Presentazione standard di PowerPoint

Report
La “buona scuola” in sei capitoli
1)assumere tutti i docenti di cui la scuola ha bisogno
2)le nuove opportunità per tutti i docenti. Formazione e carriera nella nuova scuola
3)la vera autonomia: valutazione, trasparenza, apertura, burocrazia zero
4)ripensare ciò che si impara a scuola
5)fondata sul lavoro
6)le risorse per la buona scuola, pubbliche e private.
Il piano scuola del Governo è presentato in modo suggestivo: tratta del sistema di reclutamento per concorso pubblico,
alla creazione dell’organico funzionale, alla reintroduzione del tempo pieno al sistema di valutazione, allo sfoltimento
delle pratiche burocratiche e al rilancio dell’autonomia.
Quello che il Governo non può pensare è di mettere mano agli ordinamenti dei docenti e dei diritti e doveri del
personale della scuola al di fuori del contratto di lavoro ed escludendo il sindacato dal confronto su queste materie. I
grandi assenti dalle 136 pagine sono proprio contratto e sindacato..
L’altro grande assente è il personale Ata, citato solo per i prossimi tagli di organico. Eppure anche nel settore dei
servizi amministrativi e dell’assistenza alla disabilità (a cui il piano presta molta attenzione) vi sono drammatiche
carenze di personale solo in parte coperte, anche qui, da lavoratori precari.
Riportiamo di seguito una sintesi dei capitoli del Rapporto sulla Buona Scuola presentato dal Governo, al fine di
mettere in evidenza punti di interesse e di criticità rilevabili nelle proposte contenute nel documento della buona scuola.
Capitolo 1 - Assumere tutti i docenti di cui la scuola ha bisogno (pagg. 11-42)
Lo svuotamento delle GAE, oltre a dare una risposta alle legittime aspettative dei precari, permetterà di attivare procedure di reclutamento
certe e costanti nel tempo attraverso i concorsi ordinari.
Nel piano, però, molte questioni sono lasciate in ombra ed è urgente nella sua realizzazione siano esplicitate.. Urgono chiarimenti
sull’impegno economico, sul rispetto delle prerogative contrattuali, in particolare quelle salariali e sui tempi di attuazione del piano.
Inoltre, va sottolineata l’assenza delle stabilizzazioni del personale ATA per il quale valgono le stesse ragioni di urgenza e di funzionamento
delle scuole.
Va chiarito quali saranno le procedure per le assegnazioni in particolare rispetto alla possibilità di essere utilizzati su discipline affini e/o in
provincia/regione diversa (graduatoria nazionale?): va comunque garantita la volontarietà da parte degli aspiranti.
E’ importante fornire garanzie ai docenti abilitati e non inclusi nel piano di stabilizzazioni sulle opportunità di lavoro (supplenze
“incomprimibili”) e sui tempi per la loro stabilizzazione anche valorizzando, nei concorsi, l’esperienza lavorativa.
E’ necessario approfondire la sorte della terza fascia d’istituto alla quale, in assenza di sufficienti docenti abilitati, si dovrà ricorrere per
almeno alcuni anni. In questo senso è opportuno prevedere, nelle future procedure abilitanti, una valorizzazione dell’esperienza lavorativa per
non sperperare professionalità che negli anni si sono impegnate per il buon andamento della scuola.
Da anni la FLC chiede l’istituzione di un organico funzionale di scuola per docenti e ATA. Operazione fattibile superando l’attuale distinzione
tra organico di diritto e fatto a cui aggiungere ulteriori posti per l’ampliamento dell’offerta formativa (generalizzazione scuola dell’infanzia,
assistenti tecnici scuola primo ciclo, ampliamento del tempo scuola, attuazione di progetti, attività di recupero per fare fronte alla dispersione.
ecc.).
L’istituzione dell’organico funzionale al piano dell’offerta tempi certi di assunzione.
