xiv – xv sec. il papato nell`eta` degli scismi

Report
Il papato nell’età degli scismi
(XIV secolo – XV secolo)
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
1
I PAPI LASCIANO ROMA
Bonifacio VIII: ultimo papa a Roma
↓
La sede papale si traferisce ad
Avignone
Europa centro-occidentale
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
2
CATTIVITA’ AVIGNONESE
-Deriva dal latino «CAPTIVUS»=prigioniero
«AVIGNONESE»= di Avignone(città francese)
-Doveva essere solo un passaggio
momentaneo, durato invece ben 70
anni(1309-1377).
L’arresto di Bonifacio VIII ordinato da Filippo il bello
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
3
DOVE VIVEVANO I PAPI AD AVIGNONE?
I papi a partire da Clemente V vivevano nel «Palazzo dei papi».
L’edificio di carattere gotico è uno dei più importanti in tutta la Francia.
Divenne residenza papale nel 1309 e fu ampliato e modificato da tutti
i papi che li risiedevano.
Dopo il ritorno dei papi a Roma, divenne residenza delle forze
antipapali fino al 1408( anno della morte di Benedetto XIII).
Il palazzo dei papi
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
4
I PAPI DURANTE LA CATTIVITÀ AVIGNONESE
Papa Clemente V(1305-1314);
Papa Giovanni XXII(1316-1334);
Antipapa Niccolò V(1328-1330);
Papa Benedetto XII(1334-1342);
Papa Clemente VI(1342-1352);
Papa Innocenzo VI(1352-1362);
Beato Papa Urbano V( 1362-1370);
Papa Gregorio XI(1370-1378);
Antipapa Clemente V(1378-1394);
Antipapa Benedetto XIII(1394-?).
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
Incoronazione dell’antipapa Niccolò V
5
GIOVANNI XXII
• Nasce a Cahors nel 1249 e muore nel 1344 ad
Avignone
• Fu un papa anziano eletto all’età di 67 anni
• Il suo pontificato, per i “veri cristiani”, non fu uno
dei migliori, tanto da essere citato nella
COMMEDIA da DANTE ALIGHIERI:
«Ma tu che sol per cancellare scrivi, pensa che Pietro e
Paolo che morirono per la tua vigna che guasti ancor son
vivi…»
Paradiso canto XVIII, vv.130-133
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
6
BENEDETTO XII
-Nasce a Saverdun nel 1285 e muore nel
1342 ad Avignone.
-Non proseguì le politiche del suo
predecessore.
-Tentò nel 1335 di riportare la sede pontificia
a Roma ma si accontentò alla fine di rimanere
ad Avignone.
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
7
CLEMENTE VI
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
-
Nasce nel 1291 a Maumont e muore ad
Avignone nel 1352.
-
Durante la peste nera del 1348 diede esempio
di coraggio e lucidità rimanendo ad Avignone.
-
Indisse nel 1350 un giubileo ed emanò la bolla:
UNIGENITUS DEI FILIUS, con la quale dispose che i
giubilei venissero celebrati ogni 50 anni e non
ogni 100.
8
L’ASCESA AL POTERE DI COLA DI RIENZO
Con la sede
pontificia ad
Avignone,
Roma entra in
crisi
Si farà notare
da
FRANCESCO
PETRARCA
Nella seconda si
mette in risalto
un giovane:
COLA DI RIENZO
Scoppiano
due rivolte
popolari (1339
e 1343)
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
Viene
mandato
come
ambasciatore
ad Avignone
Tornato a
Roma si
impadronisce
del
Campidoglio
9
PERCHÈ PROPRIO COLA DI RIENZO?
Si schiera a favore dei populares per
ottenere l’appoggio del popolo
Ha come obbiettivo la rinascita di Roma
Vuole riportare la curia pontificia a
Roma e vuole far eleggere l’imperatore
in Italia
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
10
LA FINE DI COLA
Clemente VI, preoccupato dalla politica di Cola di Rienzo e per
liberarsi del rivale, lo accusa di eresia
(15 Dicembre 1347)
La ricchezza da lui ottenuta e le tasse imposte gli fanno perdere
l’appoggio del popolo romano
Cola è costretto a fuggire da Roma e si ripara presso l’imperatore Carlo IV,
che però lo consegnerà alla papa (1350)
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
11
INNOCENZO VI
-La sua politica fu la migliore di tutti i papi di Avignone.
- Tramite il suo legato, il cardinale Egidio Albornoz, cercò di riportare l’ordine
a Roma, dove nel 1355 Carlo IV venne incoronato con il suo permesso.
