I controlli di regolarità amministrativa e contabile D. Lgs. n. 123/2011

Report
I controlli di regolarità
amministrativa e
contabile
D. Lgs. n. 123/2011
Ragioneria Territoriale dello Stato di Campobasso
I controlli amministrativi
Attività di riesame degli atti atti emessi dalle PA






Preventivi
Successivi
Interni
Esterni
Di legittimità
Di merito
Controlli amministrativi
PREVENTIVI
esercitati
prima che
l’atto acquisti
efficacia
SUCCESSIVI
esercitati dopo
che l’atto abbia
acquisito
efficacia
Controlli amministrativi
ESTERNI
INTERNI
esercitati da un
organo esterno
all’Amministrazione
es. Corte dei Conti
esercitati da un
organo interno
all’Amministrazione
es. RGS
Controlli amministrativi
DI LEGITTIMITA’
volti ad accertare
l’aderenza dell’atto
alle norme che ne
disciplinano il
procedimento
DI MERITO
volti a verificare
l’opportunità
dell’atto
Controlli interni d.lgs. 286/1999
Controllo di regolarità
amministrativa e
contabile
Controllo di gestione
Controllo sulla dirigenza
Controllo strategico
Controlli interni
Obbligatorietà
Non autoreferenziali
Non aggravamento del procedimento
Valutazione dell’attività complessiva della PA
Autotutela dell’Amministrazione
Controlli di regolarità
amministrativa e contabile
 Controlli del dipartimento RGS:
Uffici Centrali del Bilancio e
Ragionerie Territoriali
 Revisori dei conti MEF
 Controlli del Servizio Ispettivo
di Finanza Pubblica - SIFIP
D.Lgs 123/2011
 Riordino della disciplina dei
controlli di Ragioneria
 Semplificazione e
razionalizzazione
 Revisione dei termini
 Previsione di programmi
annuali
D.Lgs 123/2011
Il controllo di regolarità amministrativa e
contabile è volto a garantire la legittimità
contabile e amministrativa, al fine di
assicurare la trasparenza, la regolarità e la
correttezza dell'azione amministrativa, e si
svolge in via preventiva o successiva
rispetto al momento in cui l'atto di spesa
spiega i suoi effetti.
D. Lgs. 123/2011
Fatto salvo quanto previsto dall'articolo
3, c.1, della legge 14 gennaio 1994, n.
20, a seguito dell’esito positivo del
controllo preventivo di regolarità
amministrativa e contabile, l'atto diviene
efficace a decorrere dalla data della sua
emanazione.
Atti sottoposti al controllo
preventivo
Art. 5 comma 1
Tutti gli atti dai quali derivino
effetti finanziari per il bilancio
dello Stato.
Controlli su atti Istituti Scolastici
Art. 5 comma 2
Ragionerie
Territoriali dello
Stato competenti per
territorio
c) provvedimenti o
contratti di assunzione
di personale a
qualsiasi titolo
d) atti relativi al
trattamento giuridico
ed economico del
personale in servizio
Controlli su atti Istituti Scolastici
Revisori dei conti
• Atti di predisposizione e di gestione del
bilancio dell’Istituzione Scolastica
• Verifica compatibilità finanziaria degli oneri
della Contrattazione Integrativa
• Verifiche di Cassa
Documentazione giustificativa
Art. 9
La documentazione giustificativa è
allegata in originale.
Espletato il controllo, gli atti e la
relativa documentazione sono
restituiti all'amministrazione.
Termini del controllo
Art. 8, comma 2
Sessanta giorni
dalla ricezione
dell’atto
Esito del controllo
VISTO di REGOLARITA’
AMMINISTRATIVA E
CONTABILE
L’atto è efficace a decorrere
dalla data di emanazione
Esito del controllo
OSSERVAZIONI
RILIEVI
L’atto non acquista
efficacia
Il Dirigente responsabile,
entro 30 giorni, può:



Ritirare l’atto
Modificare l’atto
Disporne, sotto la
propria responsabilità,
la registrazione
“VISTO FORZATO”
art. 10, c. 1
L’atto acquista efficacia
anche in presenza di
osservazioni
La RTS trasmette il
provvedimento al
competente ufficio di
controllo della Corte dei
conti
“VISTO FORZATO”
La Corte dei Conti, una volta preso in
carico l’atto, eseguirà su di esso un
controllo successivo di legittimità,
verificandone, attraverso accurata
istruttoria, la conformità alla legge.
“VISTO FORZATO”
Essendo i provvedimenti
già esecutivi, il controllo
della Corte non prevede
il termine di 60 giorni
stabilito per i controlli
preventivi.
“VISTO FORZATO”
Se non verranno riscontrate irregolarità l’atto
verrà ammesso al visto della Corte.
Qualora permangano dubbi sulla regolarità
dello stesso, la questione sarà deferita al
Collegio e saranno convocati, oltre al
Dirigente che ha emanato l’atto, anche la RTS
che ha formulato i rilievi.
“VISTO FORZATO”
La Sezione di controllo, con apposita deliberazione,
si pronuncerà sull’atto.
Qualora ne dichiari la non conformità
alla legge, trasmetterà gli atti alla
Procura competente per
l’accertamento di eventuale
responsabilità amministrativa e danno
erariale.
Scadenza dei termini
CONTROLLO
RISPOSTA A RILIEVI
60 gg.
L’atto
acquista
efficacia
30 gg.
L’atto non
acquista efficacia
Viene restituito
privo di visto
Interruzione termini controllo
art.8, comma 3
In presenza di osservazioni o di
richiesta di chiarimenti, i termini per
l'espletamento del controllo sono
interrotti fino al momento in cui
l'ufficio di controllo riceve i
documenti o i chiarimenti richiesti.
ATTO ACQUISTA EFFICACIA
Art. 8,c. 1
Esito positivo controllo
Art. 8,c. 2
Visto forzato
Art. 10,c. 1
Decorrenza termini
ATTO NON ACQUISTA EFFICACIA
Art. 10, c. 2
Decorrenza termini
per risposta a
osservazioni
Art. 10, c. 3
Casi particolari
Previsione di programmi annuali
Determina del Ragioniere Generale dello
Stato
 Complessità degli atti
 Rilevanza ai fini della Finanza Pubblica
 Efficacia dell’esercizio del controllo
Previsione di programmi annuali
PRIORITA’
Contratti di assunzione a TI e TD
Atti comportanti incrementi a carattere
permanente sul trattamento economico
del personale in servizio
Tipologie di atti con maggiori
irregolarità nei 2 anni precedenti

similar documents