Capitolo 2 - Formazione e carriera docenti (pagg. 43-60)
La proposta è quella di “ripensare la carriera dei docenti, per introdurre elementi di differenziazione basati
sul riconoscimento di impegni e meriti oltre che degli anni trascorsi dall’immissione in ruolo”. Ci si muove
esclusivamente sul terreno salariale, riconoscendo periodicamente (ogni 3 anni) “scatti di competenza” legati
all’impegno e alla qualità delle prestazioni e una retribuzione accessoria e variabile annuale per lo svolgimento di
attività aggiuntive e di progetti legati a funzioni obiettivo o per competenze specifiche. I primi (scatti di competenza)
vengono riconosciuti al 66% dei docenti e finanziati con fondi tratti dagli attuali scatti automatici di anzianità; la
retribuzione accessoria viene invece finanziata dal Fondo d’Istituto. L’individuazione del 66% dei beneficiari è
genericamente demandata a un Nucleo di Valutazione di cui al momento risultano del tutto incerti i criteri di
costituzione e le modalità di funzionamento, né si chiarisce se si tratti di un organismo interno (come l’attuale
Comitato per la valutazione) o esterno (come definito dal recente Regolamento sul Sistema Nazionale di
Valutazione); ugualmente imprecisato il ruolo del Dirigente Scolastico.
La nuova progressione di carriera proposta nel Piano è fatta a costo zero con lo spostamento di poste. Anzi,
vi è di più: il passaggio degli scatti di anzianità agli scatti di competenza (ogni 3 anni) sarà preceduto da tre
anni di vuoto. Ciò vuol dire che dal 1 settembre 2015 al 31 agosto 2018 il sistema degli scatti verrà
congelato per tutti ad eccezione di coloro che si trovano al 33° anno di servizio. Per questi ultimi rimarrà in
vigore l’attuale sistema.
L’idea di introdurre un sistema di crediti professionali può essere un argomento di discussione in sede
negoziale preceduto da un ampio dibattito con la categoria. Orario, carichi di lavoro e organizzazione del
lavoro, sia per i docenti che per gli ATA, sono certamente da rivisitare in quanto l’impianto del 2007 non è
più adeguato a far fronte ai cambiamenti che ci sono stati negli ultimi 7 – 8 anni. La FLC CGIL ha
presentato le sue proposte per il rinnovo del contratto e per la valorizzazione di docenti e ATA nel documento
“Cantiere scuola FLC CGIL, proposte per la scuola bene comune”.
Il Piano Renzi prevede la figura del Docente Mentor (scelto dal Nucleo di Valutazione, precisando in
questo caso che si tratta del nucleo “interno”), ruolo che può essere affidato a un numero di docenti non
superiore al 10% di quelli operanti a livello di singola scuola o rete di scuole, con compiti essenzialmente di
coordinamento delle attività di formazione, di accompagnamento dei tirocinanti e di collaborazione con il
DS per la valorizzazione delle risorse umane nell’ambito della didattica. Requisito per accedere alla
figura di mentor è aver acquisito consecutivamente almeno tre scatti di competenza.
Per la FLC CGIL un nuovo sistema di progressione economica di car e ricerca didatticariera deve
garantire il mantenimento degli scatti a tutti sulla base dell’anzianità (come oggi), ma che preveda,
anche, un sistema di “possibili accelerazioni” che valorizzi tre aspetti dell’impegno professionale da
parte del personale docente: la specificità del contesto lavorativo in cui si insegna; il “particolare
impegno nel lavoro d’aula” se connotato da innovazione e ricerca didattica-educativa e nel campo
della valutazione; l’impegno aggiuntivo nelle attività di tipo organizzativo e gestionale diverso
dall’insegnamento e funzionali alle esigenze delle singole scuole. Questi tre aspetti dell’impegno
aggiuntivo dovrebbero consentire la maturazione di crediti professionali che, assieme alla
formazione e in aggiunta all’anzianità, devono consentire “su base volontaria” accelerazioni nella
progressione di carriera in tutte le scuole.
Per il personale ATA, la FLC propone di estendere e portare a completamento il percorso di
valorizzazione già avviato sia con le posizioni economiche che con la revisione dei profili e delle aree
già previste nel CCNL 2007.
Il Governo pone l’accento sul fatto che la scansione triennale degli scatti offre l’opportunità di un
percorso più breve dell’attuale e di una più forte rivalutazione salariale: è però altrettanto evidente
che il prezzo lo paga un terzo dei docenti che ne resterà fuori!!!!!
