena li ha santificati il nuovo lavacro del Giordano, quando i loro meriti li han resi degni di
questo battesimo. La luce nata dal Verbo, soccorso dei peccatori, il Cristo, regolatore dei sempre nobili
elementi, apporta come un rimedio l'acqua di questa pura abluzione, per diminuire e togliere i peccati degli
uomini. Egli che era senza peccato subì prematuramente il supplizio della croce, per rinnovare con questa
prova la vita a quelli che l'avevano perduta. Chi potrà degnamente continuare a fare le tue lodi, o Signore, tu
oggetto di elogi per atti così straordinari? Può la terra onorare con parole umane colui che cantano
armoniosamente le voci degli angeli? Apri la corte preziosa a Stefano lapidato, doni le chiavi del cielo al
fondatore della Chiesa, anzi hai riunito Paolo, nemico, alla pia assemblea. Colui che incitava i lapidatori
diventa educatore del popolo, come il ladrone che ti confessò ebbe il suo posto in paradiso, così, io credo,
unendo azioni nefande ad atti meritevoli di gloria. Noi, tuoi tardi servi, ci lascerai aumentare in dottrina,
grazie all'insegnamento di un tale sacerdote; accordaci la fermezza del pensiero a servizio di una solida
fede. Possa io, per tuo mezzo, essere unito nella gloria a quelli che vivranno, quando tu inviterai a spartire il
cielo i figli della terra, tu, Dio, nostra speranza, che ci prepari una dimora eterna!
Traduzione di A. Pastorino, Opere, Torino, Utet 1971 (al Canova; disponibili note)
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
234
Nota di Pastorino, p.77: "E' una poesia composta di esametri dattilici, in cui ciascun verso comincia
con un monosillabo e ogni parola seguente cresce di una sillaba, in modo che l'esametro finisce
con una parola di cinque sillabe. Anche l'autenticità di questa poesia, essa pure d'intonazione
cristiana, è stata messa in dubbio."
Letture critiche. G. Polara, I centoni
L'analisi piú acuta e più ampia è quella che Ausonio fa nella lettera ad Assio Paolo che precede il suo Cento
nuptialis, un epitalamio completo anche delle sue parti piú salaci messo insieme con i versi del casto
Virgilio.'1 È stato giustamente osservato che Ausonio e la sua teoria non rappresentano lo standard della
prassi centonaria, ma piuttosto il suo punto piú alto, un livello di raffinatezza esecutiva e di severità nei
precetti da cui gli altri componimenti sono ben lontani; ciò non toglie che la definizione di un “dover essere”
del centone, di un paradigma sia pure irraggiungibile, ha un valore eccezionale ai fini della comprensione del
genere. A parte le varie istruzioni sulle dimensioni dei segmenti che possono essere utilizzati (un emistichio,
un verso, al massimo un verso e mezzo) e sui luoghi in cui vanno operati i tagli (tutte le cesure
dell'esametro: pentemimere, eftemimere, tritemimere, trocaica), Ausonio insiste in particolare sullo scarto fra
originale e centone, non solo a livello di contenuti, ma anche di registri espressivi: accípe igitur opusculum
de inconexis continuum, de diversis unum, de seriis ludicrum, de alieno nostrum. Sul paragone che Ausonio
istituisce fra il centone e l'ostomachion, un gioco di costruzioni piuttosto diffuso a quel tempo, si tornerà piú
avanti; va invece ricordato subito che la valutazione di Ausonio sul centone come genere letterario è
complessivamente positiva: è vero che non mancano qua e là affermazioni riduttive, come solae memoriae
negotium sparsa colligere et integrare lacerata, quod ridere magis quarn laudare possis,è vero che viene
sottolineato come i versi virgiliani subiscano un pesante declassamento nella trasposizione dalla sede
originale alla nuova composizione (l'osservazione riguarda però l'argomento del centone e non la sua resa
letteraria), ma bisogna certamente tenere conto del topos della modestia, che non consentiva di fare
altrimenti in un caso come questo, in cui il confronto con il massimo poeta della latinità era di fatto a
fondamento del lusus poetico, e doveva quindi essere introdotto con l'opportuna cautela, e senza creare nel
lettore traumi eccessivi.
Particolare valore acquista cosí la frase che conclude il confronto con l’ostomachiun: peritorum concinnatio
miraculum est, imperitorum iunctura ridiculum; questa affermazione richiama le parole con cui, all'inizio della
lettera, Ausonio aveva presentato il centone, solae memoriae negotium ..., quod ridere magis quam laudare
possis, limitando l'ambito del ridiculum ai centoni mal riusciti - fra i quali, semmai, Ausonio potrebbe qui
collocare il suo, per il solito topos della modestia - e liberando il genere letterario nel suo complesso da una
condanna che sarebbe apparsa almeno inopportuna, se si pensa che autore di centoni era stato anche,
come apprendiamo dallo stesso Ausonio, l'imperatore Valentiniano.” Il centone ben riuscito è un miraculum,
e quando l'autore è capace di congiungere fra loro dei versus apti il risultato è una compositio festiva che
merita di essere presa in considerazione anche per se stessa, per la nuova unità e identità che ha saputo
dare ai vari frammenti desunti dagli originali centonati. Questo almeno è il significato da dare all'allegoria di
ambito militare che conclude la lettera a Paolo:
quae si omnia ita tibi vídebuntur, ut praeceptum est, dices me composuisse centonem, et, quia sub
imperatore meo tum merui, procedere mihi inter frequentes stipendium iubebis: sin aliter, aere dirutum
facies, ut cumulo carminis in fiscum suum redacto redeant versus, unde venerunt.
Se l'impresa del centone avrà avuto successo, allora l'autore avrà meritato la sua individuale ricompensa; se
invece la composizione risulterà inadeguata, i versi dovranno tornare nelle sedi di provenienza, e distruggere
cosí il centone, come succedeva ai soldati che si erano macchiati di qualche ignominia e venivano perciò
privati del loro stipendio, riversato nelle casse del fisco.
[…..]
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
235
Per illustrare il funzionamento della tecnica centonaria Ausonio introduce il confronto con un gioco di
pazienza verisimilmente abbastanza diffuso ai suoi tempi, fostomachion o loculus Archimedius, che è
studiato nei suoi principi geometrici appunto in un testo di Archimede conservato soltanto in parte nella
redazione greca, ma pervenutoci in maniera piú completa in una traduzione araba.Il gioco è in pratica una
variante piú complessa del tangram cinese, oggi piú fortunato: anziché in sette suddivide infatti il quadrato in
ben quattordici pezzi dalle diverse forme geometriche, che consentono un numero di combinazioni
praticamente illimitato e possono dar vita alle più varie figure, dall'elefante al cinghiale, dall'oca al gladiatore,
dal cacciatore al cane e cosí via.
Il paragone rivela un atteggiamento caratteristico del poeta nei confronti del suo materiale, trattato come
tessere di mosaico da riutilizzare per la costruzione di incastri sempre nuovi: il centonario dispone delle
parole come di oggetti da giustapporre, di pietre che sono già appartenute ad un altro edificio, ma debbono
ora servire ad una nuova costruzione e adattarsi a funzioni diverse. Il suo lavoro acquista cosí di
artigianalità, di manualità, e ne fa un vero fabricator poeta, che applica le sue sostituzioni e permutazioni
verbali non alle formule consacrate dalla tradizione, ma ai frammenti di verso che ha saputo isolare dal suo
testo base. Consapevole del peso che grava sulle spalle di chi professa il mestiere di poeta in un'epoca in
cui tutto sembra essere stato già detto, quando il patrimonio di versi che si è accumulato nei secoli è
divenuto un opprimente ostacolo alla nuova produzione, il centonario cerca la sua originalità nell'apparente
totale mancanza di originalità: si potrebbe dire, parafrasando e rovesciando la fortunata frase del
Gattopardo, che nella sua poetica niente deve essere cambiato perché tutto possa essere cambiato, e
perché la religiosa conservazione (idoneità) delle forme nasconda l'assoluta innovazione dei contenuti.
In una letteratura che gradiva il gioco della disposizione e la paziente distribuzione delle parole nelle caselle
metriche o grafiche per esse predisposte, come è nei carmi figurati o nei tanti lusus metrici che si affollano
nella tarda antichi tà, il centonario ha piena cittadinanza e può praticare il suo gioco soprendente e barocco,
unendo l'orgoglio per una professionalità non comune - almeno quando la sperimentazione poetica sia
condotta con accorto rigore, e non cada nelle banalità dei dilettanti - all'angoscia di un senso di colpa per la
sterilità dell'operazione compiuta e per la mancanza di rispetto verso i propri predecessori. Bricoleur
intellettuale, adegua il suo prodotto ai pezzi di cui dispone, scegliendo di lavorare sulla parole altrui, anziché
sulla langue; fa un po' come quei cristiani che per i loro sepolcri recuperavano sarcofaghi pagani da
riutilizzare cambiando il significato dei simbolismi, in maniera non molto diversa da come Proba e i suoi
colleghi lavoravano sul testo di Virgilio, e la sua attività ha anche vari aspetti in comune con l'architettura dei
suoi tempi, quella che per costruire i monumenti nuovi si procurava materiali di spoglio e li usava con nuove
funzioni e nuovi significati, come nell'arco di Costantino. Ma tra il poeta e l'architetto c'è anche una differenza
fondamentale: questo per costruire la sua opera deve portare l'oltraggio al modello fino al limite della
definitiva rimozione, perché la pietra non consente la contemporaneità del duplice uso, e non può essere
reimpiegata senza distruggere l'edificio a cui apparteneva; il poeta, invece, non arreca danni fisici al suo
originale, che anzi viene in qualche modo consolidato nella diffusione e nella fruizione per mezzo della
ripresa centonaria.
Se c'è una costruzione fragile e precaria, questa è proprio la nuova poesia, che in qualunque momento può
essere rimossa senza perdite e senza residuo, come sapeva perfettamente Ausonio: essa non è una fenice
che per nascere pretenda il sacrificio del suo genitore, ma piuttosto un'eco che si nutre della voce
precedente senza eliminarla, anzi prolungandone la vita ed estendendone l'ascolto. […] E come l'eco il
centone non ha corpo, non ha esistenza autonoma. Vive finché dura l'opera centonata: se questa si
perdesse, non sarebbe piú riconoscibile come centone, e diverrebbe un testo qualunque, un banale,
modesto “originale”; soprattutto non può produrre letteratura se non in un senso assai particolare e limitato,
perché i suoi versi non prevedono citazioni, fortuna o riuso che non siano anche quelli dell'originale. Può
contribuire a creare un interesse per il genere, può stimolare l'elaborazione di altri centoni, ma non può
prestare ad altri testi parole che non sono sue: la fantasia di un metacentone, che magari ricostruisca
almeno in parte l'originale centonato, è pura curiosità da calcolo probabilistico. Satellite spento che risplende
solo della luce riflessa del grande modello, gli orbita intorno con riverente rispetto, ma come ogni luna sa a
volte illuminarsi di equivoche tonalità o rivelare orridi dirupi dall'ambiguo fascino.
Adattamento da G. Polara, I centoni: Le parole e le cose, in Lo spazio letterario di Roma antica, 3,
Roma, Salerno, 1990, pp. 245-275
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
236
Collegamento con sezione Centoni in 4b.
Bibliografia
PL Migne vol. 19
EPIGRAMMATA. EPHEMERIS, ID EST TOTIUS DIEI NEGOTIUM. PARENTALIA.
COMMEMORATIO PROFESSORUM BURDIGALENSIUM.
EPITAPHIA HEROUM QUI BELLO TROICO INTERFUERUNT. ALIQUOT ALIORUM EPITAPHIA.
DE DUODECIM CAESARIBUS Per Suetonium Tranquillum scriptis.
TETRASTICHA. A Julio Caesare usque ad tempora sua.
ORDO NOBILIUM URBIUM.
LUDUS SEPTEM SAPIENTUM. Ausonius consul Latino Drepanio Pacato proconsuli.
SEPTEM SAPIENTUM SENTENTIAE, Septenis versibus ab eodem Ausonio explicatae.
IDYLLIA. ECLOGARIUM.
EPISTOLARUM LIBER.
AUSONII AD GRATIANUM IMPERATOREM DISCIPULUM GRATIARUM ACTIO PRO
CONSULATU.
PERIOCHAE IN HOMERI ILIADA ET ODYSSEAM.
D. Magni Ausonii Opuscula. ed. Karl Schenkl. Monumenta Germaniae Historica 1883. Hildesheim
1982.
R. Peiper, Leipzig 1886
A.Marsili, Torino 1957.
C.M. Ternes, Paris 1972.
R.P.H. Green, Oxford 1991.
A.Pastorino, Torino 1972 (o 1971?)
S.Prete, Leipzig 1978
Epistulae
L. Mondin, Venezia, 1995
Technopaegnion
C. Di Giovine, Bologna 1996
Parentalia
C. Di Giovine, Bologna, 1996
M. Lolli, Bruxelles, 1997
LOEB
2 voll., Tr. H. G. Evelyn-White, London - Cambridge Mass.
vol. I.: I-XVII, 1919/5;vol. II.: XVIII-XX; PAULINUS PELLAEUS, EUCHARISTICUS, 1921/5th
Strumenti
L. J. Bolchazy, J. A. M. Sweeney. (coll. M. G. Antonetti), Concordantia in Ausonium With Indices to
proper nouns and Greek forms, Hildesheim 1982.
Studi
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
237
L.D. Reynolds, Texts and transmission. A Survey of the latin Classics, Oxford 1983, pp. 26-28.
(M.D. Reeve).
IntraText
Caesares [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Cento nuptialias [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Commemoratio professorum Burdigalensium [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Cupido cruciatus [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
De Bissula [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
De herediolo [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Eclogae [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Ephemeris id est totius diei negotium [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Epicedion in patrem [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Epigrammaton Liber [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Epitaphia [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Genethliacum ad Ausonium nepotem [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Gratiarum actio dicta Domino Gratiano Augusto [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Griphus ternarii numeri [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Liber protrepticus ad nepotem [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Mosella [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Omnia quae extant opera LAT0574
Oratio consulis Ausonii versibus rhopalicis [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Ordo urbium nobilium [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Parentalia [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Periocha Iliadis [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Periocha Odyssiae [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Praefatiunculae [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Precationes [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Septem Sapientium Sententiae [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
Versus Paschales prosodici [in Omnia quae extant opera] in LAT0574
ICCU per Soggetto
Prete, Sesto, Ricerche sulla storia del testo di Ausonio / Sesto Prete, Roma: Edizioni di storia e letteratura,
1960, Temi e testi
Sivan, Hagith, Ausonius of Bordeaux: genesis of a Gallic aristocracy / Hagith Sivan, London: Routledge,
1993
Della Corte, Francesco <1913-1991>, Storia e preistoria del testo ausoniano / Francesco Della Corte, Roma:
Accademia nazionale dei Lincei, 1991, Bollettino dei classici / Accademia nazionaledei Lincei. Supplemento
Ausonius, Decimus Magnus, Ausonius: Epigrams: text with introduction and commentary / by N. M. Kay,
London: Duckworth, 2001
Ternes, Charles-Marie, Ausone: bibliographie objective et subjective: <en hommage a M. Louis Schlimm> /
<Charles-Marie Ternes>, Luxembourg: <s.n.>, 1984
Note Generali: In testa al front.: Societe des Antiquites Nationales Luxembourg
De Ausonio, poeta celeberrimo, Gratiani Augusti praeceptore et De Horati Artis poeticae fortuna apud
posteros, \Roma!: curante Instituto Romanis studiis provehendis, 1984, Commentarii; 7/8
Kraemer, Maximilian, Res libraria cadentis antiquitatis Ausonii et Apollinaris Sidonii exemplis illustratur:
dissertatio inauguralis / scripsit Maximilianus Kraemer, Marpurgi Cattorum: Typis Academicis Joh. Aug.
Koch, 1909
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
238
Benedetti, Fabrizio, La tecnica del vertere negli epigrammi di Ausonio / Fabrizio Benedetti, Firenze: L. S.
Olschki, 1980, Studi / Accademia toscana di scienze e lettereLa Colombaria
Niccoli, Salvatore, Decimo Magno Ausonio, Napoli: Libreria editrice Ferraro, 1969, Poeti latini degli ultimi
secoli
Di Lorenzo, Enrico, Ausonio: saggio su alcune componenti stilistiche / Enrico Di Lorenzo, Napoli: Loffredo,
stampa 1981
Bolchazy, Ladislaus J., Concordantia in Ausonium: with Indices to proper nouns and Greek forms / edited by
Ladislaus J. Bolchazy and Jo Ann M. Sweeney; in collaboration with Martin G. Antonetti, Hildesheim; New
York, 1982, Alpha-omega. Reihe A, Lexika, Indizes,Konkordanzen zur klassischen Philologie
Ausonius / herausgegeben von Manfred Joachim Lossau, Darmstadt: Wissenschaftliche Buchgesellschaft,
c1991, Wege der Forschung
ICCU per Autore
Mosella . Bissula . Briefwechsel mit Paulinus Nolanus / D. Magnus Ausonius; Herausgegeben und ubersetz
von Paul Drager, Dusseldorf; Zurich, c2002, Sammlung Tusculum
Mosella: Mit Texten von Symmachus und Venantius Fortunatus / D. Magnus Ausonius; herausgegeben,
ubersetzt und kommentiert von Otto Schonberger, Stuttgart: Reclam, c2000
Mosella: lateinisch/deutsch / Ausonius; herausgegeben, in Blankverse ubersetzt, erlautert und mit einer
Einfuhrung versehen von Paul Drager, Trier: Paulinus, 2001
Ausone et Paulin de Nole: correspondance: introduction, texte latin, traduction et notes / David Amherdt,
Bern (etc.), Saphenia; 9
Mosella / Decimo Magno Ausonio; introduzione, testo, traduzione e commento a cura di Alberto Cavarzere;
con un'appendice di Luca Mondin su La data di pubblicazione della Mosella, Amsterdam: A.M. Hakkert,
2003, Supplementi di Lexis; 24
Ordo urbium nobilium / Decimo Magno Ausonio; introduzione, testo critico, traduzione e note di commento a
cura di Lucia Di Salvo, Napoli: Loffredo, stampa 2000, Studi latini; 37
Ausonius: Epigrams: text with introduction and commentary / by N. M. Kay, London: Duckworth, 2001
Mosella: lateinisch-deutsch / D. Magnus Ausonius; herausgegeben, ubersetz und kommentiert von Paul
Drager, Dusseldorf: Artemis & Winkler, c2004, Tusculum Studienausgaben
Autore: Ausonius, Decimus Magnus
Cupido messo in croce / Decimo Magno Ausonio; introduzione, testo, traduzione e commento a cura di
Alessandro Franzoi, Napoli: Loffredo, 2002, Studi latini; 47
Note Generali: Testo orig. a fronte
Professori a Bordeaux = Commemoratio Professorum Burdigalensium / D. Magno Ausonio; Con testo a
fronte a cura di Maria Grazia Bajoni, Firenze: Le Lettere, [1996], Il nuovo melograno
Parentalia / D. M. Ausonius; introduzione, testo, traduzione e commento a cura di Massimo Lolli, Bruxelles:
Latomus, 1997, Collection Latomus
La Mosella / Decimo Magno Ausonio; Ordine delle citta famose, Per il mio piccolo podere; prefazione di
Giovanni Giudici; introduzione e traduzione di Luca Canali, Alpignano: Tallone, 1998
Note Generali: Ordine delle citta famose, Per il mio piccolo podere (tit. orig.: Ordo urbium nobilium, De
herediolo), dello stesso A
Ed. di 340, 50 e 20 esempl., stampati su tipi di carta diversi
In custodia
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
239
Professori a Bordeaux / D. Magno Ausonio; a cura di Maria Grazia Bajoni, Firenze: Le lettere, [1996], Il
nuovo melograno
Note Generali: Trad. italiana a fronte.
