Modalità compilazione e presentazione moduli RW Ivafie e Ivie

Report
1
Modalità di compilazione e
presentazione Modulo RW,
Ivafe e Ivie
Ravvedimento operoso
Dott. Alessandro Papa – Ap Consulting
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
La nuova disciplina per il monitoraggio fiscale
2
L’art. 9 della Legge 97/2013, recante le “Disposizioni per
l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza
dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2013”, ha
apportato alcune rilevanti modifiche al Decreto Legge
167/1990, convertito, con modificazioni, dalla Legge
227/1990 contenente la disciplina del cosiddetto
“monitoraggio fiscale”
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Le novità
3
 Eliminazione dell’obbligo di dichiarare i trasferimenti – sia i trasferimenti
attuati attraverso soggetti non residenti senza il tramite di intermediari
italiani (sezione I vecchio quadro RW), sia i trasferimenti da, verso e
sull’estero relativi agli investimenti detenuti all’estero (sezione III vecchio
quadro RW);
 In riferimento alla soglia di euro 10.000 prevista per la rilevanza dei
depositi e dei conti correnti bancari all’estero, essa deve essere considerata
non esclusivamente come soglia al 31.12. Ciò implica che l’attività estera
dovrà essere dichiarata ai fini del monitoraggio fiscale nel modulo RW
anche nel caso in cui tale soglia sia stata raggiunta nel corso del periodo di
imposta;
 Introduzione della figura del titolare effettivo come soggetto interessato dal
monitoraggio;
 Revisione del regime sanzionatorio.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Il nuovo quadro RW
4
Secondo quanto indicato nel Provvedimento dell’Agenzia
delle Entrate n. 151663/2013, le novità in materia di
monitoraggio fiscale si applicano a partire dal periodo di
imposta 2013.
Da qui nasce l’esigenza di concepire un nuovo modulo RW
all’interno del Modello Unico 2014.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Soggetti tenuti alla presentazione del modulo RW
5
Il modulo RW deve essere compilato, ai fini del monitoraggio fiscale, dalle
persone fisiche residenti in Italia che detengono investimenti all’estero e
attività estere di natura finanziaria a titolo di proprietà o di altro diritto
reale ai fini dell’ Imposta sul valore degli immobili all’estero (IVIE) e dell’
Imposta sul valore delle attività finanziarie all’estero (IVAFE).
Tali soggetti sono tenuti ad indicare la consistenza degli investimenti e
delle attività detenute all’estero nel periodo di imposta, indipendentemente
dal valore complessivo degli stessi.
L’obbligo sussiste anche nel caso in cui, nel corso del periodo di imposta il
contribuente abbia totalmente disinvestito e quindi non possiede più
l’investimento al termine del periodo di imposta (nella precedente
formulazione del modulo RW, invece, non sussisteva alcun obbligo in caso
di disinvestimento).
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Ampliamento dell’ambito soggettivo ai titolari
effettivi degli investimenti
6
Sono tenuti alla dichiarazione delle attività detenute all’estero, non solo
i possessori formali delle stesse, ma anche coloro che, pur non essendo i
possessori diretti, sono considerati titolari effettivi dell’investimento.
L’obbligo dichiarativo ai fini del monitoraggio riguarda anche il caso in
cui le attività e gli investimenti esteri, pur essendo formalmente
intestati a società o ad entità giuridiche diverse dalla società siano
riconducibili a persone fisiche in qualità di titolari effettivi delle attività
secondo quanto previsto dalla normativa antiriciclaggio (art. 1, comma
2, lettera u del D. Lgs. N. 231/2007 e art. 2 dell’allegato tecnico)
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Ampliamento dell’ambito soggettivo ai titolari
effettivi degli investimenti
7
Per titolare effettivo si intende, quindi:
 La persona fisica o le persone fisiche che in ultima istanza hanno il
possesso ovvero il controllo di una entità giuridica. Tale criterio si
intende soddisfatto ove la percentuale corrisponda al 25% più uno di
partecipazione al capitale sociale;
 La persona fisica o le persone fisiche che esercitano il controllo sulla
direzione di un’entità giuridica.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Ampliamento dell’ambito soggettivo ai titolari
effettivi degli investimenti
8
In particolare:
 Qualora un soggetto residente abbia la delega al prelievo sul conto
corrente estero è tenuto alla compilazione del quadro RW, salvo che
non si tratti di mera delega ad operare per conto dell’intestatario, come
nel caso di amministratori di società
 L’obbligo di compilazione del quadro RW sussiste anche nel caso in cui
le attività siano possedute dal contribuente per interposta persona.