Capitolo 3 - La vera autonomia: valutazione, trasparenza, apertura, burocrazia (pagg. 61-86)
AUTONOMIA
Occorre realizzare pienamente l’autonomia scolastica. Ciò significa quattro cose:
- Non c’è vera autonomia senza responsabilità. E non c’è responsabilità senza valutazione.
- Le scuole saranno aiutate e valutate su questo a costruire il proprio progetto di miglioramento, partendo da un
coinvolgimento sempre più significativo dei docenti e degli studenti
- Ogni scuola deve poter schierare la miglior squadra possibile.
- I dirigenti scolastici potranno scegliere tra i docenti coloro che coordinano le attività di innovazione didattica, la
valutazione o l’orientamento e premiarne, anche economicamente, l’impegno.
E’ fin troppo evidente lo sforzo degli estensori del testo governativo di utilizzare una terminologia positiva e
rassicurante. Resta il fatto che il punto di riferimento è il Regolamento sul SNV che la FLC CGIL non solo ha
contestato, ma anche impugnato. Valutare il sistema è necessario, ma occorre ispirarsi all’Europa che indica
precisi criteri: chiarezza, inclusività, semplicità, progressività.
VALUTAZIONE DI ISTITUTO
Il sistema Nazionale di Valutazione (DPR 80/13) sarà reso operativo dall’a.s. 2015/2016 per tutte le scuole
pubbliche, statali e paritarie. Il sistema ha degli enormi difetti che vanno emendati perché occorre individuare i
livelli essenziali delle prestazioni scolastiche, rendere l’Invalsi realmente autonomo rivedendo radicalmente
la funzione dei test, separare la valutazione dei risultati del sistema dai processi di valorizzazione del
personale, rendere credibile il ruolo ispettivo (attualmente inefficiente perché privo di personale). La
valutazione deve essere realmente di sistema e deve coinvolgere tutti a partire dai decisori politici, con
l’obiettivo di innalzare la qualità della didattica e non di classificare le scuole. E così si potrà più
efficacemente partire. (da “Cantiere Scuola FLC CGIL”).
TRASPARENZA E RENDICONTAZIONE
A partire dal 2015 per ogni scuola saranno pubblicati, in forma aggregata e, dove possibile, di microdati:
- i flussi di dati sull’organizzazione della scuola (organico, edilizia, bilancio)
- i rapporti di autovalutazione di ogni scuola e i relativi piani di miglioramento;
- i bilanci delle scuole (di previsione e conto consuntivo, con la descrizione analitica dell’impiego delle risorse
provenienti da Stato, Enti locali, famiglie e privati);
- tutti i progetti finanziati attraverso il MOF o altri fondi a bilancio della scuola;
- una mappatura delle interazioni delle scuole con il territorio: partenariati con imprese, fondazioni, amministrazioni
locali, eventi.
REGISTRO NAZIONALE DEI DOCENTI DELLA SCUOLA
Il registro sarà attivo a partire dall’anno scolastico 2015-2016 e offrirà le informazioni sulla professionalità (un portfolio
ragionato) di tutti gli amministrativi, dirigenti, insegnanti, associato alla scuola in cui sono in servizio.
Il registro sarà lo strumento che ogni scuola (o rete di scuole) utilizzerà per individuare i docenti che meglio rispondono
al proprio piano di miglioramento e alle proprie esigenze. Per la FLC CGIL è totalmente irricevibile. Sembrerebbe
una concessione nei confronti dei fautori della chiamata diretta dei docenti da parte delle singole scuole.
Trattandosi di “chiamate” dirette a personale già di ruolo, questo meccanismo dovrebbe saldarsi con la
migrazione, da una scuola all’altra da parte dei docenti, nelle scuole che mostrano di avere colleghi “mediocri”
che non rientrano nel 66% dei bravi, a caccia dei 60 euro di vantaggio economico. Inaccettabili sono le intenzioni
di lasciare al Dirigente Scolastico la prerogativa di “scegliere” i coordinatori delle varie attività e di “premiarli”:
tali prerogative (nei criteri e nelle modalità) devono rimanere in mano al Collegio e/o ai gruppi di riferimento; così
come l’attribuzione delle retribuzioni deve rimanere prerogativa della contrattazione onde evitare elargizioni
personalistiche. Positiva appare, invece, la pubblicazione dei dati elencati nel documento governativo.