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Opere / Decomo Magno Ausonio; a cura di Agostino Pastorino, Torino: Utet, 1995, Classsici latini
Parentalia / D.M. Ausonius; introduzione, testo, traduzione e commento a cura di Massimo Lolli, Bruxelles:
Latomus, 1997, Collection Latomus
Epistole / Decimo Magno Ausonio; introduzione, testo critico e commento a cura di Luca Mondin, Venezia: Il
cardo, 1995, Ricerche
Tecnopaegnion / Decimus Magnus Ausonius; introduzione, testo critico e commento a cura di Carlo Di
Giovine, Bologna: Patron, 1996, Testi e manuali per l'insegnamentouniversitario del latino
Decimi Magni Ausonii Opera / recognovit brevique annotatione critica instruxit R. P. H. Green, Oxonii: e
Typographeo Clarendoniano, 1999, Scriptorum classicorum bibliothecaOxoniensis
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Mosella / Ausonio; introduzione, testo, traduzione e commento a cura di Maria Elvira Consoli, Galatina:
Congedo, 1998
Note Generali: Sull'occh.: Universita di Lecce, Dipartimento di scienze dell'antichita.
Testo orig. a fronte
Technopaegnion / Decimus Magnus Ausonius; introduzione, testo critico e commento a cura di Carlo Di
Giovine, Bologna: Patron, 1996, Testi e manuali per l'insegnamentouniversitario del latino
Stihotvorenija / Avsonij; izdanie podgotovil M. L. Gasparov, Moskva: Nauka, 1993, Literaturnye pamjatniki
Ausonius, Decimus Magnus, Obras / Decimo Magno Ausonio; traduccion, introduccion y notas de
AntonioAlvar Ezquerra, Madrid: Editorial Gredos, c 1990
The works of Ausonius / edited with introduction and commentary by R. P. H. Green, Oxford: Clarendon
Press, 1991
The works of Ausonius / edited with introduction and commentary by R. P. H. Green, Oxford: Clarendon
press, 1991
La Mosella / Decimo Magno Ausonio; versione di Giuseppe Pontiggia; incisioni di Leo Lionni, Milano!: Verba,
1984
Note Generali: Con testo latino Ed. di 150 esempl. num
D. Magni Ausonii Opuscula / recensuit Carolus Schenkl
Edizione: Unveranderter Nachdruck der 1883 bei der Weidmannschen Verlagsbuchhandlung, Berlin,
erschienenen Ausgabe, Munchen: Monumenta Germaniae Historica, 1982, Monumenta Germaniae
historica. Scriptores.Auctores antiquissimi; 5.2
Priapeos . Grafitos amatorios pompeyanos . La velada de la fiesta de Venus . El concubito de Marte Y
Venus / Reposiano . Centon nupcial / Ausonio; [todos con] introducciones, traduccion y notas de Enrique
Montero Cartelle, Madrid: Gredos, 1981, Biblioteca clasica Gredos
Mosella / Ausonius; herausgegeben und in metrischer Ubersetzung vorgelegt von Bertold K. Weis,
Darmstadt: Wissenschaftliche Buchgesellschaft, copyr. 1989
Carmi / Decimus Mgnus Ausonius; introduzione, traduzione e note di Gabriele Banterle; litografie originali di
Giuseppe Ajmone, Verona: Fiorini, 1984
Descrizione fisica: 131 p., 5 c. di tav.: incis.; 35 cm., Strenne Fiorini
Note Generali: Ed. di 259 esempl. num. in macchina e dedic. ad personam con 5 tav. firmate dall'A.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
240
Testo a fronte
Autore: Bolchazy, Ladislaus J., Concordantia in Ausonium: with Indices to proper nouns and Greek forms /
edited by Ladislaus J. Bolchazy and Jo Ann M. Sweeney; in collaboration with Martin G. Antonetti,
Hildesheim; New York, 1982, Alpha-omega. Reihe A, Lexika, Indizes,Konkordanzen zur klassischen
Philologie
Decimi Magni Ausonii Burdigalensis Opuscola / Decimus Magnus Ausonius; edidit Sextus Prete, Leipzig: B.
G. Teubner, 1978, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Opere / di Decimo Magno Ausonio; a cura di Agostino Pastorino
Edizione: Rist, Torino: UTET, 1978, Classici latini; 24
Note Generali: Trad. italiana a fronte
Decimi Magni Ausonii Burdigalensis Opuscola / recensuit Rudolfus Peiper, Stutgardiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1976, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Note Generali: Editio stereotypa editionis anni 1886
Decimi Magni Ausonii Burdigalensis Opuscula / recensuit Rudolfus Peiper
Edizione: Editio Stereotypa editionis anni 1886, adiecta est tabula, Stutgardiae: In aedibus B. G. Teubneri,
1976, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Opere di Decimo Magno Ausonio / a cura di Agostino Pastorino, Torino: Unione tipografico-editrice torinese,
1971, Classici latini; 24
Note Generali: Trad. italiana a fronte
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Mosella / D. Nagnus Ausonius; edition, introduction et commentaire de Charles-Marie Ternes, Paris: Presses
universitaires de France, 1972, Erasme
Note Generali: Testo in latino, commento in francese
Decimi Magni Ausonii Burdigalensis opuscula / edidit Sextus Prete, Leipzig: B. G. Teubner, 1978,
Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
La Moselle: texte et traduction / Ausone, Paris: Les Belles Lettres, 1972, Collection des universites de
France
La Mosella / D. M. Ausonio; introduzione, commento e traduzione a cura di Enrico Di Lorenzo, Napoli:
Intercontinentalia, 1968
I Cesari di Ausonio / continuati, tradotti [dal latino], illustrati da Pietro Parachini, Torino: Tip. Albess, 1953
La mosella. Edizione critica con traduzione [dal latino] e note italiane di Aldo Marsili, Torino: Ed. Loescher,
1957, Tip. V. Bona, Biblioteca loescheriana
[ Opera] / with an English transl. by Hugh G. Evelyn White, London: Heinemann, Mass., The Loeb classical
library
La Mosella / Decimo Magno Ausonio; introduzione, edizione critica, traduzione e commento a cura di Aldo
Marsili, Pisa: Industrie grafiche V. Lischi e figli, 1952
Les epigrammes d'Ausone traduites du latin: accompagnees et suivies de quelques remarques et d'une
bibliographie des oeuvres d'Asone / par Charles Verrier; et precedees d'une notice par Remy de Gourmont,
Paris: Sansot, 1905
Oggi: quadretti di scorcio / Ausonio
Edizione: 2. ed, Como: A. Volta di Caccia & Corti, 1917
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
241
Il carme nuziale centonato da Decimo M. Ausonio / [testo latino con la versione del] dott. Pietro Beltrani,
Faenza: Tip. Novelli e Castellani, 1905
Il carme nuziale centonato da D. M. A. / nella versione italiana di Pietro Beltrami
Edizione: Ristampa / a cura di Domenico Beltrami, Faenza: Soc. Tip. Faentina, 1937
Die Moselgedichte des Decimus Magnus Ausonius und des Venantius Fortunatus / herausgegeben und
erklart von Carl Hosius, Marburg: N. G. Elwertsche, 1926
Un episode de la fin du paganisme: correspondance d'Ausone et de Paulin de Nole: avec une etude critique,
des notes et un appendice sur la question du christianisme d'Ausone / par Pierre de Labriolle, Paris: Bloud,
1910, Chefs-d'oeuvre de la litterature religieuse
Die Moselgedichte des Decimus Magnus Ausonius und des Venantius Fortunatus / zum zweiten male
herausgegeben und erklart von Carl Hosius, Marburg: N. G. Elwertsche, 1909
Le opere / di Decimo Magno Ausonio; volgarizzate da Pietro Canal, Venezia: G. Antonelli ed., 1853
Poemes divers / Ausone; traduits par Edouard Ducote, Paris: Librairie de l'art independant, 1897
Le opere / Decio Magno Ausonio; volgarizzate da Pietro Canal, Venezia: Antonelli, 1853, Biblioteca degli
scrittori latini
Trad. italiana a fronte
Die Mosella / des Decimus Magnus Ausonius; herausgegeben und erklart von Carl Hosius; Anhang: Die
Moselgedichte des Venantius Fortunatus, Marburg: N. G. Elwert, 1984
Decimi Magni Ausonii Burdigalensis Opuscula / recensuit Rudolfus Peiper, Lipsiae: in aedibus B.G.
Teubneri, 1886, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
D. Magni Ausonii Opuscula / recensuit Carolus Schenkl, Berolini: apud Weidmannos, 1883, Monumenta
Germaniae historica. Scriptores.Auctores antiquissimi
D. Magni Ausonii Burdigalensis opera: oeuvres completes d'Ausone / Traduction nouvelle par E. F. Corpet,
Paris: Didot, 1887, Collection des auteurs latins avec latraduction en francais
Le opere di Decio Magno Ausonio = =D. Magni Ausonii Burdigalensis opera / volgarizzate da Pietro Canal,
Venezia: nel privil. stabilimento nazionale di G. Antonelli editore, 1853, Biblioteca degli scrittori latini: *con
testoe note
La Ville de Mirmont, Henri: de, De Ausonii Mosella / thesim Facultati Litterarum Parisiensi proponebat H. de
La Ville de Mirmont, Parisiis: apud Hachette, 1892
______________________________________
Internet
Ausgaben, Übersetzungen, Kommentare, Hilfsmittel
Gesamtwerk
Peiper, R.: Decimi Magni Ausonii Burdigalensis opuscula. Leipzig 1886 (ND Darmstadt 1976).
Prete, S.: Decimi Magni Ausonii Burdigalensis opuscula. Leipzig 1978.
Green, R. P. H.: The Works of Ausonius. Edited with Introduction and Commentary. Oxford 1991.
Bolchazy, L. J./Sweeny, J. M. A.: Concordantia in Ausonium. Hildesheim/New York 1982.
Ternes, Ch. M.: Ausone. Bibliographie objective et subjective. Bulletin des antiquités luxembourgeoises 14,
1983.
Einzelne Schriften
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
242
Mosella
Hosius, C.: Die Moselgedichte des Decimus Magnus Ausonius und des Venantius Fortunatus. 3. Aufl.
Marburg 1926 (ND Hildesheim 1967).
John, W.: Ausonius Mosella. Einführung, Übersetzung und Erklärung. 1932 (2. Aufl. Trier 1980).
Marsili, A.: La Mosella di Ausonio. Edizione critica con traduzione e note italiane. Torino 1957.
Ternes, Ch.-M.: D. Magnus Ausonius, Mosella. Édition, introduction et commentaire. Paris 1972.
Weis, B. K.: Ausonius, Mosella, herausgegeben und in metrischer Übersetzung vorgelegt. Darmstadt 1989.
Sekundärliteratur
Allgemeine Literatur
Jullian, C.: Ausone et son temps. Revue historique 47, 1891, 241-266 und 48, 1892, 1-38.
Jullian, C.: Ausone et Bordeaux. Bordeaux 1893.
Pichon, R.: Études sur l'histoire de la littérature latine dans les Gaules. Les derniers écrivains profanes. Paris
1906.
Hopkins, M. K.: Social Mobility in the Later Roman Empire: The Evidence of Ausonius. CQ NS 11, 1961,
239-249.
Etienne, R.: Bordeaux antique. Bordeaux 1962.
Paschoud, F.: Roma aeterna. Études sur le patriotisme romain dans l'occident latin a l'époque des grandes
invasions. Neuchâtel 1967, 23-32.
Witke, Ch.: Numen litterarum. The Old and the New in Latin Poetry from Constantine to Gregory the Great.
Leiden/Köln 1971.
Isbell, H.: Decimus Magnus Ausonius. The Poet and his World. In: Binns, J. W. (Hrsg.): Latin Literature of
Fourth Century. London/Boston 1974.
Nellen, D.: Viri litterati. Gebildetes Beamtentum und spätrömisches Reich im Westen zwischen 284 und 395
nach Christus. Bochumer Historische Studien. Alte Geschichte Nr. 2. Bochum 1977.
Fontaine, J.: Études sur la poésie latine tardive d'Ausone à Prudence. Paris 1980.
Green, R. P. H.: The text of Ausonius. RhM 125, 1982, 343-361
Gruber, J.: Ausonius und der Beginn der spätantiken lateinischen Literatur. Festschrift für Paul Klopsch.
Göppingen 1988, 67-82.
Kaster, R. A.: Guardians of Language: The Grammarian and Society in Late Antiquity. Univ. of. California
Press Berkeley/Los Angeles/London 1988, bes. 247ff.
Herzog, R./Schmidt, P.L. (Hrsg.): Restauration und Erneuerung. Die lateinische Literatur von 284 bis 374 n.
Chr. Handbuch der lateinischen Literatur der Antike 5. München 1989, bes. 268-308.
Lossau, M.J. (Hrsg.): Ausonius. WdF 652. Darmstadt 1991.
Alvar Ezquerra, A.: Estado actual de los estudios sobre Ausonio. Bibliografía crítica 1960-1987. Estudios
clásicos 33, 1991, Nr. 99, 53-96.
Sivan, H.: Ausonius of Bordeaux. Genesis of a Gallic aristocracy. London/New York 1993.
Zu einzelnen Schriften
Commemoratio professorum Burdigalensium
Wedeck, H. E.: A Gallery of Roman Schoolmaster in Ausonius. CW 27, 1934, 137f.
Favez, Ch.: Une école gallo-romaine au IVe sicle. Latomus 7, 1948, 223-233.
Hatinguais, J.: Vertus universitaires selon Ausone. REA 55, 1952, 379-387.
Principato, M.: Poesia familiare e poesia descrittiva in Ausonio. Aevum 35, 1961, 399-418.
Szelest, H.: Lyrische Motive in Ausonius' Sammlung Commemoratio professorum Brudigalensium. Ziva
antika 25, 1975, 156-163.
Szelest, H.: Valete inclitorum rhetorum (Ausonius' "Commemoratio professorum Burdigalensium"). Eos 63,
1975, 75-87.
Szelest, H.: Ausonius und Suetonius. Ziva antika 26, 1976, 156-163.
Booth, A. D.: Notes on Ausonius' Professores. Phoenix 32, 1978, 235-249.
Green, R. P. H.: Still Waters Run Deep: A New Study of the Professores of Bordeaux. CQ NS 35, 1985, 491506.
Epigramme
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
243
Bernt, G.: Das lateinische Epigramm im Übergang von der Spätantike zum frühen Mittelalter. Münchner
Beiträge zur Mediävistik und Renaissance-Forschung 2. München 1968.
Szelest, H.: Die Spottepigramme des Ausonius. Eos 64, 1976, 33-42.
Mosella
Hosius, C.: Die literarische Stellung von Ausons Moselgedicht. Philologus 81, 1926, 192-201.
Marx, F.: Ausonius' Lied von der Mosel. RhM 80, 1931, 368-392.
Galdi, M.: Ad quosdam Ausonianae Mosellae locos. Rivista di filologia indo-graeca-italica 16, 1932, 125-133.
Deubner, L.: Zum Moselgedicht des Ausonius. Philol. 89, 1934, 253-258.
John W.: Zur Gliederung der Mosella des Ausonius. Hermes 78, 1943, 97-105.
Posani, M. R.: Reminiscenze die poeti latini nella "Mosella" di Ausonio. SIFC 34, 1962, 31-69.
Korzeniewski, D.: Aufbau und Struktur der Mosella des Ausonius. RhM 106, 1963, 80-95.
Görler, W.: Vergilzitate in Ausonius' Mosella. Hermes 97, 1969, 94-114 (= WdF 652, 146-175).
Ternes, Ch.-M.: Paysage réel et coulisse idyllique dans la "Mosella" d'Ausone. REL 48, 1970, 376-397
(deutsch WdF 652, 176-200).
Wightman, E. D.: Roman Trier and the Treveri. London 1970.
König, B.: Summationsschema und Epigramm. Zerstreute Anmerkungen zu Ausonius (Mosella, V. 27-32)
und zur lateinischen und italienischen Lyrik de Renaissance. In: Droege, G. u. a. (Hrsg.): Verführung zur
Geschichte. Festschrift zum 500. Jahrestag der Eröffnung einer Universität in Trier. 1473, 1973. Trier 1973,
1-19 (= WdF 652, 201-228).
