WEEKLY UPDATE - NEWS

Report
WEEKLY UPDATE - NEWS
A cura dell'Ufficio Studi IDeA Fimit sgr
Economia
Costruzioni in calo a novembre - A novembre 2013 l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è diminuito del 2,6% mensile. L’indice corretto per effetti di calendario
è diminuito del 10,8% rispetto al novembre 2012. Nella media dei primi undici mesi dell’anno, la produzione nel settore è scesa dell’11,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno
precedente.
Il calo dei prestiti bancari si è accentuato (-5,8% a/a) - Secondo il bollettino economico di gennaio della Banca d'Italia, si e' accentuato il ritmo di contrazione dei prestiti bancari alle
imprese (-5,8% nei dodici mesi terminati a novembre), il cui debito complessivo è sceso al di sotto dell'80% del Pil.
Mutui: in crescita la domanda (+6,5%) - In Italia cresce la domanda di mutui a dicembre 2013 per il sesto mese consecutivo: +6,5% l'aumento rispetto allo stesso mese del 2012. In
termini aggregati nell’arco dei 12 mesi, tuttavia, il numero di richieste rimane ancora inferiore (-3,6%) rispetto al 2012, oltre che sostanzialmente dimezzato rispetto agli anni precedenti.
Mercato immobiliare
Il settore retail traina gli investimenti del 2013 - A trainare la crescita dei volumi investiti nell'immobiliare commerciale nel 2013 (4,3 mld di euro), sono stati il settore uffici ed il
settore retail, soprattutto quest'ultimo, che ha visto i volumi aumentare considerevolmente rispetto al 2012. Grazie all'interesse degli investitori internazionali (più del 50% dei capitali
investiti), tornano sul mercato le transazioni di retail moderno (circa il 60% dei volumi vede coinvolti shopping centre, retail park e factory outlet centre) e di grandi dimensioni (il 35%
delle transazioni supera i €100 milioni e vale quasi l’80% dei volumi). Notevole anche la crescita della dimensione media transata: circa il 70% dei deal chiusi sul mercato italiano nel
corso del 2013 ha superato i 25 milioni di euro, contro il 30% del 2012. In particolare, l’attività è tornata a concentrarsi su Milano, che ha raccolto il 55% dei volumi, contro una media
quinquennale del 47% ed il 40% del 2012. (Fonte: JLL)
I Paesi in recupero rafforzeranno l’Europa - Secondo le previsioni di Urban Land Institute, sulle prospettive del Real Estate, la crescita del mercato immobiliare europeo, già avviata
nel 2013, si consoliderà grazie all’interessamento, da parte degli investitori, a paesi come Irlanda e Spagna, duramente colpiti dalla crisi negli ultimi anni. Per il 51% degli operatori
internazionali, Dublino rappresenta oggi una piazza primaria in cui investire, quota che sale al 67% se si considera la Spagna nel suo complesso. Non manca chi però consiglia
ulteriore attesa, rivolgendosi a mete tradizionali e meno rischiose quali Londra, Monaco e Parigi. L’Italia rimane ancora in posizione marginale, con un volume d’investimento che, con i
4 miliardi di euro registrati nel 2013, rappresenta meno di un sesto di quello londinese e circa un terzo di quello parigino. Inoltre, negozi e centri commerciali occupano le ultime
posizioni come tipologie preferite in cui investire, testimoniando la scarsa fiducia in un’imminente ripresa dei consumi.
Investimenti globali: +18% nel 2013 - Secondo uno studio pubblicato da Jones Lang LaSalle, migliori condizioni economiche globali e una maggiore liquidità hanno spinto i volumi
degli investimenti immobiliari commerciali globali del Q4 2013 fino a quota 183 miliardi di dollari, per un totale di 549 miliardi di dollari nell'intero anno, un aumento del 18% rispetto al
2012.
Residenziale grandi città: nel 2014 i prezzi scenderanno ancora del 2-4% - Nel corso di quest'anno i prezzi delle case scenderanno in una forchetta compresa tra il 2 e il 4%.
Dopo un 2013 che ha dato segnali di contrazione sia a livello di prezzi sia a livello di compravendite, a partire dal secondo trimestre dell’anno, gli operatori hanno iniziato a riscontrare i
primi segnali di ripresa della volontà di acquisto. Il 2014 potrebbe non essere molto diverso: anche se gli operatori segnalano un ritorno di interesse all’acquisto sia da parte delle
famiglie sia da parte degli investitori, in particolare in città come Milano e Roma. Diversa la situazione nella provincia, dove il calo dei prezzi sarà più netto, data la difficoltà di accesso
al credito e l'abbondanza di nuove costruzioni invendute. Il mercato degli affitti continuerà ad assorbire la domanda di coloro che non riescono ad acquistare e le richieste saranno in
aumento: i canoni di locazione non dovrebbero comunque registrare incrementi significativi.
JLL lancia il suo secondo fondo di debito europeo - LaSalle Investment Management, società di investimenti del gruppo immobilare internazionale Jones Lang LaSalle, ha
raccolto circa 725 milioni di euro per il suo secondo fondo di debito dedicato ad acquisizioni in Europa. Questa cifra rende il fondo immobiliare uno dei maggiori in Europa.
McDonald’s si espande a Bergamo - McDonald’s è pronto a rafforzare la propria presenza a Bergamo. La catena conta già 8 ristoranti nella provincia e nel 2014 conta di arrivare a
quota 10, con una prima apertura a Dalmine e una seconda ancora da definire. I McDonald’s già operativi nella provincia di Bergamo durante il 2013 hanno ospitato un totale di 4,2
milioni di clienti.