Capitolo 4 - “Ripensare ciò che si impara a scuola” (pagg. 87-102)
Il documento pone l’accento sull’esigenza di dare adeguato spazio ad ambiti culturali che sono peculiari
della nostra identità e della nostra tradizione, musica e arte; si sofferma inoltre sulla necessità di un
potenziamento dell’educazione fisica, dell’insegnamento delle lingue straniere, oltre a indicare come
indispensabile l’introduzione del coding (la programmazione) sin dalla scuola primaria, promuovendo
l’informatica per ogni indirizzo scolastico.
Alfabetizzazione digitale - Il documento fissa traguardi ambiziosi e con dettaglio di tempi, prevedendo un
piano nazionale per l’introduzione del coding in tutti gli ordini e gradi di scuola, a partire dalla primaria,
nella quale entro tre anni gli alunni dovranno “imparare a risolvere problemi complessi con la logica del
paradigma informatico”
Capitolo 5 - Fondata sul lavoro (pagg. 103-115)
5.1 Alternanza scuola-lavoro – La via italiana al modello duale - Nel documento del Governo si ipotizza l’obbligo
dell’Alternanza Scuola Lavoro negli ultimi tre anni degli Istituti Tecnici e lo incrementa di un anno negli Istituti Professionali,
prevedendo un monte ore dei percorsi di almeno 200 ore l’anno. Costo: 75 milioni di euro solo per gli Istituti tecnici, a fronte
degli 11 milioni stanziati per il 2014. In termini generali, servono complessivamente oltre 100 milioni di Euro e soprattutto la
disponibilità di imprese presenti su tutto il territorio nazionale, così da garantire pari opportunità a tutti gli studenti.
Ci sono alcune affermazioni di principio, anche se non mancano idee di subalternità agli interessi delle imprese.
Il documento confonde l’alternanza con l’apprendistato e, per certi versi, anche con la formazione continua dei lavoratori.
Il documento pur affermando la presenza dell’alternanza in tutto il secondo ciclo in realtà tratta esclusivamente degli
istituti tecnici e professionali.
Evidente lo svarione sugli istituti professionali: l’alternanza obbligatoria per due anni (in totale 132 ore) è totalmente
sparita dal 2014/15. Quindi, anche in questo caso, come per gli istituti tecnici, sarà necessario reperire le risorse non per uno
ma per tre anni
Non sono evidenziati in alcun modi gli intrecci tra l’ampliamento dell’alternanza e il rafforzamento dei laboratori.
Le citazioni dei Poli tecnico-professionali, degli ITS, della Formazione Professionale, appaiono adempimenti formali privi di
contenuti concreti e prospettive di sviluppo, anche perché totalmente avulse da una analisi e da una interpretazione di
quanto accaduto in questi anni.
Capitolo 6 - Le risorse per la buona scuola, pubbliche e private (pp. 117-126)
Nell’affrontare il tema si prendono in considerazione due possibili fonti di finanziamento: risorse pubbliche
integrabili da contributi privati opportunamente incentivati.
Risorse pubbliche - Con l’obiettivo di rendere le risorse pubbliche più ingenti e certe, si annuncia il rifinanziamento
del Fondo per il Miglioramento dell’offerta formativa e della dotazione di risorse prevista a sostegno dell’autonomia
scolastica dalla Legge 440 del 1997. Per il MOF si prevede l’assegnazione alle scuole di un budget triennale
aumentando le risorse per quelle scuole che sviluppano pratiche per il potenziamento dell’offerta formativa, per la
formazione, la produzione contenuti didattici, l’innovazione digitale, l’alternanza scuola-lavoro.
Risorse private - Servono perché quelle pubbliche non saranno mai sufficienti a colmare le esigenze. Le risorse
private sono viste come fattore che può trasformare la scuola in un investimento collettivo.