Ternes, Ch.-M.: Topographie trévire dans la "Mosella" d'Ausone. In: Chevallier, R. (Hg.): Littérature grécoromaine et géographie historique. Mélanges offerts à Roger Dion. Caesarodunum IX bis. Paris 1974, 207 217.
Tränkle, H.: Zur Textkritik und Erklärung von Ausonius Mosella. MH 31, 1974, 155-168 (= WdF 652, 229249).
Fuchs, H.: Textgestaltung in der Mosella des Ausonius. MH 32, 1975, 173-182.
Kenny, E. J./Diggle, J.: Ausoniana. Proceedings of Cambridge Philol. Soc. 22, 1976, 54f. (zu Mos. 144ff. und
305f.).
Shackleton Bailey, D. R.: Ausoniana. AJPh 97, 1976, 248-261.
Badian, E.: Additamenta Ausoniana. AJPh 98, 1977, 139f. (zu Mos. 374).
Friedrich, W. H.: Dauer im Wechsel. Göttingen 1977, 269 (zu Mos. 316).
Ternes, Ch.-M.: Les éléments du paysage antique en pays trévire. Réflexions générales. Caesarodunum 13,
1978, 54-59.
Ternes, Ch.-M.: Éléments de rhétorique dans la Mosella d'Ausone. In: La rhétorique à Rome.
Caesarodunum XIVbis. Paris 1979, 153-160.
Ludwig, K. H.: Die technikgeschichtlichen Zweifel an der Mosella des Ausonius sind unbegründet.
Technikgeschichte 48, 1981, 131-134.
Simms, D. L.: Water-driven saws, Ausonius, and the authenticity of the Mosella. Technology and Culture 24,
1983, 635-643 (zu Mos. 361-364).
Ternes, Ch.-M.: La notion de verus limes dans la Moselle d'Ausone. La civitas des Trévires comme exemple
d'une réussite provinciale. In: La patrie gauloise d'Agrippa au VIe siècle. Actes du Colloque Lyon 1981. Lyon
1983, 355-372.
Kenney, E. J.: The Mosella of Ausonius: G & R 31, 1984, 190-202
Roberts, M.: The Mosella of Ausonius. An interpretation. TAPhA 114, 1984, 343-353 (deutsch WdF 652,
250-264).
Schwinden, L.: Das römische Trier seit der Mitte des 4. Jahrhunderts. In: Rheinisches Landesmuseum Trier
(Hg.): Trier - Kaiserresidenz und Bischofssitz. Die Stadt in spätantiker und frühchristlicher Zeit. Mainz 1984,
34ff.
Martin, R.: La Moselle d'Ausone est-elle un poème politique? REL 63, 1985, 237-253.
Szelest, H.: Die 'Mosella' des Ausonius und ihre literarische Tradition. Eos 75, 1987, 95-105.
Haury, A.: "Das Wasser rauschte, das Wasser schwoll". Roma renascens. Festschrift I. Opelt. Frankfurt
1988, 114-117 (zum Fischkatalog).
Newlands, C.: Naturae mirabor opus. Ausonius' challenge to Statius in the Mosella. TAPhA 118, 1988, 403419.
Lourenço, F.: Ausónio, Mosella 389 e Própercio 3,1,13. Euphrosyne 17, 1989, 259-264.
Wikander, Ö.: Ausonius' saw-mills, once more. Opuscula Romana 17, 1989, 185-190.
Nardo, N.: Ausonio e Orazio. Paideia 45, 1990, 321-336.
Nugent, S. G.: Ausonius' "late-antique" poetics and "post-modern" literary theory. Ramus 19, 1990, 26-50.
Sivan, H.S.: Redating Ausonius' Moselle, AJPh 111, 1990, 383-394.
Marcone, A.: Ausonio e la città della Mosella. In: Eck, W./Galsterer, H. (Hrsg.): Die Stadt in Oberitalien und in
den nordwestlichen Provinzen des Römischen Reiches. Köln 1991, 201-216.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
244
Ternes, Ch.-M.: Ausone lecteur d'Horace: "nature" et "sagesse". In: Chevalier, R. (Hrsg.): Présence
d'Horace. Caesarodunum 23 bis, 1988, 255-262.
Alvar Ezquerra, A.: Realidad e ilusión en la poesia latina tardoantigua: notas a propósito de estética literaria.
Emerita 60, 1992, 1-20.
Etienne, R.: Ausone et le vin. Fs. Fontaine I, Paris 1992, 511-516.
Ordo urbium nobilium
Szelest, H.: Die Sammlung Ordo urbium nobilium des Ausonius und ihre literarische Tradition. Eos 61, 1973,
109-122.
Classen, C. J.: Die Stadt im Spiegel der Descriptiones und Laudes urbium in der antiken und
mittelalterlichen Literatur bis zum Ende des zwölften Jahrhunderts. Beiträge zur Altertumswissenschaft 2.
Hildesheim/New York 1980 (2. Aufl. 1986).
Opelt, I.: Ausonius und die Laudes Constantinopolitanae. In: Diess.: Paradeigmata Poetica Christiana.
Untersuchungen zur christlichen lateinischen Dichtung. Düsseldorf 1988, 76-83.
Parentalia
Favez, Ch.: Une famille gallo-romaine au IVe siècle. MH 3, 1946, 118-131 (deutsch bei Lossau, 11-33).
Gradilone, Th. J.: The texte of the Parentalia and Professores of Decimus Magnus Ausonius. Diss. Fordham
Univ. 1962 (DA 23, 1963, 3360).
Consolino, F. E.: Al limite della tarda antichit: I Parentalia di Ausonio. Studi classici e orientali 26, 1977, 105127.
Green, R. P. H.: Prosopographical notes on the family and friends of Ausonius. BICS 25, 1978, 19-27.
Guastalla, G.: I Parentalia come testo antropologico. L'avunculato nel mondo celtico e nella famiglia di
Ausonio. Materiali e discussioni per l'analisi dei testi classici 4, 1980, 97-124.
Rezeption
Charlet, J.-L.: L'influence d'Ausone sur la poésie de Prudence. Aix-en-Provence/Paris 1980.
___________________________
"Ausonio¸ Decimo Magno - Encarta"
Ausonio, Decimo Magno (Burdigala, oggi Bordeaux 310 ca. - 395 ca. d.C.), poeta latino e insegnante di
retorica. Fu nominato precettore di Graziano, figlio di Valentiniano I, e grazie ai favori della corte fece
rapidamente carriera diventando addirittura console. La sua produzione poetica abbraccia un'ampia gamma
di forme metriche e di soggetti. Fra le opere più significative meritano di essere ricordate: la Mosella, un
minuzioso resoconto di viaggio in versi; i Parentalia epigrammi in memoria dei parenti defunti di Ausonio;
l'Ordo nobilium urbium, che descrive varie città notevoli dell'impero romano; l'Efemeride, che raccoglie varie
poesie di argomento quotidiano.
"Ausonio¸ Decimo Magno - Treccani"
Ausonio Decimo Magno (Bordeaux 310 - 395 d.C.). Poeta grammatico latino del periodo della decadenza.
Fu il pedagogo di Flavio Graziano che, nominato imperatore nel 375, conferì al suo emaestro la carica di
governatore della Gallia e poi della Libia e lo aiutò a raggiungere il consolato. Dopo la morte di Graziano,
Ausonio si ritirò dalla vita politica e trascorse gli anni sereni ed operosi della vecchiaia dedicandosi a
scrivere. Di lui restano molte opere latine, tra cui il poemetto in esametri Mosella, pittoresca e poetica
descrizione dell'omonimo fiume ed un volume di epigrammi, di cui uno in onore di Milano.
Ausonio, Decimo Magno - Riposati
1. Vita. - II. L'opera. - 1ll. n mondo poetico li Ausonio
I. - Vita. Decimo Magno Ausonio (D. Ma8nus Ausontus) nacque circa il 310 a Burdigala (I'odierna Bordeaux),
da onorata famiglia pagana. Suo padre era medico, e, accanto a lui, egli compí i primi suoi studi, che
perfezionò poi a Tolosa, sotto la vigile guida dello zio materno. Tornato a Bordeaux, già segnalato per la sua
cultura, ottenne una cattedra d'insegnamento per la grammatica e la retorica. Tra i suoi piú illustri alunni va
ricordato Paolino, il futuro vescovo di Nola. Come maestro si acquistò ben presto cosí larga fama che
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
245
l'imperatore Valentiniano lo chiamò alla corte di Trèviri, per affidargli l'educazione del figlio Gra ziano; lo volle
inoltre a fianco nella campagna alamànnica del 368 369, e lo innalzò al grado di comes e di questore del
Sacro Palazzo. Sotto Graziano, poi, fu nominato prefetto della Gallia e della Libia, del Lazio e dell'Illirico e gli
fu associato in sí vasta amministrazione il figlio Espèrio; nel 379 ottenne persino il con, solato, e di questo
onore si vantò poi per tutta la vita. Morto violentemente quattr'anni dopo Graziano, il poeta si ritirò a vita
privata nella sua città natale, ed ivi passò i suoi ultimi anni nello stu, dio e nell'ammirazione di tutti. Si
spense, circa il 400, forse già ottantacinquenne, longèvo al pari del padre, che era vissuto no vanta anni.
Nell'ultimo periodo di sua vita era diventato cristiano; ma la sua fu una religione piuttosto ritualistica, essendo
egli rimasto legato spiritualmente al mondo della sua educazione culturale.
II. - L'opera. - Immensa è la sua produzione poetica, su argomenti di varia natura, nei metri piú diversi e nelle
forme piú disparate: dall'epigramma all'epistola, dall'epitàfio all'epitalàmio, dall'iscrizione laudativa ai fasti,
dall'idillio al poemetto geografico. Diremo di ciascuno brevemente, procedendo, il piú possibile, per
raggruppamentifi suggeriti da una certa affinità di contenuto.
a) Vengono innanzi gli Epigrammi e le Epistole: assai numerosi i primi (piú di un centinaio), in massima parte
in distici elegiaci, in lingua greca e latina, d'ispirazione occasionale e profana ('), o tradotti dall'Antologia,
detta piú tardi ' Palatina '; sono spesso variazioni ripetute sullo stesso argomento e, in generale, non
riguardano direttamente la vita del poeta; perciò, anche se limpidi e dtimpeccabile fattura, appaiono freddi e
manierati.
Le Epistole, venticinque in tutto, sono in forma metrica varia, talune anche in prosa e precedute da una
prefazione, in prosa anch'essa, indirizzate a personaggi diversi: a Teóne, a Símmaco, a Probo, prefetto del
pretorio, e tre a Paolino, per distoglierlo dal suo proposito di darsi alla vita sacerdotale (Paolino gli rispose
con due lettere, confermando al maestro il suo irremovibileproposito).
Agli Epigrammi e alle Epistole possono riallacciarsi per la varietà dei metri (dall'ode saffica ai trimetri e
dimetri giambici, dagli esametri ai distici elegiaci) i componimenti di argomento vario, riuniti nella Ephemeris,
il est totius diei negotium. (<( Efemèride, cioè le operazioni abituali dell'intera giornata)>), la cui stesura risale
ad anni diversi.
La trama dei singoli canti è semplicissima: I'ordine dato al servo Parmènone di alzarsi, di recare al padrone
la veste e i calzari quindi di preparargli il bagno; segue la preghiera, di contenuto e di forma cristiana; poi il
poeta si prepara ad uscire per visitare gualche amico; segue l'invito di andarea tavola e l'opportuno
awerbmento rivolto al cuoco; tutto terrnina coi sogni e con le intime meditazioni che gli arrecherà la notte.
Qua e là, per qualche spunto vivace e realistico, par di leggere un mimiambo di Eròda. Si tratta, comunque,
di una sequèla dl rappresentazioni per quadri staccati e, purtroppo, lacunosi in due punti; tutti sono
ammirevoli per la perspicuità dello stile.
b) Di contenuto piamente rievocativo, e perciò associabili per affinità e sensibilità di ispirazione, sono i
Parentalia e la Commemoratio professorum Burdigalensium: la prima è una sílloge di componimenti
epigrammatici, ispirati alla memoria riverente dei propri cari (parentes) trapassati: trenta persone vengono
qui ricordate con accento quasi sempre commosso, in metro per lo piú elegiaco e con un tono di sincero
rimpianto; tale è il patetico Epicèdio, dedicato al padre scomparso, che viene introdotto a dire di sé
personalmente. Tono e accento consonanti ricorrono nella Commemoratio professorum Burdigalensium:
nella raccolta polimetrica (vi compaiono distici, saffiche, i metri cari alla tradizione neotèrica) predomina
l'interesse morale, e gli schizzi-o meglio, i ' medaglioni'-biografici dei maestri dei primi anni di studio del
poeta, accanto a quelli dei colleghi illustri e dei concittadini, ritraggono con finezza l'immagine del mondo
universitario della nobile e sapiente Burdigala del tempo. A queste due raccolte facciamo seguire, ma solo
per affinità esterna di argomento, perché si tratta di vacue esercitazioni retoriche, i 26 componimenti, per lo
piú in distici elegiaci, intitolati Epitàfi per gfli Eroi troiani: sono iscrizioni accademiche per personaggi mitici
già cantati da Omero.
In ordine al carattere retorico e scolastico, che ha tanta parte nella produzione poetica di Ausonio, vanno
ricordati, accanto ai Caesares (')-i ' medaglioni ' in versi che egli volle dedicati al figlio Esperio-, i 168
esametri contenenti le 20 caratterizzazioni delle città principali dell'Impero, da Roma a Burdigala, dette Orlo
nobilium úrbium; della stessa natura è anche il Ludus VII Sapientum, dedicato a Pacato Drepànio,
proconsole d'Africa nel 390.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
246
I Sette Sapienti vengono introdotti a dire, ognuno, la propria sen tenza, non sempre, in verità, corrispondente
a quella attribuita dalla tradizione a ciascuno di essi; le sentenze vengono enunciate dapprima in greco e poi
tradotte; alla fine, i Sapienti, come gli attori della o palliata ', sollecitano l'applauso degli spettatori-uditori (2).
in "so il poeta addita a costui gli autori che dovrà leggere, ed aggiunge anche notizie sulla propria attività
didattica.
Ancora all'abituale professione di Ausonio ci riportano le poesie raccolte nell'Eclogarsn likr, contenenti dei
veri e propri versi mnemonici, atti a ricordare i nomi dei giomi della settimana, quelli dei mesi, la divisione e
diversità dei giorni in ciascun mese, le giornate festive. II poeta si valse qui dei Prata di Svetonio.
Poco piú che un lavoro di scuola sono le Periochae, o compendi, di ciascun libro
Di tutt'altro genere e contenuto, gua e là persino audace e licenzioso, è il Cento Nuptialis, composto nel 368
in gara con I imperatore stesso, Valentiniano.
Il poeta dedicò all'amico Axio Paolo questo curioso epitalàmio intessuto di !nten versi o di emistichi presi qua
e là da Virgilio e cuciti abilmente Insieme, ma con un significato del tutto diverso. In esso 5i descrivono, in sei
episodi, la cena nuziale, l'uscita della sposa e dello sposo, l offerta dei doni, il vero e proprio epitalàmio con
l'aggiunta di motivi fescenninici.
Non si può non provare un senso di stupore di fronte all'audacia e poeta, che nmuta, traspone, sconvolge,
dà toni ed echi nuovi, e moralmente antitètici, ai versi e alle parole del Mantovano. Dei centoni virgi iani dell
epoca questo è forse il piú noto, di piú scoperto, se non geniale, artifizio. Il poeta stesso sentí, alla fine, il
bisogno di scusarsi
c) Da ultimo, i capolavori di Ausonio, le composizioni in CUI ritroviamo accenti di genuina e personale
ispirazione: la Bissula e la Mosella.
Sílloge polimetrica di carmi brevi e giuntici frammentari è quella mtltolata Bissula, contenente alcuni elogi per
la piccola schiava sveva, avuta come preda di guerra durante la campagna alamànnica di Valentiniano e
Graziano (anni 368-369).
In questi 4 epigrammi, a cui sono premesse tre diverse prefazioni rispettivamente in prosa, in tetrametri
trocaici, in distici archilochèi, ii poeta espr!me .l suo tenero, paterno affetto per la piccola bionda creatura,
dagll occhi azzurri, dalla parlata germanica, dal nome esòtico c e a lus suona gradito: un incanto di bellezza,
che il poeta ha voluto eternare col cuore e con la mente in questo piccolo capolavoro di commossa umanità,
dove è forse il meglio della poesia di Ausonio.
dell'lliade e dell'Odissea scritte, per lo piú, in prosa, ma precedute, libro per libro primo verso dellongxnale
greco, tradotto in un corrispondente esametro latino i timbro ed eco nrgiliani, ma di fattura inferiore a quella
del testo omerico Pre cedeva oI tutto una introduzione, giuntaci alquanto lacunosa, sul contenuto dell 11tade
e sui rapporti dl questa con la saga ilíaca; taluni considerano questo lavoro probai e opera d uno scolaro di
Ausonio.-(t) Vanno inoltre ricordati: Griphus femarWi nurnen (una specie di indovinello o 'rebus' sulle
significazioni connesse col numero opaeguon (' Scherzuccio di elaborazione tecnica '), virtuosismo metrico
nelintreccio da versi, e qualche saggio prosastico, come il discorso rivolto nel 379 a Craziano, in occasione
della sua nomina a console (Gratiartw71 actio dicta domino
Negli anni in cui Ausonio era alla corte di Valentiniano, in Trèviri, città bagnata dalla Mosella, il poeta
compose, certamente prima del 375, in 483 esametri di classica fattura il poemetto, intitolato dal fiume
stesso, Mosclla, e giudicato il suo capolavoro.