Crisi: aumentano i capannoni in vendita - Aumentano gli immobili produttivi in vendita in Lombardia. Le chiusure, le procedure fallimentari e i capannoni messi sul mercato dalle
banche hanno rinforzato un mercato che rappresenta una traccia della recessione economica. I capannoni sul mercato sono 6.646 in Lombardia, con un incremento del 16,9% sul
2010. E, in Italia, sono complessivamente 16.072 (+12,8%). Questa situazione di mercato genera un sostanziale calo dei prezzi di vendita. Per il futuro si prevede una costante
riduzione dei valori almeno fino al 2015. Mediamente, in Lombardia, un immobile produttivo (che non necessiti di ristrutturazione) costa 694 euro al mq.
(Fonte: Immobiliare.it)
Social housing: 144 progetti in corso per 1,1 miliardi di euro di investimenti - I dati forniti da Nomisma indicano la presenza di 144 progetti immobiliari, per 12 società di gestione
del risparmio coinvolte nella realizzazione di un totale di 9.900 alloggi sociali, pari a 6.000 posti letto in residenze temporanee. Dal punto di vista degli investimenti in gioco il report
segnala 1,1 miliardi di euro in progetti con delibere preliminari, di cui 970 milioni di euro in delibere definitive.
Grand Hotel Palace di Roma verso la cessione - Nonostante l'operazione non si sia ancora conclusa, lo storico Grand Hotel Palace di Via Veneto, a Roma, di proprietà di Boscolo
Group, entrerà presto a far parte del portafoglio del colosso di Singapore, quotato a Londra, Millenium&Copthorne, cui fanno capo 120 alberghi distribuiti in 19 paesi. Si tratterebbe del
primo investimento della società in Italia. L’operazione, gestita dall’advisor Cushman & Wakefield, avrebbe un controvalore di 65,5 milioni di euro, cifra superiore del 18-20% al valore
assegnato all’immobile dal consulente Jones Lang LaSalle. Ciò consentirebbe al gruppo, in ristrutturazione da alcuni anni, di accelerare il progetto di risanamento affidato al nuovo
management.
Transazioni recenti
IMMOBILE
I Villini
Reggia di Carditello
Coltelleria Lorenzi
Carrefour Limbiate
Milano (via Canova)
DATA
09/01/2014
09/01/2014
31/12/2013
30/12/2013
30/12/2013
PROVINCIA
RM
CE
MI
MB
MI
VENDITORI
UniCredit Banca
Consorzio pubblico
Famiglia Lorenzi
CBRE Global Investors Italy
Sireo Immobilienfonds
COMPRATORI
Colony Capital
SGA (Ministero Economia)
Swatch
ING Insurance
Consolato della Turchia
VALORE
140,0 Mln €
11,5 Mln €
45,0 Mln €
140,0 Mln €
8,0 Mln €
TIPOLOGIA
Residenziale/Abitativo
Reggia
Commerciale Retail
Commerciale GDO
Direzionale/Uffici
IDeA FIMIT sgr
American Express al Da Vinci Building di Idea Fimit - American Express ha trasferito al Da Vinci Building la sua sede di Roma, nei pressi di via Tuscolana, per andare ad occupare
l’80% del primo edificio del Da Vinci Building, di proprietà dei Fondi quotati Alpha e Beta Immobiliare e dei Fondi riservati ad investitori qualificati Gamma e Sigma Immobiliare. Il
complesso Da Vinci si compone di tre edifici di cui due di 8 piani ad uso uffici ed ospita già altre importanti realtà internazionali del settore dell’automotive.
Competitor
Beni Stabili emette bond da 350 mln: domanda tre volte maggiore dell'offerta - Ammonta a 350 milioni di euro l'emissione di bond senior unsecured a 4 anni, lanciata da Beni
Stabili. L'obiettivo iniziale di raccolta è di 300 milioni. La domanda di bond, che ha superato quota 900 milioni di euro, equivalenti a oltre tre volte l'importo messo inizialmente in offerta,
ha permesso di abbassare il coupon annuo al 4,125%, inferiore alla guidance iniziale di 4,250%. Le obbligazioni saranno emesse alla pari con un valore nominale unitario di 100mila
euro e multipli di 1.000 euro fino a un massimo di 199.000 euro e il loro collocamento è rivolto esclusivamente a investitori qualificati. La data di emissione e di regolamento delle
obbligazioni è prevista per il 22 gennaio 2014.
Accordo tra la regione Sardegna e Torre SGR per housing sociale - Via libera alla stipula del contratto tra la Regione Sardegna e Torre SGR, gestore del fondo immobiliare di
housing sociale vincitrice della gara. Torre SGR dovrà istituire e amministrare un fondo immobiliare minimo di 30 milioni di euro per la realizzazione dei progetti di edilizia sociale.
L'obiettivo è di consentire a giovani coppie, anziani e studenti, l'accesso all'affitto o all'acquisto della prima casa, a prezzi più agevoli rispetto a quelli attuali di mercato, costruendo
abitazioni nel rispetto dell'ambiente e a basso consumo del territorio. La Regione partecipa alla costituzione del fondo immobiliare con 12 milioni di euro ed è previsto il coinvolgimento
di privati, fondazioni, operatori, banche e altri enti pubblici per moltiplicare le risorse disponibili.
20/01/2014

similar documents