Le risorse pubbliche non saranno mai sufficienti a colmare le esigenze di investimenti nella nostra scuola. Sommare le
risorse pubbliche a interventi dei privati è l’unico modo per tornare a competere. Per facilitare le scuole a ricevere
risorse occorre costituire le scuole in fondazioni o in Enti con autonomia patrimoniale.
E poi va offerto al settore privato e no profit un pacchetto di vantaggi fiscali.
Affermare che le risorse pubbliche non saranno mai sufficienti per fare fronte alle esigenze delle scuole vuol
dire che lo Stato alza bandiera bianca. Si arrende alla sfida di garantire il diritto all’istruzione dei cittadini.
Non si vede la necessità, al fine di accogliere finanziamenti dai privati, di trasformare le scuole in Fondazioni o
in Enti con autonomia patrimoniale
Obbligo a 18 anni e infanzia generalizzata
Nessun accenno all’obbligo a 18 anni.
Per la scuola dell’infanzia c’è un passo verso l’estensione delle sezioni e
l’aumento del tempo scuola attraverso l’organico funzionale.
Personale ATA
Quest’anno 39 milioni di euro sono stati usati per recuperare le posizioni economiche del personale ATA.
Per il personale ATA sarà rivisitato il meccanismo di valorizzazione della carriera.
Il Registro nazionale dei docenti della scuola sarà navigabile dal personale amministrativo per assolvere
agli scopi della normale gestione del personale per ridurre la burocrazia.
Il personale amministrativo è vincolato da mille adempimenti, di cui deve essere liberato per potersi
concentrare sull’offerta formativa e i bisogni reali dei ragazzi.
Con la digitalizzazione si è iniziato ad agevolare lo svolgimento delle funzioni proprie del personale
amministrativo. Ciò comporterà. Quando tutto andrà a regime, una riduzione del loro carico di lavoro e
quando la digitalizzazione delle scuole diventerà più capillare, l’efficientamento dei processi
amministrativi potrà portare ad un ridimensionamento complessivo del numero degli assistenti
amministrativi e ad un possibile risparmio di risorse.
Il personale ATA è il grande assente del Piano scuola. Ci si riferisce solo al personale amministrativo,
ma solo per dire che a digitalizzazione completata sarà ridotto il numero degli A.A.
Nemmeno un accenno al piano triennale di stabilizzazione (DL 104/2013), non si prevedono concorsi
per i DSGA.
Personale ATA – Molestie burocratiche
Per permettere alla scuola di lavorare occorre ridurre la burocrazia, svincolare il personale da mille
adempimenti. Basti pensare alla fatica di scorrere le graduatorie per le pur essenziali supplenze o alle
risposte da dare alle numerose richieste di dati, per non dimenticare le pur giuste incombenze sulla
sicurezza. Serve fare una ricognizione delle 100 misure più fastidiose, vincolanti e inutili che gravano
sulle scuole e abrogarle tutte insieme con un unico provvedimento.
Occorre, entro un anno, rielaborare un nuovo Testo Unico della normativa scolastica perché quello
attuale risale al 1994. Si chiede al personale della scuola di segnalare la “norma più assurda” con cui ci
si è scontrati per riuscire a fare una cosa bella nella scuola.
I propositi del Governo recepiscono – lo vogliamo ricordare – le rivendicazioni di una incessante
campagna, ormai decennale, lanciata dalla FLC CGIL contro le “molestie burocratiche”.
Bisogna dare seguito agli impegni che si stanno prendendo in sede di tavolo tecnico al MIUR: 1)
liquidazione diretta delle supplenze da parte del MEF; 2) revisione del Regolamento di
contabilità; 3) Regolamento per il mercato elettronico; 4) un help desk per le scuole per i contatti
fra scuola e MIUR; 5) Convenzione Consip per Assicurazioni e rapporti con le banche; adozione
del sistema dei vademecum per alcuni adempimenti (ricognizione dei beni, contabilità speciali); 6)
restituzione dei residui attivi vantati dalle scuole; istituzione di un gruppo di lavoro centrale con la
presenza di rappresentanti delle scuole che esamini prima e dopo tutti i provvedimenti pensati per
l’amministrazione e poi fatti calare malamente sulle scuole.

similar documents