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
12
IL CARDINALE
ALBORNOZ
si creano
scontri in Italia
centrale per
liberarsi del
fardello di
Roma
Viene
inviato in
Italia il
cardinale
EGIDIO DE
ALBORNOZ
Si vuole
ricondurre al
controllo
papale le
grandi città
italiane
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
La
pacificazione
richiede il
ritorno del
pontefice a
Roma,
avvenuta nel
1377
Promulga le
Costituzioni
Egidiane:
I signori
obbediscono
all’autorità
temporale del
papa (13571816)
L’azione di
Albornoz ha
comunque
successo
È inviato
insieme a lui
Cola di Rienzo,
Pedina del
papa, verrà
ucciso per aver
fatto passare
delle imposte
13
GREGORIO XI
-
Nasce a Rosiers nel 1330 e muore a
Roma nel marzo del 1378.
-
Fu sostenitore dell’idea che il papa
dovesse risiedere a Roma: questa
convinzione venne stimolata dalle
parole di Caterina da Siena, alla quale
si deve il ritorno della sede pontificia a
Roma nel 1377.
-
Fu l’ultimo papa Avignonese perché
riportò la sede pontificia a Roma.
Gregorio XI a colloquio con Caterina da Siena
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
14
LO SCISMA
D’OCCIDENTE
La Chiesa si scinde in due "obbedienze"
che lotteranno per quarant'anni l'una
contro l'altra. (1378-1417).
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
15
CAUSE DELLO SCISMA
Il popolo fa
pressioni per
eleggere un
nuovo papa
gradito
«Romano lo
volemo, o
almanco
italiano»
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
Morte di
Gregorio XI
COESISTENZA
DI DUE PAPI IN
DUE SEDI
PAPALI DIVERSE
Viene eletto
un papa
italiano:
URBANO VI
Viene eletto
un antipapa:
CLEMENTE
VII
I cardinali
francesi
vogliono
riportare la
sede papale ad
AVIGNONE
I cardinali
francesi si
rifugiano
nella città di
Fondi
16
La cartina
mostra la
situazione
religiosa in
Europa durante
lo SCISMA
D’OCCIDENTE
(1378-1417)
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
17
URBANO VI
Nasce a Itri(allora nel regno di Napoli, oggi in
provincia di Latina) nel 1318, muore a Roma nel
1389.
Si fece nemici molti cardinali per la sua politica
forte
Fu accusato da Clemente VII di essere stato
eletto illegalmente per le forte pressioni dei
cardinali italiani durante il conclave
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
18
ANTIPAPA CLEMENTE VII
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
-
Roberto di Ginevra nasce a Annecy nel
1342 e muore ad Avignone nel 1394.
-
Tentò di togliere ad Urbano VI la sede
romana mentre lui risiedeva ad Avignone
-
Alla morte di Urbano VI nel 1389, tentò di
essere riconosciuto come unico papa, ma
Roma elesse papa Bonifacio IX, senza
tentare nessuna ricomposizione dello
scisma.
19
Riappacificazione
della chiesa
Cattolica
Gregorio XII
decide di
non
abdicare
ROMA
Alessandro
V
PISA
Benedetto
XIII
decide di
non
abdicare
AVIGNONE
ma
CONCILIO DI PISA
(1409)
ma
Elezione di un
unico papa
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
20
FINE DELLO SCISMA
Con il CONCILIO DI COSTANZA viene
risanato il trono pontificio
Viene eletto un papa unitario che accontentava
tutti i cardinali e anche il popolo:
MARTINO V
Il Concilio di Costanza tenutosi dal 1414 al 1417
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
21
Schema dei papi che si susseguono durante lo scisma d’occidente.
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
22
L’Italia
centrale
nel XIV
secolo era
divisa tra
terre del
papa e
terre dei
baroni
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
23
NASCITA DEL NEPOTISMO
Ha avvio una fase di recupero delle terre dello Stato della
Chiesa
Uso delle armi o del NEPOTISMO
Il primo servirsene fu MARTINO V nel 1426 nominando cardinale suo
nipote Prospero Colonna
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
24
La corruzione della
Chiesa e la simonia
faranno nascere
dei movimenti
eretici
LE DOTTRINE DI PRAZSKY
E HUS
In Boemia Jeronym
Prezsky e Jan Hus
riprendono la sua
dottrina
Nel 1380 in
Inghilterra nasce
la dottrina di
John Wycliff
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
Si recano al
Concilio di
Costanza per
convincere i
cardinale
della loro tesi
Vengono
considerati
eretici
Verranno
invece arsi al
rogo
25
FINE
PRESENTAZIONE
Alfonso Pellino, Giorgio Salerno e Angelo Nardone
26

similar documents