Devono infatti essere dichiarati gli investimenti all’estero e le attività
estere di natura finanziaria nonché gli investimenti in Italia e le attività
finanziarie italiane detenute per il tramite di fiduciarie estere o di
soggetti esteri fittizziamente interposti che ne risultino formalmente
intestatari.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Soggetti esenti dalla presentazione del modulo
RW
9
L’obbligo della compilazione del modulo RW non sussiste ai fini del monitoraggio fiscale
nei casi in cui:
- le attività finanziarie e patrimoniali siano affidate in gestione o in amministrazione
ad intermediari residenti, qualora i flussi finanziari e i redditi derivanti da tali attività
siano stati assoggettati a ritenuta o imposta sostitutiva dagli intermediari stessi;
- per le persone fisiche che prestano lavoro all’estero per lo Stato italiano, per una sua
suddivisione politica o amministrativa o per un suo ente locale e le persone fisiche che
lavorano all’estero presso organizzazioni internazionali cui aderisce l’Italia la cui
residenza fiscale in Italia sia determinata, in deroga agli ordinari criteri previsti dal
TUIR, in base ad accordi internazionali ratificati;
- i contribuenti residenti in Italia che prestano la propria attiivtà lavorativa in via
continuativa all’estero in zone di frontiera e in altri Paesi limitrofi con riferimento agli
investimenti e alle attività estere di natura finanziaria detenute nel Paese in cui svolgono
la propria attività lavorativa.
Tale esonero viene riconosciuto solo qualora l’attività lavorativa all’estero sia stata svolta
in via continuativa per la maggior parte del periodo di imposta e a condizione che entro
sei mesi dall’interruzione del rapporto di lavoro all’estero, il lavoratore non detenga più le
attività all’estero.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Cosa dichiarare
10
Nel quadro RW devono essere indicati:
 Gli investimenti esteri
 Le attività estere di natura finanziaria
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Gli Investimenti
11
Gli investimenti sono i beni patrimoniali collocati all’estero che
possono realizzare reddito soggetto a tassazione in Italia.
Queste attività devono sempre essere indicate nel quadro RW
indipendentemente dalla loro effettiva produzione di redditi imponibili
nel periodo di imposta.
Rientrano in questa fattispecie, ad esempio:
- gli immobili situati all’estero o i diritti reali immobiliari;
- gli oggetti preziosi e le opere d’arte;
- le imbarcazioni o le navi da diporto;
- altri beni mobili detenuti e/o iscritti nei pubblici registri esteri
o,comunque, con i requisiti per essere iscritti in Italia.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
IVEI – Imposta sul valore degli investimenti
esteri
12
L’imposta viene calcolata rapportando il valore dell’investimento estero al termine del
periodo di imposta (o, se diverso, al termine del periodo di detenzione dello stesso) alla
quota e al periodo di possesso.
Al valore così determinato viene applicata:
- l’aliquota dello 0,76% in via generale;
- l’aliquota dello 0,40% per l’immobile, e relative pertinenze, adibito ad
abitazione principale.