Ausonio, lieto di trovarsi nella città che allora era residenza della corte e uno dei centri piú fiorenti
dell'Impero, scioglie un inno alla bellezza del paesaggio e del fiume che lo adorna. Ne canta la limpidezza
delle acque, la quantità e varietà e i sistemi di cattura dei pesci, che vi abbondanoj l'amenissimo distendersi
delle rive e dei colli, amman, tati di lussureggianti vigne e popolati da magnifiche ville, la particolare
floridezza della sponda di esso da tempo incivilita dai Romani, in confronto a quella rimasta selvaggia verso
la parte che guarda la Germania- immagina i lieti divertimenti degli dèi e delle dèe che folleggiano invisibili
nel fiume, le gare dei nuotatori e dei rematori sulle sue acque- enumera i principali affluenti; delinea le
caratteristiche delle popolazioni rivierasche; dopo aver raggiunto, nel suo poetico viaggio, il punto di
confluenza fra Reno e Mosella, promette al lettore un nuovo poema epico su tale fiume, per quando egli sarà
tornato in patria, sulle rive della nativa Garonna.
II poemetto, pieno di echi virgiliani ed ovidiani, nonché di allusioni mitologiche e di digressioni etnogràfiche,
condotto secondo le piú precise norme retoriche, concernenti le composizioni di natura ' ecfràstica ', cioè
descrittiva, ci spiega dinanzi quello che di bello e di meraviglioso ha colà la natura raccolto e che il'pennello
del poeta ha saputo rendere ancor piú incantevole. Poesia schietta, fresca, pura, piena di movimento e di
colore, ma soprattutto di impressioni vive, quasi mosse da un che di fantastico e di magico. Qui Ausonio
sembra superare se stesso.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
247
III. - I1 mondo poetico di Ausonio. - Una valutazione assoluta della figura e dell'opera di Ausonio non può
essere positiva se non in minima parte. Egli infatti restò, fondamentalmente, un letterato, un maestro, un
uomo di educazione, di mentalità, di gusti scolastici, poco aperto e sensibile ai valori e agli ideali della vita
spirituale e politica, ai grandi drammi religiosi del suo tempo. Come tale, visse e scrisse-da dotto ed onesto
provinciale-immerso nell'erudizione e nella retorica, legato alla scuola, ai ricordi e ai personaggi di essa,
intento a fare e rifare, su schemi, su metri, su forme diverse, quanto le occasioni gli suggerivano, I
insegnamento e sI desiderio della lode gli proponevano. L'incredibile ricchezza delle forme e dei
raffinatissimi lust1s metrici tradisce un virtuosismo di maniera e nasconde spesso una povertà di ispirazione
tale da farlo apparire ben poco poeta.
Troppe cose egli volle dire, troppe metterne in versi: epica, storia, cronologia, vita quotidiana, panegírico,
biografia, produzione centonaria '. E il maestro di retorica è presente, purtroppo, dovunque. Solo quando il
momento patètico lo prende, come negli epigrammi alla schiavetta Bíssula, la retorica cede il posto al
sentimento, e le immagini acquistano morbidezza di contorni umani: anche quando si abbandona
ingenuamente alla contemplazione della natura, come in qualche spunto felice della Mosella, e il vono Sl
eleva e diventa evasione dalla realtà, canto di spirito, riaffiorano le qualità plÚ proprie dell'arte sua.
Gsellatore del minuto e del ricercato, conosce tutte le risorse di un linguaggio plastico ed espresSIVO, che la
lettura dei classici e l'esercizio dell'insegnamento gli avevano straordinariamente affinato: in questo senso
egli è un signore dell'espressione, classico ancora nel pensiero e nella forma, talora contorto, perché troppo
studiato, ma quasi semPre lucldo e puro.
Ad Ausonio mancò la prospettiva della vita e della storiacome nulla comprese del dramma spirituale di
Paolino, cosí pe; nulla si lasciò impressionare da quanto accadeva attorno a lui: continuò a vivere del
passato, senza affatto preoccuparsi che un mondo nuovo sorgeva e reclamava dagli spiriti cólti la
partecipazione alla vita, alla poesia, all'arte. Pur diventato cristiano, consenò integro il culto alla paganità e al
suo lusus poetico, che lo mise fuori dagli anèliti e dai bisogni della sua età: non seppe far rivivere l'antico col
fàscino della grande poesia, non seppe aprirsi nuove vie né dare nuovo spirito e nuove forme alla sua arte.
La sua opera artistica, a parte qualche pagina di rara finezza, appartiene alla cultura e alla storia, piú che al
patrimonio immortale e genuino della poesia.
Von Albrecht, St.lett.lat., 3, pp. 1339-55
2.3. Fonti, modelli, generi.
Accanto ai suoi preferiti Catullo ed Orazio, Ausonio riflette un ampio spettro di poesia latina: Plauto,
Terenzio, Lucrezio, Virgilio, Tibullo, Ovidio, Lucano, Stazio, Giovenale e Settimio Sereno (al quale è debitore
del titolo Opuscula). Tra i prosatori il primo posto è occupato da Cicerone e dai due Plinii; inoltre egli
conosce Varrone, Svetonio, Florio e forse Mario Massimo.
Autori latini arcaici come Afranio, Ennio, Lucilio sono da lui citati di seconda mano.
La Mosella presenta contatti con gli encomi, ma anche con poemi come gli Halieutica; anche di Apuleio
esisteva un'opera sui pesci. Su di essa influiscono anche le descrizioni poetiche di regioni (“corografie”,
come quella di Varrone Atacino); l'idealizzazione ricorda l'elogio dell'Italia nelle Georgiche di Virgilio.
Gli epigrammi si fondano sovente su fonti greche; Marziale passa stranamente in seconda linea - a tutto
danno di Ausonio. Gli Eroi Troiani derivano dallo Pseudo-Aristotele. Appare manifesto che una storia
dell'epigramma latino non può essere scritta senza uscire dai limiti della lingua.
Dell'elaborazione di nuovi generi poetici ci occuperemo nel prossimo paragrafo.
2.4. Tecnica letteraria.
Nella Commemoratio professorum Burdigalensium'9 sono rappresentati essenzialmente due tipi poetici:
encomi, nel cui centro viene valutata da punti di vista sistematici l'attività pubblica d'insegnamento, e testi
nella cui parte centrale domina l'elemento biografico, perché dal punto di vista professionale non c'è molta
materia d'encomio.
Molte composizioni si chiudono con un'apostrofe al defunto; i motivi consolatori sono piuttosto rari. Tali carmi
commemorativi - sostenuti dall'attaccamento personale e dalla simpatia, ma non dalla lode esagerata -, che
abbozzano un ritratto quanto piú possibile fedele del defunto, costituiscono un nuovo tipo poetico creato da
Ausonio (commemoratio), nel quale si uniscono fra loro elementi della laudatio, dell'epicedio, dell'elegia e
dell'epigramma sepolcrale. In luogo del pathos del lutto domina l'ethos personale. Uno stimolo
all'elaborazione contenutistica e formale può essere venuto, fra l'altro, dal De grammaticis et rhetoribus di
Svetonio, che caratterizza anch'esso l'indole individuale dei singoli grammatici. Il senso romano del concreto
e dell'individuale, del dato di fatto eloquente, che è documentato in Svetonio, in Ausonio si riverbera sulla
poesia e crea in essa una nuova forma.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
248
Anche l'Ordo urbium nobilium rappresenta un nuovo tipo poetico. Qui elementi formali dell'epigrammatica
greca si uniscono alle descriptiones romane, che finora apparivano come componenti di testi piú ampi, ma
che qui si rendono autonome e addirittura si raccolgono in un ciclo.
Di contro gli epigrammi satirici non sono creativi né nella forma né nel contenuto. Ausonio si limita alla
ripetizione di stereotipi; l'eccessiva preoccupazione di chiarire e spiegare le frasi ad effetto produce
un'impressione di pedanteria e non è scusabile, tanto piú se si ammette che il poeta si rivolga a
degl'“intenditori”.
In un piccolo gioiello come l'Epistola al figlio Ausonio è degno continuatore della lirica retorica del carme
staziano Al sonno.
2.5. Lingua e stile.
Come a suo tempo Lucilio, Ausonio mescola latino e greco in una specie di poesia maccheronica: un modo
di procedere che fa violenza ad entrambe le lingue e sembra tipico di epoche semicolte. Colpisce
l'approssimazione nel misurare la lunghezza sillabica in molti vocaboli greci - segno che il poeta non ha
eccessiva familiàrità con questa lingua. Ma anche in latino egli abbrevia la a di contra. Poiché non ha mai
abbandonato la Gallia, il suo latino è un documento della sensibilità linguistica del tempo in quella regione.
Ciononostante i suoi epigrammi dimostrano consapevolezza linguistica: Rufo dice remiinisco invece di
reminiscor - non possiede dunque cor (`intelletto': epigr. 8). Lo sventato trasferimento di schemi scolastici ad
oggetti estranei è denunciato dall'epigr. 61: lo stesso Rufo augura ad una coppia di sposi figli masculini,
feminini e neutri generis. Cosí l'umorismo non esce sovente dal chiuso dell'aula scolastica.
L'impiego degli aggettivi nella Mosella contribuisce sostanzialmente all'effetto poetico: i contrasti cromatici verde, rosso, bianco, 69 sg. -, la trasparenza dell'acqua (v. 55) ed i giochi di luce incantano il lettore. Anche
l'attenzione per i toni verdi e azzurri del paesaggio corrisponde ad un rafforzato interesse per gli effetti
coloristici nei poeti latini tardi. Vale comunque la pena di ricordare che in questo Ausonio s'incontra con
Ennio.
Nella Commemoratio professorum l'aspostrofe ai defunti è un importante strumento stilistico.
L'effetto lirico si unisce alla ripetizione retorica nell'Epistola al figlio: l'insistenza ossessiva su solus (7-9) e sic
(17-19) comunica con immediatezza al lettore il mesto stato d'animo del padre abbandonato.
2.6. Orizzonte concettuale I. Riflessione letteraria.
I criteri retorici di Ausonio corrispondono alla sua prassi: perite, concinne, modulate, dulciter (epist. 23,
prosa); il suo amore per la letteratura è connesso con l'idea dell'otium: nella vecchiaia si propone di leggere
nuovamente, col nipote, i classici: Orazio, Virgilio, Terenzio, Sallustio (anche le Historiae: epist. 22, 55-65). Il
suo approccio alla letteratura, come mostra il Protrepticus al nipote (epist. 22), è fortemente caratterizzato da
considerazioni pedagogiche. Ma simili affermazioni - difficilmente ci se ne poteva aspettare di diverse - non
toccano il cuore del problema.
La testimonianza piú importante della concezione che Ausonio ha di sé come letterato è il carattere sotto
ogni aspetto comprensivo della sua raccolta poetica. Al poeta tutto sembra degno di essere immortalato: il
suo ambiente familiare, i professori di Bordeaux, e molte altre cose. Come per Lucilio, si è tentati di
affermare che la vita dell'anziano signore ci sta davanti agli occhi come in un quadro votivo. Inoltre, come
per gli autori latini arcaici, si ha la sensazione che la persona valga di piú dei poveri versi spesso scritti
davvero come capita. La tematica “enciclopedica” degli Opuscula permette di ravvisare un'aspirazione
romana alla globalità. Nella farragine dell'apparentemente insignificante si avverte il tentativo di un individuo
di farsi specchio del mondo.
Un certo embrione di poesia personale si trova - almeno nelle intenzioni ed in forma accennata - nelle poesie
d'amore per la sveva Bissula. È significativo che Ausonio si ritenga in dovere di giustificare in una prefazione
il carattere personale di questi componimenti. In essi viene alla luce qualcosa che nella letteratura latina
cerca continuamente di salire alla superficie, ma viene spesso respinto verso il fondo da costrizioni letterarie
e sociali. Che ciò avvenga proprio in un poeta altrimenti cosí convenzionale e scolastico come Ausonio deve
essere considerato come commovente sintomo dell'epoca.
Ausonio stesso ha manifestamente la sensazione di non aver detto tutto nelle sue opere poetiche, dal
momento che le correda spesso di proemi, epiloghi ed inserzioni in prosa. E per l'appunto un letterato, e vive
in un'epoca che cerca veramente di verbalizzare proprio tutta la realtà, anche se in forme fisse e
convenzionalizzate. Poco piú tardi le Confessiones di Agostino fonderanno un nuovo tipo di letteratura
personale. In Ausonio, l'amico dichiarato della superficialità, non si va oltre spunti piú che modesti, e tuttavia
non completamente da disprezzare.
2.7. Orizzonte concettuale II.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
249
L'orizzonte concettuale di Ausonio ruota intorno alle persone che gli sono vicine, al paesaggio della sua terra
ed alla sua professione di retore. A queste persone ed a queste cose, per quanto insignificanti possano
essere singolarmente, è legato il suo cuore. In ciò egli è un vero romano. Nella Mosella, a dispetto di ogni
retorica, si crede di avvertire qua e là un sentimento moderno della natura. Piú della rappresentazione
idealizzata e tipizzata della Mosella sono i quadri delle città a trasmetterci un'idea della situazione del tempo
di Ausonio; non è sempre ovvio nell'antichità rappresentare poeticamente la realtà in questa maniera. I
professori di Bordeaux sovente vengono sí rappresentati con simpatia, ma senza lodi eccessive. Col suo
senso poetico dell'individuale e del concreto Ausonio si colloca già sulla soglia dell'età moderna.
Un aspetto totalmente “antico” - ma anche latino - è al contrario la predilezione per la retorica e i giochi
linguistici. Non manca peraltro neppure un nocciolo personale. Attraverso i manierati fiori retorici della
Gratiarum actio risuona, come legato spirituale del maestro all'imperatore, l'esortazione alla clemenza.
Dell'ambiente naturale del letterato fa parte anche l'amata lingua latina - il greco non è il suo forte - con i suoi
classici. Maestro nato, egli comunica con gioia - e spesso senza inibizioni di gusto - il piacere della cultura,
che per lui non è un venerando manichino, ma un elemento immancabile e ineliminabile della propria
suppellettile domestica, che - come nel Cento nuptialis- si può per una volta anche strapazzare a piacere.
Da questo punto di vista, contrariamente a quanto ci potremmo aspettare, egli prende tanto solennemente
sul serio i giochi della retorica e della piccola poesia casalinga da sentire come un tradimento il volgersi del
suo scolaro Paolino ad un cristianesimo intransigente. Le parole del convertito (Paulin. carni. io, 39 sg.)
contro i retori, che imbevono il cuore di falsità e di vanità ed educano solo la lingua, devono davvero averlo
colpito nel profondo (“qui corda falsis atque vanis imbuunt I tantumque linguas instruunt”).
2.8. Tradizione.
La tradizione di Ausonio è tra i problemi piú ingarbugliati della filologia classica; qui dobbiamo accontentarci
di qualche cenno. Ausonio invia agli amici esemplari in anteprima delle sue composizioni poetiche; la
pubblicazione vera e propria avviene successivamente con una lettera d'accompagnamento nella quale un
conoscente viene invitato - fittiziamente - a “migliorare” l'accluso componimento poetico. Alcune opere
poetiche sono tramandate anche con due lettere del genere; sono state dunque pubhlicate due volte'9.
Conosciamo due rami di tradizione risalenti alla tarda antichità: Un ramo x si diffonde in Ispagna; il suo
rappresentante principale è il Leidensis Vossianus Lat. F i r i, del secolo ix (= V): è la piú ampia raccolta
ausoniana; i tagli hanno sacrificato alcuni epigrammí.
Il secondo ramo della tradizione, y, risale probabilmente ad un I3obiensis; l'inizio è rappresentato dal Paris.
Lat. 8500, del secolo xm (- P). Prete considera il miglior rappresentante 1'Harleianus 2613 (h). Questa
tradizione conteneva anche le opere storiche oggi perdute. Y è piú breve di x; le soppressioni riguardano
soprattutto il settore personale.
La terza e meno estesa selezione, z, tralascia le opere storiche ed autobiografiche, ma reca la Gratiarum
actio ed i carmi erotici. Le varianti di z oggi non vengono piú considerate d'autore (di una “prima edizione”
intorno a1383), ma dovute ad una redazione interpolata, ma ancora “tardoantica”. Il Tilianus (Leidensis
Vossianus Lat. Q 107) del secolo xm o xv (= T) non è piú riconosciuto come il rappresentante principale di z.
2.9. Fortuna.
Ausonio viene letto da Endelechio, Prudenzio, Paolino da Pella, Sidonio, Ennodio e Venanzio Fortunato; il
suo influsso è avvertibile negli Epigrammata Bobiensia. Il suo discorrere disteso dà per piú di un aspetto il
tono alla cultura della Gallia tardoantica. Nel medioevo la Mosella influisce su Valafrido Strabone, Ermenrico
(entrambi IX sec.) e i Gesta Treverorum (XII sec.). Sentenze del nostro poeta vengono tramandate dalla
scuola, ma nel complesso l'eco è limitata, indubbiamente non solo a causa del carteggio con Paolino. Nel
primo Rinascimento l'interesse aumenta a partire da Benzone e Petrarca. Boccaccio possiede un Ausonio
completo. Montaigne legge il poeta “perché era di Bordeaux”. Erasmo lo cita volentieri negli Adagiorum
Collectanea, G. C. Scaligero nella Poetica; i poeti della Pléîade - Ronsard, Du Bellay, Baif - hanno familiarità
con lui. Lo stesso vale in Germania per C. Celtis e M. Opitz. Come epigrammista, peraltro, egli è messo in
ombra da Marziale e dall'Anthologia greca. La brillantezza di Ausonio è comunque celebrata da B. Graciàn
(1601-1658), una delle colonne del concettismo. Anche per Pope (1688-1744) e Richardson (1689-1761) il
nostro autore non è un ignoto. Lessing (1729-1781) s'interessa ad Ausonio; Goethe nel 1812 si occupa a
fondo del decimo epigramma, ne chiede una traduzione a Knebel e chiarimenti a J. W. Dóbereiner sul
veleno cui allude il te stosz; non legge dunque Ausonio primariamente per interesse poetico. Herder (17441803) si meraviglia della fortuna toccata al nostro poeta. Felix Dahn (1834-1912) lo ritrae nel suo romanzo
su Bissula.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
250
Claudio Claudiano
Cenni biografici
Nacque ad Alessandria intorno al 370 d.C..
A Roma giunse nel 394.
Dopo un soggiorno a Milano, come senatore, tornò a Roma nel 400, ove venne onorato con una
statua per il suo panegirico sul consolato di Stilicone.
Sposò proprio nel 400 una nobile africana, Serena.
