Struttura istituzionale Italiana

Report
Struttura istituzionale
Italiana
I Diversi regimi Italiani
• Regime Monarchico-Liberale (1861-1922)
• Regime Fascista (1922-1943)
• Regime Democratico dal 1948
Regime monarchico liberale
L’unificazione del Regno d’Italia fu caratterizzata per la sua relativa
rapidità nel processo di costituzione anche grazie alle capacità politiche
della classe dirigente del regno di Sardegna e soprattutto di Cavour
(Destra storica)
Altra caratteristica fondamentale fu il ritardo con cui tale processo si
manifesto rispetto alle altre nazioni europee (esclusa la Germania che
venne unificata solo nel 1871).
Tutto ciò comportò, per il nuovo stato, con rapida successione di
importanti sfide (lingua, istituzione equa distribuzione delle risorse), che
altrove erano state diluite in tempi molto più lunghi. Anche per questo la
classe politica dell’epoca scelse una struttura statale caratterizzata da un
forte accentramento e non raro dell’esercito.
Ulteriori difficoltà furono dovute al contrasto che il nascente stato ebbe
con alcune autorità che per diversi anni mantennero una certa influenza
politica, come il Re di Napoli, l’Austria, la chiesa cattolica, e come se non
bastasse verso la fine del secolo, il clima sociale fu ancora più turbato
dalle prime organizzazioni ispirate al conflitto (anarchici e socialisti).
Regime fascista
L’ingresso in politica del movimento fascista caratterizzò un cambiamento
radicale per la fisionomia dello stato nel quale, per la prima volta, venne utilizzata
la minaccia dell’ uso della forza per ricevere il potere esecutivo da parte del Re.
Il processo che segnò il passaggio dal regime liberale al regime autoritario si
articolò sostanzialmente in tre passaggi
1) l’approvazione di una legge elettorale maggioritaria, la legge Acerbo
2) La costituzionalizzazione del gran consiglio del fascismo
3) L ‘istituzione, nel 1993, della camera dei fasci.
Regime Democratico
Il regime democratico inizia con l’istaurazione di una
prima repubblica; il funzionamento delle istituzioni fu
sempre fortemente voluto dal sistema politico.
Innanzitutto il governo doveva rispondere al
parlamento che attraverso mozioni a fiducia o
sfiducia poteva obbligare l’esecutivo alle dimissioni il
parlamento italiano fu composto da due camere; ma
vi erano rilevanti differenze di poteri tra camera e
senato
I tre enti fondamentali del
Regime Democratico
• Il Senato: è una delle due assemblee che costituiscono il parlamento
italiano, il nome che nel di moltissimi ordinamenti bicamerali è attribuito ad
una delle due camere e, precisamente, alla vecchia camera alta. Il nome
deriva da quello del senato Romano e nella storia, prima di giungere ad
indicare una delle camere del parlamento, è stato largamente usato per
designare collegi statali di vario tipo per lo più investiti di funzioni consultive
nei confronti del sovrano o degli organi di governo o, talora, di funzioni
giurisdizionali
• La camera di deputati: La Camera dei deputati è l’altra
delle due assemblee parlamentari che costituiscono il Parlamento italiano
essa ha il compito di emanare le leggi
• I poteri del Parlamento
I Poteri del regime democratico
• Potere Legislativo
• Potere Esecutivo
• Potere Giudiziario
Potere Legislativo
Il potere legislativo è uno dei tre poteri fondamentali attribuiti allo Stato, secondo il principio
classico di separazione dei poteri. Per potere dello Stato s'intende un organo o un complesso
di organi dello Stato indipendenti dagli altri poteri.
Negli stati contemporanei del potere legislativo è titolare:
Il Parlamento a livello nazionale;
I parlamenti degli stati federati, nelle federazioni;
Eventuali organi, analoghi al parlamento, di regioni e altri enti territoriali ai quali è
riconosciuta autonomia legislativa.
Detti organi producono le norme attraverso un atto che prende il nome di legge. Peraltro,
nella generalità degli ordinamenti non tutte le funzioni normative sono concentrate nel
potere legislativo mentre sono attribuite a quest'ultimo anche funzioni non normative
(amministrative, come nel caso delle "leggi-provvedimenti", o giurisdizionali). Quando, ci
troviamo di fronte ad atti aventi la sola forma della legge, si parla di leggi meramente
formali, poiché tali atti della legge hanno la forma (e la forza) ma non il tipico contenuto
normativo (esempio di legge meramente formale è, in molti ordinamenti, tra i quali quello
italiano, la legge di approvazione del bilancio dello Stato, oltre che la leggeprovvedimento).
Potere Esecutivo
Il potere esecutivo, generalmente posseduto da un'istituzione
denominata ”governo", è in prima istanza il potere di applicare le
leggi, distinto dal potere legislativo, che è il potere di fare le leggi,
mentre il potere giudiziario è il potere di giudicare, ed
eventualmente punire, chi non rispetta le leggi. Il potere esecutivo è
esercitato da organi che eseguono le prescrizioni delle leggi e
attuano in concreto le pubbliche finalità. La separazione tra i tre
poteri è volta a garantire l'imparzialità delle leggi e della loro
applicazione.
Potere Giudiziario
Il potere giudiziario è quel potere che in quanto organo costituzionale permette
in via definitiva e autonoma di risolvere una controversia di natura civile, penale
e amministrativa (secondo le diverse giurisdizioni) applicando la legge; nel
rispetto del contraddittorio delle parti, trasparenza del procedimento e
motivazione della decisione, da parte di un giudice terzo
Questo procedimento si svolge in diversi uffici a seconda il grado di giudizio,
dove il cittadino viene giudicato dai relativi giudici con la possibilità di impugnare
le eventuali sentenze.
The End
- Alberto Errico
- Luca Mattioni
- Luca Cimaschi
- Gianmarco Geraci
- Matteo Finotto
- Stefano Bellossi
- Alberto Desca
Grazie 

similar documents