Dall’imposta dovuta per il periodo di imposta 2013 così calcolata, dovrà essere detratto:
- il credito di imposta pari al valore dell’imposta patrimoniale
versata nello Stato in cui è situato l’immobile;
- l’eventuale eccedenza risultante dalla precedente dichiarazione, al netto
delle compensazioni effettuate nel corso del periodo di imposta;
- gli acconti versati
Sarà in questo modo determinato l’importo dell’imposta a debito o a credito del periodo.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Le attività estere di natura finanziaria
13
Le attività estere di natura finanziaria sono quelle attività da cui derivano redditi di
capitale o redditi diversi di natura finanziaria di fonte estera.
Ai fini del calcolo dell’imposta, queste attività devono sempre essere indicate nel
modulo RW in quanto di per sé produttive di redditi di fonte estera imponibili in
Italia.
Rientrano in questa fattispecie, ad esempio:
- attività i cui redditi sono corrisposti da soggetti non residenti ( ad es.
le partecipazioni al capitale o al patrimonio di soggetti non residenti, le
obbligazioni estere e i titoli similari, le valute estere, depositi e conto correnti
bancari costituiti all’estero ecc.);
- contratti di natura finanziaria stipulati cin controparti non residenti
(ad es. finanziamenti, pronti contro termine e prestito titoli);
- metalli preziosi detenuti all’estero;
- forme di previdenza complementare :
- polizze assicurative sulla vita e di capitalizzazione.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
IVAFE – Imposta sul valore delle attività
finanziarie estere
14
L’imposta viene calcolata rapportando il valore dell’investimento estero al termine del
periodo di imposta (o, se diverso, al termine del periodo di detenzione dello stesso) alla
quota e al periodo di possesso.
Al valore così determinato viene applicata:
- l’aliquota dello 0,15% per le attività finanziarie diverse dai conti
correnti e libretti di risparmio;
- in misura fissa pari a 24,20 euro per i conti correnti e i libretti di
risparmio
Dall’imposta dovuta per il periodo di imposta 2013 così calcolata, dovrà essere detratto:
- il credito di imposta pari al valore dell’imposta patrimoniale
versata nello Stato in cui è detenuta l’attività finanziaria;
- l’eventuale eccedenza risultante dalla precedente dichiarazione, al netto
delle compensazioni effettuate nel corso del periodo di imposta;
- gli acconti versati
Sarà in questo modo determinato l’importo dell’imposta a debito o a credito del periodo.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Compilazione pratica del quadro RW
15
Nei righi da RW1 a RW5 è necessario indicare:











Colonna 1 – il diritto reale detenuto in riferimento al bene da dichiarare (proprietà, ususfrutto, nuda
proprietà o altro);
Colonna 2 – indicare lo status del contribuente, ovvero se si tratta di soggetto delegato ad esempio alla
movimentazione del conto corrente o del titolare effettivo;
Colonna 3 – indicare il bene oggetto di dichiarazione : tipo di investimento estero o di attività
finanziaria estera
Colonna 4 – indicare lo Stato in cui è detenuto il bene;
Colonna 5 – indicare la quota di possesso del bene;
Colonna 6 – indicare il criterio utilizzato per la determinazione del valore del bene ( valore di mercato,
valore nominale, valore di rimborso, costo storico, valore catastale o valore da dichiarazione di
successione);
Colonna 7 – indicare il valore del bene all’inizio del periodo di imposta o al primo giorno di
acquisizione;
Colonna 8 – indicare il valore del bene alla fine del periodo di imposta o all’ultimo giorno di
detenzione;
Colonna 9 – indicare il valore massimo raggiunto dal conto corrente o libretto di risparmio detenuti in
Paesi non collaborativi;
Colonna 10 – indicare i giorni di possesso nel caso in cui sia dovuta l’IVAFE;
Colonna 11 – calcolo dell’imposta IVAFE;