Morì quasi sicuramente a Roma nel 404.
Opere
Carmina minora
Panegirici
In consulatum Olybrii et Probini, databile 395.
De III consulatu Honorii Augusti, in due libri, databile 396.
De IV consolatu Honorii Augusti, datbile 398.
De nuptiiis Honorii et Mariae, in due libri, databile 398.
De consolatu Manlii Theodori, in due libri 399.
De VI consolatu Honorii Augusti, in 2 libri, databile 404.
De bello Gildonico
Databile 398.
De bello Gothico
In Rufinum
In quattro libri, databile 395.
In Eutropium
In tre libri, databile tra il 399 e il 400.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
251
De bello Pollentino
In due libri, datbile al 402.
Epitalami
De raptu Proserpinae
Non databile con sicurezza.
Laus Serenae
Databile con approssimazione al 404.
Osservazioni
Testi e testimonianze
CIL VI, 1710 (=ILS 2949)
Oros., adv. nat., 7, 35,21
20. Non insulto obtrectatoribus nostris. Unum aliquod ab initio Urbis conditae bellum proferant tam pia
necessitate susceptum, tam divina felicitate confectum, tam clementi benignitate sopitum, ubi nec pugna
gravem caedem nec victoria cruentam exegerit ultionem, et fortasse concedam, ut non haec fidei Christiani
ducis concessa videantur; 21. quamvis ego hoc testimonio non laborem, quando unus ex ipsis, poeta
quidem exImius sed paganus pervicacissimus, huiusmodi versibus et Deo et homini testimonium tulit, quibus
ait:
O nimium dilecte Deo! tibi militat aether,
Et coniurati veniunt ad classica venti.
22. Ita caelitus iudicatum est inter partem etiam sine praesidio hominum de solo Deo humiliter sperantem et
partem adrogantissime de viribus suis et de idolis praesumentem. 23. Theodosius autem conposita
tranquillataque republica apud Mediolanium constitutus diem obiit.
20. Non voglio infierire sui nostri denigratori. Mi citino il caso di una sola guerra, a partire dalla fondazione di
Roma, iniziata per un motivo così pio, attuata con tanto divino successo, spenta con così clemente
benevolenza, in cui né la battaglia esigesse una dura strage né la vittoria una vendetta cruenta, e allora
forse potrò concedere che queste cose non siano state una concessione speciale alla fede di un condottiero
cristiano. 21. Quantunque io non abbia bisogno di questa testimonianza, dal momento che uno di loro, poeta
esimio, ma pagano pervicacissimo, con versi di questo tenore recò testimonianza del Dio e dell'uomo, là
dove dice:
« O troppo diletto da Dio! per te combatte l'etere, e i venti cospiranti accorrono allo squillo delle
trombe ».
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
252
22. Così il cielo ha giudicato tra la parte che, pur priva di aiuti umani, sperava umilmente nel solo Dio, e la
parte che arrogantemente contava sulle proprie forze e sui propri idoli. 23. Teodosio poi, riordinato e
pacificato lo stato, morì a Milano dove si era stabilito.
Trad. G. Chiarini, Milano, Mondadori, FLV, 19932. [Canova]
August., civ., 5,26,1
Testo latino
Per questo il poeta Claudiano, per quanto contrario al Cristianesimo, ha cantato nel Panegirico per lui: “O
prediletto di Dio, per cui Eolo fa uscire dagli antri un ciclone in anni, per cui combatte l’atmosfera e I venti si
adunano come alleati per le azioni militari.
Trad. D. Gentili, Roma, Città Nuova, 1997.
Fescennini, Epital. per Onorio e Maria 99-135; cf. Catullo
già riportata in vol. 1 per fescennini
De raptu Pros., 2,88-100: Il miracolo della primavera
De raptu Proserpinae
IntraText CT - Text
Viderat herboso sacrum de vertice vulgus
Henna parens florum curvaque in valle sedentem
compellat Zephyrum: Pater o gratissime veris,
qui mea lascivo regnas per prata meatu
semper et adsiduis inroras flatibus annum,
respice Nympharum coetus et celsa Tonantis
germina per nostros dignantia ludere campos.
Nunc adsis faveasque, precor, nunc omnia fetu
pubescant virgulta velis, ut fertilis Hybla
invideat vincique suos non abnuat hortos.
Quidquid turiferis spirat Panchaia silvis,
quidquid odoratus longe blanditur Hydaspes,
quidquid ab extremis ales longaevus harenis
colligit optato repetens exordia saeclo,
in venas disperge meas et flamine largo
rura fove. Merear divino pollice carpi
et nostris cupiant ornari numina sertis."
Dixerat. Ille novo madidantes nectare pennas
concutit et glebas fecundo rore maritat,
quaque volat, vernus sequitur rubor. Omnis in
herbas
turget humus medioque patent convexa sereno;
sanguineo splendore rosas, vaccinia nigro
induit et dulci violas ferrugine pingit.
Laus Stilichonis, 3,130-59: Encomio di Roma
F. D’Alessi © 2002
Parthica quae tantis variantur cingula gemmis
regales vinctura sinus? Quae vellera tantum
ditibus Assyrii spumis fuscantur aeni?
Non tales volucer pandit Iunonius alas,
nec sic innumeros arcu mutante colores
incipiens redimitur hiems, cum tramite flexo
semita discretis interviret umida nimbis.
Forma loci superat flores: curvata tumore
parvo planities et mollibus edita clivis
creverat in collem. Vivo de pumice fontes
roscida mobilibus lambebant gramina rivis
silvaque torrentes ramorum frigore soles
temperat et medio brumam sibi vindicat aestu:
apta fretis abies, bellis accommoda cornus,
quercus amica Iovi, tumulos tectura cupressus,
ilex plena favis, venturi nuntia laurus.
Fluctuat hic denso crispata cacumine buxus,
hic hederae serpunt, hic pampinus induit ulmos.
Haud procul inde lacus (Pergum dixere Sicani)
panditur et nemorum frondoso margine cinctus
vicinis pallescit aquis; admittit in altum
cernentes oculos et late pervius humor
ducit inoffensos liquido sub flumine visus,
imaque perspicui prodit secreta profundi.
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
253
De consulatu Stylichonis
IntraText CT - Text
Liber tertius
Quem populi plausu, procerum quem voce
petebas,
aspice, Roma, virum. Iam tempora desine longae
dinumerare viae visoque adsurgere semper
pulvere: non dubiis ultra torquebere votis.
Totus adest oculis, aderat qui mentibus olim,
spe maior, fama melior. Venerare curulem,
quae tibi restituit fasces; conplectere dextram,
sub iuga quae Poenos iterum Romana redegit;
excipe magnanimum pectus, quo frena reguntur
imperii, cuius libratur sensibus orbis.
Os sacrum, quod in aere colis, miraris in auro,
cerne libens: hic est pro te bellator ubique,
defensor Libyae, Rheni calcator et Histri.
Ostentare suos prisco si more labores
et gentes cuperet vulgo monstrare subactas,
certassent utroque pares a cardine laurus:
haec Alamannorum spoliis, Australibus illa
ditior exuviis; illinc flavente Sygambri
caesarie, nigris hinc Mauri crinibus irent;
ipse albis veheretur equis currumque secutus
laurigerum festo fremuisset carmine miles.
Hi famulos traherent reges; hi facta metallo
oppida vel montes captivaque flumina ferrent.
Hinc Libyci fractis lugerent cornibus amnes;
inde catenato gemeret Germania Rheno.
Sed non inmodicus proprii iactator honoris
consul, Roma, tuus. Non illum praemia tantum
quam labor ipse iuvat; strepitus fastidit inanes
inque animis hominum pompa meliore triumphat.
Non alium certe Romanae clarius arces
suscepere ducem, nec cum cedente rediret
Fabricius Pyrrho nec cum Capitolia curru
Pellaeae domitor Paulus conscenderet aulae.
Nec similis Latias patefecit gloria portas
post Numidas Mario, post classica Martis Eoi
Pompeio. Nulli pars aemula defuit umquam
quae gravis obstreperet laudi, stimulisque
malignis
facta sequebatur quamvis ingentia livor.
Solus hic invidiae fines virtute reliquit
humanumque modum. Quis enim livescere possit
quod numquam pereant stellae, quod Iuppiter
altum
possideat caelum, quod noverit omnia Phoebus?
Est aliquod meriti spatium quod nulla furentis
invidiae mensura capit. Ductoribus illis
praeterea diversus erat favor: aequior ille
patribus, invisus plebi; popularibus illi
munito studiis languebat gratia patrum.
Omnis in hoc uno variis discordia cessit
ordinibus: laetatur eques plauditque senator
votaque patricio certant, plebeia favori.
O felix, servata vocat quem Roma parentem!
F. D’Alessi © 2002
O mundi communis amor, cui militat omnis
Gallia, quem regum thalamis Hispania nectit,
cuius et adventum crebris petiere Quirites
vocibus et genero meruit praestante senatus!
Non sic virginibus flores, non frugibus imbres,
prospera non fessis optantur flamina nautis
ut tuus aspectus populo. Quae numine tanto
litora fatidicas attollunt Delia laurus,
venturi quotiens adfulsit Apollinis arcus?
Quae sic aurifero Pactoli fonte tumescit
Lydia, cum domitis apparuit Evhius Indis?
Nonne vides et plebe vias et tecta latere
matribus? His, Stilicho, cunctis inopina reluxit
te victore salus. Septem circumspice montes,
qui solis radios auri fulgore lacessunt,
indutosque arcus spoliis aequataque templa
nubibus et quidquid tanti struxere triumphi.
Quantae profueris, quantum servaveris urbem,
attonitis metire oculis. Haec fabula certe
cuncta forent, si Poenus adhuc incumberet
Austro.
Mos erat in veterum castris, ut tempora quercu
velaret, validis fuso qui viribus hoste
casurum potuit morti subducere civem.
At tibi quae poterit pro tantis civica reddi
moenibus? Aut quantae pensabunt facta
coronae?
Nec solam populi vitam debere fatetur
armis Roma tuis; sed, quo iucundior esset
lucis honoratae fructus, venerabile famae
pondus et amissas vires et regna recepit.
Iam non praetumidi supplex Orientis ademptam
legatis poscit Libyam famulosve precatur
(dictu turpe) suos, sed robore freta Gabino
te duce Romana tandem se vindicat ira.
Ipsa iubet signis bellaturoque togatus
imperat: expectant aquilae decreta senatus.
Ipsa tibi trabeas ultro dedit, ipsa curulem
obtulit ultori fastosque ornare coegit.
Nil perdit decoris prisci nec libera quaerit
saecula, cum donet fasces, cum proelia mandet
seque etiam crevisse videt. Quis Gallica rura,
quis meminit Latio Senonum seruisse ligones?
Aut quibus exemplis fecunda Thybris ab Arcto
venit Lingonico sudatas vomere messes?
Illa seges non auxilium modo praebuit urbi,
sed fuit indicio, quantum tibi, Roma, liceret:
admonuit dominae gentes instarque tropaei
rettulit ignotum gelidis vectigal ab oris.
Hoc quoque maiestas augescit plena Quirini,
rectores Libyae populo quod indice pallent
et post emeritas moderator quisque secures
discrimen letale subit: quid Poenus arator
intulerit, madidus quantum transmiserit Auster.
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Ardua qui late terris responsa dedere,
hic trepidant humiles; tremuit quos Africa nuper,
cernunt rostra reos. Cani virtutibus aevi
materiem pandit Stilicho populumque vetusti
culminis inmemorem dominandi rursus in usum
excitat, ut magnos calcet metuendus honores,
pendat iustitia crimen, pietate remittat
errorem purosque probet damnetque nocentes
et patrias iterum clemens exerceat artes.
Fallitur egregio si quis sub principe credit
servitium. Numquam libertas gratior extat
quam sub rege pio. Quos praeficit ipse regendis
rebus, ad arbitrium plebis patrumque reducit
conceditque libens, meritis seu praemia poscant
seu punire velint. Posito iam purpura fastu
de se iudicium non indignatur haberi.
Sic docuit regnare socer, sic casta iuventae
frena dedit, teneros his moribus imbuit annos,
verior Augusti genitor, fiducia belli,
pacis consilium, per quem squalore remoto
pristina Romuleis iam floruit artibus aetas,
per quem fracta diu translataque paene potestas
non oblita sui servilibus exulat arvis,
in proprium sed ducta larem victricia reddit
fata solo fruiturque iterum, quibus haeserat olim,
auspiciis capitique errantia membra reponit.
Proxime dis consul, tantae qui prospicis urbi,
qua nihil in terris conplectitur altius aether,
cuius nec spatium visus nec corda decorem
nec laudem vox ulla capit, quae luce metalli
aemula vicinis fastigia conserit astris,
quae septem scopulis zonas imitatur Olympi,
armorum legumque parens, quae fundit in omnes
imperium primique dedit cunabula iuris,
haec est exiguis quae finibus orta tetendit
in geminos axes parvaque a sede profecta
dispersit cum sole manus. Haec obvia fatis
innumeras uno gereret cum tempore pugnas,
Hispanas caperet, Siculas obsideret urbes
et Gallum terris prosterneret, aequore Poenum,
numquam succubuit damnis et territa nullo
vulnere post Cannas maior Trebiamque fremebat,
et, cum iam premerent flammae murumque feriret
hostis, in extremos aciem mittebat Hiberos,
nec stetit Oceano remisque ingressa profundum
vincendos alio quaesivit in orbe Britannos.
Haec est in gremium victos quae sola recepit
humanumque genus communi nomine fovit,
matris, non dominae ritu, civesque vocavit
quos domuit nexuque pio longinqua revinxit.
Huius pacificis debemus moribus omnes
quod veluti patriis regionibus utitur hospes,
quod sedem mutare licet, quod cernere Thylen
lusus et horrendos quondam penetrare recessus,
quod bibimus passim Rhodanum, potamus
Oronten,
quod cuncti gens una sumus, nec terminus
umquam
Romanae dicionis erit. Nam cetera regna
luxuries vitiis odiisque superbia vertit:
sic male sublimes fregit Spartanus Athenas
atque idem Thebis cecidit; sic Medus ademit
F. D’Alessi © 2002
254
Assyrio Medoque tulit moderamina Perses;
subiecit Persen Macedo, cessurus et ipse
Romanis. Haec auguriis firmata Sibyllae,
haec sacris animata Numae; huic fulmina vibrat
Iuppiter; hanc tota Tritonia Gorgone velat;
arcanas huc Vesta faces, huc orgia secum
transtulit et Phrygios genetrix turrita leones;
huc defensurus morbos Epidaurius ultro
reptavit placido tractu vectumque per undas
insula Paeonium texit Tiberina draconem;
hanc tu cum superis, Stilicho praeclare, tueris,
protegis hanc clipeo, patriam regumque
ducumque
praecipueque tuam; dedit haec exordia lucis
Eucherio puerumque ferens hic regia mater
Augusto monstravit avo: laetatus at ille
sustulit in Tyria reptantem veste nepotem,
Romaque venturi gaudebat praescia fati,
quod te iam tanto meruisset pignore civem.
Nec tamen ingratum nec qui benefacta referre
nesciat, hunc credas populum. Si volvere priscos
annales libeat, quotiens hic proelia sumpsit
pro sociis quotiens dono concessit amicis
regibus Ausonio quaesitas sanguine terras!
Publica sed numquam tanto se gratia fudit
adsensu: quis enim princeps non omnibus egit
obsequiis dominum sese patremque vocari,
quod tibi continuis resonant convexa diebus?
Macte novis consul titulis! Mavortia plebes
te dominum Bruto non indignante fatetur
et, quod adhuc nullo potuit terrore coacta
libertas Romana pati, Stilichonis amori
detulit. Exultant avidi, quocumque decorus
conspiciare loco, nomenque ad sidera tollunt;
nec vaga dilecto satiantur lumina vultu,
seu circum trabeis fulgentibus aureus intres,
seu celebres ludos, solio seu fultus eburno
cingas iure forum, denso seu turbine vulgi
circumfusa tuae conscendant rostra secures
quae vero procerum voces, quam certa fuere
gaudia, cum totis exurgens ardua pinnis
ipsa duci sacras Victoria panderet aedes!
O palma viridi gaudens et amica tropaeis,
custos imperii virgo, quae sola mederis
vulneribus nullumque doces sentire laborem,
seu tibi Dictaeae placuerunt astra Coronae
seu magis aestivo sedes vicina Leoni,
seu sceptrum sublime Iovis seu Pallados ambis
aegida, seu fessi mulces suspiria Martis,
adsis perpetuum Latio votisque senatus
adnue, diva, tui. Stilicho tua saepius ornet
limina teque simul rediens in castra reducat.
Hunc bellis comitare favens, hunc redde togatum
consiliis. Semper placidis te moribus egit
servavitque piam victis nec polluit umquam
laurum saevitia. Cives nec fronte superba
despicit aut trepidam vexat legionibus urbem,
sed verus patriae consul cessantibus armis
contentus lictore venit nec inutile quaerit
ferri praesidium solo munitus amore.
Magnarum nec parcus opum geminare profundas
distulit inpensas, sed post miracula castris
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
edita vel genero, Romae maiora reservat.
Auratos Rhodiis imbres nascente Minerva
indulsisse Iovem perhibent, Bacchoque paternum
iam laxante femur mutatus palluit Hermus
in pretium, votique famem passurus avari
ditabat rutilo quidquid Mida tangeret auro.
Fabula seu verum; canitur: tua copia vincit
fontem Hermi tactumque Midae pluviamque
Tonantis.
Obscurat veteres obscurabitque futuros
par donis armisque manus; si solveret ignis
quot dedit inmanes vili pro pondere massas,
argenti potuere lacus et flumina fundi.
Nec tibi, quae pariter silvis dominaris et astris,
exiguam Stilicho movit, Latonia, curam.
Tu quoque nobilibus spectacula nostra laboras
inlustrare feris summoque in vertice rupis
Alpinae socias arcu cessante pudicas
et pharetratarum comitum inviolabile cogis
concilium. Veniunt umeros et bracchia nudae
armataeque manus iaculis et terga sagittis,
incomptae pulchraeque tamen; sudoribus ora
pulverulenta rubent, sexum nec cruda fatetur
virginitas; sine lege comae; duo cingula vestem
crure tenus pendere vetant. Praecedit amicas
flava Leontodame, sequitur nutrita Lycaeo
Nebrophone telisque domat quae Maenala Thero.
