Apogeo e crisi dell`impero romano. Gabrielli, Valli, Zenobi II D

Report
Presentazione
di storia

Apogeo e crisi
dell’impero romano

TEMPI
 Massima espansione con
l’imperatore Traiano(98117)
 L’impero Romano entra in
crisi alla fine del II secolo
ciò favorì l’avanzamento
delle tribù germaniche a
est e quelle persiane in
oriente
LUOGHI
 Con Traiano terminarono
le mire espansionistiche
dei Romani
 Tutti i suoi successori
furono costretti ad
adottare politiche di
contenimento come
rafforzare il limes
(frontiera)
Una svolta radicale
Equilibrio di Nerva
Traiano: un provinciale al potere
La politica estera
Le opere pubbliche
Una svolta
radicale

 Con la morte di Domiziano l’impero entrò in una nuova
fase in cui la nobiltà provinciale acquisiva sempre più
potere, nessuno dei quali ebbe discendenti diretti .
l’equilibrio di
Nerva

 In seguito alla svolta gli imperatori furono scelti in base
alle qualità, il primo di essi fu Marco Nerva che fu
l’imperatore di transizione, anziano senatore appoggiato
dall’esercito nel quale individuò il suo successore : Traiano
Traiano: un
provinciale al potere

 Traiano fu il primo imperatore non italico bensì spagnolo
grazie alla sua bravura fu considerato dal senato il
migliore con l’appellativo di Optimus e mantenne un
grandissimo rapporto con il senato
Politica estera

 Con Traiano si compirono due campagne di guerra dove
riuscì a sottomettere la Dacia e il suo re (101-107 d.C)
 Venne eretta la colonna Traiana
 Ci fu un’altra Campagna di guerra contro i Parti iniziata
negativamente ma conclusa positivamente conquistando
tutta la Mesopotamia
 Traiano morì nel 117 in Cilicia
Opere pubbliche

 Fu Costruito il Foro, le terme e i mercati di Traiano e si
raggiunsero i vertici della scultura Romana con la
decorazione della colonna Traiana
La nomina di Adriano
La fine della politica di espansione
La minaccia barbara
L’ eridità di Adriano
La giurisprudenza in età imperiale
La nomina di
Adriano

 La moglie di Traiano annunciò che quest’ultimo sul punto
di morte nominò Adriano governatore di Siria e le regioni
di Siria lo acclamarono imperatore e in seguito il senato gli
concesse il trono
La fine della politica
di espansione

 Con Adriano (117-138) Roma rinunciò alla politica di
espansione per concentrarsi sul consolidamento e alla
difesa delle frontiere.
 Adriano concluse la pace con i Parti e l’ Armeria passo da
provincia a stato Vassallo.
 Per il confine Adriano fece ereggere una palizzata di legno
lungo il Reno e il Danubio e in Britannia una muraglia di
pietra
La minaccia
barbara

 Attacco da parte di tribù barbare dal nord e dall’ est e
operazioni militari di Roma per bloccarle e tenerle sotto
pressione. Di conseguenza Roma passo da una politica
offensiva ad una difensiva ciò comportò un rientro delle
tribù a Roma.
l’eredità di
Adriano

 Adriano teneva molto ai problemi provinciali inoltre con
Adriano si diffuse l’uso dei sarcofagi e delle terre incolte
dai quali trasse vari benefici e introdusse novità nel
campo del diritto.
La giurisprudenza in
età imperiale

 Durante l’impero Adriano perfezionò l’opera di
catalogazione, sistematizzazione, interpretazioni delle
leggi e delle sentenze dei pretori. Istituì inoltre il consiglio
del principe che era formato da un gruppo di esperti del
diritto che avevano il compito di interpretare
autenticamente le leggi.
Realizzata da …….

Luca Valli
Marco Zenobi
Mattia Gabrielli

similar documents