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Compilazione pratica del quadro RW
16
 Colonna 12 – indicare i mesi di possesso nel caso in cui sia dovuta l’IVIE;
 Colonna 13 - calcolo dell’imposta IVIE;
 Colonna 14 – indicare il credito di imposta che corrisponde al valore dell’imposta







patrimoniale pagata nello Stato in cui è situato il bene (l’importo non può essere
superiore rispetto all’imposta calcolata in Italia);
Colonna 15 – indicare l’IVAFE dovuta, determinata dalla differenza tra l’imposta
calcolata e il credito di imposta spettante;
Colonna 16 – indicare l’importo delle detrazioni previste per l’abitazione principale;
Colonna 17 – indicare l’IVIE dovuta, determinata dalla differenza tra l’imposta
calcolata, il credito di imposta spettante e l’eventuale detrazione per abitazione
principale;
Colonna 18 – barrare la casella se i redditi relativi alle attività finanziarie sono
infruttiferi o se verranno percepiti in periodi di imposta successivi;
Colonna 19 – indicare la percentuale di partecipazione all’ente giuridico nel caso in
cui il contribuente sia il titolare effettivo;
Colonna 20 – indicare i riferimenti, codice fiscale o codice identificativo, dell’ente
giuridico;
Colonna 21/22 – indicare i codici fiscale degli altri soggetti tenuti alla compilazione
del quadro RW, a qualsiasi titolo, nella propria dichiarazione dei redditi
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Esempio IVIE
17












Nell’ipotesi in cui il contribuente detenga un immobile sito in Germania il rigo RW1 dovrà
essere compilato come segue:
Colonna 1 – codice 1 (proprietà)
Colonna 2 – codice 2 (titolare effettivo)
Colonna 3 – codice 15 (beni immobili)
Colonna 4 – codice 094 (Germania)
Colonna 5 – 100% (quota di possesso)
Colonna 6 – codice 4 (costo storico)
Colonna 7 – ipotesi euro 40.000
Colonna 8 – ipotesi euro 40.000
Colonna 12 – 12 (mesi di possesso)
Colonna 13 – euro 304,00 (IVIE dovuta: 4.000 x 0,76%)
Colonna 14 – ipotesi euro 200,00 (credito di imposta spettante)
Colonna 17 – euro 104,00 (differenza tra l’imposta calcolata e il credito di imposta spettante)
Di conseguenza il rigo RW7 - IVIE sarà compilato come segue:
 Colonna 1 – euro 104,00 (imposta dovuta)
 Colonna 4 – euro 150,00 (acconti versati)
 Colonna 6 – euro 46,00 (imposta a credito )
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Esempio IVAFE
18
Nell’ipotesi in cui il contribuente detenga dei titoli in Germania il rigo RW2 dovrà essere compilato
come segue:
 Colonna 1 – codice 4 (altro diritto reale)
 Colonna 2 – codice 2 (titolare effettivo)
 Colonna 3 – codice 3 (obbligazioni e titoli similari)
 Colonna 4 – codice 094 (Germania)
 Colonna 5 – 100% (quota di possesso)
 Colonna 6 – codice 2 (valore nominale)
 Colonna 7 – ipotesi euro 50.000
 Colonna 8 – ipotesi euro 58.300
 Colonna 10 – 365 (giorni di possesso)
 Colonna 11 – euro 12,00 (IVIE dovuta: 8.300 x 0,15%)
 Colonna 14 – ipotesi euro 10,00 (credito di imposta spettante)
 Colonna 15 – euro 2,00 (differenza tra l’imposta calcolata e il credito di imposta spettante)
Di conseguenza il rigo RW6 - IVAFE sarà compilato come segue:
 Colonna 1 – euro 2,00 (imposta dovuta)
 Colonna 5 – euro 2,00 (imposta a debito )
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Esempio – IVIE e IVAFE
19
esempio modulo RW.pdf
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Sanzioni amministrative e ravvedimento operoso
20
La violazione dell’obbligo di dichiarazione degli investimenti e delle attività finanziarie
estere è punita con la sanzione amministrativa:
- dal 3% al 15% dell’ammontare degli importi non dichiarati per gli
investimenti e le attività detenute in paesi non black list;
- dal 6% al 30% degli importi non dichiarati per gli investimenti e le attività
detenute in paesi black list;
In caso di dichiarazione tardiva, cioè presentata entro 90 giorni dal termine ultimo per la
presentazione, si applica la sanzione pari a 258 euro.