Ignea Cretaea properat Britomartis ab Ida
et cursu Zephyris numquam cessura Lycaste.
Iungunt se geminae, metuenda feris Hecaerge
et soror, optatum numen venantibus, Opis,
progenitae Scythia: divas nemorumque potentes
fecit Hyperboreis Delos praelata pruinis.
Hae septem venere duces; exercitus alter
Nympharum incedunt, acies formosa Dianae,
centum Taygeti, centum de vertice Cynthi,
et totidem casto genuit quas flumine Ladon.
Has ubi collectas vidit, sic Delia coepit:
"O sociae, mecum thalami quae iura perosae
virgineo gelidos percurritis agmine montes,
cernitis ut Latio superi communibus ornent
hunc annum studiis, quantos Neptunus equorum
donet ab orbe greges; laudi quod nulla canendae
fratris plectra vacent? Nostram quoque sentiat
idem
quam meritis debemus opem. Non spicula poscit
iste labor; maneant clausis nunc sicca pharetris
omnis et a solitis noster venatibus arcus
temperet; in solam cruor hic servetur harenam.
Retibus et claustris dilata morte tenendae
ducendaeque ferae. Cupidas arcete sagittas;
consulis in plausum casuris parcite monstris.
Adceleret divisa manus: mihi cursus anhelas
tenditur ad Syrtes, mecum Dictaea Lycaste
et comes Opis eat. Steriles iuvat ire per aestus:
namque feras aliis tellus Maurusia donum
praebuit, huic soli debet ceu victa tributum.
Dum nos horribiles Libyae scrutamur alumnos,
Europae vos interea perquirite saltus
et scopulos. Posita ludat formidine pastor
securisque canat Stilichonem fistula silvis.
Pacet muneribus montes qui legibus urbes".
F. D’Alessi © 2002
255
Dixit et extemplo frondosa fertur ab Alpe
trans pelagus; cervi currum subiere iugales,
quos decus esse deae primi sub limine caeli
roscida fecundis concepit Luna cavernis:
par nitor intactis nivibus; frons discolor auro
germinat et spatio summas aequantia fagos
cornua ramoso surgunt procera metallo.
Opis frena tenet, fert retia rara Lycaste
auratasque plagas, inmortalesque Molossi
latrantes mediis circum iuga nubibus ibant.
Quinque aliae paribus (Phoebe sic iusserat) armis
diversa regione ruunt ducitque cohortem
quaeque suam. Variae formis et gente secuntur
ingenioque canes illae gravioribus aptae
morsibus, hae pedibus celeres, hae nare
sagaces;
hirsutaeque
fremunt
Cressae
tenuesque
Lacaenae
magnaque taurorum fractura colla Britannae.
Dalmatiae lucos abruptaque bracchia Pindi
sparsa comam Britomartis agit. Tu Gallica cingis
lustra, Leontodame, Germanorumque paludes
eruis et si quis defensus harundine Rheni
vastus aper nimio dentes curvaverit aevo.
Nubiferas Alpes Appenninique recessus
Garganique nives Hecaerge prompta fatigat.
Speluncas canibus Thero rimatur Hiberas
informesque cavis ursos detrudit ab antris,
quorum saepe Tagus manantes sanguine rictus
non satiavit aquis et quos iam frigore segnes
Pyrenaea tegit latebrosis frondibus ilex.
Cyrneis Siculisque iugis venata virago
Nebrophone cervos aliasque in vincula cogit
non saevas pecudes sed luxuriantis harenae
delicias, pompam nemorum. Quodcumque
tremendum
dentibus aut insigne iubis aut nobile cornu
aut rigidum saetis capitur, decus omne timorque
silvarum non cauta latent, non mole resistunt
fortia, non volucri fugiunt pernicia cursu.
Haec laqueis innexa gemunt; haec clausa feruntur
ilignis domibus. Fabri nec tigna polire
sufficiunt; rudibus fagis texuntur et ornis
frondentes caveae. Ratibus pars ibat onustis
per freta, per fluvios; exanguis dextera torpet
remigis et propriam metuebat navita mercem.
Per terram pars ducta rotis, longoque morantur
ordine plaustra vias montanis plena triumphis
et fera sollicitis vehitur captiva iuvencis,
explebat quibus ante famem, quotiensque reflexi
conspexere boves, pavidi temone recedunt.
Iamque pererratis Libyae flagrantibus oris
legerat eximios Phoebi germana leones,
Hesperidas qui saepe fugant ventoque citatis
terrificant Atlanta iubis armentaque longe
vastant Aethiopum quorumque inpune fragosa
murmura pastores numquam excepere per auras.
Non illos taedae ardentes, non strata superne
lapsuro virgulta solo, non vocibus haedi
pendentis stimulata fames, non fossa fefellit;
ultro se volvere capi gaudentque videri
tantae praeda deae. Respirant pascua tandem;
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
agricolae reserant iam tuta mapalia Mauri.
Tum virides pardos et cetera colligit Austri
prodigia inmanesque simul Latonia dentes,
qui secti ferro in tabulas auroque micantes
inscripti rutilum caelato consule nomen
per proceres et vulgus eant. Stupor omnibus Indis
plurimus ereptis elephans inglorius errat
dentibus: insedit nigra cervice gementum
et fixum dea quassat ebur penitusque cruentis
stirpibus avulsis patulos exarmat hiatus.
Ipsos quin etiam nobis miracula vellet
ducere, sed pigra cunctari mole veretur.
Tyrrhenas fetus Libycos conplexa per undas
classica turba sonat, caudamque a puppe
retorquens
ad proram iacet usque leo: vix sublevat unum
tarda ratis. Fremitus stagnis auditur in imis
cunctaque prosiliunt cete terrenaque Nereus
confert monstra suis et non aequare fatetur.
Aequora sic victor quotiens per rubra Lyaeus
navigat, intorquet clavum Silenus et acres
insudant tonsis Satyri taurinaque pulsu
Baccharum Bromios invitant tympana remos;
transtra ligant hederae, malum circumflua vestit
pampinus, antemnis inlabitur ebria serpens,
perque mero madidos currunt saliuntque rudentes
lynces et insolitae mirantur carbasa tigres.
dagli Epigrammi
CLAVDII CLAVDIANI
EPIGRAMMATA
I. Scoptica
De Birro Castoreo C. M. 10 (92)
Nominis umbra manet ueteris; nam dicere birrum,
si Castor iuret, castoreum nequeo.
sex emptus solidis! quid sit, iam scire potestis:
si mihi nulla fides, credite uel pretio.
In Podagricum qui carmina sua non stare dicebat C. M. 13 (79)
Quae tibi cum pedibus ratio? quid carmina culpas?
scandere qui nescis, uersiculos laceras?
'claudicat hic uersus, haec' inquis 'syllaba nutat',
atque nihil prorsus stare putas, podager.
In Curetium 1 C. M. 43 (65)
Fallaces uitreo stellas conponere mundo 1 palantes C ||
et uaga Saturni sidera saepe queri
uenturumque Iouem paucis promittere nummis
Cureti genitor nouerat Vranius.
5 in prolem dilata ruunt periuria patris 5 delata Heinsius ||
et poenam merito filius ore luit;
nam spurcos auidae lambit meretricis hiatus,
consumens luxu flagitiisque domum,
et quas fallacis collegit lingua parentis, 9-10 et . . . refundit ] ut . . . refundat Buecheler ||
10
has eadem nati lingua refundit opes. 10 eadem ] tandem Buecheler ||
In Curetium 2 C. M. 44 (66)
Si tua, Cureti, penitus cognoscere quaeris
sidera, patre tuo certius ipse loquar.
quod furis, aduersi dedit inclementia Martis;
quod procul a Musis, debilis Arcas erat;
5 quod turpem pateris iam cano podice morbum,
femineis signis Luna Venusque fuit; 6 fuit O ] tulit Jeep: facit Buecheler: iubent Mommsen ||
adtriuit Saturnus opes. hoc prorsus in uno
haereo: quae cunnum lambere causa facit? 8 facit C ] fuit C, Buecheler ||
F. D’Alessi © 2002
256
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
II. Mirabilia uel potius Inania
De Crystallo cui aqua inerat 1 C. M. 33 (56)
Possedit glacies naturae signa prioris
et fit parte lapis, frigora parte negat.
sollers lusit hiemps, inperfectoque rigore
nobilior uiuis gemma tumescit aquis.
De Crystallo cui aqua inerat 2 C. M. 34 (57)
Lymphae, quae tegitis cognato carcere lymphas,
et quae nunc estis quaeque fuistis aquae,
quod uos ingenium uinxit? qua frigoris arte 3 uinxit C, Scaliger: iunxit C ||
torpuit et maduit prodigiosa silex?
5 quis tepor inclusus securas uindicat undas?
interior glacies quo liquefacta Noto?
gemma quibus claustris arcano mobilis aestu
uel concreta fuit uel resoluta gelu?
De Crystallo cui aqua inerat 3 C. M. 35 (58)
Solibus indomitum glacies Alpina rigorem
sumebat nimio iam pretiosa gelu
nec potuit toto mentiri corpore gemmam,
sed medio mansit proditor orbe latex.
5 auctus honos; liquidi crescunt miracula saxi,
et conseruatae plus meruistis aquae.
De Crystallo cui aqua inerat 4 C. M. 36 (59)
Aspice porrectam splendenti fragmine uenam,
qua trahitur limes lucidiore gelu.
hic nullum Borean nec brumam sentit opacus
umor, sed uarias itque reditque uias.
5 non illum constrinxit hiems, non Sirius hausit,
aetatis spatium non tenuauit edax. 6 nec tenuabit Barthius: non tenuauit O ||
De Crystallo cui aqua inerat 5 C. M. 37 (60)
Clauditur immunis conuexo tegmine riuus
duratisque uagus fons operitur aquis.
nonne uides propriis ut spumet gemma lacunis 3 properis Heinsius ||
et refluos ducant pocula uiua sinus
5 udaque pingatur radiis obstantibus Iris,
secretas hiemes sollicitante die?
mira silex mirusque latex! et flumina uincit
et lapides merito, quod fluit et lapis est.
De Crystallo cui aqua inerat 6 C. M. 38 (62)
Dum crustalla puer contingere lucida gaudet 1 lucida Heinsius: lubrica uel rubrica uel lurida C ||
et gelidum tenero pollice uersat onus,
uidit perspicuo deprensas marmore lymphas,
dura quibus solis parcere nouit hiems,
5 et siccum relegens labris sitientibus orbem
inrita quaesitis oscula fixit aquis.
De Crystallo cui aqua inerat 7 C. M. 39 (62)
F. D’Alessi © 2002
257
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
Marmoreum ne sperne globum: spectacula transit
regia nec rubro uilior iste mari.
informis glacies, saxum rude, nulla figurae
gratia, sed raras inter habetur opes. 4 caras Heinsius ||
III. Miscellanea
De Quadriga marmorea C. M. 7 (87)
Quis dedit innumeros uno de marmore uultus?
surgit in aurigam currus, paribusque lupatis
unanimi frenantur equi: quos forma diremit,
materies cognata tenet discrimine nullo.
5 uir redit in currum; ducuntur ab axe iugales;
ex alio se quisque facit. quae tanta potestas?
una silex tot membra ligat ductusque per artem
mons patiens ferri uarios mutatur in artus.
De Mulabus Gallicis C. M. 18 (51)
Aspice morigeras Rhodani torrentis alumnas
imperio nexas imperioque uagas,
dissona quam uarios flectant ad murmura cursus
et certas adeant uoce regente uias.
5 quamuis quaeque sibi nullis discurrat habenis
et pateant duro libera colla iugo, 6 pateant ] careant Jeep ||
ceu constricta tamen seruit patiensque laborum
barbaricos docili concipit aure sonos.
absentis longinqua ualent praecepta magistri 9 abstantis Mommsen ||
10
frenorumque uicem lingua uirilis agit.
haec procul angustat sparsas spargitque coactas;
haec sistit rapidas, haec properare facit.
laeua iubet? laeuo deducunt limite gressum.
mutauit strepitum? dexteriora petunt.
15 nec uinclis famulae nec libertate feroces,
exutae laqueis, sub dicione tamen. 16 tamen ] manent Hall ||
incessuque pares et fuluis pellibus hirtae
esseda concordes multisonora trahunt.
miraris si uoce feras pacauerit Orpheus,
20
cum pronas pecudes Gallica uerba regant?
Descriptio Armenti C. M. 4 (54)
Non tales quondam species tulit armentorum
tellus tergemino subdita Geryonoe.
non tales, Clitumne, lauas in gurgite tauros,
Tarpeio referunt quos pia uota Ioui.
5 non talis Tyrias sparsisse iuuencus harenas
dicitur, optatum quando reuexit onus.
non Cretaeus ager nec amati conscia tauri
Cnosos nec similes pauerit Ida feros.
ipse et dispariles monstro commissus in artus,
10
qui crimen matris prodidit ore nouo,
Cres puer hand talem potuisset reddere formam,
praestarent totum si fera membra patrem.
De Polycasta et Perdice C. M. 8 (69)
Quid non saeuus Amor flammarum numine cogat?
sanguinis affectu mater amare timet.
F. D’Alessi © 2002
258
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
259
pectore dum niueo miserum tenet anxia nutrix,
inlicitos ignes iam fouet ipsa parens.
5 ultrices pharetras tandem depone, Cupido.
consule iam Venerem: forsan et ipsa dolet.
In Sepulchrum speciosae C. M. 11 (91)
Pulchris stare diu Parcarum lege negatur.
magna repente ruunt; summa cadunt subito.
hic formosa iacet, Veneris sortita figuram,
egregiumque decus inuidiam meruit.
De Balneis Quintianis quae in uia posita erant C. M. 12 (84)
Fontibus in liquidis paulum requiesce, uiator,
atque tuum rursus care refectus iter.
lympharum dominum nimium miraberis, hospes,
inter dura uiae balnea qui posuit.
Ad Maximum C. M. 14 (82)
Dulcia dona mihi semper tu, Maxime, mittis,
et, quidquid mittis, mella putare decet.
De Paupere amante 1 C. M. 15 (89)
Paupertas me saeua domat dirusque Cupido:
sed toleranda fames, non tolerandus amor.
De Paupere amante 2 C. M. 16 (90)
Esuriens pauper telis incendor amoris.
inter utrumque malum deligo pauperiem.
De Apro et leone C. M. 42 (53)
Toruus aper fuluusque leo coiere superbis
uiribus, hic saeta saeuior, ille iuba.
hunc Mars, hunc laudat Cybele. dominatur uterque
montibus; Herculeus sudor uterque fuit.
IV. Christianum
De Saluatore C. M. 32 (95)
Christe potens rerum, redeuntis conditor aeui,
uox summi sensusque dei, quem fudit ab alta
mente pater tantique dedit consortia regni,
inpia qui nostrae domuisti crimina uitae
5 passus corporea mundi uestire figura
adfarique palam populos hominemque fateri,
quemque utero inclusum Mariae mox numine
uiso
uirginei timuere sinus, innuptaque mater
arcano stupuit conpleri uiscera partu,
10 auctorem paritura suum (mortalia corda
V. Frustula
F. D’Alessi © 2002
artificem texere poli, mundique repertor
pars fuit humani generis, latuitque sub uno
pectore, qui totum late conplectitur orbem,
et qui non spatiis terrae, non aequoris unda,
15 non capitur caelo, paruos confluxit in artus);
quin et supplicii nomen nexusque subisti
ut nos subriperes leto mortemque fugares
morte tua, mox aetherias euectus in auras
purgata repetens laetum tellure parentem:
20 Augustum foueas, festis ut saepe diebus
annua sinceri celebret ieiunia sacri.
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
De Locusta C. M. 24 (83)
Horret apex capitis; medio fera lumina surgunt
uertice; cognatus dorso durescit amictus.
armauit natura cutem †dumique rubentes
cuspidibus paruis multos acuere †rubores.
Descriptio Portus Zmyrnensis C. M. 2 (85)
Vrbs in conspectu montana cacumina uelat
tranquillo praetenta mari. ducentia portum
cornua pacatas remouent Aquilonibus undas.
hic exarmatum terris cingentibus aequor
5 clauditur et placidam discit seruare quietem.
'Est in secessu longo locus' C. M. 5 (86)
Est procul ingenti regio summota recessu,
insula qua resides fluctus mitescere cogit
in longum producta latus, fractasque per undas
ardua tranquillo curuantur bracchia portu.
'Rimanti telum ira facit' C. M. 6 (78)
In iaculum quodcumque gerit dementia mutat.
omnibus armatur rabies. pro cuspide ferri
cuncta uolant, dum dextra ferox in uulnera saeuit.
pro telo geritur quidquid suggesserit ira.
De Lanario (Fragmentum) C. M. 52a
Sordidus ex umeris nodo dependet amictus
(Fragmentum) C. M. 52b
Exercentur equis et colla comantia pectunt
Bibliografia
IntraText
Ad Familiares LAT0315
De consulatu Stylichonis LAT0416
De piis fratribus et de statuis eorum quae sunt apud Catinam
De raptu Proserpinae LAT0225
De sene Veronensi LAT0318
De tertio consulatu Honorii Augusti LAT0106
Fescennina dicta Honorio Augusto et Mariae LAT0373
Gigantomachia LAT0316
Hystrix LAT0317
Invectiva in Eutropium LAT0412
Invectiva in Rufinum LAT0374
Panegyricus dictus Mallio Theodoro consuli LAT0411
Panegyricus Olybrio et Probino consulibus LAT0226
F. D’Alessi © 2002
LAT0319
260
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
261
BTL3=Bellum Geticum (De bello Pollentino siue Gothico) (Carmina maiora, XXV - XXVI) - s. 5 p.c.
- uersus
LLA 623 - TLL CLAVD. 25-26
Teubner (ed. J.B. Hall, 1985), p. 239-262
Edizioni: Opera completa
L. Jeep, Lepzig, Teubner, 1876-79, 2 voll.
Claudii Claudiani Carmina. ed. Theodor Birt. MGH X, Berlin, 1892. Rist. Hildesheim 1995.
J. Koch, Leizig, Teubner, 1893.
Hall, J B.: Claudii Claudiani carmina, Leipzig 1985.
M. Platnauer, Cambridge (Mass.)-London, Loeb, 1922, 2 voll.
De raptu
ed. J. - L. Charlet, Paris 1991.
De bello Gothico
ed. G. Garuti, L'Aquila 1991.
La guerra dei Goti, Milano, Rizzoli, BUR, 1998, Introduzione, note e traduzione di Franco Serpa Testo latino a fronte
Oeuvres, ed. J.-L. Charlet.
T. I: Le rapt de Proserpine. 19992.
T. II.1 - T. II.2: Poèmes politiques (395-398). 2000
Rapimento di Proserpina (Il), Milano, Rizzoli, BUR, 1998, Introduzione, note e traduzione di Franco
Serpa - Testo latino a fronte
Birt, Th.: Claudii Claudiani carmina. MGH AA X. Berlin 1892.
Platnauer, M.: Claudian, with an English Translation. London/Cambridge (Mass.) 1922 u.ö.
Charlet, J.-L.: Claudien: OEuvres. Tome I: Le rapt de Proserpine. Texte établi et traduit. Paris
1991. - Rez.: Gruber, Gymnasium 101, 1994, 65-66.
Wedekind, G. Frhr. v.: Dichtungen des Claudius Claudianus. Darmstadt 1868.
Claudii Claudiani. Carmina minora, ?, Edipuglia - 2001.
Strumenti
Concordantia in Claudianum A Concordance to Claudianus. Ed. Peder G. Christiansen,
Hildesheim 1988.
Wacht, M.: Lemmatisierter Index zu den Carmina maiora Claudians mit statistischen Anhängen zu
Sprache und Metrik. Regensburger Microfiche Materialien 9. Nürnberg 1980.
Studi
A.Fo, Studi sulla tecnica poetica di Claudiano, Catania 1982.
I. Gualandri, Aspetti della tecnica compositiva di Claudiano, Milano 1968.
D. Romano, Claudiano, Palermo 1958.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
262
J.B. Hall, Prolegomena to Claudian, London 1986.
L.D. Reynolds, Texts and transmission. A Survey of the latin Classics, Oxford 1983, pp. 143-45.
(J.B. Hall).
I.Biondi, Graece et Latine, Testi in parallelo, 2, La poesia epica minore e la poesia didascalica,
Roma, Spazio Tre, 2002, pp. 825-831. [BCTV Consultazione]
I. Lana, C. Moreschini, La poesia pagana in lingua latina, in Storia della civiltà greca e latina, 3,
Torino, Utet, 1998, pp.517-35. Per Claudiano pp. 520-35.
ICCU
2: Poemes politiques (395-398) / Claudien, Paris: Les belles lettres
Fa parte di: Oeuvres / Claudien; texte etabli et traduit par Jean-Louis Charlet
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Il rapimento di Proserpina; La guerra dei Goti / Claudio Claudiano; introduzione, traduzione e note di Franco
Serpa
Edizione: 5. ed, Milano: Biblioteca universale Rizzoli, 2002
Testo latino a fronte.
Altri titoli collegati: [Pubblicato con] La guerra dei Goti.
[Titolo originale] De raptu Proserpinae.
2.1: Poemes politiques: 395-398 / Claudien; texte etabli et traduit par Jean-Louis Charlet, Paris: Les Belles
Lettres, 2000, Collection des universites de France. Ser.latine
Fa parte di: OEuvres / Claudien
Claudii Claudiani Carmina minora / introduzione, traduzione e commento a cura di Maria Lisa Ricci;
presentazione di Luigi Piacente, Bari: Edipuglia, 2001, Quaderni di Invigilata lucernis; 12
Ps.-Claudien Laus Herculis: introduction, texte, traduction et commentaire / Sophie Guex, Bern \etc.!: Lang,
c2000, Sapheneia; 6
2.2: Poemes politiques: 395-398 / Claudien; texte etabli et traduit par Jean-Louis Charlet, Paris: Les Belles
Lettres, 2000
Fa parte di: OEuvres / Claudien
Panegyricus de sexto consulatu Honorii Augusti / Claudian; edited with introduction, translation, and literary
commentary by Michael Dewar, Oxford, 1996
Titolo uniforme: Panegyricus de tertio consulatu Honorii Augusti
1: Le rapt de Proserpine / Claudien; texte etabli et traduit par Jean-Louis Charlet
Edizione: 2. tirage, Paris: Les belles lettres, 1999
Fa parte di: OEuvres / Claudien
Per Palladio e Celerina; Per Lorenzo: epitalami / Claudio Claudiano; introduzione, traduzione, commento e
note a cura di Edoardo Bianchini, Pistoia: E. Bianchini, 1997
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Epitalamio e fescennini per le nozze di Onorio e Maria / Claudio Claudiano; introduzione, traduzione,
commento e note a cura di Edoardo Bianchini, Pistoia: E. Bianchini, 1997
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Claudii Claudiani Carmina / recensuit Theodorus Birt
Edizione: Unveranderter Nachdruck der 1892 bei der Weidmannschen Verlagsbuchhandlung, Berlin,
erschienenen Ausgabe, Munchen: Monumenta Germaniae Historica, 1995, Monumenta Germaniae
historica. Scriptores.Auctores antiquissimi
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
263
Il rapimento di Proserpina; La guerra dei Goti / Claudio Claudiano; introduzione, traduzione e note di Franco
Serpa
Edizione: 4. ed, Milano: Biblioteca universale Rizzoli, 1998, BUR. L
Note Generali: Testo latino a fronte.
Broken columns: two roman epic fragments: the Achilleid of Publius Papinius Statius and the rape of
Proserpine of Claudius Claudianus / translated by David R. Slavitt; afterword by David Konstan,
Philadelphia: University of Pennsylvania press, c1997
De raptu Proserpinae / Claudian; edited with introduction, translation and commentary by Claire Gruzelier,
Oxford: Clarendon, 1993, Oxford classical monographs
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Cl. Claudiani De bello Gothico / edidit Ioannes Garuti, L'Aquila; Roma: Japadre, \1991!, Collana di filologia
classica; 7
De bello gothico / Cl. Claudiani; edidit Ioannes Garuti, L'Aquila; Roma: Japadre, c1991, Collana di filologia
classica; 7
Note Generali: Ed. critica con trad. it. a fronte
Elogio di Serena / Claudiano; a cura di Franca Ela Consolino
Edizione: 2. ed, Venezia: Marsilio, 1992, Il convivio
Note Generali: Trad. italiana a fronte.
Claudian, De raptu Proserpinae / edited with introduction, translation and commentary by Claire Gruzelier,
Oxford: Clarendon press, 1993, Oxford classical monographs
Oeuvres / Claudien; texte etabli et traduit par Jean-Louis Charlet, Paris: Les belles lettres, 1991Comprende: 2: Poemes politiques (395-398) / Claudien
Vol. 1: Le Rapt de Proserpine / Claudien ;texte etabli et traduit par Jean-LouisCharlet
T. 1: Le rapt de Prosperine / Claudien ;texte etabli et traduit par Jean-LouisCharlet
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Il rapimento di Proserpina; La guerra dei Goti / Claudio Claudiano; introduzione, traduzione e note di Franco
Serpa
Edizione: 2. ed, Milano: Rizzoli, 1988, BUR. L; L311
Note Generali: Testo orig. a fronte
Claudii Claudiani Carmina / edidit John Barrie Hall, Leipzig: B.G. Teubner, 1985, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana
Panegyricus dictus Olybrio et Probino consulibus / Claudius Claudianus; Text, Ubersetzung, Kommentar von
Werner Taegert, Munchen: Beck, 1988, Zetemata; 85
Note Generali: Testo latino a fronte
Elogio di Serena / Claudiano; a cura di Franca Ela Consolino, Venezia: Marsilio, 1986, Il convivio
Note Generali: Trad. italiana a fronte
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Claudii Claudiani carmina / edidit John Barrie Hall, Leipzig: Teubner, 1985, Bibliotheca scriptorum
Graecorum et RomanorumTeubneriana; 79
Titolo uniforme: Carmina minora
Fescennini e epitalamio per le nozze di Onorio e Maria / Claudio Claudiano; introduzione, testo, traduzione e
note a cura di Rosanna Bertini Conidi, Roma: Herder, 1988, Collana di studi e testi; 3
Panegyricus dictus Olybrio et Probino consulibus / Claudius Claudianus; Text, Ubersetzung, Kommentar von
Werner Taegert, Munchen: C.H. Beck, 1988, Zetemata
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
264
Autore: Christiansen, Peder G., Concordantia in Claudianum / edited by Peder G. Christiansen; assisted by
William J. Dominik and Mark O. Webb; with the computer assistance of Robert Owen Haynes and James E.
Holland, Hildesheim [etc.]: Olms-Weidmann, 1988, Alpha-omega. Reihe A, Lexika, Indizes,Konkordanzen
zur klassischen Philologie
Il rapimento di Proserpina / Claudiano; a cura di Marta Bertamini e Milo De Angelis, Milano: Marcos y
Marcos, 1984
Note Generali: Tiratura di mille esemplari. Esempl. n. 314
Il repimento di Proserpina; La guerra dei Goti / Claudio Claudiano; introduzione, traduzione e note di Franco
Serpa, Milano: Rizzoli, 1981, Bur Poesia
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Phoenix: (carm. min. 27) / Claudii Claudiani; introduzione e commento a cura di Maria Lisa Ricci, Bari:
Edipuglia, 1981
Claudian s Panegyric on the fourth consulate of Honorius / introduction, Text, translation and commentary by
William Barr, Liverpool: Francis Cairns, 1981, Liverpool Latin texts classical and medieval
Note Generali: Testo orig. a fronte.
The Commentary of Geoffrey of Virty on Claudian De Raptu Proserpinae / transcribed by A. K. Clarke and P.
M. Giles; with an introduction and notes by A. K. Clarke, Leiden; Koln, 1973, Mittelateinische Studien un
Texte ...
De bello gildonico / Claudii Claudiani; texte etabli, traduit et commente par Elzbieta M. Olechowska, Leiden:
Brill, 1978, Roma Aeterna
Note Generali: Testo lat. con trad. franc. a fronte.
CL: Claudiani De Bello Gothico / Claudio Claudiano; edizione critica, traduzione e commento di Giovanni
Garuti, Bologna: Patron, 1979-, Edizioni e saggi universitari di filologiaclassica
Comprende: 1: Introduzione al De Bello Gothico / ClaudioClaudiano
Panegyricus de consulatu Manlii Theodori: Carm. 16 und 17 / eingeleitet, herausgegeben, ubersetzt und
erklart von W. Simon, Berlin: Seitz & Co., 1975
Note Generali: Testo lat. con trad. ted. a fronte.
Claudii Claudiani De bello Gildonico / texte etabli, traduit et commente par Elzbieta M. Olechowska, Leiden:
E.J. Brill, 1978, Roma Aeterna
Note Generali: Con il testo orig. a fronte.
La guerra gotica / Claudiano; a cura di Domenico De Venuto, Roma: F.lli Palombi, 1968, Testi e studi per la
scuola universitaria.Testi
Note Generali: Testo orig. a fronte.
De raptu Proserpinae / Claudian; ed. with an introd. and commentary by J. B. Hall, Cambridge: University
Press, 1969, Cambridge classical texts and commentaries
Cl. Claudiani quae extant / edidit et illustravit Johan Matthias Gesner, Hildesheim: Olms, 1969
Claudiani de raptu Proserpinae, de bello gothico carmina, [Milano]: Garzanti, 1947, Collezione romana
Note Generali: Data di stampa
Trad. di F. Guglielmino
Claudiani carmina selecta, [Milano]: Garzanti, 1946, Collezione romana
Note Generali: Data di stampa Trad. di Leo Pollini
Autore: Romano, Domenico, Appendix Claudianea: questioni di autenticita / Domenico Romano, Palermo: G.
B. Palumbo, 1958
Note Generali: Appendice: Laus Herculis
Testo e traduzione.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
265
Il ratto di Proserpina / Claudianus minor; testo e traduzione a cura di Virg ilio Paladini, Roma: Casa editrice
Gismondi, 1952, Tip. Ist. Graf. Tiberino ,Opuscula: testi per esercitazioniaccademiche
Note Generali: Testo orig. a fronte.
Il ratto di Proserpina; La guerra contro i Goti / Claudiano; versione di Francesco Guglielmino, [Milano]:
Garzanti, stampa 1946, Collezione romana
Testo a fronte.
Claudianus minor: il ratto di Proserpina / Cl. Claudiani; testo e traduzione a cura di Virgilio Paladini, Bari:
Adriatica, [dopo il 1950]
A Roma: carmi / di Rutilio Namaziano e di Claudiano; tradotti da Luigi Siciliani; precede il Carme secolare di
Orazio tradotto da Mario Rapisardi, Milano: G. B. Paravia, 1919
Descrizione fisica: 14 p.; 23 cm., Pubblicazioni dell'Atene e Roma. Sezione diMilano; 8
Autore: Claudianus, Claudius, Panegyricus de quarto consulatu Honorii Augusti: texte et commentaire /
Claudien; Pierre Fargues, Aix: Imprimerie Universitaire, 1936
Invectives contre Eutrope / Claudien; texte latin avec un commentaire critique et explicatif et une introduction
par Pierre Fargues, Paris: Hachette, 1933
Note Generali: In testa al front.: Claudii Claudiani Carmina.
Il ratto di Proserpina / traduzione in versi di Giulio Vitale, Monza: Artigianelli, 1937
Claudians Festgedicht auf das sechste Konsulat des Kaisers Honorius / herausgegeben und erklart von Karl
Albert Muller, Berlin: Junker und Dunnhaupt, 1938, Neue deutsche Forschungen. Abteilungklassische
Philologie / hrsg. von KarlDeichgraber
Titolo uniforme: Panegyricus de tertio consulatu Honorii Augusti
Carmi scelti / Claudiano; versione di Leo Pollini, Villasanta: Societa anonima Notari, Istituto editoriale
italiano, Collezione romana
Note Generali: Testo a fronte.
Il ratto di Proserpina; La guerra contro i Goti / Claudiano; versione di Franc. Guglielmino, Villasanta: Societa
anonima Notari, Istituto editoriale italiano, Collezione romana
Note Generali: Testo a fronte.
TV0114 - Biblioteca comunale - Treviso - TV
Il ratto di Prosperina: Traduzione in versi di Giulio Vitale, Monza: Scuola Tip. Artigianelli, 1937
The invective in Rufinum of Claudius Claudianus / edited with introduction and textual commentary by Harry
L. Levy, Geneva; New York, 1935
Traduzioni: da Orazio, da Virgilio?, Claudiano, La veglia sacra di Venere (Pervigilium Veneris), M. Menendez
y Pelayo a Orazio Flacco [epistola] / [a cura di] Giuseppe Tarnassi, Buenos Aires: Impr. De Jacobo Penser,
1900
Claudii Claudiani Carmina / recognovit Julius Koch, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1893, Bibliotheca
scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
Panegirico in onore di Probino ed Olibrio consoli / Caudio Claudiano; tradotto da Francesco Vivona,
Palermo: Stab. tip. Ferdinando Ando, 1909
Vivona, Francesco <1866-1936>
De Raptu Proserpinae libri tres / Claudii Claudiani; recensuit et variis lectionibus auxit Vincentius
Lanfranchius, Augustae Taurinorum: ex Officina asceterii salesiani, 1884, Selecta ex latinis scriptoribus: in
usumscholarum
Idillio 5.: la calamita / di C. Claudiano; traduzione di G. Bartolini, Ravenna: tip. edit. di L.S. Morigi, 1886
Note Generali: Pubblicato in occasione delle nozze tra Filippo Piavi e Dirce Montignani.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
266
Autore: Eudocia: Augusta <imperatrice>, Eudociae Augustae, Procli Lycii, Claudiani Carminum Graecorum
reliquiae: accedunt Blemyomachiae fragmenta / recensuit Arthurus Ludwich, Lipsiae: in aedibus B. G.
Teubneri, 1897, Bibliotheca scriptorum Graecorum et RomanorumTeubneriana
De bello gildonico / di Claudio Claudiano; versione [di] Enrico Lugetti, Livorno: Stab. Tip. S. Belforte e C.,
1896
La fenice / di Claudio Claudiano; traduzione di Elvira Pasi, Faenza: Stab. Tipo-lit. G. Montanari Succ. Pietro
Conti, 1897
La fenice: Volgarizzamento di Tomaso Gaudiosi, Padova: Tip. Dei Fratelli Gallina, 1894
La guerra getica; Epitalamio per le nozze di Onorio e Maria / Claudio Claudiano; studio e versione del prof.
Eugenio Donadoni, Palermo: Alberto Reber Edit., 1896 (Tip. Lo Statuto)
Il ratto di Proserpina / di Claudio Claudiano; con commenti, critica e traduzione in versi per l'avvocato Luigi
Garces De Diez, Messina: Tip. fr.lli Messina, 1889
Abano / Claudio Claudiano; saggio di versione di Vittorio Trettenero, Verona; Padova, 1901
Il ratto di Proserpina / di Claudio Claudiano; volgarizzato da Giuseppe Morsolin, Trapani: Stamp. economica
trapanese, 1882
La fenice: idillio / di Claudio Claudiano; versione di Ottaviano Targioni Tozzetti, Livorno: Vigo, 1879
Note Generali: Nozze Rignano-Pereyra de Leon, 19 ottobre 1879
Epitalamio di Palladio e Celerina / [di] Claudio Claudiano; recato in volgare da Ottaviano Targioni Tozzetti, In
Livorno: pei tipi di Francesco Vigo, 1879
Note Generali: Nozze Rignano-Sanguinetti.