E’ stata inoltre eliminata la sanzione accessoria della confisca di beni di corrispondente
valore.
Prima delle modifiche introdotte dalla Legge europea al D.L 167/1990 le sanzioni previste
erano più elevate:
- tra il 10% e il 50% per le somme non dichiarate detenute nei paesi non black list;
- il doppio per le somme non dichiarate detenute nei paesi black list.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Sanzioni amministrative e ravvedimento operoso
21
In base al principio del favor rei previsto dal D. Lgs. N. 472/1997, art. 3
commi 2 e 3 il nuove regime sanzionatorio è applicabile anche alle
violazioni pregresse, salvo che non siano già state accertate in via
definitiva.
Le circolari dell’Agenzia delle Entrate n. 11/2010 e n. 9/2002 hanno
chiarito che le violazioni riguardanti il modulo RW hanno natura
tributaria. Ciò consente quindi di applicare alle violazioni indicate
l’istituto del ravvedimento operoso di cui all’articolo 13 del D.Lgs.
472/1997.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Ravvedimento operoso del modulo RW –
violazioni riferite al periodo di imposta 2012
22
Per le violazioni relative al periodo di imposta 2012 il contribuente
può provvedere all’integrazione della dichiarazione, presentando
una dichiarazione integrativa entro e non oltre il termine per la
presentazione del modello Unico 2014 (30.09.2014), e usufruire
dell’istituto del ravvedimento operoso corrispondendo:
 Le sanzioni legate alla dichiarazione – euro 32,00 (1/8 della
sanzione minima prevista dall’art. 8, co.1 del D.Lgs. 471/97);
 Le sanzioni legate alla compilazione del modulo RW – 1/8 del 3% o
del 6% degli importi non dichiarati precedentemente;
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Ravvedimento operoso del modulo RW –
violazioni riferite a periodi di imposta ante 2012
23
Nel caso in cui, invece, le violazioni siano relative a periodi di imposta
precedenti rispetto al 2012, non sarà più possibile usufruire del
ravvedimento operoso e il contribuente dovrà attendere la contestazione
delle sanzioni da parte dell’Ufficio. Saranno in questo caso applicate le
seguenti sanzioni:
 Per la dichiarazione integrativa:
- se non sono dovute imposte: sanzione da euro 258,00 ad euro 2.065,00 (art. 8, co. 1 D.Lgs
471/97);
- se sono dovute imposte: sanzione dal 133% al 266% delle maggiori imposte dovute (art. 1, co. 2
D.Lgs 471/97 aumentate di un terzo ai sensi del successivo comma 3);
- in entrambi i casi: le aliquote previste dall’art. 5 del D.L. 167/90, come modificato dalla Legge
europea.
 Per la dichiarazione omessa:
-
se non sono dovute imposte: sanzione da euro 258,00 ad euro 2.065,00 (art. 1, co. 1
D.Lgs 471/97);
- se sono dovute imposte: sanzione dal 160% al 320% delle maggiori imposte dovute (art.
1, co. 1 D.Lgs 471/97 aumentate di un terzo ai sensi del successivo comma 3);
- in entrambi i casi: le aliquote previste dall’art. 5 del D.L. 167/90, come modificato dalla Legge
europea.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting
Ravvedimento operoso modulo RW
24
Tutte le sanzioni fin qui illustrate possono essere
definite in forma agevolata, usufruendo delle
riduzioni previste dall’art. 16, co. 3 del D.Lgs 472/97,
ovvero la riduzione ad 1/3 delle sanzioni dovute.
Dott. Alessandro Papa - AP Consulting

similar documents