Targioni Tozzetti, Ottaviano <1833-1899>
Claudii Claudiani Poemata, Augustae Taurinorum: Ex officina regia, 1853
Claudio Claudiano: Il ratto di Proserpina, Le nozze di Palladio e Celerina, Un epigramma / Versioni di Ugo
Antonio Amico, Palermo: L. Pedone Lauriel, 1877
Oeuvres completes de Claudien / traduites en francais par M. Heguin De Guerle, Paris: Garnier, 1865,
Classique Garnier. Bibliotheque latinefrancaise
Note Generali: Testo orig. in calce.
Traduction de la colletion Panckoucke
Le opere / di Cl. Claudiano; volgarizzamento e note di Gio. Battista Gaudo, In Firenze: M. Cellini, 1867-1870
Note Generali: Ed di 150 esemplari f.c.
Cl. Claudiani Raptu proserpinae / recensuit dr. Ludovicus Jeep, Augustae Taurinorum, etc.
Per le nozze di Palladio e Celerina: epitalamio / di Claudio Claudiano; versione di Ugo Antonio Amico,
Palermo: Tipografia B. Virzi-Puleo, 1875
Amico, Ugo Antonio <1836-1917>
Le opere di Cl. Claudiano / volgarizzamento e note di Gio. Battista Gaudo
Edizione: 2. ed. / riveduta e corretta dal traduttore, Oneglia: G. Ghilini, 1871
Claudii Claudiani Carmina / recensuit Ludovicus Jeep, Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1876Descrizione fisica: v.; 23 cm
Comprende: 1: Carm. 1-24
Autore: Lucanus, Marcus Annaeus, Lucain Silius Italicus, Claudien: ouvres completes avec la traduction
francais / publiees sous la direction de M. Nisard, Paris: Firmin Didot, 1871, Collection des auteurs latins
avec latraduction en francais
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
267
Autore: Claudianus, Claudius, La calamita: idillio / di Claudio Claudiano; versione di Ottaviano Targioni
Tozzetti, Livorno: Tipografia di Franc. Vigo, 1879
Note Generali: Per nozze Vigo-Beghe.
_____________________________
Internet
Panegyricus für Olybrius und Probinus
Taegert, W.: Claudius Claudianus, Panegyricus dictus Olybrio et Probino consulibus. Zetemata 85. München
1988.
In Rufinum
Ratschky, J. F.: Klaudians Gedicht wider Rufin. Wien 1801.
Levy, H. L.: Claudian's In Rufinum. An Exegetical Commentary. Princeton 1971.
De quarto consulatu Honorii
Barr, W.: Claudian's Panegyric on the Fourth Consulate of Honorius. Introduction, Text, Translation.
Liverpool 1981 - Rez.: Hofmann, Gymnasium 92, 1985, 560-562; Döpp, Gnomon 57, 1985, 654-655.
Epithalamium für Honorius und Maria, Fescennina
Frings, U.: Claudius Claudianus. Epithalamium de nuptiis Honorii Augusti. Einleitung und Kommentar.
Beiträge zur Klassischen Philologie 70. Meisenheim am Glan 1975.
Bertini Conidi, R.: Claudio Claudiano, Fescennini et epitalamio per le nozze di Onorio e Maria. Introduzione,
testo, traduzione e note. Rom 1988.
De bello Gildonico
Olechowska, E. M.: Claudii Claudiani De bello Gildonico. Texte établi, traduit et commenté. Roma aeterna
10. Leiden 1978.
De consulatu Mallii Theodori
Simon, W.: Claudiani panegyricus de consulatu Manlii Theodori (Carm. 16 und 17), eingeleitet,
herausgegeben und übersetzt. Berlin 1975.
In Eutropium
H. Schweckendiek: Claudians Invektive gegen Eutrop (In Eutropium).
Hildesheim/Zürich/New York 1992 - Rez.: Gruber, Gymnasium 101, 1994, 66-68.
Ein
Kommentar.
De bello Getico
Schroff, H.: Claudians Gedicht vom Gotenkrieg, herausgegeben und erklärt. Diss. Heidelberg 1927.
Klassisch-philologische Studien 8. Berlin 1927.
De Venuto, D.: Claudiano, La guerra gotica. Rom 1968.
Garuti, G.: Cl. Claudiani De bello Gothico. Edizione critica, traduzione et commento. Bologna 1979.
De sexto consulatu Honorii
Müller, K. A.: Claudians Festgedicht auf das sechste Konsulat des Kaisers Honorius. Diss. Heidelberg 1938.
Neue deutsche Forschungen 7.
Dewar, M. J.: Claudian, Panegyricus de sexto consulatu Honorii Augusti. Edited with Introduction,
Translation, and Literary Commentary. Oxford 1996.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
268
De raptu Proserpinae
Hall, J. B.: Claudian, De Raptu Proserpinae. Cambridge 1969.
Potz, E.: Claudian. Kommentar zu De raptu Proserpinae Buch 1. Diss. Graz 1985.
Gruzelier, C.: Claudian, De raptu Proserpinae. Edited with Introduction, Translation and Commentary. Oxford
1993.
Carmina minora
Laus Serenae (carm. min. 30)
Heus, W.E.: Claudius Claudianus, Laus Serenae (carm. min. 30). Inleiding en commentaar. Diss. Utrecht
1982.
Consolino, F. E.: Claudiano, Elogio die Serena. Venedig 1986 - Rez.: Hall, CR 36, 1986, 238-239; Fo,
BStudLat 16, 1986 132-134.
________________________
Studi
Crees, J.H.E.: Claudian as an historical authority. Diss. London 1906. Cambridge 1908 (ND Rom 1968).
Fargues, P.: Claudien. Etudes sur sa poésie et son temps. Paris 1933.
Steinbeiß, H. Das Geschichtsbild Claudians. Diss. Halle 1936.
Romano, D.: Claudiano. Palermo 1958.
Paschoud, F.: Roma aeterna. Études sur le patriotisme romain das l'occident latin a l'époque des grandes
invasions. Rom 1967, 133-155.
Cameron, A.: Claudian. Poetry and Propaganda at the Court of Honorius. Oxford 1970 Rez.:Gnilka,Gnomon 49, 1977, 26-51.
Christiansen, P. G.: Claudian and the East. Historia 19, 1970, 113-120.
Gnilka, Chr.: Götter und Dämonen in den Gedichten des Claudian. A&A 17, 1973, 144-160.
Nolan, J. F.: Claudian. Michigan 1973.
Gnilka, Chr.: Bemerkungen zum Claudiantext. In: Gnilka, Chr., Schetter, W. (Hrsg.): Studien zur Literatur der
Spätantike. Antiquitas Reihe 1 Bd. 23. Bonn 1975, 45-86.
Gnilka, Chr.: Dichtung und Geschichte im Werk Claudians. Frühmittelalterliche Studien 10, 1976, 96-124.
Schmidt, P.L.: Politik und Dichtung in der Panegyrik Claudians. Konstanz 1976.
Burck, E.: Die Epen Claudians. In: Ders. (Hrsg.): Das römische Epos. Darmstadt 1979, 359-378.
Döpp, S.: Zeitgeschichte in Dichtungen Claudians. Hermes Einzelschriften 43. Wiesbaden 1980. - Rez.: Hall,
CR 35, 1985 291-293; Duval, Latomus 41, 1982, 665-667; Wankenne, AC 51, 1982, 472-474; Wirth, HZ 235,
1982, 668-670.; Klein, Gnomon 55, 1983, 28-36.
Fo, A.: Studi sulla tecnica poetica di Claudiano. Catania 1982.
Duval, Y.-M.: La figure de Thèodose chez Claudien. In: La poesia tardoantica: Tra retorica, teologia e
politica. Atti del V corso della Scuola superiore di archeologia e civiltà medievali. Messina 1984, 133-185.
Hall, J.B.: Prolegomena to Claudian. BICS Suppl. 45, 1986.
Ernest, W.: Die Laudes Honorii Claudians: Drei Beispiele poetischer Konsulatspanegyrik im Vergleich. Diss.
Regensburg 1987.
Gruzelier, C.E.: Claudian: Court Poet as Artist. Ramus 19, 1990, 89-108.
Trout, D.E.: The Years 394 and 395 in the Epitoma Chronicon: Prosper, Augustine, and Claudian. CPh 86,
1991, 43-47.
Lawatsch-Boomgarden, B.: Die Kunstbeschreibung als strukturierendes Stilmittel in den Panegyriken des
Claudius Claudianus. Grazer Beiträge 18, 1992, 171-193.
Perrelli, R.: I Proemi Claudianei. Tra Epica ed Epidittica (Saggi e testi classici, cristiani, cristiani e medievali
5). Catania 1992. - Rez.: Barr, JRS 85, 1995, 346-347.
Perrelli, R.: Due paideiai imperiali del IV secolo: Temistio e Claudiano. In: Conca, F., Gualandri, I. u.a.
(Hrsg.): Politica, cultura e religione nell'impero romano (secoli IV-VI) tra oriente e occidente. Atti del secondo
convegnodell'associazione di studi tardoantichi. Neapel 1993, 239-247.
Funke, H.: The Universe of Claudian. Its Greek Sources. Papers of the Liverpool Latin Sem. 5, 357-366.
In Rufinum
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
269
Barr, W.: Claudian's In Rufinum, an invective? Papers of the Liverpool Latin Semin. 2. 179-190.
Évrard, É.: Réflexions sur un passage de Claudien, In Rufinum. Les modes d'insertion d'un texte dans une
tradition. In: Decreus, F., Deroux, C. (Hrsg.): Hommages à Jozef Veremans. Brüssel 1986, 121-127.
Potz, E.: Claudians In Rufinum. Invektive und Laudatio. Philologus 134, 1990, 66-81.
Nesselrath, H.-G.: Zu Datierung und Aufbau des I. Buches von Claudians Invektive "In Rufinum". Hermes
119, 1991, 217-231.
Nesselrath, H.-G.: Menippeisches in der Spätantike: Von Lukian zu Julians "Caesares" und zu Claudians "In
Rufinum". MH 51, 1994, 30-44.
De tertio consulatu Honorii
Potz, E.: Die Gestalt Rufins in Claudians Panegyricus auf das dritte Konsulat des Kaisers Honorius. Grazer
Beiträge 17, 1990, 225-233.
De quarto consulatu Honorii
Lehner, J.: Poesie und Politik in Claudians Panegyrikus auf das vierte Consulat des Kaisers Honorius.
Beiträge zur Klassischen Philologie 163. Königstein (Ts.) 1984. - Rez.: Robertson, G&R 32, 1985, 215;
Paschoud, MH 42, 1985, 364; Heus, Gymnasium 93, 1986, 555-556; Schuller, HZ 242, 1986, 133; L'Huillier,
REL 63, 1985, 423; Rodgers, AJPh 107, 1986, 445-446; Marcone, Athenaeum 64, 1986, 541-542.
Epithalamium für Honorius und Maria, Fescennina
Charlet, J.-L.: Un exemple de la lecture d'Ovide par Claudien: l'Epithalame pour les noces d'Honorius et
Marie. In: Gallo, I., Nicastri, L. (Hrsg.): Aetates Ovidianae. Lettori di Ovidio dall'antichità al rinascimento.
Neapel 1995, 121-131.
De bello Gildonico
Barnes, T.D.: An anachronism in Claudian. Historia 27, 1978, 498-499.
Hirschberg, Th.: Zur Präsentation der Kampftechnik der Numider bei Claudian. "Bellum Gildonicum" 433441. Hermes 122, 1994, 378-381.
In Eutropium
Döpp, S.: 1978. Claudian's invective against Eutropius as a contemporary historical document. WüJbb N.F.
4, 1978, 187-196.
Albert, G. 1979. Stilicho und der Hunnenfeldzug des Eutropius. Chiron 9, 1979, 621-645.
Dewar, M.: The fall of Eutropius. CQ 40, 1990, 582-584.
Long, J.: Claudian's In Eutropium or, how, when, and why to slander a eunuch. Chapel Hill/London 1996.
De consulatu Stilichonis
Keudel, U.: Poetische Vorläufer und Vorbilder in Claudians De Consulatu Stilichonis. Imitationskommentar.
Göttingen 1970.
De bello Getico
Balzert, M.: Die Komposition des Claudianischen Gotenkriegsgedichtes c. 26. Spudasmata 23.
Hildesheim/New York 1974.
Garuti, G.: Claudiano e la curia dei Visigoti (Bell. Goth. 481-484). In: Studi di poesia latina in onore di
Antonio Traglia. Rom 1979, 937-949.
Garuti, G.: Lettura pedagogica claudianea: l'educazione paterna di Onorio e l'augusto"insegnamento"della
guerra gotica. In: Mnemosynum. Studi in onore di Alfredo Ghiselli. Bologna 1989, 245-250.
De sexto consulatu Honorii
Dewar, M. Octavian and Orestes again. CQ 40, 1990, 580-582.
De raptu Proserpinae
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
270
Fo, A.: Osservazioni su alcune questioni relative al De raptu Proserpinae di Claudiano. Quaderni Catanesi
(QC) 1, 1979, 385-415.
Schwarz, F.F.: Nigra maiestas. Bryaxis, Sarapis, Claudian.In: Schwarz G., Pochmarski E. (Hrsg.): Classica
et Provincialia. Festschr. für Erna Diez. Graz 1978, 189-210.
Fauth, W.: Concussio Terrae. Das Thema der seismischen Erschütterung und der vulkanischen Eruption in
Claudians"De raptu Proserpinae". A&A 34, 1988, 63-78.
Gruzelier, C.E.: Temporal and Timeless in Claudian's"De Raptu Proserpinae". G&R 35, 1988, 56-72.
Duc, Th.: Le "De raptu Proserpinae" de Claudien. Réflexion sur une actualisation de la mythologie. Bern u.a.
1994 - Rez.: Caduff, Gymn. 103, 1996, 272-274.
Wheeler, St. M.: The underworld opening of Claudian's De raptu Prosperpinae.TAPhA 125, 1995, 113-134.
Kellner, Th.: Die Göttergestalten in Claudians De raptu Proserpinae. Polarität und Koinzidenz als
anthropozentrische Dialektik mythologisch formulierter Weltvergewisserung. Beiträge zur Altertumskunde
106. Stuttgart/Leipzig 1997.
Carmina minora
Laurens, P.: Le poème inépuisable. In: Renard, M., Laurens, P. (Hrsg.): Hommages à Henry Bardon. Brüssel
1985, 244-261 (zu carm. min. 33-37).
Laurens, P.: Poétique et histoire. Bulletin de l'Association G. Budé (BAGB) 1986, 345-367.
Ricci, M.L.: Note testuali ai carmi minori di Claudiano. InvLuc 5/6, 1983/84, 137-149.
Ricci, M.L.: Per il commento del Carme minore di Claudiano sui fratelli di Catania (C.m. 17 Hall). InvLuc 7/8,
1985/86, 175-191.
Ricci, M.L.: Elementi descrittivi ed elementi narrativi nel carme sui fratelli catanesi di Claudiano (carm. min.
17 Birt). In: Munus amicitiae. Scritti in memoria di Alessandro Ronconi I. Florenz 1986, 221-232.
Lavalle, R.: La naturaleza en los Carmina minora de Claudiano. Argos 5, 1981, 75-82.
Luck, G.: Disiecta membra. On the arrangement of Claudian's carmina minora. Illinois Classical Studies
(ICS) 4, 1979, 200-213.
Romano, D.: Struttura della Gigantomachia latina di Claudiano. In: Studi di poesia latina in onore di Antonio
Traglia. Rom 1979, 925-936.
Ricci, M.L.: Claudius Claudianus Phoenix (carm. min. 27). Bari 1981.
Kirsch, W.: Claudians Gigantomachie als politisches Gedicht. In: Scheel, H. (Hrsg.): Rom und Germanien.
Dem Wirken Werner Hartkes gewidmet. Berlin 1983, 92-98.
Schmidt, P.L.: Zur niederen und höheren Kritik von Claudians "Carmina minora". In: Mélanges offerts à
Jacques Fontaine à l'occasion de son 70e anniversaire, par ses éleves, amis et collègues. De Tertullien aux
Mozarabes. Tome I: Antiquité tardive et christianisme ancien (IIIe - VIe siècles). Paris (Coll. des études
augustiniennes. Série Antiquité. 132) 1992, 643-660.
Ricci, M.L.: Forme letterarie e uomini politici nei carmi minori di Claudiano tra oriente e occidente. In: Conca,
F., Gualandir, I. u.a. (Hrsg.): Politica, cultura e religione nell'impero romano (secoli IV-VI) tra oriente e
occidente. Atti del secondo convegno dell'associazione di studi tardoantichi. Neapel 1993, 249-257.
Moroni B.: Tituli Serenae. Motivi di un encomio femminile in Claudiano, C.m. 30. Graeco-Lat. Mediol. 137160.
Charlet J.-L.: Théologie, politique et rhétorique. La célébration poétique de Pâques à la cour de Valentinien
et d'Honorius, d'après Ausone (Versus paschales) et Claudien (De Salvatore). In: La poesia tardoantica: Tra
retorica, teologia e politica. Atti del V corso della Scuola superiore di archeologia e civiltà medievali. Messina
1984, 259-287.
Christiansen, P. G., Sebesta J. L.: 1985. Claudian's Phoenix. Themes of imperium. AC 54, 1985, 204-224.
Einzelfragen
Romidee
Christiansen, P.G.: Claudian and Eternal Rome. AC 40, 1971, 670-674.
Klein R.: Die Romidee bei Symmachus, Claudian und Prudentius. In: Paschoud, F. (Hrsg.): Colloque
Genevois sur Symmaque à l'occasion du mille six centième anniversaire du conflit de l'autel de la Victoire.
Paris 1986, 119-144.
Riedl, P.: Die Romidee Claudians. Gymnasium 102, 1995, 59-72.
Sprache und Stil
Christiansen, P.G.: The Use of Images by Claudius Claudianus. The Hague 1969.
F. D’Alessi © 2002
F. D'ALESSI - Letteratura latina - Parte IV,2 - Da Marco Aurelio alla fine dell'impero Romano d'Occidente
271
Moes, R.: Les hellénismes de l'époque Théodosienne. Recherches sur le vocabulaire d'origine grecque chez
Ammien, Claudien et dans l'Histoire Auguste.### 1980 - Rez.: de Jonge, Gnomon 54, 1982, 387-